Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali"

Transcript

1 Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali Era un gentiluomo il Signor Bell, vestito di grigio dai piedi ai capelli, quei pochi fedeli che a stento coprivano il riflesso accecante del primo accenno di sole. Aveva ormai quarant anni e alla vita non chiedeva altro che lievi emozioni consumate in solitudine come il risentimento di una carriera mancata. Era un gentiluomo il Signor Bell. Ogni mattina s alzava alle sette, puliva la gabbia della merla e portava il caffè a sua moglie Catherine. La salutava con un bacio leggero tra la fronte e l attaccatura dei capelli per non svegliarla del tutto. In bagno rimaneva il tempo necessario per una doccia, i denti e la barba oltre naturalmente a quei cinque minuti di orologio che passava leggendo le etichette dei detersivi sulla mensola della finestra. Prima di uscire passava in cucina, apriva le tapparelle per inebriarsi del primo raggio di luce, alle volte grigiastro, alle volte più scuro, mai comunque del colore del sole. Ma Bell si accontentava e sorridente prendeva il suo panino incartato con la stagnola, preparato con cura dalla moglie la sera precedente. Era troppo curioso il Signor Bell e prima di riporlo dentro la cartella di pelle marrone dava un occhiata al contenuto. A volte fettine sottilissime di tacchino farcite di olive e capperi, altre pancetta affumicata sempre e comunque guarnita di maionese e uova, quelle grandi con il tuorlo rosso che Miss 1

2 Renagade teneva nel retro bottega e riservava ai clienti migliori. Soddisfatto chiudeva alle sue spalle la porta a vetri senza fare il minimo rumore. Le previsioni del tempo non l avevano mai tradito: impermeabile, giacca, soprabito per ogni evenienza. Durante il tragitto a piedi fino alla fermata del pullman cercava di indovinare, dietro la solita coltre di nebbia, quanto tempo l ombrello nero sarebbe rimasto appeso al suo braccio. Andava fiero del suo Hanway di osso e bacchette d acciaio che aveva acquistato circa un decennio prima da Samuel Fox and Sons ed ora, nonostante gli anni, era ancora perfettamente funzionante. Prendeva l autobus per Collington alle sette e quarantacinque. Era gentile il Signor Bell, mai una volta che avesse perso l autobus, mai una volta che avesse finito la corsa seduto. Come tutte le mattine alla quarta di Richmond Square, il quartiere abitato da operai e immigrati, l autobus si popolava ed il vociare alto non andava oltre la politica, il tempo, e lo sport. Il Signor Bell, pur essendo molto ferrato sugli argomenti, rimaneva in disparte senza prendere mai la parola e gustandosi altre distrazioni. Scrutava tra la folla delle gambe quelle più avvenenti e con ampi gesti invitava la signora di turno ad occupare il suo posto. Una scusa come tante per sbirciarle le gambe e farsi un opinione in generale sulla prescelta. Bella o brutta non aveva importanza se poteva apprezzare da così vicino la trama della calza, le pieghette impercettibili di 2

3 una fibra velata. Da un attenta osservazione di quella calza giocava ad indovinare la condizione economica, lo stato civile, in certi casi la professione e via via la classe e il fascino della sua preda. Risalendo una calza grezza sapeva già di trovarci dei vestiti ordinari e dei cappelli sciatti, nonché un viso non curato, senza trucco, a volte olivastro e senza cappello. Difficilmente si era sbagliato. Ma era gentile il Signor Bell, mai e poi mai avrebbe importunato quelle donne, mai e poi mai un sospiro più forte l avrebbe tradito. Finiva la corsa incastrato tra la parete di vetro dell autista e la bombola dell antincendio in modo tale da non toccare per nessuna ragione i sostegni di ferro. Maniaco della pulizia lottava ogni giorno strenuamente per passare indenne le buche di Wiston Street che per chissà quale ragione il Dipartimento Municipale addetto non si decideva a ricoprire. Aveva già inviato due raccomandate di protesta, regolarmente ricevute dall ufficio compente, ma finora non aveva avuto alcuna risposta. Aveva anche provato tramite telefono ed un addetta estremamente gentile le aveva assicurato che i lavori di manutenzione e sistemazione del manto stradale erano già stati programmati. Davanti a quella voce di grazia e femminilità il Signor Bell decise di pazientare. Come ogni mattina scendeva alla terza di Bondon Street davanti al chiosco di fiori e vicino all edicola dove acquistava il suo giornale. Leggeva avidamente le ultime dello sport e la pagina dell oroscopo tralasciando tutto il resto. Era gentile il Signor Bell, ogni mattina s attardava a parlare di calcio con il commesso dell ufficio di fronte. Nonostante lo considerasse di livello molto inferiore riusciva 3

4 comunque ad accalorarsi imponendo le sue idee sulle tecniche ed i moduli del calcio moderno. La sua squadra militava nella seconda divisione e neanche quest anno sarebbe passata di categoria. Era fortemente convinto che la causa principale fosse stata il cambio dell allenatore e soprattutto l acquisto di Paco Junior, un giovane attaccante argentino, che aveva disatteso le aspettative. Troppo lento e tecnicamente scarso, avevo un buon tiro ma difficilmente riusciva a smarcarsi. Domenica era in programma il derby ed era fortemente preoccupato. Questo era il suo cruccio maggiore. Entrava nel suo ufficio alle otto e trenta, mai qualche minuto prima, perché s inibiva a guardare la Signorina Crawford intenta a truccarsi prima dell orario di lavoro. Odiava questa mania quasi comune a tutte le sue colleghe. Non riusciva a capire come in quei minuscoli specchietti impolverati di cipria si potesse generare bellezza. La sua scrivania, seminascosta da una grande fioriera di aspidistra e piante grasse, era in fondo alla stanza davanti alla finestra che dava sul cortile interno. Gli seccava dover percorrere ogni volta quei cinque metri passando davanti alla Signorina Crawford. Buongiorno Signor Bell. Lei raggiante. Buongiorno Signorina Crawford. Lui a mezza bocca guardando il pavimento di piastrelle bianche e marroni. Si sentiva gli occhi addosso, scrutato da capo a piedi. Non aveva nessun interesse verso quella donna che conosceva da circa vent anni. Per così dire non era una signora avvenente, mai una volta un sogno l aveva sorpreso a pensarla, 4

5 mai un gioco di parole l aveva indotto a riconsiderare la sua opinione. Lei non si era mai sposata o meglio nessuno mai, per quanto di sua conoscenza, aveva chiesto la sua mano. Forse per via del suo alito cattivo, la mattina particolarmente forte, o forse per quel neo vistoso sulla guancia sinistra che invano cercava di coprire. La Signorina Crawford, nonostante avesse da tempo superato i quarant anni, viveva ancora con sua madre, ma essendo un inguaribile ottimista era certa che un giorno non molto distante avrebbe avuto una casa propria. Naturalmente con gli anni aveva cambiato i suoi desideri. Ora non pensava più ad avere un figlio ad ogni costo, ma sicuramente un uomo onesto per spartirci una casetta adiacente a quella di sua madre. La Signorina Crawford era una dattilografa diplomata, aveva il compito di battere lettere, controllare i resoconti mensili, rispondere alle telefonate e di riordinare gli archivi. Era sempre a dieta nonostante il suo seno abbondante. Per ingannare la fame trascorreva la mezz ora di pausa lavorando a maglia. Non era brava nel lavoro e neppure nell uncinetto. Secondo il Signor Bell non brillava nemmeno di una spiccata intelligenza, ma doveva ammettere che era ligia nelle mansioni. Il Signor Bell era ragioniere diplomato e si considerava di più alta estrazione sociale. Era convinto che con le segretarie occorresse mantenere un certo distacco, dandole necessariamente del voi. Era un uomo gentile, ma il panino preparato da sua moglie lo consumava in bagno, appunto per non scambiare confidenze eccessive con la collega. 5

6 Nel lavoro era molto ordinato, preparava a mano i resoconti mensili di spesa per i maggiori soci della compagnia. Si vantava di fare tutti i conti a mente, di rado usava carta e penna e mai la sua calcolatrice IBM che preferiva lasciarla in bella mostra sulla sua scrivania coperta da una fodera nera di tela grezza. Ogni volta che per qualche motivo saliva le scale di direzione, rimaneva ammaliato dalla moquette alta rosso sangue. Era così soffice e vellutata che goffamente cercava di camminare sui lati più estremi per il timore di lasciarci impronte indelebili. In quel piano si respirava un silenzio irreale, le segretarie erano gentili ed eleganti, i pomelli delle porte a vetri sempre lucidi e sulle stoffe gialle ocra delle pareti risaltavano i paesaggi di Thomas Gainsborough, un pittore inglese del settecento. Sperava in cuor suo che un giorno, non tanto lontano, anche lui sarebbe rientrato in quella ristretta cerchia di soci. Viveva l eventualità con gioia e terrore perché il passaggio di grado avrebbe necessariamente comportato il cambio di mansione. Considerava il suo attuale lavoro di estrema importanza ed era fermamente convinto che nessun altro collega avrebbe mai potuto sostituirlo. Tutti i lunedì alle ore dodici e trenta esatte e poi a cadenza di cinque minuti controllava il suo Orient da tasca. Solitamente passava quell ultima mezz ora riordinando le sue carte e lasciandosi andare a qualche telefonata privata. Il suo telefono a differenza di quello della Signorina Crawford era abilitato alle chiamate interurbane. Bell ne andava orgoglioso e alle volte rimarcava la cosa parlando a voce alta con sua sorella nello Yorkshire, ed altre dilettandosi a 6

7 conversare per buoni dieci minuti con la sua nipotina Maryl, ormai adolescente. Alle ore tredici in punto era già sulle scale. Per paura di contrattempi non prendeva mai l ascensore. Il pensiero di arrivare tardi gli accresceva l affanno e gli imperlava la fronte di sudore freddo. Ad ogni costo non avrebbe mai rinunciato all unico svago del lunedì. In strada evitava di camminare sui marciapiedi affollati cronometrando il percorso da un semaforo pedonale all altro in modo da trovarli sempre verdi. Conosceva a memoria ogni buca del tragitto che percorreva cadenzando i passi ed il respiro per arrivare puntuale alle tredici e zero otto davanti alla scuola. Ogni tanto s avvampava di terrore pensando cosa sarebbe accaduto se il direttore del College di St. Patrick avesse cambiato l orario di uscita, oppure, per qualche inconcepibile motivo a lui incomprensibile, le ragazze fossero uscite prima. Riusciva comunque a mantenere all apparenza il suo integerrimo equilibrio e la sua aria formale di uomo distinto indossando con fierezza il suo cappello grigio topo con valigetta di pelle sulla mano sinistra e due sterline strette nel pugno di quella destra. Quel lunedì si accorse di essere in leggero ritardo quando passò davanti alla latteria su Crown Road, ma il Signor Bell era un gentiluomo ed accarezzò ugualmente, senza fermarsi, la pelliccia bianca e folta del cane del Signor Lester. Per recuperare secondi non tirò fuori dalla tasca dell impermeabile la solita caramella alla menta e burro. Il muso del cane si increspò leggermente e lui evitò di guardarlo. Era troppo sensibile il Signor Bell, ma doveva assolutamente recuperare quella manciata di secondi. 7

8 Passò dritto. Attraversò CollinsHouse alle tredici e zero sei. Da lì già poteva intravedere le ampie arcate massicce della grossa costruzione ottocentesca del liceo femminile. Affrettò il passo, più per la contentezza che per quei secondi di ritardo. Le grosse auto nere degli autisti rigorosamente in divisa e berretto erano tutte parcheggiate ordinatamente dall altro lato della strada. I cancelli in ferro battuto del monumentale edificio erano ormai a pochi passi quando sentì il nitido suono della campanella interna che annunciava l uscita. Si rilassò. Tirò fuori il fazzoletto candido e si asciugò la fronte sudata sorprendendosi a strusciare lievemente le suole per sentire il dolce rumore della ghiaia. Prese posto in un angolo appartato del giardino a destra della grande statua equestre di Giorgio II e sopra una panchina di legno lungo la siepe d alloro. Da lì poteva ammirare le code colorate delle studentesse sfilacciate sul piazzale. Con le sterline strette nel pugno della mano destra aspettò. Lì tra qualche secondo sarebbero arrivate! Con un gesto spontaneo tolse il cappello e s attaccò i pochi capelli sulla testa. Eccole! Le vide sorridenti avvicinarsi vergognose e allo stesso tempo strafottenti. Adorava quell atteggiamento volatile tipico delle adolescenti. Questa volta erano in tre. Ma il numero non aveva importanza. Buongiorno Signor Bell! Lo salutarono in coro. Buongiorno care. Replicò soddisfatto. Con l aria fintamente paternalistica s informò se qualcuna di loro fosse stata interrogata. Aggiunse come al solito che lo studio era importante e che per nessuna ragione avrebbero dovuto trascurarlo. 8

9 Le ragazze risero. Ma non c era tempo per i convenevoli. Il Signor Bell aprì il pugno mostrando le sterline. Dalle tasche delle liceali spuntarono triangolini colorati. Si zittirono di colpo, in attesa della scelta. Lui ne constatò la morbidezza e l uso strofinandole leggermente tra il pollice e l indice, e avvicinandole poi con sofisticata discrezione al suo naso. Quello era il momento più delicato e difficile del lunedì. Ma, ancora una volta, le ragazze non avevano bleffato. In effetti quelle stoffe erano state magicamente usate da poco. Giurava di sentirne ancora il calore. Ma non era tutto. Come suo solito gli s imperlò la fronte di sudore. In pochi frammenti di secondi doveva considerare ogni cosa, il tessuto, il disegno, il colore, la leggerezza, le decorazioni, la forma, il merletto, il pizzo, l orlatura, la consistenza, le rifiniture, le applicazioni, lacci, fiocchetti, perline e piccoli ricami. Rise il Signor Bell ripensando alla prima volta, quando impacciato s era accontentato senza scegliere e poi era scappato via di corsa. Ma erano altri tempi! Ora era tutto diverso. Alle volte si allontanava qualche metro per non essere distolto da altri aromi, altre invece, nonostante le affinate esigenze, riusciva a decidere in pochi secondi. Di solito teneva gli occhi ben serrati, lasciando al tatto ed al naso l ultima parola. Le ragazze da sotto i cappellini, bianchi e rossi del college, aspettavano pazientemente. Il Signor Bell era un gentiluomo, mai le avrebbe messe in imbarazzo. Del resto per loro era soltanto una semplice innocua stravaganza da parte di un uomo di mezza età che tutto sommato pagava a caro prezzo. 9

10 Il Signor Bell si concentrò per sbrigare la faccenda il prima possibile. Tenendo in mano i tre trofei li annusò ancora una volta respirando tra l uno e l altro una boccata di aria pulita. In quel momento pensò a Molly e se avesse gradito, finché scelse senza più alcun dubbio la culla del suo piacere. Diede le due sterline alla prescelta salutandola discretamente. Restituì i due triangolini scartati alle altre accompagnandoli con un lieve buffetto sulle guance tristi. Ci sarebbe stata sicuramente un altra occasione! Una delle due ragazze tristi osò chiedere spiegazioni. Bell la guardò, aveva due stupendi occhioni blu e una cascata di capelli biondo soffice raccolti in fondo da un fermaglio a forma di farfalla. Era effettivamente la più graziosa. Bell sentì dentro di sé un lieve malessere di dispiacere, ma ormai aveva fatto la sua scelta e per nulla al mondo sarebbe tornato indietro. Con aria paternale le scompigliò i capelli spronandola per il lunedì successivo. Poco dopo s allontanò contento, questa volta, quasi volando sulla ghiaia e tenendo strette nel pugno sinistro le mutandine sporche della graziosa liceale. 10

11 Il Signor Bell 2 Martedì La Signora Livingstone Il Signor Bell era un gentiluomo, dopo pranzo si concedeva il meritato riposo seduto sulla poltrona davanti alla finestra in sala da pranzo. Finiva di leggere il suo giornale preferendo alle notizie politiche la pagina degli annunci economici. Aveva sempre avuto un ottimo fiuto per gli affari. Ricordava con piacere la volta, quando per poche centinaia di sterline, era riuscito a comprare una coppia di antiche etagere in stile Art-Nouveau o quando, tramite un rigattiere amico di suo padre, si era portato a casa per meno di mille sterline una ribalta in melo e sicomoro risalente all ultimo quarto del XVIII secolo e proveniente molto probabilmente dalla Francia meridionale. Ora era quasi impossibile trovare pezzi di antiquariato autentici, si lagnava spesso che il mercato di antichità era sempre più invaso da copie cinesi e falsi grossolani fatti in casa. Quasi sempre s appisolava reclinando la testa su un fianco e sua moglie amorevolmente accostava le tendine panna riponendo con cura il giornale sopra la sedia. Al pomeriggio non sognava quasi mai, preferiva la notte per concedere ad un sonno più lungo l eventualità mai remota d un discreto piacere. Tutti i giorni, tranne il sabato e la domenica, la Signora Bell lo svegliava alle quattro. Tutti i giorni alle quattro e un quarto andava a controllare la cassetta della posta. Ogni martedì generalmente riceveva notizie dalla Sweet & Word Inc. 11

12 Erano ormai dodici anni che collaborava con loro. Era il suo hobby preferito e consisteva nello scrivere brevi frasi d amore che facessero in qualche modo riferimento ad un bacio. Le più belle venivano poi stampate sulla stagnola di una nota marca di cioccolatini. Quel martedì il Signor Bell era particolarmente contento. Cacciò un urlo di gioia leggendo che la sua ultima frase era stata accettata: Nel fondo di ogni anima ci sono tesori nascosti che solo un bacio può scoprire. Era la seconda volta che succedeva nell arco di un mese. Due settimane prima era stata la volta di: Ogni grande amore comincia con un bacio. Chiamò sua moglie mentre ripassava per la terza volta la lettera di congratulazioni. Ketty, Ketty Lei intuì che dovevano esserci buone notizie. Poche volte era successo di sentirsi chiamare in quel modo visto che il suo nome era Catherine. Sulla porta di casa partecipò alla sua incontenibile gioia sorridendo sincera, anche se spesso si domandava da dove potesse uscire tutta quella dolcezza che, a suo dire, suo marito non aveva mai dimostrato in altre occasioni. L abbracciò più volte, addirittura stringendole i fianchi e saltellando su un piede, ma era una gioia effimera, in effetti il Signor Bell non riceveva alcun compenso da quella attività tranne naturalmente la soddisfazione di ricevere di tanto in tanto qualche scatola di cioccolatini in omaggio. Tutti i martedì alle cinque in punto il Signor Bell e signora suonavano alla porta della Signora Livingstone. La dirimpettaia li riceveva nel salotto con la teiera già fumante sopra il tavolo. 12

13 La Signora Bell naturalmente non si presentava mai a mani vuote, di solito, optava per una semplicissima torta di mele e ribes. Dopo i primi convenevoli la Signora Livingstone precedeva gli invitati fino alla sala da pranzo. Era un rito che durava da anni e nessuno dei tre dava cenni di stanchezza. S accomodarono attorno al tavolo quadrato in stile Regency di fronte ad un enorme specchio dorato che occupava l intera parete destra. Bell come al solito fu rapito dalle tante nature morte appese sulle pareti restanti. La Signora Livingstone, come ogni martedì, aveva preparato del pane da tè con mascarpone ed erba cipollina e piccoli sandwich farciti con formaggio cremoso, prosciutto piccante e salmone. Dopo il primo sorso di tè, la prima a prendere la parola era la padrona di casa che cercava di intrattenere gli ospiti parlando del più e del meno, sapendo benissimo che l interesse di Bell si accendeva esclusivamente sul gossip di quartiere. Signor Bell, oggi ho visto la Signora Pinball rincasare più presto. Saranno state le dodici, davvero un ora insolita! Indossava un vestito nuovo ed un ordinario paio di scarpe da pioggia Se gli altri tacevano si passava ad un altro argomento. Signora Livingstone, il Signor Murder stamane non ha portato il cane a spasso. Oddio che splendida creatura, dicono sia di razza. Signor Bell, purtroppo il Signor Murder ultimamente ha avuto dei gravi problemi di salute. Si è allettato da lunedì scorso. Per caso ho parlato con una sua vicina di casa. Sembra che durante la notte gli prendano dei forti attacchi di tosse secca. Il Dottor Lionel finora non si è pronunciato. Comunque 13

14 Signor Bell, mi spiace contraddirla ma il cane del Signor Murder non è per nulla di razza! In effetti Bell non si intendeva di razze di cani, ma vista la sua leggerissima permalosità passava immediatamente ad un altro argomento. Signora Livingstone, ho notato che i Mason non mandano più le loro figlie a scuola. Sapevamo tutti che andavano male e probabilmente avrebbero perso l anno, ma mi sembra alquanto stravagante questa decisione. Non le pare? Signor Bell, purtroppo i giovani d oggi hanno troppi grilli per la testa, e la scuola è diventato un luogo di divertimento per non dire di perdizione. Quindi sostengo la decisione di Peter Mason, un brav uomo! Fa tanti sacrifici per quelle due figlie. E così via dicendo finché il Signor Bell non chiedeva un altra tazza di tè. Oramai tra loro si era stabilita una certa confidenza e quindi potevano permettersi di riprendersi e contraddirsi, sempre all insegna di un estremo e cortesissimo garbo. La Signora Bell rimaneva fino alle cinque e trenta. Mai un minuto oltre. Alla seconda tazza bollente del Signor Bell, alzandosi in piedi si scusava con la Signora Livingstone per via dei molti impegni che ancora l attendevano a casa: la cena, la biancheria da stirare, la gabbia della merla da rigovernare. Quando la porta si chiudeva, per almeno un quart ora, i due tacevano. La Signora Livingstone s avvicinava alla finestra, scostava leggermente le tendine di San Gallo per accertarsi che nessun occhio indiscreto fosse nei dintorni. Ora più tranquilla chiudeva gli occhi in segno di assenso e s accomodava sulla 14

15 poltrona accanto al caminetto, non prima di aver indossato un finissimo paio di guanti neri trasparenti. Quegli istanti erano il momento più bello di tutta la settimana e per compiacersi tirava un grosso sospiro di sollievo attendendo pazientemente il momento che l ospite gradito ultimasse la sua seconda tazza di tè. Era quello il segnale! La Signora Livingstone apriva il giornale alla pagina delle parole crociate a schema libero. Nonostante s impegnasse per tutta la settimana difficilmente riusciva a completarle. Insieme a Bell rileggeva le ultime definizioni non ancora risolte e così facendo alzava leggermente la gonna. Oramai erano gesti usuali, nessuno dei due mostrava eccessivo disagio o smisurato entusiasmo. Da quel momento in poi il Signor Bell non le staccava più gli occhi di dosso, rispondeva pazientemente alle domande informandosi ogni volta sulla lunghezza della parola ed eventualmente sulle lettere già inserite. Tutto questo, naturalmente, seguendo centimetro per centimetro quell invisibile movimento in salita della gonna della sensualissima signora. La Signora Livingstone vestiva sobria, mai un eccesso di stravaganza aveva contraddistinto la sua silhouette. I capelli biondo cenere che sfioravano leggermente le spalle le davano gli anni che aveva. Erano quasi coetanei. Si conoscevano da tempo, ma tra loro non c era stato mai nulla di tenero, come del resto ora, uno davanti all altra separati da una teiera ancora fumante, divisi dal garbo e dalla creanza che li caratterizzava. La padrona di casa andava fiera della sua bellissima teiera antica in argento sterling e con il manico in legno di ebano. Ogni volta per farla notare al Signor Bell declamava l aroma 15

16 del tè sostenendo che era tutto merito di quella teiera con i punzoni della città di Birmingham ed un beccuccio smerlettato abbellito da una foglia stilizzata. La prego Signor Bell, gradisca un altra tazza di tè ed una fetta di torta. Era brava la Signora Bell a preparare torte di mele e ribes, come altrettanto lo era la Signora Livingstone a stirare la camicetta di seta a pieghe e volant che mostrava orgogliosa mentre la mano sinistra accompagnava senza strappi il movimento leggero della gonna. Il Signor Bell la guardava, sapeva che non era bella, sapeva che null altro l avrebbe attratto di lei se non quel leggero movimento continuo, quel fruscio di stoffa di gonna che s alzava al contatto di calze di seta e che nessuna donna avrebbe avuto la grazia di indossare. Il Signor Bell se ne intendeva, lui che ogni mattina si recava in città, giurava solitamente di non averle mai viste indosso ad altre gambe. La Signora Livingstone ne andava fiera. Da sette anni dalla morte del suo povero marito delegava alle sole mani i suoi momenti di intimità. Non era bella la Signora Livingstone, ma su quella poltrona sedeva come una regina. Di famiglia molto benestante aveva sposato all età di 27 anni un ufficiale di Marina. Suo marito, dopo qualche settimana dal matrimonio, in circostanze mai chiarite, durante un operazione di addestramento lungo le coste islandesi, subì un incidente piuttosto serio che gli tolse l uso delle gambe ed altro. 16

17 Dopo un lungo decorso fu congedato, ma non si riprese mai. Passò gli ultimi anni rintanato in casa, senza mai mettere il naso di fuori. Chiaramente i coniugi Livingstone non ebbero figli. Ebbene dal giorno di quel tragico incidente la Signora Livingstone non aveva più ricevuto ogni sorta di attenzione. Il Signor Bell, che era un gentiluomo, aveva saputo quelle notizie, alquanto riservate, per sentito dire e non ne aveva mai parlato con la diretta interessata. Neppure in questi momenti di forte intimità, osava chiederle come aveva potuto resistere tanti anni. Ma si rendeva conto che era una domanda troppo difficile e sinceramente non avrebbe saputo da dove iniziare. Doveva però ammettere che in tutti questi anni di vicinato non c era mai stato il minimo pettegolezzo nei confronti della Signora Livingstone. Per questo l apprezzava e rispettava il suo rigore morale. Onestamente avrebbe voluto metterla al corrente delle sue considerazioni, e, soprattutto, saziare la sua curiosità di uomo adulto. Come può una donna resistere per tanti anni? E come mai ancora oggi, dopo una così lunga vedovanza, non sentiva l istinto di approfondire carnalmente l argomento? Questo pensava Bell mentre la osservava, ma avendo i minuti contati, si ripromise di cogliere un altra occasione. In effetti non potevano restare ancora a lungo, almeno non oltre un tempo considerato lecito per una terza tazza di tè e per completare lo schema libero. Lui la guardava senza mai sbattere le palpebre, senza mai un gemito d approvazione o un respiro più pesante, la guardava come se davvero ci fosse il solo interesse di finire le parole 17

18 crociate o se le stesse raccontando l ennesimo pettegolezzo sulla moglie del Signor Harris. Il Signor Bell, che era un gentiluomo, adorava la Signora Harris ed alle volte una punta di pensiero trasgressivo in quella situazione con la Signora Livingstone lì di fronte, non era poi tanto male. La Signora Harris era una donna a dir poco affascinante, ma era considerata da tutti troppo frivola per il modo di camminare, l uso dei colori nel vestirsi e soprattutto per le frequenti permanenze in città. A differenza delle altre donne del quartiere indossava sempre cappellini eccessivi dalle tinte forti e fuori dal comune. Il Signor Bell ogni martedì tra una parola crociata ed un morso alla torta di mele si riprometteva di seguirla, almeno per scovare il negozio dove si riforniva di quei cappellini sgargianti. Sognava di prendere l autobus insieme a lei e magari di concederle il suo posto per poterla ammirare più da vicino, ma al momento si accontentava di vederla passare quando rincasava. Ora però non voleva distrarsi totalmente e si concentrò su quelle ultime definizioni che considerava insolitamente più difficili e soprattutto su quell impercettibile movimento della mano che ad arte saliva senza mai arrivare. Il casato di Giorgio III. La prima lettera è un acca. Disse la Signora Livingstone cercando di aiutarlo. Hannover. Rispose soddisfatto Bell, tirando un respiro di sollievo. Armadio francese. Il Signor Bell non ebbe dubbi. Armoire! Disse sorridendo. Aveva seguito in gioventù un corso accelerato di 18

19 francese e si vantava di conoscere almeno un migliaio di termini tra i più conosciuti. Tutti e due sapevano già quale sarebbe stata la fine. C erano volute parecchie settimane per acquistare quella sintonia, per essere reciprocamente soddisfatti senza risentimenti, parecchie ore per affinare i propri gusti. Il Signor Bell riteneva intollerabile andare oltre il punto stabilito, la Signora Livingstone un disonore eccedere alla stravaganza d essere ancora più ammirata. Signora Livingstone oggi la vedo più attraente. Ogni martedì ripeteva la stessa frase nel momento esatto in cui lei riponeva il giornale e la gonna arrivava al primo bordo più chiaro della calza color carne. Di pronta risposta la Signora Livingstone accavallava addirittura le gambe poggiando tutte e due le mani inguainate dal pizzo nero sulle pieghe della gonna. Quando l orologio sulla porta dell ingresso batteva le sei la gonna della Signora Livingstone aveva completato il tragitto. Il Signor Bell che era un gentiluomo s intratteneva ancora qualche secondo ad estasiarsi di quel contrasto tra il nero dei guanti e la trama chiara della calza, intuendo lo spicchio di pelle impercettibile tra il bordo e l orlo della gonna, che mai e poi mai avrebbe voluto vedere interamente nudo. Considerava questo momento il più intenso di tutti i martedì, soprattutto perché da vero trasgressore rubava una manciata di minuti dopo lo scoccare dell ora lecita sfidando, in un tacito consenso, gli occhi del quartiere da dietro le tendine. Alle sei e zero cinque si esauriva anche il tempo complice. La Signora Livingstone estasiata da tutta quella 19

20 attenzione s alzava discreta mentre il Signor Bell, che era un gentiluomo, guadagnava la porta aspettando il regalo pattuito. Passavano secondi indimenticabili fino a quando la Signora Livingstone, tornata in ingresso, gli porgeva una bustina di carta con la marca di John Smedley Lt, un antica merceria di Londra in Regent Street. Lui maneggiava la bustina per accettarsi che contenesse quei bellissimi guanti di pizzo nero, che fino a poco prima erano stati il simbolo della loro trasgressione, magicamente in contrasto con la seta color carne. Era soddisfatto il Signor Bell, mai e poi mai avrebbe potuto rinunciare a quel regalo. Buonasera Signor Bell. Grazie per l aiuto. Senza di lei non sarei mai riuscita a finire le parole crociate. Questa settimana erano davvero difficili A voce alta in modo che chiunque fosse passato poteva ascoltare nitidamente il saluto formale. Buonasera Signora Livingstone. Grazie a lei per lo spassoso passatempo Rispondeva lui non prima di aver nascosto nella tasca sinistra la preziosa bustina e di aver salutato l affascinante ospite con un impercettibile inchino. 20

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe.

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe. Semplificazione e facilitazione di un testo di antologia Destinatari: alunni stranieri di classe prima Livello linguistico A 1 (semplificato) - B 1 (facilitato). Obiettivo generale: Leggere e comprendere

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Il ronzio del neon. Accanto a lei, ed unica presenza nella saletta oltre lei, un uomo dal quale sta aspettando una risposta.

Il ronzio del neon. Accanto a lei, ed unica presenza nella saletta oltre lei, un uomo dal quale sta aspettando una risposta. Il ronzio del neon Vuole? Un caschetto di capelli rossi incornicia un volto pallido, leggermente truccato nei toni del marrone, un paio di occhi chiari illuminano il viso dandole un età indefinita. Porge

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

Marco Cassardo Un uomo allegro. Romanzo

Marco Cassardo Un uomo allegro. Romanzo Marco Cassardo Un uomo allegro Romanzo capitolo i Il giorno del suo quarantottesimo compleanno, Giorgio Boe si svegliò con una fitta al testicolo destro. Abbassò la mano e iniziò a tastare, prima lentamente,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega)

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) Quando suona la campanella rivista online. http://www.quandosuonalacampanella.it/ IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) di Enrico Roversi E il 1996. Io Sono un giovane precario della

Dettagli

Il sogno dentro il sogno. di Alessia Franco

Il sogno dentro il sogno. di Alessia Franco Il sogno dentro il sogno di Alessia Franco 1 Ho sognato di sognare. Ho sognato che il mio sogno era la realtà e che la mia realtà era solo un sogno. Ho sognato di sognare che, terminato il mio lavoro,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Adam s Story. Aurora Farli

Adam s Story. Aurora Farli Adam s Story Aurora Farli 31 Passo dopo passo Adam camminava con un espressione tormentata, camminava lentamente con lo sguardo basso e vuoto, quasi assente, senza osservare il paesaggio londinese intorno

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore YOEL Si chiama Yoel. Ha sei anni, ne fa sette il 24 Luglio. E un leone, e la mamma gli dice sempre che il suo segno zodiacale rispecchia la sua anima. Lui non lo sa cosa vuol dire segno zodiacale ma il

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Un dollaro e ottantasette centesimi.

Un dollaro e ottantasette centesimi. Un dollaro e ottantasette centesimi. ERA TUTTO. E sessanta centesimi erano in pennies. Pennies risparmiati uno o due alla volta, contendendoli al droghiere e al fruttivendolo e al macellaio, finché, di

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO F R A S A R I O BIELORUSSO Note di pronuncia: zh (scritto g ) = sgj dolce, come j di jardin ) sc(i) = sci dolce di scialle sc(e) = sce dolce di pesce k = c di casa z = s di naso c = c di pace kh = ch aspirata

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza

Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza Con un profumo inconfondibile di lago, il Sebino in una giornata quasi primaverile di fine febbraio, giusto il 29 di un anno bisestile, la terza occasione del secolo, su una panchina nei giardini pubblici

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli