Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)"

Transcript

1 Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Lezione 06, Network Management aa. 2010/11 This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 License. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 1 / 43

2 Gli elementi del management is signed by Service Level Agreement is signed by is signed by sign sign use a is used by Service offer is provided by Service Provider is used by access carries is carried by sign Network Element is made by is part of Network manage is operated by Network Operator La figura è talmente banale che non è necessario spiegarla. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 2 / 43

3 Gli elementi del management L utente usa un servizio, che è gestito da un Service Provider. Il servizio è fornito tramite il Network, gestito dal Network Operator. Gli SLA regolano i rapporti tra Utente, Service Provider e Network Operator. access is used by sign is signed by is used by use a Network is made by Element is part of Service Level Agreement offer Service Service is provided by Provider carries is carried by is signed by is signed by sign manage Network Network is operated by Operator sign Supposto che il Network Operator sia aware dei servizi che vengono veicolati, il suo obbiettivo è gestire la rete in accordo con lo SLA tra lui e il Service Provider. Se il Network Operator non è interessato ai servizi, allora lo SLA di riferimento è quello tra lui e l Utente. Tutto molto logico, ma poi in pratica che si deve fare? Configurare gli apparati? Queste sono solo chiacchiere... beh, non esattamente. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 3 / 43

4 Gli elementi del management Service Level Agreement Reports Network Element Network Element Manag. Alarm Manager Network Management Trouble Tickets Outage Collection & Computation Service Management Executive Information Management Business Management Performance & Traffic Manager Performance & Traffic Computation Gli elementi di rete vengono gestiti attraverso due layer di management (uno tecnico e uno funzionale). Il livello funzionale a sua volta è guidato da un livello di service management, che è diretto dal rispetto degli SLA. Il tutto è sottomesso ai livelli di Business Management. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 4 / 43

5 Gli elementi del management Ovviamente ci sono delle differenze. Service Management Gestione dei Servizi e dei Servers che li operano. Si svolge (quasi) tutto a livello applicativo. Backbone Network Management Reti di grandi dimensioni, apparati e links ad altissima velocità. Molti clienti. Access Network Management Reti di piccole dimensioni, apparati a bassa velocità. Contatto diretto con gli utenti. LAN Network Management Reti di piccole dimensioni. Contatto diretto con gli utenti. Gestione congiunta dei servizi. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 5 / 43

6 Domini di competenza Attenzione ai domini di competenza. E abbastanza chiaro che nella fruizione di un servizio i dati dell utente attraversano un numero spesso consistente di aree sotto il controllo (management) di diverse entità. Le diverse entità devono essere in contatto tra di loro al fine di mantenere il servizio attivo, altrimenti si rischia di avere un rimpallo di competenze. Es.: ditta X che fa l outsourcing di un servizio a una ditta Y, che lo deve offrire tramite la rete della ditta X stessa, ma che è gestita dalla ditta Z). Attenzione infine al fatto che l utente stesso è un dominio di competenza, nel senso che gli apparati utente sono spesso gestiti dall utente stesso. Se si deve offrire un servizio garantito questo elemento di incertezza è estremamente importante (esempi: il jailbreak dell iphone, ma anche l aggiornamento del firmware dei telefoni aziendali). T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 6 / 43

7 Approcci alla gestione Per gestire un sistema (una rete o qualsiasi altra cosa) occorre avere: Un metodo. Gli strumenti. Entrambi sono indispensabili e paritetiche. Considerarne solo una porta semplicemente al fallimento. In letteratura troverete due approcci, che in realtà non sono affatto diversi, ma complementari. ISO/OSI: centrato sul metodo. IETF: centrato sui protocolli. E una falsa dicotomia. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 7 / 43

8 Approccio ISO/OSI ISO/OSI definisce 5 aree funzionali, e divide i compiti del Network Management tra di esse. Le aree sono un modello di organizzazione del lavoro. e assolvono al compito di creare un sistema funzionale ed efficace per gestire il Network. ISO/OSI definisce anche un protocollo: il CMIP (e il CMIS), ma non si usano. Troppo complessi. Un punto di forza del CMIP/CMIS è però la gestione distribuita. Questo manca nel modello IETF. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 8 / 43

9 Aree funzionali ISO/OSI Le aree ISO/OSI sono: 1 Fault: gestione dei guasti e degli allarmi 2 Configuration: gestione delle configurazioni 3 Accounting: gestione degli account e dei costi dei servizi 4 Performance: gestione delle prestazioni 5 Security: gestione della sicurezza e degli accessi Remember: F-CAPS. I principi di base sono: Separation of Concerns: non duplicare le funzionalità, Information Hiding: non esporre l implementazione, ma solo un servizio. D oh! T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 9 / 43

10 Area 1: Fault management Compiti: Riconoscere tempestivamente guasti sulla rete (apparati di rete, server, connessioni) Log dei guasti e degli allarmi, procedure aziendali dedicate Test diagnostici Rispettare le specifiche di contratto sul ripristino dei servizi (es. ripristino in 2 ore, in 8 ore o in un giorno!) Gestire il call center dedicato agli allarmi e dei guasti, interfacciarsi con il cliente Allarmi dovuti a guasti effettivi o a superamento di soglie prestazionali (es. banda non più garantita..) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 10 / 43

11 Area 2: Configuration management Compiti: Raccolta e distribuzione di dati sullo stato delle risorse di rete Inizializzazione e modifica delle configurazioni degli apparati Modifiche on-line o off-line della configurazione Variazione della configurazione per l ottimizzazione delle prestazioni Configurazione di router, firewall, switch, provisioning delle connessioni fisiche T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 11 / 43

12 Area 3: Accounting management Compiti: Determinazione/modifica dei diritti e caratteristiche di accesso al servizio, in base al contratto stipulato Billing dei servizi addebitamento dei costi agli utenti finali Definizione di limiti di utilizzo delle risorse da parte degli utenti Calcolo di costi combinati per l impiego di più risorse nell ambito di un servizio es. problema del roaming in reti cellulari e nelle reti wireless LAN di nuova generazione per l accesso a Internet per utenti mobili T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 12 / 43

13 Area 4: Performance management Compiti: Monitoraggio delle prestazioni della rete, in base alle specifiche contenute nel Service Level Agreement con il cliente Log delle prestazioni monitorate e report agli utenti finali Modifica dell allocazione delle risorse della rete per soddisfare le richieste dei clienti Adozione di misure preventive per evitare situazioni di congestione o di disservizio T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 13 / 43

14 Area 5: Security management Compiti: Analisi delle aree di rete a rischio (es. database con informazioni sensibili sui clienti) Adozione di piani per la sicurezza aziendale, sia fisica che di rete Controllo e logging degli accessi (passwords, diritti di accesso..) Test di vulnerabilità sulla rete e sugli ambienti fisici di accesso a server e database T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 14 / 43

15 ISO/OSI, more? Tra le diverse aree ISO/OSI devono esserci dei SAP (o equivalenti), ovvero semantiche e sintassi da rispettare. Una di queste è rappresentato dai Trouble Ticket. Trouble Ticket Un sistema [qualsiasi] per tenere traccia dei problemi, del loro stato, delle azioni per risolverli e delle deleghe relative al soggetto che ha in carico il problema stesso. Ultima nota importante... Le aree ISO/OSI non sono layer di comunicazione. Non si programmano. Servono per far lavorare i gruppi di persone! T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 15 / 43

16 ISO/OSI, more? Tra le diverse aree ISO/OSI devono esserci dei SAP (o equivalenti), ovvero semantiche e sintassi da rispettare. Una di queste è rappresentato dai Trouble Ticket. Trouble Ticket Un sistema [qualsiasi] per tenere traccia dei problemi, del loro stato, delle azioni per risolverli e delle deleghe relative al soggetto che ha in carico il problema stesso. Ultima nota importante... Le aree ISO/OSI non sono layer di comunicazione. Non si programmano. Servono per far lavorare i gruppi di persone! T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 15 / 43

17 Approccio IETF E l approccio IETF? KISS: Keep It Simple and Stupid Definizione di un protocollo: l SNMP. Lasciare che ciascuno si organizzi come meglio crede. Risultato pratico: si usa l SNMP come protocollo e le aree ISO/OSI per l organizzazione. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 16 / 43

18 Approccio IETF E l approccio IETF? KISS: Keep It Simple and Stupid Definizione di un protocollo: l SNMP. Lasciare che ciascuno si organizzi come meglio crede. Risultato pratico: si usa l SNMP come protocollo e le aree ISO/OSI per l organizzazione. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 16 / 43

19 Approccio IETF E l approccio IETF? KISS: Keep It Simple and Stupid Definizione di un protocollo: l SNMP. Lasciare che ciascuno si organizzi come meglio crede. Risultato pratico: si usa l SNMP come protocollo e le aree ISO/OSI per l organizzazione. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 16 / 43

20 Raccolta dati Si opera direttamente sugli elementi attivi indirettamente sugli elementi passivi La piattaforma di gestione (NMS) raccoglie i dati e agisce sugli elementi di rete (anche indirettamente). Dati prestazionali / allarmi Network Element Configurazioni Network Management System (NMS) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 17 / 43

21 Raccolta dati I principali elementi di un sistema di gestione di rete sono: Network Element da gestire Network Management System stazione di gestione Protocollo di gestione WAN - Network Elements nodo Frame Relay o ATM, commutatore SDH, sistema optoelettronico per comunicazioni in fibra ottica, router IP di dorsale, collegamento punto-punto in fibra, etc. LAN - Network Elements server di mail, Web, FTP, stampanti, switch, Access Point per WLAN, database, pc uffici, centraline telefoniche/voip, etc. Servirebbe un livello di astrazione. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 18 / 43

22 Paradigma Manager / Agent Il colloquio tra NMS e Network Element si svolge tra: processo Agent sul network element processo Manager sul NMS Manager ed Agent colloquiano usando un protocollo di gestione (e.g., SNMP) Agent Dati prestazionali / allarmi Manager Network Element Configurazioni Network Management System (NMS) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 19 / 43

23 Paradigma Manager / Agent Manager ed Agent sono due processi software che implementano oggetti logici. Ciascun Network Element non è visto come un oggetto reale, ma come una rappresentazione logica di funzionalità. E astratto. Questo permette di gestire diversi elementi diversi ma che assolvono alle stesse funzioni. Es.: un wireless access point e un terabit router... sono uguali! (quasi). Vi sono quindi due importanti parti: 1 Il protocollo di comunicazione. 2 Il sistema di rappresentazione logica. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 20 / 43

24 Management Information Base (MIB) Il Management Information Base (MIB) è il sistema attraverso cui si ha la rappresentazione logica degli oggetti gestiti: E organizzato come una directory con struttura ad albero. Le variabili del MIB rappresentano gli attributi degli oggetti, che ne determinano lo stato: es. max bit-rate di un interfaccia numero di pacchetti in coda etc. Sia NMS che Agent condividono la conoscenza del MIB. Attenzione Il MIB non è un Database, è un Information Base. La conoscenza è relativa alla struttura, non al contenuto. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 21 / 43

25 Paradigma Manager / Agent SW Management Apps HW API Agent SMNP Manager Agent Dati prestazionali / allarmi Manager Network Element Configurazioni Network Management System (NMS) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 22 / 43

26 Management Information Base (MIB) E organizzato ad albero E contenuto nel processo Agent Contiene le variabili relative al network element gestito Il Manager conosce la struttura ad albero del MIB, e la naviga mediante i messaggi SNMP di request Il MIB deriva da una struttura logica ad albero più generale, l albero delle registrazioni ISO root ccitt (0) iso (1) joint-iso-ccitt (2) standard (0) registration-authority (1) member-body (2) identified-organization (3) dod (6) Internet (1) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 23 / 43

27 Management Information Base (MIB) root ccitt (0) iso (1) joint-iso-ccitt (2) standard (0) registration-authority (1) member-body (2) identified-organization (3) dod (6) Internet (1) Il registration tree è una directory di standard Un elemento è identificato dal suo OBJECT IDENTIFIER (OID): sequenza dei rami per raggiungerlo a partire dalla radice. Internet OBJECT IDENTIFIER ::= { iso org(3) dod(6) 1 } (sintassi SMI) (formato numerico) iso.org.dod.1 (formato simbolico) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 24 / 43

28 Management Information Base (MIB) root iso (1) identified-organization (3) dod (6) Internet (1) directory (1) mgmt (2) experimental (3) private (4) mib-2 (1) I MIB SNMP sono estensioni dell albero delle registrazioni. Il MIB name è l OID che indica la radice del sottoalbero che contiene il MIB. Es: iso.org.dod.internet.management.mib-2 ( ) è l identificatore del MIB standard definito per gestire apparati TCP/IP T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 25 / 43

29 Management Information Base (MIB) root group 1 group 2 group 3 subgroup 1 table 1 obj 1 obj 2 attr 1 attr 2 attr I dati del MIB sono memorizzati nelle foglie dell albero I nodi interni del MIB rappresentano raggruppamenti logici di oggetti (gruppi) Entità multi-istanza sono memorizzate sotto forma di tabelle T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 26 / 43

30 Management Information Base (MIB) root group 1 group 2 group 3 subgroup 1 table 1 obj 1 obj 2 attr 1 attr 2 attr Variabili scalari hanno un solo valore possibile Tabelle descrivono oggetti presenti in più instanze: interfacce, connessioni, etc. ogni colonna contiene tutti i valori di un attributo per le diverse istanze T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 26 / 43

31 Management Information Base (MIB) mib-2 (RFC 1213): gestione di apparati IP 10 gruppi inizialmente definiti per 171 classi di oggetti gestiti Obbligatori: system interfaces IP ICMP SNMP L implementazione dei rimanenti gruppi è legata al tipo di dispositivo. mib-2 (1) system (1) interfaces (2) at (3) ip (4) icmp (5) tcp (6) udp (7) egp (8) transmission (9) snmp (11) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 27 / 43

32 gruppo system ( ) Contiene le informazioni principali che fanno riferimento all intero sistema sysdescr (1) sysobjectid (2) sysuptime (3) syscontact (4) sysname (5) syslocation (6) sysservices (7) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 28 / 43

33 gruppo interfaces ( ) Contiene le informazioni principali sulle interfacce ifnumber (1) iftable (2) ifentry (1) ifindex (1) ifdescr (2) iftype (3) ifmtu (4) ifspeed (5) ifphysaddress (6) ifadminstatus (7) ifoperstatus (8) iflastchange (9) ifinoctets (10) ifinucastpkts (11) ifinnucastpkts (12) ifindiscards (13) ifinerrors (14) ifinunknownprotos (15) ifoutoctets (16) ifoutucastpkts (17) ifoutnucastpkts (18) ifoutdiscards (19) ifouterrors (20) ifoutqlen (21) ifspecific (22) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 29 / 43

34 gruppo ip ( ) Contiene le informazioni principali sul livello IP... WHAT THE HELL! $ snmptranslate -Tp (interfaces) $ snmptranslate -Tp (ip)... eccetera T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 30 / 43

35 gruppo ip ( ) Contiene le informazioni principali sul livello IP... WHAT THE HELL! $ snmptranslate -Tp (interfaces) $ snmptranslate -Tp (ip)... eccetera T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 30 / 43

36 gruppo ip ( ) Contiene le informazioni principali sul livello IP... WHAT THE HELL! $ snmptranslate -Tp (interfaces) $ snmptranslate -Tp (ip)... eccetera T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 30 / 43

37 gruppo ip ( ) Contiene le informazioni principali sul livello IP... WHAT THE HELL! $ snmptranslate -Tp (interfaces) $ snmptranslate -Tp (ip)... eccetera T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 30 / 43

38 MIB privati (proprietari) Il MIB non è chiuso Molti newbie pensano che il MIB sia difficile da estendere. E falso Il MIB si può tranquillamente estendere sotto xx Internet ( ) mgmt (2) private (4) mib-2 (1) enterprises (1) ibm (2) cisco (9) sun (42) at&t (74) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 31 / 43

39 Raccolta dati Se il MIB è come si identificano gli oggetti logici gestiti, l SNMP è il protocollo con cui Manager e Agent comunicano. FTP HTTP DNS SNMP TCP UDP IP T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 32 / 43

40 SNMP - primitive Le primitive SNMP (v2c e v3) sono molto semplici: Manager to Agent GetRequest (reply: Response) GetNextRequest (reply: Response) GetBulkRequest (reply: Response * n) SetRequest (reply: Response) Agent to Manager SNMPv2-Trap InformRequest (reply: Response) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 33 / 43

41 SNMP - versioni SNMPv1 Incompatibile con le versioni successive. Mancano GetBulkRequest e InformRequest SNMPv2c Compatibile con SNMPv3. L autenticazione è debolissima. La privacy è assente. SNMPv3 Molto più complicato come autenticazione e privacy. E usabile e sicuro. v1: evitare!, v2c: usare solo per get, mai per set. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 34 / 43

42 SNMP - versioni SNMPv2c L autenticazione viene fatta tramite la conoscenza di una community. La community è trasmessa in chiaro e identifica i permessi: read e write. SNMPv3 (dalla doc. CISCO) Each user belongs to a group. A group defines the access policy for a set of users. An access policy is what SNMP objects can be accessed for reading, writing, and creating. A group determines the list of notifications its users can receive. A group also defines the security model and security level for its users. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 35 / 43

43 SNMP - ruolo Abstract Objects e2e comunication Management Apps API SW HW Agent Agent SMNP Dati prestazionali / allarmi Manager Manager Network Element Configurazioni Network Management System (NMS) SNMP permette la comunicazione, ma le Mngmt apps comunicano e2e. Diventa importante la API tra l SNMP manager e le Applicazioni e tra l Agent e la strumentazione. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 36 / 43

44 Reti multiprotocollo Non sempre si hanno apparati che rispondono a SNMP Network Management System (NMS) SNMP?? SOA ATM La soluzione è quella di fare delle traslazioni di protocollo. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 37 / 43

45 Reti multiprotocollo Network Management app SNMP Proxy: SNMP - proto X Agent app proto X UDP IP UDP IP L3 - L4 proto L3 - L4 proto L2 proto L2 proto L2 proto L2 proto Proto X è Request / Response: Proxy Proto X non è Request / Response: Gateway I Proxy costano moltissimo, ma risolvono il problema dell avere Manager differenti. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 38 / 43

46 Reti multiprotocollo Information Models Presentation services Applicazioni di Gestione Object DB MAP DB RunTime DB Event Log Applications Console API Middleware Polling Services Event Services Manager SNMP Manager OSI Servizi di Comunicazione UDP IP Network Interface Transport L3 Network (L1, L2) Una Network Management Platform dovrebbe separare: Livello di Comunicazione (SNMP o altro) Livello di Applicazione (automatica, console, etc.) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 39 / 43

47 RMON: Remote MONitoring Problemi L overhead limita la risoluzione temporale del sampling (il polling period). I dati sono relativi ad un istante ben preciso. RMON: Remote MONitoring Permette di collezionare, processare e fornire dati storici. RMON fa l analisi dei primi due livelli della pila OSI RMON 2 è un ulteriore estensione (RFC 2021) Analisi dei livelli più alti (sino al livello applicativo) Miglioramento delle capacità di filtraggio dei pacchetti Miglioramento delle funzionalità in ambiente Multi-Manager Miglioramento delle capacità di elaborazione locale dei dati sull agente RMON si interroga tramite un MIB particolare con SNMP :P T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 40 / 43

48 Altri tools Non dimenticatevi mai dei tools semplici, quali: PING Traceroute mtr (traceroute + ping) ICMP etc. Internet Protocol Flow Information Export (IPFIX) Deriva da NetFlow v9 (Cisco). E un protocollo push. La probe analizza il traffico e invia i dati a un Collector tramite IPFIX. IPFIX considers a flow to be any number of packets observed in a specific timeslot and sharing a number of properties RFC Specification of the IP Flow Information Export (IPFIX) Protocol for the Exchange of IP Traffic Flow Information (IPFIX) T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 41 / 43

49 Strumenti di gestione Nagios Nagios is a powerful monitoring system that enables organizations to identify and resolve IT infrastructure problems before they affect critical business processes. OpenNMS OpenNMS is the world s first enterprise grade network management application platform developed under the open source model. Cacti Cacti is a complete network graphing solution designed to harness the power of RRDTool s data storage and graphing functionality. T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 42 / 43

50 Strumenti di gestione Zenoss Zenoss assures IT service delivery to applications, business services and real-time physical, virtual, and cloud-based infrastructures. Controllare sempre che: 1 Sia supportato l uso di Trouble Tickets. 2 Sia possibile definire utenti con privilegi diversi (Aree ISO/OSI) 3 Non sia un tool over-engineered 4 ssh è comunque il vostro miglior amico.... buon monitoring & managing! T. Pecorella (DET) SGRtlc 06 - aa 2010/11 43 / 43

La gestione di rete basata su SNMP

La gestione di rete basata su SNMP Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete basata su SNMP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Chi gestisce cosa e come? 2.

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

La gestione di rete OSI

La gestione di rete OSI Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete OSI pecos,giada@lenst.det.unifi.it 1 Cosa e come gestire? I servizi Workstation Gestore di rete Workstation Server Router 2 1.1 Cosa

Dettagli

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag.

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. SNMP e RMON Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s Mario Baldi Politecnico di Torino SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Progetto di rete: Capacity Planning

Progetto di rete: Capacity Planning Progetto di rete: Capacity Planning Il Capacity Planning comprende tutta una serie di attività, che vanno dal monitoraggio e controllo dei carichi di rete al design della topologia, mediante le quali si

Dettagli

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Network Management Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Cos è il network management? Gli autonomous system (o network ): centinaia o migliaia di oggetti hardware e software che interagiscono Come

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Reti di TLC Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Software di gestione della stampante

Software di gestione della stampante Questo argomento include le seguenti sezioni: "Uso del software CentreWare" a pagina 3-11 "Uso delle funzioni di gestione della stampante" a pagina 3-13 Uso del software CentreWare CentreWare Internet

Dettagli

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Di Bruni Eden Diploma di Informatica Università degli studi di Pisa Pisa Italy E-Mail: bruni@cli.di.unipi.it 1.

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.)

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Servizi Gennaio 2013 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241 - sales@scorylus.it

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

Sicurezza delle reti. Monga. Ricognizione. Scanning Network mapping Port Scanning NMAP. Le tecniche di scanning. Ping. Sicurezza delle reti.

Sicurezza delle reti. Monga. Ricognizione. Scanning Network mapping Port Scanning NMAP. Le tecniche di scanning. Ping. Sicurezza delle reti. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it Port Lezione IV: Scansioni Port a.a. 2011/12 1 c 2011 12 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Una minaccia dovuta all uso dell SNMP su WLAN

Una minaccia dovuta all uso dell SNMP su WLAN Una minaccia dovuta all uso dell SNMP su WLAN Gianluigi Me, gianluigi@wi-fiforum.com Traduzione a cura di Paolo Spagnoletti Introduzione Gli attacchi al protocollo WEP compromettono la confidenzialità

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna

Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

Dal Monitoraggio dell infrastruttura IT al Business Service Management. Stefano Arduini Senior Product Specialist

Dal Monitoraggio dell infrastruttura IT al Business Service Management. Stefano Arduini Senior Product Specialist Dal Monitoraggio dell infrastruttura IT al Business Service Management Stefano Arduini Senior Product Specialist ManageEngine: IT Management a 360 Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Dott. Sergio Rizzato (Ferplast SpA) Dott. Maurizio

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula inebula Connect 22 aprile 2015

inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula inebula Connect 22 aprile 2015 inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula Internet of Everythings Entro il 2020 il numero gli oggetti collegati alla rete raggiungerà il livello di 25 MLD di unità con una crescita

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

The project. http://www.interdatanet.org

The project. http://www.interdatanet.org Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni (DET) Laboratorio di Tecnologie della Telematica (LTT) The project http://www.interdatanet.org WORK

Dettagli

Riccardo Paterna

Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release pubblica v 0.4 (GPL2)

Dettagli

Introduzione. Sommario: Obiettivo:

Introduzione. Sommario: Obiettivo: Introduzione Obiettivo: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: descrittivo uso di Internet come esempio Sommario: Introduzione Cos è Internet Cos è un protocollo? network edge network core

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

NEAL. Increase your Siebel productivity

NEAL. Increase your Siebel productivity NEAL Increase your Siebel productivity Improve your management productivity Attraverso Neal puoi avere il controllo, in totale sicurezza, di tutte le Enterprise Siebel che compongono il tuo Business. Se

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server.

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Luca Morlando Corso di Sistemi per l'elaborazione dell'informazione: complementi di Gestione di Reti pagina 1 di 33 Indice generale Definizione

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Corso di recupero di sistemi Lezione 8

Corso di recupero di sistemi Lezione 8 Corso di recupero di sistemi Lezione 8 a.s. 2011/2012 - Prof. Fabio Ciao 24 aprile 2012 Reti TCP/IP Una rete TCP/IP è una rete locale o geografica che utilizza protocolli TCP/IP con i primi 2 livelli una

Dettagli

Real User Monitoring e Open Source System Management in InfoCamere

Real User Monitoring e Open Source System Management in InfoCamere Real User Monitoring e Open Source System Management in InfoCamere Leo Renier Franco Stoppini IT Department InfoCamere Società Consortile delle Camere di Commercio, è la struttura di gestione e divulgazione

Dettagli

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP. Cosa fa DHCP. Il DHCP. Mattia Monga. a.a.

Sicurezza dei sistemi e delle reti 1. Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP. Cosa fa DHCP. Il DHCP. Mattia Monga. a.a. Sicurezza dei sistemi e delle 1 Mattia Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it Lezione XVI: L assegnazione automatica di IP a.a. 2014/15 1 cba 2011 15 M.. Creative

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP PARTE I - Reti di Calcolatori ed Internet MODELLI ISO/OSI e TCP/IP 2.1 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto tra OSI e TCP/IP ARPANET Ethernet Reti ATM reti

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Corso di Informatica - II anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti n Modalità di collegamento

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Facoltà di Medicina Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica - III anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti Modalità di collegamento alla

Dettagli

SNMP Watch Dog (Specifiche)

SNMP Watch Dog (Specifiche) SNMP Watch Dog (Specifiche) Progetto di Esame di Reti di Calcolatori Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Realizzato da Scocco Gianfranco, matricola n. 21 03 50701 SNMP Watch Dog Sistema

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003

Forum ICT Security. Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org. Roma 4 Novembre 2003 Forum ICT Security Sandro Fontana, CISSP CEO Secure Edge sfontana@secure-edge.com s.fontana@computer.org Roma 4 Novembre 2003 Premessa Ich Sunt Leones/1 Ich Sunt Leones/2 Laptop TELCO Partner Offices Firewall

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s.

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s. Programma svolto di Informatica classe VC S.I.A a.s. 2014/2015 MODULO 1 I SISTEMI OPERATIVI U.D. 1 Organizzazione dei Sistemi Operativi U.D. 2 Struttura e funzionamento di un Sistema Operativo U.D. 3 Tipi

Dettagli