MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere. MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere. MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola"

Transcript

1 Associazione Il Palco Onlus Centro Culturale San Paolo MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009 Cinema e media: un mondo da conoscere Relatore: Michele Crocchiola direttore artistico di Stensen/Cinema PER CHI? Animatori di cineforum Appassionati di cinema e chiunque sia interessato! Dove? Casa della Gioventù piazza E. Dalla Costa, 25 Firenze INFO: Centro Diocesano di Pastorale Giovanile MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE 2009 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola Relatore: Federico Bondi regista di "Mar Nero" (film premiato al festival di Locarno 2008) MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 2009 Fare formazione culturale con il cinema Relatore: don Andrea Bigalli sacerdote e critico cinematografico

2 PRESENTAZIONE Sono qui trascritti i contributi dei relatori che sono intervenuti al corso d introduzione al linguaggio cinematografico, promosso dal Centro Diocesano di Pastorale Giovanile di Firenze, nel Novembre del Nel primo incontro Michele Crocchiola ha tracciato un percorso nel mondo dell audiovisivo: non solo cinema, ma anche cartoni animati, videoclip, documentari, mettendo in risalto le peculiarità di questi linguaggi. Inoltre, in qualità di direttore artistico di Stensen/Cinema e moderatore di cineforum, Crocchiola ha dato alcune indicazioni importanti per coloro che vogliono organizzare cineforum. La seconda data ha visto il regista Federico Bondi dialogare con il critico cinematografico don Andrea Bigalli, spiegando come nasce un film, come funziona la produzione e la distribuzione delle opere cinematografiche. Infine nell ultimo appuntamento don Andrea Bigalli ha richiamato l alto valore culturale del cinema, fornendo suggerimenti preziosi per quelli che intendono usare i film con i ragazzi, ma non solo. Queste dispense vogliono essere uno strumento utile per tutti coloro che sono appassionati di cinema ed anche per quelli che vogliono usare il mezzo film per educare e fare catechesi, sia con i giovani che con gli adulti. Al fine di sfruttare al meglio le enormi potenzialità della cinematografia, occorre avere un approccio sempre critico e consapevole a questo grande mezzo di comunicazione, avvalendosi di una formazione adeguata. Questo corso si era prefisso proprio quest ultimo scopo. 2

3 Cinema e media: un mondo da conoscere Michele Crocchiola1 (direttore artistico di Stensen/Cinema) Stasera parlerò di cinema, ma anche di altre cose. Da nove anni sono responsabile delle attività cinematografiche dell Istituto Stensen in viale Don Minzoni a Firenze. La prima cosa che ho fatto quando sono arrivato è stato di togliere tutte le tessere, gli abbonamenti e le varie forme che vincolassero gli spettatori. Infatti se l interesse era di fare cultura, una cultura basata sul confronto, se volevamo che il linguaggio cinematografico fosse uno strumento per creare un confronto e una discussione, dovevamo tenere questo luogo più aperto possibile, dunque via tutte le modalità vincolanti: la porta è sempre aperta, lo spettatore si presenta, paga il biglietto (se il film è a pagamento) oppure entra gratuitamente (se il film è sovvenzionato da qualcuno). Secondo me è importante mettere al centro lo spettatore, tutelarlo, rendergli più facile possibile partecipare a questi eventi. Organizzare un cineforum: alcune indicazioni Se fai un cineforum, se fai un attività aperta al pubblico dobbiamo essere più disponibili possibile all accoglienza, eliminando tutti quei vincoli di cui parlavo prima. In questo senso il primo elemento che noi offriamo è il film che deve iniziare puntualmente: la presentazione deve essere quindi ridotta al minimo e non essere un quarto d ora di chiacchiere. Si fornisce la scheda scritta2 sul film ed al termine della proiezione, chi vuole può rimanere a discutere. A distanza di nove anni c è ancora un terzo della sala che va via al momento dei titoli di coda, altri invece rimangono anche fino a mezzanotte per confrontarsi fra di loro su vari temi. La persona che fa il commento al film si deve preparare anche se non eccessivamente, deve prima vedersi il film, leggersi qualche articolo su riviste specializzate come Cineforum o Ciak (a cui ci si può abbonare). Il moderatore fornisce quindi una prima lettura (dieci minuti circa), poi chiede al pubblico se ci sono commenti, emozioni Non si chiede a nessuno di essere un critico 1 Michele Crocchiola, laureato in Scienze Politiche, da nove anni è direttore artistico di Stensen/Cinema. E la scheda di presentazione del film in cui sono presentati gli attori, il regista, la casa di produzione, una sintesi della trama. Un esempio di questa scheda è disponibile sul sito 2 3

4 cinematografico, l importante è iniziare parlarne (es. A me il film ha fatto piangere, A me è piaciuto l attore ). C è sempre il problema che le persone non intervengono perché non si sentono all altezza del commento cinematografico. Occorre tenere presente il pubblico che si ha davanti, cercando di fornire un certo numero di informazioni (il regista, chi l ha prodotto, notizie sugli attori..) riguardo alla tematica, al contenuto, al messaggio che il film può avere, unito, ma solo come terzo elemento, al linguaggio cinematografico, senza entrare in tecnicismi cinematografici (cos è un piano americano?...). Il commento deve essere il più vivace, il più interattivo possibile, mischiando questi elementi. Se leggendo del film trovate del gossip (es. l attore x è famoso per aver frequentato l attrice y) metteteci dentro anche quello, serve a tenere sveglia la platea; detto questo, si passa poi agli aspetti tematici: è importante equilibrare tutti questi elementi. L animatore di cineforum non è un esperto di cinema, è un esperto di società, di persone, di tematiche, è uno che legge giornali, non deve essere necessariamente laureato in Scienze della Comunicazione: bisogna essere curiosi. Un animatore di cineforum deve rendersi conto di quello che le persone intorno a noi (soprattutto i giovani) vivono, fanno, utilizzano. Oggi una qualunque iniziativa sull audiovisivo deve cavalcare e non subire il cambiamento che è in atto, deve fare educazione su quello che sta succedendo ora; ci sono altri modi e luoghi in cui s impara la storia dell arte, del cinema e della cultura in generale: non è compito del cineforum. Anche se per l approfondimento ci si può avvalere di persone esperte di storia dell arte (ad esempio a volte invitavo una ragazza laureata in storia dell arte che ci aiutava a cogliere in alcuni film i riferimenti a dipinti, sculture ). Fatta questa puntualizzazione generale, a proposito di cambiamenti si sta passando da un mercato di massa ad una massa di mercati, si stanno creando delle nicchie di appassionati più o meno infinite (appassionati di cinema indiano, horror, africano ): esistevano anche prima, ma non avevano accesso al prodotto. Adesso non è più così: ora posso passare mesi a guardarmi in casa film del cinema africano! La sfida è continuare a fare delle attività che preservano la socialità della visione, il nostro lavoro è combattere la visione solitaria (per le persone più giovani avviene sul computer..). Il cinema nasce per essere visto in una sala buia senza distrazioni: al buio, con uno schermo davanti, con lo spettro dei nostri occhi che ha una certa angolazione, tu t immergi in un flusso di emozioni, ti cali nel film, è tutta un altra visione. Noi vogliamo preservare questo tipo di visione. C è dunque una questione tecnica ed una questione di socialità, cioè lo vediamo insieme e poi se ne discute. La discussione può avere due macrocategorie: 1) tematica: plasmare il film o il ciclo di film ad un tema (es. civiltà a confronto, si scelgono quattro film che parlano di questo tema); al termine si prende spunto dal film, ma non s impedisce di parlare del fatto di cronaca del giorno. Secondo me questa è la formula che può funzionare di più. 2) attenendosi di più al film: si commentano le 4

5 scene del film, è una modalità classica, ma non funziona con tutti i lungometraggi. Se non avete molta esperienza del commento cinematografico, seguite la regola di farvi una scaletta che ripercorre il film (es. La prima scena è interessante perché si collega a quest altra ). Leggere il cinema Oggi nella categoria cinema ci sta dentro di tutto: dalla pubblicità al videoclip ai grandi autori; meglio usare il termine di audiovisivo. Adesso vediamo un videoclip di un brano musicale intitolato Africa di un gruppo che si chiama Leftfield. E uno strumento più che ottimale per parlare di contenuti e di leggere il cinema. In quattro minuti infatti sono condensate ironia, denuncia sociale e corrisponde a tutti gli stilemi del linguaggio del videoclip. La domanda che vi faccio: ha ancora senso quando si organizza una rassegna, chiamarla una rassegna di cinema? La mia provocazione è: siamo sicuri che quello che stiamo vivendo in questo momento sia un attività prettamente cinematografica? Adesso vediamo una rivisitazione di Cappuccetto Rosso fatta da Tex Avery produttore di cartoni animati negli anni Quaranta Cinquanta. Tex Avery ha influenzato sessanta anni di cinema successivo (es. gli occhi che escono dalle orbite si ritrova citato in tanti film americani come The Mask). Strumenti come questo, cioè determinate animazioni degli anni Quaranta Cinquanta possono essere molto utili per divertirsi ad analizzare delle idiosincrasie che sono sempre molto attuali e per offrire degli spazi per conoscenze di tipo differente. Filmati come questi non necessariamente devono avere un ruolo educativo, non dobbiamo vederlo solo come strumento, ma dobbiamo essere consci che fanno parte di un mondo che si è aperto: su Internet si trova questo e tanto altro. Una cosa notevole di Youtube è che spesso ci sono estratti di filmati, alcune scene di un film (ad es. il monologo di De Niro davanti allo specchio in Taxi Driver). In generale siamo in un movimento tale che ci mancano gli strumenti per interpretarlo. Adesso vediamo una parte di Heimat III di Edgar Reitz, film sulla storia della Germania. Questo è l opposto di quello che abbiamo visto prima perché mentre gli altri erano flash su cui si poteva discutere, tematicamente nel videoclip, a livello di storia del cinema con Tex Avery, questa scena di Heimat è un dialogo sul capitalismo, utile a far partire, ad esempio, una discussione sul sistema economico: la cosa interessante è che da film come questo si può prendere dei pezzetti ed utilizzarli per dibattere e confrontarsi su vari argomenti. Guardiamo ora un estratto dal documentario americano The Corporation, sulle multinazionali: è molto chiaro su come funzionano i loro consigli di amministrazione.e l esempio di come i film e i documentari, se fatti bene, danno l occasione per imparare, per allargare i propri orizzonti. 5

6 Infine proietto un passaggio del film In linea con l assassino. E un film che hanno visto tanti, la scena che vi evidenzio può essere considerata come istruttiva su come funziona il mondo della comunicazione, su come viene plasmato il mondo della comunicazione. Tutti questi esempi, l ultimo più prettamente cinematografico, indicano che dobbiamo guardare tutti i film, stando attenti a tematiche, implicazioni che un film può offrire per discutere. In un classe di scuola oppure ad un catechismo, si può prendere spunto da un mezzo audiovisivo. Come consiglio, vi invito a costruirvi un attenzione, una curiosità, guardare al materiale audiovisivo con occhio critico e contenutistico. Quello che fa la differenza è la persona, come voi sarete in grado di leggere quello che vedete e, poi filtrato dalla vostra esperienza, rendetelo alle persone con cui siete in contatto. Risposte a domande del pubblico - Quale consiglio per un ragazzo che vuole lavorare nel mondo del cinema? CROCCHIOLA: Il mio invito è di andare sul set, rendendosi conto delle persone che contribuiscono a creare il prodotto: è così che si fa esperienza, essendo disponibili a fare qualsiasi lavoro (dall aiuto elettricista, al catering ). Per andare sul set è meglio rivolgersi alle produzioni, alle film commission come qui da noi, la Mediateca Toscana; queste forniscono le manovalanze locali alle case di produzione che girano in Toscana, oppure si può mandare direttamente la propria candidatura alle case di produzioni. - Come proporre degli spezzoni di film ad un pubblico anche giovane? CROCCHIOLA: In un corso ha senso far vedere degli spezzoni, se invece si hanno a disposizione due ore, conviene farlo vedere tutto, preparandosi prima per un eventuale discussione. Se si ha poco tempo, conviene far vedere cose corte. I documentari sono fatti per il mercato televisivo che chiede filmati da minuti. Ci sono due opportunità in Italia: 1) è il principale noleggiatore di documentari in Italia; 2) il portale Non esiste solo il cinema, esistono anche documentari utili allo scopo di fare formazione con i giovani. Esiste un progetto patrocinato dalla Regione, intitolato Lanterne magiche che vuole aiutare gli insegnanti ad usare e commentare i film in classe con gli studenti. - Cosa tenere presente quando guardiamo un film? CROCCHIOLA: Non c è una cosa in particolare, quando mi colpisce una scena o una frase, prendo appunti su un block notes o sul cellulare. Quando si guarda un film però dobbiamo lasciarsi andare all emozione: se un film commuove, piangete, se vi fa stare bene, ridete.se poi dovete lavorarci sopra, guardatelo una seconda volta, prendendo appunti, leggendo qualcosa. Comunque il critico cinematografico non perde mai il gusto di lasciarsi coinvolgere dal film. 6

7 Impossibile fare un film? Da un sogno ad una pellicola Conversazione tra don Andrea Bigalli3 ed il regista Federico Bondi4 DON ANDREA BIGALLI: Come sei arrivato a fare il regista? FEDERICO BONDI: Ho cominciato facendo cortometraggi con gli amici, all età di quindici anni, con la telecamera di mio padre. Finito il liceo mi sono iscritto all Università di Firenze, al Corso di laurea di Musica e Spettacolo e parallelamente ho frequentato un corso per operatori e montatori cinetelevisivi che mi ha dato gli strumenti di conoscenza del mezzo e l opportunità di entrare in contatto con le realtà locali (Mediateca Regionale Toscana, televisioni locali ). Fondamentalmente nasco come operatore e montatore e l università mi ha stimolato una curiosità che già c era. Per quanto riguarda il lavoro, sul set ho fatto di tutto: elettricista, fonico, assistente alla macchina, operatore, aiuto regista. Contemporaneamente avevo i miei documentari, i miei cortometraggi. Non ho fatto una scuola di cinema vera e propria, come il Centro Sperimentale di Cinematografia, volevo rimanere a Firenze. Con l avvento delle tecnologie digitali si è rivoluzionato il mondo dell audiovisivo, è in atto ormai da anni una democratizzazione del cinema: tutti potenzialmente siamo in grado di fare un film, basta avere una telecamera ed un programma giusto e te lo monti da solo. Ciò che fa la differenza però sono i contenuti, per cui ho letto molto, molto più di vedere i film. E così che sono arrivato a Mar Nero, la storia in breve di un rapporto di amicizia tra un anziana fiorentina ed una giovane badante rumena, tratta da vicende di carattere autobiografico: Gemma era mia nonna ed Angela la sua badante. Personalmente ho potuto vedere la trasformazione di mia nonna che, indurita dalla vita, grazie alla pazienza ed all affetto di questa ragazza mia nonna s è realmente sciolta. Per cui c era la materia umana per fare un film, questa evoluzione dovuta al rapporto tra due persone 3 Don Andrea Bigalli, 48 anni, è parroco dal 1999 a Sant Andrea in Percussina (San Casciano Val di Pesa), insegna religione nelle scuole superiori di Firenze. Vice direttore della Caritas toscana dal 1998 al Componente del Comitato Regionale toscano di Libera, del Consiglio Nazionale di Pax Christi, membro della Redazione di Mosaico di Pace. Fa parte del Direttivo della Rivista Testimonianze, ed è membro del Comitato tecnico scientifico della Fondazione Ernesto Balducci. Giornalista pubblicista dal 1995, è critico cinematografico e opinionista presso Radio Toscana. 4 Federico Bondi è nato a Firenze nel Si è laureato in Lettere presso l Università di Firenze. Dal 1996, è autor e e regista di cortometraggi e documentari, oltre che di spot e videoclip. Con il film Mar Nero (2008) Bondi ha ottenuto tre premi alla 61esima edizione del Festival del Cinema di Locarno, tra cui il premio per la miglior regia e quello della Giuria ecumenica. 7

8 costrette a dividere lo stesso spazio ventiquattro ore al giorno. Poi volevo mandare un messaggio positivo: di solito le badanti sono rappresentate come persone che vogliono raggirare gli anziani, io invece ho cercato di rendere il rapporto straordinario tra queste due donne. Tutto è ruotato intorno ad un se :«Se Angela fosse costretta a tornare in Romania, mia nonna che avrebbe fatto?». Mia nonna sarebbe partita, grazie all affetto che la legava alla sua badante. Con questa intuizione ho potuto fare il film, l idea iniziale è come una scintilla: mi ricordo che uscii da casa di mia nonna, dopo aver assistito ad un dialogo straordinario tra loro due e dissi:«questo è un film!». DON ANDREA: Raccontaci il tuo incontro con il produttore di Mar Nero. BONDI: E fondamentale credere fermamente all idea originaria, ti aiuta tanto, anche agli occhi del produttore che vedeva che ero convinto. Ho trovato un produttore che ci ha creduto tanto, che mi ha sostenuto, anche in fase di distribuzione, che è il grosso problema del cinema italiano. Io ho incontrato il mio produttore per caso a Torino, alle giornate del cinema e dell audiovisivo e lì ho avuto modo di parlargli direttamente della storia: non bisogna aver paura di avere tra le mani una storia semplice. E importante raccontare il film in maniera coincisa: il produttore non ha tempo di ascoltare tutti i dettagli. Senza il produttore non fai nulla, il film non è frutto di un singolo, ma è frutto di una collaborazione continua. Un produttore indipendente che va alla ricerca di storie è più che altro alla ricerca di autori, da mantenere nel tempo (se Mar Nero ha fatto centomila spettatori, si spera che col secondo film ne faccia molti di più). E fondamentale davanti al produttore mostrarsi molto sicuro di sé e della propria storia: devi essere credibile, devi sapere cosa vuoi dire. Per costruire un film, una storia, devi conoscere perfettamente ciò di cui parli e devi parlare di ciò che conosci. In questo anno mi sono arrivati soggetti, sceneggiature: è tempo perso, anche se le mandi al produttore che, come dicevo, non ha tempo. Eventualmente gli puoi mandare una sinossi (una pagina in cui si racconta il nucleo del film) e poi da lì se c è un interesse, puoi scrivere un trattamento. Il produttore a questo punto opzionerà il soggetto e solo allora scriverai la sceneggiatura, anche insieme al produttore che vuole essere parte attiva del progetto perché investe tempo, forze, denaro. Personalmente ho letto alcune sceneggiature che mi sono arrivate: storie di fantascienza, gialli metafisici, il filone giovanilistico. Mi viene in mente Saviano, ancora adolescente, scrive un racconto metafisico che manda ad un editore che gli scrive una lettera in cui gli dice:«sai scrivere, ma affacciati alla finestra e descrivi ciò che vedi» (aveva visto da dove era stata spedita la lettera). Saviano ha seguito il consiglio ed è stata la sua fortuna: raccontare ciò che si conosce bene, così sai cosa far dire ai personaggi. Il processo di creazione di un film è a togliere fino ad arrivare all essenziale. Io avevo una mole impressionante di idee, dialoghi, poi si è trattato di levare, per dare compattezza ed equilibrio alla 8

9 struttura; sto parlando della scrittura che è, a mio parere, la fase più importate. Se non avessi avuto una sceneggiatura solida, non ce l avrei mai fatta: avevo cinque settimane per girarlo, senza un piano di regia ben preciso, non sarei riuscito a realizzare la mia opera perché sul set il tempo vola, con il direttore di produzione, ad esempio, che ti assilla con i tempi da rispettare perché altrimenti scattano gli straordinari. Bisogna andare lì con delle idee chiare, per evitare di perdersi. Io scrivo su taccuini e poi ricopio sui files del computer. Tornatore invece, almeno per Nuovo Cinema Paradiso, buttava fogliettini in uno scatolone con delle idee, che poi ha ripreso per fare il film. DON ANDREA: Come ti sei trovato a lavorare con mostri sacri come Corso Salani e Ilaria Occhini? BONDI: Corso aveva tre pose nel film ed in quelle tre, quattro volte che è stato sul set di Mar Nero mi ha trasmesso pace. Ilaria Occhini ha interpretato mia nonna che era la prima ad essere teatrale, recitava la parte di quella che non voleva la badante in casa, per poi perdere pian piano questa maschera. La Occhini che viene dal teatro, da esperienze straordinarie, aveva un impostazione diversa da quella di Dorothea Petre, attrice rumena che arriva invece dal cinema: Ilaria s imparava la parte a memoria, mentre Dorothea improvvisava di più ed io stesso volevo che non l imparasse perché avresti perso la forza di una lingua che Angela non conosceva, doveva conoscere bene il senso della scena, senza conoscere le battute. Tra questi due approcci sentivo che all inizio c era un po di stridore, ma alla fine è andata bene. Per quel che concerne le riprese, ho voluto mantenere lo sviluppo cronologico della vicenda, cosa che nel cinema è rara, in cui di solito si gira in maniera non cronologica. DON ANDREA: Quante era il budget a disposizione per il film e quanto tempo avete trascorso in Romania per le riprese (tra l altro la parte rumena è molto bella, a mio parere)? BONDI: Abbiamo trascorso una settimana in Romania. Il budget per il film è stato di euro, è una fascia media per un esordio. Il film di un esordio può costare un milione e mezzo, dunque abbiamo speso la metà. DON ANDREA: La selezione del cast com è avvenuta? BONDI: Il lavoro per la scelta del cast è stato legato alla produzione, ne abbiamo parlato insieme, ma l input è venuto da me, non c è stata nessuna imposizione da parte del produttore. Ilaria Occhini è stata scelta con un provino, c erano anche altre attrici, non fiorentine, ma lei ha fatto il provino migliore: non volevo rinunciare alla fiorentinità, al linguaggio fiorentino che ha un ruolo importante nel film. DON ANDREA: Il lavoro di scrittura sul tuo film si vede. Uno dei grossi problemi del cinema contemporaneo è proprio la carenza della scrittura dei testi; non è un caso che oggi gli sceneggiatori sono pagati quasi più dei registi. 9

10 BONDI: Prima insistevo molto proprio sui contenuti. Spesso invece i registi alle prime armi sono più affascinati dalla tecnica, dalla forma, ma la forma non è nulla. Ogni film poi ha la sua forma, c è una fusione tra stile e contenuto. DON ANDREA: Qual è la dinamica della distribuzione cinematografica? BONDI: Mar Nero non ha avuto un budget per la promozione. La fortuna del film l ha fatta il passaparola e l appoggio della critica che ne ha parlato bene, sull onda del festival. Il mio film è stato in concorso a Locarno, come unico film italiano, abbiamo vinto tre premi, nonostante ciò, pur con la collaborazione di Rai Cinema non avevamo distribuzione. In Italia le due grandi major della distribuzione sono 01 e Medusa. 01 avrebbe distribuito il film, ma a Maggio e ciò avrebbe significato perdere la scia del festival, i David di Donatello, rischiare anche di bruciare il film in un periodo, quello pre-estivo, dove la gente è meno attenta alla programmazione dei cinema. Il produttore allora ha deciso di distribuire il film in maniera indipendente, cioè senza essere legato a queste due major, andando direttamente all associazione degli esercenti. Uscire in modo indipendente vuol dire essere presenti con dodici copie, come nel caso di Mar Nero. Vuol dire uscire solo nelle maggiori città italiane. Grazie a questa distribuzione indipendente però il mio film è stato 7 mesi al cinema Mexico di Milano, gestito da un esercente illuminato che non rientra nelle logiche di mercato di distribuzione monopolizzata. Ha tenuto, ad esempio, venti mesi il film Il vento fa il suo giro : ciò può voler dire fare la fortuna di un film. Sono due approcci diversi, non so quale preferire: con le major il film dopo un mese sarebbe uscito dalle sale. Mar Nero a Firenze è stato tre settimane al Cinema Marconi ed andava benissimo, nonostante questo dopo tre settimane lo dovevano levare per dare la possibilità di entrare ad un altro film. Oggi un film non è più visto come prodotto autonomo, ma fa parte di un pacchetto di film che viene venduto. Molte opere prime non riescono ad essere distribuite, non vengono viste, anche perché mancano le sale, non c è libero accesso al prodotto. Gli esercenti dei cinema comprano pacchetti di film, difficilmente danno spazio a chi offre solo un prodotto. DON ANDREA: Raccontaci a questo punto quale sarà il secondo film? BONDI: Bisogna non farsi prendere dalla fretta, ma sviluppare le idee con pazienza. E importante andare alla ricerca di segni continui. Pensavo ad un film che riguardasse l Africa, la storia di una volontaria: da tempo infatti ho conosciuto O.N.G che lavorano nel Sud del mondo. Avevo buttato giù qualcosa quando Unicoop Firenze mi ha chiesto di andare in Kenya, nell ambito di un progetto che portasse alcuni giovani in Africa. DON ANDREA: Lavorerai con lo stesso produttore? BONDI: Certamente, io gli devo molto e si è stabilito un rapporto di fiducia, che non mi fa avere dubbi. 10

11 DON ANDREA: Tu citavi nuove tecnologie per linguaggi diversi e nuove potenzialità produttive. Cosa vedi di fermento anche nel cinema italiano? BONDI: Non ho idee sul futuro del cinema italiano, ci sono tanti registi, ognuno con la sua poetica, più o meno giovani. Ho visto degli ottimi film negli ultimi anni. Risposte a domande del pubblico - Sono stato molto contenta di conoscere un regista, anche se sono rimasta sorpresa perché avrei pensato più ad una dimensione creativa del regista, mentre tu hai sottolineato di più l esperienza, storie che vengono dal vissuto. BONDI: Per la mia opera prima dovevo dimostrare di crederci e se non partivo dalla realtà non avrei avuto elementi. Per questo devo anche ringraziare Ugo Chiti che ha collaborato alla sceneggiatura. Bresson diceva che «creare non significa deformare o inventare persone o cose. Vuol dire stringere fra persone e cose che esistono, già così come sono, rapporti nuovi». Da parte sua il poeta Rainer Maria Rilke mostra come sia importante il ricordo dell esperienza personale, della vita vissuta:«bisognerebbe aspettare e raccogliere senso e dolcezza per tutta una vita e meglio una lunga vita, e poi, proprio alla fine, forse si riuscirebbe poi a scrivere dieci righe che fossero buone. Poiché i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si hanno già presto), sono esperienze. Per un solo verso si devono vedere molte città, uomini e cose, si devono conoscere gli animali, si deve sentire come gli uccelli volano, e sapere i gesti con cui i fiori si schiudono al mattino. Si deve poter ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e a separazioni che si videro venire da lungi, a giorni d'infanzia che sono ancora inesplicati, ai genitori che eravamo costretti a mortificare quando ci porgevano una gioia e non la capivamo (era una gioia per altri), a malattie dell'infanzia che cominciavano in modo così strano con tante trasformazioni così profonde e gravi, a giorni in camere silenziose, raccolte, e a mattine sul mare, al mare, a mari, a notti di viaggio che passavamo alte rumoreggianti e volavano con tutte le stelle, e non basta ancora poter pensare a tutto ciò. Si devono avere ricordi di molte notti d'amore, nessuna uguale all'altra, di grida di partorienti, e di lievi, bianche puerpere addormentate che si richiudono. Ma anche presso i moribondi si deve essere stati, si deve essere rimasti presso i morti nella camera con la finestra aperta e i rumori che giungono a folate. E anche avere ricordi non basta. Si deve poterli dimenticare, quando sono molti, e si deve avere la grande pazienza di aspettare che ritornino. Poiché i ricordi di per se stessi ancora non sono. Solo quando divengono in noi sangue, sguardo e gesto, senza nome e non più scindibili da noi, solo allora può darsi che in una rarissima ora sorga nel loro centro e ne esca la prima parola di un verso». 11

12 - Nella lavorazione del film quanto è importante riferirsi all idea originaria? BONDI: Io avevo un messaggio ben preciso, un idea ben precisa e questa non l ho mai cambiata. Qui si ritorna all importanza di una storia semplice: solo se hai una storia semplice puoi andare in profondità, con una storia complessa ti limiti a rimanere in superficie ed è difficile tenerla insieme. Ci sono registi che partono dall affascinazione di un titolo, altri che iniziano da un luogo, da un paesaggio, un personaggio o un immagine, registi che sono più o meno intenzionati a lasciare un messaggio. Per il mio primo film avevo chiaro il messaggio e l ho mantenuto. - Che valore possono avere i cineforum e che consiglio daresti a persone che vogliono fare il cinema? BONDI: Il cineclub non funziona più, occorre reinventarlo: bisogna rendere partecipe lo spettatore, renderlo parte attiva di un collettivo di persone, organizzando ad esempio un piccolo festival tra associati, premiando il film con la fotografia migliore Magari opere di autori italiani in modo che poi li chiami, e invitare un regista che porta la sua esperienza può essere di richiamo per altre persone. Per quanto riguarda l altra questione, se uno vuol fare cinema, oggi è molto più semplice. Negli anni 70 non potevi fare un film se non andavi a Roma, oggi si può rimanere a Firenze. Oggi con una telecamera da 500 euro ed un programma al computer puoi creare un film: è un opportunità che i giovani di dieci anni fa non avevano, anche perché la qualità del VHS era pessima, oggi invece il tuo film in digitale può essere proiettato al cinema. Tutto allora sta nell idea, la storia fa la differenza; il consiglio che vi do è di guardarvi intorno, segnarvi tutto, leggere, vedere film. - Conta di più la critica cinematografica o il pubblico? BONDI: Contano tutte e due allo stesso modo. Io devo molto ai critici che hanno parlato bene del mio film e questo ha convogliato tante persone al cinema. - Quale compito aspetta il cinema? BONDI: Nella televisione regna la superficialità, non si può approfondire. Il cinema ed il documentario sono chiamati ad approfondire perché abbiamo bisogno di capire. Ho parlato con documentaristi che spinti dal desiderio di approfondire hanno raccontato tutta una serie di storie, con l idea di agire, agire per capire, approfondire, scoprire la verità. Un documentario di questo genere però non passerà mai in televisione perché dura troppo, perché non rispecchia i modelli omologati della televisione. C è il rischio che il sistema ci obblighi a rimanere immaturi, dobbiamo essere noi a cercare le notizie che c interessano. DON ANDREA: Bisogna puntare sulla qualità delle iniziative e sulla formazione, senza la preoccupazione di contarsi. La battaglia per la qualità è una battaglia che dobbiamo fare e che può riservare delle belle sorprese come Paolini che fa uno spettacolo in televisione sul Vajont con otto milioni di spettatori. Il lavoro dell istruzione, dell educare al senso critico deve essere fatto. Il libro 12

13 le nuove generazioni (tra i 14 ed i 20 anni) lo stanno perdendo come strumento: spesso leggono perché costretti ed allora a maggior ragione non gli piace. - Cosa s intende per ritmo di un film? BONDI: E la tensione narrativa, drammaturgica che tiene lo spettatore seduto e partecipe per cui devi seguire delle regole, che in certi casi possono essere infrante. 13

14 Fare formazione culturale con il cinema Don Andrea Bigalli (critico cinematografico) L incontro di stasera vuole essere un approfondimento culturale, in un ottica pastorale. Innanzitutto il concetto di cultura: essa rappresenta tutto quello che possediamo a livello individuale e nell ottica collettiva per metterci in relazione con la realtà circostante, non solo per conoscerla ed ordinarne gli elementi, ma anche per trasformala. Lo strumento culturale è la prospettiva attraverso cui noi riprendiamo l elemento creativo di Dio: Dio parla e le cose sono. Ugualmente le cose che immaginiamo e pensiamo siamo a volte in grado di costruirle e realizzarle. Il cinema fin dall inizio si è rivelato come una prospettiva squisitamente culturale: da un lato è la capacità espressiva di una persona che ponendosi dietro la cinepresa, ordinando il suo racconto per immagini in un certo modo, esprime se stesso, crea un linguaggio che può comunicare anche con gli altri, ma questo linguaggio è capace di indurre trasformazioni perché veicola una conoscenza della realtà che non è soltanto più dell artista, ma è condivisa e ciò genera anche la prospettiva dell intesa; un film può muovere delle convinzioni, delle persone ad agire in un modo piuttosto che in un altro. Il cinema unisce due linguaggi diversi, immagine e parola, in una ricostruzione della realtà che è rilevante: attraverso l immagine ricostruisco la realtà che completo con un suono. Questo mi consente di riprodurre ciò che esiste già, ma mi permette pure di costruire realtà e vicende che prima non esistevano. Non c è storia infatti che il cinema non sia in grado di riprodurre, già gli effetti speciali hanno determinato di raccontare ciò che prima non si poteva narrare: c è una prospettiva di assoluta creatività da questo punto di vista. Pensiamo dunque all avvento del digitale con cui le immagini vengono trattate attraverso l informatica. Anche se quello che resta importante è produrre delle storie, il cinema fondamentalmente crea delle storie e quello che conta è l idea. Leggere un film Il cinema si pone su una prospettiva nuova per quanto riguarda il linguaggio della comunicazione e la realizzazione: il film è un opera collettiva in cui i ruoli sono diversi e tutto concorre a far sì che varie competenze ci restituiscano il prodotto che poi noi consumiamo. I titoli di coda infatti sono sempre più lunghi, a dimostrazione dell investimento della produzione nella scelta di varie 14

15 competenze: il cinema industriale assomiglia ad una catena di montaggio, elementi diversi su cui ognuno interviene nel proprio settore. Per certi versi invece Federico Bondi, che abbiamo ascoltato l altra settimana, è un cineasta di vecchia generazione (lo dico per fargli un complimento): ha lavorato in prima persona alla sceneggiatura, al montaggio. Un film occorre che sia smontato per capirlo, scomposto nei suoi elementi per fare un analisi: un film è la storia, la capacità di dirigere gli attori, la fotografia, la sonorizzazione, la scenografia Vedete quanti elementi diversi concorrono e per arrivare a capire il linguaggio che il regista vuole adoperare, bisogna mettere in campo questi diversi livelli di competenza. Ad esempio il film Non è un paese per vecchi che ha vinto il premio Oscar due anni fa non ha colonna sonora, ma i rumori stessi del film costituiscono il sottofondo sonoro: è una scelta stilistica precisa. In questa ottica bisogna studiare qualcosa, leggere un po di critica, ma il cinema s impara soprattutto andando al cinema, occorre conoscere gli autori, riprendere opere che non si sono viste. E importante anche un po di sistematicità quando si va al cinema, darsi un minimo di orientamento, creandosi una competenza sui generi. Personalmente, dovendo fare il critico cinematografico per Radio Toscana ho dovuto vedere film di tutti i generi, superando in alcuni casi una riserva di tipo snobbistico:«se questa opera la vedono tutti, allora è brutta». Ciò può essere vero, ma anche i film più brutti intercettano a qualche livello una necessità della massa degli spettatori, tra l altro consentono agli esercenti di tirare avanti la baracca con gli incassi: è la differenza tra cinema commerciale e cinema di qualità. I cineforum si fanno con film di qualità perché vogliamo educare il pubblico. Bisogna restituire l opera cinematografica alla sua realtà di opera d arte: c è infatti una differenza tra film d autore e film commerciali. Non si va al cinema solo per divertirsi, ma anche per formarsi. A questo però bisogna arrivarci secondo una progressione, è necessario educare gradatamente il proprio palato cinematografico. Ci deve essere questa capacità di riappropriarsi di un film come evento culturale. Il regista, che esprime se stesso, propone la sua visione, la sua lettura di quanto sta narrando. Guidando la lettura dei film bisogna insistere sulla cosiddetta semiotica, il cinema è tessuto di segni, in quanto tessuto di immagini. La grande prospettiva è d interpretare i segni e ricondurli a quello che il regista vuol comunicare, ma anche quello che tu stesso identifichi per la tua vita e la tua esperienza. L opera d arte, un volta che si libera dalle mani di chi l ha concepita, diventa tua. Ci sono dei film, magari niente di eccezionale, che rappresentano però per la mia vita momenti particolari. L artista mi dà qualcosa attraverso cui esprimo me stesso. E questo dovrebbe essere anche la grande funzione del cinema come momento educativo: io dovrei guidare le persone a impossessarsi degli elementi che il film introduce perché uno li possa tradurre nella propria realtà di 15

16 vita. Il film, il libro o il disco esprimono ciò che abbiamo dentro. Le generazioni di oggi sono molto più poveri dei linguaggi di comunicazione, soprattutto sul piano dei sentimenti e delle emozioni. Insisto molto sul cinema che rimanda ai libri, racconta le storie, ma dovrebbe consegnare la voglia di tornare al testo originale. Da questo punto di vista il cinema tenta la rilettura di grandi opere, magari stravolgendole. Difficilmente la riproduzione del testo scritto genera grandissimi film: lo è stato Apocalipse now di Coppola, tratto dal romanzo di Conrad Cuore di tenebra. Anche per i registi è importante conoscerne il dato biografico, la filmografia, come si fa per gli scrittori. Non si capisce ad esempio il cinema di Bergman se non si capisce la sua vicenda di figlio di un pastore luterano e non si coglie che il protestantesimo svedese è del tutto particolare e si riflette nella concezione dell uomo. Oggi siamo fortunati perché possiamo accedere a tutto quello che vogliamo in tempi rapidi ed a costi contenuti. La mia generazione invece visto un film al cinema, doveva aspettare che ripassasse in televisione, dopo almeno 10 anni dall uscita in sala. Molti film ce li siamo ricordati, non li potevamo rivedere di continuo come possiamo fare ora. Il lavoro dei cineforum è ben diverso, anche grazie al dvd ognuno potrà farsi i propri cineforum. Lo strumento visivo è più disponibile che in passato, adesso abbiamo un accessibilità assoluta, siamo davanti ad una dimensione più ricca. Non so in quale forma noi nei prossimi anni usufruiremo del cinema. Come dicevamo l altra volta, non so se le sale sopravvivranno, anche a causa di Internet. Dopo la crisi del cinema, ora c è la crisi del videonoleggio perché il satellite e la Rete permettono di avere il film a prezzi inferiori. Ad ogni modo la competenza che vi sarete fatti nel frattempo, comunque vi sarà utile. Si tratta di prendere il film, saperlo analizzare, selezionarlo, catalogarlo: i mie colleghi bravi si fanno dello scalette quando vanno a vedere un film, lo rubricano, lo sistemano, lo dividono per aree tematiche, si creano elenchi che permettono così di rispondere a chi ci domanda di vedere un film sulla libertà, sulle problematiche giovanili, sulla mafia Organizzare un cineforum: un esperienza Nel cineforum che dirigo alla San Michele, abbiamo fatto una scelta, selezionando il meglio della stagione cinematografica precedente, cercando di recuperare i film che non sono stati visti abbastanza, perché hanno avuto livelli bassi di diffusione, sono stati in sala pochissimo e magari quando passano in televisione sono collocati in orari molto tardi. Noi selezioniamo le opere con questo criterio, tentiamo anche di collocarli secondo una griglia che sia tematica, proviamo ad orientarli per filoni in modo che chi viene abbia già un indicazione minima su che tipo di film vedrà. Tutte le volte prepariamo una scheda critica (ci sono vari buoni siti che raccolgono il materiale critico, un apparato di notizia sul film ) questo serve ad avere elementi immediati sulla 16

17 fruizione del film. Per orientare le visioni abbiamo le classificazioni della CEI, e strumenti molto utili per reperire le schede critiche dei film, le valutazioni pastorali. Ci sono inoltre dei criteri banali, ad esempio noi non ci possiamo permettere per orario di mettere film che durino più di due ore, anche perché insistiamo molto sul fatto che cineforum significa possibilità di assistere al dibattito. Dopo diversi cicli infatti ti accorgi che la gente non viene solo per il film, ma viene pure per l analisi della discussione conseguente al film. La sfida è quella di educarti insieme alle persone che seguono il tuo cineforum, che fanno questa esperienza. Si tratta anche di avvisare le persone su alcuni elementi del film che vedranno, ad esempio:«il ritmo è diverso da quello di cui siamo abituati» (le nuove generazioni pensano a ritmi più veloci dei propri genitori per cui giudicheranno lento un film che noi invece giudichiamo assolutamente normale). E importante avere anche un minimo di bagaglio sul linguaggio tecnico (cos è un primo piano, cos è un piano sequenze.basta leggersi qualcosa da un manuale 5, sono informazioni che si leggono in un pomeriggio, ma sono utili). Con questa preparazione possiamo far notare allo spettatore, ad esempio, dov è collocata la telecamera. Pensiamo a Shining in cui la macchina da presa non si sposta più su un carrello, ma viene inventata la steady camera che, montata a spalla, permette all operatore di riprendere le scene secondo una prospettiva di visuale nuova che, in quel caso, crea nello spettatore stati d animo angosciosi. Conta molto come s introduce un film, le persone devono essere attratte dalla cosa che stanno per vedere. Bisogna anche essere onesti (per esempio In questo film ci sono difficoltà ), si possono dare delle indicazioni (anticipare alcune sequenze chiave o dei dialoghi importanti), si può spiegare il titolo oppure lasciarlo alla fine. Inoltre presentare il film agli adolescenti è diverso che proporlo ad un pubblico di mezza età, bisogna tenere presente la platea che si ha di fronte. Ma soprattutto in fase di discussione bisogna avere un incredibile pazienza sostenuta dalla convinzione che tutti possono parlare, determinando però i tempi degli interventi (il dibattito va moderato e tenuto vivo). Alla fine si deve concludere con il messaggio del film, si propone infatti opere che possono essere significative: a volte il senso è immediato, altre volte meno. Ci sono dinamiche molto articolate e complesse, un film si colloca in alcune realtà precise; per esempio l horror degli anni Settanta negli Stati Uniti si sviluppa in un tempo in cui il popolo vede continuamente alla televisione scene di guerra. Si fa al cinema ciò che non si vorrebbe vedere in televisione, si cerca di esorcizzare attraverso il cinema quello che la realtà ripropone con violenza. Inoltre c è il grande cinema di denuncia, che a volte si realizza poco tempo dopo gli eventi. Concludo facendo un riferimento al cinema religioso. All inizio della storia del cinema è stato un passaggio molto significativo, le grandi case produttrici hanno investito molto su questo tipo di film 5 Al seguente indirizzo Internet è possibile trovare un sommario dei termini principali della tecnica cinematografica (n.d.c). 17

18 per vari motivi: erano storie che avevano presa perché la gente le conosceva già un po ed inoltre perché non si dovevano pagare i diritti d autore: non si spende per le storie bibliche, si paga solo lo sceneggiatore. Le chiese, sia cattolica che protestante, hanno commissionato molti racconti biblici e dei santi, concependole come strumenti di catechesi, un po come accadeva con gli affreschi delle grandi chiese (biblia pauperum); attraverso l immagine comunichi delle storie che si vuole far conoscere, il cinema ha svolto questa funzione. Ci sono dei registi che recuperano tematiche religiose, anche da un ottica laica e addirittura atea o agnostica, con intuizioni significative. Registi che vengono forse da contesti in parte diversi, che però ci restituiscono riflessioni importanti sul Sacro. La cosa più interessante è ricercare i segni del sacro laddove apparentemente non sembrano esserci. Se pensiamo a Luis Buñuel che era fortemente anticlericale, ma se vediamo la Via Lattea è un film che si pone domande serie: c è un rifiuto del Cattolicesimo, ma non di una certa ricerca religiosa. In altri film, più recenti e di successo commerciale, ci sono riferimenti cristologici diretti: in Matrix 3 il personaggio si sacrifica e muore a braccia spalancate; in Spiderman 2 c è una deposizione laica: lui blocca un treno per salvare le persone e lo portano via con le braccia in croce e la tuta strappata sul costato. Dunque occorre cercare quello che il Concilio Vaticano II definisce i semi del Verbo: Dio continua a parlare a tutti, anche se magari uno non se ne rende conto ed il comunicarsi di Dio passa anche su quello che fai in altri piani. Risposte a domande del pubblico - Come aiutare i giovani ad appassionarsi al bel cinema e soprattutto ad imparare a leggere i film? DON ANDREA: Dobbiamo scegliere una pedagogia, l aggancio potrebbe essere quello di far vedere la grande oppurtunità di una lettura guidata. Bisogna avere il coraggio di guardare i film che vanno per la maggiore tra i ragazzi come quelli di Moccia o Twilight e poi fare un analisi di quel tipo di film lì, smontandolo e mostrando quello che significa lavorarci sopra. Questo è un primo passo, poi bisogna introdurli a cose diverse, a mio parere non c è film su cui tu abbia creato una tensione, anche dal punto di vista di metodo, che tu non possa proporre: io ho fatto vedere Bergman ad un pubblico giovane. In questa ottica bisogna tenere sempre presente che il bianco e nero è diventato difficile da apprezzare dalle nuove generazioni. Bisogna avere la possibilità di agganciare i ragazzi attraverso un metodo, ricercando ad esempio il cinema commerciale oppure invitandoli a portare film che li piacciono per imparare a interpretarli, discuterne insieme e poi passare ad un altro livello. Il grosso elemento dei film commerciali è che lo spettatore non va sconvolto, ma rassicurato: chi va al cinema due volte l anno, non ha voglia di farsi turbare per cui non sopporta i film che non vanno 18

19 a finire bene. Questo vi spiega per cui vanno così forte i vari Natali a.. che sono rifatti come la televisione (ci sono gli stessi attori, le stesse musiche.), è un prodotto che ti consente di andare al cinema come tu guardassi la televisione, è un elemento di rassicurazione: vedere raccontata sempre la stessa storia è una rassicurazione come i bambini che si fanno raccontare sempre la stessa fiaba o vogliono vedere lo stesso dvd. Moccia ad esempio funziona perché parla di amore secondo dinamiche rassicuranti ed adopera un linguaggio farcito di riferimenti commerciali. Su questo argomento una considerazione di carattere generale: le nuove generazioni hanno un problema di afasia sentimentale, hanno meno parole per esprimere i propri sentimenti, lo dico dopo 15 anni che faccio l insegnante. Il film non si può lasciare in mano ai ragazzi così com è, bisogna intervenire su quei passaggi discutibili come il suicidio ne L attimo fuggente. Gran parte del fatturato del cinema lo fanno gli adolescenti, ma film veramente da ragazzi c è poca roba, a volte è banale, non ha dimensione pedagogica ed educativa; assistiamo ad una commistione del cinema con il linguaggio dei videogiochi e dei fumetti. C è inoltre un problema generazionale: i ragazzi vedono tantissime immagini, ma non ne colgono la qualità possibile; l immagine deve essere veramente significativa perché l immaginazione possa continuare a funzionare, il rischio è che l immaginazione si saturi. Il linguaggio del videoclip ad esempio è accattivante, ma rischia di bruciare la dimensione dell immaginario. La parola scritta dovrebbe essere quella vincente. - C è bisogno di fare cineforum, ma spesso vengono fatti tentativi superficiali, senza una preparazione adeguata, senza conoscere la grammatica del film. DON ANDREA: E vero, è stato abbassato un po il livello. Se vi posso dire dove ho imparato a leggere il film, vi confesso di averlo fatto grazie all esegesi biblica. Forse ci manca questo fascino dell esegesi che se poi uno la impara in un campo piuttosto che in un altro (letterario, arte ), la sai adoperare dappertutto ed è una dimensione entusiasmante della ricerca culturale, c è il fascino della ricerca del contenuto possibile, quello che può servire a te. E interessante quando questa lettura si fa con i libri e con i quadri.imparare a decifrare un film significa poi ritrovare uno strumento che ti consente di decifrare la pubblicità, questi prodotti che sono invasivi (quanta pubblicità vedono gli adolescenti); imparare a decifrare quel livello lì diventa prezioso perché ognuno torna a casa e subisce il linguaggio pubblicitario meno passivamente. La vita si assapora in una profonda dimensione culturale, dobbiamo recuperare il gusto di vivere ad un certo livello, è un gusto sapienziale cioè delle cose che danno sapore alla nostra vita. 19

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO DATI FORMAT E GENERE 0 : TITOLO E CLAIM 1 : DURATA DEL PROGETTO 2 : DURATA DELLA PUNTATA 3 : PUBBLICO E FASCIA ORARIA 4 : A CURA DI 5 : CONDUTTORE 6 : PARTE

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA.

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. 2014 www.scuolafilmfest.it COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. PREMESSA Il concorso, giunto alla IV edizione, è promosso dall Associazione Lab CINECITTA Sicilia

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli