IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO"

Transcript

1 19 MARZO 2013 DALLA RACCOLTA AL RICICLO DEI RIFIUTI DA IMBALLAGGIO: L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI IMBALLAGGI: IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO ing. Andrea Galparoli responsabile Pianificazione AZIENDA MULTISERVIZI IGIENE AMBIENTALE TORINO SPA L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 1

2 PROGRAMMA DELL INTERVENTO La realtà di AMIAT Il sistema di raccolta dei rifiuti a Torino I risultati, come quantità e come qualità Raccolta stradale e raccolta domiciliare a confronto, con particolare riferimento agli imballaggi I costi, dati e problematiche di valutazione L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 2

3 AMIAT PUBLIC UTILITY: 51 % Comune di Torino 49 % IREN (multiutility quotata) FATTURATO: circa Numero addetti totali Dirigenti: 10 Quadri: 20 Impiegati: 300 Operai: 1500 Incluso il personale tecnico di coordinamento operativo MEZZI OPERATIVI Mezzi spazzamento manuale 400 Spazzatrici e Lavastrade 120 Compattatori (caricamento posteriore e laterale) 110 Mini compattatori 240 Lavacassonetti 40 Altri mezzi 200 L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 3

4 TORINO ED I SERVIZI DI GESTIONE RIFIUTI La Città e le sedi AMIAT abitanti residenti (al 31/12/2012) attività non domestiche produttrici di rifiuti urbani (in TARSU) 1,45 Kg pro capite di rifiuti al giorno (nel 2011) 130 Km 2 di superficie e 1400 Km di sviluppo stradale 18 Km 2 di strade e 13 Km 2 di aree verdi spazzate Raccolta rifiuti (differenziata e non) sia stradale sia porta a porta sia a chiamata (per RAEE e ingombranti) Gestione centri di raccolta differenziata Spazzamento manuale e meccanizzato, lavaggio strade, raccolta foglie, Lavaggio cassonetti Servizi complementari (s. igienici, rimozione veicoli abbandonati, derattizzazione, ) Servizi Viabilità Invernale (insalamento e sgombero) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 4

5 Impianto Compostaggio Amiat T.B.D. S.r.l. SEDI ECOCENTRI E IMPIANTI AMIAT Impianto Recupero Materie Plastiche (ex Publirec) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 5

6 IL SISTEMA DI RACCOLTA RIFIUTI ELEMENTI CARATTERIZZANTI DEL SISTEMA DI RACCOLTA PER UN GESTORE DEL SERVIZIO: INTEGRAZIONE DEL SISTEMA: le singole frazioni vanno inserite nel sistema complessivo e non valutate separatamente ESTESO ALLA TOTALITÁ DI OGNI FRAZIONE: indipendentemente dal fatto che sia imballaggio o meno DEDICATO A TUTTE LE UTENZE: indipendentemente dalla produzione più o meno elevata ED ANCHE SEMPLICE PER GLI UTENTI!! L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 6

7 Aree RACCOLTA STRADALE Aree RACCOLTA DOMICILIARE INTEGRATA Residenti serviti: % dei residenti L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 7

8 SISTEMA DI RACCOLTA STRADALE (integrato da altre raccolte) RACCOLTA STRADALE DI PROSSIMITA CON CONTENITORI DI ELEVATE DIMENSIONI RIF. NON DIFFERENZIATI RACCOLTA STRADALE DI PROSSIMITA CON CONTENITORI DI PICCOLE DIMENSIONI RACCOLTA STRADALE CON CONTENITORI DI ELEVATE DIMENSIONI FRAZ. ORGANICA VETRO/LATTINE (in aree specifiche) CARTA IMBALLI IN PLASTICA VETRO/LATTINE TESSUTI RACCOLTE PORTA A PORTA NON INTEGRATE CARTA VETRO/LATTINE (ut. non dom.) TONER (ut. non dom.) RIF. NON DIFFERENZIATI (centro cittadino) IMBALLI IN PLASTICA (centro cittadino) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 8

9 IL MODELLO DOMICILIARE ADOTTATO A TORINO Servizi domiciliari per le 5 principali frazioni merceologiche carta, vetro/lattine, plastica, organico non recuperabile Attrezzature di raccolta diversificate per volumetria e tipologia (cassonetti, sacchi e secchielli), preferibilmente cassonetti litri. Frequenza di raccolta standard settimanale per carta, vetro/lattine, plastica e non recuperabile; bisettimanale per organico Attrezzature dimensionate per ogni utenza e collocate nelle relative pertinenze private Esposizione a cura degli utenti Mezzi di limitate dimensioni con 1 solo operatore Personalizzazione dei servizi in funzione delle caratteristiche morfologiche e urbanistiche del territorio L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 9

10 ALTRE PRINCIPALI RACCOLTE RACCOLTA DOMICILIARE SU APPUNTAMENTO DEGLI INGOMBRANTI SEPARAZIONE A VALLE DEL CONFERIMENTO LEGNO METALLO RAEE NON RICICLABILI RACCOLTA BANCO A BANCO PRESSO I MERCATI LEGNO IMBALLI IN PLASTICA CARTONE FRAZ. ORGANICA NON RICICLABILI STAZIONI DI CONFERIMENTO/ ECOCENTRI L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 10

11 GLI ECOCENTRI NEL TERRITORIO DI TORINO L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 11

12 Produzione rifiuti Città di Torino tonn RD AGGIUNTIVE RD DOMICILIARI indifferenziato R.D. Totale RSU Torino L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 12

13 24,8% 24,4% 26,1% Andamento % RD dal 2001 al 2011 a Torino (metodo normalizzato Regione Piemonte) 32,0% 35,3% 36,9% 42,4% 43,0% 39,3% 40,7% 41,5% L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 13

14 PRODUZIONE PRO CAPITE DI RIFIUTI URBANI NEI COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE AI ABITANTI, ANNI Fonte: ISPRA - RAPPORTO RIFIUTI URBANI 2012 L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 14

15 Raccolta Differenziata per Quartieri - anno % 70% 60% 50% 66,1% 66,5% 67,1% 63,9% 63,3% 62,3% 61,7% 63,1% 62,8% 59,0% 53,6% 40% 30% 35,9% 37% 35,1% 35,8% 33,0% 32,5% 27,3% 27,9% 29,2% 31,0% 27,9% 20% 10% 0% L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 15 30,2% 61,0% Mirafiori Sud Centro Storico Crocetta S. Rita Mirafiori Nord S. Paolo Cenisia e Cit Turin Pozzo Strada Campidoglio San Donato Parella Lucento e Vallette Madonna di Campagna Circoscrizione 5 stradale Barriera di Milano Rebaudengo e Falchera Regio Parco e Barca Bertolla Aurora, Rossini e Valdocco Vanchiglia, Vanchiglietta Madonna del Pilone S. Salvario Borgo Po e Cavoretto Nizza Lingotto % Raccolta Differenziata

16 RACCOLTA DIFFERENZIATA PER QUARTIERI - ANNO 2011 L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 16

17 OBIETTIVI DI RACCOLTA CON QUALI OBIETTIVI CONFRONTARSI? Quantità raccolte e percentuali di RD Obiettivi di raccolta e Obiettivi di riciclaggio Obiettivi da pianificazione Provinciale Obiettivi di sostenibilità economica L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 17

18 ANNO 2011 TOTALE TORINO PRINCIPALI COMPONENTI DELLA RD 15% 30% 15% CARTA ORGANICO PLASTICA VETRO/LATTINE ALTRE FRAZIONI RD FRAZIONI RD - TERZI 11% 6% 23% L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 18

19 700,00 TORINO ANNO 2011 CONFRONTO RACCOLTA PRO CAPITE (KG/AB. RES.) TRA IL TOTALE AREE RACCOLTA DOMICILIARE E IL TOTALE AREE RACCOLTA STRADALE 600,00 592,33 527,72 500,00 kg/ab. res. 400,00 300,00 200,00 165,11 400,77 297,73 444,56 AREE RACCOLTA DOMICILIARE AREE RACCOLTA STRADALE TOTALE 100,00 0,00 79,08 82,11 62,87 69,96 53,98 35,99 32,12 36,42 33,64 34,96 17,74 9,35 13,02 18,63 26,41 R.S.U. CARTA ORGANICO PLASTICA VETRO/LATTINE ALTRE FRAZIONI RD 35,26 32,96 34,26 FRAZIONI RD - TERZI TOT. RSU NORMALIZ. FRAZIONI L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 19

20 QUALITÀ DEI RIFIUTI RACCOLTI La qualità cosa misura? Disattenzione nel conferimento o mancata informazione? Valutazione visiva e analisi merceologiche (prima o dopo selezione): gli opposti di organico e plastica Scelta di mono o multi materiale: gli imballaggi metallici con vetro e plastica Differenze di risultato tra raccolta stradale e porta a porta (e tra diverse utenze e diversa collocazione dei cassonetti) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 20

21 100% QUALITÀ DEI RIFIUTI RACCOLTI Esempio di analisi merceologiche della RD plastica 80% 60% 40% Per la plastica la % di frazioni estranee pesa per circa il 30% con raccolte porta a porta e oltre il 20% per la raccolta stradale. 20% 0% Almeno UN TERZO delle frazioni estranee è rappresentato da altre plastiche non imballaggio. Urban 2 Circoscrizione 2 Campidoglio Circoscrizione 4 Q15 - Lucento Vallette Circoscrizione 5 Q15 - Lucento Vallette Circoscrizione 5 Regio Parco Circoscrizione 6 Collina circoscrizione 7 e 8 Circoscrizione 7 Collina circoscrizione 7 e 8 Circoscrizione 8 Circoscrizione 2 Circoscrizione 8 Circoscrizione 9 Circoscrizione 4 Circoscrizione 6 Circoscrizione 3 Imballaggi in plastica Altra plastica non imballo Frazione estranea (esclusa plastica non imballo) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 21

22 IL BILANCIO COSTI / RICAVI Impossibile visualizzare l'immagine. Difficoltà per effettuare dei conteggi che siano standardizzabili e confrontabili tra diverse realtà e non solo teorici. Ad esempio: I COSTI dei diversi modelli di servizio non sono limitati ai soli servizi di raccolta (ad es. variaz. costi diretti di spazzamento, racc. ingombranti, + costi indiretti di call center, informatica, gestione utenti,...) I RICAVI sono rappresentati anche da costi evitati, sia di servizio sia di trattamento, ma anche da ulteriori benefici, variabili in base al contesto locale (ecotasse, volumetrie risparmiate, necessità o meno di pretrattamento,...) ALCUNI ELEMENTI RELATIVI A TORINO... L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 22

23 Esempio di effetti (e di costi) indotti dal passaggio da raccolta stradale a porta a porta INCREMENTI DELLE RICHIESTE DI SERVIZIO PER RIFIUTI INGOMBRANTI (% di incremento rispetto al 2005) % di incremento rispetto al % 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% CIRC. 01 CIRC. 02 CIRC. 03 CIRC. 04 CIRC. 05 CIRC. 06 CIRC. 07 CIRC. 08 CIRCOSCRIZIONE CIRC. 09 CIRC. 10 TOTALE TORINO Totale 2006 Totale 2007 Totale 2008 Totale 2009 (stima) L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 23

24 EVOLUZIONE PREZZI CONTRATTO DI SERVIZIO PER I SERVIZI DI RACCOLTA E COLLEGATI (BASE 100 TOTALE 2004) 2,0 1,9 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 1,3 1,2 1,1 1,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0,0 Impossibile visualizzare l'immagine Costi per rifiuti abbandonati Costi per gestione cassonetti Costi per il totale delle raccolte differenziate Costi per le raccolte R. U. indifferenziati L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA 24

«Il CLIMATHON 2016 LA CHALLENGE.»

«Il CLIMATHON 2016 LA CHALLENGE.» 27 ottobre 2016, Torino Presso Environment Park «Il CLIMATHON 2016 LA CHALLENGE.» Città di Torino Direzione Ambiente Servizio Igiene Ambientale Ciclo Integrato dei Rifiuti Dott. Marco FERRERO marco.ferrero@comune.torino.it

Dettagli

LA FILIERA DELLA PLASTICA:

LA FILIERA DELLA PLASTICA: 7 NOVEMBRE 2013 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ED IL RICICLO IN ITALIA: realtà industriali a confronto LA FILIERA DELLA PLASTICA: IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO ing. Diego Cometto DIRETTORE GENERALE

Dettagli

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno DATI del COMUNE GESTITO COMUNE DESCRIZIONE GENERICA DEI SERVIZI SVOLTI DESCRIZIONE GENERICA UTENZE Rifiuti Indifferenziati Raccolta Umido Raccolta Carta

Dettagli

AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO

AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO 24 aprile 2018 1 AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO 2 MAPPA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A TORINO Abitanti: AREE RACCOLTA DOMICILIARE 481.010 AREE IN IPOTESI PER FUTURE

Dettagli

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri A NOVARA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA SI E ASSESTATA SOPRA IL 70% I VANTAGGI DEL SISTEMA DI RACCOLTA PORTA A PORTA DOMICILIARE Brescia, 11 novembre 2014 Relatore : Vincenzo Altieri 1 IL PASSAGGIO DA SISTEMA

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SESTO FIORENTINO Anno 2014-2016 2017-2019 Versione luglio 2017 TARIFFA RIFIUTI Indice

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SESTO FIORENTINO Anno 2014-2016 2017-2019 Versione Dicembre 2016 TARIFFA RIFIUTI Indice

Dettagli

Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia. Focus su Raccolta Differenziata

Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia. Focus su Raccolta Differenziata Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia Focus su Raccolta Differenziata Raccolta Differenziata Sistema di raccolta dei rifiuti che prevede una prima differenziazione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI CAMPI BISENZIO Anno 2014-2016 TARIFFA RIFIUTI Indice 1. Gli obiettivi di fondo dell'amministrazione

Dettagli

risultati e prospettive

risultati e prospettive La Raccolta DA RIFIUTO Differenziata A RISORSA: a Roma: risultati e prospettive il nuovo modello di raccolta di Roma Capitale Ecomondo, Roma, 5 novembre 9 marzo 2014 2012 Ing. Giovanni Fiscon Direttore

Dettagli

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio.

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio. Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio Dicembre 2016 Obiettivo del lavoro valutare gli effetti ambientali ed economici dell

Dettagli

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 ANALISI DEI COSTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA UN CASO DI SPECIE 1 COMUNI GESTITI DA AMBI.EN.TE. Comuni in raccolta stradale Comuni in raccolta differenziata porta a porta COMUNI ABITANTI CASTEL GANDOLFO

Dettagli

Relatore Wladimiro Boccali

Relatore Wladimiro Boccali Comune di Perugia ISWA World Solid Waste Congress Mercoledì 19 settembre 2012 Relatore Wladimiro Boccali Presidente ATI n. 2 Umbria Sindaco di Perugia L ATI n. 2 dell Umbria ISWA World Solid Waste Congress

Dettagli

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso Relatori: Stefano Riedi, Elisa Bagolin Consorzio servizi di Igiene del Territorio Autorità

Dettagli

A.R.O. di San Cataldo Piano di Intervento. Progettisti: I.I.A. s.r.l. dott. Ing. Graziano Scontrino

A.R.O. di San Cataldo Piano di Intervento. Progettisti: I.I.A. s.r.l. dott. Ing. Graziano Scontrino PIANO DI INTERVENTO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE DI SAN CATALDO EX ART. 5 COMMA 2 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 9/2010, COME INTRODOTTO DAL COMMA

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 Premessa Dal 2014 con la legge n 147/2013 è in vigore la TARI - tassa sui rifiuti, che costituisce

Dettagli

SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO

SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO ANNO 2017 COMUNE DI ZIANO PREVENTIVO REV. 3 DEL 20/03/2017 SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO TOTALE abitanti 2.541 PAP 2.541 STRADALE - 7001 CTS Smaltimento rifiuti

Dettagli

Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI

Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI ARO Comune di Santa Elisabetta, Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio - PIANO FINANZIARIO pag. 7 Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI Frazione merceologica frequenza raccolta settimanale Trasporto

Dettagli

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 CENTRO STORICO 2.700 4.350 2.000 2.800 1.300 1.800 2.700 5.500 1.200 2.700 2.000 3.400 CROCETTA 2.500 4.000 2.000 2.600 1.500 1.900

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SIGNA Anno 2013-2015 Versione 1.0 TARIFFA RIFIUTI Indice 1. Gli obiettivi di fondo

Dettagli

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING CITTA DI VALDAGNO UFFICIO TECNICO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI RELAZIONE TECNICA PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING DICEMBRE 2013 IL DIRIGENTE DIREZIONE LL. PP. ING. GRAZIANO DAL LAGO

Dettagli

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un San Costanzo 15 Aprile 2014 Metodo Aset Risultati, vantaggi e criticità Dott. Stefano Sartini Stato attuale: raccolta stradale pluriutenza Raccolta RSU con cassonetti Raccolta RD tramite isole ecologiche

Dettagli

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 CENTRO STORICO 3.000 4.350 2.150 2.950 1.450 1.800 2.700 4.550 1.200 2.700 2.000 3.400 CROCETTA 2.650 4.200 1.950 2.750 1.400 1.800

Dettagli

5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia. Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare

5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia. Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare 1 5 Marzo 2018 Università «La Sapienza» Aula 2 Facoltà di Economia Prevenzione, riutilizzo e riciclo in un ottica di economia circolare Davide Vernice Direttore Generale AET Spa L esperienza di realtà

Dettagli

Torino in zone. Lungostura. Via Gottardo. C.so. Novara. Consolata. Lungo Dora. Via della. Firenze. S.Teresa. Via Po. Moncalieri. Via Ormea.

Torino in zone. Lungostura. Via Gottardo. C.so. Novara. Consolata. Lungo Dora. Via della. Firenze. S.Teresa. Via Po. Moncalieri. Via Ormea. Torino in zone D irettissima Torino Aeroporto Regina Margherita 21 2 2 13 14 23 15 16 05 06 17 18 19 07 08 10 02 09 11 12 Francia Trapani Via Tirreno Tazzoli Agnelli 01 20 Potenza Ferrucci Unione Sovietica

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente

PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente PROVINCIA DI CREMONA Settore Agricoltura e Ambiente LO STATO DI FATTO E LE CRITICITA DELL ATTUALE SISTEMA GESTIONALE VERSO IL NUOVO PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI 19/02/2013 1 2 Nel periodo

Dettagli

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La costruzione del sistema informativo ATO Database del sistema

Dettagli

Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona

Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona Relatore Giuseppe T. Sanfilippo direttore di Anconambiente s.p.a Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona L evoluzione societaria Marzo 973: AnconAmbiente nasce col nome di ASMIU: Azienda di Servizi

Dettagli

Andamento delle attività commerciali e della ristorazione nella Città di Torino

Andamento delle attività commerciali e della ristorazione nella Città di Torino Andamento delle attività commerciali e della ristorazione nella Città di Torino L INDAGINE, BASATA SU DATI CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO INFOCAMERE, BANCA DATI ULISSE, PRENDE IN CONSIDERAZIONE IL COMMERCIO

Dettagli

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI La storia ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNI 2000-2006 Media di Bacino 33,0% 31,0% 31,9% 30,9% 29,0% 27,0% 25,0% 23,0% 21,0% 29,1% 28,2% 19,0% 17,0%

Dettagli

NON RIFIUTI MA RISORSE

NON RIFIUTI MA RISORSE Capannori (LU) studio_girardi@libero.it cell 3890792009 NON RIFIUTI MA RISORSE ECOLOGIA ECONOMIA Francesco Girardi I presupposti ECOLOGIA ECONOMIA 1 CONSUMATORE CONSAPEVOLE con le sue scelte condiziona

Dettagli

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Comune di Padova Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Elaborato 2 Utilizzo di beni, strutture e servizi di terzi D.P.R. 158/1999 art. 8 comma 2c), comma 3c) 2018 PREMESSA... 2 1. Smaltimento

Dettagli

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Comune di Padova Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Elaborato 2 Utilizzo di beni, strutture e servizi di terzi D.P.R. 158/1999 art. 8 comma 2c), comma 3c) 2019 PREMESSA... 2 1. Smaltimento

Dettagli

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005 ASCIT SpA Igiene Ambientale A MARLIA e LAMMARI passiamo al porta-a-porta! ASCIT SpA e la gestione rifiuti ASCIT SpA è azienda responsabile del servizio di igiene urbana per il Comune di Capannori ed altri

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE DATI GENERALI

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE DATI GENERALI COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 6024 Ut. Domestiche 4600 Ut. Non Domestiche 350 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 1143 Stradale Carta 157 Stradale

Dettagli

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013 Kg Kg RACCOLTA DIFFERENZIATA 213 percentuale frazioni percentuale raccolta CODICE TOTALE differenziate differenziata primo semestre 213 secondo semestre 213 CER 1511 IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 4.7 51.6

Dettagli

Approccio metodologico alla raccolta differenziata

Approccio metodologico alla raccolta differenziata Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente Emas Ing. Oscar Galli Vicepresidente GEOFOR Energy & the Town L integrazione dei sistemi di raccolta dei rifiuti su area vasta Pisana Articolazione

Dettagli

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 adottato ai sensi dell art. 8 del D.P.R. 27.04.1999, n.158 17 luglio 2014 A cura di Casalasca Servizi

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete Sergio Tommasini Responsabile Settore Studi e Progetti Montebelluna (TV) 20 febbraio 2009 consorzio@priula.it COMPETENZE GESTIONE

Dettagli

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre Anno 29 Convegno Produrre meno rifiuti: esperienze a confronto 25 novembre 21 - Treviso PRODUZIONE RIFIUTI URBANI ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura 28 28 29

Dettagli

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca . MASSIMILANO FAINI Consigliere Biociclo e Dirigente Garda Uno SpA PREMIER Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca PREMIER PREMIER Comune

Dettagli

Customer satisfaction Trasporti pubblici

Customer satisfaction Trasporti pubblici Novembre - Dicembre 7 Customer satisfaction Trasporti pubblici A cura di Francesca Dallago 1.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: Novembre-Dicembre 7. STRUMENTO DI RILEVAZIONE

Dettagli

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento PRINCIPALI ELEMENTI PER LA BUONA GESTIONE 1) Riduzione produzione rifiuto

Dettagli

SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI

SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI Assetto organizzativo di base 1) Zona esterna + centro storico, 21.000 (+6.000 stag.) residenti circa Raccolta di prossimità rapporto max res/cont = 70:1, carta

Dettagli

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio)

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) ULTIMI DATI DISPONIBILI UTENZE DOMESTICHE ABITANTI RESIDENTI 7.93 UTENZE NON DOMESTICHE UTENZE DOMESTICHE.98 3 SERVIZI NEL CENTRO ABITATO UTENZE NON DOMESTICHE

Dettagli

Fase 1: Individuazione Quartieri.

Fase 1: Individuazione Quartieri. Risultati sperimentazione Raccolta Differenziata nel Comune di Chieti Progettazione e Realizzazione della Raccolta Differenziata in tre quartieri del Comune di Chieti, dalla raccolta tramite isole ecologiche

Dettagli

COMUNE DI VENASCA SCHEDA SERVIZI. da rimuovere

COMUNE DI VENASCA SCHEDA SERVIZI. da rimuovere COMUNE DI VENASCA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 1602 Produzione RSU 2008 [t] 468 Numero famiglie 1015 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 47 Numero famiglie organico 840 Produzione plastica (stradale)

Dettagli

COMUNE DI MANTA DATI GENERALI

COMUNE DI MANTA DATI GENERALI COMUNE DI MANTA Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 3.749 Ut. Domestiche 1688 Ut. Non Domestiche 70 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 461 PaP Carta 125 PaP Plastica 88 PaP Organico

Dettagli

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani Deliberazione Giunta regionale n. 69/15 del 23.12.2016 Cagliari, 21 Settembre 2017 Salvatore Pinna Gerarchia dei rifiuti Elemento

Dettagli

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 29 Aprile 2016 Milano

Dettagli

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2079 Produzione RSU 2008 [t] 507 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 89 Numero famiglie porta a porta 990 Produzione plastica

Dettagli

La comunicazione è un processo

La comunicazione è un processo La comunicazione è un processo La comunicazione è un processo che va governato,, in cui bisogna avere sempre coscienza del proprio ruolo e dei messaggi che trasmettiamo. 2/17/17 L ambiente comunica sempre

Dettagli

PIANO FINANZIARIO A N N O

PIANO FINANZIARIO A N N O ALL. B TARI PIANO FINANZIARIO A N N O 2 0 1 8 Comune di Dogna Redatto ai sensi dell e art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione della L. 27/12/2013 n. 147 Indice Premessa 1. Gli obiettivi di fondo

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

Servizi di igiene urbana a Scafa

Servizi di igiene urbana a Scafa Servizi di igiene urbana a Scafa Documento di lavoro F Valutatori: Francesco Ranieri, Sandro Di Scerni Caratteristiche principali dei servizi. /anno 275.733,01 (IVA inclusa): - durata dell appalto: 5 anni;

Dettagli

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016 CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale 30 Giugno 2016 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso 5. Gli obiettivi per

Dettagli

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata Il caso di Asti e la sua evoluzione PRINCIPALI DATI TERRITORIALI Comune di Asti: 73.120 abitanti di cui 60.286 nel centro urbano e 12.834 in frazione

Dettagli

Cordiali saluti. Agli associati. Torino, 14 Marzo 2014 Prot.: NEWS: 44_14

Cordiali saluti. Agli associati. Torino, 14 Marzo 2014 Prot.: NEWS: 44_14 Torino, 14 Marzo 2014 Prot.: NEWS: 44_14 Agli associati È uscito il nuovo Borsino Immobiliare Furbatto 2014 che vi inviamo in allegato. Torino è stata suddivisa in 24 zone e per ciascuna troverete la rilevazione

Dettagli

COMUNE DI CAVALLERLEONE DATI GENERALI

COMUNE DI CAVALLERLEONE DATI GENERALI COMUNE DI CAVALLERLEONE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 671 Ut. Domestiche 289 Ut. Non Domestiche 51 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 112 PaP Carta 31 PaP Plastica 18 PaP

Dettagli

ANALISI DELL ESPERIENZA ESPERIENZA DI RACCOLTA PORTA A PORTA NELLE CIRCOSCRIZIONI GARDOLO E MEANO E INDIRIZZI PER L ESTENSIONE SULL INTERO COMUNE

ANALISI DELL ESPERIENZA ESPERIENZA DI RACCOLTA PORTA A PORTA NELLE CIRCOSCRIZIONI GARDOLO E MEANO E INDIRIZZI PER L ESTENSIONE SULL INTERO COMUNE ANALISI DELL ESPERIENZA ESPERIENZA DI RACCOLTA PORTA A PORTA NELLE CIRCOSCRIZIONI GARDOLO E MEANO E INDIRIZZI PER L ESTENSIONE SULL INTERO COMUNE Relazione elaborata dal gruppo di lavoro costituito dai

Dettagli

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA. 18 aprile 2016

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA. 18 aprile 2016 Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA 18 aprile 2016 Analizzare il territorio per valutare: - tessuto urbanistico, densità abitativa, e caratteristiche infrastrutturali;

Dettagli

Comune di Lissone PROGETTO RFID. Documento ad uso interno, strettamente riservato e confidenziale

Comune di Lissone PROGETTO RFID. Documento ad uso interno, strettamente riservato e confidenziale Comune di Lissone PROGETTO RFID Andamento % r.d. Comune di Lissone dal 99 al 0 proiezione 70,00% 0,% 0,5%,0%,% 5,0% 0,00% 50,00% Raccolte con contenitori stradali,% 5,% 5,% 5,% 5,9% 5,% 5,% 5,5% 55,9%

Dettagli

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Pavia,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2017 (L.147/2013) SERVIZI IGIENE URBANA COMUNE DI PONTERANICA. Allegato 1 ANNO 2017

PIANO FINANZIARIO TARI 2017 (L.147/2013) SERVIZI IGIENE URBANA COMUNE DI PONTERANICA. Allegato 1 ANNO 2017 Allegato 1 ANNO 2017 PIANO FINANZIARIO SERVIZI IGIENE URBANA (EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158) FINALIZZATO ALL APPLICAZIONE DELLA TA.RI. (Legge 27 dicembre 2013, n. 147) COMUNE DI PONTERANICA PROVINCIA

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA MODULO A: DATI GENERALI COMUNE MODULO B: GESTIONE RU RIEPILOGO MENSILE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA MODULO A: DATI GENERALI COMUNE MODULO B: GESTIONE RU RIEPILOGO MENSILE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA ALLEGATO Legale Rappresentante Utenze domestiche (n ) Utenze non domestiche (n ) MODULO A: DATI GENERALI COMUNE A: Identificazione Comune Indicare il soggetto

Dettagli

A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio

A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio AREA DI RACCOLTA OTTIMALE (art. 5 comma 2 ter L.R. n. 9/2010) SERVIZIO DI SPAZZAMENTO,

Dettagli

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE COMUNE DI LIMANA Aggiornamento a maggio 2017 AREE ECOLOGICHE AREE ECOLOGICHE AREA ECOLOGICA STANDARD DA PROGETTO +2 + +2 AGGIUNTA / SPOSTAMENTO DI DOTAZIONI E DI

Dettagli

! " +, !!. <=>,& !!!! -!"".# $%(1%/$'() -!"".#.%11%.&() + $.. $ ). %% /2 "!!-!!. 3 ( /2! "!! /!- - !! """-+ -!" 0!"!!+ 4-!-!

!  +, !!. <=>,& !!!! -!.# $%(1%/$'() -!.#.%11%.&() + $.. $ ). %% /2 !!-!!. 3 ( /2! !! /!- - !! -+ -! 0!!!+ 4-!-! !"#!!!!!$ %& '(')*% %#! " +, -!./# $%&%&$'()*+,+,--#.)%/))))0 -!"".# $%(1%/$'() 0#.%11&%..&()*+,+,--#.%/))))0 -!"".#.%11%.&() + $.. $ ).!!. ; ,& %% 1 01 +. /2 "!!-!!. 3 ( /2! "!! /!- - --3 /4!"! 5 /4

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO ARPAV Osservatorio Regionale Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Invece che la terza discarica Esperienze di gestione integrata dei rifiuti e nuove prospettive di sviluppo Orvieto,

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI E RICHIESTE DI CHIARIMENTI

RISPOSTE A QUESITI E RICHIESTE DI CHIARIMENTI RISPOSTE A QUESITI E RICHIESTE DI CHIARIMENTI 1. Gli obiettivi di legge di raccolta differenziata sono per il 2008 il 45% e per il 2009 e 2010 il 50%. RISPOSTA 1: Si. 2. In uno o più Comuni aventi una

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Paolo Ganassi Dirigente Servizi Ambientali AIMAG SPA Impianti Aimag I Comuni

Dettagli

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA INNOVATIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA A PESO DOVE SIAMO CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE Estenzione territoriale: 269.60 Kmq Popolazione

Dettagli

Città di Carbonia Assessorato ai lavori pubblici e servizi di pubblica utilità. SERVIZI DI IGIENE URBANA e COMPLEMENTARI

Città di Carbonia Assessorato ai lavori pubblici e servizi di pubblica utilità. SERVIZI DI IGIENE URBANA e COMPLEMENTARI Città di Carbonia Assessorato ai lavori pubblici e servizi di pubblica utilità SERVIZI DI IGIENE URBANA e COMPLEMENTARI I SERVIZI PREVISTI 1 Raccolta differenziata integrale di: a) frazione umida, b) frazioni

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente -

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 191 P R O V I N C I A D I AN C O N A - A re a T u te la d e ll A mb ie n te - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 192 9.2.2. Sistema attuale della organizzazione

Dettagli

REQUISITI TECNICI SPECIALI PER CATEGORIE ALBO FORNITORI

REQUISITI TECNICI SPECIALI PER CATEGORIE ALBO FORNITORI REQUISITI TECNICI SPECIALI PER CATEGORIE FORNITORI MOD.1 PG.17.02 RICAF_Rev.7 REV. 7 DATA 21/09/2018 REDAZIONE GAP/AFQ VERIFICA DSA Copia digitale - Firme su originale APPROVAZIONE DRT N.B.: Il presente

Dettagli

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014 COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014 PREMESSA Il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti viene effettuato con un sistema misto di raccolta utilizzando sia il servizio

Dettagli

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31.

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31. Provincia di Como Osservatorio provinciale sui Rifiuti COMO - VIA BORGO VICO, 148 Tel: 031.30.436 Fax: 031.30.383 Web: www.provincia.como.it Mail: inforifiuti@provincia.como.it Indice di presenza turistica

Dettagli

Comune di Lissone PROGETTO RFID

Comune di Lissone PROGETTO RFID Comune di Lissone PROGETTO RFID 70,00% 60,00% 50,00% Raccolte con contenitori stradali Andamento % r.d. Comune di Lissone dal 1991 al 2013 proiezione 44,24% 53,12% 53,16% 53,26% 53,94% 54,13% 54,23% 54,35%

Dettagli

17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo, 30

17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo, 30 L'acqua che bevo, l'aria che respiro, il cibo che mangio Problemi, proposte e confronti 17 giugno 2016 Palazzo Gazzoli Via del Teatro Romano, 15 18 giugno 2016 Palazzo uffici comunali Corso del Popolo,

Dettagli

9. Calcolo del fabbisogno di manodopera, mezzi ed attrezzature

9. Calcolo del fabbisogno di manodopera, mezzi ed attrezzature COMUNE DI CALTANISSETTA A.R.O. DI CALTANISSETTA S.R.R. CALTANISSETTA PROVINCIA NORD Piano di Intervento ex art. 5, comma 2 ter, della L.R. Sicilia n. 09/2010 ANALISI DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA : 9. Calcolo

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016.

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016. Direzione Organizzativa V Ambiente Territorio Servizio Rifiuti Osservatorio Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016. Il presente documento vuole costituire una

Dettagli

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI CO.S.R.A.B - CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI AREA BIELLESE: Vi partecipano tutti i comuni della Provincia; Ha ruolo di programmazione e gestione in materia di rifiuti;

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD DATA 02/10/2013

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD DATA 02/10/2013 151 0 0 - DIREZIONE AMBIENTE, IGIENE, ENERGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2013-333 DATA 02/10/2013 OGGETTO: ISTITUZIONE DI UN SISTEMA SPERIMENTALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI E RELATIVE MODALITA OPERATIVE

Dettagli

quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori

quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori Ma quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori Considerazioni economiche I costi degli smaltimenti aumentano Discariche: direttiva discariche

Dettagli

COMUNE DI LAIGUEGLIA. COMUNE DI LAIGUEGLIA Provincia di Savona

COMUNE DI LAIGUEGLIA. COMUNE DI LAIGUEGLIA Provincia di Savona Provincia di Savona LISTA DEI SERVIZI PREVISTI PER L ESECUZIONE DELL APPALTO CANONE ANNUO Allegato al CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Dettagli

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017 Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa w.giacetti@etraspa.it 19 maggio 2017 Il territorio Dati sul territorio Etra popolazione residente 601.833 superficie km² 1.709 densità abitanti/km² 352 numero

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B8 Godimento beni di terzi B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi CGIND Ciclo

Dettagli

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi RIFIUTI e RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi Corigliano d Otranto 19 settembre 2012 Comune di Ponte nelle Alpi Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Responsabilità

Dettagli

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 INDICE COMUNE DI DA NETTEZZA URBANA A GLI ATTORI: SRR - COMUNE COREVE GESTORE

Dettagli

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015 Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 215 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al

Dettagli

COMUNE DI MONTEVEGLIO. ALLEGATO AL PIANO FINANZIARIO 2013 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 dell 11/04/2013

COMUNE DI MONTEVEGLIO. ALLEGATO AL PIANO FINANZIARIO 2013 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 dell 11/04/2013 COMUNE DI MONTEVEGLIO ALLEGATO AL PIANO FINANZIARIO 2013 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 dell 11/04/2013 Relazione descrittiva dei servizi previsti per l anno 2013 Supporto tecnico Amministrativo

Dettagli

Campus di Savona, mercoledì 07 giugno Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona

Campus di Savona, mercoledì 07 giugno Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona Campus di Savona, mercoledì 07 giugno 2017 Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona 31 agosto 2016: sottoscrizione accordo attuativo tra (Multiservizi a capitale pubblico) e

Dettagli

CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO

CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno ooooooooooo SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA E SERVIZI ACCESSORI DEL ELABORATO 2 SCHEDE DI ANALISI DEI COSTI DEL SERVIZIO, DEL CONFERIMENTO E PIANO

Dettagli

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016 Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova Genova, 15 marzo 2016 Genova nel 2015 è al 37% di raccolta differenziata La normativa europea, la legge italiana, le linee di indirizzo della

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio % Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 184 Lavis, 1 marzo 216 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al 31

Dettagli

Tavolo di Concertazione

Tavolo di Concertazione Tavolo di Concertazione PRGR Lavori di adeguamento ai sensi dell art. 199, co.8 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. FOCUS CARTA E CARTONE 18 Ottobre 2016, Pescara Dott. Franco Gerardini Dirigente Servizio gestione

Dettagli