Rassegna dei principali lavori scientifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna dei principali lavori scientifici"

Transcript

1 DSM 1793 Rassegna dei principali lavori scientifici ITALCHIMICI

2 Indice Introduzione pag. 1 Studi sull uomo Colonizzazione GI pag. -3 Risposta immune pag. 4- Neonati pretermine pag. 6- Neonati chirurgici pag. 9 Coliche infantili pag. 1 Rigurgito infantile pag. 11 Stipsi funzionale pag. 1 Dolore addominale funzionale pag. 13 Intolleranza al lattosio pag. 14 Diarrea pag Allergia pag Eczema atopico pag. 19- Helicobacter pylori pag. 1-4 Dose ranging e sicurezza pag. Ceppo umano pag. 6 Studi di laboratorio e sugli animali Reuterina pag. 7- Studi sugli animali pag. 9-3 Stabilità dei probiotici pag. 33 Bibliografia pag. 34-3

3 Introduzione La possibilità di modulare la flora batterica intestinale in senso benefico per l'ospite è diventata una realtà con l'impiego dei probiotici. Si fa sempre più strada il concetto di affiancare i probiotici alle terapie già in uso, con miglioramento del risultato terapeutico e con riduzione degli effetti collaterali derivanti dal carico farmacologico, che in questo caso può essere ridotto. In ultima analisi, si tende ad introdurre dei criteri di medicina basata sul potenziamento della fisiologia intestinale anziché sull'impiego di principi farmacologici di scarsa selettività e quindi frequentemente responsabili di effetti collaterali. La ricerca mette oggi a disposizione microganismi ad attività probiotica in grado di svolgere un'azione competitiva nei confronti dei patogeni intestinali e di esplicare un'attività immunomodulante. La scelta del probiotico da utilizzare deve essere indirizzata verso un prodotto la cui affidabilità ed efficacia siano sostenute da una consolidata evidenza clinica. Le Linee Guida sui probiotici raccomandano l utilizzo di probiotici ceppo-specifici i cui effetti sull uomo, in termini di efficacia e sicurezza, siano sostenuti da una documentata evidenza clinica in studi controllati. è considerato una delle poche specie di Lattobacilli veramente autoctone del tratto gastrointestinale dell'uomo ed è ampiamente utilizzato per le sue documentate proprietà probiotiche. La sicurezza di DSM 1793 ( ex ATCC 73) è stata ripetutamente dimostrata in adulti sani, soggetti immunocompromessi, donne in gravidanza, bambini nati a termine e pretermine. Dati clinici provenienti da 4 studi clinici, su una popolazione di 3699 soggetti investigati, mostrano che colonizza il tratto gastrointestinale umano e modula particolarmente la risposta immune. Questa rassegna su DSM 1793 documenta in sintesi i risultati dei lavori più significativi condotti in laboratorio, negli animali e nell uomo. Almerino Carrer Pharma Consultant è uno dei probiotici meglio documentati in clinica specialmente nei bambini. Ad oggi sono stati effettuati 1 studi clinici su una popolazione di 6 soggetti di tutte le età. I resultati sono stati pubblicati in 69 articoli nelle principali riviste scientifiche e tesi di dottorato di ricerca. Lavori clinici completati nel 1 1 studi clinici su 6 soggetti: 76 studi controllati in doppio cieco in 6 soggetti 3 studi in aperto in 177 soggetti 3 studi in 39 bambini di -3 anni, 17 studi in 11 bambini di 4-1 anni 6 studi in 76 adulti (>1 anni) 1

4 Colonizzazione GI La presenza di nel microbioma umano è stata da tempo documentata. è stato naturalmente isolato in campioni fecali, nel 1-3 latte materno e nella vagina di molti soggetti. La capacità di di colonizzazione il tratto gastrointestinale, dopo supplementazione orale, era già 4 stata documentata da Aino Karvonen et al. in un lavoro di dose ranging e sicurezza nei neonati (pag. ). Nel 4, Nana Valeur et al. hanno definitivamente dimostrato che la supplementazione orale di permette la sua colonizzazione nel tratto gastrointestinale umano. Questo studio era stato disegnato per esaminare la colonizzazione della mucosa gastrointestinale umana in situ, dopo somministrazione orale di, e per determinare la conseguente risposta immune in sede di colonizzazione. In questo lavoro clinico in aperto, 1 volontari sani e 9 volontari ileostomizzati furono sottoposti a gastroscopia o ileoscopia con prelievi bioptici dallo stomaco, dal duodeno e dall'ileo prima e dopo assunzione di 4x1 CFU di al giorno per giorni. I campioni bioptici della colonizzazione furono analizzati con una sonda ad ibridazione molecolare in situ, a captazione di fluorescenza, e le cellule immunologiche furono determinate con l'immunocolorazione. endogeno fu rilevato nello stomaco di 1 soggetto e nel duodeno di 3 soggetti (dei 1 soggetti). Dopo l'assunzione di, lo stomaco di soggetti ed il duodeno di tutti i 1 soggetti furono colonizzati. Tre soggetti ileostomizzati (dei sei esaminati) mostrarono endogeno alla baseline, mentre tutti e sei evidenziarono la colonizzazione dopo assunzione di L. reuteri. Dopo somministrazione di, il numero degli istiociti della mucosa gastrica si ridusse ed il numero di B- linfociti duodenali aumentò. La somministrazione di indusse un significativo aumento dei T-linfociti CD4+ nell'epitelio dell'ileo. Conclusione La somministrazione di induce una significativa colonizzazione dello stomaco, del duodeno e dell'ileo nell'uomo, che è associata a significative modifiche della risposta immune nella mucosa gastrointestinale. Queste risposte possono essere le componenti chiave di un meccanismo attraverso il quale esercita i suoi ben documentati effetti probiotici nell'uomo. Biopsie dell ileo umano dopo colonizzazione di Prima Dopo Cellule CD4+ T-helper disperse Cellule CD4+ T-helper attivate e reclutate soddisfa i requisiti di un probiotico ideale poiché dimostra di essere vivo all assunzione, di resistere al ph acido, ai sali biliari ed ai succhi pancreatici e di colonizzare l intero intestino alla dose raccomandata: 1 CFU.

5 Colonizzazione GI 1 mese di supplementazione 6 mesi di supplementazione Corpo Antro Corpo Antro Incisura angularis Glintborg V et al.,int J Probiotics Prebiotics : Duodeno Ileo N. Valeur, et al. Colonization and Immunomodulation by Lactobacillus reuteri ATCC 73 in the Human Gastrointestinal Tract. Applied And Environmental Microbiology, Feb. 4, Vol. 7, No. 3

6 Risposta immune Il tessuto linfoide associato all'intestino (GALT) è oggi considerato un organo linfoide primario, poichè i precursori cellulari del midollo osseo si localizzano nell'epitelio intestinale (homing) dove avviene un arrangiamento genetico dei recettori ed una differenziazione delle cellulet. Visto il potenziale antigenico del microbiota intestinale e la sua vicinanza con questo tessuto linfoide primario, una serie di intercomunicazioni (cross talk interactions) si verificano fra l'ospite ed alcuni elementi del suo microbiota. L'efficacia di un probiotico è basata su queste interazioni. Gli effetti di sul sistema immune intestinale sono,6-9,39 stati investigati in diversi studi sugli animali. L'effetto di sui linfociti intestinali è stato 4 documentato nei pulcini allevati in condizione di stress. È stato osservato che i pulcini trattati con, rispetto ai non trattati, mostrano un aumento dei linfociti CD4 + (T helper), ma non dei CD+ (T citotossici) nella lamina propria della regione ileale del tratto GI. Benchè un simile effetto sia già stato illustrato da Nana Valeur anche nella mucosa ileale dell uomo, è importante documentare il miglioramento della risposta immune dal punto di vista clinico. Sono stati condotti in soggetti sani due lavori controllati contro placebo, al fine di documentare l effetto della supplementazione orale di sul miglioramento della risposta immune. Il primo studio clinico in doppio-cieco, placebo-controllato 1 è stato condotto da Zvi Weizman et al. per investigare l'effetto di specie diverse di probiotici nella prevenzione delle infezioni infantili nei centri pediatrici. 1 bambini sani nati a termine di 4-1 mesi di età sono stati scelti a random per essere alimentati con una formula addizionata o con Bifidobacterium lactis (BB-1) o con (ATCC 73), o senza probiotico. La durata dell'alimentazione, incluso il periodo di followup, è stata di 1 settimane per ogni bambino. I principali dati misurati sono stati: il numero di episodi di malattia con febbre (>3 C), con diarrea o con malattia respiratoria. Risultati (Fig. 1) I controlli (n=6), comparati con quelli alimentati con B. lactis (n=73) o (n=6), hanno manifestato significativamente più episodi febbrili (media [9% I.C.]:.41 [.-.4] vs.7 [ ] vs.11[.4-.1], rispettivamente). I controlli hanno manifestato più episodi di diarrea (.31 [.-.4] vs.13 [.-.1] vs. [.1-.], rispettivamente) e con una durata in giorni più lunga (.9 [.34-.4] vs.37 [.-.66] vs.1 [.1-.1], rispettivamente). Il gruppo, comparato al gruppo BB-1 o ai controlli, ha ridotto significativamente il numero dei giorni con febbre, delle visite mediche, dell'assenze dai nidi e delle prescrizioni antibiotiche. Conclusioni I bambini alimentati con formula addizionata con o B lactis hanno avuto minori episodi di febbre e di diarrea, senza alcun effetto sulle malattie respiratorie. Questi effetti sono stati più evidenti con, che è stato l'unico probiotico a migliorare gli altri parametri di morbosità. Il secondo studio clinico in doppio-cieco, placebo 11 controllato, condotto da Py Tubeliuset al., ha esaminato l'effetto del probiotico (ATCC 73) sulla sua capacità di migliorare la salute dei lavoratori, riducendo le infezioni respiratorie o gastrointestinali di breve durata. 6 lavoratori della TetraPak in Svezia (sia lavoratori giornalieri che turnisti), sani all'inizio dello studio, sono stati randomizzati per ricevere una dose quotidiana di 1 CFU di o placebo per giorni. è stato somministrato utilizzando una cannuccia per liquidi contenente il probiotico. 11 soggetti hanno aderito al protocollo di studio, 94 sono stati randomizzati per il trattamento con e 7 con il placebo. Risultati (Fig. ) Nel gruppo placebo il 6.4% ha riportato assenze dal lavoro per malattia durante lo studio comparato con il 1.6% del gruppo con (p <.1). La frequenza dei giorni di malattia è stata del.9% nel gruppo placebo e.4% nel gruppo (p <.1). Fra i 3 lavoratori turnisti, il 33% del gruppo placebo si è ammalato durante il periodo dello studio, mentre nel gruppo trattato con nessun turnista si è ammalato (p <.). Conclusioni Quest ultimo dato conferma e rafforza l effetto sul miglioramento della risposta immune di, poichè nei i lavoratori turnisti è stata da tempo documentata una riduzione della risposta immune correlata alle condizioni di lavoro. 4

7 Risposta immune 1 Fig.1 Riduce gli episodi di malattia nel lattante Episodi di malattia 4 4 (n = 6 BB-1 (n = 73) (n = 6) vs. BB1 o L.r p <,1 Altri parametri 6 3 Percentuale ns Percentuale 4 3 Febbre (>3 ) Gastrointestinali Respiratori 1 Visite Assenze dal nido Antibiotici Weizman Z, Asli G, Alsheikh A. Effect of a probiotic infant formula on infections in child care centers: Comparison of two probiotic agents. () Pediatrics 11: Fig. Riduce gli episodi di malattia nell adulto % di soggetti che si sono ammalati durante lo studio Gruppo n = 94 Gruppo n = 7 Significatività p<.1 p<. No. di soggetti ammalati (%) Giorni di malattia per individuo 1 (11%) 3 3 (6%) 3 p<.1, Pearsons N.s 3 1 Frequenza di giorni di malattia, gruppo intero.4%.9% p<.1, Kruskal-Wallis 1 Tutti i lavoratori Turnisti Py Tubelius, Vlaicu Stan, Anders Zachrisson. Increasing work-place healthiness with the probiotic : A randomised, double-blind placebo-controlled study. Environmental Health: A Global Access Science Source, 4:

8 Neonati pretermine L'incidenza di Candidemia nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatali (NICU) è valutata dal 1.6 al 9% nei neonati a peso molto basso alla nascita e del 1% nei neonati a peso estremamente basso. Il basso peso alla nascita è un importante fattore di rischio di mortalità neonatale e di varie condizioni morbose, a causa dell'immaturità del sistema immune e della funzione della barriera gastrointestinale, così come delle procedure diagnostiche e terapeutiche invasive. La specie Candida è stata classificata al secondo posto per frequenza nelle colture ematiche ottenute da neonati in strutture ad alto rischio. La colonizzazione GI da Candida è inoltre associata ad un aumentato rischio di infezioni micotiche sistemiche. Il tratto GI sembra essere il distretto più implicato nella disseminazione sistemica. I neonati pretermine ricoverati in NICU ospitano una flora batterica fortemente modificata, composta da meno di specie, dove predominano stafilococchi (coagulasi negativo ed aureo), enterobacteriacee (Klebsiella), enterococchi e Clostridi. Si ritiene che la diversità microbica sia un importante fattore nel determinare la stabilità del microbiota intestinale e che la perdita di tale diversità predisponga i prematuri alla colonizzazione GI di funghi e batteri antibiotico-resistenti, con potenziale rischio d insorgenza di infezioni. 1 In questo lavoro prospettico gli Autori hanno valutato: a) l'efficacia dei probiotici nella prevenzione della colonizzazione GI da Candida e la riduzione del rischio d infezioni batteriche e/o micotiche nella NICU; b) gli effetti dello sviluppo neurale nei neonati con candidiasi rispetto i neonati di controllo; c) l effetto della supplementazione probiotica sulle conseguenze cliniche neurologiche dei neonati. Lo studio è stato condotto in 49 pretermine, con età gestazionale < 37 settimane e con peso alla nascita < suddivisi a random in tre gruppi: 1) un gruppo (n =3) trattato con, gocce al giorno pari 1 CFU somministrate via sondino nasogastrico, ) un gruppo (n =3) trattato con Lactobacillus rhamnosus, 9 una capsula al giorno pari a 6x1 CFU dispersa in acqua, 3) un gruppo di controllo senza supplementazione probiotica (n=3). La supplementazione probiotica è stata iniziata a 7 ore dall ospedalizzazione e mantenuta fino alla dimissione dalla NICU. La coltura delle feci, dell'aspirato gastrico e del tampone faringeo è stata eseguita alla nascita ed a 7, 14, 1 e giorni. Il paziente è stato considerato a rischio di candidosi 6 sistemica se presentava x1 CFU di Candida per g di feci. Sono stati monitorati i segni clinici dell'instaurarsi di infezione quali: febbre, crisi di desaturazione, apnea, bradicardia, pallore o colorito grigiastro, necessità di supplementazione di O e/o reintubazione. Tutti i neonati sono stati valutati due volte al giorno per i sintomi gastrointestinali: rigurgito, vomito, stasi gastrica, distensione addominale e caratteristiche delle feci. Il peso è stato misurato quotidianamente ed è stato registrato il giorno di sospensione della nutrizione parenterale. Sono stati monitorati i seguenti dati di laboratorio: colture liquidi organici, PCR, emocromo, antigenemia per Candida. Sono state eseguite indagini ecografie (renali, cardiache, addominali, transfontanellari), esame del fundus oculi e radiografie toraciche per accertare eventuali localizzazioni micotiche d'organo. Lo stato neurologico è stato valutato in tutti i neonati a 1 mesi con metodo Hammersmith Infant Neurological Examination. Risultati (pag.7) La colonizzazione fecale da Candida è stata riscontrata significativamente più alta (p <.1) nel gruppo di controllo. Il gruppo ha presentato una più significativa riduzione dei sintomi GI rispetto al gruppo L. rhamnosus ed al gruppo di controllo. Il gruppo ha mostrato un inferiore durata della nutrizione parenterale rispetto al gruppo L. rhamnosus ed a quello di controllo, come pure un più rapido raggiungimento.1 del minimo quoziente energetico (kcal/ kg ). I neonati trattati con probiotici hanno mostrato una incidenza significativamente più bassa di conseguenze neurologiche anormali rispetto al gruppo di controllo. Conclusioni L'uso dei probiotici sembra essere efficace nella prevenzione della colonizzazione GI da Candida, nella protezione da insorgenza ritardata di infezioni sistemiche e nella riduzione delle conseguenze neurologiche anormali nei neonati pretermine. MG Romeo, DM Romeo, L Trovato, S Oliveri, F Palermo, F Cota, P Betta. Role of probiotics in the prevention of the enteric colonization by Candida in preterm newborns: incidence of late-onset sepsis and neurological outcome. Journal of Perinatology (1),

9 Neonati pretermine Neonati con sintomi GI Neonati con infezioni N neonati L. rhamnosus 36 Controlli N neonati Controlli L. rhamnosus 1 Infezioni batteriche Infezioni micotiche Quoziente energetico raggiunto Nutrizione parenterale 6 6 Giorni 4 3 Giorni L. rhamnosus Controlli L. rhamnosus Controlli Trattamento antibiotico Giorni di ospedalizzazione 3 1 Giorni 1 Giorni L. rhamnosus Controlli L. rhamnosus Controlli Lo Scatter plot mostra i valori minimi e massimi ( ), il percentile ( ) 7 percentile () ed i valori medi ( ). 7

10 Neonati pretermine Il microbiota intestinale partecipa allo sviluppo ed al mantenimento delle funzioni sensoriali e motorie intestinali, inclusa la promozione dell attività propulsiva intestinale. Di particolare rilevanza, è il ruolo chiave esercitato dal microbiota sullo sviluppo e sulla promozione della funzione neuromotoria dell intestino. Le interazioni fra microbiota e motilità sono bidirezionali poiché la funzione motoria dell intestino controlla la crescita batterica promuovendo l espulsione fisiologica dei batteri in eccesso. La disgregazione di questa equilibrata interazione tra microbiota e motilità conduce a conseguenze locali (intestinali) e sistemiche (extraintestinali) con produzione di una sintomatologia che risulta estremamente amplificata nell intestino del neonato prematuro. Da alcuni studi emerge che il microbiota enterico potrebbe giocare un ruolo cruciale nel favorire una normale funzione motoria intestinale. 13 F. Indrio et al, hanno condotto un intrigante lavoro pilota per valutare l effetto di sulla tolleranza alimentare e sulla motilità GI in neonati pretermine sani alimentati con formula. Sono stati arruolati trenta neonati pretermine; 1 alimentati esclusivamente al seno, i rimanenti neonati, alimentati con formula standard, sono stati suddivisi casualmente per essere supplementati in doppio cieco con (1 CFU al giorno) o placebo per 3 giorni. Sono stati registrati i sintomi clinici della funzione gastrointestinale (rigurgito, vomito, pianto inconsolabile ed evacuazioni) e le variabili fisiologiche (attività elettrica gastrica pre e post prandiale). Le misurazioni antrali sono state eseguite prima del pasto, e ad intervalli regolari di 3 minuti fino a 1 minuti dopo il pasto. In ciascun paziente sono stati registrati e calcolati l area antrale a digiuno e dopo il pasto, il T1/ ed il gastric emptying rate che sono indici dell efficienza dello svuotamento gastrico. Risultati I neonati supplementati con hanno mostrato una significativa riduzione del rigurgito, del tempo medio di pianto giornaliero ed un più elevato numero di movimenti intestinali comparati con i neonati trattati con placebo. La velocità di svuotamento gastrico è aumentata significativamente e l'area antrale a digiuno è risultata significativamente ridotta nei neonati supplementati con comparati con il placebo. Conclusioni Questi risultati suggeriscono un utile ruolo della supplementazione di nel miglioramento della tolleranza al cibo e delle funzioni intestinali nei neonati. pretermine alimentati con formula. 6 % di svuotamento gastrico p<.4 p< Area antrale a digiuno (cm ) p<.3 p< Alimentati al seno Formula + placebo Formula + Alimentati al seno Formula + placebo Formula + Flavia Indrio, Md, Giuseppe Riezzo, Md, Francesco Raimondi, Md, Massimo Bisceglia, Md, Luciano Cavallo, Prof, And Ruggiero Francavilla, Md, Phd. The Effects Of Probiotics On Feeding Tolerance, Bowel Habits, And Gastrointestinal Motility In Preterm Newborns. J Pediatr ;1:1-6.

11 Neonati chirurgici Nei neonati sottoposti ad interventi chirurgici maggiori (atresia esofagea, ernia diaframmatica, malformazioni intestinali) l'uso di drenaggi, catetere venoso centrale, sondino naso-gastrico, NPT, aumenta il rischio di colonizzazione batterica e/o fungina gastrointestinale che, in questi neonati defedati, può essere causa di sepsi grave o di polmoniti. Sono stati studiati gli effetti di due differenti probiotici nel prevenire le infezioni in un gruppo di neonati affetti da patologie chirurgiche maggiori ricoverati 1 in UTIN. 14 Lo studio è stato condotto su 4 neonati con età gestazionale media di 36.4 ±.7 settimane e con peso medio alla nascita di 6±644 g, affetti da patologie chirurgiche maggiori ricoverati presso la nostra UTIN. I neonati sono stati suddivisi in tre gruppi: I gruppo di neonati trattati con ; II gruppo di neonati trattati con probiotico L. GG e III gruppo di neonati che non assumevano probiotici. è stato utilizzato alla dose di gocce/die pari a 1x1 CFU, LGG alla dose 9 di 1 cps/die pari a 3x1 CFU. La supplementazione probiotica è durata per tutta la durata della degenza. La coltura delle feci, dell'aspirato gastrico e del tampone faringeo sono stati eseguiti alla nascita ed ogni settimana per un mese. Il paziente veniva considerato a rischio di candidosi sistemica se 6 presentava x1 UFC di Candida per g di feci. Sono stati monitorati i segni clinici dell'instaurarsi di infezione quali: febbre, crisi di desaturazione, apnea, bradicardia, pallore o colorito grigiastro, necessità di di O e/o reintubazione. Il peso è stato misurato quotidianamente ed è stato rilevato il giorno di sospesione della nutrizione parenterale. Sono stati monitorati anche i seguenti dati di laboratorio: colture liquidi organici, PCR, emocromo, antigenemia per la Candida. Sono state eseguite inoltre indagini strumentali, quali ecografie (renali, cardiache, addominali, transfontanellari), esame del fundus oculi e Rx torace per accertare eventuali localizzazioni d'organo micotiche. Il trattamento antimicotico è stato e f fe t t u a t o c o n A m fo t e r i c i n a B liposomiale. Risultati L'infezione da Candida è stata maggiore nel gruppo controllo (37..%) vs il gruppo trattato con L.GG (%) e vs il gruppo trattato con (1.%). Anche il numero di infezioni batteriche è stato significativamente più alto nel gruppo di controllo (%) rispetto al gruppo trattato con L. GG (6%). Nel gruppo nessuno ha presentato infezione batterica (p<.). Conclusioni Abbiamo ha dimostrato che l'uso dei probiotici riduce l'insorgenza di infezioni nei neonati sottoposti ad intervento chirurgico permettendo anche un miglioramento dell'outcome clinico. 1 Tipologia delle malformazioni dei neonati N Neonati Intestinali Genito urinarie Atresia esofagea Mielo meningocele 1 Fistola tracheale 1 Ernia diaframmetica Andamento clinico dei neonati Giorni di degenza Infezioni batteriche e micotiche Giorni di terapia antimicotica Giorni Giorni Controlli LGG Neonati Controlli LGG ,7 9 Controlli LGG 19 Giornate medie di nutrizione parenterale Giornate medie per QE 1/Kcal/Kgxos Infezioni batteriche Infezioni micotiche Probiotics in the prevention of bacterial and Candida infections in newborns submitted to greater surgical interventions and admitted in NICU. Retrospective group controlled study. ESPGHAN, Barcelona 9-1 May 7 9

12 Coliche infantili La colica infantile colpisce il 3-% dei lattanti nei primi 3 mesi di vita. La colica infantile è caratterizzata da un pianto parossistico, eccessivo ed inconsolabile senza causa identificabile. Il ruolo di un microbiota intestinale alterato è stato recentemente riproposto come causa di dismotilità intestinale e produzione eccessiva di gas. F. Savino et al., in un precedente lavoro prospettico 1 randomizzato, avevano dimostrato che ATCC 73 migliorava i sintomi della colica nei confronti del simeticone in infanti allattati al seno. In questo studio randomizzato in doppio-cieco, placebo 16 controllato, F. Savino et al. hanno valutato l efficacia di L. reuteri DSM 1793 nel trattamento delle coliche infantili. 46 su lattanti reclutati, con diagnosi di colica infantile secondo i criteri di Wessel, hanno completato lo studio. Tutti i lattanti nati a termine, di età compresa tra e 16 settimane, allattati esclusivamente al seno, non in terapia con antibiotici o probiotici nei 7 giorni precedenti I'arruolamento, senza riscontro di patologie GI, sono stati randomizzati ad assumere (1 CFU/die) o placebo per 1 giorni. Nei giorni e 1 sono stati raccolti i campioni di feci poi analizzati con il metodo FISH. Risultati. 46 pazienti hanno completato lo studio ( nel gruppo e 1 nel gruppo placebo). Al momento dell'inclusione (giorno ) il tempo medio di pianto giornaliero era di 37 minuti (6 ore e 17 minuti) nel gruppo vs 3 minuti ( ore) nel gruppo placebo. Dopo 7 giorni di supplementazione, il tempo medio di pianto è diminuito del 74% nel gruppo rispetto al 3% nel gruppo placebo. Al termine dello studio (giorno 1) la differenza fra i due gruppi è stata altamente significativa (3 minuti nel gruppo vs 9 minuti nel gruppo placebo). Durante lo studio è stato osservato nel gruppo, un significativo aumento dei lattobacilli fecali (p=.) ed una riduzione dell E. coli e dell ammoniaca nelle feci (p=.1). Conclusione. La somministrazione di DSM 1793 a infanti con coliche gassose è ben tollerata e migliora i sintomi comparata con il placebo e questo effetto può essere dovuto ai cambiamenti indotti nel microbiota fecale, particolarmente dell E. coli Durata media giornaliera del pianto (minuti) Lattanti colitici p =.17 p =. p =.99 p = Giorni di trattamento 1 6 (n = 46) (n = ) (n = 1) 9 3 Responders % % 96% % 71% 6% 3% Giorno 7 Giorno 14 Giorno 1 Giorni di trattamento F. Savino, L. Cordisco, V. Tarasco, E. Palumeri, R. Calabrese, R. Oggero, S. Roos, D. Matteuzzi. DSM 1793 in infantile colic: randomized, double-blind placebo controller trial. Pediatric, published on line Aug 16,1. 1

13 Rigurgito infantile Il reflusso gastroesofageo (GER) è molto comune durante l'infanzia e spesso si manifesta con episodi di rigurgito e vomito. La frequenza del rigurgito può variare molto e uno dei fattori principali è l'età del bambino. Il reflusso può essere determinato da una serie di fattori che coinvolgono alterazioni del sistema nervoso esofageo, gastrico ed enterico. Il rilasciamento transitorio dello sfintere esofageo inferiore sembra essere il fattore cardine, attivato dalla distensione gastrica attraverso i recettori specifici dello stomaco. Invece il ruolo delle alterazioni dello svuotamento gastrico sembra essere ancora controverso. È stato dimostrato che il rigurgito può essere associato ad alterata accomodazione e/o alterata motilità antrale. F. Indrio et al. avevano in precedenza dimostrato che L. reuteri somministrato a neonati pretermine alimentati con formula induceva una significativa diminuzione dei casi di rigurgito e della frequenza media del pianto giornaliero 13 rispetto al placebo, modulando le dimensioni dell'area antrale. 17 In questo lavoro F. Idrio et al. hanno valutato se, in lattanti con rigurgito funzionale, fosse in grado di agire sulle dimensioni dell'area antrale e se a questo fosse associata una riduzione degli episodi di rigurgito. 4 infanti alimentati con formula ed affetti da rigurgito sono stati randomizzati per assumere DSM 1793 ad una dose di 1 CFU al giorno o placebo per 3 giorni. Gli episodi di rigurgito sono stati registrati dai genitori ogni giorno. Il tempo di svuotamento gastrico è stato registrato con ecografia gastrica in tempo reale alla baseline ed alla fine dello studio. 1 infanti senza rigurgito sono stati arruolati per comparare i parametri antropometrici e fisiologici prima dell intervento dietetico. Risultati Trenta-quattro infanti hanno completato lo studio (19 con e 1 con placebo). Alla baseline, l intero gruppo di lattanti era simile al gruppo di controllo per quanto riguardava i dati antropometrici e fisiologici. L area antrale media a digiuno è stata significativamente ridotta, (P=.1), il delta percentuale di svuotamento gastrico è stato significativamente aumentato (P =.1) e la media degli episodi giornalieri di rigurgito si è ridotta (P <.1) nel gruppo rispetto al gruppo placebo. Nell intero gruppo, la frequenza del rigurgito e l area antrale hanno mostrato una correlazione positiva (r=.3, P =.4). Conclusioni Nei lattanti con GER funzionale, DSM 1793 riduce dilatazione gastrica ed accelera lo svuotamento gastrico. Inoltre, questo ceppo probiotico sembra diminuire la frequenza del rigurgito. Area antrale a digiuno Svuotamento gastrico Area antrale a digiuno/rigurgiti % 4 cm 7 p=.4 cm 6 6 Area antrale p=.1 - p=.1 Area antrale 4 3 L.reuteri -4 L.reuteri Numero di rigurgiti Flavia Indrio, Giuseppe Riezzo, Francesco Raimondi, Massimo Bisceglia, Antonia Filannino, Luciano Cavallo and Ruggiero Francavilla. accelerates gastric emptying and improves regurgitation in infants. Eur J Clin Invest 1. 11

14 Stipsi funzionale Il razionale d uso dei probiotici nel trattamento della stipsi è basato sulla disbiosi del microbiota intestinale in pazienti con stipsi funzionale cronica. Le feci dei bambini affetti da stipsi mostrano un alterato microbiota, caratterizzato da un elevata colonizzazione di Clostri che non è presente nei bambini sani. Inoltre i lattobacilli ed i bifidobatteri migliorano la motilità intestinale attraverso la produzione di acido lattico ed acido acetico che abbassano il ph nel colon. Un basso ph aumenta la peristalsi del colon e di conseguenza diminuisce il tempo di transito che può risultare utile nel trattamento della stipsi. 1 In questo studio in doppio-cieco randomizzato, contro placebo, sono stati valutati gli effetti benefici di DSM 1793 in infanti con stipsi funzionale cronica. 44 infanti con stipsi funzionale cronica, di almeno 6 mesi di età (media ± SD,.±.4 SD; maschi/femmine, 4/) sono stati randomizzati in gruppi: Gruppo A (n = ) trattato con e Gruppo B (n = ) trattato con identico placebo. Parametri primari valutati: frequenza di movimenti intestinali per settimana, consistenza delle feci e la presenza di episodi di pianto inconsolabile, registrati su una scheda giornaliera dai genitori. Risultati Gli infanti trattati con hanno manifestato una frequenza significativamente più alta di movimenti intestinali di quelli trattati con placebo alla settimana (P =.4), 4 settimana (P =.) e settimana (P =.7). Nel gruppo, la consistenza delle feci è risultata dura in 19 infanti (6.4%) alla baseline, in 11 infanti (%) alla settimana, ed in 4 infanti (1.%) alla 4 e settimana. Comunque non c è stata differenza significativa fra i gruppi L. reuteri e placebo sulla consistenza delle feci in tutte le settimane (P =.63, settimana; P =.3, 4 settimana; P =.4, settimana). Similmente non c è stata alcuna differenza statisticamente significativa fra i due gruppi nella presenza di episodi di pianto inconsolabile. Non sono stati riportati effetti avversi. Conclusioni La somministrazione di DSM 1793 in infanti con stipsi cronica ha un effetto positivo sulla frequenza dei movimenti intestinali, anche quando non c'è un miglioramento della consistenza delle feci e degli episodi di pianto inconsolabile. Per il loro profilo di sicurezza, i probiotici possono essere una scelta attraente nel trattamento della stipsi funzionale. Movimenti intestinali 1- MI/settimana 3-4 MI/settimana -7 MI/settimana N di soggetti p=.4 p=. p=.7 Settimana Settimana Settimana 4 Settimana Paola Coccorullo, MD, Caterina Strisciuglio, MD, Massimo Martinelli, MD, Erasmo Miele, MD, Luigi Greco, MD, and Annamaria Staiano, MD. (DSM 1793) in Infants with Functional Chronic Constipation: A Double-Blind, Randomized, -Controlled Study. J Pediatr 1 1

Lactobacillus reuteri. Coliche del lattante: quale evidenza?

Lactobacillus reuteri. Coliche del lattante: quale evidenza? Coliche del lattante: quale evidenza? definizione, epidemiologia, conseguenze e patogenesi Criteri di Roma III Definizione di Wessel Crisi di pianto parossistiche per: Tutti i seguenti sintomi in lattanti

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente

Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente Domanda #1 (codice domanda: n.351) : Cos'è la Sindrome di Rotor? A: Un tipo di iperbilirubinemia coniugata B: L'osteocondrosi

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010 Ranitidina Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì 1 Christian Albert Theodor Billroth (Bergen auf Rügen, 26 agosto 1829 Abbazia, 6 febbraio 1894) 2 3 4 5 Ranitidina Indicazioni Esofagite Iperacidità gastrica

Dettagli

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE RICONOSCERE LA COLICA COLICA non è una patologia specifica ma è un termine che indica in modo generale un dolore addominale. Il dolore addominale può originare da

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA U.O. Clinicizzata di Chirurgia Generale Ospedale R. Guzzardi di Vittoria Direttore: Prof. V. Minutolo La perforazione avviene in genere per l erosione

Dettagli

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Dr. Kristin Kernland Lang, Dirigente Medico e Consulente di Dermatologia pediatrica, Clinica Dermatologica Universitaria,

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Agadir, 18 25 luglio 2008 Aniello (8 anni) Dall età di 6 anni Aniello riferisce ripetuti

Dettagli

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione Dr. Riccardo Dalle Grave Agenda Disturbi dell alimentazione Come definiamo il problema La dimensione del problema Le conseguenze Screening e diagnosi

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

"Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico Dagli atti del convegno AITA Probiotici: scienza ed applicazioni industriali Milano, 6 giugno 1996 "Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Appropriatezza nella EGDS Marco Orsello UOA Gastroenterologia AOU Novara Appropriatezza Misura di quanto una scelta o intervento diagnostico o terapeutico siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ lattosio PAZIENTE 1) Quali sono i sintomi dell'intolleranza al lattosio? Generalmente i sintomi sono di tipo intestinale e compaiono da pochi minuti a 1 2 ore dopo l'ingestione di cibi contenenti lattosio.

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE QUADRI CLINICI, CORRELATI ALL ETA, CARATTERIZZATI DA SINDROME CRONICA O RICORRENTE, NON ASSOCIATI A PATOLOGIA ORGANICA, BIOCHIMICA O STRUTTURALE DISORDINI

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli DAI di Medicina Interna e Specialis;ca Unità Opera;va Complessa di Epato- Gastroenterologia UO di Endoscopia Diges;va DireAore

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell'alimentazione Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Guido Marinoni

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/port3788/ Tags: download, download

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue.

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue. Le micotossine Fin dal 1978 gli studi del Professor Truss evidenziarono come la trasformazione da spora a fungo della Candida Albicans (un micete normalmente presente nell'organismo della quasi totalita

Dettagli

TEST HELICOBACTER PYLORI CARD

TEST HELICOBACTER PYLORI CARD Cod. ID: Data: Paziente: TEST HELICOBACTER PYLORI CARD Test rapido one step per la diagnosi qualitativa dell antigene di Helicobacter pylori nelle feci HELICOBACTER PYLORI COS E TEST Helicobacter pylori

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA OBBIETTIVI DELLA TERAPIA Alleviare i sintomi Guarire le lesioni

Dettagli

25 settembre 2014. Segnalazione in home page

25 settembre 2014. Segnalazione in home page 25 settembre 2014 Segnalazione in home page Il progetto della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Carenza di iodio nell alimentazione Ne soffre più di un italiano su dieci Al via

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia a cura di Renato Caviglia, MD, PhD Introduzione La diverticolite, complicanza frequente della diverticolosi (Fig. 1), è una condizione relativamente

Dettagli

RUOLO DI HELICOBACTER PYLORI NELLE DIVERSE PATOLOGIE GASTRICHE

RUOLO DI HELICOBACTER PYLORI NELLE DIVERSE PATOLOGIE GASTRICHE RUOLO DI HELICOBACTER PYLORI NELLE DIVERSE PATOLOGIE GASTRICHE Nel 1983 la pubblicazione dei ricercatori Warren e Marshall ha rivoluzionato la gastroenterologia. Non sono stati i primi ad osservare la

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Ogni bustina contiene: Principio attivo: sucralfato (pari ad alluminio 190 mg/g) 2000 mg

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Ogni bustina contiene: Principio attivo: sucralfato (pari ad alluminio 190 mg/g) 2000 mg RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE SUCRALFIN 2 g Granulato per Sospensione Orale 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni bustina contiene: Principio attivo:

Dettagli

Indispensabili alleati di bellezza

Indispensabili alleati di bellezza Indispensabili alleati di bellezza Gli effetti fotoprotettivi e sulle risposte immunitarie, e le azioni terapeutiche dei probiotici nelle alterazioni cutanee più diffuse di Anna Ghirardello, biologa nutrizionista

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

L'importanza di un equilibrato tono intestinale

L'importanza di un equilibrato tono intestinale enterorelax intestino sereno L'importanza di un equilibrato tono intestinale FITOMEDICAL star bene è naturale L intestino lavora in silenzio In situazioni normali, l attività digestiva si compie in una

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA QUETIAPINA ZENTIVA 25 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 100 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 200 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 300

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Congresso Nazionale Evento Residenziale ECM per Medico Chirurgo Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 19-20-21 Settembre 2013 Atahotel VILLA PAMPHILI Via della Nocetta 105,

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli