Radaelli Sara Classe A4 Tutor Mariagrazia Gatti. Relazione finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Radaelli Sara Classe A4 Tutor Mariagrazia Gatti. Relazione finale"

Transcript

1 1 Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti. La presente attività didattica è stata proposta agli alunni di due classi terze di scuola secondaria di primo grado e consiste nella scomposizione di alcuni spot pubblicitari e nella successiva analisi degli stessi, sia da un punto di vista grafico, sia da un punto di vista comunicativo. Agli alunni è stato, infatti, chiesto di scegliere alcuni spot televisivi di loro interesse, di ricercarne notizie, relative alle strategie attuate dai pubblicitari e dalle aziende nella strutturazione della campagna pubblicitaria, nonché materiale iconografico, testuale e audiovisivo. Una volta individuati studiati e compresi i meccanismi pubblicitari, gli alunni sono stati invitati a scomporre lo spot pubblicitario in tutte le sue parti per estrapolarne le caratteristiche strutturali, le strategie comunicative e di persuasione attuate e gli aspetti visivi e grafici utilizzati. Tali analisi sono state articolate successivamente in diverse presentazioni di Power Point e raccolte infine in un ipertesto conclusivo. Il presente progetto è stato proposto agli alunni delle classi terze principalmente per sviluppare in essi una maggiore consapevolezza del ruolo della pubblicità nella vita quotidiana fornendo loro strumenti adeguati per interpretarne i messaggi e per mettere in evidenza le leve psicologiche ed emotive utilizzate in pubblicità. Tale progetto parte infatti dalla consapevolezza della necessità di indurre gli studenti ad una fruizione disincantata e lucida del linguaggio pubblicitario, indagando le strategie fondamentali attraverso le quali la pubblicità contribuisce a creare l'immaginario collettivo e verificando, attraverso il contatto diretto con gli spot televisivi più conosciuti e amati, la corrispondenza tra immagine pubblicitaria e realtà di una specifica categoria merceologica a scelta L attività si è sviluppata all interno delle ore di educazione artistica nel corso dei mesi di Aprile e Maggio, si è svolta completamente a scuola, in particolare nell aula di informatica e nell aula multimediale e ha richiesto l impiego di circa 20 ore complessive. Ciascuna classe, comprensiva di un totale di 25 alunni, è stata suddivisa in 4 gruppi di 6 alunni ciascuno. A ciascun gruppo è stata assegnata una pubblicità televisiva da analizzare. Ogni gruppo è stato suddiviso in tre coppie di lavoro che si occupavano rispettivamente di ricercare informazioni sulla pubblicità da analizzare, progettare la veste grafica dell elaborato finale, ricercare materiale digitale come filmati, colonne sonore, ecc. In particolare, il lavoro si è articolato nel modo seguente: 1- spiegazione iniziale del lavoro agli alunni, illustrazione delle finalità, degli obiettivi e delle attività da realizzare, suddivisione in coppie di lavoro e scelta, da parte degli alunni, dello spot tv da analizzare Lezione in aula con proiettore per la spiegazione degli elementi fondamentali del linguaggio pubblicitario (storia, terminologia, strategie, ecc); 3- Ricerca su internet di materiale relativo allo spot pubblicitario (dati, commenti e spiegazioni, video e immagini dello spot); 4- Analisi dello spot: realizzazione di un documento con Power Point in cui viene presentato lo spot pubblicitario smontato e indagato nelle sue diverse parti (benefit, promessa, target, testimonial, descrizione, slogan, jingle, emotional appeals, ecc); 5- Assemblaggio del lavoro svolto all interno dell ipertesto conclusivo; 6- Lezione in aula con proiettore per la proiezione dell ipertesto. Riesame del lavoro svolto e attività conclusiva di Metacognizione. Per quanto riguarda la metodologia e le strumentazioni utilizzate nella realizzazione del lavoro, è possibile suddividere l attività in diverse fasi, quali: 1- fase di ricerca delle pubblicità da analizzare, nel corso della quale sono stati utilizzati motori di ricerca e siti appositi relativi alla pubblicità televisiva, nonché il videoregistratore per visionare le pubblicità che non sono reperibili in video su internet; 2- realizzazione dell elaborato multimediale contenente l analisi degli spot scelti dagli alunni, per la quale sono state utilizzate le risorse messe a disposizione sia dall aula di informatica della scuola (13 computer, proiettore, stampanti, masterizzatore, telecamera e fotocamera digitale, cuffie) sia dall aula multimediale della scuola (TV satellitare, lettore DVD, impianto audio); 3- spiegazione del linguaggio pubblicitario e filmico, per la quale sono stati utilizzati proiettore, videoregistratore, Tv satellitare, dispense di approfondimento appositamente preparate, libro di testo.

2 Numero di classi coinvolte, di insegnanti, di ragazzi che hanno partecipato alla sperimentazione. L attività è stata sviluppata unicamente all interno delle discipline di informatica ed Educazione Artistica, entrambe insegnate dalla scrivente, Prof. Radaelli Sara ed è stata orientata verso due classi terze di scuola secondaria di I grado, per un totale di 50 alunni. Vantaggi e svantaggi (vedi le voci del punto 1). L attività proposta agli alunni si è svolta complessivamente in modo positivo. Il contatto diretto con gli spot televisivi e la necessità di visionarli ripetutamente e di individuarne le strategie per effettuarne l analisi, ha accresciuto negli alunni la capacità di fruire in modo più cosciente del messaggio pubblicitario. Le difficoltà incontrate dagli alunni sono ascrivibili essenzialmente all interpretazione delle strategie pubblicitarie adottate, in quanto alcuni spot scelti per realizzare il lavoro sono risultati un po troppo complessi. La decisione della pubblicità da analizzare, infatti, è stata lasciata all alunno e ciò ha provocato la scelta di spot molto moderni e accattivanti, ma, per questo, troppo sganciati dalle strategie pubblicitarie più comuni e quindi più comprensibili. A questo proposito, in caso di ripetizione del progetto, occorrerà rivedere la modalità di scelta degli spot da analizzare, che dovrà necessariamente essere appannaggio dell insegnante. Per quanto riguarda invece la strutturazione del lavoro sulla classe, è possibile affermare che la suddivisione in gruppi e sottogruppi, con compiti e incarichi differenti, è stata certamente una scelta positiva e stimolante per gli alunni, in quanto ha creato condizioni di apprendimento collaborativo e di lavoro in equipe. Ciò che invece è risultato spesso penalizzante è la mancanza di tempo adeguato a disposizione, che ha provocato necessariamente la riduzione delle attività didattiche previste per il progetto. Eventuali difficoltà incontrate, sia tecniche che metodologico - didattiche. Nel corso dell attività si sono incontrate alcune difficoltà di carattere tecnico motivate essenzialmente dal collegamento ad internet non adeguato a reperire materiale in tempi brevi: la ricerca e il conseguente salvataggio dei video delle pubblicità ha infatti richiesto tempi molto lunghi. Per quanto riguarda invece le difficoltà emerse dal punto di vista metodologico, uno degli aspetti problematici dell attività proposta si è rivelata, paradossalmente, la libertà lasciata agli studenti nel gestire e applicare un proprio personale percorso di ricerca e di lavoro, scegliendo autonomamente quali strategie utilizzare, cosa cercare, come muoversi all'interno dei percorsi possibili. In queste condizioni di apprendimento, alcuni alunni si sono sentiti inizialmente disorientati Un'altra difficoltà che si è presentata nel corso del lavoro è stata l eccessiva attenzione che gli alunni hanno mostrato nei confronti sia delle interfacce tecnologiche sia dell aspetto grafico, che li ha portati inizialmente a trascurare i contenuti e gli aspetti più strettamente teorici, senza i quali il lavoro sarebbe stato vanificato. Soprattutto nell ambito della fase di ricerca delle informazioni e del materiali relativi agli spot analizzati, si è notato, altresì, che, lasciati soli davanti allo schermo, i ragazzi si abbandonano volentieri ad uno zapping ipertestuale senza molto costrutto: tendono a cliccare su tutto, senza soffermarsi su niente. Infatti, sebbene amino interagire con il computer, gli alunni, soprattutto i più giovani, sono portati ad utilizzare l'ipertesto secondo lo schema del videogioco: spesso non aprono tutte le schermate e leggono assai meno di quanto ci si aspetterebbe e i motivi di tutto ciò sono ascrivibili al fatto che sono assorbiti per lo più dalla navigazione, cioè dall'esigenza primaria di comprendere la logica del programma, facendosene una mappa; il piacere derivante dalla navigazione (scoperta di nuove schermate, possibilità di ritorno a quelle più attraenti, ecc.) fa spesso considerare il tempo dedicato alla lettura come tempo perso, sottratto al desiderio di viaggiare. Abilità acquisite dagli insegnanti e dagli alunni. L utilizzo consapevole, critico e guidato delle NT in campo didattico, ha consentito il raggiungimento di nuove competenze, conoscenze e abilità, sia da parte degli alunni che da parte degli insegnanti. E possibile, infatti, affermare che, al termine del presente progetto, tutti gli studenti hanno migliorato la propria capacità di progettare e realizzare mappe concettuale finalizzate a rappresentare un idea complessa, di studiare strategie opportune per la ricerca e il recupero delle informazioni, la discriminazione delle diverse fonti 2

3 informative, e la strutturazione delle informazioni a vantaggio del lavoro intrapreso, potenziando, di conseguenza anche le proprie capacità di scambiarsi interpretazioni e giudizi sui dati raccolti, e quindi aprire lo spazio per nuove e diverse formalizzazioni delle ipotesi di partenza. Nelle fasi di lavoro più strettamente tecniche, di attuazione del progetto e di realizzazione dell ipertesto, gli alunni hanno acquisito la capacità di interagire e cooperare tra di loro, nonostante le diverse competenze iniziali di ciascuno, di realizzare un elaborato originale fondato sull integrazione tra linguaggi di diversa natura (televisivi, alfabetici, digitali) e infine di utilizzare la parola scritta non più solo come veicolo per esprimere opinioni, giudizi, sentimenti, o come uno strumento per svolgere temi e redigere relazioni, ma come veicolo di reale e immediata comunicazione interpersonale. Nello scrivere le proprie riflessioni sugli spot analizzati, infatti, gli studenti non dovevano esclusivamente concentrarsi sul comporre un testo per essere valutati dal docente, ma dovevano essere capaci di motivare, di argomentare ed esplicitare le proprie considerazioni, di fronte ad un interlocutore assente ma reale, che può accogliere, modificare o respingere le opinioni, i giudizi, le argomentazioni prodotte. Per quanto riguarda invece gli aspetti più generali, gli apprendimenti trasversali e le competenze raggiunte, la suddetta attività ha stimolato negli alunni una certa flessibilità cognitiva, promuovendo un esame degli stessi argomenti da diversi punti di vista e ha favorito infine la consapevolezza metacognitiva, sollecitando la riflessione sui criteri e le strategie adottate nella rappresentazione della realtà trattata. Risultano infine acquisiti e consolidati atteggiamenti esplorativi, in particolare nei confronti delle interfacce tecnologiche, che vengono osservate, analizzate, saggiate senza fretta e timore, capacità di orientarsi da un punto di vista funzionale, imparando a riconoscere senso e scopi dei diversi ambienti di lavoro, capacità di cogliere gli inviti operativi dei diversi ambienti informatici, capacità di selezionare gli ambienti più adatti al proprio stile di lavoro ed all'obiettivo da raggiungere e, infine, capacità di utilizzare il materiale di supporto e di consultazione. Modalità di relazione osservate tra alunno e docente (analogie e differenze con le altre situazioni d apprendimento.) La didattica multimediale proposta attraverso l attuazione di questo progetto, ha consentito di rovesciare i ruoli fra docente e alunno: ogni alunno ha potuto creare un suo percorso all'interno della sua base di conoscenze e ha potuto condividere un percorso con i suoi compagni e, aspetto fondamentale, con l'insegnante. Attraverso questa esperienza, infatti, è stato possibile modificare non solo le rappresentazioni mentali elaborate in precedenza, ma anche la natura delle relazioni esistenti tra chi insegna e chi apprende. Da una approfondita lettura dell esperienza didattica intrapresa, emerge chiaramente come un approccio multimediale porti a spostare l'attenzione della scuola verso obiettivi formativi più ampi rispetto a quelli tradizionalmente considerati, spesso legati agli specifici contesti (e contenuti!) disciplinari, inducendo anche un diverso modo di esercitare la professionalità da parte degli insegnanti. In altri termini, è possibile affermare che la didattica multimediale non è l'ennesimo ritrovato tecnico per favorire un più adeguato accesso alle informazioni da parte degli alunni, scopo che finirebbe per privilegiare una lettura puramente strumentale dell'innovazione tecnologica, ma rappresenta invece l'offerta di un diverso ambiente che tende a trasformare i rapporti tra ragazzi e saperi. L'elemento più significativo, dal punto di vista formativo, è rappresentato comunque dalla dimensione cooperativa: essa infatti privilegia forme di apprendimento solitamente inusuali nelle aule scolastiche che però sembrano costituire la situazione più favorevole per migliorare l'apprendimento e promuovere strategie di ragionamento di alto livello. La realizzazione di questo progetto ha, infatti, consentito anche di veicolare una pluralità di attività orientate ad uno scopo comune: il lavoro di gruppo, l'attività di ricerca, la condivisione di esperienze, le produzioni comuni, la richiesta e l'offerta di informazioni. La collaborazione intorno ad un comune lavoro ha aperto lo spazio per un apprendimento interattivo e dialogico e, mettendo continuamente in gioco risultati raggiunti e ipotesi avanzate, ha prodotto la riorganizzazione di rappresentazioni mentali, ha arricchito di nuovi significati l'esperienza didattica di ciascuno, e ha abituato alunno e insegnante a considerare l'altro come interlocutore indispensabile, favorendo la costruzione di una positiva immagine di sé, perché ciascuno contribuisce a produrre il risultato atteso. 3

4 Modalità di relazione osservate tra alunno ed alunno (analogie, differenze ) La cultura scolastica, anche quella attuale, si basa, per la maggior parte, su contenuti disciplinari già strutturati, e su una idea di apprendimento come sforzo e di conoscenza, ma questa concezione è certamente entrata in aperta collisione con la cultura delle nuove generazioni. Il sapere dei ragazzi è fluido, magmatico, analogico, non conosce barriere e confini predeterminati, si riproduce per immersione più che per astrazione, è particolarmente sensibile a tutto ciò che garantisce gioco, coinvolgimento, immaginazione e, nello stesso tempo, utilità immediata. Per questo, l ingresso del computer in classe, aiuta certamente a portare dentro la scuola il tempo dell'apprendimento come costruzione personale e collaborativa, obbligando a rivedere i modi e i tempi dell'insegnamento, a ridurre la quantità dei contenuti a vantaggio delle strategie, a realizzare una scuola fondata su saperi reticolari, componibili secondo configurazioni non predefinite ma soggette a modificazioni e continue rielaborazioni. La presente attività didattica, interamente incentrata sull utilizzo delle NT, ha effettivamente stimolato negli alunni la capacità di collaborare e di comprendere come, in situazioni di lavoro in equipe, sia indispensabile l impegno di tutti al fine di produrre un elaborato capace di soddisfare appieno le richieste. Rispetto ad una situazione didattica tradizionale, infatti, gli alunni hanno potuto sperimentare situazioni di apprendimento e di lavoro uniche, lontane dai comuni e rigidi schemi della didattica tradizionale (essenzialmente frontale e contenutistica), misurandosi con le proprie effettive capacità creative, costantemente stimolate dalle condizioni di lavoro stesse. Gli alunni hanno dovuto proporre idee e soluzioni originali, hanno dovuto progettare per intero un elaborato digitale capace di veicolare i messaggi da loro prodotti, sono stati costretti a mettersi in gioco in prima persona, aspetto importante che li ha portati talvolta a dover giustificare le scelte operative attuate invece di subire passivamente le scelte metodologiche dell insegnante. Tale situazione ha quindi stimolato la collaborazione tra alunni: l obiettivo comune e la voglia di dimostrare all adulto le propri capacità, hanno motivato gli studenti ad un lavoro certamente più impegnativo ma altrettanto stimolante, che li ha visti veri e propri artefici di un elaborato assolutamente originale e personale. Uno stimolo ulteriore è stato offerto dalla completa libertà lasciata agli alunni nella scelta della modalità grafica di presentazione del materiale prodotto: questo ha coinvolto notevolmente i ragazzi che, da un lato, hanno avuto la possibilità di esprimersi liberamente, come raramente accade nelle situazioni di didattica più tradizionale, e dall altro hanno potuto sperimentare, valutare e rivedere le proprie capacità creative e progettuali. Per quanto riguarda invece l aspetto più strettamente relazionale, è possibile affermare che la situazione didattica in questione ha certamente potenziato e rafforzato l aspetto collaborativo nel rapporto tra ragazzi, portandoli talvolta a dover attuare opportune strategie per affrontare e risolvere situazioni difficili di disaccordo sulle scelte da effettuare. Tale condizione si è rivelata fondamentale in quanto ha fornito un valido spunto per interventi educativi mirati a rendere consapevoli gli alunni della complessità dei rapporti umani, della necessità di una continua mediazione all interno di un gruppo di lavoro e dell importanza di non prevaricare gli altri e di saperne valorizzare le idee, al fine di raggiungere un obiettivo fondamentale più importante. Al computer inoltre si può lavorare insieme, su compiti e problematiche che normalmente si affrontano da soli, come la scrittura: la visualizzazione dell elaborato sullo schermo, infatti, consente di condividere più facilmente il problema da affrontare che può quindi diventare più facilmente oggetto di discussione e negoziazione fra pari, con effetti positivi sull apprendimento. Valutazione delle tecnologie e del materiale usato Si sono perseguite modalità di lavoro capaci di consentire ad ogni singolo studente di sviluppare ulteriori capacità tecniche, di consolidare le abilità acquisite in precedenza, di ampliare le conoscenze teoriche in merito al linguaggio pubblicitario e di raggiungere una maggiore autonomia nella gestione delle conoscenze relative alla disciplina. 4

5 Per la realizzazione del progetto sono stati utilizzati strumenti diversi quali il libro di testo in adozione, CD ROM, video, lavagna luminosa per la proiezione di lucidi, proiettore per computer, aula di informatica con connessione ad internet e aula multimediale con antenna satellitare. Il testo in adozione ha costituito la base teorica alla quale gli studenti hanno potuto fare riferimento per raccogliere preziosi contenuti e stimoli visuali da rielaborare a seconda della propria predisposizione e motivazione ed è risultato uno strumento prezioso per quegli studenti meno motivati o più predisposti ad un elaborazione tradizionale degli argomenti proposti. Per quanto riguarda le tecnologie a disposizione, è possibile effettuare un bilancio conclusivo molto positivo. Gli alunni infatti hanno potuto suddividersi in 12 coppie di lavoro, ciascuna delle quali ha avuto a disposizione un computer con SO Windows XP, connessione ad internet e programmi adeguati alle richieste del lavoro. In aggiunta a tutto questo, l aula di informatica e l aula multimediale offrivano agli studenti e all insegnante la possibilità di utilizzare videoproiettore, videoregistratore, televisione, antenna satellitare, scanner, programmi per l elaborazione di immagini e audio, che hanno consentito di effettuare qualunque tipo di intervento didattico necessario per una corretta attuazione del progetto. Si sono resi inoltre possibili, durante il corso dell intero progetto, integrazioni ed approfondimenti di differente natura di quanto programmato, soprattutto tramite l utilizzo di materiale audiovisivo e multimediale. In particolare si è agevolato l utilizzo di videocassette e CD ROM, ad argomentazione specifica, reperiti ad opera dell insegnante stessa, particolarmente utili alla documentazione visiva di quanto affrontato teoricamente. Altrettanta disponibilità è stata attribuita all utilizzo normale di riproduzioni di stampe fotografiche, data la necessità indiscutibile di contribuire all allargamento delle acquisizioni di materiale visivo disponibile per gli studenti. Ricchezza/correttezza/interesse contenuti In seguito alla prova conclusiva e al riesame degli elaborati digitai realizzati, la classe ha evidenziato una quasi completa acquisizione dei contenuti proposti e affrontati nel corso dell attività e una soddisfacente capacità di comprensione degli aspetti intrinseci del linguaggio pubblicitario e del mezzo informatico. Il lavoro teorico e informatico eseguito durante il corso del progetto, ha consentito il raggiungimento personale di conoscenze e capacità oggettivamente differenti a riguardo dei diversi alunni. Si sono manifestate diverse abilità operative e si devono rilevare diversi livelli di acquisizione dei contenuti proposti. Si può certo affermare che diversi alunni hanno acquisito capacità tecniche notevolmente evidenti e hanno interiorizzato in modo completo gli aspetti teorici proposti, dimostrando talvolta di essere all altezza di pareri personali a riguardo dei vari argomenti. Altri hanno soltanto saputo seguire il percorso tracciato e, con qualche difficoltà, raggiungere quanto programmato a riguardo degli obiettivi complessivi. Il lavoro effettuato, le tematiche affrontate e la metodologia didattica scelta, hanno comunque portato tutti gli alunni ad un notevole miglioramento delle abilità e delle conoscenze di partenza. Al termine del lavoro, infatti, la maggior parte degli alunni si è dimostrata in grado di individuare le coordinate storico - culturali entro le quali si forma e si colloca il linguaggio pubblicitario e di leggere uno spot attraverso il riconoscimento e la descrizione degli elementi del linguaggio visivo, delle strategie comunicative, della tecnica e della struttura, collocandolo nel giusto contesto storico - culturale e sapendone cogliere la funzione comunicativa ed il significato. Quasi tutti gli studenti sanno applicare un metodo di lettura del messaggio pubblicitario abbastanza organico - anche se solo iniziale - attraverso il quale sanno individuare alcuni elementi del linguaggio visivo quali la composizione e il colore e hanno acquisito una adeguata terminologia specifica che, nella maggior parte dei casi, sanno utilizzare in modo appropriato e hanno sviluppato una adeguata autonomia operativa. Per quanto riguarda gli aspetti tecnici del progetto, la maggior parte degli alunni sa utilizzare adeguatamente le risorse informatiche a disposizione, esprimendosi attraverso un linguaggio grafico appropriato e un utilizzo abbastanza corretto dei programmi. La maggior parte degli studenti, infine, ha sviluppato una discreta capacità di rielaborazione ed interpretazione personale dei temi e dei soggetti proposti e ha ampliato la conoscenza delle tecniche di visualizzazione in relazione ai nuovi linguaggi informatici. 5

6 Ad attività conclusa, la classe è giunta a svolgere solo in parte le indicazioni contenute nel progetto iniziale: non è stata affrontata, infatti, la sezione relativa alla realizzazione di uno spot pubblicitario da parte degli studenti. Le motivazioni di questa differenza sono ascrivibili soprattutto alle numerose attività interdisciplinari e ai progetti programmati dal collegio dei docenti ad inizio d anno che hanno occupato diverse ore di lezione nonché alla complessità del lavoro che ha richiesto periodi più lunghi per una corretta comprensione, assimilazione e attuazione da parte degli alunni. Durante il corso di tutto il progetto, comunque, si è registrata, da parte degli studenti, una partecipazione sempre attiva per quanto riguarda sia le lezioni più teoriche sia l attività strettamente informatica. Il lavoro è stato svolto con notevole impegno e la partecipazione è risultata sempre molto positiva per quasi tutta la classe. La motivazione generale è comunque rimasta sempre attestata su livelli elevati, consentendo oggettivamente un lavoro continuo e completo, senza alcun genere di interruzione e sempre in un atmosfera positiva. Funzionalità didattica La presente attività, grazie alle sue modalità di attuazione e, soprattutto, grazie all utilizzo delle NT che l a caratterizzata, ha certamente favorito il raggiungimento di diversi obiettivi altrimenti difficilmente attuabili. In tal senso, ha consentito di presentare agli alunni le informazioni in modo isomorfo al sistema della conoscenza, e quindi di risultare decisamente più efficace dei sistemi tradizionali di comunicazione didattica poiché ha favorito la capacità associativa del pensiero. E stata in grado di stimolare e favorire l attenzione e l interesse degli alunni, in quanto basata su strumenti fondati sull interazione di media differenti che possono adattarsi ai diversi stili cognitivi, di provocare un apprendimento per concetti più che per nozioni distaccate e di Soddisfare immediatamente la curiosità che sorge quando si apprende un concetto nuovo, eliminando la parte ripetitiva, monotona e sterile della ricerca delle informazioni, perché offrono tutto ciò che serve ad un approfondimento in un unico scenario. Il progetto ha consentito, inoltre, un approccio ludico a concetti complessi e ha avvicinato la fase dell apprendimento vero e proprio, quella dell esercitazione e quella della verifica, rendendo il percorso così omogeneo e continuo da far apparire la fase finale della verifica la logica conclusione di una scoperta ipertestuale e multimediale di un qualsiasi argomento. Grazie alla particolare impostazione data a tutta l attività nel suo complesso, è stato possibile attuare percorsi differenziati e personalizzati, grazie alla presenza di molteplici e diversificati collegamenti fra le diverse unità di informazione, nonché favorire uno stile cognitivo più adeguato alla complessità attraverso la sottolineatura dei processi non lineari di associazione che contribuisce a stimolare un modo complesso di concepire il sapere, promuovendo una rappresentazione della conoscenza non frammentata in diverse discipline specialistiche. Facilità d accesso e fruizione L utilizzo delle NT all interno della didattica rappresenta certamente una strategia fondamentale per avvicinare gli alunni a qualunque contenuto disciplinare. Il mezzo informatico, per le sue potenzialità intrinseche e per il suo ruolo fondamentale giocato all interno della vita quotidiana di ciascun ragazzo di oggi, si rivela lo strumento migliore per l insegnamento di qualunque disciplina. Basta infatti sperimentarne l utilizzo per rendersi conto delle enormi potenzialità offerte dal mezzo: facilità nel reperire informazioni specifiche e mirate, possibilità di rielaborarle a piacimento, possibilità di produzione di elaborati digitali originali chiari e accessibili a chiunque. In particolare, all interno del progetto appena conclusosi, è stato possibile, in poco tempo, fornire agli studenti le linee guida per una corretta fruizione dell immagine pubblicitaria e per una comprensione della sua storia e dell evoluzione del suo linguaggio specifico. L esperienza ha inoltre consentito di produrre elaborati digitali che, se necessario, potranno essere utilizzati come supporto per successive spiegazioni, aspetto, questo, fondamentale nella stimolazione della motivazione negli alunni coinvolti. 6

7 Valutazione dell esperienza in termini di arricchimento professionale L esperienza vissuta ha rappresentato certamente una importante occasione di arricchimento personale e professionale dell insegnante coinvolta. La necessità di rapportarsi con le NT dal punto di vista didattico, quindi non da semplice utente ma da intermediario nei confronti degli alunni, ha inevitabilmente creato le condizioni per un continuo aggiornamento specifico che, all interno di un circolo virtuoso, ha prodotto un conseguente arricchimento e ampliamento delle stimolazioni offerte agli alunni. La necessità di una migliore comprensione del funzionamento dei programmi e del mezzo informatico, finalizzata all attuazione del progetto stesso, ha infatti favorito l apertura di scenari didattici prima difficilmente individuabili, ampliando notevolmente l offerta formativa nei confronti degli alunni e rendendola maggiormente isomorfa alle loro caratteristiche di ragazzi. Le difficoltà incontrate, il mezzo tecnologico e l argomento scelto hanno, invece, creato dinamiche interpersonali particolari che hanno favorito una maggiore interazione con gli studenti che anno potuto rapportarsi con l insegnante con modalità certamente differenti rispetto alle condizioni tradizionali di insegnamento. Questo aspetto ha rafforzato nel docente la convinzione, peraltro già presente, che l insegnamento sia esclusivamente ed essenzialmente un fattore di interazione umana, il cui esito positivo sia ascrivibile unicamente alla capacità di instaurare adeguati rapporti interpersonali con gli alunni, anche attraverso la messa in gioco dell insegnante stesso, con i suoi pregi, ma, soprattutto, con i suoi difetti e le sue inevitabili difficoltà. L attività affrontata e la sua particolare struttura hanno favorito certamente tale condizione che ha portato ad un aumento della consapevolezza, della finalità e del significato ultimo del proprio ruolo di docente quale educatore e non qual semplice veicolo di conoscenza. Valutazione dell esperienza da parte dei ragazzi A progetto concluso, in seguito al riesame di quanto prodotto e alla rilettura in classe delle schede metacognitive proposte agli alunni, è stato possibile effettuare un bilancio complessivamente positivo dell esperienza affrontata. L aspetto informatico è risultato certamente l elemento cardine del successo di tutta l esperienza: la possibilità di usufruire del computer sia per ricercare informazioni che per produrre elaborati personali, ha rappresentato lo stimolo decisivo che ha portato gli alunni a lasciarsi coinvolgere interamente dall attività, anche nelle sue parti più strettamente teoriche. I ragazzi hanno apprezzato inoltre l opportunità loro offerta di mettersi in gioco, con le loro idee e con le loro convinzioni, di potersi esprimere liberamente nel giudicare o interpretare un messaggio visivo e nel potersi sperimentare all interno di situazioni progettuali e creative. Indicazioni circa una eventuale prosecuzione dell esperienza In base all esperienza vissuta, a quanto sperimentato e ai risultati ottenuti, si ritiene opportuno prevedere di proporre nuovamente l attività realizzata, distribuendola nell arco dell intero anno scolastico per poterne affrontare ciascun aspetto in modo più completo e approfondito. Visto l esito estremamente positivo di questa esperienza e delle altre simili attuate per le classi prime e seconde, lo schema generale su cui si basa, indipendentemente dall argomento trattato, sarà certamente sempre più uno degli elementi caratterizzanti l attività didattica della disciplina. In base all esperienza sin qui maturata, ritengo che, l utilizzo di ipertesti, ipermedia e tecnologie informatiche in generale, all interno dell attività didattica, sia assolutamente positivo e auspicabile in ogni contesto, in quanto, se ben strutturato, progettato e gestito dall insegnante, offre agli alunni possibilità formative precluse ai tradizionali metodi di insegnamento. Sara Radaelli 7

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli