Pacini. Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci. Fondazione Ernesto Balducci Fiesole. a cura di Elisabetta Viti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pacini. Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci. Fondazione Ernesto Balducci Fiesole. a cura di Elisabetta Viti"

Transcript

1 Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci Fondazione Ernesto Balducci Fiesole a cura di Elisabetta Viti Direzione scientifica di Mauro Guerrini Pacini E d i t o r e

2 Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci Fondazione Ernesto Balducci Fiesole

3 Toscana Biblioteche e Archivi Strumenti Oltre ad una tiratura limitata a stampa, le pubblicazioni di questa collana sono realizzate in versione digitale, scaricabili gratuitamente dal sito web della Regione Toscana (www.regione.toscana.it) e della Pacini Editore (www.pacinieditore.it). Gli e-book sono realizzati in formato epub, al fine di garantire una lettura ottimale del documento, qualunque sia il lettore e il sistema operativo utilizzato. I. Carteggio universale di Cosimo I De Medici /XVI Archivio di Stato di Firenze Inventario XVI ( ) Mediceo del Principato a cura di Susanna Gori II. Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci a cura di Elisabetta Viti, Direzione scientifica di Mauro Guerrini Toscana Biblioteche e Archivi I. Gli archivi degli editori toscani. Materiali dal censimento regionale a cura di Luca Brogioni e Aldo Cecconi II. Gli incunaboli della Biblioteca Provinciale dei Frati Minori di Firenze a cura di Chiara Razzolini, Elisa di Renzo, Irene Zanella

4 Catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci Fondazione Ernesto Balducci Fiesole a cura di Elisabetta Viti Direzione scientifica di Mauro Guerrini Prefazione e profilo biografico di Bruna Bocchini Camaiani Saggio introduttivo di Luciano Martini Pacini E d i t o r e

5 4 Regione Toscana Direzione regionale Presidenza Coordinamento editoriale Settore Comunicazione istituzionale e pubblicitaria. Eventi e tutela del marchio Supervisione e coordinamento generale Settore Biblioteche, archivi, istituzioni culturali Paola Ricciardi Franco Castellani Copyright 2012 Pacini Editore e Regione Toscana ISBN Realizzazione editoriale e progetto grafico Via A. Gherardesca Ospedaletto-Pisa Sales Manager Lisa Lorusso Responsabile di redazione Francesca Petrucci Fotolito e Stampa Industrie Grafiche Pacini L editore resta a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare e per le eventuali omissioni. Copia fuori commercio - Vietata la vendita Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web

6 Sommario 7 Prefazione al catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci Bruna Bocchini Camaiani 9 Chiavi di lettura del percorso di riflessione intellettuale e religiosa di padre Ernesto Balducci tramite la sua biblioteca privata Mauro Guerrini 13 Ernesto Balducci. Profilo biografico Bruna Bocchini Camaiani 21 Percorsi di Biblioteca. Ernesto Balducci tra lettura e scrittura Luciano Martini 53 Catalogo della Biblioteca privata di Ernesto Balducci 297 Indice classificato 403 Indice Autori 445 Tavole

7

8 Prefazione al catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci Bruna Bocchini Camaiani Fondazione Balducci Il catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci che ora viene pubblicato grazie alla eccellente curatela scientifica del prof. Mauro Guerrini e della redazione della dottoressa Elisabetta Viti, è il più recente contributo dopo una serie di pubblicazioni che la Fondazione ha promosso per favorire lo sviluppo di una memoria che si alimentasse con un analisi e un approfondimento scientifico dell itinerario di Balducci e dell evoluzione del suo pensiero. La preoccupazione era stata in primo luogo conservare e ordinare le sue carte rispettando una prima sistemazione che lo stesso padre scolopio aveva dato; il lavoro è stato possibile grazie all attenzione della Regione Toscana che ha concesso un finanziamento per la catalogazione e l ordinamento. L esito di questo primo lavoro è documentato nel volume Percorsi di archivio: l archivio di Ernesto Balducci, nel quale sono descritte in modo analitico la documentazione privata (carteggi, diari, quaderni) e pubblica (conferenze, omelie, saggi, in via di elaborazione). Come ha notato in quel volume Monica Galfrè: pubblico e privato rimandano a due diversi momenti di elaborazione teorica [ ]; sono anche i termini di una dialettica interiore [ ]. L intreccio, su più livelli, della dimensione privata e di quella pubblica costituisce il nodo attorno a cui si dipanano gli interessi e le tematiche riflesse nel patrimonio documentario del suo archivio. Con la supervisione della Sovrintendenza archivistica della Toscana, e in particolare del dott. Capannelli, è stata portata a termine l inventariazione analitica di tutto l archivio privato, ad opera della dott.ssa Michela Giuranna. Un rilievo peculiare aveva poi, nelle intenzione della Fondazione, l edizione critica dei Diari, curati in questi anni con grande acribia filologica da Maria Paiano; essi costituiscono una delle sezioni più significative tra i manoscritti conservati perché forniscono elementi preziosi per conoscere le linee della sua formazione e della sua futura riflessione e azione pastorale. Numerosi sono poi gli studi e le edizioni di fonti che hanno valorizzato questi materiali, così come molto numerose sono le pubblicazioni o le ristampe delle sue opere e delle sue omelie tenute negli ultimi anni alla Badia fiesolana. Il progetto di una conservazione e catalogazione della biblioteca si pose subito dopo la scomparsa del padre; infatti, di fronte alla necessità di un trasloco delle carte e della biblioteca privata dalla sua stanza alla biblioteca degli scolopi, un gruppo di amici si incaricò di dare un primo sommario ordinamento alla sua biblioteca, per gruppi di volumi, per non alterare l ordine assegnato da Balducci ai suoi libri che erano sistemati in modo tematico; il trasloco si è svolto quindi evitando dispersioni e dislocazioni che ne alterassero le logiche interne. Tale biblioteca, di poco meno di quattromila volumi, come già sottolineato, non copre certamente l arco delle sue letture e dei suoi interessi; è la sua biblioteca privata, come sottolinea il prof. Guerrini, quella che aveva nella sua stanza, dove aveva portato sia i libri giovanili che quelli che costituivano la base e i riferimenti dei suoi materiali di studio. Una prima catalogazione è poi stata effettuata da giovani e volontari, ma il lavoro non aveva il carattere scientifico che ne permettesse la pubblicazione. Il lavoro è quindi stato ripreso nel 2005, sotto la direzione scientifica del prof. Mauro Guerrini e con la collaborazione della dott. Elisabetta Viti, per arrivare ad una edizione scientifica che permettesse di studiare gli itinerari di studio e di riflessione religiosa e culturale, attraverso una panoramica degli interessi così ampi e diversificati come quella che emerge dal catalogo. 7

9 I presidenti della Fondazione, il dott. Carmelo Pellicanò e poi padre Annibale Divizia, hanno già espresso al prof. Guerrini la profonda gratitudine per un lavoro così ampio, condotto con un rigore esemplare. Questa gratitudine esprimo anch io come responsabile della sezione archivistica e delle fonti. Pubblichiamo anche un saggio di Luciano Martini, pensato e scritto nel 2002, in previsione di una pubblicazione del catalogo, che scaturisce da un attenta lettura del catalogo provvisorio integrato con una conoscenza molto approfondita e penetrante dell itinerario culturale e religioso di Balducci. Il saggio: Percorsi di biblioteca. Ernesto Balducci tra lettura e scrittura, sottolinea le continuità e le discontinuità, gli approfondimenti e le infinite curiosità che caratterizzano Balducci come religioso e come intellettuale; in questo lavoro Martini ripercorre i titoli del catalogo ponendoli in relazione con i passaggi più significativi delle opere balducciane e della sua riflessione culturale e religiosa, individuando anche autori che a volte non sono presenti nella biblioteca. Ripubblicare questo saggio, che era stato anticipato in un volume del 2002, è anche un modo di rendere omaggio ad un amico molto caro che ci ha lasciato, come un segno di gratitudine. Desidero inoltre ringraziare l archivista della Fondazione Balducci, dott.ssa Michela Giuranna, per l aiuto prestato nel reperire le foto qui riprodotte e Giovanni Martellucci, responsabile del laboratorio fotografico della Facoltà di Lettere e Filosofia di Firenze, per la riproduzione delle stesse. La speranza è che questa edizione, costruita con tale competenza scientifica, possa suggerire nuove ricerche sui percorsi di studio e di riflessione di Balducci, che trovarono una così ampia condivisione in quei decenni, riuscendo ad interpretare una esigenza di rinnovamento religioso, ecclesiale e politico sociale; una ricerca che rimane come lezione da non abbandonare. 8 C a t a l o g o d e l l a b i b l i o t e c a p r i v a t a d i p a d r e E r n e s t o B a l d u c c i

10 Chiavi di lettura del percorso di riflessione intellettuale e religiosa di padre Ernesto Balducci tramite la sua biblioteca privata Mauro Guerrini Mi sono spesso domandato che ne sarebbe stato di me se fossi nato in una città chiassosa e illuminata, in una tranquilla famiglia borghese. Ma sono nato nel silenzio di un paese medioevale, sulle pendici di un vulcano spento e in una cornice umana dove era difficile discernere il confine tra la realtà e la fiaba. Sono cresciuto avvolto in un silenzio che mi dava spavento e mi avvezzava ai contatti col mistero. È stata una grazia? È stata una circostanza casuale che ha condizionato la mia libertà per sempre? Queste domande si spengono nel silenzio e cioè nel giusto posto. Ernesto Balducci, Il cerchio si chiude La biblioteca d autore Il lemma biblioteca è declinato in molti casi con l apposizione di un aggettivo, ma le due grandi categorie rimangono pur sempre quelle che la definiscono in relazione al loro soggetto proprietario: biblioteca privata e biblioteca pubblica. La biblioteca privata nasce ancor prima della diffusione del libro a stampa: basti pensare alle raccolte del mondo greco e latino e alle collezioni del Rinascimento, in primis quella di Francesco Petrarca. Le biblioteche private, scrive Angela Nuovo in Biblioteconomia. Guida classificata, sono vivacissimi terminali di una rete di scambi di conoscenza e cultura, svolgono un ruolo di avanguardia nella comunicazione e condivisione di ricerche, letture e scoperte scientifiche. Il loro studio, prosegue l autrice, è anche un fondamentale contributo alla storia delle idee in quanto consente la ricostruzione della personalità e del profilo intellettuale dei loro possessori. La categoria biblioteche private può presentare ulteriori specifiche: una fra le più interessanti, e sicuramente quella che più d ogni altra ha calamitato l interesse del mondo accademico e professionale, è la specie che viene etichettata biblioteca d autore, definita, secondo il Gruppo di studio ad hoc dell Associazione italiana biblioteche (AIB), una raccolta di libri accorpati in maniera funzionale alla propria attività da un soggetto significativo per la comunità culturale. I documenti sono legati da un vincolo che li caratterizza in quanto insieme e tali da restituire sia il profilo del soggetto produttore che momenti della nostra storia culturale. La definizione evoca un concetto tipico delle scienze archivistiche: il vincolo. Ed è appunto il rapporto biblioteconomia-archivistica che trova proprio in questa specie di biblioteca terreno fertile per un confronto e una collaborazione. È necessario conservare traccia del vincolo volontario che tiene insieme ogni pezzo della raccolta, che si forma, dal punto di vista di chi le dà origine, senza distinzione tra materiale di natura archivistica e di natura bibliografica: libri, singoli fascicoli di periodico, estratti, dépliant, fotografie, disegni, biglietti d invito a presentazione di libri o a inaugurazioni di mostre, corrispondenza, fogli di lavoro, materiale paratestuale in senso ampio, spesso inserito entro la copia del libro o del fascicolo a cui si riferisce, formano un insieme indissolubile. Questa documentazione, a cui si aggiungono in alcuni casi oggetti e arredi, restituisce infatti gli interessi e le relazioni intrecciate dal proprietario nel contesto storico in cui ha operato, in quanto segno della propria vita letteraria, artistica e scientifica. Il singolo pezzo rappresenta un unicum, un tassello imprescindibile e insostituibile di un insieme 9

11 che aiuta a ricostruire le pratiche di formazione e studio del soggetto possessore; esso rappresenta un unicum anche per i motivi per cui è giunto in biblioteca e per cui è stato usato dal proprietario, nonché per la presenza frequente su molti di essi di dediche, ex libris, timbri, postille e note manoscritte a margine del testo. L insieme costituisce pertanto un bosco e non una somma di alberi e di cespugli, e diviene creatore di nuova informazione. In questa prospettiva, è indispensabile che ciascuna risorsa sia descritta e indicizzata in modo analitico, nella consapevolezza che ognuna è parte inseparabile di una collezione tipica. Il catalogo della biblioteca privata di padre Ernesto Balducci 10 La biblioteca privata di Ernesto Balducci, di cui pubblichiamo il catalogo, auspicato dalla Fondazione Ernesto Balducci e redatto da Elisabetta Viti, rientra nel concetto di biblioteca d autore per l identificazione intellettuale tra proprietario e raccolta, costituita nell arco di una vita di ricerca, riflessione, relazioni con intellettuali di numerose parti del mondo, di esperienze personali, sociali e religiose variegate e intense. La biblioteca consiste di circa quattromila volumi, selezionati in base agli interessi e allo spazio disponibile, conservati nella camera-studio in cui padre Ernesto viveva alla Badia Fiesolana e, dopo la morte avvenuta il 25 aprile 1992 in seguito a un incidente stradale, trasferiti nella sede della costituita Fondazione Ernesto Balducci, sempre a Fiesole. La biblioteca privata non copre tuttavia l intero arco delle sue letture e dei suoi interessi, perché Balducci custodiva (e utilizzava) altri libri, a cui forse era meno legato da vincoli affettivi e scientifici, nella biblioteca della Badia Fiesolana. La biblioteca privata è costituita dalle opere che hanno rappresentato la base e il riferimento costante di un percorso di studio che inizia con il suo interesse per la letteratura tedesca, russa, francese e soprattutto italiana del Novecento, quindi per il rinnovamento della Chiesa e del suo rapporto con il mondo, per la riforma della liturgia, per il Concilio Vaticano II (l evento essenziale e più sofferto del suo sacerdozio) e per le tematiche legate all auspicato rinnovamento religioso post-conciliare; prosegue con l attenzione crescente verso i problemi sociali, l antropologia, l analisi del rapporto tra religione e fede, e tra fede e impegno politico, per culminare con le riflessioni sull uomo planetario al di là del contesto religioso, che hanno caratterizzato la parte finale della sua vita. La raccolta contiene testi di teologia ed ecclesiologia, storia, storiografia, storia dell arte, sociologia, psicologia, ecologia, etologia, diritto e storia del diritto; un settore particolare riguarda la sua terra natale: Santa Fiora e il Monte Amiata. La biblioteca comprende inoltre alcune edizioni di pregio della Bibbia. La maggior parte dei libri sono editi nel Novecento. Lo spettro degli argomenti evidenzia da una parte la vasta cultura di padre Ernesto, dall altra la sua curiosità intellettuale, i suoi interessi poliedrici in campo ecclesiale e sociale, il variare nel tempo e d importanza dei nuclei tematici oggetto di analisi, il suo modo di lavorare e di preparare gli scritti e le numerose conferenze che avevano sempre un impatto fortissimo sull auditorio. Con la profondità delle sue riflessioni e il suo linguaggio schietto, padre Ernesto affascinava e coinvolgeva giovani e anziani; le sue considerazioni avevano sempre un risvolto militante, come la sua battaglia per la liceità dell obiezione di coscienza di fronte alla guerra, in particolare nell era atomica, che gli costò una condanna di otto mesi, con la condizionale, per apologia di reato, o la fondazione della rivista Testimonianze, l opera che ancora oggi è legata al suo nome e al suo magistero. La biblioteca segna dunque l evolversi degli interessi e delle esperienze di Balducci e conferma la sua attitudine a intessere rapporti in molteplici direzioni: dai cattolici democratici e dai sacerdoti che caratterizzarono la Firenze pre e post conciliare, come Raffaele Bensi, Bruno Borghi, Benedetto Calati, Danilo Cubattoli, Mario Gozzini, Giorgio La Pira, Lorenzo Milani, David Maria Turoldo, Giovanni Vannucci, persone che soffrivano le doglie del parto di una nuova cristianità e umanità, a teologi del rinnovamento teologico ed ecclesiale come Edward Schillebeeckx, Marie-Dominique Chenu, Jean Danielou (con cui ebbe rapporti distanti e talora polemici), a politici e filosofi come Lelio Basso e Roger Garaudy, a Silvano Piovanelli, il vescovo fiorentino degli anni Ottanta. Molti libri ed estratti che riceveva in dono dai suoi interlocutori presentano dediche che testimoniano questa fitta rete di relazioni e di confronto internazionale. C a t a l o g o d e l l a b i b l i o t e c a p r i v a t a d i p a d r e E r n e s t o B a l d u c c i

12 Il catalogo Una prima catalogazione sommaria della biblioteca privata fu compiuta subito dopo la morte di Balducci per permettere il trasferimento della raccolta dalla sua stanza alla Biblioteca della Badia: risultarono presenti circa quattromila volumi, come si è detto. Il lavoro fu ripreso nel 2005, con la descrizione e l indicizzazione analitica della raccolta, ed è terminato nel Il catalogo presenta un architettura articolata in tre parti: - un nucleo centrale costituito dalle registrazioni catalografiche di tutte le risorse documentarie. Per ogni item è stata redatta una registrazione che contiene l accesso per autore, la descrizione, la notazione classificata con il corrispettivo equivalente verbale e la segnatura di collocazione presso la Biblioteca della Badia Fiesolana; - un indice per autore, che registra tutte le responsabilità dichiarate sul frontespizio e sulle fonti d informazione e che rinvia al numero progressivo della registrazione catalografica. La scelta e la forma delle intestazioni fa riferimento alle Regole italiane di catalogazione per autori, la forma per le voci della Bibbia, della Chiesa cattolica, della Curia romana, dello Stato pontificio, del Vaticano, dei papi e degli antipapi fa riferimento ad ACOLIT; - un indice classificato, che ordina sistematicamente le registrazioni catalografiche, in forma ridotta, secondo la Decimal Dewey Classification (DDC), Edizione 21. Le notazioni sono corredate dai relativi equivalenti verbali, che permettono di comprendere il significato del numero. Le formulazioni verbali tengono presente le vedette del navigatore Dewey dell OPAC della Biblioteca nazionale centrale di Firenze. Il catalogo è stato prodotto inizialmente con il software Win/ISIS e i dati bibliografici sono stati presentati in formato UNIMARC; i dati sono stati quindi convertiti in Word e le registrazioni catalografiche sono state numerate progressivamente e ordinate alfabeticamente per autore (persona, ente e congresso) e per titolo delle opere anonime. Le opere e le raccolte di opere (o di parti di opere) di un autore hanno l accesso principale al suo nome, anche nel caso in cui non figuri sul frontespizio ma sia stato individuato in altre parti della risorsa o in fonti esterne. Opere che risultano dalla collaborazione di più autori hanno l accesso all autore nominato per primo sul frontespizio e per le responsabilità dichiarate sul frontespizio. Eccezione: non è stato creato alcun accesso per quei nomi che si presentano contratti, cioè con le sole iniziali per il nome e per il cognome, e per i quali non si è riusciti a risalire alla forma sciolta. La forma dei nomi degli autori, degli enti e dei titoli uniformi tiene in considerazione le intestazioni adottate nella banca dati della Bibliografia nazionale italiana (BNI) e degli OPAC dell Indice SBN (Servizio bibliotecario nazionale), della Bibliothèque nationale de France (RAMEAU e Autorités BnF), della Library of Congress (Library of Congress Authorities) e della British Library. Il catalogo presenta, quando è stato possibile, la forma sciolta dei nomi, anche quando i repertori sopramenzionati propongano forme contratte. La descrizione delle risorse è redatta secondo il formato internazionale ISBD, International Standard Bibliographic Description, preferendo, in caso di alternativa, la soluzione che sembrava facilitare la lettura delle registrazioni catalografiche. Alcuni particolari: - sono stati registrati tutti i nomi di persone ed enti che compaiono sulla fonte d informazione prescritta (frontespizio per i libri) ed, entro parentesi quadre, le responsabilità intellettuali che si potevano ricavare da altre fonti interne o esterne alla risorsa; - è sempre stata segnalata la presenza dei contributi di padre Balducci. Le note relative alla copia registrano i contrassegni di possesso, gli ex libris, i timbri, etc. e indicano tutte le precedenti collocazioni; le dediche sono state così registrate: Con dedica dell a., se il dedicatario è l autore del testo; Con dedica, se il dedicatario non è l autore; viene dichiarata la presenza di allegati all interno di un volume. 11 Ringrazio p. Giovanni Grimaldi, amico e confratello di p. Ernesto Balducci, che ha fornito preziosi suggerimenti in varie conversazioni avvenute nel luglio Un ringraziamento particolare a Marta Ricci per l attenta lettura e i generosi consigli e a Luciano Vannucci per la dedizione, pazienza e professionalità con cui ha seguito gli aspetti informatici del catalogo informatico. P r e f a z i o n e

13

14 Ernesto Balducci. Profilo biografico Bruna Bocchini Camaiani Sono nato e vissuto in un ambiente operaio, in una regione marginale della Toscana, sul monte Amiata, spettatore di ingiustizie, di miserie, di sfruttamenti spaventosi 1. Ernesto Balducci collegava in questo modo l ambiente delle sue origini (era nato a Santa Fiora nel 1922), con le note fondamentali della predicazione e riflessione religiosa che lo hanno caratterizzato: l ansia per i problemi sociali, la traduzione e l attualizzazione del messaggio evangelico in un linguaggio adeguato e compatibile con la mentalità, le esigenze, le aspettative dell uomo contemporaneo, il dialogo con la cultura moderna e, strettamente collegato con questi, il nodo problematico autorità-libertà che lo coinvolgeva direttamente come religioso. Temi e modalità di approccio che hanno fatto di lui un protagonista e un testimone attento e quanto mai lucido della Chiesa e della società italiana della seconda metà del Novecento. Il rapporto di obbedienza all autorità nella Chiesa, per un religioso che ne fa oggetto di un voto specifico, è di primaria importanza e Balducci vi aderisce e mantiene fede a questo impegno. Ma, se l obbedienza è praticata con attenzione e talvolta con non poca sofferenza, non c è mai la sottomissione del giudizio e della volontà, né la rinuncia alle sue opinioni e ai suoi orientamenti spirituali e teologico-culturali, che anzi vengono difesi e riaffermati in una ricerca che ha binari autonomi. Le cosiddette virtù passive, che nella tradizione ascetico-spirituale, ignaziana in particolare, vedevano frequentemente l obbedienza e la sottomissione al superiore come espressione della volontà divina, e che erano condizioni e presupposti di una rigida e compatta disciplina ecclesiastica, vengono rimesse fortemente in discussione fin dagli anni del Seminario romano. Scriveva infatti nel suo Diario: 13 A me non piace affatto quella fisionomia buddistica che molti scrittori ascetici danno alla morale cristiana. Secondo essi l uomo per essere conforme alla morale evangelica deve spegnere in sé ogni desiderio, reprimere ogni passione, rinunciare ad ogni umana aspirazione e porsi in uno stato di indifferenza di fronte ad ogni eventualità ( ). No! Il vangelo è vita, il vangelo è fuoco, il vangelo è spada ( ). Egli benedice tutti i desideri, tutte le aspirazioni che non distolgono l anima dal suo ultimo fine, tutte le passioni consacra che al bello, al vero e al grande siano dirette 2. Fin dai primi anni giovanili quel modello religioso-spirituale non è mai assunto acriticamente ed è una delle ragioni delle perplessità relative alla sua professione solenne da parte del rettore del seminario romano. Il seminario romano, il Calasanctianum, che formava gli scolopi italiani e dove Balducci rimase dal 1938 al 1944, rispondeva alle direttive della riorganizzazione dei seminari voluta da Pio X e poi da Pio XI; l impostazione degli studi e della vita di seminario era tesa a formare un religioso pio, devoto, obbediente, per il quale la formazione culturale era del tutto subordinata a quella religiosa. Tale impostazione si sarebbe scontrata ben presto con alcune esigenze sentite come fondamentali dal giovane Balducci e che emergono con grande evidenza nei suoi diari. Il suo itinerario personale si caratterizza con una autonomia molto accentuata rispetto alle linee e preoccupazioni 1 E. Balducci, Il cerchio che si chiude. Intervista autobiografica a cura di Luciano Martini, Genova, Marietti, 1986, p Id., Diari, ,a cura di M. Paiano, Firenze, Olschki, 2002, I, , p. 12, annotazione del 14 giugno 1941.

15 14 prevalenti nei superiori. Una delle caratteristiche più evidenti è la sua curiosità vastissima, una ricerca su molte tematiche diversificate, che esulano dai programmi e dall impianto scolastico e che tendono a definire e costruire un itinerario autonomo e organizzato con una certa sistematicità. Queste esigenze non erano accettate dal rettore del seminario che lo accusava di indisciplina e di essere ostinatamente dedito a studi profani, tanto che il suo giudizio era sfavorevole sulla sua vocazione 3 ; di fatto vi fu una dilazione della professione solenne di quasi un anno tra il 1942 e 1943, ma la stima di altri docenti del seminario e dello stesso padre generale fece sì che nell aprile del 1944 egli venisse ammesso alla professione solenne. Con la professione dei voti e successivamente l ordinazione sacerdotale nell agosto 1945 si aprono possibilità nuove: la sua vita a Firenze si sarebbe caratterizzata molto diversamente, con rapporti sociali ed educativi molto più ampi e con una possibilità di studio libera e autonoma, tanto che al suo arrivo a Firenze Balducci annota nel suo diario: Incipit vita nova. Il periodo fiorentino degli anni Cinquanta è molto rilevante nel suo itinerario, perché si coniugano momenti di vita religioso-spirituale e di impegno politico-sociale con aspetti importanti della sua maturazione culturale, che si può dispiegare finalmente con libertà e che caratterizzeranno in modo definitivo la sua fisionomia. La ricerca di un nuovo modello sacerdotale e pastorale si coniuga così con una presenza culturale che, fino alla fine degli anni Quaranta, è legata prevalentemente ai circoli letterari, con la preminenza della figura di Papini. Gli studi all università fiorentina gli permettono un ampliamento di orizzonti e in particolare la tesi di laurea su Fogazzaro, discussa con Momigliano, rappresenta, con l approfondimento dei problemi connessi alla crisi del modernismo, come lui stesso ha affermato, anche il punto di incontro tra la creazione letteraria, l interesse teologico e la passione per il rinnovamento della Chiesa 4. Un grande rilievo assume in questo periodo la sua meditazione del testo di Rosmini Le cinque piaghe della Chiesa; nella predicazione e nell impegno pastorale è fortemente sottolineato il richiamo alla testimonianza, ispirandosi alla spiritualità dei Piccoli fratelli di Charles de Foucauld; questo richiamo viene sentito e riproposto come un atteggiamento profondamente diverso, alternativo rispetto a un cattolicesimo italiano caratterizzato da un proselitismo aggressivo proteso interamente alla conquista e alla costruzione di una società integralmente cristiana. In una nota di riflessione per la predicazione del 1951 annotava: Troppi cristiani si attendono un trionfo definitivo della Chiesa, la sua glorificazione tra i popoli, la concorde fraternità sotto la sua materna protezione. Ma ( ) peccheremmo di poca fede se non tenessimo presente che sulla terra noi siamo un esercito che viaggia e pone le sue tende, che la redenzione si deve compiere sulle membra del Cristo, con le stesse oscure sofferenze che egli per amore nostro ha sofferto. Il successo terreno, la solidarietà dei governanti, i privilegi politici, quando non sono condizione necessaria alla libertà della Chiesa, ostacolano il suo cammino 5. Il rapporto di collaborazione e di amicizia con La Pira segna profondamente Balducci e caratterizza questo periodo della vita fiorentina. La sua predicazione e la sua azione pastorale si legano fortemente in questi anni alle iniziative lapiriane, con un sostegno alle lotte operaie per la Pignone, con la scelta di prendere posizione dalla parte dei poveri, così come con la partecipazione ai convegni per la pace e la civiltà cristiana e alle numerose iniziative politico-culturali e sociali di La Pira. La parola di Balducci, i suoi corsi di teologia per laici creano una vasta opinione pubblica, muovendosi secondo linee e prospettive spesso lontane da quelle predicate dalla gran parte della gerarchia cattolica nel dopoguerra e negli anni Cinquanta. Balducci avrebbe rievocato con nostalgia quell ambiente e quel clima fiorentino: Quanto a noi è certo che ricorderemo per sempre, con indicibile rimpianto, gli anni in cui la Chiesa fiorentina, in perfetta pace, offrì lo spettacolo di un vescovo come Elia Dalla Costa, di un sacerdote come don Giulio Facibeni e di un laicato come quello che ha portato [con La Pira] la testimonianza politica dei cattolici ad un prestigio senza 3 B. Bocchini Camaiani, Ernesto Balducci. La Chiesa e la modernità, Bari-Roma, Laterza, 2002, pp sgg. 4 E. Balducci, Il cerchio che si chiude, cit., p Id, Diari ( ), a cura di M. Paiano, Brescia, Morcelliana, 2009, p. 339, annotazione del 4 febbraio C a t a l o g o d e l l a b i b l i o t e c a p r i v a t a d i p a d r e E r n e s t o B a l d u c c i

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Secondaria Superiore (Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

LA FAMIGLIA, OSPEDALE DA CAMPO

LA FAMIGLIA, OSPEDALE DA CAMPO ANTONIO SPADARO (ed.) LA FAMIGLIA, OSPEDALE DA CAMPO Dibattito biblico, teologico e pastorale sul matrimonio nei contributi degli scrittori de La Civiltà Cattolica 383 QUERINIANA Indice Editoriale, di

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 linguaggio. poter aprire con i ragazzi un confronto sulle tematiche del mondo giovanile proposte dal testo. lo studente impara a riflettere sulle

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli