Proposta formativa A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposta formativa A.S. 2014 2015"

Transcript

1 Proposta formativa A.S Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse Lo Statuto prevede che il Comune di Portogruaro, quale ente rappresentativo della Comunità locale, orienti la propria azione al pieno sviluppo della persona umana, favorisca l integrazione trasversale, tuteli l infanzia, promuova la formazione dei giovani, intervenga per sostenere la condizione delle persone in svantaggio psico-fisico nell affermazione dei propri diritti, primo fra tutti quello di cittadinanza e collabori, con la sua azione, al consolidamento di una cultura della solidarietà, dell accoglienza, della partecipazione, della tolleranza e della cooperazione. Il Consiglio Comunale ha aderito alla Associazione Internazionale delle Città educative per realizzarsi come: - una Città che investe sull educazione, su ogni persona, di modo che ognuno sia sempre più capace di esprimere, affermare e sviluppare il proprio potenziale umano, con le proprie singolarità, creatività e responsabilità; - una Città che promuove le condizioni di piena uguaglianza affinché tutti possano sentirsi rispettati ed essere rispettosi, capaci di dialogare. - una Città in grado di coniugare tutti gli elementi necessari alla costruzione di una reale società della conoscenza senza esclusioni, una città che consenta un facile accesso di tutta la popolazione alle tecnologie dell informazione e della comunicazione. L Amministrazione intende, nella fattispecie e a partire dalle giovani generazioni, promuovere attività che favoriscano vieppiù il crescere di una Cittadinanza attiva, anche per aumentare la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di agire nelle politiche pubbliche, di esercitare i propri poteri;

2 Tutto ciò premesso, stante che nel 2015 verrà inaugurata la nuova sede della Biblioteca comunale, si intende incentrare il tema del Premio sulla promozione di una nuova Biblioteca pubblica, moderna, di qualità, capace di soddisfare le esigenze di informazione e consultazione generale, come strumento di raccordo tra esigenze della vita quotidiana, della società dell informazione, della divulgazione. Una nuova biblioteca che sia un punto di riferimento per tutti i cittadini e che si proponga come un luogo in cui sia gradevole recarsi e intrattenersi.ma non solo. L'Amministrazione ha inteso, dunque, la Biblioteca come un servizio alla città e al territorio: il luogo dei libri ovviamente, ma anche il luogo dove poter consultare riviste e giornali da tutto il mondo, ascoltare musica, vedere un film, scoprire la città e il territorio, studiare in tranquillità o in gruppo, incontrarsi con altre persone, partecipare a conversazioni e occasioni culturali e di svago, un luogo dove dare e ricevere saperi, una nuova piazza insomma, la nostra nuova piazza del sapere. Destinatari: Studenti delle 5^ classi della Scuole Primarie, tutte le classi della Scuole Secondarie Inferiori e Scuole Secondarie Superiori pubbliche e private che hanno sede a Portogruaro. Finalità L obiettivo del progetto consiste nel far apprendere agli studenti conoscenze basilari sulle tecniche del linguaggio cinematografico e pubblicitario, il loro significato e i loro effetti in termini di resa audiovisiva, perché possano servire da stimolo alla creatività, nonché favorire l'aggregazione, il lavoro di gruppo e sviluppare le loro capacità relazionali, rendendoli capaci di produrre autonomamente un breve filmato o uno spot. L'esperienza del laboratorio di linguaggio cinematografico e pubblicitario si distingue per eccezionalità ed esemplarità, poiché permette: a) di stimolare negli alunni/studenti potenzialità che solitamente non vengono sviluppate nell'ordinaria attività scolastica. b) di completare in modo originale materie che sono comprese come fondamentali nell'attività didattica ordinaria. c) di alfabetizzare gli alunni/studenti in modo corretto e creativo al nuovo linguaggio audiovisivo multimediale e digitale, grazie all'utilizzo delle moderne tecnologie. Modalità e periodo di realizzazione L iniziativa potrà avere inizio da ottobre 2014 e si concluderà, indicativamente, verso fine febbraio Le modalità relative alla realizzazione del progetto sono elencate nell allegato sub A). Gli ambiti e le modalità specifiche di partecipazione al concorso potranno essere successivamente previste in un incontro da tenersi con gli Insegnanti interessati. La manifestazione di conferimento delle targhe premio si terrà in Sala Consiliare o altra sede.

3 Della cerimonia di conferimento delle targhe premio verrà data notizia sul foglio informativo e nel sito internet del Comune. Adesioni: Le adesioni dovranno pervenire al Comune non oltre il mese di settembre Ufficio di riferimento L Area Amministrativa Affari Generali (Telefono resta a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione. Note La realizzazione della proposta formativa potrà essere confermata dopo la verifica circa le adesioni pervenute e il reperimento delle risorse necessarie.

4 Allegato sub A) ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO Laboratorio di linguaggio pubblicitario per Premio Consiglio Comunale Edizione L obiettivo del progetto consiste nel far apprendere agli studenti conoscenze basilari sulle tecniche del linguaggio pubblicitario, il loro significato e i loro effetti in termini di resa audiovisiva, perché possano servire da stimolo alla creatività, nonché favorire l'aggregazione, il lavoro di gruppo e sviluppare le loro capacità relazionali, rendendoli capaci di produrre autonomamente un breve filmato in forma di spot o messaggio promozionale. Il progetto si articola in 5 fasi per 14 ore complessive. Fase 1 (2 ore) Come si fa uno spot. Fase propedeutica e generale in cui i ragazzi sono stimolati a dare una propria interpretazione del linguaggio audiovisivo pubblicitario e ad esprimere le proprie conoscenze. Il messaggio promozionale viene proposto come: mezzo per raccontare una storia, della quale vengono fornite le nozioni di: spazio, tempo, personaggi, funzioni e azioni; e rappresentazione audiovisiva, cioè immagini in movimento (nozione di inquadratura e movimento di macchina) e suoni, accostati gli uni agli altri (nozione di montaggio). Fase 2 (2 ore) L inquadratura, i movimenti di macchina e il suono. Dell inquadratura verranno trattai i seguenti aspetti: il profilmico, l ambiente e la figura, la luce e il colore, la scala di piani e dei campi, le angolazioni, il campo e il fuori campo, la soggettiva. Verranno trattati i rapporti tra movimento dei personaggi e movimento dell inquadratura, e i principali movimenti di macchina: panoramica, carrellata, macchina a mano. Del suono verranno trattate le tre dimensioni: rumori, parole e musica, i concetti di suono in e suono off. Fase 3 (2 ore + 2 ore) dal Soggetto allo Story board. In questa fase gli studenti produrranno il soggetto del messaggio promozionale che intendono poi mettere in scena e filmare; passeranno quindi alla stesura dello story board, ovvero piccoli disegni che accompagnano la sceneggiatura, rappresentanti le inquadrature che si vogliono ottenere nelle varie riprese, da realizzare secondo le tecniche del linguaggio cinematografico, apprese nelle fasi precedenti. Fase 4 (3 ore) Riprese. In questa fase gli studenti, individuati i set, divisi i ruoli, e predisposta la scena, cominceranno a girare il filmato in completa autonomia (l'esperto che ha condotto il laboratorio fungerà da supervisore), utilizzando una videocamera digitale di piccole dimensioni. Fase 5 (3 ore) Montaggio e Post produzione. Il "girato" verrà dunque riversato su un computer per essere assemblato attraverso il montaggio (già precedentemente stabilito in fase di story board), saranno inseriti eventuali effetti sonori o visivi che non è stato possibile realizzare in fase di ripresa, e verrà confezionato il video con i titoli di testa e di coda.

5 METODOLOGIA E SUSSIDIO DIDATTICO Il progetto verrà svolto con metodologie didattiche di tipo innovativo poiché si avvale di sussidi multimediali che avvicinano gli alunni alle nuove tecnologie. Le prime due fasi si articolano allo stesso modo: lezione in sala audiovisivi, supportata da segmenti tratti da opere cinematografiche e intervallata da esercitazioni degli studenti. Le esercitazioni possono essere orali o scritte. Nel primo caso, durante la visione di spot o messaggi promozionali opportunamente scelti, verrà chiesto agli studenti di individuare di volta in volta il tipo d inquadratura, di movimento di macchina, di suono, di effetto luminoso, di raccordo di montaggio, spiegandone oralmente gli effetti. L esercitazione scritta, che può essere svolta anche in gruppo, prevede per la fase 3 la stesura di un soggetto, liberamente proposto dagli alunni, che verrà poi elaborato in una semplice sceneggiatura, rappresentata successivamente in uno story board, per verificare se gli studenti sono in grado di riprodurre graficamente determinati effetti luminosi, di angolazione, di spazio, e di montaggio, acquisiti durante le lezioni precedenti. Queste esercitazioni sono propedeutiche alla realizzazione di uno story board sulla sceneggiatura da essi stessi elaborata. Le fasi 4 e 5 vengono svolte lasciando agli studenti il massimo di autonomia nell organizzazione delle riprese, fornendo loro solamente una supervisione che li aiuti a tener conto dei tempi di realizzazione. Sussidio didattico a carico della scuola: aula con pc e videoproiettore, aula informatica con pc sistema operativo XP. Sussidio didattico a carico della proponente: con selezione di brani audiovisivi a supporto della spiegazione, videocamera digitale semiprofessionale.

6 ECCEZIONALITA' ED ESEMPLARITA' DEL PROGETTO - obiettivi didattici L'esperienza del laboratorio di linguaggio audiovisivo pubblicitario si distingue per eccezionalità ed esemplarità, poiché permette: a) di stimolare negli alunni/studenti potenzialità che solitamente non vengono sviluppate nell'ordinaria attività scolastica. Gli alunni/studenti che si preparano alla realizzazione di un prodotto audiovisivo interamente realizzato (dalla fase concettuale a quella operativa) da loro, sviluppano individualmente creatività artistica e logica nell'utilizzo della grammatica mediale, e collettivamente un atteggiamento di collaborazione e responsabilità nei confronti del gruppo per il raggiungimento di un fine comune. La realizzazione di un filmato infatti è una delle pochissime attività che prevedono l'impegno a vario titolo ma a vasta partecipazione di diversi soggetti, portati a lavorare insieme e a condividere idee, soluzioni, obiettivi, nel rispetto e nella comprensione reciproci. Gli alunni che hanno già avuto modo di sperimentare il laboratorio di linguaggio audiovisivo hanno sviluppato inoltre (secondo i giudizi prodotti dagli insegnanti) abilità manuali, verbali e sociali, accrescendo l'autostima e la sicurezza. b) di completare in modo originale materie che sono comprese come fondamentali nell'attività didattica ordinaria. La produzione audiovisiva si qualifica come attività innovativa ma complementare alla didattica ordinaria, poiché nella fase propedeutica alle riprese gli alunni/studenti si avvalgono di conoscenze pregresse relative sia alle materie del "ramo umanistico" (lingua italiana, educazione artistica ed educazione musicale entrano in gioco nelle fasi di: scrittura del soggetto, della sceneggiatura, del copione; realizzazione dello story board; scelta delle musiche da inserire nei momenti pregnanti dell'azione), sia a quelle del "ramo scientifico" (l'informatica è collegata all'utilizzo della videocamera digitale). L'applicazione pratica in campi originali ed innovativi di nozioni teoriche tradizionali contribuisce inoltre a valorizzarle e a favorire nell'alunno una loro percezione in termini funzionali. c) di alfabetizzare gli alunni/studenti in modo corretto e creativo al nuovo linguaggio audiovisivo multimediale e digitale, grazie all'utilizzo delle moderne tecnologie. Grazie al laboratorio di linguaggio audiovisivo l'alunno/studente si costruisce uno sguardo critico che gli permette di ricevere gli input comunicativi a livello mediale (film, pubblicità, programmi tv, filmati digitali via internet, ecc ) in modo consapevole e attento alle tecniche utilizzate e ai conseguenti effetti che tali tecniche comportano nella trasmissione del messaggio. Questo grazie non solo alla formazione teorica sulla sintassi audiovisiva, ma soprattutto all'esperienza pratica di scrittura filmica, attraverso l'utilizzo in prima persona dei mezzi del nuovo linguaggio, come la videocamera digitale con le potenzialità da essa consentite (mobilità di ripresa, agilità, funzioni intuitive).

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 L idea del progetto sulla pubblicità è nata dalla decisione di partecipare ad un concorso proposto nell ambito della

Dettagli

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Tutto questo si traduce in : È lo sfondo in cui la scuola accompagna l alunno alla scoperta di se stesso, degli altri, nello spazio e nel tempo attività

Dettagli

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA.

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. 2014 www.scuolafilmfest.it COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. PREMESSA Il concorso, giunto alla IV edizione, è promosso dall Associazione Lab CINECITTA Sicilia

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI PROGETTI TRASVERSALI FINALITÀ DESTINATARI SCIENZE MOTORIE: 1. PSICOMOTRICITA 2. GIOCO-SPORT 3. SPORTIVAMENTE A SCUOLA Acquisire la conoscenza-coscienza del proprio Io corporeo e la capacità d interagire

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti.

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti. ARTE E IMMAGINE CLASSE I SCUOLA PRIMARIA Osservare e Esprimersi e L alunno conosce e usa il colore. L alunno riconosce nella realtà e nella rappresentazione: relazioni spaziali, rapporto verticale, orizzontale,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

CALENDARIO LEZIONI AULA MASTER IN GIORNALISMO 4 Marzo 2013 9.30-13.30 11 Marzo 2013 9.30-13.30 18 Marzo 2013 9.30-13.30 25 Marzo 2013 9.30-13.

CALENDARIO LEZIONI AULA MASTER IN GIORNALISMO 4 Marzo 2013 9.30-13.30 11 Marzo 2013 9.30-13.30 18 Marzo 2013 9.30-13.30 25 Marzo 2013 9.30-13. WORKSHOP A.A. 2012/2013 Ogni workshop ha la durata di 20 ore, pari a 2 CFU. La registrazione al workshop avverrà durante la prima lezione. La frequenza è obbligatoria e sarà ammessa un assenza pari a non

Dettagli

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni)

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) Ci sono tante storie raccontate a voi bambini Da un Raccontastorie Perché siete piccolini E poi ce ne sono altre Suonate

Dettagli

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE WORKSHOP A.A. 2012/2013

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE WORKSHOP A.A. 2012/2013 PROPOSTA DI ATTIVAZIONE WORKSHOP A.A. 2012/2013 Dopo l esperienze dell anno accademico precedente, la Facoltà di Scienze della Comunicazione intende proporre, anche per questo anno accademico, una serie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PORTO TOLLE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria 1 del Comune di Porto Tolle Via Brunetti, 17-45018 Porto Tolle (Ro) Tel.0426/81259 Fax 0426/391160 E-mail segreteria@scuolabrunetti.it

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA

I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA 1 Dati identificativi della UA Anno scolastico: 2013/2014 Scuola: Scuola media Campioni-Mascherpa

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*-

COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*- COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*- IL PROGETTO ACCADEMIA DEL CINEMA RAGAZZI ENZITETO è partito nell ottobre 2005 grazie ad un finanziamento della 1^ Circoscrizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARVICO CURRICOLO DI L2 /L3 classe prima A.S. 2010/2011 OBIETTIVI FORMATIVI (i nostri OSA) COMPETENZE (Fioroni) Utilizza

Dettagli

Manuale del giovane Filmmaker

Manuale del giovane Filmmaker Manuale del giovane Filmmaker Doma il bullo 2011/2012 Corecom Lombardia - Manuale del giovane filmmaker Istruzioni per l uso In queste pagine potrai scoprire i principi fondamentali per realizzare un video

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

La guerra, percorso interdisciplinare

La guerra, percorso interdisciplinare RELAZIONE FINALE Alessandra Ricci classe E13 pag. 1 di 5 La guerra, percorso interdisciplinare Finalità La finalità del progetto è di trasmettere la capacità e il desiderio di cercare nuove informazioni

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo.

PROGETTO D ISTITUTO IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo. PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA Il Progetto si chiama In crescendo. Gli alunni conosceranno tutti gli strumenti del mondo, in particolare il violino, in quanto è quello sicuramente

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo.

La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo. La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo. CONOSCI IL LINGUAGGIO PROFESSIONALE AUDIO-VIDEO? SEI IN GRADO SI ANALIZZARE E COMPRENDERE LA DOCUMENTAZIONE TECNICA

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 Scuola Primaria Statale E. Canziani PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE DEL PERCORSO: 1) Premessa p. 2 2) funzioni e carattere dell'offerta formativa p. 2 3) analisi del contesto

Dettagli

I.C. Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria primo grado www.dante.trieste.it PIANO dell OFFERTA FORMATIVA. per l anno scolastico 2005/2006

I.C. Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria primo grado www.dante.trieste.it PIANO dell OFFERTA FORMATIVA. per l anno scolastico 2005/2006 I.C. Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria primo grado www.dante.trieste.it PIANO dell OFFERTA FORMATIVA per l anno scolastico 2005/2006 Organizzazione oraria o r a r i o L unità oraria è di 50 8.

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnica Professionale Classe:4 B A.S. 2014/15 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 14 alunni provenienti dalla classe terza dell istituto,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

C I A K, S C U O L A!

C I A K, S C U O L A! COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine più di vent anni di esperienze dedicate all infanzia, all adolescenza e alla didattica dell immagine C I A K, S C U O L A! I LABORATORI

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale a.s. 2014-2015 Presentazione della classe La classe 3 A è composta da

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione.

Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione. Fiabe sonore ed emozioni verbali, grafiche, motorie e sonore Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione. Nucleo tematico: la musica racconta

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA 1 Ampliamento dell offerta formativa... 1 SCUOLA PRIMARIA... 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto Accoglienza... 3 2. Progetto Continuità... 3 3. Progetto

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA Elementi di grammatica audiovisiva Inquadrature e montaggio Visione e analisi di varie tipologie di video e di montaggi. Generi e stili dell audiovisivo: analisi delle caratteristiche.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale Padre A.M. TANNOIA

Istituto Tecnico Commerciale Statale Padre A.M. TANNOIA Istituto Tecnico Commerciale Statale Padre A.M. TANNOIA Codice Meccanografico: BATD09000L tel. 080/8721097 fax 080/3580035 e-mail: batd09000l@istruzione.it Via XXIV Maggio, 62 70033 CORATO (BA) Codice

Dettagli

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni Laboratori aperti 2011-2012 Architettura e ambiente L indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nel settore dell Architettura in rapporto alla specificità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2014/2015 Presentazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio CLICCA E IMPARA SCUOLA PRIMARIA Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

Il progetto prevede la realizzazione di uno spot pubblicitario che ha come tematica principale STARE BENE INSIEME

Il progetto prevede la realizzazione di uno spot pubblicitario che ha come tematica principale STARE BENE INSIEME Il progetto prevede la realizzazione di uno spot pubblicitario che ha come tematica principale STARE BENE INSIEME I partecipanti al progetto dovranno esprimere in modo creativo attraverso la realizzazione

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

Scuola dell Infanzia C.Collodi Cave. Piano di realizzazione e svolgimento delle attività di tirocinio nella Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia C.Collodi Cave. Piano di realizzazione e svolgimento delle attività di tirocinio nella Scuola dell Infanzia Scuola dell Infanzia C.Collodi Cave Piano di realizzazione e svolgimento delle attività di tirocinio nella Scuola dell Infanzia ANNO SCOLASTICO 2014 2015 MOTIVAZIONI Le attività di tirocinio nella Scuola

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Picaro Film. Consulenza Cinematografica -Audiovisiva. Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio

Picaro Film. Consulenza Cinematografica -Audiovisiva. Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio Picaro Film Consulenza Cinematografica -Audiovisiva Laboratori Audiovisivi Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio o NEWS Il mondo dell informazione La comunicazione interpersonale

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'...

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MALFATTI CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... Premessa Il Natale, è una delle ricorrenze più ricche di significato

Dettagli