Pd e Idv, fratelli coltelli pronti ad apparentarsi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pd e Idv, fratelli coltelli pronti ad apparentarsi"

Transcript

1 in vendita obbligatoria OGGI Nuovo Molise+ il Giornale OGGI Nuovo Molise Edizione della regione e del Frentano Poste Italiane sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv.l.46/2004 art.1,c1,dcb CB San Francesco di Paola Campobasso: Via Garibaldi 48 - Tel Fax Isernia: P.zza della Repubblica, 29 - Tel Fax Anno 15 - N. 91-1,00 Pubblicità: N.C.P. srl Via Garibaldi 48 Campobasso Tel Fax Termoli: C.so Nazionale, 10 - Tel Fax Venerdì 2 aprile 2010 L industria del ricatto L industria del ricatto, come avevamo pronosticato, ha imposto ad Antonio Di Brino di non partecipare al faccia a faccia organizzato da Nuovo Molise. Lui e il suo competitore a sindaco di Termoli, Filippo Monaco, si sarebbero confrontati mercoledì prossimo secondo un programma concordato con entrambi. Per aver accettato il nostro invito, quello di un giornale a cui il Palazzo è particolarmente allergico, ieri avevamo espresso una lode al candidato del centrodestra. Lode seguita da un avveritimento, quello a pararsi dal fuoco amico che qualche sparafucile gli avrebbe scaricato addosso per aver accettato il confronto da noi promosso. Da questo, abbiamo scritto, da quanto Di Brino sarà capace di resistere al guinzaglio che proveranno a mettergli, si potrà capire quale sia la sua quota di autonomia rispetto ai padrini che lo hanno battezzato. Anzi, al padrino: Michele Iorio. Bene, l autonomia di Antonio Di Brino è pari a zero. Resta, personalmente parlando, il galantuomo che noi conosciamo ma sul piano politico risponde non agli elettori di Termoli ma agli ordini del Palazzo regionale. Ieri mattina, puntuale come una cambiale in scadenza, è arrivata la telefonata del candidato sindaco del centrodestra che annunciava il suo ritiro dal dibattito. Noi non sappiamo chi materialmente gli abbia passato il pizzino, ma conosciamo quello che c era scritto sopra: «decidi tu». Un «decidi tu» il cui suono sinistro di minaccia non ha bisogno di alcun commento. Lui ha deciso, facendo l esatto contrario di quello che ci aveva garantito: non verrà. Eseguirà così il compitino assegnato da qualche viso pallido alla corte del governatore. Questo è il Molise di lor signori, un tendone dove sono loro a decidere chi va in scena e la parte. Non a caso, dopo Togni, è il nostro circo preferito. Pasquale Di Bello All interno Pd e Idv, fratelli coltelli pronti ad apparentarsi Dalle recriminazioni alla promessa di smetterla con i litigi - Di Bartolomeo: tutti gli istituti saranno rivisti EMERGENZA SCUOLE SICURE LA BOMBA E ESPLOSA Chiuso l edificio di via Kennedy, trasferiti IL CASO L elicottero atterra in centro Vento, polvere e polemiche sull eliporto A pagina 7 LA POLITICA E Lepore arrivò allo Iacp Tutto secondo copione Teresio Di Pietro alla FinMolise, assieme a... A pagina 7 Sabato scorso Nuovo Molise aveva titolato in maniera profetica: scuole sicure, bomba ad orologeria. Ed infatti, sulla scia delle indagini della Procura della Repubblica nate a seguito dell esposto dei genitori dei bambini che frequentano le Materne e le Primarie, il sindaco di Campobasso ha dovuto emettere una ordinanza di chiusura per il plesso scolastico di via Kennedy. E non sarà l unico a chiudere i battenti. Alle pagine 4 e 5 CALCIO GIOVANILE «Memorial Scorrano», tutti presenti in onore del grande Capitano A pagina 31 ALTRI SPORT Le nuove funzioni del maestro di sci Iaverone alla tavola rotonda di Sestola A pagina 8 ISERNIA Ittierre: cassa integrazione per 305 lavoratori A pagina 11

2 2 ATTUALITA NUOVO oggi MOLISE IL FATTO DEL GIORNO L appuntamento si è tenuto all Università del Molise «Conferenza d Ateneo Occasione sciupata» Petraroia va all attacco sull Unimol Oltre agli interventi puntuali del segretario della Cgil e della Camera di Commercio di Campobasso si è assistito ad un rito vuoto che non ha portato alcun fattivo contributo al dibattito Espresse forti preoccupazioni per la riduzione dei fondi per la ricerca IN occasione del quinto anniversario della scomparsa, Iorio ricorda Giovanni Paolo II. «"Non arrendetevi di fronte ai gravi problemi del momento e non rinunciate a progettare il vostro futuro". Queste parole, pronunciate da Giovanni Paolo II ad Agnone, riecheggiano con la loro straordinaria eloquenza nella mia memoria e in quella di tutti coloro che ebbero il IL consigliere regionale Michele Petraroia ha reso ieri una nota fortemente critica verso la settima conferenza di ateneo tenutasi nei giorni scorsi presso l Università del Molise. La Settima Conferenza d Ateneo è stata un occasione persa per il territorio. Nella sessione pubblica del pomeriggio al di là degli ottimi interventi del segretario della CGIL e del Presidente della Camera di Commercio che hanno posto alcuni temi concreti sul funzionamento e sulle prospettive dell Università del Molise, non ci sono stati altri spunti o contributi Ieri il quinto anniversario della morte Iorio ricorda Giovanni Paolo II privilegio di accoglierlo nella sua visita pastorale in Molise del Quell incoraggiamento, proveniente da una personalità eccezionale e al di fuori di ogni schema, spronò la nostra regione a superare un momento molto delicato e denso di incognite. Oggi, nel cuore di una crisi mondiale che non ha risparmiato neanche il Molise, dobbiamo ripartire da quell incipit. A cinque anni dalla sua morte quel "non abbiate paura", pronunciato agli albori del suo Pontificato, deve rassicurare i tanti disoccupati, i molti cassintegrati e tutti coloro i quali dovendo combatte il dramma della malattia, il disagio sociale, la solitudine e le problematiche economico-finanziarie delle famiglie che ospitano anziani e diversamente abili. Oggi vale più che mai quell autorevole invito rivolto a tutti e a ciascuno a non abbattersi e dare il proprio contributo per costruire un futuro migliore. La visita pastorale di questo "gigante della storia" ha lasciato tracce indelebili nella memoria del nostro popolo. Come dimenticare quel richiamo a far si che "il lavoro deve contribuire allo sviluppo dell uomo e non al soffocamento servile della sua dignità". Come non far propria quella parte del discorso pronunciato alla posa della prima pietra del Centro di Alta Specializzazione in Scienze Biomediche della Cattolica a Campobasso, quando il Pontefice evidenzia che "esistono nella vita delle fasi e condizioni nelle quali l uomo e la donna non sono in grado di intendere, di volere e di operare autonomamente, ma non per questo essi cessano di essere persone. Il Centro che qui nasce vuole porsi appunto al servizio della persona umana, colta nella sua verità integrale e nella concretezza delle sue situazioni esistenziali". Per quanto mi riguarda mi sono confrontato tante volte con questi richiami del Papa ad attuare politiche del lavoro e della salute capaci di raccogliere e salvaguardare in pieno la dignità della persona e il suo diritto ad un lavoro confacente alle proprie aspettative. Sfide importanti ed impegnative che dovevano allora, debbono oggi, dovranno domani, appartenere a tutto il mondo». di rilievo. Gran parte dei rappresentanti istituzionali si sono limitati ai ringraziamenti di rito, senza entrare nel merito delle questioni, come se la Conferenza d Ateneo che è un obbligo statutario venisse derubricata a mero gesto di cortesia o a una concessione gentilizia. Il paradosso è come se non ci si rendesse conto che i tagli apportati alle Università Italiane, la drastica contrazione dei finanziamenti per la Ricerca e la spinta forte che si sta accentuando con il federalismo fiscale mette in dubbio la sopravvivenza dei piccoli Atenei. Su questo, le Istituzioni Locali a partire dalla Regione non possono lavarsi le mani scaricando tutte le responsabilità sugli organi amministrativi dell Università e sul Rettorato. Se il complesso delle sedi periferiche, delle Facoltà e dei corsi di studio attivati, dei docenti e del personale tecnico, determina costi minimi di mantenimento non più sostenibili col taglio dei fondi nazionali bisognerà avviare un confronto trasparente per delineare una diversa prospettiva per il futuro. E nel riassetto di sedi, organico e indirizzi di studio, sarà opportuno anche verificare le effettive esigenze del mercato del lavoro locale così che i neolaureati possano incrociare positivamente i propri titoli accademici coi fabbisogni delle imprese e del terziario pubblico e privato. L Università non può essere un liceo polverizzato in più luoghi senza che gli studenti abbiano servizi di supporto e livelli di eccellenza degni di un qualsiasi Ateneo Europeo, né le cattedre possono essere inserite nel valzer delle promozioni e dei trasferimenti delle più prestigiose Università di Napoli, Bari e Roma. Con gli incarichi mordi e fuggi si è più a servizio delle aspettative di carriere esterne al Molise che non attenti a innalzare gli standard qualitativi della nostra Università. Le istituzioni regionali non si sono preparate alla conferenza Aver posto il tema della valutazione è stata una scelta eccellente in virtù delle classifiche ministeriali che hanno collocato il nostro Ateneo nelle posizioni medio-basse a livello nazionale con connessi tagli di finanziamenti. Ma le Istituzioni potevano prepararsi alla Conferenza con un istruttoria qualificata e un confronto in Commissione Consiliare insieme al partenariato e alle amministrazioni locali. Non averlo fatto è indice di poca responsabilità che non depone bene per il futuro perché la polvere sotto al tappeto non equivale ad avere la casa pulita. STAMPA E INDUSTRIA La precisazione del giornalista sul suo contratto Di Gaetano su Solagrital DAL giornalista Enzo Di Gaetano, riceviamo e pubblichiamo la seguente rettifica in relazione all articolo dal titolo «Cinque galli nel pollaio» apparso nell edizione di ieri. In riferimento a quanto da Voi pubblicato con il titolo in oggetto, si forniscono le seguenti e ulteriori notizie: Il sottoscritto è stato contattato ai primi di Maggio 2009, dai dirigenti della Solagrital che gli chiedevano di curare, per una cifra forfettaria di mille euro lordi al mese, corrispondenti a circa cinquecento, al netto di tasse e spese: 1) la pubblicazione periodica di una newsletter interna, destinata ai dipendenti, collaboratori, allevatori, trasportatori, fornitori, clienti e istituzioni su tematiche relative all industria agroalimentare molisana. 2) la pubblicazione trimestrale di un House Organ aziendale con tematiche informative circa l organizzazione, le attività svolte e i risultati raggiunti. Un lavoro esclusivamente giornalistico, perfettamente compatibile con il mio status di giornalista professionista e senza alcun retroscena politico o clientelare. Inoltre, il mio contratto era diverso da quanto da Voi riportato negli articoli in oggetto e che si riferisce ad altre tipologie di collaborazione tra la Solagrital e gli organi d informazione citati. Peraltro, ho disdetto il contratto a fine 2009, rinunciando al tacito rinnovo per il Se Vi può ulteriormente interessare, Vi rendo anche noto che sono ancora in attesa del pagamento di tutte le spettanze maturate. Non ho niente da nascondere, o di cui vergognarmi. Quanti tra noi giornalisti lavorano per più testate o curano le pubblicazioni di periodici di settore o tecnici? Un infinità. Pertanto, Vi chiedo cortesemente di pubblicare la mia precisazione per fornire ai Vostri lettori la visione reale del mio rapporto di lavoro - chiuso il 31 dicembre scorso - con la Solagrital di Bojano. Ripeto, un rapporto finito, ma esclusivamente professionale e senza alcun retroscena imbarazzante. E non credo che i problemi della Solagrital possano essere imputati a un contratto da mille euro lordi al mese, neanche pagati per intero. Questa la precisazione fatta dal collega Di Gaetano. Aggiungiamo che il contratto da noi visionato, però, non è un altro come sostiene lo stesso Di Gaetano ma esattamente quello a cui lui fa riferimento.

3 NUOVO oggi MOLISE ATTUALITA 3 LA NOTIZIA POLITICA Conferenza stampa dell Italia dei Valori con il segretario Caterina, D Ascanio e Rosati Tra Idv e PD prove di dialogo Basta con lacerazioni e follie Il risultato negativo a Montenero di Bisaccia è solo l ultimo episodio Le fibrillazioni risalgono al 2008 con l affermazione di Di Pietro alle politiche C ERAVAMO tanto amati. Almeno fino al Questo il senso della conferenza stampa tenuta ieri pomeriggio dall Italia dei Valori alla quale hanno partecipato il segretario regionale, Giuseppe Caterina, il presidente della provincia di Campobasso, Nicola D Ascanio, e il candidato a sindaco di Montenero di Bisaccia, Margherita Rosati. Si erano tanto amati, l Idv e il PD, ma poi, evidentemente, qualcosa deve essere andata storta. La data è quella della priavera del 2008, in aprile come ora, e l episodio scatenante della sanguinosa faida tutta interna al centrosinistra fu uno solo: il successo di Antonio Di Pietro in Molise. Un successo che, giova ricordarlo, cancello letteralmente dal Parlamento italiano i rappresentanti del PD molisano. Roberto Ruta e Augusto Massa, entrarono nei seggi certi della rielezione e ne uscirono con un biglietto di solo andata per i giardinetti della politica. Tonino da Montenero li mise nel sacco e da allora - secondo l analisi fatta da Caterina e D Ascanio - cominciò una guerra che, per rivoli e rami, è giunta anche a Montenero. Margherita Rosati, infatti, non è venuta dalla luna ma dal PD di Montenero ed è proprio questo, secondo gli intervenuti ieri pomeriggio, a fornire la prova provata che qualcuno a sinistra mesta nel torbido. E cosa nota che alla Rosati, voluta anche dall Idv, il PD abbia opposto un altro suo candidato, Giuseppe Chiappini, determinando così le condizioni della sconfitta. Il centrosinistra, infatti, a Montenero è maggioranza se si sommano i voti della Rosati (40%) con quelli di Chiappini (13%). La vittoria del candidato del centrodestra, Nicola Travaglini, va quindi cercata e spiegata nelle lacerazioni a sinistra; sfilacciamenti, squarci e ferite che si sono aggraate anche grazie al passaggio, armi e bagagli, di ben cinque tra consiglieri e assessori della vecchia giunta (di sinistra) nel campo avverso. Insomma, Montenero è solo l ultima puntata della faida cominciata in quel tiepido aprile del 2008 che incoronò Di Pietro leader del centrosinistra. Perchè è lui il ero leadre della coalizione e lo sarà sino alle Regionali del 2011 e alle Politiche del Questo, Giuseppe Caterina, tiene a sottolinearlo con enfasi quasi a volerlo far entrare nella testa ai recalcitranti alleati del PD. Proprio a questi ultimi vengono contestati episodi che hanno tenuto banco per settimane. Il primo tra questi la «famosa» mozione di sfiducia pronossa dall allora segretario del PD, Annamaria Macchiarola, nei confronti di D Ascanio che allora militava ancora nel PD. Mozione, come tutti sanno, bocciata in aula. Alla bega provinciale ne è poi seguita un altra: quella al comune di Termoli. E qui che alcuni consiglieri del Partito democratico cominciano a mettere Uno scatto della conferenza stampa di ieri pomeriggio in difficoltà l allora sindaco Vincenzo Greco, un tormentone che è andato aanti sino alle dimissioni di quest ultimo. Agli episodi passati si sono poi aggiunti i recenti: quello ricordato di Montenero e l altro, ben più pesante, di Termoli. E storia che nella cittadina adriatica i centrosinistra si sia diviso tra Erminia Gatti e Filippo Monaco. La prima sotto il simbolo del PD, il secondo sponsorizzato da parte del PD e, principalmente, dall Idv. Quello che è successo lo sanno orai tutti: Monaco sfiderà al allottaggio il candidato del centrodestra Antonio Di Brino. E qui, l amore tra Idv e PD, potrebbe scattare nuovamente. Se da un lato c è una reprimenda durissima al PD, dall altro c è un apertura al dialogo. A cominciare da Termoli dove sarà possibile armarsi di ago e molto filo per ricucire il tessuto che si è strappato nel tempo. Anche il PD, per bocca del suo segretario Danilo Leva, lancia segnali di distenzione. Adesso bisognerà vedere alla prova pratica se dalle intenzioni si passerà ai fatti. dibello L Italia dei Valori ricorda quanto accaduto da allora ad oggi... con l appoggio del Pd L INDISCREZIONE La voce circola con insistenza: la probabile strategia Palazzo Magno e Bologna, destini legati a filo doppio... secondo Iorio Campobasso e Bologna, legati a filo doppio in quelle che sarebbero le strategie politiche del presidente della Regione Molise. La spallata a Palazzo Magno, dopo la difficile batosta rimediata dall Italia dei Valori in quel di Montenero di Bisaccia, è legata al destino della città dei dotti. Quando si scioglierà il dubbio relativo alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Bologna, allora il presidentissimo deciderà cosa fare. Un turno elettorale che potrebbe coinvolgere la città dell ex sindaco incappato nel solito sexy gate (simile, per modalità, ad altri scandali tutti molisani venuti alla luce grazie alle interrogazioni di Michele Petraroia e legati ad un uso allegro delle carte di credito appannaggio dei funzionari/dipendenti della Regione Molise), altri 4 Comuni e, a quel punto, la Provincia di Campobasso. Il Parlamento dovrebbe legiferare in tal senso per un eventuale turno supplettivo in autunno. Altrimenti se ne parla nel 2011, cioè turno ordinario e scadenza naturale del mandato di D Ascanio. Certo, il presidentissimo conterebbe molto sull apporto dei 3 consiglieri e dell assessore che ieri non hanno accompagnato - come hanno fatto sempre in questi mesi - il presidente alla conferenza stampa dell Idv. Ma pare che di transfughi, a Palazzo Magno, ce ne siano anche molti altri... wanda bergamin

4 SCUOLE (IN)SICURE La scuola di via Kennedy ha chiuso i battenti perché considerata non sicura Per adesso sono state individuate soluzioni tampone in attesa che si realizzi il progetto del polo scolastico Il sindaco rassicura: metteremo a posto tutti gli istituti Chiude via Kennedy E solo la prima? Problemi di agibilità e vulnerabilità sismica in alcuni edifici di Campobasso Disposto anche il trasferimento di 25 studenti da Sant Antonio Abate alla D Ovidio Alunni trasferiti in via Leopardi CAMPOBASSO - Problemi di agibilità e vulnerabilità sismica; questi i motivi che hanno indotto il sindaco Gino Di Bartolomeo a chiudere la scuola Salvo d Acquisto di via Kennedy e trasferire gli alunni presso l istituto di via Leopardi, che rientra nello stesso circolo scolastico. Il trasferimento avverrà nel corso delle vacanze di Pasqua, che saranno prolungate fino a lunedì 12, per permettere il trasloco. Contemporaneamente saranno trasferiti anche 25 alunni della scuola di Sant Antonio Abate, anch essa con seri problemi di sicurezza, che andranno ad occupare due classi della D Ovidio di via Roma. Per le altre scuole della città, secondo i sopralluoghi effettuati dall amministrazione comunale, non ci sono problemi tali da rendere necessario il trasferimento, anche se di pomeriggio - per non interferire ccn le lezioni scolastiche - verranno sistemati tutti gli impianti per la messa a norma degli edifici e la convalida dell agibilità. «Da quando mi sono insediato - ha sottolineato ieri in conferenza stampa il primo cittadino - ho chiesto una verifica di tutte le scuole della città rispetto al problema dell agibilità e vulnerabilità sismica. Sono emerse diverse criticità - ha ammesso il sindaco - che però finora non sono risultate tali da determinare la chiusura delle scuole. D altra parte - ha aggiunto Di Bartolomeo - non si poteva di certo far perdere l anno scolastico a tutti gli alunni prima di risolvere i problemi». Al momento, dunque, l amministrazione comunale ha predisposto solo una serie di interventi tampone, in attesa di una soluzione definitiva. Una soluzione che consiste nella realizzazione di un unico polo scolastico, nuovo, in cui possano confluire tutte le scuole della città. Il problema come sempre, è di tipo economico. «Sono mesi - ha puntualizzato il sindaco - che chiedo alla Regione i circa 18 milioni di euro che dovrebbero essere a disposizione delle scuole di Campobasso. Ma anche se quei soldi non arriveranno - assicura il primo cittadino - faremo tanti accordi di programma con gli imprenditori che vorranno investire sulla sicurezza nei nostri bambini». I controlli e i sopralluoghi nelle scuole sono partiti a seguito di un esposto presentato dal Comitato genitori delle scuole di Campobasso (vedi box). Dai sopralluoghi, a cui l amministrazione comunale ha collaborato e partecipato, sono emersi diversi problemi relativi all agibilità degli istituti che ospitano le scuole primarie di Campobasso. Meno gravi e diffuse, invece, le criticità a livello di vulnerabilità sismica. «Abbiamo creato un team di lavoro con gli assessori Cimino, Di Giorgio e Cefaratti - ha assicurato il sindaco - per monitorare i problemi e collaborare con i dirigenti «Continueremo a vigilare» «San Giuliano e poi L Aquila: ancora poco è cambiato» Il coordinamento regionale chiede più attenzione sul problema SONO passati otto anni dal crollo della scuola Jovine di San Giuliano e un anno (l anniversario cadrà tra pochi giorni, il 6 aprile), dal terribile terremoto dell Aquila nel quale crollò, tra gli altri edifici, anche la casa dello studente. Ed è stato proprio quel crollo a far risvegliare, in Molise, le coscienze di quei genitori che dopo il crollo di San Giuliano non erano più tranquilli nel portare i prorpi figli a scuola. Così si è costituito un apposito Comitato che ha chisto di verificare lo stato di agibilità delle scuole molisane. I risultati, come emerso ieri (vedi articolo a fianco) non sono stati certo confortanti. Adesso il Comitato genitori, insieme al neo costituito coordinamento regionale delle scuole, ha accolto positivamente la ricognizione effettuata dall amministrazione comunale e la conseguente decisione di chiudere l edificio di via Kennedy. «Vogliamo sottolineare - hanno detto tuttavia i genitori - che questa è soltanto una tappa di un percorso lungo e complicato, e che noi non smetteremo mai di chiedere che i nostri figli siano al sicuro nelle loro scuole». Da parte del comitato anche una pesante accusa all operato delle precedenti amministrazioni: «Dal hanno sottolineato i genitori - nessuno si è preoccupato di andare a reperire risorse per evitare che la tragedia di San Giuliano si ripeta». Sul tema è intervenuta anche la direttrice della scuola Salvo D Acquisto, Clotilde Perrella: «E importante - ha sottolineato - che anche noi dirigenti cominciamo ad avere risposte sul problema della sicurezza delle nostrre scuole». dadice scolastici e i genitori, che incontreremo settimanalmente. E per l inizio del nuovo anno scolastico - ha promesso Di Bartolomeo - tutte le scuole saranno al sicuro dal punto di vista dell agibilità e della vulnerabilità sismica». Promessa appuntata. daniela di cecco

5 NUOVO oggi MOLISE CAMPOBASSO 5 SCUOLE (IN)SICURE Fari puntati sui tanti problemi che stanno imperversando sul sistema dell istruzione in Molise L allarme del segretario della Cgil Sergio Sorella Tagli al personale L ennessima beffa Almeno quattrocento posti di lavoro persi NON solo la sicurezza nelle scuole, in Molise, ma anche il problema dei tagli al settore. Al proposito Sergio Sorella, segretario regionale della Cgil ha tenuto una conferenza stampa. Diversi gli argomenti trattati: - federalismo nei settori pubblici della conoscenza (i risvolti nel sistema universitario e scolastico): iscrizioni agli istituti superiori; dimensionamento scolastico ed edilizia scolastica: gli organici nelle scuole molisane. In merito al primo punto Sorella ha posto l esigenza di procedere ad una forte iniziativa politica per contrastare le politiche governative. «Le politiche che si sono succedute in questi anni, purtroppo - ha puntualizzato il segretario della Cgil - hanno dimostrato da un lato l inconsistenza di un quadro di riferimento entro il quale agire e, dall altro, la incapacità di rispondere in maniera adeguata alle esigenze formative provenienti dal territorio. Nel breve periodo, per effetto delle disastrose politiche di tagli e riduzioni - aggiunge Sorella - l intero sistema sarà messo sotto scacco. Pertanto occorre riprendere una discussione di merito ed un coinvolgimento generale per contrastare la deriva in atto». Sul secondo punto, il caos generato con i nuovi regolamenti, ha determinato la scelta dei ragazzi di iscriversi in massa ai Licei, i quali hanno subito meno tagli con un assetto ordinamentale delineato e non nebuloso come quello degli istituti tecnici e professionali. «In mancanza di chiarezza sui percorsi formativi - spiega Sorella - le scuole si sono organizzate in maniera spesso estemporanea con una concorrenza, a volte rissosa, tra le singole istituzioni. Il tutto non ha giovato a scelte responsabili da parte degli studenti». Sul terzo punto, si è sottolineata la fase ancora interlocutoria in cui versa il tema del riordino della rete scolastica. «In presenza di gravi problemi di edilizia - aggiunge Sorella - che dovrebbero consentire - lo hanno sostenuto anche Gelmini e Tremionti - deroghe al numero di alunni per classi, si è proseguito nella politica di tagli e di riduzioni, negando l esistenza di un problema che è sotto gli occhi di tutti: ben 80 edifici con delle evidenti criticità, individuatidalla stessa Amministrazione (vedi box)». Sul quarto punto, si è insistito sulla drammaticità in cui si troverà la scuola molisana per il prossimo anno scolastico. Il Miur ha previsto riduzioni del personale nell ordine del 6%; per il Molise, senza considerare gli alunni in meno che ci saranno (oltre 900), ciò significherà la perdita di almeno altri posti di lavoro. «Siamo di fronte ad una vera destrutturazione del sistema pubblico - tuona ancora il segretario della Cgil - In questo contesto è indispensabile che la politica regionale intervenga verso il governo nazionale e non segua, accettandolo passivamente, il dettato di Tremonti. Intanto assistiamo al tentativo di diffusione nella nostra regione di scuole private nel settore secondario, tentativo sponsorizzato da soggetti che in precedenza appartenevano all Amministrazione pubblica. Un esempio di coerenza che la dice lunga sui modi di affrontare i problemi!». Gli istituti nella «black list» ECCO l elenco delle scuole a rischio pubblicato dal ministero e diffuso dalla Cgil. I.Magistrale "Scarano" I.C."Molise Altissimo" Carovilli I.C. Sepino "Tiberio" I. C. "F.Iovine" Pozzilli I.C. Campomarino Direzione Didattica Agnone Ist.Comp. "G.Colozza "Frosolone Isituto Comprensivo P.Valente Circolo Didattico Di Trivento Trivento "Scarano" I.C. Boiano "Pallotta" I.C. "Molise Altissimo" Carovilli I.C. "A. Notte" Macchiagodena I.C. "O.D Uva" Castelpetroso I.C. "Molise Altissimo" Carovilli Ist.Comp. Colli A Volturno I.C. Montefalcone N.S."Cordisco C.D. Di Montenero Di Bisaccia Isituto Comprensivo P.Valente I.C. Montefalcone N.S."Cordisco Ist.Comp. "G.Colozza" Frosolone I.C. Vinchiaturo I.C. "D.Alighieri" Cerro al Volturno I.C. Ripalimosani "Alighieri" I.C. Palata "Ricciardi" I.C. "G.Galilei" Monteroduni I.C. "D.Alighieri" Cerro al Volturno I.C. Ripalimosani "Alighieri" I.C. Petrella T. "Girardi" I.C. Sepino "Tiberio" I.C. "Molise Altissimo" Carovilli Ist.Comp."G.Colozza" Frosolone I. C. "A.Notte" Macchiagodena Brigida M. (Sperim. Per D.M.) Direzione Didattica Agnone Giovanni Paolo I Montenero Di B. "Argentieri" I.C. Petacciato "V. Cuoco" Circolo Didattico Di Trivento I.C. Bonefro "Jovine" I.C. Sepino "Tiberio" Montenero Di Bisaccia I.C. Palata "Ricciardi" I. C. Campobasso "Petrone I" Ist.Comp. "G. D agnillo" Agnone Circolo Didattico Di Trivento I.T.Commerciale "L.Pilla" Circolo Didattico Di Trivento I.C. Ururi "Gravino" Direzione Didattica Agnone Isituto Comprensivo P.Valente I.T.Nautico e Geometri "Ugo Tiberio" I.C. Palata "Ricciardi" Campobasso "Primo Circolo" L.Scientifico "Alfano Da Termoli" Ist.Comp. "G.Colozza"Frosolone A. Colozza I.T. Commerciale "G.Boccardi" I.C. Ripalimosani "Alighieri" I.C. Riccia I.T. Commerciale " L.Pilla" I.C. Gambatesa "Josa" Sant elia A Pianisi Direzione Didattica Agnone I.C. "Molise Altissimo"Carovilli Isituto Comprensivo P.Valente I.C. Sepino "Tiberio" L.Montini I.T. Industriale "G.Marconi" S.C.S. Castropignano I.C. "F.Iovine" Pozzilli I.C. "D.Alighieri"Cerro Al Volt I.C. "Molise Altissimo"Carovilli S.C.S. Castropignano Ist.Comp."G. D agnillo" Agnone I.C. Campodipietra I.C. Campobasso "Petrone I." I.Magistrale "D.Pace" C.D. di Montenero Di Bisaccia Brigida M. (Sperim. Per D.M.) I.T. Nautico e Geometri "Ugo Tiberio" Pittarelli I.C. "G.Galilei" Monteroduni

6 6 CAMPOBASSO NUOVO oggi MOLISE L APPUNTAMENTO Se la chiamassero con il suo vero nome, con molta probabilità sarebbero in pochi a sobbalzare dalla sedia. Deborah Anne Dyer sarà a Campobasso sabato 3 aprile, guest star del Red Passion Sound Club. Chi è Deborah? E Skin, la cantante inglese dalla voce roca e possente, la leader degli Skunk Anansie. E martedì sera in veste di dj, renderà davvero unica - dal punto di vista musicale - la notte molisana. Ha 42 anni Skin, ed è da anni una star della musica rock mondiale. Nel 1994 forma la band Skunk Anansie, che diviene parte del movimento britrock del periodo; la formazione definitiva vede alla chitarra Ace, al basso Cass ed alla batteria Mark. Skin può mostrare la sua voce, la sua immagine caratterizzata dal capo a quei tempi completamente rasato, i testi in parte provocatori e politicizzati. Nel 1995 appare nel film di fantascienza cyberpunk "Strange Days", dove esegue Selling Jesus assieme al resto della band, in centro a Los Angeles poco prima dell avvento del nuovo millennio. Nel 2000 collabora con il gruppo cuneese dei marlene Kuntz duettando col cantante Cristiano Godano ne La Canzone Che Scrivo Per Te (contenuta nell album del gruppo intitolato "Che Cosa Vedi") e con Maxim Reality dei Prodigy nel singolo Carmen Queasy. Nel 2001 gli Skunk Anansie si sciolgono dopo tre album, Paranoid & Sunburnt, Stoosh e Post Orgasmic Chill, con oltre 4 milioni di copie vendute in tutto il mondo. I singoli di maggior successo sono Weak, Charity, Hedonism (Just Because You Feel Good) e Charlie Big Potato. Ace realizza un album La guest star internazionale sarà a Campobasso sabato 3 aprile nelle vesti insolite di disc jockey La grande Skin, il cui vero nome è Deborah Anne Dyer, dal 1994 al 2008 è stata leader indiscussa degli Skunk Anansie gruppo storico ed inimitabile L artista inglese a Campobasso nel prossimo week-end. Farà girare i dischi Il sound graffiante di Skin Red Passion, un altra guest star internazionale per il sound club che si conferma leader solista intitolato Still Hungry, Mark diventa il nuovo batterista della band Feeder e Skin intraprende la carriera solista. Gli Skunk Anansie si riuniscono nel 2009 tenendo alcuni concerti; è stato pubblicato un greatest hits Smashes and Trashes, che contiene tre nuovi inediti musicali: Because Of You, Tear The Place Up and Squander, i cui video sono già disponibili in rete. Skin allora comincia una importante carriera solista: nel 2002 partecipa come attrice nel corto drammatico intitolato "Hideous Man", scritto, diretto e narrato da John Malkovich, con Gary Sinise, Arielle Dombasle, Saffron Burrows, Shaznay Lewis, Anita Pallenberg e Emilia Fox. Pubblica il suo primo album da solista Fleshwounds nel 2003, raggiunge il sesto posto in Italia ed il diciottesimo in Germania nelle classifiche degli album più venduti. Si esibisce in tutta Europa, talvolta introducendo anche concerti di Robbie Williams e Placebo. Nel 2006 esce il suo secondo album, Fake Chemical State anticipato dal singolo Alone In My Room, i successivi singoli estratti sono Just Let The Sun, Purple e Nothing But. Seguono concerti in tutta Europa compresi importanti presenze al Rock Werchter in Belgio, ai Southside/Hurricane festival in Germania. Nel maggio 2006 partecipa al concerto del Primo Maggio a Roma, in Piazza San Giovanni. Nel 2008 interpreta il brano Tear Down These Houses su musiche di Andrea Guerra, per la colonna sonora del film Parlami d amore di Silvio Muccino. Per questa canzone viene realizzato un originale videoclip musicale diretto dal regista Marco Salom. Tear Down These Houses riceve la candidatura al Premio David di Donatello nella categoria "Migliore Canzone Originale". Nel febbraio 2008 annuncia il nuovo progetto sul quale sta lavorando assieme a Timo Maas e Martin Buttrich, denominato Format 3. Il 20 luglio dello stesso anno interpreta, durante il concerto tributo ai Beatles di Sorrento (Premio Caruso 2008), Let It Be (duetto con Sinead O Connor), Yesterday e Here Comes The Sun (duetto con i Marlene Kuntz). Da allora ad oggi un crescendo, Skin è ancor di più una artista solida e possente, graffiante ed irriverente. Ma non per questo le sue canzoni graffianti non spalancano le porte del cuore. Per questo motivo sarà ancor più interessante conoscere quest artista poliedrica nelle vesti di dj... sperando di poter ascoltare anche la sua musica, magari unplugged. Appuntamento al Red Passion Sound Club di Campobasso. eva forte Graffiante ed energica Rockettara dentro e fuori In consolle, al Red Passion, l artista britannica che colpisce cuore, anima e sensi

7 NUOVO oggi MOLISE CAMPOBASSO 7 I FATTI DEL GIORNO E per Teresio Di Pietro adesso via libera per la FinMolise Lepore allo Iacp? Tutto secondo copione Ieri la nomina E stata ufficializzata, con apposita delibera di giunta regionale, la nomina di Pierluigi Lepore alla carica di commissario regionale dello Iacp, istituto Autonomo Case Popolari con sede a Campobasso. E arrivata dunque la definitiva conferma a quanto scritto nei giorni scorsi da Nuovo Molise a proposito dell imminente nomina di Lepore a capo dell importante ente regionale. Pierluigi Lepore, già assessore regionale, ex presidente dell Arsiam, oggi vice coordinatore regionale del PDL, subentra alla carica di commissario regionale IACP a Teresio Di Pietro per il quale, a questo punto, sembrano essersi definitivamente spalancate le porte della finanziaria regionale FinMolise. DaVi In casa FinMolise tutto tace? Non si direbbe visto che i soliti rumors sottolineano intanto la contemporaneità delle nomine di Pierluigi Lepore e Teresio Di Pietro visto che il primo andrà ad occupare il posto del secondo. E, da che mondo è mondo, il nuovo padrone di casa non può di certo trovare la poltrona occupata... Quindi sarebbe questione di ore anche per la nomina di Di Pietro alla presidenza di FinMolise. Le solite voci sottolineano che nel cda della finanziaria regionale dovrebbe trovare posto anche l assessore Gaetano Policella che avrebbe sponsor importanti. Del resto si tratta di nomine politiche. Sulla presenza di Tiberio continuano a circolare indiscrezioni contrastanti. wb Via XXVI Maggio, è allarme I residenti chiedono più sicurezza I cittadini di via XXIV Maggio chiedono maggiori attenzioni e tutele: troppi gli episodi di microcriminalità che si registrano nella zona dove sono presenti numerosi esercizi commerciali. E così con una lettere inviata alla Procura della Repubblica, i cittadini e i commercianti decidono di uscire allo scoperto: «Il protrarsi di una situazione degenerata di ordine pubblico nella zona e nello specifico l accadimento di alcuni episodi malavitosi che si registrano ai danni dei cittadini come lo schiamazzo notturno di giovani minori nei pressi del parco giochi, il verificarsi quotidianamente di piccoli furti nelle auto, nei nostri negozi dove gruppi di adolescenti entrano con scuse banali per poi sottrarre minuterie, piccoli scassi a danno delle attività commerciali ci spingono a chiedere maggiore vigilanza nella zona, dove ormai non ci sentiamo protetti e siamo costretti a guardarci simbolicamente le spalle». wb Su indicazione del Comune A Vazzieri l operazione villetta pulita Il passaparola ha funzionato: oggi, nella villetta di Vazzieri, il personale comunale e regionale proverà a rimettere le cose in sesto. Le proteste dei residenti dell area, alle prese con una zona verde poco sicura per bambini e genitori, sono state recepite dall assessorato regionale all Agricoltura. Dopo aver adottato la collina Monforte, che piano piano si sta mostrando in tutto il suo splendore naturalistico visto che sono stati eliminati rovi e immondizie varie, l assessorato guidato da Nicola Cavaliere ha deciso di dedicare energie e tempo anche alla villetta semiabbandonata di Vazzieri. Certo, il Comune capoluogo ha avanzato esplicita richiesta in tal senso e l assessore non è rimasto sordo all appello della maggioranza di Palazzo San Giorgio. Adesso, però, questo aiuto dovrà trovare una sistematicità nelle operazioni di pulizia che dovrebbero essere appannaggio del Comune. La Regione inizia, Palazzo San Giorgio poi dovrà continuare... wb Un trasporto sanitario urgentissimo L elicottero atterra all ex Romagnoli: vento, polvere e rabbia L eliporto del Cardarelli è chiuso e al Selvapiana... c è il circo Il rumore forte delle eliche ha dapprima costretto tutti ad alzare il naso all insù e poi, dopo qualche minuto, a coprirsi gli occhi con le mani e a tentare di salvare il salvabile. E accaduto ieri, intorno alle 14, nella zona dell ex Romagnoli, pieno centro cittadino. Un elicottero proveniente da L Aquila è atterrato sul terriccio di quello che era lo stadio cittadino. Un trasporto sanitario urgente, una donna in gravi condizioni di salute che i sanitari del 118, in attesa del suo arrivo, hanno prontamente trasportato al Cardarelli di Campobasso. L elicottero è stato costretto ad atterrare in pieno centro cittadino a causa dei lavori di manutenzione in corso all eliporto del Cardarelli di Campobasso. Oltre al danno, la beffa: non si è potuto nemmeno utilizzare lo stadio Selvapiana perché in questi giorni, proprio in quell area, ha (letteralmente) piantato le tende l intero staff di un circo. Quindi, si è fatto di necessità virtù. Con le conseguenze del caso: il vento forte innestato dall arrivo dell elicottero ha spaventato i residenti, ha contribuito ad alzare una nube di polvere che è ricaduta sulle bancarelle che in questi giorni affollano l area dell ex Romagnoli. E volato di tutto, compresa qualche parolaccia. Le proteste degli ambulanti che sono presenti nella zona soprattutto con banchi alimentari non si sono fatte attendere. Ma, di contro, tutti si sono resi conto che c era di mezzo una vita. E allora non c è protesta che tenga. wanda bergamin E Venerdì Santo, in città la processione del Cristo Morto accompagnata dallo storico coro di centinaia di persone Il dolore struggente del Teco vorrei Campobasso si ritrova lungo le strade cittadine per pregare in rigoroso silenzio La processione del Venerdì Santo vista dal fotografo Stella E il giorno della Passione, il giorno del Teco Vorrei, il canto doloroso e mesto che risuona lungo le strade cittadine. In mattinata, presso la sala consiliare del Consiglio regionale del Molise, sarà presentato il volume «Il dolore celebrato. Le processioni del Venerdì santo a Campobasso e Isernia». La pubblicazione, promossa dalla Presidenza del Consiglio regionale, cade nel giorno in cui le due cittadine avvertono forte il senso cristiano dell evento che si apprestano a celebrare attraverso le processioni degli Incappucciati (a Isernia) e della Passione (a Campobasso). Proprio nel capoluogo regionale, oggi pomeriggio a partire dalle 18, si rinnova un momento assai sentito dall intera comunità. I campobassani si preparano già dal pomeriggio, si assiepano in silenzio lungo il percorso e aspettano che il rito abbia inizio. Quest anno, dopo i lavori di restauro, la processione ritorna nella Chiesa di Santa Maria della Croce. Il percorso storico si snoda lungo le strade cittadino, davanti al carcere di Campobasso il momento più toccante: la preghiera del detenuto, che sa di aver sbagliato e che si pente dei suoi peccati nel giorno in cui Gesù Cristo morirà per salvare l umanità. Imponente come sempre il coro, centinaia di persone che con mestizia intonano il Teco Vorrei, o Signore composto da Michele De Nigris sui versi di Pietro Metastasio. Il dolore è tangibile, la commozione righerà per sempre il volto di chi, ogni venerdì Santo, pregherà per la Resurrezione.

8 8 CAMPOBASSO NUOVO oggi MOLISE Tra i protagonisti dell incontro Adriano Iaverone, presidente del collegio regionale Nuove funzioni del maestro di sci Se n è discusso nel corso di una tavola rotonda a Sestola «Un operatore altamente professionale della montagna ad ampio raggio». E questa la figura lanciata dal presidente Adriano Iaverone del Collegio regionale Maestri di sci del Molise alla tavola rotonda che si è tenuta a Sestola è che stata presieduta dai ministri Franco Frattini e Giulio Tremonti. Ha partecipato anche Manuela Di Centa, ex campionessa di sci di fondo. Nel corso della riunione Iaverone ha illustrato le nuove iniziative nell ambito della figura del maestro di sci. In sostanza il turismo di montagna, in costante crescita negli ultimi anni, ha subito una sostanziale metamorfosi. Le stazioni sciistiche non possono essere più viste solo come meta per chi pratica lo sci, ed il movimento turistico montano si sta orientando a voler godere di queste bellezze naturali tanto nel periodo invernale quanto in quello estivo. La proposta del Collegio è quella di far diventare i maestri di sci vere e proprie figure professionali della montagna. In questo quadro di riferimento il presidente Iaverone ha in mente un maestro di sci che, pur garantendo la massima professionalità nello svolgimento della propria mansione, riesca ad offrire un servizio «Le stazioni sciistiche non possono essere soltanto una meta per gli sportivi» ottimo anche in altri campi. Basti pensare alla possibilità di diventare una guida ambientale capace di organizzare passeggiate nei percorsi montani e collinari. Il Collegio regionale sta vagliando numerose iniziative per i prossimi anni che sottoporrà anche all attenzione delle Istituzioni regionali così da poter programmare investimenti nel settore per raggiungere gli obiettivi prefissati. Il Collegio regionale Maestri di sci Molise annovera 80 maestri di sci; numero destinato a salire nei prossimi anni tenendo conto che accanto alle discipline di sci alpino e di fondo si affiancherà quella di snowboard. ni.fie Percorsi naturalistici, tratturi e bellezze paesaggistiche: opportunità d estate e d inverno «Valorizzare le montagne del Molise» Il presidente illustra i progetti per rilanciare il turismo locale Conosciamo più da vicino questo progetto che è stato presentato alla Tavola rotonda che si è tenuta a Sestola. Chi meglio del presidente del Consiglio regionale Maestri di sci del Molise Adriano Iaverone poteva esporci questa iniziativa. Da cosa nasce questa idea? «L iniziativa nasce dall idea dal cercare di valorizzare le bellezze che questa regione può offrire. Ci apprestiamo a concludere una dignitosa stagione sciistica e in questi mesi estivi sono sicuro che il maestro di sci possa dare o fare ancora tanto. Penso a iniziative che possano valorizzare l ambito montano, colinnare e paesaggistico che il Molise offre, penso ai percorsi naturalistici, ai tratturi anche siti vicini ai nostri paesi. A proposito di questo avrò nei prossimi giorni delle riunioni con i vari sindaci che, sensibilizzati, vorranno abbracciare questo progetto non ristretto solo ed esclusivamente alla montagna. Penso ad una figura professionale che in questo ambito possa fare da tramite». Esiste già una figura in tal senso nel territorio nazionale? «No. Anzi, a dire il vero, quando ho presentato questa proposta davanti ai ministri Frattini e Tremonti con la presenza dei miei colleghi dell arco alpino, è stata accolta all inizio con un po di scetticismo. Poi nell evolversi della tavola rotonda ha avuto diversi consensi. Lo dimostra il fatto che mi ha telefonato il presidente della Val D Aostra Beppe Cuc chiedendomi informazioni su questo progetto». Ora come vi state organizzando? «In questi anni di presidenza, abbiamo cercato grazie anche all aiuto della Regione Molise di organizzare dei corsi per la specializzazione dei maestri di sci. E mi riferisco al corso per portare a sciare i diversamente abili o al corso di Nordic Walking, nuovo sport per poter vivere la montagna anche d estate e perché no anche i luoghi dove viviamo. Ma non basta, ci sono tante iniziative da poter intraprendere in tal senso. Un corso che attueremo presto sarà quello di guida ambientale escursionistica. Cercheremo, quindi di promuovere più corsi per rendere i maestri di sci più completi». Come hanno recepito il progetto i maestri? «Sono orgoglioso di questi 80 professionisti che dedicano il loro operato al turismo e che svolgono la loro attività con tanta passione. Inutile dire che hanno accolto questa iniziativa con tanto entusiasmo». In definitiva Iaverone cosa si aspetta? «Più che aspettare mi auspico che i vari enti, Regione, Provincia, sindaci, imprenditori capiscano l importanza del progetto e i benefici che a livello turistico posso trarne». Nicola Fierro Dalla prossima settimana «Un cane per amico», via al progetto HA avuto un grande successo la presentazione del progettto «Un cane per amico», voluto fortemente dalla Fidasc regionale e dal Coni Provinciale. L iniziativa, patrocinata dalla Regione Molise, dal Comune di Campobasso e dall Enci, ha avuto come protagonisti principali i ragazzi del Mario Pagano di Campobasso (unico istituto fino a quuesto momento ad aver aderito all appuntamento). Il progetto si pone come obiettivo quello di sensibilizzare i ragazzi nei confronti dei cani e di avere con loro un approccio giusto in ogni circostanza. La mattinata si è conclusa con la dimostrazione di una unità cinofila messa a disposizione dal Comando general della Gdf di Campobasso che ha fatto vedere ai ragazzi come i cani, che addestrati in maniera corretta e continuativa, possono raggiungere ottimi livelli di «assistenza». Soddisfatto il presidennte provinciale della Fidasc, Nicola Luzzi: «Sono contento della risposta che c è stata da parte dei ragazzi - spiega - perché questo è il primo passo verso la realizzazione di quello che è per me un sogno: far conoscere ai giovani la cinofilia. Ringrazio la Fidasc nazionale nella persona del presidente Felice Buglione, il convitto Mario Pagano per la splendida ospitalità e gli assessori Di Sandro e Cavaliere che ci sono stati vicini. Sono sicuro - ha concluso Luzzi - che questo è stato il primo importantissimo passo verso traguardi prestigiosi da tagliare tutti insieme». Le lezioni cominceranno dopo le festività pasquali. Stefano Saliola

9 NUOVO oggi MOLISE BOJANO-AREA MATESINA 9 La processione del Venerdì Santo sfila tra le vie cittadine Il corteo al via dalle BOJANO - Come ogni anno nel centro bifernino in occasione della Settimana che precede la Pasqua si svolge la solenne Processione del Venerdì Santo. Successo alla recente tornata elettorale Sinistra Ecologia Libertà La campagna di adesioni La costituenda sezione di Bojano ha dato il via al tesseramento nel movimento politico E un antico rito che affonda le sue radici nel medioevo e che richiama numerosi fedeli. Ad organizzarla è la Confraternita dei Sette Dolori di Maria SS. Addolorata della Chiesa di Santa Maria del Parco. Dopo l azione liturgica della passione e morte di Gesù e il bacio della Croce nelle singole parrocchie, alle ore 19,30 seguirà la Sacra Processione con le statue di Gesù morto e di Maria SS. Addolorata partendo dalla Chiesa di Santa Maria del Parco. Il corteo si snoderà lungo via Biferno, via Turno, via F.Cavadini, via Croce, via dei Sanniti, via Kennedy, via Giovanni XXIII, corso Amatuzio, via Cavallerizza, piazza Roma, piazza della Vittoria e rientro in chiesa. Ad accompagnare la processione il complesso bandistico Città di Roccamandolfi e S.Agapito. Durante il percorso i fedeli in raccoglimento reciteranno preghiere intercalate da letture bibliche e da riflessioni sulla passione e morte di Gesù. Al rientro in chiesa ci sarà il canto dei Sette dolori dell Addolorata eseguito dal tenore Nello Toti, accompagnato all organo da Lino Ialenti. Un breve commento sottolineerà ciascuna strofa. Il Venerdi Santo le campane, che tradizionalmente annunciano ai fedeli la celebrazione dell Eucaristia, non suonano in segno di lutto. Esse tornano a suonare a festa durante la Veglia Pasquale che nella parrocchia dei Ss. Erasmo e Martino inizierà alle ore 21,30 con la Benedizione del fuoco nuovo, il Lucernario, il Canto del Preconio Pasquale, la Liturgia della Parola, la Liturgia Battesimale con Battesimi per immersione e la Liturgia Eucaristica. Nella parrocchia di Madonna della Libera a Castellone, invece, alle ore 23 è prevista la Santa Messa di Risurrezione. (Luz) BOJANO - Ha avuto inizio la campagna di adesione alla Sinistra Ecologia Liberta della costituenda Sezione di Bojano. «Dopo il buon successo elettorale, attestato al 3.03% nazionale e a oltre il 10% in Puglia, è partita la campagna di consolidamento degli organigrammi relativi al gruppo politico, specialmente in vista del congresso fondativo di giugno - hanno spiegato gli attivisti bojanesi -. Lì Sel diventerà un partito a tutti gli effetti, vicino al mondo politico così come ai movimenti e alle associazioni della società civile. La vittoria del portavoce Nichi Vendola nella competizione regionale pugliese ha avuto il preventivato effetto di entusiasmare quanti, nel corso di questi anni, hanno inseguito il sogno di una ricostruzione della sinistra, partendo dai vari processi federativi, passando per l Arcobaleno e approdando in questo nuovo e deciso soggetto politico. Lo scopo è quello di proporre una nuova e coerente unità a sinistra e delineare linee programmatiche realmente alternative e coerenti con i principi del lavoro, dell ambiente, della pace, dell uguaglianza e dei diritti civili. Anche a Bojano parte quindi, dopo un primo lancio dell idea su Facebook che ha ottenuto già un discreto numero di contatti, una campagna di pre-adesione a questa innovativa compagine politica aperta a chiunque condivida la ricerca di una nuova storia della sinistra italiana, basata sull unione delle forze, sull alternatività e soprattutto sulla connessione sentimentale con la gente. Sono infatti già disponibili i moduli di adesione - hanno informato -, che verranno automaticamente convertiti in tessere al momento della effettiva costituzione del partito». I moduli possono essere richiesti, in attesa di aprire una sede nel centro matesino, scrivendo all indirizzo mail oppure contattando i numeri: Anche la pagina Facebook continuerà a funzionare come diario di appunti ed esigenze per tutta la cittadinanza, libera di intervenire e di esporre le proprie idee e i propri suggerimenti. (Luz) Su Facebook un diario virtuale per seguire tutti gli appuntamenti Nell incontro è stato fatto il punto della situazione Progetto Parco del Matese, in riunione il Comitato BOJANO - Mercoledì sera presso la sede della Comunità montana Matese si è riunito il Comitato promotore del Parco del Matese per fare il punto della situazione del progetto in itinere e delle eventuali iniziative da assumere anche alla luce delle ultime novità della Consulta regionale delle aree protette che ha stilato un elenco di aree da proporre nel Molise. «Il progetto del Parco del Matese purtroppo è fermo nel senso che ci sono tutte le carte tecniche e legislative per portare avanti la proposta però adesso ci vuole solo un soggetto titolato a farlo, lo possono fare solo i consiglieri regionali, la giunta regionale o gli enti locali - ha spiegato Mauro Di Muzio coordinatore del Comitato Promotore - la Provincia di Campobasso l ha fatta, altri soggetti istituzionali, invece, ancora non si muovono. In seno alla Consulta adesso richiederemo con forza come priorità l istituzione del Parco del Matese, poi continueremo a sviluppare iniziative sul territorio per promuovere la proposta». Per Di Muzio in sostanza a tutt oggi sembra proprio che non ci sia alcuna volontà vera da parte della Regione Molise di percorrere la strada dell istituzione del Parco del Matese. Alla riunione dell altra sera c erano diversi rappresentanti di associazioni che fanno parte del Comitato pro Parco. Tra queste anche l Associazione Falco che è intervenuta con l esperto ambientalista, Alfonso Mainelli. «C è una chiara posizione dell Amministrazione regionale palesemente contraria all istituzione di un parco, perché questo è in contrasto con il sistema che il governo molisano intende dare alla nostra regione, il sistema produttivo, infatti, non prevede il finanziamento di attività di eco-economia - ha dichiarato Mainelli -, inoltre l area del Matese che oggi è forse l unica zona che potrebbe creare economia diversificata sfuggirebbe al controllo dell ente regionale. C è da dire che anche le associazioni ambientalistiche Manifestazione dell Associazione carabinieri «Un bonsai per te» In piazza l iniziativa per la lotta all Aids BOJANO - L Associazione nazionale Carabinieri, sezione di Bojano, è scesa in piazza per sostenere la campagna dell Associazione nazionale per la Lotta contro l Aids (Anlaids Onlus) con l iniziativa "Nelle piazze italiane c è un bonsai per te. Chi c è alzi la mano!". La manifestazione, giunta alla sua XVIII edizione, a Bojano è la prima che si tiene in un unico giorno, mentre continuerà fino al 4 aprile e si svolgerà su punti d incontro tra piazze, ospedali e centri commerciali di tutta la Penisola. «Come volontari dell Associazione Nazionale Carabinieri abbiamo voluto dare una mano all Anlaids Onlus per raccogliere fondi per la ricerca scientifica finalizzata alla ricerca, cura, prevenzione e informazione di questa epidemia che oggi dovrebbero far sentire una voce leggermente più marcata su questi temi. Sono rimasto veramente stupefatto del fatto che la Provincia di Isernia palesemente dia un opinione contraria alla possibile istituzione di un parco e avalli, invece, le micro aree o le piccole aree protette, spieghi, altresì, come mai in una zona come quella dell Alto Molise sia in corso un programma per la biomassa che non ha alcuna possibilità dal punto di vista finanziario di potersi autogestire secondo le regole che ha imposto negli atti di concessione, cioè utilizzare la produzione locale. Il Molise purtroppo è fatto di controsensi, di un inceneritore che probabilmente sarà realizzato a Montagano, di una Turbogas che hanno consentito sulla costa, di una situazione irreale dal punto di vista della tutela ambientale sul venafrano, di una futura centrale nucleare nel Basso Molise, di un imbarbarimento da un punto di vista degli impianti eolici, e quant altro». Mainelli ha quindi aggiunto: «Le associazioni ambientaliste devono prendere coscienza della posizione dell amministrazione regionale, pe- nel nostro paese ha superato la soglia delle persone sieropositive - ha spiegato il presidente della sezione locale carabinieri Eduardo Passanese, brigadiere in pensione -. Offriremo un bonsai a tutti coloro che faranno un offerta in denaro per la ricerca scientifica; il bonsai è un albero vivo che richiede amore e cure costanti ed è collegato all immagine di Anlaids, in quanto rispecchia le stesse attenzioni di cui hanno bisogno le persone affette da Aids». Questa campagna per sensibilizzare l opinione pubblica sui problemi umani e sociali delle persone sieropositive rappresenta solo uno dei tanti impegni di volontariato in campo sociale da parte della sezione bojanese dell Associazione Nazionale Carabinieri. (Luz) raltro basta leggere il bilancio per vedere quanto l ambiente sia penalizzato dal punto di vista dell investimento da parte dell ente pubblico, addirittura anche sulle funzioni delegate dallo Stato come previsto dal decreto 112/98. Bisognerebbe chiedere all assessore Vitagliano perché quei 15 Milioni di euro previsti proprio per le funzioni delegate non sono stati diversificati, mentre sulle aree protette hanno stanziato euro e fanno finta di discutere di trenta aree protette a livello regionale. E solo una presa in giro». (Luz)

10 10 RICCIA-CERCE-JELSI NUOVO oggi MOLISE Macchia Valfortore - Donata dal sindaco a Nicolina Menichelli Targa ricordo del Comune alla nonnina centenaria Riccia - L ultimo saluto al 52enne trovato morto nel pozzo Ieri pomeriggio i funerali di Antonio Sciandra MACCHIA VALFORTO- RE - Nicolina Menichelli ha festeggiato l ambito traguardo dei cento anni. Una commossa giornata di cerimonia e festeggiamenti, organizzati dalla famiglia, presso il Ristorante Miralago a Macchia Valfortore. L amministrazione comunale a nome del sindaco Tonino Carozza ha donato una targa ricordo a Nicolina con un messaggio davvero speciale: «Alla cara Zia Nicolina Menichelli, a nome mio personale, dell Amministrazione Comunale e dell intera Cittadinanza, formulo un augurio affettuoso di buon compleanno a una persona piena di vita, serena e saggia, che nel tempo ci ha insegnato, con la concretezza di un esempio vivente, che la vera giovinezza è quella del cuore!». MF RICCIA - Si sono svolti ieri pomeriggio nel santuario del Carmine i funerali di Antonio Raffaele Sciandra, il riccese trovato senza vita nel pozzo a pochi metri da casa in contrada Castellana, vicino al bosco Mazzocca. Il rito è stato celebrato dopo che il magistrato, una volta espletatata l autopsia, ha disposto i funerali. Le indagini sul corpo del cinquanduenne scomparso domenica sono state accurate e hanno impegnato per parecchie ore i sanitari del Cardarelli di Campobasso. Si attendono ora i risultati per cercare di capire meglio cosa è realmente accaduto. Commossa la partecipazione dei riccesi che si sono stretti con affetto attorno alla famiglia Sciandra per l ultimo saluto ad Antonio. MF IN EVIDENZA Sant Elia a Pianisi - «Quei soldi potrebbero essere spesi per riparare magari qualche buca» Assunzioni, la Reale chiede lumi La minoranza in consiglio vuole spiegazioni sulle procedure adottate nei confronti di tre lavoratori presi per un mese SANT ELIA A PIANISI - La minoranza comunale chiede spiegazioni sulle procedure di assunzione di tre lavoratori per un mese. Il capogruppo Maria Saveria Reale chiede ina interpellanza urgente di «conoscere le motivazioni alla base della scelta di nominare una commissione per l espletamento delle procedure di assunzione, per mesi 1, di n. 3 unità lavorative, di cui 2 da inquadrare nella categoria A1 del vigente CCNL con contratto a tempo determinato 36 ore settimanali e di n 1 da inquadrare nella categoria B1 con contratto a tempo determinato 36 ore settimanali, ricorrendo a due membri esterni all apparato amministrativo comunale e prevedendo per questi ultimi un compenso pari a 1.000,00 euro; somma che magari potrebbe essere utilizzata per riparare qualcuna delle numerose buche delle strade del paese. Non certamente per selezionare un autista e 2 operai. La durata del contratto non giustifica l opportunità di istituire una commissione con membri esterni che comporta un aggravio di costi per il bilancio comunale ove si consideri il periodo di contrattualizzazione - un solo mese- delle unità lavorative, la cui assunzione non richiede una preparazione professionale particolare e potrebbe più opportunamente essere affidata, come fa la maggior parte degli Enti Locali, al Centro provinciale per l impiego senza sostenere costi aggiuntivi. Peraltro, quand anche si fosse voluto far ricorso ad una commissione, sarebbe stato certamente più logico ed economico affidarsi a risorse interne all organico comunale, che presenta professionalità idonee ad assolvere a tale compito. Il D.P.C.M. 23 marzo 1995, richiamato nella Delibera di Giunta del 19/02/2010 parla di compenso base differenziato Maria Saveria Reale, capogruppo di minoranza per i componenti delle commissioni esaminatrici per concorsi relativi ai profili professionali a partire dalla quarta funzionale o categorie equiparate per un compenso di Lire Non si comprende - spiega la Reale - poi come mai viene disatteso l impegno assunto con il documento di programmazione triennale del fabbisogno del personale , contenuto nella Delibera di Giunta n. 42 del 09/12/2009, con la quale è stata modificata ed approvata la nuova pianta organica dell Ente, connessa ad esigenze permanenti in relazione ai processi lavorativi svolti e a quelli che si intendono svolgere, a seguito di una attenta valutazione. Per quale ragione, in presenza della scelta contenute nei provvedimenti richiamati che individuano come prioritaria ed urgente l assunzione a tempo indeterminato di alcune figure professionali per superare l emergenza nella gestione dei servizi comunali, si è attivato un percorso complesso e farraginoso per contrattualizzare tre operatori per solo un mese? Sempre con la stessa Delibera di Giunta si sottolinea la necessità di perseguire la migliore utilizzazione e valorizzazione delle risorse umane, quale applicazione del principio costituzionale del buon andamento della pubblica amministrazione; garantire il funzionamento delle attività istituzionali dell ente per il raggiungimento degli obiettivi generali di efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa". E cosa succederà alla scadenza dei trenta giorni di contratto? Si darà luogo ad una nuova valutazione con la medesima commissione e con ulteriori costi per il Comune? Nel rimarcare l inopportunità della scelta operata dall Esecutivo municipale, che comporta inutili aggravi per il bilancio comunale, si chiede di rivedere e revocare la deliberazione giuntale n. 11 del 19/02/2010, affidando l incarico della selezione al Centro per l impiego o in subordine ad una Commissione formata da personale interno» Questi gli interrogativi che pone la minoranza civica e che attendono risposta. Emmeffe Riccia - Si svolgerà i prossimi 6 e 7 aprile Un corso sulla potatura e la gestione degli oliveti RICCIA - Due giornate dedicate alla divulgazione sulla potatura e la gestione degli oliveti. E l iniziativa organizzata dall Arsiam per martedì 6 e mercoledì 7 aprile nella sala convegni Beato Stefano. Gli interessati ai corsi possono contattare l ufficio operativo di Riccia che si trova in via Calemme 36. L Arsiam svolge servizi inerenti allo sviluppo e alla promozione dell agricoltura nell ambito della regione Molise. In base alla legge regionale del 2004 L Agenzia è organismo tecnico strumentale della Regione, con personalità giuridica di diritto pubblico, ed è dotata di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, gestionale, contabile e finanziaria. L Agenzia, nel quadro della politica agricola comunitaria e nazionale, svolge le proprie funzioni ed attribuzioni secondo gli indirizzi del Consiglio regionale ed in conformità alle direttive della Giunta regionale e dell assessore regionale all Agricoltura, foreste e pesca produttiva, anche in collaborazione con le Province, i Comuni, le Comunità montane e le organizzazioni e le associazioni di settore. L Agenzia persegue diverse finalità istituzionali: ammodernamento, potenziamento, specializzazione e sviluppo razionale delle imprese agricole; predisposizione ed esecuzione di piani e programmi operativi di interesse agricolo riguardanti il miglioramento delle strutture fondiarie ed agrarie approvati dalla Regione; prestazione, su richiesta, di consulenza ed assistenza in materia agricola alle Comunità montane, agli enti territoriali locali e ad altri enti pubblici del settore; orientamento produttivo alle imprese agricole singole od associate per la migliore conduzione e gestione delle aziende o dei fondi; elaborazione e collaborazione esecutiva di progetti di miglioramento fondiario ed agrario, su richiesta dei produttori agricoli singoli od associati; promozione e diffusione della moderna cultura d impresa, funzionale allacostituzione di competitive aziende agricole e zootecniche nelle forme singole od associate; promozione e sostegno alla diffusione ed al trasferimento dell innovazione tecnologica nel settore agricolo, zootecnico, agro-alimentare, agroindustriale, agro-forestale e pesca produttiva; consulenza ed assistenza tecnica in materia di produzione, trasformazione, conservazione, commercializzazione di prodotti agricoli e introduzione di innovazioni tecnico-produttive finalizzate alla tutela della salute degli operatori agricoli, alla salvaguardia dell ambiente naturale, al risparmio energetico ed alla razionalizzazione dei mezzi di produzione; attività di supporto allo sviluppo dell associazionismo; riordino, ricomposizione ed ampliamento fondiario. Mafin

11 Pasqua amara per i lavoratori della struttura medica che opera alle porte di Isernia I dipendenti dell Igea da 4 mesi non percepiscono lo stipendio ISERNIA - Da quattro mesi i dipendenti della Igea medica non percepiscono lo stipendio. In vista delle feste di Pasqua i lavoratori speravano di poter percepire almeno una mensilità arretrata. Le rassicurazione in tal senso erano giunte nei giorni scorsi dall amministratore e dalla proprietà. Ma le promesse sono rimaste tali. «Fino ad oggi - si legge in una nota stringata di tutti i dipendenti - invece è arrivata solo l amara sorpresa senza "uovo". N u l l a!!!». L azienda di Pettoranello s impegna ad effettuare la rotazione nei reparti ove è possibile La cigs tocca 305 lavoratori Parte dal 19 aprile la cassa integrazione straordinaria PETTORANELLO - Riunione a Roma presso il ministero del Lavoro per decidere il futuro dei lavoratori della IT Holding. Ieri è stata firmata la cassa integrazione straordinaria per i dipendenti del gruppo tessile, compreso quelli di Pettoranello. Trecentocinque i lavoratori che dal prossimo 19 aprile saranno collocati in cassa integrazione straordinaria per un periodo di due anni, estensibile a tre. Gli ammortizzatori sociali saranno erogati dalla Regione in attesa che subentri l Inps. Inoltre nel documento redatto un capitolo è stato riservato a chi dovrà usufruire della cassa integrazione. L azienda tessile di Pettoranello si è impegnata ad applicare la rotazione in tutti quei reparti ove possibile. Una riunione lunga e animata ha impegnato dalla tarda mattinata, sino alla serata, i rappresentanti sindacali, le Rsu, regionali e nazionali nella stesura del documento. Ora le comunicazione saranno effettuate ai lavoratori, probabilmente subito dopo le feste sarà indetta una riunione con i dipendenti dello stabilimento di Pettoranello. mpt E il consigliere incontra i soci dell Unione degli ipovendenti a Isernia «Il mio 5 per mille ai ciechi» L iniziativa di Scarabeo dopo l incontro con l associazione L Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti del Molise è una Onlus molto attiva. Oltre a rappresentare e farsi portavoce verso la società e le istituzioni competenti di quelli che sono i problemi e le difficoltà che i suoi soci vivono organizza anche una serie di eventi. Un dato importante a cui le istituzioni locali e regionali dovrebbero guardare con maggiore attenzione, garantendo maggiori risorse finanziarie. La grande sensibilità delle persone colpite da handicap è nota, ma ciò che contraddistingue un non-vedente è qualcosa di ancora più nobile e che lo porta a cogliere aspetti e sfumature della vita, nonostante non riesca a percepirne le forme ed i colori. Per questo, anche il loro punto di vista diventa importante ed utile per chi ha il dovere di amministrare il territorio e di dare le indicazioni di sviluppo allo stesso. E se queste associazioni sono assai importanti nell affrontare i problemi dei propri iscritti, in termini umani e culturali esse rappresentano qualcosa di unico. Sarebbe pertanto opportuno, rimuovere in tempi brevi, tutti gli ostacoli legislativi o amministrativi che negano ad essi, diritti ed opportunità per poter vivere un esistenza normale, mettendoli così nelle condizioni di dedicare tempo e risorse nei diversi aspetti della vita economica, sociale ed amministrativa del territorio in cui vivono. Per questo il consigliere Scarabeo ha deciso di devolvere il 5 per mille della sua imposta all associazione. «A tutti loro voglio esprimere solidarietà ed ammirazione per il continuo impegno che mettono a disposizione per riuscire in ciò che si sono prefissati; dal canto mio, in qualità di rappresentante politico di questa nostra Regione, mi adopererò, da subito, per contribuire affinchè le Istituzioni Molisane siano più sensibili ai loro problemi facilitando il cammino verso il raggiungimento del loro obiettivo». ComUnica, procedure più snelle negli uffici Le imprese non dovranno rivolgersi a diversi enti per le pratiche burocratiche ISERNIA - La Comunicazione Unica - ComUnica - da ieri è diventata l unico strumento per gestire le procedure relative all iscrizione, modificazione e cessazione delle imprese, dirette al Registro Imprese della Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate, Inps e Inail. Un passo avanti all insegna della semplificazione che eviterà alle Imprese di rivolgersi a più Enti per la stessa pratica. Pertanto niente più file, niente più andirivieni fra un Ente ed un altro, la gestione delle imprese avviene tutta on line. A tal proposito si ricorda che la Camera di Commercio di Isernia, nello scorso mese di dicembre, ha indetto quattro giornate di sessioni formative alle quali hanno partecipato oltre 120 persone tra commercialisti, dipendenti di studi professionali e notarili. Per quanto riguarda l Albo delle Imprese Artigiane, invece, si è in attesa di apposita direttiva dalla Regione Molise, competente in materia, per avviare anche per le imprese artigiane la suddetta procedura, fermo restando la competenza della Commissione Provinciale Artigiani per l iscrizione all Albo, la cancellazione e l accertamento dei requisiti tecnico-professionali richiesti dalla legge per l esercizio delle attività. Sul sito sarà disponibile il link del filmato ComUnica che potrà essere visionato anche da

12 12 ISERNIA NUOVO oggi MOLISE IL RITO DELLA PASSIONE La città, insieme alla Chiesa e agli incappucciati, contempla la Passione del Cristo La processione dell Ecce Homo ISERNIA - All imbrunire dalla chiesa di Santa Chiara di Isernia si avvia la processione del Cristo Morto, tradizionale rito religioso che coinvolge l intera comunità. La principale caratteristica della processione del Venerdì Santo è la presenza degli incappucciati, persone col viso coperto da un cappuccio bianco che trasportano - a volte scalzi - le statue della Mater Dolorosa e del Cristo Morto, oltre ai busti degli Ecce Homo, ovvero i busti che raffigurano Cristo dopo la flagellazione, le Croci calvario trasportate a spalla come quella che portò Gesù sul monte Golgota e le Croci della via Crucis. Un lungo corteo attraversa le strade principali della città, tra momenti di preghiera e riflessione. In alcuni angoli caratteristici del centro storico, come in piazza Celestino V, viene realizzato un tappeto di fiori mentre le candele accese illuminano parte del percorso. La città si ferma già dalle prime ore del pomeriggio, quando all interno della chiesa si preparano la statua della Mater Dolorosa e del Cristo Morto. I fiori vengono sistemati sulla statua del Cristo morto, pieno di ferite. Poi i preparativi si concentrano sulla statua della Madre di Gesù, vestita di nero con la testa coronata e il cuore ferito da sette spade. Le sette spade rappresentano per i credenti i sette peccati capitali, mentre per Mauro Gioielli i sette pugnali che colpiscono il cuore della Madre del Salvatore rappresentano i suoi sette dolori: la profezia di Simone, la fuga in Egitto, Strade addobbate con croci di fiori e di candele Gesù smarritosi nel tempio, la Madre incontra il figlio lungo la via di Calvario, la Madonna ai piedi della Croce, la deposizione, con la Vergine, che accoglie tra le braccia il Cristo morto e Maria presso il Sepolcro. Le confraternite di Isernia, Santa Maria del Suffragio, Sant Antonio, San Domenico, San Pietro Celestino, distinguibili dal colore delle mozzette, partecipano alla processione anche se il ruolo principale è svolto dalla Confraternita del Santissimo Sacramento che organizza la sacra rappresentazione. mpt Oggi rivive l antica tradizione con le confraternite di Isernia La messa in Coena Domini ha aperto ieri sera il triduo pasquale La lavanda dei piedi del vescovo Monsignor Visco ha ripetuto in cattedrale il gesto simbolico Francesco Bottone ISERNIA - Con la messa crismale del mattino e con la solenne messa in Coena Domini di ieri sera, la Chiesa pentra è entrata nel mistero della contemplazione del triduo pasquale, fulcro e centro dell anno liturgico e della fede cristiana. Il vescovo di Isernia, monsignor Salvatore Visco, attornianto dai suoi confratelli sacerdoti, ha presieduto, in cattedrale, la celebrazione in ricordo dell ultima cena del Singore. Nel Vangelo di Giovanni il racconto della lavanda dei piedi di Gesù, Dio sceso in terra, che si umilia a bagnare ed asciugare i piedi agli apostoli. Come il Cristo, Monsignor Visco durante la celebrazione di ieri in cattedrale così monsignor Visco, millenni dopo, ha ripetuto quel gesto simbolico. «Non soltanto un atto di umiltà della Chiesa, ma anche e soprattutto di servizio. - ha detto il presule durante l omelia - Il significato di questo gesto simbolico è che io come vescovo, ma anche i sacerdoti e i singoli cristiani, sono tenuti al servizio verso gli altri, al dono, alla carità. Seguendo l esempio di Gesù che lava i piedi agli apostoli, mettendosi al loro servizio, così noi dobbiamo metterci al servizio degli altri, degli umili, dei poveri». Giovani, adulti, bambini, padri di famiglia, hanno partecipato al rito altamente simbolico della lavanda dei piedi. Dopo l intonazione del Gloria le campane hanno suonato per l ultima volta. Sono state legate, come si diceva un tempo, tacciono, perché, insieme al Creato, contemplano il mistero della Passione del Cristo. Torneranno a suonare, annunciando la gloria della Risurrezione, nella notte santa di Pasqua. Dopo la messa di ieri la pisside contenente il Santissimo, le specie eucaristiche, è stata deposta nel sepolcro, dove resterà esposta alla venerazione e all adorazione dei fedeli nelle prossime ore. La storia e le immagini del culto vissuto a Isernia Il rito del Venerdì Santo nel libro della De Simoni ISERNIA - Anche la processione del Venerdì Santo di Isernia figura tra i riti religiosi analizzati in una recente pubblicazione della Direzione regionale per i beni culturali. L ultimo numero della rivista Conoscenze, da poco in distribuzione, è stato interamente dedicato al patrimonio immateriale del Molise. Si tratta di un volume monografico di grande formato (24 per 28) curato da Emilia De Simoni, con moltissime immagini di etnografia visiva di Donato D Alessandro e della stessa De Simoni, ricercatrice presso l Istituto centrale per la demoetnoantropologia di Roma. L opera prende in esame alcune delle più note ricorrenze del Molise celebrate con caratteristici riti popolari, tra cui anche la Processione del Cristo Morto di Isernia, di cui si occupa la De Simoni sulla base di un indagine condotta nel D alta qualità l apparato fotografico, composto di ben 19 foto a colori, alcune stampate a piena pagina. Si possono ammirare le statue di Gesù morto e dell Addolorata, gli incappucciati, i confratelli delle congreghe isernine, i busti dell Ecce Homo, le croci calvario, quelle della Via Crucis e le croci del Sudario. ris

13 NUOVO oggi MOLISE ISERNIA-PROVINCIA Il presidente del movimento chiede l intervento delle forze dell ordine a tutela de «Il cittadino c è» 13 Minacce anonime, Lommano: «Intimidazioni mafiose» La Lega Sannita solidale con il comitato In foto Lommano della Lega Sannita AGNONE - «Intidimidazioni mafiose», è così che il presidente della Lega Sannita, Lorenzo Lommano, definisce gli inquietanti episodi che hanno coinvolto, nel ruolo di vittime, alcuni esponenti del comitato Il cittadino c è. La cronca di queste giornate che precedono la seconda manifestazione di protesta contro i tagli all ospedale di Agnone racconta di reiterati messaggi intimidatori nei confronti di alcuni attivisti del comitato pro Caracciolo. La notizia, di una certa gravità, è rimbalzata dal web sulla stampa locale. E si registrano, ora, le prime reazioni ufficiali. Interviene, esprimendo solidarietà al comitato, la Lega Sannita, per bocca del presidente Lommano. «Se è vero che il comitato Il cittadino c è ha ricevuto insulti e minacce per le sue intrepide e condivise battaglie a difesa dell ospedale di Agnone, ci troviamo di fronte ad un atteggiamento mafioso di puro stampo fascista e piduista. Un fatto di estrema gravità che tenderebbe a colpire la società civile agnonese, ma anche a sopprimere con la forza della minaccia la partecipazione democratica dei cittadini alla scelta del proprio futuro e quello dell ospedale Cracciolo. Noi della Lega Sannita siamo vicini al comitato ed anzi, invitiamo formalmente le Forze dell ordine di Agnone di aprire subito un fascicolo per individuare e colpire penalmente chi si è reso responsabile di tale gravoso crimine. Come ho già detto - continua Lommano - condivido pienamente l appello alla pacaezza del vescovo di Trivento, monsignor Scotti, ma dopo le minacce e gli insulti per destabilizzare il comitato Il cittadino c è siamo disposti a chiamare a raccolta tutti i nostri simpatizzanti per manifestare contro la violenza mafiosa e l atteggiamento camorristico». L esponente politico hannuncia, inoltre, che nei prossimi giorni sarà ad Agnone per un comizio in pubblica piazza sul tema ospedale. fb Agnone - La questione in Consiglio Seduta monotematica sul piano sanitario Su proposta avanzata dai gruppi di opposizione Il consigliere Cacciavillani AGNONE - Piano sanitario, se ne discuterà nel corso di una seduta monotematica del Consiglio comunale, convocata per mercoledì, il 7 aprile, alle ore La battaglia per l ospedale, che coinvolge ormai tutta la città, approda nell aula del Consiglio. I gruppi di minoranza Nuovo Sogno Agnonese e Rinnovare, ai sensi dell articolo 25 dello Statuto, hanno richiesto la convocazione urgente del Consiglio comunale con il seguente argomento all ordine del giorno: «Piano sanitario della Regione Molise per il triennio Piano di rientro per il recupero del deficit economico-finanziario. Ipotesi di razionalizzazione dei servizi socio-sanitari nell ambito distrettuale di Agnone». L assise si riunirà, come di consueto, all interno del palazzo San Francesco, anche se la proposta iniziale era diversa, cioè quella di un consiglio aperto alla partecipazione del cittadini, vista anche l importanza del tema trattato. Spiega infatti il leader dell opposizione Maurizio Cacciavillani: «Era nostra intenzione dare parola a tutti indicendo un Consiglio aperto presso il Teatro Italo Argentino, ma il sindaco De Vita non ha voluto».

14 Al nosocomio di Venafro Ascensore rotto, malati in spalla dai portantini VENAFRO - Come ti lascio morire un ospedale. La porta «scoppiata» di notte una settimana fa e che ha incastrato per mezzora un operatore del 118, rimane in queste condizioni (vedi foto). Da vergogna! L altro ascensore, posto a fianco, non funziona da mesi. I due ascensori servono il vicino reparto di Ortopedia e tutti gli Ambulatori. I malati operati o in condizioni critiche devono essere portati giù a braccio. Sullo stesso piano, di fronte al corridoio del Pronto Soccorso ed a fianco della Guardia Medica, altri due ascensori gemelli (uno a fianco dell altro) sono fuori uso da tempo. Senza che nessuno intervenga. A causa di questo stato di cose, qualche deceduto deve essere portato giù alla Morgue, non con l ascensore, ma sulle spalle degli infermieri. Roba da intervento dei Carabinieri e della Magistratura. Ogni altro commento appare superfluo e lo lasciamo all intelligenza del lettore. Emmelle Intanto a breve potrebbero essere risistemati i vetri e gli infissi rotti da tempo L ospedale non è un ramo secco Il consigliere Scarabeo pronto a manifestare contro la chiusura VENAFRO - Preoccupazioni e rassicurazioni. Sul caso del SS Rosario interviene il consigliere regionale Massimiliano Scarabeo. In un botta e risposta. - A parte la paventata chiusura, è vero che ha sollevato in un interrogazione all assessore Passarelli sulla mancata manutenzione ordinaria e straordinaria dell ospedale? «Si è vero. Ed il commissario mi ha anche risposto da poco» - Quali sono i problemi? «In alcuni dei reparti ci sono infissi rotti o divelti, controsoffittature pericolanti, servizi igienici inutilizzabili, tanto per citarne alcuni. Il problema, purtroppo, è annoso, perchè i danni causati dalle infiltrazioni di acqua piovana, per esempio, stanno a significare che è da molto tempo che nessuno muove un dito per ripararli. Senza contare il degrado delle aree esterne che dimostra a tutti come l ospedale venga trascurato.» - Cosa le ha scritto in merito Passarelli? «Che i danni erano noti da tempo e che prima, per ragioni burocratiche (un contenzioso dinanzi al Tar con la vecchia ditta manutentrice, da poco risolto) non era stato possibile ripararli. Ora il direttore della Asrem ha stipulato una nuova convenzione con la Sirma-Spinosa che dovrà provvedere con priorità assoluta per il SS Rosario di Venafro. La data d intervento è dopo il 15 aprile. Spero che alle promesse seguano fatti concreti» - Che cosa pensa dell ospedale cittadino? «In Commissione Sanità, nell ambito del piano di razionalizzazione della spesa sanitaria regionale, ho rimarcato più volte l importanza dell Ospedale di Venafro. Il SS Rosario rappresenta per il tessuto sociale ed economico dell intero hinterland venfrano, una risorsa importantissima e non un ramo secco da tagliare. Passi per la riorganizzazione, ma attenzione ad eliminare ingiustificatamente reparti e servizi essenziali. Su questo punto darò battaglia senza fare sconti a nessuno» - Se non sarà chiuso - e molti ne sono sicuri - nel frattempo l ospedale viene bistrattato. «Sembra che sia così. Ai già noti problemi legati alla sua razionalizzazione, per l Ospedale di Venafro si aggiunge la beffa della mancanza di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Così come la mancanza di investimenti. Spero che da metà aprile, così come ha promesso l assessore Passarelli, questa tendenza venga invertita». - E la fine di tutto? «Non la penso così, perchè credo che le battaglie dell intera Città, di noi rappresentanti politici, del Comitato pro S.S. Rosario, non resteranno inascoltate. Però sull argomento ci torno ben volentieri. Per ribadire il mio netto e categorico dissenso per tutte quelle azioni che vedono questa struttura sanitaria, privata del suo status di ospedale. Con il ridimensionamento dei servizi essenziali, quali Pronto Soccorso, la Rianimazione e quanto di positivo è rimasto. Le rassicurazioni avute da tutte le parti politiche di questa regione, ora devono tramutarsi in realtà. Anche se c è un fatto incontestabile che non depone a favore dei vertici sanitari regionali: assistiamo ad un degrado che non si addice ad una struttura come la nostra.» - Lei che cosa fa per evitare l irreparabile? «In tutte le sedi, in Commissione Sanità, in Consiglio regionale, in interrogazioni ed interpellanze, in proposte scritte farò di tutto per valorizzare un ospedale che eroga assistenza non solo alla città ma all intero Molise ed oltre. E che soprattutto è attivo economicamente e può diventarlo sempre di più. Basta valorizzare le risorse umane ed investire a medio e lungo termine». - E soddisfatto di tutto ciò? «Assolutamente no. Vigilerò in particolare che alle parole seguano i fatti. L ospedale va salvaguardato. Non è una battaglia soltanto mia ma dell intera Città, alla quale sono legato e per la quale mi sono sempre battuto e continuerò a farlo. Se dovessi riscontrare omissioni o lacune mifarò sentire. Eccome». R.R. E così Sorbo è pronto a manifestare a Campobasso «Nessun segnale di rilancio per il SS Rosario» VENAFRO - Intervista del cittanovista Antonio Sorbo sul SS Rosario. L attacco è durissimo: «Ho la sensazione sgradevole che stanno cercando ancora una volta di prenderci in giro». - Consigliere Sorbo, da qualche tempo lei è rimasto in silenzio. Come mai? «Dopo quanto emerso nella seduta del Consiglio provinciale di un mese fa, nella quale, su nostra iniziativa, si è discusso della situazione dell ospedale di Venafro, ho voluto attendere per capire se alle rassicurazioni fornite dal senatore Di Giacomo, dall assessore Passarelli e dallo stesso presidente Mazzuto seguissero poi fatti concreti. Oggi che le notizie che arrivano da Campobasso ripropongono il forte rischio di chiusura del nostro ospedale ritengo che sia necessario lanciare un ennesimo appello, forse l ultimo, ai venafrani perchè facciano sentire la loro voce». - Ma cosa sta succedendo in questi giorni? «I giornali raccontano bene la situazione nella quale lavorano gli operatori sanitari al Ss. Rosario. Avevano promesso la riattivazione 24 ore su 24 del Pronto Soccorso e della Rianimazione ma di concreto non è accaduto nulla. Non c è un minimo segnale nella direzione del rilancio dell ospedale di Venafro. Anzi si continua a farlo morire piano piano. Medici e paramedici stanno compiendo miracoli, stanno salvando vite umane nonostante le difficoltà e la mancanza di personale. Lavorano in condizioni difficilissime. Molti operatori, medici e non solo, hanno cominciato a guardarsi intorno e, vista la situazione, a cercare una nuova sistemazione. Mi risulta che alcuni hanno chiesto di essere trasferiti presso altri ospedali. Non è previsto il turn over. Insomma, nonostante le chiacchiere, si continua a togliere ossigeno al Ss. Rosario. E tra pochi giorni, in queste condizioni, sarà formulato il piano di riordino della rete ospedaliera. Il fatto che il commissario Iorio e la sub-commissaria Mastrobuono tengano segrete le loro proposte non lascia presagire nulla di buono». - Il rischio è che si arrivi ad una guerra tra poveri... «Già, è proprio così. A forte rischio sono anche altri ospedali, a partire da quello di Agnone. Io ritengo che innanzitutto siamo arrivati a questo punto per la responsabilità solo e soltanto di Michele Iorio e dei suoi collaboratori che nell ultimo decennio hanno gestito male tutto il settore sanitario. Perciò dobbiamo pretendere che, prima di arrivare a tagliare i servizi ai cittadini, si eliminino gli sprechi, che sono tanti, nel sistema sanitario molisano. Si cominci con l eliminare le figure dei coordinatori territoriali delle zone sanitarie, tre o quattro dirigenti, tutti di nomina politica, che ci costano circa 120 mila euro l anno ognuno. Si rimetta mano ai Distretti Sanitari. Poi si taglino i reparti inutili, a partire da quelli che non dovevano essere aperti ad Isernia - penso alla Stroke Unit o al reparto di Neurofisiopatologia. Si taglino i posti letto, come quelli per la chirurgia vascolare sempre ad Isernia, che offrono prestazioni non essenziali, fornite anche da altre strutture. Si riducano in modo drastico le elefantiache strutture amministrative, piene zeppe di persone che spesso non sanno come passare il tempo. Si rispediscano nei reparti quegli operatori sanitari che sono riusciti ad imboscarsi negli uffici. Si eliminino per davvero i doppioni. Si rivedano i rapporti con le strutture private in modo serio. E si faccia una seria valutazione dei costi. Poi si tengano presenti anche altri elementi, come le conseguenze sociali ed economiche provocate al territorio dalla chiusura degli ospedali. Secondo un progetto complessivo che coinvolga tutti gli ospedali. Su questo terreno penso che si possa combattere una battaglia comune con chi, come noi a Venafro, si sta battendo per la difesa degli ospedali di Agnone e Larino». - Lei cosa intende fare in questa fase? «Innanzitutto confermo il mio pieno sostegno a tutte le azioni del Comitato Pro Ss. Rosario che invito a mettere in campo ogni iniziativa, anche la più estrema, a difesa del nostro ospedale. Oggi stesso spedirò una lettera al presidente Iorio e al sub-commissario Mastrobuono, nella mia qualità di consigliere provinciale e comunale, per sapere se, nella redazione del nuovo Piano di riordino della rete ospedaliera, hanno tenuto in considerazione, relativamente al Ss. Rosario, quanto richiesto dal Consiglio comunale di Venafro, dal Consiglio provinciale di Isernia e dal Comitato. Inoltre l 8 aprile sarò a Campobasso a manifestare davanti alla sede della Regione insieme ai comitati di Agnone e di Venafro. Lancio un appello a tutti i cittadini venafrani a partecipare: è ora di non mollare».

15 NUOVO oggi MOLISE VENAFRO-AREA VOLTURNO Gli impegni prevedono inoltre studi sulla flora, sulla fauna e sugli aspetti sismici Ripulito il parco pluviale I dipendenti dell osservatorio all opera lungo il Volturno 15 COLLI A VOLTURNO - L osservatorio ambientale permanente della biodiversità al lavoro sul territorio. Giornata trascorsa presso il parco fluviale del Volturno all insegna della biodiversità e dell amore per il proprio lavoro. Particolari ricerche verranno effettuate sulla zona naturalistica. Entra a pieno regime l attività sul territorio dell osservatorio ambientale permanente della biodiversità di Colli a Volturno. Nella mattinata di ieri, i dipendenti della nuova struttura con sede nel popoloso comune della Valle del Volturno si sono recati presso il parco fluviale del Volturno, nota zona naturalistica per avviare diverse attività stipulate grazie ad apposito convenzione effettuata con il gestore della zona particolarmente ricca di biodiversità. Sul posto, oltre da una vera e propria riqualificazione urbana di tutta l area, si provvederà all effettuazione di studi dettagliati sulla flora, sulla fauna e sugli aspetti sismici, si individueranno zone per piantare alberi e piante particolari e soprattutto si effettueranno campagne di osservazione di animali tipici della zona. Un attività di grande interesse scientifico ed ambientale. Infatti, i dipendenti dell osservatorio, guidati dall attiva Carmela Colozza, dirigente del personale e della Società cooperativa «Consulenza e Lavoro», approfittando della giornata soleggiata, hanno provveduto anche alla ripulitura complessiva dell area del parco fluviale, eliminando rifiuti, provvedendo al taglio dell erba in eccesso e attivandosi per preservare le strutture realizzate in zone come staccionate in legno, panchine e quant altro. Inoltre, i dipendenti dell osservatorio collese hanno provveduto anche alla tabellazione verde, se cosó si può dire, di tutta la zona, invitando coloro che usufruiscono del parco fluviale del Volturno a non gettare rifiuti sul terreno e quindi all utilizzo degli appositi contenitori. Veramente un bel gesto da parte dell osservatorio ambientale della biodiversità di Colli a Volturno, che oltre a perseguire gli obiettivi del progetto che comprende numerosi partner, tra cui il comune di Colli a Volturno, si sta adoperando anche in altre iniziative di interesse comune, legate alla biodiversità e soprattutto sotto gli occhi di tutti. Nel prossimo futuro si ripeteranno giornate simili, come assicurato anche dai dirigenti della struttura che si stanno preparando ora per l inaugurazione ufficiale della sede di Colli a Volturno che si svolgerà il prossimo 23 aprile. Un primo passo verso l amore per l ambiente è stato effettuato. Ora continueranno tutte le ricerche e soprattutto il progetto avviato da oltre un mese, che vedrà l osservatorio protagonista di studi approfonditi sul cambiamento del paesaggio della zona mainardica legato ad eventi sismici e I sindaci affrontano il tema: gestione e raccolta dei rifiuti L ente montano del Volturno discute di differenziata COMUNITA Montana del Volturno - Convocata la consulta dei sindaci. Si discuterà del servizio di raccolta rifiuti. Riunione di grande importanza. L amministratore straordinario della Comunità Montana del Volturno, Antonio Di Ludovico, ha convocato la consulta di tutti i sindaci dei comuni che rientrano nel territorio dell ente montano. La riunione è stata fissata per il prossimo 12 aprile a partire dalle ore all interno della sede di via Conca Casale a Venafro. Si discuterà dell argomento importante riguardante le novità introdotte in materia di gestione e raccolta di rifiuti. Bisognerà individuare al più presto, come specifica anche Di Ludovico nella nota, le strategie e le iniziative per il raggiungimento degli obiettivi imposti dalla legge in materia. In particolar modo, l incontro, servirà per fare chiarezza sulla gestione del servizio di raccolta e smaltimento, alla luce delle reali e sostanziali novità apportate dal Decreto ministeriale del 13 luglio 2009 inerente soprattutto la disciplina dei centri raccolta dei rifiuti e di tutte quelle strutture indispensabili per il servizio al cittadino e alle imprese, per una corretta gestione dei rifiuti e per l implementazione della raccolta differenziata. In tale occasione, sarà anche possibile valutare l opportunità di riproporre il servizio, prorogato fino al 30 giugno 2010, evitando, così contrattempi che potrebbero minare la possibilità di poter operare in tutti comuni appartenenti al territorio dell ente, secondo le chiare disposizioni ambientali e contrattuali. mi.vi. a qualsiasi spostamento di fauna e cambiamento della flora. michele visco Giornata della solidarietà Anche Colli aderisce In piazza della Repubblica lo stand dell Anlaids per acquistare i bonsai COLLI A VOLTURNO - L Associazione Turistica Pro Loco di Colli a Volturno ha aderito all iniziativa «Giornate della solidarietà» organizzata a livello Nazionale dall ANLAIDS onlus, Associazione Nazionale per la Lotta contro l Aids. Anche quest anno torna Bonsai Aid AIDS sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica e l iniziativa coinvolge tremila piazze di tutta Italia per la raccolta di donazioni a favore della ricerca e della prevenzione dell aids. Da oggi sino a domenica 4 aprile anche a Colli a Volturno, in piazza San Leonardo, sarà possibile reperire materiale informativo e gadgets inerenti l iniziativa e sottoscrivere libere donazioni a sostegno dell ANLAIDS acquistando una piantina di bonsai. Le donazioni potranno essere detratte ai fini fiscali. mi.vi.

16 TERMOLI 2010 Sotto la lente la forza del partito «E quel 9% che serve per poter dare battaglia al centrodestra» Il segretario regionale Danilo Leva: «Certo, per sposarsi bisogna che entrambi siano d accordo!» Apparentamento, il Pd ci crede PER la serie "senza di noi non si può vincere da nessuna parte". Potrebbe essere questo il succo del discorso di Danilo Leva, segretario regionale del Partito Democratico, in vista della tornata di ballottaggio e della necessità (per il centrosinistra) di realizzare quegli apparentamenti che potrebbero portare i vari partiti quanto meno a giocarsela con il centrodestra. D altronde le parole di Leva sono precise e dirette. Poco incline a giochi di parole, il giovane segretario del Pd (con al fianco la candidata sindaco Erminia Gatti, il vicesegretario Francesco Totaro e alcuni candidati consiglieri comunali come La proposta dei Democratici «Volontà incondizionata» Franco Scurti, Laura Venittelli, Salvatore Di Francia e Sebastiano Di Campli), va dritto al punto: «abbiamo voluto convocare questa conferenza stampa per ribadire la nostra volontà incondizionata di realizzare l apparentamento in vista del ballottaggio». Leva riprende le dichiarazioni che in tempi e modi diversi i vari rappresentanti del Pd avevano fatto subito dopo la tornata elettorale. «Vogliamo realizzare una nuova stagione di unità e sintesi che deve partire con il ballottaggio e deve guardare oltre, fino alle provinciali e alle regionali». Sì perché se il centrosinistra dovesse perdere (con percentuali imbarazzanti) verrebbero messe realmente a rischio le tornate per le provinciali e le regionali. Si sa, infatti, quanto in politica il torto fatto una volta venga ricordato per sempre. Ecco, Oggi, alle 11, conferenza stampa presso la sede elettorale... E Filippo tira le somme sui risultati IL momento è di quelli delicati perché si decide il futuro di tutta la coalizione di centrosinistra. Sotto la lente, infatti, anche la soprattivenza politica in vista del ballottaggio, delle provinciali e delle regionali. E mentre le telefonate si rincorrono per cercare quell apparentamento dell ultimo minuto che potrebbe dare qualche possibilità in più di battere il centrodestra, Filippo Monaco, candidato a sindaco del centrosinistra, vuole tracciare le linee in vista della tornata elettorale. L incontro per parlare dei risultati delle elezioni amministrative. E chissà se Monaco accetterà la proposta fatta dal Partito Democratico per bocca del suo segretario, Danilo Leva, di correre tutti insieme e, quindi, di apparentarsi in vista delle amministrative. red.tm. quindi, che il Pd (reduce da una campagna elettorale che lo ha visto attestarsi intorno al 6% con i voti di lista e intorno al 9% con il suo candidato sindaco) getta le carte sul tavolo affinché qualcuno le possa raccogliere e utilizzare. «Vogliamo creare un clima di distensione anche se sappiamo che si tratta di una partita in salita e non in discesa». Sotto la lente, infatti, non c è solo il centrodestra contro il quale dover vincere, ma anche una incognita non di poco conto: Filippo Monaco accetterà di firmare l apparentamento per il turno di ballottaggio? «Certo bisogna essere in due per realizzare un matrimonio - ha affermato Leva - noi non possiamo costringere nessuno». Il ballottaggio, però, porterebbe dei vantaggi da ambo i lati: per il candidato sindaco significherebbe approfittare dei voti raccolti nel corso del primo turno e per il Pd significherebbe porre il simbolo del partito sulla scheda elettorale. Evitando, quindi, di scomparire del tutto. «Noi ci siamo sempre presentati come una forza di centrosinistra ma alternativa a quelle già in corsa - ha tenuto a specificare Erminia Gatti - dobbiamo riconoscere il buon risultato elettorale di Filippo ma dobbiamo anche far notare che noi abbiamo preso una buona percentuale di voti. Vogliamo anche che sia chiaro che la nostra volontà di apparentamento non significa spartirsi poltrone e deleghe ma assunzione di responsabilità. Pensiamo che se Monaco vuole vincere non può non considerarci». «E strano - ha fatto eco Leva - che una persona che dice di fare parte del Pd non voglia l apparentamento. Da parte mia non voglio che accada come con la Pietropaolo (che andò al ballottaggio delle amministrative con Remo Di Giandomenico e non volle fare l apparentamento con Rifondazione Comunista. In quell occasione il centrosinistra prese una sonora batosta, ndr). Abbiamo già sentito le dichiarazioni di Monaco dei giorni scorsi - ha continuato Leva - e spero che a quelle dichiarazioni vengano fuori fatti». E a chi gli chiede come mai fino a qualche giorno fa il Pd ha voluto seguire una linea alternativa e adesso, invece, ha deciso di apparentarsi con Monaco, Leva risponde senza mezzi termini: «la collocazione del Partito Democratico è senza dubbi. Noi facciamo parte del centrosinitra. Il nostro avversario è il centrodestra. E penso che ci sia bisogno del nostro 9% per fare una campagna elettorale più competitiva grazie alla quale tornare alla vittoria contro il centrodestra e riaprire una prospettiva nuova e di grande responsabilità». Una conferenza stampa dove non potevano mancare considerazioni sul risultato di tutto il centrosinistra, non solo del Partito Democratico. A puntare l accento sulla questione è stato il vicesegretario regionale Francesco Totaro. «Tutti i partiti del centrosinistra hanno perso diversi punti percentuale. L IdV ha perso quasi il 20% e il Pd l 8%. Sono risultati che devono far riflettere. Questo però - ha continuato Totaro - non è il momento di trovare colpe e responsabilità». «Il nostro 5.68% non è certo un risultato positivo - ha continuato Leva - ma va inserito nel risultato complessivo del centrosinistra. La domanda a questo punto è: come superare questi confini? Per quello che ci riguarda dobbiamo tornare ad avere un rapporto più stretto con i cittadini». Michela Bevilacqua

17 NUOVO oggi MOLISE TERMOLI 17 IN ATTESA DEL BALLOTTAGGIO Il gossip politico di questi giorni si arricchirà di punti di contatto a caccia dell ultimo voto Immediata la smentita del candidato del centrosinistra. C è chi giura che sia vero Metti una sera a cena... Il sito primapaginamolise.it annuncia un incontro a sorpresa tra Filippo Monaco e Remo Di Giandomenico e la notizia corre LA notizia, manco a dirlo, ha fatto il giro della città. Tra curiosità e incredulità. Ma vale la pena raccontarla e perché no anche commentarla e alimentarla. Primapaginamolise.it, dell editore Nicola Dell Omo, ha messo in rete un lancio attraverso il quale ha annunciata la cena tra il candidato che andrà al ballottaggio Filippo Monaco e il candidato che potrebbe sostenerlo Remo Di Giandomenico. Un incontro riservato in un noto albergo sulla Statale 87 dove seduti uno di fronte all altro si sarebbe parlato del tempo che fa sulla costa e delle ultime specialità marinare. Argomento vietato: le elezioni comunali! Vera o falsa la cena, oppure veri o falsi gli argomenti trattati? Vero tutto o il contrario di tutti quando si tratta di parlare di politica e soprattutto di amministrative quando i protagonisti della cena sono due personaggi di tale spessore. Vuoi vedere che il Gattone si mette d accordo con il diavolo pur di fare un dispetto a Michele Iorio e al suo candidato Antonio Basso Di Brino? Intanto ieri alle in tutte le redazioni è giunta una nota di poche righe di smentita della notizia da parte di Monaco che reciat: «Smentisco categoricamente l indiscrezione avanzata nell articolo apparso sulla testata "Prima Pagina Molise", sulla presunta cena che si sarebbe consumata in un locale nei pressi della statale 87 tra me e il candidato sindaco Di Giandomenico. L appartenenza politica a due schieramenti contrapposti esclude assolutamente qualsiasi ipotesi di apparentamento e/o di possibili accordi "sottobanco"». Un discorso che non ammette repliche di nessun genere e che dovrebbe sgombrare il campo da qualsiasi possibile ipotesi. Qualcuno però ha fatto notare che se Monaco ha smentito dalla segreteria di Di Giandomenico non è Antonio Di Brino Filippo Monaco partito nessun fax e nessuna . Del resto, come è nel suo costume, Remo non si sogna di fare alcun passo in senso opposto. Creare un po di brivido in questa campagna elettorale così impegnativa con 541 candidati alla poltrona di consigliere non guasta. E non sarà l ultimo punto di contatto o presunto tale tra i due candidati che andranno al ballottaggio. Non a caso già martedì girava la voce che il primo a chiamare Antonio Fasciano fosse stato proprio Di Brino. Non un semplice saluto ma qualcosa di più per poter magari contare anche sul Bene Comune. Anche queste sono voci o come qualcuno che ama le lingue straniere i soliti rumors. Certo che questa appendice elettorale non fa altro che allungare i tempi di cui è già stata scritta da parecchio la parola fine. Pino Cavuoti LA CURIOSITA La consegna degli amici ad Antonio Sivilla e Giorgio Basilico detto Spumantino Senza voti ma con il Tapiro CHE bello quando la corsa alla preferenze invece che diventare occasione di liti e polemiche può diventare un momento da festeggiare con gli amici. Magari con la consegna di un bel tapiro come è accaduto in queste ultime ore a Termoli. E accaduto per Antonio Sivilla al quale è stato consegnato un bel tapiro con la seguente e indiscutibile motivazione: «Candidato per la lista "Libera Termoli", ha ottenuto una sola preferenza accordatagli da un suo amico domiciliato tra l altro a Montecilfone, quindi non si è votato nemmeno lui stesso». Secondo tapiro è stato riservato a Giorgio Basilico trombato (detto Spumantino). Motivazione: «Candidato per la Democrazia cristiana ha ottenuto 5 preferenze nonostante la sua famiglia sia composta di 6 persone tutti votanti e nonostante le promesse degli amici di Facebook fossero state di 265 voti certi. E in atto da parte dell interessato un ricorso al Tar contro gli amici che hanno usufruito dei vari banchetti elettorali organizzati dallo stesso per esprimere le proprie idee in materia». Visitate il sito di Giorgio www. giorgiospumantino.it. E a questo punto sotto a chi tocca, non saranno entrati in Consiglio ma vuoi mettere un bel Tapiro! Micky Guidetti La consegna ad Antonio Sivilla e Giorgio Basilico detto Spumantino (sotto) Cocomazzi rinnova la sua fedeltà a Di Brino Ho un solo e unico sindaco: si chiama Basso IL gioco degli avvicinamenti pro ballottaggio non sta risparmiando nessuno. Nella macchina tritatutto viene inserito persino Michele Cocomazzi, il super votato dell Udc che ha inviato una pepata lettera per chiarire la sua posizione con tanto di foto in cui è amabilmente in conversazione con Antonio Di Brino. Quando l immagine può più delle parole. «E assolutamente vergognoso l ennesimo gesto denigratorio che devo apprendere sia stato fatto circolare negli ambienti politici e non solo della città circa un mio cointeressamento ad un sostegno elettorale al candidato sindaco della sinistra Filippo Monaco. Io sono il segretario Udc, un partito che con la consistenza dei sui numeri ha stravinto le elezioni amministrative attestando suoi 3 uomini in testa alla classifica assoluta delle preferenze, così confermando di essere la seconda forza politica di Termoli ed ottenendo che all interno del nuovo consiglio comunale siederanno 5 suoi rappresentanti. Il mio sindaco si chiama Antonio Basso Di Brino affianco al quale il sottoscritto costituirà una grande squadra di governo! Il resto è il frutto di una speranzosa quanto improbabile messa in scena politica di chi non ha argomentazioni credibili ne possibilità di attingere a numeri che garantiscano una serena governabilità. L unico vero presupposto legato a una fantomatica vittoria di Filippo Monaco - in virtù del risultato elettorale dirompente delle liste della nostra coalizione - sarebbe da riconnettersi ad un triste epilogo di commissariamento immediato che certo non gioverebbe alla città. Tutto il resto è noia. Andiamo alle urne per il degno e legittimo atto definitivo di consenso che finalmente spalanchi le porte a un governo duraturo, competente, di una nuova classe dirigente, assolutamente stabile sotto la guida di Antonio Di Brino».

18 18 TERMOLI-LITORALE NUOVO oggi MOLISE IN PRIMO PIANO Le dichiarazioni dopo la notizia del furgone Areva a Termoli «Andrò fino in fondo per capire cosa succede» Fasciano pronto alla battaglia Indagine post terremoto Silcra, chiesta l archiviazione Il fascicolo sulla sistemazione di contrada Pozzo Berardinelli «ANDRO fino in fondo per capire cosa sta succedendo». La presenza di un furgone Areva a Termoli, il 21 marzo scorso, preoccupa il coordinatore regionale di «Per il Bene Comune», Antonio Fasciano, fino a poche ore fa candidato a sindaco di Termoli. L Areva, come evidenziato tra le colonne del nostro giornale già nell edizione di ieri, è una multinazionale francese che opera nel settore dell energia: i costruttori Areva sono tra i più famosi in ambito mondiale per la realizzazione di centrali atomiche. Ecco che la presenza del mezzo della ditta francese a Termoli ha fatto scattare un campanello d allarme nella mente di Fasciano: il blogger termolese ha addirittura seguito i movimenti del furgone. Fasciano non si ferma e vuole vederci chiaro: vuole sapere il perché di questa visita. «La cosa mi fa pensare», ha detto Fasciano ribadendo la necessità di conoscere le motivazioni della presenza di Areva in basso Molise. Quel furgone avrebbe infatti raggiunto la zona di San Martino in Pensilis preposta al parco eolico. Areva è in Molise per l energia eolica? C è per caso di mezzo l ipotesi nucleare? Tutti quesiti ai quali bisogna dare risposta. Antonio Fasciano incalza e ha gli occhi spalancati. L esponente di «Per il Bene Comune» ha sempre La macchina dell Arevo parcheggiata in centro portato avanti la battaglia contro la paventata realizzazione di un impianto atomico. Il no al nucleare è ormai cosa risaputa e Fasciano lo ha evidenziato ben prima che scendesse in campo con l obiettivo di fare il sindaco di Termoli. Il terrore che il basso Molise possa ospitare una centrale nucleare è in auge, non sparisce. «Io vigilerò e mi batterò sempre contro ogni minima ipotesi di nucleare e voglio sapere perchè Areva è stata a Termoli». Fasciano resta vigile insieme alla squadra che con tenacia lo ha sostenuto in questa ultima campagna elettorale. La sede del tribunale di Larino PER il pubblico ministero Luca Venturi non ci sarebbero gli estremi per ravvisare l ipotesi di reato di «corruzione». E per questo motivo che il Pm ha chiesto l archiviazione di uno stralcio dell inchiesta postsisma che ha riguardato il Comune di Colletorto. Lo stralcio dell inchiesta riguardava i lavori di risanamento idrogeologico di contrada Pozzo Berardinelli. In un primo momento furono indagati il costruttore Giovanni Martino (condannato in via definitiva per il crollo della scuola Jovine di San Giuliano di Puglia), l ingegnere Donati e l ex primo cittadino di Colletorto Antonio Mucciaccio. Stando alle ricostruzioni i primi due avrebbero ottenuto un appalto dall ex sindaco di Colletorto per eseguire i lavori di risanamento idrogeologico di Contrada Pozzo Berardinelli. Nella commissione che ha assegnato i lavori era presente un ingegnere che successivamente in un altra occasione ha ottenuto lavori per un fatturato di 200mila euro dall impresa proprietaria del fratello di Donati. Questa parte dell inchiesta è stata stralciata dal filone principale che vede coinvolto anche il consigliere regionale Quintino Pallante. Il pubblico ministero, però, non ha ravvisato gli estremi per l ipotesi di reato di corruzione e quindi ha chiesto l archiviazione. Una richiesta che è stata sostenuta anche dalla difesa rappresentata dall avvocato Gianfederico Cecanese. Il gup del tribunale di Larino, Roberto Veneziano, dopo aver ascoltato la richiesta delle parti, si è riservato la decisione che dovrebbe essere emessa entro cinque giorni. Quindi appena dopo Pasqua. Mic. Bev. La mostra fotografica al Castello Svevo resterà aperta al pubblico fino al 6 aprile Gli scatti in bianco e nero Il debutto di Basso Fiorilli per fermare il tempo L ordinanza della Capitaneria di porto di Termoli Interdetta la banchina d imbarco al molo nord-est INTERDETTA a tempo indeterminato la banchina del molo nord-est dove di solito viene effettuato l imbarco per le isole Tremiti. A causa del fenomeno di sgrottamento e di cedimento del manto stradale è venuta meno la sicurezza di quel tratto di banchina. Un accurato sopralluogo del personale della Capitaneria di porto di Termoli ha consigliato il comandante, Raffaele Esposito, un apposita ordinanza con effetto immediato. Comunicazione è stata inviata al Comune di Termoli, alle forze dell ordine della città e alla Procura della Repubblica di Larino. PRIMA personale per il 26enne Basso Fiorilli che fino a martedì 6 aprile espone le sue foto in bianco e nero nelle sale del castello Svevo a Termoli. Esordio fotografico con la benedizione di Salvatore Marinucci, presidente dell associazione Amici del Borgo Vecchio. Cinquanta scatti realizzati negli ultimi cinque mesi con una Nikon D200 andando a spasso per Termoli, Tufillo, Campobasso, Palmoli, Ferrazzano o Poggio Sannita. Ed ecco le immagini che parlano con un vecchio seduto, una lunga fila di Vespa d epoca, una focaccia tirata da un forno a legna, un anziano che scruta lontano. Segni di un tempo che passa come il passare delle ore di un orologio che Fiorilli ha immortalato. Una mostra tutta da vedere per un apprezzabile impegno alla ricerca di foto originali. Scatti d autore per l esordiente Basso Fiorilli

19 NUOVO oggi MOLISE BASSO MOLISE 19 MONTENERO 2010 «Visti i numeri raggiunti avremmo ottenuto il successo anche con due sole liste in gara» «E arrivato il momento di iniziare a lavorare per il bene di tutti» Il passaggio di consegne dalle mani del primo cittadino uscente Giuseppe D Ascenzo «Un grazie di vero cuore a tutti» Il neo sindaco del paese bassomolisano entra ufficialmente in Municipio «RINGRAZIAMO di cuore tutti i cittadini di Montenero per aver dato un forte segnale di rinnovamento nella politica locale». E quanto affermano in un comunicato i candidati ed i consiglieri eletti della lista «Uniti per Montenero», che giunge a conclusione di una tornata elettorale appassionante e ricca di colpi di scena. Dopo il passaggio di consegne in Municipio tra il nuovo sindaco Nicola Travaglini e l uscente Giuseppe D Ascenzo, nella squadra del neoeletto a dominare è ancora una volta il sentimento di viva riconoscenza nei confronti dell elettorato per la fiducia accordata e per la vittoria scaturita dalla urne. Orgoglio e soddisfazione per un successo che «visti i numeri raggiunti - continuano i candidati nella nota - avremmo ottenuto anche con due sole liste in gara», che si accompagnano ad una profonda determinazione ad operare per il futuro e l interesse del paese con l amministrazione appena costituita. «Adesso però è arrivato il momento di iniziare a lavorare - si legge in conclusione - Opereremo per il bene di tutto il paese, lasciando da parte guerre ideologiche che non ci appartengono. Grazie Montenero». Laura D Angelo IN EVIDENZA «FLE, qumesht e kafè»: il Bed & Breakfast arberesh. Con l arrivo della bella stagione il basso Molise attrae turisti. Tra le strutture ricettive che si vanno sempre più affermando i Bed & Breakfast sono sempre più gettonati. Anche nelle comunità di minoranza linguistica questi esercizi non mancano. Anzi si caratterizzano per loro denominazione. Se, infatti, la lingua italiana non è riuscita a trovare un nome italico al Bed & Breakfast, quella arbereshe si. E il «Fle, qumésht e kafè», letteralmente dormi, latte e caffè. Un vanto per gli Sportelli Il b&b tutto... arbéresch Le comunità di minoranza linguistica guardano al turismo Un piccolo vanto e orgoglio dello Sportello Linguistico Regionale di area albanofona è stato proprio il riuscire nella creazione del neologismo Fle, qumesht e kafè (letteralmente dormi, latte e caffè) per designare proprio il servizio che offre pernottamento e prima colazione. Il neologismo arriva naturalmente dal lontano lessico del popolo arberesh. E DOTTORE in Lettere a soli 21 anni. Antonello Fabio Caterino lo scorso 25 marzo presso l Università degli Studi «La Sapienza» di Roma si è brillantemente laureato con la massima votazione: il lusinghiero 110 e lode. La tesi del giovanissimo ururese ha preso in esame due testi di un autore inedito Tito Strozzi. Questo autore ha prodotto soltanto quattro opere, delle quali, due sono state studiate dal professor Italo Pantani relatore del neo dottore Antonello Fabio. Agli auguri per il traguardo raggiunto e per nuovi successi, di papà Michele, responsabile dello stabilimento Umbria Tessile di Termoli, della mamma Anna Miozzi e dell amatissimo nonno Giacinto, si associano gli zii Emilio e Franca D Arienzo e famiglia nonché la redazione di Nuovo Molise. Antonello Fabio diventa dottore L angolo degli auguri Happy birthday Antonella! «QUESTO è un piccolo pensiero per dimostrarti quanto sei speciale e importante per noi, per tutto l amore e l affetto che ci hai dato in questi meravigliosi 50 anni possiamo dirti grazie di cuore mamma. Ti vogliamo tanto bene. Gli auguri più speciali sono i nostri». Ad Antonella gli auguri più cari dai figli Antonio, Tina, Nicola e Marianna e dal marito Vittorio. così nella realizzazione della cartellonistica bilingue affissa negli edifici pubblici e a rilevanza sociale, non arrendendosi all inglesismo, le operatrici dello Sportello Polifunzionale di Montecilfone, dopo tanti lemmi, circonlocuzioni e parafrasi sono finalmente giunte al risultato desiderato, esclamando a gjetem! (l abbiamo trovata -la parola-). La notizia della piccola grande trovata ha varcato anche i confini della nostra Regione. Gli Sportelli Linguistici del Molise infatti sono stati ospiti della trasmissione di approfondimento della Rai «Quello che...» andata in onda su Rai 1 e Rai 2, dopo che la troupe ha visitato le nostre sette comunità alloglotte, per un amplio servizio sulla cultura degli arbereshe. Non si può a questo punto non lanciare una proposta agli altri fratelli Arbereshe d Italia: che possa diventare un «copyright» da esportare? Angela Carafa

20 22 LARINO-AREA FRENTANA NUOVO oggi MOLISE SANITA Larino - La situazione è incandescente: a rimetterci i pazienti Il comitato pro Vietri torna all attacco con fermezza «I malati? Sempre fuori regione» LARINO - Dopo l affollata assemblea pubblica svoltasi lo scorso 26 marzo, il comitato civico pro Vietri torna a far sentire la sua voce, lo fa con una nota nella quale vengono rivolte pesanti critiche al presidente della regione nonché commissario per il piano di rientro dal deficit sanitario regionale Michele Iorio. "Alla luce di quanto è scaturito dall infuocato dibattito dello scorso 26 marzo il Comitato Civico Pro Vietri si sente autorizzato, vista anche la massiccia partecipazione di cittadini, ad intensificare la sua azione di coordinamento e di stimolo in difesa dell ospedale Vietri che rimane una sentinella indispensabile della salute di un territorio in cui la maggior parte della popolazione vive in forte indigenza, in gravi restrizioni, in condizioni abitative disagiate e in assenza di un lavoro sicuro e dignitoso. La latitanza - scrivono i rappresentanti del comitato civico - di una pubblica amministrazione, carente di scelte programmatiche e bloccata da una incredibile sudditanza clientelare, costituisce una pesante palla al piede per chiunque voglia contribuire al riscatto di legittimi e sacrosanti diritti. La necessità di aprire un pubblico dibattito, secondo quanto richiesto dal consigliere regionale Michele Pietraroia, non riceve consenso nella giunta regionale del Molise, dal momento che il Presidente Iorio, Commissario, non riesce (forse non vuole!) a trovare l intesa nell ambito degli addetti alla elaborazione del cosiddetto"piano di rientro". E evidente - continuano gli esponenti del comitato - che il dissesto e il disastro della sanità molisana superano ogni confine! Le tasse a carico dei molisani, già onerose, lieviteranno a dismisura e il popolo dei poveri aumenterà in modo spaventoso. I fondi FAS,destinati a risollevare le aree sottoutilizzate, finiranno per ricoprire gli sprechi operati a favore dei portaborse, dei consulenti, delle feste e delle sagre, delle gratificazioni clientelari. I poveri - concludono - diventeranno sempre più poveri, e i malati saranno sempre più costretti a trovare assistenza fuori regione". il Comitato prosegue dunque con lo stato di agitazione e fa sapere all opinione pubblica, all amministrazione comunale ed al governo regionale che non intende fermarsi. Da.Vi. Larino - Dopo numerosi rinvii Circolo Pd, il 18 il congresso LARINO - Dopo tanti rinvii e nulla di fatto, che avevano alimentato perplessità e sfiducia non solo tra i tesserati, adesso è ufficiale: il congresso del circolo del Partito Democratico di Larino si terrà domenica 18 Aprile, esattamente una settimana dopo il turno di ballottaggio per l elezione del nuovo sindaco di Termoli. L indicazione della data trova conferma nella trasmissione, da parte della struttura regionale del partito, delle lettere di convocazione ai duecento iscritti del circolo frentano, che saranno chiamati al voto per eleggere il nuovo segretario ed i ventitre componenti del direttivo del partito. Avranno, lo ricordiamo, diritto di voto nel congresso tutti coloro che si sono iscritti al partito entro la data del 21 luglio 2009, come confermato dal documento diramato dalla segreteria regionale il 18 marzo I candidati al vertice della segreteria del PD sono due: Alfredo Puntillo espressione dei gruppi di maggioranza che fanno capo a D Alete e Ruta, e Claudio Nuonno, espressione della componente anch essa di maggioranza che fa capo a Totaro, il quale potrebbe ottenere il sostegno del gruppo di minoranza che fa riferimento a Petraroia, che finora non ha ufficializzato alcuna candidatura. Il segretario ed i ventitre componenti del direttivo del circolo verranno eletti con sistema proporzionale puro, in base cioè ai voti che riporteranno le liste in competizione. Questi dunque gli elementi certi in vista del tanto atteso congresso del circolo PD di Larino. Alla luce dei deludenti risultati registrati dal Pd nelle amministrative di Montenero e Termoli, sarebbe auspicabile che il PD frentano ritrovi lo spirito unitario per riconquistare credibilità. Davide Vitiello Casacalenda - «I colori della vita»: al concorso hanno preso parte anche gli alunni dell Elementare «La speranza è un filo che ci unisce» Meritato premio per il collage di Marilisa D Imperio CASACALENDA - Si è concluso la settimana scorsa «I colori della vita», concorso organizzato dall Istituto comprensivo "Francesco Jovine" di San Giuliano di Puglia, Colletorto e Bonefro. Hanno preso parte alla quinta edizione del progetto alunni di tutta Italia realizzando disegni, poesie e collage rivolti al tema di quest edizione: l esistenza umana individuale e collettiva. Anche gli studenti delle classi I, II e V elementare di Casacalenda, guidati dall insegnante Mariacarmela Guerrera, hanno rinnovato quest anno la partecipazione all iniziativa che la scuola primaria del centro kalendino segue dalla prima edizione. «E stato un momento importante per i bambini sia sul piano didattico che su Il collage di Marilisa D Imperio La classe terza dell Elementare di Casacalenda quello emotivo - ha spiegato la maestra Guerrera - Gli alunni hanno rivissuto i momenti del terremoto (dell ottobre del 2002, ndr). E stato un percorso importante poiché il tema del concorso ha coinvolto la sicurezza del territorio, in particolar modo la sicurezza delle scuole». Gli alunni della scuola elementare di Casacalenda con la propria fantasia e con tanto impegno hanno raccontato i fatti della catastrofe, del sisma e della ricerca e ricostruzione della speranza attraverso disegni, poesie e collage. «I colori della vita» ha raccolto circa ottocento lavori da tutta Italia. Tra gli elaborati, per la categoria collage, è stato premiato quello di Marilisa D Imperio, alunna della scuola elementare (classe IIA) dell Istituto Comprensivo di Casacalenda. Il collage intitolato «La speranza è un filo che ci unisce» rappresenta figure gioiose di bambini in movimento unite tra loro da un filo. Il collage di Marilisa D Imperio è stato premiato per la rappresentazione del sentimento della speranza unito a quello dell allegria e della serenità. Lo stesso titolo evoca umanità, legame universale ed il concetto della speranza inteso in senso evolutivo, cioè verso cui ognuno dovrebbe tendere. Il progetto si è rivelato un percorso molto importante per gli alunni che vi hanno preso parte ed ha sensibilizzato i ragazzi al tema della sicurezza del territorio e delle scuole, oggi più che mai di primaria importanza. francesca correra

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola L'arrivo in Commissione del disegno di legge 2994 sulla scuola sta consentendo quel confronto parlamentare che è stato alla

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: Estense.com Vigarano, ecco il nuovo polo scolastico Paron: Scelta la data dell'11 settembre per riprenderci il futuro di Federica Pezzoli Vigarano Mainarda. Quello

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Programma per i bambini

Programma per i bambini Report finale Progetto Solidarietà a.s. 2014/2015 prima tappa: 25^ Giornata Internazionale dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza - sabato 22 novembre 2014 con il patrocinio morale Programma per

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE PROGETTO PON MATEMATICAMENTE In quest anno scolastico nel nostro Circolo Didattico per la prima volta si è realizzato il Progetto PON: Obiettivo C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi,

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, XIV EDIZIONE Promossa da ANMIL Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro OKAY! Attività

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

VERBALE N 2 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

VERBALE N 2 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO VERBALE N 2 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO Il giorno 09 maggio, dell anno 2013, alle ore 17.00, presso la sede centrale, in Via Emilia, n. 10, dell Istituto Comprensivo Giorgio Vasari di Arezzo, si riunisce

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI

REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI 1. PRESENTAZIONE REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI La Federazione Italiana Sport Cinofili, al fine di promuovere la conoscenza e il rispetto per il cane tra i giovani, ha elaborato un progetto interamente

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli