ISTITUTO CANOSSIANO BARBARA MELZI C.so Sempione, LEGNANO Milano Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO CANOSSIANO BARBARA MELZI C.so Sempione, 102 20025 LEGNANO Milano Tel. 0331 440049 - Fax 0331 542495 e-mail: canlegmi@fdcc."

Transcript

1 ISTITUTO CANOSSIANO BARBARA MELZI C.so Sempione, LEGNANO Milano Tel Fax Sistema qualità certificato Uni En Iso 9001:2008 Progetto EGERIA TECNICO SERVIZI SOCIALI Classe 5^ Esame di Stato anno scolastico 2010/2011 PROGRAMMA DI ITALIANO 1

2 ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Testi: G. ARMELLINI, A. COLOMBO, Letteratura letterature, voll. 2, 3.1, 3.2, Zanichelli MINEO, CUCCIA, MELLUSO, La Divina Commedia testi strumenti percorsi, G.B. Palumbo editore S. GUGLIELMINO, Guida al Novecento, Principato (per la parte relativa al decadentismo) Il Romanticismo: le premesse, i temi, gli atteggiamenti, le grandi personalità Contenuti Temi dell illuminismo, vol. 2, p. 175 La critica dell illuminismo, vol. 2, p. 450 Spirito e materia (esclusi La scienza e la cultura e L idealismo tedesco ), vol. 2, p. 450 Storia, nazione, popolo, vol. 2, p. 452 La poetica neoclassica, vol. 2, p J. J. Winckelmann, Nobile semplicità e quieta grandezza, vol. 2, p. 206 Le origini del romanticismo, vol. 2, p. 460 I caratteri della letteratura romantica, vol. 2, p. 461; Le poetiche romantiche, vol. 2, p. 464 La scuola romantica, vol. 2, p M.me de Staël, Sulle traduzioni, (in fotocopia) - P. Giordani, Replica di "un Italiano" (in fotocopia) Ugo Foscolo: uno scrittore senza patria, vol. 2, p. 650 Jacopo e Didimo (ad esclusione del capoverso intitolato Didimo Chierico), vol. 2, p. 653 dalle Ultime lettere di Jacopo Ortis: - L'inizio del romanzo, vol. 2, p Il bacio, vol. 2, p. 679 I sonetti e le odi, vol. 2, p A Zacinto, vol. 2, p. 663 I Sepolcri (ad esclusione dei capoversi intitolati: La struttura; Il linguaggio), vol. 2, p Alessandro Manzoni: vita ritirata di un grande intellettuale, vol. 2, p. 722 Le idee, vol. 2, p Dalla Lettera al Marchese Cesare d'azeglio sul romanticismo, «L'utile per iscopo, il vero per soggetto e l'interessante per mezzo», vol. 2, p Dalla Lettera al signor Chauvet sull'unità di tempo e di luogo nelle tragedie, «Che cosa resta al poeta», vol. 2, p. 759 Le liriche, vol. 2, p Il Cinque Maggio, vol. 2, p. 773 Le tragedie, vol. 2, p Dall Adelchi, Una feroce forza possiede il mondo, vol. 2, p. 785 Il romanzo: la tematica; le tecniche narrative; le tre redazioni; Manzoni e la questione della lingua, vol. 2, pp Giacomo Leopardi: una vita come sfida, vol. 2, p. 812 La teoria del piacere e il «pessimismo storico», vol. 2, p. 814 La poetica dell'«indefinito», vol. 2, p. 816 Dallo Zibaldone di pensieri: - Natura e ragione. Antichi e moderni, vol. 2, p Piacere, immaginazione, illusioni, poesia, vol. 2, p. 844 Il primo ciclo dei Canti: le canzoni e gli idilli, vol. 2, p. 818 Il «pessimismo cosmico», vol. 2, p. 820 Le Operette morali, vol. 2, p. 821 Il ciclo pisano-recanatese, vol. 2, p. 822 Dopo il 1830 (escluso il ciclo di Aspasia, le opere satiriche, le canzoni sepolcrali), vol. 2, p L'infinito, vol. 2, p Ultimo canto di Saffo: i temi - La sera del dì di festa, vol. 2, p Dialogo della Natura e di un Islandese, vol. 2, p

3 - A Silvia, p La ginestra: i temi Il secondo Ottocento e le prime inquietudini del Novecento La scienza e l'evoluzionismo, vol. 3.1, p. 4 Il positivismo, vol. 3.1, p. 5 Le poetiche della narrativa, p E. Zola, Il romanzo sperimentale, vol. 3.1, p. 22 Il verismo e dintorni, vol. 3.1, p. 40 Giovanni Verga: uno scrittore «silenzioso», vol. 3.1, p. 256 Il verismo di Verga, vol. 3.1, p. 258 Da Vita dei campi: - «L'ideale dell'ostrica» (Fantasticheria), vol. 3.1, p Rosso Malpelo, vol. 3.1, p. 296 I Malavoglia, vol. 3.1, p La fiumana del progresso, vol. 3.1, p Come le dita della mano, vol. 3.1, p. 319 Le Novelle rusticane e Mastro Don Gesualdo, vol. 3.1, p Morte di mastro don Gesualdo, vol. 3.1, p Lettura personale della novella Libertà, p. 268 Estetismo e decadentismo, GUGLIELMINO, p. I/28; Le poetiche della lirica (ad esclusione del Parnassianesimo), vol. 3.1, p. 16 Componenti e aspetti del decadentismo: il deteriorarsi del positivismo, dal dato reale alle suggestioni musicali, GUGLIELMINO, p. I/38; Marxismo e decadentismo di fronte alla società borghese, GUGLIELMINO, p. I/39; Il superomismo di Nietzsche, GUGLIELMINO, p. I/40; L'intuizionismo di Bergson, GUGLIELMINO, p. I/42; La scoperta dell'inconscio di Freud, GUGLIELMINO, p. I/43. Il simbolismo: la reazione al positivismo e il problema della conoscenza; il poeta come veggente e visionario (sinestesia e rapporto analogico); il poeta come ribelle e sradicato (il languore); principali esponenti. Giovanni Pascoli: uno sventurato di successo, vol. 3.1, p. 364 L'eroe e il fanciullino, vol. 3.1, p. 365 La poetica del fanciullino, vol. 3.1, p La poesia: le raccolte, i temi, vol. 3.1, p. 368 Da Myricae: - Lavandare, vol. 3.1, p. 391 Dai Canti di Castelvecchio: - Il gelsomino notturno, vol. 3.1, p. 407 Impressionismo, simbolismo, fonosimbolismo Gabriele D'Annunzio: la vita «inimitabile», vol. 3.1, p. 424 L'estetismo giovanile, vol. 3.1, p. 426 Da Il piacere: - La vita come opera d'arte, vol. 3.1, p. 444 Il superuomo letterario, vol. 3.1, p. 428 Da Alcyone: - La pioggia nel pineto, vol. 3.1, p. 439 Il primo Novecento 3

4 Italo Svevo: il vizio di scrivere, vol. 3.2, p. 326 Evoluzione del tema dell inetto dai primi romanzi alla Coscienza di Zeno. La coscienza di Zeno, vol. 3.2, p Il fumo, vol. 3.2, p. 337 Luigi Pirandello: la vita, vol. 3.2, p. 264 La poetica, vol. 3.2, p. 266 Dal saggio sull'umorismo: - «Il sentimento del contrario», vol. 3.2, p. 290 La narrativa, vol. 3.2, p. 268 Da Il fu Mattia Pascal: - Un caso «strano e diverso», vol. 3.2, p. 297 Da Novelle per un anno: - La carriola, vol. 3.2, p. 276 Il teatro, vol. 3.2, p SPETTACOLO TEATRALE: Il berretto a sonagli Eugenio Montale: una vita al cinque per cento, vol. 3.2, p. 418 La poetica, vol. 3.2, p. 419 Ossi di seppia, vol. 3.2, p Non chiederci la parola (in fotocopia) - Meriggiare pallido e assorto (in fotocopia) - Spesso il male di vivere, vol. 3.2, p. 445 Dante Alighieri: dal Paradiso: Introduzione alla cantica: struttura del terzo regno e caratteristiche del Paradiso dantesco; materia dell'opera e finalità dell'autore. L ineffabile bellezza della visione celeste e l insufficienza del linguaggio e dell intelletto umano di fronte al divino Canto I, vv. 1-93; vv (sintesi) Canto II (sintesi) Canto III Canti IV V (sintesi) Canto VI, vv (sintesi); vv Canti VII-XII (sintesi) Primo Levi e l importanza di testimoniare la Shoah Lettura integrale di P. LEVI, I sommersi e i salvati (capitoli scelti) Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Michela Stifani) PROGRAMMA DI STORIA ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 4

5 Libro di testo: M. TROMBINO, M. VILLANI, Storiamondo, ed. Il Capitello, Milano 2008, voll. II-III Contenuti Napoleone, la Francia, l Europa - Dal consolato all Impero - L organizzazione del potere - La società napoleonica e l eredità della rivoluzione - L espansione in Europa Dalla Restaurazione agli anni Cinquanta - L Europa della Restaurazione - I moti degli anni Venti - Dagli anni Trenta al Quarantotto - Il Quarantotto in Italia e la Prima guerra di indipendenza - Liberalismo, democrazia, socialismo utopistico, socialismo scientifico, comunismo: definizioni e caratteri generali. L'unificazione nazionale in Italia e Germania - Il sogno di una nazione ( ) - Dopo il 1848: il dibattito democratico e liberal-moderato in Italia - La realizzazione dell unità italiana ( ) - L unificazione tedesca Il Risorgimento italiano - Il dibattito risorgimentale tra democratici e liberal-moderati - Il fallimento dei moti mazziniani - Il 1848 in Francia e in Germania - Il 1848 in Italia e la Prima guerra d'indipendenza - La politica di Cavour - La guerra di Crimea, l'alleanza con la Francia e la Seconda guerra d'indipendenza - La spedizione dei Mille e la nascita del Regno d'italia - G. Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo: una pagina esemplare - Il brigantaggio e la Questione meridionale: l'italia sotto il governo della Destra storica L'unificazione tedesca - Confronto tra area tedesca e penisola italiana alla vigilia dell'unificazione - Bismarck e la politica di potenza prussiana - Il conflitto austro-prussiano - Il conflitto franco-prussiano e la formazione dello Stato tedesco; il revanscismo - Le conseguenze per l'italia: la Terza guerra d'indipendenza e la Breccia di Porta Pia - La Questione romana L'Europa di fine secolo - La seconda rivoluzione industriale - Prima e Seconda internazionale - L'enciclica Rerum Novarum - Dalla "nazione" al "nazionalismo integrale" - Colonialismo e imperialismo; l'asia; la spartizione dell'africa - Bismarck e il "sistema bismarckiano": Triplice Alleanza e Triplice Intesa - La sinistra storica in Italia: i governi di Depretis e Crispi - Governare la modernizzazione: la sfida di Giovanni Giolitti 5

6 La Prima guerra mondiale - La crisi degli equilibri europei - Lo scoppio del conflitto - L'Italia dalla neutralità all'entrata in guerra - La svolta del La fine del conflitto - I trattati di pace Il dopoguerra e la costruzione dei totalitarismi: fascismo e nazismo - Il bilancio del dopoguerra: vincitori e vinti - La Repubblica di Weimar e il Putsch di Monaco - La delusione dell'italia e il mito della "vittoria mutilata - Il "Biennio rosso" in Italia e la fondazione dei fasci di combattimento - La marcia su Roma - Il delitto Matteotti, le "leggi fascistissime" e la dittatura - La crisi economica del L'ascesa di Hitler al potere e l'instaurarsi della dittatura nazista - La politica razziale e l'antisemitismo hitleriano Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Michela Stifani) PROGRAMMA LINGUA EUROPEA - INGLESE ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 6

7 1.- THE ROMANTIC AGE History Society and Culture -Libro di testo A Revolutionary period Industrial Revolution Factors and Social Changes Parliamentary Reforms ROMANTICISM Birth of Romanticism: a MAP of Romanticism in Europe The Romantic Movement Romantic themes and ideas First Generation Romantics Cenni su Wordsworth and Coleridge Second Generation Romantics Wordsworth s View of Poetry and the Poet The Preface to the Lyrical Ballads Pag Fotocopie WILLIAM BLAKE: life and works Blake s Songs Innocence and Experience Imagination The Role of the Poet Political and social issues Blake s Originality o The Lamb o The Chimney Sweeper (fotocopie) Convention of the Civil Rights (fotocopie) The Rights of the Children (fotocopie) 143 JANE AUSTEN Life and works Themes and Values Narrative Technique and Characterisation Pride and Prejudice fotocopie 2.- THE VICTORIAN AGE ( ) The Reign of Queen Victoria The British Empire Industrialisation, Urbanisation and Social Unrest Economic Theories and Reforms Social Changes Middle-Class Values The Cultural Context Origins of the Novel CHARLES DICKENS life and works Double attitude to Victorian Society Character and Setting Style o Lettura di Oliver, level 3, ed. Black Cat Children and Education in the 1800s London in Dickens s Time Coketown (an extract from Hard Times) Fotocopie 7

8 Schema su: The XX Century: national and international events GEORGE ORWELL Life and works The Role of the writer Nineteen Eighty-Four Themes An Extract from ARGOMENTI VARI: The Civil Rights Immigration Maria Montessori The Play Fotocopie TESTI IN ADOZIONE B. De Luca, D.J. Ellis, P.Pace, S. Ranzoli, LITERATURE IN TIME, ed. Loescher Oliver Twist, ed. Black Cat. Legnano, 15 Maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Piera Luigia Guzzetti) PROGRAMMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 8

9 Testo in adozione: N. Dodero, P. Baroncini, R. Manfredi Lineamenti di Matematica, volume 5 Ghisetti e Corvi Editori PRIMA UNITA DIDATTICA: FUNZIONI E LIMITI DI FUNZIONI REALI Funzioni: definizione di funzione. Definizione di dominio e di codominio. Definizione di funzione reale di variabile reale. La variabile indipendente x e la variabile dipendente y. Funzioni iniettive, suriettive, biunivoche. Funzioni pari e dispari. Funzioni composte. Funzioni monotone. Funzioni inverse. Limiti di funzioni reali: gli intorni: raggio e centro di un intorno, intorno di un numero, intorno di infinito, intorni completi, intorni destri ed intorni sinistri. Introduzione al concetto di limite di una funzione. Definizione di limite di una funzione. Definizione di limite sinistro, destro, inferiore e superiore. Definizione di limite finito per una funzione in un punto. Definizione di limite infinito per una funzione in un punto. Definizione di limite infinito per una funzione all infinito. Definizione di limite infinito per una funzione all infinito. Il teorema di unicità del limite. Operazioni sui limiti: limite di una somma, di una differenza, di un prodotto e di un quoziente; limite del prodotto di una costante per una funzione. Calcolo dei limiti di una funzione per x tendente ad un numero reale. Le forma di indecisione: 0 0 ; ; + ; 0 e relativo studio. Calcolo del limite di funzioni per x tendente all infinito facendo particolarmente riferimento al caso delle funzioni razionali fratte. Infiniti dello stesso ordine e di ordine superiore. Infinitesimi dello stesso ordine e di ordine superiore. SECONDA UNITA DIDATTICA: FUNZIONI CONTINUE Le funzioni continue: definizione di funzione continua in un punto. Definizione di funzione continua in un intervallo. La continuità delle funzioni elementari. La continuità delle funzioni composte. La continuità delle funzioni inverse. Discontinuità: esempi di funzioni non continue. Le funzioni definite a pezzi. Punti di discontinuità per una funzione: prima, seconda e terza specie. TERZA UNITA DIDATTICA: DERIVATA DI UNA FUNZIONE IN UNA VARIABILE Il calcolo delle derivate: definizione di rapporto incrementale di una funzione in un punto e suo significato geometrico. Definizione di derivata di una funzione in un punto e suo significato geometrico. Condizione necessaria per la derivabilità di una funzione in un punto. Funzione derivata. Calcolo della derivata delle funzioni elementari. Calcolo della derivata per le funzioni intere: derivata di una somma, di una differenza, di un prodotto. Proprietà di linearità dell operatore di derivazione. Calcolo della derivata per la funzioni fratte: derivata di un quoziente. Equazione della retta tangente in un punto. Esempi di funzioni non derivabili in un punto. Derivate di ordine superiore al primo. Derivate e grafici: i punti di massimo e i punti di minimo per una funzione. Definizione di punto di massimo e minimo assoluto e relativo. I punti stazionari: derivata di una funzione e i punti di massimo e di minimo relativi, i flessi a tangente orizzontale. Gli intervalli di monotonia di una funzione e lo studio del segno della derivata prima. Concavità e convessità di una funzione e lo studio della derivata seconda, i flessi a tangente obliqua. I punti di non derivabilità: punti angolosi, cuspidi e flessi a tangente verticale. (cenni). Lo studio delle funzioni razionali fratte: insieme di definizione, comportamento della funzione agli estremi dell insieme di definizione, zeri della funzione, intervalli di monotonia, punti stazionari. QUARTA UNITA DIDATTICA: STUDIO DEL GRAFICO DI UNA FUNZIONE Asintoti: asintoti verticali, orizzontali ed obliqui. La concavità di una funzione: derivata seconda di una funzione. Definizione di concavità verso l alto e verso il basso di una funzione. Legame tra la derivata seconda e la concavità di una funzione. I punti di flesso a tangente obliqua. (cenni) Schema seguito nello studio del grafico di una funzione razionale: determinazione del campo di esistenza; limiti agli estremi del campo di esistenza; determinazione degli asintoti; studio del segno della funzione; ricerca delle intersezioni con gli assi cartesiani e con gli asintoti orizzontali ed obliqui; calcolo della f x e determinazione del crescere e derivata prima di f ( x ) ; studio del segno della derivata prima di ( ) decrescere della funzione, dei massimi e dei minimi, flessi a tangente orizzontale; calcolo della derivata 9

10 seconda di f ( x ) ; studio del segno della derivata seconda di f ( ) x, determinazione della concavità o convessità della funzione, determinazione dei flessi a tangente obliqua; grafico della funzione. Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Paola Scattolin) PROGRAMMA DI SCIENZE ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/

11 TESTI UTILIZZATI: Carnevali Balugani NUOVO ELEMENTI DI IGIENE Zanichelli Audesirk Audesirk - Byers BIOLOGIA, LA VITA SULLA TERRA 2 Einaudi scuola MODULO 1: ELEMENTI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA UMANA I U.D.: L immunità I meccanismi di difesa esterni: pag.13 fisiologici (tosse, starnutazione, traspirazione ) da barriere ( cute e mucose, ph, equilibrio biologico di difesa) L immunità aspecifica: fattori cellulari (fagocitosi, risposta infiammatoria) pag. 14, pag. 79 fattori umorali (lisozima, interferone, complemento) pag , pag L immunità specifica: caratteristiche generali e tipi di immunità; definizione di antigene e anticorpo; specificità e memoria pag Gli antigeni e le loro caratteristiche; estraneità, dimensioni e complessità, lenta diffusibilità; classificazione degli antigeni pag Le cellule del sistema immunitario: linfociti B, linfociti T, cellule NK (Natural Killer), cellule accessorie ( Antigen Presenting Cells) pag Gli anticorpi: struttura molecolare di un anticorpo; le cinque classi di anticorpi ( IgG, IgA, IgM, IgD, IgE); nomenclatura; ipotesi relative alla sintesi dei vari tipi di anticorpi; reazione antigene-anticorpo pag La risposta immunitaria umorale: risposta primaria e secondaria pag.112 L immunità cellulo-mediata pag. 113 Visione d insieme della risposta immunitaria pag. 655 (testo Biologia) II U.D.: Riproduzione e sviluppo Apparato riproduttore maschile: anatomia e fisiologia pag (testo Biologia) Apparato riproduttore femminile: anatomia e fisiologia; il ciclo mestruale pag (testo Biologia) Fecondazione, sviluppo embrionale e fetale, gravidanza e parto pag (testo Biologia) MODULO 2: EDUCAZIONE SANITARIA I U.D.: Cenni di educazione sanitaria e di epidemiologia cap.1 L educazione sanitaria, l igiene, la medicina preventiva e i loro rapporti Gli obiettivi dell educazione sanitaria La prevenzione Salute e malattia; fattori di malattia, andamento delle malattie Le malattie nella popolazione e l epidemiologia II U.D.: Elementi di microbiologia (fotocopie) Introduzione alla microbiologia I batteri: struttura di un batterio forme batteriche e modi di associazione dei batteri riproduzione I virus: caratteristiche e struttura dei virus replicazione virale I prioni: generalità Protozoi: caratteristiche generali e classificazione 11

12 Funghi: generalità III U.D.: Le malattie infettive Definizione di malattia infettiva e di infezione Il rapporto tra parassita ed ospite: pag fattori relativi al germe (patogenicità, virulenza, invasività, tossicità, carica batterica, contagiosità) fattori relativi all ospite (recettività, meccanismi di difesa esterni ed interni) fattori relativi all ambiente La trasmissione delle malattie infettive: pag Le sorgenti di infezione: animali e uomini malati e portatori; tipi di portatore Le vie di eliminazione e quelle di penetrazione dei germi Modalità di trasmissione del germe: Trasmissione diretta Trasmissione indiretta: principali veicoli d infezione e loro caratteristiche vettori attivi e passivi Criteri per la classificazione delle malattie infettive e per il loro studio Analisi di una malattia infettiva a scelta La profilassi delle malattie infettive: profilassi diretta ed indiretta pag Interventi relativi alla sorgente d infezione: denuncia o notifica accertamento diagnostico inchiesta epidemiologica isolamento terapia ( antibiotici e loro spettro di attività; meccanismo della resistenza dei batteri agli antibiotici) ricerca e bonifica dei portatori Interventi relativi ai veicoli: disinfezione naturale disinfezione artificiale, continua, terminale ed occasionale mezzi fisici ( disinfezione meccanica, raggi UV, X e gamma, calore) mezzi chimici di disinfezione (esempi di disinfettanti inorganici ed organici) Disinfezione e sterilizzazione Interventi relativi ai vettori: disinfestazione (derattizzazione, lotta alle mosche e alle zanzare) Interventi relativi all individuo sano: vaccinoprofilassi tipi di vaccino vie di introduzione e somministrazione rischi della vaccinazione vaccinazioni obbligatorie e consigliate (piano nazionale vaccinazioni ) sieroprofilassi chemioprofilassi IV U.D.: Un esempio di malattia a prevalente trasmissione sessuale: l AIDS Quadro clinico, epidemiologia e profilassi dell A.I.D.S. Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Franca Farioli) PROGRAMMA DI PEDAGOGIA ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/

13 Libro di testo: U. Avalle, M. Maranzana, Pensare e educare, Paravia, SEI, vol. III MODULO STORICO-TEMATICO: IL POSITIVISMO EUROPEO Percorso Contenuti Strumenti Positivismo ed educazione in Francia La pedagogia del positivismo inglese Il positivismo pedagogico in Italia. 1. Comte. 2. Durkheim 3. Seguin 1. Owen 2. Spencer 1. Cenni sulla pedagogia positivistica italiana: Angiulli, Ardigò, Gabelli. 2. Cenni sui principali interventi legislativi per la scuola. Libro di testo pp Analisi di brani antologici Libro di testo pp Appunti MODULO STORICO - TEMATICO: NASCITA E SVILUPPO DELLA SCUOLA PER L INFANZIA Prima sequenza: LE SORELLE AGAZZI E LA SCUOLA MATERNA Percorso Contenuti Strumenti La nascita della scuola materna 1. Vita e opere delle sorelle Agazzi 2. Significato di scuola materna Libro di testo pp Analisi di brani antologici Caratteri fondamentali dell educazione infantile secondo le sorelle Agazzi 1. Finalità educative. 2. La nuova educatrice. 3. Ambienti e materiali. 4. Il metodo. 5. Le attività di vita pratica. 6. Il gioco e l educazione estetica. 7. L educazione sensoriale. 8. L educazione linguistica. Seconda sequenza: MARIA MONTESSORI E LE CASE DEI BAMBINI 13

14 Percorso Contenuti Strumenti La nascita delle case dei bambini 1.Vita e opere. 2. Significato delle case dei bambini. Libro di teso pp Analisi brani antologici Appunti Tabelle di confronto: Agazzi, Montessori La psicologia montessoriana 1.L embrione spirituale e la mente assorbente. 2. La deviazione e il processo di normalizzazione I criteri del metodo La casa dei bambini 1. Esercizi di vita pratica 2. Disciplina e autorità 1. Il materiale scientifico 2. La maestra direttrice Terza sequenza: LA SCUOLA DELL INFANZIA OGGI Percorso Contenuti Strumenti I nuovi orientamenti 1. Linee fondamentali 2. Obiettivi della scuola dell infanzia 3. I campi di esperienza e le unità di apprendimento Fotocopie Appunti Il gioco 1. Classificazioni del gioco 2. Teorie psicologiche del gioco Il disegno 1. Le fasi di sviluppo del disegno 2. L attività grafico-pittorica all interno della scuola dell infanzia Educazione morale 1. Norme e valori 2. Obiettivi del sé e l altro. 3. Modalità di comunicazione delle regole nell infanzia MODULO STORICO-TEMATICO: PEDAGOGIA E FILOSOFIA. QUALE UOMO EDUCARE? 14

15 Prima sequenza: L UOMO SOCIALE DISCIPLINATO. Percorso Contenuti Strumenti Contesto storico-culturale 1. Condizioni della scuola in Russia prima del Influenza delle correnti pedagogiche europee in Russia Libro di testo pp Analisi di brani antologici Makarenko 1. Vita e opere. 2. Finalità educative 3. Il collettivo 4. La disciplina La pedagogia marxista in Italia 1. Cenni sulla pedagogia marxista: Labriola e Gramsci Libro di testo pp MODULO STORICO-TEMATICO: L UOMO PROGETTUALE - DEWEY Percorso Contenuti Strumenti Contesto storico-culturale 1. Pragmatismo americano 2. Vita e opere Libro di testo pp Appunti Fondamenti teorici La concezione educativa 1. Il concetto di esperienza. 2. La teoria dell indagine 1. Il principio di continuità dell esperienza educativa. 2. Il principio dell interazione. 3. La cultura come scopo educativo. Indicazioni di metodo 1. Metodo della ricerca e attivismo educativi 2. La logica dell indagine 3. L etica dell atteggiamento scientifico 4. L educazione democratica MODULO STORICO- TEMATICO: UOMO IN QUANTO PERSONA 15

16 Percorso Contenuti Strumenti Contesto storico-culturale Fondamenti teorici Le direzioni dell educazione 1. Neotomismo 2. Maritain: vita e opere 1. Umanesimo integrale 1. La fondazione teorica del rapporto educativo 2. Educazione liberale, sociale, etica e religiosa. 3. La critica alla pedagogia psicologica e sociologica Libro di testo pp Analisi di brani antologici MODULO STORICO TEMATICO: PEDAGOGIA E PSICOLOGIA Prima sequenza: LE SCUOLE NUOVE E L ATTIVISMO PEDAGOGICO Percorso Contenuti Strumenti Il movimento delle scuole nuove 1. Quadro generale 2. Manifesto delle scuole nuove Appunti L uomo autoregolato di Neil 1. I fondamenti teorici: dalla psicoanalisi alla pedagogia. 2. La concezione educativa: la bontà originaria della natura umana 3. La metodologia non direttiva Libro di testo pp Analisi di brani antologici Seconda sequenza: LA PSICOLOGIA SOCIALE DI O. DECROLY Percorso Contenuti Strumenti Presupposti culturali 1. Posizione di Decroly rispetto alla psicologia Libro di testo pp Concezione educativa Il metodo 1. Educazione alla vita attraverso la vita. 1. I centri di interesse 2. La funzione di globalizzazione Terza sequenza: LA PSICOPEDAGOGIA EUROPEA E AMERICANA TEMPO: APRILE 16

17 Percorso Contenuti Strumenti Piaget 1. Il compito della psicologia genetica. 2. La concezione pedagogica. 3. La didattica psicologica. Libro di testo pp Bruner 1. Strutture e competenze nella scuola. 2. La teoria dell istruzione. 3. La dimensione sociale dell apprendimento. Libro di testo pp Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Valentina Pariani) PROGRAMMA DI FILOSOFIA ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/

18 Libro di testo: A. Pastore, U. Perone, Filosofia 3, Torino, SEI MODULO TEMATICO: UMANESIMO ATEO DELL 800 Prima sequenza: FEUERBACH Percorso Contenuti Strumenti Eredità di Hegel 1. Destra e sinistra hegeliana Libro di testo p Feuerbach 1. Vita e opere 2. La critica all hegelismo e il nuovo compito della filosofia 3. Il metodo del capovolgimento: ateismo e materialismo 4. La nascita dell idea di Dio 6. Umanesimo radicale Libro di testo p Seconda sequenza: Marx Percorso Contenuti Strumenti La critica all ideologia 1. Vita e opere 2. La critica a Hegel e a Feuerbach Libro di testo p Appunti Tabella di confronto Feuerbach - Marx Il materialismo storico 1. La realtà sociale come prodotto dell attività umana. 2. La storia come lotta di classe. 3. Il comunismo La teoria economica 1. Analisi della merce 2. Il plusvalore Terza sequenza: Il positivismo Percorso Contenuti Strumenti Definizione di positivismo 1. Contestualizzazione 2. Comte: vita e opere 3. La nuova definizione di filosofia 4. La classificazione delle scienze e la legge dei tre stadi. 5. La sociologia. 6. La religione dell umanità. Libro di testo p Appunti 18

19 La concezione antropologica 1. L interpretazione della teoria dell evoluzione della specie in Darwin. 2. Evoluzionismo e/o creazionismo? Appunti Quarta sequenza: Umanesimo radicale di Nietzche Percorso Contenuti Strumenti Critica e smascheramento 1.La fedeltà alla terra come fedeltà alla vita. 2. La verità come illusione Libro di testo p Analisi di brani antologici Tabella di confronto con autori precedenti Le liberazioni Il nichilismo e l oltreuomo 1. La liberazione dalla morale 2. La liberazione dalla religione e dal Cristianesimo 1. La volontà di potenza e l oltreuomo Quinta sequenza: La psicoanalisi Percorso Contenuti Strumenti La psicoanalisi: Freud 1. Una ragione spodestata 2. La scoperta dell inconscio 3. La personalità psichica Libro di testo p Appunti Analisi di brani antologici MODULO TEMATICO: LA FILOSOFIA DELL ESISTENZA Prima sequenza: l esistenza contro il sistema Percorso Contenuti Strumenti Kierkegaard 1. Vita e opere 2. Le categorie dell esistenza 3. Gli stadi di vita Libro di testo p Analisi di brani antologici Esistenzialismo 1. Caratteri generali Libro di testo Seconda sequenza: La coscienza contro il positivismo Percorso Contenuti Strumenti Bergson 1. Vita e opere 2. La coscienza come durata 3. Evoluzione creatrice e slancio vitale 4. I modi di comprensione dell universo Libro di testo p Analisi di brani antologici 19

20 MODULO TEMATICO: ANTROPOLOGIA CATTOLICA DEL 900 Percorso Contenuti Strumenti Il concetto di persona Bioetica 1. Il personalismo 2. Individuo e persona 3. Persona e società 1. La questione bioetica Appunti MODULO STORICO-TEMATICO: LA FILOSOFIA AL FEMMINILE Percorso Contenuti Strumenti Simon Weil 1. Contesto storico-culturale 2. Vita e opere 3. La critica alla società del tempo e a certi valori da essa proposti 4. La ricerca continua del senso dell esistere Appunti Hannah Arendt 1. Il contesto storico- culturale 2. Vita e opere 3. Persona come soggetto libero e politico 4. Introduzione all opera Le origini del totalitarismo Appunti e fotocopie Legnano, 15 maggio 2011 IL DOCENTE (Prof. Valentina Pariani) 20

21 PROGRAMMA DI METODOLOGIE OPERATIVE E STAGE ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Manuale in adozione: Daniela Corsi e Venia Lotteri Tecnica e pratica dell operatore sociale, I e II volume, Bulgarini, Firenze, Modulo 1 Requisiti di base sviluppati nel triennio CONTENUTI - il gruppo di lavoro: caratteristiche e dinamiche - la progettazione - l esperienza di stage STRUMENTI Vol I e vol II. Schede fornite dal docente Modulo 2 Il bisogno e le sue risposte CONTENUTI - il bisogno: definizione e variabili - le risposte al bisogno - il compito dello Stato per assicurare la qualità della vita - la legge 328: struttura, linee guida e soggetti - i Piani di Zona STRUMENTI Vol I e vol II. Schede fornite dal docente Modulo 3 Pubertà e adolescenza CONTENUTI - bisogni e problematiche - ragazzi e servizi - progettare l intervento con i minori - il P.I dell Asilo Mariuccia di Milano STRUMENTI Vol. II e schede fornite dal docente Modulo 4 Esclusione sociale dipendenze CONTENUTI - le dipendenze tradizionali (alcol, fumo, tossicodipendenza) - le nuove dipendenze - combattere le dipendenze è prima di tutto educare a corretti stili di vita - l esclusione sociale tra povertà materiale e povertà relazionale - la teoria della Scuola di Chicago STRUMENTI Vol. II e schede fornite dal docente 21

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli