otizie e... achrichten und...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "otizie e... achrichten und..."

Transcript

1 otizie e... achrichten und... Periodico dell'associazione O.N.L.U.S. Nr. 3 Ottobre - Oktober 2013 Periodico dell Associazione AUSER-VSSH - O.N.L.U.S. (Decreto della Provincia Autonoma di Bolzano nr. 15/1.1. del 1 giugno Registrato al Tribunale di Bolzano il al nr. 20/ Direttore responsabile: Gastone Boz - Spedizione in A.P. art. 2 comma 20/c legge 662/96 Filiale di Bolzano. Stampato in proprio da AUSER-VSSH via Aosta, Bolzano - Tel Fax POSTE ITALIANE Spa Primo Piano GLI APPUNTAMENTI AUTUNNALI L attività dell Auser naturalmente questa estate non si è mai interrotta, ma in questi giorni, siamo ai primi di ottobre, si è fatta frenetica. Infatti abbiamo in programma un ciclo di tre conferenze: l 8 ottobre con il Dott. Albert March, primario del reparto di Geriatria dell ospedale di Bolzano, su Come mantenere la comunicazione con la persona affetta da deterioramento cognitivo ; l 11 novembre con la Dottoressa Heidi Wachtler, direttrice del Servizio per la valutazione della non autosufficienza della Provincia di Bolzano, su L assegno di cura ; il 21 novembre con il Dott. Giorgio Dobrilla, primario gastroenterologo emerito dell ospedale di Bolzano, su Alla mia pancia ci penso io! Come affrontare e risolvere i disturbi gastrointestinali più comuni. Tutte le conferenze si svolgeranno presso la Sala Polifunzionale Europa in Via del Ronco 11 a Bolzano, dalle 16 alle 18. Il 9 ottobre inoltre, dalle 9 alle 12.30, presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Bolzano, la Consulta Anziani della Città di Bolzano, ha organizzato una tavola rotonda su Anziani oggi: connessi, attivi e in buona salute. Ricordiamo infine che il 6 ottobre ripartono i pomeriggi danzanti organizzati da Auser, Anteas e Ada. Il programma completo lo trovate all interno del Notiziario. Una novità di questo ciclo di feste sarà costituita da una gara di ballo a coppie che si svolgerà nell ultimo appuntamento previsto per il 15 dicembre. elfo IL CORO CIRIBIRIBIN TRA STUPORE E MERAVIGLIA Il coro Ciribiribin non è un coro qualsiasi ma un insieme di persone che hanno saputo trovare il coraggio di reclamare un ruolo valorizzando le potenzialità che nemmeno immaginavano di avere. Cantando una canzone, gli anziani ritrovano le loro origini, i ricordi, le emozioni, i vissuti e gli stati d animo delle esperienze più significative della loro vita: è un attività che aiuta a ricomporre il proprio sé. Il canto richiede uno sforzo di concentrazione, di attenzione, di espressione, di memoria; permette inoltre un controllo della respirazione e porta al rilassamento la persona. Con fiducia il coro Ciribiribin ha adattato e personalizzato la tecnica volta per volta con la direzione di Maria Pia Martini, l accompagnamento musicale di Rinaldo Pomati, e le animatrici volontarie Nadia, Rosalia, Lucia ed Ettorina. Quando si esibiscono, in perfetto abbigliamento, non perdono mai il controllo della situazione. Durante i concerti con il susseguirsi delle canzoni si ha l impressione che le concertiste/i abbiano sempre calcato le scene e immancabilmente ne seguono applausi e richiesta di bis : un successo! Vi aspettiamo alla Casa di Riposo Don Bosco il 22 ottobre alle All interno Editoriale a pag.2 Ieri e oggi: viaggio nel tempo a pag.3 Kommunikation: demezenkranken Personen Seite 4 L assegno di cura a pag.5 Alla mia pancia ci penso io a pag.6

2 2 Notizie / Nachrichten EDITORIALE ELEZIONI PROVINCIALI LE PROPOSTE DEL AUSER di Elio Fonti Il 27 ottobre in Trentino e in Alto Adige si vota per il rinnovo dei rispettivi consigli provinciali. Ancora una volta assistiamo a una campagna elettorale che sfugge ai problemi veri dei cittadini e si rifugia in polemiche artificiose come quella sulla toponomastica o peggio a provvedimenti legislativi dell'ultima ora e con un chiaro sapore elettoralistico, come quello sul pacchetto famiglia che, fra l'altro, alza il requisito per beneficiare del contributo per l'assegno familiare a 5 anni di residenza in regione dagli attuali 2 anni, contro il parere della Corte Costituzionale. Da una parte l assessore Theiner traccia un bilancio positivo sui risultati della sua gestione in ambito delle assistenze sociali e in particolare sulla non autosufficienza, per la quale sono stati investiti 195 milioni di euro, mentre dall altra c è il Comune di Bolzano che taglia i sostegni proprio in questo stesso ambito perché, come spiega il direttore dell Assb Marcato, non può permettersi di far lievitare il proprio deficit. I casi sono due. O qualcuno spende male i soldi oppure questo impegnativo investimento provinciale viene dirottato altrove. Sono anni che l Azienda servizi sociali si dibatte in difficoltà finanziarie destinate a inasprirsi a causa di una domanda in crescita. Sarebbe ovvio pensare a un serio impegno per risolvere una volta per tutte il problema, affrontandolo anche sul versante di una riorganizzazione del servizio e una ricontrattazione del sistema dei trasferimenti provinciali, piuttosto che sotto l aspetto della riduzione del servizio. Ci opponiamo alla logica che, come in certi ambienti politici si sostiene, sia necessario tagliare la spesa del sociale per liberare risorse da investire nello sviluppo dell economia di mercato. I posti letto negli ospedali altoatesini saranno ridotti di 65 unità entro il 2013 e circa trenta infermieri dell Ospedale di Bolzano rischiano il posto di lavoro. Un altro aspetto problematico è quello del personale infermieristico e di assistenza nelle case di riposo a causa della diminuzione del finanziamento, avvenuta per effetto delle norme provinciali che stabiliscono che il numero di personale necessario sia proporzionale al livello di non autosufficienza degli ospiti. Il recente mancato rinnovo del contratto a tre operatori dell assistenza domiciliare colpisce un settore dove la richiesta è in costante aumento, in quanto questo servizio permette agli anziani di continuare a vivere presso le proprie abitazioni. Negli ultimi anni la diminuzione delle risorse ai servizi sociali pubblici delegati, finanziati dalla Provincia, quindi handicap e anziani, è stata costante e con evidenti ricadute occupazionali. In particolare si vedono tagliate le risorse nei servizi dove l intervento pubblico è indispensabile per prevenire fenomeni di isolamento e emarginazione. I tagli nei servizi pubblici ed in particolare del personale che eroga questi servizi hanno ricadute fortissime sulla qualità dei servizi e quindi sulla vita reale delle persone. Inoltre tagliare sulla assistenza domiciliare ai non autosufficienti avrà l effetto di trasferire il problema su strutture di accoglienza non sempre capaci di accogliere tutte le richieste. In breve si trasferisce il problema altrove, ma senza mai proporre soluzioni di tipo strutturale. Il distretto socio-sanitario, a nostro avviso, deve rimanere il punto di riferimento. Il percorso attraverso forme consorziate di medici specializzati nelle cure primarie e medici specialisti nei diversi ambiti della medicina rappresenta la soluzione concreta e giusta per attuare quel decentramento e nel contempo quella complementarietà di continuità di servizio al cittadino prevista nella riforma sanitaria locale. Un modello interdisciplinare rappresenta la base della riorganizzazione che è necessaria in un ottica di alleggerimento dei centri ospedalieri, potenziamento dei distretti e di ottimizzazione della medicina di base. Naturalmente non si può immaginare un progetto di tale spessore senza programmare e spostare risorse umane e finanziarie. L obiettivo fondamentale deve essere quello di avvicinare la medicina ai cittadini: solo così si può pensare di ampliare l accessibilità alle cure salvaguardando qualità e costi e nel contempo risolvere l annoso problema delle liste d attesa. Proponiamo infine una revisione sostanziale delle politiche di sostegno alle famiglie considerando le dinamiche demografiche che vedranno sempre più coesistere, nello stesso nucleo famigliare, persone bisognose di assistenza per l infanzia e di assistenza per la terza età, semplificando il panorama degli attuali sussidi e tenendo conto del reddito reale.

3 3 Notizie / Nachrichten PROGETTO AUSER IERI E OGGI: VIAGGIO NEL TEMPO di Marianna Pasina e Chiara Passarini Alle sei di sera nel bar sotto casa non c'è neanche un posto a sedere. Siamo in quattro e non c'è neppure un tavolo libero. Ci guardiamo intorno, quasi decise ad andarcene, quando una signora ci fa un cenno, ci dice di avvicinarci e ci invita a sederci con lei. La signora Anna ha ottant'anni, noi in quattro facciamo la sua età, ma iniziamo subito a chiacchierare e non smettiamo per quasi un'ora. Ci fa ridere e sorridere, ci racconta di sé, ci chiede di noi. È una bella signora, elegante e gentile, e ogni parola che pronuncia ci sorprende. Non avete mai incontrato una matta come me! dice, e fa l'occhiolino. Quando torniamo a casa pensiamo alla signora Anna e alle storie che ci ha raccontato, ai piccoli dettagli di sé che ci ha mostrato e penso a quanti altri ce ne sono, in lei e in tutti gli altri anziani della città. Come sarebbe speciale poterne rubare un po' e metterli al sicuro da qualche parte, dove non possono scomparire e non possono essere dimenticati. Mi immagino tutte le storie impolverate e tutte le storie ancora vivide dentro le teste dei nonni come frammenti di pietre preziose da raccogliere e conservare in una scatola indistruttibile, per proteggerle e conservarle nel tempo. Con il progetto Ieri e oggi: un viaggio nel tempo, che ora avremo la fortuna di realizzare, grazie al bando di concorso del Comune di Bolzano, vorremmo raggiungere questo scopo: salvare dall'oblio tutte le storie di ieri, nella convinzione che siano molto utili anche oggi. Il prodotto finale, la nostra scatola indistruttibile, sarà un cortometraggio. Inizieremo il nostro lavoro con una fase di ricerca e di interviste, durante la quale raccoglieremo dai nostri nonni più testimonianze e ricordi possibile. Non sarà un lavoro semplice, ma speriamo che tutti gli anziani che vorranno farsi intervistare da noi, ci affidino un po' della loro memoria. Pezzo dopo pezzo, persona dopo persona, avremo un quadro completo del passato, sia di Bolzano che delle altre città nelle quali hanno vissuto. Con particolari presi da ogni testimonianza costruiremo poi una storia, che sia divertente ma anche commovente, che smuova pensieri e riflessioni e che, in generale, renda l'idea di come era la loro vita un tempo, di come si è trasformata, di cosa ha trascinato via con sé e di cosa ha lasciato loro. Vorremmo poi coinvolgere nella stesura della storia e nella sua messa in scena i suoi stessi protagonisti, ovvero i nostri nonni, ma anche i suoi destinatari, i ragazzi di oggi. Recitando e contribuendo alla realizzazione della sceneggiatura tutti insieme si creerà un lavoro di comunità, che offrirà spunti di scambio tra le generazioni con il fine di un progetto comune. Il risultato di questo progetto è sicuramente importante, perché riteniamo che sarà più efficace se sarà qualitativamente gradevole; tuttavia è altrettanto importante tutto il lavoro che si farà prima, gli incontri, gli scambi, le idee che nasceranno perché sarà un'occasione unica per fare incontrare mondi lontani su un terreno nuovo. Questo sarà il primo successo che speriamo di ottenere con il progetto, e si rifletterà positivamente anche sul lavoro finale, che vorremmo fosse un cortometraggio viaggiante, che arrivi a più persone possibile e che lasci un segno nelle persone che lo guarderanno, perché sarà il frutto di un lavoro di tutti e per tutti. Con riferimento al Bando Anno Europeo dei Cittadini, la Giunta Municipale di Bolzano ha ritenuto di premiare l Associazione Centro AUSER/VSSH Zentrum attraverso l assegnazione di un contributo di 5000, su proposta della Commissione Attività Sociali, per il progetti Ieri e oggi: viaggio nel tempo esprimendo la seguente motivazione: In quanto presenta elementi innovativi, in particolare lo strumento del cortometraggio è stato ritenuto particolarmente efficace per la conservazione e trasmissione della memoria. Il progetto inoltre ha una ricaduta ampia che va oltre il territorio locale e che costituisce un opportunità di incontro intergenerazionale e un occasione di crescita per il volontariato cittadino. Il progetto è stato elaborato da Marianna Pasina e Chiara Passarini, studentesse della Facoltà di Design e Arti della LUB.

4 4 Notizie / Nachrichten CONFERENZE KOMMUNIKATION MIT DEMENZKRANKEN PERSONEN von Albert March Nato a Bolzano dove ha vissuto e studiato fino al conseguimento della maturità scientifica. Nello stesso anno, il 1974 si è iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Padova, dove si è laureato nel 1980 con il massimo dei voti e la lode. Ha poi iniziato la formazione specialistica in Geriatria e Gerontologia presso il Dipartimento di medicina interna della stessa università, fino al 1983 per poi passare all ospedale di Bolzano. Qui nel 1984 ha conseguito il titolo di specialista in geriatria e l anno successivo ha iniziato la formazione specialistica sempre presso l università di Padova. Nel 1990 ha conseguito una seconda specializzazione in medicina interna. Si è quindi interessato di tutte le patologie psicogeriatriche con la frequenza di più corsi di perfezionamento e master. Nel 1995 è stato nominato responsabile del day hospital e dell ambulatorio per la diagnosi e cura della demenze. Ha pubblicato numerosi articoli per riviste specialistiche e dalla metà degli anni Novanta si è dedicato alla formazione del personale sanitario presso la scuola superiore di sanità Claudiana. Dal 2006 ad oggi è primario reggente del reparto di geriatria dell ospedale di Bolzano e si dedica alla ricerca relativa alla prevenzione delle cadute e sull uso della contenzione fisica. Im Verlauf der Alzheimer Demenz verändern sich nicht nur Gedächtnis und Merkfähigkeit. Auch die Kommunikation wird schwieriger, da das Sprachvermögen immer weiter abbaut. Zunächst fallen der an Demenz erkrankten Person die Worte nicht mehr ein. Zu Beginn der Erkrankung hat der Demenzkranke zunehmend Schwierigkeiten, Personen und Gegenstände immer mit Namen zu benennen. Oft benutzt der Erkrankte Umschreibungen oder Füllwörter. Er sagt zum Beispiel: "Gib mir mal das Ding zum Blumen gießen" oder "Ich brauche das Gefäß wo das Wasser reinkommt", weil ihm das Wort Gießkanne nicht einfällt. Im weiteren Verlauf der Erkrankung fallen dem Demenzkranken immer weniger Worte ein. Im Gegenzug schleichen sich zunehmend unverständliche Worte ein. Diese Wortneuschöpfungen sind für die Umwelt kaum verständlich. Der Sinn kann oft nur durch genaues Zuhören und Beobachten der Körpersprache herausgefunden werden. Dennoch ist Kommunikation mit Menschen mit Demenz jederzeit möglich. An Alzheimer erkrankte Personen sind durchaus in der Lage Sie zu verstehen. Vorausgesetzt, Sie befolgen im Umgang mit dementen Menschen verständliche Ausdrucksweise: - Vermeiden Sie Lärm und Ablenkung. -Sprechen Sie in kurzen, einfachen und prägnanten Sätzen. - Vermeiden Sie offene Fragen, auf die man nicht mit ja oder nein antworten kann. Geben Sie klare Anweisungen und wiederholen Sie wichtige Fragen, wenn notwendig mehrmals. - Unterbrechen Sie den Demenzkranken nicht und halten Sie Augenkontakt, um Ihr Interesse zu zeigen. - Konkrete Hinweise und Angaben wie Zeit, Datum, Ort und Namen bieten manchmal Erinnerungshilfen. Falls ein Gespräch für den Erkrankten zu schwierig ist, gibt es viele Formen non-verbaler Kommunikation: Fotos, Familienvideos / DVDs, Hobbies wie Gartenarbeit oder Kochen. Menschen mit Demenz sind oft abhängig von Körpersprache und Umgangston ihres Gegenübers. Beobachten Sie die Körpersprache der demenziell veränderten Person und treten Sie darüber in Kontakt. Die Sprache des Körpers ist der Spiegel der Gefühle. Über 80% unserer Emotionen teilen wir über nonverbale Signale mit. Hierzu gehören z. B. Mimik, Gestik, Körperhaltung, Stimmlage, Sprechgeschwindigkeit. Die Fähigkeit, Gefühle nonverbal auszudrücken, bleibt selbst bei fortgeschrittener Demenz erhalten. Ebenso kann eine Person mit Demenz nichtsprachliche Äußerungen anderer Menschen verstehen. Sie werden den Demenzkranken besser verstehen, wenn Sie seine Körpersprache beobachten. Martedì 08 novembre ore 16 Sala Europa, Via del Ronco Conferenza del Dr. Albert March aperta alla cittadinanza

5 5 Notizie / Nachrichten CONFERENZE Heidi Wachtler. Lavora come assistente sociale dal 1982 e nel 2005 consegue la laurea presso la Facoltà di Sociologia di Trento. Presta servizio presso il Comune di Bolzano e la C.C. Salto-Sciliar (attività sociali/ambito adulti, casa di riposo, servizio socio-pedagogico e servizio per persone con handicap). Dal 2007 dirige il servizio per la valutazione della non autosufficienza. Che cos è l assegno di cura? Con la legge sulla non autosufficienza è stato creato un contributo economico, che favorisce l autonomia e l indipendenza delle persone non autosufficienti nella vita di tutti i giorni. L assegno può essere usato per coprire le spese per l assistenza a domicilio, professionale e privata, oppure la retta di una casa di riposo. Può essere concesso a persone non autosufficienti di tutte le età, pertanto l età avanzata non è un criterio determinante per il diritto all assegno di cura. Anche la situazione economica della persona non autosufficiente non influisce sulla concessione dell assegno, al contrario si considera unicamente il fabbisogno di assistenza e di cura. In base alle statistiche attuali a Bolzano il 38% dei richiedenti non raggiunge alcun livello assistenziale. È quindi molto importante informare correttamente i cittadini sui requisiti necessari per l assegno di cura e su come avviene la valutazione del fabbisogno assistenziale. Chi può presentare domanda di assegno di cura? Il requisito legale è la residenza in Alto Adige da almeno 5 anni. La domanda deve essere corredata da un certificato medico specifico, comprovante una diagnosi di malattia o disabilità rilevante ai fini della non autosufficienza. Tale situazione deve perdurare da o per un periodo minimo di 6 mesi. La domanda di assegno di cura può essere presentata dalla persona non autosufficiente, oppure da un legale rappresentante. Definizione ai sensi della LP n. 9/2007 di persona non autosufficiente Una persona viene considerata come non autosufficiente quando a causa di una malattia/disabilità presenta delle limitazioni funzionali, che non le consentono di eseguire autonomamente le attività della vita quotidiana (alimentazione, igiene personale, funzioni escretorie, mobilità, vita psico-sociale e in minor misura economia domestica). Pertanto la persona necessita di aiuto regolare da parte di terzi per almeno due ore al giorno. Come si presenta la domanda di assegno di cura? La domanda si può presentare tramite un patronato o il distretto sociale (escluso Bolzano). Alla domanda deve essere allegato il certificato medico per l assegno di cura, rilasciato dal medico di base. L ASSEGNO DI CURA di Heidi Wachtler I moduli per la domanda e il certificato medico sono anche scaricabili dal sito Internet della Provincia autonoma di Bolzano Quando viene raggiunto un livello assistenziale, il pagamento spetta a partire dal mese successivo alla presentazione della domanda. Come avviene la valutazione del fabbisogno assistenziale? Il team di valutazione è composto da un infermiere e da un operatore socio-assistenziale. La valutazione si svolge presso l abitazione della persona o presso la casa di riposo, dove la persona risiede. Nel colloquio vengono raccolte tutte le informazioni utili per quantificare in ore il fabbisogno di assistenza della persona. Alla valutazione dovrebbero essere sempre presenti anche le persone di riferimento e/o le persone curanti. Non si possono effettuare valutazioni in ospedale o cliniche. Si possono richiedere nuove valutazioni? Un anno dopo la prima valutazione è possibile presentare una nuova domanda di assegno di cura. Nei casi di rilevante peggioramento delle condizioni di salute, la persona può presentare una nuova domanda in ogni momento, purchè questo peggioramento venga certificato dal medico di famiglia. Il Servizio effettua anche delle visite di controllo non preannunciate. Con queste verifiche si valutano l adeguatezza della cura e assistenza prestate alla persona e il perdurare delle condizioni che danno diritto all assegno di cura. In seguito ad una visita di controllo il livello di non autosufficienza può essere modificato. Cosa si può fare se non si è d accordo con una valutazione? Entro 30 giorni dal ricevimento della lettera si può presentare ricorso alla Commissione d appello. Il ricorso deve essere firmato dalla persona non autosufficiente o da un rappresentante legale. Dove si possono ottenere altre informazioni sull assegno di cura? Si può chiamare il numero verde Pronto assistenza Il numero è attivo dal lunedì al venerdì in orario Lunedì 11 novembre ore 16 Sala Europa, Via del Ronco Conferenza del Dr.ssa Heidi Wachtler aperta alla cittadinanza

6 6 Notizie / Nachrichten CONFERENZE ALLA MIA PANCIA CI PENSO IO! di Giorgio Dobrilla Siti web specializzati, libri, opuscoli, articoli o inserti in giornali e riviste continuano a bombardare il cittadino con notizie sulla salute in genere e sui disturbi gastrointestinali in particolare. Il problema per il non addetto ai lavori è che difficilmente riesce a distinguere le informazioni corrette da quelle fuorvianti. La pletora di informazioni, purtroppo, più che chiarire le idee ne confonde l attendibilità. In questo volume l autore, con un linguaggio semplice e chiaro, fornirà la risposta alle domande che più frequentemente vengono poste ai medici: Perché ho l alito cattivo? Perché ho sempre o la lingua brutta? È l'ernia iatale che mi provoca il reflusso gastroesofageo? Perché sto male anche se mangio in bianco? Devo proprio attuare la terapia per l Helicobacter pylori? Come mai soffro di acidità io che non ho più lo stomaco? Perché ho una digestione così lenta anche mangiando sano? Meglio la colonscopia, la TAC o la videocapsula per la prevenzione del cancro del colon? Ma diverticoli e polipi sono ugualmente rischiosi? Come comportarsi se il test del sangue occulto è positivo? Rispondere a questi e ad altri interrogativi senza ovviamente sostituirsi al medico curante è l obiettivo di questo volume, affinché il paziente meglio informato possa aiutarsi da solo quando il medico non è necessario. Giorgio Dobrilla è Primario Gastroenterologo Emerito dell Ospedale Regionale di Bolzano. Ha pubblicato più di 200 articoli in riviste internazionali di gastroenterologia e di medicina, oltre a numerosi volumi di interesse gastroenterologico. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: La digestione difficile (2002); Placebo e Dintorni (2004); Fitoterapia (2005, con Gabriella Coruzzi); Solo Scienza e Coscienza? (2006); Dottore mi posso fidare? (2007); Le Alternative. Guida critica alle medicine non convenzionali (2008). Con l ex-radiotelecronista sportivo e noto disegnatore Ettore Frangipane ha pubblicato due volumi di vignette commentate: Una mela al giorno e Dottore non mi faccia ridere! Una divulgazione scientificamente rigorosa dice Luciano Onder nella presentazione del volume è già una prima cura, un arma efficace per diffondere stili di vita corretti e perché il paziente elimini ansie immotivate che gli derivano da cattiva e spesso pseudo-informazione. Giovedì 21 novembre ore 16 Sala Europa, Via del Ronco Conferenza del Dr. Giorgio Dobrilla aperta alla cittadinanza

7 7 Notizie / Nachrichten ASSISTENZA NOI VOLONTARI SENTINELLE di Gabriella Rella Bissacco Ecco una occasione di riflessione e di spunto incominciando da noi Volontari sentinelle del territorio.. E subito la parola ci richiama la capacità di essere attenti, di saper vedere quello che succede, anche in lontananza, di saper ascoltare bene quanto viene detto per essere in grado di annunciare le belle notizie e denunciare quello che minaccia la vita e i diritti delle persone in particolare dei più deboli. Per riuscire a fare questo è essenziale il luogo che si sceglie come postazione e la direzione in cui si orienta lo sguardo: per scorgere i segni dell alba che sta per venire non ci si può fermare a contemplare il sole che tramonta pensando che ritorni da dove è sparito; per cogliere le direzioni dei cambiamenti e cercare di governare i processi di trasformazione occorre una visione dall alto e a distanza evitando di lasciarsi troppo condizionare dai particolari, che poi sono anche le maggiori occasioni di conflittualità. Sentinelle capaci di ascoltare il fruscio della foresta che cresce, mentre intorno c è il rumore degli alberi che cadono. Sentinelle capaci di vedere l alba di giorni di pace e di giustizia, mentre attorno è ancora notte di guerra, di illegalità, di corruzione, di razzismo. Sentinelle capaci di odorare il buon profumo delle relazioni che nutrono l andare, mentre lievita la fatica di comunicare in profondità e di mantenere stabili gli amori e le amicizie. Sentinelle di speranza dentro culture in trasformazione: trasformazione, cioè cambiamento profondo, modificazione in molti casi radicale delle condizioni di vita, dei processi che fondano le relazioni e di conseguenza dei modi con cui le persone si organizzano per vivere, del quadro dei valori. Tutto questo, lo vediamo ogni giorno, rende la vita più complessa ed alimenta il timore, la paura non più solo nei confronti degli altri, ma addirittura di se stessi e così si moltiplicano reazioni violente ed incontrollate, orrori quotidiani dentro situazioni definite di assoluta normalità. Diventa sempre più difficile vedere con chiarezza ciò che fino a poco tempo fa aveva limiti e contorni ben chiari, distinguere tra ciò che è male e ciò che è bene. E dentro questa realtà di vertiginoso cambiamento, sembra paradossale ma non lo è, il desiderio più profondo che emerge è proprio quello di una radicale trasformazione: alcuni lo gridano, altri lo invocano, molti altri ancora lo lasciano intuire nelle loro ricerche di felicità e di senso, oppure lo nascondono sotto apparenti rassegnazioni, ma può bastare una speranza autentica per riaccendere la fiamma sepolta sotto ceneri ancora calde. Noi Volontari non dobbiamo essere sordi alle angosce di chi perde il lavoro o non lo ha mai avuto, ai diritti dei bambini e degli anziani Sentiamo in tanti il bisogno di una profonda trasformazione che vada alla radice dei processi di cambiamento in atto ed alimenti di rinnovate speranze perché ci sia una giustizia sociale. L atteggiamento prioritario da assumere e da imparare per abitare le sfide che attraversano il nostro tempo è proprio quello del discernimento, per essere capaci di scegliere e di prendere le decisioni che responsabilmente si prendano cura delle persone e del loro futuro. Abbiamo un sogno...che i bambini, gli anziani, i portatori di handicap, i bisognosi di assistenza ricevano solidarietà e sicurezza, che possano conservare la loro dignità umana e che non diventino schiavi dell'egoismo, della caparbietà e dell'avidità di denaro. Abbiamo un sogno...che la giustizia e la solidarietà non restino un sogno. (M. L. King) Notizie e - Nachrichten und Periodico dell AssociazioneAuser-VsshO.N.L.U.S. Direttore editoriale Elio Fonti Direttore responsabile Gastone Boz Redazione Gabriella Bissacco, Luis Burger, Rosa Bonelli, Maria Mur, Irene Pampagnin, Lorenzo Vidale, Giorgio Claps, Paolo Valentinotti, Grafica e impaginazione Irene Pampagnin Internet Lorenzo Vidale Redazione Via Aosta 25 Aostastr Bolzano Bozen Tel.: 0471/ Fax: 0471/ Sito Internet: Stampato in proprio il 4 ottobre 2013

8 Notizie / Nachrichten SOGGIORNI E GITE IL BILANCIO DEI SOGGIORNI E DELLE GITE 2013 di Giovanni Tellini Il programma dei soggiorni estivi si è appena concluso. Esaminiamo pertanto le risultanze di questa attività dal punto di vista organizzativo e statistico. L adesione dei partecipanti è rimasta sulle cifre del 2012, poco oltre le trecento persone distribuite su nove turni. Si è confermata Abano Terme in maggio, le quattro partecipazioni a Bellaria (tra giugno, luglio e settembre), San Benedetto del Tronto ha sostituito Francavilla al Mare del 2012 così come la Sicilia ha preso il posto della Sardegna dello scorso anno. Infine Ischia ha sempre assorbito quei pochi affezionati a questa località. La tendenza delle adesioni è purtroppo al ribasso: nel 2010 e nel 2011 avevamo registrato circa il 15% in più rispetto a quest anno, nel 2009 addirittura il 30% in più. Il motivo di questa flessione va cercato soprattutto nel momento negativo dei consumi in genere, vista la perdurante crisi economica, e la minor disponibilità di risorse finanziarie specialmente da parte dei pensionati che sono tra coloro che subiscono più pesantemente questo trend negativo. La qualità dei soggiorni da noi realizzati ha trovato riscontro positivo da parte dei partecipanti: dall esame dei giudizi espressi a consuntivo, rileviamo che con il giudizio ottimo/buono circa il 90% dei nostri soci ha manifestato la propria soddisfazione che è così diventata anche la nostra. Cogliamo l occasione per ringraziare i soci per il loro giudizio che è il miglior modo per riconoscere ai nostri operatori la validità del loro lavoro di tanti mesi. Si può sempre migliorare, naturalmente, ma almeno sappiamo di avere acquisito un livello più che soddisfacente. Il futuro è alle porte ed anzi la programmazione per il 2014 incombe. Per agevolarci nel nostro lavoro raccomandiamo a tutti gli interessati di contattarci al più presto per manifestare il loro pensiero su destinazioni, periodi, trasporti e quant altro direttamente connesso alla realizzazione del programma Entro la fine del 2013 verrà completato il programma e le prenotazioni seguiranno immediatamente a partire da gennaio Anche in questo caso il miglior modo di aiutarci nella programmazione è di anticipare per quanto possibile le prenotazioni senza aspettare, salvo ragioni particolari, l ultimo momento utile. Le gite richiedono una riflessione molto più profonda: il 2013 ha messo in evidenza la difficoltà di concretizzare il programma. Di più facile realizzo dovrebbero essere quelle di giornata sia per il costo relativamente contenuto sia per l organizzazione agile legata ai trasporti ed alle visite turistiche. Ultimamente però notiamo un calo d interesse anche per queste gite un po per le ragioni dette per i soggiorni e un po per la difficoltà di trovare destinazioni interessanti in un raggio di chilometri non eccessivo. Le gite di più giorni (per tour in zone di particolare interesse o per il Capodanno o la Pasqua) difficilmente raggiungeranno il numero minimo di partecipanti da consentirne la realizzazione salvo studiare la possibilità di abbinamenti con altre organizzazioni. Vale anche qui la raccomandazione ai nostri soci, nel caso di nostre proposte di gite che potrebbero interessare, di non aspettare l ultimo momento per prenotare ma anzi di farlo per tempo dandoci in questo caso la possibilità di ottemperare alla parte organizzativa con la maggior attenzione possibile. Ringraziamo per l attenzione con cui vorrete seguire le nostre proposte e le nostre raccomandazioni mentre da parte nostra vi assicuriamo che verrà fatto tutto il possibile per la migliore realizzazione di gite e soggiorni della nostra Associazione. - giovedì 17 ottobre - CASTAGNATA - CAPODANNO A MONTECATINI TERME Per assecondare le numerose richieste di un tradizionale Capodanno all italiana proponiamo come nuova destinazione la Toscana: Montecatini Terme e dintorni.prezzo Interessante e programma disponibile in ufficio. Le locandine dei soggiorni e delle gite sono disponibili presso le nostre sedi di Bolzano e Merano Prenotazioni: Lun-Ven Bolzano 0471/ Merano 0471/200132

9 9 Notizie / Nachrichten BACHECA PROGRAMMA - KALENDER FESTE DA BALLO TANZFESTE L Auser/Vssh organizza nella Sala Polifunzionale Europa di Via del Ronco 11, dalle alle delle Feste danzanti, aperte anche agli iscritti Anteas/Agas e Ada/Vrs, nelle seguenti date: Domenica 6 Ottobre Davide Auser/Vssh Domenica 20 Ottobre Davide Ada/Vrs Domenica 3 Novembre Bruno Auser/Vssh Domenica 17 Novembre Trio T.L.P. Anteas/Agas Domenica 24 Novembre Davide Ada/Vrs Domenica 1 Dicembre Davide Anteas/Agas Domenica 15 Dicembre Davide Auser/Vssh Tutti i pomeriggi danzanti avranno luogo presso la sala polifunzionale Europa di Via del Ronco 11, dalle alle L ingresso è riservato solo ai soci Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs. È pertanto obbligatorio esibire la tessera all ingresso. Le prenotazioni devono essere fatte nella settimana che precede la festa da ballo, telefonicamente o di persona presso l associazione organizzatrice, ritirando il tagliando di partecipazione. Per le feste da noi organizzate: Lun-Ven Tel.0471/ solo al mattino. - Locandine disponibili in sede ATTIVITÀ IN ACQUA (Ginnastica, nuoto) / GINNASTICA A DOMICILIO / GINNASTICA POSTURALE / EQUILIBRIO STRETCHING E MOBILITÁ ARTICOLARE / PERSONAL GYM / RIMETTITI IN MOTO CON NOI Un programma di lavoro in equipe tra medicina dello sport di Bolzano, fisioterapista, dietista e personal trainer rivolto a chi ricerca un miglioramento del proprio stato di salute anche attraverso l attività fisica. Gruppi omogenei di attività personalizzata di massimo 4 persone. Per informazioni su orari, sedi e iscrizioni ai corsi rivolgersi presso la sede Auser-Vssh Tel. 0471/ GUARIRE CON L ANTIGINNASTICA Riservato alle volontarie AUSER-VSSH Incontri con il fisioterapista per la ricerca della postura corretta e per migliorare la mobilità articolare.

10 10 Notizie / Nachrichten GIOVANI E FORMAZIONE I GIOVANI ALL AUSER/VSSH Dal 2010, in collaborazione con il Dachverband (Federazione per il sociale e la sanità), portiamo avanti un progetto di volontariato estivo per i giovani over 15. In questi tre anni abbiamo accolto circa 20 ragazzi desiderosi di provare un esperienza all interno dell associazione, 9 dei quali hanno proseguito la loro attività anche durante il periodo scolastico. Quest anno abbiamo 15 volontari attivi (presso le case di riposo, il reparto di geriatria dell ospedale di Bolzano,il circolo La Ruota, il presidio telefonico) e più della metà continua il proprio impegno anche durante l anno. I nuovi acquisti di quest anno sono stati Julia, Silvia, Elisa, Federico, Anna, Mattia, Francine, Giada, Michele e Max che ringraziamo per il loro aiuto e dedizione. I giovani volontari sono un importante risorsa per l associazione, una boccata di aria fresca per gli anziani. Vi accogliamo a braccia aperte! IN-FORMIAMOCI Dal 2012 è stata riconosciuta la grande importanza del volontariato sul territorio dalla Provincia, dal Comune e dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano. Il volontario è visto come una risorsa preziosissima e indispensabile che va valorizzata, sostenuta e tutelata. Questo pensiero si realizza nella necessità, come diritto e dovere del volontario che presta servizio a diretto contatto con le persone bisognose che si rivolgono a noi, di essere messo in condizioni di poter svolgere il proprio servizio in modo sicuro, sereno ed efficace. Tutto questo è sinonimo di FORMAZIONE. Abbiamo diviso il nostro percorso formativo (della durata di 3 anni circa) in quattro moduli di base e altri tre di livello avanzato. Il percorso di base ha avuto inizio alla fine del 2011 e questo autunno concluderà con la ripetizione dei moduli 2 e 3. Questa primavera abbiamo proposto il modulo 1 Benvenuti! L associazione si presenta tenuto dal nostro vicepresidente Romolo Magosso e il modulo 3 Il volontario e il processo di assistenza tenuto invece da Gabriella ed Irene. Le iscrizioni ai moduli 2 Comunicare in modo chiaro ed efficace e 3 Il volontario e il processo di assistenza sono aperte a tutti i volontari che volessero parteciparvi. Per informazione ed iscrizioni: Irene 0471/508613

11 11 Notizie / Nachrichten ASSISTENZA CHI E IL CAREGIVER FAMILIARE? di Gabriella Rella Bissacco ll termine anglosassone caregiver è entrato ormai stabilmente nell uso comune; indica colui che si prende cura e si riferisce naturalmente a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile. I caregiver dei pazienti anziani con demenza sono per la grande maggioranza donne e hanno il compito di prendersi cura del famigliare. Se ti trovi nella condizione di assistere un proprio caro, ricorda che i momenti di difficoltà sono sempre in agguato, il tuo impegno è spesso difficile e gravoso e non mancheranno certo momenti di stanchezza. Ecco, di seguito alcune riflessioni da fare: 1) Non permettere che la malattia del tuo caro sia costantemente al centro della tua attenzione. 2) Cerca di rispettarti ed apprezzarti. Stai svolgendo un compito molto impegnativo e hai diritto di trovare spazi e momenti di svago. 3) Vigila sulla comparsa di sintomi di depressione. 4) Accetta l aiuto di altre persone che possono svolgere specifici compiti in tua vece. 5) Impara il più possibile sulla patologia del tuo caro: conoscere aiuta. 6) Difendi i diritti del malato ed i tuoi come persona e come cittadino. Dai forza e forma al tuo ruolo, vieni agli incontri di AUTO MUTUO AIUTO (Per informazioni chiedi un appuntamento in segreteria tel ) 20 APRILE 2013 FESTA DEL TERRITORIO di Rosa Bonelli Auser è un associazione molto attenta ai reali bisogni delle persone sole e meno fortunate. Vengono erogati numerosi servizi e uno di questi è l attività sul territorio, un servizio particolarmente invisibile ma indispensabile per le persone sole: c è chi ha bisogno della spesa, chi di andare a prendere i medicinali, chi di essere accompagnato ad una visita medica e chi ha bisogno semplicemente di un po di compagnia per essere ascoltato, di una parola di conforto. Perché invisibile? Perché molti anziani conoscono l Auser ma non conoscono tutta la realtà dell associazione e magari non hanno nemmeno mai visto la nostra sede.per questo motivo è nata l idea di organizzare una festa dedicata a loro, con tanto di invito scritto e positiva adesione. Così il 20 aprile tutti i nonni e i volontari dell attività a domicilio hanno festeggiato insieme presso il nostro circolo. Der angelsächsische Ausdruck caregiver (=Familienbetreuer, Altenpfleger, Pflegekraft, Betruer) gehört inzwischen zum normalen Sprachgebrauch; der Ausdruck bezieht sich auf eine Person, die betreut und nimmt natürlich Bezug auf alle Familienangehörigen die einen kranken oder behinderten Familienangehörigen betreuen. Die Betreuer älterer Patienten mit Demenz sind zum größten Teil Frauen, die die Aufgabe haben einen Familienangehörigen zu pflegen. Wenn du einen lieben Angehörigen betreust, erinnere dich, dass man vor heiklen Momenten nie sicher ist; deine Aufgabe ist sehr oft schwierig und mühevoll und oft gibt es Zeiten in denen du müde und ausgelaugt bist. Hier einige Überlegungen, die man anstellen sollte: 1) Lass nicht zu, dass du dich nur mit der Krankheit deine Angehörigen beschäftigst. 2) Gib auf dich Acht. Du hast eine Aufgabe, die sehr anstrengend ist, und du brauchst Abstand und Zerstreuung. 3) Achte auf Anzeichen von Niedergeschlagenheit. 4) Nimm die Hilfe anderer Personen in Anspruch, die an deiner Stelle bestimmte Aufgaben übernehmen können. 5) Informiere dich möglichst genau über die Krankheit (Pathologie) deines Angehörigen: wissen hilft. 6)Bestehe auf die Rechte des Kranken und auch auf deine Rechte sowohl als Person als auch als Staatsbürger. Verteidige deine Aufgabe, und komm zu den Versammlungen der SELBSTHILFE. (Für Informationen ersuche um einen Termin im Sekretariat unter der Telefonnummer ) Al mattino alcuni volontari hanno fatto la spesa e preparato una marea di tartine, altri hanno addobbato la sala in maniera da essere pronta al pomeriggio ad accogliere i nostri amici. Il salone era pieno. Man mano la sede si è riempita di soci, parenti e volontari in grande allegria. Il nostro Presidente ha tenuto un breve discorso di benvenuto; qualche anziano ha raccontato alcuni aneddoti della propria vita. Irene ha preparato una pergamena con una poesia per tutti, anche per noi volontari, che è stata letta ai presenti. E seguita la merenda apprezzata da tutti. Così, tra tartine, bevande e un ottimo strudel, siamo arrivati alla fine della festa e i nostri autisti hanno riaccompagnato a casa i nostri soci felici e contenti. Si sa che le cose belle purtroppo finiscono sempre troppo presto! La festa è stata un successo e grande è la richiesta a ripeterla al più presto. WER IST DER FAMILIENBETREUER? von Maria Crosara Mur

12 Notizie / Nachrichten 12 Le nostre attività FILO D ARGENTO: Bolzano tel Merano tel un telefono per la solidarietà e di segretariato sociale, per vincere la solitudine; trasporto presso ASL o Ospedale per analisi e visite; trasporto presso ambulatori privati. effettuazione della spesa trasporto al Circolo e ritorno SOCCORSO D ARGENTO Bolzano tel un servizio gratuito a favore degli anziani e delle persone svantaggiate: PROMOZIONE DELLA SALUTE Bolzano tel vigilanza sulla efficacia/efficienza dei servizi socio-sanitari promozione dell invecchiare bene educazione sanitaria per il benessere psicofisico misurazione settimanale della pressione CULTURA Bolzano tel partecipazione creativa alla vita culturale educazione alla convivenza e alla pace TEMPO LIBERO Bolzano tel gite turistiche e culturali soggiorni-vacanza e cura organizzazione di programmi ed itinerari turistici feste danzanti CIRCOLO LA RUOTA luogo di socializzazione animazione geriatrica itinerari socio-educativi Unsere Tätigkeiten DAS SILBERNE TELEFON: Bozen Tel Meran Tel das Telefon im Dienste der Solidarität ein Ansprechpartner um die Einsamkeit zu überwinden Transport ins Krankenhaus für Visiten und Analysen, Transport zu privaten Ambulatorien; Einkauf von Lebens-mitteln; Hin- und Rückfahrt zum Freizeitverein DER SILBERNE HILFSDIENST Bozen tel eine kostenlose Dienstleitung für Senioren und für benachteiligte Personen: GESUNDHEITSFÖRDERUNG Bozen tel Überwachung der Wirksamkeit und der Effizienz der Sozial und Gesundheitsdienste Förderung des Gut Alterns Wöchentliche Blutdruckmessung KULTUR Bozen tel Aktive und kreative Teilnahme am kulturellen Leben Erziehung zum Zusammenleben und zum Frieden FREIZEITGESTALTUNG Bozen tel Vergnügungs und Kulturausflüge Ferien- und Kuraufenthalte Organisierte Rundfahrten und Reisen Tanzfeste FREIZEITVEREIN DAS RAD/LA RUOTA Ein Ort der Begegnung und des Sichkennenlernens Animation für Senioren Bildungsreisen Sindacato Pensionati Italiani Organizza i pensionati, ex-lavoratori di tutte le categorie e di tutte le qualifiche professionali, sia dei settori pubblici che dei privati, nonché i pensionati titolari di pensioni sociali e di reversibilità Via Roma- Romstr Landesgewerkschaft Rentner der Sie vertritt die Rentner aller Kategorien, der öffentlichen als auch privaten Gewerbezweige; zudem die Bezieher von Hinterbliebenen- und Sozialrenten. I nostri servizi Unsere Dienstleistungen Modello 730 Modello UNICO Successioni Colf e Badanti RED Viale Trieste-Triesterstr. 78 Bolzano Modell 730 Modell UNICO Erbschaften Colf und AltenpflegerInnen RED Proprietario ed Editore - Eigentümer und Herausgeber Registrazione Tribunale - Ermächtigung des Landesgerichtes Indirizzo redazione Redaktion Direttore Responsabile - Presserechtlich verantwortlich CENTRO AUSER VSSH ZENTRUM Bolzano n. 20/2001 del Via Aosta Bolzano Bozen Boz Gastone

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Orientierungstest Italienisch Muster

Orientierungstest Italienisch Muster Orientierungstest Italienisch Muster Name:... A. Setzen Sie die Sätze in den Plural. 1. Il sistema scolastico italiano deve essere riformato.... 2. Nella scorsa settimana ho visto un film interessante.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer

Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer Un progetto sperimentale A.Tognetti, P.Monini,L.Bartorelli U.O.C. di Geriatria Ospedale S.Eugenio Roma IL PROGETTO FORNIRE UN SUPPORTO AI FAMILIARI

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Ultime modifiche apportate con deliberazione C.C. n. 43 del 15.09.2003 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 Art.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

lezione uno Vervollständige die Sätze.

lezione uno Vervollständige die Sätze. lezione uno 1 1 Finde im Suchsel sechs Formen des gerundio. Bilde anschließend Sätze, in denen du sto + gerundio und folgende Subjekte (io, tu, Matteo, noi, voi, loro) und folgende Objekte verwendest:

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Fabiano Indirizzo Via Miglioli 75, Soresina, Cr Telefono 3394508370 E-mail giuliafabiano@virgilio.it

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Ordine degli Assistenti Sociali Regione Friuli Venezia Giulia La malattia oncologica: quali necessità, quali risorse per il malato e la sua famiglia La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Udine

Dettagli

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata persone anziane, persone invalide, persone con il morbo di Parkinson VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata assistenza sanitaria 24 ore su 24 soggiorni temporanei riabilitativi cure di lunga durata

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Comune di Novellara. Istituzione Servizi Sociali ed Educativi

Comune di Novellara. Istituzione Servizi Sociali ed Educativi Comune di Novellara Istituzione Servizi Sociali ed Educativi Istituzione I MILLEFIORI è lo strumento del Comune di Novellara per la gestione dei Servizi Sociali ed Educativi. Persegue l obiettivo di salvaguardare

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit

Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit SCHULARBEIT Selbsteinschätzungsbogen für Schülerinnen und Schüler zur Vorbereitung auf die Schularbeit Ich kann. noch nicht ausreichend gut einen Tagesablauf schildern. eine Wohnung beschreiben. Ortsangaben

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE ANZIANI/E DEL COMUNE DI MERANO

LA CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE ANZIANI/E DEL COMUNE DI MERANO CENTRO DIURNO PER ANZIANI/E STADTGEMEINDE MERAN COMUNE DI MERANO LA CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE ANZIANI/E DEL COMUNE DI MERANO CENTRO DIURNO PER ANZIANI/E CENTRO DIURNO PER ANZIANI/E

Dettagli

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRO DIURNO SOCIO-ASSISTENZIALE Di cosa si tratta E un servizio semiresidenziale nel quale sono previste attività socio-assistenziali e di supporto al servizio

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino IL RUOLO DEI FAMIGLIARI IN MEDICINA INTERNA PER QUALE RAGIONE UNA PERSONA RICOVERATA DEVE VIVERE FUORI DALLA REALTÀ, COME IN UNA SORTA DI "GRANDE FRATELLO"? COME SI SPIEGA CHE I SUOI FAMILIARI NON POSSONO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PRESENTAZIONE La Carta dei Servizi Sociali del Comune di Ospedaletto Lodigiano nasce come strumento di cittadinanza attiva,

Dettagli

SCHEDA IDEA DI PROGETTO

SCHEDA IDEA DI PROGETTO SCHEDA IDEA DI PROGETTO Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort.

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort. 1 Vervollständigt mit dem Indikativ Präsens der vorgegebenen Verben. 1. andare Io... spesso a mangiare al ristorante. 2. venire Domani Maria e Bruno... a casa mia. 3. andare Antonio e Sergio... in Francia.

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica..

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. Per il miglioramento della qualità della vita della Persona con Alzheimer (e/o demenze correlate) e del caregiver nella gestione di cura. Il progetto

Dettagli

UNITA VALUTATIVA GERIATRICA (UVG)

UNITA VALUTATIVA GERIATRICA (UVG) L'Unità valutativa geriatrica (UVG) è una Commissione dell'asl e dell'ente gestore dei servizi socio-assistenziali che ha la funzione di valutare le condizioni psico-fisiche e ambientali della persona

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

PRONTO INTERVENTO SOCIALE. SerenitAnziani 2007

PRONTO INTERVENTO SOCIALE. SerenitAnziani 2007 PRONTO INTERVENTO SOCIALE SerenitAnziani 2007 1 PRONTO INTERVENTO SOCIALE SerenitAnziani 2007 Cosa è Il servizio di Pronto Intervento Sociale SerenitAnziani, rientra nelle azioni previste dal Piano Sociale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA Questa macro area organizza e sviluppa le proprie azioni e attività sulla base dell ascolto, lettura dei bisogni sociali, di assistenza, di salute della comunità

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli