Si ringrazia il professor Luigi De Marchi per la gentile autorizzazione all uso di diverse citazioni dal suo Sesso e civiltà (Bari, Laterza, 1959).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si ringrazia il professor Luigi De Marchi per la gentile autorizzazione all uso di diverse citazioni dal suo Sesso e civiltà (Bari, Laterza, 1959)."

Transcript

1 Narrativa Aracne 39

2 Si ringrazia la casa editrice Garzanti per l autorizzazione a pubblicare il breve brano tratto da I giorni in fuga, di Geno Pampaloni (Milano, Garzanti, 1994), citato a pagina 64 del presente volume. Si ringrazia il professor Luigi De Marchi per la gentile autorizzazione all uso di diverse citazioni dal suo Sesso e civiltà (Bari, Laterza, 1959).

3 Glauco Romeo Redacinta g Memorie di un giovane scapestrato

4 Copyright MMVI Glauco Romeo Fremont, California * * * Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Autore o dell Editore. I edizione: novembre 2006

5 E non potrebbe darsi, continuò Austerlitz, che noi si abbia pure appuntamenti da rispettare nel passato, in ciò che è avvenuto prima ed è in maggior parte estinto; e là ci si debba recare in cerca di posti e persone che hanno qualche nesso con noi all estremo lato del tempo, per così dire? W.G. Sebald, Austerlitz Tutti i loro atti sono nei Nostri libri; ogni azione, piccola o grande, vi è scritta Corano, Sura della Luna (Al Qamar, 54, 53)

6

7 INDICE Premessa...XI Ringraziamenti...XII PREAMBOLO...1 MESSINA...5 Nasce il feto L asse del cesso preriscaldata Storie del Muricello Il terremoto Marchesi, sì o no? Alla spiaggia - La lettera divina Escursioni sopra e sott acqua I fatti della vita - La Vara VERSO IL NORD...23 Infanzia a Roma Colonie marine e montane Uva e letame - A Como Fascisti e partigiani Un estate a Bellagio Pioggia di caramelle La casa di Rivoli BELLAGIO Pipe fatte in casa e attacchi di diarrea I fantasmi del cimitero - Piaceri e crudeltà Mark Twain a Bellagio Lo zio Pasquale Il nuovo pisciatoio Soprannomi Il tuffo dal battipalo Il maestro Bobby O Silber Rizzino in barca Marilù, contessa DeViel INTERLUDIO IN ALTO ADIGE A Bressanone Boschi, sentieri e laghetti I frati tedeschi Al liceo-ginnasio Dante Alighieri Madonne pellegrine - Partenza per il sud Un infortunio di viaggio APPRODO A BOLZANO...61 Sfollati e alluvionati Il Liceo Carducci Classi miste o monosex Gite scolastiche Primo giorno di scuola Preside, professori e studenti Memorie di un maestro Regie benedizioni Conflitti matematici Al cesso il miscredente! Zia Flora e zia Hilde Cronache medioevali Franchir la frontière Vassalli e valvassori Sciare a buon mercato Il foglio di via 7

8 ANCORA A BOLZANO...75 Danze in montagna L avvinazzato in Lambretta Vita dai Mumelter e in Via Cesare Battisti Fascisti o comunisti? Braghella & Testina Di fronte al Navarro Caste sociali La terza liceo DA BOLZANO A PADOVA...83 Il collegio universitario Don Mazza La Casa dello Studente Arnaldo Fusinato L arte della coprofilia Al calduccio dei postriboli L Istituto Chimico di Via Loredan Sandonnini e Croatto La Casa dello Studente Ippolito Nievo Il custode Dario Il gioco del bagolotto Lino, Linetto... Il bombarolo Amici vari La Latteria Pajaro La Carlona Ernesto e Pasquale Zio Getulio e Saturnino Le avventure di Giorgio Amoretti Padua, ich muss dich lassen... JAZZ E AUTOSTOP Jazz, passione giovanile Il concerto di Coltrane e Miles Davis Pernottamento e colazione in Casa Jucker Con Luca e Carlo verso la Svezia Sesso e Civiltà Il Giardino del Re Gazzelle e leopardi Ritorno a casa TRANSFUGA A FERRARA La fuga da Padova Nebbia e galline Schifanoia Il cuculo ozioso Crisi letteraria Angeli custodi Un bel casino Il lamento del marmittone Naja tripudians Neve, whisky e 7Up Di guardia ai patrii confini Ritorno a Ferrara Amore e termodinamica AMARCORD DI FERRARA Veronica e Liliana Ninuzzo e Nunziante Pendenza Librai ambulanti e sognatori STORIE FERRARESI (CON LICENZA DI BASSANI) Veliki Yuri! È Lombardi il vero buon brodo La tragica fine della povera Ortensia Il Macrocefalo e l Agricola Piume, baciatemi! Rognoni arrosto Il Metodo Carezza Hai guardato la signorina! Passa il Santissimo L azzurra visïon Il fedele maharatto LA TRADUZIONE E ALTRE STORIE Il mal de l asen Boca de Puta La morte del Direttore L Incantevole Schifanoia Il Montagnone Aurora principessa 8

9 NUOVE METE Il miraggio della cattedra Le damigiane di acqua distillata Vita di commissionato Panni da risciacquare in Tamigi La tapa del delco Il fatale coup-de-foudre VITA IN INGHILTERRA Prigioni e biscotti Un appartamento su tre piani I cigni della regina Bianchi e neri Hippies e figli dei fiori Incontro con Yoko Dimostrazioni a Trafalgar Square Il Greek Pig Meneghello e Strickland Il Dipartimento di Chimica Le mele dei porci Il prof. Pruitt Ricerche e frustrazioni Le palline d argento PASSAGGIO A NORD-OVEST Rose sotto la luna Traversata atlantica Al Vice-consolato di Hamilton Parolacce internazionali I megapolli Elefanti alla monta Puntando a sud Spaghetti e polpette Premi Nobel Gerarchie e gabinetti di decenza ESOTICA L Anaconda Rio de Janeiro Mulatte, tagliaborse e macumba La schiava Anastasia Padre Geronimo Il santero Jorge Bahia Monsieur Haiti Il munifico Monsieur Avakian Nel mare de La Sirène I riti del vudù Ritorno nel Paese di Bengodi EPILOGO Illustrazioni La Vara...19 Mata...20 Grifone...21 La Vasca...65 Il Giardino delle Rose...81 Prato della Valle...87 Il Modern Jazz Quartet Schifanoia La Schiava Anastasia Iemanjá Vévé per Ezilì

10 A Emmegì, senza la cui affettuosa presenza la vita non sarebbe stata così facile. 10

11 PREMESSA Spesso fisionomie di persone diverse possono apparire tanto simili da parlarne come di sosia. Nel caso di Elvis Presley, per esempio, a Las Vegas i suoi sosia hanno creato una vera industria dell imitazione, al punto da far credere che cloni umani siano già stati creati da qualche scienziato ribelle. Così i personaggi di un racconto possono richiamare alla mente persone esistenti o esistite. Se il lettore di queste memorie dovesse ravvisare nella narrazione persone di sua conoscenza, tenga presente che i caratteri di uomini e donne, come le fisionomie, possono sembrare quasi identici, ma non per questo corrispondono necessariamente a persone reali. Con l eccezione di personaggi storici, protagonisti ed eventi di queste memorie sono in gran parte frutto della fantasia di Guelfo Torrazzi, indimenticabile amico. Il lettore deve rendersi conto del fatto che questo è un romanzo a fumetti privo per ora di vignette con le nuvolette parlanti. In attesa dei fumetti reali, provveda il lettore a creare con la sua immaginazione i fumetti virtuali. XI

12 RINGRAZIAMENTI Devo anzitutto dar credito agli scritti di Piero Chiara, Luciano De Crescenzo e Kurt Vonnegut per aver ispirato la stesura di queste memorie, con un umile inchino a Boccaccio e all Aretino. Alcuni vecchi amici di Guelfo Torrazzi mi son stati prodighi di suggerimenti e aneddoti: da un lato dell Atlantico Mario Bolognani, Ian Delderfield, Lia Fedeli (indimenticabile bellagina), Ettore Frangipane, Giampaolo Guasti, Giorgio Jellici, Mariano Mazzoni, il comandante Vittorio Marsiglio, pilota dell Alitalia, e il prof. Fernando Secco dell Università di Pisa; dall altro lato dell Atlantico il prof. James D. Livingston del Massachusetts Institute of Technology e il dr. Marcus P. Borom, scienziato, subacqueo e aviatore. Ringrazio pure l avvocato Gaia Carofiglio e la prof. Gabriella Salinetti dell Università di Roma-La Sapienza per una attenta ed efficace revisione del testo. Emmegì, da sempre mia compagna e consigliera, ha sfoltito la prima stesura del manoscritto e creato non solo grafica e illustrazioni, ma anche un atmosfera di serenità ideale per chiunque, sia grande scrittore che oscuro scrivano come me, dia mano alla penna o alla tastiera del computer. Glauco Romeo XII

13 PREAMBOLO Sul finire degli anni Ottanta la società per cui lavoravo mi aveva inviato come consulente presso una centrale nucleare di nuova costruzione ai bordi del lago Ontario, al nord dello stato di New York. Il mio compito era quello di organizzare i laboratori di analisi chimica e radiologica e di stilare procedure ad uso dei tecnici. La cittadina di Oswego ospitava tre reattori che fornivano energia elettrica a una vasta porzione dello stato e lavoro a un buon numero di abitanti. A Oswego incontrai un italiano, un chimico che lavorava in una delle altre centrali. Diventammo subito amici, sia per reciproca congenialità che per la lontananza dalle nostre famiglie impostaci dall incarico ricevuto. Finimmo per affittare insieme un villino ai bordi della città, con vista su un fiume che la tagliava a mezzo prima di fluire nel lago. Guelfo Torrazzi era un uomo di una cinquantina d anni, alto e di taglia atletica, di carnagione scura, capelli neri brizzolati alle tempie, e occhi grigio-azzurri. Mi diceva: Sono un misto di arabi e di normanni, come se ne trova in Sicilia. Era nato infatti nell isola, da un siciliano e da una milanese. Sono per tre quarti siciliano con qualche goccia di sangue austriaco, mi diceva, alludendo a un lontano ascendente germanico, la cui presenza nella sua famiglia risaliva ai tempi dell occupazione austro-ungarica della Lombardia durante il Risorgimento. Mio padre, mi diceva Guelfo, era un siciliano biondo e con gli occhi chiari. Sua madre era invece di pelle scura come un araba, figlia di un siciliano discendente dai mori e di una lombarda. Guelfo mi aveva mostrato una fotografia della madre, fatta in gioventù durante una gita al Marocco. Drappeggiata nel costume locale, sua madre era indistinguibile dalle donne arabe. 1

14 Le estati di Oswego erano luminose. Il lago abbagliante sotto il sole e l aria pulita, senza traccia di inquinamento per l assenza di industrie, ci invogliavano a lunghe passeggiate in cui Guelfo mi raccontava le peripezie della sua vita movimentata. Erano storie picaresche, forse in parte inventate, che Guelfo infarciva di citazioni letterarie e poetiche. Leggeva di tutto, Guelfo: dai fumetti alle vite dei santi. E da questa sua cultura eclettica e arruffata estraeva frasi ed esclamazioni che io trovavo buffe e al tempo stesso m intimidivano io di quello di cui Guelfo parlava sapevo poco. Ad esempio: «Hé Dieu! si j eusse étudié au temps de ma jeunesse folle!». Io lo guardavo senza capire e lui mi spiegava Villon, François Villon. Criminale e gran poeta del tardo medio evo. Oppure mi chiedeva Sai tu che effetti fa amore?, e continuava quelli del tartufo, che ai giovani fa rizzar la ventura e ai vecchi tirar coregge. La sera le nostre conversazioni continuavano nelle trattorie locali dove spesso andavamo insieme a cenare. Io trovavo questi suoi discorsi affascinanti, avendo vissuto da adolescente in modo ben poco avventuroso in un piccolo paese della Venezia Giulia. Guelfo aveva l estro del narratore e condiva i suoi racconti di un tono sardonico e auto-deprecatorio che spesso mi faceva ridere. Mai prendersi troppo sul serio, mi ammoniva. Per la sua propensità a dissacrare miti e tabù io, di scarsa immaginazione, l avevo soprannominato Guelfo l Iconoclasta. Fin da giovane avevo preso l abitudine di registrare in un mio diario le impressioni della giornata, e molte delle storie di Guelfo trovavano posto nelle sue pagine. Fatta eccezione per le periodiche visite alle nostre famiglie, lontane molte centinaia di chilometri, Guelfo ed io vivemmo insieme per più di due anni prima di doverci separare per perseguire nuovi incarichi. Restammo però in contatto per molti anni, per telefono e scrivendoci lettere, le sue piene di cronache e commenti riportati sempre tra il serio e il faceto, mai lamentando le asperità che ognuno incontra nel corso dell esistenza. Fui colpito e addolorato nel ricevere una telefonata di sua moglie: Guelfo era scomparso, vittima di un incidente di aereo. Ritiratosi dalla sua attività di consulente, non si era rassegnato alla placida vita del pensionato, ma sempre in cerca di avventure e di nuovi interessi, si era aggregato a un gruppo internazionale di 2

15 entomologi che si occupava di ricerche su insetti esotici. Durante un viaggio di studi sulle falene della Papua Nuova Guinea, un piccolo aeroplano che lo portava verso Port Moresby dopo aver segnalato per radio un avaria al motore era precipitato nel fitto della giungla, in una zona scarsamente esplorata che pare sia ancora abitata da cannibali. Intense ricerche erano state fatte per rintracciare l aereo e i suoi occupanti, con la collaborazione dell aviazione militare australiana; ma nessuna traccia fu rinvenuta, e dopo alcuni anni dalla loro scomparsa Guelfo e i suoi compagni di sventura furono dichiarati deceduti dal punto di vista legale. Anni dopo, rileggendo i miei diari e la nostra corrispondenza, decisi di mettere ordine nei ricordi di Guelfo. Lui mi diceva: La storia non è fatta solo di battaglie vinte o perse da questo o quel generale, ma è la risultante di miriadi di storie di gente comune come me. In omaggio a questa sua convinzione e alla sua memoria, pensai di aggiungere come minuscolo contributo alla storia dell umanità le storie di Guelfo, con il titolo REDACINTA, un termine coniato da Torrazzi di sua derivazione dal dialetto siciliano. Redacinta significa oltre la cinta delle mura, un titolo emblematico della natura di Guelfo, che avrebbe voluto vivere al di là delle muraglie di convenzioni sociali. E poiché il mio amico a volte sospirava Ah, che scapestrato ero da giovane, decisi di dare alle sue memorie il sottotitolo Memorie di un giovane scapestrato. Nel far parlare Guelfo di persona mi è sembrato di sentirlo di nuovo vicino. Spero che il suo spirito allegro come il personaggio di Noel Coward, nel leggere le sue parole ne sorrida. G. R. 1 aprile

16 4

17 Deh, come è gran pietate de le donne di Messina, veggendole scarmigliate caricar pietre e calcina (Anon., secolo XIII) MESSINA Nasce il feto L asse del cesso preriscaldata Storie del Muricello Il terremoto Marchesi, sì o no? Alla spiaggia La lettera divina Escursioni sopra e sott acqua I fatti della vita La Vara E vediamo questo feto! Con queste parole il prozio Nannino, in visita di prammatica alla famiglia del neonato, annunciò il suo ingresso. Il feto ero io, nato solo da poche ore, e quindi solo di recente non meritevole della qualifica. Bettina, la mia nonna paterna, prontamente rimbeccò: E intanto noi di questi feti ne abbiamo già due!, ricordando a Nannino con orgoglio l esistenza di una mia cugina, un altra nipote nata l anno precedente dalla figlia Camilla, Milla, come era chiamata in famiglia. Raccontano che al momento della mia nascita la levatrice emise un gridolino strozzato: Oddiomio!.... Mia madre era convinta di aver messo al mondo un mostro, e solo dopo alcune ore le fu consentito di ispezionarmi e accertare che se da mostruosità ero afflitto, lo ero solo nella fantasia della levatrice che si era spaventata nel vedere il cordone ombelicale arrotolato intorno alla mia testa mentre sbucavo dal quieto ambiente dell utero materno. Il prozio, capitano di lungo corso a riposo, con un viso austero cinto da una barba bianca e sulle spalle una 5

18 mezza redingote (così appare nelle vecchie foto di famiglia), era seguito dalla moglie, una donnetta minuscola vestita di nero, in lutto permanente come si addiceva ad un anziana siciliana, e dalla figlia, una donna alta e di taglia massiccia. Anche la figlia di Nannino si chiamava Camilla, ma per distinguerla da Milla, veniva detta la Millona. Era afflitta da una disfunzione ormonale, la Millona, che le aveva fatto raggiungere limiti inverosimili di pinguedine, e benché in possesso di un marito, le aveva impedito di produrre prole per la soddisfazione della famiglia. Quindi la freccia di mia nonna aveva colto il prozio nel suo tallone d Achille. A causa della disfunzione di cui soffriva, la Millona era anche pigrissima. Non faceva mai niente, ma amava le comodità al punto che prima di andare al gabinetto obbligava la cameriera a sedersi sull asse per riscaldargliela. Venni quindi al mondo circondato da questo bizzarro corteggio di parenti. L appartamento di mia nonna, in cui grazie alle cure di una levatrice ero venuto alla luce, stava in un grande caseggiato del Muricello, un rumoroso quartiere della zona nord di Messina con strade fitte di negozi e di bancarelle da cui si poteva comprare sia pesce che fichi d India, entrambi i generi conservati su ghiaccio; i fichi d India sbucciati dal venditore venivano squartati e serviti al cliente per essere consumati sul posto o portati a casa su un piatto. Una delicatezza siciliana. L origine del nome Muricello si perde nel passato, ma forse il muretto poteva essere un parapetto del torrente Trapani che di lì passava, e ci passa ancora, ma sottoterra. L appartamento della nonna stava al quinto piano, l ultimo di un grande caseggiato sopravvissuto al terremoto del 1908 e in seguito rinforzato in accordo alle procedure antisismiche. Dai balconi si calavano panieri fino alla strada, con soldi e bicchieri vuoti che venivano riempiti dai venditori di granite al limone, che dalla strada urlavano la loro presenza. Dal lato opposto del cortile del caseggiato c era l appartamento di zia Milla. Con la scusa di ospitare la mia partoriente madre mia nonna aveva convinto il marito ad affittare casa dove avrebbe potuto 6

19 vivere a pochissima distanza dalla figlia. Nonna Bettina era una donna alta, bionda, imponente, con una grinta che intimidiva. Era la figlia di una donna del nord e di un siciliano. Giovanissima, aveva sposato il nonno, un uomo di temperamento mite, di molti anni piu anziano di lei, direttore delle dogane locali. Un onesto funzionario statale con cui aveva messo al mondo quattro figli, tre maschi e una femmina. Lei aveva approfittato del carattere accomodante del marito per fare il bello e il cattivo tempo in famiglia, con risultati a volte disastrosi. Una vittima dei pregiudizi di mia nonna e delle balorde idee della società del tempo fu la figlia Milla. La zia Milla fin da giovanissima era una pianista di non comune talento. Frequentando sia il conservatorio che le scuole medie, a sedici anni aveva conseguito il diploma di pianoforte al Conservatorio di Palermo e iniziato una carriera di concertista di cui i critici musicali tessevano le lodi, ma che aveva esacerbato la pazienza dei vicini di casa, costretti a sorbirsi interminabili ore di pratica sui concerti di Liszt e di Rachmaninoff. Nel frattempo la cugina Millona si era fidanzata, e questo era un rospo che mia nonna aveva inghiottito a fatica. Per le donne del tempo il principale obiettivo era assicurarsi un marito. Una corsa verso una meta dove era importante arrivare per prime. Durante l estate, in spiaggia mia nonna e Milla avevano conosciuto un giovane uomo, Michele. Di bell aspetto, elegante, benestante, di una diecina d anni più anziano di Milla. Possedeva una barca a motore e aveva invitato madre e figlia a gite in mare. Le carte erano tutte in regola, eccetto una. Il giovane era un orefice, un artigiano, insomma. A causa di rovesci familiari aveva dovuto interrompere gli studi dopo le elementari e imparare un mestiere. Nell Italia inguaribilmente umbertina come la famiglia De Tappetti e stratificata in classi anzi caste sociali, la mancanza di un titolo di studio avrebbe precluso l ingresso nelle famiglie di professionisti se non a prezzo di conflitti familiari. Tuttavia Michele, dotato di buona volontà, di notevole acume finanziario e di un particolare aspetto del carattere, sulla base di prestiti sulla parola, ripagati al più 7

20 presto, aveva aperto un negozio di grande successo nel centro di Messina e accumulato una fortuna. Ciò aveva abbagliato mia nonna, che ad onta delle obiezioni del resto della famiglia spinse la figlia a sposare l intraprendente giovane. Maggiormente contrario al matrimonio della sorella era il fratello maggiore di Milla, mio padre, che essendo andato all università non trangugiava l idea di un cognato non altrettanto istruito. La carriera di concertista finì alle ortiche, perché il marito, avendo dichiarato Io non accetto il ruolo di principe consorte, relegò Milla tra le pareti domestiche facendole fare cinque figli. Lavoratore indefesso, buon marito e buon padre dal punto di vista dei canoni sociali, Michele purtroppo aveva un lato del carattere micidiale: era di un avarizia allucinante. Elegantemente abbigliato, ogni giorno andava nel suo negozio sul Viale San Martino in sella a una scassatissima Lambretta. Il talento della moglie non gli interessava se non per pretendere che Milla desse lezioni ai ragazzini e coi soldi guadagnati provvedesse alle necessità della famiglia. Lui i soldi guadagnati con la gioielleria li metteva in banca, e alla nascita di ogni figlio correva a depositare una grossa somma a nome del neonato. Ma in casa i figli facevano la fame e se andavano in visita dai parenti si buttavano sui vassoi di frutta e di dolci, ingozzandosi come se non ci fosse un domani. La situazione aveva raggiunto estremi tali che in occasione di un Natale un fratello di Milla convinse malignamente i ragazzi a scrivere una lettera a Gesù Bambino chiedendo come strenna una nuova asse per la tazza del gabinetto. Una richiesta commovente che convinse Michele ad allentare i cordoni della borsa. Povera Milla La ricordo con indosso una vestaglietta sdruscita, intenta a insegnare a qualche ragazzina i rudimenti della tastiera, con i figli vocianti nelle stanze del modesto appartamento in cui vivevano. Una volta mi confidò: Ho cinque figli, ma l unico che capisca qualcosa di musica è mio nipote Guelfo. g 8

21 Avevo tre anni quando la mia famiglia si trasferì a Roma. Naturalmente di quei primi anni di vita a Messina non ricordo niente, se non le storie udite in casa. I ricordi di famiglia arrivano sino all anno del catastrofico terremoto del 1908 che ridusse Messina a un cumulo di macerie e provocò circa morti nelle zone di Messina e di Reggio Calabria. Un terremoto che creò molti più lutti e distruzione di quello di San Francisco che lo aveva preceduto di un paio d anni. Che Messina avesse una storia di antichi disastri lo mostrano i versi di Anonimo che precedono questo capitolo. Mio padre, nato da pochi mesi, sopravvisse al terremoto insieme ai genitori. Ma la famiglia di suo padre fu quasi completamente decimata. Il mio bisnonno si sarebbe salvato, ma raccolto dai marinai di una nave russa alla fonda nel porto, completamente inebetito e incapace di spiccicar parola, fu buttato a mare dai russi insieme ai morti e ai feriti gravi dati per persi. Una cruda selezione dettata dalla scarsità dei viveri a disposizione della nave che sarebbero stati sciupati per un vegliardo incoerente. Il terremoto avvenne nel pieno della notte. La gente scappava nelle strade seminuda, strappata dal letto dalle scosse che si ripetevano, a volte aprendo baratri in cui alcuni sfortunati cadevano. Era la fine di dicembre, anche in Sicilia faceva freddo. Mio nonno, il cav. Egidio Torrazzi, era uscito per cercare i suoi familiari indossando giacca e cappotto, ma tornò a casa in camicia e mutande per aver dato i suoi panni a chi non aveva indosso indumenti. Gli orrori visti da Egidio nelle strade lo fecero incanutire prematuramente. La famiglia Torrazzi era numerosa, ma il terremoto ne uccise sedici membri: genitori, fratelli, cognati, e nipoti. Si salvò solo un fratello di mio nonno, quel Nannino che avrebbe salutato la mia nascita appioppandomi la qualifica di feto. Vantavano ascendenze aristocratiche, i Torrazzi. In famiglia si parlava di un marchesato delle Torrazze, di cui io sarei stato l ultimo rampollo. Un mio zio, fratello minore di mio padre, lo stesso che aveva suggerito come strenna una nuova asse per il gabinetto, si era fatto stampare serissimo - biglietti da visita col titolo Marchese delle 9

22 Torrazze e uno stemma di sua invenzione: uno scudo con tre torri rosse in campo azzurro tripartito, sormontato da corona marchionale con fioroni d oro alternati a gruppi di perle. A rigore di Consulta Araldica, essendo un cadetto lo zio avrebbe dovuto dichiararsi dei marchesi delle Torrazze, non usurpando il legittimo titolo di marchese che sarebbe spettato a me come primogenito del casato. Ma essendo io di tendenze proletarie, della patente di nobiltà avrei fatto miglior uso se stampata su carta igienica. Adolescente, tornai a Messina in una estate dell immediato dopoguerra, ospite della nonna. Un estate di sole e di mare, ubriacante come sono le estati siciliane. Le notti erano caldissime, soffocanti. Spesso dormivo sul pavimento di coccio perché i nodosi materassi di lana erano insopportabili. A volte soffiava lo scirocco, portando con sé dal Sahara veli di sabbia finissima. Sui tetti, a terrazza come nelle costruzioni nordafricane, passavo ore arrostendomi al sole, leggendo e fantasticando. Si andava in spiaggia al mattino, quando il sole era ancora amico, non un leone ruggente. Lasciavamo nel capanno in affitto i vestiti e qualcosa da mangiare prima di tornare a casa nel primo pomeriggio, scacciati dalla calura. Gli altoparlanti installati dalla gestione dello stabilimento balneare ci elargivano le canzonette del dopoguerra, in 10

23 gran parte un lascito delle truppe americane: Angiolina, Io t ho incontrata a Napoli bella dagli occhioni blu, Ehi babariba, la versione italianizzata di bo-bo-rebop ; e i bughibughi del jazz, la musica barbara del nemico bandita dai fascisti ma ascoltata e praticata in segreto dai figli di Mussolini. Le giornate passate in spiaggia erano piene di scoperte. Davanti ai Bagni Vittoria era arenato un enorme piroscafo, il Principe di Piemonte. A pochi metri dalla spiaggia, inclinato su un fianco nella sabbia, era in parte immerso nell acqua. Non so come la nave fosse finita a così breve distanza dalla riva. Forse era stata affondata dai tedeschi in previsione dell invasione alleata. Noi ragazzi vi andavamo a nuoto e ci calavamo dentro ai suoi anfratti arrugginiti, affascinati dalla fauna che vi aveva trovato alloggio: pesciolini multicolori sguazzanti tra alghe oscillanti nella marea, incrostazioni di conchiglie. L acqua, lambendo il metallo, risuonava di ritmi remoti. Lo zio Sam ci aveva iniziati alla gomma da masticare, il chewing-gum da noi ribattezzato la ciunga ; ci aveva fatto scoprire le prime penne biro, che per lungo tempo avrebbero fatto colare inchiostro indelebile nei nostri taschini. Ma soprattutto ci aveva inondato di Coca Cola, simbolo dell America più popolare della bandiera a stelle e strisce, elisir che avrebbe soppiantato le nostre orzate e limonate paesane. Al cinema il regime fascista ci aveva consentito di vedere solo Biancaneve e i Sette Nani e altri cartoni animati di Walt Disney. Per il resto, il nemico doveva essere tenuto a bada dal Minculpop impedendo che subdola propaganda ci contaminasse colando dagli schermi cinematografici. A guerra finita, la gente aveva voglia di dimenticare quel periodo funesto e di divertirsi. La produzione di Hollywood era finalmente approdata alle soglie di casa nostra. Film come Il Sergente York ci mostravano le virtù del pio americano, impersonato da Gary Cooper, che durante la Grande Guerra per amor patrio si era trasformato da pacifista in guerriero, mettendo a buon uso la sua abilità di cecchino - cui si era allenato sparando ai tacchini selvatici nei boschi del Tennessee - e 11

24 producendo da solo una mini-ecatombe di tedeschi. Altri film erano meno eroici ma più divertenti. In Serenata a Vallechiara, Sonja Henie sgambettava allegramente sul ghiaccio, mentre il trenino di Ciattanuga faceva ciù-ciù con l orchestra di Glenn Miller. g Alla fine di quella estate dovetti tornare nelle nebbie del nord. Ma due anni dopo fui di nuovo rispedito a Messina, questa volta per un intero anno scolastico. Avevo quindici anni, e cominciavo a capire qualcosa del mondo intorno a me. Ai miei occhi Messina era una splendida città. A volte andavo a camminare sul lungomare, dalla zona della Fiera Campionaria fino al porto, per il piacere di osservare le onde che scintillavano sotto al sole prima d infrangersi sugli scogli. La statua della Madonna della Lettera, patrona della città, stava appollaiata in cima a una colonna, all estremità del molo che cingeva una vasta distesa d acqua protetta dai marosi. La leggenda narra che nei primi anni dell era cristiana una delegazione di messinesi si recò a Gerusalemme per rendere visita alla Madonna e impetrarne la protezione. La Vergine, commossa dalla devozione dei messinesi, si impegnò per scritto a garantire il suo soccorso in casi di necessità, e a tal fine consegnò ai postulanti una pergamena arrotolata e legata con alcuni dei suoi capelli. Da allora sembra che Messina abbia ricevuto aiuti miracolosi nei momenti di crisi, come carestie, pestilenze, o guerre. Tutto merito della Madonna della Lettera, la cui venerazione è più che giustificata. Il nome Letterio è tipico messinese. Io stesso lo porto: Guelfo Maria Letterio. Dalla piazza del Muricello si snodava ViaPalermo, una lunga strada che saliva verso i monti Peloritani. Lungo la strada le edicole dei giornali esibivano in quegli anni le prime pagine dei rotocalchi con le storie romanzate del bandito Giuliano, considerato da molti una specie di Robin Hood, ma alla fine fatto fuori dal cugino Gaspare Pisciotta, probabilmente in combutta con le autorità. Erano i tempi in 12

25 cui Finocchiaro Aprile, un politico siciliano, aveva proposto al governo degli Stati Uniti la secessione della Sicilia dall Italia e l annessione come stato americano distaccato nel Mediterraneo. Al Dipartimento di Stato americano la Sicilia era ben nota, da quando Lucky Luciano, il pezzoda-novanta di Cosa Nostra negli Stati Uniti, aveva favorito nel 43 lo sbarco delle truppe del generale Patton in Sicilia tramite i suoi agganci con la mafia locale. La Sicilia come parte degli Stati Uniti sarebbe stata una enorme portaerei, ma grazieadio non se ne fece nulla. All idea le ossa di Garibaldi e dei Mille si sarebbero rivoltate nella tomba. Alla Villa Mazzini, il parco sulla via Garibaldi non distante da casa mia, andavo a sedermi con i bambini davanti al teatrino dei pupi, il teatro di marionette in cui venivano evocate per la delizia del pubblico infantile le gesta dei paladini di Francia in lotta con i mori. I guerrieri paludati in armature variopinte ed elmi di latta si davano botte da orbi, salutate da urla di soddisfazione dei ragazzini ogni volta che una piattonata raggiungeva il segno e un saraceno spariva sotto la tenda. Grande emozione procurava la morte di Orlando a Roncisvalle, tradito dal perfido Gano di Maganza. Come vuole la leggenda, prima di morire Orlando soffiava nel corno Olifante impugnando Durlindana, la fida spada. Le storie dei paladini sono ancora dipinte sui bordi dei tradizionali carretti siciliani, ormai solo un attrazione per i turisti. Talvolta noi ragazzi, tutti maschi, organizzavamo gite che culminavano in picnic nei boschi di conifere dei Peloritani, freschi e profumati. Salivamo per sentieri rocciosi fiancheggiati da enormi piante di fichidindia e agavi fiorite di zammare e circondate da sciami di insetti ronzanti. Alla vista delle zammare, enormi steli ritti verso il cielo, i ragazzi cominciavano a cantare versi ribaldi sull aria di Ciuri, ciuri, ciuri di tuttu l annu - l amuri ca mi dasti ti lu tornu : Tina, Tina, jarrusa e zumpettara apri li cosci e pigghia sta zammara. 13

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Morlacchi Editore Varia

Morlacchi Editore Varia Morlacchi Editore Varia Filippo Vincenzo Maiolo Racconti di una estate Morlacchi Editore Le foto di copertina e quelle di presentazione dei racconti sono opera dell autore. Una doverosa precisazione: i

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2008. Certificazione riconosciuta dall ICC

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2008. Certificazione riconosciuta dall ICC Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2008 Scrivi il tuo nome e cognome

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi

Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Il Villaggio Brollo: ieri e oggi Classi IV A e B Scuola primaria Don Milani a.s. 2007/08 1 Giuseppe Brollo è originario di un paesino vicino a Treviso. Regione Veneto 2 Nel lontano 1939, si trasferì a

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Compiti delle vacanze estive per chi in agosto sarà al livello 3 Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Questi compiti

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

La guerra e la bambina 1938-1948

La guerra e la bambina 1938-1948 La guerra e la bambina 1938-1948 Tea Vietti LA GUERRA E LA BAMBINA 1938-1948 racconto Dedico questi appunti di guerra ai miei figli: Antonella e Alberto e ai miei nipoti: Fabio, Luca, e Alessia, perché

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo sviluppo E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo COMMISSIONE EUROPEA DE 116 MAGGIO 2003 E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo In questo piccolo libro si narra una storia simile

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 24 CHE invariabile senza preposizioni PRONOMI RELATIVI CHE = Il quale - i quali masch. La quale -le quali femm. Es. Le persone, che vedi, sono i miei amici = Le persone, le quali vedi, sono i miei amici

Dettagli

LA SCATOLA DELLE VACANZE

LA SCATOLA DELLE VACANZE LA SCATOLA DELLE VACANZE Continuazione del progetto LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Al rientro dalle vacanze estive abbiamo accolto i bambini commentando le esperienze da loro vissute

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo

Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo La scuola dell infanzia S.G.B De La Salle di Conselve Lunedì 29 Aprile 2013 si è recata al Castello di San Pelagio

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli