Il Linguaggio visuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Linguaggio visuale"

Transcript

1 1 Il punto Il punto è il più elementare elemento visivo. Nel linguaggio visuale il punto è concreto: lo vediamo emergere dal fondo, possiamo identificarlo, dargli dimensione e significato. La forma e la dimensione del punto possono dipendere: dalla materia con cui è realizzato dallo strumento utilizzato dal supporto su cui è impresso dalla pressione della mano P. Klee, Polifonia, 1932

2 2 Il segno Il segno è un espressione immediata per comunicare un pensiero o uno stato d animo. Segni grafici: tracciati su un foglio o incisi su una superficie solida; in questo tipo di segni prevalgono il punto e la linea. Segni pittorici: realizzati dai pittori, spesso Ideogrammi giapponesi esclusivamente con il colore. V. Van Gogh, Ricordo del giardino di Etten, 1888, part.

3 3 Il segno Segni plastici: in rilievo, fondamentali nella scultura. Donatello, David-Mercurio, particolare Segni architettonici: nelle facciate o negli interni degli edifici. S. Holl, Makuhari Housing, 1996

4 4 La linea La linea può essere retta, curva, spezzata, mista; aperta, chiusa o intrecciata. Possiede numerose funzioni: è alla base della scrittura; è elemento di contorno e di separazione tra le figure; è elemento decorativo (es.: stile Liberty).

5 5 La linea indica il movimento definisce le superfici definisce le forme e i volumi (funzione strutturale) ha un valore espressivo (determinato dallo spessore, dall andamento e dall articolazione) rappresenta l immediatezza del gesto dell artista

6 6 La superficie Ogni superficie è riconoscibile per la sua texture. La texture è composta da una trama di punti, di linee o forme, omogenea al punto da apparire unitaria e uniforme. Le texture possono essere: M. Nigro, Spazio totale: interruzione, 1954 naturali: elementi uguali o assai simili, aggregati in modo casuale (corteccia, mare increspato, ecc.). artificiali: segni ed elementi geometrici, accostati in modo da formare reticoli omogenei (grafiche o pittoriche).

7 7 La superficie Nella pittura la superficie texturizzata coincide con il segno dell artista. Nella scultura l artista incide la pietra, il marmo, il legno, dà forma al metallo, aggiunge nuova materia. In architettura la qualità della superficie è determinata dai materiali, dalla struttura o da scelte formali e stilistiche dell architetto.

8 8 La forma La forma è l insieme di elementi che ci forniscono il modo per identificare l oggetto che vediamo. Possiamo distinguere: forme naturali e forme artificiali, forme geometriche e forme libere, forme semplici e forme complesse. Ogni forma possiede una dimensione, per cui un oggetto è grande, piccolo, ecc. Scala a chiocciola Gli artisti e i grafici pubblicitari alterano le dimensioni degli oggetti per attirare l attenzione.

9 9 La forma Forme geometriche: il triangolo Il triangolo equilatero è un poligono formato da tre lati uguali ed avente tre angoli di 60. Struttura portante È la forma più stabile in natura: si percepisce come forma immobile. Struttura modulare Nel linguaggio visivo, esprime significati simbolici legati al numero tre: armonia, Struttura proiettiva proporzione, principio divino, vita.

10 10 La forma Forme geometriche: il quadrato Il quadrato è un poligono regolare formato da quattro lati uguali, con quattro angoli retti. Struttura portante Comunica solidità, stabilità ed equilibrio. Struttura modulare È associato all idea del recinto, della casa, della comunità; è un simbolo terreno. Struttura proiettiva

11 11 La forma Forme geometriche: il cerchio Il cerchio è considerato figura perfetta, perché è conclusa in se stessa e non presenta elementi di discontinuità. Struttura portante È associato all idea di movimento, alla ruota, allo spazio chiuso che delimita l area di molte città. Simbolo celeste, è legato alla perfezione, all unità e alla spiritualità; rappresenta la divinità. Struttura modulare È la figura base del tempo (eternità).

12 12 La forma Forme geometriche: i poligoni Il pentagono rappresenta l unità fra elementi diseguali; è alla base della struttura di elementi naturali (fiori). L esagono è composto da sei triangoli equilateri; in natura si trova in forme ben definite (alveare). L ottagono, nel campo delle arti, è simbolo battesimale e di resurrezione; l otto è il numero dell equilibrio cosmico.

13 13 Il colore Il colore è generato dalla luce. I diversi colori (arcobaleno) sono dovuti alle varie lunghezze d onda della luce, che appare bianca. Esperimento di scomposizione della luce (Newton, 1666): un raggio di luce solare che passa da una fessura orizzontale se incontra un prisma di cristallo si scompone, rivelando lo spettro luminoso. Lo spettro luminoso è formato da: rosso, arancio, giallo, verde, azzurro, indaco, violetto.

14 14 Il colore Le proprietà del colore Il colore è percepito quando la luce viene riflessa da un oggetto. Esempio: una superficie gialla assorbe la luce solo in parte, e riflette la componente luminosa (la lunghezza d onda) caratterizzata dal colore giallo.

15 15 Il colore Le proprietà del colore 1 Colori primari della luce: Rosso, Verde e Blu. Combinando fra loro due colori primari si forma un colore secondario (sintesi additiva). Colori secondari della luce: Rosso magenta (Rosso + blu), Blu ciano (Verde + Blu) e Giallo (Rosso + Verde).

16 16 Il colore Le proprietà del colore 2 Nella realtà, il colore di un oggetto è dato dalla presenza di pigmenti e si forma per sottrazione, cioè per assorbimento, da parte del pigmento, di una parte della radiazione luminosa (sintesi sottrattiva). ROSSO MAGENTA GIALLO BLU CYAN Nella sintesi sottrattiva i colori primari sono: Blu ciano, Rosso magenta, Giallo.

17 17 Il colore Il cerchio cromatico di Itten Il triangolo al centro contiene i colori primari. Mescolando i primari a due a due si ottengono i colori secondari (arancione, verde, viola). Componendo un primario con un suo secondario si ottengono i sei colori intermedi (terziari). Il cerchio esterno è composto dai tre primari, i tre secondari e i sei terziari. I colori in posizioni diametralmente opposte sono chiamati colori complementari o opposti.

18 18 Il colore Proprietà fondamentali del colore Tinta: è il colore vero e proprio, determinato dalla specifica lunghezza d onda. Tono: indica la quantità di luce presente in un colore. Cambia mescolando il colore con uno più chiaro o più scuro, per aumentarne o meno la luminosità. Saturazione: è il grado di purezza di un colore: se è saturo, appare brillante. Diminuisce se vengono aggiunti il bianco (il colore diventerà scialbo), il grigio (opaco) o il nero (spento). Accostando i colori si ottengono effetti di contrasto e armonia.

19 19 Il colore Il bianco e il nero Il bianco e il nero sono detti colori acromatici (senza colore). La luce bianca è data dalla somma di tutti i colori dello spettro solare, il nero corrisponde alla mancanza di colori. L accostamento del bianco e del nero crea il massimo contrasto tonale. Unendo bianco e nero ad altri colori, si ottengono gradazioni di tono monocromatiche. Il nero diminuisce la luminosità dei colori.

20 20 Il colore Il grigio e le terre I grigi corrispondono alla gamma di colori neutri. Grigi colorati: ottenuti mescolando due colori complementari in proporzioni diverse. Terre: colori derivati da sostanze minerali naturali. Si possono ottenere anche mescolando i tre secondari (primari terrosi).

21 21 Il colore Complementare del rosso, simboleggia la conservazione e la difesa. Verde Si ottiene mescolando giallo e blu, colori della terra e del cielo: è simbolo dell aria. Associato alla rigenerazione della vita e alla giovinezza, ma anche all invidia. Essendo un colore secondario, risulta instabile, di transizione. 830 tonalità di verde Applicato al corpo umano assume un significato di tristezza e disarmonia. Verdi sono i rettili, che nella cultura occidentale simboleggiano il mostruoso o l oscuro.

22 22 Il colore Rosso È un colore caldo, associato all energia e alla passionalità. Colore simbolo dell amore, delle emozioni, della vitalità, ma indica anche l azione come attacco, violenza e aggressività (associato al dio Marte). Il porpora era simbolo di regalità (vesti dei sovrani e delle autorità religiose). In Egitto aveva un significato negativo, in Occidente il rosso M. Rothko, N. 46, 1946 vivo e luminoso rappresenta la Passione e l amore per Cristo. È un colore forte: risalta rispetto ad altri vicini (soprattutto con il verde o su uno sfondo scuro).

23 23 Il colore Blu Colore dell acqua e dell aria, è associato all infinito. È un colore freddo: domina con la sua profondità, creando un atmosfera rilassata e misteriosa. Gli antichi Greci e i Romani non apprezzavano il blu: non nobile, associato alla sofferenza. Alcune civiltà, tra cui i Maya, non consideravano il blu un colore autonomo. Nel Cristianesimo è associato alla Madonna e alla spiritualità.

24 24 Il colore Viola È un colore di transizione: appare mutevole, mai pienamente definito. Colore del tramonto, della riflessione e dell ispirazione. Rappresenta l equilibrio tra il rosso (la passione) e il blu (lo spirito), tra l amore e la saggezza. Nella cultura e nell arte dell Occidente rappresenta la penitenza. M. Rothko, Senza titolo, 1969

25 25 Il colore Giallo È un colore dal timbro alto, in alcune tonalità risulta addirittura acido, stridente. Domina rispetto agli altri colori: per la sua luminosità. È l attributo della potenza di re, principi, imperatori. Ha spesso assunto il significato simbolico della luce divina, trasformandosi in oro, come nelle aureole dei santi. Ha anche un significato negativo: nel Medioevo era il colore dei ladri, degli usurai e dei traditori; esprime dolore.

26 26 Il colore Contrasto di colori L accostamento dei colori può determinare diversi effetti. Esistono 7 tipi di contrasto: Contrasto di colori puri: conferisce grande vivacità. Contrasto di chiaro e di scuro: raggiunge grande intensità espressiva accostando bianco e nero. Contrasto di colori complementari: determina un forte effetto di contrasto che ne aumenta l intensità. Contrasto di freddo e caldo: l accostamento di colori caldi (rosso, arancio) e di colori freddi (blu, verde). Contrasto di quantità: distribuzione dei colori in base alla loro luminosità. Contrasto di simultaneità: osservando un colore puro, dopo qualche istante si percepisce anche il suo complementare. Contrasto di qualità: l accostamento di un colore molto saturo con uno opaco o neutro.

27 27 Il colore Espressività del colore Il colore possiede una funzione comunicativa e viene usato secondo codici universali. Indica il comportamento da assumere: come nei segnali stradali. Informa sulle proprietà della materia di cui è fatto un oggetto: se lucido o ruvido, se caldo o freddo ecc. Esprime attrazione o rifiuto, persuade e affascina. Evoca emozioni o stati d animo: è questa la funzione utilizzata dagli artisti. Masaccio, Crocifissione, 1426

28 28 La composizione M. C. Escher, Metamorfosi I, 1437 La composizione è il modo in cui vengono disposte le varie parti dell immagine. L artista dispone le forme e i colori per attirare l attenzione verso alcune parti dell immagine. È fondamentale individuare i princìpi di composizione usati più frequentemente per capire come i singoli elementi sono in rapporto tra loro.

29 29 La composizione La direzione prevalente: l osservatore percepisce spontaneamente la direzione di una composizione, in alcuni casi è molto evidente, in altri invece è più nascosta. La collocazione spaziale: all interno dell immagine le figure si limitano a suggerire l idea di profondità in base agli indicatori spaziali della profondità: 1. la grandezza relativa. 2. la collocazione degli oggetti. 3. la sovrapposizione delle forme. 4. la convergenza di linee parallele. 5. i gradienti di profondità del colore. 6. gli effetti di trasparenza. 7. la modulazione della texture.

30 30 La composizione Il peso visivo: si riferisce al senso di leggerezza o gravità (peso) che ci comunica la disposizione delle forme nel campo visivo, cioè nell immagine o nello spazio che vediamo. L idea di peso visivo richiama quella dell equilibrio tra le parti; il nostro occhio percepisce immediatamente quali sono gli elementi che hanno un ruolo dominante nella composizione.

31 31 La composizione Nuclei e linee di forza: in un immagine (cioè all interno del campo visivo) si creano raggruppamenti di figure e di forme, oppure si formano linee di forza in base alla disposizione degli elementi. Andamento orizzontale: calma e staticità. Andamento verticale: equilibrio verso l alto. Andamento diagonale: effetti di movimento. P. Cézanne, Natura morta, 1880

32 32 La composizione Simmetria e asimmetria Simmetria: si ha simmetria in un oggetto quando gli elementi che lo compongono si trovano in esatta corrispondenza rispetto a un asse o a un centro di rotazione. Asimmetria: è la negazione della simmetria e si ha quando in un oggetto non si può riconoscere un asse o un centro di rotazione.

33 33 La composizione Modulo e ritmo Il modulo: è una forma base elementare che si può ripetere più volte fino a realizzare una forma complessa. Il ritmo: nelle immagini si manifesta come il succedersi regolare di forme, di colori, di segni, di luci e ombre, di pieni e di vuoti.

34 34 La composizione Tassellazioni Tassellare significa disporre una serie di forme a comporre un mosaico che riempie completamente una superficie. Le tassellazioni possono essere più o meno regolari in base alle forme geometriche che le caratterizzano.

35 35 Luce e ombra La luce: si distribuisce sugli oggetti, suggerendone la tridimensionalità. Ombre proprie Ombre autoportate Le ombre: si formano nella parte dell oggetto che non è investita dalla luce; la loro intensità deriva dalla direzione della luce e dall inclinazione dei raggi. Ombre portate

36 36 Luce e ombra Tipi di illuminazione 1. La luce investe frontalmente l oggetto che risulta abbagliato. 2. Sui lati dell oggetto si formano zone 1. Luce frontale d ombra che fanno risaltare le superfici. 2. Luce laterale 3. L oggetto è posto tra osservatore e sorgente di luce: l ombra è uniforme e i volumi si appiattiscono. 3. Controluce 4. Luce diffusa 4. La luce si distribuisce uniformemente sull oggetto e non crea ombre particolari.

37 37 Luce e ombra Quando muta la quantità o la qualità della luce, uno stesso oggetto viene percepito in modo diverso. D. Flavin, allestimento, 2007 Le ombre colorate: anche se le ombre sembrano nere o grigie, in realtà sono colorate perché derivano da una variazione dell intensità della luce, che per sua natura, contiene tutti i colori. U. Boccioni, Rissa in galleria, 1910

38 38 Lo spazio L occhio umano percepisce lo spazio in due modi diversi: 1. la visione stereoscopica: la relazione tra le immagini che ciascun occhio percepisce crea una sola immagine tridimensionale; questo ci permette di cogliere le distanze e le dimensioni degli oggetti. Lo spazio aperto naturale Lo spazio naturale e urbanizzato 2. la visione cinestetica: siamo in grado di ricostruire nella nostra mente oggetti visti solo parzialmente o il contesto in cui si inseriscono. Lo spazio interno dell architettura

39 39 Lo spazio La prospettiva La prospettiva è un metodo di rappresentazione grafica che crea l illusione della profondità spaziale. La prospettiva centrale: in Età rinascimentale si utilizzava la prospettiva con un solo punto di fuga, che pone al centro l uomo che osserva il mondo dal suo punto di vista. Punto di fuga Il punto di fuga: è il punto lontano in cui sembrano convergere tutte le linee parallele. Melozzo da Forlì, Sisto IV conferisce la carica di prefetto della Biblioteca Vaticana, 1477

40 40 Lo spazio LT: linea di terra La prospettiva geometrica Quadro prospettico LO: linea d orizzonte PV: punto di vista PS: Punto di stazione PP: punto principale pp: proiezione del PP F: punto di fuga h: altezza orizzonte Piano di terra

41 41 Lo spazio La prospettiva Nella prospettiva centrale (o frontale) il punto di fuga è uno solo e l osservatore si colloca frontalmente. Nella prospettiva accidentale, invece, i punti di fuga sono due e l osservatore si colloca obliquamente alla scena. La prospettiva accidentale dilata lo spazio e fa intuire la sua prosecuzione oltre l immagine o i margini della tela (pittura).

42 Titolo del capitolo Argomento Inserire il testo Titoletto Inserire il testo Inserire l immagine nel riquadro. Inserire il testo

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce I colori primari Il disco di Newton L'armonia I colori complementari I colori secondari I colori

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

IL COLORE Principi tecnici

IL COLORE Principi tecnici IL COLORE Principi tecnici ECSA Emanuele Centonze SA - Via Luigi Favre 16-6828 Balerna T. 091.695 88 00 - F. 091.695 88 02 - www.ecsa.ch - shop.ecsa.ch Cos'è il colore? Il colore nasce dalla luce: la luce

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

Introduzione 4. Verifiche per competenze 11. Soluzioni 90 Referenze iconografiche 95

Introduzione 4. Verifiche per competenze 11. Soluzioni 90 Referenze iconografiche 95 Indice 3 Introduzione 4 Finalità e criteri ispiratori dell opera 4 Articolazione dell opera 4 Strumenti didattici 6 Verifiche per competenze 11 Percezione e rappresentazione 11 Gli elementi del linguaggio

Dettagli

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35 CHE COS È IL COLORE? Il colore nasce dalla luce. La luce che colpisce un oggetto viene parzialmente assorbita a seconda del colore. La parte non assorbita viene riflessa e trasmessa ai recettori cromatici

Dettagli

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce Esperimento 1: Dispersione della luce Materiali e strumenti: Occhiali speciali, luce Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto rimanda indietro arriva ai nostri occhi. Dipende da: SI PROPAGA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA comprende la grammatica del 1a. Riconoscere nella realtà e nelle rappresentazioni le relazioni spaziali tra gli elementi. 1b. Distinguere la figura

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA La composizione fotografica Una buona composizione è la maniera più forte di vedere le cose EDWARD WESTON SCOPO DELLA COMPOSIZIONE Lo scopo della composizione è intensificare l

Dettagli

percezione e composizione

percezione e composizione Facoltà di Architettura di Genova Corso di laurea in Disegno Industriale Laboratorio di GRAFICA 1 a.a. 2009_10 Prof.ssa Marialinda Falcidieno Prof. Massimo Malagugini Alessandro Castellano Serena Wich

Dettagli

Arte e immagine: il colore.

Arte e immagine: il colore. Ultimo ambito della trattazione programmata è il colore. La vastità del contenuto e la necessità di fornire agli alunni materiale visivo a colori rende onerosa la produzione di schede didattiche, che per

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA Il campo di Girasoli Guida illustrata facile per dipingere subito un paesaggio Daniela De Candia I primi passi nella Pittura-il campo di girasoli 2014 Daniela De Candia 2014 Dipingere Subito Tutti i diritti

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di Laurea in DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2007-08 - 1 Semestre Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Calendario del corso con argomenti svolti

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo

Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Creazione di lavori realistici con il riempimento a reticolo Ariel Garaza Díaz Nato a Montevideo, Uruguay, Ariel vive e lavora in Spagna a Madrid. È designer professionista sin dal 1980 e utente di Corel

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

Indice. Modulo 1. Modulo 2 DALLA PERCEZIONE ALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO 1 PROSPETTIVA: REGOLE E METODI 55. Le camere ottiche settecentesche 32

Indice. Modulo 1. Modulo 2 DALLA PERCEZIONE ALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO 1 PROSPETTIVA: REGOLE E METODI 55. Le camere ottiche settecentesche 32 IV INDICE Indice Modulo 1 DALLA PERCEZIONE ALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO 1 La percezione della tridimensionalità 2 Esaminiamo le costanze percettive 5 Gli inganni dell occhio 8 La rappresentazione

Dettagli

Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori

Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori Testo Achim Pilz* Immagini Reinhard Görner Gli edifici di Bruno Taut come molti altri capolavori del Bauhaus sono caratterizzati dalle forme nette

Dettagli

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB Teoria del colore A partire da tre colori Rosso, Verde, Blu è possibile generare tutta la rimanente scala cromatica mescolando con le dovute percentuali questa terna di riferimento. Si immagini di proiettare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini Scuola secondaria di 2 Grado Liceo Artistico A.S. 2012 2013 CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA DISCIPLINE GEOMETRICHE La classe è composta da alunni che hanno dimostrano una

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

GUIDA ALLE RESINE. rev. 02

GUIDA ALLE RESINE. rev. 02 GUIDA ALLE RESINE rev. 02 COLORPAVING EPOX STUCCO - LUCIDO LE NOSTRE RESINE NASCONO DA: COLORPAVING EPOX STUCCO - DELAVÈ PAVIMENTI IN RESINA COLORPAVING SYSTEM I pavimenti della linea COLORPAVING nascono

Dettagli

d e c o r a t i v i d i n t e r n i

d e c o r a t i v i d i n t e r n i d e c o r a t i v i d i n t e r n i Nature Respect 5 Introduzione 6 Neutri soavi 8 Crema 10 Solari 12 Arancioni 14 Vermigli 16 Grigi sofisticati 18 Azzurri 20 Verdi 22 Castani 24 Il nuovo assetto istituzionale

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe prima della scuola primaria... 2 CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe seconda della

Dettagli

1000 Griesser Colors.

1000 Griesser Colors. 1000 Griesser Colors. 1000 Griesser Colors. Perché i vostri quadri non si sciolgano. 100 colori standard GriColors I colori sottolineano il carattere di un edificio o di un locale. Creano atmosfere. Influenzano

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Arte e immagine: il colore.

Arte e immagine: il colore. Arte e immagine: il colore. Ultimo ambito della trattazione programmata è il colore. La vastità del contenuto e la necessità di fornire agli alunni materiale visivo a colori rende onerosa la produzione

Dettagli

Analisi grafica del Marchio

Analisi grafica del Marchio Analisi grafica del Marchio Un Marchio è un segno e come tale è soggetto a tutte le regole percettive di un segno visivo generico. La gestaltica, nell ambito della percezione visiva, elenca una serie di

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

Enzo Mari Forma e Formalismo

Enzo Mari Forma e Formalismo 3 Maggio 2009 ISSN 1722-7402 Bimestrale - n. 3 - Maggio 2009 - e 3,90 - poste Italiane spa - Sped. abb. Postale - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1, Comma 1, DCB Milano In caso di mancato

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi)

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) Il primo Novecento CUBISMO Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) ALLA BASE DELLA LORO RICERCA: Osservazione pittura

Dettagli

VENUS Pininfarina Design

VENUS Pininfarina Design VENUS Pininfarina Design Il valore distintivo di un oggetto oggi è sempre più legato alla sua capacità di trasmettere emozioni attraverso: forme particolarmente attraenti, che danno carattere e personalità

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

Agli operatori degli Uffici Passaporto

Agli operatori degli Uffici Passaporto Agli operatori degli Uffici Passaporto Il software che viene distribuito presso gli uffici passaporto, necessario ad acquisire i dati per il rilascio del Passaporto Elettronico, include la procedura di

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^ Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara CLASSE 1^ NUCLEI TEMATICI ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUMERI Tecniche e procedure

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA Carla Alberti Trasformazioni geometriche e movimenti fisici L uso del termine trasformazione è molto frequente nel linguaggio comune e in quello

Dettagli

Quarta opzione 2 151

Quarta opzione 2 151 Quarta opzione 2 151 Gianni Hoffmann Educazione visiva Classe: opz.2 Argomento Immagine e funzione Tema Manifesto modella Descrittivo dell attività (finalità riflessioni) Estrapolazione di motivi decorativi

Dettagli

Il Colore. Prof.ssa Esposito Priscilla

Il Colore. Prof.ssa Esposito Priscilla Il Colore Prof.ssa Esposito Priscilla La luce Il colore è fondamentalmente luce. Anche se la luce ci appare bianca, essa è composta da vari colori. Dal punto di vista fisico, dunque, i colori sono nient

Dettagli

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole

MANUALE D USO DEL LOGO. Comunità della Valle di Sole MANUALE D USO DEL LOGO CONTENUTI Struttura del logo Significato del logo Il presente manuale espone le linee guida per l utilizzo del logo della. Potrebbero comunuqe sopraggiungere alcune situazioni in

Dettagli

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia NOTA BENE: le risposte corrette sono riportate al termine del documento 1) Quali sono i dati fondamentali che lo scrivente deve fornire al grafologo per

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

Come comunicare con i colori e la tipografia. Ferdinando Signorelli www.marketingadvsignorelli.it

Come comunicare con i colori e la tipografia. Ferdinando Signorelli www.marketingadvsignorelli.it Come comunicare con i colori e la tipografia Ferdinando Signorelli www.marketingadvsignorelli.it ADV A cura di Ferdinando Signorelli Web marketer con circa 10 anni di esperienza tra agenzie pubblicitarie

Dettagli

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia Daniele Marini Dispositivi di uscita e videotecnologia Introduzione La tecnologia più diffusa, dopo quella Crt (Cathode Ray Tube), è oggi la Lcd (Liquid Crystal Display). Impiegata, in particolare nei

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli

Introduzione al 3D con Autocad

Introduzione al 3D con Autocad 2 Introduzione al 3D con Autocad Coso di CAD B condotto da Daniela Sidari a.a. 2012/2013 19.02.2013 Modellazione geometrica 3D wireframe superfici solidi Si distinguono tre tecniche principali di modellazione:

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

- A.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano

- A.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano - A.1 - MANUALE DI OTTICA per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano Agosto 2010 - A.2 - - A.3-1. La luce Siamo abituati a vivere come immersi in un mondo di luce,

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Destinatari: CLASSI PRIME 1. RIFERIMENTO AI DOCUMENTI OBIETTIVI FORMATIVI/COMPETENZE/COMPITO ESPERTO

Destinatari: CLASSI PRIME 1. RIFERIMENTO AI DOCUMENTI OBIETTIVI FORMATIVI/COMPETENZE/COMPITO ESPERTO UNITÀ D APPRENDIMENTO Scuola secondaria di I grado Lana Fermi P10/M01 Rev.01 del 01/09/2005 APPRENDIMENTO UNITARIO DA PROMUOVERE : IL MONDO ANIMALE - Dati identificativi: Lingua Anno scolastico: 2009/2010

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico G.ANTONIOLI, F.FERMI, C.OLEARI, R.REVERBERI Università di Parma e INFM-Unità di Ricerca di Parma, Dipartimento di Fisica, Parco Area delle Scienze

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini IO SONO COLORE Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò laboratori artistici con i bambini insegnante: Donatella Redaelli L uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre.

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI asdf LA CODIFICA DELLE IMMAGINI 3 March 2012 Premessa L'articolo che segue vuole essere, senza alcuna pretesa di rigore scientifico e di precisione assoluta, in quanto non ne possiedo le competenze, una

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

Guida alla qualità del colore

Guida alla qualità del colore Pagina 1 di 7 Guida alla qualità del colore Nella presente guida vengono descritte le opzioni disponibili sulla stampante per la regolazione e la personalizzazione della resa del colore. Menu Qualità Modalità

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini G. Capizzi Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini DIEES Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università di Catania Indice 1 Percezione delle Immagini................................

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

TINTE D AUTORE BOERO BARTOLOMEO

TINTE D AUTORE BOERO BARTOLOMEO TINTE D AUTORE TINTE D AUTORE Boero ti aiuta a scegliere il colore più adatto ad ogni ambiente della tua casa Boero crede nell importanza del corretto uso del colore negli ambienti in cui viviamo. Da anni

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Psicologia della Gestalt. 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti

Psicologia della Gestalt. 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti Psicologia della Gestalt 1. Cenni generali 2. Livelli di realtà 3. Figura e sfondo 4. Leggi di segmentazione del campo visivo 5. Il tutto e le parti 1. Cenni generali Corpo di affermazioni teoriche e di

Dettagli

0CCHIO ALLO SPECCHIO

0CCHIO ALLO SPECCHIO Dipartimento Formazione e Apprendimento Il Giardino della Scienza 0CCHIO ALLO SPECCHIO versione 5 marzo 2012 testi e fotografie di Agata Filippini e Giorgio Häusermann 1. L OCCHIO Come funziona l occhio

Dettagli

MONOGRAFIE Manuale di Qualità

MONOGRAFIE Manuale di Qualità Controllo qualità in offset Per la valutazione della qualità di stampa per lungo tempo non è esistita alcuna scala di misura. Mentre altri settori dell industria producono in base a valori prestabiliti

Dettagli

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD Circolo Fotografico Borgosesia Via Angelo Ottone n 42/44-13011 Borgosesia (VC) www.fotoborgosesia.it presenta APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD PER UNA MIGLIORE VISUALIZZAZIONE IN FOTORITOCCO

Dettagli

La fotografia di paesaggio. di Aristide Torrelli 2008

La fotografia di paesaggio. di Aristide Torrelli 2008 La fotografia di paesaggio Luce, tecnica e visione di Aristide Torrelli 2008 Il percorso Cos è un paesaggio Vedere fotograficamente Comporre l immagine L obiettivo migliore La luce Scegliere la miglior

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente.

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. Linee Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. a. curva spezzata retta mista aperta chiusa b. curva spezzata

Dettagli

Piano di Lavoro. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Aldo MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro DISEGNO E STORIA

Dettagli

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 DURATA: Annuale (36 lezioni - cadenza settimanale di tre ore ciascuna) FREQUENZA: Sabato 14.30 17.30 sede RUFA di Via

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli