La malattia dolce del terzo millennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La malattia dolce del terzo millennio"

Transcript

1 A cura di Michele D Ercole * MEDICINA La malattia dolce del terzo millennio Le complicanze della malattia diabetica IIIa Parte ella prima parte della nostra conversazione è stato detto che lo zucchero o glucosio è la fonte energetica più importante per l organismo, ossia lo zucchero è fonte di vita. Non potremmo vivere neanche pochi secondi con bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia): la morte sarebbe inevitabile. Ma neppure sarebbe possibile avere un livello di zucchero superiore a quella stabilita (iperglicemia) senza incorrere in guai seri per l organismo. È proprio quello che succede in corso di malattia diabetica quando, per ridotta azione dell insulina, la glicemia aumenta oltre i valori consentiti. Per offrire al lettore un immagine semplice ma efficace potremmo paragonare la glicemia all acqua di un fiume. Questa infatti, se si mantiene entro livelli accettabili senza superare gli argini, è sinonimo di vita per gli uomini, gli animali e le piante che ne hanno bisogno. Ma se quella stessa acqua dovesse superare gli argini, come succede in corso di alluvione, diventerebbe fonte di distruzione e di morte per tutto ciò che circonda il fiume. Questo è quello che avviene in un soggetto diabetico in cui, per mancanza di insulina, la glicemia supera gli argini (iperglicemia) e straripando, determina danni incalcolabili a tutte le strutture dell organismo fino a compromettere la vita stessa della persona. Sono queste le Complicanze della Malattia Diabetica. La presenza di complicanze nel diabete è nota anche a chi non si interessa di tale problema. Purtroppo tali conoscenze sono spesso superficiali e comportano, di solito, l esistenza di pregiudizi. Oggi è possibile ritenere che un buon controllo della glicemia consenta di evitare le complicanze o di far sì che esse compaiano tardivamente e nelle forme più lievi, tanto da non incidere sulla durata e sulla qualità della vita del diabetico. Le complicanze della malattia diabetica si possono dividere in: acute croniche Complicanze acute Complicanze acute del diabete - chetoacidosi e coma chetoacidosico - coma iperosmolare non chetoacidosico - acidosi lattica e coma iperlattacidemico Complicanze acute della terapia antidiab. - ipoglicemia e coma ipoglicemico I quadri acuti tipici della malattia diabetica sono rappresentati dalla chetoacidosi e dalla sindrome iperglicemia iperosmolare, condizioni che, se gravi, possono sfociare nelle rispettive forme di coma. L acidosi lattica è invece una complicanza comune a molte altre condizioni. Anch essa, se grave, può sfociare nel coma. La ipoglicemia rappresenta, normalmente, una complicanza acuta della terapia antidiabetica ed è più frequente nel diabete di tipo 1 rispetto al tipo 2. Le cause sono descritte nella tabella 1a. I sintomi dell ipoglicemia, nella fase iniziale, sono rappresentati da sudorazione, cardiopalmo, ansia, tremore, irritabilità. In una fase più tardiva, se l ipoglicemia è più grave compaiono segni legati alla compromissione del sistema nervoso centrale (vertigini, parestesie, offuscamento della vista, astenia intensa, difficoltà nella parola e nella concentrazione. pugliasalute - ventotto - novembre 2005

2 Cause dell ipoglicemia Errore di prescrizione o di insulina o di antidiabetico orale Errore nel dosare le unità di insulina nella siringa o nella penna Irregolarità nell assorbimento dell insulina Assunzione di antidiabetici orali in dose eccessiva Alimentazione ritardata o inadeguata Esercizio fisico non programmato Assunzione di alcool In corso di diete ipocaloriche In corso della sospensione della terapia con cortisonici In presenza di epatopatia e/o nefropatia Dopo situazioni stressanti, tipo malattie e interventi chirurgici Al termine di una gravidanza (tab. 1a) Se la glicemia dovesse scendere ulteriormente si può arrivare al vero e proprio coma ipoglicemico. La comparsa dei sintomi iniziali in un soggetto diabetico specie di tipo 1 deve far sospettare una ipoglicemia e, pertanto, è importante la diagnosi precoce di questa complicanza prima che la situazione clinica precipiti. L immediato controllo della glicemia a domicilio del paziente spesso permette di far diagnosi e di instaurare una terapia immediata, con risoluzione del quadro clinico. In caso di situazione clinica più grave, con comparsa dei segni di compromissione del sistema nervoso centrale, è sempre necessario ospedalizzare il paziente. La chetoacidosi è la conseguenza diretta della carenza di insulina per cui l organismo, nel tentativo di procurarsi ad ogni costo una quantità di energia necessaria ai propri fabbisogni, non riuscendo a sfruttare il glucosio presente anche in eccesso, per mancanza di insulina, attinge alle riserve energetiche costituite dal tessuto adiposo (grasso) trasformandolo prima in acidi grassi e poi in corpi chetonici il cui aumento nel sangue innesca il quadro classico della chetoacidosi diabetica. Questa complicanza acuta spesso si verifica nel diabete di tipo 1 al suo esordio, in quanto, proprio perché sconosciuto, non è stata ancora instaurata una terapia insulinica. A volte la causa dell insorgenza di questa complicanza è costituita da infezioni acute o da altre situazioni, sempre gravi, che rappresentano una situazione di stress per il paziente diabetico (ad esempio: febbre, infarto acuto del miocardio, interventi chirurgici, traumi gravi etc.), ragion per cui il fabbisogno insulinico aumenta. I sintomi più importanti sono riportati nella tabella 1b. La sindrome iperglicemica iperosmolare è, in genere, una complicanza del diabetico di tipo 2, quasi sempre anziano, che pur essendo caratterizzata dagli stessi sintomi della chetoacidosi diabetica si differenzia da questa per la mancanza della chetoacidosi (corpi chetonici nella norma). Sintomi della Chetoacidosi Sete intensa (polidipsia) Urinazione abbondante (poliuria) Nausea e vomito Astenia intensa Alito acetonemico Dolori addominali Disturbi visivi Disturbi della coscienza (fase più avanzata) Tachicardia (aumento della frequenza cardiaca) Ipotensione (pressione bassa) Disidratazione (tab. 1b) L acidosi lattica è, invece, una complicanza acuta non specifica della sola malattia diabetica ma di tutte quelle condizioni patologiche che portano ad una diminuita ossigenazione dei tessuti che rappresenta la causa di una iperproduzione di acido lattico da parte dell organismo. Nei soggetti diabetici questa complicanza acuta è più frequente in presenza di insufficienza renale e respiratoria e in corso di trattamento con un particolare tipo di antidiabetico orale: le biguanidi (in particolare la fenformina). I sintomi più importanti sono riportati nella tab. 1c. Sintomi dell Acidosi lattica Aumento della frequenza cardiaca Aumento del respiro Astenia intensa Ipotensione arteriosa Nausea e vomito Disturbi della coscienza fino al coma Assenza o lieve aumento dei chetoni nel sangue Oculari (tab. 2a) Complicanze croniche Renali e/o urogenitali (tab. 2b) Vascolari cardiache (tab. 2c) Vascolari arti inferiori (tab. 2d) Vascolari cerebrali (tab. 2e) Neurologiche sistema nervoso periferico (tab. 2f) Neurologiche sistema nervoso autonomoe (tab. 2g) Cutanee (tab. 2h) Piede diabetico (tab. 2i) (tab. 1c) (tab. 2) pugliasalute - ventinove - novembre 2005

3 L e complicanze oculari sono rappresentate principalmente dalla retinopatia diabetica che colpisce più del 26% di tutti i soggetti diabetici (forma non profilerante: 24%; forma proliferante: 2%). Il tasso di prevalenza, comunque, è strettamente correlato alla durata del diabete, per cui dopo circa 20 anni di malattia oltre il 90% dei diabetici è portatore di retinopatia. La diagnosi viene fatta mediante l esame del fondo oculare e successivamente con fluoroangiografia. La prevenzione della retinopatia consiste essenzialmente nel controllo ottimale sia della glicemia che degli altri fattori di rischio concomitanti alla malattia diabetica (ipertensione, ipercolesterolemia). In alcuni casi si rende necessaria la fotocoagulazione con laser e altri interventi specialistici di tipo chirurgico. La retinopatia diabetica non controllata può portare frequentemente a cecità. Complicanze oculari del diabete Retinopatia - non proliferante - proliferante Cataratta Glaucoma Neuropatia oculare - nervo ottico - nervo oculomotore - nervo abducente (tab. 2a) Le complicanze renali sono rappresentate essenzialmente dalla nefropatia diabetica presente a vari stadi ( in base alla gravità si riconoscono 6 stadi fino allo stadio più grave che è costituito dalla insufficienza renale cronica) in circa il 27% dei pazienti diabetici. Anche questa complicanza è correlata al grado di compenso della malattia diabetica. L intervento farmacologico, che oggi, a dire il vero, viene consigliato dalle società scientifiche anche per la prevenzione primaria della nefropatia, riesce ad ottenere maggiori risultati nei primi stadi della malattia. L insufficienza renale cronica grave va trattata essenzialmente con la dialisi. Ove si ravvedano i requisiti anche con trapianto di rene a volte associato a quello di pancreas. La malattia diabetica può complicarsi con la cosiddetta uropatia diabetica costituita dalla vescica neurogena per alterazione del sistema nervoso che innerva la vescica e da disfunzione erettile (prevalentemente su base neuropatica) fino alla impotenza diabetica. Complicanze renali del diabete Nefropatia diabetica - stadi da 1 a 6 (a gravità crescente fino alla insufficienza renale cronica) Pielonefrite cronica Uropatia (vescica neurogena) Impotenza (da neuropatia) (tab. 2b) A determinare l impotenza nei soggetti diabetici spesso concorre anche una riduzione della produzione di ormone maschile (testosterone). Oggi è possibile trattare con farmaci adeguati questa complicanza. La terapia chirurgica viene riservata a rari casi. Le complicanze vascolari cardiache sono rappresentate dalla cardiopatia ischemica che costituisce il quadro più drammatico in quanto causa di morte in circa il 50% dei pazienti diabetici. Nello sviluppo della coronaropatia del soggetto diabetico spesso sono implicati più fattori di richio cardiovascolare (dislipidemia, ipertensione, alterazioni della coagulazione) che contribuiscono all aumento della frequenza di questa complicanza. La terapia può essere medica e/o chirurgica (interventi di rivascolarizzazione mediante angioplastica o bay-pass aorto coronarico). Complicanze cardiache del diabete Cardiopatia ischemica - infarto acuto del miocardio - angina pectoris Cardiomiopatia Cardiopatia da neuropatia autonomica (cuore denervato) La morte improvvisa (tab. 2c) Le complicanze vascolari degli arti inferiori sono rappresentate essenzialmente da: arteriopatia obliterante arteriopatia calcifica Esse sono la conseguenza dell interessamento arteriosclerotico, con stenosi od occlusione completa, delle arterie degli arti inferiori. Ne consegue una varietà di sintomi la cui severità dipende sia dall estensione della patologia che dalla presenza o meno di circoli collaterali. Si va dalla claudicatio intermittens al dolore a riposo, alla presenza di ulcere vascolari fino alla gangrena. La claudicatio intermittens consiste nella comparsa di crampi e dolori che interessano la parte distale dell arto colpito da occlusione, insorgono con uno sforzo e regrediscono col riposo. Gradi di arteriopatia più gravi spesso possono richiedere, Arteriopatia arti inferiori Arteriopatia obliterante Arteriopatia calcifica Sintomi: Sensazione di freddo arti inferiori, parestesie Dolore dopo sforzo (cludicatio intermittens) Dolore a riposo (specie notturno) Comparsa di lesioni trofiche arti inferiri (ulcere, cangrena) (tab. 2d) pugliasalute - trenta - novembre 2005

4 inevitabilmente, amputazioni. Alla diagnosi concorrono, oltre all esame clinico, anche la diagnostica strumentale con eco-color-doppler. La terapia può essere medica e/o chirurgica (interventi di rivascolarizzazione). Gradi di arteriopatia più gravi spesso possono richiedere, inevitabilmente, amputazioni. Complicanze vascolari cerebrali (vasculopatia cerebrale): si presentano con una frequenza circa doppia nei diabetici rispetto ai non diabetici. Oltre al diabete, altro fattore di rischio concomitante importante è la ipertensione arteriosa. L Ictus cerebrale è la forma più classica con cui si manifesta una lesione cerebrale (ischemica o emorragica). Alcune volte il disturbo cerebrale è transitorio (Attacco Ischemico Transitorio) e pertanto regredisce in pochi giorni senza reliquati. Spesso l evento vascolare cerebrale può portare alla morte. Altre volte possono residuare esiti invalidanti. La terapia può essere medica e più raramente chirurgica. Importante ai fini del recupero funzionale è la terapia riabilitativa precoce e costante nel tempo. Vasculopatia Cerebrale nel Diabetico Trombosi cerebrale Infarto cerebrale - ischemico - emorragico Attacco ischemico transitorio (TIA) Involuzione cerebrale con sintomi e segni di compromissione psico-organica (tab. 2e) Le complicanze neurologiche del sistema nervoso periferico della malattia diabetica (tab. 2f e 2g) possono colpire contemporaneamente più nervi periferici, sensitivi e/o motori, della parte distale degli arti (polineuropatia diabetica distale) oppure prossimale (neuropatia prossimale o amiotrofia diabetica). Possono essere compromessi singoli nervi sia a carico dei nervi cranici che a carico dei nervi del tronco e degli arti. La neuropatia autonomica colpisce il sistema nervoso involontario, ossia non controllabile con la nostra volontà. La sintomatologia può essere la più varia possibile (tab. 2g). In particolare, secondo il distretto colpito, il paziente diabetico può non essere in grado di riconoscere e avvertire i sintomi innescati dalla ipoglicemia, può avere disturbi di accomodazione della pupilla e disturbi della salivazione con secchezza della bocca, può andare incontro a episodi di ipotensione posturale (abbassamento della pressione nel passaggio da supino alla stazione eretta), alterazione della frequenza cardiaca e della frequenza del respiro, può avvertire eccessiva sudorazione (iperidrosi) o scarso adattamento alle variazioni di temperatura. Altri disturbi sono legati alla compromissione del sistema nervoso autonomo che innerva esofago, stomaco, duodeno, colecisti e colon. Tipica è la diarrea improvvisa dopo i pasti. Dei disturbi che colpiscono la vescica e l attività sessuale ne abbiamo già accennato sopra. La neuropatia diabetica polineuropatia distale - sensitivo-motoria - prevalentemente sensitiva - prevalentemente motoria neuropatia prossimale - amiotrofia diabetica neuropatie focali - a carico dei nervi cranici - a carico dei nervi del tronco e degli arti La neuropatia autonomica La terapia più efficace è il buon controllo glicometabolico, non esistendo a tutt oggi farmaci validi per contrastare la progressione di questa complicanza. Alcuni farmaci riescono a migliorare la disfunzione erettile (Sildenafil, Vardenafil, Tadalafin). Nei soggetti non responders si può ricorrere alla iniezione intracavernosa di Prostaglandine. La terapia chirurgica e quella protesica trovano sempre più rare applicazioni. Le alterazioni cutanee in corso di diabete possono essere distinte in: Dermatosi del diabetico Dermatosi nel diabetico Dermatosi farmacologicamente indotte (tab. 2f) Assenza di sintomi di ipoglicemia Disfunzione della pupilla e ghiandola lacrimale Disturbi cardio-vascolari e polmonari Disturbi della termoregolazione Disturbi gastrointestinali Disturbi genito-urinari (tab. 2g) Le Dermatosi del diabetico sono specifiche della malattia diabetica. Attraverso queste lesioni cutanee il medico attento, riesce a far diagnosi di diabete sconosciuto. Queste lesioni sono la diretta conseguenza di un cattivo compenso glicometabolico. Le dermatosi nel diabetico sono, invece, lesioni che possono comparire durante la malattia diabetica ma non Complicanze cutanee del diabetico Rubeosi diabetica Rubeosi simmetrica palmare Dermatite atrofica pigmentata Xantoma dei diabetici Necrobiosi lipidica dei diabetici Xantocromia Granuloma anulare Bollosi dei diabetici Necrosi diabetica (tab. 2h) pugliasalute - trentuno - novembre 2005

5 sono assolutamente specifiche. Rappresentano solo una possibile spia. Queste lesioni sono la diretta conseguenza di un cattivo compenso glico-metabolico. I quadri dermatologici farmacologicamente indotti sono rappresentati dalla lipodistrofia cutanea nella sede di inoculo della insulina e dalle dermatiti allergiche da antidiabetici orali. Il piede diabetico è una temibile complicanza della malattia diabetica. Consegue alla compromissione neurologica e/o vascolare determinata da uno scompenso glico-metabolico cronico. Alla manifestazione clinica di tale complicanza concorrono, pertanto (tab. 2i): neuropatia diabetica vasculopatia diabetica deformazioni strutturali del piede infezioni Fattori di rischio del Piede Diabetico Neuropatia diabetica - disturbi della sensibilità - ulcera Vasculopatia diabetica - ulcera - gangrena Deformazioni strutturali - osteoartropatia di Charcot - dita ad artiglio - dita ad uncino - alterazioni della volta plantare Infezioni (tab. 2i) Cosa fare ispezionare con cura ogni giorno i piedi lavare i piedi con acqua tiepida ogni giorno asciugare accuratamente i piedi anche fra le dita usare una crema idratante per la cute secca utilizzare una lima per le unghie utilizzare la pietra pomice per le callosità usare scarpe chiuse, a pianta larga e comode usare calze di cotone o di lana senza rammendi ispezionare le scarpe prima di indossarle rivolgersi immediatamente dal diabetologo in caso di lesioni Cosa non fare camminare scalzi usare forbici o mezzi taglienti per unghie e calli usare scaldini o bottiglie di acqua troppo calda per i piedi calzare scarpe nuove per più ore di seguito far uso di cerotti o medicazioni ingombranti far uso di tinture di iodio o alcol per ferite lavare i piedi con acqua troppo calda fumare usare sandali o zoccoli camminare a piedi nudi sulla sabbia Qui di seguito sono riportate alcune misure preventive per il piede diabetico. Si manifesta, in genere, dopo anni di malattia, e colpisce in prevalenza soggetti maschi di età avanzata. È responsabile di ospedalizzazioni lunghe e ricorrenti e del 50-70% delle amputazioni non traumatiche. Normalmente la neuropatia costituisce il più importante fattore di rischio di ulcerazione a livello del piede, mentre la vasculopatia rappresenta il più importante fattore di rischio di amputazione. Infatti, in base a le due principali cause si distingue il piede diabetico neuropatico dal piede diabetico ischemico-vascolare, anche se i quadri più frequenti sono quelli misti. È evidente che la prevenzione primaria costituisce la terapia migliore di queste lesioni. Importante è il compenso metabolico. In caso di complicanze in atto, la diagnosi precoce costituisce la difesa migliore in quanto permette di instaurare, dopo un preciso inquadramento diagnostico, una terapia farmacologica e/o chirurgica di rivascolarizzazione prima di raggiungere stadi avanzati ed irreversibili che richiedono interventi demolitivi ed invalidanti. A volte la gravità della situazione clinica è causa di morte del paziente. Importanza fondamentale acquistano alcuni presidi di prevenzione e cura costituiti da supporti tecnici correttivi di anomalia del piano di appoggio della volta plantare. * Specialista in Medicina Interna Diabetologia e Mal. Metaboliche - Endocrinologia Struttura complessa di Medicina interna Presidio Ospedaliero di Putignano - Noci - Gioia del Colle pugliasalute - trentadue - novembre 2005

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

IL DIABETE MELLITO. Alterata glicemia a digiuno o IFG (Impaired Fasting Glucose) se il soggetto ha valori glicemici tra 110-125 a digiuno

IL DIABETE MELLITO. Alterata glicemia a digiuno o IFG (Impaired Fasting Glucose) se il soggetto ha valori glicemici tra 110-125 a digiuno IL DIABETE MELLITO 1 DEFINIZIONE Il diabete mellito è una malattia del metabolismo dei carboidrati, con mancanza insulinica e/o resistenza aii insulina. L iperglicemia ( zucchero nel sangue elevato ) è

Dettagli

TRATTIAMO BENE I NOSTRI PIEDI

TRATTIAMO BENE I NOSTRI PIEDI TRATTIAMO BENE I NOSTRI PIEDI Tanti ne parlano, ma sappiamo esattamente che cosa è il piede diabetico, perché si forma e perchè è così importante fare di tutto per evitarlo? Cos è il piede diabetico Il

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE I PIEDI MERITANO ATTENZIONE A cura del Prof. Mauro Montesi Presidente Associazione Italiana Podologi Roma UN COMPAGNO DI VITA SCOMODO Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che in Italia

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto La minaccia nascosta Farmacia Ferrari Dott.ssa Teresa Via A. Manzoni 215/A - 80123 - NAPOLI tel. 081.5755329 - fax 081.19722793 Cod. Fiscale FRRTRS35L67F839O Partita IVA 00686520636 http://www.farmaciaferrari.altervista.org

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

ETS. il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA. Gruppo ETS dell AMD

ETS. il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA. Gruppo ETS dell AMD oltre la teoria ASSOCIAZIONI MEDICI DIABETOLOGI AMD - ETS ETS EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA 1 il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico Gruppo ETS dell AMD Coordinatore MARIANO

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso Corso BASE Relatore:

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

regole fondamentali di prevenzione

regole fondamentali di prevenzione diabete regole fondamentali di prevenzione Assessorato Sanità Settore Farmaceutico Università di Napoli Federico II Facoltà di Farmacia 1 Cos è il diabete? Il diabete Mellito è una condizione metabolica

Dettagli

Identificazione del problema (il problema riferito corrisponde alla definizione di DE?)

Identificazione del problema (il problema riferito corrisponde alla definizione di DE?) Per approfondire Disfunzione erettile Definita come Significativa o ricorrente inabilità dell uomo nell ottenere e/o mantenere l erezione, fino al termine del rapporto sessuale, si manifesta nel 12.8%

Dettagli

Il Piede Diabetico Aspetti Clinici e Percorsi Diagnostico Terapeutici operativi nella Valdichiana Senese Mercoledì 25 novembre 2015 ore 14.

Il Piede Diabetico Aspetti Clinici e Percorsi Diagnostico Terapeutici operativi nella Valdichiana Senese Mercoledì 25 novembre 2015 ore 14. Il Piede Diabetico Aspetti Clinici e Percorsi Diagnostico Terapeutici operativi nella Valdichiana Senese Mercoledì 25 novembre 2015 ore 14.30 Sala Conferenze Banca di Credito Cooperativo Montepulciano

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle.

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. IL PIEDE DIABETICO Lo sapevi che il Diabete può creare danni alle gambe

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO

LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO Nell'ambito del Progetto Home Care Premium 2012 A cura di Stefania Groppo Infermiera professionale presso C.R.A. Scalabrin IL PIEDE Struttura anatomica

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

I piedi devono durare una vita!

I piedi devono durare una vita! A.DI.MI Convegno nazionale sul tema IMPEGNO PER LA SALUTE I piedi devono durare una vita! Luca Monge SSCVD Diabetologia Centro per la Cura del Piede Diabetico AO Città della salute e della Scienza di Torino

Dettagli

COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA

COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO UNA ARTERIOPATIA PERIFERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Attenti alle neuropatie

Attenti alle neuropatie Attenti alle neuropatie PUÒ ASSUMERE MOLTE FORME, MA LA PIU FRE- QUENTE SI PRESENTA IN MANIERA SUBDOLA, CON UNA GRADUALE PERDITA DI SENSIBILITÀ AGLI ARTI INFERIORI. IN MANCANZA DI FARMACI L UNICA DIFESA

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

Le arteriopatie obliteranti degli arti inferiori o La malattia delle vetrine: come faccio se ne sono affetto e non mi piace guardarle?

Le arteriopatie obliteranti degli arti inferiori o La malattia delle vetrine: come faccio se ne sono affetto e non mi piace guardarle? Le arteriopatie obliteranti degli arti inferiori o La malattia delle vetrine: come faccio se ne sono affetto e non mi piace guardarle? 1). Che cos è l arteriopatia? Malattia che colpisce le arterie degli

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI OSPEDALE SANDRO PERTINI UOC CHIRURGIA VASCOLARE Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI Lei è affetto da arteriopatia a carico

Dettagli

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Inquadramento del paziente e Gestione Multidisciplinare Dott.ssa Mattei Paola PIEDE DIABETICO OMS Infezione, ulcerazione e/o distruzione dei

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PATOLOGIE VASCOLARI NEL DIABETE Dott. Maurizio Merlo S.C.D.O. Chirurgia Vascolare 1 AOCP DEFINIZIONE Sindrome clinica ad andamento cronico dovuta alla riduzione della portata t ematica distrettuale tt

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

DISFUNZIONE ERETTILE. www.fisiokinesiterapia.biz

DISFUNZIONE ERETTILE. www.fisiokinesiterapia.biz DISFUNZIONE ERETTILE www.fisiokinesiterapia.biz Sistema ortosimpatico Sistema parasimpatico GIUGNO 2000 USCITA DEL VIAGRA 22 MILIONI DI PILLOLE VENDUTE A PIU DI 7 MILIONI DI PAZIENTI 290.000 PRESCRIZIONI

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente MALATTIE CARDIOVASCOLARI Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente Forme principali -cardiopatia ischemica -ipertensione arteriosa -malattie circolatorie dell encefalo

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

Prevenzione, diagnosi precoce clinica e strumentale della polineuropatia diabetica. Francesco Mazzoleni Simg - Sondrio

Prevenzione, diagnosi precoce clinica e strumentale della polineuropatia diabetica. Francesco Mazzoleni Simg - Sondrio Prevenzione, diagnosi precoce clinica e strumentale della polineuropatia diabetica Francesco Mazzoleni Simg - Sondrio neuropatia diabetica la neuropatia diabetica è un fenomeno eterogeneo che può coinvolgere

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE LINEE GUIDA PER IL RILASCIO/RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE PREMESSA La legge 85 del

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Corso di Medicina dello Sport

Corso di Medicina dello Sport Corso di Medicina dello Sport Prof. Attilio Parisi Anno Accademico 2011-2012 SPORT E MEDICINA IN RAPPORTO A ETA, SESSO E POPOLAZIONI SPECIALI Aspetti medici Dell attività sportiva nella terza età L invecchiamento

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni,

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni, Il diabete Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta a un alterata quantità o funzione dell insulina. L insulina

Dettagli

arteriopatie obliteranti

arteriopatie obliteranti CHE COSA SONO LE ARTERIOPATIE OBLITERANTI Il sangue viene trasportato dal cuore in periferia dall arteria aorta e dai sui rami. Tra questi le arterie iliache-femorali-poplitee e tibiali sono deputate alla

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

PERCHE DIABETE MELLITO?

PERCHE DIABETE MELLITO? PERCHE DIABETE MELLITO? La definizione di Diabete Mellito la si deve al medico inglese Willis, che nella seconda metà del XVIII secolo, scoprì, assaggiando l urina dei diabetici, che essa era dolce come

Dettagli

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE L ipoglicemia L ipoglicemia è la più comune complicanza acuta associata al diabete. La maggioranza dei diabetici curati con insulina fa l esperienza d frequenti ipoglicemie lievi. Circa il 10% presentano

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

COPIA. Diabete e piedi. «Per essere sempre in gamba!»

COPIA. Diabete e piedi. «Per essere sempre in gamba!» Diabete e piedi «Per essere sempre in gamba!» Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische Diabetes-Gesellschaft www.associazionedeldiabete.ch Per le vostre donazioni

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

VISITARE IL PIEDE DEL DIABETICO

VISITARE IL PIEDE DEL DIABETICO Decision making VISITARE IL PIEDE DEL DIABETICO GERARDO MEDEA Responsabile Nazionale Area Metabolica, Societa Italiana di Medicina Generale, Brescia Tra le complicanze che si associano al diabete, il piede

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

Unità Operativa Semplice Prevenzione e Trattamento della Ischemia Critica non Rivascolarizzabile

Unità Operativa Semplice Prevenzione e Trattamento della Ischemia Critica non Rivascolarizzabile AZIENDA OSPEDALIERA di Padova Unità Operativa Complessa di ANGIOLOGIA Unità Operativa Semplice Prevenzione e Trattamento della Ischemia Critica non Rivascolarizzabile COME PRENDERSI CURA DEL PIEDE QUANDO

Dettagli

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete.

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. Con il contributo incondizionato di Indice 1. Che cos è il Buon Compenso del Diabete pg. 1 Una malattia da controllare

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli