Humour e persuasione. Il pubblicitario e l avvocato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Humour e persuasione. Il pubblicitario e l avvocato"

Transcript

1 1 Humour e persuasione. Il pubblicitario e l avvocato Giovannantonio Forabosco CRU Centro Ricerca Umorismo (e-center) Suavis autem est et vehementer saepe utilis jocus et facetia; quae, etiam si alia omnia tradi arte possunt, naturae sunt propria certe neque ullam artem desiderant. (Marco Tullio Cicerone, De Oratore) Detto con parole moderne, Cicerone afferma essenzialmente due cose: che battute e motti sono cosa piacevole e utile e che lo humor non può essere imparato o insegnato. Salvo poi contraddirsi fornendo utili suggerimenti su come creare battute di spirito e come utilizzarle nelle arringhe. Vale a dire, per persuadere. Le funzioni dello humour La peste. In uno scenario apocalittico dominato da un flagello devastante è mai pensabile che ci sia posto per un atteggiamento ilare? Altri, in contraria opinion tratti, affermavano il bere assai e il godere e l'andar cantando a torno e sollazzando e il sodisfare d'ogni cosa all'appetito che si potesse e di ciò che avveniva ridersi e beffarsi esser medicina certissima a tanto male: e così come il dicevano il mettevano in opera a lor potere... (Giovanni Boccaccio, Decameron, Prima Giornata, Introduzione) Sullo sfondo scuro di una Firenze agonizzante Boccaccio illumina una delle più positive funzioni dello humour, quella di costituire uno scudo protettivo contro i più duri attacchi al benessere fisico e mentale. Un anno dopo l 11 settembre, il San Francisco Chronicle titolava: Lo humour ci ha aiutati a guarire (Daniel Kurtzman, 8 Settembre, 2002). Oggi non abbiamo molti dubbi circa le qualità dello humour non solo come occasione per divertirsi e far divertire ma anche come risorsa per molte importanti funzioni (Gulotta e al., 2001) La ricerca ha mostrato come possa avere un ruolo nel prevenire le malattie, anche se vanno considerati condizioni e limiti (Martin, 2007). La gestione dello stress, dell ansia, della depressione, la psicoterapia in generale, sono alcune delle aree in cui lo humour ha

2 2 mostrato il suo potenziale benefico. Tra le esperienze più recenti, effettuate in setting controllati, si è rilevata anche l efficacia dello humour nell alleviare il dolore in bambini ospedalizzati, compreso il consentire loro di affrontare interventi chirurgici in maniera più sostenibile (Vagnoli e al., 2005). Vi sono naturalmente anche alcune funzioni che possono essere considerate problematiche. Le battute razzistiche, il sarcasmo crudele, le barzellette usate a scopo di molestia sessuale, sono alcuni degli esempi di impiego discutibile in cui le persone bersaglio possono sentirsi umiliate e offese. Negli ultimi anni un termine chiave per designare un area difficile connessa alla tematica dello humour è quello di gelotofobia (ghelot, riso, ridicolo) la paura di essere oggetto di riso (Ruch, 2009). Questa denominazione introduce una dimensione patologica in cui lo scherzare e il ridere possono generare disagio e sofferenza anzichè piacere e divertimento (si veda anche Forabosco, 1998 per le implicazioni psicopatologiche dello humour). In generale, comunque, possiamo serenamente affermare che le ombre nello humour sono minoritarie e che nella vita quotidiana è normalmente possibile apprezzare e godere la luminosità di questo affascinante fenomeno. La relazione tra humour e persuasione è una questione oggetto di discussione con una sua particolare specificità. Per alcuni, che lo humour possegga forza persuasiva è considerato un merito addizionale. Per altri, costituirebbe una qualità dubbia, se non una macchia. Humour e pubblicità L atteggiamento ambivalente che questa relazione appare in grado di indurre può essere meglio compreso se consideriamo un area particolare e notevole come quella della pubblicità, di cui la persuasione è componente cruciale. Consideriamo le diverse connotazioni che si accompagnano alle parole humour e pubblicità. Al termine pubblicità vengono associati anche aspetti positivi, come quello di informare e quello legato all offrire possibilità di scelta tra prodotti. Altri però sono di percezione piuttosto negativa, come il manipolare e la persuasione occulta. Allo humour invece accostiamo di regola una lunga lista di caratteristiche essenzialmente positive, il divertimento, la leggerezza, la spontaneità ecc. I due concetti sembrano essere molto distanti, se non incompatibili. Eppure lo humour ha una grandissima presenza nel mondo pubblicitario moderno. Il fatto sorprendente è che se da un lato vengono investite in pubblicità umoristiche larghe somme di denaro dall altro la ricerca sull effetto persuasivo dello humour non offre prove univoche e conclusive (Gruner, 1978; Forabosco, 1994; Unger, 1996; Roma, 1997; Carraro e al., 2004; Gulas e Weinberger, 2006; Pedrini, 2006; Beard, 2007). Sono molti gli aspetti dello humour che possono essere elencati a sostegno dell affermazione circa la sua efficacia in pubblicità (per un analisi si veda Dynel, 2009). Ma quando entra in campo la ricerca empirica i dati non sono così univoci. A titolo esemplificativo, Pedrini (2006) ha rilevato che in una campagna contro il fumo, la pubblicità umoristica non solo ha avuto meno effetto di quella basata sul suscitare ansia ma ha addirittura ottenuto una diminuzione del numero di soggetti che hanno manifestato l intenzione di smettere di fumare. Pedrini spiega questo risultato con l idea del comportamento tendente al rischio dei ragazzi. Sintomatico della controversa questione è quanto affermò Ogilvy nel 1963 e cioè che lo humour vende poco, salvo ricredersi 20 anni dopo (Ogilvy, 1983). Comunque la questione dello humour e del suo potere persuasivo appare

3 3 chiaramente aperta al dibattito. Molti sono gli aspetti presi in considerazione per indagare le condizioni che possono determinare delle differenzialità. Il più ovvio è legato alla qualità dello humour. Per esempio, i giochi di parole vengono spesso impiegati ma si rivelano talvolta armi a doppio taglio rischiando di non essere apprezzati. Tuttavia, una combinazione brillante e creativa di parole può avere un notevole successo. Altri elementi implicati sono i diversi tipi di humour in rapporto ai diversi tipi di prodotti, il target, i media impiegati, ecc. Sono aspetti importanti, anche se è probabile che il più rilevante alla fine sia la capacità dello humour di attrarre e mantenere un attenzione positiva (curioso che in inglese il termine d uso per pubblicità sia advertising, dal latino ad-verto=attirare l attenzione verso). La ricerca, in particolare sulla pubblicità televisiva, si è occupata soprattutto di che cosa succede dopo che il messaggio è stato ricevuto dal pubblico. Di non minore interesse (e forse più informativo) sarebbe studiare che cosa succede nei primissimi secondi. Molti spettatori semplicemente si distraggono o se ne vanno quando c è la pubblicità. Uno spot umoristico può essere abbastanza divertente da trattenere la mente e il corpo. Ovviamente questo può avvenire con qualunque spot originale e ben fatto. Il punto è che lo humour per sua natura si presenta come risorsa privilegiata per questo scopo. E un dato che i professionisti che producono i costosi video pubblicitari per il Super Bowl conoscono molto bene, se si considera che nel 2010, ad esempio, 8 su 10 dei messaggi pubblicitari sono stati di tipo umoristico 1. La ricetta che regola una relazione funzionale tra pubblicità e humour può essere descritta come la concorrenza di fattori che stabiliscono una sintonia a tre, marca (o prodotto), pubblico e humour. Detto in termini semplici ed estremi, non si vendono ghiaccioli in Alaska e non si raccontano barzellette sessuali alle suore. Nelle condizioni più favorevoli, si racconta la battuta giusta alle persone giuste, inviando un messaggio strutturato in modo adeguato. Questo comporta, in modo particolare, rivolgere l attenzione a come si formula il linguaggio umoristico/pubblicitario. Essendo lo schiavo Shem fuggito dal suo padrone Hapu, il tessitore, questi invita tutti i buoni cittadini di Tebe a trovarlo. E un Ittita, alto un metro e sessanta, di carnagione sana e di occhi bruni; chi lo restituisce al negozio di Hapu, dove vengono filati i più bei tessuti per il piacere di ognuno, riceverà un pezzo d oro. Questo è considerato il più antico messaggio pubblicitario del mondo occidentale. Ha circa 3000 anni ed è riportato nel papiro XVI trovato nella città egiziana di Tebe e conservato nel British Museum di Londra. L elemento pubblicitario è collocato di passaggio nel testo più ampio, che pure può essere considerato un avviso pubblicitario visto che pubblicizza una ricompensa a chi riporta lo schiavo al padrone. In questa pubblicità non vi è traccia di humour. Tuttavia si può osservare che l espressione impiegata, un superlativo ( i più bei tessuti ), prossima all iperbole, è uno dei più frequenti e tipici meccanismi di molti testi umoristici. Possiamo assumere questo come esempio del primo parametro che descrive un legame tra la pubblicità e lo humour, vale a dire quello di una similarità di linguaggio. Entrambi impiegano dispositivi retorici in una varietà e quantità che solo la poesia probabilmente supera. Un migliaio di anni dopo vi è stata la distruzione di Pompei causata dall eruzione del Vesuvio. Tra i resti e le testimonianze che la tragedia ha lasciato della vita di quel tempo, vi sono i cosiddetti manifesti elettorali per la nomina di magistrati locali che si

4 4 possono vedere dipinti su muri delle case pompeiane. Questi manifesti erano opera degli scriptores, e poteva accadere che nottetempo avversari del candidato cercassero di cancellarli. Uno di questi dice: Votate, o vicini, Lucio Stazio Recetto come duoviro giusdicente, (egli lo) merita. Ha dipinto Giulio Celere che abita vicino. Invidioso che cancelli ti venga un accidente. Non abbiamo modo di sapere se ci fosse una qualche intonazione umoristica in questa minaccia conclusiva. Ma molti di noi, con occhi e cervelli moderni, vi possiamo leggere un effetto spiritoso legato alla contrapposizione incongrua di due parti che di per sè sono separate. Assumiamo questo come esempio del secondo parametro che può essere identificato come contiguità: esiste una linea divisoria, ma il testo pubblicitario e il testo umoristico sono adiacenti. Negli anni 50 aveva grande successo la tramissione televisiva Carosello, una sequenza di pubblicità per la quale valeva la regole che ci doveva essere una breve storia e successivamente il messaggio pubblicitario: in generale le due parti non erano in relazione, né per struttura né per contenuto (nella prima parte il prodotto non doveva neppure essere menzionato). Ne Il racconto d inverno di Shakespeare, Autolico canta: Venite, gente, venite a comprare; gentili garzoncelli, su, venite, se no, le vostre belle, impermalite, si sdegnano, non fatele frignare: Ragazzi, su, venite qui a comprare! La ripetizione quasi ossessiva, la rima, i due script (opposti e parzialmente sovrapposti, evocati dalle parole comprare e frignare ) sono elementi che segnalano la presenza di humour. Questo può costituire un esempio del terzo parametro, quello della continuità: il testo nel suo insieme può essere percepito come spiritoso. Ma che questo non sia il parametro finale è suggerito dal fatto che possiamo rimuovere le parole se no, le vostre belle, impermalite, /si sdegnano, non fatele frignare, perdendo sì l effetto umoristico principale ma mantenendo il contenuto e la funzione di richiamo pubblicitario. Il quarto parametro, il più rilevante, è quello dell integrazione. Humour e pubblicità formano un testo unitario, integrato. La controprova dell integrazione è che non possibile rimuovere la componente umoristica senza disgregare il messaggio stesso. Un esempio, datato e ormai classico, viene da uno degli spot di Carosello. Dopo il consueto episodio simil-poliziesco, l ispettore Rock (Cesare Polacco) al rituale complimento: Ispettore, lei non sbaglia mai! replica togliendosi il capello e mostrando la calvizie incipiente: Anch io ho commesso un errore, non ho mai usato la brillantina Linetti! Da notare che la sequenza è strutturate come una battuta a due fasi (Suls, 1972; Forabosco, 1992) con una premessa narrativa e una conclusione incongrua (cosa c entra

5 5 la brillantina Linetti?); e il rispondente deve individuare l elemento sottinteso - la regola cognitiva - che dà senso al tutto (la brillantina previene la calvizie). In linea con la dimensione integrativa può essere individuato un ulteriore parametro, quello della totale integrazione (per analogia con la definizione televisiva, in HD alta definizione e Full HD). Questa viene realizzata quando il prodotto risulta essere un elemento sostanzialmente non separabile nella tessitura del messaggio. Un esempio, è la pubblicità dell acqua Ferrarelle, con la serie Liscia, gassata o Ferrarelle? (tra cui celebre la Gioconda riprodotta in tre modi, con i capelli 1) lisci e schiacciati, 2) ricci e sovrabbondati e 3) come li ha dipinti Leonardo). Molti, se non tutti gli spot del Super Bowl del 2010 (ma anche degli anni precedenti) rientrano in questo parametro. I video sono disponibile su Internet. (http://www.nytimes.com/interactive/2009/02/02/business/media/ businesssuperbowlads.html ) Questa integrazione risulta significativa non solo per conferire salienza al prodotto ma anche per controllare un effetto collaterale negativo che l ingrediente umoristico può comportare. Nel riassumere i risultati della ricerca, Martin (2007) nota che lo humour può potenziare il ricordo del materiale umoristico ma diminuire quello di altre informazioni contenute in una lezione o nella pubblicità (p. 105). La totale integrazione ha a che fare anche con altri problemi spesso sollevati, come quello dell attenzione che potrebbe focalizzarsi sulla componente umoristica e non sul prodotto. Se non vi è una netta distinzione percepibile tra l elemento umoristico e quello relativo al prodotto pubblicizzato è meno probabile che l attenzione sia sfocata, distratta o scissa. Un approfondimento affidato alla ricerca futura riguarda una definizione più dettagliata delle condizioni in cui il parametro della totale integrazione funziona efficacemente. Suggerimenti utili vengono dallo studio di messaggi pubblicitari effettuati sulla base della teoria semantica della Script Opposition di Raskin (1985), applicata anche a materiale visivo (Allen, 1988). Inoltre, è utile esaminare il materiale pubblicitario come narrazioni umoristiche brevi che vengono di frequente proposte in modo ripetuto ma con variazioni (Attardo, 2001; Ermida, 2008). Lo humour nell aula del tribunale La pubblicità non è l unica area in cui la persuasione e lo humour mostrano di essere in un rapporto complesso e ricco. L osservazione più generale è che tutte le volte in cui è in atto un processo di persuasione lo humour può esservi coinvolto. A riprova di questa affermazione prendiamo in esame un contesto molto distante e diverso, quello che riguarda il mondo legale e giudiziario. Si va dalle barzellette sugli avvocati, piuttosto popolari negli Stati Uniti (Davies, 2008; Galanter, 2008) alle evenienze in cui lo humour è esso stesso materia di azione legale, coinvolgendo questioni di diffamazione, molestia sessuale, offese alla persona ecc. Si tratta di un caso particolare e notevole perché viene richiesto ad esempio di analizzare e valutare una battuta, o insieme di battute, per persuadere il giudice che si è o non si è configurato illecito o reato (per una estesa trattazione relativa alla legislazione e casistica americana si veda Little, 2009; in preparazione). In questa sede l attenzione è primariamente rivolta allo humour come rilevante dispositivo comunicativo nell argomentazione forense (Hobbs, 2007; Gulotta, 2010).

6 6 In un aula giudiziaria la scena si presenta normalmente più che seria, a volte anche tragica. Nel Gennaio del 1998 una ragazza ed un ragazzo furono brutalmente assassinati e i loro corpi furono seppelliti in un bosco. I cadaveri vennero ritrovati solo sei anni dopo e i sospettati vennero perseguiti. Una storia che ha drammaticamente colpito l opinione pubblica e di cui i media hanno molto parlato. Gli assassini vennero chiamati le bestie di Satana, con riferimento a rituali satanici, simboli demoniaci ecc. Sarebbe del tutto fuori luogo pensare che in relazione a questa vicenda vi possa essere uno spazio qualsiasi per atteggiamenti o espressioni in qualche modo spiritose. Tuttavia, un analisi dell arringa finale dell avvocato di uno degli accusati ha permesso di rilevare 19 occorrenze che possono variamente essere considerate di natura umoristica (Forabosco, 2009). Alcune sono delle toccate che mirano a introdurre una qualche leggerezza di tono in contesto molto drammatico (jab-lines: toccate è il termine, innovativo, proposto per tradurre l espressione inglese a cui non corrisponde una parola italiana; fa il paio con punch-lines, battute, di cui mantiene la metafora pugilistica). La funzione, accettabile, se non necessaria, è di consentire dei momenti di respiro in un atmosfera altrimenti soffocante. Altre sono osservazioni di spirito intese a rendere alcuni punti del discorso più convincenti. A illustrazione, può essere utile esaminare un particolare passaggio che rivela in che modo alcune forme di humour possono avere un ruolo chiave nell argomentazione. L imputato era accusato non solo di aver preso parte negli omicidi ma anche di essere un leader della setta satanica. Quello che avvenne fu che l avvocato fece un osservazione che metteva in ridicolo il suo cliente. Ciò può risultare illogico, dato che in condizioni normali un avvocato cerca di presentare il suo assistito nella miglior luce possibile, facendolo apparire affidabile, responsabile e serio. Questo punto introduce la differenza tra tattica e strategia. E stato detto che nell arte militare tattica può voler dire conquistare una collina per guadagnare un vantaggio territoriale, mentre strategia può significare lasciare che il nemico conquisti la collina, per poi intrappolarlo e vincere la battaglia. L imputato aveva detto a un certo punto di quella infausta sera: Io non resto a scavare, mi dispiace, devo tornare a casa presto se no mia madre si arrabbia... Con le parole dell avvocato: Cioè qui stiamo parlando di un capo banda di una setta satanica che deve tornare presto perché la mamma sennò lo sgrida... (Forabosco, 2009). E piuttosto evidente che l incongruità del fatto mostra come l assunto che sia un leader, e quindi abbia un più elevato grado di responsabilità, suona implausibile e illogico. Su una tonalità più lieve, un aneddoto ben noto tra gli avvocati italiani (Feroci, 1935), descrive chiaramente come una tecnica umoristica possa aiutare ad affrontare una situazione di difficoltà e risultare convincente. In un processo tenuto in una cittadina di provincia viene chiamato un avvocato di grande fama. Vi è molta preoccupazione al riguardo per via della sua grande abilità ed eloquenza. Ma l avvocato locale riuscì a trovare un modo per cambiare la prospettiva e guadagnare dei punti: Signori del tribunale, quando in casa c è una persona lievemente indisposta, ci si rivolge semplicemente al farmacista; quando il malato ha la febbre, si chiama il medico; ma se poi il caso è disperato, allora si fa venire una celebrità. Così nella causa presente: la parte avversaria ha evidentemente ritenuto la sua causa disperata; e ha chiamato ad assisterla il mio illustre contraddittore (p. 102).

7 7 L impiego del registro umoristico nella comunicazione e nell eloquenza forense può anche costituire una tappa avanzata di un percorso evolutivo professionale. Una testimonianza il cui valore va al di là dell esperienza puramente personale è quella offerta dall avvocato Vincenzo De Michele. Nell arena forense il dibattito può diventare caldo e assumere toni accesi. Le obiezioni, le osservazioni critiche possono diventare veri e severi attacchi. De Michele riferisce (comunicazione personale) che ad una accusa rivolta da un rappresentante della controparte, diciamo, di mendacità e di scorrettezza argomentativa avrebbe in passato reagito con toni e contenuti risentiti e aggressivi. Questo fino a quando non ha scoperto che era più opportuno ed efficace replicare in modo ironico. In una nota di chiarimento al Giudice per l Udienza Preliminare si è, ad esempio, espresso nel seguente modo:... notoriamente sono un gran bugiardo ed il PM, in udienza, ha sostanzialmente detto che il mio naso si allunga a vista d occhio. Naturalmente, non è questa deformità che mi interessa, poiché attribuisco rilevanza solo a quelle dell animo. Non è, quindi, per me che Le rivolgo la seguente richiesta, né perché sia certificata la mia virtù di mentitore, a cui, peraltro, tengo molto. Il dispositivo comunicativo adottato è particolarmente mirato perché attraverso una formula che suona autoironica viene in realtà effettuata dell ironia sarcastica indirizzata, nel caso, al Pubblico Ministero. Mostrando di prendere poco sul serio sé stesso rende di fatto poco seria e poco credibile l affermazione screditante di cui è stato oggetto. Interessante notare che in questo meccanismo retorico-argomentativo viene rivitalizzato un antico suggerimento ciceroniano. Tra i motivi elencati sul perché all oratore può convenire (se ne possiede la competenza) fare dello spirito e suscitare il riso, Cicerone includeva:...vel quod frangit adversarium, quod impedit, quod elevat, quod deterret, quod refutat perché mette in ginocchio l avversario, gli crea difficoltà, lo indebolisce, lo intimidisce, lo confuta... (Marco Tullio Cicerone, De Oratore) Modelli teorici sulla persuasione (e lo humour) Dalla prospettiva della Nuova Retorica Chaim Perelman e Lucie Olbrechts-Tyteca nel loro Treatise on Argumentation (Perelman, Olbrechts-Tyteca, 1969, or. 1958) hanno discusso la differenza tra persuadere e convincere. Essi rilevano che per coloro che sono interessati all effetto finale dell influenzare le persone e far sì che agiscano nel modo desiderato, persuadere è più che convincere, perché convincere è solo il primo passo che porta all azione. Al contrario, per coloro che sono interessati all aspetto razionale dell adesione, convincere è più che persuadere. Secondo Blaise Pascal il persuadere si basa essenzialmente su ciò che è non razionale (immaginazione, sentimenti, ecc.). Per Perelman e Olbrechts Tyteca quello che è cruciale è il ruolo giocato dal pubblico, universale o particolare. Questo appare piuttosto chiaramente definito se si prende in esame la distinzione tra dimostrazione e argomentazione. In

8 linea con Aristotele, l affermazione è che la dimostrazione parte da assiomi che sono veri indipendentemente dall approvazione del pubblico, e tali sono anche le conclusioni che si ricavano dalle premesse. E come dire che quello che è vero è tale per un pubblico universale. Invece un argomentazioner parte da premesse che il pubblico può accettare o no, oppure le accetta in una certa misura. Ne segue che la conclusione è solo probabile ed è percepita come più o meno convincente da un particolare individuo. Nelle loro parole:... l argomentazione è lo studio delle tecniche di discorso che inducono o incrementano l adesione della mente alle tesi presentate per l approvazione (1968, p. 4). Lo humour è da considerare, tra le altre cose, una forma di argomentazione che pure mira all adesione della mente. E possiamo aggiungere che, oltre alla mente, va a coinvolgere anche altre dimensioni psicologiche. In questa direzione vengono utilizzati sia mezzi razionali (cognitivi) che non razionali (emotivo-affettivi), in proporzioni che possono ampiamente variare. Sul versante del soggetto ricevente, l effetto di un messaggio può essere rafforzato o indebolito in relazione alla diversa modalità di elaborazione. Molti fattori possono intervenire, essendo chiamate in causa variabili così diverse e generali come i tratti di personalità (tra cui lo stesso tipo e grado di senso dello humour), le esperienze pregresse, gli atteggiamenti e i convincimenti preesistenti, ecc. Uno schema teorico che aiuta a comprendere gli effetti differenziali di un messaggio è il ben noto Elaboration Likelihood Model (Modello di probabilità elaborativa) proposto da Petty e Cacioppo (1986). Due sono le vie principali che possono essere seguite quando si elabora un messaggio, quella centrale e quella periferica. La via centrale comporta coinvolgimento personale, convincimenti definiti circa la questione e, in particolare, un elaborazione attiva da parte del ricevente. La persuasione viene più facilmente raggiunta se vengono presentate argomentazioni logiche e razionalmente convincenti. La via periferica si basa di più su umori ed emozioni, sulla dimensione affettiva (anche verso la fonte), frasi ad effetto, slogan ecc. In generale, il ricevente è meno coinvolto e meno disponibile ad avere a che fare con informazioni complicate o a investire tempo e attenzione (una ragione è il risparmio di impegno cognitivo). Le decisioni sono spesso basate su procedure euristiche facili e superficiali come se è pubblicizzato costa di più, oppure anche se costa di più deve essere di qualità migliore. Lo humour è più tipicamente soggetto a elaborazione per via periferica (Lyttle 2001), in particolare producendo uno stato umorale positivo, favorendo una percezione positiva della fonte e distraendo l attenzione (evitando le contro argomentazioni). E il caso di notare che quest ultimo meccanismo è stato menzionato da Freud (1905) quando ha osservato che la tecnica del motto è una forma di ricompensa/distrazione offerta alla censura per consentire a un contenuto tendenzioso di venire liberamente espresso. Distrarre l attenzione del soggetto (o della censura) permette al messaggio di fare il suo lavoro (che si tratti di fare pubblicità o di esprimere bisogni sessuali). E bene rilevare ad ogni modo che in alcuni casi le due vie sono seguite in sinergia. Questo è quanto avviene con un adeguato, possibilmente strategico, uso dello humour. Ad esempio l argomentazione basata sul ridicolizzare il cliente nel processo prima richiamato fa appello sia a reazioni affettive ed emozionali sia a una valutazione razionale dei fatti. 8

9 9 Cautele applicative Alcune persone hanno un talento naturale e maneggiano lo humour in modo tanto spontaneo quanto raffinato ed efficiente. Per altre, più comunemente, occorrono esperienza ed addestramento per evitare situazioni imbarazzanti e per migliorare le prestazioni positive. Quando c è di mezzo lo humour la complessità è normalità. Immaginiamo un processo. Se un avvocato propone una battuta spiritosa, il giudice può prenderla in tre diversi modi principali: può semplicemente ignorarla come irrilevante; può esserne irritato, se percepisce che la battuta mira a distrarlo da questioni più serie o a cercare una captatio benevolentiae in modo furbesco; in tal caso la battuta non solo fallisce ma può costituire un boomerang. La terza possibilità è che il giudice apprezzi la battuta di spirito. Quale sarà l effettivo esito dipende tendenzialmente dall interazione di tre fattori: 1. la personalità e l esperienza del giudice, e conseguente atteggiamento verso lo humour in generale e l uso dello humour in aula in particolare; 2. come la fonte viene percepita (se l avvocato è considerato affidabile, professionalmente serio, oppure è noto per essere incline a trucchi ed espedienti); 3. la qualità dello humour; fa differenza che la battuta sia o meno brillante, appropriata o, meglio ancora, rivelatrice. Immaginiamo un politico che è avvezzo a dire barzellette in pubblico. La ricerca pertinente (La Fave, 1972; Gruner, 1978; Priest and Swain, 2002) suggerisce che la reazione dei rispondenti è, ovviamente, basata su molte variabili. Tra di esse una cruciale è l atteggiamento preesistente verso il politico stesso. Se è considerato una figura positivo, una persona che agisce nell interesse della gente, una persona credibile, allora è probabile che il commento possa essere: Com è spiritoso e simpatico! Se invece è ritenuto una figura negativa, che agisce nel proprio inteesse, prendendo in giro la gente come un ciarlatano, la reazione probabile è del tipo: Non è furbesco e malefico? Per quanto riguarda gli indecisi la reazione è aperta a tutte le congetture. Ciò che conta è che raccontare barzellette (belle o brutte) non dovrebbe influenzare la valutazione, positiva o negativa che sia, dei politici e delle loro azioni. L eccezione può riguardare una battuta, appropriata alla situazione, che aiuti le parti coinvolte ad affrontare conflitti o problematiche. Allo stesso modo, su un altro versante, le barzellette e le vignette satiriche, se e quando aiutano ad avere una visione più chiara di quanto avviene in politica, così come in altre aree della vita, possono essere un apprezzabile stimolo per la mente vigile e critica. Tutto sommato possiamo asserire che lo humour non ha poteri magici per quanto riguarda la capacità di persuasione, visibile o occulta che sia. Ma costituisce una risorsa dalle molte qualità positive che adeguatamente sfruttate possono permettere di perseguire diversi scopi, preferibilmente onesti. E quello che succede quando si raccontano barzellette per ingraziarsi un partner durante il corteggiamento. Il che appare essere una forma onesta e a volte efficace di pubblicità umoristica. 1 Fonte: Chuck Tomkovick and Rama Yelkur, University of Wisconsin-Eau Claire; AdForum; Adland (www.commercial-archive.com)

10 10

11 11 Bibliografia Allen Nancy J Semantics and Madison Avenue: application of the semantic theory of humor to advertising. Humor. International Journal of Humor Research 1(1) Attardo Salvatore Humorous Texts: A Semantic and Pragmatic Analysis. Berlin: Mouton de Gruyter. Beard Fred K Humor in the Advertising Business: Theory, Practice and Wit. Lanham, MD: Rowman and Littlefield. Carraro Luciana, Luciano Arcuri, Luigi Castelli I possibili effetti ironici dell inibizione stereotipica: il caso della Publicità Progresso. Ikon 48/49, Davies Christie American jokes about lawyers. Humor. International Journal of Humor Research. 21-4, Dynel Marta Add humour to your ad: Humour in advertising slogans. In Dynel Marta (ed.) Advances in Discourse Approaches. Newcastle upon Tyne: Cambridge Scholars Publishing Ermida Isabel The Language of Comic Narratives. Humor Construction in Short Stories. Berlin: Mouton de Gruyter. Feroci Virgilio Giustizia e Grazia, Milano: Hoepli. Forabosco Giovannantonio Cognitive aspects of the humor process: the concept of incongruity. Humor. International Journal of Humor Research 5-1/2, Forabosco Giovannantonio Il settimo senso. Psicologia del senso dell umorismo. Padova: Muzzio. Forabosco Giovannantonio L umorismo e il diavolo. In Zanconi Maria Chiara et al. Processi Penali Processi Psicologici. Milano: Giuffrè, Forabosco Giovannantonio The ill side of humor: Pathological conditions and sense of humor. In Ruch W. (ed), The sense of humor. Berlin-New York : Mouton de Gruyter Freud Sigmund 1960 (1905). Jokes and their Relation to the Unconscious. New York: Norton. Galanter Marc The great American lawyer joke explosion. Humor. International Journal of Humor Research. 21-4, Gruner Charles Understanding Laughter: The Workings of Wit and Humour. Chicago: Nelson-Hall.

12 12 Gulas Charles S., Marc G. Weinberger Humor in Advertising : a Comprehensive Analysis. New York: M. E. Sharpe, Inc. Gulotta Guglielmo, Giovannantonio Forabosco, Letizia Musu Il comportamento spiritoso. Milano: McGraw-Hill. Gulotta Guglielmo, Humor in therapeutic and forensic relationships. International Journal of Psychotherapy. 14-1, Hobbs Pamela Judges use of humor as a social corrective. Journal of Pragmatics. 39-1, LaFave Lawrence Humor Judgments as a function of reference groups of identification classes. In Jeffrey H. Goldstein and Paul E. McGhee (eds.) The psychology of humor: Theoretical perspectives and empirical issues, New York: Academic Press, Little Laura Regulating Funny: Humor and the Law. 94 Cornell L. Review Little Laura (in preparazione). Just a Joke: Defamatory Humor and Incongruity s Promise. Martin Rod A The Psychology of Humor. An Integrative Approach. Burlington, MA: Elsevier. Ogilvy David Confessions of an Advertising Man. London: Longmans. Ogilvy David Ogilvy on Advertising. Toronto: John Wiley and Sons. Pedrini Pier Paolo L umorismo in pubblicità. Con una valutazione dell impatto dell umorismo nella pubblicità a scopo sociale. Bern: Peter Lang. Perelman Chaim, Lucie Olbrechts-Tyteca 1969 (1958). The New Rhetoric: A Treatise on Argumentation, trans. John Wilkinson and Purcell Weaver. Notre Dame, IN: University of Notre Dame Press. Petty Richard E., John T. Cacioppo Communication and Persuasion. New York: Springer-Verlag. Priest Robert F., Swain Jordan E., Humor and its implications for leadership effectiveness. Humor. International Journal of Humor Research 15-2, Raskin Victor Semantic Mechanisms of Humor. Dordrecht: D. Reidel. Roma Elena Uso del comico nella pubblicità: Un analisi dell impatto sullo spettatore. Tesi di laurea, Università di Torino.

13 13 Ruch Willibald Fearing humor? Gelotophobia: The fear of being laughed at. Introduction and overview. Humor. International Journal of Humor Research 22-1/2, Suls Jerry M A two-stage model for the appreciation of jokes and cartoons. In Jeffrey H. Goldstein and Paul E. McGhee (Eds.) The psychology of humor: Theoretical perspectives and empirical issues. New York: Academic Press, Unger Lynette S The potential for using humor in global advertising. Humor. International Journal of Humor Research 9-2, Vagnoli Laura, Caprilli Simona, Robiglio Arianna, Messeri Andrea Clown Doctors as a Treatment for Preoperative Anxiety in Children: A Randomized, Prospective Study. Pediatrics, 116(4),

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta VF Produzioni Tel 0287250422 Facce Ride Presenta VF Produzioni Tel. 0287250422 2 Risate in tv: Da sempre un sicuro investimento Le barzellette cosa sono La barzelletta è un breve racconto umoristico, trasmesso

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Corso Public Speaking Viterbo

Corso Public Speaking Viterbo Corso Public Speaking Viterbo Ogni giornata del corso: avrá una durata di 2h per un totale di 20h Prezzo del corso: possibilità si partecipare ai primi 5 progetti (250,00 ) o ai 10 progetti (450,00 ) Posti

Dettagli

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Organizzare il discorso Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Scegliere le parole giuste Le parole hanno un peso: occorre scegliere con attenzione quelle

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Categoria e concetto di numero

Categoria e concetto di numero Due nozioni Università degli Studi di Milano Categoria e concetto di numero Sandro Zucchi 2012-2013 Prima di passare ad esaminare le capacità numeriche degli animali, dobbiamo distinguere due nozioni (e

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO in collaborazione con PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO Fausto Ciarcia (Direttore HR W. Astoria Hilton) Stefano Biscioni (Presidente ESI) Giovedi 13/03/2014 Salone

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Brief per il laboratorio

Brief per il laboratorio Brief per il laboratorio Il materiale allegato, campagne pubblicitarie per incentivare il turismo, realizzate da nazioni, regioni e una provincia, è stato selezionato per la sua qualità. Si tratta infatti

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori «Se non giochi con me mi arrabbio» Le abilità sociali e l autoregolazione nell età dello sviluppo 9 Ottobre2014

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO Registro 7 PERSONAL BRANDING Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO INDEX 3 5 9 13 16 Introduzione Che cos è il Personal Branding Una strategia di Personal Branding efficace Comunicazione

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Come avere successo ed ottenere il lavoro desiderato! AIUTA LE AZIENDE A SELEZIONARTI Essere consapevoli dei propri vantaggi, conoscere l azienda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Anno Scolastico Classe quinta Alunno/a Scuola Sez. PRIMO COMPITO Ogni anno, nella tua scuola, si organizza la Giornata della lettura e

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

La lettura con la tecnica del Jigsaw

La lettura con la tecnica del Jigsaw La lettura con la tecnica del Jigsaw Abdelkrim Boussetta Centre Régional des métiers de l éducation et de la formation Rabat Per parecchio tempo l apprendimento è stato visto come un processo unidirezionale

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA 5 novembre 2013 Prof.ssa Paola Panarese Alcune indicazioni Questioni di metodo Non saltate le tappe Non trascurate la strategia 1 La strategia Cos è? Strategia

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli