SEI UN TIPO RIFLESSIVO O IMPULSIVO, CHE AGISCE D ISTINTO? 7 J.M. Coles e L.M. Ross, La fine del mondo 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEI UN TIPO RIFLESSIVO O IMPULSIVO, CHE AGISCE D ISTINTO? 7 J.M. Coles e L.M. Ross, La fine del mondo 7"

Transcript

1 I N D I C E LETTURE «ACCOGLIENZA» 1 Letture, attività, questionari per: conoscersi, socializzare, promuovere atteggiamenti cooperativi e collaborativi che favoriscono lo star bene a scuola; riflettere sul proprio rapporto con la scuola, confrontare esperienze, opinioni, desideri, aspirazioni; riflettere sul proprio atteggiamento nei confronti della lettura, scoprire il piacere di leggere e i propri «diritti di lettore», far crescere la propria passione per la lettura. MI PRESENTO 2 CHI SEI? COME TI DESCRIVI? 2 J. Wilson, Questa sono io 2 SEI UN TIPO RIFLESSIVO O IMPULSIVO, CHE AGISCE D ISTINTO? 7 J.M. Coles e L.M. Ross, La fine del mondo 7 RCS LIBRI EDUCATION SPA SEI UN TIPO SOCIEVOLE O SCONTROSO? 10 G. Papini, Il soprannome di «vecchio» 10 SEI UN TIPO DECISO O INDECISO? 12 J.M. Coles e L.M. Ross, L uomo indeciso 12 SEI UN TIPO TIMOROSO O CHE NON HA PAURA DI NIENTE? 14 E. Bencivenga, Paura di tutto 14 SEI UN TIPO «MAI CONTENTO» O CHE SA APPREZZARE LE COSE CHE HA? 16 A. Lugli, Maicontento 16 SEI UN TIPO CHE IMITA GLI ALTRI O SA ESSERE SE STESSO? 18 Volevo essere come Billy 18 RISPETTI GLI ALTRI? 20 J.M. Coles e L.M. Ross, Il secchio 20 SEI DISPOSTO A FARE DEI SACRIFICI PER PREPARARTI UN BUON AVVENIRE? 22 J. Muzi, Le sette uova 22 IO E LA SCUOLA 24 COM È STATA LA TUA ESPERIENZA DI SCUOLA PRIMARIA? 24 N. Costa, Ricordi divisi in due 24 DALLA SCUOLA PRIMARIA ALLA SCUOLA SECONDARIA: QUALI LE TUE IMPRESSIONI? 30 S. Morgënstern, Il primo giorno di scuola 30 A PROPOSITO DI SCUOLA: QUALI LE TUE OPINIONI, I TUOI DESIDERI? 34 IO E LA LETTURA 38 CHE LETTORE SEI? 38 D. Maraini, La mia passione erano i libri 38 P. Bichsel, Una vera tortura 39 PERCHÉ LEGGERE? 43 X COME FAR CRESCERE LA TUA PASSIONE PER LA LETTURA? 46

2 Indice 1 ALLA SCOPERTA DEI GENERI 48 Vicende fantastiche, magiche e di eroi coraggiosi e intrepidi per trarne consigli, regole di vita, per educare che il Bene trionfa sul Male, per riflettere su messaggi e valori positivi trasmessi dagli autori. L A FAVOLA 50 LA FAVOLA TRADIZIONALE 52 Esopo, Il leone e il topolino 52 IL GENERE La favola 54 Fedro, La volpe e la cicogna 57 Esopo, Il leone innamorato e il contadino 58 L. da Vinci, L ostrica e il topo 60 J. de La Fontaine, La colomba e la formica 61 LA FAVOLA MODERNA 62 L. Lionni, Guizzino 62 Cineforum A. Stanton e Lee Unkrich, Alla ricerca di Nemo 64 J. Thurber, La falena e la stella 65 FAVOLE DI IERI E DI OGGI A CONFRONTO 67 Fedro, Il lupo e l agnello 67 Trilussa, L agnello infurbito 68 Fedro, L ambizione di una rana 70 G. Rodari, Il bue e la rana 70 J. de La Fontaine, La Cicala e la Formica 72 G. Rodari, Alla formica 73 G. Rodari, Rivoluzione 73 Cineforum E. Darnell e T. Johnson, Z La formica 74 FAVOLE IN CODA 75 Fedro, La volpe e il corvo 75 G. Arpino, Favola in coda 76 In biblioteca a cura di E. Piccardi, Favole nel tempo 77 ORA SI ASCOLTA Q.O. Flacco, Il topo di campagna e il topo di città 78 FAVOLE NEL MONDO 80 Favola siriana, La scimmia golosa 80 Favola russa, La volpe e il gambero 81 Favola araba, L alito del leone 81 Favola africana, Le due rane 81 Favola albanese, Il leone, il lupo e la volpe 82 METTITI ALLA PROVA I.A. Krylov, Il quartetto 84 Obiettivo Recupero 86 Laboratorio di scrittura creativa 90 Completare, riscrivere, trasformare e inventare favole. Animali da favola: curiosità 94 e giochi da non perdere! XI

3 I N D I C E L A FIABA 98 LA FIABA TRADIZIONALE POPOLARE 100 J. e W. Grimm, I dodici cacciatori 100 In biblioteca Le più belle fiabe dei Grimm 104 IL GENERE La fiaba 105 A.N. Afanasjev, L acqua della vita 108 Cineforum H. Miyazaki, La città incantata 113 I. Calvino, Perina 114 In biblioteca I. Calvino, Fiabe italiane 117 LETTURA ESPRESSIVA I. Calvino, Gobba, zoppa e collotorto 118 LA FIABA D AUTORE 120 H.C. Andersen, I vestiti nuovi dell imperatore 120 Cineforum B. Silberling, Lemony Snicket 125 Una serie di sfortunati eventi LA FIABA MODERNA 126 G. Rodari, La strada che non andava in nessun posto 126 CAPPUCCETTO ROSSO: VERSIONI MODERNE DI UNA FIABA ANTICA, TRADIZIONALE 129 B. Munari, Cappuccetto Giallo 130 L. Fearn, La storia di Cappuccetto Rosso raccontata dal lupo 132 J. Thurber, Cappuccetto Rosso Ventesimo secolo 133 In biblioteca C. Martìn Gaite, Cappuccetto Rosso a Manhattan 134 L ANTIFIABA 135 R.G. Salvadori, I principi gemelli 135 Cineforum C. Miller e R. Hui, Shrek ORA SI ASCOLTA C. Perrault, Le fate 138 FIABE NEL MONDO 140 I MILLE VOLTI DI CENERENTOLA 141 Fiaba araba, Il pesciolino rosso e lo zoccoletto d oro 142 Fiaba africana, Natiki 147 In biblioteca a cura di B. Bonacina, Il mondo delle fiabe, 149 fiabe del mondo METTITI ALLA PROVA Fiaba persiana, La città delle pietre 150 Obiettivo Recupero 154 Laboratorio di scrittura creativa 158 Completare, intrecciare, rovesciare, trasformare e inventare fiabe. XII Fate, streghe, orchi: Notizie 160 e curiosità da non perdere!

4 Indice L AVVENTURA 164 RISCHI E PERICOLI MORTALI 166 E. Salgari, Sandokan, la Tigre della Malesia 166 IL TIPO DI TESTO Il testo narrativo 170 IL GENERE La narrazione d avventura 172 H. Melville, Il capitano Achab e la terribile balena bianca 174 In biblioteca R. Kipling, Capitani coraggiosi 179 RICERCA DI TESORI 180 R.L. Stevenson, Alla ricerca del tesoro 180 Cineforum G. Verbinski, Pirati dei Caraibi: La maledizione 183 della prima luna LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA 184 D. Defoe, Sull isola deserta 184 Cineforum R. Zemeckis, Cast away 189 ORA SI ASCOLTA A. Dumas, Mi chiamano Robin Hood 190 AVVENTURE DI RAGAZZI EROI 192 N. Ammaniti, Io non ho paura 192 METTITI ALLA PROVA J. Verne, Un violento uragano 198 Obiettivo Recupero 202 Laboratorio di scrittura creativa 206 Completare e creare descrizioni di personaggi e ambienti tipici dell avventura Scrivere una sequenza narrativa con frasi brevi e un ritmo rapido, incalzante. Scrivere racconti d avventura, dati alcuni elementi. Inventare un racconto d avventura utilizzando le tecniche narrative ed espressive proprie del genere. Avventure senza confini 210 alla scoperta di personaggi e tesori RCS LIBRI EDUCATION SPA L A FANTASY 214 ESSERI STRANI, CREATURE FIABESCHE 216 A. Dankovceva, Ivan e la kikimora 216 Cineforum C. Weitz, La Bussola d oro 221 IL GENERE La fantasy 222 M. Ende, Graogramàn, il padrone del Deserto Colorato 224 In biblioteca S. Audouin-Mamikonian, Tara Duncan e i sortileganti 229 Cineforum A. Adamson, Le cronache di Narnia 229 POTERI MAGICI 230 J.K. Rowling, Harry, tu sei un mago! 230 Cineforum D. Yates, Harry Potter e l Ordine della Fenice 236 S. De Mari, Uno nato da poco 237 ORA SI ASCOLTA L.F. Baum, Dorothy e le Teste-Martello 244 XIII

5 I N D I C E MEDIOEVO FANTASTICO 246 J.R.R. Tolkien, Il Signore delle Aquile delle Montagne Nebbiose 246 In biblioteca C. Paolini, Eragon 251 Cineforum P. Jackson, Il Signore degli Anelli 251 METTITI ALLA PROVA T. Pratchett, Una bambina mago 252 Obiettivo Recupero 256 Laboratorio di scrittura creativa 258 Inventare una trama fantasy. Scrivere un racconto fantasy, data una trama. Inventare un racconto fantasy, usando correttamente gli ingredienti tipici del genere. Creature fantastiche 260 e sfide per nuovi eroi 2 I GRANDI TEMI DEL VIVERE E DEL CONVIVERE 264 Testi per educare ai diritti e ai doveri, per interiorizzare l importanza della collaborazione, della solidarietà, del rispetto di regole concordate e condivise, dell assunzione di comportamenti corretti e responsabili in famiglia, a scuola, nel gioco, con gli animali. G L I AFFETTI FA M I L I A R I 266 PROTEZIONE E SICUREZZA 268 K. Forbes, La banca della mamma 268 Cineforum S. Nettelbeck, Ricette d amore 271 IN PRIMA PERSONA Figli e genitori: diritti e doveri 272 COMPLICITÀ E INTESA 273 K. Cann, Papà, grazie! 273 In biblioteca A. Lindgren, Vacanze all isola dei gabbiani 276 IL TIPO DI TESTO Il testo descrittivo 277 La descrizione di una persona 280 I GENITORI VISTI CON GLI OCCHI DEI FIGLI 284 E. Morante, Diverso da tutti gli altri 284 B. Pitzorno, Come una mosca nella tela del ragno 288 In biblioteca E. Prati, Papà, il mio Topo severo 292 APPROFONDIMENTI La famiglia nel diritto italiano 293 FRATELLI E SORELLE: INCONTRI E SCONTRI 294 E. Wolf, Ormai è troppo tardi 294 Cineforum S. Levy, Una scatenata dozzina 297 L.M. Alcott, Dimenticato e perdonato 298 In biblioteca M. Mapes Dodge, Pattini d argento 302 XIV ORA SI ASCOLTA C. Castellaneta, Il vincolo della complicità 303

6 Indice NONNI INDIMENTICABILI 304 A. Valente, Il non-no 304 In biblioteca C. Nöstlinger, Il lunedì è tutta un altra cosa 306 N. Ginzburg, La nonna 307 METTITI ALLA PROVA B. Gasperini, I tempi sono cambiati 310 Laboratorio di scrittura 314 Descrivere persone in modo oggettivo, soggettivo, dal generale al particolare e viceversa, raffigurate in fotografie o dipinti. La famiglia Nell arte, nella pubblicità, 318 nei fumetti e nel mondo I RAPPORTI CON GLI ALTRI: A SCUOLA 324 UNO SGUARDO ALLA CLASSE 326 A. Valente, In tutto siamo diciassette 326 IN PRIMA PERSONA Io e i miei compagni 330 L ARRIVO DI UN NUOVO ALUNNO 332 N. Hornby, In un altra scuola 332 Cineforum C. e P. Weitz, About a boy Un ragazzo 336 UNA SCUOLA MULTIETNICA E MULTICULTURALE 337 F. Gatti, Ma non hanno mai visto un bambino albanese? 337 In biblioteca F. Gatti, Viki che voleva andare a scuola 342 SCENE DI VITA SCOLASTICA 343 T. Wardle, Le ore di matematica 343 Cineforum R. Linklater, School of Rock 347 T. Kidder, Un insegnante severa ma giusta 348 IN PRIMA PERSONA Io e i miei insegnanti 352 J. Roth, Il primo della classe 354 In biblioteca J. Spinelli, La schiappa 357 ORA SI ASCOLTA D. Luciani, Tra la lavagna e la cattedra 358 NO ALLA PREPOTENZA E AL BULLISMO 360 I. McEwan, Il prepotente 360 APPROFONDIMENTI Il bullismo 365 E. Di Zara, Ci siamo noi a difenderti! 367 In biblioteca J. Wilson, Piantatela! 371 METTITI ALLA PROVA D. Starnone, La maestra Magliaro 372 Laboratorio di scrittura 376 Espandere un testo narrativo con descrizioni di persone e dialoghi. La scuola Nell arte, nella tecnologia, nel mondo 378 XV

7 I NDICE D IVERTIRSI INSIEME 382 GIOCHI E GIOCATTOLI 384 L. Tolstoj, L importanza della fantasia 384 IL TIPO DI TESTO Il testo descrittivo 386 La descrizione di un oggetto 386 K. Mansfield, La casa delle bambole 388 Cineforum J. Lasseter, Toy Story Il mondo dei giocattoli 390 RAGAZZI, CHE AVVENTURA! 391 P. Chiara, L evaporazione delle angurie 391 In biblioteca P. Chiara, Le avventure di Pierino 397 In biblioteca M. Twain, Le avventure di Tom Sawyer 397 IN PRIMA PERSONA Io e il gioco 398 RCS LIBRI EDUCATION SPA NO AI GIOCHI PERICOLOSI 400 A. Valleroni, Il primo fucile 400 Cineforum R. Donner, I Goonies 404 COMPAGNI DI GIOCO «ELETTRONICI» 405 R. Guarnieri, Tommy Videogame 405 In biblioteca M. Lanagan, Gioco selvaggio 406 ORA SI ASCOLTA J. Kerr, La «ruota» di Anna 407 LE REGOLE DEL GIOCO 408 B. Vinella, Sedie e fazzoletti 408 In biblioteca S. Barratt e P. Beard, Uffa, che barba! 409 IL TIPO DI TESTO Il testo regolativo 410 B. Vinella, Architetto 411 LETTORI IN GIOCO 412 I.A. Chiusano, La nave pirata 412 METTITI ALLA PROVA R. Piumini, Il processo e il naso 416 Laboratorio di scrittura 420 Descrivere oggetti e produrre testi regolativi. Il gioco Giochi e giocattoli 424 nell arte, nel tempo e oggi OBIETTIVO NATURA: GLI ANIMALI 428 STORIE DI LEALTÀ E GENEROSITÀ 430 H. Quiroga, La tartaruga gigante 430 In biblioteca G. Paulsen, I cani della mia vita 434 I. Bashevis Singer, Zlateh la capra 435 In biblioteca G. Durrell, La mia famiglia e altri animali 438 XVI ORA SI ASCOLTA G. McCaughrean, Gelert il levriero 439

8 I n d i c e RICORDI DI ANIMALI 440 B. Pitzorno, Come una bambina di campagna 440 IL TIPO DI TESTO Il testo descrittivo 444 La descrizione di un animale 444 J. Thurber, La fotografia di Rex 446 IN PRIMA PERSONA Io e gli animali 450 Il gioco delle situazioni 451 IL DIRITTO ALLA DIGNITÀ E AL RISPETTO 453 P.L. Travers, Andrea non è un ragazzino 453 APPROFONDIMENTI La Dichiarazione Universale dei Diritti dell Animale 458 P. Highsmith, Sbarre e cemento 460 In biblioteca A. Metalli, Lupo Siberiano 464 Cineforum J.-J. Annaud, Due fratelli 464 IL DIRITTO ALLA VITA 465 G. Celli, Addio piccolo amico sconosciuto 465 Cineforum M. Pèrennou e C. Nuridsany, Microcosmos Il popolo dell erba 467 METTITI ALLA PROVA M.K. Rawlings, Jody e il capriolo 468 Laboratorio di scrittura 472 Descrivere animali e scrivere racconti di animali. Animali in primo piano 476 L abbandono di un animale. No alla sofferenza degli animali. Specie animali a rischio Quante falsità sugli animali 3 IL SENSO DELLA VITA: STORIE DAL CUORE DEL MONDO 480 Storie che, pur appartenendo a culture diverse, parlano di «sentimenti comuni e trasmettono valori universali». Storie che educano all interculturalità. Storia dell Africa, La traversata del fiume 482 Storia zen giapponese, Le tigri e la fragola 483 Storia dell Arabia Saudita, Azrael 484 Storia buddhista, Il pappagallo e l albero 485 Storia dell Afghanistan, Quattro amici 487 Storia della Mongolia, Il figlio del ladro 489 Storia musulmana, Il tesoro nella caverna 491 Storia della Russia, La vera ricchezza 493 XVII

9 I NDICE 4 LA VOCE DEI POETI 498 Semplici testi poetici per sollecitare una prima confidenza con gli strumenti e il linguaggio del poeta, per stimolare sentimenti, emozioni, sensazioni personali e capacità creative e ideative. L A POESIA 500 IL TIPO DI TESTO Gli strumenti del poeta Il verso, la strofa e la rima 502 M. Moretti, Un fungo 505 A. Negri, La danza della neve 506 S. Quasimodo, Già la pioggia è con noi 507 S. Penna, Sempre affacciato 507 Il linguaggio del poeta Le figure retoriche 508 G. D Annunzio, L onda 510 A. Palazzeschi, La fontana malata 511 G. Pascoli, Il tuono 512 R.M. Rilke, Il risveglio del vento 513 D. Valeri, Dopo 513 LA FILASTROCCA: 514 IL POETA GIOCA CON SUONI E RITMI G. Rodari, Filastrocca burlona 515 R. Piumini, Uomo a pendolo 516 Scrittura creativa La filastrocca 517 IL NONSENSE: IL POETA COMPONE VERSI «SENZA SENSO» 518 T. Scialoja, Il gatto soriano 518 T. Scialoja, Sul lido di Ostia 518 N. Orengo, La triglia di Camogli 519 N. Orengo, Intorno alla minestra 519 N. Bayley s, Un uomo mi chiese nella radura 519 Scrittura creativa Il nonsense 521 IL LIMERICK: IL POETA INVENTA BIZZARRI PERSONAGGI 522 E. Lear, C era un vecchio di Parigi 523 E. Lear, C era una signorina di Lodi 523 G. Rodari, Un signore di nome Filiberto 524 Scrittura creativa Il limerick 525 IL CALLIGRAMMA: IL POETA CREA DISEGNI CON LE PAROLE 526 M. Faustinelli, Il triangolo 526 M. Faustinelli, La lampadina 527 C. Govoni, Autoritratto 528 Scrittura creativa Il calligramma 529 IL POETA E GLI AFFETTI FAMILIARI 530 U. Saba, Ritratto della mia bambina 530 L. Sinisgalli, A mio padre 532 XVIII LETTURA AD ALTA VOCE V. Cardarelli, Attesa 534 L. Hughes, Figliolo, ti dirò una cosa 536

10 Indice IL POETA E LA SCUOLA 538 M. Moretti, L ore non passavan mai 538 S. Penna, Scuola 540 ORA SI ASCOLTA J. Prévert, Compito in classe 541 IL POETA E GLI ANIMALI 542 Yu Che-Nan, Lucciola 542 U. Saba, Il bagno del passero 543 E. Montale, Il rondone 544 IL POETA: EMOZIONI E SENTIMENTI 546 C. Govoni, La trombettina 546 A. József, Il dolore 548 N. Hikmet, Sono contento 549 G. Ungaretti, Natale 550 METTITI ALLA PROVA A. Gatto, Ogni uomo è stato un bambino 552 Obiettivo recupero 554 Laboratorio di scrittura creativa 558 Scrivere nomi e cognomi in rima. Inventare slogan in rima. Comporre strofe in rima. Comporre versi costituiti da allitterazioni e onomatopee. Creare similitudini e metafore poetiche. Creare una poesia con altre poesie. Esprimere in versi sensazioni, sentimenti, emozioni. POESIE IN DIALETTO 562 T. Guerra, A gli óchi dla Chèca 562 N. De Vita, Martinu 563 E. Collu, Pungi o spina 564 N. Cantarutti, Chê dì ta l an 564 Trilussa, Mulo L ARTE DEL TEATRO 566 Testi teatrali, attività, giochi, per acquisire interesse per il teatro, per potenziare capacità comunicative ed espressive, per socializzare e assumere comportamenti responsabili e collaborativi. RCS LIBRI EDUCATION SPA I L TEATRO 568 LE ORIGINI DELL ARTE TEATRALE 570 IL TEATRO IN GRECIA 571 Le origini 571 I protagonisti 571 I generi 572 I luoghi 573 Euripide, Le Troiane 574 IL TEATRO A ROMA 576 Le origini 576 I protagonisti 576 I generi 577 I luoghi 577 Plauto, Mostellaria 578 XIX

11 I N D I C E IL TEATRO MEDIEVALE 580 Le origini 580 I generi 580 I protagonisti 582 I luoghi 582 C. Muset, La richiesta del giullare 584 LABORATORIO TEATRALE 586 Giochi per abituarsi alla concentrazione 586 Giochi per l affiatamento del gruppo 587 Giochi d improvvisazione per sviluppare la creatività 587 Giochi per esprimersi con il corpo e con la voce 588 LA LETTURA DRAMMATIZZATA 592 J.R.R. Tolkien, Pierin Semplicione 593 IL COPIONE 596 TUTTI IN SCENA 598 Forte Drago, furbo Stan IL CAMMINO DELL UOMO 610 Viaggio nella storia, dal mondo antico al mondo medievale, di carattere storico-socialeletterario, per arricchire le conoscenze e operare collegamenti interdisciplinari. V I A G G I O NELLA STORIA 612 NEL MONDO ANTICO 614 V.M. Manfredi, Pregi e difetti di Alessandro Magno 614 IL TIPO DI TESTO Il testo espositivo 618 Malattie e medicamenti nell antica Roma 620 NEL MONDO MEDIEVALE 624 E. e R. Power, L educazione di un futuro cavaliere 624 In biblioteca T. Guerra e L. Malerba, Storie dell anno Mille 629 Cineforum K. Reynolds, Tristano e Isotta 629 J. Bruckmann, Vita nel monastero 630 ORA SI ASCOLTA Eginardo, Carlo Magno 635 B. Pitzorno, Melisenda e il suo falcone 636 Cineforum R. Donner, Ladyhawke 641 METTITI ALLA PROVA E. Power, Vita da contadino nel Medioevo 642 Laboratorio di scrittura 645 Scrivere un testo storico-espositivo. Scrivere un testo espositivo, dato un disegno corredato di spiegazioni. Curiosità storiche 648 Alla scoperta delle origini di usanze e modi di dire attuali. XX BIOGRAFIE AUTORI 652

12 1 ALLA SCOPERTA DEI GENERI 48

13 L A FAVOLA L A FIABA L AVVENTURA L A FANTASY 49

14 GENERI RCS LIBRI EDUCATION SPA 50

15 L A FAVOLA C ONOSCENZE Gli elementi principali della favola. Le caratteristiche e i temi tipici della favola tradizionale e moderna. Favole di ieri e di oggi a confronto. Favole in coda. Favole nel mondo. A BILITÀ Comprendere la vicenda narrata. Individuare la struttura narrativa della favola. Riconoscere l umanizzazione dei protagonisti-animali e riflettere sul loro comportamento per trarne consigli, regole di vita. Riconoscere le caratteristiche dell ambientazione e del linguaggio. Individuare e comprendere la morale. Rilevare somiglianze e differenze tra favola tradizionale e favola moderna. Riconoscere che tutte le favole del mondo si assomigliano e confrontare favole di Paesi diversi. Riconoscere che la favola, pur muovendosi nel magico mondo della fantasia, è uno strumento educativo di grande importanza. O RA SI ASCOLTA M ETTITI ALLA PROVA: VERIFICA SOMMATIVA O BIETTIVO RECUPERO L ABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Completare, riscrivere, trasformare e inventare favole. 51

16 L A FAVOLA LA FAVOLA TRADIZIONALE Le favole della tradizione classica, in particolare quelle di Esopo, scrittore greco del VI secolo a.c., e di Fedro, autore latino del I secolo d.c., sono brevi narrazioni dall intreccio semplice e lineare, che hanno come protagonisti per lo più animali che parlano, pensano come esseri umani e rappresentano con i loro comportamenti i vizi e le virtù degli uomini. La vicenda narrata si propone sempre di fornire un insegnamento, una morale. Il leone e il topolino Esopo GENERI Un topolino correva sul corpo di un leone addormentato, il quale si svegliò e, acchiappatolo, fece per ingoiarlo. La bestiola cominciò a supplicare di risparmiarlo e a dire che, se ne usciva salvo, gli avrebbe dimostrato la sua riconoscenza. Il leone scoppiò a ridere e lo lasciò andare. Ma dopo non molto gli capitò un caso in cui dovette davvero la sua salvezza alla riconoscenza del topolino. Alcuni cacciatori riuscirono a catturarlo e lo legarono con una corda a un albero. Il topo allora udì i suoi lamenti, accorse, rosicchiò la corda e lo liberò, soggiungendo: «Tu, quella volta, t eri fatto beffe di me, perché non immaginavi mai di poter avere una ricompensa da parte mia. Sappi ora che anche i topi sono capaci di gratitudine». La favola mostra come, col mutare delle circostanze, anche i potenti possono aver bisogno dei deboli. (da Favole, trad. di E. Ceva Valla, Rizzoli, Milano, 1989) 52

17 La favola tradizionale PROPOSTE DI LAVORO COMPRENDERE 1. La favola inizia col presentarti un topolino che corre sul corpo di un leone addormentato. Al risveglio del leone, che cosa succede al topolino? 2. Il topolino, per aver salva la vita, che cosa promette al leone? Qual è la reazione del leone? 3. Non molto tempo dopo, che cosa succede al leone? Da chi e come viene salvato? 4. Con quali parole del topolino si conclude la favola? ANALIZZARE 5. Chi sono i protagonisti, cioè i personaggi principali della favola? In che senso si possono definire «animali umanizzati»? Sono descritti in modo particolareggiato oppure no? 6. Come definiresti il topolino della favola? (Indica con una crocetta la risposta esatta) Imprudente Saggio Riconoscente 7. Secondo te, in quale tempo avvengono i fatti narrati? Ai nostri giorni Nel futuro In un passato non definito, indeterminato In un periodo ben preciso dell antichità 8. Come definiresti il luogo in cui si svolge la vicenda narrata? Non precisato Descritto accuratamente dall autore 9 Secondo te, lo scopo principale di questa favola è: raccontare la storia di un leone salvato da un topolino spiegare quanto sia pericoloso per un topolino correre sul corpo di un leone fornire, trasmettere un insegnamento morale 10. Individua nel testo la morale, cioè l insegnamento che si ricava dalla favola, e sottolineala. RCS LIBRI EDUCATION SPA INVITO ALLA SCRITTURA 11. Ti è mai capitato, in qualche particolare circostanza di vita, di essere stato aiutato da qualcuno di cui non avresti mai pensato di aver bisogno? Racconta. 12. Immagina che il topolino della favola si riveli un ingrato e non liberi il leone catturato dai cacciatori. In questo caso, quale potrebbe essere la morale della favola? 53

18 IL GENERE La favola GENERI La favola (dal latino fabula: cosa narrata, raccontata) è una breve narrazione in prosa o in versi di una vicenda i cui protagonisti sono per lo più animali o, meno frequentemente, uomini, oggetti, piante, divinità. La favola ha lo scopo di insegnare qualcosa attraverso l esempio, ossia di fornire un insegnamento, una morale. LA STRUTTURA DELLA FAVOLA La vicenda Solitamente è costituita da un solo episodio dall intreccio semplice e lineare: > situazione iniziale; > situazione intermedia o svolgimento; > situazione finale o conclusione. I protagonisti Sono per lo più animali che parlano e si comportano come persone. Spesso sono limitati a due o tre e rappresentano con i loro comportamenti i vizi (qualità negative) oppure le virtù (qualità positive) degli uomini. I protagonisti interpretano ruoli fissi, abbastanza rigidi: ad esempio, la volpe raffigura l astuzia; il leone la forza, la potenza; l asino la stupidità; il lupo la prepotenza; l agnello l ingenuità, la timidezza; la formica la laboriosità, la previdenza; la cicala la leggerezza, la superficialità e così via. I protagonisti inoltre presentano comportamenti o caratteri sempre in netta contrapposizione gli uni con gli altri: ad esempio, se uno è debole l altro è forte; se uno è ingenuo l altro è scaltro, astuto; se uno è avido l altro è generoso e così via. Il tempo e lo spazio Nella favola mancano precise indicazioni temporali e spaziali. Infatti il tempo e il luogo in cui si svolgono i fatti appaiono indeterminati, non descritti in modo particolareggiato. A volte si fa riferimento a una stagione dell anno o a un momento del giorno, oppure si accenna a un luogo «aperto» (un bosco, un ruscello, un pozzo) o a un luogo «chiuso» (un interno di abitazione) ma sempre in modo vago, impreciso. Ciò trova una sua giustificazione nel fatto che per la favola non è tanto importante la descrizione dell ambiente in cui agiscono i personaggi, quanto piuttosto la descrizione dei comportamenti dei personaggi stessi al fine di ricavarne insegnamenti, norme di vita. La morale La morale, ossia l insegnamento, il consiglio di comportamento che si deve trarre dalla vicenda narrata, solitamente è esplicita, cioè viene espressa chiaramente dall autore alla fine o, più raramente, all inizio della favola stessa. A volte però la morale è implicita, cioè nascosta, non dichiarata apertamente dall autore, e allora in questo caso dovrà essere il lettore a ricavarla. 54

19 L A FAVOLA IL LINGUAGGIO DELLA FAVOLA È caratterizzato dalla presenza di: > frasi molto semplici; > aggettivi qualificativi di significato contrario relativi ai contrapposti caratteri o comportamenti dei personaggi; > dialoghi (scambi di parole o frasi pronunciate dai personaggi e riportate dall autore direttamente); > monologhi (parole o frasi pronunciate da un personaggio che non si rivolge in modo particolare a qualcuno, ma parla a se stesso). LA FAVOLA NEL TEMPO La favola è un genere letterario molto antico. Probabilmente la sua origine è da ricercare in Oriente, nella tradizione letteraria assirobabilonese ed egizia. Solo però con il greco Esopo (VI secolo a.c.) si ebbe la prima grande raccolta scritta di favole. Le favole esopiche (circa cinquecento) costituivano, insieme ai poemi omerici, un testo scolastico. I giovani greci infatti, attraverso questi piacevoli raccontini di animali, imparavano un complesso di norme, di regole utili al vivere comune, quali: la fedeltà nell amicizia, la riconoscenza per i benefici ricevuti, l amore per il lavoro, l importanza della sincerità e della moderazione, l accettazione del destino. Nel mondo romano, poi, la favola trovò il suo massimo rappresentante in Fedro (I secolo d.c.) che, ispirandosi a Esopo, compose ben cinque libri di favole in versi nelle quali evidenziò le ingiustizie, le prepotenze, i soprusi della società del suo tempo. Dopo Fedro la favola, se ebbe grande fortuna nel Medioevo, fu del tutto trascurata dagli Umanisti del Quattrocento per essere poi rivalutata nel Cinquecento, durante il Rinascimento. Sono di questo periodo le favole di Leonardo da Vinci che, pur seguendo la struttura della favola classica, presentano personaggi e intrecci originali. In particolare, la favola fu rivalutata nel Seicento dal poeta francese Jean de La Fontaine che, ispirandosi a Esopo e Fedro, offre per mezzo degli animali un quadro della vita e della società del suo tempo, mettendone in rilievo vizi e virtù. Anche nel Novecento, e ancora oggi, numerosi scrittori, come Trilussa, Alberto Moravia, Gianni Rodari, Luigi Malerba, James Thurber, hanno scritto favole, sebbene con tecniche nuove e originali rispetto alla favola tradizionale. La favola 55

20 Ora si ascolta cd - 1 TRACCIA-2 Il testo è riportato nella Guida per l insegnante Il topo di campagna e il topo di città Q uinto Orazio Fl a c c o «Una volta un topo campagnolo ebbe ospite, nella sua povera tana...» PRIMA DELL ASCOLTO G E N E R I Concentrati e preparati ad ascoltare la favola con la massima attenzione. DURANTE L ASCOLTO Osserva le seguenti illustrazioni che raffigurano le scene principali della vicenda. Potrai così seguire e comprendere più facilmente la favola

21 L A FAVOLA DOPO L ASCOLTO 1. Il topo di campagna, nei confronti del topo di città, si dimostra: (indica con una crocetta la risposta esatta) avaro e risparmiatore poco gentile molto ospitale 2. Il topo di città: mangia volentieri tutto il cibo preparatogli dal topo di campagna assaggia il cibo di malavoglia, dimostrando chiaramente di non gradirlo mangia solo un pezzo di lardo 3. Il topo di città riesce a convincere il topo di campagna a seguirlo in città soprattutto perché: gli prospetta una vita piena di agi e di ricchezze in città gli promette una ricca cena con pietanze squisite lo fa riflettere sulla brevità della vita e quindi sull importanza di godersela il più possibile finché si è in tempo Ora si ascolta 4. Il topo di campagna, nella casa signorile del topo di città: si comporta in modo timido, impacciato mangia pietanze prelibate ed è pienamente soddisfatto è infelice, mangia poco e di malavoglia 5. In seguito all arrivo dei grossi cani: il topo di città, terrorizzato, chiede al topo di campagna di ospitarlo nella sua povera tana il topo di campagna, nonostante la paura, decide di vivere nella casa signorile del topo di città il topo di campagna se ne va; alla vita di città preferisce il suo bosco e la sua tana sicura dai pericoli 6. I fatti narrati avvengono: ai nostri giorni in un passato non definito, indeterminato in un periodo ben preciso dell antichità 7. La vicenda narrata si svolge prevalentemente in luoghi: chiusi aperti 8. Qual è, secondo te, la morale della favola? 79

22 L A FAVOLA FAVOLE NEL MONDO Le favole sono presenti in tutti i Paesi del mondo, in tutte le culture e quasi tutte si assomigliano. Infatti: > la vicenda è generalmente caratterizzata da un intreccio semplice e lineare; > i protagonisti sono per lo più animali che parlano e si comportano come persone e che rappresentano, con i loro comportamenti, i vizi o le virtù degli uomini; > c è sempre una morale esplicita o implicita. Puoi verificare tu stesso che le favole del mondo si assomigliano leggendo quelle che qui di seguito ti proponiamo e compilando la tabella riportata alla fine. GENERI Favola siriana La scimmia golosa RCS LIBRI EDUCATION SPA Un uomo attraversava il bosco con un sacco di lenticchie, ma, a metà strada, si fermò per fare un riposino sotto un albero. La scimmia, che abitava quell albero, vide l uomo addormentato e scese dai rami per rubargli una manciata di lenticchie. Risalì sull albero per mangiarsele, ma appena aprì il pugno una lenticchia cascò a terra. Allora la scimmia scese a cercarla, ma nel frattempo l uomo si era svegliato e l animale, per risalire in fretta sul suo albero, abbandonò tutte le lenticchie che teneva nella mano. Così, per non perdere una lenticchia, la scimmia golosa le perse tutte. (da Enciclopedia della fi aba, Editori Riuniti, Roma) 80

23 Favola russa La volpe e il gambero Favole nel mondo Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». «Va bene» acconsentì il gambero e subito urlò: «Pronti, via!». La volpe si mise a correre, il gambero si agganciò alla sua coda e non si staccò neppure quando la volpe raggiunse il traguardo. La volpe, certa di essere la prima, si volse indietro a guardare, ma nessun gambero stava per raggiungerla. L animale nel frattempo si era staccato dalla sua coda e, quando la volpe volse il muso verso di lui, disse: «Che cerchi là dietro? È già un pezzo che sono qui ad aspettare!». Favola araba L alito del leone (da Enciclopedia della fi aba, Editori Riuniti, Roma, rid. e adatt.) 1. dipo: piccolo topo che vive nel deserto. 2. equo: giusto. Un giorno, il leone, che aveva avuto la febbre, convocò il dipo 1, l asino e lo sciacallo e domandò loro se aveva l alito cattivo. Il dipo si avvicinò alla bocca del leone e disse: «Che schifo! Che cattivo odore!». Il leone arrabbiato urlò: «Come osi parlare così al re degli animali?». E gli spaccò la testa con una zampata. Si avvicinò l asino. «Che profumo!» disse. «Di che cosa si tratta?» «Come osi prenderti gioco del re degli animali?» tuonò il leone. E gli spezzò la schiena con una zampata. Poi disse allo sciacallo: «E tu cosa mi dici?». Lo sciacallo esitò un po e poi disse: «O re degli animali, ho il raffreddore e non potrei darti un giudizio equo 2». «L hai scampata» disse irritato il leone e dovette lasciarlo andare. (da Racconti popolari arabi, A. Mondadori, Milano, 1985, rid.) Favola africana Le due rane Due rane caddero in un recipiente pieno di latte e, pur dibattendosi, non si tiravano fuori. Una disse: «Oggi finisce la mia vita», cessò di muoversi e annegò. L altra continuò a dimenare le zampine e si formò del burro. Allora si inerpicò su un pezzo di burro, saltò e uscì dal recipiente. Allah ha detto: «Innalzati da solo e io ti aiuterò». (da G. Prampolini, Il mondo racconta, Bietti) 81

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano».

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». LA VOLPE E IL GAMBERO Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». «Va bene» acconsentì il gambero. E subito dopo urlò: «Pronti, via!». La volpe si mise a correre, il gambero

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

1 Laboratori ad alta leggibilità Guida alla scrittura Mappe Audiolibro. COLORI PER LEGGERE Strumenti per una didattica inclusiva VERSIONE MISTA

1 Laboratori ad alta leggibilità Guida alla scrittura Mappe Audiolibro. COLORI PER LEGGERE Strumenti per una didattica inclusiva VERSIONE MISTA Chiara Ferri Luca Mattei COLORI PER LEGGERE Strumenti per una didattica inclusiva 1 Laboratori ad alta leggibilità Guida alla scrittura Mappe Audiolibro Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

La Favola. App Generation Writers. I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM. www.nicolanapolitano.altervista.

La Favola. App Generation Writers. I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM. www.nicolanapolitano.altervista. Laboratorio di Scrittura Creativa Il Testo narrativo La Favola www.nicolanapolitano.altervista.org App Generation Writers I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM La favola La parola

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Ricerche sulla punteggiatura

Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura sembra progredire dai LIMITI ESTERNI del testo verso l interno Quando compare all interno del testo si concentra: all interno o ai margini

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

I o scrittore. S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura

I o scrittore. S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura I o scrittore S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura Nel testo narrativo la storia può essere: ü reale, se racconta fatti che possono accadere nella realtà; ü fantastica, se i personaggi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali 1 CORSI DI FORMAZIONE 2012/2013 L ITALIANO NELLA SCUOLA PRIMARIA RELATORE: VITTORIA BUSATTO PROGRAMMA DEL CORSO DI LINGUA ITALIANA CLASSE QUARTA- ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Lezione Data della lezione Contenuto

Dettagli

Valorizzare la diversità linguistica delle classi

Valorizzare la diversità linguistica delle classi Valorizzare la diversità linguistica delle classi I.C. Andrea Zanzotto Caneva Scuola Primaria di Sarone Classi 1 a 2 a 3 a Gruppo 1 Formatrice: Dott. ssa Graziella Favaro Insegnanti curatori: Enrico Colomberotto

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Gruppo di assegnazione... I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016

Gruppo di assegnazione... I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016 Alunno... Gruppo di assegnazione... Premessa: I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016 Di seguito sono elencate 10 attività. Non vanno svolte tutte, ma ogni alunno/a dovrà

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA

Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA La lettura e la narrazione sono strumenti essenziali di comunicazione con il singolo bambino e una potente chiave

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Due Muli e i loro Mulattieri

Due Muli e i loro Mulattieri Due Muli e i loro Mulattieri Due muli camminavano gravati ciascuno del proprio carico, uno portava ceste colme di denaro, l altro, sacchi pieni di orzo. Il primo, fiero del suo carico fatto di monete preziose,

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N10111121* SESSIONE ORDINARIA 2 triennio LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Cirimpè

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Cirimpè La presenta il progetto Cirimpè Elmer Progetto Cirimpè!!! Progetto Nik-day 2012: prepariamo insieme il calendario della Solidarietà ed il nuovo libro! Scuola Scuola Primaria Primaria F. Busoni F. di Busoni

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 2 INCONTRI PER I RAGAZZI DEL CATECHISMO + VEGLIA IN CHIESA IL SABATO SERA CON I GENITORI PRIMO INCONTRO L incontro si svolge in due tempi.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

LABORATORIO CARTOON. Scuola primaria di Venzone classe Terza Anno scol. 2012-13

LABORATORIO CARTOON. Scuola primaria di Venzone classe Terza Anno scol. 2012-13 LABORATORIO CARTOON La classe terza della scuola Primaria di Venzone, quest anno ha partecipato al Progetto di Circolo con il suo laboratorio intitolato: Laboratorio Cartoon. Tale progetto, proposto dal

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 NONSOLOSTORIE / ROBERTO ANGLISANI via Trento, 6 20834 Nova Milanese tel/fax 0362/1820202 contatto Roberto Anglisani 348 3901787 r.anglisani@tiscali.it www.robertoanglisani.it

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Giochiamo con le parole: suono, forma, significato

Giochiamo con le parole: suono, forma, significato PERCORSI DIDATTICI Giochiamo con le parole: suono, forma, significato di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni OBIETTIVO DIDATTICO: Utilizzare la lingua in modo

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli