Il pullman scalda le sue ruote lungo l Aurelia, manca poco finalmente. Comincia come un incontro casuale: un appuntamento con la Cappella Sistina, un

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il pullman scalda le sue ruote lungo l Aurelia, manca poco finalmente. Comincia come un incontro casuale: un appuntamento con la Cappella Sistina, un"

Transcript

1 giornalino d informazione scolastica dell ISTITUTO TECNICO AGRARIO GIUSEPPE BONFANTINI di Novara numero 7 anno 1 MAGGIO 2010 il profumo di Roma Il pullman scalda le sue ruote lungo l Aurelia, manca poco finalmente. Comincia come un incontro casuale: un appuntamento con la Cappella Sistina, un flirt con la scalinata di Trinità dei Monti, una rovente amatriciana e d improvviso non si riesce a smettere di pensare a quel panorama, a quel mare di cupole sotto il belvedere e a quelle languide notti seduti in una piazzetta dai toni offuscati. Roma conquista. Entra sotto la pelle come la voce di un giovane studente che nel silenzio del pullman, davanti al maestoso Colosseo, chiede alla guida: Dove abita er Pupone?!. L arrivo a Roma è sempre traumatico per chi non è mai stato in una metropoli tutta traffico, urli e schiamazzi, mai poi il profumo di antico che si mescola con l'odore acre dello smog, si fonde in un tutt'uno che genera l incanto e da spazio all immaginazione. Nella caput mundi tutto è possibile, nelle pietre sono scolpite le vite, le storie e le leggende di Giulio Cesare, di San Pietro e di Anita Ekberg. Ma Roma è ben lungi dall essere una rovina senza vita. Qui il passato e il presente si fondono con un effetto intossicante: colonne di un tempio antico si ergono accanto a una fermata dell autobus, un antico circo per la corsa delle bighe ospita noti concerti rock, tra un caffè e una fontana barocca esiste un entusiasmante cocktail da nuovo millennio di arte di strada e quartieri multietnici. Per un istante si cammina sulle orme del valoroso Cesare e, qualche passo più in la, ci si muove a ritmo seguendo il suono coinvolgente di un gruppo di artisti di strada. Siamo a Roma, in visita d istruzione. Quasi novanta giovani adolescenti accompagnati dai loro insegnanti, pronti a scontrarsi con un aria nuova, l aria della città eterna. Un programma invidiabile e molto ricco, una guida spassosa e ben preparata, un hotel ampio e immerso nel verde con qualche guasto qua e la che fa un po da bandiera a questa metropoli. Non tutto qui è perfetto. Un traffico anarchico e un alto livello di smog ridimensionano la definizione di città eterna e, nonostante le tempistiche per gli spostamenti e le visite siano molto serrate, c è tutto il tempo di respirare Roma. La maestà del cupolone s impone sugli sguardi di tutti noi ma quello che veramente colpisce è l'anfiteatro Flavio, teatro di migliaia di duelli tra valorosi gladiatori. Perso nell'immensità di quell'opera, ciascuno cerca di immedesimarsi in quelle storie lette e studiate a scuola, ritrovandosi a scrutare nell immaginario i visi appesantiti dalla fatica del combattimento e quelli leggeri di chi si divertiva e rideva. E poi anche a Porta Portese, famoso mercatino tanto decantato da una nota canzone di Claudio Baglioni, ad immaginar il cuor del giovane soldato che proprio lì scopre di essere cornuto. Roma, una città che ti rimane dentro il cuore, con le sue bellezze e le sue contraddizioni. Il cui profumo ti rimane sotto le narici per tutta la vita. Non lo si può scordare perché non è tipico di nessuna città. In ogni angolo c è un piccolo mercatino caratteristico ma non c è tempo e nessuno sa cosa portare a casa. Sui banchi rimangono il classico souvenir e l immagine di San Pietro ma una cosa molto più preziosa riparte con noi stanchi ma entusiasti: il profumo di Roma. Gu. Ro.

2 PER ME SI VA NE LA CITTA DOLENTE, PER ME SI VA NE L ETERNO DOLORE, PER ME SI VA TRA LA PERDUTA GENTE. GIUSTIZIA MOSSE IL MIO ALTO FATTORE: FECEMI LA DIVINA POTESTATE, LA SOMMA SAPIENZA E L PRIMO AMORE. DINANZI A ME NON FUR COSE CREATE SE NON ETERNE, E IO ETERNA DURO. LASCIATE OGNI SPERANZA, VOI CH ENTRATE. L a citazione del terzo Canto infernale faceva da premessa al mio primo ingresso in questa quinta. Una classe sconosciuta, seppur qualcuno di loro era stato aggiunto alla cieca tra gli amici di Facebook, ma niente di più. Non conoscevo i loro nomi, il loro passato, le loro difficoltà. Nove ore a settimana nell aula più distante dal fulcro presidenziale dell Istituto, metà delle ore a scuola trascorse tra diciannove baldi giovani: è questo l orario ricevuto dal primo mese dell anno scolastico in corso al Bonfa, è questa la quinta A. Ebbene sì, ho deciso di scrivere di voi, perché per una volta non vorrei parlare e straparlare del vostro rendimento scolastico (che resta sempre molto importante) ma di ciò che un groviglio di esperienze umane lascia intriso nelle mura di un aula e nell animo di uno che sta imparando il suo bel lavoro. Non posso fare nomi, non posso scrivere proprio tutto ma posso, per una volta, esulare dai profili studenteschi per parlare degli occupanti di diciannove banchi e diciannove sedie di un aula che, una dozzina di anni fa, ha assorbito anche le mie ansie e le mie preoccupazioni di maturando. E ntrare dalla porta di una nuova classe è sempre un insieme di emozioni e di preoccupazioni per un professorino giovane e inesperto, ma entrare in questa quinta è diverso. La battuta sempre pronta è inversamente proporzionale alla voglia di studiare ma mette subito a proprio agio. Il sorriso del gigante buono e la timidezza della compagna avanti qualche banco, sono il mio primo ricordo. Mi sembra già di conoscerli, mi fanno sentire uno di casa anche se, leggendo il curriculum della classe, questa famiglia, negli anni, ha avuto qualche serio problemino. Diversi abbandoni, diverse perdite, tanti volti che si sono alternati dietro alla cattedra, tante vicissitudini positive ma anche difficoltose. Tra loro solo una vecchia conoscenza: quel ragazzone che dei propri sogni fa una missione e non fa mistero di voler essere un buon amico, un distributore automatico di parole (tante e a volte troppe!, ndr) e battute. Accanto a lui siedono due anime più pacate anche se molto diverse tra loro: l uno amante della politica e capace di agire concretamente anche nell istituzione scolastica e l altro taciturno, sognante e allo stesso tempo esilarante nelle stoccate alle compagne e dal portamento che ricorda Sid, il bradipo dell Era Glaciale. Mentre le loro teste sono chinate su quesiti estimativi e sulle domande della verifica di ecologia, li osservo. C è chi non è più giovanissimo, ma per qualche incidente di percorso si ritrova ancora dietro un banco di scuola, senza troppa voglia ma composto e sempre rispettoso accanto a colui che insegue i propri ideali e un cuore sempre travagliato, con un cellulare nascosto dietro il banco e il pensiero rivolto incessantemente verso l universo femminile. In ogni verifica che si rispetti, come prima di un temporale estivo, si formano nuvoloni grigi e veloci che sembrano riempire l aula lunga e non sempre luminosa per via dell uso spropositato di veneziane muranti. La situazione meteorologica della classe è evidente negli occhi di lei che, al primo banco, dopo qualche istante di panico, parte a razzo e scrive tutto ciò che l insicurezza aveva bloccato fino a qualche istante prima, nella penna estratta dall astuccio dei miracoli. Dietro a un paio d occhiali si nascondono in due: l uno è 2

3 l immagine dell irriverenza, a primo impatto timido e riservato ma sempre pronto alla battuta e con un sorriso marpione, l altro quella del ragazzo all antica che con il fidato amico hacker alle spalle è sempre pronto a caricarsi degli impegni della classe. Ogni classe ha poi un suo odore, più raramente un suo profumo. Quando mi capita di fare supplenze, soprattutto nelle classi del Biennio, l odore degli ormoni fa da padrone e preferisco battere un po i denti, aprendo le finestre, piuttosto che indossare una di quelle maschere antigas. Ma anche in questo c è lo specialista colui che crea il vuoto quando è in stato di agitazione ma con il suo sguardo fisso, verso un punto ancora non definito, mi stupisce continuamente per quanto la sua immagine bistrattata contrasti nettamente con una testina niente male. Il quarto dei ceranesi è un mediatore nato che sopporta le esalazioni dell amico e anche la voce squillante di colei che destabilizza la barriera del suono della classe con le sue corde vocali full-optional con megafono incluso nel prezzo! E quando le battute tra le tre amiche incalzano, il rischio è quello di sentir parlare di narici di certe dimensioni e di improbabili avventure sulle nevi trentine, e di qualunque parte del corpo che solo tre donne così affiatate possono commentare e dissacrare in questo modo del tutto fantasioso. Tra loro anche colei che con molta compostezza riesce a sollevare di peso il compagno di banco riccioluto, sempre pronto a organizzare serate speciali dietro al bancone del locale di famiglia, subendo le ingiustizie di un prof. che straccia esercitazioni incomplete e imprecise. Quando il compito prende piega anche gli studenti assumono posizioni atte al passaggio di informazioni. C è colui che traffica dietro una pila di libri intonsi e ben disposti sotto al banco, cercando di nascondere un pollice frenetico impegnato a comporre messaggini, coperto dalla compagna di banco sempre pronta a far da vedetta, evitando reazioni spropositate di colui o colei che siede in quel momento dietro alla cattedra. Una salvatrice composta! E infine c è chi, senza alcun ritegno, si gira e da le spalle alla cattedra perché dovevo chiedere una cosa prof.! ma risolve l impasse con un sorriso a trentadue denti, di quei sorrisi che smorzano la ramanzina già sulla punta della lingua del docente di turno. S e tutto andrà come deve andare nei prossimi due mesi (e andrà certamente tutto bene ) e se la nuova riforma della scuola me lo concederà, il prossimo anno conoscerò nuovi volti e voi mancherete un po a queste mura e ai miei muscoli facciali per sorridere. Ma ora a voi voglio dire grazie e qui voglio rivolgermi anche ai vostri compagni di altre sezioni che ho avuto il piacere e l opportunità di conoscere. Grazie anche alle incertezze e alle insicurezze di alcuni che mi hanno fatto spesso dispiacere perché avrei voluto sempre che tutti fossero bravissimi, grazie delle vostre risate soffocate sotto il banco e represse da un mio "Ragazzi!", grazie per avermi sopportato nelle spiegazioni sempre un po noiose (ma saddafà anche questo!), grazie per le domande che mi avete posto e che spesso mi hanno stimolato a studiare e ad approfondire un po di più, grazie per esservi fidati in qualche modo e grazie per tutti i momenti passati insieme, per quelli seri e composti, per quelli allegri e spiritosi, per quelli noiosi e infiniti Non so se avrò il coraggio di dirvi di persona queste poche parole ma vorrei augurarvi che le strade che percorrerete siano quelle che con forza avete voluto imboccare, senza alcuna costrizione. Ci vuole coraggio a fare delle scelte e ci vuole coraggio a raggiungere le mete prefissate senza calpestare gli altri ma mi auguro vivamente che ciascuno di voi non si perderà e cercherà di dare in ogni campo il meglio di sé. Fate ogni cosa con passione e sarete ripagati delle sconfitte che inevitabilmente e inaspettatamente ci colpiscono. Basta parole, basta sentimentalismi sfrontati, manca un mese al termine delle lezioni e faccio ancora in tempo a non sopportarvi più! Ma non sarà così sicuramente! Ho trovato questo piccolo pensiero e me lo scrivo proprio qui, così quando sarò un po più esperto del mio mestiere, mi verificherò ricordando i vostri volti e ciò che mi avete regalato. Diceva Confucio: La saggezza consiste nel guardare con amore in che modo cresce la gente. Grazie per essere passati da qui. 3

4 CHE COSA E LA RESISTENZA ITALIANA? a cura di Francesco Miglio (4^ B) un approfondimento per meglio comprendere cosa è stata la Resistenza italiana condotta nell'ambito della seconda guerra mondiale contro l'invasione d'italia da parte della Germania nazista e nei confronti degli occupanti e della Repubblica Sociale Italiana, da parte di liberi individui, partiti e movimenti organizzati in formazioni partigiane. C ostituirono il movimento di Resistenza forze diverse tra loro per orientamento politico e impostazione ideologica, ma unite nel COMUNE OBIETTIVO DI CACCIARE IL NAZIFASCISMO E DI CONQUISTARE LA LIBERTÀ. Attorno ad esse si riunirono persone diverse per età, censo, sesso, religione, tra le quali erano personalità di spicco dell'antifascismo che avevano avversato e combattuto il fascismo durante il ventennio del regime, spesso pagando con galera, esilio, confino, taluni partecipando alla guerra antifascista in Spagna ( ). Accanto a loro i militari che avevano già vissuto l'esperienza della guerra e giovani che rifiutavano l'arruolamento nelle file del nuovo fascismo repubblicano e che, di fronte alla durezza dell'occupazione tedesca, sceglievano la via dell'opposizione e della lotta. L a Resistenza italiana si inquadrò nel più vasto movimento di opposizione al nazifascismo sviluppatosi in tutta Europa, ma ebbe connotazioni particolari. Nei Paesi sconfitti militarmente e occupati dai nazifascisti (tra cui Francia, Belgio, Danimarca, Olanda, Norvegia, Grecia, Jugoslavia, Albania) la Resistenza costituì una seconda fase della guerra che li aveva coinvolti. L'Italia al contrario, sotto la guida dittatoriale del fascismo era rimasta sino all'8 settembre 1943 alleata del Reich nazista di Hitler, e come tale aveva partecipato alla guerra di aggressione ed era stata anche lei un occupante. Qui la Resistenza sorse quando, caduto il regime fascista il 25 luglio 1943 e firmato dall'italia l'8 settembre dello stesso anno, dopo irrimediabili rovesci militari, l'armistizio con gli "Alleati", le forze politiche democratiche, che si erano ricostituite, chiamarono il popolo a raccolta per cacciare i fascisti e i tedeschi. Questi ultimi avevano occupato in pochi giorni il Paese, disarmando e catturando, in Italia e all'estero, 700 mila soldati italiani, lasciati senza ordini e direttive dal re Vittorio Emanuele III, dal governo diretto dal Maresciallo Badoglio e dallo Stato Maggiore e avviandoli ai campi di concentramento in Germania. NON SI TRATTÒ, PER L'ITALIA, DI CONTINUARE UNA GUERRA PERDUTA, BENSÌ DI COMINCIARE UNA NUOVA GUERRA, UNA GUERRA DI LIBERAZIONE che consentisse di cacciare i tedeschi occupanti e il loro alleato fascista che aveva dato vita alla mussoliniana "Repubblica Sociale Italiana", riconquistando quella libertà della quale l'italia era stata privata dal fascismo e dal suo regime autoritario e antidemocratico per oltre vent'anni. Il movimento fu fortemente unitario, pur mantenendo ogni forza partecipante la propria specificità e la propria visione politica. Talune contrapposizioni iniziali finirono per essere superate nel corso della guerra, per dare spazio, sul piano politico e su quello militare, a larghe intese che consentirono di definire i comuni obiettivi e di sviluppare un coordinamento sempre più puntuale, efficace 4

5 e incisivo. Si trattò naturalmente, di uno sviluppo complesso e difficile;la spontaneità di molte iniziative, le condizioni di clandestinità e segretezza in cui si doveva operare, le difficoltà di collegamento, la scarsità di mezzi, i duri colpi inferti dai nazifascisti, tutto ciò mise a dura prova l'obiettivo delle forze patriottiche. I nazifascisti sin dall'inizio scardinarono centri politici e operativi, catturando, torturando membri e responsabili del movimento e con estesi rastrellamenti attaccarono in montagna i primi nuclei armati e le prime bande partigiane. Nonostante questo, regione per regione, zona per zona, la presenza delle formazioni partigiane nelle vallate e sulle montagne si fece sempre più massiccia e dalle bande iniziali si passò a ben organizzate brigate (le "Garibaldi", le "Giustizia e Libertà", le "Matteotti", le "Mazzini", le "Autonome", etc.) mentre nelle città prendevano vita le SAP (Squadre di Azione Patriottica) e i GAP (Gruppi di Azione Patriottica), dediti a operazioni di reclutamento di sabotaggio, ad azioni di guerriglia urbana, ad attività propagandistica e di reclutamento, sostenuti da movimenti di grande impegno quali i Gruppi di Difesa della Donna (GDD) e il Fronte della Gioventù (FdG). I nazifascisti si opposero alla Resistenza, che li minacciava con azioni di guerriglia e sabotaggi, scatenando brutalità disumane che colpirono le forze della libertà e le popolazioni civili: rappresaglie ed eccidi si moltiplicarono, vennero compiute vere e proprie stragi, come a Boves in provincia di Cuneo, alle Fosse Ardeatine a Roma, a Sant'Anna di Stazzema in Versilia, a Marzabotto sull'appennino emiliano, alla Benedicta sull'appennino ligure-piemontese, a Bergiola e Vinca del Carrarese (ma non sono che pochi esempi tra le molte decine). Le SS (Schutz Staffen, formazioni paramilitari naziste che al termine del conflitto, al processo di Norimberga, sarebbero state definite organizzazione criminale) si distinsero per crudeltà, vuoi nell'opera di repressione antipartigiana, vuoi nella cattura e deportazione di civili e segnatamente di ebrei avviati ai Lager. D iedero prova di grande crudeltà anche le forze fasciste della Repubblica Sociale Italiana, particolarmente le "Brigate Nere" e la "Decima Mas". SUPERANDO PROVE DURISSIME E BENCHÉ COLPITO DA PERDITE DOLOROSE, IL MOVIMENTO DI RESISTENZA SI SVILUPPÒ ULTERIORMENTE. Al Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), che aveva sede in Milano, vennero attribuiti i poteri di "Governo straordinario": esso fu quindi riconosciuto quale governo di diritto dell'italia settentrionale. Vaste zone vennero sottratte nella primavera-estate del 1944 all'occupazione tedesca e fascista e sorsero "Zone Libere" quali l'ossola, Montefiorino, le Langhe e altre ancora, nelle quali agirono governi democratici provvisori; ma esse non poterono reggere a lungo, poiché i tedeschi scatenarono offensive pesantissime costringendo i partigiani ad abbandonare paesi e vallate per ripiegare sulle montagne. Ma già nei primi mesi del 1945 le formazioni partigiane tornarono alla piena efficienza e,bene armate anche grazie ai "lanci" di armi effettuati via aerea dagli alleati, furono in grado di liberare le maggiori città del Nord prima ancora dell'arrivo degli statunitensi e degli inglesi. 5

6 gli amici di Pietro esperienza di pet-therapy al Cavallini di Solcio di Lesa - a cura della prof.ssa Maria Grazia Tiburtini I l termine 'pet-therapy' fu coniato dallo psichiatra infantile Boris Levinson negli anni Cinquanta. Con 'pettherapy' viene definito il complesso utilizzo del rapporto essere umano-animale in campo medico e psicologico. Le diverse situazioni di handicap e le molteplici problematiche di disagio sociale presenti nel nostro territorio, hanno indotto gli operatori scolastici ad impegnarsi utilizzando strategie alternative per l integrazione degli alunni diversamente abili e per la prevenzione della dispersione scolastica, sia sul piano del recupero strumentale, sia in quello relazionale, per garantire a tutti gli alunni il pieno successo formativo. Nell ambito scolastico la pet-therapy è un intervento terapeutico di recupero mirato al miglioramento delle capacità psicofisiche sociali emozionali e cognitive dei portatori di handicap e di alunni con gravi difficoltà di apprendimento per mezzo di animali dotati di caratteristiche specifiche. Ed è proprio nella scuola dove bisogna cominciare ad intervenire per garantire ai soggetti portatori di handicap (sia fisici che mentali) il diritto all istruzione, evitando così che questi vengano classificati come le figure delle differenze. E la pet-therapy può costituire un ottima alternativa che permette la facilitazione dell inserimento di questi ragazzi. In ambito scolastico, è corretto parlare di progetti educativi attraverso gli animali. Presso l Istituto Cavallini le insegnanti di sostegno prof.ssa Fausta Bennani e prof.ssa Maria Grazia Tiburtini hanno attuato una giornata dedicata alla pet-therapy per provare, per credere, per verificare le possibilità di una disciplina ancora tutta da scoprire ma dalle grandi potenzialità. Protagonisti della giornata sono stati Pietro, un coniglietto nano e un gruppo di alunni alcuni dei quali diversamente abili. Le finalità dell intervento sono state: stimolare l attenzione stabilire un contatto visivo e tattile effettuare un interazione comunicativa ed emozionale favorire il rilassamento e aiutare a controllare stati d animo Le aree disciplinari coinvolte alla fine dell esperimento sono state la comunicazione linguistica, la comunicazione mimico-gestuale, la psicomotoria e la rappresentazione grafico-pittorica. Considerato il risultato positivo ottenuto in un primo e semplice approccio con la pet-therapy, le insegnanti si ripromettono di approfondire in seguito l intervento formulando un progetto da realizzare nel corso del futuro anno scolastico s u l s o c i a l n e t w o r k F A C E B O O K c e r c a A M I C I D I P I E T R O g r u p p o f o n d a t o d a F a u s t a B e n n a n i, c o n c i r c a 5 0 m e m b r i categoria: organizzazioni di volontariato descrizione: Pet Therapy. tipo di privacy: aperto con contenuti visibili a tutti informazioni: 6

7 ^ Ore 05:45 di martedì 20 aprile 2010: il consueto brusio pre-partenza apre il sipario della gita; sei classi (quarte e quinte A, B, C) con destinazione Monaco e Berlino. All inizio del nostro lungo viaggio in pullman c è già chi anima l atmosfera con canti, urla e risate, mentre qualcuno sonnecchia (chissà come ci riesce!) e qualcun altro sbadiglia e cerca di dormire, ma alla fine è ugualmente preso da risa e battute. Dopo un paio di tappe in Svizzera e Austria (dove fare la pipì costa più che un caffè!) arriviamo finalmente a Monaco München; approfittando di qualche ora libera girovaghiamo per la città cercando di non perdere l orientamento! e visitiamo la birreria di Hitler, l Hard Rock Cafè e la cattedrale con l orma del diavolo. La cena è prenotata in un originale ristorante dove però ci stupiamo delle portate (una tazza di brodino con delle striscioline di pane galleggianti???) e quindi non resta che una buona birra per consolarsi! Subito si corre in hotel (ad un ora di bus) con l unica speranza di poter vedere la tanto attesa partita Inter - Barcellona. L indomani si parte presto per giungere, dopo circa otto ore, a Berlino; pomeriggio libero e cena (finalmente c è la pasta anche se non proprio buona!). Il tempo è altalenante: si passa da un bel sole primaverile, alla grandine, alla neve, alla pioggia e poi di nuovo al sole nel giro di pochi minuti. Alla sera torniamo nei locali adocchiati al pomeriggio, sfoggiando il nostro migliore inglese! Giovedì giornata dedicata alla visita della città con la guida: musei, palazzi, lo zoo, chiese, ambasciate, cattedrali, parchi, monumenti e, soprattutto il muro (o meglio, ciò che ne resta!) con tutta la sua complessa storia che, credo, pochi o nessuno di noi conosceva. Prima di cena di nuovo tempo libero in cui molti hanno approfittato per andare all Hard Rock Cafè. Da sottolineare il rigoroso rispetto delle regole da parte degli automobilisti; i ciclisti invece sembrano farla da padrone: non si fermano davanti a nulla (nemmeno ad uno studente italiano un po distratto!) continuando a sfrecciare e a far tintinnare i loro campanelli insieme probabilmente! a qualche germanico insulto!!! E vogliamo parlare dei poveri pedoni? I loro semafori dagli omini col cappello, sono diventati un simbolo per Berlino; peccato che quando si attraversa bisogna essere svegli perché non esiste la luce arancione! Venerdì, ultimo giorno effettivo di gita, si parte per il castello di Charlottemburg, passando prima a vedere lo stadio a grande richiesta di alcuni dove abbiamo vinto gli ultimi mondiali di calcio. Visitiamo l interno del castello con un audioguida per poi passare il resto della mattinata nel giardino reale, curatissimo e molto suggestivo. Dopo pranzo ci dirigiamo al campo di concentramento di Sachsenausen: vasto 21 ettari fu famoso per lo sterminio, non tanto di ebrei, quanto più di oppositori politici, omosessuali e prostitute. La ricostruzione delle mura con filo spinato, l interno delle baracche con informazioni interattive, la camera mortuaria, i resti dei forni crematori e le innumerevoli documentazioni storiche (foto, filmati, registri ) riportano abbastanza bene la situazione dei deportati, dando anche un senso di inquietudine e perdizione, tanto più se, presi da un filmato storico, non si guarda l orologio e, in ritardo, ci si precipita verso il grande cancellone che però è chiuso!!! Qualche istante di panico ma poi, col peggiore inglese, si chiede e si trova l unica uscita aperta. Sabato 24 aprile: ultimo giorno, trascorso interamente in un estenuante viaggio, quasi 15 ore per la precisione! Alcuni scendono sgranchendo finalmente le gambe - ad Arluno mentre la maggioranza a Novara, col loro bagaglio non solo materiale ma anche di ricordi per il divertimento e per i luoghi visitati. 7

8 ^ ^ A ccompagnare i nostri studenti nel viaggio di istruzione è un po come tornare ai tempi del Liceo. Se riesci a dimenticare per un attimo di essere il capo branco, ecco che si fanno strada la voglia di stare in gruppo, il desiderio di cantare, il bisogno di confidarsi. È vero che i nostri idoli erano Vasco e Battisti e loro oggi cantano Max Pezzali, è vero che allora il momento più bello era la notte e oggi, girando in pigiama per i corridoi, dici l anno prossimo non ci casco più!, ma l atmosfera di complicità e la voglia di divertirsi di allora sono in realtà le stesse di oggi. La proposta del Trentino quale meta del viaggio di istruzione non ha inizialmente riscosso grande successo: il fascino dell estero è ben radicato negli studenti e il fatto che ad altre classi fosse stata offerta la possibilità di scegliere tra Berlino e Madrid non mi è certamente stato d aiuto. Ho così cercato di coinvolgere i ragazzi nella scelta del percorso e delle aziende da visitare, cercando di conciliare l aspetto didattico della gita con le proposte da loro avanzate: la fatica è stata alla fine ampiamente ricompensata dall interesse costantemente manifestato dai ragazzi nei cinque giorni trascorsi insieme e dalle opinioni raccolte durante il viaggio di ritorno. I giorni sono piacevolmente trascorsi tra la visita a Mondo Melinda e al Birrificio artigianale Val di Fiemme, passando per l azienda Tre Cime Mondolatte e l impianto di teleriscaldamento a biomasse di Dobbiaco. Anche la giornata trascorsa a Innsbruck è stata gradita: alla buona riuscita ha certamente contribuito il prof. Marco Trocchi che, con battute scherzose e giochi di prestigio, ha intrattenuto i ragazzi (e non solo ) mentre le sue colleghe erano più interessate alle vetrine che all architettura della cittadina austriaca. Sicuramente l atmosfera rilassata di quei giorni e il buon rapporto, quasi di amicizia, che si era instaurato tra gli accompagnatori hanno contribuito alla buona riuscita del viaggio. Anche le relazioni tra studenti ed insegnanti non hanno mai evidenziato tensioni. Al contrario, le serate passate insieme in birreria o a giocare a bowling hanno permesso anche i più timidi (non che fossero tanti, ben inteso!) di A fronte di tutto questo, mi viene spontaneo chiedermi se i viaggi di istruzione siano più utili ai ragazzi, che sicuramente hanno la possibilità di vivere dal vero realtà che diversamente conoscerebbero solo attraverso i libri, o a noi che, in questi periodi, ritorniamo indietro a quella spensieratezza che, fortuna loro, caratterizza i nostri ragazzi. Potremmo parlare, passatemi la citazione latina in un Istituto Tecnico, di Do ut des o, per dirla in termini più bucolici, di un, nel quale entrambe le parti traggono vantaggio dal rapporto di vicinanza. Come tutte le cose piacevoli, purtroppo, anche i viaggi di istruzione finiscono: si ritorna in classe, ad affrontare le difficoltà quotidiane. Certamente, però, ognuno di noi sarà tornato arricchito dall esperienza fatta, a voi giudicare se si tratta solo di arricchimento culturale 8

9 il POETA è mortale, la POESIA no ^ 9

10 è già molto e poi è anche molto più vecchia di me quindi non posso che onorarla di versi. mi ha sorpreso rosso in viso piccolo e spaventato dalla Rinascente. è una Zia un po controcorrente l ho vista adombrata ma poi neanche tanto perché piena di gente diversa non sempre invitata. Seccata dall omaggio venale dal complimento ipocrita del provinciale. è formale e disinteressata come un cardinale al Concilio vestito di rosso granata. l ho vista da dentro le cave nei sotterranei di Piazza Bodoni pieni di vuoti in argilla pieni di aglio e di acciuga e Barbera. l ho vista al mattino col viso ancora struccato l ho vista di sera l ho vista bianca nel suo dolore l ho vista nera. Me la sono trovata davanti con la bocca macchiata violata come una mondana sfortunata con due labbra di un rosso spalmato come il sangue sul selciato. l ho vista seriosa l ho vista sguaiata l ho vista rinata Torino confesso me l ero scordata. me la son fatta tutta dal basso con una valigia in mano piena di maglie di lana svendendomi a Porta palazzo come una puttana. l ho studiata da cima a fondo nella vita di un santo alienato che pianse perché vide un cavallo frustato. è anche Parigi del luogo comune la mia innamorata quando ero troppo timido per fargli la serenata. Per dirglielo chiaro e tondo invece che fare dietro le colonne di pensieri a Palazzo Nuovo il mio girotondo Solo oggi per nome la chiamo e ho la faccia di bronzo di dirle che l amo. 10

11 UNA FETTA DI POLENTA CHE MERITA UNA VISITA a cura della prof.ssa Mariarosa Bordino Martedì 13 aprile alcune classi (1^ e 2^ D, 2^ C, 2^ A) sono state a Torino in gita, o per meglio dire, in viaggio di istruzione e il programma era davvero un opportunità di vedere e imparare molte cose. Una guida ci avrebbe accompagnato a piedi nel pomeriggio, per un paio d ore, alla scoperta dei più importanti luoghi del centro e al mattino ci trovavamo in coda in attesa del nostro turno per un interessante percorso didattico nel Museo del Cinema. Via San Massimo era davvero affollata di gente che aspettava: scolaresche e turisti stranieri, e poi tanti venditori ambulanti che offrivano i loro colorati prodotti. Rimanere in piedi lì fermi sotto la Mole a fare la coda, dopo che ti eri guardato intorno, era un po noioso, così abbiamo approfittato di quel ritaglio di tempo per vedere un altra opera dello stesso architetto novarese: Antonelli nacque infatti a Ghemme il 14 luglio Pochi passi più in là, appena oltre l università di Palazzo Nuovo, sul corso San Maurizio si trova una casa che è ormai uno dei simboli dell odierno quartiere Vanchiglia, un tempo detto Quartiere del Moschino. L edificio incuriosisce per le sue strane proporzioni e per i giochi prospettici che regala all osservatore. Intorno agli anni 1840 la Società dei Costruttori di Vanchiglia, della quale Antonelli era uno dei promotori, propose uno studio per l urbanizzazione di quel distretto ai confini della città. Uno dei terreni che Antonelli aveva già acquistato si estendeva su una superficie molto esigua: 27 metri sul lato di via Barolo, per 5 metri sul lato di corso San Maurizio. Su questo triangolo l architetto seppe realizzare, si dice per scommessa, questa casa di forma trapezoidale, molto stretta e con dimensioni a dir poco bizzarre: 27 metri su via Barolo, 5 metri su corso San Maurizio e solo 70 centimetri sul lato opposto! Il palazzo è di 6 piani più 2 interrati, i balconi e le finestre sono aggettanti come i cornicioni; all ultimo piano si trova un corridoio-ballatoio che corre lungo i lati delle facciate. Nel lato di 70 centimetri, per ottimizzare al massimo lo spazio, Antonelli fece incastrare la canna fumaria. Il palazzo è dotato, per l accesso ai diversi piani, di una scala a chiocciola che, naturalmente, non permette il passaggio di mobili, così per favorire i traslochi è stata posta una carrucola sul balcone dell ultimo piano. Il nome comune di fetta di polenta che le viene attribuito dipende dal colore giallo e dalla forma del palazzo che assomiglia ad una vera e propria fetta. Il nome ufficiale del palazzo è Casa Scaccabarozzi e discende dal cognome della moglie dell architetto che vi abitò per qualche anno insieme al marito, quando nessun altro voleva abitarci per paura che potesse all improvviso crollare: all epoca quell edificio sfidava davvero le classiche regole in fatto di costruzioni. Grazie alle sue profonde fondamenta, invece, il palazzo riuscì a resistere all esplosione della Polveriera di Borgo Dora nel 1851 che lesionò molti edifici della zona, al terremoto del 1887 che rase quasi completamente al suolo il quartiere e infine fu risparmiata anche dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una lapide sull entrata ricorda che in questo palazzo abitò anche Niccolò Tommaseo, compilatore del Dizionario della Lingua Italiana, presumibilmente nel 1859, prima del suo trasferimento a Firenze. Oggi la fetta di polenta è visitabile e aperta al pubblico dato che è diventata la sede di una galleria d arte. La stravagante invulnerabilità di questo edificio rimane uno dei tanti misteri della magica città di Torino, certamente il più buffo. 11

12 CASA BOSSI: UN SIMBOLO DI NOVARA DA SALVARE a cura della prof.ssa Mariarosa Bordino L edificio neoclassico fu commissionato nel 1857 da Luigi Desanti ad Alessandro Antonelli, uno dei più importanti architetti dell epoca e rappresenta uno dei migliori esempi di architettura civile ottocentesca. Si inserisce con elegante armonia nel tessuto urbano proseguendo otticamente lo slancio della Cupola di San Gaudenzio nel dialogo con l arco alpino che si staglia all orizzonte. La simmetria e il rigore delle forme si somma alla maestria progettuale dell Antonelli che adotta tecniche costruttive innovative per l epoca, già da lui sperimentate in altre ardite costruzioni. Nel gennaio 2010 si è costituito senza scopo di lucro, per iniziativa di un gruppo di cittadini novaresi, il Comitato d Amore per Casa Bossi, con il proposito di salvare dall abbandono e dal degrado questo importante monumento della città di Novara. Da sabato 7 maggio 2010 partirà a livello nazionale l iniziativa organizzata annualmente dal FAI (Fondo per l Ambiente Italiano) per la raccolta di firme con cui sarà possibile votare online collegandosi al sito ufficiale per segnalare un monumento da salvare. Anche in ogni Agenzia della Banca Intesa Sanpaolo saranno disponibili delle cartoline già affrancate o da imbucare nelle teche delle varie filiali. Possono votare tutte le persone che hanno compiuto sedici anni, il voto è gratuito e non esclude altri possibili voti per altri eventuali luoghi del cuore. Chi avesse già votato in questi giorni per Casa Bossi sulle schede cartacee verrà d ufficio inserito nelle liste on-line. Se riusciremo a raggiungere un numero di segnalazioni per Casa Bossi adeguato per entrare nella top ten nazionale ci sarà visibilità nazionale su tutti i quotidiani, televisioni e media. A quel punto riteniamo che il Comune, la Provincia e la Regione non possano più tirarsi indietro, inoltre eventuali sponsor sarebbero più che invogliati ad intervenire, data la grandissima risonanza e pubblicità gratuita garantita a diffusione nazionale. Il FAI si muoverebbe presso gli organi istituzionali preposti a tale scopo. Solo se riusciremo ad essere tanti, potremo avere la forza necessaria sia per sensibilizzare le istituzioni che per individuare sponsor e partner utili a recuperare e valorizzare questo prezioso bene della nostra città. QUANDO LA CITTÀ CHIAMA I NOVARESI RISPONDONO. SONO STATE INFATTI MIGLIAIA LE PERSONE CHE IN OCCASIONE DELLA FESTA DI SAN GAUDENZIO HANNO RISPOSTO ALL APPELLO LANCIATO DAL COMITATO D AMORE PER CASA BOSSI PER SALVARE IL MONUMENTO ANTONELLIANO DALL ABBANDONO, ATTRAVERSO UNA PRIMA E SIGNIFICATIVA INIZIATIVA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE DI NOVARA E IL QUARTIERE CENTRO, CON IL SUPPORTO DI ASTREA: L APERTURA STRAORDINARIA DEL CORTILE DELLA DIMORA CON VISTA MOZZAFIATO SULLA CUPOLA DI SAN GAUDENZIO. E OLTRE 1000 SONO I CITTADINI CHE HANNO FIRMATO L ADESIONE MORALE AL COMITATO CHE, APPENA COSTITUITOSI E SENZA SCOPO DI LUCRO, PUÒ CONTARE DUNQUE SULL APPOGGIO DI MOLTI, ANZI MOLTISSIMI CITTADINI CHE NE CONDIVIDONO LO SCOPO STATUTARIO: SALVARE CASA BOSSI, UN SIMBOLO DELLA STORIA, DELLA CULTURA, DELL ARTE E QUINDI ANCHE DELL IDENTITÀ DI NOVARA E DEL SUO TERRITORIO. per informazioni: Ufficio Stampa Comitato d Amore Casa Bossi o sul social network Facebook 12

13 Un nuovo arrivo al Museo Naturalistico dell Istituto G. Bonfantini M artedì 16 marzo 2010 è stato consegnato al coordinatore del Museo un capriolo successivamente sistemato nell ambiente scenografico museale bosco planiziale. Il Museo Naturalistico nato nel 1995, su progettazione e coordinamento del prof. Nicolò D Amico, si arricchisce di un nuovo elemento continuando nell obiettivo di raccogliere, conservare ed esporre elementi della natura locale interagendo con gli ambienti naturali ricostruiti nel Giardino Botanico della scuola. Non una semplice ostensione delle collezioni ma una vera e propria ricostruzione scenografica di ambienti più o meno trasformati dall uomo, tipici del nostro territorio quali il, la, l ambiente, quello e quello in cui sono collocati gli animali. Il Museo non è un semplice contenitore di reperti naturali ma una struttura dinamica in continua evoluzione, in cui poter svolgere esperienze formative, di educazione ambientale, di ricerca naturalistica favorendo la comprensione e la diffusione di una cultura di conoscenza e di rispetto degli ecosistemi presenti nel nostro territorio. CAPRIOLO lunghezza testa-tronco di 1,10 metri e coda mozza appena visibile, peso corporeo di circa 25 kg. l esemplare esposto è un maschio adulto con corna tipiche a sei ramificazioni in abito estivo bruno-rossiccio. Il capriolo ha intorno all ano una macchia bianca arrotondata detta specchio che copre anche la coda mozza appena visibile. Lo specchio serve per orientare gli altri caprioli che corrono dietro. gennaio-febbraio: evidente crescita dell osso compatto sotto una pelle morbida e pelosa detta velluto ; marzo: spunta la prima ramificazione; aprile-maggio: sfregamento delle corna contro i rami per liberarsi dal velluto essiccato; ottobre-novembre: caduta delle corna. il capriolo è un mammifero ungulato presente nei boschi del Parco Naturale della Valle del Ticino. Ha abitudini crepuscolari, è veloce nella corsa ma poco resistente, salta ed è capace di nuotare; vive solitario d estate e in gruppi di 3-30 individui poco socievoli d inverno; dispone di ghiandole odorifere per la segnatura del territorio. Ha una dieta erbivora a base di foglie, germogli, piante erbacee, eccetera. accoppiamento in luglio-agosto con gestazione di 7 mesi. Partorisce 1-2 piccoli (prevalentemente 2 gemelli); l allattamento dura 2-3 mesi e il distacco dalla madre avviene dopo circa 1 anno. GLI ESEMPLARI MUSEALI POSSONO ESSERE PREPARATI CON TECNICHE DI TASSIDERMIA (DAL GRECO TAXIS DISPOSIZIONE E DERMA PELLE ) CHE CONSENTONO DI CONSERVARE A SECCO ANIMALI MORTI MANTENENDONE L ASPETTO E LE DIMENSIONI NATURALI. LE METODICHE DELLA TASSIDERMIA SONO MOLTO DIVERSE DAI PROCEDIMENTI UTILIZZATI NEL PASSATO PER IMBALSAMARE. TALI TECNICHE PREVEDONO CHE, DOPO ACCURATE MISURAZIONI E OSSERVAZIONI SULLE FATTEZZE DELL ESEMPLARE, L ANIMALE VENGA PRIVATO DELLA PELLE; QUESTA VIENE MONTATA SU UN MANICHINO DI RESINA CHE RIPRODUCE LA FORMA DELL ESEMPLARE, IN MODO DA RICOSTRUIRE L ASPETTO DELL ANIMALE IN CONDIZIONI NATURALI. L ESEMPLARE NATURALIZZATO VIENE COMPLETATO APPLICANDOVI OCCHI DI VETRO E RIPRODUZIONI IN RESINA DI ALTRI ORGANI MOLLI, QUALI AD ESEMPIO LA LINGUA. L ARTE DELLA TASSIDERMIA HA ORIGINI ABBASTANZA RECENTI SEBBENE FIN DAGLI INIZI DEL XVIII SECOLO LE TECNICHE BASATE ESSENZIALMENTE SULL IMPAGLIATURA ABBIANO CONSENTITO LA CONSERVAZIONE DI PREZIOSI CAMPIONI. DURANTE IL SECOLO SCORSO LE TECNICHE DI PREPARAZIONE DEGLI ESEMPLARI SONO STATE NOTEVOLMENTE PERFEZIONATE COSÌ DA CONSENTIRE RIPRODUZIONI SEMPRE PIÙ REALISTICHE. UN ALTRO METODO DI CONSERVAZIONE DEGLI ANIMALI, UTILIZZATO PER ORGANISMI DI PICCOLE DIMENSIONI, È QUELLO DI IMMERGERE DIRETTAMENTE L ESEMPLARE IN SPECIALI LIQUIDI CONSERVATIVI, I PIÙ USATI DEI QUALI A BASE DI FORMALDEIDE E DI ALCOOL ETILICO (ETANOLO). BIBLIOGRAFIA : Cipriani C., Appunti di museologia naturalistica. Firenze University Press, pp

14 la scomparsa di Lorenzo Tagini Profondo cordoglio in tutto il Vergante per la scomparsa di Lorenzo, stroncato a soli diciott anni da un male incurabile. Abitava a Corciago, frazione di Nebbiuno, e frequentava l Istituto Agrario di Lesa. A giugno avrebbe dovuto sostenere gli esami di maturità. Lascia il papà Franco, idraulico; la mamma Luisella, impiegata alle poste di Arona; il fratello Federico e la sorella Monica, più grande di lui. Tutta la famiglia è molto attiva e stimata in paese: il padre fa parte dell Associazione Alpini e degli Amici della Madonna della Neve mentre lo stesso Lorenzo, grande appassionato di allevamento, per la festa della Transumanza, era stato premiato come il più giovane allevatore della zona. Poi, lo scorso novembre, la terribile diagnosi e il suo coraggio, la fiduciosa volontà di farcela: seguito a domicilio dagli insegnanti, quando la malattia non gli consentiva di frequentare la scuola continuava a impegnarsi nello studio. Ma Lorenzo, alla fine, ha dovuto arrendersi e il 3 marzo è mancato all affetto di tutti. In sua memoria l Amministrazione di Nebbiuno istituirà una borsa di studio, destinata all allievo dell IPSAA Cavallini che più fedelmente ne seguirà le orme lungo il percorso scolastico e sociale, nell altruismo, nel gioioso entusiasmo per il mondo rurale e la vita. IL SUO ADDIO a cura della prof.ssa Franca Pininioli Lorenzo se ne è andato. Il simpatico ragazzo di Corciago che coltivava la terra e amava la natura, il bel giovane biondo come il grano che allevava caprette e sapeva suonare il pianoforte, lo studente esemplare dell Istituto Cavallini dall aria distinta e intellettuale e pur sempre allegro e spensierato: una figura quasi d altri tempi, di quelle che ti consentono nel drammatico mondo attuale di guardare ancora al futuro con fiducia e progettualità. Ma Lorenzo era anche il mio alunno, il nostro amato Tagi della V B. Quante ore trascorse insieme, quanto di quel tempo meraviglioso che scandisce il passaggio dall adolescenza alla giovinezza; quanti i ricordi di una classe davvero formidabile, destinata a restare nel cuore: una grande famiglia divenuta improvvisamente triste e impoverita. E solo il soffio della Fede e il tocco altrettanto lieve della poesia possono accarezzare il dolore e la speranza; avvicinarsi a Lorenzo, ai suoi genitori, ai suoi fratelli. Questo il nostro congedo. Caro Lorenzo. Hai tagliato troppo in fretta il traguardo della scuola e della vita, troppo in fretta ci ha lasciati, anche se tutti noi compagni e insegnanti continueremo a vederti sui banchi o nei campi, a trafficare con fervore tra i libri e la zappa. E a fine anno, quando nei giorni degli esami la nostalgia si farà più acuta, ci sembrerà di udire ancora la tua voce educata e scherzosa che ci conforta con quei bei versi crepuscolari letti, una volta, dalla prof. di italiano: 14

15 in ricordo di Lorenzo sia la sede di Solcio di Lesa, sia quella di Novara hanno voluto raccogliere nelle classi e tra il personale della scuola delle offerte in denaro da destinare alla Fondazione Oncologica Ca Granda la somma donata dai compagni e dal personale della sede di Solcio di Lesa di 450,00 euro sarà utilizzata per finanziare in parte il progetto Terapia Molecolare dei Tumori che sta dando risultati considerevoli pubblicate su note e prestigiose riviste scientifiche tra cui New England Journal Medicine, Lancet Oncology, Journal Clinical Oncology, Journal National Cancer Institute, PloS One e Cancer Research. In modo particolare le ricerche condotte nella Divisione Oncologica dell Ospedale Niguarda Ca Granda hanno permesso di personalizzare meglio le terapie a bersaglio molecolare per il carcinoma del grosso intestino. Inoltre la Fondazione finanzia borse di studio per posti aggiuntivi nella Scuola di Specializzazione in Oncologia nelle Università di Milano. Le attività della OCGO Fondazione possono essere seguite sul sito Internet all A.I.L. la donazione di 347,03 euro (e la particolare generosità degli alunni di 3^ A) permetteranno alla Ricerca di evolversi ulteriormente, facendo sì che i pazienti e i loro familiari abbiano l adeguata accoglienza e consentendo la formazione di tutte le figure fondamentali che ruotano intorno alla malattia. Tenere viva la speranza in tutte le persone che credono di non avere un futuro è il gesto più nobile e il regalo più grande che si possa fare. LA CIFRA RACCOLTA TRA ALUNNI E PERSONALE DELLA SEDE DI NOVARA L ASSOCIAZIONE A CUI È STATA DESTINATA LA CIFRA RACCOLTA VERSAMENTO ESEGUITO DAL PROF. GUIDO ROSSI A NOME DELL ISTITUTO G. BONFANTINI 15

16 IV EDIZIONE Barbara, 16 anni dice: La bimba della famiglia a cui porto il pacco, quel giorno, era la mano di un Altro che mi risvegliava. Perché io ero lì per aiutare una famiglia e cercare di rispondere ad un suo bisogno ma al mio bisogno chi ci pensa? kg. IL LAVORO DEI RAPPRESENTANTI DI ISTITUTO E IL PARERE DI ENRICO DIALOGO: cooperazione con i rappresentanti di classe con riunioni periodiche di aggiornamento per migliorare la comunicazione e raccogliere idee, proposte e reclami; VISIBILITA ISTITUTO: maggiore visibilità in ambito comunale e provinciale con organizzazione di eventi per portare a conoscenza i Cittadini della bellezza del nostro Giardino Botanico; ALTRE SEDI: visite periodiche alla Sedi distaccate per rendere partecipi anche gli studenti più lontani delle nostre attività, permettendoci di comprendere realtà ed esigenze; RAPPORTI CON L ESTERNO: collaborazione con i rappresentanti degli altri Istituti per instaurare un confronto. Inoltre collaborazione con la Consulta Provinciale anche se purtroppo non ne abbiamo rappresentanti diretti; MEZZI INFORMATICI: utilizzo di Social Network per la diffusione di notizie di interesse collettivo; MANUTENZIONE ORDINARIA: segnalazione celere delle problematiche relative a danni e/o guasti con la consapevolezza che gli alunni dovranno avere rispetto del lavoro altrui e dei soldi investiti per loro interesse; 16

17 CORSI POMERIDIANI: organizzazione di corsi tenuti da studenti volenterosi e volontari verso coloro che presentano lacune e difficoltà. Il Regolamento d Istituto infatti prevede la concessione di locali scolastici per attività pomeridiane; CORSI POMERIDIANI ALTERNATIVI: corsi proposti da studenti stessi per stimolare chi ha capacità e/o talenti particolari ed interessanti; LABORATORI: rappresentano un punto di forza del nostro Istituto e dovrebbero essere maggiormente valorizzati; ANNUARIO: realizzazione di un annuario cartaceo che comprenda tutte le Sedi del Bonfantini. Anche se comporterà dei costi di impegno e denaro confidiamo nella partecipazione degli studenti; FESTE: festa di Natale e grigliata di fine anno per gli studenti che avranno affrontato l Esame di maturità; TORNEI: è stato organizzato un torneo di Calcio a 5. Proponiamo inoltre un triangolare di Calcio a 11 sul campo che abbiamo a disposizione fra Sede di Novara, Sede di Romagnano e Sede di Solcio di Lesa. Presumibilmente si terrà nei mesi primaverili. Per chi non ama il calcio vorremmo organizzare anche un Torneo di Pallavolo che potrebbe svolgersi possibilmente nella palestra di Romagnano Sesia; ORIENTAMENTO: produzione di un DVD con immagini del nostro Istituto da mostrare ai nostri open day ed agli eventi dedicati all orientamento; incontro rivolto alle classi IV e V con ex studenti del Bonfantini che ci racconteranno la loro esperienza post-diploma; GIORNATA DEL VOLONTARIATO: incontro con associazioni di Pubblica Assistenza presenti sul territorio. Probabili ospiti la Croce di Sant Andrea di Biandrate (NO), intervenuta sul sisma in Abruzzo, con racconti dei volontari e proiezione di filmati e diapositive; SCATOLA MAGICA: installazione nell atrio di ogni Sede di un contenitore dove gli alunni potranno elencare i problemi più delicati. Ovviamente non dovranno essere inseriti messaggi minacciosi e/o offensivi; STATUTO DEGLI STUDENTI E STUDENTESSE: distribuzione dello Statuto in formato cartaceo per conoscere i propri diritti e doveri, oltre che di cittadino anche di studente. S iamo quasi a fine anno... e fare un bilancio è abbastanza dura come cosa. Ad essere sincero, pensavo di poter fare molto di più per la mia scuola, ma fidatevi ragazzi, non è facile come sembra! Non è solo uno stare in giro per la scuola a non fare un tubo.... Fare il rappresentante degli studenti significa metterci la faccia, perdere delle ore e studiarsi a casa ciò che non si è potuto seguire a lezione, beccarsi cazziatoni dai proff., passare pomeriggi a scuola e tutto ciò che viene dopo... Ma sapete una cosa? Per il BONFA l'ho fatto più che volentieri! Penso che qualcosa sia cambiato: ho visto più collaborazione da parte dei rappresentanti di classe, ma anche da parte di tutti gli alunni anche se abbiamo potuto fare ben poco noi! Lesa ha fatto piccoli ma importantissimi passi e i contatti e i rapporti con la sede di Romagnano Sesia sono decisamente migliorati. Diciamo che poteva andare meglio, come poteva andare peggio. Non so se l'anno prossimo mi proporrò ancora per affrontare questa esperienza, però la consiglio vivamente a tutti ma non a chi farà 5^ ma a chi avrà tempo e strumenti per godersi un esperienza simile. Approfitto di queste poche righe per augurare a tutti di passare un estate senza debiti e di concludere alla grande questo anno scolastico, rivolgendomi in particolar modo a tutti gli alunni di 5^! ENRICO 17

18 PRIMO SOCCORSO IN PILLOLE: l a F R A T T U R A frattura incompleta con spostamento comminuta a legno verde sintomi: ATTENZIONE intervento: 18

19 fratture della colonna vertebrale fratture della testa fratture delle coste frattura della clavicola frattura del bacino 19

20 prima stesura del copione, pagine, vagamente ispirate alla saga letteraria di John Carter di Marte scritta da Edgar Rice Burroughs. Nel arriva il successo stratosferico di Titanic e nel James Cameron vorrebbe battere il ferro ancora caldo e realizzare subito Avatar. Ma una stima dell'epoca di circa milioni di dollari, lo induce a riporre l'idea nel cassetto. Nel parte la produzione vera e propria di Avatar. Il è l'anno in cui si svolge la vicenda del film non viene mai specificato, ma si intravede su monitor mentre il protagonista Jake Sully registra il suo video-diario. La somma definitiva non è stata resa ufficiale ma milioni di dollari stimati nel è la cifra più probabile, circa dei quali destinati soltanto alla promozione, di sicuro è il film più costoso mai realizzato. Ma euro è il costo per chi ha scelto di vederlo in una sala 3D. live action, cioè riprese reali, e in computer grafica fotorealistica. Project è il finto titolo con cui è stato spedito il materiale promozionale per il film nel caso cadessero in mani "nemiche". anni fa l'attrice Sigourney Weaver aveva già lavorato con James Cameron, nel film Aliens del. In soli giorni Avatar ha stabilito un record stabilendo quota miliardo di dollari di incasso in tutto il mondo. Il tetto è stato superato solo da altri film, di cui, per il momento in cima alla classifica, girato sempre da Cameron: Titanic. I veri Na'vi, abitanti indigeni della luna Pandora, hanno solo dita, gli avatar come gli umani: è il risultato della fusione a livello genetico fra le specie. Il linguaggio Na'vi è stato creato dal linguista Paul Frommer dell Università California di Los Angeles, con un vocabolario di circa parole. 20

21 A nche quest anno si è svolto il torneo di calcetto tra le classi dell Istituto, 4 gironi che si sono sfidati a suon di calci ( al pallone!) con prorompente entusiasmo e la giusta dose di competitività. Ecco tutti i risultati delle partite disputate: 21

22 IL PORTA MORTARA HA OSPITATO A NOVARA LA FINALE DEL TORNEO NAZIONALE DI SOFTBALL DELLE SCUOLE SUPERIORI dal sito internet della FEDERAZIONE ITALIANA BASEBALL E SOFTBALL a cura di Gu. Ro. S i è svolto anche quest'anno il Torneo Nazionale di softball delle scuole superiori di secondo grado. La disponibilissima società Porta Mortara Baseball e Softball ha messo a disposizione tutte le sue strutture e soprattutto la capacità organizzativa per far disputare al meglio il torneo, nonostante le condizioni atmosferiche siano state proibitive. Sei sono state le squadre partecipanti: I.T.A.S. "Bonfantini" Novara I.T.S. "Nervi" Novara I.T.C. "Fermi" Castellana Varese Ist. Arcivescovile "S.Alessandro" Bergamo I.P.S.S.C. "Canina" Bergamo Liceo Sc. "F.Lussana" Bergamo All'arrivo presso il centro sportivo le squadre, si sono trovate di fronte a tre campi di gioco allagati dall incessante pioggia che ha tempestato per tutta la notte, ma la macchina organizzativa, guidata in prima persona dall'inossidabile Alberto Giovanninetti con l'aiuto delle insegnanti Anna Barbieri e Patrizia Cortese, coinvolte con le proprie squadre nel torneo, ha reso possibile lo svolgimento del torneo individuando due palestre dove poter effettuare gli incontri. In questo modo durante la mattina si sono svolti i due tornei di qualificazione. Nella pausa pranzo, la società ospitante ha messo ha disposizione i suoi "fornelli" per un buon pasto molto gradito dai ragazzi. Con i tempi ridotti dedicati ai trasferimenti verso le palestre, anche la durata degli incontri ha subito una discreta riduzione, così nel pomeriggio si è potuto svolgere solo un incontro di finale tra le vincenti dei due gironi, per definire le prime due squadre classificate. Viste le migliorate condizioni del tempo e la richiesta di tutti gli atleti interessati che lo chiedevano a gran voce, l'incontro è stato effettuato nell'unico campo praticabile all'aperto, ma la finale 3 4 posto non è stata giocata per le già citate condizioni dei campi e l'impossibilità raggiungere in tempo utile una palestra. La finale per il 1 e il 2 posto si è disputata tra l'istituto "Caniana" e il Liceo "Lussana" sulla distanza dei 4 innings. Gli atleti impegnati hanno dimostrato un buon livello tecnico e in campo aperto si sono viste le potenzialità offensive di entrambe le squadre che in palestra non erano emersi. Singoli, doppi, tripli e anche due battute da quattro basi sono state effettuate, mentre un solo strike out è stato realizzato e due sole basi su ball sono state concesse dai lanciatori in tutto l'incontro, a conferma del livello in campo. 1- Liceo Sc. "F. Lussana" 2- I.P.S.S.C. "Canina" 3- I.T.C. "Fermi" - Ist. Arc."S.Alessandro" 4- I.T.A.S. "Bonfantini" - I.T.S. "Nervi" LA SQUADRA BONFANTINIANA CHE HA PARTECIPATO CON GRANDE SPORTIVITA, CONSIDERATO ANCHE IL POCO TEMPO PER LA PREPARAZIONE IN UNO SPORT NON TROPPO DIFFUSO E CONOSCIUTO, ERA COSTITUITA DA: Enrico e Gabriele (1^ A) Jacopo (1^ C) Gianpaolo, Matteo e Gianluca (3^ B) Christian (3^ D) Alberto (4^ A) Enrico, Chiara e Simona (4^ C) grazie ragazzi! 22

23 speciale bacoca ALMENO L ITAGLIANO SALLO! quella che segue è una formidabile raccolta di "strafalcioni", cioè di errori di vario genere che rendono divertente il significato di una frase altrimenti seria Quando muoio mi faccio cromare (eccellente!) Di fronte a queste cose rimango putrefatto! Arriva il treno, hai blaterato il biglietto? Come faccio a fare tutte queste cose simultaneamente? Dovrei avere il dono dell'obliquità! ( una torre di Pisa insomma!) Basta! Vi state coagulando contro di me! (una trasfusione!) È nel mio carattere: quando qualcosa non va, io sodomizzo! (stategli lontano!) Anche l'occhio va dalla sua parte... (si chiama strabismo) Non so a che santo riavvolgermi. (una videocassetta devota...) Avete I nuovi telefonini GPL? (no, mi spiace, solo benzina!) Il cadavere presentava evidenti segni di decesso. (ma va?! Strano) Prima di operarmi mi fanno un' autopsia generale. (auguri!) Abbiamo mangiato la trota salmonellata. (ancora auguri!) Vorrei una maglia con il collo a volpino. (non era lupetto?) Vorrei una pomata per l 'Irpef. (herpes è difficile) Tu non sei proprio uno sterco di santo. (meno male...) È andato a lavorare negli evirati arabi. (contento lui) Mia nonna ha il morbo di Pakistan. (...) Verrà in ufficio una stragista per il tirocinio. (si salvi chi può!) Sono momentaneamente in stand-bike. (l'attesa in bicicletta) È inutile piangere sul latte macchiato. (meglio farlo su un bel cappuccino?) 23

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Milani un laboratorio sul tema del cambiamento. Stimolati

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni dal 28 ottobre 2013 al 9 gennaio 2014 anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONE: In questo primo periodo di scuola

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto.

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto. Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole partecipano al progetto Nati per Leggere Che cos è Nati per Leggere?...... è un progetto nazionale che

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!!

L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!! L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!! NUOTO RAGAZZI - 1976 NUOTO RAGAZZI E NUOTO PICCOLISSIMI - 1978 NUOTO PICCOLISSIMI SU FILODIRETTO 1978 NUOTO PICCOLISSIMI SU FILODIRETTO - 1979 VOLANTINO

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli