Henry James dotato di un habitus colto che ha un ruolo fondamentale nell investimento sull elaborazione dell art of fiction.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Henry James dotato di un habitus colto che ha un ruolo fondamentale nell investimento sull elaborazione dell art of fiction."

Transcript

1 Pierre Bourdieu: Capitale culturale Capitale sociale ==> habitus Henry James dotato di un habitus colto che ha un ruolo fondamentale nell investimento sull elaborazione dell art of fiction. Henry James vive a più riprese in Europa. Da adulto Henry James decide di vivere in Europa per sempre (in GB). Rapporto conflittuale di James con l America, che emerge nel TEMA INTERNAZIONALE = confronto/scontro tra cultura americana e cultura europea. Europa è stata un riferimento costante per gli USA, sia in positivo, sia in negativo (America come anti-europa). James drammatizza questo confronto/scontro a livello letterario e inventa il personaggio dell americano: ricco, innocente, un po sprovveduto. Anche Isabelle Archer (Portrait of a Lady) ha queste caratteristiche. Il viaggioin Europa, prima di questo periodo era solitamente appannaggio delle classi elevate (cfr. Grand Tour) per la formazione dei rampolli dell alta borghesia. Dopo la guerra civile ( ) si ha una maggiore diffusione della ricchezze (sviluppo industriale e produzione in serie innescata dall esperienza bellica). Inoltre la navigazione di linea tra USA e Europa favorisce gli scambi. L americano espatriato mantiene lo sguardo sull America. Il fiore dell arte può crescere e svilupparsi solo in una civiltà complessa e stratificata. Questa civiltà non è quella americana, ma quella europea secondo James. Si ha la scelta di vivere in un luogo che è la culla dell arte e della storia. James si dedica esclusivamente all arte, creando nel mondo anglosassone la stessa figura di artista che Gustave Flaubert aveva creato nel mondo francese: professionista a tempo pieno, indipendente dalle leggi della politica e dell arte. L arte per l arte. Questa, in America, è l epoca di: - Story papers - Dime novels Dime = moneta da 10 cents Che funzione sociale svolgevano story papers e dime novels? È il periodo di chiusura della frontiera (1890) ==> si conclude l espansione sul continente. La realtà quotidiana diventa quella urbana: es. New York e Chicago hanno già diversi milioni di abitanti. Possibilità di identificazione con personaggi delineati in modo piuttosto schematico e ripetitivo. Detective Nick Carter

2 Un numero crescente di immigrati viene educato e assimilato alla cultura WASP (etica del lavoro, ottimismo, ecc.) Horation Alger Stride and Succeed Questo genere di letteratura mette in pericolo la possibilità di avvicinarsi alla letteratura secondo il valore della appreciation = esercizio della sensibilità e del gusto. Nonostante l opposizione alla letteratura di consumo, James nella sua opera di rivalutazione della letteratura deve servirsi in maniera sottile, schermata e ambigua delle forme di linguaggio del consumo e della pubblicità (da cui ormai non si può più prescindere). Per fare del romanzo una forma d arte James deve mettere in opera anche strategie interne: - Punto di vista limitato (al posto della narrazione onnisciente) - Drammatizzazione - Narratore interno - Uso delle metafore - Soggettivizzazione - Oscurità della prosa => porre il lettore in una posizione critica rispetto all atto della lettura. Tutto questo spiana la strada alle avanguardie del Novecento (es. prosa modernista, stream of consciousness). L America distanziata di James è molto diversa da quella di Kate Chopin (dal cognome del marito Oscar Chopin, il suo cognome era O Flaherty). Nata nel Missouri. Padre della Chopin è uno dei fondatori della Pacific Railway. James Hill Colin Huntington St. Louis, Missouri New Orleans, Louisiana Louisiana Purchase cultura franco-creola Tilly Olsen Annie Proulx (Brokeback Mountain) Formazione culturale della Chopin è essenzialmente da autodidatta. All epoca la Chopin era considerata esponente della cultura regionale o di local color. Rappresenta la Louisiana nei suoi paesaggi, usanze, tradizioni, ecc.

3 Resa accurata di personaggi, luoghi, dialetto, costumi e topografia caratteristici di una particolare regione (nel caso della Chopin il sud). Sarah Orne Jewett altra esponente importante del local color. Quadro del paese molto composito e diversificato se non frammentato. Per alcuni critici questo tipo di cultura regionale ha un impatto importante e addirittura decisivo: il movimento regionalista fu fondamentale nella costruzione di una cultura nazionale dopo la guerra civile. È un racconto delle differenze e apre spazio per aree che non avevano avuto voce. Altri critici sostengono che la differenza tra scrittori regionalisti e scrittori realisti è semplicemente una differenza di potere (vengono chiamati realisti quegli scrittori che hanno accesso ai centri di potere, mentre si chiamano regional coloro che occupano un ruolo subalterno). In effetti il numero di donne che sono classificate come regional è molto più alto del numero di uomini classificati come tali e molto più basso del numero di donne classificate come realiste. The Awakening ==> romanzo finissimo e prorompente che venne però criticato per la violazione delle norme morali. Accusata di morbosità. Quando venne riscoperto negli anni Settanta del Novecento venne definito come femminista, neo-trascendentalista, realista, regionalista, ecc. ecc. Questo dimostra che The Awakening è un opera complessa e anticipatrice, che fa esplodere le convenzioni della letteratura regionalista e della letteratura femminile. The Awakening e Portrait of a Lady = mondo alto-borghese. Maggie: A Girl of the Streets (1893) di Stephen Crane --> mondo proletario della Bowery Naturalismo => resa fin nei minimi dettagli e spassionata di una realtà sociale e quotidiana di un ambiente, basata sullo studio e sull osservazione diretta. Crane era anche giornalista. Idea base del naturalismo è che l individuo è dominato da forze che lo sovrastano (ereditarietà o ambiente sociale) => sovradeterminato da una realtà esterna. Esiste una dimensione naturalistica, ma una forza ancora più grande nella vita dei personaggi è rappresentato dal rapporto con la cultura di massa (es. romanzo sentimentale, melodrammi teatrali) I romanzi in esame testimoniano i mutamenti della condizione della donna dopo la guerra civile (bianca e appartenente o aspirante alla middle class). Vi sono cambiamenti nella prospettiva e nello status femminile. Vi sono per la prima volta donne professioniste, anche se non a tutti gli effetti. The Story of Avis di Elizabeth Stuart Phelps Avis Wait

4 Henry James, The Bostonians (1886) Ideologia delle separate spheres (donna = ambiente domestico, uomo = politica e professione) comincia a incrinarsi Seneca Falls Convention (1848) 1870 => accesso delle donne all università Land Grant Colleges nel Midwest Howard University e Spellmann College sono addirittura aperte alle donne nere. Si forma una classe dirigente in diversi settori. L economia è in crescita e così anche la popolazione (crescita esponenziale, principalmente grazie all immigrazione di italiani, ebrei dell Est europeo). Si impone la necessità di lavoratori con un livello di istruzione più alto e quindi le donne occupano posizioni nell insegnamento. Ma c è anche una serie di scoperte e quindi le donne diventano telegrafiste, ecc. True woman è sostituita dalla new woman. New York Edition => edizione de luxe con immagini scelte insieme a Alvin Langdon Coburn. Questa edizione contiene le prefazioni. La prefazione di Portrait of a Lady è di circa 30 anni posteriore al romanzo. James sperava di riconquistare terreno con i lettori, che lo accusavano di scrivere romanzi troppo lunghi e troppo poveri di azione. Vulgata critica: James autore raffinato e difficile apprezzato soprattutto dagli intellettuali, ma di scarso successo commerciale. Questa immagine di James è in gran parte una costruzione successiva. James non smise mai di cercare anche il successo. T. S. Eliot => definisce James scrittore dalla mente troppo raffinata perché un idea possa violarla (intellettuale da torre d avorio, indifferente a impegno sociale, morale, ideologico, ecc.). Questa è stata a lungo l opinione critica su James. James omosessuale. Frequentazioni ambienti omosessuali dell estetismo inglese negli anni Settanta dell Ottocento. Frequentazione di Hendrick Anderson (scultore). James scrivendo a Anderson parla di amore, di sussulti dell anima, di pulsazioni. La dimensione erotica si mescola con la dimensione metaforica. Nella prefazione non ci sono indicazioni univoche o assolute sul romanzo. Non offre commenti o chiavi di lettura universali. Al massimo si invita il lettore a leggere con attenzione alcuni momenti significativi dell opera. James si pone come lettore della propria opera.

5 James presenta un modello di rapporto con il testo letterario. Questo rapporto come si configura? In una lettera all editore James parla delle prefazioni come composizioni liberamente colloquiali e perfino confidenziali. James si presenta in una veste triplice: - autore (ideazione dell opera, difficoltà incontrate e superate); - lettore (confronto con l opera da una posizione esterna); - critico (capace di descriverne le tecniche, di valutarne l organizzazione formale, di parlare di pregi e difetti, essendo in possesso di una specifica expertise) => James usa categorie che poi diventeranno correnti tra i critici. James non ci dà informazioni dirette su personaggi e contenuti specifici dell opera nella prefazione. Egli, invece, rappresenta se stesso e i suoi ricordi personali. Abbiamo la rappresentazione dello scenario della scrittura. Brano della prefazione: It is a long novel, and I was long in writing it... [...] mightn t come into sight (vedere la prefazione online: ) Complessa operazione: l io presente si confronta con l io di allora (quando stava scrivendo il romanzo), ma c è un altro piano temporale: questo è collocato prima della scrittura. E poi c è anche il piano del futuro: quello che riguarda la lettura dell opera. James costruisce un immagine dell autore prestigiosa e monumentale (canonizzazione del Master of fiction) e al tempo stesso ci fornisce una rappresentazione di sé dai tratti umani e familiari. James attrae il pubblico attraverso un esperienza condivisibile, mettendo in luce le proprie debolezze e sfruttando l immagine personale. Hawthorne è un modello fondamentale. Ma attraverso la messa in scena di sé come persona, James compie un azione mediatica molto moderna, suscitando la curiosità del pubblico su aspetti che dovrebbero essere estranei alla dimensione della letteratura. Questo è un esempio del legame di James con il linguaggio pubblicitario. La critica si avvicina all arte in James, ne incorpora i modi e il linguaggio. Nel brano della prefazione proposto in precedenza, da che cosa si riconosce questa dimensione letteraria? Dove troviamo the ship of some right suggestion che cosa abbiamo? Una metafora. Ecco allora che la dimensione fictional emerge attraverso la metaforizzazione dell esperienza (anche mentale): i fatti, gli avvenimenti, gli oggetti e le idee vengono spesso dislocati sul piano della metafora. Major phase (romanzi dal 1902 in poi). L idea giusta è delineata attraverso l immagine della nave. Qualcosa di astratto assume una forma concreta, ma attraverso un immagine traslata. Ecco perché si parla di rarefazione (metaforica) della scrittura jamesiana. I dettagli realistici non sono mai importanti in sé, ma per i significati ulteriori che assumono, attraverso la trasfigurazione simbolica (come in Hawthorne) o l effetto che producono su chi li osserva (soggettivizzazione = uno degli elementi dello sperimentalismo di James). Isabel Archer

6 Gilbert Osmond Shock of recognition di Isabel Archer (quando scopre la vera natura del marito Gilbert) non avviene solo nella mente, ma è potentemente rappresentato attraverso la metafora di un serpente che si annida tra i fiori. Processo di dislocazione dei significati e il sistema di relazioni indirette, questo processo di spostamento viene affrontato attraverso il discorso sul germe = nucleo creativo da cui scaturisce la storia che è alla base del romanzo. Le prefazioni sono state lette come una sorta di manuale per il giovane artista, per l aspirante artista. Per James è importante entrare nel mondo dei processi creativi. Dalla prefazione: Trying to recover here for recognition, the germ of my idea... [...] to be super added plot = intreccio nefarious = nefasto, infausto... fancy = immaginazione into a march or a rush = a passo di marcia o di corsa pattern of quick steps = succedersi di passi rapidi sense => che cos è il sense? È sensazione, percezione, intuizione, comprensione immediata. Il germe non corrisponde a nessuno degli elementi che solitamente identificano i generi letterari tradizionali (non il plot narrativo, non la modalità esemplare del linguaggio poetico, non le situazioni di natura teatrale). Che cosa è allora il germe? È la sensazione e l intuizione circa un singolo personaggio e nella percezione del carattere, della personalità, dell «aria» di questo personaggio. She stood there in perfect isolation scrive James a proposito del nuovo personaggio (Isabel). Walter Benjamin => giornalismo come esempio di disgregazione della narrazione (degradazione: narrazione come informazione). Shock di cui si fa esperienza come abitanti delle moderne metropoli. Si cerca di difendersi a fatica. L esempio classico è quello delle insegne luminose, traffico caotico, rumore, folla, ecc. Benjamin dice che chi vive nella metropoli moderna è un individuo in mezzo alla folla, che ha perso la capacità di comunicare con gli altri individui. James anticipa le riflessioni di Benjamin, soprattutto nella narrativa di viaggio e, implicitamente, nelle prefazioni. Le difficoltà di comprensione sono parte integrante del progetto jamesiano, sono un esperienza inevitabile. James nello scrivere le prefazioni ha in mente un destinatario che è un ibrido tra un lettore, un critico, un artista, uno studente di letteratura. Il suo lettore ideale è un semiprofessionista. Questa figura di semiprofessionista al tempo non esisteva perché non esisteva la critica accademica così come noi la conosciamo (nasce dagli anni Venti, quando nelle università nascono i dipartimenti di letteratura moderna).

7 Fino ad allora si era studiata la letteratura, soprattutto i classici, in chiave filologica. I moderni erano letti come intrattenimento e, quindi, i critici fino ad allora avevano avuto un approccio alla letteratura contemporanea di tipo dilettantesco (con grande attenzione alla categoria della moralità). James è un pioniere della critica. La moderna narratologia si basa in gran parte sulle categorie elaborate e messe a punto da James. Il lettore di James è idealmente un lettore d élite, capace di affrontare difficoltà sia a livello di contenuto sia a livello di stile. Principio secondo cui l opera di qualità è un opera difficile. A partire dagli anni Venti si ha quindi una riconfigurazione del canone delle opere. Alcuni autori inizialmente esclusi vengono ora inclusi nel canone. Ad esempio Melville, a metà Ottocento, non era capito, non era apprezzato ed era sostanzialmente ignorato. Ora viene inserito nel canone degli autori classici. Anche Emily Dickinson rientra a pieno titolo del canone novecentesco e, naturalmente, Henry James. Vi sono trasformazioni di gusto legate a un cambiamento della concezione della letteratura e ai processi di istituzionalizzazione. Nel forgiare il lettore, James si pone in una posizione ambigua rispetto al polo commerciale. Se da una parte viene creata la figura monumentale dell autore come Master of fiction, al centro della scena, dall altra parte lo vediamo nell atto di vendersi sul mercato. Ecco allora che collabora con il fotografo Langdon nella scelta delle fotografie per la Newark Edition, oppure lo vediamo condividere con i lettori la propria intimità. Per attirare il pubblico verso di sé e per creare un consenso si esibisce nella sua privacy di scrittore. James accorcia la distanza tra pubblico e privato. Cerca di raggiungere la massa anonima dei lettori, simulando un rapporto di amicizia tra personaggio pubblico e i destinatari. Le appropriazioni che James fa delle tecniche comunicative del polo commerciale sono molteplici e non si limita alle prefazioni, ma riguardano l essenza stessa del romanzo. Cosa deve succedere affinché il senso di un personaggio dia origine a un romanzo? Serve un trattamento narrativo. Ci vuole un rumore che sta intorno al personaggio (altre figure, un setting, ecc.) => serve una rete di relazioni che faccia emergere il potenziale espressivo del soggetto. ado = chiasso James fa delle osservazioni sul romanzo come genere letterario. Il principio formale dell ado diviene anche un principio etico. Isabel è intelligente e presuntuosa. Il suo ado principale consiste nell affrontare il suo destino, venendo in Europa. Ma che cosa distingue Isabel dalle altre ragazze americane che affrontano il loro destino e vengono in Europa? La soluzione che trova James è rivoluzionaria. Per distinguere Isabel Archer dalle sue simili, tale difficoltà di distinzione viene collocata nell interiorità del personaggio stesso. Tutto ciò che sta intorno al personaggio si riverbera nella sua coscienza. Il viaggio europeo sarebbe stata niente senza la consapevolezza di Isabel nei riguardi dell esperienza stessa. Non è importante ciò che Isabel fa, ma lo è di più quello che lei vede, come si rapporta con ciò che le

8 accade. Ne è un esempio il momento in cui Isabel ha uno shock of recognition rispetto alla natura abietta del marito Osmond. Ci sono situazioni molto ripetitive (confronto di idee, dialoghi, corteggiamento, inganno) esibite direttamente al lettore, mentre le svolte dell azione (arrivo di Isabel, matrimonio di Isabel, nascita e morte del figlio) le ritroviamo come racconti a posteriori del narratore o di personaggi secondari. James rende il punto di vista il cardine del romanzo. Questa scelta decisiva gli permette di mettere in secondo piano questioni considerate fino ad allora fondamentali, come l orientamento morale e la scelta dell argomento. La qualità dell opera è garantita dalla sensibilità individuale dell artista. Il feeling, come inteso da James deve essere distinto da altre concezioni del sentimento. Nella fiction delle donne, il feeling è bontà, capacità di sacrificarsi, empatia, altruismo, ecc. Per James sentire non coincide con questa serie di valori, ma è capacità di comprendere, distinguere, apprezzare (appreciation). Henry James, The Turn of the Screw (Giro di vite) Al centro c è una governante/istitutrice che si configura inizialmente come un classico personaggio da narrativa sentimentale (zelo, volontà di aiutare e proteggere gli altri, ecc.), ma non si capisce fino a che punto lei voglia aiutare i bambini che le sono affidati o piuttosto non sia lei a sviarli convincendoli che vivono in un mondo pieno di presenze (fantasmi). Non si capisce se l istitutrice sia un testimone affidabile oppure se lei non sia una psicotica, che inventa le cose guidata da un immaginazione sovreccitata. Henry James, The Portrait of a Lady Isabel Archer Mrs. Touchett Lord Warburton Caspar Goodwood Ralph Touchett Gilbert Osmond Pansy (figlia di Osmond) Madame Merle Jane Campion, Ritratto di signora (1996), con Nicole Kidman, John Malkovich, Barbara Hershey. James ==> vi è una dimensione sensuale a livello di linguaggio più che di situazioni. La sessualità non è esplicita, ma mascherata: roused => to rouse significa anche eccitare sessualmente. Isabel descritta come un arpa sfiorata dalle dita. Questo è uno dei romanzi americani che ha più colpito l immaginazione dei critici e ha dato luogo a volumi e volumi di testi critici. Inizialmente letto come romanzo di formazione di Isabel Archer. Letto come romanzo internazionale: personaggi americani più innocenti e più ingenui, rispetto a un Europa più antica e più corrotta.

9 Al di là di queste letture, molte delle quali ruotano intorno all economia estetica del romanzo (riferimenti all arte, musei, ecc.) e che vedono Isabel come artista oppure come soggetto di un ritratto che non può uscire dalla sua cornice, vi sono letture che ruotano intorno a questioni di ordine psicanalitico, letture femministe, ecc. James da una parte riprende e dall altra sviluppa dei temi della letteratura dell epoca sulla questione del femminile. Abbiamo da una parte la woman s fiction. Eroine spesso orfane, divise tra la ricerca di sé e il legame con la tradizione (ruolo tradizionale della donna). Generalmente queste donne finiscono per tornare nei ranghi (matrimonio). L. M. Alcott, Little Women Meg, Jo, Beth, Amy Jo March ==> tomboy (maschiaccio) Laurie Howells, Doctor Green Practice James è un lettore di questa narrativa, anche la narrativa femminile. Recensisce le opere per i magazine americani, in parte invidiandone il successo e in parte stigmatizzandone alcuni eccessi. James assorbe elementi (Isabel Archer sembra un eroina da woman s fiction). C è poi la marriage question = problema del matrimonio infelice. Seconda metà dell Ottocento in USA gran parte degli stati approva leggi sul divorzio (differenza culturale: nel mondo protestante il matrimonio non è un sacramento). Sui giornali scandalistici si dibattevano le notizie sui fallimenti dei matrimoni e le relazioni adulterine di personaggi noti. Famoso è il caso di un fratello di Harriett Beecher Stowe, additato da mezza America perché aveva una relazione extraconiugale con una donna. Presenza in America della letteratura francese, che trattava l argomento in termini più liberi se non libertini (es. Gustave Flaubert, Madame Bovary => romanzo che frutta a Flaubert un processo per oscenità). Affiancata a questa vi erano i sensation novels: argomenti sensazionalistici scioccanti, tra cui anche l adulterio. Flaubert rivendica per il romanzo e per lo scrittore maggiore libertà e l esistenza di leggi autonome che non dovevano avere relazioni con la morale e la politica. Flaubert molto importante per comprendere James, che ammirava molto lo scrittore francese. Come riesce James a salvare da una parte la sua passione per i sentimental novels e dall altra la sua dignità di autore, che vuol fare del romanzo un arte seria, problematica ed elaborata dal punto di vista estetico. Deve devolgarizzare il genere, conservandone però gli assunti e alcune caratteristiche fondamentali. Isabel Archer per esempio è giovane, bella, orfana, povera, ha bisogno di guardiani e per questo somiglia molto a certe eroine di romanzi sentimentali. Somiglia in un certo senso a Jo March di Isabel Archer. Ma in che cosa si differenzia rispetto a queste eroine dei romanzi sentimentali? È diversa per il fatto che non solo è indipendente, ma specula anche su questa sua indipendenza, elabora teorie su di essa. Isabel è una donna che ama la teoria. In un colloquio con Madame Merle, Isabel dibatte sul tema della libertà dell io in termini sostanzialmente filosofici. L io non è espresso dalle circostanze, ma è un essenza (secondo Isabel). La condizione di

10 indipendenza di Isabel è paradossale e contraddittoria. All inizio lei coltiva forti ideali di indipendenza rispetto all uomo: vuole vedere il mondo secondo il proprio punto di vista, con i propri occhi (e non vuole sposarsi); però è convinta che le scelte costringano e limitino l individuo. Portato alle estreme conseguenze questo atteggiamento conduce a una condizione di non-scelta. Per questo rifiuta Goodwood e Warburton e alla fine sceglie chi l ha già scelta, con l intento di non scegliere più, cioè per non doversi più preoccupare del proprio denaro che lei percepisce come un peso. Le decisioni e le azioni di Isabel nella prima parte del romanzo tendono ad essere negative e quindi tradiscono una sua passività. Ecco il paradosso: Isabel come personaggio indipendente per antonomasia, ma al tempo stesso come personaggio passivo. Ad essere attivo, in effetti, è fondamentalmente l immaginazione di Isabel. La fondamentale passività del personaggio è legata nel romanzo al ruolo che nel suo immaginario giocano i romanzi femminili e gli ideali romantici. Isabel dice: It s like being in a novel. Isabel si vede come un eroina di un romanzo femminile. Questo fa parte della strategia di James, che costringe il lettore a porsi in maniera critica rispetto all atto della lettura, cioè a percepire il romanzo come una convenzione. Capitolo 1 di The Portrait of a Lady Incipit. Che cosa ci aspetteremmo dall incipit di un romanzo che si intitola The Portrait of a Lady? Ci aspetteremmo che ci fornisca un ritratto della protagonista evocata dal titolo del romanzo. Ad esempio nel romanzo vittoriano inglese, che è il caposaldo su cui si costruisce la woman s fiction (Charlotte Brontë per esempio). Jane Austen, Northanger Abbey. Jane Austen, Emma. George Eliot (vero nome Mary Ann Evans), Middlemarch. Anche di Isabel Archer c è una descrizione che ricorda le caratterizzazioni tipiche del romanzo femminile, ma è solo nel capitolo 6. C è quindi un decentramento del materiale narrativo. All inizio del romanzo The Portrait of a Lady abbiamo, invece, qualcosa di diverso. Questo incipit è uno dei più studiati della letteratura in lingua inglese. Elementi caratteristici jamesiani: ritmo lento della frase, sintassi intricata, abbondanza di sostantivi astratti (pochi referenti materiali). Anche il tè qui coincide con il RITO (immateriale). Ci sono circonlocuzioni, incisi, precisazioni che contengono un minimo di informazione e di senso. I critici hanno sostenuto che qui si evidenzia la prevalenza della forma rispetto al contenuto, il che sarebbe una caratteristica tipicamente jamesiana. Il relativismo implicito nell espressione certain circumstances è un anticipazione rispetto all idea del punto di vista circoscritto teorizzata e praticata da James. Inciso: some people of course never do. Chi sono le persone che non partecipano mai alla cerimonia del tè, ma che sono indispensabili alla messa in atto sono i camerieri, maggiordomi, domestici, ecc.: tutti coloro che rendono possibile l allestimento del rito, ma che rimangono escluse dal privilegio. Of course è un espressione carica di significato = messa in evidenza di quello che consideriamo un rapporto sociale naturale. La cerimonia del tè esclude (e questa è una cosa data per scontata e naturale) coloro che sono considerati subordinati per classe o censo. Quindi James mette in evidenza la naturalizzazione di questi rapporti sociali.

11 Jane Campion recupera nel suo film l esclusione dal rito del tè mostrando in diversi momenti del film dei camerieri, domestici che maneggiano tazze, fanno i preparativi, ecc. (Jane Campion taglia completamente la prima scena del libro). La Campion esplicita qualcosa che in James è implicito. L altra determinazione sociale legata al tè del pomeriggio la troviamo qualche riga più sotto: The persons concerned in it were taking their pleasur quietly, and they were not of the sex which is supposed to furnish the regular votaries of the ceremony. Il messaggio si basa su dei riferimenti culturali precisi ai ruoli di genere (solitamente sono le donne a partecipare al rito del tè). Quindi abbiamo, in questa prima parte, dei richiami alle determinazioni storico-sociali nella vita dell individuo, richiami basati su ciò che non c è (camerieri) o ciò che dovrebbe essere (donne). Tutto il capitolo, a ben vedere, si basa su un elusione delle aspettative del lettore. Abbiamo già detto che la descrizione di Isabel è spostata nel capitolo 6? Che cosa abbiamo quindi nel capitolo 1? La cerimonia del tè, l ambientazione di essa e i personaggi che vi prendono parte. Come sono rappresentati questi personaggi? Essi sono preceduti da un riferimento alle loro ombre, con un inversione dei rapporti usuali di causa-effetto: prima le ombre e poi i corpi che le proiettano. Poi vi è un inversione del rapporto astrattoconcreto. I personaggi vengono presentati prima attraverso le loro età (dovremo aspettare un po prima che essi abbiano un nome). Vi è poi l inversione del rapporto interno-esterno: il prato fuori dalla villa è arredato come fosse un interno. Privacy here reigned supreme... [...] upon the grass. Tornando alla questione dei rapporti di genere i protagonisti sono tre uomini che sorbiscono il tè e non tre signore. Inizialmente il signor Touchett è abbastanza tradizionale nella caratterizzazione. Quando si fa riferimento al banchiere americano che ha comperato la casa non si capisce che quell uomo è lo stesso Mr. Touchett. Questo fa parte della strategia di ostacolo alla comprensione messa in atto da James. Che cosa possiamo dire del figlio Ralph? È giovane, non bello (ma con un viso vivace e che richiama l attenzione) e non è il ritratto della virilità: è malaticcio, alto ma gracile, ha un passo incerto e si trascina sul prato davanti alla casa con aria pigra. Che cosa contraddistingue il suo rapporto con il padre? C è una forte complicità, un rapporto ironico, una familiarità e vicinanza emotiva. Non è un alleanza tra maschi (es. pacche sulle spalle, riferimenti a imprese comuni, ecc.). Ralph si rapporta al padre perché spinto dalla preoccupazione per la salute e il benessere fisico del vecchio. Il contatto immediato è un contatto di sguardi. The father caught his son s eye and gave him a mild, responsive smile. Vediamo come si svolge il dialogo tra loro?

12 I m getting on very well [...] Perhaps some one might feel for you, said the younger man, laughing. Ralph ha un comportamento materno o quantomeno femminile nei confronti del padre ed essenzialmente empatico (arriva a sentire per il padre: some one might feel for you ). Per questa ragione il padre arriva a definire Ralph la sua infermiera = nurse. In italiano non abbiamo ambiguità perché abbiamo i due termini infermiere e infermiera. In inglese nurse ha tra i primi significati quello di balia, quindi è un termine carico di senso. James ci costringe a rivedere quelle che consideriamo attribuzioni di ruolo naturali. Ralph, quindi, è un maschio, ma con tratti femminili. Possiamo dire che Warburton riscatta la virilità che manca a Ralph? Fino ad un certo punto: è bello, sano, ricco, gentile, ma a ben guardare anche Lord Warburton non si configura come personaggio eroico a tutto tondo. A parte le preoccupazioni per la salute di Mr. Touchett (che lo avvicinano a Ralph), Lord Warburton è un personaggio in crisi (è un po depresso). Come Ralph, anche Lord Warburton condivide alcuni tratti caratteristici dell estetismo inglese (culto della bellezza e dell arte e indifferenza per questioni di ordine pratico e morale). Le battute dei personaggi sono tutte venate di tratti caratteristici dell estetismo inglese (battute brillanti alla Oscar Wilde): Es. The increasing seriousness... [...] jokes

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Le pari opportunità nel processo di crescita Proposte di attività per la secondaria di I e II grado MARIA ANTONIETTA CREA 1

Le pari opportunità nel processo di crescita Proposte di attività per la secondaria di I e II grado MARIA ANTONIETTA CREA 1 Le pari opportunità nel processo di crescita Proposte di attività per la secondaria di I e II grado MARIA ANTONIETTA CREA 1 Proposte di attività per la SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO MARIA

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI I Promessi Sposi 1 TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI S - Interesse per la Storia A - Intervento dell Autore nella Narrazione I C - Impegno Civile D - Visuale religiosa del Manzoni P - Personaggi

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

CORSI. I corsi principali sono: Anatomia del racconto I-II-II-IV, Scrivere l'amore e Come costruire un personaggio.

CORSI. I corsi principali sono: Anatomia del racconto I-II-II-IV, Scrivere l'amore e Come costruire un personaggio. CORSI Sulla base della nostra esperienza professionale di sceneggiatrici abbiamo tenuto, in Italia e all estero, una serie di corsi di scrittura creativa partendo dall assunto che le regole base della

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

Capitolo 2. Il racconto cinematografico: scrivere un film

Capitolo 2. Il racconto cinematografico: scrivere un film Capitolo 2 Il racconto cinematografico: scrivere un film IL RACCONTO CINEMATOGRAFICO Tim Burton il raccontastorie Big Fish Una storia non sempre ha un senso, e quasi mai è veritiera E la storia sotto forma

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE PAROLE, TESTI E STORIE 3 Modulo PENSARE PER STORIE E OGGI COSA MI RACCONTI? ASCOLTA.E LA MIA STORIA 20-21 Settembre 2010 1 Indice Tra le Indicazioni per il Curricolo 07e gli Orientamenti 91 Il pensiero

Dettagli

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Davide Fantini La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Il fascino della letteratura di viaggio si presenta a Claudio Magris già dall infanzia: in una recente intervista con Marco

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime Traguardi per lo sviluppo delle competenze: PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Ø Comprende semplici messaggi orali. Ø Interagisce nel gioco utilizzando semplici espressioni

Dettagli

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 Chi è in grado di criticare la televisione, non guarda più la televisione, o la guarda distrattamente.

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Indice. UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM

Indice. UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM Indice UNA SERIE DI BUONE INTENZIONI Note per la valutazione dei libri per ragazzi proposti nelle bibliografie BAM p. 1 CRITERI DI SELEZIONE DEI LIBRI DI GRANDI LIBRI PER PICCOLI LETTORI Un poster bibliografico

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Copertina: a colori, plastificata soft touch Legatura: brossura fresata, con alette da 10 cm. Prezzo previsto: 8,00

Copertina: a colori, plastificata soft touch Legatura: brossura fresata, con alette da 10 cm. Prezzo previsto: 8,00 NOVITÀ MAGGIO 2016 PER APPASSIONARSI AI GRANDI CLASSICI DELLA LETTERATURA PRIMA ANCORA DI AVERLI LETTI IL PRIMO INCONTRO CON I GRANDI DELLA LETTERATURA Pagine: 112 Formato: cm 14 x 18,8 Interno: non illustrato

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective MARCO PASSARELLO La rubrica STORIE DA RAGAZZI PIER DOMENICO BACCALARIO La parola MATADOR MATTATÓRE a cura di ZANICHELLI Lo strano re che ha ispirato

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining. Stadi del! processo creativo!

La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining. Stadi del! processo creativo! La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining Stadi del! processo creativo! Stadi del processo creativo : idea Che cos è la sceneggiatura?!

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori).

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). LE ONDE di V.Woolf Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). INTERLUDI 9 prose liriche atte a interrompere l azione del romanzo - la vita

Dettagli

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Perché questo laboratorio-spettacolo? Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio, recita un noto proverbio africano.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino.

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Biografia Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Manuela Salvi Dal 2004 collabora con la Mondadori Ragazzi come copyeditor e traduttrice. La sua

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli