Ricostruzione post sisma Le bugie del Governatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricostruzione post sisma Le bugie del Governatore"

Transcript

1 in vendita obbligatoria OGGI Nuovo Molise + il Giornale OGGI Nuovo Molise Edizione della regione e del Frentano Poste Italiane sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv.l.46/2004 art.1,c1,dcb CB San Gaudenzio Campobasso: Via San Giovanni 15/b - Tel Fax Isernia: P.zza della Repubblica, 29 - Tel Fax Anno 15 - N. 21-1,00 Pubblicità: N.C.P. srl Via San Giovanni 15/b Campobasso Tel Fax Termoli: C.so Nazionale, 10 - Tel Fax Venerdì 22 gennaio 2010 All Interno TERMOLI Il centrosinistra si prepara alle Primarie A pagina 16 AGNONE Indennizzi illegittimi, Montana condannata A pagina 13 UNIVERSITA Gli studenti verso l Europa con i bandi del progetto Erasmus Carrese a pagina 8 GIROMOLISANDO Red Passion, domani è il giorno dei Vannelli Bros A pagina 27 Don Felix, la Santa Sede: «E opportuno che vada via» un silenzio inspiegabile durato quasi un mese. Da oggi don Felix Cini, il parroco di Cercemaggiore, sarà destinato ad altro incarico. Lo ha stabilito la Santa Sede dopo una attenta valutazione della situazione ormai tristemente nota. «Una decisione coerente e tempestiva» sottolinea il Tutore pubblico dei Minori, Nunzia Lattanzio. Sammartino a pagina 3 Si chiude il discusso caso del sacerdote di Cercemaggiore condannato per pedofilia ATTUALITA Labitalia si rinnova Il sito web dell Adnkronos dedicato al lavoro ora è più vicino alle aziende A pagina 37 REGIONE - In attesa dell operazione verità ecco le cifre ancora disponibili Ricostruzione post sisma Le bugie del Governatore Iorio dà i «numeri» sui fondi da distribuire: ce ne sono solo 23 e non 40 VENAFRO Il Ss. Rosario declassato a poliambulatorio L OSPEDALE Ss. Rosario di Venafro a breve è destinato a essere trasformato in poliambulatorio. La notizia è stata annunciata dal subcommissario Mastrobuono e dall assessore alla Sanità Passarelli. Un destino oramai segnato. Lepore a pagina 14 A pagina 2 TRE ISERNINI PROTAGONISTI Scatta l allarme bomba all aeroporto di Chicago per un caciocavallo molisano A pagina 11 MANCAVA qualche giorno a Natale e il presidente-commissario Michele Iorio, assieme al subcommissario Romagnuolo, rese noto che a breve sarebbero arrivati 40 milioni per i comuni del cratere. Fondi dovuti ad avanzi di amministrazione, non soldi nuovi da mettere in circolo. Non solo: non sono 40 milioni ma solo 23. E quindi l elenco dei Comuni che sarebbero stati aiutati si assottiglia notevolmente.

2 2 ATTUALITA NUOVO oggi MOLISE IL FATTO DEL GIORNO Era il 18 aprile del 2009 Il presidente/commissario Michele Iorio, su tutte le furie per alcuni articoli, disse: presto un operazione verità Da allora ad oggi la Struttura commissariale non ha reso noti né i dati relativi ai fondi arrivati in questi 8 anni circa né le modalità di utilizzo Ricordate l annuncio natalizio della Struttura commissariale? Non è andata così Ricostruzione, fondi e bugie Si trattava di avanzi di gestione, non di nuove risorse da mettere in circolo per i comuni dell area del cratere Ne sono arrivati poco più della metà, gli altri 17 il commissario delegato Iorio dovrà prima revocarli a chi non li ha usati Altro che 40 milioni: ce ne sono solo 23 da distribuire C è poco da fare. Non è un periodo fortunato per Michele Iorio. Colpa forse delle mezze verità o delle mezze bugie alle quali troppo spesso ricorre. E, in questo suo mordersi la coda, il governatore incappa sempre nello stesso problema. La ricostruzione. Croce e delizia del suo mandato politico, argomento sul quale glissa molto spesso. L ultimo annuncio, in ordine di tempo, risale al 18 aprile 2009 quando il governatore sparò una balla colossale: a breve una operazione verità sulla ricostruzione, sui fondi ricevuti e su come sono stati spesi. E infatti, del libro bianco di Iorio - fino ad oggi - nessuna traccia. I lettori, soprattutto quelli residenti nell area del cratere, ricorderanno dell annuncio - in mondovisione qualche giorno prima di Natale - dell arrivo imminente di 40 milioni di euro per continuare nella ricostruzione post sisma. Comuni realmente colpiti dal terremoto e comuni nemmeno sfiorati da esso, tutti in lista d attesa per i fondi. Ebbene, non solo quei 40 milioni erano avanzi di gestione da distribuire ma - cosa ancor più grave - non esistono. Perchè di milioni (frutto di vecchi finanziamenti spacciati invece per i soliti colpi da mestro messi a segno dalla struttura commissariale di Iorio e Romagnuolo) ne sono arrivati solo 23 e di conseguenza saranno molti i comuni dell area del cratere che si troveranno nuovamente in emergenza. I restanti 17 milioni non cadranno dal cielo: si tratta di revocare i finanziamenti erogati dal governo Prodi (al tempo del ministro Di Pietro) a quei comuni che non li hanno attivati. E quindi Iorio, in quanto commissario delegato per la ricostruzione, dovrebbe prendere carta e penna e scrivere ai sindaci comunicando loro che quei finanziamenti - non essendo stati attivati - saranno restituiti per essere impiegati altrove. Circola voce che l elenco dei comuni inadempienti sotto questo profilo sia top secret. Ma il cattivo pensiero è dietro l angolo: il presidente/commissario non revocherà mai alcun finanziamento. Non è di certo cosa buona e giusta, potrebbe significare perdita seria del consenso. Quindi la black list esiste ma non è dato sapere i comuni che non hanno attivato i finanziamenti. D altro canto, i 23 milioni arrivati per il rotto della cuffia non sarebbero stati distribuiti in quota proporzionale ma partendo dall inizio della lista. Il che vuol dire chi tardi arriva, male alloggia... Oltretutto, sempre secondo i beneinformati, i decreti di finanziamento che avranno il respiro economico atterrebbero a lavori non attuabili perché si tratterebbe di progetti redatti in base ad una normativa superata da un altra legge alla fine del giugno scorso. Quindi progetti da prendere e rifare da capo. Riassumendo: Iorio comunica urbis et orbis che è riuscito ad ottenere 40 milioni per la ricostruzione ma si scopre che quei soldi sono avanzi di gestione. Non solo: non sono 40 milioni ma 23 e per riavere gli altri 17 che mancano all appello il presidente dovrebbe firmare alcuni decreti di revoca dei finanziamenti erogati. Oltre al danno la beffa: i soldi arrivano solo ai Comuni che hanno istruito la pratica per primi e di conseguenza il risultato è uno solo. Ci sono comuni che hanno quasi ultimato gli interventi e comuni che - di contro - pur essendo stati colpiti dal terremoto nello stesso giorno invece sono ai primi interventi. lusa Informazione libera Gli studenti in piazza Fiaccolata venerdì prossimo SI chiama «Illumina la libera informazione» ed è il nome della manifestazione - una fiaccolata - che si terrà in piazza della Vittoria a Campobasso il prossimo venerdì 29 con inizio alle ore 17,30. Ad organizzarla i ragazzi di «Studenti e partecipazione», il sindacato studentesco che raccoglie alunni di diversi istituti e universitari. Sotto la bella immagine di una candela, quella desinata a rischiarare il plumbeo panorama che agli studenti deve sembrare l informazione molisana, i ragazzi di superiori e università piazzano coraggiosamente sei «No» secchi e rotondi. - No ad una legge regionale sull informazione che ignora la condizione dei giornalisti spesso lavoratori in nero e senza tutele contrattuali; - No alla delibera di Giunta n.199 del 3 marzo 2009 che mette in atto azioni repressive a legittime critiche al Governo Iorio; - No all oscuramento dalla rassegna stampa di qualsiasi quotidiano; - No ai tagli all informazione contenuti nella finanziaria 2009; - No all informazione imbavagliata e alla commistione tra politica, affari e giornalismo; - No ai tentativi di intimidazione sulle redazioni a partire dal servizio pubblico. Gli studenti, è evidente, hanno le idee molto chiare e, fatto non trascurabile, una robusta dose di coraggio. Toccare certi argomenti può provocare ustioni dolorosissime e profonde ma - ed è questo il dato confortante - proprio dai giovani viene un appello che dovrà suscitare una seria riflessione tra adulti e addetti ai lavori. L invito che gli studenti fanno alla manifestazione di venerdì prossimo non esclude nessuno, dai giornalisti ai politici ai cittadini. Invito esteso anche agli organismi del comparto: Ordine dei Giornalisti, in primis, e Assostampa. Sarà interessante, tra le altre cose, vedere chi ci sarà e, soprattutto, chi non ci sarà, preferendo restare a casa nell ombra. Corrado Sala

3 NUOVO oggi MOLISE ATTUALITA 3 MOLISE SOTTO SHOCK Cercemaggiore - Il paese spaccato sulla presenza del parroco La Santa Sede: don Felix andrà via Non ci sono né vincitori né vinti, la Lattanzio: decisione tempestiva e coerente Nunzia Lattanzio Poco più di un mese. Tanto è passato dal giorno in cui Nuovo Molise raccontò, in esclusiva, la storia di don Felix Cini e la parallela vicenda di tanti genitori alle prese con la paura. Il sacerdote, da ieri, è stato destinato ad altro incarico. E il silenzio della Chiesa, sollecitata più volte, è stato rotto da un comunicato dell Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali (vedi box a lato, ndr). «La Santa Sede ha deliberato che le circostanze e la prudenza suggeriscono di assegnare il sacerdote ad altro incarico per motivi di opportunità». Ed è giusto così, anche per i comuni mortali. I genitori che hanno costituito, ad ottobre scorso, il Comitato per la Legalità e la Sicurezza e che oggi sono in silenzio. Perché, in questa triste vicenda, non ci sono né vincitori né vinti. Restano due considerazioni: una storia che avrebbe potuto essere trattata diversamente, con una tempistica più celere e senza clamori così come i genitori avevano sottolineato sia al Sindaco (rimasto inspiegabilmente in silenzio) che al Vescovo. E questa stessa brutta storia ha finito solo per dividere i cercesi, ormai su posizioni diamentralmente opposte. Non c è più nulla da aggiungere ad una storia che ha segnato chi l ha vissuta sulla propria pelle, compresi i giornalisti che se ne sono occupati. Resta anche la consapevolezza che tutto questo non dovrà accadere mai più, in nessuna chiesa di nessun piccolo comune del Belpaese. «La decisione della Santa Sede è stata tempestiva e coerente con le parole del Santo Padre - ha spiegato ieri sera a telefono il Tutore Pubblico dei Minori, Nunzia Lattanzio - e credo che don Felix sarà destinato ad impieghi diversi da quelli ai quali doveva adempiere a Cercemaggiore». La Lattanzio acquisirà ugualmente i tre faldoni giudiziari sui quali si è innestata la condanna per abusi su minori e navigazione in siti pedopornografici del parroco maltese. E se ci saranno i presupposti intenterà anche un azione giudiziaria perché quello che è successo non dovrà accadere più. «Questa vicenda ha evidenziato che la comunità di Cercemaggiore ha bisogno di validi riferimenti sia civili che religiosi. Prendo atto comunque della decisione della Santa Sede che ribadisco credo sia stata risoluta e coerente. Resta l amarezza per chi ha cavalcato la vicenda travisando i fatti». Certo. I fatti. La sentenza di condanna del giudice di Grosseto. Solo questo. Per don Felix è forse arrivato quel momento che avrà sempre immaginato con dolore. La presa d atto che questa storia, per lui e per le comunità dove si recherà, non avrà mai fine. Perché quel passato non si dimentica. Non si può dimenticare. Perdonare è possibile, dimenticare e non avere paura sarà difficile.lusa La nota dell Ufficio della Diocesi «Che l eredità del parroco diventi la riconciliazione» «Non lasci né contese né rancori» LA LETTERA L arcivescovo di Campobasso-Bojano mons. GianCarlo Bregantini ritiene che siano ormai maturate le condizioni per mettere fine alla vicenda che ha coinvolto il sacerdote don Felix Cini. La Santa Sede, costantemente informata, ha recentemente esaminato il caso in questione, approvato l operato del vescovo di Grosseto e dell arcivescovo di Campobasso e preso atto con soddisfazione che il presbitero ha compiuto un proficuo percorso di consapevolezza, maturazione interiore e recupero di una dignità compromessa. La Santa Sede, tuttavia, ha deliberato che le circostanze e la prudenza suggeriscono di assegnare il sacerdote ad altro incarico per motivi di opportunità. La stessa Santa Sede e i vescovi che hanno accompagnato don Felix nel suo cammino di rinascita ringraziano caldamente la comunità di Cercemaggiore, che ha accolto il sacerdote senza pregiudizi, aiutandolo a rifiorire e ritrovando con lui - e anche grazie a lui - una partecipazione attiva e convinta alla vita della Chiesa. Quella comunità, che tanto volte ha pregato insieme a don Felix, offrendo a Dio la comune fragilità umana e la speranza del perdono, alimento essenziale della nostra fede, certamente comprenderà che l esito della vicenda non può che coincidere con la decisione della santa Sede. Il popolo di Cercemaggiore, consapevole che il cuore del Vangelo sia la pace e che i discepoli di Cristo "vincono" proprio quando agli occhi del mondo appaiono sconfitti, saprà accettare serenamente che la misura dell amore oggi è chiamata a manifestarsi nella forma più preziosa e difficile del sacrificio da parte di tutti noi. Perciò l eredità di don Felix si riveli soprattutto nella ricerca di una rasserenante riconciliazione, simbolo e segno della identità cristiana. Don Felix ha bene operato, è unanime la gratitudine a lui dovuta, ma il più bel viatico che egli porterà con sé sarà di non lasciare alle sue spalle né contese né rancori, ma solo pace e fratellanza. Mons. Bregantini invoca la benedizione di Dio e la protezione di Maria su tutta la comunità di Cercemaggiore. Un arzillo ottantenne e la sua missiva indirizzata a Padre GianCarlo Bregantini Tutto è nato osservando i suoi comportamenti ECCELLENZA Reverendissima, avevo appreso dai giornali la triste vicenda di quel pover uomo cui Lei affidò, dopo Matrice, le facenti funzioni di parroco qui a Cercemaggiore. Un fulmine, come si dice, a ciel sereno. Al suo arrivo anch io, ormai ultraottantenne, fui presente alla manifestazione di accoglienza tributatagli in un locale pubblico. E in quella circostanza gli feci omaggio di un cartone di libri che, in copertina, illustravano la facciata della Chiesa parrocchiale ove il suo sacerdote Padre Felix Cini aveva iniziato ad amministrare i sacramenti. Quel libro, fuori commercio, «Anche d un papa - storie dei miei diari», raccontava anche percorsi di vita di un soldato polacco conosciuto in quel 1944 di guerra mondiale sotto il titolo «Il cantore mariano», Karol Joseph Wojtyla il suo nome. Scrisse allora un recensionista su questo Nuovo Molise del «Luci sul nuovo libro di Di Marzo» per cui, e per questa e per altre sollecitazioni, fui interessato a rendere completa testimonianza. Ne venne fuori «Santo subito - la testimonianza di un mandolinista» che inviai in Cdr raccomandato il 28 maggio 2009 all attenzione della Santa Sede con lusinghiero riscontro in data 1 luglio e la benedizione di Papa Benedetto XVI. Non mi trattenni di informare Padre Felix il quale volle che quella lettera di riscontro fosse affissa sul tamburo all ingresso della Chiesa. Era la terza volta che l incontravo perché la seconda volta era venuto lui da me alla Gora dei Mulini per la benedizione pasquale della nostra casa. Con questa premessa Le partecipo che oggi, per le voci che corrono, anch io credo che tanta «bagarre» Il Vescovo Bregantini La parrocchia di don Felix intorno alla triste vicenda, che ha coinvolto anche Lei, non sarebbe esplosa se quegli, con i suoi comportamenti, non si fosse esposto a farsi indagare con il risultato che a Lei era già noto: la pena inflittagli dal Tribunale di Grosseto per quel reato che la giustizia ecclesiastica condanna con la sospensione «a divinis». Sicché, per questo macigno piovutogli addosso, Cini sacerdote, e ancor per le voci che corrono, avrebbe dovuto tacere dal suo pulpito e non discolparsi artifiziosamente profferendo anche che aveva continuato ad accarezzare i bambini come li accarezzava il papa - horresco referens! - Giovanni Paolo II. Inorridisco a riferire io che continuo a venerarlo santo da quando ci consacrammo amici affondando le mani nell acquasantiera della stessa Chiesa di San Rocco ove il povero Cini è stato colto da malore (lo stesso che accusò alla Cappella dell Angelo prima ancora che si conoscesse il suo passato). «Cud, Cud!», ovverosia «Miracolo, miracolo!», sento io qui anche cantare il poeta soldato polacco Karol Christi dalle «virtù eroiche». Ebbene, come qui ha occasione di leggere, amatissimo Vescovo della nostra Diocesi, io non ho parlato del Cini che si vuole anche collettore di consensi elettorali in direzione di pseudo cattocomunisti nostrani che lo hanno difeso a spade tratte. Sono qui soltanto a ringraziarla per averlo allontanato dai riflettori dei massmedia senza riferimento - ahimé - a quella storia raccontata da Ignazio Ingrao su Panorama n.3 del 14 corrente mese. Grazie. Luigi Di Marzo

4 IN EVIDENZA Carmine Vasile: priorità alla sicurezza dei nostri ragazzi Romita: stop alle polemiche I ragazzi presto nelle nuove aule Via Facchinetti, il caso è chiuso L esterno dello stabile di via Facchinetti «BASTA con le polemiche, i nostri ragazzi devono andare a scuola, in aule sicure. E questa la cosa più importante». Sulla vicenda Romita interviene con decisione Carmine Vasile, componente del comitato dei genitori degli studenti. Invita a mettere da parte le sterili polemiche e a pensare, piuttosto al bene dei ragazzi. «Il tempo per mettere in discussione la scelta della struttura di via Facchinetti c è stato - prosegue - Ma non è più immaginabile pensare che si continui, a pochi giorni dall apertura dell edificio, ancora a criticare. Forse non ci si rende conto di quella che è la situazione reale. La situazione è grave. Ci sono i ragazzi del Ragioneria, che hanno dovuto cedere due piani del loro istituto e rifugiarsi, è proprio il caso di dire, nel sottotetto. Una situazione rischiosa, visto che si tratta di una sopraelevazione. A questo dobbiamo pensare, alla sicurezza dei nostri ragazzi». Vasile ha visto la struttura di via Facchinetti. E il suo giudizio è positivo. «Ci sono aule spaziose, piene di luce che farebbero invidia a molte altre scuole d Italia - dice - Certo, l edificio è un po fuori mano, ma come ogni cosa ci sono i pro ed i contro da valutare. Io penso che al momento era l unica scelta possibile. Condivido le preoccupazioni espresse dai residenti di via Facchinetti, circa la mancanza di servizi, di segnaletica. Ci penserà di certo chi di dovere. Ma il nostro, di dovere, è quello di tutelare i nostri figli». A giudizio di Carmine Vasile, dunque, è arrivato il momento di mettere la parola fine su questa vicenda ed augurarsi che l edificio sia pronto al più presto per dare alle centinaia di studenti del liceo scientifico Romita aule dignitose ed adeguate. «Sarà comunque una soluzione temporanea - ricorda - Ma fino a quando il Romita non sarà una scuola sicura gli studenti potranno frequentare le lezioni in piena tranquillità. La struttura di via Facchinetti resterà comunque un edificio jolly, che potrà ospitare, in futuro studenti di altre scuole considerate a rischio e quindi da mettere in sicurezza. Abbiamo questa possibilità sfruttiamola fino in fondo», chiude Vasile. Che ora chiede l apertura dell edificio prima possibile. In caso contrario si dice pronto a mettere in atto clamorose iniziative di protesta. anna di matteo Dal mondo della scuola Tutte le novità saranno illustrate nel corso di un assemblea presso la sede della Cgil Precari, si intravedono spiragli Segnali positivi giungono dopo mesi di mobilitazione e proteste Uno striscione emblematico della protesta dei precari della scuola NON sono andate a vuoto le iniziative che ha organizzato e sostenuto la Flc Cgil Molise finora e che l organismo porta avanti da qualche tempo. Sergio Sorella, segretario regionale della Flc Cgil Molise, ha illustrato il punto d arrivo di tutte le iniziative in questione volte al miglioramento della Carmine Vasile favorevole al progetto del nuovo edificio scolastico. Presto ospiterà gli studenti del Romita situazione scolastica e lavorativa dei precari del settore. La convenzione tra Regione Molise e Ufficio scolastico regionale in merito all utilizzazione delle risorse da destinare al potenziamento del tempo scuola, al parziale recupero dei disagi che derivano dai drastici tagli agli organici ed all offerta formativa nelle istituzioni scolastiche molisane pare infatti stia per giungere in dirittura d arrivo. La sottoscrizione delle regole che consentiranno l utilizzazione delle risorse in questione, destinate alla risoluzione delle problematiche presenti, saranno sottoscritte con molta probabilità nella mattinata odierna. L incontro e i suoi risvolti verranno esplicitati questo pomeriggio presso la sede della Cgil Molise. L assemblea dei precari servirà appunto per aggiornare i componenti sull esito dell incontro mattutino. L appuntamento è per questo pomeriggio, alle 18, in via Mosca a Campobasso. francesca correra Soddisfatto il segretario Flc Cgil Sergio Sorella Cronaca in pillole CAMPOBASSO - Furto in pieno giorno. E avvenuto nel quartiere vazzieri nella mattinata di martedì quando uno o più malviventi, per il momento ignoti, si sono introdotti in una abitazione prelevando denaro e gioielli per alcune migliaia di euro. Da Palazzo di Giustizia arriva la notizia che il «Mago Bruno» resterà presso il carcere di Teramo dove è detenuto. Per Bruno Battista, questo il nome del mago, i difensori avevano chiesto la scarcerazione per incompatibilità del suo stato di salute col regime carcerario. Battista ha gia tentato, per ben tre volte, il suicidio. Secondo il Tribunale della Libertà presso cui era stato proposto appello, il mago è in condizioni tali da poter restare in una cella. A suo carico, in questi giorni, si sta celebrando il processo per circonvenzione d incapace e violenza sessuale. La sede del tribunale

5 NUOVO oggi MOLISE CAMPOBASSO 5 DA PALAZZO MOFFA Il presidente dell assemblea legislativa ha affrontato molti temi, tra cui quello della sicurezza Il prefetto ricevuto da Picciano Si è aperta ieri mattina, con l incontro presso la sede del Consiglio regionale, la serie di incontri istituzionali LA prima visita istituzionale del nuovo prefetto di Campobasso, Stefano Scammacca è stata quella di ieri mattina al presidente del Consiglio regionale, Michele Picciano. Il prefetto era accompagnato dal Capo di Gabinetto Laura Scioli. Il presidente Michele Picciano si è detto particolarmente soddisfatto del fatto che Scammacca abbia riservato al Consiglio la sua prima visita ufficiale ed ha espresso un grande apprezzamento per le lusinghiere e calde valutazioni che nella presentazione agli organi di informazione ha riservato ai molisani. Picciano, in sintesi ha descritto la realtà sociale ed economica del Molise: «Una regione tranquilla e civile, attraversata da tensioni non scomposte derivanti dalla situazione di crisi delle realtà economiche e territoriali principali, accentuata quella del nucleo industriale e produttivo di Venafro Isernia, meno grave quella di Campobasso e Termoli», ha detto. In questo contesto Picciano ha espresso preoccupazione per le lettere di minacce inviate a Nuovo Molise contro i vertici politici. «Ma il Consiglio risponde con la sua piena disponibilità - ha detto il presidente del Consiglio regionale - ricevendo ed ascoltando tutti i gruppi di cittadini che vivono realtà in crisi, così come è struttura aperta ed accogliente per i cittadini in generale. Per questo - ha aggiunto - ho accolto con favore le dichiarazioni del prefetto sul concetto di struttura aperta ad ogni esigenza del cittadino, così com è il Consiglio, presupposto di una collaborazione tra palazzi non blindati». A tal proposito il presidente ha citato l esperienza dei tavoli attivati per le situazioni di crisi, fruttuosi come quello per il settore dell edilizia, qualche volta non del tutto risolti, come quello per il credito per la scarsa disponibilità degli istituti del settore. Picciano ha poi illustrato i prossimi impegni che attendono il Consiglio. La nota del consigliere regionale Petraroia: «Preveniamo atti criminosi» Il consigliere regionale Michele Petraroia ha scritto una missiva al prefetto con la quale gli augura buon lavoro. «Dottor Scammacca, benvenuto in Molise e auguri di buon lavoro. La sua lunga esperienza in province della Sicilia e in Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose, le sarà preziosa per operare in un territorio in cui bisogna svolgere la funzione di Sentinella, come ripete spesso Mons. Giancarlo Maria Bregantini, Arcivescovo della nostra città che pure ha conosciuto ben altre difficoltà sulle alture dell Aspromonte. L unità d azione tra che presiede il Comitato per l Ordine e la Sicurezza Pubblica, la Direzione Distrettuale Antimafia, la Magistratura, le Forze dell Ordine, le Istituzioni locali, la stampa libera e le forze sociali, può agevolare l attività di prevenzione e repressione con la salvaguardia del Molise dai fenomeni delittuosi che si addensano nelle province confinanti di Caserta e Foggia. Pur evitando ogni cedimento a ingiustificati allarmismi non bisogna nemmeno sorvolare su ripetuti fatti che hanno toccato il nostro territorio negli ultimi anni con inchieste della Direzione Antimafia, arresti di latitanti e confische di beni». DALLA PROVINCIA Colloquio a palazzo Magno su argomenti di strettissima attualità D Ascanio-Scammacca Cordiale faccia a faccia E stato un incontro cordiale, disteso e non poteva essere diversamente, quello che si è svolto ieri mattina tra il nuovo prefetto di Campobasso, Stefano Scammacca, ed il presidente della Provincia Nicola D Ascanio. Nel corso della visita di presentazione, sono stati affrontati diversi temi tra quelli di più stringente attualità per l intera comunità provinciale. In particolare, il presidente della Provincia ha posto l accento sulle grosse difficoltà che il nostro sistema produttivo sta incontrando in conseguenza della crisi economica globale. Difficoltà che sono strettamente connesse con i gravi problemi occupazionali che si stanno riverberando a livello locale con tutta la loro drammaticità. A conclusione della visita, il presidente D Ascanio, come gesto di benvenuto e di augurio di buon lavoro, ha fatto dono al rappresentante del Governo di una copia del Diario di Giambattista Masciotta, opera che offre uno spaccato significativo e approfondito sui caratteri e sulla storia dei molisani, recentemente pubblicato dalla Provincia di Campobasso. Un dono che aiuterà il nuovo prefetto a conoscere meglio la realtà locale. Il prefetto, dal canto Il presidente della Provincia Nicola D Ascanio insieme al neo prefetto di Campobasso L incontro è stato cordiale suo, ha mostrato interesse e piena disponibilità a seguire le problematiche che interessano la popolazione molisana. D altra parte Scammacca ha già annunciato di voler essere vicino alla gente ed alle sue molteplici esigenze. IL segretario regionale della Cgil, Erminia Mignelli, ha inviato una nota al nuovo prefetto, Stefano Scammacca. Una lettera con la quale chiede un incontro per esaminare insieme la situazione occupazionale del Molise. «La Cgil del Molise, nel darle il benvenuto nella nostra regione, auspica una fatitva e proficua collaborazione sulle complesse ed articolate problematiche che ogni La lettera del segretario generale della Cgil Erminia Mignelli «Insieme per combattere la crisi» Il sindacato è pronto a collaborare con tutte le istituzioni giorno le parti sociali sono chiamate ad affrontare. La desertificazione industriale,lo spopolamento delle aree interne e la conseguente emigrazione dei giovani, rappresentano solo alcune delle criticità rispetto ad un territorio che ha mantenuto, unico caso in Italia, lo stesso numero di abitanti del Da qui l auspicio di poter unire gli sforzi affinché si possa rispondere, con forza e determinazione, all esigenze dei cittadini molisani fortemente indeboliti dalla crisi economica ed ocucpazionale. Da parte nostra, il senso di responsabilità e l analisi oggettiva dei fatti, hanno rappresentato e rappresenteranno i fondamentali punti di riferimento dell intera Cgil. Per tale motivo la scrivente organizzazione spera di poterla incontrare, onde tessere un dialogo capace di perseguire l affermazione del bene comune e di favorire, nel contempo, l affermazione dei valori repubblicani e democratici insiti nella nsotra Carta costituzionale». Erminia Mignelli

6 6 CAMPOBASSO NUOVO oggi MOLISE SOTTO I RIFLETTORI «Il regno del Molise» verrà presentato questa sera alle 17,30 a Campobasso Un libro (ri)seppellisce Iorio Con l autore Vinicio D Ambrosio anche Sergio Rizzo del Corriere e Giovanni Cerchia docente i Storia all Università del Molise CAMPOBASSO - E uscito tre mesi fa ed è già in stampa la terza edizione. Stiamo parlando del volume a firma di Vinicio D Ambrosio, «Il regno del Molise», un libro-samizdad che raccoglie in maniera sistematica «sprechi, scandali e inchieste giudiziarie nell isola felice governata da Michele Iorio». Migliaia di copie vendute grazie al passaparola tra coloro che, a naso tappato, hanno letto molte delle malefatte regionali denunciate dal nostro giornale e tantissime altre che il lavoro certosino di D Ambrosio è riuscito a scoprire. Di tutto questo si parlerà stasera alle 17,30 presso l Hotel San Giorgio, location scelta per la presentazione del volume nel capoluogo. Insieme all autore saranno presenti Giovanni Cerchia, docente si Storia contemporanea presso l Università del Molise e Sergio Rizzo, giornalista del Corriere della Sera e coautore insieme a Gian Antonio Stella del bestseller «La Casta». E proprio a quest ultimo, esperto in malefatte italiane, che D Ambrosio, esperto in malefatte molisane, ha affidato la prefazione del volume. «E forse accettabile - scrive Sergio Rizzo - che una Regione di 320mila abitanti investa milioni per avere sedi diplomatiche a Roma e Bruxelles? E forse accettabile che paghi un numero di dipendenti otto volte superiore, in proporzione, a quelli della Lombardia? O che i politici regionali siano retribuiti più del governatore di uno Stato americano? Altrettanto inaccettabile è la tesi che denunce come quelle contenute in questo documentatissimo libro servano soltanto a fomentare qualunquismo e populismo. Tanto più perché coloro che la sostengono, credendo Michele Iorio, il protagonista de «Il regno del Molise» così di liquidare il problema facendo spallucce, spesso sono anche responsabili degli sprechi e beneficiari dei privilegi. Lor signori farebbero invece bene a leggerli, questi libri. E a leggerli con attenzione». Francamente, che lor signori (ci fa piacere che anche Rizzo, come Fortebraccio e modestamente come chi scrive) abbiano letto il libro sono in pochi, e creduloni, a pensarlo. Lor signori, questo libro, lo hanno completamente ignorato. Ma sanno che esiste e che sotto una montagna di dati incontrovertibili (non ne è stato smentito uno solo) ha già seppellito il suo protagonista: Michele Iorio. E sarà proprio lui che stasera, alle 17,30 all Hotel San Giorgio di Campobasso, verrà (ri)seppellito oltre che dal libro anche, verosimilmente (e senza che ciò paia una gufata), dalla partecipazione di popolo che seguirà la presentazione. Il popolo contro le lobby, anzi, contro la lobby delle lobby: quella di lor signori professionisti della politica. Stanno rintanati nelle loro stanze calde come serre, compiaciuti di quel loro potere che credono inesauribile per il sol fatto che altrettanto inesauribile ritengono quell inganno che lo sorregge. L inganno dell ignoranza, di chi è persuaso che nulla verrà rivelato e tutto verrà taciuto delle loro gozzoviglie. E invece non è così. Vinicio D Ambrosio, per 500 lunghissime pagine che si devono d un sol colpo, è riuscito a strappargli la maschera dalla faccia e a farceli vedere così come sono, in quella solenne posa arrogante che li accompagna nelle scorribande delle promozioni, delle assunzioni e delle consulenze a garganella; nell abile manovra di costruzione del consenso attraverso gli espedienti essi in atto con i fondi del terremoto, con quelli dell alluvione e con qual gigantesco gioco di prestigio «chiamato articolo 15», un trucco che dietro al belletto di facciata chiamato «rilancio produttivo» della Regione ha nascosto fatti e avventure che hanno coperto di ridicolo il Molise. Basti per tutte, perché ne è l emblema conosciuto internazionalmente, la storia della «Patata turchesca», un tubero decisamente fortunato cui sono andati circa 100mila euro dei fondi post terremoto. Crepano 27 bambini, morti sotto l ala di una scuola costruita a capocchia e a capocchia venuta giù, e lor signori che fanno? Finanziano patate. Il «Regno del Molise» è anche questo, da guardare, capire e osservare con due dita strette sul naso. Pasquale Di Bello Massimo Romano: «Molisecultura, Fondazione fantasma» La cultura della poltrona... quella di Sandro Arco CON decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 3 del 12 gennaio 2010 (BURM del 16 gennaio 2010), Michele Iorio ha nominato il direttore della Fondazione Molise Cultura. Ovviamente non esiste nessuna Fondazione, anche perché la legge istitutiva non è mai stata approvata. Ma questi sono dettagli insignificanti. Come è stato scelto il direttore della Fondazione fanstasma? Con un regolare concorso pubblico rivolto ad illustri conterranei che si sono distinti nella Cultura a livello nazionale ed internazionale? Professori universitari di fama che hanno nel curriculum pubblicazioni scientifiche di livello? Oppure selezionando i più brillanti giovani molisani formati nelle più prestigiose università che hanno conseguito dottorati di ricerca, master o altri percorsi professionali edificanti? Assolutamente no. Siamo in Molise, e come è noto a noi molisani non ce ne frega niente dei titoli, dei meriti e delle professionalità. Conta solo l affiliazione politica. Il prescelto, infatti, si chiama Sandro Arco, già assessore alla Cultura della Regione Molise, che evidentemente è stato premiato per essersi distinto nel suo mandato istituzionale per imprese memorabili quali la stipula di contratti co.co.co. con il criterio dell estrazione a sorte. Un monumento alla meritocrazia, insomma. Sistemato Arco, Iorio ha così nominato l ottavo ed il nono assessore regionale, che si sono prontamente dimessi dal Consiglio regionale per far posto a due nuovi Consiglieri, il sub commissario alla ricostruzione Romagnuolo e l ex Presidente della Provincia di Isernia Mauro. Ovviamente, a spese dei contribuenti, che oggi pagano 30 Consiglieri regionali, di cui oltre 15 sono Presidenti di Commissione (molte delle quali non si sono mai riunite, tra cui quella sull influenza suina), più 8 assessori esterni. Di Sandro Arco non abbiamo condiviso nulla, dall elemosina a pioggia dei Milioni di euro ministeriali di Molise Live agli spot televisivi con Anna Falchi alle convenzioni con il Formez per selezionare i più bravi esperti della pampanella del Molise. Ma certo gli riconosciamo di essere un politico risoluto, deciso, coerente e con una parola sola. Infatti il 20 novembre tutti i giornali titolavano: «Colpo di scena: Arco rifiuta la direzione della Fondazione Molise Cultura». Nel comunicato stampa Sandro Arco era perentorio e la sua dichiarazione non lasciava spazio ad interpretazioni: «ho manifestato la mia totale indisponibilità in questo momento a coprire detto ruolo e per questo, ringrazio il Presidente; rifiuto l offerta e vado avanti». Come non detto. Arco è direttore della Fondazione. E dura in carica per cinque anni. Una notazione: ho presentato una istanza di accesso agli atti per sapere quanto ci costerà il direttore della Fondazione, visto che il contratto non è allegato al decreto di nomina nonostante lo stesso decreto lo preveda espressamente. Ma si tratta sicuramente di una dimenticanza. Giovani e meno giovani donne e uomini di Cultura: scappate finché siete in tempo! Massimo Romano Costruire Democrazia Il silenzio dei media contrapposto al forte successo di vendita» «Pagine cha fanno molta paura» Nuovo materiale pronto per una seconda «puntata» Massimo Romano «UN libro praticamente sconosciuto per i mezzi di informazione». Questo, in esterma sintesi, il giudizio dell autore a tre mesi di distanza dall uscita del volume che pure ha mietuto ampi consensi tra i lettori. In effetti, a ben guradare, «Il regno del Molise» è passato in sordina. Salvo Nuovo Molise, per il resto ri è registrato un silezione quasi tombale. «Un libro - sottolinea D Ambrosio - che pare scivolato addosso ai politici locali, regionali e nazionali. Opposizione compresa. Nessuna interpellanza, interrogazione o altro atto di sindacato. Eppure il volume cita delibere, atti, provvedimenti a sostegno delle notizie in esso contenute. Tutte informazioni che non sono state oggetto nè di smentite nè di querele come usa in questi casi». Il dilemma dell autore, tuttavia, è di facile soluzione. «Il regno del Molise» è un libro che fa paura. Tutto qui: fa paura al Palazzo proprio per quella enorme mole di informazioni che ne rappresentano l impalcatura. Notizie e documenti che, dopo tre mesi dall uscita e tre edizioni, continuano ad accumularsi ad altre nuove. Un volume due? «Probabile», risponde sornione l autore. pdb

7 NUOVO oggi MOLISE CAMPOBASSO 7 RIPALIMOSANI Il sindaco Petti replica alle accuse mosse nei suoi confronti: operazione trasparenza Alberi tagliati, ecco la verità L amministrazione comunale ha affisso i manifesti per illustrare gli interventi eseguiti sul verde pubblico per motivi di sicurezza Alcune immagini degli alberi abbattuti dall amministrazione comunale di Ripalimosani UN manifesto per mostrare quali interventi sono stati effettuati sul verde pubblico: è la via scelta dal sindaco di Ripalimosani, Paolo Petti, e dall amministrazione comunale per informare i cittadini sull azione portata avanti dal Comune. Il manifesto raffigura tutte le essenze arboree oggetto di abbattimento o potatura, 19 fusti sui circa 3000 presenti solo nel centro urbano, di cui 8 già divelti sul terreno. Gli interventi, resisi necessari in parte per le condizioni degli alberi e in parte per disposizioni di carattere sanitario (scaturite da una raccolta firme prodotta da residenti), hanno interessato le seguenti zone: via Parco Morgione, contrada Peschio, via Orto dei Funai. Nelle aree del parcheggio di via Occidentale e di via San Rocco sono stati effettuati invece interventi di sola potatura. «L affissione del manifesto - spiega il sindaco Petti - si è resa necessaria anche in seguito a notizie poco corrette diffuse dal capogruppo di opposizione. Non mi interessa entrare in polemica, ma mi preme fornire ai miei cittadini, con la massima trasparenza, ogni dettaglio circa le scelte operate dall amministrazione. Scelte che considerano sempre il rispetto del verde pubblico un punto fermo, in termini di tutela e di valorizzazione. Credo che immagini chiare e dati precisi siano più eloquenti di ogni chiacchiera», chiude il primo cittadino. Entro il primo aprile entrerà in vigore la Comunicazione unica al registro delle imprese Procedure più snelle I servizi sono on line ENTRO il primo aprile 2010 la Comunicazione Unica al Registro Imprese entra in vigore definitivamente. La fase sperimentale, iniziata nel 2008 in alcune Camere di Commercio - tra cui quella di Campobasso - sta per terminare. Al bando quindi lunghe code in numerosi uffici o giornate perse tra un ente ed un altro. Per aprire, cessare e seguire ogni iter burocratico di un attività imprenditoriale sarà necessario compilare un unico modulo, ed inviare la richiesta al Registro Imprese della Camera di Commercio di riferimento, attraverso modalità telematica o supporto informatico. La nuova procedura, valida per ogni tipologia di impresa, favorisce lo snellimento dell iter burocratico, finora articolato in numerose richieste in differenti istituzioni (Registro Imprese, Agenzia delle Entrate, Inps, Inail) e verrà utilizzata anche ai fini previdenziali, assistenziali e fiscali. Ogni società al momento dell iscrizione, deve comunicare al Registro Imprese la propria PEC, casella di Posta Elettronica Certificata, alla quale andranno tutte le comunicazioni relative al procedimento. L invio alla PEC della ricevuta dell avvenuta richiesta presso il Registro Imprese costituisce titolo per l immediato avvio dell attività imprenditoriale. Ditte individuali non artigiane Diversa è la regolamentazione delle PEC La sede della Camera di Commercio di Campobasso per le ditte individuali. Saranno le camere di commercio ad erogare gratuitamente una casella di Posta Elettronica Certificata che potrà essere utilizzata solo ai fini del procedimento di Comunicazione Unica. Con un solo click inviato dalla propria bottega, anche l artigiano potrà comunicare l avvio dell attività e solo in seguito alla ricevuta di notifica della Camera di Commercio e alla qualifica da parte della Commissione provinciale, potrà considerare costituita la propria impresa artigiana. La Camera di Commercio di Campobasso ha in programma, per la prima settimana di febbraio, l organizzazione di corsi di formazione per la compilazione e la gestione della procedura.

8 8 UNIVERSITA NUOVO oggi MOLISE La bacheca degli appuntamenti Il 26 febbraio la scadenza per la presentazione delle domande Studenti Unimol verso l Europa Pubblicato nuovo bando Erasmus Da assegnare 174 borse di mobilità CREA lo slogan e la mascotte del CNU Unimol ha lanciato un concorso di idee volto a selezionare il messaggio che accompagnerà l immagine e la promozione dei Campionati Nazionali Universitari, ospitati quest anno dal Cus Molise. Potranno partecipare al concorso tutti gli studenti dell Università del Molise, italiani o stranieri, che risultino in regola con il pagamento delle tasse universitarie, e tutti gli iscritti al Cus Molise, inclusi i settori giovanili. I partecipanti dovranno presentare un progetto contenente il testo dello slogan e un un immagine grafica o fotografica che funga da mascotte. Questa immagine dovrà essere presentata in bozza, necessariamente, sia su supporto carteceo, che su supporto magnetico. Gli elaborati dovranno pervenire entro le 12 del 29 gennaio. A valutare le proposte sarà il Consiglio Direttivo del Cus Molise, il quale premierà il vincitore con 12 mesi gratuiti di iscrizione alla palestra d Ateneo e ai relativi corsi, e il secondo classificato con sei mensilità gratis; GIORNATA del laureato - L 8 febbraio 2010 alle ore 11, presso l aula Magna di Ateneo - via De Sanctis (CB), il Magnifico Rettore Giovanni Cannata consegnerà le pergamene di laurea ai neo dottori della Facoltà di Scienze Umani e Sociali. Ospite della cerimonia sarà il professor Giuseppe Roma, Direttore Generale del CENSIS; ASSEGNI di ricerca - Pubblicati i bandi. Scadenza 15 febbraio; PROGRAMMA di iniziative per portare alla laurea gli studenti in ritardo. Su gli universitari iscritti ad un numero di anni fuori corso pari alla durata legale del suo corso di studio (terzo anno fuori corso per le triennali, secondo f.c. per le magistrali) potranno visionare le opportunità che Unimol offre loro per raggiungere in breve tempo il traguardo della laurea; CLA - prosegue l iniziativa del cineforum didattico organizzato dal Centro Linguistico di Ateneo, con film in lingua originale per la promozione della conoscenza delle lingue che si insegnano all Unimol. Prossimo appuntamento mercoledì 27 gennaio, con la proiezione in lingua tedesca della pellicola Der Untergang (La caduta). Il cineforum è aperto a tutti gli studenti dell ateneo. L ingresso è gratuito e non occorre prenotarsi; IV edizione del Master universitario di II livello in Governance delle aree naturali protette a.a. 2009/2010. Scadenza 8 febbraio Bando e modello di domanda su MASTER universitario di II livello Il trattamento della patologia degenerativa del ginocchio, anno accademico Bando e modello di domanda su Scadenza 1 febbraio CAMPOBASSO - Sempre più cittadini d Europa! A sentirsi così sono buona parte degli studenti di oggi che, grazie alle opportunità offerte dal programma Erasmus, vivono esperienze culturali all estero, conoscono nuovi sistemi di istruzione superiore, perfezionano la conoscenza delle lingue straniere e incontrano giovani di altri Paesi. Opportunità che le vecchie generazioni non riuscivano nemmeno ad immaginarsi e che l Università del Molise ha garantito anche quest anno, pubblicando il bando per l assegnazione delle borse di mobilità relative all anno accademico Centosettantaquattro borse di studio (41 in meno rispetto all anno passato) che permetteranno ad altrettanti studenti Unimol di trascorrere un periodo di studi presso un ateneo di un altro paese europeo, con il pieno ed integrale riconoscimento da parte dell Università del Molise. Erasmus (EuRopean Action Scheme for the Mobility of University Students) è un progetto promosso dall Unione Europea e, attraverso gli accordi bilaterali tra le università del Vecchio continente garantisce un equo scambio di studenti fra le stesse. I giovani interessati alla mobilità potranno presentare domanda entro le ore 12 del 26 febbraio, scegliendo dalla lista delle università partecipanti al programma, l ateneo dove vorrebbero svolgere parte del proprio percorso di studi. Gli studenti potranno indicare fino a due preferenze, segnalando anche le attività che vorrebbero svolgere all estero. L elenco delle università partner è consultabile sul bando, su nella sezione news. Dopo la pubblicazione della graduatoria di merito, gli studenti assegnatari dovranno presentarsi entro i 10 giorni successivi, presso l Ufficio Relazioni Internazionali, per sottoscrivere l accettazione, pena la decadenza di ogni diritto. Il periodo di utilizzo delle borse è 1 giugno settembre 2011 e la durata dell esperienza di studio all estero non potrà essere inferiore a tre mesi e superiore a un anno. Lo studente Erasmus riceverà un contributo comunitario e avrà la possibilità di seguire corsi e di usufruire delle strutture disponibili presso l Istituto ospitante senza ulteriori tasse di iscrizione, con la garanzia del riconoscimento del periodo di studio all estero tramite il trasferimento dei rispettivi crediti. In più, i 174 studenti assegnatari riceveranno anche un contributo mensile di 230 euro per le spese di mobilità supplementari (spese di viaggio, preparazione linguistica, spese connesse ad un indice generale del costo della vita superiore nel Paese ospitante). Ma l Erasmus non solo ha l obiettivo di adeguare la preparazione universitaria alla realtà dell integrazione, ma anche quello più profondo dell affermazione di una mentalità europea. Per questo... anche il Molise in terra straniera! Vincenzo Carrese Ospiti dell evento gli europarlamentari Patriciello e Pittella L Ateneo molisano discute il Trattato di Lisbona L UNIVERSITA del Molise verso l Europa. E la nuova sfida del Magnifico Rettore Giovanni Cannata, che con le diverse iniziative a sfondo comunitario ha inteso intraprendere anche la strada dell europeizzazione, oltre alla tradizionale missione di promozione e sviluppo del territorio molisano. Obiettivi più ampi, dunque, che si concretizzano attraverso l incontro di studi La rotta di Lisbona. Le istituzioni europee e la nuova sfida della politica, organizzato ad Isernia presso la sede universitaria di via Mazzini. L evento, che rientra nell ambito dei corsi di laurea in Scienze della Politica e dell Amministrazione e laurea magistrale in Scienze Politiche e di Governo, si terrà venerdì 29 gennaio, a partire dalle ore 11.00, nell aula magna Andrea d Isernia. L incontro ha lo scopo di illustrare le prospettive del Trattato di Lisbona che, entrato in vigore il 1 dicembre 2009, ha dotato l Unione europea del quadro giuridico e degli strumenti necessari per far fronte alle sfide del futuro e rispondere alle aspettative dei cittadini. La rotta di Lisbona approfondirà in modo particolare particolare i principi democratici e di libertà che il nuovo Trattato garantisce a tutti i cittadini dell Unione, nonchè i nuovi meccanismi di giustizia e sicurezza messi in atto per rendere più incisiva la lotta alla criminalità e al terrorismo. Inoltre, si porrà l accento sulla solidarietà nel settore energetico e sulle nuove disposizioni in materia di protezione civile, aiuti umanitari e salute pubblica. Ospiti istituzionali dell incontro saranno gli europarlamentari Aldo Patriciello - membro delle Commissioni del Parlamento dell Unione Europea ITRE, CONT e REGI - e Giovanni Pittella - Presidente vicario dell Europarlamento. Ma sarà presente anche Angelo Michele Iorio, Presidente della Regione Molise, mentre a coordinare i lavori sarà Matteo Luigi Napolitano, docente di Storia delle relazioni internazionali dell Ateneo molisano. L incontro sarà occasione per rafforzare il dialogo continuativo e la collaborazione tra le istituzioni europee e il mondo universitario e - parafrasando le parole del Rettore - per avere «Un Università forte, forte per il Molise, forte per un Europa unita». VinCa

9 NUOVO oggi MOLISE BOJANO-AREA MATESINA 9 IN EVIDENZA Nel mirino della giustizia amministratori comunali di Bojano per voto di scambio Processo rinviato, le reazioni In paese si sprecano i commenti relativi alla decisione dei giudici di far slittare il procedimento al prossimo mese di luglio LA notizia dello slittamento a luglio del processo per il voto di scambio e abuso d ufficio al Comune di Bojano, ha suscitato nell opinione pubblica bifernina una serie di reazioni e commenti non troppo favorevoli e simpatici nei confronti degli organi giudiziari. Ormai c è una sorta di rassegnazione generale: il comune cittadino è sfiduciato, non crede più nel meccanismo della giustizia. Sicuramente i magistrati, persone integerrime, sono stati costretti per motivi contingenti a far slittare l apertura del processo a carico degli interessati. Rinviarlo di sei mesi, dopo oltre quattro anni dalla consumazione dei presunti reati, e vedere quegli stessi amministratori imputati continuare indisturbati a gestire la cosa pubblica, coinvolti in altre presunte irregolarità di cui si sta occupando sia la giustizia penale che contabile, sicuramente concorre a rinsaldare nei cittadini la disaffezione verso la Magistratura. La giustizia nel Belpaese, dall Unità ai giorni nostri, a quanto pare, come ci ha ricordato anche la fiction de "Lo scandalo della Banca Romana", andata in onda in questi ultimi giorni su Raiuno, sembra proprio che non sia mai esistita. Del resto anche Alessandro Manzoni nei "Promessi sposi" ci ha tramandato uno spaccato di vita della società seicentesca nella quale già allora esisteva una forte collusione tra potere pubblico e potere privato, con la conseguenza ineluttabile che a pagare era sempre il più debole della catena. Sono passati secoli, ma la musica è sempre la stessa, ormai non fa più scandalo affermare che la giustizia non è affatto uguale per tutti. Il poveraccio che ruba un pezzo di pane per riempire lo stomaco viene subito prelevato e portato davanti al giudice per essere processato, condannato e messo in galera per espiare la colpa; il politico che crea danni e guasti agli interessi della collettività, invece, viene trattato sempre con il massimo rispetto, avendo al seguito i migliori avvocati pronti a trovare le scappatoie giuste, quasi sempre certificati medici fasulli o altri cavilli tecnico-giuridici, per differire così nel tempo i processi con la speranza che arrivi il solito provvedimento di clemenza generale che conceda uno sconto, oppure estingua completamente il reato commesso. E assurdo quello che succede a Bojano, da anni si parla di processi nei quali si ipotizza la presenza di un comitato di affari al Comune, costituito da amministratori pubblici,con appalti che sarebbero stati pilotati e poi annullati dal Tribunale amministrativo, e vedere ancora quegli stessi amministratori continuare a gestire appalti milionari, arrogandosi il diritto di nominare i componenti della commissione giudicatrice quando la prerogativa è di esclusiva competenza del responsabile del procedimento. In altre realtà per impedire la reiterazione dei reati, oppure l inquinamento delle prove, gli imputati vengono allontanati dagli ambienti in cui si sono consumati i presunti illeciti. E vero che fino al terzo grado di giustizia nessuno è colpevole, però è anche vero che se l imputato alla fine viene riconosciuto colpevole e condannato, nel frattempo durante lo svolgimento dei vari gradi di giustizia avrà avuto la possibilità di continuare a gestire la cosa pubblica a proprio piacimento con tutti i danni e i guasti facilmente immaginabili. Per questo motivo i processi che vedono coinvolti i pubblici amministratori dovrebbero avere un canale prioritario per una rapida definizione, non solo per tranquillizzare la comunità che li ha eletti e quindi restituire la fiducia ai cittadini verso le istituzioni pubbliche e nei confronti della macchina giudiziaria, ma anche nell interesse degli stessi amministratori che potrebbero dedicarsi con più serenità al proprio mandato istituzionale ricevuto dal popolo. (Luz) Ieri i vertici hanno tenuto una conferenza stampa per illustrare le produzioni Arena, ecco i nuovi prodotti L azienda bojanese si prepara ad aggredire e conquistare il mercato L Arena volta pagina e torna a volare. Da lunedì scorso l azienda ha lanciato sul mercato due nuovi prodotti della linea croccoburger, "Croccopollo & Croccocotto", con i quali punta decisamente a riconquistare alla grande il mercato nazionale. I due nuovi prodotti Arena, che rappresentano una novità assoluta e fantastica della famiglia dei panati, per gusto e salubrità, sono stati presentati ufficialmente ieri presso lo stabilimento bojanese nel corso di una conferenza stampa dal Presidente Dante Di Dario e dal suo staff di collaboratori. Nel corso dell incontro il patron Arena ha preannunciato il suo ritorno, a breve, alla guida del gruppo agroalimentare, infatti, pur avendo la presidenza del Consiglio di amministrazione, attualmente non ricopre alcun incarico dal punto di vista operativo. La presentazione è stata anche l occasione per parlare della crisi che in questi anni ha interessato l azienda, che dà lavoro ad 800 unità lavorative oltre a quelle occupate nell indotto, crisi che ormai sembra superata. "Nel periodo che va dal 2006 al 2008 Arena ha dovuto affrontare notevoli problemi esogeni all azienda che hanno avuto un impatto significativo sulla gestione: influenze aviarie, incendio di Castelplanio, crisi dei mercati dei cereali, nonché crisi finanziaria - ha spiegato il direttore generale Domenico Tidone -. Il management Arena ha svolto un lavoro straordinario nel concentrare tutte le lavorazioni in un unico stabilimento, quello di Bojano, che torna ad essere il punto di riferimento del Gruppo e del mondo alimentare italiano. A sostegno della sua cooperativa Solagrital è intervenuta la Regione Molise, le cui misure sono in corso di attuazione, a cui va tutto il nostro ringraziamento. Oggi riteniamo sussistere tutte le condizioni per un rilancio definitivo e Un momento della conferenza stampa tenuta ieri concreto del Gruppo sia dal punto di vista industriale che commerciale. Il programma - ha sottolineato - è di ritornare entro due anni ai seguenti volumi produttivi: polli macellati a settimana 500/600 mila, di cui 200 mila di Alta Qualità; III lavorazioni circa 1000 quintali a settimana; IV lavorazioni circa 2000 quintali a settimana. Ci sono inoltre altri obiettivi che pensiamo di raggiungere come l inserimento della commercializzazione di carni rosse, l innovazione di prodotto e di processi, la produzione wurstel e quella degli arrosti. In questo contesto si colloca il progetto del lancio della linea Croccoburger, con Croccopollo & Croccocotto, che sarà la prima di una serie di nuove proposte con le quali Arena intende testimoniare e supportare il suo immediato rilancio sul panorama alimentare nazionale per tornare ad essere l azienda leader nel mercato delle carni bianche". Arena inoltre si prepara; a presentarsi con una nuova veste grafica, presto infatti arriverà il nuovo restyling del pack dell intero assortimento; a compiere per prima attività di category nel mercato delle I e II lavorazioni; a proporre innovazioni già dai primi mesi del "I due nuovi prodotti, Croccopollo & Croccocotto, lanciati sul mercato solo da qualche giorno, stanno avendo notevoli consensi da parte dei consumatori - ha evidenziato con soddisfazione il responsabile marketing, dott. Giovanni Mancia -, con la loro croccantissima panatura ai 4 cereali e con il ripieno arricchito di gocce di mozzarella uniformemente distribuita, i prodotti possono soddisfare bene tutti i palati più esigenti, inoltre lo spessore di 2 cm si offre ad un morso pieno e corposo suscitando un gusto che si espande nel palato. Grazie alla sua forma circolare, si presta perfettamente ad essere consumato per soddisfare la crescente domanda che proviene dal consumo fuori pasto e dai pasti destrutturati. Proprio in quest ultima caratteristica è racchiusa la vera sfida di Arena - ha aggiunto Mancia -, creare un nuovo segmento di mercato, quello degli hamburger panati". I due prodotti della linea Crocco, a cui presto se ne affiancherà un terzo, si presentano in formati da 200 grammi, 2 pezzi da 100 grammi l uno, e ad un prezzo al pubblico di 2,50 euro alla confezione. Dalla prossima primavera partirà anche una massiccia campagna pubblicitaria sulle reti Rai e Mediaset delle due gustose novità nel settore dei panati con i quali il patron Arena Di Dario è deciso più che mai a riconquistare quel ruolo incontrastato nel panorama nazionale degli elaborati delle carni bianche, ruolo che l azienda conquistò meritatamente una ventina di anni orsono quando lanciò sul mercato il famoso Cordon Blu, una novità assoluta per l epoca. (Luz) LUTTO Era il decano della politica E venuto a mancare Domenico Spina IERI presso l Hospice di Larino è scomparso il dott. Domenico Spina, 76enne, decano della politica amministrativa bojanese nonché Democristiano doc. Apprezzato e stimato medico di base, ha esercitato la professione nella sua città fino a pochi anni fa. E entrato in politica nella metà degli anni Settanta con la corrente fanfaniana, era molto legato al compianto On. La Penna. E stato più volte in amministrazione al Comune di Bojano, potendo contare su un vasto consenso elettorale costituito in gran parte da suoi pazienti che con lui hanno condiviso tante battaglie politiche. Per una decina d anni, cioè dal 1993 in coincidenza della crisi e della scomparsa della Balena Bianca, si era allontanato dalla politica, ricandidatosi poi nel 2001 con l amministrazione di Roberto Colalillo con la quale entrò in giunta occupandosi del settore lavori pubblici. Nonostante l età non più verde era animato da entusiasmo e voglia giovanile per fare qualcosa di utile per la sua città. Nel 2006 è stato candidato con Forza Italia alla Provincia di Campobasso nel collegio di Bojano, ottenendo anche un discreto successo personale non sufficiente però per la sua elezione. Era un grande appassionato di archeologia, negli anni Settanta ha pubblicato sul periodico Molise alcuni articoli che trattavano di scoperte avvenute nella piana bojanese. I funerali si terranno oggi pomeriggio alle ore 15,30 nella Chiesa Cattedrale, ad officiarli il parroco don Rocco Di Filippo. Ai familiari e parenti la redazione del Nuovo Molise porge sentite condoglianze. (Luz)

10 10 RICCIA-CERCE-JELSI NUOVO oggi MOLISE Pietracatella - E in tutte le case del paese: in prima pagina l augurio di monsignor Bregantini Un calendario 2010 speciale Come sempre è stato realizzato, anche per quest anno, dalla parrocchia di San Giovanni Battista e dalla Confraternita PIETRACATELLA - Anche per il 2010 che è appena iniziato la Parrocchia di San Giovanni Battista e l antichissima Confraternita di Santa Maria di Costantinopoli hanno preparato un calendario, prodotto tipografico a cui gli abitanti del posto hanno ormai fatto l abitudine e che campeggerà anche stavolta nella maggior parte delle case. Apre il calendario l augurio di Monsignor Bregantini, mentre ogni mese è dedicato alle figure ecclesiastiche che nel tempo hanno avuto i natali nel borgo di Pietra. Il personaggio più lontano cronologicamente è il cardinale Niccolò Grimaldi, vissuto nel secolo XVII. Seguono il venerabile Padre Luigi dal Crocifisso (nato nel 1727), i canonici Giuseppe Di Vita e Nicola Pillarella, che insieme all arciprete Saverio Pasquale e a Padre Antonio Filomeno D Elia caratterizzarono la religiosità locale tra il 1800 ed il Per finire altre figure di uomini devoti alla Chiesa e attivi dentro e fuori la comunità pietracatellese sono immortalate nel calendario. Corredano le pagine occupate dai singoli mesi bellissime fotografie che ritraggono squarci del paesaggio urbano e rurale, nelle sue connessioni con i rituali che accompagnano la Festa della Madonna, detta anche Madonna delle ricotta. Commentano le foto i versi dedicati alla Madonna dal Colonnello Donato Di Vita, autore di numerose opere di diverso genere letterario, tra cui "Vola, mia mente...", raccolta di poesia e prosa scritta tra il 1943 ed il Per chi voglia avere notizie circa il calendario, può contattare la Confraternita al numero telefonico: 0874/ antonella angiolillo Toro - Grosse soddisfazioni politiche Miozzi e Di Paolo entrano in giunta TORO - Il gruppo sempre più compatto di maggioranza del Comune rinnova l esecutivo. Gli assessori Carlo Antonio Marcucci e Nicola Quercio rassegnano le dimissioni per fare spazio ad Amalia Maria Miozzi e Roberto Di Paolo. Il gruppo che da sempre segue con attenzione il programma elettorale ha già realizzato oltre il 50% degli obiettivi che aveva sottoposto all elettorato. Particolare attenzione è stata rivolta al settore pubblico con la riapertura dell edificio scolastico a settembre 2009 dopo 7 anni di chiusura a seguito dell evento sismico del 2002; grande sacrificio e sforzo economico per la messa in sicurezza del campo sportivo comunale: opera pubblica di interesse sportivo da sempre tra le attenzioni primarie di questa amministrazione; rivalutazione dell asilo "Trotta" attraverso la realizzazione di un area ludicoricreativa; rifacimento di gran parte delle condutture idriche urbane ed extra urbane; rifacimento di alcune strade interpoderali e comunali, messa in sicurezza del cimitero; realizzazione di un centro informatico avanzato; apertura di un museo comunale. Riccia - Riservati agli ambulanti Domande per i posti auto RICCIA - Scadono il prossimo 30 gennaio le domande, riservate ai commercianti ambulanti, per poter richiedere il posteggio relativo ai mercati settimanali e giornalieri che si svolgono a Riccia. Per il mercato domenicale di piazza Umberto I sono disponibili quattro posteggi in via IV Novembre riservati al settore non alimentare. Nel mercato coperto di piazza Giacomo Sedati sono disponibili, solo per il settore alimentare, tre posteggi; infine, nel piazzale antistante il cimitero per il mercato giornaliero ci sono tre posteggi liberi riservati ai fiorai. Gli interessati devono presentare la domanda, con raccomandata, entro e non oltre il 30 gennaio prossimo. Gli uffici della Polizia Municipale, in via Zaburri, sono a disposizione degli interessati per fornire ogni chiarimento al riguardo.

11 Oggi intanto si presenta il piano industriale Ittierre, prorogata la cassa integrazione di altre 6 settimane PETTORANELLO - Da settimane i lavoratori attendono di conoscere il Piano industriale di rilancio della Ittierre, oggi il presidente della Regione, Iorio, incontra insieme agli assessori Fusco Perrella e Marinelli i sindacati e le Rsu. Una giornata attesa per conoscere cosa accadrà ai lavoratori dell azienda tessile. Appuntamento alle 12,30 all assessorato alle Attività produttive. Intanto in vista della scadenza della cassa integrazione che interessa 160 dipendenti (23 gennaio) è stato prorogato per altre sei settimane il periodo. Gli ammortizzatori continueranno ad essere d aiuto ai 160 lavoratori fino a marzo. Intanto continua il presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Pettoranello da parte di chi rischia il posto di lavoro. Evitare di vendere i marchi sembra essere la richiesta più pressante da parte dei manifestanti. E nella giornata di lunedì i delegati dell IdV incontreranno i rappresentanti dei lavoratori, sindacali e delle aziende presso lo stabilimento, mentre la crisi della Ittierre sarà seguita dal presidente Di Pietro. mpt La tragedia si consumò nella casa del giovane che dovrà presentarsi davanti ai giudici Droga, imputato alla sbarra Al via il processo per Bencivenga L amico Rago morì per overdose ISERNIA - Inizia il 28 gennaio presso il Tribunale di Isernia il processo a carico di Antimo Bencivenga, campano apparentato a Monteroduni, unico imputato per la morte per presunta overdose di Emilio Rago, avvenuta quattordici mesi fa. Il ventitreenne fu trovato privo di vita nell abitazione dell imputato, situata nel centro storico di Monteroduni in via Mercato. Fu la mamma disperata perchè il figlio non faceva ritorno a casa a fare la macabra scoperta. Inutile fu il tentativo di rianimarlo da parte dei santitari del 118 accorsi sul posto allertati appunto dalla madre. Però si salvò grazie a questo intervento proprio il Bencivenga, ora imputato, anche lui in preda ad un forte malessere poi superato grazie al ricovero immediato presso l ospedale di Venafro. Non si escludono colpi di scena durante la fase processuale, pare che l imputato voglia dire tutta la sua verità, su come andarono veramente i fatti quella famigerata notte del 23 novembre 2009 nella sua abitazione di Monteroduni. Prossimamente una serie di domande su chi altro c era e se qualcuno omise il soccorso per il povero Emilio Rago agonizzante e da quando durava il traffico in quella casa, inoltre se si consumava lo spaccio di droga,potrebbero avere una risposta. Possibile che nessuno sapeva? Intanto la posizione dell imputato dopo il suo arresto, avvenuto il mese scorso, insieme ad una trentina di campani da parte della Direzione distrettuale Antimafia di Napoli si è fatta più delicata. m.c. Il tribunale di Isernia si occuperà della vicenda Condannato a 4 mesi di pena il 26enne di Isernia accusato del furto di un televisore al plasma ISERNIA - E stato processato per direttissima il 26enne accusato di aver rubato un televisore all interno di un supermercato di Isernia. Il ragazzo ieri mattina è stato condannato a 4 mesi di reclusione e 300 euro di multa. Mercoledì pomeriggio aveva deciso di portar via dal supermecato il televisore al plasma, dal valore di 800 euro. Sono stati i carabinieri a risalire all identità del ladro e restituire la merce, asportata poco prima dal negozio al titolare dell attività commerciale mentre il giovane ha trascorso la notte nella cella di sicurezza della caserma dei carabinieri di Isernia. mpt La decisione della Suprema Corte a poche ore dal processo La cassazione annulla l arresto per Consoli ISERNIA - La sesta sezione della Cassazione ha annullato ieri l ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di Valerio Consoli, il funzionario di polizia in forza alla questura di Isernia. Una notizia è stata attesa per mesi da parte dell imputato, ora la decisione della Cassazione giunge poprio poche settimane prima del processo, che lo vede alla sbarra del tribunale di Santa Maria Capua Vetere per aver fatto pressione nei confronti di Vincenzo Schiavone, titolare di una delle cliniche mediche nell area casertana. Soddisfatti per l esito della sentenza i difensori di Consoli, Vittorio Gianquinto e Raffaele Crisileo. Disavventura per tre cugini in viaggio dai parenti A Chicago scatta l allarme bomba per un caciocavallo AVEVANO deciso di passare il Natale dai parenti in America e come da tradizione nelle valigie non potevano mancare i prodotti tipici, come ad esempio una bella forma di caciocavallo. Ma una volta all aeroporto di Chicago sono iniziati i guai per tre cugini della provincia di Isernia. Al controllo dello scanner, la sagoma del formaggio, quel caciocavallo che aveva volato per diverse ore e aspettava solo di finire in tavola è stato scambiato per una bomba. Scatta l allarme. I tre cugini sono stati bloccati e perquisiti. I poliziotti hanno preso le loro impronte, iniziato gli accertamenti. Mentre il presunto ordigno è stato ispezionato e analizzato. Ma altro che bomba, era solo un caciocavallo e allora la storia è finita in risate. Le vecchie abitudini non muoiono mai e i tre cugini scambiati per terroristi erano solo «contrabbadieri» di formaggio.

12 12 ISERNIA NUOVO oggi MOLISE Incontro al Mattei con l autrice Arriva «L oro della camorra» a Isernia ISERNIA - L oro della camorra è il libro di Rosaria Capacchione, la giornalista del Mattino costretta vivere sotto scorta. Il volume che racconta come i boss casalesi sono diventati ricchi e potenti manager che influenzano e controllano l economia di tutta la penisola, da Casal di Principe al centro di Milano, viene presentato oggi pomeriggio a Isernia, alle 17,30 presso l Auditorium dell Itis Mattei. Un momento per capire come la scalata di una potenza sotterranea è stata capace di muovere centinaia di migliaia di euro in contanti e tirare i fili di settori chiave dell economia italiana. All appuntamento partecipano Paolo De Chiara, direttore del mensile il Ponte, Umberto Berardo, fondatore della scuola di legalità Falcone e Borsellino di Trivento, Fabio Papa, sostituto presso la Procura di Campobasso e Armando D Alterio, procuratore capo della Repubblica di Campobasso, l onorevole Lorenzo Diana, già componente della commissione Antimafia e responsabile dell Osservatorio antimafia associazione Articolo 21. Verso la stabilizzazione Asrem, fine del rapporto da precari ISERNIA - Arrivano buone notizie per il personale precario del servizio sanitario regionale dell Asrem che a breve potrebbero veder trasformare il contratto a tempo indeterminato. E quanto rende noto la Fials ribadendo che il direttore generale dell assessorato regionale alle politiche per la tutela della salute della Regione Molise invitatail dg dell Asrem ad iniziare a procedere alla ricognizione degli organici alla stabilizzazione del personale precario del servizio sanitario regionale. Il dg Percopo convocava a fine 2009 le organizzazioni sindacali e veniva costituita una commissione di verifica e consultazione con compiti istruttori e di calendarizzazioone delle varie procedure per stabilizzare il personale precario alla luce delle normative nazionali e regionali. Il dg con un provvedimento del formalizzava le risultanze della riunione e a giorni la commissione inizierà il proprio lavoro. Una notizia che farà piacere a chi finora ha lavorato all interno dell Asrem in una situazione di precariato. Gli interessati possono ricevere ulteriori notizie rivolgendosi al segretario provinciale della Fials, Giustino Savelli. A breve l azienda speciale della Camera di Commercio avvierà incontri con gli studenti Promuovere la cultura d impresa La SEI lancia lo sportello per l imprenditoria femminile ISERNIA - «Cerchiamo di creare una cultura d impresa». Il presidente della SEI, l azienda speciale della Camera di Commercio, Francesco Toci lancia la sfida alle giovani generazioni, in particolare agli studenti delle ultime classi delle superiori che incontrerà a breve presentando il progetto Sportello Imprenditoria femminile, nell ambito del fondo di perequazione 2006 del sistema camerale. Ai ragazzi che dovranno scegliere se continuare a studiare o iniziare il percorso lavorativo la SEI offrirà una serie di supporti per capire se tra gli studenti qualcuno potrebbe essere attratto dall avviare un azienda. Ma non saranno solo i ragazzi gli interlocutori della SEI, che in questo momento mira a favorire, attraverso una serie di strumenti, la creazione e in consolidamento delle imprese, prevalentemente femminili. Un primo sportello per le donne, ma non solo, dove potranno trovare una serie di risposte ai loro interrogativi, si trova in via Gonnella, presso la sede della SEI, mentre a breve uno sportello itinerante si muoverà sul territorio provinciale, grazie ad un lavoro di squadra tra Regione, Provincia, Comune, associazioni di categoria e scuola. Il presidente Toci ribadisce come all informazione di primo livello saranno affiancati corsi di formazione modulati in base alla tipologia dei beneficiari. Gli strumenti messi a disposizione sono il Filo di Arianna, una banca dati sulle autorizzazioni per avviare un attività in proprio; Thesaurus Plus, una banca dati sulle opportunità agevolative per le imprese e Cartesio, un software per la redazione dei bilacni preventivi del business plan. Chi fosse intenzionato ad un percorso autonomo potrà contare inoltre sul sistema informatico Sni on line, servizio nuove imprese. Fare rete su iniziative a favore dei cittadini - ha concluso il presidente Toci - rappresenta un momento di crescita per la comunità. mpt In crescita la giovane attività di Macchia d Isernia, pronta a scommettere sul settore automobilistico Dr Gruop apre un altro stabilimento All interno dell azienda automobilistica lavorano 400 dipendenti MACCHIA D ISERNIA - In uno scenario caratterizzato dalla crisi economica «un piccolo gruppo automobilistico molisano gioca la sua partita contro i giganti dell industria automobilistica»: afferma Riccardo Ceccagnoli del TG5 nell ultimo servizio dedicato alla DR Motor e andato in onda qualche giorno fa sulla rete del biscione. Solo un mese fa fu lanciata la piccola DR1, l appuntamento importante per la casa automobilistica risale al 17 dicembre a Macchia d Isernia. Ad attirare l attenzione dunque una nuova auto ma anche un nuovo sito industriale con cui la DR motor va ad aumentare la sua capacità produttiva. Lo stabile di 3500 metri quadrati ospiterà la produzione dei modelli della gamma DR e che consentirà all azienda di raddoppiare la sua capacità produttiva arrivando così a 100 autovetture al giorno a pieno regime. Già nel dicembre 2007 le telecamere del TG5 erano intervenute per riprendere la punzonatura della prima DR5. In un centrosud in cui sono all ordine del giorno licenziamenti e cassa integrazione, causa le numerose aziende che hanno dovuto rivedere il proprio organico o, peggio ancora, chiudere i battenti, la DR crea nuovi posti di lavoro. Sono 178 i dipendenti impiegati a Macchia d Isernia, non pochi se si considera che la DR Motor Company è nata appena 4 anni fa. Questi vanno a sommarsi ai circa 200 dipendenti della DR Citta dell Auto: circa 400 persone trovano lavoro nell azienda. Una realtà giovane dunque, ma che continua a far parlare di sè. Un esempio, magari una goccia nel mare, ma sicuramente un segnale positivo per l economia del mezzogiorno che è doveroso menzionare proprio quando abbondano sui giornali i titoloni su Termini Imerese. Lo stabilimento verrà a breve ufficialmente inaugurato. Verso l aeroporto del Molise La Provincia «atterra» al Gate XXI Il progetto Verso l aeroporto del Molise è stato presentato ieri a Roma in occasione della fiera internazionale Gate XXI presso l aeroporto dell Urbe. L incontro ha permesso di illustrare le prospettive di sviluppo economico e turistico legate alla realizzazione di un aeroporto a Cantalupo del Sannio. La manifestazione è la prima esposizione internazionale organizzata in Italia e dedicata al mondo dell aeronautica, dall ultraleggero al satellite che in questa edizione sarà focalizzata sulle problematiche dello sviluppo e delle prospettive del settore aeroportuale. In un momento di crisi la presentazione del progetto rappresenta uno stimolo per la ripresa dell attività produttiva dell intero territorio molisano. Negli stand allestiti figurano le immagini delle bellezze più significative della provincia di Isernia e in particolare il tartufo.

13 NUOVO oggi MOLISE AGNONE-ALTO MOLISE 13 DANNO PATRIMONIALE Non regge la difesa affidata al legale Vincenzo Colalillo Agnone - I fatti risalgono al A pagare il presidente, sei assessori e il segretario Condannata l intera Giunta Indennizzo illegittimo al presidente del Consiglio Giuliani La Corte dei Conti costringe a risarcire la Comunità montana AGNONE - Condannati a risarcire la Comunità Montana «Alto Molise» di cui sono stati amministratori. L intera giunta di centro-destra "amica" del Governatore Iorio e composta da Errico Borrelli, Francesco De Basso, Antonio Conti, Alberto Ricci, Luciano Di Stefano, Vincenzo Di Ninno, Pasquale Mariani, nonchè l ex segretario Lino Mastronardi sono stati condannati dalla Corte dei Conti della Regione Molise al pagamento in favore delle finanze della Comunità Montana «Alto Molise» di 1069,04 euro ciascuno, oltre alla rivalutazione monetaria, nonchè al pagamento delle spese di giudizio pari a 383,98 euro. E quanto stabilito dai magistrati Raffaele Squitieri (presidente), Tommaso Miele (consigliere), Massimo Gagliardi (consigliere relatore) riunitisi in camera di consiglio il primo dicembre La sentenza è stata depositata il 29 dicembre dello scorso anno. Il caso riguarda l indennità erogata illegittimamente per il periodo 29 giugno 2005 al 31 dicembre 2007 al presidente del Consiglio, Donato Giuliani. Infatti - sostiene la Corte dei Conti - l attribuzione dell indennità pari a 8.552,38 euro è «illegittima, in quanto le norme che disciplinano la materia dei compensi - si legge nel dispositivo - degli amministratori locali escludono, che un siffatto emolumento possa essere conferito al presidente del Consiglio di una Comunità Montana». E quanto stabilisce l art. 82 del d.lgs. del 18 agosto 2000 n. 267 Tuel (Testo unico degli enti locali). Infatti l art. 82 non menziona in alcun modo, tra i soggetti beneficiari dell indennità di funzione, il presidente del Consiglio comunitario. Inoltre - prosegue la Corte dei Conti - «non è peraltro possibile ravvisare una deroga a quest ultima disposizione nello Statuto della Comunità Montana Alto Molise». Anzi, la norma - spiega la Corte dei Conti - nel vincolare la Giunta al rispetto dell art.82 del Tuel, finisce addirittura per vietare una distribuzione dei compensi che non sia conforme alle previsione della legge. Fatto ancora più grave e sottolineato dai magistrati della Corte dei Conti è che queste conclusioni sono state inoltrate dal Ministero dell Interno (Dipertimento per gli affari interni e territoriali) su richiesta della ragioniera Mirella Rotolo per conto della Comunità Montana Alto Molise. «Appare dunque singolare - riprende nel dispositivo la Corte dei Conti - che dopo l inoltro del Ministero dell Interno (29 dicembre 2005, ndr) la Giunta abbia deliberato senza attendere la risposta dell organo interpellato. Quest ultima è stata inequivocabilmente negativa in ordine alla legittimità dell attribuzione dell indennità di funzione al presidente del Consiglio al quale spetta il solo gettone di presenza». Tuttavia, nonostante il perentorio «no» imposto dal Ministero dell Interno «Hanno portato l ente sul baratro» Iacovone: mi avevano preso per un pazzo Parla colui che ha anticipato la sentenza nel concedere l indennizzo a Giuliani, la Giunta ha fatto orecchie da mercante. Dunque l illegittimità della deliberazione pari ad una spesa di 8.552,38 euro costituisce - secondo la Corte dei Conti - un danno patrimoniale emergente per la Comunità. A nulla sono valse le conclusioni dell avvocato difensore degli imputati Vincenzo Colalillo. Il verdetto della Corte dei Conti è stato inequivocabile: colpevoli! marta sannio «Le hanno provate tutte pur di tapparmi la bocca non ci sono riusciti» AGNONE - «Volevano tapparmi la bocca con l arma della querela ma non ci sono riusciti e alla fine la giustizia mi ha dato ragione». All indomani della sentenza della Corte dei Conti che ha condannato l intera Giunta Borrelli a risarcire l Ente, parla il cavaliere Albino Iacovone, all epoca dei fatti consigliere di minoranza presso palazzo Tirone. «Dopo il caso Padula, dopo l azzeramento dello Statuto, dopo il mio reintegro nel Consiglio tramite lettera del presidente Napolitano, tanto per citare alcuni casi, un altra vicenda mette in risalto come questi signori hanno governato facendo irreparabili danni alla Comunità Montana Alto Molise. Sono stato additato - prosegue Iacovone - più volte come un pazzo, come colui che andava lasciato perdere solo perchè ho detto, carte alla mano, la realtà dei fatti. Ho sempre cercato di lavorare per far rispettare le regole di dare a questi signori consigli utili, purtroppo sono sempre andato a cozzare contro un muro. Resta il rammarico nel vedere un ente pubblico finire sul baratro. Oggi - conclude Iacovone - mi auguro che gente come Del Basso e Conti, rispettivamente assessore e consigliere in via Berta, non facciano danni anche in Provincia...». r.i. Interrogazione di Cacciavillani Strisce blu, il caso approda in Consiglio AGNONE - Parcheggi a pagamento, esplode il caso. A sollevarlo il consigliere di minoranza «Nuovo Sogno Agnonese», Maurizio Cacciavillani che ieri ha presentato una interrogazione al sindaco, Gelsomino De Vita. Nella missiva che ripercore l iter con il quale sono nate le strisce blu in città, l esponente del centrosinistra dapprima fa alcune premesse. «Considerato che ad oggi risulta un ammanco di euro dalle casse comunali dovuto al mancato pagamento da parte della ditta A. J. Mobilità s.r.l del canone concessorio - precisamente euro del primo anno (giugno maggio 2009) più euro del periodo giugno dicembre Si rammenta che l art. 4 del Contratto prevede che la liquidazione del canone concessorio avvenga mediante pagamenti semestrali; che l Amministrazione Comunale non si è pronunciata in merito ai presunti 76 posti in meno denunciati dalla ditta A. J. Mobilità s.r.l e del conseguente ricalcolo degli oneri dovuti all Amministrazione, che l Amministrazione Comunale è insolvente nei confronti dalla ditta A. J. Mobilità s.r.l in quanto non ha corrisposto alla stessa l importo di ,80 euro relativo alla quota parte dei proventi dei verbali e senza peraltro averne contestato la legittimità I viaggiatori: non ci sono neppure i mezzi sostitutivi Treni, disservizi a Sessano del Molise nel bilancio definitivo dell esercizio 2009 al Titolo 3 "Entrate extratributarie" Categoria 1 "Proventi dei servizi pubblici" Risorsa 3060 "Proventi Parcheggi a pagamento" risulta un Competenza di euro; che l art. 5 del Contratto riserva al Comune la facoltà di risolvere lo stesso per inadempienza della ditta aggiudicataria, in particolare per quanto riguarda il mancato versamento degli importi dovuti. In tal caso le attrezzature rimarrebbero di proprietà del Comune», scrive Cacciavillani, si intende conoscere «in che modo l Amministrazione intende coprire l ammanco di euro dalle casse comunali, ed ancora come si pensa di modificare il bilancio ormai definitivo dell esercizio 2009 che prevede entrate derivanti dai parcheggi a pagamento per euro». Inoltre, prosegue l esponente di minoranza «per quali motivi non si è provveduto ad applicare l art. 5 del Contratto dichiarando inadempiente la ditta A. J. Mobilità che non paga il canone concessorio da un anno e mezzo; per quali motivi l Amministrazione Comunale ha deciso di non pronunciarsi in merito ai presunti 76 posti in meno denunciati dalla ditta A. J. Mobilità rinunciando, di fatto, a tutelare i propri interessi e senza, peraltro, sanare la situazione che oggi ha portato a questo impasse; quanti sono attualmente i posti auto a pagamento messi a disposizione della ditta A. J. Mobilità; per quali motivi non si è provveduto a segnalare gli inadempimenti della ditta A. J. Mobilità per aver violato gli articoli 2 û 8 e 11 del contratto. Cioè omessa manutenzione della segnaletica orizzontale, mancanza di corrispondenza tra orari di controllo dell ausiliare e gli orari di validità del parcheggio a pagamento, assenza di tessere pre-pagate e di abbonamenti per i residenti». Infine, a De Vita viene chiesto «come si pone l Amministrazione in caso di contestazione per il mancato pagamento della fattura, pari a ,80 euro emessa dalla ditta A. J. Mobilità s.r.l. relativa alla quota parte dei proventi dei verbali e per quali motivi non sono stati mai presi in considerazione i risultati dell indagine svolta dal PD di Agnone che avrebbero potuto evitare questo epilogo amaro e in che modo l Amministrazione intende uscire da questa situazione senza aggravi di spese ed ulteriori ammanchi». r.i. SESSANO DEL MOLISE sempre più isolato. I treni della linea Castel di Sangro-Carpinone sono stati sostituiti dai pullmann. Ma i pullmann non si fermano più a Sessano. Un sessanese che voglia raggiungere Campobasso, Roma o Napoli si vede costretto a ricorrere all auto per raggiungere la stazione di Carpinone o quella di Isernia affrontando il problema del parcheggio a pagamento nel capoluogo di provincia e quello dei parcheggi intasati a Carpinone poichè l edificio della stazione del piccolo centro molisano è ora anche la sede degli uffici comunali. A Pescolanciano e Carovilli, invece, i pullmann si fermano per la discesa e la salita dei passeggeri. La situazione sessanese, dunque, è grave. Persino i quattro diretti quotidiani Pescara-Napoli non si fermano più a Sessano. Pur vedendo passare i treni sotto il proprio naso, i sessanesi sono costretti a rincorrerli a Pescolanciano o a Carpinone per poterci salire sopra. GDL

14 SANITA NELLA BUFERA/ La notizia data ieri a Campobasso al sindaco Durante l incontro di ieri Scarabeo deluso abbandona per protesta VENAFRO - Andato via per protesta. Erano da poco passate le di ieri, quando il consigliere regionale Massimiliano Scarabeo ha annunciato, via telefonino da Campobasso, di aver appena abbandonato la seduta della Commissione Sanità, di cui fa parte. Ha così dettato una dichiarazione a Nuovo Molise, la stessa- a suo dire- appena verbalizzata in Commissione: «Ho appreso che in una riunione avutasi stamattina (ieri per chi legge) tra la subcommissario Mastrobuono, l assessore alla Sanità Passarelli, il Comitato SS Rosario e la Commissione consiliare venafrana alla Sanità guidata dal sindaco Cotugno, è emerso che l ospedale SS Rosario potrebbe essere fortemente ridimensionato nei suoi servizi. Facendogli perdere quello che è lo "status" proprio di nosocomio pubblico, degno di tale nome. Mi sono riservato di intraprendere qualsiasi tipo di azione politica ed amminsitratoiva - ha aggiunto Scarabeo - affinchè tutto questo non abbia ad accadere. Non c è più tempo da perdere, anzi siamo già oltre». Poi quasi riflettendo ad alta voce, fuori dai microfoni ha aggiunto: «E battaglia. Venafro è un vulcano spento, ma sempre attivo. Potrebbe essere peggio del Vesuvio». Emmelle Ss Rosario, fine corsa Le bugie vengono a galla La Regione: diventerà un poliambulatorio Vaccone: la nostra battaglia inizia oggi Sorbo ironico: non ci resta che piangere VENAFRO - L ospedale di Venafro sta per passare a miglior vita. L atto ufficiale di trapasso è stato servito, ieri mattina, dalla sub commissario Isabella Mastrobuono. Che non ha fatto nient altro che applicare il Piano Sanitario di rientro già approvato tempo fa. Amarissime e dure le parole del cittanovista Antonio Sorbo, all uscita della riunione plenaria nel capoluogo di Regione, tra i vertici della Asrem e la speciale Commissione comunale alla Sanità, capitanata dal sindaco Nicandro Cotugno e presenti anche alcuni esponenti del Comitato «SS Rosario», guidati dal suo presidente Gianni Vaccone. «Siamo venuti tutti a Campobasso a visitare il morto (l ospedale, ndr) - dichiara Sorbo - e a darci le condoglianze. Ora aspettiamo solo i funerali, il grande corteo funebre che chiuderà la cerimonia ufficiale». Lo stesso sindaco Nicandro Cotugno - a detta dei presenti - è sbiancato in volto. Quasi balbettando ha dichiarato che sentirà tra due giorni il governatore Michele Iorio. Ma oramai come si dice a Venafro: «Santa Chiara dopo rubato, le porte di ferro». La traduzione dal dialetto indica ogni provvedimento preso quando non serve più. Non meno duro il presidente del Comitato «SS Rosario» Gianni Vaccone, il quale ha letteralmente sbattutto in faccia alla subcommisaria le oltre 7500 firme di cittadini raccolte: «Scenderemo presto in piazza e bloccheremo le strade. Ma soprattutto invieremo queste firme alla Procura della Repubblica di Isernia, per denunciare l inagibilità di gran parte del Veneziale di Isernia. Un ospedale che non ha i certificati di agibilità e soprattutto di sicurezza antisismica. Pensate che cosa potrà succedere in caso di terremoto e chi si prenderà oggi la responsabilità di tenere aperti strutture e Reparti fuori legge. Chiederemo alla Magistratura di intervenire». Nella riunione l assessore Filoteo Di Sandro è sembrato arrabbiarsi e non poco, dicendo di non saperne niente. Ma la Tornabuono ha risposto sicura di avere più volte colloquiato col presidente Iorio e con Gianfranco Vitagliano. Ma un altro dato assurdo è emerso nel corso VENAFRO - Peggio di un cronicario. Solo un grande Poliambulatorio. Questo diventerà a breve (entro il 31 gennaio, poco più) il glorioso «SS Rosario». Eppure era nato come il primo storico ospedale di tutto il Molise. Ora non ci faranno neppure la RSA (Residenza sanitaria assistita) come si era detto in un primo momento. Niente di niente. E forse il più bel regalo fatto alla città di Venafro dalla Giunta Iorio e dai suoi fedeli amici. Un regalo che Babbo Natale (si può facilemnte immaginare chi si nasconde sotto la sua veste rossa) doveva portare già entro fine anno, rinviato solo di qualche giorno. Ed ecco i numeri di questa «morte» lungamente annunciata. Chirurgia e Ortopedia andranno ad Isernia - Dei due Reparti, in particolare della notissima Ortopedia, che doveva essere agganciata con l Università di Napoli, rimarranno in tutto dieci posti letto. Soprattutto usati per il Day Hospital (per fare qualche fasciatura o emorroidi. Oppure per saturare qualche foruncolo). Quando sarà mecessario i chirurghi ed i rianimatori verranno da Isernia. Rianimazione - Rimarrà chiusa per sempre. Del resto a che cosa servirebbe senza più un ospedale alle spalle? Pronto Soccorso - diventerà un punto di stabilizzazione dei malati. Qualcuno più grave lo stabilizzeranno e smisteranno in qualche altra struttura. Se sarà occupata Isernia (com è successo negli ultimi tempi), via ambulanza, il malato lo porteranno anche in capo al mondo. Magari in attesa che tiri le cuoia. Il Pronto Soccorso accoglierà i medici della mutua che a rotazione faranno ambulatorio, visitando i pazienti. Funzioneranno un po tutti gli Ambulatori (già presenti ora) che magari smisteranno i pazienti acuti in altri ospedali ( Isernia, Agnone, Campobasso, Roma, Napoli ecc.). Laboratorio Analisi - Sarà sempre di più ridimensionato, ridotto ad una sala prelievi. Con refertazioni ad Isernia Radiologia - Idem al Laboratoruio d Analisi. Naturalmente tutto sarà ermeticamente chiuso dopo le otto di sera. E se uno si dovesse sentir Venafro si dice pronta alla battaglia per salvare l ospedale della riunione da parte del tecnico dirigente della Asrem, Roberto Fagnano. Dai dati ufficiali ed ancora da disaggregare, l ospedale venafrano è l unica struttura pubblica a guadagnare, in tutto il Molise. A fare cassa (oltre 700mila euro l anno se non di più) per i buchi enormi nella Sanità. E forse per questo lo si taglia. Era molto meglio se perdeva denaro (come Isernia). E sempre Antonio Sorbo a parlare: «Adesso la parola passa alla gente. Al popolo venafrano, cui hanno dato in faccia un grosso schiaffone. E per giunta senza motivo. Voglio semplicemente ricordare che, mentre a Venafro si taglia con la scure, ad Isernia solo pochi giorni fa è stato aperto un Reparto di Chirurgia Vascolare con due posti letto, diretto dal figlio di Iorio». E la battaglia continua... Tutta la minoranza ha già annunciato che chiederà presto la convocazione urgente dell assise comunale. Mario Lepore male di notte? E meglio che faccia un patto, un assicurazione col Padreterno... Medicina - Fortemente ridimensionata, ridotta ad un poliambulatorio. Una domanda sorge d obbligo: che fine farà l avveniristca struttura che ospita il SS Rosario? La venderanno all asta? La faranno decadere come i Reparti, insieme ai 3 milioni stanziati per il SS Rosario e mai spesi? Emmelle L amarezza del sindaco Cotugno: La proposta non ci soddisfa VENAFRO - «Non possiamo condividere il piano di riorganizzazione dell ospedale Ss.Rosario così come elaborato dal sub commissario Isabella Mastrobuono». Questo il commento del Sindaco Nicandro Cotugno a margine della riunione svoltasi in mattinata a Campobasso con il sub commissario, l Assessore alla Sanità Passarelli, il Direttore generale dell assessorato alla Sanità Dott. Fagnano, i rappresentanti del Comitato «Ss.Rosario» e la commissione consiliare Sanità. «Questa proposta di piano non ci soddisfa e non ci sembra giusta. Pur mantenendo in essere tutte le attività, compreso il pronto soccorso h24, e il personale operante, priva Venafro dell attività chirurgica ordinaria. Per questo motivo, nei prossimi giorni, si terrà un incontro politico con la Regione. Siamo tutti consapevoli - prosegue il sindaco - che una riorganizzazione va fatta ed è necessaria, però, vorremo sapere anche quali provvedimenti sono stati adottati in ambito regionale e come andranno ad incidere sulle altre strutture ospedaliere. Come primo cittadino - conclude Cotugno - voglio chiarire sin da ora che l Amministrazione intende mettere in campo tutte le iniziative necessarie per tutelare, in un ottica di equità, il nostro ospedale». ml Sesto Campano - Donna truffata Si fa consegnare 730 euro e fugge SI fa consegnare 730 euro di valori bollati e si allontana senza pagare.l episodio è successo alla proprietaria della rivendita di Tabacchi sita in via Taverna a Sesto Campano. Erano da poco trascorse le 10 di mattina quando un giovane, ben vestito è entrato nel negozio e con modi gentili e voce suadente ha chiesto di comprare tutte le marche da bollo in giacenza. La proprietaria senza sospettare nulla prelevato dalla cassa i valori bollati e li ha deposti in una busta. Prima di consegnarla, però, ha chiesto al presunto acquirente i propri documenti di identificazione. Il giovane per nulla impressionato, approfittando di una leggera distrazione della proprietaria ha prelevato la busta contenete le marche dal bancone e l ha sostituita con un altra simile contenente pezzi di carta. Con la scusa di andare a prendere i documenti, lasciati nella macchina, si è allontanato dall esercizio facendo perdere le proprie tracce. Trascorso qualche minuto, la proprietaria non vedendolo tornare, ha pensato di rimettere a posto i bolli ma all apertura della busta si è accorta del raggiro subito. Inutili sono stati i tentativi di individuare il ladro che aveva avuto tutto il tempo di allontanarsi dalla zona con la propria auto. All incredula proprietaria non è rimasto altro che recarsi presso la locale caserma dei Carabinieri. Salvatore Roccia Interessati 34 operai Alla AtMe altri 12 mesi di cig POZZILLI - I 34 lavoratori della AT.ME, attrezzeria Meridionale srl potranno usufruire di altri 12 mesi di cassa integrazione guadagni. La decisione è stata presa dall assessorato regionale al Lavoro insieme al titolare dell azienda e alle rappresentanze sindacali. L azienda, operante nel settore stampaggio metalli a freddo è in liquidazione. La crisi ha portato alla contrazione del fatturato con drastica riduzione di liquidità dell impresa, ha reso impossibili altri investimenti.

15 NUOVO oggi MOLISE VENAFRO-AREA VOLTURNO A Montenero Valcocchiara percorrere la statale diventa un impresa per gli automobilisti Pericolo animali in strada 15 I cavalli invadono le careggiate E il sindaco chiede interventi MONTENERO VALCOC- CHIARA - Cavalli ed animali da pascolo rendono pericolosa la circolazione sull arteria provinciale che conduce in paese. Il problema oltre ad interessare l Alto Sangro coinvolge anche la Valle del Volturno. Provocati numerosi incidenti. Una approfondita inchiesta del sito web ha riportato in auge un annoso problema che in qualche modo interessa anche parti della Valle del Volturno tra cui Montenero Valcocchiara. In passato ci siamo occupati, più volte delle pericolosità di mandrie di cavalli e animali da pascolo che in qualsiasi momento riescono ad attraversare la trafficata strada provinciale 83 che conduce nel piccolo paese ai confini con l Abruzzo ma rientrante nella provincia pentra. Tutti sanno che a Montenero Valcocchiara l arte di allevare cavalli allo stato brado è radicata nel tempo e soprattutto l economia locale si fonda proprio sul riconoscimento di una razza autoctona che è quella del cavallo pentro. Ma non tutti i residenti in zona e quelli dei centri abruzzesi confinanti amerebbero così tanto i cavalli e i vari animali, tanto da sollevare una vera e propria protesta per tentare di far diminuire i casi di sconfinamento e di attraversamento degli animali sulla carreggiata stradale. Il pericolo aumenta maggiormente negli orari notturni quando all improvviso ci si potrebbe ritrovare dinanzi alla propria autovetture un maestoso cavallo pentro e le conseguenze potrebbero essere davvero tragiche. I cavalli presenti all interno del pantano di Montenero sono di difficile individuazione e soprattutto non sono tutti marchiati e quindi in caso di incidente è difficile risalire al problema. In zona vi sarebbero circa 1500 cavalli di cui non tutti sono stati regolarizzati secondo le norme vigenti in materia dai propria allevatori. La zona impervia di Montenero è caratterizzata poi dallo sconfinamento di altri animali come i cinghiali e alcune volte anche gli orsi. L amministrazione comunale guidata dal sindaco Zuchegna ha più volte richiesto interventi della Provincia di Isernia per realizzare una staccionata in legno lungo la strada provinciale 83, per diminuire l attraversamento di questi animali, tant è vero che ha anche messo a disposizione risorse umane per la realizzazione di questo manufatto, chiedendo all ente di via Berta solamente il legname per realizzarlo. Ma per ora nulla è stato fatto. Una situazione che non dipende dall amministrazione, anzi, va detto che da quando il paese è guidato da Zuchegna, è partita una campagna di controllo sugli allevatori che più volte sono stati intimati di regolarizzare le posizioni dei loro cavalli e molti di questi sono stati marchiati ed ora sono facilmente riconoscibili. Le stesse problematiche si verificano nei comuni limitrofi di Alfedena, Scontrone e Pescasseroli. A breve la Comunità Montana Sangro convocherà i sindaci dei comuni interessati, quelli della parte abruzzese per trattare e risolvere la tematica. Dall altra parte resta la gravosa situazione di Montenero Valcocchiara che va risolta per quel che compete il territorio della provincia di Isernia. michele visco Tra i papabili per la guida dell ente si fa il nome del sindaco di Forlì del Sannio Ciummo pronto ad abdicare Il presidente dell Unione dei Comuni potrebbe lasciar l incarico Unione Comuni Alto Volturno: il 2010 sarà ricco di novità. L attuale presidente Orazio Ciummo potrebbe abdicare per lasciare posto ad altri pretendenti. Il candidato alla presidenza sarebbe Antonio Sozio, sindaco di Forlì del Sannio. Il 2010 si presente come un anno molto ricco di emozioni per quel che riguarda un sodalizio importante come quello rappresentato dall Unione Comuni Alto Volturno formato dai comuni di Acquaviva d Isernia, Castel San Vincenzo, Forlì del Sannio, Fornelli, Filignano, Pizzone, Montenero Valcocchiara e Rionero Sannitico. Nelle riunione del Consiglio, che con grande probabilità, si svolgerà il prossimo 5 febbraio all interno della sede istituzionale di Castel San Vincenzo, in località Cartiera, verranno delineate le linee future da seguire e ci potrebbe essere anche l avvicendamento tanto atteso al vertice, con il presidente Orazio Ciummo che potrebbe lasciare il suo posto in virtù di uno dei più seri candidati alla nuova presidenza e cioè il primo cittadino di Forlì del Sannio Antonio Sozio. Movimenti in vista di grande importanza anche perchè i comuni dove i cittadino sono tornati alle urne hanno anche nominato i nuovi membri che faranno parte del Consiglio e quindi ci saranno stravolgimento anche all interno dell organo consiliare. Intanto, vanno avanti i progetti e le iniziative di questo ente che sta portando avanti la messa in sicurezza e la ristrutturazione di alcuni tratti della statale 158 Valle del Volturno. Un progetto di grande rilievo strategico che migliorerà la viabilità in gran parte della zona. L attuale presidente Orazio Ciummo in questi giorni sta cercando anche di sbloccare i fondi promessi per la continuazione del progetto. Un Consiglio dell Unione che si potrebbe presentare trasformato per gran parte dei componenti e che vedrebbe all orizzonte nuovi scenari politici e soprattutto nuove figure al vertice. michele visco

16 AMMINISTRATIVE 2010 La comunicazione dal segretario di Sinistra e Libertà Natalini Primarie sì, primarie no Però c è il regolamento Mentre continuano gli incontri di coalizione è approvato il documento di consultazione SI faranno o non si faranno le primarie? Mentre i partiti del centrosinistra continuano le trattative e Danilo Leva Mauro Natalini Massimo Romano ci si prepara al tavolo politico che si terrà mercoledì a Termoli, tre dei segretari che compongono la coalizione di centrosinistra hanno approvato il regolamento con le linee guida per le primarie che, nelle intenzioni del segretario del Pd Danilo Leva, dovranno servire per la scelta del candidato a sindaco al Comune di Termoli. L ok al regolamento è arrivato nella giornata di ieri e a darlo sono stati, oltre allo stesso Leva, anche il segretario di «Sinistra e libertà», Mauro Natalini e il presidente di «Costruire Democrazia», Massimo Romano. «La proposta di regolamento - si legge in una nota firmata dai tre rappresentanti politici -prevede, tra l altro: la costituzione del comitato organizzatore con sede in Via Cannarsa n.21; la data di inizio della raccolta delle firme 29 gennaio 2010; il numero minimo di firme per ogni candidato fissato a 100; la data di presentazione delle candidature al 1 febbraio 2010 presso la sede del comitato organizzatore, congiuntamente alla dichiarazione di intenti sul proprio "Progetto di città". Le suddette forze politiche, congiuntamente alle altre forze di centrosinistra, si impegneranno fino alla formalizzazione delle candidature affinchè maturino le condizioni per una candidatura unitaria». Insomma un documento che parla chiaro: si vede, infatti, l intenzione del centrosinistra di continuare nelle trattative e di cercare di ritrovare quell unità da tempo persa. Però ci si prepara all evenienza di doversi "scontrare" per trovare il candidato a sindaco. Michela Bevilacqua Vitulli e Collesano chiamano a raccolta gli aderenti al partito Tutti insieme da Giorgione in vista del circolo Pd E mentre c è chi approva il regolamento delle primarie e chi convoca il circolo cittadino, c è un altra parte del Pd che convoca (da sola) un incontro tra gli iscritti termolesi. L iniziativa viene direttamente da due iscritti al Pd di Termoli Luigino Vitulli e Massimo Collesano. I due hanno intrapreso l iniziativa di convocare (per chi volesse aderire) tutti gli iscritti e tutti i sostenitori del Pd per domani, alle 17.30, presso la sala del bar Giorgione a Rio Vivo. «Questa assemblea - si legge in una nota - sarà preparatoria dell assemblea di circolo indetta dalla segreteria del partito. Il Pd e soprattutto la città di Termoli deve, è improrogabile, riprendere nelle sue mani il suo destino che i personalismi e le diatribe interne al centrosinistra hanno mortificato, come mortificata è la possibilità del bene comune di un intera città. La giunta Greco è inderogabilmente chiusa, la sua esperienza ormai svilita nella storia. La colpa e i tradimenti, parole secondo noi abusate e fuori luogo, confinati nella coscienza di chi li ha generati e coltivati. Abbiamo bisogno di guardarci in faccia e dirci, senza fronzoli e/o meschini giochi dietro le cosiddette quinte, chi siamo e cosa vogliamo rappresentare. E soprattutto costruire, a cominciare da un programma politico condiviso in tutte le componenti del nostro partito, nessuno escluso, un nuovo inizio. Crediamo che per tutto questo ed altro sia indispensabile rivisitare e aggiornare il programma del centro sinistra del Quello che ci anima è una sincera volontà di servizio non solo nei confronti del Partito Democratico ma della politica locale che deve ritrovare, a nostro avviso, una sua autonomia progettuale e una propria dignità e che finalmente dia voce agli iscritto e ai sostenitori del PD. Sono invitati a partecipare all assemblea tutti i dirigenti del partito che si sono autonominati sindaci e i dirigenti che a vario titolo rappresentano il PD». Leone: «Ecco le mie ragioni» IL perché del dissenso di Leone all amministrazione Greco: «Una sintetica cronistoria mi consente di ricondurre alla memoria gli impervi percorsi iniziali caratterizzati dallo scontro di Greco con la Margherita forte di un 1/3 della coalizione vincente e subito dopo dall atteggiamento ostile verso tutti i consiglieri di maggioranza i quali, tuttavia si opposero con fermezza per non essere relegati lontani dalla vita amministrativa in spazi logistici attigui alla portineria della casa municipale. I consiglieri di opposizione erano già stati dirottati in una stanzetta al piano terra. Nè posso omettere di ricordare come poco più di 3 anni fa l ex sindaco snocciolò freddamente i nomi dei rappresentanti del Cosib, non quelli legittimati dal consenso elettorale e concordati con i gruppi consiliari di maggioranza. L intento era inequivocabilmente quello di romperne gli equilibri interni all insegna del divide et impera nonchè di presidiare enti ed istituzioni con soggetti di suo esclusivo gradimento negando la legittima visibilità alla maggior parte dei consiglieri eletti. Di certo, in relazione alle particolari vicissitudini che hanno caratterizzato lo scenario politico del 2006, ci si aspettava un amministrazione comunale efficiente guidata da un Sindaco speciale. Era questo lo spirito che convinse i termolesi a votare Vincenzo Greco, un sindaco che avrebbe dovuto rendersi diligente ascoltando i cittadini e dando concretezza ad ogni utile indicazione fornita. Si registrava solo inizialmente da parte della compagine di governo un impegno significativo. Al contrario, ricordo come le commissioni consiliari permanenti si fossero sempre interessate ad ogni tema oggetto di discussione; decine di mozioni, regolamenti e progetti proposti da tutti i consiglieri con entusiasmo e spesso votati all unanimità, ma che purtroppo non una sola volta hanno trovato la dovuta e legittima esecutività. A fronte di questo impegno profuso dai consiglieri, ma sistematicamente ignorato, era fervida però una logorante azione pseudogiustizialista affidata ad onerosi consulenti legali esterni ed improntata esclusivamente sull edilizia. Al mancato rispetto di tutti i punti salienti del programma elettorale e di una democrazia partecipata basata ad esempio sulla condivisione della formulazione del bilancio di previsione ovvero sul diritto dei cittadini ad esprimersi attraverso l istituto del referendum, si è associata la nomina inopportuna di dirigenti inesperti e poco propensi al dialogo nonchè l atteggiamento alieno di alcuni assessori che non hanno saputo dare un doveroso riscontro agli indirizzi ed alle indicazioni che venivano espresse dai partiti, dai consiglieri e tantomeno dai cittadini e dalle maestranze. Oggi, pertanto, la città è più povera e malcurata perfino negli addobbi natalizi e l inverno 2010 è carente di manifestazioni culturali. Si è isolati dall unione dei comuni e, dopo aver perso la legittima leadership del nucleo industriale, ci si ritrova praticamente emarginati. Non c è ancora un Prg (cosìcchè la recente legge sul "piano casa" viene intesa come una nuova strategia per mandare i sindaci a casa!). Termoli è sporca, alla mercè di una fallimentare applicazione del modello di raccolta differenziata porta a porta, con un litorale-nord perenne cantiere, un impianto di depurazione che non è stato delocalizzato, chilometri di marciapiedi costruiti in contrada vattelappesca dove ci si arriva con mezzi di trasporto e non a piedi nonchè un centro storico fatiscente oggetto di reiterati tentativi (per fortuna sventati) atti a deturparne la bellezza ed inficiarne il valore storico, architettonico e culturale con la costruzione dei box ittici e di una cabina in cemento armato rispettivamente sotto le mura del borgo ed ai piedi del Castello Svevo. Una miriade di fantascientifici quanto irrealizzabili disegni testimoniano inoltre come fosse confusa ed alquanto singolare l idea che l ex sindaco avesse dell urbanistica. Improbabili tunnel, insediamenti sotto le dune, altissimi silo costituiscono l essenza di una progettualità non conforme non solo alle reali esigenze della città, ma trasgressive alle indicazioni preziose fornite dal professor Properzi circa la modularità con cui si sarebbe dovuto progressivamente sviluppare un ordinato Piano Regolatore Generale incentrato sulle moderne concezioni dell "armatura urbana". Per quanto riguarda l aspetto squisitamente politico posso confermare che non vi erano più le condizioni atte ad assicurare una corretta applicazione dei principi elementari della democrazia a causa di un evidente squilibrio numerico in ambito consiliare: una macroscopica discrepanza, dove l opposizione diventa l espressione politica più forte della città ed il centrosinistra si riduce ad una compagine raffazzonata composta da consiglieri succedanei a rappresentanza di una scarsità imbarazzante di consensi elettorali conseguiti. Una situazione grottesca, frutto di una bieca applicazione di strategie rudimentali, in cui il centrosinistra ha perso clamorosamente l occasione per dare dimostrazione di senso di responsabilità non provvedendo, con il dovuto garbo politico, autonomamente e tempestivamente allo scioglimento del Consiglio, senza attendere o sperare che Vincenzo Greco ritirasse le dimissioni per la seconda volta. In ragione di tutto ciò ed altro ancora ritengo che la decisione di interrompere un percorso amministrativo assolutamente deleterio non è stata presa da "quattro mercenari", ma è stata espressione di lucidità politica da parte di sedici consiglieri costituenti la maggioranza assoluta del Consiglio Comunale di Termoli. E non è stato "un mercato delle vacche". Al contrario credo che qualcuno avesse cercato di aprire un altro tipo di mercato, quello in cui assessori e consiglieri avrebbero dovuto sempre e comunque avallare ogni decisione già presa: il mercato delle pecore? Luigi Leone

17 NUOVO oggi MOLISE TERMOLI 17 In primo piano Elezioni Comunali a Termoli: Del Torto non si candida Il vertice del Consorzio: «Nonostante le difficoltà siamo stati capaci di contenere i costi» Cosib, chiusura in pareggio Il presidente Del Torto ha illustrato ieri il bilancio dell anno 2009 ANCHE per il 2009 il bilancio del Cosib ha chiuso in pareggio. A parlarne, ieri mattina presso la sede del Consorzio di sviluppo industriale, il suo presidente, Antonio Del Torto, che ha illustrato agli organi di informazione la situazione economica dell azienda precisando, in apertura, la propria volontà di non candidarsi alle elezioni comunali per proseguire appieno il suo lavoro di rilancio del nucleo industriale. Sospesa la scorso dicembre in seguito alle vicende che hanno coinvolto l amministrazione Greco, la consueta conferenza stampa di fine anno è stata ripresa da dove era stata interrotta. Due gli elementi importanti che Del Torto ha voluto segnalare come caratterizzanti il 2009: le problematiche ambientali e la gestione del bilancio. Già da tempo il Consorzio sta portando avanti un progetto di monitoraggio della qualità dell aria, in «Il Consorzio vive dei propri servizi e non di quote pubbliche Ci prefiggiamo di non modificare le tariffe nel 2010» collaborazione con il team scientifico Enea, che ha recentemente ottenuto un riscontro in Parlamento: «Queste metodologie - ha chiarito Del Torto - rimarranno al Consorzio in termini di hardware e software, consentendoci di concludere la ricerca entro fine maggio, quando torneremo a parlare di risultati». A differenza degli anni passati più problematica è stata la chiusura del bilancio a causa dei tardivi pagamenti della aziende medio-grandi sui servizi offerti dall ente: «Siamo in sofferenza finanziaria - ha precisato il presidente del Cosib - per due miliardi di euro per crediti scaduti». A questa difficoltà si è aggiunto il crollo dei ricavi derivante dalla cessione di aree, quantificabili per il 2009 a circa 300mila euro, contro gli 800mila del 2008 e più di 1 milione del «Nonostante ciò chiudiamo ancora in pareggio, perché siamo stati capaci di contenere i costi, a parità di servizi erogati, migliorando l efficienza interna. Il Consorzio vive dei propri servizi - ha ricordato Del Torto - e non di quote pubbliche. Ci prefiggiamo, inoltre, di non modificare le tariffe nel 2010: questo è il nostro modo di stare vicino alle aziende». Molte le iniziative intraprese dal Cosib lo scorso anno. Tra queste il completamento dei lavori sui canali di bonifica, gli interventi sulla rete fognaria e la sistemazione, con l Anas, del cavalcavia in corrispondenza dello Zuccherificio. Altre ancora da completare, come il servizio di video sorveglianza della zona che prevederà l installazione di circa 30 telecamere per evitare spiacevoli situazioni tra cui l abbandono selvaggio di rifiuti da parte di terzi e un accordo con l Anas per appaltare i lavori di completamento della tangenziale che verrà a ricongiungersi con la zona industriale. In conclusione, una precisazione sull ipotizzato insediamento di una centrale nucleare nella zona: «Già lo scorso aprile - ha chiarito il presidente del Consorzio - il nuovo comitato aveva adottato una delibera in cui si affermava l assoluta indisponibilità ad accogliere sul territorio il nucleare. Non credo, tra l altro, che ve ne siano i presupposti, se si guardano i parametri indicati dal decreto governativo nell individuazione delle aree adatte allo scopo». Roberta Crema

18 18 MONTENERO-CAMPOMARINO NUOVO oggi MOLISE L iniziativa Vertice importante ieri mattina: genitori in rivolta Lezioni nei container, è caos Tra le opzioni il trasloco L incontro di ieri mattina (Foto Guidetti) Solidarietà e concretezza a San Martino Volontari Avis, simbolo del dono LA solidarietà e la concretezza convergono in un unico concetto, universalmente riconosciuto: il dono. E questa la parola che spiega l impegno quotidiano dei volontari Avis. Il territorio ha bisogno di sanità efficiente, di presenza capillare dei servizi ma nulla è davvero utile se non passa attraverso il filo conduttore dell impegno disinteressato degli uomini e delle donne che, per generosità soltanto, fanno squadra. La sezione Avis di San Martino in Pensilis diventa ogni giorno più grande e più riconoscibile ed oggi ha un suo manifesto ideale; la professoressa Arcangela Tozzi Mastromatteo, che condivide con i soci Avis l impegno quotidiano del volontariato, è autrice del dipinto che da oggi sarà il simbolo dell Avis di San Martino in Pensilis. L opera raffigura un angelo stilizzato che tra le mani ha un cuore rosso brillante e lo porge con il gesto dolce di un dono. E la sintesi perfetta di uno scambio Arriverà alle 13 al San Timoteo Ambasciatore macedone oggi a Termoli tra esseri umani che mediante il dono di sè diventano angeli. La signora Mastromatteo ama San Martino in Pensilis, le sue tradizioni, la sua storia. E autrice, fra l altro, di un delizioso libro di proverbi sammartinesi con cui ha voluto preservare la cultura di un territorio che si racconta anche attraverso il suo dialetto. Il suo angelo ora sarà il logo della sezione Avis e la rappresenterà ovunque perchè i volontari sanno bene che la generosità non è una metafora retorica ma presenza vera, razionalità ed obiettivi da perseguire con costanza. Loro lo fanno, concretamente. Donare sangue serve a salvare la vita e la sezione sammartinese, presieduta da Franco Aquilante, conta su un team decisamente motivato e consapevole dell impegno che ha assunto: Anna Vitale, sorriso disarmante e volontà d acciaio, Marilina Gasbarro, Pasquale La Vecchia, Salvatore Pipino, Mario Tozzi, Vittorio Tronca, Giovanni Iannone, Mario Fieramosca sono il direttivo, lo zoccolo duro di un associazione con 314 soci, tutti indispensabili e tutti fortemente legati all Avis. Sono un gruppo forte ma, soprattutto, vogliono essere fra la gente ogni giorno e vogliono essere d aiuto a chi, in silenzio, ha bisogno disperatamente di un po di cuore. Caterina Sottile Il territorio ha bisogno di sanità efficiente CAOS totale quello che si sta vivendo a San Giacomo degli Schiavoni in questi giorni, infatti dopo la chiusura del locale istituto comprensivo Benedetto Croce, per la mancanza del certificato antincendio, l amministrazione Galasso ha chiesto ed ottenuto dalla Protezione Civile molisana 7 container, quelli utilizzati per le prime emergenze per intenderci, montati nel parcheggio dello stadio. La direzione scolastica però il 20 gennaio chiede all Asrem di Termoli un sopralluogo per capire se questi container SONO pagine che recano impresse le esperienze di una vita, e che a ripercorrerle quasi centellinandole, scorrono indelebili alcuni dei momenti più significativi che hanno scandito la Storia del Molise d inizio secolo. E solo uno dei tratti peculiari del "Diario" di Giambattista Masciotta emersi durante la presentazione dell inedito volume dell agronomo e grande studioso molisano ( ), pubblicato dalla Provincia di Campobasso ed a cura del giornalista Rai Sergio Bucci, un incontro al quale hanno preso parte oltre al curatore Bucci, il docente Francesco D Episcopo dell Università Federico II di Napoli, S.E. monsignor Giancarlo Bregantini, il presidente della provincia Nicola D Ascanio ed il presidente della Proloco Margherita Rosati. Storia di un popolo e delle sue tante realtà frazionate ed ambivalenti,quelle messe a nudo con acume critico e schiettezza da un molisano «rimasto eroicamente radicato alla propria terra», e che, legato ad essa quasi visceralmente da un amore profondo, ha saputo cogliere sono a norma. La relazione notificata via fax al direttore scolastico non usa mezzi termini, sottolineando come "allo stato attuale, non sussistano le condizioni minimali di idoneità igienico-sanitario per consentire il prosieguo dell attività scolastica all interno dei moduli abitativi". Ma quali i punti presi in considerazione dall Asrem? Innanzitutto gli spazi, infatti - continua la relazione - il numero degli alunni e del personale docente risulta deficitaria la superficie dei container e l altezza non a norma, poi un ulteriore elemento negativo è il riscaldamento, infatti i locali sono riscaldati con termo stufette a corrente che determinano un riscaldamento non omogeneo degli spazi, per cui vicino alla fonte il calore è troppo elevato, mentre a distanza dalla stessa il calore risulta carente. Insomma l utilizzo di detti container non è possibile in quanto mette in situazioni di serio disagio alunni e personale della Benedetto Croce. Sempre nella giorna di ieri però è stata convocata una riunione alla quale hanno preso parte il Parla Carmelo Parpiglia (Cd) «Totale contrarietà al Nucleare» «PRENDIAMO atto che la Giunta Provinciale di Campobasso ha proposto una legge regionale contro il nucleare. Solo per dovere di cronaca, Costruire Democrazia a livello nazionale con il senatore Giuseppe Astore e a livello regionale con il Presidente del movimento e consigliere Massimo Romano, ha dichiarato la sua netta contrarietà al nucleare esponendosi di fronte al governo nazionale e regionale con proposte di legge e pareri negativi» è quanto afferma Carmelo Parpiglia, vicepresidente del movimento politico culturale Costruire Democrazia. «Già nel luglio 2009 Massimo Romano presentò un odg rivolto al Presidente della Regione per impegnarlo a promuovere ricorso innanzi alla Corte Costituzionale contro la legge n.99/09; a settembre è stata presentata, sempre da Romano, la proposta di legge regionale per evitare la possibilità di istallazione su territorio molisano di impianti di energia nucleare in assenza di intesa con lo Stato; proprio ieri il senatore Astore ha presentato in Commissione Industria, Commercio e Turismo la proposta di parere negativo al decreto legislativo in materia di energia nucleare». «Alla luce di questo e dell obiettivo comune - conclude Parpiglia - Costruire Democrazia auspica ad una collaborazione interistituzionale che passa dall onestà intellettuale di riconoscere il merito di iniziative intraprese con largo anticipo e che, ci auguriamo, vengano sostenute a prescindere da chi le propone». sindaco Antonio Galasso, i vertici regionali della Protezione Civile ed i vertici dell Asrem di Termoli, con lo scopo di trovare una soluzione quanto meno condivisa alla grave situazione in essere. Alla fine della riunione i partecipanti hanno prospettato due soluzioni possibili e cioè, continuare, nonostante il parere dell Asrem, le lezioni nei container oppure trasferire tutto nella vicina Petacciato, soluzioni chiaramente non condivise dai genitori. Proprio i genitori infine sono stati protagonisti loro malgrado dell ennesimo scontro con il primo cittadino in quanto ha impedito loro di prendere parte alla riunione nonostante la presenza del loro legale, l avvocato Laura Carfagnini, e nonostante le norme sulla trasparenza della pubblica amministrazione che consente ai soggetti interessati di prendere parte agli incontri. Infine, la realtà sicuramente non gioca a favore dei bimbi, sballottati e spesso utilizzati per giustificare gravi inadempienze e mancanze da parte di chi ha il sacrosanto dovere di garantire loro il diritto all istruzione, che la situazione sia sfuggita di mano un po a tutti è fin troppo evidente, come è evidente il disagio che provano i giovani studenti che ormai non sanno il giorno successivo se ed in quale scuola devono andare. Michele Mignogna Presentata l opera di Giambattista Masciotta Un diario speciale con intelligenza e sensibilità nella sua intima essenza. Nella forma dialogica, accanto all io autobiografico convive la Storia, quella di una regione intrappolata tra otto e novecento nel difficile trapasso tra Medioevo e Modernità, di cui il Masciotta, presidente dell Associazione Agraria Molisana e uomo di profonda cultura, documenta gli avvenimenti salienti imprimendo loro un impostazione d insieme politico-storica. Dalla questione sociale, alle spinte separatiste ed autonomistiche, dalla grande guerra ai necrologi, dai problemi reali della classe agraria alle difficoltà di quest ultima di associazionismo, prende forma pian piano tra accenti propositivi ed accorati richiami esortativi, l immagine di una regione ancor timidamente incerta OGGI l ambasciatore della Macedonia Velibor Topoloski sarà all ospedale San Timoteo per avviare un processo di collaborazione tra il suo Paese e l Uoc di Cardiologia della struttura sanitaria termolese. Nelle ore precedenti sarà a Campobasso per mettere a punto una prossima visita nel Molise, che avrà carattere ufficiale, e preparare un gemellaggio tra il capoluogo regionale molisano e la capitale Skopje. Accompagnato dall amico Costantino Lauria, presidente del Nucleo di Valutazione del Comune di Campobasso, arriverà a Termoli intorno alle 13. Ad accoglierlo ci saranno il direttore sanitario del San Timoteo, Filippo Vitale ed Emilio Musacchio, capo dipartimento e coordinatore della Cardiologia degli ospedali di Campobasso, Termoli e Larino. Sarà proprio quest ultimo, tra i primi in Italia a sperimentare in campo cardiologico le nuove vie sostitutive del trapianto, ad illustrare le moderne tecniche di terapia riguardanti lo scompenso cardiaco mediante elettrostimolazione. Il dottor Musacchio, tra l altro consulente medico di Rai Uno, fa parte di un ristretto gruppo di studio che si occupa da anni delle aritmie, della prevenzione della morte improvvisa e della terapia dello scompenso improvviso mediante device. L ambasciatore Topoloski punta ad allacciare rapporti di collaborazione con la divisione cardiologica del San Timoteo al fine di importare nelle strutture sanitarie della Repubblica Macedone ed in particolare nell ospedale di Skopje le tecniche usate al San Timoteo. a valorizzarsi nel divenire protagonista attiva della società d allora, d un popolo laborioso e tenace, come i sanniti d un tempo, ma «disperso come la terra, separatistica e dissociante»; Da qui la necessità di «uscire dall indifferente quietismo» e partire dai territori, saperli amare, conoscere e valorizzare, un invito che al giorno d oggi suona attuale, quanto la possibilità del riscatto auspicato. «E attraverso l unità di un popolo, che si affermano i diritti e si rende giustizia alla comunità nel vivere civile - ha commentato D Ascanio - la storia di Masciotta funge da richiamo per contestualizzare la nostra storia, e ci insegna a tutelare la nostra identità, messa di più a dura prova in una fase storica dove l omologazione su larga scala ed il federalismo nazionale di certo non incoraggiano le realtà più piccole». Se dunque la Provincia ha saputo restituire al Molise l opera di uno dei figli più affezionati, che forse non ha avuto la fortuna e la notorietà di tanti altri grandi su scala nazionale, l orgoglio di appartenenza ad una regione a riconoscersi, non può non rivendicarlo dalla sua terra di frontiera, l autore stesso: «le energie esistono, ma sparse; sembra che attendano qualcosa o qualcuno che, riunendole, dia loro la coesione del fascio di verghe che non si può spezzare». Laura D Angelo

19 NUOVO oggi MOLISE BASSO MOLISE 19 Cronaca giudiziaria ARRIVA ad una svolta il caso di Antonio Spagnolo, il 66enne originario di Serracapriola deceduto in un letto dell ospedale San Timoteo di Termoli dopo 19 giorni di permanenza. Come si ricorderà l uomo era entrato in ospedale sano e ne era uscito senza vita. I familiari del 66enne avevano subito presentato una denuncia alla compagnia carabinieri di Termoli evidenziando quello che, a loro giudizio, era stato un caso di "malasanità". Immediate erano partite le indagini dei Il Gup ha accettato la richiesta di "coinvolgimento" dell Ente Morì in ospedale, in causa l Asrem Antonio Spagnolo L udienza davanti al giudice Aldo Aceto è stata rinviata al 7 aprile. In quell occasione saranno ascoltate le parti L OROSCOPO DI ABACUC I parenti di Antonio Spagnolo si costituiscono parte civile nel processo contro due medici militari dell Arma per conto della Procura della Repubblica di Larino che ha chiesto il rinvio a giudizio per due medici dell ospedale. Quelli che hanno seguito Spagnolo durante la sua "permanenza" presso il San Timoteo. L altro giorno si è tenuta la prima udienza preliminare davanti al Gup del tribunale di Larino, Aldo Aceto. Davanti al giudice i familiari della vittima, la moglie Elsa e i figli Maria Rosaria, Silvia e Michele, difesi dal un legale del foro di Vasto, l avvocato Fiorenzo Cieri, si sono costituiti parti civili nel procedimento a carico dei due medici accusati della morte del loro congiunto. Dopo una piccola eccezione sollevata dalla difesa dei due dottori, secondo la quale c era stato un difetto di notifica (eccezione subito superata nel corso dell udienza), l avvocato Cieri ha richiesto anche la chiamata in causa dell Asrem che avrebbe dovuto controllare il lavoro effettuato dai due medici. Una richiesta che è stata accettata dal giudice Aceto che ha aggiornato la seduta e riconvocato le parti per il 7 aprile giorno in cui, molto probabilmente, l azienda sanitaria regionale chiamerà in causa anche le sue assicurazioni. In questo modo, se i medici dovessero essere ritenuti colpevoli, si allargherebbe anche la forbice risarcitoria per la famiglia. Michela Bevilacqua L inaugurazione ieri mattina alla presenza del sindaco del paese bassomolisano, Alberto Florio A Santa Croce di Magliano lo sportello «QuiEnel» SANTA CROCE DI MA- GLIANO - Ieri mattina, in compagnia di un timido sole invernale, è stato presentato e poi inaugurato dal sindaco Alberto Florio, e Maria Lovallo, Operations Territoriale Lazio Abruzzo e Molise Enel servizio Elettrico s.p.a., alla presenza di tantissimi cittadini, il nuovo sportello «QuiEnel» negli uffici Comunali in Piazza Crapsi. Lo sportello QuiEnel di Santa Croce, è il 5 (tra quelli ubicati nei comuni) in Provincia di Campobasso, l 11 di quelli attivi in totale, oggi in Molise, e si aggiunge ai 1163 corner QuiEnel dislocati in maniera capillare sull intero territorio nazionale. L iniziativa, che rientra nel programma nazionale «Enel in Comune», è mirata a fornire ai cittadini di Santa Croce di Magliano e del comprensorio (Colletorto, San Giuliano di Puglia, Bonefro, Montelongo, Montorio, Rotello), la possibilità di svolgere presso gli uffici comunali, tutte le operazioni commerciali relative al loro contratto di energia elettrica con potenza fino a 30 Kw sia per uso domestico, e sia a titolari di partita iva. In particolare, i cittadini e le piccole imprese troveranno all interno degli uffici comunali, e precisamente allo sportello servizi demografici (piano terra), la postazione QuiEnel, dove potranno effettuare: nuovi contratti, subentri/volture/modifiche; cessazioni; richiesta nuovo allacciamento; conferma/modifica situazione anagrafica; modifica separati/divorziati/eredi; nuova fornitura straordinaria (per feste patronali,circhi e manifestazioni politiche); richiesta forniture cantieri; consultazione situazione consumi e copia fattura; dimostrato pagamento; servizio contowatt/cartawatt/postawatt; infowatt e gestione anagrafica cliente (n. civico, telefono e indirizzo di recapito fatture); acquisizione letture; gestione richieste di rateizzazione; richiesta spostamento gruppo di misura entro e oltre i 10mt.; richiesta verifica misuratore e tensione; e altri quattro servizi resi operativi nel 2010: allacciamenti collettivi (elettrificazione immobile con + 2 u.i.); lottizzazioni (acquisizione plico da inoltrare al Punto Enel); stampa di modulistica varia; esigenza complessa (con servizio SMS gratuito per il cliente). In tutte queste operazioni, i cittadini saranno assistiti da operatori esperti, adeguatamente formati da Enel Servizio Elettrico, pronti a soddisfare tutte le richieste della clientela, nei seguenti orari: lunedì e mercoledì 9-12 e il martedì «Nell ottica di un numero sempre maggiore di servizi erogati dal Comune - ha dichiarato il Sindaco Alberto Florio - sono ben lieto di inaugurare, lo sportello QuiEnel presso gli uffici del nostro Comune. Dopo lo sportello INPS, inaugurato qualche mese fa, anche l Enel, ha colto l opportunità di servire la nostra cittadinanza. Ringrazio anche i collaboratori del Comune che si sono resi disponibili». «L inaugurazione di oggi ribadisce l impegno di Enel - ha dichiarato Maria Lovallo - di rendere migliori i rapporti con il cliente. Trovare in un piccolo centro un riferimento costante e professionale vuol dire accrescer la qualità della vita del territorio. Il lavoro di oggi, peraltro, è il risultato anche dell impegno congiunto di Enel e dell amministrazione Florio che ha offerto una sincera disponibilità al nostro progetto». L inaugurazione si è conclusa, sotto la luce del sole che sembrava nel frattempo essersi riscaldata, con un caloroso applauso dei presenti, quando, il primo cittadino, Alberto Florio, ha tagliato il nastro davanti al nuovo sportello. Tutti erano consapevoli, al di là dei recinti politici, che l attuale amministrazione assieme all Enel, in un azione congiunta, è riuscita a rispondere concretamente ad un esigenza molto sentita nel territorio, semplificando e migliorando la qualità della vita, senza, per giunta, costi aggiuntivi per il cittadino-utente. Antonio Petruccelli

20 22 LARINO-AREA FRENTANA NUOVO oggi MOLISE L EVENTO Casacalenda - Grande lavoro per studenti e docenti dell Istituto Omnicompresivo diretto da Vesce «Per non dimenticare» Domani mattina inaugurazione della mostra fotografica «La mia Auschwitz» realizzata da Costanzo Battista e padre Ronzitti CASACALENDA - «Per non dimenticare», si svolgerà domani mattina alle presso la sala consiliare del Comune Kalendino l inaugurazione della mostra fotografica «La mia Auschwitz», curata da Costanzo Battista e Padre Enzo Ronzitti. Domenica, invece, alle presso l Auditorium dell istituto De Gennaro l inaugurazione dell allestimento multimediale «Nell inferno di Aushwitz», un viaggio, realizzato dalla classe V dell Istituto Omnicomprensivo che, attraverso una parte documentaria ed una porta virtuale ripercorre sinteticamente le tappe storiche che hanno portato alla soluzione finale, fin dentro il campo. «La giornata della memoria», per ricordare una delle pagine di storia più buie: così, con quetse mostre l Istituto Omnicomprensivo di Casacalenda diretto dal professor Antonio Vesce, ha inteso elaborare un intenso calendario di appuntamenti. «L obiettivo nel pensare e realizzare questi lavori è duplice: celebrare senza retorica e accostarci alla Storia per sentirla parte delle nostre singole storie». In questo periodo le classi della scuola del professor Vesce stanno approfondendo le tematiche della Shoah sia dal punto di vista curriculare che da quello di analisi dei temi di guerra e del razzismo. La precisazione Dalla direzione regionale: «Nessuna riduzione» «L Inps di Larino non chiuderà i battenti» Candidature in vista L occasione per parlare delle prossime elezioni comunali Luigi Montagano incontra i cittadini di Bonefro LARINO - «Non è stata programmata alcuna chiusura dell Inps, né riduzione dell attuale Agenzia di Larino a semplice punto informativo». Così il direttore regionale Mastragostino in risposta all articolo apparso ieri in cui si raccontava dell allarme lanciato dal consigliere regionale D Alete in merito, proprio, alla situazione precaria dell Inps. «Al contrario - prosegue la nota - grazie alla collaborazione istituzionale attivata con la Provincia, è in fase di realizzazione, presso la stessa sede, un apposita struttura Inps- Centro per l Impiego di Larino che potrà garantire, a regime, un offerta integrata di servizio ai cittadini residenti». BONEFRO - Luigi Montagano ha organizzato un incontro pubblico con la cittadinanza di Bonefro per cogliere l occasione di fare una chiacchierata interlocutoria in vista delle prossime elezioni civiche. L iniziativa è fissata per domani, sabato 23 gennaio 2010, con inizio alle ore 170, nella sala consiliare di Via XX Settembre. Luigi Montagano invita tutti i cittadini interessati al tema delle elezioni comunali ed al rinnovo delle cariche. «Parlerò dei problemi del paese e delle motivazioni che mi spingono verso una candidatura importante», così ha detto Montagano nella nota stampa inviata ieri pomeriggio agli organi di informazione.

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014. Intervento della Dott.ssa Valeria Lallai Rappresentante degli Studenti

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014. Intervento della Dott.ssa Valeria Lallai Rappresentante degli Studenti INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Intervento della Dott.ssa Valeria Lallai Rappresentante degli Studenti Aula Magna del Rettorato di Cagliari Lunedì 13 Gennaio 2014 4 INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo Lancio della proposta dell Agorà: estate 2013 27 settembre 2014: Assemblea dell Agorà: Per un nuovo patto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER L AFFIDAMENTO DI 4 INCARICHI PER L ESPLETAMENTO DI ATTIVITA DI TUTORATO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER L AFFIDAMENTO DI 4 INCARICHI PER L ESPLETAMENTO DI ATTIVITA DI TUTORATO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO Prot. 15/05349-01 Scadenza 13/07/2015 AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI, PER L AFFIDAMENTO DI 4 INCARICHI PER L ESPLETAMENTO DI ATTIVITA DI TUTORATO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IL DIRETTORE

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Radio Pace 15 marzo 2011

Radio Pace 15 marzo 2011 Radio Pace 15 marzo 2011 Costruiamo Umanità Esperienze e testimonianze dal mondo del carcere Ben trovati a tutti da Francesca Boeri. Siete in ascolto della rubrica mensile che vuol far conoscere la vita

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITÀ

TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITÀ TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITÀ *ULTIME NOTIZIE* ------------------------ Abbiamo notizia ufficiale che sono oltre 90mila i candidati che parteciperanno ai test di ammissione alle Facoltà di Medicina e Chirurgia,

Dettagli

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari"

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli arresti domiciliari I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari" Parte la campagna #maipiùsoli : uno spot video, lanciato oggi in rete e prossimamente su reti Rai e Mediaset, racconta la quotidianità

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Report della Consultazione

Report della Consultazione AFAM Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica Graduatorie nazionali per il conferimento degli incarichi a tempo determinato Report della Consultazione Ecco la bozza del bando, aiutaci a migliorarla

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015

SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015 SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015 Firenze, 9 gennaio 2015 Auditorium Consiglio Regionale Toscana Conclusioni Anna Maria Santoro, Segretaria Nazionale FLC CGIL Ridare leggerezza e respiro alle

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

Discorso sulla bomba e sua parafrasi

Discorso sulla bomba e sua parafrasi Discorso sulla bomba e sua parafrasi Pubblichiamo un recente discorso che Francesco ha tenuto alla Gendarmeria vaticana (Osservatore Romano, 29/09/2014). Il sermone è espresso con la semplicità e chiarezza

Dettagli

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Investire nel capitale umano per essere una superpotenza culturale Il Ddl di riforma della scuola è stato approvato alla Camera. A giugno sarà votato al Senato.

Dettagli

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master BANDO PER L ATTRIBUZIONE A GIOVANI LAUREATI RESIDENTI ALL ESTERO DI FINANZIAMENTI REGIONALI A PARZIALE RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER UNIVERSITARI INDETTI DALLE UNIVERSITÀ

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ENTE REGIONALE PRO SU DERETU A S ISTUDIU UNIVERSITARIU DE CASTEDDU ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAGLIARI

ENTE REGIONALE PRO SU DERETU A S ISTUDIU UNIVERSITARIU DE CASTEDDU ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAGLIARI BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E DI POSTI ALLOGGIO A STUDENTI CON DISABILITÀ A.A. 2015/2016 Delibera del Consiglio di Amministrazione n.21 del 1 luglio 2015 Determinazione del

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.30

1 di 5 11/01/2012 0.30 1 di 5 11/01/2012 0.30 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.26

1 di 5 11/01/2012 0.26 1 di 5 11/01/2012 0.26 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE

TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE 22.10.08- Incontro con la Stampa QUESTIONE CAMPO NOMADI E POSIZIONE UFFICIALE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PORTOGRUARO IN MERITO Nonostante le ripetute dichiarazioni,

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Progetto cofinanziato da

Progetto cofinanziato da dalla parte degli ultimi PROGETTO REGIONALE Io parlo italiano Prog. N. 106538 - FEI Azione1 - Piano regionale per la formazione civico linguistica dei cittadini di Paesi Terzi Anno 2013. - CUP D13G14000360007

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott.

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott. 10 Venerdì 2 settembre 2011 CAMPOBASSO LA REPLICA Malasanità, l Asrem si difende Lʼospedale Cardarelli di Campobasso CAMPOBASSO. In relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA Art. 1 - Premesse Il Comune di Amaroni promuove un bando per l assegnazione di due borse di studio denominato Maestra Gina, grazie a Venanzio

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità IL MIO MONDO IL TUO MONDO Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità L'idea di creare uno sportello d'ascolto presso il Comune di Aversa nasce da un approfondito confronto tra persone

Dettagli

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE UFFICIO LITURGICO ASCOFOTO CONFCOMMERCIO PORDENONE GRUPPO PROVINCIALE FOTOGRAFI IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI Regolamento

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.8 del 19 giugno 2014

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.8 del 19 giugno 2014 BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E DI POSTI ALLOGGIO A STUDENTI CON DISABILITÀ A.A. 2014/2015 Delibera del Consiglio di Amministrazione n.8 del 19 giugno 2014 Decreto del Presidente

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli