Teoria e analisi critica dei linguaggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria e analisi critica dei linguaggi"

Transcript

1 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 7: Algirdas Julien Greimas - quarta parte / 1 semestre / 3 ECTS

2 MODI DI ESISTENZA SEMIOTICA Tre modi di esistenza semiotica: virtuale, attuale, realizzato. Virtuale: Si ha un PN virtualizzato quando il Soggetto aderisce ai valori proposti dal Destinante. Attuale: si ha un PN attualizzato, quando il Soggetto si dota, per compiere il suo PN, del saper fare e del poter fare. Realizzato: il PN sarà realizzato solo a trasformazione effettivamente avvenuta.

3 MODI DI ESISTENZA SEMIOTICA Dal punto di vista dei modi di esistenza semiotica, le quattro modalità si dividono in virtualizzanti e attualizzanti. Greimas ritiene che il Soggetto è competente quando dispone di tutte le modalizzazioni per portare a termine il PN. Competenza Modalità virtualizzanti Dover fare Voler fare Modalità attualizzanti Poter fare Saper fare Performanza Modalità realizzanti Far essere

4 ATTO PRAGMATICO Performanza cognitiva del Soggetto S2 Destinante (Manipolazione) Competenza cognitiva del Soggetto S2 Destinante (Sanzione) Competenza del Soggetto S1 Performanza del Soggetto S1 ATTO PRAGMATICO

5 SCHEMA NARRATIVO CANONICO E COMPONENTI MODALI Manipolazione Competenza Performanza Sanzione Far fare Far dovere Far volere Essere del fare Dover fare Voler fare Poter fare Saper fare Fare essere Essere dell essere Sapere Dominante persuasiva Dominante interpretativa

6 IL FAR FARE Il far fare è la modalità fattiva. Greimas ha previsto quattro figure della manipolazione (del far fare): a) la promessa; b) la minaccia; c) la seduzione; d) la provocazione.

7 QUADRATO SEMIOTICO ESSERE DELL ESSERE ESSERE SEMBRARE Verità Segreto Menzogna Falsità NON SEMBRARE NON ESSERE

8 QUADRATO SEMIOTICO DOVER FARE Prescrizione DOVER FARE Interdizione DOVER NON FARE NON DOVER NON FARE Permissività NON DOVER FARE Facoltatività

9 QUADRATO SEMIOTICO POTER FARE Libertà POTER FARE Indipendenza POTER NON FARE Sovranità Fierezza Umiltà Sottomissione NON POTER NON FARE Obbedienza NON POTER FARE Impotenza

10 QUADRATO SEMIOTICO FAR FARE Intervento FAR FARE Impedimento FAR NON FARE NON FAR NON FARE Lasciar fare NON FAR FARE Non intervento

11 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI M. P. Pozzato, Semiotica del testo, Carocci, Roma 2001, pp U. Volli, Manuale di semiotica, Roma-Bari, Laterza APPROFONDIMENTI A. J. Greimas, Semantica strutturale, Meltemi, Roma A. J. Greimas, Del Senso, Bompiani, Milano P. Magli, Semiotica, Marsilio, Venezia D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Approccio: R. Eugeni, Semiotica e scienze dei linguaggi, pp

12 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 8: Sociosemiotica del testo audiovisivo - prima parte / 1 semestre / 3 ECTS

13 SOCIOSEMIOTICA DEL TESTO AUDIOVISIVO Un testo è un oggetto, un fenomeno che produce un significato. Testo cinematografico non si costituisce mai come semplice mezzo attraverso cui qualcuno (un soggetto destinatore) si incarica di comunicare qualcosa a qualcun altro (un soggetto destinatario) (D. E. Viganò, G. Scarafile, L adesso del domani, Effatà, Cantalupa 2007). Un film può non soltanto veicolare dati e informazioni, ma può fare convergere su dati e informazioni le più variegate architetture di senso, orientando i propri assunti discorsivi in direzione connotativa.

14 IL TESTO AUDIOVISIVO Un testo filmico è un dispositivo che funziona in maniera complessa. un sistema che è capace di correlare tra loro aree espressive diverse, segni diversi ed infine codici diversi e che, lungi dal coincidere con i messaggi che veicola, si configura come un discorso, particolarmente articolato, capace di sviluppare le più diverse modalità di significazione (D. E. Viganò, G. Scarafile, L adesso del domani, Effatà, Cantalupa 2007).

15 PERCORSO ESEMPLIFICATIVO UNA NAVE Un segno filmico può sviluppare la sua funzione comunicativa su due livelli: denotativo e connotativo. Livello denotativo: funzione semplice, puramente informativa; la designazione, il riconoscimento immediato delle cose. Livello connotativo: al di sopra del livello denotativo, il cinema può sviluppare un secondo piano di significazione. Un piano che oltrepassa la semplice designazione del dato mostrato, che trascende la letteralità dell enunciato di base.

16 SCENEGGIATURA CARATTERISTICHE Sceneggiatura cinema classico: chiusa, di ferro ; attenzione al découpage tecnico; vincoli per il regista, chiamato ad eseguire le indicazioni Sceneggiatura cinema moderno: aperta e modificabile lungo la lavorazione del film; spazio di improvvisazione per il regista e gli attori.

17 IL RACCONTO Il termine racconto dispone di due significati: storia e discorso. La storia è il che cosa viene narrato. Il discorso è il come viene narrato. Elementi del racconto: Causalità Tempo Spazio

18 LA DIEGESI Diegesi: termine che indica tutti gli elementi che fanno parte della storia. a) Diegetico (o intradiegetico) b) Extradiegetico L istanza narrante è generalmente un entità astratta, al di fuori del mondo diegetico. A volte l istanza narrante agisce direttamente nel mondo diegetico: Narratore extradiegetico Narratore intradiegetico

19 SPAZIO DEL RACCONTO Spazio della storia: spazio diegetico di un film, con i suoi luoghi ed ambienti (case, strade, paesaggi ecc.). Spazio del racconto: spazio che viene a formarsi sullo schermo attraverso il modo in cui il discorso articola lo spazio della storia (G. Rondolino, D. Tomasi).

20 TEMPO DEL RACCONTO In un racconto, abbiamo due tempi: Tempo della storia, tempo diegetico. Tempo del discorso, che genera il tempo del racconto, il tempo filmico. G. Genette indica 3 livelli di rapporto tra tempo della storia e del racconto nella narratologia letteraria: Ordine Frequenza Durata

21 VEDERE-SAPERE: FOCALIZZAZIONE L istanza narrante di un testo determina strategie narrative. Fra queste strategie, si distingue la focalizzazione (G. Genette). Focalizzazione, modalità attraverso la quale vengono regolati, all interno di un racconto, i rapporti di sapere fra: Istanza narrante Personaggio Spettatore

22 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI G. Rondolino, D. Tomasi, Manuale del film, UTET, Torino APPROFONDIMENTI C. Bianchi, Spot. Analisi semiotica dell'audiovisivo pubblicitario, Carocci, Roma E. De Blasio, P. Peverini (a cura di), Open cinema, Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo, Roma R. Eugeni, Semiotica dei media, Carocci, Roma D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Ambito: P. Peverini, Semiotica dei media audiovisivi, pp Focus: M. Resmini, Semiotica del cinema, pp C. Penati, Semiotica e fiction televisiva, pp S. Sampietro, Semiotica della pubblicità, pp

23 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 9: Sociosemiotica del testo audiovisivo - seconda parte / 1 semestre / 3 ECTS

24 INQUADRATURA L inquadratura è l unità base del discorso filmico. Distinzione tra inquadratura e piano. L inquadratura è il risultato di scelte su due livelli: Profilmico Filmico

25 INQUADRATURA Profilmico: Ambiente e figura Luce e colore Filmico: Scala dei piani Angolazioni e campi

26 GLI SGUARDI Quattro tipologie di sguardo : oggettiva; oggettiva irreale; Interpellazione; soggettiva.

27 MOVIMENTI DI MACCHINA A determinare la dinamicità del filmico sono anzitutto i movimenti macchina. Panoramica: mdp ruota sul suo asse in senso orizzontale o verticale. Carrellata: Camera car; Carrellata aerea; Carrellata laterale; Carrello a precedere/a seguire.

28 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI G. Rondolino, D. Tomasi, Manuale del film, UTET, Torino APPROFONDIMENTI C. Bianchi, Spot. Analisi semiotica dell'audiovisivo pubblicitario, Carocci, Roma E. De Blasio, P. Peverini (a cura di), Open cinema, Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo, Roma R. Eugeni, Semiotica dei media, Carocci, Roma D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Ambito: G. Curtis, Linguaggio cinematografico, pp P. Peverini, Semiotica dei media audiovisivi, pp Focus: C. Punzi, L inquadratura, pp C. Punzi, Il montaggio pp M. Resmini, Semiotica del cinema, pp

29 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 10: Sociosemiotica del testo audiovisivo - terza parte / 1 semestre / 3 ECTS

30 MONTAGGIO Montaggio: operazione di unione tra la fine di un inquadratura e inizio inquadratura successiva. Lo stacco: passaggio d inquadratura, in maniera diretta e immediata. La dissolvenza, tre tipologie: dissolvenza d apertura; dissolvenza in chiusura; dissolvenza incrociata.

31 MONTAGGIO SPAZIO E TEMPO Spazio: Istanza narrante decide di rappresentare un ambiente (spazio diegetico), attraverso una successione di inquadrature (spazio filmico). Tempo: Il montaggio determina la durata di ogni piano, nel dare inizio/fine all inquadratura. Il tempo concesso allo spettatore per la comprensione dell inquadratura. Rapporto tempo-montaggio, secondo della tripartizione: ordine; frequenza; durata.

32 MONTAGGIO ELLITTICO Costruzione episodio narrativo: montaggio può rispettare durata reale, la coincidenza tempo storia e tempo discorso (scena). il montaggio può non rispettare la temporalità (sequenza). Se tempo discorso è inferiore al tempo della storia: la sequenza presenta delle ellissi, dei salti temporali. Montaggio ellittico: montaggio di contrazione temporale, che non solo omette il superfluo ma anche ciò che, pur importante, il film non vuole mostrare allo spettatore (G. Rondolino, D. Tomasi).

33 MONTAGGIO ELLITTICO MONTAGGIO ALTERNATO Tre modi per indicare l ellisse: a) Dissolvenze. b) Campo vuoto. c) Inserto (cut-away). Montaggio alternato: si alternano due o più eventi, che hanno luogo in posti diversi, simultaneamente, che sono destinati a convergere in uno stesso spazio. Narratore onnisciente, sapere spettatore maggiore di quello dei personaggi.

34 DÉCOUPAGE CLASSICO Altra caratteristica del découpage è la continuità. Un flusso scorrevole di immagini, inquadratura dopo inquadratura, per favorire l illusione dello spettatore. Raccordo. Quattro tipologie: a) raccordo di sguardo; b) raccordo sul movimento; c) raccordo sull asse; d) raccordo sonoro. Découpage classico: sistema dello spazio a 180.

35 TIPOLOGIE DI MONTAGGIO Oltre montaggio del cinema classico, esistono altri modelli: montaggio connotativo: costruzione del significato; montaggio formale: si caratterizza per la natura grafica/ritmica; montaggio discontinuo: nega il modello della continuità. Ruolo fondamentale della Scuola Sovietica, dei formalisti russi, in particolare di Ejzenstejn (montaggio delle attrazioni).

36 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI G. Rondolino, D. Tomasi, Manuale del film, UTET, Torino APPROFONDIMENTI C. Bianchi, Spot. Analisi semiotica dell'audiovisivo pubblicitario, Carocci, Roma E. De Blasio, P. Peverini (a cura di), Open cinema, Edizioni Fondazione Ente dello Spettacolo, Roma R. Eugeni, Semiotica dei media, Carocci, Roma D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Ambito: G. Curtis, Linguaggio cinematografico, pp P. Peverini, Semiotica dei media audiovisivi, pp Focus: C. Punzi, L inquadratura, pp C. Punzi, Il montaggio pp M. Resmini, Semiotica del cinema, pp

37 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 11: Analisi sociosemiotica dei testi brevi - prima parte / 1 semestre / 3 ECTS

38 CAMPAGNA 8X1000 PROBLEMI DA AFFRONTARE Prodotto complesso offerte deducibili destinazione dell 8X1000 del Irpef Problema comunicativo (quale strategia?) milioni di persone da informare Imbarazzo pubblicitario i valori del Vangelo e il modello della pubblicità commerciale Chance della valorizzazione vicaria mancanza dell Opponente Difficoltà: il Destinante è anche il primo ricevente dell 8x1000 problemi di credibilità (disforia e sineddoche?)

39 SPOT TV 8X1000 LA STRADA FATTA SINO A OGGI Senza il tuo aiuto non possiamo fare miracoli FASE INFORMATIVA EDUCATIVA/RELIGIOSA A te non costa nulla, ma la Chiesa cattolica italiana potrà fare tanto Non ti costa nulla in più, ma possiamo fare tanto Una firma a te non costa nulla, per qualcuno vuol dire molto Firma anche quest anno per diffondere i valori dell uomo. La nostra universale missione di speranza continua

40 SPOT TV 8X1000 LA STRADA FATTA SINO A OGGI Il tuo aiuto alla tua Chiesa FASE REALISTICA (INIZIALE) 1999 PASSAGGIO È il tuo aiuto alla tua Chiesa È il tuo aiuto alla tua Chiesa Il tuo aiuto arriverà dove c è bisogno di aiuto Firma Il tuo aiuto arriverà dove c è bisogno di aiuto Rendicontazione (Opere) Valori cristiani 2000-Oggi Persone vs personaggi FASE STORIE DI VITA Linguaggio pubblicitario

41 PRIMO SGUARDO SINTETICO Difficoltà iniziale (fisiologica). Due prodotti differenti con strategie comunicative differenti. Informazione + persuasione. Cambio di registro nei processi di identificazione. Il 1999 è l anno della svolta decisiva. Non si assegna un opponente (vedremo nell analisi successiva). Un deciso processo di consapevolezza.

42 ANALISI DELLA NARRAZIONE Nelle strutture narrative la semiotica distingue i seguenti attanti: Destinante; Soggetto (o Eroe); Antisoggetto ; Aiutante (del Soggetto); Opponente (chi aiuta l Antisoggetto); Oggetto di Valore.

43 WELL COMM Vetrata - 30 Ogni anno con la dichiarazione dei redditi più di ventisette milioni di italiani possono decidere a chi far destinare l 8X1000 del gettito IRPEF. La Chiesa Cattolica ha impiegato i fondi ricevuti per aiutare ad annunciare il Vangelo, recuperare i giovani dalla droga, contribuire alla pace nel mondo. Ma finora solo poco più della metà dei contribuenti ha espresso la propria volontà. Quest anno non sprecare l opportunità di aiutare chi ha bisogno. Una firma che a te non costa nulla per qualcuno vuol dire molto

44 Spot GLI ANZIANI Pensavo di costruire per la mia nipotina una di quelle casette per le bambole. Io invece pensavo di costruire per i bambini del terzo mondo asili, mense, ospedali. E magari vuoi fare tutto da solo? No! Con te e con tutti quelli che firmeranno per destinare l 8x1000 alla Chiesa cattolica. Allora ci sto. Se vuoi aiutare il terzo mondo firma per destinare l 8x1000 alla Chiesa cattolica. Il tuo aiuto arriverà dove c è bisogno di aiuto

45 Spot FIRMA A La tua firma per destinare l 8x1000 alla Chiesa cattolica è diventata pane, libri, medicine, accoglienza, sorrisi, conforto, futuro ed ha significato aiuto e sostegno alla missione evangelizzatrice dei sacerdoti. Seimila interventi in Italia e nel mondo che portano anche il tuo nome.

46 VALUTAZIONI consapevolezza vs non ti costa nulla offerte deducibili e 8x1000 Criticità identificazione target vs identificazione sguardo sanzione negative impianto didascalico tone of voice (rallenty, dissolvenze ) mancanza dell opponente PUNTI DI FORZA storie vere temi forti legati alla missione della Chiesa nell agenda dei media elementi di forte riconoscibilità

47 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI P. Peverini, M. Spalletta, Unconventional. Valori, testi, pratiche della pubblicità sociale, Meltemi, Roma D. E. Viganò, Chiesa e pubblicità, Rubbettino, Soveria Mannelli APPROFONDIMENTI C. Bianchi, Spot. Analisi semiotica dell'audiovisivo pubblicitario, Carocci, Roma R. Eugeni, Semiotica dei media, Carocci, Roma D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Focus: S. Sampietro, Semiotica della pubblicità, pp P. Mascarino, La comunicazione dell 8 per mille, pp

48 Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Teoria e analisi critica dei linguaggi LEZIONE 12: Analisi sociosemiotica dei testi brevi - seconda parte / 1 semestre / 3 ECTS

49 SOCIAL ADVERTISING Contesto in cui social advertising prende forma e si sviluppa. Utilità della prospettiva sociosemiotica. Le trasformazioni del social advertising. Ripensamento complessivo degli stereotipi e dei tabù che per molto tempo hanno segnato i linguaggi del social advertising. Ripensamento del contatto con il pubblico: specificità del social advertising; capacità di trasformare alcune criticità in elementi di forza.

50 CRITICITÀ IN PUNTI DI FORZA Capacità di trasformare alcune criticità in elementi di forza: Budget limitato. Competitor. Prolungata visibilità. Riflessione attenta sulle logiche mediali del discorso sociale che consente di trasformare poche risorse e piccoli spazi in provocazioni inaspettate che generano rumore, disturbo, attenzione.

51 ANALOGIE E DIFFERENZE CON LA PUBBLICITÀ COMMERCIALE Social adversiting e pubblicità commerciale. Analogie e differenze: Formati a disposizione per la costruzione del testo sono gli stessi, così come le figure retoriche impiegate. Una differenza significativa emerge sul piano delle strutture narrative.

52 UNCONVENTIONAL Oltre i modelli dell eufemismo e del terrorismo per sperimentare soluzioni espressive alternative, non convenzionali. La non convenzionalità non è più circoscritta al funzionamento interno di uno spot o di un affissione stradale, ma si estende all intera campagna in un ottica crossmediale. P. Peverini: La pubblicità sociale si svincola qui dalla retorica dell accusa e del pietismo, la forza della campagna pubblicitaria si gioca su un livello più articolato, scavalca la superficie delle immagini, dei caratteri grafici, dei colori e degli sguardi, attira il lettore nel gioco dialettico dell interpretazione, riconosce e valorizza la sua intelligenza narrativa (Peverini 2009, pp ).

53 VERSO LA CROSSMEDIALITÀ La pubblicità sociale ricerca in maniera esplicita la collaborazione del destinatario nella costruzione della sua efficacia virale. Due le categorie che entrano in gioco in questo livello: Ambient. Viral.

54 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI PRINCIPALI P. Peverini, M. Spalletta, Unconventional. Valori, testi, pratiche della pubblicità sociale, Meltemi, Roma D. E. Viganò, Chiesa e pubblicità, Rubbettino, Soveria Mannelli APPROFONDIMENTI C. Bianchi, Spot. Analisi semiotica dell'audiovisivo pubblicitario, Carocci, Roma R. Eugeni, Semiotica dei media, Carocci, Roma D. E. Viganò (a cura di), Dizionario della comunicazione, Carocci, Roma Focus: S. Sampietro, Semiotica della pubblicità, pp P. Mascarino, La comunicazione dell 8 per mille, pp

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE PROGRAMMA 10.15 11.30 Teoria del montaggio 11.30 13.00 Cinetecnica: uso di AVS editor 13.00 14.00 Pausa pranzo 14.00 17.30 Laboratorio: montaggio

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

Codici e sottocodici cinematografici

Codici e sottocodici cinematografici Codici e sottocodici cinematografici Cenni di un analisi semiotica del testo audiovisivo Premesse generali Concetto di COMUNICAZIONE SIGNIFICANTE E SIGNIFICATO Il concetto di CODICE Aspetto denotativo

Dettagli

Introduzione alle scienze della comunicazione sociale

Introduzione alle scienze della comunicazione sociale Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Introduzione alle scienze della comunicazione sociale LEZIONE 8: Semiologia dell audiovisivo - seconda parte 60360 / 1 semestre /

Dettagli

La sfida comunicativa dell 8x1000 nell era della convergenza

La sfida comunicativa dell 8x1000 nell era della convergenza XIV Convegno Nazionale incaricati diocesani Educare al Sovvenire: corresponsabilità e trasparenza nella Chiesa di oggi La sfida comunicativa dell 8x1000 nell era della convergenza Prof. Dario Edoardo Viganò

Dettagli

Il discorso delle religioni intorno all'otto per mille 1 Michele Lo Chirco

Il discorso delle religioni intorno all'otto per mille 1 Michele Lo Chirco Il discorso delle religioni intorno all'otto per mille 1 Michele Lo Chirco Con la pubblicità dell otto per mille il discorso delle religioni si declina in chiave pubblicitaria, rappresentando una sorta

Dettagli

LA MATERIA DEI SOGNI

LA MATERIA DEI SOGNI Cineforum della formica Stagione 2012-2013 www.cineformica.org LA MATERIA DEI SOGNI Lezioni video-guidate + proiezioni per imparare a leggere un film Aula Magna SACMI Istituto delle Scienze Oncologiche,

Dettagli

Semiotica a.a. 2004-05

Semiotica a.a. 2004-05 a.a. 2004-05 Semiotica (Palermo) Facoltà di Scienze della Formazione, Corsi di laurea Comunicazione pubblica, Discipline della Comunicazione, Giornalismo per uffici stampa,tecnica pubblicitaria, Comunicazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

24-25 febbraio 2015 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica

24-25 febbraio 2015 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica Semiotica per la comunicazione d impresa Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 24-25 febbraio 2015 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica Sommario 1. Organizzazione del corso 2. Comunicazione

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 GLI ATTORI DELLA COMUNICAZIONE 1 MEDIA MODERNI, CONTEMPORANEI E UGC: il bombardamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

Religious studies. Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis. Prof. Dario Edoardo Viganò

Religious studies. Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis. Prof. Dario Edoardo Viganò Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Religious studies LEZIONE 3: Il religioso nei media 60362 / 1 semestre / 3 ETCS FORZA RISTRUTTURANTE DEI MEDIA Religioso e media.

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

17-18 febbraio 2014 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica

17-18 febbraio 2014 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica Semiotica per la comunicazione d impresa Lumsa a.a. 2013/2014 Piero Polidoro 17-18 febbraio 2014 lezioni 1-2 introduzione al corso, cos è la semiotica Sommario 1. Organizzazione del corso 2. Comunicazione

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA Elementi di grammatica audiovisiva Inquadrature e montaggio Visione e analisi di varie tipologie di video e di montaggi. Generi e stili dell audiovisivo: analisi delle caratteristiche.

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

DIGITAL STORYTELLING. tua storia digitale perché ogni essere umano, ogni organizzazione o impresa, ha una ricchezza di storie da portare alla luce.

DIGITAL STORYTELLING. tua storia digitale perché ogni essere umano, ogni organizzazione o impresa, ha una ricchezza di storie da portare alla luce. Lo un nuovo linguaggio visivo globale per valorizzare le organizzazioni e le persone Roma via Adriano Fori 32/b 06.86325125 3292156021 www.erifo.org www.studiotredici@com C era una volta è così che iniziano

Dettagli

I compiti. del OPEN DAY ISS VIGANÒ GRAFICA E COMUNICAZIONE

I compiti. del OPEN DAY ISS VIGANÒ GRAFICA E COMUNICAZIONE I compiti del Grafico ISS VIGANÒ GRAFICA E COMUNICAZIONE OPEN DAY La comunicazione aziendale Il grafico progetta i sistemi dei simboli, dei marchi e dell identità aziendale. Definisce le potenzialità comunicative

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore di II^ Grado LICEO ARTISTICO A.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore di II^ Grado LICEO ARTISTICO A. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore di II^ Grado LICEO ARTISTICO A. FRATTINI Via Valverde, 2-21100 Varese tel: 0332820670 fax: 0332820470

Dettagli

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia (Fondazione CSC), con finalità

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA 1. PREMESSA Il nostro tempo è caratterizzato da continui e complessi cambiamenti culturali e dalla contemporanea disponibilità di numerose informazioni

Dettagli

Manuale del giovane Filmmaker

Manuale del giovane Filmmaker Manuale del giovane Filmmaker Doma il bullo 2011/2012 Corecom Lombardia - Manuale del giovane filmmaker Istruzioni per l uso In queste pagine potrai scoprire i principi fondamentali per realizzare un video

Dettagli

Religious studies. Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis. Prof. Dario Edoardo Viganò

Religious studies. Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis. Prof. Dario Edoardo Viganò Pontificia Università Lateranense Istituto pastorale Redemptor Hominis Religious studies LEZIONE 8: Pubblicità e religione. La comunicazione dell 8x1000 60362 / 1 semestre / 3 ETCS CONCORDATO 1929: Concordato

Dettagli

Gli eventi sonori nel multimediale Il suono nei documentari - Il suono negli spot pubblicitari Il rapporto audiovisivo nei videoclip musicali

Gli eventi sonori nel multimediale Il suono nei documentari - Il suono negli spot pubblicitari Il rapporto audiovisivo nei videoclip musicali Gli eventi sonori nel multimediale Il suono nei documentari - Il suono negli spot pubblicitari Il rapporto audiovisivo nei videoclip musicali Suono e immagini : contesti I contesti principali in cui le

Dettagli

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE ANNO ACCADEMICO PIANO DI STUDI ANNO ACCADEMICO DI EROGAZIONE CORSO DI LAUREA O DI LAUREA MAGISTRALE 2013-2014 2015-2016 LM 59, Scienze della comunicazione

Dettagli

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA Un cinema fatto di contenuti e sperimentazione. Il cinema è un mondo composto da linguaggi differenti, ognuno nato per realizzare

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

parte II semiotica narrativa lezioni 5-6 semiotica narrativa greimasiana 2. Strutture semio-narrative superficiali

parte II semiotica narrativa lezioni 5-6 semiotica narrativa greimasiana 2. Strutture semio-narrative superficiali Corso di Semiotica per la comunicazione Università di Teramo a.a. 2007/2008 prof. Piero Polidoro parte II semiotica narrativa lezioni 5-6 semiotica narrativa greimasiana 2. Strutture semio-narrative superficiali

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno Capitolo 3 La messa in scena: costruire il sogno NATURALISTICO LA MESSA IN SCENA PROFILMICO Il profilmico è tutto ciò che si trova davanti alla cinepresa ARTIFICIALE AMBIENTE L ambiente e le figure entrano

Dettagli

Esempio di sceneggiatura: spot di 30 Trova l errore. Bobbio 2.0

Esempio di sceneggiatura: spot di 30 Trova l errore. Bobbio 2.0 Esempio di sceneggiatura: spot di 30 Trova l errore Le inquadrature Come accade per il cinema scrivere uno spot significa scrivere per immagini. In ogni paragrafo di sceneggiatura va indicata l inquadratura

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

Capitolo 4. L inquadratura: lo spazio della visione

Capitolo 4. L inquadratura: lo spazio della visione Capitolo 4 L inquadratura: lo spazio della visione OGGETTIVA (neutrale) LO SPAZIO FILMICO INQUADRATURA La porzione di realtà (quadro) che è ripresa nell immagine SOGGETTIVA (il punto di vista del personaggio)

Dettagli

Omar Dodaro LA MUSICA NEL FILM SPERIMENTALE PER ASSOCIAZIONI. Un equilibrio bidimensionale

Omar Dodaro LA MUSICA NEL FILM SPERIMENTALE PER ASSOCIAZIONI. Un equilibrio bidimensionale Omar Dodaro LA MUSICA NEL FILM SPERIMENTALE PER ASSOCIAZIONI Un equilibrio bidimensionale Como, 2004 1 Indice 1 La musica e l'immagine: evocazione e materializzazione...3 2 La musica nel cinema...3 2.1

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO MICHELANGELO ISTITUTO STATALE D'ARTE "LUIGI RUSSO" MONOPOLI. Cinematografia (Laboratorio di Video e Televisione)

RELAZIONE FINALE PROGETTO MICHELANGELO ISTITUTO STATALE D'ARTE LUIGI RUSSO MONOPOLI. Cinematografia (Laboratorio di Video e Televisione) ISTITUTO STATALE D'ARTE "LUIGI RUSSO" MONOPOLI PROGETTO MICHELANGELO RELAZIONE FINALE anno scolastico 2008/2009 MATERIA DI INSEGNAMENTO INSEGNANTE CLASSE Arte della Fotografia e Cinematografia (Laboratorio

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano 9 aprile 2014 Premessa Mi è stato chiesto di mettere

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Semiotica e marketing

Semiotica e marketing Semiotica e marketing Jean-Marie Floch e l analisi del testo pubblicitario Semiotica, marketing, comunicazione: dietro i segni, le strategie (1990) J aime, j aime, j aime. Pubblicità di automobili e sistema

Dettagli

BREVISSIMO CORSO DI CINEMA 2012 - Schrade Engineering

BREVISSIMO CORSO DI CINEMA 2012 - Schrade Engineering BREVISSIMO CORSO DI CINEMA 2012 - Schrade Engineering 1. Dall idea allo spettatore 1.1 L evoluzione del prodotto 1.1.1 Ideazione e scritture Un idea, opportunamente sviluppata e ampliata, può essere trasformata

Dettagli

Il Marketing politico ed elettorale Lezione n.4 La strategia di comunicazione

Il Marketing politico ed elettorale Lezione n.4 La strategia di comunicazione Il Marketing politico ed elettorale Lezione n.4 La strategia di comunicazione Bologna, 7 Gennaio 2009 Laboratorio di comunicazione politica Giuseppe Di Caterino gdicaterino@gmail.com Le fasi del marketing

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA 1 Competenze chiave AREA DI INDIRIZZO Quinto anno Competenze Abilità/Capacità Conoscenze Discipline IMPARARE AD IMPARARE CONSAPEVO LEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE I1 Conoscere la storia della produzione

Dettagli

Nozioni di base per gli insegnanti sul tema «film»

Nozioni di base per gli insegnanti sul tema «film» Nozioni di base per gli insegnanti sul tema «film» 1 Nozioni di cinema...3 Il film nella società e nella scuola Generi e categorie Osservazioni sulla storia del cinema Bibliografia sulla storia del cinema

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA Bolzano 13/02/2013 COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PRONTI, ATTENTI C ERA UNA VOLTA! Percorso in italiano lingua veicolare o di introduzione alla lingua italiana Rivolto

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

IL SOCIAL MEDIA MARKETING E LA COMUNICAZIONE AUDIOVISIVA DELLA CHIESA CATTOLICA ITALIANA: IL CASO 8X1000

IL SOCIAL MEDIA MARKETING E LA COMUNICAZIONE AUDIOVISIVA DELLA CHIESA CATTOLICA ITALIANA: IL CASO 8X1000 Dipartimento di Scienze Politiche Corso di laurea magistrale in Scienze di governo e della comunicazione pubblica Cattedra di Linguaggi e mercati dell audiovisivo IL SOCIAL MEDIA MARKETING E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI PANNONE SANDRA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO E SABBIONARA PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 Classe 2^ STORIA GEOGRAFIA Docenti M.Cristina Eccheli Barbara Marinelli STORIA COMPETENZE

Dettagli

Prima fase della comunicazione pubblicitaria Breil

Prima fase della comunicazione pubblicitaria Breil Il caso Breil Prima fase della comunicazione pubblicitaria Breil Protagonismo assoluto della donna Si valorizzano i prodotti per via connotativa, con l accostamento all immagine della donna. Annunci stampa

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011

Organizzare il discorso. Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Organizzare il discorso Giancarlo Sturloni, Master in Comunicazione della Scienza, SISSA Trieste, 11 marzo 2011 Scegliere le parole giuste Le parole hanno un peso: occorre scegliere con attenzione quelle

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

www.pieropolidoro.it grammatica dell audiovisivo

www.pieropolidoro.it grammatica dell audiovisivo www.pieropolidoro.it grammatica dell audiovisivo Sommario 1.La segmentazione del testo e i tipi di sequenza 2.Inquadrature 3.Movimenti 4.Sonoro 5.Esempio ( Caccia a Ottobre Rosso ) Nota: queste slides

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo.

La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo. La Comunicazione Audiovisiva: tecniche di produzione e sistemi di elaborazione audiovideo. CONOSCI IL LINGUAGGIO PROFESSIONALE AUDIO-VIDEO? SEI IN GRADO SI ANALIZZARE E COMPRENDERE LA DOCUMENTAZIONE TECNICA

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli