50.Cosa sono i chakra? di Anna Paturzo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "50.Cosa sono i chakra? di Anna Paturzo"

Transcript

1

2

3

4 GIUGNO 2013 Da un idea di Daniele Fiorile - Periodico di attualità a diffusione gratuita In copertina Greta Chiarelli - Sorrento di 15 anni fotografata da Valerio Gargiulo - Sorrento Supplemento a La Mia Penisola Dep. Aut. Tribunale di Torre Annunziata del 9 giugno 2010 Direttore Responsabile Giuseppe Damiano Direttore Editoriale Daniele Fiorile Redazione Corso Italia, S.Agnello - Tel Pubblicità 100% Fitness - Corso Italia, S.Agnello - Tel Progetto grafico Maurizio Manzi - Bingwa Art Factory A casa mio figlio 46. non è così di Daniela Caiafa - Neuropsicomotricista Quando mamma e 14. papà si separano di Luisa Donnarumma - Psicologa Le emozioni inutili: il 18. senso di colpa di Bianca Pane - Psicopedagogista Che cos è 22. l algodistrofia? di Laura Izzo - Fisioterapista AIDS. Non abbassare la 24. guardia di Carlo Alfaro - Pediatra Quando il cuore è 26. matto di Vittorio Fabbrocini - Cardiologo Sindrome della bocca 28. secca: xerostomia di Barbara Martino - Chiropratica La cefalea a grappolo: 30. II parte di Antonio Coppola - Anestesista Preveniamo il tumore 34. del color-retto di Giuseppe De Simone - Farmacista 36.Il nervo radiale di Barbara Martino - Chiropratica La respirazione 38. diaframmatica di Mariarosaria D Esposito - Logopedista 42. Gravidanza e sessualità di Olga Paola Zagaroli - Sessuologa Il counseling 44. relazionale di Anna Sallustro - Counselor 48 Conoscere le vitamine della salute di Francesca Maresca - Dietologa 66 Costituirsi parte civile nel processo penale di Valerio Massimo Aiello - Avvocato 50.Cosa sono i chakra? di Anna Paturzo E se Rousseau avesse 52. ragione? di Domenico Casa Nati per essere 54. felici!!! di Ernesto Lupacchio 58.Tiro con l arco La riforma del 60. condominio: Art di Teresa Pane Il terrazzo splash pool La rana magica e i 64. tre desideri di Salvatore Spinelli Carenza di forza e 68. condizionamento negativo nei master di Salvatore Fattorusso Prelievo forzoso sui 72. conti correnti in Italia? di Mario De Simone - Commercialista Tre novità per i corsi di Salvatore Aiello 76. Trekking: La punta campanella di Nino Aversa

5

6

7 TROPPI ZUCCHERI E CARBOIDRATI? PIÙ RISCHIO ICTUS I cibi ad alto indice glicemico espongono a malattie cardiovascolari Una dieta ad alto carico glicemico non solo aumenta il rischio di cancro ma anche quello di altre malattie cronico degenerative: questo è il risultato di uno studio condotto dai ricercatori dell Istituto Nazionale dei Tumori di Milano guidati da Vittorio Krogh, responsabile della Struttura complessa di epidemiologia e prevenzione, che ha messo in luce in particolare il rapporto tra il consumo di carboidrati ad alto indice glicemico, come pane bianco e zucchero, e l insorgenza di ictus. Lo studio Il lavoro, pubblicato sulla rivista scientifica Plos One, fa parte del progetto Epicor, uno studio sull associazione tra dieta e incidenza delle malattie cardiovascolari in Italia che nasce come satellite del grande studio oncologico Epic (European Investigation into Cancer and Nutrition) svolto in Italia su oltre 47mila volontari a cui l istituto partecipa insieme ad altri 22 centri in 10 paesi Europei. È stato proprio nello studio Epic che lo stesso gruppo di ricercatori aveva messo in evidenza come una dieta ad alto carico glicemico fosse associata ad un maggior rischio di tumore alla mammella. Lo studio ha permesso di osservare che chi consuma in grande quantità carboidrati ad alto indice glicemico, come pane bianco, zucchero, miele, marmellata, pizza e riso ha un rischio più elevato dell 87% di essere colpito da ictus. Il ruolo dell indice glicemico Sabina Sieri, biologa e nutrizionista dell Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, precisa: Con questo lavoro l indice glicemico degli alimenti si conferma un fattore importante nella definizione di una dieta sana. Conoscere l indice glicemico di un alimento e privilegiare il consumo di cibi a basso carico glicemico diventa quindi sempre più rilevante per la prevenzione delle malattie cronicodegenerative. 100% FITNESS MAGAZINE 7

8 SCOPERTE SCIENZA ALIMENTAZIONE SALUTE CURIOSITÀ IMPENNATA DI ALLERGIE: E NON È COLPA DELLA TROPPA IGIENE Che le allergie siano in crescita è ormai assodato e i numeri lo dimostrano: negli ultimi 15 anni il loro numero è raddoppiato e a farne le spese sono stati soprattutto i più piccoli. Oggi circa un bambino su tre ha, infatti, qualche manifestazione allergica. A metà degli anni 80 per spiegare questa esplosione venne formulata la cosiddetta teoria igienistica, che vedeva un associazione causale tra ridotta frequenza di infezioni, legata a migliori condizione igieniche, all uso di antibiotici e al largo impiego delle vaccinazioni, e l aumento di patologie allergiche. In realtà negli anni questa ipotesi ha perso via via valore, come hanno riferito anche gli esperti intervenuti a Milano al recente congresso della Società europea di infettivologia pediatrica. LE POSSIBILI CAUSE - «Il Dna che si eredita dai genitori pesa per almeno il 70 per cento sulla possibilità di sviluppare un allergia ed è quindi il fattore più rilevante. Se uno o entrambi i genitori sono allergici il bambino ha infatti grandi possibilità di diventarlo a sua volta fa notare il professor Maurizio de Martino, direttore del Dipartimento di pediatria internistica dell Ospedale pediatrico Meyer di Firenze -. Per contro l ipotesi igienistica ha perso gran parte dei suoi sostenitori. «L effetto protettivo nei confronti delle allergie suggerito per alcuni virus respiratori, morbillo, epatite A e tubercolosi è stato smentito da studi ampi e rigorosi. Al contrario alcuni studi hanno dimostrato che le infezioni possono favorire lo sviluppo di allergie e determinare peggioramenti in chi già ne soffre o ha addirittura l asma». VACCINI La teoria igienistica in passato ha avuto in alcuni casi anche ricadute molto pericolose, allontanando molte persone dalla fondamentale pratica di vaccini in età pediatrica. In realtà i dati che dimostrano la sicurezza delle vaccinazioni anche su questo fronte sono moltissimi. «Almeno 20 studi pubblicati su riviste internazionali tra il 1985 e il 2001 hanno negato qualunque responsabilità nell aumento delle patologie allergiche dei vaccini anti-turbercolare, anti-difterite, anti-pertosse e anti-morbillo riferisce de Martino -. E lo stesso David P. Strachan, ideatore della teoria igienistica, esclude qualunque coinvolgimento dei vaccini». Se anche si facesse un bilancio rischi/ benefici, risulterebbe decisamente più pericoloso non sottoporsi alle vaccinazioni che salvano ogni anno milioni di vite. Basta pensare che le vaccinazioni anti-vaiolo, anti-poliomielite e anti-difterite hanno praticamente determinato la scomparsa di queste malattie». INFARTO, QUEI 4 SINTOMI CHE NON TI ASPETTI L infarto è di solito preannunciato da sintomi ben precisi. Su tutti, il dolore al petto, ma anche il senso di forte oppressione sul torace, il capogiro, la sudorazione fredda, nausea, vomito... Ma è anche vero che ci sono casi in cui l infarto si presenta senza preavviso. Oppure dopo aver dato segnali così apparentemente innocui, da risultare indecifrabili alla maggior parte delle persone. Se poi si pensa che circa il 20% dei pazienti non ha avvertito alcun sintomo, prima dell evento, si capisce quanto complicato sia individuare con certezza le spie di un infarto del miocardio in arrivo. Considerando che la diagnosi precoce e tempestiva è l arma numero uno per fronteggiare nel migliore dei modi l infarto, è possibile individuare i campanelli d allarme più difficili da interpretare? Proviamo a vederne alcuni. E comunque, se mai doveste notare qualcosa che non va, non dimenticate mai che l unico vostro punto di riferimento è sempre e soltanto il medico. Una ricerca dei National Institutes of Health (NIH) statunitensi ha individuato alcuni sintomi specifici delle donne, ma difficilmente collegabili all infarto in modo diretto: un mese prima dell attacco, infatti, si può provare un senso di fatica insolita, disturbi del sonno, un senso di ansia, episodi di indigestione, difficoltà di respirazione. Ci sono casi in cui si può provare un senso di pesantezza o stanchezza al braccio. Anche in questi casi, il rischio di confondersi con un movimento falso o qualcosa di simile è assolutamente normale I sintomi classici dell infarto possono anche essere mascherati da problemi gastrici, per esempio una cattiva digestione, che si verificano in seguito a un pasto particolarmente abbondante. Altre volte l infarto si presenta dopo che il soggetto ha avvertito un leggero formicolio alle dita della mano sinistra, scambiato magari per un addormentamento dell arto dovuto a una posizione sbagliata % FITNESS MAGAZINE

9

10

11 SCOPERTE SCIENZA ALIMENTAZIONE SALUTE CURIOSITÀ LA «FAME NERVOSA» PUÒ VENIRE ANCHE QUANDO SI È FELICI Il rapporto tra umore e calorie è meno scontato del previsto Si sente spesso parlare di «fame nervosa», quel meccanismo che spinge alcune persone a rispondere alle emozioni mangiando di più. E poiché le emozioni cui si fa solitamente riferimento sono negative, viene spontaneo attribuire al cibo un ruolo di conforto. Di recente, però, alcuni esperti di vari centri di ricerca hanno cominciato a focalizzare l attenzione anche sulle emozioni positive: in pratica, se la tristezza fa sentire il bisogno di mangiare «qualcosa di buono», la contentezza non potrebbe, a sua volta, rappresentare un motivo per concederselo? Sono molte le ragioni che inducono a pensarlo, prima fra tutti quel meccanismo acquisito che ci porta ad associare le sensazioni positive al cibo. Basti pensare ai matrimoni, ai compleanni e alle tante altre occasioni di festa che si celebrano anche a tavola. Per approfondire l argomento, alcuni ricercatori della Utrecht University hanno condotto uno studio, appena pubblicato online su Appetite. La ricerca, condotta su studenti universitari non obesi, comprendeva tre tipi di test. Nel primo test un gruppo di studenti assisteva a proiezioni in grado di indurre emozioni positive (uno dei filmati prevedeva, per esempio, la ripresa di un piccolo panda che starnutiva talmente forte da spaventare la mamma), mentre un secondo gruppo assisteva a riprese emotivamente neutre (esempio: un filmato di uccelli che volano nel deserto). Al termine dei filmati, veniva data ai giovani la possibilità di consumare dolciumi a volontà. Risultato: il gruppo che aveva provato emozioni positive introduceva, mediamente, 100 kcal in più rispetto all altro. Nel secondo test gli studenti, divisi in tre gruppi, venivano guidati a rievocare eventi gradevoli, oppure sgradevoli, o neutri, dopodiché avevano la possibilità di consumare snack a volontà. In questo caso, le emozioni positive inducevano, invece, a un consumo di snack uguale a quello suscitato dalle emozioni negative. Poiché questi test sono stati condotti in laboratorio, i ricercatori hanno cercato un riscontro ai loro rilievi in un contesto reale. Hanno, quindi, chiesto a una cinquantina di studentesse universitarie di tenere, per una settimana, un diario, nel quale registrare il consumo di tutti i fuoripasto non salutari (dolciumi, patatine fritte e così via) descrivendo lo stato emotivo del momento. Si è così visto che il consumo di snack non salutari era legato molto più spesso a emozioni positive che negative (10 volte contro 4). «È la prima volta che l ambiente scientifico presta tanta attenzione alla relazione fra emozioni positive e consumo di cibo commenta Alessandra Mauri, psicologa e psicoterapeuta all Unità malattie metaboliche e nutrizione clinica dell Ulls di Treviso. Comunque è l esperienza comune a dirci che, quando stiamo bene, in particolare in situazioni di convivialità, spesso amplifichiamo questo star bene mangiando. E se da un lato il desiderio di godere del buon cibo può essere favorito dal sentirsi bene, dall altro il cibo può apparire ancora più buono proprio perché ci si sente già bene. Ma poiché oggi il cibo è facilmente disponibile e siamo sempre meno portati ad utilizzarlo solo per soddisfare le nostre esigenze biologiche, bisogna fare in modo di non gestire le nostre emozioni attraverso il cibo. La riposta a quello che proviamo non deve necessariamente passare dal frigorifero». 100% FITNESS MAGAZINE 11

12 SCOPERTE SCIENZA ALIMENTAZIONE SALUTE CURIOSITÀ LE 10 MIGLIORI IDEE PER LA PAUSA PRANZO Al bar, al ristorante o alla tavola calda senza rovinare la dieta Arrivata l ora del pranzo al bar o alla tavola calda è sempre lo stesso dilemma. Cosa scegliere tra un piatto di pastasciutta o un tramezzino? Meglio farsi tentare dal panino al prosciutto oppure limitarsi alla sola macedonia? Tenete presente che le combinazioni verdure-carboidrati o verdure proteine sono una soluzione ideale per la pausa pranzo. Abbinare, invece, le proteine di carne a quelle del pesce è sbagliato. Si finisce per appesantirsi e la digestione è più lenta e difficile In linea generale, per non eccedere con le calorie, va bene il panino farcito, meglio se integrale. Se mangi fuori casa scegli così Ecco 10 proposte di menu per l ora di pranzo, partendo da quella meno calorica fino a quella più calorica: Prosciutto e melone: prosciutto crudo 50 g - melone 100 g: 220 calorie Macedonia di frutta e yogurt: mezza pera, mezza mela, un grappolo d uva, un vasetto di yogurt intero 125 g: 227 calorie Bresaola e rucola: bresaola 50 g, rughetta 50 g, limone, un cucchiaino di olio extravergine di oliva, pane 40 g: 300 calorie Toast: pancarrè, prosciutto crudo 30 g, formaggio svizzero 30 g: 312 calorie Panino integrale al prosciutto: due fette di pane integrale, prosciutto crudo 50 g: 335 calorie Piatto di pasta alle verdure: rigatoni 100 g, zucchine 30 g: 350 calorie Panino vegetariano: rosetta, formaggio 50 g, 2 fette di melanzane grigliate: 431 calorie Insalata di tonno e mozzarella: insalata al taglio 50 g, mozzarella 100 g, tonno 100 g: 445 calorie Tramezzino uovo sodo e tonno: pancarrè con maionese, mezzo uovo sodo, tonno sott olio 50 g 449 calorie Rigatoni al ragù: rigatoni 100 g, ragù 30 g, parmigiano 10 g: 498 calorie Cuore, una vacanza di 7 giorni lo rimette in forma Anche solo una settimana di vacanze protegge il cuore, mentre rinunciare del tutto al riposo provoca depressione e sollecita cuore e vasi, che così risultano più fragili ed esposti a malattie come infarto e ictus. Secondo gli esperti riuniti in occasione del congresso nazionale dell Anmco (Associazione medici cardiologi ospedalieri) in corso a Firenze, il mancato relax e la tensione che ne deriva aumentano il rischio di depressione e ansia e queste possono accrescere il pericolo di infarti e ictus, che sale anche perchè il cuore e i vasi, se non si «stacca la spina» sono più esposti a problemi cardiovascolari come ipertensione ed aritmie. Ma i cardiologi rassicurano: basta anche solo una settimana di fermo, chi può, per ridurre il rischio soprattutto per anziani e persone con due o più fattori di rischio cardiovascolare che, rinunciando al riposo, si esporrebbero ad una maggiore probabilità di malattie ischemiche. La conferma arriva da uno studio svolto dal servizio di Psicofisiologia clinica del San Camillo-Forlanini di Roma, in collaborazione con la cattedra di Psicofisiologia clinica di Medicina e Psicologia dell Università La Sapienza di Roma. La ricerca, condotta su 30 pazienti che avevano avuto un attacco di cuore dimostra che la tensione muscolare causata nel 61% dei casi da problemi socio-economici e isolamento sociale e nel 34% da difficoltà lavorative e familiari, aumenta del 30% il rischio di depressione e questa, a sua volta, accresce del 20% la probabilità di malattie cardiovascolari % FITNESS MAGAZINE

13

14 PSICOLOGA 100% FITNESS MAGAZINE 14 Quando mamma e papà si separano Dottoressa Luisa Donnarumma Psicologa Psicoterapeuta Disponibile telefonicamente Martedì dalle 14 alle 15 Cell Tel I bambini che si trovano ad affrontare l esperienza della separazione o del divorzio dei propri genitori sono in continuo aumento. La separazione dei genitori si può addirittura considerare un evento comune nelle vite dei bambini. Per questo motivo, negli ultimi anni, ci sono stati molti studi dedicati al vissuto psicologico dei bambini e sono state anche messe a punto prassi legali specificamente orientate a ridurre i danni che la separazione coniugale potrebbe provocare sulla crescita e sullo sviluppo pscico-affettivo. Per esempio, la legge n. 54 del 2006 istituisce l affidamento condiviso (ovvero la condivisione dei compiti genitoriali, il coinvolgimento di entrambi i genitori nelle scelte educative secondo il principio di bigenitorialità) quale provvedimento elettivo a tutela dei figli e limita l affidamento esclusivo a un solo genitore quale misura eccezionale nei casi di situazioni condivise pregiudizievoli per i minori. Gli effetti della separazione dei genitori sui bambini possono variare in modo significativo e dipendono da diversi fattori legati tanto ad aspetti intrapsichici quanto ad aspetti relazionali, familiari e sociali. Dal punto di vista sociale, attualmente in tutti i paesi industrializzati, la capacità familiare di farsi carico dei bambini è ridotta e, pertanto, la separazione spesso coincide con un forte abbassamento del livello di qualità di vita cui un bambino è abituato. Dal punto di vista intrapsichico, i figli reagiscono diversamente alla separazione dei genitori a seconda del grado di sviluppo psichico raggiunto, della personalità e della qualità del sostegno sociale. Gran parte degli studi sugli effetti psicologici della separazione coniugale sui bambini si è soffermata sugli aspetti negativi, solo

15

16 16 100% FITNESS MAGAZINE recentemente sono stati considerati anche gli eventuali effetti positivi e i possibili effetti di risorsa delle famiglie ricostituite. È accertato ormai che la separazione o il divorzio di per sé non costituiscono motivo di psicopatologia infantile. Parte dei sintomi (problemi psicologici e/o di adattamento sociale) che i bambini mostrano nel corso della separazione dei genitori risulta in realtà già presente prima o comunque già strutturata. Inoltre, bisogna considerare che tutte le problematiche psicopatologiche che emergono appartengono non solo al mondo interno dell individuo, ma anche al sistema complessivo della famiglia. È stato osservato che sono necessari circa due anni per elaborare un evento di separazione familiare, anche se ben gestito, in quanto in ogni caso risulta gravemente destabilizzante. In questo lasso di tempo, inevitabilmente lungo, spesso può crearsi un clima di angoscia e insicurezza. Si tratta, inoltre, di una fase di transizione in cui si vive una radicale trasformazione degli abituali contesti di vita, delle abitudini quotidiane e delle modalità relazionali. Una vera e propria destabilizzazione del contesto esistenziale. La prolungata esposizione a stress del genere costituisce un fattore di rischio per la salute psichica ed il benessere mentale dei bambini (già particolarmente sensibili ai cambiamenti per questioni evolutive), come del resto lo è anche per gli adulti. I bambini, soprattutto quelli più piccoli, hanno un estremo bisogno di stabilità. Pertanto, si consiglia sempre di garantire una sufficiente continuità nel rapporto di entrambi i genitori con i figli. Spesso i bambini, all inizio della vicenda separativa, temono segretamente di essere abbandonati da uno dei due genitori. Si rassicurano sperimentando che, nonostante il cambiamento della relazione coniugale, i genitori restano entrambi presenti, in tal modo è possibile avviare un processo di adattamento alla nuova situazione. Un altro suggerimento è quello di non protrarre le situazioni di ambiguità. L incertezza sull esito della crisi coniugale prolungata troppo nel tempo fa sentire i bambini in balia dell imprevedibilità e della confusione. In questo frangente possono sentirsi responsabili delle difficoltà esistenti tra i genitori, oppure fantasticare di avere il potere di far riappacificare i genitori o di avere la colpa di quanto sta avvenendo. È sempre preferibile la chiarezza anche se dolorosa. Non è tanto la separazione in sé ad essere fonte di difficoltà, quanto l alta conflittualità che spesso l accompagna. In queste situazioni i genitori, presi dai loro bisogni (di vendetta, di orgoglio ferito) non sono in grado di accorgersi dell imprescindibile esigenza dei figli di avere genitori capaci di trovare un accordo tra loro. Quando i genitori, pur nella sofferenza di riconoscere finita la propria storia, riescono a trovare strategie di collaborazione, i figli superano con minore difficoltà la separazione. Oggettivamente è difficile collaborare con la stessa persona da cui ci si sente feriti, traditi o delusi. La mediazione familiare aiuta proprio i genitori che si separano a trovare modalità efficaci di collaborazione. Tra le più gravi patologie da separazione oggi è riconosciuta la sindrome da alienazione genitoriale (PAS Parental Alienation Syndrome), un disturbo psicologico che può insorgere nei figli in seguito al loro coinvolgimento in separazioni eccessivamente conflittuali non appropriatamente mediate. I figli progressivamente perdono il contatto affettivo con un genitore ed esibiscono astio e disprezzo ingiustificato contro questi in seguito ad una prolungata manipolazione da parte dell altro genitore. Il genitore alienante arriva a usare espressioni denigratorie, false accuse di trascuratezza, violenza o abuso contro il genitore alienato. Questa realtà virtuale familiare genera nei figli profondi sentimenti di paura, diffidenza e odio verso il genitore alienato. Si alleano con il genitore sofferente appoggiando la sua versione fino a farla propria. La manipolazione può arrivare a distruggere la relazione tra genitore alienato e figli che arrivano a rifiutare qualsiasi contatto, anche solo telefonico. La PAS, quindi, può produrre seri danni psichici e non di rado può essere impropriamente utilizzata all interno di contese giudiziarie. Per tali motivi è auspicabile una attenta valutazione psicologica della situazione.

17

18 PSICOPEDAGOGISTA 100% FITNESS MAGAZINE 18 Visita il nuovo sito della rivista: Le emozioni inutili Il senso di colpa Nella vita, le due emozioni più futili sono il senso di colpa per ciò che è accaduto, e l inquietudine per ciò che potrebbe accadere. COLPA significa che il tuo tempo presente se lo porta via la paralisi determinata da un comportamento passato, mentre INQUIETUDINE è il congegno che ti immobilizza nel presente su qualcosa che appartiene al futuro, e che spesso sfugge al tuo controllo. Benchè l uno sia un modo di reagire al futuro, e l altro al passato, queste reazioni servono entrambe a tenerti inquieto o immobile nel presente e a buttare via il presente. Non è l esperienza dell oggi che Dottoressa Bianca Pane Laureata in Filosofia e Psicopedagogia presso l Università di Napoli Federico II, specializzata in Gestalt Counseling Bioenergetica e Terapie Olistiche - Cell fa impazzire gli uomini. E bensì il rimorso per qualcosa avvenuto ieri, e il timore di ciò che il domani porta con sé. Esempi di colpa e di inquietudine se ne vedono ovunque, praticamente in ogni persona che si incontra. Il mondo è pieno di gente terribilmente addolorata per cose che non avrebbe dovuto fare, oppure impaurita per cose che potrebbero accadere o non accadere. E probabile che tu non faccia eccezione. Se ti senti sopraffatto da sensi di colpa e di inquietudine, devi sbarazzartene, o disinfettarli, sterilizzarli una volta per tutte. Lìberati da questi parassiti che infestano tanti aspetti della tua vita. IL SENSO DI COLPA VISTO DA VICINO Siamo stati in molti a venire prescelti come vittime di una cospirazione, di un complotto non premeditato per trasformarci in vere e proprie macchine da colpa. Tutto accade nel modo seguente: qualcuno invia un messaggio destinato a ricordarti che, facendo o non facendo, dicendo o non dicendo una certa cosa, sei stato CATTIVO. Tu rispondi a quel messaggio con tristezza. Sei la macchina da colpa, un congegno strano, che cammina, parla, respira, e che reagisce con un senso di colpa ogni qualvolta le venga somministrato il combustibile appropriato. Se poi hai avuto un immersione totale in una cultura come la nostra, che produce colpa, come macchina sei ben oliato. Come mai non hai respinto i messaggi di colpa e di inquietudine che ti sono stati inviati in tutti questi anni? In gran parte per il fatto che, per la cultura e la mentalità comune, se non TI SENTI COLPEVOLE, non sei una brava persona e se non ti preoccupi, non sei responsabile. Se qualcuno o qualcosa ti sta veramente a cuore, lo devi dimostrare sentendoti colpevole per le cose terribili che hai commesso, oppure dando prova, visibilmente, di preoccuparti del futuro. E quasi come se tu dovessi dimostrare la tua nevrosi per guadagnarti l etichetta di persona dotata di cuore o persona perbene. Di tutti gli sprechi di energia emozionale, quello del senso di colpa è di gran lunga il maggiore. Perché? Ma perché, per definizione, ti senti paralizzato nel presente per una cosa che ha già avuto luogo: ciò che è stato, è stato, e nessun senso di colpa può mutarlo. Invece, non è sentirsi in colpa quando si sta imparando dal proprio passato e ci si ripromette di

19

20 PSICOPEDAGOGISTA 100% FITNESS MAGAZINE 20 Finalmente on-line il nuovo sito: non ricadere in determinate azioni o parole. Si prova un senso di colpa solo quando, come risultato di un certo comportamento precedente, si è impossibilitati ad agire nel presente. Imparare dai propri errori è un aspetto salutare e necessario della crescita. Il senso di colpa è invece malsano perché inutilmente consumiamo energia nel presente a sentirci offesi, irritati, depressi per una cosa già successa. E oltretutto futile: non c è senso di colpa che possa disfare il fatto. LE ORIGINI DEL SENSO DI COLPA Il senso di colpa viene a far parte del bagaglio emozionale di un individuo in due modi. Nel primo, il senso di colpa viene appreso in tenerissima età e persiste nell adulto come una residua reazione infantile. Nel secondo, l adulto si autoimpone il senso di colpa per una infrazione a un codice al quale professa di credere. Il senso di colpa RESIDUO è la reazione emotiva scatenata da ricordi dell infanzia. A produrla, a volte, sono frasi che hanno inciso sul bambino il quale, da adulto, continua a portarsele dentro. Tra queste frasi si annoverano ammonizioni quali: Se lo fai un altra volta non ti voglio più bene! Oppure: Dovresti vergognarti! E ancora: Non potevo che aspettarmi questo da te! Il significato e le implicazioni contenute in queste frasi possono ancora ferire l adulto che, per tanti motivi, può deludere le persone che gli stanno intorno o nelle quali egli ravvisa quasi dei genitori. Persiste il tentativo di conquistarsi la loro approvazione, e persiste il senso di colpa se i tentativi falliscono. Il senso di colpa legato all infanzia viene alla superficie anche nella vita sessuale e nel matrimonio. Lo si scorge nei numerosi autorimproveri e nel non smettere di chiedere scusa per azioni passate. Tali reazioni di colpa risultano dall aver imparato a lasciarsi manipolare dagli adulti nell infanzia, e possono essere ancora operanti quando il bambino si è ormai fatto un adulto. Il senso di colpa AUTOIMPOSTO è quello che, per l appunto, ci si autoimpone allorchè si vìola una norma o un codice morale da adulti. Lo si prova quando si è messo qualcuno alla porta, e ci si detesta per averlo fatto, per non essere andati in chiesa, per aver detto una frase infelice.. Puoi dunque considerare il tuo senso di colpa come il risultato del tentativo, fallito, di essere all altezza di certi standard che ti hanno imposto o che ti sei autoimposto, ma che in realtà non hai fatto tuoi se non a parole. Ma, la verità è che, se anche ti dolessi in eterno di quanto sei stato cattivo, non cambieresti ciò che è stato, nemmeno in minima parte. Puoi invece cominciare a cambiare il tuo atteggiamento nei confronti di ciò che desta in te un senso di colpa. La nostra cultura presenta molte tracce di mentalità puritana che inviano messaggi pericolosi come: Se sei felice, devi sentirti in colpa, o anche Se provi piacere, devi sentirti in colpa, e ancora se ti diverti, devi sentirti in colpa. Gran parte dei sensi di colpa che infliggiamo a noi stessi, può essere fatta risalire a questo tipo di mentalità. Forse hai imparato che non devi essere indulgente con te stesso, che non devi ridere quando senti una barzelletta piccante, che un certo comportamento sessuale non dev essere il tuo, etc.. Se nella nostra cultura i messaggi repressivi sono onnipresenti, è anche vero però che il senso di colpa per un alcunchè di poco conto è spesso autoinflitto. Potresti imparare a gustare il piacere senza sentirti in colpa, a considerarti un individuo capace di fare tutto ciò che rientra nel suo proprio sistema di valori e che non reca danno agli altri, e capace di farlo senza colpa. Se fai una cosa, quale che sia, e non ti piace, o tu stesso non ti piaci dopo che l hai fatta, puoi sempre riprometterti di non rifarla in futuro. Ma subire una sentenza che ti dichiara colpevole di una colpa che ti sei autoinflitta, è uno di quei viaggi nevrotici che puoi evitare. Il senso di colpa non serve, non aiuta; non solo ti tiene immobilizzato, ma moltiplica le probabilità che tu ricada in un comportamento indesiderato. Il senso di colpa può essere fine a se stesso, ed essere anche una sorta di permesso per rifare una data cosa. Si, perché rimani attaccato al potenziale tornaconto di assolverti col tuo senso di colpa, come fosse il prezzo che paghi per aver commesso l errore e resti incatenato a quella macina da mulino che non trita nulla se non infelicità Nel prossimo articolo vedremo nel dettaglio: Il senso di colpa inculcato dai genitori sui figli Il senso di colpa ispirato dai figli Il senso di colpa nella coppia Religione e senso di colpa Il senso di colpa ispirato dalla scuola Le strategie per eliminare il senso di colpa.

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO Con un adeguata e opportuna anticipazione diagnostica le possibilità di vincere il tumore al seno salgono ad oltre il 90% 1. Scegli attentamente la tua

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 INDICE Prefazione I La famiglia nella tempesta Family Breakdown: perché la famiglia è in

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Cosa avviene nel corpo:

Cosa avviene nel corpo: Stress ed emozioni STRESS ed EMOZIONI Ogni qual volta una persona si trova dinanzi ad un pericolo nel suo organismo avviene un processo di attivazione, cioè la produzione di molte energie che scatta nel

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile Pagina 5 Sommario Il nuovo metodo per dimagrire senza fatica FORMA E BENESSERE Io ce l ho fatta così! Tre storie di chi ha raggiunto l obiettivo Claudia, Anna e Luca hanno ritrovato linea e salute Adoro

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi SPAZIOMENTE Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere Cibo Mente Corpo Dott.ssa Paola Carosi Dott.ssa Alessandra Siniscalchi Perché questo corso? Quest argomento storicamente è sempre stato affrontato

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO Gentile Utente, o questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli sull AFASIA, un disturbo che limita il linguaggio. Nel nostro Ospedale

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Giulia Mannella CITTADINANZATTIVA Un Movimento di partecipazione civica per la promozione e la tutela dei diritti

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

FUMI? DIVENTA UN EX! Luoghi di Prevenzione

FUMI? DIVENTA UN EX! Luoghi di Prevenzione FUMI? DIVENTA UN EX! esperienze sensazioni Luoghi di Prevenzione emozioni conoscenze Smettere di fumare e restare ex-fumatore è un percorso possibile. In Italia gli ex-fumatori rappresentano il 22% della

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Affrontare correttamente lo stress

Affrontare correttamente lo stress C o m u n i c a t o a i m e d i a - Berna, 6 settembre 2005 Le sollecitazioni psichiche affaticano il cuore più di quanto si riteneva Affrontare correttamente lo stress Chi non fuma, si alimenta nel modo

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook 1 MONIA FERRETTI Psicologa Psicoterapeuta EBOOK DIMAGRISCI FACILE Parte 1 Dimagrisci facile con i miei consigli Per Te! 2 Titolo Dimagrisci Facile con i miei consigli per Te!!! Autore Monia Ferretti Sito

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli