Introduzione...4. Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano...7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione...4. Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano...7"

Transcript

1 Introduzione...4 CAPITOLO 1 Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano Transizione verso il libero mercato Garanti del nuovo mercato L autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale La società responsabile della rete a) Le attività di TERNA Il Gestore del Mercato Elettrico L Acquirente unico...20 CAPITOLO 2 Il mercato e la Borsa elettrica La Borsa elettrica Caratteristiche del Mercato Elettrico Divisione della Borsa Elettrica Il Mercato del Giorno Prima Il Mercato di Aggiustamento Il Mercato per il Servizio di Dispacciamento Contratti finanziari alle differenze...32 CAPITOLO 3 Il nuovo ruolo del Gestore della Rete di Trasmissione nazionale La nuova missione del GRTN Gestione dell energia con incentivazione cip/ Gestione dell energia con l incentivazione dei Certificati Verdi Certificati Verdi

2 3.3.2 Vantaggi del nuovo sistema Emissione dei Certificati...46 CAPITOLO 4 Il Gestore del Mercato Elettrico e i mercati per l ambiente...49 Premessa Regime di contrattazione Verifica e annullamento dei Certificati Verdi Trand dei Certificati Verdi Consuntivi per l obbligo di produzione rinnovabile Protocollo di Kyoto Obiettivi di riduzione e istituzione dell Emission Trading System Funzionamento dell ETS I Titoli di Efficienza energetica Organizzazione del mercato dei TEE...66 Capitolo 5 L effetto delle politiche di incentivazione finanziaria sull energia eolica...68 Premessa Situazione dell eolico prima dell ingresso dei Certificati Verdi Introduzione sull impianto eolico Innovazione tecnologica e costi La mappa eolica italiana Dimostrazione dell effeto prodotto dai C.V. sull eolico Evoluzione dell eolico in Sicilia Operatori nel mercato Italiano dell eolico Considerazioni conclusive sull energia eolica

3 Capitolo 6 L effetto delle politiche di incentivazione finanziaria sull energia solare fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica Mercato mondiale Mercato europeo del FV Perché la Germania ha raggiunto questo primato? La situazione del FV in Italia Le novità introdotte con il decreto 28 luglio 2005 sul conto energia D.M 06/02/2006: modifiche al decreto del 28/07/ I primi risultati dopo il decreto Capitolo 7 Vantaggi competitivi dei due sistemi alternativi Premessa Metodi di valutazione economica Il Pay-back period il Valore Attuale Netto Il Tasso Interno di Rendimento Valutazione economica di un impianto eolico Costi d impianto Costi di gestione Ricavi previsti Valutazione economica di un impianto fotovoltaico Costi di impianto e di gestione Ricavi previsti Confronto degli indicatori di sintesi Conclusioni Bibliografia

4 Introduzione Questa tesi nasce con l intento di fornire un sintetico inquadramento del recente sviluppo del mercato dell energia elettrica in Italia, a seguito di una fase di ristrutturazione che coinvolge l industria elettrica mondiale finalizzata ad introdurre le regole della competizione: in tal senso si parla di liberalizzazione del mercato. L obiettivo di fondo della trattazione è quello di analizzare e di mettere in luce le opportunità che le imprese hanno a disposizione per avvantaggiarsi dell introduzione della nuova normativa volgendo lo sguardo soprattutto allo sviluppo delle fonti rinnovabili come opportunità di investimento. Pertanto prima di analizzare il settore delle fonti rinnovabili, si cercherà di spiegare il funzionamento del mercato dell energia elettrica. Nel primo capitolo della tesi si evidenzia come in Italia la Direttiva Europea 96/92 è stata recepita con D.lgs N 79 del 16 marzo 1999 c.d. Decreto Bersani il quale definisce le linee guida per il riassetto del settore elettrico e i nuovi soggetti che operano sul mercato. 4

5 Nel secondo capitolo si mettono in evidenza le caratteristiche e la suddivisione del mercato elettrico; nello specifico, il mercato del giorno prima, il mercato di aggiustamento e il mercato del servizio di dispacciamento. In questo capitolo viene analizzato anche lo strumento finanziario utilizzato dall Acquirente Unico per la copertura dal rischio di prezzo dell energia elettrica. Nel Terzo capitolo si parlerà del ruolo del Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale nell ambito degli incentivi previsti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Si analizzeranno i vecchi incentivi previsti dalla normativa CIP6/92 e quelli nuovi previsti dal decreto 79/99 c.d. Certificati Verdi. Nel quarto capitolo si concluderà la prima fase di questo lavoro analizzando il mercato per l ambiente, che rappresenta il secondo pilastro del mercato dell energia. In questo mercato, gestito dal GME, si vedrà come vengono negoziati i Certificati Verdi emessi dal GRTN. All interno di questo capitolo vengono riportati gli obblighi, per l UE e per l Italia, derivanti dal Protocollo di Kyoto come preambolo al nascente mercato dei Titoli di Efficienza Energetica la cui prima sessione è prevista per il 07/03/2006. I capitoli successivi costituiscono la seconda fase di questo lavoro in quanto dopo aver analizzato il mercato dell energia si cercherà di 5

6 mettere in evidenza le opportunità di investimento nelle fonti rinnovabili. Tra le fonti rinnovabili si è scelto di analizzarne due, in particolare la fonte eolica e quella solare fotovoltaica. Pertanto sia nel quinto che nel sesto capitolo si analizzeranno gli effetti delle politiche di incentivazione finanziaria sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, rispettivamente i Certificati Verdi per l eolico e il nuovo incentivo previsto dal DM 28/07/2005 per l energia solare fotovoltaica. Il settimo capitolo sarà il risultato dei capitoli precedenti in quanto si cercherà di mettere in evidenza i vantaggi competitivi delle due fonti rinnovabili analizzate nella prospettiva di effettuare una scelta d investimento. Per poter effettuare una scelta d investimento tra due progetti che riguardano l uno l installazione di un impianto eolico, l altro l installazione di un impianto fotovoltaico, si utlizzeranno alcuni metodi finanziari di valutazione economica, in particolare il metodo del Pay-back Period, il metodo del Valore Attuale Netto e quello del Tasso Interno di Rendimento. 6

7 CAPITOLO 1 Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano SOMMARIO: 1.1 Transizione verso il libero mercato; 1.2 Garanti del nuovo mercato; AAEG e AGCM.; 1.3 Il Gestore della RTN; La società responsabile della rete; 1.3.1a) Le attività di TERNA; 1.4 Il Gestore del Mercato Elettrico; 1.5 L Acquirente Unico; 1.1 Transizione verso il libero mercato Il settore elettrico italiano è da alcuni anni oggetto di una profonda riorganizzazione a seguito del recepimento, all interno dell ordinamento nazionale, della Direttiva CE 96/92 del 19 dicembre 1996 per la creazione di un mercato unico dell energia elettrica che impone obiettivi minimi di liberalizzazione e di apertura dei mercati nazionali alla concorrenza, al fine di conseguire una armonizzazione 7

8 tra le normative dei Paesi Membri strumentale alla creazione di un mercato energetico integrato a livello europeo. A seguito di tale orientamento della Comunità Europea, il governo italiano, con l obiettivo di creare un contesto concorrenziale, emana il decreto legislativo 16 marzo 1999 n.79 (c.d. Decreto Bersani ), definendo libere le attività di: produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica (pur nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico). Tali attività, risultano di competenza di privati e non più diritto esclusivo di un unica società verticalmente integrata operante in un regime di monopolio di mercato. L ENEL viene pertanto strutturata in una holding di società, e posta in condizioni di concorrenza con altri competitori. Tuttavia rimangono regolate e sottratte alla concorrenza, in virtù delle caratteristiche di monopolio naturale, le attività di trasmissione dispacciamento e distribuzione. La trasmissione è l attività di trasporto e trasformazione dell energia elettrica sulla rete interconnessa ad alta (tensione nominale di valore superiore a 35 kv ed inferiore a 220 kv) ed altissima tensione (tensione nominale di valore superiore a 220 kv) ai fini della consegna dell energia. 8

9 Il dispacciamento è l attività diretta ad impartire disposizioni per l utilizzazione e l esercizio coordinato degli impianti di produzione, della rete di trasmissione e dei servizi ausiliari, indispensabili per il corretto funzionamento della rete. La distribuzione riguarda il trasporto e la trasformazione di energia elettrica su reti di distribuzione a media (tensione nominale di valore superiore a 1 kv e inferiore o uguale a 35 kv) e bassa tensione (tensione nominale non superiore a 1 kv). La trasmissione ed il dispacciamento sono di competenza dello Stato e attribuite in concessione al Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN), società per azioni a capitale pubblico. La distribuzione è esercitata in regime di concessione da più soggetti. Inoltre, il decreto Bersani, per favorire la crescita di un regime di concorrenza in conformità con la Direttiva 96/92/CE, prevedeva che dal 1 gennaio 2003 nessun soggetto avrebbe prodotto o importao più del 50% dell energia elettrica totale prodotta o importata in Italia. Pertanto l ENEL entro tale data ha ceduto MW della propria capacità produttiva ( MW totali) mediante la vendita di alcuni suoi impianti. 9

10 Il piano di cessione, quindi è stato attuato grazie alla creazione di tre società per la generazione (GENCO): Eurogen S.p.A, Elettrogen S.p.A, Interpower S.p.A. conferendo loro gli impianti secondo i canoni previsti dal decreto. Di queste tre, Eurogen s.p.a. è stata acquistata il 18/03/2002 dal gruppo Edipower, un consorzio che fa capo alla società Edison, che cosi diventa il secondo produttore di energia elettrica in Italia dopo ENEL. 1.2 Garanti del nuovo mercato La sostituzione del modello verticalmente integrato procede dunque con la separazione delle funzioni principali di controllo del nuovo assetto organizzativo, definendo le istituzioni che dovranno assicurare lo svolgimento di tutte le attività nel rispetto degli obiettivi di trasparenza e libera concorrenza proposti. Vengono cosi illustrate le competenze dei diversi operatori di mercato, le interazioni che intercorrono tra essi, necessarie al funzionamento della borsa. 10

11 1.2.1 L autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato A garantire il funzionamento del sistema elettrico, reso complesso da un intreccio di competenze politiche, amministrative e tecniche affidate ad una pluralità di soggetti, vi sono: 1) l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) istituita con la legge 14 novembre 1995, n. 481 è un organo indipendente, cioè un amministrazione pubblica dotata di un elevato grado di autonomia nei propri giudizi rispetto all esecutivo, con funzioni di regolazione e di controllo dei settori dell energia elettrica e del gas. Più specificatamente, le sue competenze riguardano la determinazione delle tariffe, dei livelli di qualità dei servizi e delle condizioni tecnico economiche di accesso e interconnessione alle reti. Senza dubbio il mercato non sarebbe in grado di garantire l interesse di utenti e consumatori a causa di vincoli tecnici e legali che limitano il normale funzionamento dei meccanismi concorrenziali; 2) l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM, nota anche come Autorità Antitrust) è, come la prima, un ente indipendente per la necessità di tutelare la sua autonomia di 11

12 azione. Essa ha il compito di vigilare sugli abusi di posizione dominante e sulle operazioni che sono tali da eliminare o ridurre in misura sostanziale e duratura la concorrenza; Questi due organi risultano in stretta relazione tra loro, infatti l AEEG è tenuta a segnalare all AGCM ogni eventuale sussistenza di ipotesi di violazione in materia di concorrenza all interno del settore di riferimento. 1.3 Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale Uno dei principali soggetti creato con decreto 16/03/99 n 79 appositamente per il mercato dell energia elettrica dal Ministero dell industria del commercio e dell artigianato, oggi Ministero delle attività produttive, è stato il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN) con il compito di gestire la RTN e provvedere alle operazioni di trasmissione e dispacciamento rispettando i criteri di sicurezza stabiliti dall Autorità per L energia. Si trattava essenzialmente di una società per azioni le cui funzioni possono essere così riassunte (come disposto dal D. lgs n. 79/99) : - connettere alla Rete di Trasmissione Nazionale chiunque ne faccia richiesta, senza discriminazioni e senza compromettere la continuità 12

13 del servizio, nel rispetto delle regole tecniche, delle condizioni tecnico-economiche di accesso e di interconnessione fissate dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. - gestire i flussi di energia, e i dispositivi necessari al suo effettivo trasporto - garantire la sicurezza, l affidabilità, l efficienza e il minor costo del servizio e degli approvvigionamenti di energia - gestire la RTN, senza discriminazioni fra gli utenti - pianificare e deliberare gli interventi di manutenzione e sviluppo della RTN. In seguito all entrata in vigore del DPCM dell 11/05/2004, il 1 novembre 2005 è avvenuto il trasferimento del ramo d azienda relativo al dispacciamento, trasmissione e sviluppo della rete a Terna S.p.A; La società responsabile della rete. TERNA - Rete Elettrica Nazionale S.p.A. è la società responsabile in Italia della trasmissione e del dispacciamento dell energia elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione su tutto il territorio nazionale. L assetto attuale è il risultato dell acquisizione nel mese di novembre 13

14 2005 del ramo di azienda del GRTN come definito dal DPCM 11 maggio Terna è una società per azioni quotata in Borsa. Il collocamento delle azioni è avvenuto nel giugno Attualmente l azionista di maggioranza relativa è la Cassa Depositi e Prestiti, che detiene il 29.99% del pacchetto azionario a) Le attività di TERNA Il sistema elettrico italiano è articolato in quattro segmenti che ne compongono la filiera: produzione, trasmissione, distribuzione e vendita. Le attività di Terna riguardano la fase della trasmissione dell energia elettrica sulla rete ad alta ed altissima tensione. Nel dettaglio: Gestione del sistema elettrico: Terna garantisce l equilibrio tra l energia richiesta e quella prodotta. La gestione in sicurezza del sistema elettrico nazionale viene effettuata dal Centro Nazionale di Controllo e dai Centri Territoriali. Terna cura la massima efficienza delle infrastrutture e l eccellenza della manutenzione. Attraverso i centri di teleconduzione Terna manovra i propri impianti e ne monitora il funzionamento; 14

15 Ingegneria e gestione impianti: Terna cura la massima efficienza delle infrastrutture e l eccellenza della manutenzione attraverso una forte vocazione all innovazione tecnologica e una struttura operativa presente su tutto il territorio; Sviluppo della rete: Terna delibera ed esegue gli interventi di sviluppo approvati dal MAP, secondo il Piano che dal 2005 fino al 2014 prevede la realizzazione di 160 interventi di cui 16 prioritari per un investimento stimato complessivo di circa 2.1 miliardi di euro (3.120 km di nuovi elettrodotti e 57 nuove stazioni). Terna promuove lo sviluppo delle infrastrutture in armonia con le esigenze dell ambiente. Terna è proprietaria di oltre il 90% della Rete di Trasmissione Nazionale cioè della rete ad alta e altissima tensione. Gli elementi costitutivi della rete sono: i trasformatori di AAT (altissima tensione) che prelevano l energia dalle centrali elettriche nazionali (o dai punti di confine per l energia importata); le linee di AAT e di AT (alta tensione) che trasportano l energia; e, infine, le stazioni di trasformazione che cedono l energia alle società di distribuzione che, a loro volta (tramite società di vendita), portano l elettricità nelle case e nelle fabbriche. Per le sue attività Terna riceve 15

16 una remunerazione in base ad un sistema tariffario stabilito dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Terna viene remunerata per l uso della porzione di RTN sulla base di un corrispettivo tariffario riconosciutole dall AEEG (aggiornato ogni quattro anni) per le attività di gestione del sistema elettrico, sulla base di voci tariffarie che seguono l evoluzione delle regole sul mercato elettrico. Dal 31 dicembre 2003 Terna controlla anche due società brasiliane, Novatrans Energia S.A. e TSN - Transmissora Sudeste - Nordeste S.A., che operano nel settore della trasmissione di energia in Brasile. Ciascuna società è titolare di una concessione trentennale in virtù della quale è autorizzata a svolgere le stesse attività che Terna esercita in Italia, e sulla base della quale viene remunerata. 1.4 Il Gestore del Mercato Elettrico In ottemperanza al decreto Bersani, il GRTN costituisce due distinte società controllate, soggetti dell assetto del nuovo mercato : _ Gestore del Mercato Elettrico (GME) _ Acquirente Unico (AU) 16

17 Il Gestore del Mercato Elettrico è una società per azioni, costituita nell anno 2000, interamente controllata dal Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN). il GME è responsabile dell organizzazione e della gestione della borsa elettrica italiana, ovvero del mercato in cui vengono effettuate transazioni aventi per oggetto l energia elettrica. La borsa elettrica, entrata in operatività il 31/03/2004, è un market place telematico (tutte le fasi del mercato si svolgono via internet), in cui il prezzo di equilibrio di mercato si ottiene dall'incontro tra le quantità di energia domandate e offerte dagli operatori che vi partecipano. Il mercato elettrico è anche un vero e proprio mercato fisico, dove si definiscono programmi di immissione e di prelievo sulla rete secondo il criterio di merito economico. Come in altre esperienze internazionali, la creazione di un mercato corrisponde a due esigenze ben precise: promuovere, secondo criteri di neutralità, trasparenza ed obiettività, la competizione nelle attività di produzione e di compravendita di energia elettrica attraverso la creazione di una piazza del mercato ; assicurare la gestione economica di una adeguata disponibilità dei servizi di dispacciamento. 17

18 La borsa elettrica costituisce uno strumento fondamentale ai fini della creazione di un mercato concorrenziale dell energia elettrica in Italia e nasce con lo scopo di favorire l emergenza dei prezzi di equilibrio efficienti che consentano a produttori e consumatori di vendere e acquistare energia dove c è una maggiore convenienza economica. Dal 31 dicembre 2004 anche la domanda è stata ammessa al mercato come stabilito dalla Direttiva Ministeriale del 24 dicembre 2004 (la cosiddetta domanda attiva ), permettendo così a tutti gli operatori interessati di approvvigionarsi direttamente in borsa. Prima di tale data i produttori e i traders di energia offrivano la loro elettricità che veniva comprata tutta dall Acquirente Unico, la società incaricata di raccogliere l energia destinata alle famiglie, ma che temporaneamente riforniva anche le imprese Dal 01/01/2005 chi compra e chi vende si incontra direttamente in borsa. Per i clienti domestici l Acquirente Unico continuerà ad assicurare la copertura del loro fabbisogno, minimizzando i costi ed i rischi di approvvigionamento anche tramite acquisti diretti sulla borsa dell energia. La novità più importante dovuta alla partecipazione attiva della domanda in borsa riguarda, dunque, la possibilità per i grossisti ed i 18

19 grandi consumatori di acquistare direttamente in borsa l energia loro necessaria e l obbligo di programmare, su base oraria il proprio profilo di prelievo. Nel processo di liberalizzazione del settore elettrico la borsa elettrica si propone come strumento di innovazione dal momento che: migliora il processo di formazione dei prezzi, rispecchiando le condizioni di domanda e offerta; stimola la concorrenza tra operatori e favorisce il soddisfacimento della domanda ai prezzi più convenienti disponibili sul mercato; opera in trasparenza rendendo quantità e prezzi costantemente disponibili agli operatori. Presenta una maggiore flessibilità, consentendo agli operatori di integrare le forniture di energia per far fronte alle fluttuazioni improvvise del loro fabbisogno. favorisce la stabilizzazione del mercato, incentivando la costruzione di nuove centrali e di nuove linee elettriche e l ingresso di nuovi operatori; introduce un elemento di separazione tra l attività di produzione e di vendita di energia, due attività concorrenziali all interno della filiera elettrica; 19

20 contribuisce a far fronte alle situazioni di scarsità di offerta, fornendo accurati e puntuali segnali di prezzo sia ai produttori per rendere disponibile la capacità di generazione,sia ai consumatori, promuovendo l uso efficiente dell energia. 1.5 L Acquirente unico Acquirente Unico è la società per azioni, costituita il 1 gennaio 2004 dal GRTN, in base al decreto di liberalizzazione del settore elettrico, cui è affidato il compito di assicurare la fornitura di energia elettrica, a prezzi competitivi e in condizioni di continuità, sicurezza ed efficienza del servizio, ai clienti vincolati, in modo da consentire anche a tali consumatori di beneficiare dei vantaggi del processo di liberalizzazione del settore. Il compito di Acquirente Unico, pertanto, è quello di acquistare energia elettrica alle condizioni più favorevoli sul mercato e di cederla alle imprese distributrici per la fornitura ai clienti vincolati. Con decreto del Ministro delle attività produttive del 19 dicembre 2003, Acquirente Unico ha assunto, a partire dal primo gennaio 2004, la titolarità del ruolo di garante della fornitura di energia elettrica al mercato vincolato, subentrando ad Enel S.p.a. nella suddetta funzione. Il mercato vincolato è costituito da 35 milioni di 20

21 utenti, di cui circa 28 milioni sono famiglie e il resto artigiani, commercianti, piccoli imprenditori. Già dal 1 luglio 2004 piccoli imprenditori, artigiani e tutti coloro che hanno la partita Iva - circa 8 milioni di clienti - avrebbero potuto ricorrere al mercato libero, ma finora solo poco più di lo hanno fatto. La scelta di rimanere con il vecchio distributore e continuare ad essere approvvigionati dall'au è in parte spiegabile con la garanzia di una maggiore stabilità dei prezzi. La sua missione di soggetto indipendente dagli interessi sia dei produttori sia dei distributori, si esplica a tutela dei clienti che non possono ancora accedere al mercato libero o che preferiscono una fornitura a prezzi amministrati. Acquistando grossi quantitativi di energia e operando su orizzonti di medio e lungo termine, Acquirente Unico consente anche a loro di poter usufruire dei vantaggi della liberalizzazione del mercato. L utilizzo di vari strumenti operativi a disposizione, quali la stipula di contratti direttamente con produttori nazionali ed esteri e la stipula di speciali polizze di assicurazione contro i rischi di prezzi eccessivamente alti per gli acquisti in borsa, ha permesso per es. tra gennaio 2004 e gennaio 2005 di limitare l aumento delle tariffe elettriche ad appena l 1,2%, a fronte di una forte ascesa dei prezzi petroliferi del 33% rilevata nello stesso periodo. 21

22 CAPITOLO 2 Il mercato e la Borsa elettrica Sommario: 2.1 La Borsa elettrica; 2.2 Caratteristiche della B.E.; 2.3 Divisione della Borsa elettrica; Il Mercato del Giorno Prima; Il Mercato di Aggiustamento; Il Mercato dei Servizi di Dispacciamento; 2.4 Contratti Finanziari alle Scadenze 2.1 La Borsa elettrica La Borsa elettrica ed il dispacciamento delle unità di produzione secondo criteri di merito economico, hanno preso avvio solo nell aprile del 2004, con notevole ritardo rispetto alla tempistica prevista nel decreto Bersani. Tale avvio ha rappresentato un momento di svolta nel processo di liberalizzazione del settore elettrico in quanto per la prima volta i diritti di immissione e di prelievo di energia elettrica nel sistema elettrico nazionale sono stati assegnati secondo principi di mercato ed i prezzi dell energia elettrica all ingrosso sono stati determinati dalle 22

23 dinamiche della domanda e dell offerta di energia elettrica. Sino all avvio del dispacciamento di merito economico dell energia, il prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata al mercato vincolato era stabilito dall autorità di regolazione e rappresentava un riferimento anche per le cessioni di energia elettrica nel mercato libero. Dal 1 aprile 2004 i prezzi amministrati sono stati sostituiti da prezzi di mercato ed il prezzo di riferimento per la valorizzazione dell energia elettrica all ingrosso è il prezzo registrato nella borsa elettrica. 2.2 Caratteristiche del Mercato Elettrico Il Mercato elettrico quale risultante dal nuovo assetto del settore presenta gli elementi caratteristici di seguito indicati: 1) MERCATI DELL ENERGIA. La programmazione delle unità di produzione per il giorno successivo continua a svolgersi ma è affidata al GME, che a tal fine raccoglie dai produttori offerte di vendita sui mercati dell energia per ogni punto di offerta e per ogni ora. Il fabbisogno atteso di energia per ogni ora del giorno successivo non è stimato, 23

24 quindi, dal GRTN, ma è espresso direttamente dai consumatori (o dai loro fornitori) attraverso offerte orarie di acquisto sul Mercato Elettrico.1 In tale contesto i programmi orari di produzione e consumo sono determinati selezionando le offerte in ordine di merito economico (cioè in ordine di prezzo di vendita crescente e in ordine di prezzo di acquisto decrescente), in maniera da garantire sia il soddisfacimento al minimo costo della domanda espressa dai consumatori, sia il rispetto dei vincoli di trasporto sulla rete stabiliti dal GRTN. A differenza di altri mercati europei dell energia come Powernext in Francia o EEX in Germania - il mercato del GME non è quindi un mercato puramente finanziario finalizzato solo alla determinazione di prezzi e quantità, ma è un vero e proprio mercato fisico, dove si definiscono programmi fisici di immissione e prelievo. 2) CONTRATTI BILATERALI. Produttori e clienti idonei possono vendere ed acquistare energia elettrica non solo attraverso il mercato organizzato dal GME, ma anche stipulando contratti di compravendita conclusi al di fuori del sistema delle offerte (c.d. contratti bilaterali). In questo ultimo caso le forniture ovvero i programmi di immissione e prelievo - nonché il prezzo di valorizzazione dell energia sono liberamente determinati dalle parti. 24

25 La legge distingue tra clienti che hanno facoltà di scegliere liberamente il proprio fornitore (c.d. clienti idonei) e clienti tenuti ad approvvigionarsi tramite il proprio distributore locale (c.d. clienti vincolati). In particolare, i primi sono liberi di scegliere se acquistare sul Mercato Elettrico direttamente o tramite i propri fornitori; i secondi acquistano necessariamente sul Mercato Elettrico attraverso la mediazione dell AU. Tuttavia, anche i contratti bilaterali sono soggetti alla verifica di compatibilità con i vincoli di trasporto. A tal fine il GRTN comunica al GME i programmi di immissione ed i programmi di prelievo relativi ai contratti bilaterali sotto forma di offerte di vendita e di acquisto aventi massima priorità di prezzo, cioè rispettivamente aventi prezzo zero e senza indicazione di prezzo. 3) MERCATO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO. La disponibilità di un idonea quantità di riserva è garantita dal GRTN attraverso la selezione di offerte di variazione dei programmi presentate dagli operatori sul mercato del servizio di dispacciamento, organizzato dal GME, che svolge le attività di raccolta delle offerte e la comunicazione degli esiti e gestito dal GRTN per quanto concerne 25

26 l accettazione delle offerte. Tale riserva è eventualmente utilizzata dal GRTN in tempo reale in funzione di bilanciamento. Tab 1 Operatori del Mercato Elettrico Fonte: Gestore del Mercato Elettrico 26

27 2.3 Divisione della Borsa Elettrica La borsa dell energia elettrica si articola in tre mercati: Mercato del giorno prima - MGP (mercato dell'energia); Mercato di aggiustamento - MA (mercato dell energia); Mercato del servizio di dispacciamento - MSD. I 3 mercati si articolano ognuno a valle dell altro Il Mercato del Giorno Prima Il Mercato del Giorno Prima (MGP) è un mercato per lo scambio di energia all ingrosso tra operatori, nel quale si definiscono non solo i prezzi e le quantità scambiate ma anche programmi di immissione e prelievo per il giorno dopo, che il GME comunica al GRTN per la verifica di sostenibilità sulla rete e per la determinazione dell ammontare del fabbisogno necessario. Al MGP possono partecipare tutti gli operatori che abbiano acquisito la qualifica di operatore del mercato elettrico. Gli operatori partecipano presentando offerte nelle quali indicano la quantità ed il prezzo massimo/minimo al quale sono disposti ad acquistare/vendere. 27

28 La seduta del MGP chiude tutti i giorni alle ore 9.00 e si apre 9 giorni prima del giorno precedente a quello cui si riferiscono le offerte. Le offerte sono accettate dopo la chiusura della seduta di mercato, sulla base del merito economico e nel rispetto dei limiti di transito tra le zone. Il GME è quindi un mercato d asta e non un mercato a contrattazione continua. Le offerte di vendita accettate sono valorizzate al prezzo di equilibrio della zona a cui appartengono. Tale prezzo è determinato, per ogni ora, dall intersezione della curva di domanda e di offerta e si differenzia da zona a zona in presenza di limiti di transito saturati. Le offerte di acquisto accettate sono valorizzate al prezzo unico nazionale (PUN), pari alla media dei prezzi zonali ponderata per i consumi zonali. Il GME agisce come controparte centrale Il Mercato di Aggiustamento Nel Mercato di Aggiustamento (MA) La seduta del MA si svolge dopo la chiusura del MGP e la comunicazione degli esiti del mercato, si apre alle e si chiude alle

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano La liberalizzazione del mercato elettrico italiano 21 gennaio 2013 1 La riforma del sistema elettrico nazionale 1.1 Generalità La riforma del sistema elettrico nazionale, è stata realizzata sulla base

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA Il servizio di dispacciamento è regolato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Il mercato elettrico gestisce sia l energia elettrica sia il servizio

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Centralizzazione dell energia elettrica,reti elettriche e tariffe elettriche

Dettagli

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori I Parte Vanna Gualandi vanna.gualandi@terna.it AGENDA Un excursus sull assetto del settore elettrico Gli organi di supervisione del settore elettrico Il

Dettagli

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Pianificazione ed esercizio dei sistemi elettrici Prof.ssa Maria Dicorato Evoluzione dell industria elettrica Dalla prima metà del 900, si sono sviluppate diverse

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana Torelli Anno Accademico

Dettagli

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia pagina 1 di 5 Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia Normativa Europea: L inizio del processo di privatizzazione dell energia

Dettagli

RES-e Regions. Regional report on transposition

RES-e Regions. Regional report on transposition RES-e Regions Regional report on transposition Introduzione Il quadro legislativo italiano in materia di fonti rinnovabili ha recepito con il D. Lgs. 387/2003 la direttiva europea 2001/77/CE sulla promozione

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.it www.ecuba.it GSE - Gestore dei Servizi Energetici s.p.a. È una

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

1.1 MERCATO ELETTRICO

1.1 MERCATO ELETTRICO 1. IL MERCATO LIBERALIZZATO DELL ENERGIA E LA COGENERAZIONE Negli ultimi anni il settore elettrico e il settore del gas naturale sono stati caratterizzati da una forte evoluzione a seguito dell attuazione

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

L ATTIVITÀ DEL GRTN: LA RETE ELETTRICA DELL AREA NORD OVEST E GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

L ATTIVITÀ DEL GRTN: LA RETE ELETTRICA DELL AREA NORD OVEST E GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI L ATTIVITÀ DEL GRTN: LA RETE ELETTRICA DELL AREA NORD OVEST E GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Torino 27 Novembre 2003 GRTN Costantino Lato Direzione Rete - Roma COMPITI ISTITUZIONALI ' Dispacciamento

Dettagli

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3 Indice 1. Premessa...2 2. La vendita dell'energia...3 2.1 Cessione regolamentata dell energia elettrica il ritiro dedicato...3 2.2 Cessione di energia elettrica nell ambito del mercato...10 2.3 Lo scambio

Dettagli

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato:

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: portafoglio approvvigionamenti AU all ingrosso, meccanismi d aggiornamento degli oneri di approvvigionamento e di dispacciamento, impatto degli andamenti

Dettagli

4. Il mercato elettrico

4. Il mercato elettrico Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Nel mercato del giorno prima avente per oggetto la contrattazione d energia tramite offerte di vendita ed acquisto.

Dettagli

IL MERCATO DELL ENERGIA. Corso di Progettazione dei sistemi energetici

IL MERCATO DELL ENERGIA. Corso di Progettazione dei sistemi energetici IL MERCATO DELL ENERGIA Corso di Progettazione dei sistemi energetici Argomenti della lezione: Attualità politico-economica del problema Energia Il mercato unico europeo dell energia: riferimenti normativi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Le liberalizzazioni L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna Dr. Stefano Verde Ph.D in Diritto ed Economia, LL.M in Competition

Dettagli

Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE

Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE Vademecum DEI MERCATI PER L AMBIENTE DEI MERCATI PER L AMBIENTE Indice 1. INTRODUZIONE I MERCATI PER L AMBIENTE 2. IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI 2.1 La produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile

Dettagli

La riforma del Mercato Elettrico

La riforma del Mercato Elettrico Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma del Mercato Elettrico Tullio Fanelli, Alessandro Ortis, Stefano Saglia, Federico Testa ABSTRACT Il rapido incremento di impianti da fonti rinnovabili non programmabili

Dettagli

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY STUDIO E S.r.l. - via Gorizia n. 107-47100 FORLI (FC) telefono: 0543-795555 fax: 0543-795523 web: www.studioe.biz e-mail: e info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G

Dettagli

Introduzione al mercato dell energia Enrico Villa CNA FC

Introduzione al mercato dell energia Enrico Villa CNA FC BC1 Introduzione al mercato dell energia Enrico Villa CNA FC Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting Diapositiva 1 BC1 inserire i propri riferimenti Nome e Cognome relatore

Dettagli

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3

1. Premessa...2. 2. La vendita dell'energia...3 Indice 1. Premessa...2 2. La vendita dell'energia...3 2.1 Cessione regolamentata dell energia elettrica il ritiro dedicato...3 2.2 Cessione di energia elettrica nell ambito del mercato...10 2.3 Lo scambio

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE E PRIVATIZZAZIONE NEI SETTORI A RETE: IL CASO DELL ENERGIA ELETTRICA

LIBERALIZZAZIONE E PRIVATIZZAZIONE NEI SETTORI A RETE: IL CASO DELL ENERGIA ELETTRICA ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. LIBERALIZZAZIONE E PRIVATIZZAZIONE NEI SETTORI A RETE: IL CASO DELL ENERGIA ELETTRICA a cura di G.Vitali Appunti

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Ing. Andrea Galliani Responsabile Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni utili per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Milano, 12 febbraio 2015 Indice Le voci della bolletta

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

D.3 Titoli di efficienza energetica e certificati verdi

D.3 Titoli di efficienza energetica e certificati verdi Titoli di efficienza energetica I titoli di efficienza energetica sono introdotti dai Decreti del Ministro dell Industria di concerto col Ministro dell ambiente il 24 aprile 2001. Essi vengono rilasciati

Dettagli

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Indice III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Il prezzo dell energia elettrica Normativa di riferimento Il ruolo della tariffa Tariffa elettrica per il mercato libero Principi di regolazione

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010 La rete elettrica nazionale: generalità e gestione Roma, 24 marzo 2010 Indice sistema elettrico nazionale mercato elettrico fonti rinnovabili nel sistema elettrico 2 Sistema Elettrico Nazionale 3 Sistema

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas TESTO UNICO RICOGNITIVO DELLA PRODUZIONE ELETTRICA

Autorità per l energia elettrica e il gas TESTO UNICO RICOGNITIVO DELLA PRODUZIONE ELETTRICA Autorità per l energia elettrica e il gas TESTO UNICO RICOGNITIVO DELLA PRODUZIONE ELETTRICA Aggiornato al 20 marzo 2011 Premessa In tempi recenti, numerosi interventi di carattere legislativo nazionale

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

WORKSHOP Liberalizzazione del mercato elettrico italiano e comportamento dei consumatori. attività di AU

WORKSHOP Liberalizzazione del mercato elettrico italiano e comportamento dei consumatori. attività di AU WORKSHOP Liberalizzazione del mercato elettrico italiano e comportamento dei consumatori I I risultati dell attivit attività di AU Dott. Nando Pasquali Presidente Acquirente Unico Spa Bologna, 22 gennaio

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * *

FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * * FINANZIAMENTI AMBIENTALI INCENTIVI DELLO STATO PER L UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI * * * Da oltre un ventennio ormai uno dei traguardi a cui punta la politica energetica dell Unione Europea riguarda lo

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI DCO 26/09 MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 27 luglio 2009 Premessa

Dettagli

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Con 23.859 MW installati e 58.164 GWh prodotti nel 2008, con un incremento del 21 % rispetto all anno precedente: le energie

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Sansepolcro,, 24 Ottobre 2009 Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Iacopo Magrini Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni iacopo.magrini@unifi.it

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Memoria per il seguito dell audizione presso la X Commissione Industria,

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi. Milano, 23 Gennaio 2003

MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi. Milano, 23 Gennaio 2003 MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi Milano, 23 Gennaio 2003 MERCATO DEL GAS METANO DIMENSIONI Il mercato italiano ha raggiunto, terzo in Europa, nel 2001 70 miliardi di metri cubi di consumo.

Dettagli

L intervento pubblico nel settore dell energia elettrica

L intervento pubblico nel settore dell energia elettrica L intervento pubblico nel settore Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 Fabiola Fraccascia Eugenia Mundi Niccolò Siani Indice 2/24 Le caratteristiche

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Marco Merler, Presidente Trenta S.p.A. Trento, Lunedì 4 giugno 2007 Sala Conferenze, Facoltà di Economia INDICE Il Gruppo Trentino Servizi Struttura

Dettagli

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA?

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? Che l energia elettrica sia in Italia mediamente più costosa rispetto al resto d Europa, è ancora una volta confermato da un recente rapporto EUROSTAT.

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

Connessione con scambio sul posto

Connessione con scambio sul posto Connessione con scambio sul posto Che cosa è lo scambio sul posto Qualsiasi cliente che ha la titolarità o la disponibilità di un impianto fotovoltaico con potenza nominale minore o uguale a 20 KW può

Dettagli

Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2006

Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2006 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2006 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2006 Il Gestore dei Servizi Elettrici - GSE S.p.A. ha un ruolo centrale nella promozione,

Dettagli

La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci

La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci Seminari Energia Ecologia Economia 2015 Centro S. Michele degli Scalzi Pisa 23 Ottobre 2015 Indice La struttura della bolletta I servizi di vendita

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Appendice 4. Glossario

Appendice 4. Glossario Appendice 4 Glossario Glossario Allacciamento Connessione degli impianti di produzione e distribuzione agli utilizzatori finali. Ampere L unità di misura della corrente elettrica. Cabina Manufatto di varie

Dettagli

MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Università di Pavia 6 giugno 2006 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 e.mail cse@cseit.it www. cseit.it

Dettagli

Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica.

Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica. Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica. Delibera n. 34/05 Quesiti frequenti: Quale energia elettrica può essere ritirata dal gestore di rete cui l impianto è collegato? Quali

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici Ing.

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3 Tabella 1.1: Parametro PE M, di cui al comma 10.3 lettera b), comma 10.5 lettera a) punto ii, comma 10,6 lettera b) punto iii, corretto per le perdite di rete (elemento PE) Tipologie di contratto di cui

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli

DELLA BORSA ELETTRICA

DELLA BORSA ELETTRICA DELLA BORSA ELETTRICA Indice n INTRODUZIONE 7 Il GME 7 Il Mercato Elettrico 8 Il Quadro regolatorio 9 n 1. L ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA ELETTRICO 13 1.1 I soggetti del sistema elettrico 15 1.2 I vincoli

Dettagli

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030 Introduzione In Italia la produzione di energia elettrica avviene in gran parte grazie all utilizzo di fonti non rinnovabili e, in misura minore, con fonti rinnovabili che per loro natura hanno un minor

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente:

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente: RISOLUZIONE N. 88/E ma, Roma, 25 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore Servizi Energetici - GSE articolo 2 della legge 24 dicembre

Dettagli

Leggere la bolletta dell energia elettrica

Leggere la bolletta dell energia elettrica Leggere la bolletta dell energia elettrica Premessa Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell'energia elettrica può risultare un impresa ardua per i non addetti ai lavori. Ciò è assolutamente

Dettagli

Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti

Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti Roma, 24 febbraio 2005 2 Il mercato dal 1 gennaio ad oggi: risultati - 2 - 3 MGP dal 1 gennaio ad

Dettagli

SEGNALAZIONE ALL AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO SU POSSIBILI EFFETTI DI INIZIATIVE DELL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI

SEGNALAZIONE ALL AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO SU POSSIBILI EFFETTI DI INIZIATIVE DELL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI SEGNALAZIONE ALL AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO SU POSSIBILI EFFETTI DI INIZIATIVE DELL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 618/2013/R/EFR DEFINIZIONE DEL VALORE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DI POTENZA FINO A 1 MW PER I QUALI È CONSENTITO L ACCESSO

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO 2014

BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO 2014 BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO 2014 BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO 2014 SOMMARIO 6 ORGANI SOCIETARI DEL GSE S.P.A. 6 POTERI DEGLI ORGANI SOCIETARI DEL GSE S.P.A. 7 MANAGEMENT

Dettagli

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 In Italia crediamo che Rinnovabili prevenzione Con le rinnovabili che hanno prodotto il 100%

Dettagli

CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO

CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Sezione 2 CONCORRENZA E REGOLAZIONE NEI SETTORI ENERGETICI STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE ELETTRICO STRUTTURA DEI MERCATI E REGOLAZIONE DEL SETTORE DEL GAS NATURALE OBBLIGHI DI SERVIZIO

Dettagli

GLOSSARIO TERMINOLOGIA SETORE ELETTRICO

GLOSSARIO TERMINOLOGIA SETORE ELETTRICO GLOSSARIO TERMINOLOGIA SETORE ELETTRICO termine definizione Acquirente Unico (AU) Ai sensi del Decreto Bersani (decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79), art. 4, c. 1, il Gestore della Rete di Trasmissione

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli