La malattia dolce del terzo millennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La malattia dolce del terzo millennio"

Transcript

1 A cura di Michele D Ercole * MEDICINA La malattia dolce del terzo millennio Le complicanze della malattia diabetica IIIa Parte ella prima parte della nostra conversazione è stato detto che lo zucchero o glucosio è la fonte energetica più importante per l organismo, ossia lo zucchero è fonte di vita. Non potremmo vivere neanche pochi secondi con bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia): la morte sarebbe inevitabile. Ma neppure sarebbe possibile avere un livello di zucchero superiore a quella stabilita (iperglicemia) senza incorrere in guai seri per l organismo. È proprio quello che succede in corso di malattia diabetica quando, per ridotta azione dell insulina, la glicemia aumenta oltre i valori consentiti. Per offrire al lettore un immagine semplice ma efficace potremmo paragonare la glicemia all acqua di un fiume. Questa infatti, se si mantiene entro livelli accettabili senza superare gli argini, è sinonimo di vita per gli uomini, gli animali e le piante che ne hanno bisogno. Ma se quella stessa acqua dovesse superare gli argini, come succede in corso di alluvione, diventerebbe fonte di distruzione e di morte per tutto ciò che circonda il fiume. Questo è quello che avviene in un soggetto diabetico in cui, per mancanza di insulina, la glicemia supera gli argini (iperglicemia) e straripando, determina danni incalcolabili a tutte le strutture dell organismo fino a compromettere la vita stessa della persona. Sono queste le Complicanze della Malattia Diabetica. La presenza di complicanze nel diabete è nota anche a chi non si interessa di tale problema. Purtroppo tali conoscenze sono spesso superficiali e comportano, di solito, l esistenza di pregiudizi. Oggi è possibile ritenere che un buon controllo della glicemia consenta di evitare le complicanze o di far sì che esse compaiano tardivamente e nelle forme più lievi, tanto da non incidere sulla durata e sulla qualità della vita del diabetico. Le complicanze della malattia diabetica si possono dividere in: acute croniche Complicanze acute Complicanze acute del diabete - chetoacidosi e coma chetoacidosico - coma iperosmolare non chetoacidosico - acidosi lattica e coma iperlattacidemico Complicanze acute della terapia antidiab. - ipoglicemia e coma ipoglicemico I quadri acuti tipici della malattia diabetica sono rappresentati dalla chetoacidosi e dalla sindrome iperglicemia iperosmolare, condizioni che, se gravi, possono sfociare nelle rispettive forme di coma. L acidosi lattica è invece una complicanza comune a molte altre condizioni. Anch essa, se grave, può sfociare nel coma. La ipoglicemia rappresenta, normalmente, una complicanza acuta della terapia antidiabetica ed è più frequente nel diabete di tipo 1 rispetto al tipo 2. Le cause sono descritte nella tabella 1a. I sintomi dell ipoglicemia, nella fase iniziale, sono rappresentati da sudorazione, cardiopalmo, ansia, tremore, irritabilità. In una fase più tardiva, se l ipoglicemia è più grave compaiono segni legati alla compromissione del sistema nervoso centrale (vertigini, parestesie, offuscamento della vista, astenia intensa, difficoltà nella parola e nella concentrazione. pugliasalute - ventotto - novembre 2005

2 Cause dell ipoglicemia Errore di prescrizione o di insulina o di antidiabetico orale Errore nel dosare le unità di insulina nella siringa o nella penna Irregolarità nell assorbimento dell insulina Assunzione di antidiabetici orali in dose eccessiva Alimentazione ritardata o inadeguata Esercizio fisico non programmato Assunzione di alcool In corso di diete ipocaloriche In corso della sospensione della terapia con cortisonici In presenza di epatopatia e/o nefropatia Dopo situazioni stressanti, tipo malattie e interventi chirurgici Al termine di una gravidanza (tab. 1a) Se la glicemia dovesse scendere ulteriormente si può arrivare al vero e proprio coma ipoglicemico. La comparsa dei sintomi iniziali in un soggetto diabetico specie di tipo 1 deve far sospettare una ipoglicemia e, pertanto, è importante la diagnosi precoce di questa complicanza prima che la situazione clinica precipiti. L immediato controllo della glicemia a domicilio del paziente spesso permette di far diagnosi e di instaurare una terapia immediata, con risoluzione del quadro clinico. In caso di situazione clinica più grave, con comparsa dei segni di compromissione del sistema nervoso centrale, è sempre necessario ospedalizzare il paziente. La chetoacidosi è la conseguenza diretta della carenza di insulina per cui l organismo, nel tentativo di procurarsi ad ogni costo una quantità di energia necessaria ai propri fabbisogni, non riuscendo a sfruttare il glucosio presente anche in eccesso, per mancanza di insulina, attinge alle riserve energetiche costituite dal tessuto adiposo (grasso) trasformandolo prima in acidi grassi e poi in corpi chetonici il cui aumento nel sangue innesca il quadro classico della chetoacidosi diabetica. Questa complicanza acuta spesso si verifica nel diabete di tipo 1 al suo esordio, in quanto, proprio perché sconosciuto, non è stata ancora instaurata una terapia insulinica. A volte la causa dell insorgenza di questa complicanza è costituita da infezioni acute o da altre situazioni, sempre gravi, che rappresentano una situazione di stress per il paziente diabetico (ad esempio: febbre, infarto acuto del miocardio, interventi chirurgici, traumi gravi etc.), ragion per cui il fabbisogno insulinico aumenta. I sintomi più importanti sono riportati nella tabella 1b. La sindrome iperglicemica iperosmolare è, in genere, una complicanza del diabetico di tipo 2, quasi sempre anziano, che pur essendo caratterizzata dagli stessi sintomi della chetoacidosi diabetica si differenzia da questa per la mancanza della chetoacidosi (corpi chetonici nella norma). Sintomi della Chetoacidosi Sete intensa (polidipsia) Urinazione abbondante (poliuria) Nausea e vomito Astenia intensa Alito acetonemico Dolori addominali Disturbi visivi Disturbi della coscienza (fase più avanzata) Tachicardia (aumento della frequenza cardiaca) Ipotensione (pressione bassa) Disidratazione (tab. 1b) L acidosi lattica è, invece, una complicanza acuta non specifica della sola malattia diabetica ma di tutte quelle condizioni patologiche che portano ad una diminuita ossigenazione dei tessuti che rappresenta la causa di una iperproduzione di acido lattico da parte dell organismo. Nei soggetti diabetici questa complicanza acuta è più frequente in presenza di insufficienza renale e respiratoria e in corso di trattamento con un particolare tipo di antidiabetico orale: le biguanidi (in particolare la fenformina). I sintomi più importanti sono riportati nella tab. 1c. Sintomi dell Acidosi lattica Aumento della frequenza cardiaca Aumento del respiro Astenia intensa Ipotensione arteriosa Nausea e vomito Disturbi della coscienza fino al coma Assenza o lieve aumento dei chetoni nel sangue Oculari (tab. 2a) Complicanze croniche Renali e/o urogenitali (tab. 2b) Vascolari cardiache (tab. 2c) Vascolari arti inferiori (tab. 2d) Vascolari cerebrali (tab. 2e) Neurologiche sistema nervoso periferico (tab. 2f) Neurologiche sistema nervoso autonomoe (tab. 2g) Cutanee (tab. 2h) Piede diabetico (tab. 2i) (tab. 1c) (tab. 2) pugliasalute - ventinove - novembre 2005

3 L e complicanze oculari sono rappresentate principalmente dalla retinopatia diabetica che colpisce più del 26% di tutti i soggetti diabetici (forma non profilerante: 24%; forma proliferante: 2%). Il tasso di prevalenza, comunque, è strettamente correlato alla durata del diabete, per cui dopo circa 20 anni di malattia oltre il 90% dei diabetici è portatore di retinopatia. La diagnosi viene fatta mediante l esame del fondo oculare e successivamente con fluoroangiografia. La prevenzione della retinopatia consiste essenzialmente nel controllo ottimale sia della glicemia che degli altri fattori di rischio concomitanti alla malattia diabetica (ipertensione, ipercolesterolemia). In alcuni casi si rende necessaria la fotocoagulazione con laser e altri interventi specialistici di tipo chirurgico. La retinopatia diabetica non controllata può portare frequentemente a cecità. Complicanze oculari del diabete Retinopatia - non proliferante - proliferante Cataratta Glaucoma Neuropatia oculare - nervo ottico - nervo oculomotore - nervo abducente (tab. 2a) Le complicanze renali sono rappresentate essenzialmente dalla nefropatia diabetica presente a vari stadi ( in base alla gravità si riconoscono 6 stadi fino allo stadio più grave che è costituito dalla insufficienza renale cronica) in circa il 27% dei pazienti diabetici. Anche questa complicanza è correlata al grado di compenso della malattia diabetica. L intervento farmacologico, che oggi, a dire il vero, viene consigliato dalle società scientifiche anche per la prevenzione primaria della nefropatia, riesce ad ottenere maggiori risultati nei primi stadi della malattia. L insufficienza renale cronica grave va trattata essenzialmente con la dialisi. Ove si ravvedano i requisiti anche con trapianto di rene a volte associato a quello di pancreas. La malattia diabetica può complicarsi con la cosiddetta uropatia diabetica costituita dalla vescica neurogena per alterazione del sistema nervoso che innerva la vescica e da disfunzione erettile (prevalentemente su base neuropatica) fino alla impotenza diabetica. Complicanze renali del diabete Nefropatia diabetica - stadi da 1 a 6 (a gravità crescente fino alla insufficienza renale cronica) Pielonefrite cronica Uropatia (vescica neurogena) Impotenza (da neuropatia) (tab. 2b) A determinare l impotenza nei soggetti diabetici spesso concorre anche una riduzione della produzione di ormone maschile (testosterone). Oggi è possibile trattare con farmaci adeguati questa complicanza. La terapia chirurgica viene riservata a rari casi. Le complicanze vascolari cardiache sono rappresentate dalla cardiopatia ischemica che costituisce il quadro più drammatico in quanto causa di morte in circa il 50% dei pazienti diabetici. Nello sviluppo della coronaropatia del soggetto diabetico spesso sono implicati più fattori di richio cardiovascolare (dislipidemia, ipertensione, alterazioni della coagulazione) che contribuiscono all aumento della frequenza di questa complicanza. La terapia può essere medica e/o chirurgica (interventi di rivascolarizzazione mediante angioplastica o bay-pass aorto coronarico). Complicanze cardiache del diabete Cardiopatia ischemica - infarto acuto del miocardio - angina pectoris Cardiomiopatia Cardiopatia da neuropatia autonomica (cuore denervato) La morte improvvisa (tab. 2c) Le complicanze vascolari degli arti inferiori sono rappresentate essenzialmente da: arteriopatia obliterante arteriopatia calcifica Esse sono la conseguenza dell interessamento arteriosclerotico, con stenosi od occlusione completa, delle arterie degli arti inferiori. Ne consegue una varietà di sintomi la cui severità dipende sia dall estensione della patologia che dalla presenza o meno di circoli collaterali. Si va dalla claudicatio intermittens al dolore a riposo, alla presenza di ulcere vascolari fino alla gangrena. La claudicatio intermittens consiste nella comparsa di crampi e dolori che interessano la parte distale dell arto colpito da occlusione, insorgono con uno sforzo e regrediscono col riposo. Gradi di arteriopatia più gravi spesso possono richiedere, Arteriopatia arti inferiori Arteriopatia obliterante Arteriopatia calcifica Sintomi: Sensazione di freddo arti inferiori, parestesie Dolore dopo sforzo (cludicatio intermittens) Dolore a riposo (specie notturno) Comparsa di lesioni trofiche arti inferiri (ulcere, cangrena) (tab. 2d) pugliasalute - trenta - novembre 2005

4 inevitabilmente, amputazioni. Alla diagnosi concorrono, oltre all esame clinico, anche la diagnostica strumentale con eco-color-doppler. La terapia può essere medica e/o chirurgica (interventi di rivascolarizzazione). Gradi di arteriopatia più gravi spesso possono richiedere, inevitabilmente, amputazioni. Complicanze vascolari cerebrali (vasculopatia cerebrale): si presentano con una frequenza circa doppia nei diabetici rispetto ai non diabetici. Oltre al diabete, altro fattore di rischio concomitante importante è la ipertensione arteriosa. L Ictus cerebrale è la forma più classica con cui si manifesta una lesione cerebrale (ischemica o emorragica). Alcune volte il disturbo cerebrale è transitorio (Attacco Ischemico Transitorio) e pertanto regredisce in pochi giorni senza reliquati. Spesso l evento vascolare cerebrale può portare alla morte. Altre volte possono residuare esiti invalidanti. La terapia può essere medica e più raramente chirurgica. Importante ai fini del recupero funzionale è la terapia riabilitativa precoce e costante nel tempo. Vasculopatia Cerebrale nel Diabetico Trombosi cerebrale Infarto cerebrale - ischemico - emorragico Attacco ischemico transitorio (TIA) Involuzione cerebrale con sintomi e segni di compromissione psico-organica (tab. 2e) Le complicanze neurologiche del sistema nervoso periferico della malattia diabetica (tab. 2f e 2g) possono colpire contemporaneamente più nervi periferici, sensitivi e/o motori, della parte distale degli arti (polineuropatia diabetica distale) oppure prossimale (neuropatia prossimale o amiotrofia diabetica). Possono essere compromessi singoli nervi sia a carico dei nervi cranici che a carico dei nervi del tronco e degli arti. La neuropatia autonomica colpisce il sistema nervoso involontario, ossia non controllabile con la nostra volontà. La sintomatologia può essere la più varia possibile (tab. 2g). In particolare, secondo il distretto colpito, il paziente diabetico può non essere in grado di riconoscere e avvertire i sintomi innescati dalla ipoglicemia, può avere disturbi di accomodazione della pupilla e disturbi della salivazione con secchezza della bocca, può andare incontro a episodi di ipotensione posturale (abbassamento della pressione nel passaggio da supino alla stazione eretta), alterazione della frequenza cardiaca e della frequenza del respiro, può avvertire eccessiva sudorazione (iperidrosi) o scarso adattamento alle variazioni di temperatura. Altri disturbi sono legati alla compromissione del sistema nervoso autonomo che innerva esofago, stomaco, duodeno, colecisti e colon. Tipica è la diarrea improvvisa dopo i pasti. Dei disturbi che colpiscono la vescica e l attività sessuale ne abbiamo già accennato sopra. La neuropatia diabetica polineuropatia distale - sensitivo-motoria - prevalentemente sensitiva - prevalentemente motoria neuropatia prossimale - amiotrofia diabetica neuropatie focali - a carico dei nervi cranici - a carico dei nervi del tronco e degli arti La neuropatia autonomica La terapia più efficace è il buon controllo glicometabolico, non esistendo a tutt oggi farmaci validi per contrastare la progressione di questa complicanza. Alcuni farmaci riescono a migliorare la disfunzione erettile (Sildenafil, Vardenafil, Tadalafin). Nei soggetti non responders si può ricorrere alla iniezione intracavernosa di Prostaglandine. La terapia chirurgica e quella protesica trovano sempre più rare applicazioni. Le alterazioni cutanee in corso di diabete possono essere distinte in: Dermatosi del diabetico Dermatosi nel diabetico Dermatosi farmacologicamente indotte (tab. 2f) Assenza di sintomi di ipoglicemia Disfunzione della pupilla e ghiandola lacrimale Disturbi cardio-vascolari e polmonari Disturbi della termoregolazione Disturbi gastrointestinali Disturbi genito-urinari (tab. 2g) Le Dermatosi del diabetico sono specifiche della malattia diabetica. Attraverso queste lesioni cutanee il medico attento, riesce a far diagnosi di diabete sconosciuto. Queste lesioni sono la diretta conseguenza di un cattivo compenso glicometabolico. Le dermatosi nel diabetico sono, invece, lesioni che possono comparire durante la malattia diabetica ma non Complicanze cutanee del diabetico Rubeosi diabetica Rubeosi simmetrica palmare Dermatite atrofica pigmentata Xantoma dei diabetici Necrobiosi lipidica dei diabetici Xantocromia Granuloma anulare Bollosi dei diabetici Necrosi diabetica (tab. 2h) pugliasalute - trentuno - novembre 2005

5 sono assolutamente specifiche. Rappresentano solo una possibile spia. Queste lesioni sono la diretta conseguenza di un cattivo compenso glico-metabolico. I quadri dermatologici farmacologicamente indotti sono rappresentati dalla lipodistrofia cutanea nella sede di inoculo della insulina e dalle dermatiti allergiche da antidiabetici orali. Il piede diabetico è una temibile complicanza della malattia diabetica. Consegue alla compromissione neurologica e/o vascolare determinata da uno scompenso glico-metabolico cronico. Alla manifestazione clinica di tale complicanza concorrono, pertanto (tab. 2i): neuropatia diabetica vasculopatia diabetica deformazioni strutturali del piede infezioni Fattori di rischio del Piede Diabetico Neuropatia diabetica - disturbi della sensibilità - ulcera Vasculopatia diabetica - ulcera - gangrena Deformazioni strutturali - osteoartropatia di Charcot - dita ad artiglio - dita ad uncino - alterazioni della volta plantare Infezioni (tab. 2i) Cosa fare ispezionare con cura ogni giorno i piedi lavare i piedi con acqua tiepida ogni giorno asciugare accuratamente i piedi anche fra le dita usare una crema idratante per la cute secca utilizzare una lima per le unghie utilizzare la pietra pomice per le callosità usare scarpe chiuse, a pianta larga e comode usare calze di cotone o di lana senza rammendi ispezionare le scarpe prima di indossarle rivolgersi immediatamente dal diabetologo in caso di lesioni Cosa non fare camminare scalzi usare forbici o mezzi taglienti per unghie e calli usare scaldini o bottiglie di acqua troppo calda per i piedi calzare scarpe nuove per più ore di seguito far uso di cerotti o medicazioni ingombranti far uso di tinture di iodio o alcol per ferite lavare i piedi con acqua troppo calda fumare usare sandali o zoccoli camminare a piedi nudi sulla sabbia Qui di seguito sono riportate alcune misure preventive per il piede diabetico. Si manifesta, in genere, dopo anni di malattia, e colpisce in prevalenza soggetti maschi di età avanzata. È responsabile di ospedalizzazioni lunghe e ricorrenti e del 50-70% delle amputazioni non traumatiche. Normalmente la neuropatia costituisce il più importante fattore di rischio di ulcerazione a livello del piede, mentre la vasculopatia rappresenta il più importante fattore di rischio di amputazione. Infatti, in base a le due principali cause si distingue il piede diabetico neuropatico dal piede diabetico ischemico-vascolare, anche se i quadri più frequenti sono quelli misti. È evidente che la prevenzione primaria costituisce la terapia migliore di queste lesioni. Importante è il compenso metabolico. In caso di complicanze in atto, la diagnosi precoce costituisce la difesa migliore in quanto permette di instaurare, dopo un preciso inquadramento diagnostico, una terapia farmacologica e/o chirurgica di rivascolarizzazione prima di raggiungere stadi avanzati ed irreversibili che richiedono interventi demolitivi ed invalidanti. A volte la gravità della situazione clinica è causa di morte del paziente. Importanza fondamentale acquistano alcuni presidi di prevenzione e cura costituiti da supporti tecnici correttivi di anomalia del piano di appoggio della volta plantare. * Specialista in Medicina Interna Diabetologia e Mal. Metaboliche - Endocrinologia Struttura complessa di Medicina interna Presidio Ospedaliero di Putignano - Noci - Gioia del Colle pugliasalute - trentadue - novembre 2005

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli