Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria"

Transcript

1 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Anno Accademico 2012/2013 Colture Erbacee Nutraceutiche (6 CFU) Relazione La cipolla. Coltivazione e attività funzionale Maria Simona Lavena

2 CIPOLLA (Allium Cepa L.) Introduzione La cipolla, nome scientifico Allium cepa L., è una pianta che appartiene alla famiglia delle Liliaceae (anche chiamate Alliaceae), che comprende anche altri ortaggi quali lo scalogno, il porro, l'aglio e l'asparago. La cipolla è un ortaggio largamente coltivato ed utilizzato come alimento in cucina: infatti viene consumata sia cruda che cotta, sia mangiata singolarmente che utilizzata come ingrediente per la preparazione di primi piatti, sughi, secondi piatti, insalate e piatti unici. La cipolla è inoltre utilizzata a scopo terapeutico, grazie alle molte proprietà contenute in questo ortaggio fresco. A livello mondiale esistono e vengono coltivate molte varietà di cipolle diverse, che si distinguono per la forma, per le dimensioni e per il colore, indicando con esso sia il colore del bulbo interno, che può essere bianco o sfumato in violetto, sia il colore delle "tuniche esterne" della cipolla, che variano dal bianco, al giallo paglierino o al giallo dorato, oppure al rosso, passando per le innumerevoli sfumature del viola. Origine e diffusione La cipolla è una specie originaria delle regioni dell'asia. Le sue origini sono antichissime. Nonostante siano stati recuperati reperti archeologici che testimoniano l'esistenza di questo ortaggio fresco già all'età del bronzo (nel 5000 a.c.), non è chiaro se la coltivazione di questa pianta sia effettivamente così antica o se invece si sia diffusa solo più tardi (circa 2000 anni dopo) Non è possibile dunque definire una data che accerti l introduzione ed il consumo di cipolla nel mondo. La cipolla ha avuto grande diffusione soprattutto in Egitto, assieme ad altri prodotti ortofrutticoli come ad esempio il porro. Da alcuni studi sembra che, assieme al ravanello, facesse parte della dieta alimentare degli operai che costruivano le piramidi dei grandi faraoni. Ad ogni modo ha riscosso moltissimo successo tra gli egizi, non solo perché si trasportava e immagazzinava facilmente, ma anche perché, grazie alla sua forma sferica ed agli anelli concentrici al suo interno che formano una volta tagliata, veniva associata alla vita eterna, divenendo quindi

3 anche oggetto di culto. Resti di bulbi di cipolla sono stati ritrovati anche nelle orbite di Ramsese II: oltre a rappresentare la vita eterna, in Egitto si pensava in antichità che il forte aroma che sprigionava la cipolla potesse ridare respiro ai morti. In antichità addirittura si credeva che, se un malato sognasse di mangiare poche cipolle, questo fosse sintomo che il suo male sarebbe peggiorato irrimediabilmente, mentre se sognava di mangiarne parecchie, sarebbe avvenuto esattamente il contrario. La cipolla assunse grandissima importanza, soprattutto come ortaggio e quindi a scopo alimentare, nel periodo del medioevo, quando veniva addirittura usata come forma di pagamento (ad esempio per pagare affitti) o sotto forma di dono. In questo periodo veniva anche largamente utilizzata a scopo terapeutico contro i morsi di serpente, o per alleviare il mal di testa, o contro la perdita di capelli; a partire dal XVI secolo la cipolla veniva inoltre prescritta come rimedio contro l'infertilità oltre che per le donne, anche per gli animali domestici. Venne inoltre introdotta in America nel 1493, ad opera di Cristoforo Colombo, durante il viaggio che intraprese verso Haiti. La storia della cipolla risale quindi a tempi antichissimi e grazie alla sua grande versatilità in cucina questo ortaggio si è sempre più radicato anche nella cultura moderna arrivando ad avere enorme spazio sul mercato ortofrutticolo. Dati statistici Dati di superficie coltivata e rese a livello mondiale: countries item element Onions (inc. Area Harvested World shallots), green (Ha) World Onions (inc. shallots), green Yield (Hg/Ha) FAOSTAT FAO Statistics Division January 2013 Dati di superficie coltivata e rese a livello europeo: countries item element Onions (inc. Area Harvested Europe shallots), green (Ha) Onions (inc. Europe shallots), green Yield (Hg/Ha) FAOSTAT FAO Statistics Division January 2013

4 Dati di superficie coltivata e rese a livello italiano anno 2012: Fonte: Regioni Istat, stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: - Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino-Alto Adige Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale Cipolla Superficie Prod. totale Prod. raccolta Metodo t t t t r t t t t t t t t t t t t t t t t

5 Dati di superficie coltivata e rese a livello italiano anno 2011: Regioni Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino-Alto Adige Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA Fonte: Istat, stima delle superficiproduzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale Cipolla Superficie Prod. totale Prod. raccolta Metodo t t t t r t t t t t t t t t t t t t t t t

6 Dati di superficie coltivata e rese a livello italiano anno 2010: Regioni Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino-Alto Adige Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA Fonte: Istat, stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale Cipolla Superficie Prod.totale Prod.raccolta Metodo t t t t r t t t t t t t t t t t t t t t t

7 Dati di superficie coltivata e rese a livello regionale anno 2012: Province Calabria Cosenza Catanzaro Reggio di Calabria Crotone Vibo Valentia Totale Calabria Cipolla Superficie Prod.totale Prod.raccolta Metodo r r s r t Fonte: Istat, stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: - c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale Dati di superficie coltivata e rese a livello regionale anno 2011: Province Calabria Cosenza Catanzaro Reggio di Calabria Crotone Vibo Valentia Totale Calabria Fonte: Istat, stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale Cipolla Superficie Prod. totale Prod.raccolta Metodo r r s s t

8 Dati di superficie coltivata e rese a livello regionale anno 2010: Province Calabria Cosenza Catanzaro Reggio di Calabria Crotone Vibo Valentia Totale Calabria Cipolla Superficie Prod. totale Prod. raccolta Metodo s r s s t Fonte: Istat, stima delle superfici e produzioni delle coltivazioni agrarie a) Mese di rilevazione: b) Mese di rilevazione: c) r=valore rilevato; s=valore imputato; t=totale

9 Caratteri botanici la cipolla è pianta erbacea a ciclo biennale, ma annuale in coltura. Apparato radicale: fascicolato, superficiale, la maggior parte esplora il terreno fino ad una profondità di 0,35 m. Stelo: si trova sotto il livello del terreno, è fortemente appiattito a causa di internodi molto raccorciati, largo 1-2 cm; per queste caratteristiche prende il nome comune di disco o girello. Nella parte centrale del disco è presente l apice vegetativo dal quale si originano le foglie; vicino all apice principale se ne sviluppano altri, da 3 a 7, con foglie senza lamina, che rimangono all interno del bulbo e dai quali si otterranno steli fiorali nel secondo anno di vita. Foglie: sono costituite da una guaina basale tubolare e da una lamina eretta, cilindrica, leggermente ingrossata al centro, chiusa a punta all apice, piena nei primi stadi poi cava, di consistenza carnosa, di colore verde glauco, ricoperta di cera, lunga da 20 a 70 cm. Le guaine sono inserite in maniera concentrica (le più giovani all interno) sul girello intorno all apice centrale, mentre le lamine emergono alternate ed opposte a 180. Bulbo: è la parte edule che si forma per accumulo di sostanze di riserva nella porzione basale delle guaine fogliari. Le guaine delle foglie più interne si trasformano in tuniche carnose e succulente. Il centro del bulbo è formato da foglie senza lamina: quanto più numerose e spesse queste saranno, tanto più grande sarà il bulbo. Le guaine delle foglie più esterne (da 1 a 3), invece, non accumulano sostanze di riserva ma sono sottili, di aspetto cartaceo, di colore variabile (bianco, giallo, giallo ramato, rosso, viola) e svolgono funzione di protezione. La parte superiore delle guaine fogliari non si ingrandisce ma va a costituire una sorta di strozzatura alla sommità del bulbo detta colletto o falso stelo perché costituisce il punto di passaggio tra il bulbo e le lamine fogliari. Scapo fiorifero: si forma al 2 anno a partire dalle guaine carnose prive di lamina della parte centrale del bulbo. E fistoloso, fusiforme, cavo, alto fino a 1,5 m e termina con un infiorescenza ad ombrella globosa del diametro di 5-10 cm. Da uno stesso bulbo possono formarsi più scapi fioriferi. L infiorescenza inizialmente è racchiusa da 2-4 brattee cartilaginose (spata) che successivamente si aprono evidenziando i numerosi (generalmente , ma fino a 2000) fiori semplici, ermafroditi, portati da peduncoli lunghi mm. I singoli fiori sono costituiti da 6 tepali biancastri, roseoporporini o giallo-verdognolo, sei stami e tre carpelli biloculari. La fioritura è molto scalare, inizia verso la fine di maggio-inizio di giugno sullo scapo principale e prosegue per circa giorni sugli scapi laterali. La cipolla è spiccatamente proterandra cioè si ha emissione di polline molto prima che lo stilo sia recettivo. Questo fa sì che la specie sia prevalentemente allogama, l impollinazione è entomofila.

10 Frutto: è una capsula triloculare con 2-3 (raramente fino a 6) semi per loculo. I semi sono di forma irregolare, angolosi, appiattiti, di colore nero e pesano 2,5-5 mg. Le fasi di germinazione ed emergenza hanno una durata variabile da 8 a 20 giorni dopo la semina in funzione delle condizioni climatiche e dell epoca di semina. Il cotiledone dopo la germinazione appare come un cappio o uncino sopra la superficie del terreno. Data la delicatezza del cotiledone e la sua scarsa capacità di penetrazione, è evidente come la fase di emergenza sia molto critica perciò il terreno non deve presentare assolutamente la crosta superficiale. La plantula crescendo porta poi fuori del terreno tutto il cotiledone che spesso trascina all esterno anche i tegumenti seminali neri. Il cotiledone assume una tipica posizione orizzontale rispetto al terreno che è detta stadio di bandiera. A metà della plantula si forma poi la prima foglia vera e dopo la comparsa della seconda e terza foglia vera il cotiledone si svuota progressivamente delle sostanze di riserva e infine dissecca. Nel frattempo la radice seminale si allunga rapidamente ma con la formazione delle prime foglie degenera ed è sostituita da un sistema fascicolato composto da radici avventizie, non ramificate, abbastanza corte ma numerose. Con la comparsa della quarta foglia il colletto della pianta incomincia ad ispessirsi mentre la prima foglia inizia ad avvizzire. Durante la formazione della quinta, sesta e settima foglia, si ha il completo disseccamento e la caduta della prima foglia e l inizio della senescenza della seconda. In funzione essenzialmente del fotoperiodo (lunghezza del giorno > 12 ore) la pianta inizia la bulbificazione cioè inizia a inviare sostanze di riserva alla parte basale delle guaine fogliari e formare il bulbo. Durante questa fase, la seconda e terza foglia disseccano mentre si formano le foglie dall ottava alla tredicesima e la pianta raggiunge la sua massima altezza (generalmente la foglia più lunga è la settima o l ottava mentre le successive sono via via più corte). Durante la bulbificazione le foglie più giovani interne non riescono più a far emergere la lamina all esterno e rimangono in forma di scaglie carnose all interno del bulbo concorrendo al suo ingrossamento. L inizio della bulbificazione può essere esternamente individuato in maniera grossolana quando il rapporto tra il diametro massimo del bulbo ed il diametro minimo del colletto è 2. La fase di ingrossamento del bulbo prosegue attivamente per circa 6-8 settimane contemporaneamente al progressivo disseccamento della 4-6a foglia e delle punte delle lamine delle foglie più giovani. Le foglie iniziano poi a piegarsi sotto il proprio peso. Durante questa fase possono comparire 1-2 nuove corte lamine fogliari e le tuniche protettive esterne del bulbo incominciano a formarsi.

11 Il colletto inizia a vuotarsi come le nuove lamine fogliari cessano di crescere al suo interno, i suoi tessuti perdono di turgidità e si ammorbidiscono determinando il coricamento dell apparato fogliare sotto il proprio peso. Nella fase finale del ciclo si ha la maturazione del bulbo con il disseccamento delle tuniche protettive più esterne e la completa senescenza delle foglie. E stato dimostrato che il bulbo durante questa fase, nonostante non si abbia più attività fotosintetica, può aumentare ulteriormente di peso grazie alla traslocazione delle sostanze accumulatesi nelle foglie. Anche se la temperatura minima per la germinazione è di poco sopra lo zero, a basse temperature questa fase è molto lenta (a 5 C impiega circa un mese); l ottimo di temperatura si situa in un intervallo ampio con tempi medi di germinazione che, in ogni modo, sono raramente inferiori a una settimana. E nel corso della fase di emergenza che la cipolla è particolarmente sensibile alle gelate anche se si può riscontrare un elevata variabilità tra le cultivar. L emissione delle foglie è strettamente dipendente dalla temperatura: i ritmi di crescita sono linearmente crescenti tra 6 e 20 C, costantemente elevati tra 20 e 27 C e linearmente decrescenti tra 27 e 30 C. Avvicendamento e preparazione del terreno Tradizionalmente la preparazione dei terreni di medio-impasto o tendenzialmente argillosi prevede, dopo la raccolta del cereale vernino, che costituisce nei nostri ambienti la precessione più frequente, l asportazione della paglia e un aratura alla profondità di circa 0,40 m. Generalmente non si interra letame perché può favorire lo sviluppo di malattie fungine od essere dannoso in fase di conservazione dei bulbi. Il tempo a disposizione per eseguire i lavori complementari e la loro tempestività dipendono ovviamente dall epoca d impianto (estate-autunno, fine inverno, primavera). L affinamento accurato del terreno è particolarmente importante se la coltura è seminata direttamente in campo mentre se si opta per il trapianto di piantine o per l impianto di bulbetti da ingrossare una leggera zollosità può risultare ininfluente. Si consiglia, comunque, di curare il livellamento del terreno per rendere agevole ed efficiente la raccolta meccanica. Se ultimate le operazioni di affinamento del letto di semina il terreno risultasse essere troppo soffice in superficie è preferibile operare una rullatura per compattarlo leggermente così da permettere la corretta regolazione della profondità alla quale è deposto il seme; tale operazione va eseguita

12 concautela nei terreni che tendono a formare una crosta superficiale dove vanno adoperati rulli scanalati e mai lisci. Impianto Modalità d impianto Le modalità d impianto della cipolla sono: semina diretta, trapianto di piantine, impianto di piccoli bulbi. Il tipo d impianto dipende dalle superfici interessate, dalla zona di produzione e dalla destinazione del prodotto. In generale, quando l estensione delle superfici è molto elevata la semina diretta è la tecnica usuale, mentre su piccoli appezzamenti sono più frequenti il trapianto di piantine e l uso di bulbi da ingrossare. Le cipolline da industria vengono esclusivamente seminate direttamente in campo vista l elevata densità d impianto, mentre le cipolle da consumo fresco e da serbo possono essere impiantate con uno dei tre metodi su indicati. La semina diretta è la tecnica più diffusa al centro e al nord Italia, mentre il trapianto di piantine è maggiormente impiegato nelle zone di produzione meridionali. Il trapianto, in generale, permette l ottenimento di produzioni più uniformi, grazie alla maggiore regolarità d impianto e uniformità di crescita e sviluppo delle piante. L uso di bulbetti da ingrossare è, invece riservato, alle produzioni di pregio e alle coltivazioni a carattere familiare. La semina diretta viene eseguita con seminatrici pneumatiche di precisione impiegando seme nudo o confettato. Il seme confettato assicura un migliore funzionamento della seminatrice (impianti più regolari), ma il costo della semente risulta leggermente più elevato. Considerato che le fasi di germinazione ed emergenza della cipolla sono molto delicate e critiche, la semina deve essere effettuata su terreno accuratamente preparato. Su terreni molto sciolti o su terreni argillosi troppo soffici in superficie è preferibile operare una rullatura sia prima della semina, per permettere la corretta regolazione della profondità alla quale è deposto il seme (10-30 mm), sia dopo la semina, per assicurare il contatto tra il terreno ed il seme. La quantità di seme mediamente, la quantità di seme è dell ordine di 4-6 kg ha-1 per le cipolle da mercato e di kg ha-1 per le cipolline da industria. La distanza di semina varia in funzione della destinazione finale del prodotto (file distanti cm per quelle a bulbo grosso, 9-10 cm per quelle a bulbo più piccolo). Il seme va posto a una profondità di 2-3 cm. Dopo la semina è consigliabile effettuare una leggera rullatura per far meglio aderire il terreno al seme.

13 Dopo la semina,inoltre, il tempo necessario per l emergenza delle plantule dipende dalla temperatura e dalla disponibilità di umidità. La semina di precisione può essere realizzata anche mediante le seguenti tecniche particolari (poco diffuse in Italia): stesura di nastri di materiali diversi che inglobano il seme a distanza prefissata e che si decompongono a contatto con l umidità del terreno; uso di seme pre-germinato e distribuito in mezzo fluido (fluid drilling). Il trapianto è eseguito a mano o a macchina, secondo le aree di produzione, la superficie degli appezzamenti ed il costo della manodopera. Si utilizzano piantine provenienti da contenitori alveolati da fori, allo stadio di 3-4 foglie e con falso stelo (collo) di 6-8 mm di spessore. La pratica diffusa di spuntare le radici e le foglie per facilitare le operazioni di trapianto è vivamente sconsigliata a causa degli effetti negativi che ha sulle rese. Le piantine vanno trapiantate ad una profondità tale da far restare all esterno il collo della cipolla. I bulbetti da ingrossare sono generalmente di mm di diametro e con peso di 1-5 g. Il loro uso, come già accennato, viene riservato a produzioni di particolare pregio e alle coltivazioni su piccole superfici e/o familiari. Rispetto alla semina diretta e al trapianto di piantine permettono l ottenimento di cipolle con forma più regolare e un anticipo della produzione di circa 3 settimane. L epoca d impianto dipende dalla destinazione del prodotto e dalle esigenze fotoperiodiche delle cultivar impiegate. Le cipolle da consumo fresco sono seminate in fine estate-inizio autunno (metà agosto-metà settembre) o in febbraio, impiegando cultivar a giorno corto precoci o cultivar neutrodiurne; possono essere anche trapiantate (come avviene di norma al sud) da settembre a dicembre. Le cipolle da serbo sono seminate in fine inverno-primavera (da febbraio ad aprile) impiegando cultivar a giorno lungo con ciclo medio o tardivo. Su piccole superfici o negli orti familiari dove si impiegano piantine da trapiantare o bulbi da ingrossare l impianto è generalmente effettuato a fine inverno inizio primavera. Le cipolline da industria sono seminate direttamente in campo da febbraio ad aprile.

14 Esigenze idriche e concimazione Il soddisfacimento dei fabbisogni idrici della coltura è un fattore essenziale sia sotto l aspetto quantitativo sia qualitativo delle produzioni. Un insufficiente disponibilità idrica, infatti, comporta una minore crescita, l aumento di bulbi sottomisura e, in sintesi, minori produzioni; al contrario, un eccesso idrico costituisce uno spreco di acqua, provoca il dilavamento degli elementi nutritivi e fenomeni di asfissia radicale, favorisce una maggiore suscettibilità agli attacchi parassitari, e, se si verifica nella fase finale del ciclo, un ritardo della maturazione, un peggioramento della conservabilità dei bulbi e delle caratteristiche qualitative (abbassamento del residuo secco, dell aroma e del sapore caratteristico, della vestitura del bulbo). Scopo della concimazione è mettere a disposizione della coltura, durante tutto il ciclo biologico, gli elementi nutritivi principali in quantità e nelle forme più adeguate alla pianta e nel rispetto delle esigenze qualitative del prodotto e dell ambiente. L azoto, in generale, determina un aumento del vigore vegetativo delle piante con lo sviluppo precoce e ampio dell apparato fogliare, premessa indispensabile per l ottenimento di elevate produzioni. Un eccessiva disponibilità di questo elemento nel terreno ritarda la bulbificazione e nella parte finale del ciclo ritarda la maturazione dei bulbi e ne diminuisce la conservabilità. Con carenza di azoto, invece, le foglie si accrescono molto più lentamente, assumono una colorazione verde chiaro e un portamento più eretto, hanno senescenza più rapida ed, infine, la bulbificazione viene accelerata. La carenza di fosforo e potassio provoca un accrescimento stentato, foglie più rapidamente senescenti, ritardo di maturazione, formazione di bulbi con tuniche esterne poco appressate e coprenti, con basso residuo secco e scarsamente conservabili. La disponibilità di zolfo nel terreno favorisce la sintesi dei composti solforati responsabili del caratteristico sapore ed aroma della cipolla, anche se sembra che sull assorbimento dello zolfo esista un effetto depressivo degli ioni ammonio e cloro che pertanto tendono a dolcificare i bulbi. Riguardo agli altri elementi, problemi dovuti a carenze di micro-elementi sono stati segnalati particolarmente in terreni organici. In tali tipi di terreni possono aversi carenze di rame che si manifestano con la formazione di foglie con apici clorotici e contorti e bulbi con tuniche esterne pallide, sottili e fragili. Il ritmo di assorbimento degli elementi nutritivi non è uniforme nel corso del ciclo della coltura, ma varia con le diverse fasi fenologiche. La domanda di azoto è elevata soprattutto durante la fase vegetativa di formazione ed emissione delle foglie per poi divenire molto moderata durante la bulbificazione; come già sottolineato, nella fase finale del ciclo l azoto è addirittura dannoso per il ritardo di maturazione e per la diminuzione della conservabilità di bulbi. I

15 fabbisogni di fosforo e potassio, invece, sono particolarmente elevati nella fase di ingrossamento del bulbo. Caso studio: Cipolla rossa di Tropea IGP La cipolla rossa di Tropea è il nome dato alla cipolla rossa (Allium cepa) coltivata tra Nicotera, in provincia di Vibo Valentia, e Campora San Giovanni, nel comune di Amantea, in provincia di Cosenza, e lungo la fascia tirrenica. Viene prevalentemente prodotta tra Briatico e Capo Vaticano nel comune di Ricadi. Le particolari sostanze contenute nei suoli di questa zona la rendono dolce e non amara. Questo ortaggio contiene vitamina C, vitamina E, ferro, selenio, iodio, zinco e magnesio. La forma è rotonda od ovoidale. Il bulbo ha molti effetti benefici; uno di questi è il potere antisclerotico che porta beneficio per il cuore e le arterie, e previene il rischio di infarto. È composta da varie tuniche concentriche carnose di colorito bianco e con involucro rosso; è coltivata in queste zone da oltre duemila anni, importata dai Fenici, e da oltre un secolo, ora abbinata al turismo, contribuisce allo sviluppo socio-economico della zona. La dolcezza dell'ortaggio dipende dal microclima particolarmente stabile nel periodo invernale, senza sbalzi di temperatura per l'azione di mitezza esercitata dalla vicinanza del mare, e dei terreni freschi e limosi, che determinano le caratteristiche pregiate del prodotto. Il DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA "- CIPOLLA ROSSA DI TROPEA- CALABRIA-, designa i bulbi di cipolla rossa nella tipologia cipollotto, cipolla da consumofresco, cipolla da serbo, che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione ai sensi del Reg. 2081\92. Si distinguono tre tipologie di prodotto: 1) Cipollotto: a) colore: bianco-rosato - violaceo b) sapore: dolce, tenero. c) calibro: si rimanda ai vincoli previsti dalle norme comunitarie; Il profilo merceologico del Cipollotto a I.G.P.comprende la Categoria I. 2) Cipolla da consumo fresco: a) colore: bianco-rosso fino al violaceo. b) sapore: dolci e teneri c) calibro: si rimanda ai vincoli previsti dalle norme comunitarie;

16 Il profilo merceologico della Cipolla da consumo fresco a I.G.P. comprende la Categoria I. 3) Cipolla da serbo: a) colore: rosso-violaceo. b) sapore: dolci e croccanti. c) calibro: si rimanda ai vincoli previsti dalle norme comunitarie; Il profilo merceologico della Cipolla da serbo a I.G.P. comprende la Categoria I. La zona di produzione della Cipolla Rossa di Tropea Calabria- IGP comprende, i terreni idonei ricadenti nel territorio amministrativo, tutto o in parte, dei seguenti comuni calabresi: a) provincia di Cosenza: parte dei comuni di Fiumefreddo, Longobardi, Serra d'aiello, Belmonte, Amantea. b) provincia di Catanzaro: parte dei comuni di Nocera Terinese, Falerna, Gizzeria, Lamezia Terme, Curinga. c) provincia di Vibo Valentia: parte dei comuni di Pizzo, Vibo Valentia, Briatico, Parghelia, Zambrone, Zaccanopoli, Zungri, Drapia, Tropea, Ricadi, Spilinga, Joppolo, Nicotera. Le caratteristiche merceologiche uniche che hanno conferito notorietà al prodotto a livello nazionale, e soprattutto il valore storico e culturale nell area considerata ancora oggi vivo e presente nelle pratiche colturali, in cucina, nelle quotidiane espressioni idiomatiche e nelle manifestazioni folcloristiche, hanno reso il prodotto stesso oggetto di imitazioni e contraffazione della denominazione. Ne consegue la necessità di tutelare la denominazione geografica e di creare un sistema di certificazione che garantisca allo stesso tempo la tracciabilità delle varie fasi di produzione. Pertanto i produttori della Cipolla Rossa di Tropea Calabria e le particelle catastali su cui si coltiva, verranno iscritti in appositi elenchi gestiti dall organismo di controllo di cui al successivo art. 7. Lo stesso organismo, accreditato presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, definirà le modalità di iscrizione nei suddetti elenchi e dei controlli affinché il prodotto IGP sia rispondente alle prescrizioni del disciplinare. Le operazioni di semina per la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria- " vengono effettuate a partire da agosto, direttamente in vivaio, in campo o in contenitori alveolari. Il trapianto si effettua da ottobre a gennaio per la cipolla precoce e gennaio marzo per la tardiva, quando le piantine nel vivaio hanno raggiunto 15 cm di altezza e 4-5 foglie. Per la produzione del cipollotto si pratica indifferentemente la semina diretta, il trapianto di semenzali o quello di bulbi dell annata precedente accuratamente conservati, posti a dimora nel terreno da agosto in poi.

17 Tra le ordinarie operazioni colturali si ricorre all irrigazione variabile in funzione dell andamento pluviometrico e del tipo di terreno. Successivamente alla raccolta i bulbi dei cipollotti devono subire l eliminazione della tunica esterna sporca di terra, la spuntatura delle code a 40 cm e quindi essere posti in cassette disposti in fascetti. Per la cipolla da consumo fresco i bulbi privati dalla tunica esterna vengono sottoposti all'eventuale taglio delle code se superano i 60 cm e poi riuniti in fasci di 5-8 kg e posti in cassoni o cassette. Per la cipolla da serbo i bulbi vengono deposti in andane sul terreno coprendoli con le stesse foglie e lasciandoli un tempo variabile da 8 a 15 giorni per farli asciugare, far acquisire compattezza, resistenza ed una colorazione rosso vivo. I bulbi una volta disidratati possono essere scollettati o, mantenendo le code, destinati alla produzione di trecce. All'atto dell'immissione al consumo i bulbi con l'indicazione geografica protetta "Cipolla Rossa di Tropea Calabria- devono presentare le caratteristiche previste per la I categoria delle norme comuni di qualità. Proprietà e benefici La cipolla ha un consistente valore nutritivo, grazie alla presenza di sali minerali e vitamine, soprattutto la vitamina C, ma contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo; inoltre contiene anche oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, diverse vitamine (A, complesso B, C, E); flavonoidi dall'azione diuretica e la glucochinina, un ormone vegetale, che possiede una forte azione antidiabetica. Ma questa pianta ha anche numerosissimi impieghi terapeutici: in dermatologia, può essere utilizzata come antibiotico, antibatterico, semplicemente applicando il succo sulla parte da disinfettare; è anche un ottimo espettorante, specialmente unito al miele e un decongestionante della faringe: i gargarismi con succo di cipolla sono particolarmente indicati in caso di tonsillite e il succo è anche molto utilizzato come diuretico e depurativo e infatti viene consigliato da chi soffre di trombosi perché, avendo un potere fluidificante, facilita la circolazione del sangue. Un discorso a parte merita l utilizzo della cipolla per tutti coloro che soffrono di cattiva digestione : in questo caso si consiglia di consumare la cipolla cotta che è sicuramente più tollerabile anche se ha minori proprietà nutritive rispetto a quella cruda che può essere assunta facilmente da coloro i quali non hanno particolari problemi di bruciori allo stomaco. Inoltre questi benefici bulbi fungono anche da ipoglicemizzanti, abbassando il livello di glucosio nel sangue e permettendo di ridurre le dosi di insulina. Di questa pianta si conoscono anche le virtù benefiche in omeopatia: infatti è indicata in caso di raffreddore, per contrastare la fastidiosa secrezione nasale che lo accompagna, specialmente

18 se sussiste anche il fenomeno della lacrimazione. La cipolla, ricca di olii essenziali, sostanze ricche di zolfo, vitamine e sali minerali viene utilizzata frequentemente anche come rimedio fitoterapico, specialmente in caso di ascessi o geloni, spesso utilizzata in forma di decotti facilmente realizzabili. Basta togliere alle cipolle il rivestimento esterno, lavarle e affettarle con la loro buccia e successivamente bollirle in una pentola d'acqua per circa 15 minuti; fatto ciò si filtra tutto il composto e si applica sulla parte da trattare, tamponando con una garza. Il decotto di cipolla è utile anche per la bellezza : infatti si è rivelato molto efficace per coloro i quali hanno pelli secche e rovinate e addirittura per rivitalizzare il bulbo pilifero dei capelli e ritardarne quindi la caduta. Inoltre Una delle sue proprietà è quella di essere un sedativo naturale, utile a conciliare il sonno. Gli scarti di cipolla come ingredienti funzionali Uno studio pubblicato sulla rivista Plant Foods Human Nutrition 1 riporta che più di t di scarti di cipolla sono buttate via nell Unione europea ogni anno e che potrebbero essere utilizzati come ingredienti alimentari. Un modo d impiegare questi scarti potrebbe essere l uso quale fonte naturale d ingredienti funzionali di alto valore, in quanto le cipolle sono ricche in diversi gruppi di composti che hanno effetti benefici sulla salute umana. L obiettivo di questo lavoro è stato quello di conoscere le differenze tra i diversi scarti di cipolla dell industria e dei bulbi non commerciali per utilizzarli come ingredienti alimentari. I risultati hanno dimostrato che la buccia marrone potrebbe essere utilizzata come ingrediente funzionale ricco in fibre dietetiche, soprattutto della frazione insolubile, e in fenoli totali e flavonoidi, con un elevata attività antiossidante. Inoltre, la buccia marrone ha un alta concentrazione dell aglicone quercitina e di calcio. Le parti esterne potrebbero essere utilizzate quali fonti di flavonoli con una buona attività antiossidante e un buon contenuto in fibre dietetiche, mentre le parti più interne come fonte di fruttani e di alchilcistein-sulfossidi. I risultati dimostrano che potrebbe essere utile separare le diverse parti delle cipolle prodotte con la lavorazione industriale ed essere utilizzate come fonte di composti funzionali da aggiungere ad altri alimenti. I composti Solforosi diminuiscono la capitalizzazione delle piastrine, migliorando il flusso sanguigno e la salubrità cardiovascolare in generale. Egualmente hanno un effetto positivo sui sistemi antiossidanti ed antinfiammatori in mammiferi. I risultati indicano che sarebbe utile separare le differenti parti delle cipolle prodotte durante il processo industriale. Questo permetterebbe loro di essere usate come fonte di composti funzionali per la salute umana. 1 Plant Foods Human Nutrition, vol.66, 1 pagg

19 Aspetti nutrizionali e funzionali della Cipolla di Tropea IGP La cipolla di Tropea, presenta virtù terapeutiche e soprattutto depurative: ricerche mediche svariate hanno dimostrato che le cipolle, in particolare quelle di colore rosso violaceo come le cipolle di Tropea, abbasserebbero notevolmente il rischio di cancro al fegato, al colon, alla laringe e alle ovaie. L'elevatissimo contenuto di flavonoidi, quercetina, sali minerali e fenoli, in combinazione con altri minerali depurativi quali il potassio ed il ferro contenuti nelle cipolle rosse di Tropea, favorirebbe molto questo effetto benefico. Liberando l organismo dalle tossine, le cipolle riducono infatti il rischio d'infiammazioni e non costringono il sistema immunitario ad essere sempre attivo. In questo modo, gli anticorpi sono in grado di eliminare immediatamente gli eventuali focolai di tumore e, nel caso in cui siano già presenti, potrebbero facilitare la loro regressione. Tutta la pianta contiene un'essenza volatile ricca di glucosidi solforati; il più importante è il disolfuro di allilpropile, essenza a cui è dovuta la maggior parte delle sue proprietà. Dal consumo di questo bulbo, immettiamo nel nostro organismo composti solforati di cromo, che hanno il potere di ridurre gli zuccheri nel sangue; quindi è una buona cura contro la glicemia, regolano il numero di trigliceridi (grassi in circolo sanguigno), riducono il livello di colesterolo (grassi che si accumulano sulle pareti delle arterie, restringendole) e, in tal modo prevengono l ipertensione arteriosa, l aterosclerosi ed altre malattie cardiovascolari. La cipolla ha anche un effetto digestivo perché contiene molti enzimi (fermenti). E' ricca di vitamine (A, quasi tutto il complesso B, C,E) ed oligoelementi (zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo); E' diuretica per la presenza di specifici flavonoidi che agiscono in tale direzione ed, infine, la glucochinina, un ormone vegetale dall'azione antidiabetica. Gli olii essenziali della cipolla cotta hanno un potere lassativo e regolatore intestinale. L Adenosina e altre sostanze, agiscono sulle piastrine e stimolano la disgregazione dei coaguli nel sangue (anticoagulante). Per tutti questi effetti positivi sulla salute, gli specialisti ne accomandano il consumo quotidiano, abituando al loro sapore anche i bambini sin dai primi anni di vita. Le proprietà nutrizionali e quelle curative delle cipolle rosse di Tropea esplicano la loro forza maggiore "a crudo", in quanto il calore della cottura riduce il loro potere curativo. Le cipolle, soprattutto se consumate crude, possono lasciare uno sgradevole alito cattivo: per rimediare a questo inconveniente si può tenere in bocca e masticare uno o due chiodi di garofano. E' comunque sconsigliato il loro consumo, specie a crudo, a chi soffre di iperacidità e di ulcera gastrica.

20 Riassumendo possiamo dire che la cipolla rossa di Tropea agisce con i seguenti effetti: 1) Espettorante: lo sciroppo di cipolla con un po' di miele è un rimedio ideale per alcune affezioni respiratorie; i gargarismi con brodo di cipolla decongestionano invece la faringe e sono molto utili in caso di tonsillite. 2) Ipotensore, diuretico, depurativo: si consiglia a chi soffre di trombosi perché fluidifica il sangue e ne facilita la circolazione. 3) Tonificante dell'apparato digerente e dell'organismo in generale: aiuta la digestione e l'assimilazione del cibo, anche se è sconsigliata a chi soffre di iperacidità e di ulcera gastroduodenale persistente. Stimola la funzione metabolica e disintossicante del fegato e pertanto è consigliabile a che soffre di alcune malattie epatiche. Normalizza la flora intestinale e rallenta i processi putrefattivi che liberano sostanze tossiche legate al cancro del colon e del retto. Contiene enzimi che attivano il metabolismo e che stimolano la produzione del sangue (effetto antianemico), apportando ferro ed oligoelementi. 4)Vermifugo: è efficace contro gli ascari e gli ossiuri; in questo caso la cipolla deve essere consumata cruda. 5) Antibiotico: l'azione del suo succo, applicato esternamente, è stata dimostrata su vari batteri cause di infezioni della pelle. 6) Cosmetico: in uso esterno la cipolla stimola la crescita dei capelli, ammorbidisce e rende più bella la pelle, purifica le pelli impure con foruncoli e acne. 7) Ipoglicemizzante: per effetto della glucochinina abbassa il livello di glucosio nel sangue permettendo di ridurre le dosi di insulina o di farmaci specifici. 8) Lassativo: per gli olii contenuti i essa. Le proprietà terapeutiche della cipolla come quelle dell aglio, sono immense e, andrebbero meglio sfruttate in quanto a differenza dei medicinali prodotti dalle industrie farmaceutiche, non danno spiacevoli effetti collaterali.

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola PRODOTTI MELANZANA (Solanum Melongena) Importata dalle zone calde dell India e della Cina la melanzana giunse

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

UN PO DI STORIA. L aroma e il sapore caratteristico dell erba cipollina sono dovuti ad una serie di molecole contenenti lo zolfo.

UN PO DI STORIA. L aroma e il sapore caratteristico dell erba cipollina sono dovuti ad una serie di molecole contenenti lo zolfo. ERBA CIPOLLINA ERBA CIPOLLINA L erba cipollina (Allium schoenoprasum) è una pianta aromatica della famiglia delle Liliaceae, o meglio, secondo schemi tassonomici più attuali, Alliaceae, di cui si utilizzano

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti Nuova Linea di Succhi dalle spiccate proprietà benefiche: per rinforzare

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

Dott. Paolo Pigozzi Verona Tel 045 8001735 pi.paolo@tin.it Montichiari, 16 febbraio 2007

Dott. Paolo Pigozzi Verona Tel 045 8001735 pi.paolo@tin.it Montichiari, 16 febbraio 2007 ORTO E FRUTTETO UNA MINIERA DI SALUTE Dott. Paolo Pigozzi Verona Tel 045 8001735 pi.paolo@tin.it Montichiari, 16 febbraio 2007 Frutta fresca e verdure crude Devono essere consumate tutti i giorni Contribuiscono

Dettagli

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi i quaderni dell orto Le sempre verdi dell orto 1 Verdura fresca durante tutto l anno Insieme al pomodoro, la lattuga è l ortaggio più diffuso e popolare negli orti familiari. Croccante, fresca e gustosa

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu'

5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu' 5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di piu' Spesso, a causa della nostra vita frenetica e degli impegni quotidiani, noi donne non abbiamo molto tempo da dedicare alla preparazione dei cibi, e

Dettagli

ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE

ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE Aloe, la pianta della salute La pianta dell Aloe appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è originaria dell Africa. Fin dall antichità, l Aloe fu considerata un rimedio terapeutico

Dettagli

La salute si conquista con il 5!

La salute si conquista con il 5! Nutrirsi di salute - Aprile 2011 La salute si conquista con il 5! È risaputo che frutta e verdura apportano benefici al nostro organismo. Quante porzioni dobbiamo consumarne ogni giorno? Questi preziosi

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta CIPOLLA ROSSA DI TROPEA CALABRIA Art. 1 ( Denominazione) La indicazione geografica

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L.

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L. Famiglia delle Cucurbitaceae Melone Cucumis melo L. - Ortaggio di importante valore diatetico per l elevato contenuto di Vitamina A e Vitamina C, e per la ridotta quantità di calorie (33 calorie per 100

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo.

Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo. I Colori per vivere meglio Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo. Questo progetto è stato realizzato con il contributo scientifico del prof. Carlo Cannella, direttore dell

Dettagli

Proprietà curative degli alimenti

Proprietà curative degli alimenti Proprietà curative degli alimenti Gli alimenti sono importanti non solo per il contenuto nutrizionale ma perchè possono essere utilizzati anche per proprietà preventive e/o curative specifiche verso i

Dettagli

orticoltura take-away

orticoltura take-away presenta orticoltura Dispense della lezione 30 maggio 2015 - Orti al Centro Le Solanacee e le Leguminose LA FAMIGLIA DELLE SOLANACEE Le Solanaceae sono una famiglia di piante che comprende più di 2500

Dettagli

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela L indicazione Geografica Protetta (IGP) Sedano Bianco di Sperlonga è riservata esclusivamente al sedano ecotipo

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte.

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. CuDriEc 8 maggio, 2016 La frittura fa bene o male? Questo l amletico dubbio. Abbiamo cercato opinioni in merito, cercando di raccogliere più documentazione

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 Trafilata al bronzo Negli ultimi anni il mercato della pasta e cambiato, il consumatore sempre piu attento, vuole un prodotto migliore e piu salubre. Pasta Toscana Integrale

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Quali possono essere le alternative alla carne per vegetariani e non solo? Volendo seguire una dieta bilanciata ed equilibrata, le proteine

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 IL SUCCO VIVO 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 Cos'è il succo vivo? Il concetto di succo vivo venne per la prima volta introdotto dal dottor Norman Walker (1886-1985). Walker è stato il pioniere del crudismo

Dettagli

Corso di macrobiotica in pillole

Corso di macrobiotica in pillole Corso di macrobiotica in pillole 4 LEZIONE Nutrire la vita Il nostro corpo ha bisogno quotidianamente di cibo vivo e vitale, con una forte carica energetica che ci aiuti a mantenerci in equilibrio con

Dettagli

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI DELLA MANDORLA

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI DELLA MANDORLA Il mandorlo: dalla tavola al campo alla scoperta delle sue potenzialità Organizzato da: CRA-SCA CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI DELLA MANDORLA Dott. Angelo Santino CNR ISPA Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION TRADITION La Punico Liquori nasce a Marsala, città situata nell estrema punta occidentale della Sicilia, famosa in tutto il mondo grazie al suo omonimo vino liquoroso. Da questa tradizione nasce l esperienza

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Erba medica. Medicago sativa L.

Erba medica. Medicago sativa L. Erba medica Medicago sativa L. Erba medica (Medicago sativa L.) L erba medica è tradizionalmente considerata la pianta foraggera per eccellenza rispetto alle altre specie da prato poliennale presenta notevoli

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO Che cosa è il compostaggio domestico? E un processo naturale che permette di ottenere dagli scarti organici di cucina (filtri di caffè, scarti

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

PORRO AUTUNNALE. introduzione

PORRO AUTUNNALE. introduzione porro autunnale introduzione PORRO AUTUNNALE A livello nazionale (ISTAT 2008) la coltivazione del porro incide su una superficie di circa 600 ha per una produzione complessiva superiore a 15.000 t. Il

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

12 cibi brucia grassi che ti aiutano a stare a dieta senza rinunciare al gusto

12 cibi brucia grassi che ti aiutano a stare a dieta senza rinunciare al gusto 1 / 5 MODA CAPELLI LIFECOACH OROSCOPO OSCAR 2016 ISCRIVITI SEGUICI 24/02/2016 Vuoi perdere peso senza soffrire? Inserisci questi cibi brucia grassi nella tua dieta BENESSERE E SALUTE DIETE CIBI BRUCIA

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

VERDURE. Carciofo. Quando sono teneri% specialmente nella parte pi& interna% possono essere consumati anche crudi in insalata#

VERDURE. Carciofo. Quando sono teneri% specialmente nella parte pi& interna% possono essere consumati anche crudi in insalata# VERDURE l!elenco delle verdure " lunghissimo# Per questo motivo i corsi di alimentazione saranno molti e piccoli# In questo breve estratto punteremo la nostra attenzione su due piante di uso comune molto

Dettagli

presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine

presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine GlutaNews presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine Scoprite gli effetti benefici sulla Salute degli ingredienti più usati nella preparazione di prodotti senza glutine GlutaBye Italia

Dettagli

Produzione e proprietà. prof. A.Battistelli

Produzione e proprietà. prof. A.Battistelli Produzione e proprietà VINO 2 Bevanda alcoolica Il grado alcoolico di un vino è la percentuale di alcool contenuto in esso. In quanto alcolico, non dev essere consumato da bambini e ragazzini, perché non

Dettagli

Collezione Hello Honey

Collezione Hello Honey DOLCE SEGRETO DI BELLEZZA Che cos è la Hello Honey Collection? La linea Hello Honey è costituita da cosmetici di alta qualità, pensati per la cura del corpo. Per creare questa eccezionale linea di prodotti,

Dettagli

L eccesso di calcio darà: disturbi legati al metabolismo degli zuccheri, artritismo e arteriosclerosi.

L eccesso di calcio darà: disturbi legati al metabolismo degli zuccheri, artritismo e arteriosclerosi. Gli oligoelementi (dal greco olos poco), sono dei composti infinitesimali delle piante, della frutta e degli ortaggi, indispensabili al buon funzionamento dei nostri organi, per un benessere fisico e mentale.

Dettagli

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a digerire i grassi grazie alla sua componente di acido citrico, utile anche contro l acidità di stomaco. Cocktail digestivo

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Bevande a base di Aloe Vera

Bevande a base di Aloe Vera Bevande a base di Aloe Vera Cibo in un bicchiere Per secoli l Aloe Vera è stata usata da molte civiltà nel mondo per le sue proprietà curative e per i suoi effetti benefici sulla salute. Il suo Gel contiene

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

L AGRICOLTURA BIOLOGICA

L AGRICOLTURA BIOLOGICA L AGRICOLTURA BIOLOGICA L agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal punto di vista legislativo a livello comunitario con il Regolamento CEE 2092/91 (ora Reg. 834/07 e Reg. 889/08), e

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli