Franco Cipriani Decano giornalisti calabresi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Franco Cipriani Decano giornalisti calabresi"

Transcript

1 Senza alcun dubbio è da salutare con vivo apprezzamento, quest'impegno dall'avvincente titolo "L'Immensa Onda" che si richiama alla definizione che Omero dava per indicare la navigazione d'alto mare. Giuseppe Mavilla, già noto per precedenti imprese agonistiche, si rivela appassionato operatore d'archeologia sottomarina, affrontando diffidenze e paure derivanti dalla pericolosità di un mondo misterioso in attesa d'essere esplorato. L'autore, che si dedica da quasi mezzo secolo a tale rischiosa attività, ha fatto bene a fissare in questo libro tutte le sue esperienze di attento ricercatore di storici reperti che oggi conducono a conoscere e decifrare cosa giace nascosto in fondo ai mari. Trapela, attraverso ciò che egli esprime, l'appassionato desiderio di scoprire cose antiche e dar loro il compito di raccontare la Storia a coloro che le ammirano negli ambiti dei musei archeologici. La verità che caratterizzò tali scoperte emerge proprio nell'"immensa Onda" che fornisce la limpida documentazione dei fatti ponendo nel doveroso giusto rilievo quella che fu la posizione di Giuseppe Mavilla che con la "Testa del Filosofo" ed altri importanti reperti rinvenuti per suo merito, rendono ancor più preziosa la Sezione dell'archeologia sottomarina al Museo Nazionale di Reggio. Franco Cipriani Decano giornalisti calabresi

2

3

4

5

6 P R E M E S S A "Nel corso del 1969 alcuni pescatori di Villa S.Giovanni individuarono un piccolo giacimento archeologico sottomarino nell'insenatura di Porticello e ne iniziarono il saccheggio. Dopo qualche tempo la Soprintendenza ne fu informata e si ottenne la consegna di anfore e ceramiche di età e soprattutto di molti frammenti di statue in bronzo, tra cui un eccezionale ritratto di vecchio dalla lunga barba." La storia del ritrovamento del "Relitto di Porticello" nello Stretto di Messina, viene così riportata nei pannelli didattici della sala ove sono esposti i bronzi di quel relitto, e tra questi la mirabile "Testa del Filosofo", mentre all'ingresso del Museo archeologico di Reggio Calabria, viene offerta in vendita ai visitatori la "guida" intitolata "Il Museo di Reggio Calabria" che riporta la stessa descrizione.. A differenza dei Bronzi di Riace esposti nello stesso Museo, non si menziona il nome dello scopritore ufficiale, lasciando credere che la Soprintendenza Archeologica della Calabria entrò in possesso dei reperti grazie alle informazioni relative al saccheggio, fuorviando la verità che emerge dalla documentazione di Stato.

7 Questo mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di visioni. Ululano ancora le Nereidi obliate in questo mare... Questo è un luogo sacro, dove le onde greche vengono a cercare le latine...sotto le porpore iridescenti dell'occaso è appiattata dicono, la morte... Quella che sradica, non quella che lascia dietro di sè le lagrime, ma quella cui segue l'oblio. Tale potenza nascosta... ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza. Ma ne è rimasta come l'orma nel cielo, come l'eco nel mare. Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia. ì G.Pascoli

8 I N T R O D U Z I O N E Un giorno leggevo l'iscrizione del Pascoli scolpita sulla pietra della mia Via Marina di Reggio. Il grande poeta italiano, intorno al 1898, era professore all'università di Messina e scrisse quei versi durante una traversata verso la Calabria, zona sismica e preda di immani distruzioni naturali che "annullano tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza". Pascoli a quel tempo non sapeva che presto, dopo solo mezzo secolo, il mare avrebbe restituito i suoi tesori custoditi per millenni, come "I Bronzi di Riace", tra le massime espressioni dell'arte d'ogni tempo; ne descriveremo il recupero e racconteremo le vicende legate al ritrovamento del "Relitto di Porticello", nello Stretto di Messina, seguito da una confusa ed improduttiva caccia al clandestino. Offriremo la soluzione sulla causa dell'affondamento del relitto greco, basandoci su esperienze vissute a bordo di un veliero di attuale costruzione, certamente più sicuro ed inaffondabile, dal quale osservare i tratti di mare che impaurivano gli antichi navigatori. Il comando di quel veliero era affidato allo scrivente che è lo stesso sommozzatore che scoprì nel 1969 il relitto, quindi nella favorevole condizione di sintetizzare gli imponenti fenomeni meteorologici e subacquei relativi al sito interessato. Il relitto fu studiato nel 1970 dalla missione americana della Pennsylvania University che stabilì in una serie di pubblicazioni che il battello era un "HOLCAS" di circa 20 metri, affondato a 200 metri dalla riva con la prua rivolta verso sud. Era a carena quasi piatta come ogni imbarcazione commerciale. Furono ritrovate sbarrette di piombo a sezione trapezoidale, quindi prima del varo fu colato del piombo all'interno, sul fondo, lungo i lati dell'asse centrale della carena detto paramezzale, che con il carico stivato molto in basso offrivano maggior stabilità. I contrappesi esterni, come i bulbi dei moderni yachts erano sconosciuti e trovarono applicazione solo dal XVIII secolo. Inoltre non esistevano sistemi di autovuotamento. L'acqua imbarcata per le ondate più grosse o la stessa pioggia doveva essere scaricata continuamente con dei recipienti, e guai se il battello inclinandosi avesse immerso il bordo; sarebbe affondato in pochi secondi! Invece le attuali imbarcazioni dispongono di un controstampo interno, fissato oltre la linea di galleggiamento, che consente all'acqua imbarcata di defluire rapidamete all'esterno. Nessuno ha saputo indicare la rotta dell' holkas, mentre si è potuta stabilire l'età del battello e dei reperti bronzei in esso contenuti, la tipologia delle anfore e la paternità della mirabile "Testa del Filosofo" come impropriamente viene definita. Infatti lo studioso Angelo Maria Ardovino, attuale soprintendente per la Lombardia, così conclude nel suo saggio per l'istituto di Archeologia dell'università di Perugia, intitolato:il Relitto di Porticello ed il cosiddetto Filosofo (1982): "forse il concetto di filosofo prima dell'esperienza socratica non era del tutto formato e tendeva a sfumare e a confondersi con altre nobilissime attività intellettuali. E' probabile che all'interno di queste si debba cercare il nostro personaggio; cerchiamo perciò di rettificare l'uso di un termine che oggi potrebbe comportarci una serie d'equivoci." Nel volume "Storia della Calabria Antica" edito nel 1987, Paolo Enrico Arias tenta così un discorso concreto:

9 "proponiamo con molta cautela il nome di Esiodo. Risale a Carl Robert la proposta che il personaggio barbato, con bastone pastorale e seduto davanti a un parapètasma (coperchio) su sarcofago, del Museo di Napoli, possa essere ESIODO. Se questa ipotesi fosse vera, essa porterebbe di conseguenza anche all'identificazione di un ritratto di Napoli dalla lunga barba che potrebbe confrontarsi per la struttura della barba del nostro bronzo." Inoltre, lo stesso Arias attesta la paternità della scultura ritenendo: "che appartenga a quel momento tipico della fine del V secolo in cui non cessano gli impulsi dello stile severo accolti anche da una grande personalità come quella di Fidia."

10 Capitolo Primo L'isola africana. "come il dì spunti, salirem di nuovo la nave, e nell'immensa onda entreremo" Omero (Od. XII - 367) Prima d'entrare nello Stretto di Messina, spingiamoci in navigazione verso altre zone del Mediterraneo, ove potremo accrescere le nostre esperienze. Da Biserta, dopo otto ore di mare formato, ci avvicinavamo all'isola di "La Galite" 60 miglia a Nord dalla costa africana. La carta nautica indicava un'insenatura riparata dai venti da nord, e feci rotta verso la rada tranquilla dove in una notte di vento compresi come era affondato il relitto di Porticello, bloccato "con una cima a terra" che ne determinò il rovesciamento. L'isola era bellissima e selvaggia, sovrastata da due maestosi picchi dalla vegetazione rada, interrotta da massi taglienti. Raccolsi le vele e mi avvicinai con il motore al minimo studiando con attenzione l'ancoraggio. Guardavo continuamente la lancetta dell'eco-scandaglio che saliva velocemente verso i venti metri, poi diciotto, quindici ed a dieci metri di profondità ancorai, lasciando libero il battello di orientarsi al vento. Ogni estate ero impegnato nel mio consueto lavoro di charter(1), ed in quell'occasione avevo a bordo un cliente con moglie e due ragazze. La barca era un Beneteau francese di 14 metri, con albero surdimensionato a tre crocette, pesante 11 tonnellate di cui 6 di zavorra, di nome "ATHENA". Il sole era da poco tramontato, una leggera brezza di terra mi teneva allineato con la poppa verso il largo e l'unico motivo a tenermi allertato era la tenuta dell'ancora che durante la notte avrebbe potuto "arare" sul fondo. La barca sarebbe andata indietro forse verso il largo dove lo scuotimento delle prime onde del mare aperto m'avrebbe svegliato, oppure verso gli scogli che avrebbero rapidamente frantumato la lunga pala del timone. Avevo deciso! La cosa più sicura era "la cima a terra". Calato in mare il piccolo tender (2) presi terra vicino ad una roccia dove legai una lunga cima riportando il capo sullo yacht. Spostato a poppa (3) il residuo della catena d'ancora cominciai a tirare la cima da prua (4) facendo avanzare lentamente la barca verso terra. La catena invertì l'inclinazione e di colpo si tese bloccando l'avanzare dello yacht a discreta distanza di sicurezza, e l'indomani, con la prua più vicina a terra, saremmo stati favoriti per caricare i numerosi bidoni d'acqua che a Biserta non avevamo potuto imbarcare. I clienti erano già sistemati per la notte, e prima di dormire guardai i contorni dei due monti ai lati della rada. A destra verso est si stagliava uno dei picchi con una parete quasi piatta e verticale. Il vento veniva da nord, e la lieve altezza della terra a noi di fronte, impediva che arrivasse con forza, smorzandolo in una dolcissima brezza rinfrescante. Soltanto in mare si gustano certi momenti di pace, mentre tu sai che fuori la rada c'è vita, movimento, e l'aria tesa che per tante ore t'ha fatto tenere le mascelle serrate.

11 Dopo una breve cena mi addormentai subito, mentre la barca immobile, nell'acqua appena screziata, galleggiava sicura ormeggiata con una "cima a terra". Mi svegliai di soprassalto, la barca s'inclinava di lato, venni sbattuto dalla parte opposta alla cuccetta. Un cupo mugolio di vento e di acque scroscianti nel nero della notte, trasformarono l'ansia in paura che si esasperava per la subitaneità di quanto accadeva. Il vento a raffiche violente arrivava da est. La cima di terra era tesa, poi di colpo s'allentò e si poggiò sull'acqua, mentre la barca non smetteva di rollare (che è il movimento altalenante da destra a sinistra e viceversa). Andai a poppa a controllare la catena dell'ancora cercando di spiegarmi il fenomeno. Il vento aveva cambiato leggermente direzione disponendosi da nord-ovest e, dopo aver attraversato l'isola, colpiva il picco alla mia destra creando un vento di rotazione da est che intubandosi colpiva la rada con raffiche micidiali di oltre 40 nodi. La cima dell'albero verso le stelle descriveva ampi semicerchi dovuti all'effetto pendolo sulla zavorra messa in movimento dalla raffica precedente. A tale movimento s'integrò la forza della raffica successiva che, per un momento, portò la barca con il bordo sott'acqua. L'Athena era fatta per navigare anche in quelle condizioni e soprattutto quando di bolina stretta(5) il bordo sottovento si immerge fino alla battagliola (6). Altri scafi senza totale pontatura e sistemi auto-vuotanti sarebbero affondati in meno di un minuto. Mi rendevo conto che l'athena era irrovesciabile grazie al bulbo in piombo di ben 2 metri e mezzo d'immersione, il pericolo non era quello. Provai a pensare alle conseguenze di un cedimento dell'ancora. La pressione laterale era troppa! Tenendomi dalla battagliola andai a prua e mollai a mare la cima legata a terra. La barca trattenuta soltanto dall'ancora iniziò a ruotare allontanandosi dalla riva e disponendosi alle raffiche da est, esaurendo in breve ogni oscillazione laterale concedendoci finalmente di riposare. Al mattino tutto era calmo, anche al largo, e mentre gustavo il mio cappuccino, osservavo il rientro dopo una notte di lavoro di alcuni pescherecci molto sporchi che venivano ricoperti di lerci teloni per l'ombra sui ponti. La vecchia flottiglia usciva all'imbrunire a pesca di aragoste. Il pescato era poi immerso in grandi vivai di rete metallica e posato a 25 metri di fondo, ed ogni tre giorni un peschereccio più grande, che faceva la spola con Biserta, caricava nelle proprie vasche d'acqua salata un gran carico d'aragoste che dopo 10 ore erano in volo per Parigi dove giungevano ancora vive. Sulla riva pietrosa notavo pezzi di pescherecci andati distrutti proprio a causa delle "cime a terra" che non lasciando libere le imbarcazioni di assestarsi al vento ed alle onde, creavano una pressione laterale talmente forte da determinare la rottura delle cime delle ancore ed il conseguente spiaggiamento delle barche. Forse il relitto di Porticello era affondato in analoghe condizioni? Non proprio, il relitto non era finito sulla riva, in quel caso noi moderni non avremmo ritrovato nulla. I resti di qualsiasi naufragio sbattuti sulle rive o finiti a pochi metri d'acqua, venivano raccolti dagli abitanti del luogo quasi immediatamente, senza lasciarne memoria storica. Mentre i relitti poggiati su fondali più profondi, restavano quasi intatti anche per millenni. Le parti esposte al continuo movimento delle maree ed agli organismi ghiotti di legno, venivano via via dissolte nel corso dei primi decenni, mentre le terrecotte (anfore, vasi, ecc.) e le parti metalliche specie se protette dal fango e dalla sabbia, restavano pressochè immutate fino ai nostri giorni. Anche le parti in legno sepolte sotto la sabbia resistevano al tempo, tanto che s'è potuta avere l'idea della forma e della lunghezza di alcuni relitti ritrovati negli ultimi anni come quello di Yassi Ada nel 1961, e lo stesso Relitto di Porticello del 1969.

12 Certo per noi navigatori moderni, muniti di motore, carte nautiche e sistemi elettronici di rilevamento, andar per mare è facile! Gli antichi invece dovevano affrontare enormi difficoltà legate alla scarsa conoscenza dei pericoli rappresentati dagli scogli affioranti e dai fenomeni improvvisi come le intense correnti marine che impedivano le manovre. La rada di La Galite per fortuna era sgombra di pericoli, e chissà se mai antico sbarcò in quell'isoletta remota, posta proprio al centro del Mediterraneo. Il Bérard identifica in Peregil o Alboran, presso lo Stretto di Gibilterra, la sede della "ninfa il crin ricciuto" Calipso, isola troppo distante dalla rotta di Ulisse. Ma è possibile che Omero si riferisse, nel descrivere l'isola Ogigia proprio alla più vicina La Galite distante da Alboran oltre 500 miglia. La logica dell'antico poeta non aveva la necessità di coincidere con la realtà delle cose, ma è pur vero che la genialità di Omero doveva forzatamente legarsi ad uno schema geografico sia pur dilatato ed impreciso. Egli indica la modalità di costruzione della zattera, larga quanto una nave da carico Larghezza il tutto avea, quanta ne danno di lata nave trafficante al fondo periti fabbri... (Od. V - 298) e precisa il punto d'arrivo, l'isola dei Feaci, Corfù, distante da noi 620 miglia, per un tempo di percorrenza di 17 giorni, che ad una media di 1,5 miglia all'ora, fanno di La Galite l'isola Ogigia Dieci pellegrinava e sette giorni sui campi d'anfitrite. Il dì novello, gli sorse incontro co suoi monti ombrosi l'isola dé Feaci... (Od. V - 333) Ma il giorno passò, e con la sera giunse una fresca brezza, quasi un piacevole appuntamento per la partenza della nostra barca a vela. A tutta randa (7) ed il grande fiocco genoa (8), lo yacht prese a muovere verso la punta est dell'isola guadagnando in breve 7 nodi di velocità. Note: (1) Charter: noleggio dell'imbarcazione. (2) Tender: piccola barchetta o gommone di servizio (3) Poppa: parte posteriore delle barche. (4) Prua: parte anteriore delle barche (5) Bolina Stretta: andatura a vela quasi controvento con scafo molto inclinato. (6) Battagliola: Cavi di protezione delimitanti i bordi della barca. (7) RANDA: Grande vela centrale. (8) Fiocco Genoa : Vela di prua

13 Capitolo Secondo Le isole Eolie La notte nascose l'isola e mi dedicai al calcolo della rotta su Ustica-Filicudi. Dopo aver digitato le coordinate nel Loran,(1) il pilota automatico(2) accostò lo yacht verso estnord-est. Il vento mi dava 50 gradi di bolina larga(3), ed affidai al congegno elettronico la conduzione della barca sdraiandomi nella mia cuccetta di navigazione, vicina al tavolo di carteggio. Ogni trenta minuti un cicalino mi svegliava, così controllavo improbabili luci di altre navi in quelle acque generalmente deserte. La grande ruota del timone si muoveva da sola, a piccoli scatti per compensare le variazioni dovute all'irregolarità del vento o per le onde più grandi che potevano spostare la prua. Nel dormiveglia ricordavo i lunghi tratti di mare che avevo attraversato negli ultimi anni, quando dalla Grecia tornavo in Italia dopo aver toccato le isole dell'egeo. Ancora non erano state attivate le stazioni Loran per il diporto nautico e si navigava soltanto con la bussola. Da Corfù si scendeva verso sud-ovest tentando di giungere su Crotone. Era la rotta classica degli antichi che non avevano bussola e non potevano orientarsi con la frequenza dei fari che indicavano, come nei tempi moderni, l'esatto punto verso cui si stavano dirigendo. Per loro, una terra in avvicinamento e non riconosciuta poteva offrire pericoli d'ogni genere, e non ultimo quello d'incontrare popolazioni aggressive. Era l'opposto di quanto accadeva con le incursioni piratesche che tormentavano gli abitanti di quelle terre, spesso trasferitisi sui fianchi dei monti non visibili dal mare. Una volta, con un motor-yacht, scapolato Crotone per via di una pertubazione che mi aveva spinto troppo a Sud, navigavo con molta apprensione per il timore di essere all'altezza della Sicilia che non avrei potuto raggiungere per mancanza di carburante, e con il finire del maltempo le onde mi consentirono una rotta verso Ovest. Finalmente apparvero lunghe montagne e poi, una città. Era Locri, che non disponeva di un porto e nessun attracco per il rifornirmento di carburante. Con il binocolo notavo sulla spiaggia la presenza di alcuni pescatori. Mi avvicinai per quanto potevo, e passato il timone al mio secondo, preparai tre bidoni vuoti da cinquanta litri legati tra loro che gettai a mare. Subito mi tuffai rimorchiandoli a nuoto fino alla riva, mentre il motor-yacht si manteneva nei pressi con i motori accesi, non potendo dar fondo all'ancora per via del mare mosso. I pescatori mi aiutarono, fui accompagnato con un'auto ad un distributore, fu varata una barca da pesca per il trasporto dei bidoni pieni, non senza difficoltà, ed in breve eravamo di nuovo in rotta per Capo Spartivento e quindi per il porto di Reggio. Intanto mi ero addormentato profondamente senza sentire i richiami del cicalino che ogni mezz'ora mi ricordava di osservare se la rotta era sgombra. Per fortuna nessuna nave incrociò l'athena, ed al mattino, con il sole già alto e senza interrompere l'andatura, filai (4) in acqua una robusta cima, ed a turno ci tuffammo lasciandoci trascinare in un tonificante bagno d'alto mare. Era un gioco piuttosto pericoloso perchè potevano incrociare grossi squali, e le gambe trascinate nell'acqua potevano costituire un appetitoso stimolo. A turno stavamo di vedetta ed il bagno si completava in pochi secondi, giusto il tempo d'una rinfrescata. Incontrammo poco dopo un branco di allegri delfini che ci accompagnarono per qualche miglio, ed il pomeriggio ci fermammo un paio d'ore ad Ustica, ritrovo mondiale dei subacquei. Ogni anno, tra giugno e luglio viene organizzato un concorso di

14 fotografia subacquea che vede la partecipazione dei più noti subacquei del mondo. Vi si svolgono convegni e simposi dove viene dibattuto ogni problema del mare. Nelle prime settimane di settembre l'accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee di Ustica organizza un corso di archeologia subacquea diretto da docenti universitari ed assai valido come presupposto al definitivo ordinamento della materia per cui la stessa Ustica è deputata. La parte dell'isola esposta ad ovest è dichiarata parco nazionale; all'estremo sud i fondali sono ricchi di reperti ed ancore in piombo, ognuna con il suo cartellino ad indicarne tipo ed età. E' il "parco archeologico" subacqueo, che richiama centinaia di turisti che possono ammirare e fotografare quelle antiche testimonianze. L'anno prima, in giugno, avevo conosciuto proprio ad Ustica, il cubano Francisco Ferreras detto "Pipin", il recordmen d'immersione in apnea. In quell'occasione si svolgeva l'annuale concorso di fotografia subacquea ed erano presenti i più noti fotografi del mondo collaboratori delle principali testate subacquee. Quasi tutti i concorrenti erano accompagnati da bellissime modelle addestrate a posare in apnea. Nella grotta dell'accademia, senza disturbare, osservammo il lavoro del campione tedesco Binazer che, per creare particolari giochi di luce, faceva tenere accese sott'acqua dalla modella due torce al magnesio dalla luce rossa molto intensa. Nei giorni successivi s'imbarcò con noi Raimondo Buker, ormai settantenne, l'inventore dei primi fucili a molla nonchè teorizzatore della manovra detta del "valsalva" che consiste nel premere il naso per compensare la pressione durante la discesa. Buker ci raccontava che, malgrado l'età, andava normalmente con le bombole ad oltre 100 metri di profondità, ed ogni anno si recava nei mari tropicali per filmare la moglie mentre dava da mangiare a grossi squali. Cosa confermata dai documentari proiettati in quelle serate. Pipin nel frattempo era diventato di casa sull'athena, ed ormai occupava stabilmente la cabina di prua. Si allenava un'ora al giorno raggiungendo agevolmente in apnea i sessanta metri mentre io, con la telecamera subacquea registravo i suoi miglioramenti. Una volta ancorammo a Nord dell'isola, dove era consentita la pesca subacquea e mi acquattai con la telecamera vicino ad uno scoglio a 40 metri mentre Pipin in superficie si iperventilava, cioè respirando profondamente, usava la tecnica di massima ossigenazione dei polmoni. Improvvisamente avvertii una strana presenza e mi vidi circondato da un branco di ricciole attirate dalla colonna di bolle che espiravo. I bellissimi pesci, curiosi come i gatti, erano sopra di me e giravano attorno alle bolle. Azionai la telecamera mentre verso l'alto inquadravo un punto nero che si avvicinava al centro delle bolle. Era Pipin che si fermò sopra la mia testa a seguire la danza delle ricciole. I loro occhi erano grandi quanto quelli di un bue, alcune più piccole, altre grandissime. Pipin era immobile, la sua apnea gli consentiva di non respirare per circa 4 minuti e finalmente la curiosità spinse i pesci a stringere il loro cerchio. Passarono i più piccoli, poi arrivò la ricciola più grossa e partì il colpo che centrò il magnifico animale. In un caso del genere, se il fucile non è collegato ad una sagola di superficie viene strappato di mano dalla potenza del pesce. Ma Pipin, balzando in avanti ed afferrando la sagola, arrivò sul pesce aggrappandosi all'arpione penetrato in profondità, e con le gambe circondò la coda bloccando la ricciola che in breve fu in superficie. Pesava 30 chili. Questa volta non avevamo tempo come l'anno prima per fermarci oltre, la vacanza era finita e lasciammo Ustica, "la solitaria". Durante l'avvicinamento alle Eolie dormii poco per la presenza di numerosi pescherecci che inducevano ad una continua attenzione per non finire sulle reti fluttuanti per chilometri.

15 Superata Alicudi ci fermammo nei pressi della grotta del "Bue Marino" a Filicudi. Lo scenario era incantevole, verso ovest svettava "la Canna" uno scoglio di origine vulcanica alto 85 metri, quasi una colonna nera, e nei pressi, lo scoglio Montenassar dava impressioni d'inferno dantesco. Calammo il tender (5) ed entrammo nella grotta. L'antro era stato per lungo tempo il rifugio dell'ultima foca monaca vista nelle Eolie e portava quel nome anche per i muggiti delle onde infuriate che si infrangevano all'ingresso durante le tempeste. Il fondale rifletteva la luce proveniente dall'esterno, irradiando un color verde smeraldo. L'umidità era altissima e dopo tanto sole, avvertivamo sulla pelle un piacevole senso di frescura e gli occhi potevano riposarsi nella penombra. Presto risalimmo a bordo e dopo mezz'ora ci ancorammo ad est di Filicudi a ridosso di Capo Graziano, ove l'accogliente gentilezza della collina ricordava la forma di una tazza rovesciata. Nell'immediato fondale giacevano i resti di ben due relitti entrambi del III Secolo av.c., provenienti dalla Campania e diretti in Nord-Africa. La causa degli affondamenti era dovuta ad un infido scoglio che da un fondale navigabile, si innalzava fino ad un metro sotto la superficie del mare, invisibile a causa del nero riflesso della collina sul mare, e posto a circa 150 metri dal capo che veniva circumnavigato dagli antichi marinai. Alla base del monte, erano visibili alcune macine in pietra per la lavorazione dell'olio che erano parte del carico di uno dei due relitti che era affondato sul ciglio del costone nelle vicinanze dello scoglio. Il fondale si manteneva intorno agli otto metri per poi scendere a picco fino ad una grande base di sabbia e scogli sparsi, che dai trenta metri di profondità sfumava in un digradare più dolce. Sicuramente il relitto che trasportava le macine, dopo lo squarcio operato dallo scoglio, si era rovesciato seminando sul basso fondale tutte le grosse pietre circolari, mentre l'altra parte del carico più leggero era rotolata giù lungo il costone. La Soprintendenza siciliana operò un buon recupero di vasellame ed anfore che ora arricchiscono in suggestiva coreografia il Museo di Lipari allocato nel castello spagnolo della seconda metà del '500, costruito dopo la distruzione della città da parte del pirata tunisino Barbarossa. Purtroppo, come i relitti di Spargi, delle Scole, della secca dello Sparviero al Giglio, ed altri, anche i relitti di Filicudi furono preda di sommozzatori francesi, belgi, tedeschi, americani ed italiani, e mai sapremo se tra quei reperti vi siano state opere d'arte o altri reperti che avrebbero potuto comunque dare maggiori informazioni storiche. L'inverno precedente durante un mio soggiorno al Club Mediterranèe di St.Moritz, un belga mi aveva mostrato una serie di fotografie eseguite a Filicudi e ritraenti il prezioso vasellame di una ceramica color nero perfettamente conservata, marchiata della caratteristica decorazione del Campano-A. Solo da pochi anni la zona viene controllata in qualche modo. La grande scritta "divieto d'immersione" dovrebbe scoraggiare chiunque, ma in effetti ormai, salvo qualche collo d'anfora e tanti cocci, non vi è più niente d'interessante. Ma il secondo relitto, secondo l'opinione dei più, non si sovrappone al primo. Il secondo relitto, dopo l'urto con lo scoglio, galleggiò ancora e si inabissò più avanti, a 500 metri verso sud, ad una profondità di 58 metri. Ancora sono visibili alcune anfore, ma basta scavare per pochi centimetri ed altre anfore appaiono, e forse potrebbe esservi qualcosa di molto importante. Credo che una spedizione organizzata potrebbe svolgere un buon lavoro. 58 metri non sono pochi, ed occorre un certo tempo per scavare ed esplorare con calma. Dobbiamo inoltre rilevare che il primo ceppo d'ancora da abbinare sicuramente ad un relitto, è quello recuperato il 14 agosto 1960 da Gianni Roghi che nella sua relazione agli

16 atti del Congresso Internazionale di Archeologia Sottomarina di Barcellona nel 1961, così riferisce: "La nave romana di Capo Graziano ha comunque regalato una importante novità, e cioè il primo ceppo d'ancora in piombo, per quanto ne sappiamo, che possa essere datato con sicurezza. Ho potuto individuare il ceppo grazie al suo lieve affiorare da sotto l'ammasso di anfore, proprio al limite inferiore (m.42) del cumulo compatto, che in questo punto poteva essere osservato come in sezione. Attirato da un profilo rettilineo che appariva per meno di una spanna sotto il fango e i detriti, scavai e potei riconoscere la caratteristica barra di piombo. Per liberarlo occorse un lungo ed assai faticoso lavoro, in due immersioni. Dovetti spostare numerose anfore, e quindi estrarre il ceppo a forza di braccia, pur con le dovute cautele necessarie per la sua integrità. Decisi di ricuperare il ceppo sia per la sua importanza intrinseca, sia per essere il relitto ormai noto e saccheggiabile (la vigilanza sulle coste archeologiche sommerse, in tutto l'arcipelago, è inesistente). Eseguii una decina di fotografie da diversi lati, poi lo imbragai e lo feci issare dal nostro verricello a motore. L'operazione ebbe esito perfetto". Ma era giunto il momento di salpare da Filicudi dopo un piacevole bagno nel mare tiepido, e dopo aver fatto colazione. Traversammo in un paio d'ore da Filicudi a Lipari, e nel canale di Vulcano puggiai (6) verso la punta Sud di Lipari, altro affascinante sito archeologico chiamato Secca di Capistello. Il "Relitto di Lipari" giaceva su un fondale pericoloso, anfore e vasellame erano rotolate giù lungo una discesa di sabbia piuttosto precipite, che si addolciva a 108 metri di profondità, dove gran parte del carico era stato depredato per lungo tempo. Le voci di banchina raccontavano di "ordinazioni" di completi da 8 o da 12, e grandi cene si organizzarono a Vulcano con le pietanze servite in quel vasellame. Dalle autorità fu sequestrato un capanno colmo di anfore e qualcuno finì in prigione. Morì qualche anno dopo per aver respirato i gas di scarico del compressore per la ricarica delle bombole. Ma il relitto di Lipari volle ancora un suo tributo! Due eminenti studiosi, Helmut Schlager ed Udo Graf dell'istituto Germanico di Archeologia erano in quelle profondità, quando per l'alta pressione saltarono le fascette in plastica dell'erogatore (7) di uno dei due, che preso dal panico tentò di strappare il boccaglio dalla bocca dell'altro. La respirazione alternata a due con un unico boccaglio è l'esercizio che si compie con più frequenza nelle scuole subacquee, ma evidentemente l'azoto e quindi l'ebbrezza di profondità che esaspera in quei casi ogni stato ansioso, determinò una drammatica colluttazione ed entrambi morirono. Alcuni anni prima mi ero immerso con la precauzione di appendere a circa 8 mt., lungo la cima dell'ancora, un autorespiratore supplementare per la decompressione. L'immersione era assai impegnativa, e per consumare meno aria iniziai la discesa a gran velocità compensando senza interruzioni, fino ai 60 metri. Il costone era sempre più ripido e non si vedeva ancora il fondo. I colori erano scomparsi, tutto era grigio e continuai la discesa. Sentivo una leggera ebbrezza, l'acqua era più fredda e cristallina, piacevole. Stavo veramente bene e compensando con le dita sul naso, picchiai ancora verso il fondo che cominciava a spianare, e vidi sotto di me nel buio tante anfore. Illuminai con la torcia l'ammasso di terrecotte: avevo la tentazione di svuotarne una e riempirla d'aria ma guardando il profondimetro mi rendevo conto di essere a 108 metri ed il manometro già

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

LE BANDIERE E IL NOSTRO GUIDONE INIZIANO A RISENTIRE DELLE MIGLIA PERCORSE MA CONTINUANO GAGLIARDI AD ACCOMPAGNARE IL RIENTRO DELLA MAJA IN ITALIA.

LE BANDIERE E IL NOSTRO GUIDONE INIZIANO A RISENTIRE DELLE MIGLIA PERCORSE MA CONTINUANO GAGLIARDI AD ACCOMPAGNARE IL RIENTRO DELLA MAJA IN ITALIA. DAL MAR DI TRACIA A TRIESTE IN BARCA A VELA. LE BANDIERE E IL NOSTRO GUIDONE INIZIANO A RISENTIRE DELLE MIGLIA PERCORSE MA CONTINUANO GAGLIARDI AD ACCOMPAGNARE IL RIENTRO DELLA MAJA IN ITALIA. Di Sara

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA RELITTO BARON GAUTSCH Distanza dal centro: 14 NM Massima profondità: 39 metri Minima profondità: 28 metri Lunghezza: 89 metri Questa e la nave di passeggeri Austriaca ed e la più conosciuta destinazione

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO

Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO EMOZIONI 2016 Il Catamarano RESPIRO vi offre la possibilità di trascorrere una vacanza nei mari più affascinanti del mondo, le isole Pelagie ( Lampedusa, Linosa

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

Nave da carico. Nave da guerra

Nave da carico. Nave da guerra I Fenici I commerci fenici L'espansione fenicia trasse origine dai commerci, che i Fenici praticavano su tutte le coste mediterranee. Si erano mossi sulle rotte aperte dai Micenei alla ricerca di metalli

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA L ambientamento acquatico è il riuscire a stare in acqua con la stessa tranquillità e naturalezza con cui si

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

LeMOBYGuide. Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire. Volume 2

LeMOBYGuide. Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire. Volume 2 LeMOBYGuide Golfo Aranci Spiagge divine e un fondale tutto da scoprire Volume 2 Un comune recente Proteso sul Mar Tirreno e naturale braccio Nord del Golfo di Olbia, Capo Figari è un aspro promontorio

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

Le Tre Gemelle Fabio Oss

Le Tre Gemelle Fabio Oss Curiosità LE TRE GEMELLE Quando il 10 aprile 1912, quella che venne definita la più grande nave del mondo, per di più inaffondabile, salpò da Southampton, per il viaggio inaugurale, nello stesso porto

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto una o due settimane Un mare di amicizia e natura Una vacanza mai vissuta, o se vissuta, da ripetere! Perché con tanti amici a bordo, e ogni volta in un mare diverso,

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 ESERCIZI SULLA SPINTA DI ARCHIMEDE In corsivo quelli più semplici 1. Sei un ingegnere navale. Devi progettare una nave la cui massa, carico compreso, deve essere di 4000 tonnellate. Quanto

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

www.nauticbroker.com una o due settimane INFO 393 9760366 6/20 agosto 2 settimane 6/13 agosto (1 settimana) 13/20 agosto (1 settimana)

www.nauticbroker.com una o due settimane INFO 393 9760366 6/20 agosto 2 settimane 6/13 agosto (1 settimana) 13/20 agosto (1 settimana) una o due settimane 6/13 agosto (1 settimana) 13/20 agosto (1 settimana) INFO 393 9760366 6/20 agosto 2 settimane Un mare di amicizia e natura www.nauticbroker.com Una vacanza mai vissuta, o se vissuta,

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese)

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese) Akrotiri Traduzione solo testuale del regolamento originale inglese. Per le figure fare riferimento al manuale incluso nella scatola del gioco. Traduzione a cura di Andrea Casarino "turing70" per la Tana

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE. di SALENTO IN BARCA

PROPOSTA PROGETTUALE. di SALENTO IN BARCA PROPOSTA PROGETTUALE di SALENTO IN BARCA TITOLO PROGETTO: BARCHE in RETE AREA PROGETTUALE/TERRITORIO: SCUOLE di OGNI ORDINE e GRADO della Provincia di Lecce DURATA: da MARZO a Maggio 2013 / da SETTEMBRE

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

www.nauticbroker.com una o due settimane 9/16 agosto 9/23 agosto 16/23 agosto

www.nauticbroker.com una o due settimane 9/16 agosto 9/23 agosto 16/23 agosto 9/16 agosto 9/23 agosto 16/23 agosto una o due settimane Un mare di amicizia e natura Una vacanza mai vissuta, o se vissuta, da ripetere! Perché con tanti amici a bordo, e ogni volta in un mare diverso,

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

CORSO BASE (1 livello)

CORSO BASE (1 livello) CORSI VELA CORSO BASE (1 livello) L'obiettivo del corso base è quello di iniziare a conoscere la barca :si imparerà a condurre un' imbarcazione nelle varie andature, bolina,traverso,lasco, poppa, tante

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Corso Istruttori Attività Natatorie

Corso Istruttori Attività Natatorie Corso Istruttori Attività Natatorie Preganziol (Treviso), 02-10 Febbraio 2013 Tecnica e didattica del Nuoto Pinnato 2^ parte La Didattica Fabio Paon Staff Tecnico Nazionale La storia del Nuoto Pinnato

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

1. Un altra partenza

1. Un altra partenza 1. Un altra partenza Da qualche tempo maturava nella mia mente l idea di un viaggio in Giappone che sarebbe anche stato un altro pellegrinaggio geopoetico: un omaggio alle cose giapponesi (cose preziose

Dettagli

SOCIAL SAILING. Cosa aspettate?? Salpate con noi! per info scrivete a info@associazioneoltrevela.it o visitate la pagina Facebook di social sailing!

SOCIAL SAILING. Cosa aspettate?? Salpate con noi! per info scrivete a info@associazioneoltrevela.it o visitate la pagina Facebook di social sailing! SOCIAL SAILING Avete sempre sognato un avventuroso viaggio per mare ma non lo avete mai fatto? Ora è il momento giusto! Salpando con Social Sailing, nuova iniziativa dell associazione Oltrevela, riscoprirete

Dettagli

Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano

Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano Nell 80 Anniversario della tragedia del dirigibile Italia (1928-2008)

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km..

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km.. Viaggio nella bassa padana dal 17 aprile al 20 aprile 2011 Componenti : Paolo, pilota e addetto alla logistica Maria Rosa, navigatrice e addetta alla cucina Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

4 anno IL PROFUMO DELLA PORPORA AL TEMPO DEI FENICI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 144

4 anno IL PROFUMO DELLA PORPORA AL TEMPO DEI FENICI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 144 4 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria IL PROFUMO DELLA PORPORA AL TEMPO DEI FENICI AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 144 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0647-2

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi)

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi) I Motori Marini 1/2 Classificazione Descrizione I motori marini non sono molto diversi da quelli delle auto, con lo stesso principio di cilindri entro cui scorre uno stantuffo, che tramite una biella collegata

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

25-26 aprile 2015 9-10 maggio 2015 23-24 maggio 2015 TITOLO: Rotta verso Panerai Challenge 2015: Alla scoperta del nuovo armo. DESCRIZIONE: Dopo aver

25-26 aprile 2015 9-10 maggio 2015 23-24 maggio 2015 TITOLO: Rotta verso Panerai Challenge 2015: Alla scoperta del nuovo armo. DESCRIZIONE: Dopo aver 25-26 aprile 2015 9-10 maggio 2015 23-24 maggio 2015 TITOLO: Rotta verso Panerai Challenge 2015: Alla scoperta del nuovo armo. DESCRIZIONE: Dopo aver ripristinato l armo originale, Leticia do Sol (www.leticiadosol.com)

Dettagli

Scuola Natura Lunedì 14 gennaio siamo partiti per trascorrere una settimana presso una casa-vacanza del Comune di Milano a Vacciago sul lago d Orta. Siamo partiti insieme alla classe 2 F, accompagnati

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli