SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico Piazza IV Novembre SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI - primo biennio Lingua e letteratura italiana, Lingua e cultura latina / Lingua latina, Lingua e cultura straniera / Lingua straniera, Disegno e Storia dell arte, Laboratorio informatico Lingua e letteratura italiana Esprimersi in modo chiaro, corretto, efficace CAL 1. Padronanza della lingua italiana: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. Cogliere in un messaggio orale/scritto le finalità e i punti di vista altrui Saper organizzare testi narrativi, descrittivo-espositivi e argomentativi adeguati alla situazione comunicativa (argomento, destinatario, scopo) Saper operare scelte di registro/linguaggi non verbali/codici misti adeguate alla situazione comunicativa (argomento, destinatario, scopo) Mettere in relazione gli elementi del contesto comunicativo individuando gli elementi fondamentali del testo narrativo isolare in un testo nuclei concettuali e informazioni esplicite Ricavare dal testo informazioni implicite e presupposte Le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: ortografia, morfologia, sintassi della frase semplice e complessa, lessico Le strutture della comunicazione: contesto, scopo e destinatario della comunicazione, funzioni della lingua, registri linguistici Tecniche di lettura (sintetica e analitica) Strutture essenziali dei testi descrittivi, espositivi, narrativi, espressivi, valutativo- interpretativi, argomentativi, regolativi Metodologie essenziali di analisi del testo letterario (generi letterari, elementi del testo narrativo personaggi, narratore - elementi del testo poetico - metrica, figure retoriche) - lettura e comprensione di testi di varia tipologia - analisi narratologica del testo in prosa, individuando tipologia narrativa, ritmo, focalizzazione; - riassunto del testo in prosa; - analisi del testo poetico, individuando tematica, figure retoriche, stilemi riconducibili all autore ed al movimento poetico/età letteraria di riferimento; - parafrasi del testo poetico; - questionario di comprensione del testo; - prove strutturate (vero/falso, scelta multipla, completamento, collegamento); - esercizi di coniugazione verbale; - trasformazione di frasi semplici dall attivo al passivo e viceversa; - analisi logica e del periodo - produzione di testi, anche non ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 1

2 Analizzare il ruolo dei diversi indicatori linguistici (elementi lessicali, connettivi, punteggiatura) e grafici (paragrafi, capoversi e altro) Definire la struttura ideativa del testo scritto/orale Saper riconoscere i principali costituenti della frase semplice, composta, complessa Cogliere le relazioni tra testo, poetica, contesto storico e culturale Saper riconoscere i principali generi letterari in base alle loro caratteristiche Operare confronti tra autori e/o tematiche e/o generi narrativi Utilizzare strategie differenziate di lettura (esplorativa, selettiva, globale, analitica) Riconoscere/utilizzare le strutture della narrazione, dell esposizione e della descrizione, dell argomentazione Formalizzare gli apprendimenti con tipologie testuali di altro tipo (appunti, diagrammi, mappe, schemi ) Applicare i principali strumenti di analisi semantica e testuale ad un testo di narrativa breve e ad una lirica Modalità di produzione del testo: progettazione e pianificazione dello scritto, sintassi del periodo e uso dei connettivi; interpunzione; varietà lessicali in relazione ai contesti comunicativi Modalità e tecniche relative alla competenza testuale: riassumere, titolare, parafrasare, relazionare, schematizzare Opere e autori significativi della tradizione letteraria e culturale italiana, europea e di altri Paesi Contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere Principali generi letterari convenzionali (es. locandina, cartellone pubblicitario ) Lingua e cultura latina (Liceo scientifico) Lingua latina (Liceo linguistico) Leggere e comprendere un testo d autore Le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: ortografia, ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 2

3 (adattato) Riconoscere attraverso la lettura di brevi testi, anche in traduzione, i fondamenti della cultura latina Stabilire confronti con la civiltà contemporanea (rapporti di analogia/ contrasto) Riconoscere la natura flessiva della lingua Riconoscere il valore qualitativo del sistema verbale Riconoscere i principali costituenti della frase semplice, composta, complessa Individuare le relazioni tra tempi verbali all interno dell organizzazione del periodo (consecutio temporum). Individuare la sfumatura della singola proposizione (valore causale, temporale, concessivo ), relazionandola al contesto traduttivo morfologia, sintassi della frase semplice e complessa, come prerequisito per lo studio della lingua latina Il sistema delle cinque declinazioni e delle quattro coniugazioni attive, passive, deponenti Il lessico di base I costrutti sintattici di base (ablativo assoluto, perifrastiche, cum narrativo ) e i tipi più comuni di proposizione secondaria (finale, consecutiva, infinitiva) Le principali caratteristiche dei vari generi letterari (favola, mito, biografia, storiografia) - lettura e confronto di traduzioni diverse di uno stesso passo (traduzione contrastiva) - lettura di analisi di testi latini e saggi ad opera di critici e studiosi del mondo antico - esercizi a completamento (nominale, verbale..) con scelta multipla - esercizi di coniugazione verbale e declinazione nominale - trasformazione di frasi semplici dall attivo al passivo e viceversa - esercizi di vario tipo (completamento, scelta multipla, traduzione) con l impiego del lessico frequenziale - osservazione ed analisi di un testo in latino per estrapolare la regola non ancora nota - traduzione dal latino in italiano di frasi e/o brani, anche d autore - lettura e analisi di materiali epigrafici Individuare l ordine costitutivo della frase (verbo dipendenza) Costruire la frase latina al fine della traduzione Applicare le conoscenze morfo sintattiche nella versione dal latino di semplici testi Consultare il dizionario e scegliere il termine adatto al contesto di riferimento Organizzare in modo corretto la frase dal ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 3

4 CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi punto di vista linguistico e logico Lingua e cultura straniera (Licei) Lingua straniera (AFM CAT) Cogliere il senso globale, la situazione e Il lessico di base su argomenti di vita l idea centrale di un messaggio o di un quotidiana, sociale e professionale documento autentico orale di carattere generale e quotidiano. Comprendere il senso globale e l idea centrale di un testo scritto di carattere generale e quotidiano e/o di semplici testi letterari, identificandone la natura Esprimersi ed interagire con l interlocutore su argomenti di carattere generale in modo appropriato (cioè utilizzando in modo corretto le strutture grammaticali note), adeguato al contesto e alla situazione: presentarsi e presentare una persona; descrivere personaggi, luoghi, situazioni, avvenimenti; chiedere e fornire informazioni e dati; dare istruzioni e ordini Esprimere apprezzamenti, stati d animo, bisogni, desideri Riferire un fatto, un discorso Produrre, utilizzando le strutture grammaticali note, brevi testi scritti adeguati al contesto e allo scopo della comunicazione: descrizione di personaggi, luoghi, fenomeni, abitudini ed avvenimenti, lettere, brevi relazioni su traccia Testi narrativi, descrittivi, informativi, regolativi Uso del dizionario bilingue Le regole grammaticali fondamentali Le regole di pronuncia Semplici modalità di scrittura quali messaggi brevi, lettera informale Tratti della cultura e della civiltà di cui si studia la lingua. - dialoghi docente/allievo oppure tra allievi - domande ed esercizi relativi ad un attività di ascolto per verificarne la comprensione - presentazione di una situazione partendo da uno spunto/una immagine - descrizione di un immagine/una fotografia - lettera informale, o breve composizione per descrivere la realtà che ci circonda, le persone con cui si hanno contatti, le esperienze passate e in corso, le speranze/i progetti per il futuro - questionario relativo a se stessi, ai propri gusti, alle proprie abitudini ecc. - questionario relativo ad un brano di attualità o di civiltà, a un breve racconto - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione, di scomposizione di un testo in paragrafi dando a ciascuno un titolo Riconoscere in un messaggio orale, suoni, vocaboli, significati, frasi, strutture. ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 4

5 Saper cogliere in un contesto noto, il significato di elementi lessicali non ancora conosciuti. Ricercare informazioni specifiche in un testo e stabilire tra queste gerarchie e relazioni. Localizzare una situazione nello spazio e nel tempo Operare confronti tra la propria realtà culturale e quella/e della/e lingua/e straniera/e studiata/e in termini di somiglianza/differenza e non di giusto/sbagliato, riconoscendo e rispettando i valori culturali trasmessi dai vari idiomi. Disegno e Storia dell arte (Liceo scientifico) Riconoscere le caratteristiche di un opera artistica Utilizzare in modo appropriato la terminologia specifica dell ambito artistico/letterario Conoscere i beni culturali e ambientali a partire da quelli del proprio territorio Comprendere le relazioni tra opera artistica e il contesto in cui si è formata Individuare autore o corrente di appartenenza di opere particolarmente significative Acquisire confidenza con i mezzi espressivi specifici del disegno tecnico Gli elementi fondamentali per la lettura di un opera artistica (pittorica, plastica, architettonica) La produzione architettonica e artistica dalle origini sino alla fine del XIV secolo Le tecniche di rappresentazione grafica - elaborato scritto, esposizione - questionario di comprensione del testo - prove strutturate (V o F, scelta multipla, completamenti, collegamenti) - esercitazione pratica ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 5

6 CAL 4. Utilizzare e produrre testi multimediali ed artistico Laboratorio informatico Elaborare prodotti multimediali (testi, Principali componenti strutturali ed suoni) espressivi di un prodotto audiovisivo CAL 1. Padronanza della lingua italiana: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi Conoscere i prodotti della comunicazione visiva e multimediale Riconoscere i limiti e i rischi dell uso delle tecnologie Utilizzare la rete Internet per ricercare fonti e dati di vario tipo e genere Elementi della comunicazione telematica Architettura e componenti di un computer Software di utilità e applicativi Funzioni e caratteristiche della rete Internet e della posta elettronica Normativa sulla privacy e sul diritto d autore - elaborato scritto, esposizione - questionario di comprensione del testo, prove strutturate (V o F, scelta multipla, completamenti, collegamenti) ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI - secondo biennio Lingua e letteratura italiana, Lingua e cultura latina, Lingua e cultura straniera, Lingua straniera, Disegno e Storia dell arte / Storia dell arte Lingua e letteratura italiana Incrementare la padronanza dei mezzi espressivi a livello orale e scritto, sotto il profilo della comprensione e della produzione Essere sempre più consapevoli del funzionamento del sistema linguistico anche attraverso uno studio della lingua nelle sue varianti diacroniche e sincroniche Acquisire la consapevolezza della Gli autori, le opere, i fenomeni letterari più significativi sviluppatisi dal Duecento all Ottocento; l'ideologia degli autori, il contesto storicoculturale - lettura e comprensione di testi di varia tipologia - analisi narratologica del testo in prosa, individuando tipologia narrativa, ritmo, focalizzazione; - riassunto del testo in prosa; - analisi del testo poetico, individuando tematica, figure retoriche, stilemi riconducibili ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 6

7 comunicativi. complessità del fenomeno letterario nelle sue implicazioni storiche, culturali e sociali Riconoscere elementi caratteristici dello stile dei singoli autori Saper inquadrare un testo letterario nella poetica dell'autore e nel contesto storicoculturale Produrre testi afferenti alle diverse tipologie testuali : analisi del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema di argomento storico all autore ed al movimento poetico/età letteraria di riferimento; - parafrasi del testo poetico; - questionario di comprensione del testo; - prove strutturate (vero/falso, scelta multipla, completamento, collegamento); - produzione di testi, anche non convenzionali (es. locandina, cartellone pubblicitario ) Lingua e cultura latina (Liceo scientifico) Comprendere ed interpretare i testi Sintassi dei casi e del verbo, classici riconoscendo le strutture della completamento dello studio sintassi lingua latina e la loro valenza espressiva del periodo, congiuntivi indipendenti. Riconoscere elementi caratteristici dello stile dei diversi autori Acquisire la consapevolezza della complessità del fenomeno letterario nelle sue implicazioni storiche, culturali sociali Saper inquadrare un testo letterario nella poetica dell'autore e nel contesto storicoletterario Gli autori, le opere, i fenomeni letterari più significativi sviluppatisi dall'età arcaica al principato di Augusto. - lettura e confronto di traduzioni diverse di uno stesso passo (traduzione contrastiva) - lettura di analisi di testi latini e saggi ad opera di critici e studiosi del mondo antico - esercizi a completamento (nominale, verbale..) con scelta multipla - esercizi di coniugazione verbale e declinazione nominale - trasformazione di frasi semplici dall attivo al passivo e viceversa - esercizi di vario tipo ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 7

8 CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Lingua e cultura straniera (Liceo linguistico e Liceo scientifico) (completamento, scelta multipla, traduzione) con l impiego del lessico frequenziale - osservazione ed analisi di un testo in latino per estrapolare la regola non ancora nota - traduzione di testi degli autori latini - analisi retorica e stilistica dei testi - lettura di testi critici Comprendere in modo globale, selettivo Uso dei dizionari bilingue e e dettagliato testi orali/scritti complessi su monolingue argomenti di vario genere Comprendere e contestualizzare testi letterari di epoche diverse Partecipare a conversazioni e interagire in discussioni Produrre testi orali/scritti strutturati e coesi per riferire fatti, descrivere fenomeni e situazioni, sostenere opinioni Operare una riflessione, anche in un ottica comparativa rispetto alla lingua italiana, sulla struttura e gli usi linguistici della lingua straniera Approfondimento delle conoscenze morfosintattiche e lessicali Approfondimento degli aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua straniera Conoscenza della letteratura della lingua straniera studiata Modalità di scrittura complesse quali risposte a domande aperte, composizioni di lunghezza variabile - esposizione guidata/autonoma e conversazione riguardanti argomenti e testi inerenti la cultura, la civiltà e la letteratura della lingua straniera studiata - risposte a quesiti relativi a testi ed argomenti proposti in classe, rispettando un numero di parole/righe stabilito dal docente - composizioni quali riassunto, analisi e confronto di passi di letteratura e non - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 8

9 Sviluppare, in modo graduale, l analisi, la sintesi e l interpretazione nell affrontare gli argomenti di studio proposti in classe Utilizzare la lingua straniera nello studio di argomenti relativi a discipline non linguistiche Utilizzare le tecnologie informatiche per approfondire argomenti di studio Lingua straniera (Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio) Comprendere in modo globale testi Amministrazione, Finanza e semplici orali/scritti riguardanti argomenti Marketing familiari di interesse personale, sociale, d attualità o di lavoro CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Partecipare a conversazioni e interagire in discussioni Produrre testi orali/scritti brevi, semplici e coerenti su tematiche note di interesse personale, quotidiano, sociale, professionale Riconoscere la dimensione culturale e interculturale della lingua anche ai fini della trasposizione di testi in lingua italiana. Utilizzare le tecnologie informatiche per approfondire argomenti di studio Utilizzo graduale del linguaggio settoriale relativo al percorso di studio (microlingua commercio) fino ad arrivare al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) alla fine del quinto anno. Costruzioni, Ambiente e Territorio Utilizzo graduale del linguaggio settoriale relativo al percorso di studio (microlingua ) fino ad arrivare al livello B1 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) alla fine del quinto anno - esposizione guidata/autonoma e conversazione riguardanti articoli, brani di civiltà, testi specifici collegati al percorso di studio - risposte a quesiti relativi a testi scritti, orali o multimediali concernenti argomenti familiari d interesse personale, sociale, d attualità o di lavoro rispettando un numero di parole/righe stabilito dal docente - redazione di lettere commerciali (per il corso AFM) - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 9

10 Disegno e Storia dell arte (Liceo scientifico) Storia dell arte (Liceo linguistico) Riconoscere le caratteristiche di un opera artistica CAL 1. Padronanza della lingua italiana: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire Utilizzare in modo appropriato la terminologia specifica dell ambito artistico/letterario Comprendere l ambiente fisico attraverso il linguaggio grafico-geometrico (liceo scientifico) Conoscere i beni culturali e ambientali a partire da quelli del proprio territorio Comprendere le relazioni tra opera artistica e il contesto in cui si è formata Avere consapevolezza del valore culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico italiano Individuare autore o corrente di appartenenza di opere particolarmente significative Gli elementi fondamentali per la lettura di un opera artistica (pittorica, plastica, architettonica) La produzione architettonica e artistica dal primo 400 sino agli ultimi decenni dell 800 (liceo scientifico) Mezzi e strumenti per la rappresentazione della realtà visibile La produzione artistica dalle origini fino alla fine del XVIII secolo (liceo linguistico) - elaborato scritto, esposizione - questionario di comprensione del testo - prove strutturate (V o F, scelta multipla, completamenti, collegamenti) - esercitazione pratica ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI quinto anno Lingua e letteratura italiana, Lingua e cultura latina, Lingua e cultura straniera, Lingua straniera, Disegno e Storia dell arte / Storia dell arte Lingua e letteratura italiana Incrementare la padronanza dei mezzi La poesia romantica (Leopardi). espressivi a livello orale e scritto, sotto il profilo della comprensione e della L evoluzione del romanzo produzione dall Ottocento al primo Novecento. - lettura e comprensione di testi di varia tipologia - analisi narratologica del testo in ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 10

11 l interazione comunicativa verbale in vari contesti; leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. Essere sempre più consapevoli del funzionamento del sistema linguistico anche attraverso uno studio della lingua nelle sue varianti diacroniche e sincroniche Acquisire la consapevolezza della complessità del fenomeno letterario nelle sue implicazioni storiche, culturali e sociali Riconoscere elementi caratteristici dello stile dei singoli autori Saper inquadrare un testo letterario nella poetica dell'autore e nel contesto storicoculturale Produrre testi afferenti alle diverse tipologie testuali : analisi del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema di argomento storico L evoluzione della poesia nel secondo Ottocento. Le Avanguardie. La poesia del Novecento. La prosa del Novecento. prosa, individuando tipologia narrativa, ritmo, focalizzazione; - riassunto del testo in prosa; - analisi del testo poetico, individuando tematica, figure retoriche, stilemi riconducibili all autore ed al movimento poetico/età letteraria di riferimento; - parafrasi del testo poetico; - questionario di comprensione del testo; - prove strutturate (vero/falso, scelta multipla, completamento, collegamento); - produzione di testi, anche non convenzionali (es. locandina, cartellone pubblicitario ) Lingua e cultura latina (Liceo scientifico) Comprendere ed interpretare i testi Autori e Letteratura dell Età imperiale. classici riconoscendo le strutture della lingua latina e la loro valenza espressiva Riconoscere elementi caratteristici dello stile dei diversi autori Acquisire la consapevolezza della complessità del fenomeno letterario nelle sue implicazioni storiche, culturali sociali - lettura e confronto di traduzioni diverse di uno stesso passo (traduzione contrastiva) - lettura di analisi di testi latini e saggi ad opera di critici e studiosi del mondo antico - esercizi di vario tipo (completamento, scelta multipla, ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 11

12 Saper inquadrare un testo letterario nella poetica dell'autore e nel contesto storicoletterario traduzione) con l impiego del lessico frequenziale - osservazione ed analisi di un testo in latino per estrapolare la regola non ancora nota - traduzione di testi degli autori latini - analisi retorica e stilistica dei testi - lettura di testi critici CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Lingua e cultura straniera (Liceo linguistico e Liceo scientifico) Produrre testi orali e scritti per riferire, Uso dei dizionari bilingue e descrivere, argomentare monolingue Riflettere sulle caratteristiche formali dei testi prodotti al fine di pervenire ad un accettabile livello di padronanza linguistica Analizzare, confrontare, comprendere ed interpretare prodotti letterari e non di diverse tipologie e generi Utilizzare le tecnologie informatiche per fare ricerche, approfondire argomenti di natura non linguistica, comunicare Consolidare il metodo di studio della lingua straniera per l'apprendimento di contenuti non linguistici Consolidamento delle conoscenze morfosintattiche e lessicali Approfondimento degli aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua straniera Conoscenza della letteratura della lingua straniera studiata Modalità di scrittura complesse quali risposte a domande aperte, composizioni di diversa tipologia e lunghezza variabile - esposizione guidata/autonoma e conversazione riguardanti argomenti e testi inerenti la cultura, la civiltà e la letteratura della lingua straniera studiata - risposte a quesiti relativi a testi ed argomenti proposti in classe, rispettando un numero di parole/righe stabilito dal docente - composizioni quali riassunto, analisi e confronto di passi di letteratura e non - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione - produzione scritta libera in preparazione allo svolgimento del ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 12

13 CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Lingua straniera (Amministrazione, Finanza e Marketing) tema ministeriale (Liceo linguistico) Comprendere in modo globale testi semplici orali/scritti riguardanti argomenti familiari di interesse personale, sociale, d attualità o di lavoro Partecipare a conversazioni e interagire in discussioni Produrre testi orali/scritti brevi, semplici e coerenti su tematiche note di interesse personale, quotidiano, sociale Riconoscere la dimensione culturale e interculturale della lingua anche ai fini della trasposizione di testi in lingua italiana. Utilizzare le tecnologie informatiche per approfondire argomenti di studio Utilizzo graduale del linguaggio settoriale relativo al percorso di studio (microlingua commercio) fino ad arrivare al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) alla fine del quinto anno. - esposizione guidata/autonoma e conversazione riguardanti articoli, brani di civiltà, testi specifici collegati al percorso di studio - risposte a quesiti relativi a testi scritti, orali o multimediali concernenti argomenti familiari d interesse personale, sociale, d attualità o di lavoro rispettando un numero di parole/righe stabilito dal docente - redazione di lettere commerciali - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 13

14 CAL 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Lingua straniera (Costruzioni, Ambiente e Territorio) Utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere per interagire in diversi ambiti e contesti sociali e culturali di studio e di lavoro. Comprendere in modo globale e analitico testi scritti di interesse generale e propri del settore di specializzazione. Produrre testi orali/scritti brevi, coerenti su tematiche note di interesse personale, quotidiano, sociale e professionale Sostenere semplici conversazioni su argomenti generali e specifici in modo appropriato e adeguato al contesto situazionale Utilizzo graduale del linguaggio settoriale relativo al percorso di studio (microlingua ) fino ad arrivare al livello B1 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) alla fine del quinto anno Traduzione di testi scritti su argomenti di carattere professionale dalla lingua straniera all italiano Descrizione di processi e situazioni relative agli argomenti di studio utilizzando il linguaggio settoriale più appropriato. - esposizione guidata/autonoma e conversazione riguardanti articoli, brani di civiltà, testi specifici collegati al percorso di studio - risposte a quesiti relativi a testi scritti, orali o multimediali concernenti argomenti familiari d interesse personale, sociale, d attualità o di lavoro rispettando un numero di parole/righe stabilito dal docente - esercizi di completamento, di abbinamento, di scelta multipla, di vero/falso, di riordino di dati/affermazioni, di traduzione Utilizzare la lingua straniera nello studio di argomenti relativi a discipline non linguistiche. Disegno e Storia dell arte (Liceo scientifico) Storia dell arte (Liceo linguistico) Riconoscere le caratteristiche di un opera artistica Utilizzare in modo appropriato la terminologia specifica dell ambito artistico/letterario Gli elementi fondamentali per la lettura di un opera artistica (pittorica, plastica, architettonica) Dalle ricerche post-impressioniste alle principali linee di sviluppo dell arte e - elaborato scritto, esposizione - questionario di comprensione del testo - prove strutturate (V o F, scelta ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 14

15 Conoscere i beni culturali e ambientali a partire da quelli del proprio territorio Comprendere le relazioni tra opera artistica e il contesto in cui si è formata Avere consapevolezza del valore culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico italiano e delle questioni relative alla sua tutela e conservazione Collocare un opera o un autore nel contesto storico-sociale di appartenenza dell architettura in Italia e negli altri paesi (liceo scientifico) Elaborazione di forme comunicative mediante l utilizzo di strumentazioni multimediali L arte dell Ottocento e del Novecento (liceo linguistico) multipla, completamenti, collegamenti) - esercitazione pratica ASSE CULTURALE DEI LINGUAGGI 15

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi

Dettagli

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE V ersione aggiornata il 02.04.2013 1 Indice Premessa I PARTE: PRESUPPOSTI TEORICI E OBIETTIVI DELLE PROVE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione SMD FORM 004 DIRETTIVA PER LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE IN AMBITO FORZE ARMATE Edizione 2005 I ELENCO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

D.S. Agostino Miele 1

D.S. Agostino Miele 1 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE D.S. 1 Indice La Commissione d esame La procedura di ammissione Il credito scolastico L esame Le prove d esame La prima prova scritta La seconda prova scritta La terza prova

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli