Picaro Film. Consulenza Cinematografica -Audiovisiva. Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Picaro Film. Consulenza Cinematografica -Audiovisiva. Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio"

Transcript

1 Picaro Film Consulenza Cinematografica -Audiovisiva Laboratori Audiovisivi Produrre un audiovisivo o VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio o NEWS Il mondo dell informazione La comunicazione interpersonale o IO COMUNICO & TU? Comunicare col proprio corpo Il linguaggio mediatico o PUBBLICITA Il linguaggio pubblicitario o FILM: dalla A alla Z Scomponendo un Film A.S Picaro Film di Fino Francesco - V. Verga 20, Imola, B0 P.IVA Tel

2 Obiettivi Generali: Le attività EsperiMENTa comunicare creatività si articolano quest anno su tre categorie: Produrre un audiovisivo, La comunicazione interpersonale e Il linguaggio mediatico. Scopo concreto dell'attività nel primo caso sarà realizzare un audiovisivo, coinvolgendo gli studenti in ogni fase del lavoro: ideazione, scrittura, organizzazione, riprese, montaggio. Un aspetto molto importante nella produzione di un audiovisivo è rappresentato dal lavoro di gruppo. Impostare e realizzare la produzione di un cortometraggio comporta, per sua natura, la creazione di una troupe, all'interno della quale ogni partecipante assume un compito preciso affinché si senta direttamente coinvolto e responsabile del risultato ottenuto. Negli altri due casi gli studenti saranno chiamati ad osservare e sperimentare, con l aiuto degli strumenti audiovisivi, le dinamiche comunicative nella comunicazione interpersonale con i coetanei e nella comunicazione mediatica. Impostati come iniziative didattiche, tutti i laboratori dovranno essere svolti da un gruppo non superiore ai 30 alunni per volta, affinché risultino stimolanti e capaci di sviluppare nuovi interessi nei ragazzi e nelle ragazze che vi parteciperanno. Obiettivo fondamentale è quindi quello di affrontare e svolgere le attività, sviluppando e migliorando le capacità espressive e relazionali dei singoli partecipanti, oltre a incrementare il fattore coesione all'interno della classe. Inoltre verrà stimolata l'assunzione di responsabilità da parte dei singoli ragazzi. I laboratori si fondano sul principio dell'apprendere con la pratica del fare: si tratta di alfabetizzazione audiovisiva attraverso l'uso degli strumenti propri di tale linguaggio. Realizzare un video, comunicare con le azioni e analizzare i media condurrà gli studenti, attraverso la pratica, a possedere le conoscenze di base dei codici propri del linguaggio, permettendogli di decodificare in modo appropriato i messaggi audiovisivi quotidianamente percepiti, sviluppando una coscienza critica verso ciò che si vede. Le tematiche da sviluppare saranno identificate insieme agli insegnanti referenti del progetto. I contenuti potranno essere concordati direttamente con gli alunni; oppure si potrà lavorare su tematiche di interesse della scuola anche integrando percorsi didattici già avviati (ad es. realizzare un video in riferimento ad una materia di studio, ad un filone tematico che la scuola sviluppa nell'anno scolastico, a supporto di un progetto già esistente nella scuola ). Metodologie: L'attività verrà condotta in maniera dinamica e partecipativa attraverso l'utilizzo di strumenti audiovisivi. Verranno alternate parti teoriche ad esercitazioni pratiche. Agli studenti verrà chiesto di mettersi in gioco, tirando fuori le proprie idee, emozioni e sentimenti. Nella produzione audiovisiva si sfocerà poi nel project work della produzione vera e propria del video (riprese e montaggio) che verrà svolto prevalentemente tramite il lavoro di gruppo. Inoltre saranno i partecipanti a lavorare in prima linea per ottenere il prodotto finale: sarà quindi importante come si arriva ad ottenerlo, attraverso le fasi di progettazione e realizzazione. Per iscrizioni, chiarimenti ed informazioni dettagliate contattare: Fino Francesco di Picaro Film Tel Picaro Film avvierà un numero limitato di progetti. La selezione fra le varie domande d iscrizione è a suo giudizio. Per informazioni dettagliate sul progetto si rimanda alla scheda a seguito.

3 VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio 1. RESPONSABILE della realizzazione del progetto: "Picaro Film" Studio di Fino Francesco 2. Referente: Francesco Fino 3. Titolo del progetto/laboratorio: VIDEO WORK Realizzare un cortometraggio 4. Area Tematica: La comunicazione ed i linguaggi. 5. Obiettivi Specifici del Progetto: I principali obiettivi sono: - Introduzione al media, con particolare attenzione all alfabetizzazione del linguaggio filmico attraverso analisi e visione di video, cortometraggi e sequenze tratte da film; - Sensibilizzazione e introduzione al cortometraggio e ai principali generi cinematografici (Fiction, Documentario, Animazione, Sperimentale ) - I mestieri del cinema : conoscere e capire ruoli e meccanismi della produzione cinematografica; - Realizzazione di un prodotto audiovisivo affrontando in prima persona le principali fasi di produzione attraverso il lavoro in gruppo; 6. Obiettivi socio-educativo - coinvolgere ragazzi e ragazze in un'esperienza interessante e stimolante, per avvicinarli ad un mondo solitamente "lontano" allo scopo di sviluppare, con la pratica, una propria coscienza critica verso ciò che si guarda; - Far sperimentare agli alunni, attraverso la pratica del fare, un esperienza operativa che si fonda sul lavoro di gruppo e la divisione dei compiti - Responsabilizzare gli studenti affinché tutti i partecipanti possano riconoscersi nel prodotto finale. Il corso è impostato come un esperienza pratica di progettazione. Durante il laboratorio, gli studenti sono chiamati ad esporre le proprie idee e a coinvolgersi. Dopo aver scelto il tema da trattare e messo a punto il soggetto collettivamente, si formeranno differenti gruppi di lavoro, al fine di dare a ognuno mansioni precise, tese a chiamare in causa personalmente gli alunni, facendoli sentire responsabili di un preciso ambito legato alla realizzazione del lavoro. L assegnazione del compito da svolgere avverrà in base agli interessi e alle affinità; ogni gruppo dovrà rapportarsi con gli altri e con coloro che seguiranno il laboratorio. 7. Destinatari: Scuole Secondarie di 1 Grado 8. Durata del Progetto: Annuale 9. Strumenti e condizioni organizzative L organizzazione del progetto è a cura di Picaro Film, e in fase di realizzazione si stabiliranno gli incontri e le modalità con gli insegnanti coinvolti. TEMPI DI REALIZZAZIONE: Totale ore proposte per il progetto: - 16 ore di attività di laboratorio con gli studenti Articolazione degli incontri: - 4 incontri da 2 ore ciascuno nella classe per la pre-produzione: ideazione, scrittura, organizzazione del lavoro; - 7 ore per le riprese (le riprese si effettueranno in una o due giornate in luogo da decidere in base al tipo di soggetto da realizzare); - 1 incontro di 1 ora per la verifica in classe del lavoro svolto (raggiungimento degli obiettivi, adeguatezza della metodologia adottata, benessere/malessere dei partecipanti) Si ipotizzano incontri a cadenza settimanale.

4 LUOGO DI REALIZZAZIONE 5 incontri nella classe, le riprese in luogo da decidere in base al soggetto del video. 10. Soggetti coinvolti nella realizzazione: o Docenti delle scuole interessate o Picaro Film"di Fino Francesco o Esperti: Regista coordinatore e Assistente tecnico di Picaro Film 11. Risorse Occorrenti Umane: Un esperto del settore lavorerà come responsabile e Figura Guida del progetto. Un operatore effettuerà le riprese. Un tecnico effettuerà il montaggio. Tali figure saranno fornite da Picaro Film. Il docente responsabile dovrà essere sempre presente in aula durante le attività. Economiche: Costo globale netto a pagare per progetto 560 IVA inclusa. (comprensivi di esperti, consulenze e materiali tecnici) Il pagamento avverrà con bonifico bancario dopo l emissione della fattura. Ausiliarie: La "Picaro Film" metterà a disposizione gratuitamente le attrezzature di ripresa e montaggio (fari, telecamera digitale, sistema di montaggio digitale), l'archivio di immagini in possesso, i materiali di ripresa (nastri, materiali di consumo, scenografie, dispense), nonché il personale di riferimento per il coordinamento organizzativo del progetto. Inoltre si preoccuperà di inviare il cortometraggio realizzato a festival nazionali per produzione scolastiche. Sarà a carico della scuola la predisposizione delle fotocopie del materiale didattico necessario per lo svolgimento dei percorsi. Viene richiesto di poter usufruire del servizio di trasporti comunale per lo spostamento degli studenti dalla scuola al luogo in cui dovranno essere effettuate le riprese, qualora vi sia la necessità. 13. Privacy: Il Picaro Film durante la fase di programmazione fornirà al Docente referente, su modello prestampato, la liberatoria per effettuare le riprese e l'utilizzo delle immagini video legate al progetto. Sarà cura della scuola fare pervenire la suddetta a Picaro Film firmato dai genitori degli alunni coinvolti, entro l'inizio delle riprese. 14. Modalità previste per la verifica finale: Incontro/discussione con gli studenti partecipanti al progetto sull esperienza fatta; Proiezione dei video realizzati all'interno di manifestazioni e festival specializzati.

5 NEWS Il mondo dell informazione 1. RESPONSABILE della realizzazione del progetto: "Picaro Film" studio di Fino Francesco 2. Referente: Francesco Fino 3. Titolo del progetto/laboratorio: NEWS Il mondo dell informazione 4. Area Tematica: La comunicazione ed i linguaggi. 5. Obiettivi Specifici del Progetto: Sono ormai parecchi anni che il quotidiano ha fatto il suo ingresso nelle scuole. Non sono pochi, infatti, i docenti che propongono attività didattiche in cui si analizza la forma dell articolo, si studia la tipologia dei pezzi e se ne evidenzia la disposizione in pagina e all interno del numero. Queste attività rispondono egregiamente non solo alle esigenze di mettere i ragazzi di fronte a testi di natura non letteraria, presi dalla vita quotidiana, ma anche a quelle di far compiere loro esperienze significative di formazione a una cittadinanza partecipata. È pur vero, tuttavia, che se, fino a qualche anno fa, il quotidiano era il mezzo privilegiato attraverso cui le persone (ragazzi compresi) si tenevano aggiornate su quanto accadeva nel mondo, oggi questo ruolo importante di diffusione delle informazioni viene ricoperto - se si guarda alle abitudini della maggior parte della popolazione - dal notiziario televisivo. Ecco perché potrebbe essere utile affiancare al lavoro sul giornale un lavoro sul notiziario televisivo, visto che spesso le capacità di comprensione del TG da parte degli adolescenti sono decisamente limitate. I principali obiettivi sono: - riconoscere il TG come prodotto appartenente a un particolare genere comunicativo, caratterizzato da specifici elementi distintivi (format); - conoscere alcuni termini tecnici di una redazione giornalistica televisiva (per esempio, lancio, servizio, comunicato d'agenzia, montaggio, inviato, corrispondente ecc.); - ricostruire le fasi di lavoro che portano al confezionamento del TG; - riconoscere nel TG un prodotto costruito secondo una certa intenzionalità, di modo che lo si possa considerare non una finestra sul mondo" bensì una rappresentazione della realtà; - sviluppare le capacità di analisi e di riflessione sul testo (nello specifico, un testo audiovisivo). 6. Obiettivi socio-educativo - coinvolgere ragazzi e ragazze in un'esperienza interessante e stimolante, per avvicinarli ad un mondo solitamente "lontano" allo scopo di sviluppare, con la pratica, una propria coscienza critica verso ciò che si guarda; - Far sperimentare agli alunni, attraverso la pratica del fare, un esperienza operativa che si fonda sul lavoro di gruppo e la divisione dei compiti - Responsabilizzare gli studenti affinché tutti i partecipanti possano riconoscersi nel prodotto finale. Il corso è impostato com esperienza pratica di progettazione. Dal punto di vista metodologico, gli incontri vedranno l alternarsi di lezioni frontali e visioni di filmati, dalla simulazione al lavoro di gruppo, dalla discussione alla produzione di un video, coinvolgendo in prima persona tutti gli studenti, dai più ai meno motivati, attraverso varie tecniche. Gli studenti sono chiamati ad esporre le proprie idee e a coinvolgersi. Ad ognuno verranno assegnate mansioni precise, facendoli sentire responsabili di un preciso ambito legato alla realizzazione del lavoro. 7. Destinatari: Scuole Secondarie di 1 Grado Classi 2^ e 3^ 8. Durata del Progetto: Annuale

6 9. Strumenti e condizioni organizzative L organizzazione del progetto è a cura di Picaro Film, e in fase di realizzazione si stabiliranno gli incontri e le modalità con gli insegnanti coinvolti. TEMPI DI REALIZZAZIONE: Totale ore proposte per il progetto: - 16 ore di attività di laboratorio con gli studenti Articolazione degli incontri: - 5 incontri da 2 ore ciascuno nella classe per la pre-produzione: ideazione, scrittura, organizzazione del lavoro; - 5 ore per le riprese (le riprese si effettueranno in una o due giornate in luogo da decidere in base al tipo di soggetto da realizzare); - 1 incontro di 1 ora per la verifica in classe del lavoro svolto (raggiungimento degli obiettivi, adeguatezza della metodologia adottata, benessere/malessere dei partecipanti) Si ipotizzano incontri a cadenza settimanale. 10. Soggetti coinvolti nella realizzazione: o Docenti delle scuole interessate o Picaro Film"di Fino Francesco 11. Risorse Occorrenti Umane: Un esperto del settore lavorerà come responsabile e Figura Guida del progetto. Un operatore effettuerà le riprese. Un tecnico effettuerà il montaggio. Tali figure saranno fornite da Picaro Film. Il docente responsabile dovrà essere sempre presente in aula durante le attività. Economiche: Costo globale netto a pagare per progetto 560 IVA inclusa. (comprensivi di esperti, consulenze e materiali tecnici) Il pagamento avverrà con bonifico dopo l emissione della fattura. Ausiliarie: La "Picaro Film" metterà a disposizione gratuitamente le attrezzature di ripresa e montaggio (fari, telecamera digitale, sistema di montaggio digitale), l'archivio di immagini in possesso, i materiali di ripresa (nastri, materiali di consumo, scenografie, dispense), nonché il personale di riferimento per il coordinamento organizzativo del progetto. Sarà a carico della scuola la predisposizione delle fotocopie del materiale didattico necessario per lo svolgimento dei percorsi. 13. Privacy: Il Picaro Film durante la fase di programmazione fornirà al Docente referente, su modello prestampato, la liberatoria per effettuare le riprese e l'utilizzo delle immagini video legate al progetto. Sarà cura della scuola fare pervenire la suddetta a Picaro Film firmato dai genitori degli alunni coinvolti, entro l'inizio delle riprese. 14. Modalità previste per la verifica finale: Incontro/discussione con gli studenti partecipanti al progetto sull esperienza fatta; I docenti potranno verificare le competenze cognitive apprese dagli studenti. Proiezione del video realizzato.

7 IO COMUNICO & TU? Comunicare col proprio corpo 1. RESPONSABILE della realizzazione del progetto: "Picaro Film" studio di Fino Francesco 2. Referente: Francesco Fino 3. Titolo del progetto/laboratorio: IO COMUNICO & TU? Comunicare col proprio corpo 4. Area Tematica: La comunicazione ed i linguaggi. 5. Obiettivi Specifici del Progetto: Alla base dei rapporti, a volte conflittuali, fra ragazzi e/o fra ragazzi e adulti, vi sono spesso processi comunicativi di cui mancano appiena coscienza o padronanza. Scopo del laboratorio è aiutare i ragazzi a sperimentare e a prendere piena coscienza, attraverso la pratica del fare, delle dinamiche comunicative che quotidianamente mettono in atto, responsabilizzandoli affinché pongano sempre più attenzione a ciò che vivono, comunicano ed ascoltano. Si aiuterà a riflettere sui gesti e sulle azioni come espressione di un pensiero, un sentimento, un emozione Durante il laboratorio si cercherà in particolare, di riscoprire, insieme ai ragazzi le loro emozioni, aiutandoli a distinguerle da quelle che sono le sensazioni, spesso per essi confuse. Ci si addentrerà poi nella comunicazione verbale e non verbale scoprendo che anche le mie azioni e il mio modo di stare insieme agli amici, compagni comunica ciò che sono e ciò che penso. Il percorso sarà svolto attraverso diverse modalità interattive; gli alunni saranno chiamati ad esporre le proprie idee e a coinvolgersi in prima persona sia nel lavoro in piccolo gruppo che nel grande gruppo. 6. Destinatari: Scuole Primarie e Secondarie di 1 grado 7. Strumenti e condizioni organizzative L organizzazione del progetto è a cura dello studio Picaro Film, e in fase di realizzazione si stabiliranno gli incontri e le modalità con gli insegnanti coinvolti. TEMPI DI REALIZZAZIONE: Totale ore proposte per il progetto: - 6 ore di attività di laboratorio con gli studenti articolate in 3 incontri. Si ipotizzano incontri a cadenza settimanale. 8. Soggetti coinvolti nella realizzazione: o Docenti delle scuole interessate o Studio Picaro Film" di Fino Francesco 9. Risorse Occorrenti Umane: Un esperto del settore lavorerà come responsabile e Figura Guida del progetto. Tali figure saranno fornite da Picaro Film. Il docente responsabile dovrà essere presente in aula durante le attività. Economiche: Costo globale netto a pagare per progetto 90 IVA inclusa. Il pagamento avverrà con bonifico bancario dopo l emissione della fattura. Ausiliarie: Sarà a carico della scuola la predisposizione delle fotocopie e del materiale didattico necessario per lo svolgimento dei percorsi. 10. Modalità previste per la verifica finale: Incontro/discussione con gli studenti partecipanti al progetto sull esperienza fatta; A seconda dei percorsi pensati con gli insegnanti, alcuni incontri si concluderanno con una riflessione sul lavoro fatto, realizzata tramite varie tecniche espressive (cartelloni, disegni, drammatizzazione, poesie). Relazione Consuntiva.

8 PUBBLICITA Il linguaggio pubblicitario 1. RESPONSABILE della realizzazione del progetto: "Picaro Film" studio di Fino Francesco 2. Referente: Francesco Fino 3. Titolo del progetto/laboratorio: PUBBLICITA Il linguaggio pubblicitario 4. Area Tematica: La comunicazione ed i linguaggi. 5. Obiettivi Specifici del Progetto: Un fenomeno come la pubblicità ha acquistato un notevole rilievo a diversi livelli nella società contemporanea ritagliandosi un suo spazio e una sua importanza in ambito economico, sociale e politico. Tutto ciò alimenta l'interesse educativo incrementando la ricerca in questo settore. Scopo del laboratorio è quello di fornire gli strumenti necessari per avvicinare i ragazzi ad un linguaggio che solitamente si subisce, affinché si sviluppi una coscienza critica verso ciò che guardano e ascoltano. Le attività proposte sono perciò rivolte ad analizzare la pubblicità prendendone in considerazione il forte potere comunicativo alla luce dell'impatto sul pubblico dei minori. Il laboratorio offrirà gli strumenti di analisi della comunicazione pubblicitaria, svelando i metodi con cui si imposta una campagna pubblicitaria: brain storming e processi creativi, definizione del target, ecc. Ciò permetterà di comprendere i meccanismi che si muovono alla base di queste produzioni. Dal punto di vista metodologico si lavorerà con i ragazzi in maniera creativa e interattiva, gli studenti sono chiamati ad esporre le proprie idee e a coinvolgersi attraverso prove pratiche e attività esperienziali. 6. Destinatari: Scuole Secondarie di 1 Grado, classi 2^ e 3^ 7. Strumenti e condizioni organizzative L organizzazione del progetto è a cura di Picaro Film, e in fase di realizzazione si stabiliranno gli incontri e le modalità con gli insegnanti coinvolti. TEMPI DI REALIZZAZIONE: Totale ore proposte per il progetto: - 6 ore di attività di laboratorio con gli studenti Articolazione degli incontri: - 3 incontri da 2 ore ciascuno nella classe Si ipotizzano incontri a cadenza settimanale. 8. Soggetti coinvolti nella realizzazione: o Docenti delle scuole interessate o Picaro Film"di Fino Francesco o Esperto in Marketing e Comunicazione, Regista di Picaro Film 9. Risorse Occorrenti Umane: Un esperto del settore lavorerà come responsabile e Figura Guida del progetto. Tali figure saranno fornite da Picaro Film. Il docente dovrà essere sempre presente in aula durante le attività. Economiche: Costo globale netto a pagare per progetto 120 IVA inclusa. Il pagamento avverrà con bonifico bancario dopo l emissione della fattura. Ausiliarie: La "Picaro Film" metterà a disposizione gratuitamente le attrezzature di ripresa, l'archivio di immagini in possesso, nonché il personale di riferimento per il coordinamento organizzativo del progetto. Sarà a carico della scuola la predisposizione delle fotocopie del materiale didattico necessario per lo svolgimento dei percorsi. 10. Modalità previste per la verifica finale: Incontro/discussione con gli studenti partecipanti al progetto sull esperienza fatta; Ogni incontro si concluderà con una riflessione sul lavoro fatto, realizzata tramite varie tecniche espressive (cartelloni, disegni, drammatizzazione, poesie). Relazione Consuntiva.

9 FILM: dalla A alla Z Scomponendo un film 1. RESPONSABILE della realizzazione del progetto: "Picaro Film" studio di Fino Francesco 2. Referente: Francesco Fino 3. Titolo del progetto/laboratorio: FILM: dalla Z alla A - Scomponendo un film 4. Area Tematica: La comunicazione ed i linguaggi. 5. Obiettivi Specifici del Progetto: Il cinema svolge varie funzioni nell' attuale panorama della nostra cultura: può essere definito come strumento di conoscenza, come mezzo di comunicazione della conoscenza e come mezzo di espressione artistica. La sua natura consiste nel linguaggio con cui raccoglie e struttura i dati dell' esperienza e della conoscenza, un linguaggio che per essere integralmente interpretato richiede sforzi non minori di quelli che richiede un testo letterario. Per questo motivo si insiste molto nell'ambito della didattica audiovisiva sulla differenza tra "guardare" il film e "leggere" il film e saperlo "comprendere" nei suoi più riposti significati per apprezzarne, infine, i valori estetici. Questa attività ha lo scopo di individuare le molteplici potenzialità di analisi e di lettura del testo audiovisivo, di valorizzarne le funzioni e di costruire connessioni significative tra il mondo del cinema e quello dei ragazzi. Il laboratorio si pone quindi un duplice obiettivo. Da un lato mira a introdurre gli studenti al linguaggio cinematografico attraverso l approfondimento della scomposizione e ricomposizione del linguaggio audiovisivo, analisi della struttura del film e descrizione delle sue componenti (sfera visiva, sonoro, ecc...); dall altro quello di utilizzare il racconto cinematografico per avvicinare i ragazzi a tematiche a loro vicine, approfondendole e confrontandosi, attraverso la visione e analisi di film a tema educativo prescelti con gli insegnanti. Il corso è impostato com esperienza pratica di progettazione: visione del film, analisi in gruppi, presentazione dei lavori di gruppo e discussione. Durante il laboratorio, gli studenti sono chiamati ad esporre le proprie idee e a coinvolgersi. 6. Destinatari: Scuole Secondarie di 1 Grado 7. Strumenti e condizioni organizzative L organizzazione del progetto è a cura di Picaro Film, e in fase di realizzazione si stabiliranno gli incontri e le modalità con gli insegnanti coinvolti. TEMPI DI REALIZZAZIONE: Totale ore proposte per il progetto: 6 ore di laboratorio con gli studenti articolati in 3 incontri in classe. Si ipotizzano incontri a cadenza settimanale. 8. Soggetti coinvolti nella realizzazione: o Docenti delle scuole interessate o Picaro Film"di Fino Francesco 9. Risorse Occorrenti Umane: Un esperto del settore lavorerà come responsabile e Figura Guida del progetto. Tali figure saranno fornite da Picaro Film. Il docente responsabile dovrà essere presente in aula durante le attività. Economiche: Costo globale netto a pagare per progetto 90 IVA inclusa. Il pagamento avverrà con bonifico bancario dopo l emissione della fattura. Ausiliarie: La "Picaro Film" metterà a disposizione gratuitamente l'archivio di immagini in possesso, nonché il personale di riferimento per il coordinamento organizzativo del progetto. Sarà a carico della scuola la predisposizione delle fotocopie del materiale didattico necessario per lo svolgimento dei percorsi. 10. Modalità previste per la verifica finale: Confronto con gli studenti. A seconda dei percorsi pensati con gli insegnanti, alcuni incontri si concluderanno con una riflessione sul lavoro fatto, realizzata tramite varie tecniche espressive (cartelloni, disegni, drammatizzazione, poesie). Relazione Consuntiva.

10 Picaro Film S t u d i o d i F i n o F r a n c e s c o p i c a r o f i l e m a i l. i t Francesco Fino Prossimo alla laurea presso la facoltà di "Scienze della Formazione" (Bologna). Dal 2005 ad oggi svolge laboratori creativi in Asili Nido, Scuole Materne, Elementari e Medie Inferiori e coordina centri estivi. Attraverso l'attività svolta come "Picaro Film"- Fino Francesco svolge consulenza cinematografica e audiovisiva, seguendo attività cinematografiche nelle scuole, curando sezioni di CortoImolaFestival (Festival Internazionale del Cortometraggio), in particolare la rassegna KINDER KINO Cinema per ragazzi, e seguendo alcune produzioni cinematografiche. Con i ragazzi propone l'utilizzo del mezzo video secondo diversi approcci dando loro la possibilità di sperimentare l'uso della videocamera in modo critico e creativo. Il metodo utilizzato tende a stimolare un approccio che privilegia non tanto l'acquisizione di grandi competenze tecniche specifiche, ma una diversa attenzione nei confronti dell'ambiente circostante: la videocamera diviene quindi uno strumento in mano ai ragazzi per leggere la realtà in cui vivono quotidianamente. ESPERIENZE IN AMBITO EDUCATIVO 2003 Diploma Tecnico dei Servizi sociali specializzato in tecniche di animazione e socializzazione presso I.P.S.S.C.T. Cassiano da Imola, con valutazione 100/ /2002 Stage scolastici in ambito educativo presso il Comune di Imola, per un totale di 800 ore 2000/2006 Ha svolto educative con ragazzi di età 11/14 anni, presso il gruppo scout AGESCI IMOLA 2, ricoprendo il ruolo di educatore, partecipando anche ai Campi di Formazione. 2002/2006 Coordinatore \ educatore presso Centri Estivi di Arciragazzi, Circolo Arca. 2006/2009 Ha lavorato come Educatore di Nido presso il Comune di Imola. ESPERIENZE NELL AMBITO CULTURALE CINEMATOGRAFICO TELEVISIVO Dal 1998 ad oggi realizza produzioni cinematografiche di vario genere prima con Drunk Moon Studio e poi con Picaro Film, ricoprendo il ruolo di Regista e di Direttore di Produzione. Ha seguito inoltre alcuni corsi sulle tecniche cinematografiche, ed ha sviluppato una buona esperienza sul campo, grazie alla collaborazione del Centro per la Comunicazione La Palazzina Ha partecipato ad uno scambio interculturale presso la cittadina Tedesca Weinheimen. Durante lo scambio, organizzato da La Palazzina, è stato progettato e realizzato un videoclip; 2002/2003 Ha progettato e realizzato, assieme al Drunk Moon Studio, un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito di Programma Gioventù, diretto ad una stimolazione artistica dell arte del cortometraggio, attraverso la realizzazione e distribuzione di un corto. 2002/2009 Lavora presso la segreteria organizzativa di CortoImolaFestival (Festival Internazionale del Cortometraggio) promosso da St/art; 2004 Ha lavorato nel reparto Produzione del film Provincia Meccanica di Stefano Mordini, con Valentina Cervi e Stefano Accorsi, prodotto da Medusa e SKY (produzione esecutiva Kamera Film Minnie Ferrara & Associati); Dal 2004 Conduce laboratori cinematografici\audiovisivi nelle scuole con Picaro Film (da ultimo I.C. Borgo Tossignano) Dal 2006 Ha curato la rassegna Kinder Kino, sezione di cinema per ragazzi all interno di CortoImolaFilmFestival (Festival Internazionale del Cortometraggio e Cinema Indipendente). Picaro Film di Fino Francesco - V. Verga 20, Imola, B0 P.IVA Tel

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Taranto in short. Bando

Taranto in short. Bando Taranto in short Bando L Associazione culturale Mente Acrobatica con il sostegno dell Associazione Palio di Taranto e del Castello Spagnolo di Statte, organizza per il mese di Luglio 2015 la seconda edizione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli