UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA"

Transcript

1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

2 UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e l'organizzazione di un testo narrativo. 3. Conosce le caratteristiche delle sequenze narrative e dialogiche. 4. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Sa riconoscere la struttura e le caratteristiche del genere testuale proposto. 2. Sa ricostruire la trama. 3. Sa individuare il tempo, il luogo e/o ambiente, le caratteristiche e/o ruolo dei personaggi. 4. Sa individuare il rapporto esistente tra la leggenda e la popolazione che l ha prodotta. 5. Sa riconoscere la morale di una favola. 6. Sa riconoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato nel tipo di testo proposto. 7. Sa riconoscere somiglianze e differenze tra i generi testuali proposti. 8. Sa scrivere e/o esporre una fiaba, una favola, una leggenda sulla base di suggerimenti o modelli dati in precedenza. 9. Sa scegliere il linguaggio adeguato al tipo di testo proposto utilizzo di : a) aggettivi e dialoghi per la favola; b) formule fisse, filastrocche, ripetizioni di elementi o situazioni, dialoghi per la fiaba. 10. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( aggettivo, pronome, tempi verbali). - La favola - La leggenda - La fiaba - La filastrocca Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione

3 comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. "IL TESTO DESCRITTIVO" 1. Conosce le caratteristiche delle sequenze descrittive 2. Conosce l'organizzazione di un testo descrittivo 3. Conosce le categorie grammaticali utilizzate in un testo descrittivo. 1. Sa osservare 2. Sa riconoscere una sequenza descrittiva in un testo 3. Sa distinguere una descrizione soggettiva da una oggettiva 4. Sa riconoscere l'oggetto della descrizione 5. Sa riconoscere gli elementi caratteristici della descrizione in un testo 6. Sa descrivere oralmente o per scritto l'oggetto della descrizione sia in modo oggettivo sia in modo soggettivo 7. Sa scegliere il lessico adeguato al tipo di descrizione ( sostantivo e aggettivo) 8. Sa distinguere le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e il verbo all'indicativo) 9. Sa utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto ( sostantivo e aggettivo e verbo all'indicativo) - La descrizione: aspetti generali - Descrizione soggettiva ed oggettiva - Tecniche della descrizione - Descrivere un oggetto, un animale, un ambiente, una persona Riflessione sulla lingua - Il verbo - La coerenza dei tempi verbali - La revisione del testo.

4 METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film (avventura, fantasy ). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 3 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. RACCONTARE UNA STORIA - Il Testo narrativo 1. Conoscere le caratteristiche di un testo narrativo 2.Conoscere l'organizzazione di un testo narrativo. 3.Conoscere le caratteristiche delle sequenze narrative. 4.Conoscere le categorie grammaticali utilizzate in un testo narrativo, in particolare l'utilizzo del verbo. 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper individuare le strutture grammaticali in un testo narrativo. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta.

5 Il testo narrativo. 1. Lettura ed analisi di alcuni brani 2. I personaggi e la loro caratterizzazione. 3. L ambiente. 4. Il narratore. 5. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 6. Il discorso diretto e indiretto. 7. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi. Riflessione sulla lingua 1. L uso della punteggiatura. 2. La coerenza dei tempi verbali. 3. La revisione del testo. METODI Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, mappe progettuali, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione), visione di film. Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 4. POETANDO Il testo poetico 1. Conoscere le caratteristiche del testo poetico (verso, rima, strofa assonanza, consonanza, )

6 2. Conoscere la funzione comunicativa della poesia 3. Conoscere alcune semplici figure retoriche ( similitudine, metafora) 1. Individuare il rapporto fra prosa e poesia 2. Comprendere che gli aspetti grafici(verso, pause, parole isolate) influenzano, modificano i significati 3 Capire, intuire che nel testo poetico il significato non risulta solo dalle parole e dal loro accostamento/ disposizione ma anche dal loro suono 4. Riconoscere ed applicare le figure di suono e di significato 5. Comprendere che la similitudine e la metafora sono strumenti potenti dell immaginazione creativa ed ampliano le possibilità della comunicazione umana 6. Leggere e ricostruire i significati, i temi della poesia 7. Scegliere il linguaggio adeguato nella produzione poetica 8. Utilizzare le categorie grammaticali in modo corretto. Poetando Il testo poetico 1. Lettura ed analisi di alcune poesie 2. Alcuni tipi di strofe (distico, terzina, quartina, ottava). 3. Nuove figure retoriche (metafora e similitudine). 4. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi, riassunto e commento di una poesia. 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. METODI Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali...). Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione d Istituto. 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero.

7 UA 5. RIFLESSIONE SULLA LINGUA 1. Conosce il verbo, la struttura e le coniugazioni 2. Conosce l uso dei modi e dei tempi del verbo (indicativo,congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio) 3. Conosce verbi transitivi ed intransitivi 4. Conosce la forma attiva e la forma passiva. 5. Conosce la forma riflessiva 6. Conosce la forma impersonale 7. Conosce i verbi servili, fraseologici, irregolari 8. Conosce le regole fondamentali dell ortografia( la sillaba, l accento, l elisione, il troncamento, la punteggiatura, le maiuscole) 9. Conosce il nome (proprio- comune, concreto-astratto, individuale - collettivo ). 10. Conosce il nome e il suo genere(maschile-femminile,singolare-plurale, invariabili, difettivi e irregolari, sovrabbondanti) 11. Conosce i nomi primitivi e derivati, alterati e composti 12. Conosce gli articoli 13. Conosce gli aggettivi, i gradi dell aggettivo qualificativo e gli aggettivi determinativi (possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi, esclamativi, numerali) 14. Conosce il pronome personale, possessivo, dimostrativo, indefinito, relativo, interrogativo ed esclamativo 1. Sa analizzare il verbo dal punto di vista della forma e sa usarlo correttamente. 2. Sa riconoscere i verbi transitivi ed intransitivi 3. Sa trasformare forme attive in forme passive 4. Sa riconoscere i verbi ausiliari, servili, riflessivi, impersonali e fraseologici e sa usarli correttamente. 5. Sa usare correttamente le regole fondamentali dell ortografia 6. Sa riconoscere il nome nel discorso, distinguere i vari tipi di nomi e classificarli in base alla forma 7. Sa riconoscere l articolo nella frase, distinguere i vari tipi di articolo e analizzarli 8. Sa riconoscere l aggettivo nel discorso, individuare le funzioni, distinguere le caratteristiche dell aggettivo qualificativo. 9. Sa riconoscere i pronomi e sa usarli correttamente. 10. Sa usare in contesti diversi le regole acquisite 1. Il verbo 2. La struttura del verbo 3. Le coniugazioni 4. Uso dei modi e dei tempi del verbo. 5. Genere e forma del verbo 6. I verbi particolari 7. Ortografia 8. Il nome 9. Il nome e la sua forma 10. Il nome e la sua struttura 11. L articolo

8 12. L aggettivo 13. L aggettivo qualificativo 14. I gradi dell aggettivo 15. Gli aggettivi determinativi 16. Il pronome METODOLOGIA E ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). - Libro di grammatica in adozione: - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro nelle ore di didattica differenziata 3. Lavoro in coppie di aiuto. 4. Interrogazioni di recupero.

9 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE SECONDA

10 UA 1. RACCONTARE UNA STORIA (Diario, lettera, il racconto e in particolar modo di avventura, la narrazione fantastica). : 1. Conoscere e individuare gli elementi fondamentali di una narrazione. 2. Conoscere le caratteristiche del genere testuale trattato. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. : 1. Comprendere globalmente il contenuto di un testo narrativo. 2. Comprendere gli elementi fondamentali della narrazione. 3. Saper distinguere i vari tipi di sequenze. 4. Saper individuare lo scopo di una narrazione. 5. Saper individuare il narratore. 6. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase. 7. Saper descrivere e raccontare in forma scritta e/o oralmente, riproducendo la tipologia testuale richiesta. : Il testo narrativo. 1. Il diario e la lettera. 2. Il genere dell avventura e storie di vario tipo. 3. I personaggi e la loro caratterizzazione. 4. L ambiente. 5. Il narratore. 6. Le sequenze narrative, descrittive, riflessive e dialogiche. 7. Il discorso diretto e indiretto. 8. Tempo della storia e tempo del racconto: l intreccio (il flashback, l anticipazione, l ellissi). 9. La suspense, le caratteristiche specifiche del genere affrontato. Riflessione sulla lingua: 1. Categorie grammaticali: aggettivo e pronome 2. La sintassi della frase semplice: soggetto, predicati, apposizioni, attributi, complementi diretti e indiretti. 3. L uso della punteggiatura. 4. La coerenza dei tempi verbali. 5. La revisione del testo. METODI: Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata e analisi dei testi, riassunti orali e/o scritti, eventuale lavoro di gruppo e/o a coppie (discussione aperta, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi.

11 TEMPI PREVISTI: 4 mesi. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e del testo scritto, interrogazione, produzione della lingua orale e scritta, verifiche di grammatica). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 5. Interrogazioni di recupero. UA 2. LA POESIA LIRICA ED EPICA : 1. Conoscere gli aspetti formali e linguistici di ciascun testo poetico. 2. Conoscere nuove figure retoriche. 3. Conoscere alcuni autori della letteratura italiana. : 1. Saper riconoscere i versi della metrica italiana. 2. Saper comprendere la funzione denotativa e connotativa di un testo poetico. 3. Saper riconoscere le figure retoriche esaminate. 4. Saper individuare e analizzare i temi centrali di una poesia. 5. Saper individuare il messaggio dell autore. 6. Saper fare la parafrasi, il riassunto e il commento di un testo. 7. Saper produrre semplici testi lirici. 8. Saper memorizzare brevi testi poetici. : La poesia lirica ed epica. 1. Cenni relativi alla vita e al contesto storico- culturale di alcuni autori. 2. I versi della metrica italiana. 3. Alcuni tipi di strofe (distico,terzina, quartina, ottava). 4. Nuove figure retoriche(ossimoro, sinestesia, allegoria, metafora). 5. I temi di un testo poetico: le parole-chiave. Riflessione sulla lingua 1. Parafrasi,riassunto e commento di una poesia.

12 2. La sillaba (ripasso della fonologia). 3. I rapporti di significato tra le parole. 4. Coordinazione e subordinazione (cenni). METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lettura guidata e analisi dei testi, appunti, lezione dialogata, lavoro individuale, lavoro a coppie o nel piccolo gruppo, lettura- osservazione-produzione di testi (manipolazioni di testi, espansioni testuali, trasformazioni lessicali,...). : Libro di testo in adozione e/o materiale fornito dall insegnante. TEMPI PREVISTI: due mesi nell arco dell anno. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, interrogazione, recitazione di poesie studiate a memoria, lettura espressiva di poesie, produzione orale e scritta (parafrasi, riassunto e commento). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA3. LA RELAZIONE : 1. Comprendere lo scopo di un testo espositivo e conoscere la struttura della relazione:introduzione, presentazione dei dati,conclusione con valutazioni generali sull esperienza o il problema. 2. Conoscere il lessico che si incontra. 3. Conoscere le strutture grammaticali e sintattiche della lingua. 4. Conoscere i connettivi e la loro funzione. : 1. Saper usare il vocabolario, i testi in adozione, le enciclopedie e, eventualmente, il materiale multimediale, i testi o i dati presenti in internet per ricercare materiale e informazioni. 2. Saper utilizzare in modo appropriato il lessico. 3. Saper prendere appunti da una lezione frontale, da un testo o da un esperienza. 4. Saper pianificare un esposizione scritta (o orale) secondo la struttura della relazione.

13 5. Saper produrre una relazione secondo la struttura appresa. 6. Saper individuare in un testo espositivo i connettivi. 7. Saper usare correttamente la struttura sintattica della frase e i connettivi nel testo. : 1. Le caratteristiche della relazione ( la relazione informativa, l importanza del destinatario e dello scopo). Esempi di relazioni:resoconti di un esperienza, esposizioni illustrative, esposizione di contenuti storici e/o geografici. 2. Le fasi preliminari: la raccolta dei dati attraverso libri autorevoli, dati statistici, testimonianze, esempi concreti e osservazioni. 3. La stesura: la mappa progettuale, l uso del linguaggio specifico, i connettivi e l elaborazione del testo. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata lettura guidata e analisi dei testi, appunti, mappe progettuali, analisi e/o costruzione di tabelle e grafici. Uso del laboratorio di informatica, se necessario. : Vocabolario, testi in adozione, enciclopedie, dati statistici, tabelle, grafici, eventuale materiale informatico. TEMPI PREVISTI: Due mesi nell arco dell anno ogni volta che se ne presenterà l occasione. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative : comprensione del testo scritto, comprensione della lingua orale, produzione orale e scritta, verifiche di grammatica. (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero. UA 4. LA PUBBLICITÀ - Testo a scopo persuasivo 1. Conoscere le caratteristiche della comunicazione pubblicitaria.

14 1. Saper analizzare il linguaggio pubblicitario nelle sue diverse componenti. 2. Saper individuare i rapporti tra codici diversi all interno dell annuncio pubblicitario. 3. Saper individuare il messaggio pubblicitario. 4. Saper riconoscere i destinatari dei messaggi pubblicitari. 5. Saper valutare scopi e funzioni della pubblicità sociale. 1. Struttura del testo pubblicitario su stampa (testo e immagine, slogan, layout, logotipo) o radiofonico o televisivo. 2. Il linguaggio figurato nelle pubblicità. 3. La funzione persuasiva del messaggio e le funzioni informativa e poetica. 4. Target: le scelte in relazione al destinatario. 5. La pubblicità progresso. METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, eventuale uso del computer. Libro di testo, inserzioni pubblicitarie, cartellone, computer, spot televisivi e /o radiofonici. TEMPI PREVISTI Un mese e mezzo. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: comprensione scritta e analisi di un testo pubblicitario; possibile creazione di un cartellone pubblicitario attraverso disegno o attraverso mezzi informatici oppure creazione di uno spot radiofonico o televisivo. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 5. IL GIORNALE Prodotto finale: creazione di un giornale scolastico 1-Conoscere le caratteristiche generali del quotidiano. 2-Conoscere le tecniche del linguaggio giornalistico

15 3-Conoscere la struttura di un articolo 1-Saper definire gli elementi che compongono la prima pagina e la struttura interna del giornale 2-Saper scrivere un articolo giornalistico in relazione allo scopo e al destinatario 3-Saper organizzare un giornale di classe 1-La struttura del quotidiano 2-La prima pagina 3-I titoli 4-L articolo di cronaca METODI Lezione frontale, lezione guidata, analisi dei modelli, discussione, lavoro di gruppo, uso del computer. Libro di testo, quotidiani, computer. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche: Capacità di lettura degli elementi di una prima pagina di quotidiano; individuazione delle 5 W in un articolo di cronaca; produzione di cronache sintetiche e non di racconti d esperienza. Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. 1. Ripresa del genere testuale affrontato. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 6. RIFLESSIONE SULLA LINGUA : 1. Conoscere la frase semplice e la frase complessa. 2. Conoscere il soggetto. 3. Conoscere il predicato verbale e nominale. 4. Conoscere l attributo. 5. Conoscere l apposizione. 6. Conoscere il complemento oggetto. 7. Conoscere i principali complementi indiretti. 8. Conoscere le tappe principali dell evoluzione della lingua italiana. 9. Conoscere i vari tipi di testo, le loro caratteristiche e scopi (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia).

16 : 1. Sa riconoscere la struttura sintattica di una frase e sa descriverla. 2. Sa riconoscere gli elementi fondamentali della frase minima e sa descriverli. 3. Sa manipolare la frase semplice per espanderla a scopi comunicativi. 4. Sa individuare nella frase il soggetto e il predicato e riconoscerne la funzione. 5. Sa riconoscere l aggettivo in funzione attributiva e sa usarlo correttamente. 6. Sa riconoscere il nome in funzione oppositiva e sa usarlo correttamente. 7. Sa espandere la frase semplice mediante l aggiunta di elementi di completamento. 8. Sa riconoscere il complemento oggetto e sa usarlo correttamente. 9. Sa riconoscere i più importanti tipi di complemento indiretto, sa analizzarli e sa usarli correttamente. 10. Sa riconoscere e classificare i vari tipi di testo in base allo scopo e alla funzione comunicativa (tale obiettivo è affrontato parallelamente in antologia). : 1. La frase semplice e la frase complessa. 2. Il soggetto. 3. Il predicato nominale e verbale. 4. L attributo. 5. L apposizione. 6. Il complemento oggetto. 7. I più importanti complementi indiretti: caratteristiche e funzioni di ciascuno. 8. I vari tipi di testo e loro caratteristiche. METODI E ATTIVITÀ: Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali e/o a coppie ( esercizi di individuazione, di inserimento, di sostituzione, di manipolazione, di trasformazione; esercizi di produzione personale). : - Libro di grammatica in adozione. - Brani antologici. - Produzioni orali e scritte dei ragazzi. TEMPI PREVISTI: Due ore settimanali per tutto l anno scolastico. MODALITÀ DI VERIFICA E VALUTAZIONE: Verifiche intermedie in itinere e sommative: - Test orale o scritto di conoscenza (sapere) - Prove di individuazione, riconoscimento e utilizzo degli elementi esaminati (saper fare). (Impegno, autonomia operativa, collaborazione saranno valutati separatamente, in sede di valutazione comportamentale, secondo i parametri della griglia approvata dal Collegio Docenti). Per la valutazione si rimanda al sistema di valutazione di istituto. MODALITÀ DI RECUPERO PREVISTE: 1. Ripresa dei concetti fondamentali. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro. 3. Lavoro di recupero nella didattica differenziata. 4. Interrogazioni di recupero.

17 UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE TERZA

18 UA 1. LE TIPOLOGIE TESTUALI ": lettera, diario, relazione, commento, testo argomentativo, persuasivo, espositivo. 1. Conoscere la struttura dei generi testuali trattati. 2. Conoscere le caratteristiche del linguaggio utilizzato. 3. Conoscere scopi e funzioni dei testi esaminati. 1. Saper distinguere i vari tipi di testo, scritti e /o orali, sulla base della struttura e del linguaggio. 2. Saper cogliere i temi trattati e la loro articolazione. 3. Saper cogliere i temi trattati e l opinione dell autore 4. Saper collegare i testi analizzati al contesto di riferimento. 5. Saper prendere appunti e riutilizzarli. 6. Saper produrre semplici testi sulla base di un modello dato. 1. Lettera, diario, relazione e commento (consolidamento) 2. Testo argomentativo. 3. Testo persuasivo (lo slogan, la pubblicità) 4. Testo espositivo. 5. Argomenti di vario genere trattati dai testi in esame. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, produzione di schemi e mappe; Lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, ideazione, progettazione, manipolazione e revisione di testi). Lavoro di analisi dei testi Riassunti, sintesi, commenti di testi Elaborazioni scritte. Stesura e rielaborazione di appunti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nell arco dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data. 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. 6. Partecipazione al recupero pomeridiano.

19 UA 2. LA LETTERATURA COME ESPRESSIONE DI SE, VEICOLO DI IDEE E DOCUMENTO STORICO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative correnti storico-letterarie. 3. Conoscere e distinguere la fabula e l intreccio. 4. Conoscere le caratteristiche linguistiche dei generi proposti. 5. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper riconoscere alcune caratteristiche linguistiche. 3. Saper cogliere il tema centrale rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 4. Saper cogliere il messaggio del testo. 5. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una storia letta. 1. La funzione della letteratura 2. I generi letterari 3. Cenni di storia della letteratura relativi ad alcune correnti letterarie significative degli ultimi due secoli ( Romanticismo, Verismo, Decadentismo, Ermetismo.) 4. Brani di autori ed opere significative (Manzoni, Verga, Pirandello, Svevo, Montale, Ungaretti, Quasimodo) 5. Cenni sulla vita e sul contesto storico relativamente ai maggiori autori trattati. METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Lavoro di analisi dei testi. Riassunti, sintesi e commenti. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: nel corso dell anno. MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta). 1. Ripresa delle caratteristiche testuali affrontate. 2. Rinforzo della metodologia di lavoro per la comprensione di un testo. 3. Costruzione di schemi o scalette per la ideazione di testi aderenti alla traccia data.

20 4. Lavoro in coppie di aiuto. 5. Interrogazioni di recupero. UA 3. SGUARDO SUL NOVECENTO 1. Conoscere le caratteristiche dei testi trattati (la novella, il racconto e il romanzo, la poesia) 2. Conoscere alcune significative opere letterarie del Novecento. 3. Conoscere alcuni significativi autori dei generi letterari citati. 4. Conoscere alcune tematiche tipiche del secolo appena trascorso e della società odierna 1. Saper individuare gli elementi fondamentali della narrazione in un testo scritto e/o orale ( personaggi, tempo, luoghi - argomento, tema, opinione ) 2. Saper cogliere il tema centrale* rapportandolo al contesto storico e all ambiente. 3. Saper cogliere il messaggio centrale del testo, individuare le tesi sostenute e le argomentazioni addotte. 4. Saper esprimere semplici giudizi in merito ad una problematica affrontata. 1. Scrivere di fatti, uomini e problemi. 2. Guerre e dittature del Novecento 3. Uomini nel mondo: situazioni, problemi, progetti e speranze. 4. Cittadini responsabili del mondo ( tematiche ambientali, interculturali, di giustizia, di sviluppo sostenibile ) METODI e ATTIVITA Lezione frontale, lezione dialogata, lettura guidata, schemi di analisi e di sintesi; lavoro individuale, di gruppo e/o a coppie (discussione, ricerca, confronto di opinioni) Analisi, sintesi e commento di testi di vario genere. Libro di testo in adozione, materiale fornito dall insegnante o prodotto dai ragazzi. TEMPI PREVISTI: 2 mesi MODALITA DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Verifiche formative in itinere e sommative (comprensione del testo orale e scritto, produzione della lingua orale e scritta).

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

LINGUA ITALIANA. Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico. LINGUA ITALIANA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI DI SVILUPPO LIVELLI DI SVILUPPO COMPETENZE SPECIFICHE Il bambino sviluppa la padronanza d uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA. ITALIANO - CLASSI PRIME Scuola Primaria

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA. ITALIANO - CLASSI PRIME Scuola Primaria ITALIANO SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO. Insegnante: Prof. Maria Santo

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO. Insegnante: Prof. Maria Santo ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO Scuola Secondaria di I grado P.M. Ricci Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO Insegnante: Prof. Maria Santo CLASSE I Sez. B N. di allievi:

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ASCOLTARE E PARLARE ABILITÀ (l'alunno è in grado di) Nell ascolto: - assumere un atteggiamento di ascolto individuale e collettivo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

Scuola dell'infanzia

Scuola dell'infanzia Scuola dell'infanzia I discorsi e le parole Ascoltare l insegnante e i compagni Comprendere consegne e semplici contenuti Verbalizzare semplici immagini Riferire un semplice evento Partecipare alle conversazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI ITALIANO Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSI: PRIME CORSI: PROFESSIONALI DOCENTI

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO OBIETTIVO GENERALE COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE 1. Prestare attenzione a chi parla 2. Saper comprendere messaggi orali 3. Capire il significato globale delle

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina ITALIANO CLASSE: PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE L

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti ITALIANO PRIMARIA CLASSE I NUCLEI COMPETENZE OBIETTIVI DESCRITTORI CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO Mantenere l attenzione sul messaggio orale e sull interlocutore, nelle diverse situazioni comunicative Ascoltare

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE

PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione I.C. Ammirato-Falcone Scuola Secondaria di primo grado Via R. Sanzio, 51 - Lecce PROGRAMMAZIONE e VALUTAZIONE anno scolastico 2013/2014 a cura della F.S. area 1 Gestione

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO SCUOLA DELL INFANZIA NUCLEO: ASCOLTO E PARLATO. -Intervenire in modo pertinente nella conversazione.

CURRICOLO ITALIANO SCUOLA DELL INFANZIA NUCLEO: ASCOLTO E PARLATO. -Intervenire in modo pertinente nella conversazione. CURRICOLO ITALIANO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI COMPETENZE FINE ABILITA SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI NUCLEO: ASCOLTO E PARLATO Ascoltare e comprendere le espressioni linguistiche utilizzate

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Sec. di I grado Lavena Ponte Tresa -VA CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO A.S. 2009/10 COMPETENZA N.1 PADRONEGGIARE GLI STRUMENTI

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO PER COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO TIONE DI TRENTO

CURRICOLO DI ITALIANO PER COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO TIONE DI TRENTO CURRICOLO DI ITALIANO PER COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO TIONE DI TRENTO PRIMO BIENNIO (PRIMA E SECONDA SCUOLA PRIMARIA) COMPETENZA 1 ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE. ITALIANO Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE. ITALIANO Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE ITALIANO Scuola primaria NUCLEI TEMATICI Ascolto e parlato CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Ascolta e comprende Giochi con regole

Dettagli

Indice Tabella. Area di apprendimento Italiano Scuola Primaria Ascoltare e Parlare Leggere Scrivere Riflettere sulla lingua

Indice Tabella. Area di apprendimento Italiano Scuola Primaria Ascoltare e Parlare Leggere Scrivere Riflettere sulla lingua Indice Tabella Area di apprendimento Italiano Scuola Primaria Ascoltare e Parlare Leggere Scrivere Riflettere sulla lingua Area di apprendimento Italiano Scuola Secondaria Ascoltare e Parlare Leggere Scrivere

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

I.C. "L.DA VINCI" LIMBIATE CURRICOLO IN VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ITALIANO SCUOLA D'INFANZIA

I.C. L.DA VINCI LIMBIATE CURRICOLO IN VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ITALIANO SCUOLA D'INFANZIA ITALIANO SCUOLA D'INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (Al termine della scuola d'infanzia) L'alunno... Ascoltare e parlare (utilizza un lessico appropriato e

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA

CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 Ascolto e parlato Interagire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049812424 - Fax 049810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO PRIMO BIENNIO ITALIANO OBIETTIVI -Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua italiana e delle sue relazioni con le altre lingue oggetto di studio,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: II A afm Materia: Italiano Docente: E. Bertoldi Situazione di partenza della classe La classe 2 a A è costituita da 21 alunni (13 maschi e

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze ASCOLTARE E PARLARE L alunno partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA Ascolto e Parlato Saper interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, per

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO METODOLOGIE E STRATEGIE DIDATTICHE VERIFICHE DELLE COMPETENZE ASCOLTARE - Ascoltare domande, richieste dell insegnante, comprendendo

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO PROFILO D USCITA DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO Alla fine della Scuola Primaria i ragazzi avranno una solida preparazione

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI SECONDE DISCIPLINA: ITALIANO A.S. 2015/2016

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI PRIME DISCIPLINA: ITALIANO A.S. 2015/2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N -

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - LINGUA ITALIANA: PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, 1.1 Prendere la parola negli scambi

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

PROF. Lorena Bernardi. MATERIA: italiano CLASSE 2 C

PROF. Lorena Bernardi. MATERIA: italiano CLASSE 2 C PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Lorena Bernardi MATERIA: italiano CLASSE 2 C DATA DI PRESENTAZIONE: 30 novembre 2013. Italiano Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli