Rassegna dei principali lavori scientifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna dei principali lavori scientifici"

Transcript

1 DSM 1793 Rassegna dei principali lavori scientifici ITALCHIMICI

2 Indice Introduzione pag. 1 Studi sull uomo Colonizzazione GI pag. -3 Risposta immune pag. 4- Neonati pretermine pag. 6- Neonati chirurgici pag. 9 Coliche infantili pag. 1 Rigurgito infantile pag. 11 Stipsi funzionale pag. 1 Dolore addominale funzionale pag. 13 Intolleranza al lattosio pag. 14 Diarrea pag Allergia pag Eczema atopico pag. 19- Helicobacter pylori pag. 1-4 Dose ranging e sicurezza pag. Ceppo umano pag. 6 Studi di laboratorio e sugli animali Reuterina pag. 7- Studi sugli animali pag. 9-3 Stabilità dei probiotici pag. 33 Bibliografia pag. 34-3

3 Introduzione La possibilità di modulare la flora batterica intestinale in senso benefico per l'ospite è diventata una realtà con l'impiego dei probiotici. Si fa sempre più strada il concetto di affiancare i probiotici alle terapie già in uso, con miglioramento del risultato terapeutico e con riduzione degli effetti collaterali derivanti dal carico farmacologico, che in questo caso può essere ridotto. In ultima analisi, si tende ad introdurre dei criteri di medicina basata sul potenziamento della fisiologia intestinale anziché sull'impiego di principi farmacologici di scarsa selettività e quindi frequentemente responsabili di effetti collaterali. La ricerca mette oggi a disposizione microganismi ad attività probiotica in grado di svolgere un'azione competitiva nei confronti dei patogeni intestinali e di esplicare un'attività immunomodulante. La scelta del probiotico da utilizzare deve essere indirizzata verso un prodotto la cui affidabilità ed efficacia siano sostenute da una consolidata evidenza clinica. Le Linee Guida sui probiotici raccomandano l utilizzo di probiotici ceppo-specifici i cui effetti sull uomo, in termini di efficacia e sicurezza, siano sostenuti da una documentata evidenza clinica in studi controllati. è considerato una delle poche specie di Lattobacilli veramente autoctone del tratto gastrointestinale dell'uomo ed è ampiamente utilizzato per le sue documentate proprietà probiotiche. La sicurezza di DSM 1793 ( ex ATCC 73) è stata ripetutamente dimostrata in adulti sani, soggetti immunocompromessi, donne in gravidanza, bambini nati a termine e pretermine. Dati clinici provenienti da 4 studi clinici, su una popolazione di 3699 soggetti investigati, mostrano che colonizza il tratto gastrointestinale umano e modula particolarmente la risposta immune. Questa rassegna su DSM 1793 documenta in sintesi i risultati dei lavori più significativi condotti in laboratorio, negli animali e nell uomo. Almerino Carrer Pharma Consultant è uno dei probiotici meglio documentati in clinica specialmente nei bambini. Ad oggi sono stati effettuati 1 studi clinici su una popolazione di 6 soggetti di tutte le età. I resultati sono stati pubblicati in 69 articoli nelle principali riviste scientifiche e tesi di dottorato di ricerca. Lavori clinici completati nel 1 1 studi clinici su 6 soggetti: 76 studi controllati in doppio cieco in 6 soggetti 3 studi in aperto in 177 soggetti 3 studi in 39 bambini di -3 anni, 17 studi in 11 bambini di 4-1 anni 6 studi in 76 adulti (>1 anni) 1

4 Colonizzazione GI La presenza di nel microbioma umano è stata da tempo documentata. è stato naturalmente isolato in campioni fecali, nel 1-3 latte materno e nella vagina di molti soggetti. La capacità di di colonizzazione il tratto gastrointestinale, dopo supplementazione orale, era già 4 stata documentata da Aino Karvonen et al. in un lavoro di dose ranging e sicurezza nei neonati (pag. ). Nel 4, Nana Valeur et al. hanno definitivamente dimostrato che la supplementazione orale di permette la sua colonizzazione nel tratto gastrointestinale umano. Questo studio era stato disegnato per esaminare la colonizzazione della mucosa gastrointestinale umana in situ, dopo somministrazione orale di, e per determinare la conseguente risposta immune in sede di colonizzazione. In questo lavoro clinico in aperto, 1 volontari sani e 9 volontari ileostomizzati furono sottoposti a gastroscopia o ileoscopia con prelievi bioptici dallo stomaco, dal duodeno e dall'ileo prima e dopo assunzione di 4x1 CFU di al giorno per giorni. I campioni bioptici della colonizzazione furono analizzati con una sonda ad ibridazione molecolare in situ, a captazione di fluorescenza, e le cellule immunologiche furono determinate con l'immunocolorazione. endogeno fu rilevato nello stomaco di 1 soggetto e nel duodeno di 3 soggetti (dei 1 soggetti). Dopo l'assunzione di, lo stomaco di soggetti ed il duodeno di tutti i 1 soggetti furono colonizzati. Tre soggetti ileostomizzati (dei sei esaminati) mostrarono endogeno alla baseline, mentre tutti e sei evidenziarono la colonizzazione dopo assunzione di L. reuteri. Dopo somministrazione di, il numero degli istiociti della mucosa gastrica si ridusse ed il numero di B- linfociti duodenali aumentò. La somministrazione di indusse un significativo aumento dei T-linfociti CD4+ nell'epitelio dell'ileo. Conclusione La somministrazione di induce una significativa colonizzazione dello stomaco, del duodeno e dell'ileo nell'uomo, che è associata a significative modifiche della risposta immune nella mucosa gastrointestinale. Queste risposte possono essere le componenti chiave di un meccanismo attraverso il quale esercita i suoi ben documentati effetti probiotici nell'uomo. Biopsie dell ileo umano dopo colonizzazione di Prima Dopo Cellule CD4+ T-helper disperse Cellule CD4+ T-helper attivate e reclutate soddisfa i requisiti di un probiotico ideale poiché dimostra di essere vivo all assunzione, di resistere al ph acido, ai sali biliari ed ai succhi pancreatici e di colonizzare l intero intestino alla dose raccomandata: 1 CFU.

5 Colonizzazione GI 1 mese di supplementazione 6 mesi di supplementazione Corpo Antro Corpo Antro Incisura angularis Glintborg V et al.,int J Probiotics Prebiotics : Duodeno Ileo N. Valeur, et al. Colonization and Immunomodulation by Lactobacillus reuteri ATCC 73 in the Human Gastrointestinal Tract. Applied And Environmental Microbiology, Feb. 4, Vol. 7, No. 3

6 Risposta immune Il tessuto linfoide associato all'intestino (GALT) è oggi considerato un organo linfoide primario, poichè i precursori cellulari del midollo osseo si localizzano nell'epitelio intestinale (homing) dove avviene un arrangiamento genetico dei recettori ed una differenziazione delle cellulet. Visto il potenziale antigenico del microbiota intestinale e la sua vicinanza con questo tessuto linfoide primario, una serie di intercomunicazioni (cross talk interactions) si verificano fra l'ospite ed alcuni elementi del suo microbiota. L'efficacia di un probiotico è basata su queste interazioni. Gli effetti di sul sistema immune intestinale sono,6-9,39 stati investigati in diversi studi sugli animali. L'effetto di sui linfociti intestinali è stato 4 documentato nei pulcini allevati in condizione di stress. È stato osservato che i pulcini trattati con, rispetto ai non trattati, mostrano un aumento dei linfociti CD4 + (T helper), ma non dei CD+ (T citotossici) nella lamina propria della regione ileale del tratto GI. Benchè un simile effetto sia già stato illustrato da Nana Valeur anche nella mucosa ileale dell uomo, è importante documentare il miglioramento della risposta immune dal punto di vista clinico. Sono stati condotti in soggetti sani due lavori controllati contro placebo, al fine di documentare l effetto della supplementazione orale di sul miglioramento della risposta immune. Il primo studio clinico in doppio-cieco, placebo-controllato 1 è stato condotto da Zvi Weizman et al. per investigare l'effetto di specie diverse di probiotici nella prevenzione delle infezioni infantili nei centri pediatrici. 1 bambini sani nati a termine di 4-1 mesi di età sono stati scelti a random per essere alimentati con una formula addizionata o con Bifidobacterium lactis (BB-1) o con (ATCC 73), o senza probiotico. La durata dell'alimentazione, incluso il periodo di followup, è stata di 1 settimane per ogni bambino. I principali dati misurati sono stati: il numero di episodi di malattia con febbre (>3 C), con diarrea o con malattia respiratoria. Risultati (Fig. 1) I controlli (n=6), comparati con quelli alimentati con B. lactis (n=73) o (n=6), hanno manifestato significativamente più episodi febbrili (media [9% I.C.]:.41 [.-.4] vs.7 [ ] vs.11[.4-.1], rispettivamente). I controlli hanno manifestato più episodi di diarrea (.31 [.-.4] vs.13 [.-.1] vs. [.1-.], rispettivamente) e con una durata in giorni più lunga (.9 [.34-.4] vs.37 [.-.66] vs.1 [.1-.1], rispettivamente). Il gruppo, comparato al gruppo BB-1 o ai controlli, ha ridotto significativamente il numero dei giorni con febbre, delle visite mediche, dell'assenze dai nidi e delle prescrizioni antibiotiche. Conclusioni I bambini alimentati con formula addizionata con o B lactis hanno avuto minori episodi di febbre e di diarrea, senza alcun effetto sulle malattie respiratorie. Questi effetti sono stati più evidenti con, che è stato l'unico probiotico a migliorare gli altri parametri di morbosità. Il secondo studio clinico in doppio-cieco, placebo 11 controllato, condotto da Py Tubeliuset al., ha esaminato l'effetto del probiotico (ATCC 73) sulla sua capacità di migliorare la salute dei lavoratori, riducendo le infezioni respiratorie o gastrointestinali di breve durata. 6 lavoratori della TetraPak in Svezia (sia lavoratori giornalieri che turnisti), sani all'inizio dello studio, sono stati randomizzati per ricevere una dose quotidiana di 1 CFU di o placebo per giorni. è stato somministrato utilizzando una cannuccia per liquidi contenente il probiotico. 11 soggetti hanno aderito al protocollo di studio, 94 sono stati randomizzati per il trattamento con e 7 con il placebo. Risultati (Fig. ) Nel gruppo placebo il 6.4% ha riportato assenze dal lavoro per malattia durante lo studio comparato con il 1.6% del gruppo con (p <.1). La frequenza dei giorni di malattia è stata del.9% nel gruppo placebo e.4% nel gruppo (p <.1). Fra i 3 lavoratori turnisti, il 33% del gruppo placebo si è ammalato durante il periodo dello studio, mentre nel gruppo trattato con nessun turnista si è ammalato (p <.). Conclusioni Quest ultimo dato conferma e rafforza l effetto sul miglioramento della risposta immune di, poichè nei i lavoratori turnisti è stata da tempo documentata una riduzione della risposta immune correlata alle condizioni di lavoro. 4

7 Risposta immune 1 Fig.1 Riduce gli episodi di malattia nel lattante Episodi di malattia 4 4 (n = 6 BB-1 (n = 73) (n = 6) vs. BB1 o L.r p <,1 Altri parametri 6 3 Percentuale ns Percentuale 4 3 Febbre (>3 ) Gastrointestinali Respiratori 1 Visite Assenze dal nido Antibiotici Weizman Z, Asli G, Alsheikh A. Effect of a probiotic infant formula on infections in child care centers: Comparison of two probiotic agents. () Pediatrics 11: Fig. Riduce gli episodi di malattia nell adulto % di soggetti che si sono ammalati durante lo studio Gruppo n = 94 Gruppo n = 7 Significatività p<.1 p<. No. di soggetti ammalati (%) Giorni di malattia per individuo 1 (11%) 3 3 (6%) 3 p<.1, Pearsons N.s 3 1 Frequenza di giorni di malattia, gruppo intero.4%.9% p<.1, Kruskal-Wallis 1 Tutti i lavoratori Turnisti Py Tubelius, Vlaicu Stan, Anders Zachrisson. Increasing work-place healthiness with the probiotic : A randomised, double-blind placebo-controlled study. Environmental Health: A Global Access Science Source, 4:

8 Neonati pretermine L'incidenza di Candidemia nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatali (NICU) è valutata dal 1.6 al 9% nei neonati a peso molto basso alla nascita e del 1% nei neonati a peso estremamente basso. Il basso peso alla nascita è un importante fattore di rischio di mortalità neonatale e di varie condizioni morbose, a causa dell'immaturità del sistema immune e della funzione della barriera gastrointestinale, così come delle procedure diagnostiche e terapeutiche invasive. La specie Candida è stata classificata al secondo posto per frequenza nelle colture ematiche ottenute da neonati in strutture ad alto rischio. La colonizzazione GI da Candida è inoltre associata ad un aumentato rischio di infezioni micotiche sistemiche. Il tratto GI sembra essere il distretto più implicato nella disseminazione sistemica. I neonati pretermine ricoverati in NICU ospitano una flora batterica fortemente modificata, composta da meno di specie, dove predominano stafilococchi (coagulasi negativo ed aureo), enterobacteriacee (Klebsiella), enterococchi e Clostridi. Si ritiene che la diversità microbica sia un importante fattore nel determinare la stabilità del microbiota intestinale e che la perdita di tale diversità predisponga i prematuri alla colonizzazione GI di funghi e batteri antibiotico-resistenti, con potenziale rischio d insorgenza di infezioni. 1 In questo lavoro prospettico gli Autori hanno valutato: a) l'efficacia dei probiotici nella prevenzione della colonizzazione GI da Candida e la riduzione del rischio d infezioni batteriche e/o micotiche nella NICU; b) gli effetti dello sviluppo neurale nei neonati con candidiasi rispetto i neonati di controllo; c) l effetto della supplementazione probiotica sulle conseguenze cliniche neurologiche dei neonati. Lo studio è stato condotto in 49 pretermine, con età gestazionale < 37 settimane e con peso alla nascita < suddivisi a random in tre gruppi: 1) un gruppo (n =3) trattato con, gocce al giorno pari 1 CFU somministrate via sondino nasogastrico, ) un gruppo (n =3) trattato con Lactobacillus rhamnosus, 9 una capsula al giorno pari a 6x1 CFU dispersa in acqua, 3) un gruppo di controllo senza supplementazione probiotica (n=3). La supplementazione probiotica è stata iniziata a 7 ore dall ospedalizzazione e mantenuta fino alla dimissione dalla NICU. La coltura delle feci, dell'aspirato gastrico e del tampone faringeo è stata eseguita alla nascita ed a 7, 14, 1 e giorni. Il paziente è stato considerato a rischio di candidosi 6 sistemica se presentava x1 CFU di Candida per g di feci. Sono stati monitorati i segni clinici dell'instaurarsi di infezione quali: febbre, crisi di desaturazione, apnea, bradicardia, pallore o colorito grigiastro, necessità di supplementazione di O e/o reintubazione. Tutti i neonati sono stati valutati due volte al giorno per i sintomi gastrointestinali: rigurgito, vomito, stasi gastrica, distensione addominale e caratteristiche delle feci. Il peso è stato misurato quotidianamente ed è stato registrato il giorno di sospensione della nutrizione parenterale. Sono stati monitorati i seguenti dati di laboratorio: colture liquidi organici, PCR, emocromo, antigenemia per Candida. Sono state eseguite indagini ecografie (renali, cardiache, addominali, transfontanellari), esame del fundus oculi e radiografie toraciche per accertare eventuali localizzazioni micotiche d'organo. Lo stato neurologico è stato valutato in tutti i neonati a 1 mesi con metodo Hammersmith Infant Neurological Examination. Risultati (pag.7) La colonizzazione fecale da Candida è stata riscontrata significativamente più alta (p <.1) nel gruppo di controllo. Il gruppo ha presentato una più significativa riduzione dei sintomi GI rispetto al gruppo L. rhamnosus ed al gruppo di controllo. Il gruppo ha mostrato un inferiore durata della nutrizione parenterale rispetto al gruppo L. rhamnosus ed a quello di controllo, come pure un più rapido raggiungimento.1 del minimo quoziente energetico (kcal/ kg ). I neonati trattati con probiotici hanno mostrato una incidenza significativamente più bassa di conseguenze neurologiche anormali rispetto al gruppo di controllo. Conclusioni L'uso dei probiotici sembra essere efficace nella prevenzione della colonizzazione GI da Candida, nella protezione da insorgenza ritardata di infezioni sistemiche e nella riduzione delle conseguenze neurologiche anormali nei neonati pretermine. MG Romeo, DM Romeo, L Trovato, S Oliveri, F Palermo, F Cota, P Betta. Role of probiotics in the prevention of the enteric colonization by Candida in preterm newborns: incidence of late-onset sepsis and neurological outcome. Journal of Perinatology (1),

9 Neonati pretermine Neonati con sintomi GI Neonati con infezioni N neonati L. rhamnosus 36 Controlli N neonati Controlli L. rhamnosus 1 Infezioni batteriche Infezioni micotiche Quoziente energetico raggiunto Nutrizione parenterale 6 6 Giorni 4 3 Giorni L. rhamnosus Controlli L. rhamnosus Controlli Trattamento antibiotico Giorni di ospedalizzazione 3 1 Giorni 1 Giorni L. rhamnosus Controlli L. rhamnosus Controlli Lo Scatter plot mostra i valori minimi e massimi ( ), il percentile ( ) 7 percentile () ed i valori medi ( ). 7

10 Neonati pretermine Il microbiota intestinale partecipa allo sviluppo ed al mantenimento delle funzioni sensoriali e motorie intestinali, inclusa la promozione dell attività propulsiva intestinale. Di particolare rilevanza, è il ruolo chiave esercitato dal microbiota sullo sviluppo e sulla promozione della funzione neuromotoria dell intestino. Le interazioni fra microbiota e motilità sono bidirezionali poiché la funzione motoria dell intestino controlla la crescita batterica promuovendo l espulsione fisiologica dei batteri in eccesso. La disgregazione di questa equilibrata interazione tra microbiota e motilità conduce a conseguenze locali (intestinali) e sistemiche (extraintestinali) con produzione di una sintomatologia che risulta estremamente amplificata nell intestino del neonato prematuro. Da alcuni studi emerge che il microbiota enterico potrebbe giocare un ruolo cruciale nel favorire una normale funzione motoria intestinale. 13 F. Indrio et al, hanno condotto un intrigante lavoro pilota per valutare l effetto di sulla tolleranza alimentare e sulla motilità GI in neonati pretermine sani alimentati con formula. Sono stati arruolati trenta neonati pretermine; 1 alimentati esclusivamente al seno, i rimanenti neonati, alimentati con formula standard, sono stati suddivisi casualmente per essere supplementati in doppio cieco con (1 CFU al giorno) o placebo per 3 giorni. Sono stati registrati i sintomi clinici della funzione gastrointestinale (rigurgito, vomito, pianto inconsolabile ed evacuazioni) e le variabili fisiologiche (attività elettrica gastrica pre e post prandiale). Le misurazioni antrali sono state eseguite prima del pasto, e ad intervalli regolari di 3 minuti fino a 1 minuti dopo il pasto. In ciascun paziente sono stati registrati e calcolati l area antrale a digiuno e dopo il pasto, il T1/ ed il gastric emptying rate che sono indici dell efficienza dello svuotamento gastrico. Risultati I neonati supplementati con hanno mostrato una significativa riduzione del rigurgito, del tempo medio di pianto giornaliero ed un più elevato numero di movimenti intestinali comparati con i neonati trattati con placebo. La velocità di svuotamento gastrico è aumentata significativamente e l'area antrale a digiuno è risultata significativamente ridotta nei neonati supplementati con comparati con il placebo. Conclusioni Questi risultati suggeriscono un utile ruolo della supplementazione di nel miglioramento della tolleranza al cibo e delle funzioni intestinali nei neonati. pretermine alimentati con formula. 6 % di svuotamento gastrico p<.4 p< Area antrale a digiuno (cm ) p<.3 p< Alimentati al seno Formula + placebo Formula + Alimentati al seno Formula + placebo Formula + Flavia Indrio, Md, Giuseppe Riezzo, Md, Francesco Raimondi, Md, Massimo Bisceglia, Md, Luciano Cavallo, Prof, And Ruggiero Francavilla, Md, Phd. The Effects Of Probiotics On Feeding Tolerance, Bowel Habits, And Gastrointestinal Motility In Preterm Newborns. J Pediatr ;1:1-6.

11 Neonati chirurgici Nei neonati sottoposti ad interventi chirurgici maggiori (atresia esofagea, ernia diaframmatica, malformazioni intestinali) l'uso di drenaggi, catetere venoso centrale, sondino naso-gastrico, NPT, aumenta il rischio di colonizzazione batterica e/o fungina gastrointestinale che, in questi neonati defedati, può essere causa di sepsi grave o di polmoniti. Sono stati studiati gli effetti di due differenti probiotici nel prevenire le infezioni in un gruppo di neonati affetti da patologie chirurgiche maggiori ricoverati 1 in UTIN. 14 Lo studio è stato condotto su 4 neonati con età gestazionale media di 36.4 ±.7 settimane e con peso medio alla nascita di 6±644 g, affetti da patologie chirurgiche maggiori ricoverati presso la nostra UTIN. I neonati sono stati suddivisi in tre gruppi: I gruppo di neonati trattati con ; II gruppo di neonati trattati con probiotico L. GG e III gruppo di neonati che non assumevano probiotici. è stato utilizzato alla dose di gocce/die pari a 1x1 CFU, LGG alla dose 9 di 1 cps/die pari a 3x1 CFU. La supplementazione probiotica è durata per tutta la durata della degenza. La coltura delle feci, dell'aspirato gastrico e del tampone faringeo sono stati eseguiti alla nascita ed ogni settimana per un mese. Il paziente veniva considerato a rischio di candidosi sistemica se 6 presentava x1 UFC di Candida per g di feci. Sono stati monitorati i segni clinici dell'instaurarsi di infezione quali: febbre, crisi di desaturazione, apnea, bradicardia, pallore o colorito grigiastro, necessità di di O e/o reintubazione. Il peso è stato misurato quotidianamente ed è stato rilevato il giorno di sospesione della nutrizione parenterale. Sono stati monitorati anche i seguenti dati di laboratorio: colture liquidi organici, PCR, emocromo, antigenemia per la Candida. Sono state eseguite inoltre indagini strumentali, quali ecografie (renali, cardiache, addominali, transfontanellari), esame del fundus oculi e Rx torace per accertare eventuali localizzazioni d'organo micotiche. Il trattamento antimicotico è stato e f fe t t u a t o c o n A m fo t e r i c i n a B liposomiale. Risultati L'infezione da Candida è stata maggiore nel gruppo controllo (37..%) vs il gruppo trattato con L.GG (%) e vs il gruppo trattato con (1.%). Anche il numero di infezioni batteriche è stato significativamente più alto nel gruppo di controllo (%) rispetto al gruppo trattato con L. GG (6%). Nel gruppo nessuno ha presentato infezione batterica (p<.). Conclusioni Abbiamo ha dimostrato che l'uso dei probiotici riduce l'insorgenza di infezioni nei neonati sottoposti ad intervento chirurgico permettendo anche un miglioramento dell'outcome clinico. 1 Tipologia delle malformazioni dei neonati N Neonati Intestinali Genito urinarie Atresia esofagea Mielo meningocele 1 Fistola tracheale 1 Ernia diaframmetica Andamento clinico dei neonati Giorni di degenza Infezioni batteriche e micotiche Giorni di terapia antimicotica Giorni Giorni Controlli LGG Neonati Controlli LGG ,7 9 Controlli LGG 19 Giornate medie di nutrizione parenterale Giornate medie per QE 1/Kcal/Kgxos Infezioni batteriche Infezioni micotiche Probiotics in the prevention of bacterial and Candida infections in newborns submitted to greater surgical interventions and admitted in NICU. Retrospective group controlled study. ESPGHAN, Barcelona 9-1 May 7 9

12 Coliche infantili La colica infantile colpisce il 3-% dei lattanti nei primi 3 mesi di vita. La colica infantile è caratterizzata da un pianto parossistico, eccessivo ed inconsolabile senza causa identificabile. Il ruolo di un microbiota intestinale alterato è stato recentemente riproposto come causa di dismotilità intestinale e produzione eccessiva di gas. F. Savino et al., in un precedente lavoro prospettico 1 randomizzato, avevano dimostrato che ATCC 73 migliorava i sintomi della colica nei confronti del simeticone in infanti allattati al seno. In questo studio randomizzato in doppio-cieco, placebo 16 controllato, F. Savino et al. hanno valutato l efficacia di L. reuteri DSM 1793 nel trattamento delle coliche infantili. 46 su lattanti reclutati, con diagnosi di colica infantile secondo i criteri di Wessel, hanno completato lo studio. Tutti i lattanti nati a termine, di età compresa tra e 16 settimane, allattati esclusivamente al seno, non in terapia con antibiotici o probiotici nei 7 giorni precedenti I'arruolamento, senza riscontro di patologie GI, sono stati randomizzati ad assumere (1 CFU/die) o placebo per 1 giorni. Nei giorni e 1 sono stati raccolti i campioni di feci poi analizzati con il metodo FISH. Risultati. 46 pazienti hanno completato lo studio ( nel gruppo e 1 nel gruppo placebo). Al momento dell'inclusione (giorno ) il tempo medio di pianto giornaliero era di 37 minuti (6 ore e 17 minuti) nel gruppo vs 3 minuti ( ore) nel gruppo placebo. Dopo 7 giorni di supplementazione, il tempo medio di pianto è diminuito del 74% nel gruppo rispetto al 3% nel gruppo placebo. Al termine dello studio (giorno 1) la differenza fra i due gruppi è stata altamente significativa (3 minuti nel gruppo vs 9 minuti nel gruppo placebo). Durante lo studio è stato osservato nel gruppo, un significativo aumento dei lattobacilli fecali (p=.) ed una riduzione dell E. coli e dell ammoniaca nelle feci (p=.1). Conclusione. La somministrazione di DSM 1793 a infanti con coliche gassose è ben tollerata e migliora i sintomi comparata con il placebo e questo effetto può essere dovuto ai cambiamenti indotti nel microbiota fecale, particolarmente dell E. coli Durata media giornaliera del pianto (minuti) Lattanti colitici p =.17 p =. p =.99 p = Giorni di trattamento 1 6 (n = 46) (n = ) (n = 1) 9 3 Responders % % 96% % 71% 6% 3% Giorno 7 Giorno 14 Giorno 1 Giorni di trattamento F. Savino, L. Cordisco, V. Tarasco, E. Palumeri, R. Calabrese, R. Oggero, S. Roos, D. Matteuzzi. DSM 1793 in infantile colic: randomized, double-blind placebo controller trial. Pediatric, published on line Aug 16,1. 1

13 Rigurgito infantile Il reflusso gastroesofageo (GER) è molto comune durante l'infanzia e spesso si manifesta con episodi di rigurgito e vomito. La frequenza del rigurgito può variare molto e uno dei fattori principali è l'età del bambino. Il reflusso può essere determinato da una serie di fattori che coinvolgono alterazioni del sistema nervoso esofageo, gastrico ed enterico. Il rilasciamento transitorio dello sfintere esofageo inferiore sembra essere il fattore cardine, attivato dalla distensione gastrica attraverso i recettori specifici dello stomaco. Invece il ruolo delle alterazioni dello svuotamento gastrico sembra essere ancora controverso. È stato dimostrato che il rigurgito può essere associato ad alterata accomodazione e/o alterata motilità antrale. F. Indrio et al. avevano in precedenza dimostrato che L. reuteri somministrato a neonati pretermine alimentati con formula induceva una significativa diminuzione dei casi di rigurgito e della frequenza media del pianto giornaliero 13 rispetto al placebo, modulando le dimensioni dell'area antrale. 17 In questo lavoro F. Idrio et al. hanno valutato se, in lattanti con rigurgito funzionale, fosse in grado di agire sulle dimensioni dell'area antrale e se a questo fosse associata una riduzione degli episodi di rigurgito. 4 infanti alimentati con formula ed affetti da rigurgito sono stati randomizzati per assumere DSM 1793 ad una dose di 1 CFU al giorno o placebo per 3 giorni. Gli episodi di rigurgito sono stati registrati dai genitori ogni giorno. Il tempo di svuotamento gastrico è stato registrato con ecografia gastrica in tempo reale alla baseline ed alla fine dello studio. 1 infanti senza rigurgito sono stati arruolati per comparare i parametri antropometrici e fisiologici prima dell intervento dietetico. Risultati Trenta-quattro infanti hanno completato lo studio (19 con e 1 con placebo). Alla baseline, l intero gruppo di lattanti era simile al gruppo di controllo per quanto riguardava i dati antropometrici e fisiologici. L area antrale media a digiuno è stata significativamente ridotta, (P=.1), il delta percentuale di svuotamento gastrico è stato significativamente aumentato (P =.1) e la media degli episodi giornalieri di rigurgito si è ridotta (P <.1) nel gruppo rispetto al gruppo placebo. Nell intero gruppo, la frequenza del rigurgito e l area antrale hanno mostrato una correlazione positiva (r=.3, P =.4). Conclusioni Nei lattanti con GER funzionale, DSM 1793 riduce dilatazione gastrica ed accelera lo svuotamento gastrico. Inoltre, questo ceppo probiotico sembra diminuire la frequenza del rigurgito. Area antrale a digiuno Svuotamento gastrico Area antrale a digiuno/rigurgiti % 4 cm 7 p=.4 cm 6 6 Area antrale p=.1 - p=.1 Area antrale 4 3 L.reuteri -4 L.reuteri Numero di rigurgiti Flavia Indrio, Giuseppe Riezzo, Francesco Raimondi, Massimo Bisceglia, Antonia Filannino, Luciano Cavallo and Ruggiero Francavilla. accelerates gastric emptying and improves regurgitation in infants. Eur J Clin Invest 1. 11

14 Stipsi funzionale Il razionale d uso dei probiotici nel trattamento della stipsi è basato sulla disbiosi del microbiota intestinale in pazienti con stipsi funzionale cronica. Le feci dei bambini affetti da stipsi mostrano un alterato microbiota, caratterizzato da un elevata colonizzazione di Clostri che non è presente nei bambini sani. Inoltre i lattobacilli ed i bifidobatteri migliorano la motilità intestinale attraverso la produzione di acido lattico ed acido acetico che abbassano il ph nel colon. Un basso ph aumenta la peristalsi del colon e di conseguenza diminuisce il tempo di transito che può risultare utile nel trattamento della stipsi. 1 In questo studio in doppio-cieco randomizzato, contro placebo, sono stati valutati gli effetti benefici di DSM 1793 in infanti con stipsi funzionale cronica. 44 infanti con stipsi funzionale cronica, di almeno 6 mesi di età (media ± SD,.±.4 SD; maschi/femmine, 4/) sono stati randomizzati in gruppi: Gruppo A (n = ) trattato con e Gruppo B (n = ) trattato con identico placebo. Parametri primari valutati: frequenza di movimenti intestinali per settimana, consistenza delle feci e la presenza di episodi di pianto inconsolabile, registrati su una scheda giornaliera dai genitori. Risultati Gli infanti trattati con hanno manifestato una frequenza significativamente più alta di movimenti intestinali di quelli trattati con placebo alla settimana (P =.4), 4 settimana (P =.) e settimana (P =.7). Nel gruppo, la consistenza delle feci è risultata dura in 19 infanti (6.4%) alla baseline, in 11 infanti (%) alla settimana, ed in 4 infanti (1.%) alla 4 e settimana. Comunque non c è stata differenza significativa fra i gruppi L. reuteri e placebo sulla consistenza delle feci in tutte le settimane (P =.63, settimana; P =.3, 4 settimana; P =.4, settimana). Similmente non c è stata alcuna differenza statisticamente significativa fra i due gruppi nella presenza di episodi di pianto inconsolabile. Non sono stati riportati effetti avversi. Conclusioni La somministrazione di DSM 1793 in infanti con stipsi cronica ha un effetto positivo sulla frequenza dei movimenti intestinali, anche quando non c'è un miglioramento della consistenza delle feci e degli episodi di pianto inconsolabile. Per il loro profilo di sicurezza, i probiotici possono essere una scelta attraente nel trattamento della stipsi funzionale. Movimenti intestinali 1- MI/settimana 3-4 MI/settimana -7 MI/settimana N di soggetti p=.4 p=. p=.7 Settimana Settimana Settimana 4 Settimana Paola Coccorullo, MD, Caterina Strisciuglio, MD, Massimo Martinelli, MD, Erasmo Miele, MD, Luigi Greco, MD, and Annamaria Staiano, MD. (DSM 1793) in Infants with Functional Chronic Constipation: A Double-Blind, Randomized, -Controlled Study. J Pediatr 1 1

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE: Batteria - 04 Pag. 1 1 QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE COMPONGONO LE PROTEINE? * A) Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno e ossigeno 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli