SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI (Decreto Ministero dell Università 31/07/2003)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI (Decreto Ministero dell Università 31/07/2003)"

Transcript

1 SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI (Decreto Ministero dell Università 31/07/2003) Via P. S. Mancini, Roma TESI DI DIPLOMA DI MEDIATORE LINGUISTICO (Curriculum Interprete e Traduttore) Equipollente ai Diplomi di Laurea rilasciati dalle Università al termine dei Corsi afferenti alla classe delle LAUREE UNIVERSITARIE IN SCIENZE DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICA LINGUA E TRADUZIONE NELLA PUBBLICITÁ RELATORI: prof.ssa Adriana Bisirri CANDIDATA: Noemi Sugoni CORRELATORI: prof.ssa Maria Nocito prof.ssa Tamara Centurioni prof.ssa Claudia Piemonte ANNO ACCADEMICO 2011/12 1

2 SOMMARIO SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI...1 Equipollente ai Diplomi di Laurea rilasciati dalle Università al termine dei Corsi afferenti alla classe delle...1 CANDIDATA:...1 ANNO ACCADEMICO 2011/ PREMESSA...3 INTRODUZIONE LA STORIA DELLA PUBBLICITÀ Le origini della pubblicità L Ottocento L epoca d oro del manifesto Breve storia della pubblicità in Inghilterra Breve storia della pubblicità in Italia Breve storia della pubblicità in Spagna LA PUBBLICITÀ: ASPETTI SOCIOLOGICI E PSICOLOGICI IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITÀ Il quadrato semiotico di Floch Caratteristiche del linguaggio pubblicitario ANALISI SEMIOTICA DELL ANNUNCIO PUBBLICITARIO Il segno pubblicitario Le immagini L enunciazione Narrazioni TRADUZIONE DI TESTI PUBBLICITARI: ASPETTI INTERCULTURALI IL CONTESTO INTERNAZIONALE: LOCALIZZAZIONE O GLOBALIZZAZIONE? Mancata verifica del Brand Name Mancata verifica di traduzione e compatibilità dello slogan Mancata verifica e compatibilità del nome del prodotto...65 CONCLUSIONE...69 BIBLIOGRAFIA

3 PREMESSA L idea di realizzare questo lavoro di ricerca sulla traduzione e il linguaggio nell ambito pubblicitario nasce da un interesse nell analizzare il linguaggio pubblicitario in tutte le sue forme: dalle componenti psicologiche e persuasive a quelle più prettamente linguistiche e semiotiche. La pubblicità è ogni giorno più presente nelle nostre vite: la troviamo in televisione, in radio, nei giornali, nel web, al cinema, sugli autobus, nelle affissioni per la strada: quotidianamente nel nostro mondo si è quindi sommersi da messaggi pubblicitari. Forse non sarà la vera arte del nostro tempo; ma certamente la pubblicità è uno dei principali motori dell economia e un potere ricchissimo che condiziona la vita di tutti i mezzi di comunicazione di massa. Ed è anche il più diffuso e il più capillare canale di comunicazione, quello che impone al mondo, con la forza delle idee e soprattutto dei grandi numeri, immagini, parole, pensieri, gusti, oltre che merci e prodotti. Insomma la pubblicità è uno strumento estetico e ideologico di massa, il serbatoio a cui attingiamo il nostro modo di guardare le cose, di scoprire il bello, di divertirci. 1 Questo lavoro si propone di studiare e approfondire gli aspetti linguistici, traduttivi e interculturali dei messaggi pubblicitari attuali e del passato tradotti in inglese, italiano e spagnolo, dimostrando l impossibilità di tradurre lo stesso messaggio in un altra lingua, senza riadattare il testo tenendo in considerazione il Paese, la cultura e la società del destinatario; mettendosi quindi in contrasto con questa tendenza ad una globalizzazione linguistica che è sempre più diffusa nei testi, favorendo invece una localizzazione a livello traduttivo. Il lavoro attraversa vari temi: partendo dalle origini della pubblicità, passa ad un analisi semiotica del linguaggio e dei messaggi pubblicitari, fino ad arrivare ad una serie di esempi forniti da pubblicità con grandi errori di traduzione, commessi sia nel presente che nel passato a causa di un ignoranza di fondo rispetto alla cultura, 1 Ugo Volli. La Semiotica della Pubblcità. GLF Editori LaTerza

4 alla società e alla tradizione linguistica del Paese a cui è destinato il testo e di fatto saltando la fase di riadattamento del testo stesso. INTRODUZIONE La pubblicità è inevitabilmente una forza economica potente in qualsiasi società industriale complessa nella quale la capacità produttiva sia superiore all effettiva domanda del consumatore. Ma la pubblicità è qualcosa di più di una forza economica, ha anche una profonda influenza sulla cultura, sui valori e sulla qualità della vita Leo Bogart, 1990 «La pubblicità nel nostro mondo supera ormai l arte e la moda non solo per diffusione e per ricchezza di mezzi e di canali, ma anche per velocità. Per quanto tumultuose siano le mode dell arte, per quanto frequenti siano le sfilate degli stilisti e le oscillazioni del gusto segnate dai mezzi di comunicazione, da tempo la pubblicità è diventata ancora più mobile, più capricciosa o più capace di seguire le sottili sfumature dell umore collettivo, comunque percorsa da ondate di cambiamento continue e apparentemente inarrestabili. Se una corrente artistica dura qualche anno e una stagione di moda vive per una stagione sola, la vita di uno spot, di una campagna di affissioni o di annunci sui giornali ormai si misura in settimane, se non in giorni. Sono settimane molto intense in cui lo stesso messaggio viene martellato migliaia di volte fra le trasmissioni televisive, campeggia su tutti i muri, risuona alla radio e riempie le pagine dei giornali. Impossibile non vederlo. Ma poi la pubblicità si consuma, vittima di una saturazione degli spettatori, e i pubblicitari devono cercare qualcos altro. 4

5 Insomma, la pubblicità cambia in fretta, e il suo movimento non è immotivato né resta senza conseguenze su chi la guarda. Difficile dire se uno spot o un annuncio sui giornali serva davvero a vendere quel dato whisky o proprio quella merendina. Certo però, che il modello di famiglia contenuto implicitamente nella pubblicità del detersivo, l estetica della casa lustra che serve a vantare la qualità di una cera, la bellezza algida di una modella che indossa certe calze, in definitiva la dimensione estetica e antropologica del racconto pubblicitario, hanno avuto una grandissima influenza, fino ad invadere la nostra vita sociale. Le immagini che ci portiamo dentro della bellezza, il gusto del paesaggio che coltiviamo, i corpi che amiamo, le emozioni che cerchiamo di vivere ci vengono più dalla pubblicità che da qualunque altra fonte: più che dall arte e dalla religione, ma anche molto più che dai mezzi di comunicazione di massa, dal cinema, dalla televisione o dai giornali. 2» Ma partiamo dalle origini di questo fenomeno straordinario che è riuscito in qualche decennio, a cambiare i nostri gusti e ad influenzare le nostre vite. 2 UGO VOLLI. La semiotica della pubblicità. GLF Editori LaTerza

6 1. LA STORIA DELLA PUBBLICITÀ 1.1 Le origini della pubblicità Si possono riscontrare esempi di una prima tipologia di pubblicità con i primi mercati nelle piazze, dove la forma di pubblicità più usata era quella verbale, la merce si pubblicizzava a voce, come succede spesso ancora oggi. La merce si mette in vendita nelle piazze sin dall antichità. Ci sono anche esempi di vere e proprie insegne pubblicitarie, come ad esempio nell antica Pompei, dove l entrata dei negozi era delimitata da due pilastri sormontati da insegne. La merce sin dalle sue prime origini ha avuto bisogno di comunicare, di farsi desiderare. Tra il XV e il XVI secolo, nell era del Rinascimento, grazie allo sviluppo dei traffici commerciali internazionali, diventa necessario rendere note le proprietà di un certo prodotto; nasce così la figura del mercante imprenditore che vende le sue merci sui mercati internazionali in quantità decisamente maggiore rispetto all artigiano. Così, grazie anche ai progressi della navigazione, sul mercato fanno la loro comparsa beni di lusso e prodotti esotici. Progressivamente, aumentando la produzione dei prodotti, c è la necessità di vendere anche all estero, dov è però necessario che il prodotto possa essere identificato per provenienza e caratteristiche, che venga distinto dagli altri attraverso la marca. Una svolta decisiva nell evoluzione della pubblicità, è la comparsa del primo media di massa in assoluto: la stampa. Nel Seicento in Europa si diffondono le Gazzette, destinate ad un pubblico d elite. Presto compaiono anche i primi annunci pubblicitari che verso la fine del Settecento diventano a pagamento. Compaiono infatti piccoli annunci, inserzioni, annunci per vendita di libri o prodotti che, inizialmente gratuiti, diventano a pagamento. La pubblicità occupava già al tempo in modo stabile la 6

7 quarta pagina dei quotidiani, rimasta poi sinonimo di pubblicità fino alla seconda guerra mondiale, anche se con pochi lettori, dato l alto tasso di analfabetismo. Nell Ottocento nascono le prime concessionarie di pubblicità, ed è proprio agli inizi del secolo che la rèclame incontra il suo più importante supporto, che la accompagnerà per tutto il secolo e fino agli inizi del Novecento; inizia di fatto ad utilizzare il manifesto per la pubblicità, dando vita ad una nuova forma di espressione, tra arte e pubblicità. Inizialmente il manifesto, nato nel XV secolo, era utilizzato prettamente per rendere pubblici avvisi ufficiali da parte del potere politico, fatta eccezione per William Caxton, che utilizzò il manifesto per promuovere le cure termali a Salisbury nel 1477; questo fu il primo esempio di manifesto commerciale. Nei primi anni dell Ottocento gli editori, per pubblicizzare i propri romanzi, diventano i maggiori investitori in questo campo, facendosi illustrare le locandine dai principali artisti dell epoca e tappezzando per la prima volta i muri di Parigi e Londra di manifesti in bianco e nero. 1.2 L Ottocento L Ottocento è il secolo del progresso, nel campo delle tecnologia, della comunicazione e della produzione materiale. La seconda metà dell Ottocento offre le basi economiche, storiche e culturali per la nascita della pubblicità moderna. La grande quantità di merce generata dallo sviluppo industriale aveva bisogno di essere mostrata e fatta conoscere ai potenziali acquirenti, per lo più membri dell alta borghesia. Ovviamente una produzione di massa porta ad una vendita di massa, e quindi ad un enorme mercato che offre un infinita varietà di prodotti. Il consumatore ha quindi bisogno di punti di riferimento per orientarsi tra le varie offerte; la marca diventa inevitabilmente il collegamento tra chi produce e chi acquista e la pubblicità fornisce una conoscenza virtuale del prodotto prima di averlo incontrato. Con la nascita e il moltiplicarsi delle metropoli, nascono anche le gallerie commerciali, i grandi magazzini e gli spazi dedicati al commercio.tutto ciò porta ad un nuovo modello di vita e di consumo che si espande dalle metropoli alla periferia grazie alle riviste illustrate, alla pubblicità e alle grandi esposizioni universali, come quella di Parigi nel 1798 (la prima esposizione nazionale dell industria) o quella di 7

8 Londra nel 1851, la prima Esposizione Universale. Tramite questi nuovi mezzi da Parigi, Londra e Berlino si irradiano la moda, il gusto e le tendenze dell epoca in tutta Europa. 1.3 L epoca d oro del manifesto Come già accennato, nei primi anni dell Ottocento compaiono i primi manifesti, per lo più in bianco e nero e con una prevalenza del testo scritto. Nella seconda metà dell Ottocento, viene invece sfruttata la cromolitografia, che permette di stampare a colori. Gli artisti dell epoca, attratti da questo nuovo mezzo di guadagno, si dedicano a disegnare i soggetti dei manifesti, più che altro per la popolarità che regalava loro la comparsa del proprio nome sui muri delle metropoli. Al manifesto ricorrono teatri e cabaret, opere liriche e circhi equestri. La forma in cui il manifesto si presentava nelle città ottocentesche era sintetica, essenziale, immediata. Questo perché i flussi del traffico non permettevano ai passanti di focalizzarsi a lungo su ciò che era esposto. L artista è senza dubbio il protagonista assoluto di questo tipo di pubblicità, che vuole rappresentare soprattutto lo stile di vita dell alta borghesia dell epoca, che si trova nei teatri, nei cafè, che ascolta i primi fonografi, che guida le prime automobili. In Francia vengono prodotti i primi manifesti di rilievo da artisti noti a livello internazionale come Jules Chéret ( ), innovatore nello stile e nella tecnica della litografia, considerato il padre del manifesto moderno, poiché riesce a creare una sintesi visiva tra immagine e testo. Egli esercitò una forte influenza sugli artisti del tempo, dimostrando che il manifesto, per sua propria natura, rendeva possibile esprimere le proprie idee in modo diretto e sincero, andando a creare una specie di tachigrafia visiva. Realizzò più di mille manifesti e trovò un luogo nuovo dove esporre le proprie opere: la strada. 8

9 9 Lingua e Traduzione nella Pubblicità

10 Anche Henri de Toulouse Lautrec ( ) realizzò diversi manifesti pubblicitari, anche se in numero inferiore rispetto a Chéret a causa della sua breve vita. Egli seguì la linea di Chéret, ma il suo stile era diverso: Lautrec utilizzava toni caricaturali e comici nel rappresentare i personaggi dei suoi manifesti. Lo scenario che Chéret voleva mostrare era il passato, quello di Lautrec continuava ad essere il presente. Gli elementi presenti nell opera del primo vogliono compiacere, essere gradevoli, quelli del secondo inquietano. Tolouse Lautrec esercitò una grande influenza sugli artisti dei manifesti del XX secolo e l impatto della sua opera influenzò pittori come Pablo Picasso. I suoi manifesti più celebri rimangono quelli che realizzò per il Moulin Rouge e per altri cabaret di Parigi. 10

11 Anche il padre dell Art Nouveau, Alphonse Marie Mucha ( ), celebre illustratore, diede il suo contributo realizzando manifesti pubblicitari in linea con il suo stile prettamente decorativo. 11

12 1.4 Breve storia della pubblicità in Inghilterra La valorizzazione economica degli spazi pubblicitari ebbe inizio nel XVII secolo, estendendosi fino al XVIII secolo, specialmente in Inghilterra. Nel corso del XVIII secolo, si marca il passaggio dell annuncio da una funzione di semplice aiuto sussidiario per il commercio, ad una funzione di atto di commercio vero e proprio nelle agenzie di notizie. Questo passaggio è segnato dal momento in cui l annuncio pubblicitario implica un guadagno tramite lo sfruttamento dell attività editoriale. L editore, infatti, non conta più unicamente sui guadagni tramite la vendita o l abbonamento al proprio giornale, il suo potenziale economico aumenta grazie alla vendita di spazi pubblicitari all interno del suo prodotto. La pubblicità è già nel XVIII secolo, un attività di offerta e di domanda, di compravendita di spazi pubblicitari, con una ricerca sempre maggiore di efficienza nell informazione persuasiva a fini commerciali. Di fatto, nel XVIII secolo, solo nel Regno Unito si può parlare di una vera e propria pubblicità commerciale. Nel 1702 nasce in Inghilterra il Daily Courent, di Samuel Backley, il primo quotidiano inglese che segna l inizio del giornalismo moderno. Il fatto che il Daily Courent esca quotidianamente è senza dubbio un grande impulso nel processo di commercializzazione degli spazi pubblicitari. La dinamica commerciale di una pubblicazione quotidiana rende ancora più necessaria e indispensabile la pubblicità. Con il passare degli anni, in Inghilterra l attività di inserzione degli annunci crebbe tanto che nel 1712 il governo britannico impose un imposta sugli annunci pubblicitari. Di conseguenza gli investimenti diminuirono sostanzialmente. Nel 1730 fece la sua comparsa il Daily Advertiser, che offriva spazi pubblicitari tra notizie di carattere politico, commerciale e di natura sociale. In questo modo, chiunque volesse pubblicare il proprio annuncio, non doveva far altro che pagare una piccola tariffa. Grazie all Advertiser, la stampa britannica poté superare la crisi scaturita dall imposta del governo; il valore della pubblicità all interno dei quotidiani fu dimostrato, e gli stessi annunci aumentarono nonostante la tariffa, poiché gli imprenditori si resero conto che ne valeva la pena. 12

13 Nel 1785, John Walter fondò il Daily Universal Register (il futuro Times). Walter non aveva l intenzione di farlo diventare un quotidiano di informazione commerciale, tuttavia fece uso della pubblicità sin dal principio. Già negli ultimi anni del XVIII secolo, gli annunci pubblicitari in Inghilterra costituivano la principale fonte di guadagno; nel 1853 venne ritirata l imposta sulla pubblicità. L Inghilterra è il primo Paese in cui, nel 1812, aprono le prime agenzie pubblicitarie e William Tyler è considerato il primo agente pubblicitario. Il compito dei primi agenti pubblicitari inglesi era informarsi sui quotidiani presenti nelle diverse città inglesi e canalizzare la pubblicità di Londra verso le diverse pubblicazioni di provincia. Questo succedeva già nel Altro personaggio importante nel quadro dello sviluppo della pubblicità è James White che, nel 1800, iniziò non solo a comprare spazi, ma a redigere annunci pubblicitari. Egli fu il predecessore del copywriter e questa nuova figura diventò fissa e necessaria all interno delle agenzie verso la fine del XIX secolo. Nel 1829 a Londra c erano tre agenzie: Newton & Company, Baker & Company e Lawson & Barker. Dalla metà del XIX secolo, inizia la commercializzazione e la gestione degli spazi pubblicitari all estero. Nel 1850, ottenere uno spazio pubblicitario era molto difficile, a causa della guerra in corso tra gli attacchini. Gli agenti pubblicitari Willing & Partington riuscirono a porvi fine comprando spazi e diritti in determinati luoghi. Poco a poco gli attacchini scomparvero e nacquero le Advertiser Stations: gli agenti pubblicitari affittavano spazi nelle stazioni e lungo il percorso dei treni, gettando le basi per la pubblicità outdoor intesa nel suo concetto attuale. 13

14 1.5 Breve storia della pubblicità in Italia Alla fine dell Ottocento, con diversi anni di ritardo rispetto all Inghilterra, in Italia compaiono le prime inserzioni sulle ultime pagine dei giornali, all interno dei primi tram a cavallo. Nasce anche la prima concessionaria di pubblicità, fondata dal farmacista Attilio Manzoni nel 1863, attiva ancora oggi. Verso la metà del Novecento cominciano ad operare i cartellonisti. Il prodotto tuttavia, raramente viene posto in primo piano nei manifesti, perché ad essere pubblicizzato è, come in Francia, lo stile di vita della borghesia, nei cafè, nei teatri o alle corse dei cavalli. Con Leonetto Cappiello ( ) il manifesto conosce il suo periodo di massimo splendore in Italia. Cappiello, artista livornese, opera soprattutto in Francia; egli è, infatti, erede della tradizione francese e inventore del personaggio idea, come il cameriere arrampicato sul lampione creato per la Bitter Campari nel Marcello Dudovich ( ), altro importantissimo cartellonista italiano, realizzò quasi tutti i manifesti della Rinascente, rappresentando nei suoi lavori la bella vita dei primi del Novecento: le corse dei cavalli, gli abiti eleganti, i raduni mondani. Nel corso della sua carriera diede vita a più di 600 manifesti pubblicitari di ogni genere, influenzato dalle correnti artistiche dell epoca: i Preraffaelliti, il Liberty e lo Jügendstil tedesco. Negli anni Venti nascono le prime agenzie pubblicitarie, che vengono però soffocate dalla grande crisi del 1929 e, di fatto, gli unici uffici organizzati in questo settore rimangono le concessionarie di pubblicità. 14

15 Nel 1926, con la nascita della SIPRA (Società Italiana Pubblicità Radiofonica Anonima) e, successivamente, della pubblicità radiofonica, le aziende inserzioniste cominciano a sponsorizzare i programmi, dando così un nuovo impulso all uso della parola, messa in secondo piano rispetto al manifesto. Negli anni Trenta la pubblicità subisce una battuta di arresto a livello culturale, fortemente condizionata dal regime fascista. Il regime comincia infatti a sfruttare la pubblicità per sostenere i prodotti nazionali, avviando una politica di autarchia. Boccasile ( ) può essere considerato il cartellonista più rappresentativo degli anni Trenta, creatore della signorina grandi firme ; la sua fama è tuttavia oscurata a causa della realizzazione di diversi manifesti per la propaganda fascista. Egli si distingue dagli altri artisti dell epoca poiché la realtà che egli rappresenta nei manifesti che produce non è quella dell alta borghesia, bensì quella del popolo: non più donne alte, snelle e sofisticate, ma popolari e dalle forme abbondanti. Nonostante le difficoltà economiche che l industria pubblicitaria dovette affrontare nel secondo dopoguerra, negli anni cinquanta nacquero le prime associazioni di categoria e, qualche anno più tardi, arrivarono in Italia le agenzie americane. Il passaggio da pubblicità d artista a pubblicità professionale e televisiva è segnato dall opera di Armando Testa. Grafico, pittore e pubblicitario, nel 1946 apre uno studio che, nel 1956, diventa un agenzia pubblicitaria. Per Carosello crea una serie personaggi che, anche se nati negli anni Sessanta, sono sopravvissuti fino ad oggi o 15

16 fino a qualche anno fa; come Carmencita, creata per la Lavazza, la Bionda della Peroni, Pippo per la Lines o il pianeta Papilla per la Philco. Negli anni Cinquanta le aziende non possono ignorare l importanza che la pubblicità ha assunto in Italia e così cominciano ad instaurarsi sul territorio filiali delle grandi agenzie americane e inglesi. 1.6 Breve storia della pubblicità in Spagna In Spagna, nel 1718 la Gaceta de Madrid pubblica una lista di 22 prodotti con il loro prezzo e il loro valore. Questo può essere considerato il primo esempio di pubblicità presente nel Paese; senza dubbio, non ci sono indizi di annunci pubblicitari come fonte di guadagno per la stampa in Spagna, almeno fino al XIX secolo. Gli annunci infatti venivano pubblicati gratuitamente come conseguenza dei privilegi reali. Lo sviluppo delle agenzie pubblicitarie va infatti di pari passo con quello commerciale giornalistico (quando i giornali consideravano essenziale investire nella pubblicità per il proprio sviluppo). La prima agenzia pubblicitaria, La Publicidad Universal, fece la sua comparsa a Madrid nel L obbiettivo di questo gruppo di quotidiani regionali era quello di attirare campagne pubblicitarie a diffusione nazionale. La tariffa comprendeva quattro blocchi di inserzioni, se si inserivano annunci in un maggior numero di quotidiani, il prezzo diminuiva. Nel 1859 nasce La Correspondencia de España, la rivista più letta in Spagna nella metà del XIX secolo. È una rivista molto moderna per la sua epoca e sin dal principio ha diverse pagine dedicate alla pubblicità. Il fondatore della rivista, il Marchese di Santamar, si rese subito conto che le entrate assicurate dalla pubblicità erano di fondamentale importanza per le agenzie di informazione. La Correspondencia de España fu il primo giornale spagnolo a commercializzare direttamente e in modo sistematico gli spazi pubblicitari. Nel 1870 nasce una nuova agenzia, la Roldòs y Cìa, più simile alle agenzie moderne. Essa svolge due tipi di attività: affitta uno spazio, e lo utilizza per pubblicare annunci pubblicitari 16

17 colloca gli annunci sui giornali scelti dai clienti, e per questo servizio prendeva il 15% sul prezzo dell inserzione. Nel 1874 anche La Gaceta de Madrid arriva a considerare la pubblicità come un fatto economico di sfruttamento commerciale e stabilisce una serie di condizioni per lavorare con la pubblicità. Nel 1880 in Spagna nasce un associazione di inserzionisti; i giornali interessati potevano unirsi a questa associazione, nata per tutelare l interesse degli inserzionisti di fronte alle elevate tariffe imposte loro da alcuni giornali con il pretesto di una elevata diffusione. Nel mondo della pubblicità appare così per la prima volta una certa concorrenza. L aumento della concorrenza pubblicitaria portò il Marchese di Santana, fondatore de La Correspondencia de España, ad affittare la quarta pagina del giornale ad un impresa nata nel 1881 la Sociedad General de Anuncios de España, fondata da Adolfo Calzado con un capitale sociale di tre milioni di pesetas. Egli affittò la quarta pagina de La Correspondencia per un periodo di quindici anni, pagando per questo 1000 franchi al giorno. Questo era l unico giornale che riusciva a guadagnare con gli annunci pubblicitari in quel momento. Dopo la Sociedad General, nacquero altre imprese per la gestione e la contrattazione di spazi pubblicitari concreti e con il passare del tempo, tutti i più importanti e influenti quotidiani di Spagna riportavano annunci pubblicitari gestiti da queste imprese. 17

18 2. LA PUBBLICITÀ: ASPETTI SOCIOLOGICI E PSICOLOGICI Studiando la storia della pubblicità è interessante e necessario capire come quest ultima sia riuscita a diventare parte integrante della cultura che domina oggi. Comprendere questo, può aiutare a capire l evoluzione che, durante il XX secolo, la pubblicità ha sperimentato nella sua continua ricerca di una maggior efficacia e di migliori messaggi. Negli ultimi anni del XIX secolo, la creazione dei messaggi pubblicitari era affidata all intuizione di colui che ideava il messaggio. In seguito, l attenzione si sposta sul consumatore, in quanto elemento fondamentale, e su come attrarre la sua attenzione. Il processo di creazione del messaggio pubblicitario può essere riassunto nella sigla AIDA, ossia: Attention (Attrazione), Interest (Interesse), Desire (Desiderio), Action (Azione). Questa è la base dei testi messaggi presenti su manifesti e quotidiani dei primi anni del XX secolo. L AIDA, ideato da Elmo Lewis nel 1898 studiando il processo pubblicitario al livello di comportamento, rappresenta uno dei primi modelli ideati per implementare una campagna pubblicitaria e analizza le quattro fasi che il consumatore attraversa e che lo portano a decidere di acquistare un determinato prodotto: ATTRAZIONE: attirare l attenzione del consumatore 18

19 INTERESSE: sollevare l interesse del consumatore focalizzandosi e dimostrando benefici e vantaggi del prodotto (invece di mostrare le sue caratteristiche, come nella pubblicità tradizionale) DESIDERIO: convincere i clienti che desiderano il prodotto o il servizio e che questo soddisferà le loro necessità AZIONE: portare i consumatori ad agire e acquistare La psicologia della pubblicità nasce con il cambio di secolo e il suo sviluppo sarà direttamente collegato con quello della psicologia industriale o d impresa, con la nascita della società della comunicazione e con la necessità di conoscere e comprendere il comportamento del consumatore. Questo primo collegamento tra psicologia industriale e psicologia della pubblicità si crea quando la psicologia, in quanto scienza empirica, muoveva i suoi primi passi. Il modello AIDA continuerà ad essere punto di riferimento e ad ispirare molti test realizzati per controllare l efficacia pubblicitaria degli annunci. Oggi il modello di Lewis è ritenuto eccessivamente semplice e abbastanza ingenuo, in particolare l ultimo punto, l Azione, poiché al giorno d oggi una pubblicità può evocare il desiderio, convincere che il prodotto sia una soluzione valida e desiderabile, stimolare quindi una propensione all acquisto, ma non può certo portare direttamente all acquisto. Nel 1940 fu adottata dalle agenzie pubblicitarie una variazione del modello AIDA. Rosser Reeves, della Ted Bates & Company, idea infatti la formula dell USP (Unique Selling Proposition), una delle migliori proposte al mondo a livello pubblicitario. Questa formula utilizza il concetto di potere di convinzione e persuasione dell annuncio in base all argomento di vendita utilizzato. Cerca di identificare una caratteristica unica nel prodotto e la collega alle menti dei consumatori con il nome della marca. La USP si basa sulla concezione nazionale della personalità umana indotta alla ricerca di un beneficio concreto nel momento dell acquisto materiale. La pubblicità 19

20 deve quindi cercare un messaggio unico che offra benefici al consumatore, basato su caratteristiche concrete. Le peculiarità di questo messaggio unico, per coloro che seguono questo modello, sono tre: E necessario che contenga una promessa facile da ricordare; Il messaggio deve inglobare un concetto unico che deve provenire o dalle qualità del prodotto o da un argomento secondo il quale non si debbano utilizzare altri prodotti simili; Il messaggio deve basarsi su una ragione convincente e verosimile. Questa formula viene utilizzata ancora oggi, non solo nell ambito pubblicitario, ma anche nella propaganda politica. Come reazione a questi modelli di Istintivismo, nacque il Comportamentismo, modello basato sull'assunto che il comportamento esplicito dell uomo sia l'unica unità di analisi scientificamente studiabile della psicologia, in quanto direttamente osservabile dallo studioso. Le nuove esigenze di mercato, unite alla convinzione che la decisione nell acquisto non fosse totalmente razionale, facilitarono l influenza che Pavlov e Watson, ideatori del Comportamentismo, ebbero nell ambito della tecnica pubblicitaria. L obbiettivo di questo modello è cercare di creare, attraverso la ricezione di frasi e immagini, una motivazione incosciente che condizioni in modo riflesso la scelta del consumatore. Le impostazioni comportamentiste sottolineano come l efficacia pubblicitaria stia nello stimolare necessità che provochino impulsi, offrendo al recettore il prodotto in quanto incentivo adeguato per la soddisfazione di tale necessità. Si spiega così il comportamento dei consumatori, scoprendo le loro abitudini di condotta, creando un prodotto che tende a soddisfare le esigenze della gente. A questa tendenza comportamentista seguirono diverse critiche, soprattutto per la passività e l inerzia che questa provocava nel pubblico. Come segno di rifiuto al Comportamentismo, nasce la ricerca motivazionale: il Comportamentismo nega all individuo altre proprie capacità, come quella di porsi delle domande, nega il 20

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI (FAQ)

DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DOMANDE FREQUENTI (FAQ) Per la sua convenienza, le seguenti informazioni sono fornite in italiano. La preghiamo di prender nota che ogni transazione od ulteriore comunicazione verrà condotta solamente

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli