COSTANTINO VINCENZA. Centri di interesse: -linguaggi settoriali -didattica delle lingue -traduzioni di testi specialistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTANTINO VINCENZA. Centri di interesse: -linguaggi settoriali -didattica delle lingue -traduzioni di testi specialistici"

Transcript

1 COSTANTINO VINCENZA Professore Associato di LINGUA FRANCESE(L-LIN/04) presso la Facoltà di Economia di Bari in quiescenza dal 1 novembre Centri di interesse: -linguaggi settoriali -didattica delle lingue -traduzioni di testi specialistici Attività scientifica e di ricerca Centro principale di interesse delle mie ricerche è quello relativo ai linguaggi settoriali. Il lessico economico e commerciale, più strettamente legato all'attività didattica svolta, è evidenziato e commentato in Le Canada Aujourd'hui: regard sur l'économie. Un attenzione particolare è dedicata anche al lessico statistico ed è in corso la compilazione di un dizionario bilingue francese di scienze statistiche: Lire et comprendre les statistiques. Il linguaggio economico,con particolare attenzione alla crisi finanziaria, è l oggetto del testo La crise: pile, face et dorée sur tranche. Les mots dela crise. Mondiale, incontrollata, la crisi economica e finanziaria riflette le paure e le attese della nostra società dando vita a un ampia creatività linguistica. Je crise tu crises nous crisons la stampa francese coniuga il fenomeno e costituisce un valido supporto didattico per analisi del lessico specialistico. Il volume, Crisomanie: les experts en parlent riprende il tema della crisi ancora onnipresente sulle prime pagine della stampa. Gli esperti si esprimono proiettando le loro analisi del fenomeno verso il futuro. Il linguaggio si adegua al linguaggio economico a lungo e medio termine. Lo studio dell andamento in prospettiva della situazione suggerita dagli specialisti, l approfondimento linguistico e semantico del corpus selezionato e, infine, une étude de cas in un settore economico bifronte, quello della pubblicità, vittima e sfruttatrice della crisi, costituiscono i tre tempi in cui si articola il lavoro. Il linguaggio della pubblicità è analizzato in Les coulisses de la plublicité ou le vrai pouvoir des mots. Nella prima parte l attenzione si è soffermata sulla creatività del 'fantalinguaggio' pubblicitario, la sua libertà di vocabolario, di grammatica, di stile, sulla lingua 'puzzle' caratterizzata da registri diversi e microlinguaggi eterogenei. Nella seconda si è messo in evidenza un'altra arma particolarmente efficace nei messaggi pubblicitari e cioè l'ambiguità, favorita o potenziata dall'uso dell'omonimia, dal nome della marca troppo conosciuto, dalla presenza di più contesti isotopici, dalle espressioni lessicalizzate, dal rapporto conflittuale tra il contesto linguistico iconic e quello iconico. Nel volume A pleins slogans: jeux et enjeux du langage de la publicité, l'analisi delle strutture linguistiche ricorrenti nel linguaggio pubblicitario è ampliata e approfondita, valutandone anche l'uso didattico. La pubblicità, in quanto comunicazione mercantile, 1

2 necessita di risposte da parte del destinatario. Perché questo avvenga è necessario che una comunicazione efficace si realizzi nel messaggio pubblicitario. Molteplici sono i mezzi per raggiungere tale scopo, a condizione di conoscere la cible a cui ci si rivolge. La creatività espressiva, linguistica ed extra linguistica, è un buon mezzo per attirare e conservare l'attenzione dell'interlocutore. L esempio di un modello riuscito può essere considerato il caso OMO. Alcune forme stilistiche, semantiche o linguistiche, ricorrenti nei messaggi, possono favorire la comunicazione e l'eventuale risposta del destinatario. E' quanto è messo in evidenza attraverso l'analisi di numerosi slogan selezionati nella stampa francese. L'antonimia, morfologica o lessicale, permanente o occasionale, semplice o multipla, manifesta o sottintesa, utilizzata secondo uno schema simmetrico o asimmetrico, è un supporto valido per 'sintonizzarsi' col ricevente e farlo 'rimanere in linea'. Il gioco diventa più intrigante e accattivante se il messaggio iconico interviene confermando, completando, suggerendo la chiave di lettura del messaggio linguistico o opponendovisi. Anche le espressioni lessicalizzate, indipendentemente dal loro status, possono garantire l'efficacia di un messaggio. Cristallizzate dall'uso nel tempo e quindi inviolabili, esse costituiscono un'ottima fonte di creatività dal momento in cui viene loro restituita la libertà perduta e significati alternativi nascono in un rapporto di opposizione o di continuità rispetto alla formule figée d'origine. I significati stereotipati sono 'risentimatizzati' secondo le esigenze del messaggio, con o senza l'apporto iconico, o défigés attraverso interventi quantitativi o qualitativi sulla struttura. Seguendo un processo inverso, nuovi clichés linguistici e culturali nascono, generati da alcuni slogan più riusciti, e si integrano totalmente nella lingua corrente o, parzialmente, colmano delle 'lacune linguistiche'. La forma interrogativa, modalità di comunicazione esplicita, facilita il filo diretto con il consumatore potenziale, facilita la complicità tra il mittente e il ricevente, in un gioco di vere o false domande. Slogans-questions, costruiti nel rispetto rigido della grammatica o nella più ampia libertà espressiva, permettono di personalizzare maggiormente il discorso e quindi di raggiungere più efficacemente la cible. Una comunicazione efficace può divenire anche un ottimo supporto per un uso didattico. Esperienze diverse sono presentate nell'ultima parte della ricerca. Per concludere, un lessico eterogeneo, costituito da definizioni semplici, accessibili a tutti, mi è sembrato utile per introdurre i 'meno specialisti' a concetti appartenenti a realtà diverse (retorica, linguistica, marketing...), aventi però un'ottica comune: promuovere un messaggio pubblicitario. L'evoluzione degli stereotipi femminili è il tema affrontato in La femme Vichy fait peau neuve. Attraverso l'analisi delle campagne pubblicitarie Vichy e lo studio comparativo di altre pubblicità più audaci sono evidenziate le tappe diacroniche che segnano le conquiste femminili nella società. Il linguaggio dello spazio nella letteratura costituisce un altro argomento di analisi. Autori diversi appartenenti a correnti diverse, sono stati oggetto di analisi aventi quale unico denominatore comune lo spazio, nelle sue relazioni e interrelazioni con l'individuo: spazio soggettivo, spazio percepito, spazio immaginato, spazio vissuto, spazio interiorizzato, spazio frutto di esperienze dirette o emozionali. La prima analisi, Ambiance de banlieue: un parcours géo-littéraire à travers Les Gommes de Robbe Grillet, privilegia l'immaginario urbano. Il centre è opposto alla periferia mettendo in evidenza assi strutturanti, riferimenti fisici, riferimenti sociali, proprietà topologiche. E' una scelta provocatoria per una lettura geo-letteraria di un testo che non ha alcuna pretesa di oggettività. 2

3 Lo spazio della vita quotidiana, delle relazioni e delle pratiche abituali riporta al concetto di territorialità e alla sua dimensione latente, la quotidianità. In Territorialitàquotidianità, chiave di lettura di un testo letterario: 'Bonheur d'occasion' di G, Roy è affrontata un'analisi sistematica della territorialità-quotidianità dei personaggi del romanzo. Questi sono sottoposti ad una ideale intervista, sulla base di un questionario realmente utilizzato par valutare il radicamento degli immigrati. Le risposte sono ricavate dai dialoghi intercorrenti tra i personaggi del romanzo. Spazio quotidiano e spazio di trasgressione, 'routine' e 'eccezionalità', spazio concreto e spazio astratto sono le chiavi di lettura in Spazio quotidiano dominante e spazio alternativo in 'Moderato Cantabile' di Marguerite Duras. Territorializzazione, deterritorializzazione e riterritorializzazione sono le tappe evidenziate nello studio dei paesaggi urbani e naturali in G.Roy, ses racines et son imaginaire, comunicazione presentata al convegno internazionale G. Roy, organizzato dal Collège Universitaire de Saint-Boniface (Winnipeg-Manitoba-Canada): Il tema è ripreso e approfondito nella seconda parte di Relire l'espace littéraire. Gli atteggiamenti che traducono il rapporto di un autore nei confronti del suo territorio possono chiarire o persino giustificare le sue azioni. E' quanto emerge dalla lettura incrociata delle opere giovanili di Camus fatta in Représentation de l'espace et action: une relecture de A. Camus. Questa comunicazione è stata presentata al convegno internazionale "Les représentations en actes", organizzato dall'università di Grenoble.- Con Insegnare agli uomini e apprendere dagli uomini: l'approccio della geografia letteraria, comunicazione presentata al convegno "Immagine soggettiva e ambiente" organizzato dall'università di Milano, e Représentations mentales, marqueurs territoriaux et pratiques spatiales: une analyse géo-littéraire, comunicazione presentata al convegno "Les nouveaux aspects de la théorie sociale" organizzato dal Centre Culturel Canadien de Paris, il tema relativo allo spazio è affrontato con sfaccettature diverse nel tentativo di ritrovare regolarità di comportamenti e atteggiamenti che consentano di confermare il paradigma umanistico. Alcune 'patologie' legate allo spazio sono evidenziate in Identité et espace: des exemples littéraires, comunicazione presentata al convegno "Lire, dire, vivre l'espace", organizzato dall'università di Ginevra. Lo spazio fisico, sociale, simbolico, ha un ruolo primario nel romanzo giallo, in quanto guida l'azione sia come fonte di informazioni, quindi alleato del detective, sia come complice dell'assassino. E' la chiave di lettura adottata in George Simenon: un espace complice. Lo spazio controllato o gestito dalla criminalità organizzata è indagato in La Mafia dans la littérature, comunicazione presentata al 2 Festival de Géographie de Saint-Diédes-Vosges, e in Littéroscopie d'une association criminelle. 'Le jour de la chouette' de Leonardo Sciascia. Un momento di riflessione sull'interesse di analisi spaziali geo-letterarie nella letteratura francese, viene effettuato nella prima parte di Relire l'espace littéraire. Nella seconda l'attenzione si trasferisce allo spazio autobiografico di G. Roy e ai suoi paesaggi, frutto di un 'bricolage' di paesaggi estetici e sentimentali, che si trasformano, respirano, palpitano, vivono e si esprimono in una lingua che va al di là del visibile. L attività scientifica ha visto poi la convergenza del duplice interesse che ha caratterizzato le ricerche centrate da una parte sulla rappresentazione dello spazio nella letteratura e dall altra sulle strutture linguistiche della comunicazione pubblicitaria. Nel volume Chaque chose à/a sa place. L espace et la pub, si è sottolineato il ruolo che la dimensione spaziale ha nel processo mercantile. La prima parte è dedicata alla rilevazione 3

4 delle varie accezioni del termine spazio passando dai dizionari convenzionali a quelli specialistici, dalle definizioni più classiche del termine presenti in opere geografiche di base a quelle umanistiche, risultato dell apporto e della convergenza delle stesse scienze umane. Si è evidenziato il concetto fenomenologico dello spazio antropocentrico, secondo il quale l uomo, al centro di uno spazio infinito e definito, percepisce lo spazio che lo circonda come un insieme di gusci concentrici, e in funzione della distanza gerarchizza i suoi spazi di vita, i suoi territori di caccia. Si sovrappongono così più strati che definiscono sfere diverse che, riprendendo l immagine della cipolla, si allontanano dal nodo centrale. Nella seconda parte si è passati all analisi della dimensione spaziale presente nei messaggi pubblicitari. Il campione, selezionato nella stampa francese, conformemente alla concezione antropocentrica dello spazio, segue lo stesso schema delle coquilles teorizzato da Abraham Moles. L analisi parte quindi dalla pelle, il primo strato che definisce l essere biologico, segue la sfera del gesto, quindi la camera e l appartamento, poi il quartiere, la città. Il desiderio di evasione spinge l individuo ad allontanarsi dai suoi spazi di vita quotidiani alla scoperta di nuovi territori più o meno vicini, regione, nazione, vasto mondo. Pur privilegiando il contesto iconico come punto di partenza per l analisi della rappresentazione spaziale, lo studio non trascura l apporto del messaggio linguistico e valuta il rapporto esistente tra i due contesti. Vengono così evidenziate di volta in volta il ruolo e le funzioni diverse che lo spazio ha nel processo comunicativo e nella sua finalità mercantile. Il volume è edito da Schena- Presses de l Université Paris 4-Sorbonne, Fasano-Paris, 2004 b. Ipotesi e percorsi didattici Il bilancio della sperimentazione di una tecnica didattica innovativa per l'insegnamento delle lingue straniere è l'oggetto de Delphi, une stratégie à choix multiples. Concretizzazione e verifica della tappa creativa di un percorso didattico possibile sono presentate in Une pub fait sauter la banque. Itinerari didattici meno convenzionali sono ipotizzati in Una strategia competitiva per il laureato in Economia: il plurilinguismo e nell'ultimo capitolo di A pleins slogans: jeux et enjeux du langage de la publicité. In fase di preparazione, Dé-lire de pub. La publicité en classe de langue è un lavoro frutto di una riflessione teorica sulla validità dell uso didattico di messaggi pubblicitari, supporto particolarmente motivante per studenti non specialisti della lingua. In quanto comunicazione prettamente commerciale, la pubblicità è un mezzo efficace per approfondire le strategie commerciali e le tecniche di comunicazione. In quanto prodotto della cultura che la genera, è un buon pretesto per evidenziare le norme, le credenze e i sistemi di valori che riflette. Finalità commerciali e stereotipi culturali convergono efficacemente in un discorso linguistico più ampio. Lavorare sulla pubblicità comporta delle priorità legate alle diverse finalità ma che non posso prescindere dall analisi dei modelli linguistici che la caratterizzano. Perché un messaggio pubblicitario non passi inosservato, è necessario che veicoli emozioni forti. Lo shockvertising si inserisce in questa ottica e, per raggiungere lo scopo, provoca i destinatari giocando sui tabu. E opinione corrente, anche se non condivisa da 4

5 tutti, che la pubblicità è un arte che può permettersi tutto, ma fin dove è lecito osare? La pub flirte avec la transgression cercherà di rispondervi. La langue des cités: la cyberlangue, sarà centrato sull evoluzione/rivoluzione della lingua francese e in particolare sullo studio dei nuovi codici linguistici giovanili. Anglicismi francesizzati, linguaggio fonetico, onomatopee, neologismi, abbreviazioni, ellissi etc., si trasferiscono dalla comunicazione orale a quella scritta, giustificati dall urgenza del messaggio e dall esigenza di essere in linea con gli altri. Si tratta di deviazioni/fenomeni interessanti da analizzare, apparentemente nuovi, ma che in realtà hanno le loro origini lontano nel tempo. PUBBLICAZIONI TRADUZIONE di A. BAILLY, "Geografia della percezione e analisi quantitative", Bollettino della Società Geografica Italiana, 1983, n.1-3 (in collaborazione con A Bailly), "Ambiance de banlieue: un parcours géo-littéraire à travers Les Gommes de A. Robbe Grillet ", Actions et Recherches Sociales, 1985 (in collaborazione con C. Copeta), "Territorialità-Quotidianità, chiave di lettura di un testo letterario: Bonheur d'occasion di G. Roy", Annali della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, Bari, 1985 "Représentation de l'espace et action: une lecture de A. Camus " in J-P- GUERIN et H. GUMUCHIAN (éds), Les représentations en actes ; Grenoble, Grenoble I, 1985 TRADUZIONE di A. BAILLY, e di D. MAILLAT, "Il settore dei servizi: una possibilità per lo sviluppo locale", in R. CAMAGNI e L. MALFI (éds), Innovazione e Sviluppo delle regioni mature, Milano, Angeli, 1986 (in collaborazione con A. Bailly). "Insegnare agli uomini e apprendere dagli uomini: l'approccio della geografia letteraria" in E. BIANCHI, F. PERUSSIA, M.F. ROSSI (éds), Immagine soggettiva e ambiente, Unicopli, Milano, 1987 (in collaborazione con A.Bailly), " Représentations mentales, marqueurs territoriaux et pratiques spatiales: une analyse géo-littéraire ", in G. BENKO et alii, Les nouveaux aspects de la théorie sociale, Caen, Paradigme, 1988 Le Canada aujourd'hui. Regard sur l'économie, Bari, Adriatica 1988 " Spazio quotidiano dominante e spazio alternativo in Moderato Cantabile di Marguerite Duras, Quaderni, Istituto di Lingue Straniere, Fac. Economia e Commercio di Bari, Bari, Cacucci, 1990 "Identité et Espace: des exemples littéraires" in A. BAILLY, R. SCARIATI (éds), L'Humanisme en Géographie, Paris, Anthropos,

6 " Georges Simenon : un espace 'complice' ", Quaderni 2, Ist. Lingue Straniere, Fac. Economia e Commercio di Bari, Bari, Cacucci, 1992 " Littéro-scopie d'une association criminelle. Le jour de la chouette de Leonardo Sciascia ", Quaderni 3, Istituto di Lingue Straniere, Fac. Di Economia e Commercio di Bari, Bari, Cacucci, 1992 ""La Mafia dans la littérature ", in R. KNAFOU (éd.), Mégalopoles et villes géantes. Pour une écologie urbaine, Actes du 2ème Festival International de Gèographie de Saint- Diédes Vosges, Jarville - La Malgrange, Editions de l'est, 1992 " Les coulisses de la publicité ou le vrai pouvoir des mots ", Quaderni 4, Istituto di Lingue Straniere, Fac. Di Economia e Commercio di Bari, Bari, fratelli Laterza, 1993 " La femme Vichy fait 'fait peau neuve', Quaderni 5, Istituto di Lingue Straniere di Bari, Bari, Cacucci, 1994 "Delphi, une stratégie à choix multiples: Version française", Quaderni 6, Istituto di Lingue Straniere, Fac. Di Economia e Commercio di Bari, Fasano, Schena, 1995 " G. Roy, ses racines et son imaginaire ", in A. FAUCHON (dir.), Colloque International Gabrielle Roy, Saint-Boniface, Presses Universitaires de Saint-Boniface, 1996 Relire l'espace littéraire, Bari, Cacucci, 1996 " Una strategia competitiva per il laureato in Economia : il plurilinguismo : Un percorso didattico applicato al francese ", Quaderni 8, Istituto di Lingue Straniere, Fac. di Economia di Bari, Bari, Adriatica, 1997 Une pub fait sauter la banque, Itinerari didattici, Bari, W.I.P. Edizioni scientifiche, Bari, 1999, pp.187 A pleins slogans: jeux et enjeux du langage de la publicité, Fasano-Paris, Schena-Didier Erudition, 2000, pp.208 Chaque chose a sa place. L espace et la pub, Fasano-Paris, Schena-Presses de l Université Paris 4-Sorbonne, 2004, pp. 160 (in collaborazione con Corinne Collomb, Diane Guerrier, Christine Morel), «Caleidoscopio del gemellaggio Puglia-Francia. La lingua strumento di eventi Atti del Convegno 120 anniversario Fac. Economia, 2006 (in attesa di pubblicazione) (in collaborazione con C. Collomb), La crise: pile, face et dorée sur tranche: Les mots de la crise, Bari, Wip éd. 2010, pp. 158 (in collaborazione con C. Collomb), Crisomania: les experts en parlent, Wip ed. (In corso di stampa ) 6

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5]

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5] Lessico e registro Lezione tenuta il 25 maggio 2015 nel polo Linceo di Calabria, l Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria, nell ambito del progetto Per una nuova didattica dell italiano.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli