UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA"

Transcript

1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

2 UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e l'organizzazione di un testo narrativo. 3. Conosce le caratteristiche delle sequenze narrative e dialogiche. 4. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Sa riconoscere la struttura e le caratteristiche del genere testuale proposto. 2. Sa ricostruire la trama. 3. Sa individuare il tempo, il luogo e/o ambiente, le caratteristiche e/o ruolo dei personaggi. 4. Sa individuare il rapporto esistente tra la leggenda e la popolazione che l ha prodotta. 5. Sa riconoscere la morale di una favola. 6. Sa riconoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato nel tipo di testo proposto. 7. Sa riconoscere somiglianze e differenze tra i generi testuali proposti. 8. Sa scrivere e/o esporre una fiaba, una favola, una leggenda sulla base di suggerimenti o modelli dati in precedenza. 9. Sa scegliere il linguaggio adeguato al tipo di testo proposto utilizzo di : a) aggettivi e dialoghi per la favola; b) formule fisse, filastrocche, ripetizioni di elementi o situazioni, dialoghi per la fiaba. 10. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( aggettivo, pronome, tempi verbali). - La favola - La leggenda - La fiaba - La filastrocca Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione

3 comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. "IL TESTO DESCRITTIVO" 1. Conosce le caratteristiche delle sequenze descrittive 2. Conosce l'organizzazione di un testo descrittivo 3. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo descrittivo. 1. Sa osservare 2. Sa riconoscere una sequenza descrittiva in un testo 3. Sa distinguere una descrizione soggettiva da una oggettiva 4. Sa riconoscere l'oggetto della descrizione 5. Sa riconoscere gli elementi caratteristici della descrizione in un testo 6. Sa descrivere oralmente o per scritto l'oggetto della descrizione sia in modo oggettivo sia in modo soggettivo 7. Sa scegliere il lessico adeguato al tipo di descrizione ( sostantivo e aggettivo) 8. Sa distinguere le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e il verbo all'indicativo) 9. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e verbo all'indicativo) - La descrizione: aspetti generali - Descrizione soggettiva ed oggettiva - Tecniche della descrizione - Descrivere un oggetto, un animale, un ambiente, una persona Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo.

4 METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 3 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. RACCONTARE UNA STORIA - Il Testo narrativo 1. Conoscere le caratteristiche di un testo narrativo 2.Conoscere l'organizzazione di un testo narrativo. 3.Conoscere le caratteristiche delle sequenze narrative. 4.Conoscere le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper individuare le strutture grammaticali in un testo narrativo. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta.

5 Il testo narrativo. 1. Lettura ed analisi di alcuni brani 2. I personaggi e la loro caratterizzazione. 3. L ambiente. 4. Il narratore. 5. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 6. Il discorso diretto e indiretto. 7. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi. Riflessione sulla lingua 1. L uso della punteggiatura. 2. La coerenza dei tempi verbali. 3. La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, mappe progettuali, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film. Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 4. POETANDO Il testo poetico 1. Conoscere le caratteristiche del testo poetico (verso, rima, strofa assonanza, consonanza, )

6 2. Conoscere la funzione comunicativa della poesia 3. Conoscere alcune semplici figure retoriche ( similitudine, metafora) 1. Individuare il rapporto fra prosa e poesia 2. Comprendere che gli aspetti grafici(verso, pause, parole isolate) influenzano, modificano i significati 3 Capire, intuire che nel testo poetico il significato non risulta solo dalle parole e dal loro accostamento/ disposizione ma anche dal loro suono 4. Riconoscere ed applicare le figure di suono e di significato 5. Comprendere che la similitudine e la metafora sono strumenti potenti dell immaginazione creativa ed ampliano le possibilità della comunicazione umana 6. Leggere e ricostruire i significati, i temi della poesia 7. Scegliere il linguaggio adeguato nella produzione poetica 8. Utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto. Poetando Il testo poetico 1. Lettura ed analisi di alcune poesie 2. Alcuni tipi di strofe (distico, terzina, quartina, ottava). 3. Nuove figure retoriche (metafora e similitudine). 4. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi, riassunto e commento di una poesia. 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. METODI Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali...). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero.

7 UA 5. RIFLESSIONE SULLA LINGUA 1. Conosce il verbo, la struttura e le coniugazioni 2. Conosce l uso dei modi e dei tempi del verbo (indicativo,congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio) 3. Conosce verbi transitivi ed intransitivi 4. Conosce la forma attiva e la forma passiva. 5. Conosce la forma riflessiva 6. Conosce la forma impersonale 7. Conosce i verbi servili, fraseologici, irregolari 8. Conosce le regole fondamentali dell ortografia( la sillaba, l accento, l elisione, il troncamento, la punteggiatura, le maiuscole) 9. Conosce il nome (proprio- comune, concreto-astratto, individuale - collettivo ). 10. Conosce il nome e il suo genere(maschile-femminile,singolare-plurale, invariabili, difettivi e irregolari, sovrabbondanti) 11. Conosce i nomi primitivi e derivati, alterati e composti 12. Conosce gli articoli 13. Conosce gli aggettivi, i gradi dell aggettivo qualificativo e gli aggettivi determinativi (possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi, esclamativi, numerali) 14. Conosce il pronome personale, possessivo, dimostrativo, indefinito, relativo, interrogativo ed esclamativo 1. Sa analizzare il verbo dal punto di vista della forma e sa usarlo correttamente. 2. Sa riconoscere i verbi transitivi ed intransitivi 3. Sa trasformare forme attive in forme passive 4. Sa riconoscere i verbi ausiliari, servili, riflessivi, impersonali e fraseologici e sa usarli correttamente. 5. Sa usare correttamente le regole fondamentali dell ortografia 6. Sa riconoscere il nome nel discorso, distinguere i vari tipi di nomi e classificarli in base alla forma 7. Sa riconoscere l articolo nella frase, distinguere i vari tipi di articolo e analizzarli 8. Sa riconoscere l aggettivo nel discorso, individuare le funzioni, distinguere le caratteristiche dell aggettivo qualificativo. 9. Sa riconoscere i pronomi e sa usarli correttamente. 10. Sa usare in contesti diversi le regole acquisite 1. Il verbo 2. La struttura del verbo 3. Le coniugazioni 4. Uso dei modi e dei tempi del verbo. 5. Genere e forma del verbo 6. I verbi particolari 7. Ortografia 8. Il nome 9. Il nome e la sua forma 10. Il nome e la sua struttura 11. L articolo

8 12. L aggettivo 13. L aggettivo qualificativo 14. I gradi dell aggettivo 15. Gli aggettivi determinativi 16. Il pronome METODOLOGIA E ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). - Libro di grammatica in adozione: - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro nelle ore di didattica differenziata 3. Lavoro in coppie di aiuto. 4. Interrogazioni di recupero.

9 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE SECONDA

10 UA 1. RACCONTARE UNA STORIA (Diario, lettera, il racconto e in particolar modo di avventura, la narrazione fantastica). : 1. Conoscere e individuare gli elementi fondamentali di una narrazione. 2. Conoscere le caratteristiche del genere testuale trattato. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. : 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta. : Il testo narrativo. 1. Il diario e la lettera. 2. Il genere dell avventura e storie di vario tipo. 3. I personaggi e la loro caratterizzazione. 4. L ambiente. 5. Il narratore. 6. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 7. Il discorso diretto e indiretto. 8. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi). 9. La suspense, le caratteristiche specifiche del genere affrontato. Riflessione sulla lingua: 1. Categorie grammaticali: aggettivo e pronome 2. La sintassi della frase semplice: soggetto, predicati, apposizioni, attributi, complementi diretti e indiretti. 3. L uso della punteggiatura. 4. La coerenza dei tempi verbali. 5. La revisione del testo. METODI: Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi.

11 TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. LA POESIA LIRICA ED EPICA : 1. Conoscere gli aspetti formali e linguistici di ciascun testo poetico. 2. Conoscere nuove figure retoriche. 3. Conoscere alcuni autori della letteratura italiana. : 1. Saper riconoscere i versi della metrica italiana. 2. Saper comprendere la funzione denotativa e connotativa di un testo poetico. 3. Saper riconoscere le figure retoriche esaminate. 4. Saper individuare e analizzare i temi centrali di una poesia. 5. Saper individuare il messaggio dell autore. 6. Saper fare la parafrasi, il riassunto e il commento di un testo. 7. Saper produrre semplici testi lirici. 8. Saper memorizzare brevi testi poetici. : La poesia lirica ed epica. 1. Cenni relativi alla vita e al contesto storico- culturale di alcuni autori. 2. I versi della metrica italiana. 3. Alcuni tipi di strofe (distico,terzina, quartina, ottava). 4. Nuove figure retoriche(ossimoro, sinestesia, allegoria, metafora). 5. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi,riassunto e commento di una poesia.

12 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. 4. Coordinazione e subordinazione (cenni). METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali,...). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante. TEMPI PREVISTI: due mesi nell arco dell anno. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, interrogazione, recitazione di poesie studiate a memoria, lettura espressiva di poesie, produzione orale e scritta (parafrasi, riassunto e commento). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA3. LA RELAZIONE : 1. Comprendere lo scopo di un testo espositivo e conoscere la struttura della relazione:introduzione, presentazione dei dati,conclusione con valutazioni generali sull esperienza o il problema. 2. Conoscere il lessico che si incontra. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. 4. Conoscere i connettivi e la loro funzione. : 1. Saper usare il vocabolario, i testi in adozione, le enciclopedie e, eventualmente, il materiale multimediale, i testi o i dati presenti in internet per ricercare materiale e informazioni. 2. Saper utilizzare in modo appropriato il lessico. 3. Saper prendere appunti da una lezione frontale, da un testo o da un esperienza. 4. Saper pianificare un esposizione scritta (o orale) secondo la struttura della relazione.

13 5. Saper produrre una relazione secondo la struttura appresa. 6. Saper individuare in un testo espositivo i connettivi. 7. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase e i connettivi nel testo. : 1. Le caratteristiche della relazione ( la relazione informativa, l importanza del destinatario e dello scopo). Esempi di relazioni:resoconti di un esperienza, esposizioni illustrative, esposizione di contenuti storici e/o geografici. 2. Le fasi preliminari: la raccolta dei dati attraverso libri autorevoli, dati statistici, testimonianze, esempi concreti e osservazioni. 3. La stesura: la mappa progettuale, l uso del linguaggio specifico, i connettivi e l elaborazione del testo. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata lettura guidata e analisi dei testi, appunti, mappe progettuali, analisi e/o costruzione di tabelle e grafici. Uso del laboratorio di informatica, se necessario. : Vocabolario, testi in adozione, enciclopedie, dati statistici, tabelle, grafici, eventuale materiale informatico. TEMPI PREVISTI: Due mesi nell arco dell anno ogni volta che se ne presenterà l occasione. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, comprensione della lingua orale, produzione orale e scritta, verifiche di grammatica. (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA 4. LA PUBBLICITÀ - Testo a scopo persuasivo 1. Conoscere le caratteristiche della comunicazione pubblicitaria.

14 1. Saper analizzare il linguaggio pubblicitario nelle sue diverse componenti. 2. Saper individuare i rapporti tra codici diversi all interno dell annuncio pubblicitario. 3. Saper individuare il messaggio pubblicitario. 4. Saper riconoscere i destinatari dei messaggi pubblicitari. 5. Saper valutare scopi e funzioni della pubblicità sociale. 1. Struttura del testo pubblicitario su stampa (testo e immagine, slogan, layout, logotipo) o radiofonico o televisivo. 2. Il linguaggio figurato nelle pubblicità. 3. La funzione persuasiva del messaggio e le funzioni informativa e poetica. 4. Target: le scelte in relazione al destinatario. 5. La pubblicità progresso. METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, eventuale uso del computer. Libro di testo, inserzioni pubblicitarie, cartellone, computer, spot televisivi e /o radiofonici. TEMPI PREVISTI Un mese e mezzo. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: comprensione scritta e analisi di un testo pubblicitario; possibile creazione di un cartellone pubblicitario attraverso disegno o attraverso mezzi informatici oppure creazione di uno spot radiofonico o televisivo. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 5. IL GIORNALE Prodotto finale: creazione di un giornale scolastico 1-Conoscere le caratteristiche generali del quotidiano. 2-Conoscere le tecniche del linguaggio giornalistico

15 3-Conoscere la struttura di un articolo 1-Saper definire gli elementi che compongono la prima pagina e la struttura interna del giornale 2-Saper scrivere un articolo giornalistico in relazione allo scopo e al destinatario 3-Saper organizzare un giornale di classe 1-La struttura del quotidiano 2-La prima pagina 3-I titoli 4-L articolo di cronaca METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, uso del computer. Libro di testo, quotidiani, computer. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: Capacità di lettura degli elementi di una prima pagina di quotidiano; individuazione delle 5 W in un articolo di cronaca; produzione di cronache sintetiche e non di racconti d esperienza. Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 6. RIFLESSIONE SULLA LINGUA : 1. Conoscere la frase semplice e la frase complessa. 2. Conoscere il soggetto. 3. Conoscere il predicato verbale e nominale. 4. Conoscere l attributo. 5. Conoscere l apposizione. 6. Conoscere il complemento oggetto. 7. Conoscere i principali complementi indiretti. 8. Conoscere le tappe principali dell evoluzione della lingua italiana. 9. Conoscere i vari tipi di testo, le loro caratteristiche e scopi (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia).

16 : 1. Sa riconoscere la struttura sintattica di una frase e sa descriverla. 2. Sa riconoscere gli elementi fondamentali della frase minima e sa descriverli. 3. Sa manipolare la frase semplice per espanderla a scopi comunicativi. 4. Sa individuare nella frase il soggetto e il predicato e riconoscerne la funzione. 5. Sa riconoscere l aggettivo in funzione attributiva e sa usarlo correttamente. 6. Sa riconoscere il nome in funzione oppositiva e sa usarlo correttamente. 7. Sa espandere la frase semplice mediante l aggiunta di elementi di completamento. 8. Sa riconoscere il complemento oggetto e sa usarlo correttamente. 9. Sa riconoscere i più importanti tipi di complemento indiretto, sa analizzarli e sa usarli correttamente. 10. Sa riconoscere e classificare i vari tipi di testo in base allo scopo e alla funzione comunicativa (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia). : 1. La frase semplice e la frase complessa. 2. Il soggetto. 3. Il predicato nominale e verbale. 4. L attributo. 5. L apposizione. 6. Il complemento oggetto. 7. I più importanti complementi indiretti: caratteristiche e funzioni di ciascuno. 8. I vari tipi di testo e loro caratteristiche. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). : - Libro di grammatica in adozione. - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI PREVISTI: Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero.

17 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE TERZA

18 UA 1. LE TIPOLOGIE TESTUALI ": lettera, diario, relazione, commento, testo argomentativo, persuasivo, espositivo. 1. Conoscere la struttura dei generi testuali trattati. 2. Conoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato. 3. Conoscere scopi e funzioni dei testi esaminati. 1. Saper distinguere i vari tipi di testo, scritti e /o orali, sulla base della struttura e del linguaggio. 2. Saper cogliere i temi trattati e la loro articolazione. 3. Saper cogliere i temi trattati e l opinione dell autore 4. Saper collegare i testi analizzati al contesto di riferimento. 5. Saper prendere appunti e riutilizzarli. 6. Saper produrre semplici testi sulla base di un modello dato. 1. Lettera, diario, relazione e commento (consolidamento) 2. Testo argomentativo. 3. Testo persuasivo (lo slogan, la pubblicità) 4. Testo espositivo. 5. Argomenti di vario genere trattati dai testi in esame. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, produzione di schemi e mappe; Lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione di testi). Lavoro di analisi dei testi Riassunti, sintesi, commenti di testi Elaborazioni scritte. Stesura e rielaborazione di appunti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nell arco dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. 6. Partecipazione al recupero pomeridiano.

19 UA 2. LA LETTERATURA COME ESPRESSIONE DI SE, VEICOLO DI IDEE E DOCUMENTO STORICO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative correnti storico-letterarie. 3. Conoscere e distinguere la fabula e l intreccio. 4. Conoscere le caratteristiche linguistiche dei generi proposti. 5. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper riconoscere alcune caratteristiche linguistiche. 3. Saper cogliere il tema centrale rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 4. Saper cogliere il messaggio del testo. 5. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una storia letta. 1. La funzione della letteratura 2. I generi letterari 3. Cenni di storia della letteratura relativi ad alcune correnti letterarie significative degli ultimi due secoli ( Romanticismo, Verismo, Decadentismo, Ermetismo.) 4. Brani di autori ed opere significative (Manzoni, Verga, Pirandello, Svevo, Montale, Ungaretti, Quasimodo) 5. Cenni sulla vita e sul contesto storico relativamente ai maggiori autori trattati. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Lavoro di analisi dei testi. Riassunti, sintesi e commenti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nel corso dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data.

20 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. SGUARDO SUL NOVECENTO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative opere letterarie del Novecento. 3. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 4. Conoscere alcune tematiche tipiche del secolo appena trascorso e della società odierna 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper cogliere il tema centrale* rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 3. Saper cogliere il messaggio centrale del testo, individuare le tesi sostenute e le argomentazioni addotte. 4. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una problematica affrontata. 1. Scrivere di fatti, uomini e problemi. 2. Guerre e dittature del Novecento 3. Uomini nel mondo: situazioni, problemi, progetti e speranze. 4. Cittadini responsabili del mondo ( tematiche ambientali, interculturali, di giustizia, di sviluppo sostenibile ) METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Analisi, sintesi e commento di testi di vario genere. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta).

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

nuovo t...a INVALSI di Italiano Guida dell insegnante terza Classe edizione aggiornata Quaderno operativo per superare con successo la prova

nuovo t...a INVALSI di Italiano Guida dell insegnante terza Classe edizione aggiornata Quaderno operativo per superare con successo la prova Maria Luisa Maggi lessandra Valenti nuovo t...a te in s 3 lasse terza Scuola Secondaria di primo grado Quaderno operativo per superare con successo la prova INVLSI di Italiano Guida dell insegnante edizione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T.

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. (Formazione e Aggiornamento anche con Supporto Tecnologico) Via di Pantaneto, 45 - I-53100 Siena Tel. +39.0577.240245 Fax +39.0577.240239 e-mail: fast@unistrasi.it

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli