MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere. MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere. MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola"

Transcript

1 Associazione Il Palco Onlus Centro Culturale San Paolo MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere Relatore: Michele Crocchiola direttore artistico di Stensen/Cinema PER CHI? Animatori di cineforum Appassionati di cinema e chiunque sia interessato! Dove? Casa della Gioventù piazza E. Dalla Costa, 25 Firenze INFO: Centro Diocesano di Pastorale Giovanile MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola Relatore: Federico Bondi regista di "Mar Nero" (film premiato al festival di Locarno 2008) MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 2009 Fare formazione culturale con il cinema Relatore: don Andrea Bigalli sacerdote e critico cinematografico

2 PRESENTAZIONE Sono qui trascritti i contributi dei relatori che sono intervenuti al corso d introduzione al linguaggio cinematografico, promosso dal Centro Diocesano di Pastorale Giovanile di Firenze, nel Novembre del Nel primo incontro Michele Crocchiola ha tracciato un percorso nel mondo dell audiovisivo: non solo cinema, ma anche cartoni animati, videoclip, documentari, mettendo in risalto le peculiarità di questi linguaggi. Inoltre, in qualità di direttore artistico di Stensen/Cinema e moderatore di cineforum, Crocchiola ha dato alcune indicazioni importanti per coloro che vogliono organizzare cineforum. La seconda data ha visto il regista Federico Bondi dialogare con il critico cinematografico don Andrea Bigalli, spiegando come nasce un film, come funziona la produzione e la distribuzione delle opere cinematografiche. Infine nell ultimo appuntamento don Andrea Bigalli ha richiamato l alto valore culturale del cinema, fornendo suggerimenti preziosi per quelli che intendono usare i film con i ragazzi, ma non solo. Queste dispense vogliono essere uno strumento utile per tutti coloro che sono appassionati di cinema ed anche per quelli che vogliono usare il mezzo film per educare e fare catechesi, sia con i giovani che con gli adulti. Al fine di sfruttare al meglio le enormi potenzialità della cinematografia, occorre avere un approccio sempre critico e consapevole a questo grande mezzo di comunicazione, avvalendosi di una formazione adeguata. Questo corso si era prefisso proprio quest ultimo scopo. 2

3 Cinema e media: un mondo da conoscere Michele Crocchiola1 (direttore artistico di Stensen/Cinema) Stasera parlerò di cinema, ma anche di altre cose. Da nove anni sono responsabile delle attività cinematografiche dell Istituto Stensen in viale Don Minzoni a Firenze. La prima cosa che ho fatto quando sono arrivato è stato di togliere tutte le tessere, gli abbonamenti e le varie forme che vincolassero gli spettatori. Infatti se l interesse era di fare cultura, una cultura basata sul confronto, se volevamo che il linguaggio cinematografico fosse uno strumento per creare un confronto e una discussione, dovevamo tenere questo luogo più aperto possibile, dunque via tutte le modalità vincolanti: la porta è sempre aperta, lo spettatore si presenta, paga il biglietto (se il film è a pagamento) oppure entra gratuitamente (se il film è sovvenzionato da qualcuno). Secondo me è importante mettere al centro lo spettatore, tutelarlo, rendergli più facile possibile partecipare a questi eventi. Organizzare un cineforum: alcune indicazioni Se fai un cineforum, se fai un attività aperta al pubblico dobbiamo essere più disponibili possibile all accoglienza, eliminando tutti quei vincoli di cui parlavo prima. In questo senso il primo elemento che noi offriamo è il film che deve iniziare puntualmente: la presentazione deve essere quindi ridotta al minimo e non essere un quarto d ora di chiacchiere. Si fornisce la scheda scritta2 sul film ed al termine della proiezione, chi vuole può rimanere a discutere. A distanza di nove anni c è ancora un terzo della sala che va via al momento dei titoli di coda, altri invece rimangono anche fino a mezzanotte per confrontarsi fra di loro su vari temi. La persona che fa il commento al film si deve preparare anche se non eccessivamente, deve prima vedersi il film, leggersi qualche articolo su riviste specializzate come Cineforum o Ciak (a cui ci si può abbonare). Il moderatore fornisce quindi una prima lettura (dieci minuti circa), poi chiede al pubblico se ci sono commenti, emozioni Non si chiede a nessuno di essere un critico 1 Michele Crocchiola, laureato in Scienze Politiche, da nove anni è direttore artistico di Stensen/Cinema. E la scheda di presentazione del film in cui sono presentati gli attori, il regista, la casa di produzione, una sintesi della trama. Un esempio di questa scheda è disponibile sul sito 2 3

4 cinematografico, l importante è iniziare parlarne (es. A me il film ha fatto piangere, A me è piaciuto l attore ). C è sempre il problema che le persone non intervengono perché non si sentono all altezza del commento cinematografico. Occorre tenere presente il pubblico che si ha davanti, cercando di fornire un certo numero di informazioni (il regista, chi l ha prodotto, notizie sugli attori..) riguardo alla tematica, al contenuto, al messaggio che il film può avere, unito, ma solo come terzo elemento, al linguaggio cinematografico, senza entrare in tecnicismi cinematografici (cos è un piano americano?...). Il commento deve essere il più vivace, il più interattivo possibile, mischiando questi elementi. Se leggendo del film trovate del gossip (es. l attore x è famoso per aver frequentato l attrice y) metteteci dentro anche quello, serve a tenere sveglia la platea; detto questo, si passa poi agli aspetti tematici: è importante equilibrare tutti questi elementi. L animatore di cineforum non è un esperto di cinema, è un esperto di società, di persone, di tematiche, è uno che legge giornali, non deve essere necessariamente laureato in Scienze della Comunicazione: bisogna essere curiosi. Un animatore di cineforum deve rendersi conto di quello che le persone intorno a noi (soprattutto i giovani) vivono, fanno, utilizzano. Oggi una qualunque iniziativa sull audiovisivo deve cavalcare e non subire il cambiamento che è in atto, deve fare educazione su quello che sta succedendo ora; ci sono altri modi e luoghi in cui s impara la storia dell arte, del cinema e della cultura in generale: non è compito del cineforum. Anche se per l approfondimento ci si può avvalere di persone esperte di storia dell arte (ad esempio a volte invitavo una ragazza laureata in storia dell arte che ci aiutava a cogliere in alcuni film i riferimenti a dipinti, sculture ). Fatta questa puntualizzazione generale, a proposito di cambiamenti si sta passando da un mercato di massa ad una massa di mercati, si stanno creando delle nicchie di appassionati più o meno infinite (appassionati di cinema indiano, horror, africano ): esistevano anche prima, ma non avevano accesso al prodotto. Adesso non è più così: ora posso passare mesi a guardarmi in casa film del cinema africano! La sfida è continuare a fare delle attività che preservano la socialità della visione, il nostro lavoro è combattere la visione solitaria (per le persone più giovani avviene sul computer..). Il cinema nasce per essere visto in una sala buia senza distrazioni: al buio, con uno schermo davanti, con lo spettro dei nostri occhi che ha una certa angolazione, tu t immergi in un flusso di emozioni, ti cali nel film, è tutta un altra visione. Noi vogliamo preservare questo tipo di visione. C è dunque una questione tecnica ed una questione di socialità, cioè lo vediamo insieme e poi se ne discute. La discussione può avere due macrocategorie: 1) tematica: plasmare il film o il ciclo di film ad un tema (es. civiltà a confronto, si scelgono quattro film che parlano di questo tema); al termine si prende spunto dal film, ma non s impedisce di parlare del fatto di cronaca del giorno. Secondo me questa è la formula che può funzionare di più. 2) attenendosi di più al film: si commentano le 4

5 scene del film, è una modalità classica, ma non funziona con tutti i lungometraggi. Se non avete molta esperienza del commento cinematografico, seguite la regola di farvi una scaletta che ripercorre il film (es. La prima scena è interessante perché si collega a quest altra ). Leggere il cinema Oggi nella categoria cinema ci sta dentro di tutto: dalla pubblicità al videoclip ai grandi autori; meglio usare il termine di audiovisivo. Adesso vediamo un videoclip di un brano musicale intitolato Africa di un gruppo che si chiama Leftfield. E uno strumento più che ottimale per parlare di contenuti e di leggere il cinema. In quattro minuti infatti sono condensate ironia, denuncia sociale e corrisponde a tutti gli stilemi del linguaggio del videoclip. La domanda che vi faccio: ha ancora senso quando si organizza una rassegna, chiamarla una rassegna di cinema? La mia provocazione è: siamo sicuri che quello che stiamo vivendo in questo momento sia un attività prettamente cinematografica? Adesso vediamo una rivisitazione di Cappuccetto Rosso fatta da Tex Avery produttore di cartoni animati negli anni Quaranta Cinquanta. Tex Avery ha influenzato sessanta anni di cinema successivo (es. gli occhi che escono dalle orbite si ritrova citato in tanti film americani come The Mask). Strumenti come questo, cioè determinate animazioni degli anni Quaranta Cinquanta possono essere molto utili per divertirsi ad analizzare delle idiosincrasie che sono sempre molto attuali e per offrire degli spazi per conoscenze di tipo differente. Filmati come questi non necessariamente devono avere un ruolo educativo, non dobbiamo vederlo solo come strumento, ma dobbiamo essere consci che fanno parte di un mondo che si è aperto: su Internet si trova questo e tanto altro. Una cosa notevole di Youtube è che spesso ci sono estratti di filmati, alcune scene di un film (ad es. il monologo di De Niro davanti allo specchio in Taxi Driver). In generale siamo in un movimento tale che ci mancano gli strumenti per interpretarlo. Adesso vediamo una parte di Heimat III di Edgar Reitz, film sulla storia della Germania. Questo è l opposto di quello che abbiamo visto prima perché mentre gli altri erano flash su cui si poteva discutere, tematicamente nel videoclip, a livello di storia del cinema con Tex Avery, questa scena di Heimat è un dialogo sul capitalismo, utile a far partire, ad esempio, una discussione sul sistema economico: la cosa interessante è che da film come questo si può prendere dei pezzetti ed utilizzarli per dibattere e confrontarsi su vari argomenti. Guardiamo ora un estratto dal documentario americano The Corporation, sulle multinazionali: è molto chiaro su come funzionano i loro consigli di amministrazione.e l esempio di come i film e i documentari, se fatti bene, danno l occasione per imparare, per allargare i propri orizzonti. 5

6 Infine proietto un passaggio del film In linea con l assassino. E un film che hanno visto tanti, la scena che vi evidenzio può essere considerata come istruttiva su come funziona il mondo della comunicazione, su come viene plasmato il mondo della comunicazione. Tutti questi esempi, l ultimo più prettamente cinematografico, indicano che dobbiamo guardare tutti i film, stando attenti a tematiche, implicazioni che un film può offrire per discutere. In un classe di scuola oppure ad un catechismo, si può prendere spunto da un mezzo audiovisivo. Come consiglio, vi invito a costruirvi un attenzione, una curiosità, guardare al materiale audiovisivo con occhio critico e contenutistico. Quello che fa la differenza è la persona, come voi sarete in grado di leggere quello che vedete e, poi filtrato dalla vostra esperienza, rendetelo alle persone con cui siete in contatto. Risposte a domande del pubblico - Quale consiglio per un ragazzo che vuole lavorare nel mondo del cinema? CROCCHIOLA: Il mio invito è di andare sul set, rendendosi conto delle persone che contribuiscono a creare il prodotto: è così che si fa esperienza, essendo disponibili a fare qualsiasi lavoro (dall aiuto elettricista, al catering ). Per andare sul set è meglio rivolgersi alle produzioni, alle film commission come qui da noi, la Mediateca Toscana; queste forniscono le manovalanze locali alle case di produzione che girano in Toscana, oppure si può mandare direttamente la propria candidatura alle case di produzioni. - Come proporre degli spezzoni di film ad un pubblico anche giovane? CROCCHIOLA: In un corso ha senso far vedere degli spezzoni, se invece si hanno a disposizione due ore, conviene farlo vedere tutto, preparandosi prima per un eventuale discussione. Se si ha poco tempo, conviene far vedere cose corte. I documentari sono fatti per il mercato televisivo che chiede filmati da minuti. Ci sono due opportunità in Italia: 1) è il principale noleggiatore di documentari in Italia; 2) il portale Non esiste solo il cinema, esistono anche documentari utili allo scopo di fare formazione con i giovani. Esiste un progetto patrocinato dalla Regione, intitolato Lanterne magiche che vuole aiutare gli insegnanti ad usare e commentare i film in classe con gli studenti. - Cosa tenere presente quando guardiamo un film? CROCCHIOLA: Non c è una cosa in particolare, quando mi colpisce una scena o una frase, prendo appunti su un block notes o sul cellulare. Quando si guarda un film però dobbiamo lasciarsi andare all emozione: se un film commuove, piangete, se vi fa stare bene, ridete.se poi dovete lavorarci sopra, guardatelo una seconda volta, prendendo appunti, leggendo qualcosa. Comunque il critico cinematografico non perde mai il gusto di lasciarsi coinvolgere dal film. 6

7 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola Conversazione tra don Andrea Bigalli3 ed il regista Federico Bondi4 DON ANDREA BIGALLI: Come sei arrivato a fare il regista? FEDERICO BONDI: Ho cominciato facendo cortometraggi con gli amici, all età di quindici anni, con la telecamera di mio padre. Finito il liceo mi sono iscritto all Università di Firenze, al Corso di laurea di Musica e Spettacolo e parallelamente ho frequentato un corso per operatori e montatori cinetelevisivi che mi ha dato gli strumenti di conoscenza del mezzo e l opportunità di entrare in contatto con le realtà locali (Mediateca Regionale Toscana, televisioni locali ). Fondamentalmente nasco come operatore e montatore e l università mi ha stimolato una curiosità che già c era. Per quanto riguarda il lavoro, sul set ho fatto di tutto: elettricista, fonico, assistente alla macchina, operatore, aiuto regista. Contemporaneamente avevo i miei documentari, i miei cortometraggi. Non ho fatto una scuola di cinema vera e propria, come il Centro Sperimentale di Cinematografia, volevo rimanere a Firenze. Con l avvento delle tecnologie digitali si è rivoluzionato il mondo dell audiovisivo, è in atto ormai da anni una democratizzazione del cinema: tutti potenzialmente siamo in grado di fare un film, basta avere una telecamera ed un programma giusto e te lo monti da solo. Ciò che fa la differenza però sono i contenuti, per cui ho letto molto, molto più di vedere i film. E così che sono arrivato a Mar Nero, la storia in breve di un rapporto di amicizia tra un anziana fiorentina ed una giovane badante rumena, tratta da vicende di carattere autobiografico: Gemma era mia nonna ed Angela la sua badante. Personalmente ho potuto vedere la trasformazione di mia nonna che, indurita dalla vita, grazie alla pazienza ed all affetto di questa ragazza mia nonna s è realmente sciolta. Per cui c era la materia umana per fare un film, questa evoluzione dovuta al rapporto tra due persone 3 Don Andrea Bigalli, 48 anni, è parroco dal 1999 a Sant Andrea in Percussina (San Casciano Val di Pesa), insegna religione nelle scuole superiori di Firenze. Vice direttore della Caritas toscana dal 1998 al Componente del Comitato Regionale toscano di Libera, del Consiglio Nazionale di Pax Christi, membro della Redazione di Mosaico di Pace. Fa parte del Direttivo della Rivista Testimonianze, ed è membro del Comitato tecnico scientifico della Fondazione Ernesto Balducci. Giornalista pubblicista dal 1995, è critico cinematografico e opinionista presso Radio Toscana. 4 Federico Bondi è nato a Firenze nel Si è laureato in Lettere presso l Università di Firenze. Dal 1996, è autor e e regista di cortometraggi e documentari, oltre che di spot e videoclip. Con il film Mar Nero (2008) Bondi ha ottenuto tre premi alla 61esima edizione del Festival del Cinema di Locarno, tra cui il premio per la miglior regia e quello della Giuria ecumenica. 7

8 costrette a dividere lo stesso spazio ventiquattro ore al giorno. Poi volevo mandare un messaggio positivo: di solito le badanti sono rappresentate come persone che vogliono raggirare gli anziani, io invece ho cercato di rendere il rapporto straordinario tra queste due donne. Tutto è ruotato intorno ad un se :«Se Angela fosse costretta a tornare in Romania, mia nonna che avrebbe fatto?». Mia nonna sarebbe partita, grazie all affetto che la legava alla sua badante. Con questa intuizione ho potuto fare il film, l idea iniziale è come una scintilla: mi ricordo che uscii da casa di mia nonna, dopo aver assistito ad un dialogo straordinario tra loro due e dissi:«questo è un film!». DON ANDREA: Raccontaci il tuo incontro con il produttore di Mar Nero. BONDI: E fondamentale credere fermamente all idea originaria, ti aiuta tanto, anche agli occhi del produttore che vedeva che ero convinto. Ho trovato un produttore che ci ha creduto tanto, che mi ha sostenuto, anche in fase di distribuzione, che è il grosso problema del cinema italiano. Io ho incontrato il mio produttore per caso a Torino, alle giornate del cinema e dell audiovisivo e lì ho avuto modo di parlargli direttamente della storia: non bisogna aver paura di avere tra le mani una storia semplice. E importante raccontare il film in maniera coincisa: il produttore non ha tempo di ascoltare tutti i dettagli. Senza il produttore non fai nulla, il film non è frutto di un singolo, ma è frutto di una collaborazione continua. Un produttore indipendente che va alla ricerca di storie è più che altro alla ricerca di autori, da mantenere nel tempo (se Mar Nero ha fatto centomila spettatori, si spera che col secondo film ne faccia molti di più). E fondamentale davanti al produttore mostrarsi molto sicuro di sé e della propria storia: devi essere credibile, devi sapere cosa vuoi dire. Per costruire un film, una storia, devi conoscere perfettamente ciò di cui parli e devi parlare di ciò che conosci. In questo anno mi sono arrivati soggetti, sceneggiature: è tempo perso, anche se le mandi al produttore che, come dicevo, non ha tempo. Eventualmente gli puoi mandare una sinossi (una pagina in cui si racconta il nucleo del film) e poi da lì se c è un interesse, puoi scrivere un trattamento. Il produttore a questo punto opzionerà il soggetto e solo allora scriverai la sceneggiatura, anche insieme al produttore che vuole essere parte attiva del progetto perché investe tempo, forze, denaro. Personalmente ho letto alcune sceneggiature che mi sono arrivate: storie di fantascienza, gialli metafisici, il filone giovanilistico. Mi viene in mente Saviano, ancora adolescente, scrive un racconto metafisico che manda ad un editore che gli scrive una lettera in cui gli dice:«sai scrivere, ma affacciati alla finestra e descrivi ciò che vedi» (aveva visto da dove era stata spedita la lettera). Saviano ha seguito il consiglio ed è stata la sua fortuna: raccontare ciò che si conosce bene, così sai cosa far dire ai personaggi. Il processo di creazione di un film è a togliere fino ad arrivare all essenziale. Io avevo una mole impressionante di idee, dialoghi, poi si è trattato di levare, per dare compattezza ed equilibrio alla 8

9 struttura; sto parlando della scrittura che è, a mio parere, la fase più importate. Se non avessi avuto una sceneggiatura solida, non ce l avrei mai fatta: avevo cinque settimane per girarlo, senza un piano di regia ben preciso, non sarei riuscito a realizzare la mia opera perché sul set il tempo vola, con il direttore di produzione, ad esempio, che ti assilla con i tempi da rispettare perché altrimenti scattano gli straordinari. Bisogna andare lì con delle idee chiare, per evitare di perdersi. Io scrivo su taccuini e poi ricopio sui files del computer. Tornatore invece, almeno per Nuovo Cinema Paradiso, buttava fogliettini in uno scatolone con delle idee, che poi ha ripreso per fare il film. DON ANDREA: Come ti sei trovato a lavorare con mostri sacri come Corso Salani e Ilaria Occhini? BONDI: Corso aveva tre pose nel film ed in quelle tre, quattro volte che è stato sul set di Mar Nero mi ha trasmesso pace. Ilaria Occhini ha interpretato mia nonna che era la prima ad essere teatrale, recitava la parte di quella che non voleva la badante in casa, per poi perdere pian piano questa maschera. La Occhini che viene dal teatro, da esperienze straordinarie, aveva un impostazione diversa da quella di Dorothea Petre, attrice rumena che arriva invece dal cinema: Ilaria s imparava la parte a memoria, mentre Dorothea improvvisava di più ed io stesso volevo che non l imparasse perché avresti perso la forza di una lingua che Angela non conosceva, doveva conoscere bene il senso della scena, senza conoscere le battute. Tra questi due approcci sentivo che all inizio c era un po di stridore, ma alla fine è andata bene. Per quel che concerne le riprese, ho voluto mantenere lo sviluppo cronologico della vicenda, cosa che nel cinema è rara, in cui di solito si gira in maniera non cronologica. DON ANDREA: Quante era il budget a disposizione per il film e quanto tempo avete trascorso in Romania per le riprese (tra l altro la parte rumena è molto bella, a mio parere)? BONDI: Abbiamo trascorso una settimana in Romania. Il budget per il film è stato di euro, è una fascia media per un esordio. Il film di un esordio può costare un milione e mezzo, dunque abbiamo speso la metà. DON ANDREA: La selezione del cast com è avvenuta? BONDI: Il lavoro per la scelta del cast è stato legato alla produzione, ne abbiamo parlato insieme, ma l input è venuto da me, non c è stata nessuna imposizione da parte del produttore. Ilaria Occhini è stata scelta con un provino, c erano anche altre attrici, non fiorentine, ma lei ha fatto il provino migliore: non volevo rinunciare alla fiorentinità, al linguaggio fiorentino che ha un ruolo importante nel film. DON ANDREA: Il lavoro di scrittura sul tuo film si vede. Uno dei grossi problemi del cinema contemporaneo è proprio la carenza della scrittura dei testi; non è un caso che oggi gli sceneggiatori sono pagati quasi più dei registi. 9

10 BONDI: Prima insistevo molto proprio sui contenuti. Spesso invece i registi alle prime armi sono più affascinati dalla tecnica, dalla forma, ma la forma non è nulla. Ogni film poi ha la sua forma, c è una fusione tra stile e contenuto. DON ANDREA: Qual è la dinamica della distribuzione cinematografica? BONDI: Mar Nero non ha avuto un budget per la promozione. La fortuna del film l ha fatta il passaparola e l appoggio della critica che ne ha parlato bene, sull onda del festival. Il mio film è stato in concorso a Locarno, come unico film italiano, abbiamo vinto tre premi, nonostante ciò, pur con la collaborazione di Rai Cinema non avevamo distribuzione. In Italia le due grandi major della distribuzione sono 01 e Medusa. 01 avrebbe distribuito il film, ma a Maggio e ciò avrebbe significato perdere la scia del festival, i David di Donatello, rischiare anche di bruciare il film in un periodo, quello pre-estivo, dove la gente è meno attenta alla programmazione dei cinema. Il produttore allora ha deciso di distribuire il film in maniera indipendente, cioè senza essere legato a queste due major, andando direttamente all associazione degli esercenti. Uscire in modo indipendente vuol dire essere presenti con dodici copie, come nel caso di Mar Nero. Vuol dire uscire solo nelle maggiori città italiane. Grazie a questa distribuzione indipendente però il mio film è stato 7 mesi al cinema Mexico di Milano, gestito da un esercente illuminato che non rientra nelle logiche di mercato di distribuzione monopolizzata. Ha tenuto, ad esempio, venti mesi il film Il vento fa il suo giro : ciò può voler dire fare la fortuna di un film. Sono due approcci diversi, non so quale preferire: con le major il film dopo un mese sarebbe uscito dalle sale. Mar Nero a Firenze è stato tre settimane al Cinema Marconi ed andava benissimo, nonostante questo dopo tre settimane lo dovevano levare per dare la possibilità di entrare ad un altro film. Oggi un film non è più visto come prodotto autonomo, ma fa parte di un pacchetto di film che viene venduto. Molte opere prime non riescono ad essere distribuite, non vengono viste, anche perché mancano le sale, non c è libero accesso al prodotto. Gli esercenti dei cinema comprano pacchetti di film, difficilmente danno spazio a chi offre solo un prodotto. DON ANDREA: Raccontaci a questo punto quale sarà il secondo film? BONDI: Bisogna non farsi prendere dalla fretta, ma sviluppare le idee con pazienza. E importante andare alla ricerca di segni continui. Pensavo ad un film che riguardasse l Africa, la storia di una volontaria: da tempo infatti ho conosciuto O.N.G che lavorano nel Sud del mondo. Avevo buttato giù qualcosa quando Unicoop Firenze mi ha chiesto di andare in Kenya, nell ambito di un progetto che portasse alcuni giovani in Africa. DON ANDREA: Lavorerai con lo stesso produttore? BONDI: Certamente, io gli devo molto e si è stabilito un rapporto di fiducia, che non mi fa avere dubbi. 10

11 DON ANDREA: Tu citavi nuove tecnologie per linguaggi diversi e nuove potenzialità produttive. Cosa vedi di fermento anche nel cinema italiano? BONDI: Non ho idee sul futuro del cinema italiano, ci sono tanti registi, ognuno con la sua poetica, più o meno giovani. Ho visto degli ottimi film negli ultimi anni. Risposte a domande del pubblico - Sono stato molto contenta di conoscere un regista, anche se sono rimasta sorpresa perché avrei pensato più ad una dimensione creativa del regista, mentre tu hai sottolineato di più l esperienza, storie che vengono dal vissuto. BONDI: Per la mia opera prima dovevo dimostrare di crederci e se non partivo dalla realtà non avrei avuto elementi. Per questo devo anche ringraziare Ugo Chiti che ha collaborato alla sceneggiatura. Bresson diceva che «creare non significa deformare o inventare persone o cose. Vuol dire stringere fra persone e cose che esistono, già così come sono, rapporti nuovi». Da parte sua il poeta Rainer Maria Rilke mostra come sia importante il ricordo dell esperienza personale, della vita vissuta:«bisognerebbe aspettare e raccogliere senso e dolcezza per tutta una vita e meglio una lunga vita, e poi, proprio alla fine, forse si riuscirebbe poi a scrivere dieci righe che fossero buone. Poiché i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si hanno già presto), sono esperienze. Per un solo verso si devono vedere molte città, uomini e cose, si devono conoscere gli animali, si deve sentire come gli uccelli volano, e sapere i gesti con cui i fiori si schiudono al mattino. Si deve poter ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e a separazioni che si videro venire da lungi, a giorni d'infanzia che sono ancora inesplicati, ai genitori che eravamo costretti a mortificare quando ci porgevano una gioia e non la capivamo (era una gioia per altri), a malattie dell'infanzia che cominciavano in modo così strano con tante trasformazioni così profonde e gravi, a giorni in camere silenziose, raccolte, e a mattine sul mare, al mare, a mari, a notti di viaggio che passavamo alte rumoreggianti e volavano con tutte le stelle, e non basta ancora poter pensare a tutto ciò. Si devono avere ricordi di molte notti d'amore, nessuna uguale all'altra, di grida di partorienti, e di lievi, bianche puerpere addormentate che si richiudono. Ma anche presso i moribondi si deve essere stati, si deve essere rimasti presso i morti nella camera con la finestra aperta e i rumori che giungono a folate. E anche avere ricordi non basta. Si deve poterli dimenticare, quando sono molti, e si deve avere la grande pazienza di aspettare che ritornino. Poiché i ricordi di per se stessi ancora non sono. Solo quando divengono in noi sangue, sguardo e gesto, senza nome e non più scindibili da noi, solo allora può darsi che in una rarissima ora sorga nel loro centro e ne esca la prima parola di un verso». 11

12 - Nella lavorazione del film quanto è importante riferirsi all idea originaria? BONDI: Io avevo un messaggio ben preciso, un idea ben precisa e questa non l ho mai cambiata. Qui si ritorna all importanza di una storia semplice: solo se hai una storia semplice puoi andare in profondità, con una storia complessa ti limiti a rimanere in superficie ed è difficile tenerla insieme. Ci sono registi che partono dall affascinazione di un titolo, altri che iniziano da un luogo, da un paesaggio, un personaggio o un immagine, registi che sono più o meno intenzionati a lasciare un messaggio. Per il mio primo film avevo chiaro il messaggio e l ho mantenuto. - Che valore possono avere i cineforum e che consiglio daresti a persone che vogliono fare il cinema? BONDI: Il cineclub non funziona più, occorre reinventarlo: bisogna rendere partecipe lo spettatore, renderlo parte attiva di un collettivo di persone, organizzando ad esempio un piccolo festival tra associati, premiando il film con la fotografia migliore Magari opere di autori italiani in modo che poi li chiami, e invitare un regista che porta la sua esperienza può essere di richiamo per altre persone. Per quanto riguarda l altra questione, se uno vuol fare cinema, oggi è molto più semplice. Negli anni 70 non potevi fare un film se non andavi a Roma, oggi si può rimanere a Firenze. Oggi con una telecamera da 500 euro ed un programma al computer puoi creare un film: è un opportunità che i giovani di dieci anni fa non avevano, anche perché la qualità del VHS era pessima, oggi invece il tuo film in digitale può essere proiettato al cinema. Tutto allora sta nell idea, la storia fa la differenza; il consiglio che vi do è di guardarvi intorno, segnarvi tutto, leggere, vedere film. - Conta di più la critica cinematografica o il pubblico? BONDI: Contano tutte e due allo stesso modo. Io devo molto ai critici che hanno parlato bene del mio film e questo ha convogliato tante persone al cinema. - Quale compito aspetta il cinema? BONDI: Nella televisione regna la superficialità, non si può approfondire. Il cinema ed il documentario sono chiamati ad approfondire perché abbiamo bisogno di capire. Ho parlato con documentaristi che spinti dal desiderio di approfondire hanno raccontato tutta una serie di storie, con l idea di agire, agire per capire, approfondire, scoprire la verità. Un documentario di questo genere però non passerà mai in televisione perché dura troppo, perché non rispecchia i modelli omologati della televisione. C è il rischio che il sistema ci obblighi a rimanere immaturi, dobbiamo essere noi a cercare le notizie che c interessano. DON ANDREA: Bisogna puntare sulla qualità delle iniziative e sulla formazione, senza la preoccupazione di contarsi. La battaglia per la qualità è una battaglia che dobbiamo fare e che può riservare delle belle sorprese come Paolini che fa uno spettacolo in televisione sul Vajont con otto milioni di spettatori. Il lavoro dell istruzione, dell educare al senso critico deve essere fatto. Il libro 12

13 le nuove generazioni (tra i 14 ed i 20 anni) lo stanno perdendo come strumento: spesso leggono perché costretti ed allora a maggior ragione non gli piace. - Cosa s intende per ritmo di un film? BONDI: E la tensione narrativa, drammaturgica che tiene lo spettatore seduto e partecipe per cui devi seguire delle regole, che in certi casi possono essere infrante. 13

14 Fare formazione culturale con il cinema Don Andrea Bigalli (critico cinematografico) L incontro di stasera vuole essere un approfondimento culturale, in un ottica pastorale. Innanzitutto il concetto di cultura: essa rappresenta tutto quello che possediamo a livello individuale e nell ottica collettiva per metterci in relazione con la realtà circostante, non solo per conoscerla ed ordinarne gli elementi, ma anche per trasformala. Lo strumento culturale è la prospettiva attraverso cui noi riprendiamo l elemento creativo di Dio: Dio parla e le cose sono. Ugualmente le cose che immaginiamo e pensiamo siamo a volte in grado di costruirle e realizzarle. Il cinema fin dall inizio si è rivelato come una prospettiva squisitamente culturale: da un lato è la capacità espressiva di una persona che ponendosi dietro la cinepresa, ordinando il suo racconto per immagini in un certo modo, esprime se stesso, crea un linguaggio che può comunicare anche con gli altri, ma questo linguaggio è capace di indurre trasformazioni perché veicola una conoscenza della realtà che non è soltanto più dell artista, ma è condivisa e ciò genera anche la prospettiva dell intesa; un film può muovere delle convinzioni, delle persone ad agire in un modo piuttosto che in un altro. Il cinema unisce due linguaggi diversi, immagine e parola, in una ricostruzione della realtà che è rilevante: attraverso l immagine ricostruisco la realtà che completo con un suono. Questo mi consente di riprodurre ciò che esiste già, ma mi permette pure di costruire realtà e vicende che prima non esistevano. Non c è storia infatti che il cinema non sia in grado di riprodurre, già gli effetti speciali hanno determinato di raccontare ciò che prima non si poteva narrare: c è una prospettiva di assoluta creatività da questo punto di vista. Pensiamo dunque all avvento del digitale con cui le immagini vengono trattate attraverso l informatica. Anche se quello che resta importante è produrre delle storie, il cinema fondamentalmente crea delle storie e quello che conta è l idea. Leggere un film Il cinema si pone su una prospettiva nuova per quanto riguarda il linguaggio della comunicazione e la realizzazione: il film è un opera collettiva in cui i ruoli sono diversi e tutto concorre a far sì che varie competenze ci restituiscano il prodotto che poi noi consumiamo. I titoli di coda infatti sono sempre più lunghi, a dimostrazione dell investimento della produzione nella scelta di varie 14

15 competenze: il cinema industriale assomiglia ad una catena di montaggio, elementi diversi su cui ognuno interviene nel proprio settore. Per certi versi invece Federico Bondi, che abbiamo ascoltato l altra settimana, è un cineasta di vecchia generazione (lo dico per fargli un complimento): ha lavorato in prima persona alla sceneggiatura, al montaggio. Un film occorre che sia smontato per capirlo, scomposto nei suoi elementi per fare un analisi: un film è la storia, la capacità di dirigere gli attori, la fotografia, la sonorizzazione, la scenografia Vedete quanti elementi diversi concorrono e per arrivare a capire il linguaggio che il regista vuole adoperare, bisogna mettere in campo questi diversi livelli di competenza. Ad esempio il film Non è un paese per vecchi che ha vinto il premio Oscar due anni fa non ha colonna sonora, ma i rumori stessi del film costituiscono il sottofondo sonoro: è una scelta stilistica precisa. In questa ottica bisogna studiare qualcosa, leggere un po di critica, ma il cinema s impara soprattutto andando al cinema, occorre conoscere gli autori, riprendere opere che non si sono viste. E importante anche un po di sistematicità quando si va al cinema, darsi un minimo di orientamento, creandosi una competenza sui generi. Personalmente, dovendo fare il critico cinematografico per Radio Toscana ho dovuto vedere film di tutti i generi, superando in alcuni casi una riserva di tipo snobbistico:«se questa opera la vedono tutti, allora è brutta». Ciò può essere vero, ma anche i film più brutti intercettano a qualche livello una necessità della massa degli spettatori, tra l altro consentono agli esercenti di tirare avanti la baracca con gli incassi: è la differenza tra cinema commerciale e cinema di qualità. I cineforum si fanno con film di qualità perché vogliamo educare il pubblico. Bisogna restituire l opera cinematografica alla sua realtà di opera d arte: c è infatti una differenza tra film d autore e film commerciali. Non si va al cinema solo per divertirsi, ma anche per formarsi. A questo però bisogna arrivarci secondo una progressione, è necessario educare gradatamente il proprio palato cinematografico. Ci deve essere questa capacità di riappropriarsi di un film come evento culturale. Il regista, che esprime se stesso, propone la sua visione, la sua lettura di quanto sta narrando. Guidando la lettura dei film bisogna insistere sulla cosiddetta semiotica, il cinema è tessuto di segni, in quanto tessuto di immagini. La grande prospettiva è d interpretare i segni e ricondurli a quello che il regista vuol comunicare, ma anche quello che tu stesso identifichi per la tua vita e la tua esperienza. L opera d arte, un volta che si libera dalle mani di chi l ha concepita, diventa tua. Ci sono dei film, magari niente di eccezionale, che rappresentano però per la mia vita momenti particolari. L artista mi dà qualcosa attraverso cui esprimo me stesso. E questo dovrebbe essere anche la grande funzione del cinema come momento educativo: io dovrei guidare le persone a impossessarsi degli elementi che il film introduce perché uno li possa tradurre nella propria realtà di 15

16 vita. Il film, il libro o il disco esprimono ciò che abbiamo dentro. Le generazioni di oggi sono molto più poveri dei linguaggi di comunicazione, soprattutto sul piano dei sentimenti e delle emozioni. Insisto molto sul cinema che rimanda ai libri, racconta le storie, ma dovrebbe consegnare la voglia di tornare al testo originale. Da questo punto di vista il cinema tenta la rilettura di grandi opere, magari stravolgendole. Difficilmente la riproduzione del testo scritto genera grandissimi film: lo è stato Apocalipse now di Coppola, tratto dal romanzo di Conrad Cuore di tenebra. Anche per i registi è importante conoscerne il dato biografico, la filmografia, come si fa per gli scrittori. Non si capisce ad esempio il cinema di Bergman se non si capisce la sua vicenda di figlio di un pastore luterano e non si coglie che il protestantesimo svedese è del tutto particolare e si riflette nella concezione dell uomo. Oggi siamo fortunati perché possiamo accedere a tutto quello che vogliamo in tempi rapidi ed a costi contenuti. La mia generazione invece visto un film al cinema, doveva aspettare che ripassasse in televisione, dopo almeno 10 anni dall uscita in sala. Molti film ce li siamo ricordati, non li potevamo rivedere di continuo come possiamo fare ora. Il lavoro dei cineforum è ben diverso, anche grazie al dvd ognuno potrà farsi i propri cineforum. Lo strumento visivo è più disponibile che in passato, adesso abbiamo un accessibilità assoluta, siamo davanti ad una dimensione più ricca. Non so in quale forma noi nei prossimi anni usufruiremo del cinema. Come dicevamo l altra volta, non so se le sale sopravvivranno, anche a causa di Internet. Dopo la crisi del cinema, ora c è la crisi del videonoleggio perché il satellite e la Rete permettono di avere il film a prezzi inferiori. Ad ogni modo la competenza che vi sarete fatti nel frattempo, comunque vi sarà utile. Si tratta di prendere il film, saperlo analizzare, selezionarlo, catalogarlo: i mie colleghi bravi si fanno dello scalette quando vanno a vedere un film, lo rubricano, lo sistemano, lo dividono per aree tematiche, si creano elenchi che permettono così di rispondere a chi ci domanda di vedere un film sulla libertà, sulle problematiche giovanili, sulla mafia Organizzare un cineforum: un esperienza Nel cineforum che dirigo alla San Michele, abbiamo fatto una scelta, selezionando il meglio della stagione cinematografica precedente, cercando di recuperare i film che non sono stati visti abbastanza, perché hanno avuto livelli bassi di diffusione, sono stati in sala pochissimo e magari quando passano in televisione sono collocati in orari molto tardi. Noi selezioniamo le opere con questo criterio, tentiamo anche di collocarli secondo una griglia che sia tematica, proviamo ad orientarli per filoni in modo che chi viene abbia già un indicazione minima su che tipo di film vedrà. Tutte le volte prepariamo una scheda critica (ci sono vari buoni siti che raccolgono il materiale critico, un apparato di notizia sul film ) questo serve ad avere elementi immediati sulla 16

17 fruizione del film. Per orientare le visioni abbiamo le classificazioni della CEI, e strumenti molto utili per reperire le schede critiche dei film, le valutazioni pastorali. Ci sono inoltre dei criteri banali, ad esempio noi non ci possiamo permettere per orario di mettere film che durino più di due ore, anche perché insistiamo molto sul fatto che cineforum significa possibilità di assistere al dibattito. Dopo diversi cicli infatti ti accorgi che la gente non viene solo per il film, ma viene pure per l analisi della discussione conseguente al film. La sfida è quella di educarti insieme alle persone che seguono il tuo cineforum, che fanno questa esperienza. Si tratta anche di avvisare le persone su alcuni elementi del film che vedranno, ad esempio:«il ritmo è diverso da quello di cui siamo abituati» (le nuove generazioni pensano a ritmi più veloci dei propri genitori per cui giudicheranno lento un film che noi invece giudichiamo assolutamente normale). E importante avere anche un minimo di bagaglio sul linguaggio tecnico (cos è un primo piano, cos è un piano sequenze.basta leggersi qualcosa da un manuale 5, sono informazioni che si leggono in un pomeriggio, ma sono utili). Con questa preparazione possiamo far notare allo spettatore, ad esempio, dov è collocata la telecamera. Pensiamo a Shining in cui la macchina da presa non si sposta più su un carrello, ma viene inventata la steady camera che, montata a spalla, permette all operatore di riprendere le scene secondo una prospettiva di visuale nuova che, in quel caso, crea nello spettatore stati d animo angosciosi. Conta molto come s introduce un film, le persone devono essere attratte dalla cosa che stanno per vedere. Bisogna anche essere onesti (per esempio In questo film ci sono difficoltà ), si possono dare delle indicazioni (anticipare alcune sequenze chiave o dei dialoghi importanti), si può spiegare il titolo oppure lasciarlo alla fine. Inoltre presentare il film agli adolescenti è diverso che proporlo ad un pubblico di mezza età, bisogna tenere presente la platea che si ha di fronte. Ma soprattutto in fase di discussione bisogna avere un incredibile pazienza sostenuta dalla convinzione che tutti possono parlare, determinando però i tempi degli interventi (il dibattito va moderato e tenuto vivo). Alla fine si deve concludere con il messaggio del film, si propone infatti opere che possono essere significative: a volte il senso è immediato, altre volte meno. Ci sono dinamiche molto articolate e complesse, un film si colloca in alcune realtà precise; per esempio l horror degli anni Settanta negli Stati Uniti si sviluppa in un tempo in cui il popolo vede continuamente alla televisione scene di guerra. Si fa al cinema ciò che non si vorrebbe vedere in televisione, si cerca di esorcizzare attraverso il cinema quello che la realtà ripropone con violenza. Inoltre c è il grande cinema di denuncia, che a volte si realizza poco tempo dopo gli eventi. Concludo facendo un riferimento al cinema religioso. All inizio della storia del cinema è stato un passaggio molto significativo, le grandi case produttrici hanno investito molto su questo tipo di film 5 Al seguente indirizzo Internet è possibile trovare un sommario dei termini principali della tecnica cinematografica (n.d.c). 17

18 per vari motivi: erano storie che avevano presa perché la gente le conosceva già un po ed inoltre perché non si dovevano pagare i diritti d autore: non si spende per le storie bibliche, si paga solo lo sceneggiatore. Le chiese, sia cattolica che protestante, hanno commissionato molti racconti biblici e dei santi, concependole come strumenti di catechesi, un po come accadeva con gli affreschi delle grandi chiese (biblia pauperum); attraverso l immagine comunichi delle storie che si vuole far conoscere, il cinema ha svolto questa funzione. Ci sono dei registi che recuperano tematiche religiose, anche da un ottica laica e addirittura atea o agnostica, con intuizioni significative. Registi che vengono forse da contesti in parte diversi, che però ci restituiscono riflessioni importanti sul Sacro. La cosa più interessante è ricercare i segni del sacro laddove apparentemente non sembrano esserci. Se pensiamo a Luis Buñuel che era fortemente anticlericale, ma se vediamo la Via Lattea è un film che si pone domande serie: c è un rifiuto del Cattolicesimo, ma non di una certa ricerca religiosa. In altri film, più recenti e di successo commerciale, ci sono riferimenti cristologici diretti: in Matrix 3 il personaggio si sacrifica e muore a braccia spalancate; in Spiderman 2 c è una deposizione laica: lui blocca un treno per salvare le persone e lo portano via con le braccia in croce e la tuta strappata sul costato. Dunque occorre cercare quello che il Concilio Vaticano II definisce i semi del Verbo: Dio continua a parlare a tutti, anche se magari uno non se ne rende conto ed il comunicarsi di Dio passa anche su quello che fai in altri piani. Risposte a domande del pubblico - Come aiutare i giovani ad appassionarsi al bel cinema e soprattutto ad imparare a leggere i film? DON ANDREA: Dobbiamo scegliere una pedagogia, l aggancio potrebbe essere quello di far vedere la grande oppurtunità di una lettura guidata. Bisogna avere il coraggio di guardare i film che vanno per la maggiore tra i ragazzi come quelli di Moccia o Twilight e poi fare un analisi di quel tipo di film lì, smontandolo e mostrando quello che significa lavorarci sopra. Questo è un primo passo, poi bisogna introdurli a cose diverse, a mio parere non c è film su cui tu abbia creato una tensione, anche dal punto di vista di metodo, che tu non possa proporre: io ho fatto vedere Bergman ad un pubblico giovane. In questa ottica bisogna tenere sempre presente che il bianco e nero è diventato difficile da apprezzare dalle nuove generazioni. Bisogna avere la possibilità di agganciare i ragazzi attraverso un metodo, ricercando ad esempio il cinema commerciale oppure invitandoli a portare film che li piacciono per imparare a interpretarli, discuterne insieme e poi passare ad un altro livello. Il grosso elemento dei film commerciali è che lo spettatore non va sconvolto, ma rassicurato: chi va al cinema due volte l anno, non ha voglia di farsi turbare per cui non sopporta i film che non vanno 18

19 a finire bene. Questo vi spiega per cui vanno così forte i vari Natali a.. che sono rifatti come la televisione (ci sono gli stessi attori, le stesse musiche.), è un prodotto che ti consente di andare al cinema come tu guardassi la televisione, è un elemento di rassicurazione: vedere raccontata sempre la stessa storia è una rassicurazione come i bambini che si fanno raccontare sempre la stessa fiaba o vogliono vedere lo stesso dvd. Moccia ad esempio funziona perché parla di amore secondo dinamiche rassicuranti ed adopera un linguaggio farcito di riferimenti commerciali. Su questo argomento una considerazione di carattere generale: le nuove generazioni hanno un problema di afasia sentimentale, hanno meno parole per esprimere i propri sentimenti, lo dico dopo 15 anni che faccio l insegnante. Il film non si può lasciare in mano ai ragazzi così com è, bisogna intervenire su quei passaggi discutibili come il suicidio ne L attimo fuggente. Gran parte del fatturato del cinema lo fanno gli adolescenti, ma film veramente da ragazzi c è poca roba, a volte è banale, non ha dimensione pedagogica ed educativa; assistiamo ad una commistione del cinema con il linguaggio dei videogiochi e dei fumetti. C è inoltre un problema generazionale: i ragazzi vedono tantissime immagini, ma non ne colgono la qualità possibile; l immagine deve essere veramente significativa perché l immaginazione possa continuare a funzionare, il rischio è che l immaginazione si saturi. Il linguaggio del videoclip ad esempio è accattivante, ma rischia di bruciare la dimensione dell immaginario. La parola scritta dovrebbe essere quella vincente. - C è bisogno di fare cineforum, ma spesso vengono fatti tentativi superficiali, senza una preparazione adeguata, senza conoscere la grammatica del film. DON ANDREA: E vero, è stato abbassato un po il livello. Se vi posso dire dove ho imparato a leggere il film, vi confesso di averlo fatto grazie all esegesi biblica. Forse ci manca questo fascino dell esegesi che se poi uno la impara in un campo piuttosto che in un altro (letterario, arte ), la sai adoperare dappertutto ed è una dimensione entusiasmante della ricerca culturale, c è il fascino della ricerca del contenuto possibile, quello che può servire a te. E interessante quando questa lettura si fa con i libri e con i quadri.imparare a decifrare un film significa poi ritrovare uno strumento che ti consente di decifrare la pubblicità, questi prodotti che sono invasivi (quanta pubblicità vedono gli adolescenti); imparare a decifrare quel livello lì diventa prezioso perché ognuno torna a casa e subisce il linguaggio pubblicitario meno passivamente. La vita si assapora in una profonda dimensione culturale, dobbiamo recuperare il gusto di vivere ad un certo livello, è un gusto sapienziale cioè delle cose che danno sapore alla nostra vita. 19

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Taranto in short. Bando

Taranto in short. Bando Taranto in short Bando L Associazione culturale Mente Acrobatica con il sostegno dell Associazione Palio di Taranto e del Castello Spagnolo di Statte, organizza per il mese di Luglio 2015 la seconda edizione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli