UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA"

Transcript

1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

2 UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e l'organizzazione di un testo narrativo. 3. Conosce le caratteristiche delle sequenze narrative e dialogiche. 4. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Sa riconoscere la struttura e le caratteristiche del genere testuale proposto. 2. Sa ricostruire la trama. 3. Sa individuare il tempo, il luogo e/o ambiente, le caratteristiche e/o ruolo dei personaggi. 4. Sa individuare il rapporto esistente tra la leggenda e la popolazione che l ha prodotta. 5. Sa riconoscere la morale di una favola. 6. Sa riconoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato nel tipo di testo proposto. 7. Sa riconoscere somiglianze e differenze tra i generi testuali proposti. 8. Sa scrivere e/o esporre una fiaba, una favola, una leggenda sulla base di suggerimenti o modelli dati in precedenza. 9. Sa scegliere il linguaggio adeguato al tipo di testo proposto utilizzo di : a) aggettivi e dialoghi per la favola; b) formule fisse, filastrocche, ripetizioni di elementi o situazioni, dialoghi per la fiaba. 10. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( aggettivo, pronome, tempi verbali). - La favola - La leggenda - La fiaba - La filastrocca Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione

3 comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. "IL TESTO DESCRITTIVO" 1. Conosce le caratteristiche delle sequenze descrittive 2. Conosce l'organizzazione di un testo descrittivo 3. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo descrittivo. 1. Sa osservare 2. Sa riconoscere una sequenza descrittiva in un testo 3. Sa distinguere una descrizione soggettiva da una oggettiva 4. Sa riconoscere l'oggetto della descrizione 5. Sa riconoscere gli elementi caratteristici della descrizione in un testo 6. Sa descrivere oralmente o per scritto l'oggetto della descrizione sia in modo oggettivo sia in modo soggettivo 7. Sa scegliere il lessico adeguato al tipo di descrizione ( sostantivo e aggettivo) 8. Sa distinguere le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e il verbo all'indicativo) 9. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e verbo all'indicativo) - La descrizione: aspetti generali - Descrizione soggettiva ed oggettiva - Tecniche della descrizione - Descrivere un oggetto, un animale, un ambiente, una persona Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo.

4 METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 3 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. RACCONTARE UNA STORIA - Il Testo narrativo 1. Conoscere le caratteristiche di un testo narrativo 2.Conoscere l'organizzazione di un testo narrativo. 3.Conoscere le caratteristiche delle sequenze narrative. 4.Conoscere le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper individuare le strutture grammaticali in un testo narrativo. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta.

5 Il testo narrativo. 1. Lettura ed analisi di alcuni brani 2. I personaggi e la loro caratterizzazione. 3. L ambiente. 4. Il narratore. 5. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 6. Il discorso diretto e indiretto. 7. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi. Riflessione sulla lingua 1. L uso della punteggiatura. 2. La coerenza dei tempi verbali. 3. La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, mappe progettuali, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film. Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 4. POETANDO Il testo poetico 1. Conoscere le caratteristiche del testo poetico (verso, rima, strofa assonanza, consonanza, )

6 2. Conoscere la funzione comunicativa della poesia 3. Conoscere alcune semplici figure retoriche ( similitudine, metafora) 1. Individuare il rapporto fra prosa e poesia 2. Comprendere che gli aspetti grafici(verso, pause, parole isolate) influenzano, modificano i significati 3 Capire, intuire che nel testo poetico il significato non risulta solo dalle parole e dal loro accostamento/ disposizione ma anche dal loro suono 4. Riconoscere ed applicare le figure di suono e di significato 5. Comprendere che la similitudine e la metafora sono strumenti potenti dell immaginazione creativa ed ampliano le possibilità della comunicazione umana 6. Leggere e ricostruire i significati, i temi della poesia 7. Scegliere il linguaggio adeguato nella produzione poetica 8. Utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto. Poetando Il testo poetico 1. Lettura ed analisi di alcune poesie 2. Alcuni tipi di strofe (distico, terzina, quartina, ottava). 3. Nuove figure retoriche (metafora e similitudine). 4. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi, riassunto e commento di una poesia. 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. METODI Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali...). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero.

7 UA 5. RIFLESSIONE SULLA LINGUA 1. Conosce il verbo, la struttura e le coniugazioni 2. Conosce l uso dei modi e dei tempi del verbo (indicativo,congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio) 3. Conosce verbi transitivi ed intransitivi 4. Conosce la forma attiva e la forma passiva. 5. Conosce la forma riflessiva 6. Conosce la forma impersonale 7. Conosce i verbi servili, fraseologici, irregolari 8. Conosce le regole fondamentali dell ortografia( la sillaba, l accento, l elisione, il troncamento, la punteggiatura, le maiuscole) 9. Conosce il nome (proprio- comune, concreto-astratto, individuale - collettivo ). 10. Conosce il nome e il suo genere(maschile-femminile,singolare-plurale, invariabili, difettivi e irregolari, sovrabbondanti) 11. Conosce i nomi primitivi e derivati, alterati e composti 12. Conosce gli articoli 13. Conosce gli aggettivi, i gradi dell aggettivo qualificativo e gli aggettivi determinativi (possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi, esclamativi, numerali) 14. Conosce il pronome personale, possessivo, dimostrativo, indefinito, relativo, interrogativo ed esclamativo 1. Sa analizzare il verbo dal punto di vista della forma e sa usarlo correttamente. 2. Sa riconoscere i verbi transitivi ed intransitivi 3. Sa trasformare forme attive in forme passive 4. Sa riconoscere i verbi ausiliari, servili, riflessivi, impersonali e fraseologici e sa usarli correttamente. 5. Sa usare correttamente le regole fondamentali dell ortografia 6. Sa riconoscere il nome nel discorso, distinguere i vari tipi di nomi e classificarli in base alla forma 7. Sa riconoscere l articolo nella frase, distinguere i vari tipi di articolo e analizzarli 8. Sa riconoscere l aggettivo nel discorso, individuare le funzioni, distinguere le caratteristiche dell aggettivo qualificativo. 9. Sa riconoscere i pronomi e sa usarli correttamente. 10. Sa usare in contesti diversi le regole acquisite 1. Il verbo 2. La struttura del verbo 3. Le coniugazioni 4. Uso dei modi e dei tempi del verbo. 5. Genere e forma del verbo 6. I verbi particolari 7. Ortografia 8. Il nome 9. Il nome e la sua forma 10. Il nome e la sua struttura 11. L articolo

8 12. L aggettivo 13. L aggettivo qualificativo 14. I gradi dell aggettivo 15. Gli aggettivi determinativi 16. Il pronome METODOLOGIA E ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). - Libro di grammatica in adozione: - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro nelle ore di didattica differenziata 3. Lavoro in coppie di aiuto. 4. Interrogazioni di recupero.

9 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE SECONDA

10 UA 1. RACCONTARE UNA STORIA (Diario, lettera, il racconto e in particolar modo di avventura, la narrazione fantastica). : 1. Conoscere e individuare gli elementi fondamentali di una narrazione. 2. Conoscere le caratteristiche del genere testuale trattato. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. : 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta. : Il testo narrativo. 1. Il diario e la lettera. 2. Il genere dell avventura e storie di vario tipo. 3. I personaggi e la loro caratterizzazione. 4. L ambiente. 5. Il narratore. 6. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 7. Il discorso diretto e indiretto. 8. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi). 9. La suspense, le caratteristiche specifiche del genere affrontato. Riflessione sulla lingua: 1. Categorie grammaticali: aggettivo e pronome 2. La sintassi della frase semplice: soggetto, predicati, apposizioni, attributi, complementi diretti e indiretti. 3. L uso della punteggiatura. 4. La coerenza dei tempi verbali. 5. La revisione del testo. METODI: Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi.

11 TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. LA POESIA LIRICA ED EPICA : 1. Conoscere gli aspetti formali e linguistici di ciascun testo poetico. 2. Conoscere nuove figure retoriche. 3. Conoscere alcuni autori della letteratura italiana. : 1. Saper riconoscere i versi della metrica italiana. 2. Saper comprendere la funzione denotativa e connotativa di un testo poetico. 3. Saper riconoscere le figure retoriche esaminate. 4. Saper individuare e analizzare i temi centrali di una poesia. 5. Saper individuare il messaggio dell autore. 6. Saper fare la parafrasi, il riassunto e il commento di un testo. 7. Saper produrre semplici testi lirici. 8. Saper memorizzare brevi testi poetici. : La poesia lirica ed epica. 1. Cenni relativi alla vita e al contesto storico- culturale di alcuni autori. 2. I versi della metrica italiana. 3. Alcuni tipi di strofe (distico,terzina, quartina, ottava). 4. Nuove figure retoriche(ossimoro, sinestesia, allegoria, metafora). 5. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi,riassunto e commento di una poesia.

12 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. 4. Coordinazione e subordinazione (cenni). METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali,...). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante. TEMPI PREVISTI: due mesi nell arco dell anno. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, interrogazione, recitazione di poesie studiate a memoria, lettura espressiva di poesie, produzione orale e scritta (parafrasi, riassunto e commento). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA3. LA RELAZIONE : 1. Comprendere lo scopo di un testo espositivo e conoscere la struttura della relazione:introduzione, presentazione dei dati,conclusione con valutazioni generali sull esperienza o il problema. 2. Conoscere il lessico che si incontra. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. 4. Conoscere i connettivi e la loro funzione. : 1. Saper usare il vocabolario, i testi in adozione, le enciclopedie e, eventualmente, il materiale multimediale, i testi o i dati presenti in internet per ricercare materiale e informazioni. 2. Saper utilizzare in modo appropriato il lessico. 3. Saper prendere appunti da una lezione frontale, da un testo o da un esperienza. 4. Saper pianificare un esposizione scritta (o orale) secondo la struttura della relazione.

13 5. Saper produrre una relazione secondo la struttura appresa. 6. Saper individuare in un testo espositivo i connettivi. 7. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase e i connettivi nel testo. : 1. Le caratteristiche della relazione ( la relazione informativa, l importanza del destinatario e dello scopo). Esempi di relazioni:resoconti di un esperienza, esposizioni illustrative, esposizione di contenuti storici e/o geografici. 2. Le fasi preliminari: la raccolta dei dati attraverso libri autorevoli, dati statistici, testimonianze, esempi concreti e osservazioni. 3. La stesura: la mappa progettuale, l uso del linguaggio specifico, i connettivi e l elaborazione del testo. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata lettura guidata e analisi dei testi, appunti, mappe progettuali, analisi e/o costruzione di tabelle e grafici. Uso del laboratorio di informatica, se necessario. : Vocabolario, testi in adozione, enciclopedie, dati statistici, tabelle, grafici, eventuale materiale informatico. TEMPI PREVISTI: Due mesi nell arco dell anno ogni volta che se ne presenterà l occasione. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, comprensione della lingua orale, produzione orale e scritta, verifiche di grammatica. (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA 4. LA PUBBLICITÀ - Testo a scopo persuasivo 1. Conoscere le caratteristiche della comunicazione pubblicitaria.

14 1. Saper analizzare il linguaggio pubblicitario nelle sue diverse componenti. 2. Saper individuare i rapporti tra codici diversi all interno dell annuncio pubblicitario. 3. Saper individuare il messaggio pubblicitario. 4. Saper riconoscere i destinatari dei messaggi pubblicitari. 5. Saper valutare scopi e funzioni della pubblicità sociale. 1. Struttura del testo pubblicitario su stampa (testo e immagine, slogan, layout, logotipo) o radiofonico o televisivo. 2. Il linguaggio figurato nelle pubblicità. 3. La funzione persuasiva del messaggio e le funzioni informativa e poetica. 4. Target: le scelte in relazione al destinatario. 5. La pubblicità progresso. METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, eventuale uso del computer. Libro di testo, inserzioni pubblicitarie, cartellone, computer, spot televisivi e /o radiofonici. TEMPI PREVISTI Un mese e mezzo. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: comprensione scritta e analisi di un testo pubblicitario; possibile creazione di un cartellone pubblicitario attraverso disegno o attraverso mezzi informatici oppure creazione di uno spot radiofonico o televisivo. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 5. IL GIORNALE Prodotto finale: creazione di un giornale scolastico 1-Conoscere le caratteristiche generali del quotidiano. 2-Conoscere le tecniche del linguaggio giornalistico

15 3-Conoscere la struttura di un articolo 1-Saper definire gli elementi che compongono la prima pagina e la struttura interna del giornale 2-Saper scrivere un articolo giornalistico in relazione allo scopo e al destinatario 3-Saper organizzare un giornale di classe 1-La struttura del quotidiano 2-La prima pagina 3-I titoli 4-L articolo di cronaca METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, uso del computer. Libro di testo, quotidiani, computer. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: Capacità di lettura degli elementi di una prima pagina di quotidiano; individuazione delle 5 W in un articolo di cronaca; produzione di cronache sintetiche e non di racconti d esperienza. Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 6. RIFLESSIONE SULLA LINGUA : 1. Conoscere la frase semplice e la frase complessa. 2. Conoscere il soggetto. 3. Conoscere il predicato verbale e nominale. 4. Conoscere l attributo. 5. Conoscere l apposizione. 6. Conoscere il complemento oggetto. 7. Conoscere i principali complementi indiretti. 8. Conoscere le tappe principali dell evoluzione della lingua italiana. 9. Conoscere i vari tipi di testo, le loro caratteristiche e scopi (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia).

16 : 1. Sa riconoscere la struttura sintattica di una frase e sa descriverla. 2. Sa riconoscere gli elementi fondamentali della frase minima e sa descriverli. 3. Sa manipolare la frase semplice per espanderla a scopi comunicativi. 4. Sa individuare nella frase il soggetto e il predicato e riconoscerne la funzione. 5. Sa riconoscere l aggettivo in funzione attributiva e sa usarlo correttamente. 6. Sa riconoscere il nome in funzione oppositiva e sa usarlo correttamente. 7. Sa espandere la frase semplice mediante l aggiunta di elementi di completamento. 8. Sa riconoscere il complemento oggetto e sa usarlo correttamente. 9. Sa riconoscere i più importanti tipi di complemento indiretto, sa analizzarli e sa usarli correttamente. 10. Sa riconoscere e classificare i vari tipi di testo in base allo scopo e alla funzione comunicativa (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia). : 1. La frase semplice e la frase complessa. 2. Il soggetto. 3. Il predicato nominale e verbale. 4. L attributo. 5. L apposizione. 6. Il complemento oggetto. 7. I più importanti complementi indiretti: caratteristiche e funzioni di ciascuno. 8. I vari tipi di testo e loro caratteristiche. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). : - Libro di grammatica in adozione. - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI PREVISTI: Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero.

17 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE TERZA

18 UA 1. LE TIPOLOGIE TESTUALI ": lettera, diario, relazione, commento, testo argomentativo, persuasivo, espositivo. 1. Conoscere la struttura dei generi testuali trattati. 2. Conoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato. 3. Conoscere scopi e funzioni dei testi esaminati. 1. Saper distinguere i vari tipi di testo, scritti e /o orali, sulla base della struttura e del linguaggio. 2. Saper cogliere i temi trattati e la loro articolazione. 3. Saper cogliere i temi trattati e l opinione dell autore 4. Saper collegare i testi analizzati al contesto di riferimento. 5. Saper prendere appunti e riutilizzarli. 6. Saper produrre semplici testi sulla base di un modello dato. 1. Lettera, diario, relazione e commento (consolidamento) 2. Testo argomentativo. 3. Testo persuasivo (lo slogan, la pubblicità) 4. Testo espositivo. 5. Argomenti di vario genere trattati dai testi in esame. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, produzione di schemi e mappe; Lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione di testi). Lavoro di analisi dei testi Riassunti, sintesi, commenti di testi Elaborazioni scritte. Stesura e rielaborazione di appunti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nell arco dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. 6. Partecipazione al recupero pomeridiano.

19 UA 2. LA LETTERATURA COME ESPRESSIONE DI SE, VEICOLO DI IDEE E DOCUMENTO STORICO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative correnti storico-letterarie. 3. Conoscere e distinguere la fabula e l intreccio. 4. Conoscere le caratteristiche linguistiche dei generi proposti. 5. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper riconoscere alcune caratteristiche linguistiche. 3. Saper cogliere il tema centrale rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 4. Saper cogliere il messaggio del testo. 5. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una storia letta. 1. La funzione della letteratura 2. I generi letterari 3. Cenni di storia della letteratura relativi ad alcune correnti letterarie significative degli ultimi due secoli ( Romanticismo, Verismo, Decadentismo, Ermetismo.) 4. Brani di autori ed opere significative (Manzoni, Verga, Pirandello, Svevo, Montale, Ungaretti, Quasimodo) 5. Cenni sulla vita e sul contesto storico relativamente ai maggiori autori trattati. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Lavoro di analisi dei testi. Riassunti, sintesi e commenti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nel corso dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data.

20 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. SGUARDO SUL NOVECENTO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative opere letterarie del Novecento. 3. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 4. Conoscere alcune tematiche tipiche del secolo appena trascorso e della società odierna 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper cogliere il tema centrale* rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 3. Saper cogliere il messaggio centrale del testo, individuare le tesi sostenute e le argomentazioni addotte. 4. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una problematica affrontata. 1. Scrivere di fatti, uomini e problemi. 2. Guerre e dittature del Novecento 3. Uomini nel mondo: situazioni, problemi, progetti e speranze. 4. Cittadini responsabili del mondo ( tematiche ambientali, interculturali, di giustizia, di sviluppo sostenibile ) METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Analisi, sintesi e commento di testi di vario genere. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta).

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione I.C. Ammirato-Falcone Scuola Secondaria di primo grado Via R. Sanzio, 51 - Lecce PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE anno scolastico 2013/2014 a cura della F.S. area 1 Gestione

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 325 ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 326 2 Modulo Operativo Le abilità linguistiche: parlare modulare Acquisire la capacità di comunicare oralmente il proprio

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO INDICE

CURRICOLO DI ISTITUTO INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Scuola Media Statale Consortile E. Galvaligi Via Per Carnago, 16 21048 Solbiate Arno (VA) C.F. 80015980123 Cod. Meccanografico

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA WEISSE ROSE CAVALESE ANNO SCOLASTICO 2012 2013

ISTITUTO D ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA WEISSE ROSE CAVALESE ANNO SCOLASTICO 2012 2013 ISTITUTO LA ROSA BIANCA DI CAVALESE PIANO DI STUDIO PER L AREA DI APPRENDIMENTO: ITALIANO COMPETENZE AL TERMINE DEL V BIENNIO DELLA SCUOLA DELL OBBLIGO Proposta elaborata dal Dipartimento di Lettere nei

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

Sommario INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE DI AREA ITALIANO... 3 PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE...

Sommario INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE DI AREA ITALIANO... 3 PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE... Sommario INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE DI AREA ITALIANO... 3 PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE... 3 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE a cura di Roberto Vetrugno, Antonio Morone (per i corsi di storia), Barbara Airò (per i corsi di traduzione).

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri 1 Livello 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE l A) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Curricolo di istituto a.s 2015/2016 Classe 2^ Scuola Secondaria 1 grado Competenze chiave europee COMPETENZA IN MADRELINGUA: comprensione e comunicazione. Padroneggiare i linguaggi indispensabili per gestire

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

ITALIANO LINGUA SECONDA (SOZ-GYM / FOB-TOUR)

ITALIANO LINGUA SECONDA (SOZ-GYM / FOB-TOUR) L LGU SCD (SZ-GYM / FB-U) 1 biennio (classi 1 e 2 ) della scuola secondaria di secondo grado (2 = solo seconda classe L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Curricolo verticale Infanzia Primaria Secondaria I grado

Curricolo verticale Infanzia Primaria Secondaria I grado UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRI REPUBBLICA ITALIANA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CALABRIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO. A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n.

ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO. A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO CURRICOLO VERTICALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO. A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n.

ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO. A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO MONTEPULCIANO CURRICOLO VERTICALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE A norma dell articolo 1, comma 4, del Decreto del Presidente della Repubblica 20

Dettagli

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche)

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche) CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA PRIMARIA Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006).. Competenze

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI FONDO ITALIANO

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI FONDO ITALIANO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI FONDO ITALIANO 1 AREA DI APPRENDIMENTO: Italiano Indicazioni per la lettura Premessa. La proposta di curricolo descrive i traguardi di abilità e conoscenza

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI

LICEO STATALE DOMENICO BERTI LICEO STATALE "DOMENICO BERTI PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LETTERE BIENNIO ( A051) (A050) LICEO DELLE SCIENZE UMANE/ ECONOMICO SOCIALE E LICEO LINGUISTICO A. S. 2015-2016 CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 Dott.ssa Anna Altarriba Dott.ssa Susana Benavente Dott.ssa Margarita Checa Dott.ssa Mª Beatriz

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

G I U S E P P E V E R D I. Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado

G I U S E P P E V E R D I. Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado I S T I T U T O C O M P R E N S I V O STATALE G I U S E P P E V E R D I Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado via Langhirano,454/A 43100 - Corcagnano (PR) tel. (0521) 630296 - fax. 0521630123

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta)

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta) CURRICOLO PER SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI 1. IMPARARE AD IMPARARE 1. Sperimenta una pluralità di esperienze, gestisce diverse possibilità espressive e sviluppa abilità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Quaderno Dipartimenti Disciplinari

Quaderno Dipartimenti Disciplinari Liceo Scientifico Statale Alvise Cornaro Quaderno Dipartimenti Disciplinari A.S. 2012/13 V Edizione a cura del prof. Ferdinando Perissinotto 1 In questo quaderno è raccolto il lavoro svolto dai Dipartimenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro

Istituto Comprensivo Aldo Moro Istituto Comprensivo Aldo Moro ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Competenze chiave di Cittadinanza sono le competenze necessarie ad ogni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze parziali: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze parziali: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda (classi 3ª e 4 ª) e (5ª classe) della scuola secondaria di secondo grado raguardi di sviluppo delle competenze al termine del e del Al termine del l alunno / l alunna ha raggi unto

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva

ISTITUTO COMPRENSIVO. di Santa Teresa di Riva ISTITUTO COMPRENSIVO di Santa Teresa di Riva Scuole dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado dei Comuni di Santa Teresa di Riva Antillo Savoca e Sant'Alessio Siculo (Messina ) ANNO SCOLASTICO

Dettagli

INDICE (clicca per aprire le pagine)

INDICE (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE (clicca per aprire le pagine)... 4 ITALIANO CLASSE I... 4 ITALIANO CLASSE II... 6 ITALIANO CLASSE III... 8 ITALIANO CLASSE IV...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI AREA LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO. ITALIANO ( Primo Biennio) Classi 1A/1B/2A/1I/1L/2L A.S. 2014/15

PROGRAMMAZIONE DI AREA LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO. ITALIANO ( Primo Biennio) Classi 1A/1B/2A/1I/1L/2L A.S. 2014/15 Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.gov.it turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n. 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Istituto Comprensivo 1 Paolo di Tarso PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria Baia Marconi Miseno Abilità COMPETENZE Conoscenze Educare l'uomo

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/1 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C Obiettivi educativi - Acquisire la consapevolezza della lingua

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Classe I Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LINGUA E CULTURA

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE ASCOLTO Comprendere espressioni di uso quotidiano per soddisfare bisogni concreti Identificare e conoscere parole relative a situazioni concrete e reali Comprendere le prime strutture di un dialogo Comprendere

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Ascolto (comprensione orale) Parlato (produzione e interazione orale) Lettura (comprensione scritta) Scrittura (produzione scritta) 1. Comprendere

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA Anno Scolastico 2014 / 2015 GRAMMATICA SINTASSI DELLA FRASE - Completamento della classificazione dei complementi indiretti: complemento di limitazione, di paragone, di età, vantaggio e svantaggio, colpa,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli