Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali"

Transcript

1 Il Signor Bell 1 Lunedì Le liceali Era un gentiluomo il Signor Bell, vestito di grigio dai piedi ai capelli, quei pochi fedeli che a stento coprivano il riflesso accecante del primo accenno di sole. Aveva ormai quarant anni e alla vita non chiedeva altro che lievi emozioni consumate in solitudine come il risentimento di una carriera mancata. Era un gentiluomo il Signor Bell. Ogni mattina s alzava alle sette, puliva la gabbia della merla e portava il caffè a sua moglie Catherine. La salutava con un bacio leggero tra la fronte e l attaccatura dei capelli per non svegliarla del tutto. In bagno rimaneva il tempo necessario per una doccia, i denti e la barba oltre naturalmente a quei cinque minuti di orologio che passava leggendo le etichette dei detersivi sulla mensola della finestra. Prima di uscire passava in cucina, apriva le tapparelle per inebriarsi del primo raggio di luce, alle volte grigiastro, alle volte più scuro, mai comunque del colore del sole. Ma Bell si accontentava e sorridente prendeva il suo panino incartato con la stagnola, preparato con cura dalla moglie la sera precedente. Era troppo curioso il Signor Bell e prima di riporlo dentro la cartella di pelle marrone dava un occhiata al contenuto. A volte fettine sottilissime di tacchino farcite di olive e capperi, altre pancetta affumicata sempre e comunque guarnita di maionese e uova, quelle grandi con il tuorlo rosso che Miss 1

2 Renagade teneva nel retro bottega e riservava ai clienti migliori. Soddisfatto chiudeva alle sue spalle la porta a vetri senza fare il minimo rumore. Le previsioni del tempo non l avevano mai tradito: impermeabile, giacca, soprabito per ogni evenienza. Durante il tragitto a piedi fino alla fermata del pullman cercava di indovinare, dietro la solita coltre di nebbia, quanto tempo l ombrello nero sarebbe rimasto appeso al suo braccio. Andava fiero del suo Hanway di osso e bacchette d acciaio che aveva acquistato circa un decennio prima da Samuel Fox and Sons ed ora, nonostante gli anni, era ancora perfettamente funzionante. Prendeva l autobus per Collington alle sette e quarantacinque. Era gentile il Signor Bell, mai una volta che avesse perso l autobus, mai una volta che avesse finito la corsa seduto. Come tutte le mattine alla quarta di Richmond Square, il quartiere abitato da operai e immigrati, l autobus si popolava ed il vociare alto non andava oltre la politica, il tempo, e lo sport. Il Signor Bell, pur essendo molto ferrato sugli argomenti, rimaneva in disparte senza prendere mai la parola e gustandosi altre distrazioni. Scrutava tra la folla delle gambe quelle più avvenenti e con ampi gesti invitava la signora di turno ad occupare il suo posto. Una scusa come tante per sbirciarle le gambe e farsi un opinione in generale sulla prescelta. Bella o brutta non aveva importanza se poteva apprezzare da così vicino la trama della calza, le pieghette impercettibili di 2

3 una fibra velata. Da un attenta osservazione di quella calza giocava ad indovinare la condizione economica, lo stato civile, in certi casi la professione e via via la classe e il fascino della sua preda. Risalendo una calza grezza sapeva già di trovarci dei vestiti ordinari e dei cappelli sciatti, nonché un viso non curato, senza trucco, a volte olivastro e senza cappello. Difficilmente si era sbagliato. Ma era gentile il Signor Bell, mai e poi mai avrebbe importunato quelle donne, mai e poi mai un sospiro più forte l avrebbe tradito. Finiva la corsa incastrato tra la parete di vetro dell autista e la bombola dell antincendio in modo tale da non toccare per nessuna ragione i sostegni di ferro. Maniaco della pulizia lottava ogni giorno strenuamente per passare indenne le buche di Wiston Street che per chissà quale ragione il Dipartimento Municipale addetto non si decideva a ricoprire. Aveva già inviato due raccomandate di protesta, regolarmente ricevute dall ufficio compente, ma finora non aveva avuto alcuna risposta. Aveva anche provato tramite telefono ed un addetta estremamente gentile le aveva assicurato che i lavori di manutenzione e sistemazione del manto stradale erano già stati programmati. Davanti a quella voce di grazia e femminilità il Signor Bell decise di pazientare. Come ogni mattina scendeva alla terza di Bondon Street davanti al chiosco di fiori e vicino all edicola dove acquistava il suo giornale. Leggeva avidamente le ultime dello sport e la pagina dell oroscopo tralasciando tutto il resto. Era gentile il Signor Bell, ogni mattina s attardava a parlare di calcio con il commesso dell ufficio di fronte. Nonostante lo considerasse di livello molto inferiore riusciva 3

4 comunque ad accalorarsi imponendo le sue idee sulle tecniche ed i moduli del calcio moderno. La sua squadra militava nella seconda divisione e neanche quest anno sarebbe passata di categoria. Era fortemente convinto che la causa principale fosse stata il cambio dell allenatore e soprattutto l acquisto di Paco Junior, un giovane attaccante argentino, che aveva disatteso le aspettative. Troppo lento e tecnicamente scarso, avevo un buon tiro ma difficilmente riusciva a smarcarsi. Domenica era in programma il derby ed era fortemente preoccupato. Questo era il suo cruccio maggiore. Entrava nel suo ufficio alle otto e trenta, mai qualche minuto prima, perché s inibiva a guardare la Signorina Crawford intenta a truccarsi prima dell orario di lavoro. Odiava questa mania quasi comune a tutte le sue colleghe. Non riusciva a capire come in quei minuscoli specchietti impolverati di cipria si potesse generare bellezza. La sua scrivania, seminascosta da una grande fioriera di aspidistra e piante grasse, era in fondo alla stanza davanti alla finestra che dava sul cortile interno. Gli seccava dover percorrere ogni volta quei cinque metri passando davanti alla Signorina Crawford. Buongiorno Signor Bell. Lei raggiante. Buongiorno Signorina Crawford. Lui a mezza bocca guardando il pavimento di piastrelle bianche e marroni. Si sentiva gli occhi addosso, scrutato da capo a piedi. Non aveva nessun interesse verso quella donna che conosceva da circa vent anni. Per così dire non era una signora avvenente, mai una volta un sogno l aveva sorpreso a pensarla, 4

5 mai un gioco di parole l aveva indotto a riconsiderare la sua opinione. Lei non si era mai sposata o meglio nessuno mai, per quanto di sua conoscenza, aveva chiesto la sua mano. Forse per via del suo alito cattivo, la mattina particolarmente forte, o forse per quel neo vistoso sulla guancia sinistra che invano cercava di coprire. La Signorina Crawford, nonostante avesse da tempo superato i quarant anni, viveva ancora con sua madre, ma essendo un inguaribile ottimista era certa che un giorno non molto distante avrebbe avuto una casa propria. Naturalmente con gli anni aveva cambiato i suoi desideri. Ora non pensava più ad avere un figlio ad ogni costo, ma sicuramente un uomo onesto per spartirci una casetta adiacente a quella di sua madre. La Signorina Crawford era una dattilografa diplomata, aveva il compito di battere lettere, controllare i resoconti mensili, rispondere alle telefonate e di riordinare gli archivi. Era sempre a dieta nonostante il suo seno abbondante. Per ingannare la fame trascorreva la mezz ora di pausa lavorando a maglia. Non era brava nel lavoro e neppure nell uncinetto. Secondo il Signor Bell non brillava nemmeno di una spiccata intelligenza, ma doveva ammettere che era ligia nelle mansioni. Il Signor Bell era ragioniere diplomato e si considerava di più alta estrazione sociale. Era convinto che con le segretarie occorresse mantenere un certo distacco, dandole necessariamente del voi. Era un uomo gentile, ma il panino preparato da sua moglie lo consumava in bagno, appunto per non scambiare confidenze eccessive con la collega. 5

6 Nel lavoro era molto ordinato, preparava a mano i resoconti mensili di spesa per i maggiori soci della compagnia. Si vantava di fare tutti i conti a mente, di rado usava carta e penna e mai la sua calcolatrice IBM che preferiva lasciarla in bella mostra sulla sua scrivania coperta da una fodera nera di tela grezza. Ogni volta che per qualche motivo saliva le scale di direzione, rimaneva ammaliato dalla moquette alta rosso sangue. Era così soffice e vellutata che goffamente cercava di camminare sui lati più estremi per il timore di lasciarci impronte indelebili. In quel piano si respirava un silenzio irreale, le segretarie erano gentili ed eleganti, i pomelli delle porte a vetri sempre lucidi e sulle stoffe gialle ocra delle pareti risaltavano i paesaggi di Thomas Gainsborough, un pittore inglese del settecento. Sperava in cuor suo che un giorno, non tanto lontano, anche lui sarebbe rientrato in quella ristretta cerchia di soci. Viveva l eventualità con gioia e terrore perché il passaggio di grado avrebbe necessariamente comportato il cambio di mansione. Considerava il suo attuale lavoro di estrema importanza ed era fermamente convinto che nessun altro collega avrebbe mai potuto sostituirlo. Tutti i lunedì alle ore dodici e trenta esatte e poi a cadenza di cinque minuti controllava il suo Orient da tasca. Solitamente passava quell ultima mezz ora riordinando le sue carte e lasciandosi andare a qualche telefonata privata. Il suo telefono a differenza di quello della Signorina Crawford era abilitato alle chiamate interurbane. Bell ne andava orgoglioso e alle volte rimarcava la cosa parlando a voce alta con sua sorella nello Yorkshire, ed altre dilettandosi a 6

7 conversare per buoni dieci minuti con la sua nipotina Maryl, ormai adolescente. Alle ore tredici in punto era già sulle scale. Per paura di contrattempi non prendeva mai l ascensore. Il pensiero di arrivare tardi gli accresceva l affanno e gli imperlava la fronte di sudore freddo. Ad ogni costo non avrebbe mai rinunciato all unico svago del lunedì. In strada evitava di camminare sui marciapiedi affollati cronometrando il percorso da un semaforo pedonale all altro in modo da trovarli sempre verdi. Conosceva a memoria ogni buca del tragitto che percorreva cadenzando i passi ed il respiro per arrivare puntuale alle tredici e zero otto davanti alla scuola. Ogni tanto s avvampava di terrore pensando cosa sarebbe accaduto se il direttore del College di St. Patrick avesse cambiato l orario di uscita, oppure, per qualche inconcepibile motivo a lui incomprensibile, le ragazze fossero uscite prima. Riusciva comunque a mantenere all apparenza il suo integerrimo equilibrio e la sua aria formale di uomo distinto indossando con fierezza il suo cappello grigio topo con valigetta di pelle sulla mano sinistra e due sterline strette nel pugno di quella destra. Quel lunedì si accorse di essere in leggero ritardo quando passò davanti alla latteria su Crown Road, ma il Signor Bell era un gentiluomo ed accarezzò ugualmente, senza fermarsi, la pelliccia bianca e folta del cane del Signor Lester. Per recuperare secondi non tirò fuori dalla tasca dell impermeabile la solita caramella alla menta e burro. Il muso del cane si increspò leggermente e lui evitò di guardarlo. Era troppo sensibile il Signor Bell, ma doveva assolutamente recuperare quella manciata di secondi. 7

8 Passò dritto. Attraversò CollinsHouse alle tredici e zero sei. Da lì già poteva intravedere le ampie arcate massicce della grossa costruzione ottocentesca del liceo femminile. Affrettò il passo, più per la contentezza che per quei secondi di ritardo. Le grosse auto nere degli autisti rigorosamente in divisa e berretto erano tutte parcheggiate ordinatamente dall altro lato della strada. I cancelli in ferro battuto del monumentale edificio erano ormai a pochi passi quando sentì il nitido suono della campanella interna che annunciava l uscita. Si rilassò. Tirò fuori il fazzoletto candido e si asciugò la fronte sudata sorprendendosi a strusciare lievemente le suole per sentire il dolce rumore della ghiaia. Prese posto in un angolo appartato del giardino a destra della grande statua equestre di Giorgio II e sopra una panchina di legno lungo la siepe d alloro. Da lì poteva ammirare le code colorate delle studentesse sfilacciate sul piazzale. Con le sterline strette nel pugno della mano destra aspettò. Lì tra qualche secondo sarebbero arrivate! Con un gesto spontaneo tolse il cappello e s attaccò i pochi capelli sulla testa. Eccole! Le vide sorridenti avvicinarsi vergognose e allo stesso tempo strafottenti. Adorava quell atteggiamento volatile tipico delle adolescenti. Questa volta erano in tre. Ma il numero non aveva importanza. Buongiorno Signor Bell! Lo salutarono in coro. Buongiorno care. Replicò soddisfatto. Con l aria fintamente paternalistica s informò se qualcuna di loro fosse stata interrogata. Aggiunse come al solito che lo studio era importante e che per nessuna ragione avrebbero dovuto trascurarlo. 8

9 Le ragazze risero. Ma non c era tempo per i convenevoli. Il Signor Bell aprì il pugno mostrando le sterline. Dalle tasche delle liceali spuntarono triangolini colorati. Si zittirono di colpo, in attesa della scelta. Lui ne constatò la morbidezza e l uso strofinandole leggermente tra il pollice e l indice, e avvicinandole poi con sofisticata discrezione al suo naso. Quello era il momento più delicato e difficile del lunedì. Ma, ancora una volta, le ragazze non avevano bleffato. In effetti quelle stoffe erano state magicamente usate da poco. Giurava di sentirne ancora il calore. Ma non era tutto. Come suo solito gli s imperlò la fronte di sudore. In pochi frammenti di secondi doveva considerare ogni cosa, il tessuto, il disegno, il colore, la leggerezza, le decorazioni, la forma, il merletto, il pizzo, l orlatura, la consistenza, le rifiniture, le applicazioni, lacci, fiocchetti, perline e piccoli ricami. Rise il Signor Bell ripensando alla prima volta, quando impacciato s era accontentato senza scegliere e poi era scappato via di corsa. Ma erano altri tempi! Ora era tutto diverso. Alle volte si allontanava qualche metro per non essere distolto da altri aromi, altre invece, nonostante le affinate esigenze, riusciva a decidere in pochi secondi. Di solito teneva gli occhi ben serrati, lasciando al tatto ed al naso l ultima parola. Le ragazze da sotto i cappellini, bianchi e rossi del college, aspettavano pazientemente. Il Signor Bell era un gentiluomo, mai le avrebbe messe in imbarazzo. Del resto per loro era soltanto una semplice innocua stravaganza da parte di un uomo di mezza età che tutto sommato pagava a caro prezzo. 9

10 Il Signor Bell si concentrò per sbrigare la faccenda il prima possibile. Tenendo in mano i tre trofei li annusò ancora una volta respirando tra l uno e l altro una boccata di aria pulita. In quel momento pensò a Molly e se avesse gradito, finché scelse senza più alcun dubbio la culla del suo piacere. Diede le due sterline alla prescelta salutandola discretamente. Restituì i due triangolini scartati alle altre accompagnandoli con un lieve buffetto sulle guance tristi. Ci sarebbe stata sicuramente un altra occasione! Una delle due ragazze tristi osò chiedere spiegazioni. Bell la guardò, aveva due stupendi occhioni blu e una cascata di capelli biondo soffice raccolti in fondo da un fermaglio a forma di farfalla. Era effettivamente la più graziosa. Bell sentì dentro di sé un lieve malessere di dispiacere, ma ormai aveva fatto la sua scelta e per nulla al mondo sarebbe tornato indietro. Con aria paternale le scompigliò i capelli spronandola per il lunedì successivo. Poco dopo s allontanò contento, questa volta, quasi volando sulla ghiaia e tenendo strette nel pugno sinistro le mutandine sporche della graziosa liceale. 10

11 Il Signor Bell 2 Martedì La Signora Livingstone Il Signor Bell era un gentiluomo, dopo pranzo si concedeva il meritato riposo seduto sulla poltrona davanti alla finestra in sala da pranzo. Finiva di leggere il suo giornale preferendo alle notizie politiche la pagina degli annunci economici. Aveva sempre avuto un ottimo fiuto per gli affari. Ricordava con piacere la volta, quando per poche centinaia di sterline, era riuscito a comprare una coppia di antiche etagere in stile Art-Nouveau o quando, tramite un rigattiere amico di suo padre, si era portato a casa per meno di mille sterline una ribalta in melo e sicomoro risalente all ultimo quarto del XVIII secolo e proveniente molto probabilmente dalla Francia meridionale. Ora era quasi impossibile trovare pezzi di antiquariato autentici, si lagnava spesso che il mercato di antichità era sempre più invaso da copie cinesi e falsi grossolani fatti in casa. Quasi sempre s appisolava reclinando la testa su un fianco e sua moglie amorevolmente accostava le tendine panna riponendo con cura il giornale sopra la sedia. Al pomeriggio non sognava quasi mai, preferiva la notte per concedere ad un sonno più lungo l eventualità mai remota d un discreto piacere. Tutti i giorni, tranne il sabato e la domenica, la Signora Bell lo svegliava alle quattro. Tutti i giorni alle quattro e un quarto andava a controllare la cassetta della posta. Ogni martedì generalmente riceveva notizie dalla Sweet & Word Inc. 11

12 Erano ormai dodici anni che collaborava con loro. Era il suo hobby preferito e consisteva nello scrivere brevi frasi d amore che facessero in qualche modo riferimento ad un bacio. Le più belle venivano poi stampate sulla stagnola di una nota marca di cioccolatini. Quel martedì il Signor Bell era particolarmente contento. Cacciò un urlo di gioia leggendo che la sua ultima frase era stata accettata: Nel fondo di ogni anima ci sono tesori nascosti che solo un bacio può scoprire. Era la seconda volta che succedeva nell arco di un mese. Due settimane prima era stata la volta di: Ogni grande amore comincia con un bacio. Chiamò sua moglie mentre ripassava per la terza volta la lettera di congratulazioni. Ketty, Ketty Lei intuì che dovevano esserci buone notizie. Poche volte era successo di sentirsi chiamare in quel modo visto che il suo nome era Catherine. Sulla porta di casa partecipò alla sua incontenibile gioia sorridendo sincera, anche se spesso si domandava da dove potesse uscire tutta quella dolcezza che, a suo dire, suo marito non aveva mai dimostrato in altre occasioni. L abbracciò più volte, addirittura stringendole i fianchi e saltellando su un piede, ma era una gioia effimera, in effetti il Signor Bell non riceveva alcun compenso da quella attività tranne naturalmente la soddisfazione di ricevere di tanto in tanto qualche scatola di cioccolatini in omaggio. Tutti i martedì alle cinque in punto il Signor Bell e signora suonavano alla porta della Signora Livingstone. La dirimpettaia li riceveva nel salotto con la teiera già fumante sopra il tavolo. 12

13 La Signora Bell naturalmente non si presentava mai a mani vuote, di solito, optava per una semplicissima torta di mele e ribes. Dopo i primi convenevoli la Signora Livingstone precedeva gli invitati fino alla sala da pranzo. Era un rito che durava da anni e nessuno dei tre dava cenni di stanchezza. S accomodarono attorno al tavolo quadrato in stile Regency di fronte ad un enorme specchio dorato che occupava l intera parete destra. Bell come al solito fu rapito dalle tante nature morte appese sulle pareti restanti. La Signora Livingstone, come ogni martedì, aveva preparato del pane da tè con mascarpone ed erba cipollina e piccoli sandwich farciti con formaggio cremoso, prosciutto piccante e salmone. Dopo il primo sorso di tè, la prima a prendere la parola era la padrona di casa che cercava di intrattenere gli ospiti parlando del più e del meno, sapendo benissimo che l interesse di Bell si accendeva esclusivamente sul gossip di quartiere. Signor Bell, oggi ho visto la Signora Pinball rincasare più presto. Saranno state le dodici, davvero un ora insolita! Indossava un vestito nuovo ed un ordinario paio di scarpe da pioggia Se gli altri tacevano si passava ad un altro argomento. Signora Livingstone, il Signor Murder stamane non ha portato il cane a spasso. Oddio che splendida creatura, dicono sia di razza. Signor Bell, purtroppo il Signor Murder ultimamente ha avuto dei gravi problemi di salute. Si è allettato da lunedì scorso. Per caso ho parlato con una sua vicina di casa. Sembra che durante la notte gli prendano dei forti attacchi di tosse secca. Il Dottor Lionel finora non si è pronunciato. Comunque 13

14 Signor Bell, mi spiace contraddirla ma il cane del Signor Murder non è per nulla di razza! In effetti Bell non si intendeva di razze di cani, ma vista la sua leggerissima permalosità passava immediatamente ad un altro argomento. Signora Livingstone, ho notato che i Mason non mandano più le loro figlie a scuola. Sapevamo tutti che andavano male e probabilmente avrebbero perso l anno, ma mi sembra alquanto stravagante questa decisione. Non le pare? Signor Bell, purtroppo i giovani d oggi hanno troppi grilli per la testa, e la scuola è diventato un luogo di divertimento per non dire di perdizione. Quindi sostengo la decisione di Peter Mason, un brav uomo! Fa tanti sacrifici per quelle due figlie. E così via dicendo finché il Signor Bell non chiedeva un altra tazza di tè. Oramai tra loro si era stabilita una certa confidenza e quindi potevano permettersi di riprendersi e contraddirsi, sempre all insegna di un estremo e cortesissimo garbo. La Signora Bell rimaneva fino alle cinque e trenta. Mai un minuto oltre. Alla seconda tazza bollente del Signor Bell, alzandosi in piedi si scusava con la Signora Livingstone per via dei molti impegni che ancora l attendevano a casa: la cena, la biancheria da stirare, la gabbia della merla da rigovernare. Quando la porta si chiudeva, per almeno un quart ora, i due tacevano. La Signora Livingstone s avvicinava alla finestra, scostava leggermente le tendine di San Gallo per accertarsi che nessun occhio indiscreto fosse nei dintorni. Ora più tranquilla chiudeva gli occhi in segno di assenso e s accomodava sulla 14

15 poltrona accanto al caminetto, non prima di aver indossato un finissimo paio di guanti neri trasparenti. Quegli istanti erano il momento più bello di tutta la settimana e per compiacersi tirava un grosso sospiro di sollievo attendendo pazientemente il momento che l ospite gradito ultimasse la sua seconda tazza di tè. Era quello il segnale! La Signora Livingstone apriva il giornale alla pagina delle parole crociate a schema libero. Nonostante s impegnasse per tutta la settimana difficilmente riusciva a completarle. Insieme a Bell rileggeva le ultime definizioni non ancora risolte e così facendo alzava leggermente la gonna. Oramai erano gesti usuali, nessuno dei due mostrava eccessivo disagio o smisurato entusiasmo. Da quel momento in poi il Signor Bell non le staccava più gli occhi di dosso, rispondeva pazientemente alle domande informandosi ogni volta sulla lunghezza della parola ed eventualmente sulle lettere già inserite. Tutto questo, naturalmente, seguendo centimetro per centimetro quell invisibile movimento in salita della gonna della sensualissima signora. La Signora Livingstone vestiva sobria, mai un eccesso di stravaganza aveva contraddistinto la sua silhouette. I capelli biondo cenere che sfioravano leggermente le spalle le davano gli anni che aveva. Erano quasi coetanei. Si conoscevano da tempo, ma tra loro non c era stato mai nulla di tenero, come del resto ora, uno davanti all altra separati da una teiera ancora fumante, divisi dal garbo e dalla creanza che li caratterizzava. La padrona di casa andava fiera della sua bellissima teiera antica in argento sterling e con il manico in legno di ebano. Ogni volta per farla notare al Signor Bell declamava l aroma 15

16 del tè sostenendo che era tutto merito di quella teiera con i punzoni della città di Birmingham ed un beccuccio smerlettato abbellito da una foglia stilizzata. La prego Signor Bell, gradisca un altra tazza di tè ed una fetta di torta. Era brava la Signora Bell a preparare torte di mele e ribes, come altrettanto lo era la Signora Livingstone a stirare la camicetta di seta a pieghe e volant che mostrava orgogliosa mentre la mano sinistra accompagnava senza strappi il movimento leggero della gonna. Il Signor Bell la guardava, sapeva che non era bella, sapeva che null altro l avrebbe attratto di lei se non quel leggero movimento continuo, quel fruscio di stoffa di gonna che s alzava al contatto di calze di seta e che nessuna donna avrebbe avuto la grazia di indossare. Il Signor Bell se ne intendeva, lui che ogni mattina si recava in città, giurava solitamente di non averle mai viste indosso ad altre gambe. La Signora Livingstone ne andava fiera. Da sette anni dalla morte del suo povero marito delegava alle sole mani i suoi momenti di intimità. Non era bella la Signora Livingstone, ma su quella poltrona sedeva come una regina. Di famiglia molto benestante aveva sposato all età di 27 anni un ufficiale di Marina. Suo marito, dopo qualche settimana dal matrimonio, in circostanze mai chiarite, durante un operazione di addestramento lungo le coste islandesi, subì un incidente piuttosto serio che gli tolse l uso delle gambe ed altro. 16

17 Dopo un lungo decorso fu congedato, ma non si riprese mai. Passò gli ultimi anni rintanato in casa, senza mai mettere il naso di fuori. Chiaramente i coniugi Livingstone non ebbero figli. Ebbene dal giorno di quel tragico incidente la Signora Livingstone non aveva più ricevuto ogni sorta di attenzione. Il Signor Bell, che era un gentiluomo, aveva saputo quelle notizie, alquanto riservate, per sentito dire e non ne aveva mai parlato con la diretta interessata. Neppure in questi momenti di forte intimità, osava chiederle come aveva potuto resistere tanti anni. Ma si rendeva conto che era una domanda troppo difficile e sinceramente non avrebbe saputo da dove iniziare. Doveva però ammettere che in tutti questi anni di vicinato non c era mai stato il minimo pettegolezzo nei confronti della Signora Livingstone. Per questo l apprezzava e rispettava il suo rigore morale. Onestamente avrebbe voluto metterla al corrente delle sue considerazioni, e, soprattutto, saziare la sua curiosità di uomo adulto. Come può una donna resistere per tanti anni? E come mai ancora oggi, dopo una così lunga vedovanza, non sentiva l istinto di approfondire carnalmente l argomento? Questo pensava Bell mentre la osservava, ma avendo i minuti contati, si ripromise di cogliere un altra occasione. In effetti non potevano restare ancora a lungo, almeno non oltre un tempo considerato lecito per una terza tazza di tè e per completare lo schema libero. Lui la guardava senza mai sbattere le palpebre, senza mai un gemito d approvazione o un respiro più pesante, la guardava come se davvero ci fosse il solo interesse di finire le parole 17

18 crociate o se le stesse raccontando l ennesimo pettegolezzo sulla moglie del Signor Harris. Il Signor Bell, che era un gentiluomo, adorava la Signora Harris ed alle volte una punta di pensiero trasgressivo in quella situazione con la Signora Livingstone lì di fronte, non era poi tanto male. La Signora Harris era una donna a dir poco affascinante, ma era considerata da tutti troppo frivola per il modo di camminare, l uso dei colori nel vestirsi e soprattutto per le frequenti permanenze in città. A differenza delle altre donne del quartiere indossava sempre cappellini eccessivi dalle tinte forti e fuori dal comune. Il Signor Bell ogni martedì tra una parola crociata ed un morso alla torta di mele si riprometteva di seguirla, almeno per scovare il negozio dove si riforniva di quei cappellini sgargianti. Sognava di prendere l autobus insieme a lei e magari di concederle il suo posto per poterla ammirare più da vicino, ma al momento si accontentava di vederla passare quando rincasava. Ora però non voleva distrarsi totalmente e si concentrò su quelle ultime definizioni che considerava insolitamente più difficili e soprattutto su quell impercettibile movimento della mano che ad arte saliva senza mai arrivare. Il casato di Giorgio III. La prima lettera è un acca. Disse la Signora Livingstone cercando di aiutarlo. Hannover. Rispose soddisfatto Bell, tirando un respiro di sollievo. Armadio francese. Il Signor Bell non ebbe dubbi. Armoire! Disse sorridendo. Aveva seguito in gioventù un corso accelerato di 18

19 francese e si vantava di conoscere almeno un migliaio di termini tra i più conosciuti. Tutti e due sapevano già quale sarebbe stata la fine. C erano volute parecchie settimane per acquistare quella sintonia, per essere reciprocamente soddisfatti senza risentimenti, parecchie ore per affinare i propri gusti. Il Signor Bell riteneva intollerabile andare oltre il punto stabilito, la Signora Livingstone un disonore eccedere alla stravaganza d essere ancora più ammirata. Signora Livingstone oggi la vedo più attraente. Ogni martedì ripeteva la stessa frase nel momento esatto in cui lei riponeva il giornale e la gonna arrivava al primo bordo più chiaro della calza color carne. Di pronta risposta la Signora Livingstone accavallava addirittura le gambe poggiando tutte e due le mani inguainate dal pizzo nero sulle pieghe della gonna. Quando l orologio sulla porta dell ingresso batteva le sei la gonna della Signora Livingstone aveva completato il tragitto. Il Signor Bell che era un gentiluomo s intratteneva ancora qualche secondo ad estasiarsi di quel contrasto tra il nero dei guanti e la trama chiara della calza, intuendo lo spicchio di pelle impercettibile tra il bordo e l orlo della gonna, che mai e poi mai avrebbe voluto vedere interamente nudo. Considerava questo momento il più intenso di tutti i martedì, soprattutto perché da vero trasgressore rubava una manciata di minuti dopo lo scoccare dell ora lecita sfidando, in un tacito consenso, gli occhi del quartiere da dietro le tendine. Alle sei e zero cinque si esauriva anche il tempo complice. La Signora Livingstone estasiata da tutta quella 19

20 attenzione s alzava discreta mentre il Signor Bell, che era un gentiluomo, guadagnava la porta aspettando il regalo pattuito. Passavano secondi indimenticabili fino a quando la Signora Livingstone, tornata in ingresso, gli porgeva una bustina di carta con la marca di John Smedley Lt, un antica merceria di Londra in Regent Street. Lui maneggiava la bustina per accettarsi che contenesse quei bellissimi guanti di pizzo nero, che fino a poco prima erano stati il simbolo della loro trasgressione, magicamente in contrasto con la seta color carne. Era soddisfatto il Signor Bell, mai e poi mai avrebbe potuto rinunciare a quel regalo. Buonasera Signor Bell. Grazie per l aiuto. Senza di lei non sarei mai riuscita a finire le parole crociate. Questa settimana erano davvero difficili A voce alta in modo che chiunque fosse passato poteva ascoltare nitidamente il saluto formale. Buonasera Signora Livingstone. Grazie a lei per lo spassoso passatempo Rispondeva lui non prima di aver nascosto nella tasca sinistra la preziosa bustina e di aver salutato l affascinante ospite con un impercettibile inchino. 20

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Un dollaro e ottantasette centesimi.

Un dollaro e ottantasette centesimi. Un dollaro e ottantasette centesimi. ERA TUTTO. E sessanta centesimi erano in pennies. Pennies risparmiati uno o due alla volta, contendendoli al droghiere e al fruttivendolo e al macellaio, finché, di

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more

http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more domenica 17 novembre 2013 Prima spremitura by Ideatoscana Salve bimbe! Oggi voglio parlarvi di un azienda che utilizza

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ero seduto al mio banco di scuola, vicino

Ero seduto al mio banco di scuola, vicino CAMMINANDO VERSO I DEPECHE MODE L inizio di un percorso 1 Ero seduto al mio banco di scuola, vicino a una finestra dell aula III B, al primo piano della scuola media di Via Tiziano, a Quartu Sant Elena,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

(scale, ascensore, giardino, ecc.) quota che si versa in anticipo è lontana, distante solitaria, ritirata. bagno, lavanderia. Ammobiliato, fornito

(scale, ascensore, giardino, ecc.) quota che si versa in anticipo è lontana, distante solitaria, ritirata. bagno, lavanderia. Ammobiliato, fornito Unità 4 Annunci per affitti alloggio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su affitti alloggio le parole relative alle abitazioni gli aggettivi qualificativi Lavoriamo sulla

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano».

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». LA VOLPE E IL GAMBERO Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». «Va bene» acconsentì il gambero. E subito dopo urlò: «Pronti, via!». La volpe si mise a correre, il gambero

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Frasi di matrimonio con felicitazioni

Frasi di matrimonio con felicitazioni Frasi di matrimonio con felicitazioni Questo giorno di grande felicità sia l inizio di una serie di splendidi momenti Vi auguro tanta felicità e serenità per la vostra nuova vita insieme Vi auguro di conservare

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli