Introduzione...4. Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano...7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione...4. Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano...7"

Transcript

1 Introduzione...4 CAPITOLO 1 Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano Transizione verso il libero mercato Garanti del nuovo mercato L autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale La società responsabile della rete a) Le attività di TERNA Il Gestore del Mercato Elettrico L Acquirente unico...20 CAPITOLO 2 Il mercato e la Borsa elettrica La Borsa elettrica Caratteristiche del Mercato Elettrico Divisione della Borsa Elettrica Il Mercato del Giorno Prima Il Mercato di Aggiustamento Il Mercato per il Servizio di Dispacciamento Contratti finanziari alle differenze...32 CAPITOLO 3 Il nuovo ruolo del Gestore della Rete di Trasmissione nazionale La nuova missione del GRTN Gestione dell energia con incentivazione cip/ Gestione dell energia con l incentivazione dei Certificati Verdi Certificati Verdi

2 3.3.2 Vantaggi del nuovo sistema Emissione dei Certificati...46 CAPITOLO 4 Il Gestore del Mercato Elettrico e i mercati per l ambiente...49 Premessa Regime di contrattazione Verifica e annullamento dei Certificati Verdi Trand dei Certificati Verdi Consuntivi per l obbligo di produzione rinnovabile Protocollo di Kyoto Obiettivi di riduzione e istituzione dell Emission Trading System Funzionamento dell ETS I Titoli di Efficienza energetica Organizzazione del mercato dei TEE...66 Capitolo 5 L effetto delle politiche di incentivazione finanziaria sull energia eolica...68 Premessa Situazione dell eolico prima dell ingresso dei Certificati Verdi Introduzione sull impianto eolico Innovazione tecnologica e costi La mappa eolica italiana Dimostrazione dell effeto prodotto dai C.V. sull eolico Evoluzione dell eolico in Sicilia Operatori nel mercato Italiano dell eolico Considerazioni conclusive sull energia eolica

3 Capitolo 6 L effetto delle politiche di incentivazione finanziaria sull energia solare fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica Mercato mondiale Mercato europeo del FV Perché la Germania ha raggiunto questo primato? La situazione del FV in Italia Le novità introdotte con il decreto 28 luglio 2005 sul conto energia D.M 06/02/2006: modifiche al decreto del 28/07/ I primi risultati dopo il decreto Capitolo 7 Vantaggi competitivi dei due sistemi alternativi Premessa Metodi di valutazione economica Il Pay-back period il Valore Attuale Netto Il Tasso Interno di Rendimento Valutazione economica di un impianto eolico Costi d impianto Costi di gestione Ricavi previsti Valutazione economica di un impianto fotovoltaico Costi di impianto e di gestione Ricavi previsti Confronto degli indicatori di sintesi Conclusioni Bibliografia

4 Introduzione Questa tesi nasce con l intento di fornire un sintetico inquadramento del recente sviluppo del mercato dell energia elettrica in Italia, a seguito di una fase di ristrutturazione che coinvolge l industria elettrica mondiale finalizzata ad introdurre le regole della competizione: in tal senso si parla di liberalizzazione del mercato. L obiettivo di fondo della trattazione è quello di analizzare e di mettere in luce le opportunità che le imprese hanno a disposizione per avvantaggiarsi dell introduzione della nuova normativa volgendo lo sguardo soprattutto allo sviluppo delle fonti rinnovabili come opportunità di investimento. Pertanto prima di analizzare il settore delle fonti rinnovabili, si cercherà di spiegare il funzionamento del mercato dell energia elettrica. Nel primo capitolo della tesi si evidenzia come in Italia la Direttiva Europea 96/92 è stata recepita con D.lgs N 79 del 16 marzo 1999 c.d. Decreto Bersani il quale definisce le linee guida per il riassetto del settore elettrico e i nuovi soggetti che operano sul mercato. 4

5 Nel secondo capitolo si mettono in evidenza le caratteristiche e la suddivisione del mercato elettrico; nello specifico, il mercato del giorno prima, il mercato di aggiustamento e il mercato del servizio di dispacciamento. In questo capitolo viene analizzato anche lo strumento finanziario utilizzato dall Acquirente Unico per la copertura dal rischio di prezzo dell energia elettrica. Nel Terzo capitolo si parlerà del ruolo del Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale nell ambito degli incentivi previsti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Si analizzeranno i vecchi incentivi previsti dalla normativa CIP6/92 e quelli nuovi previsti dal decreto 79/99 c.d. Certificati Verdi. Nel quarto capitolo si concluderà la prima fase di questo lavoro analizzando il mercato per l ambiente, che rappresenta il secondo pilastro del mercato dell energia. In questo mercato, gestito dal GME, si vedrà come vengono negoziati i Certificati Verdi emessi dal GRTN. All interno di questo capitolo vengono riportati gli obblighi, per l UE e per l Italia, derivanti dal Protocollo di Kyoto come preambolo al nascente mercato dei Titoli di Efficienza Energetica la cui prima sessione è prevista per il 07/03/2006. I capitoli successivi costituiscono la seconda fase di questo lavoro in quanto dopo aver analizzato il mercato dell energia si cercherà di 5

6 mettere in evidenza le opportunità di investimento nelle fonti rinnovabili. Tra le fonti rinnovabili si è scelto di analizzarne due, in particolare la fonte eolica e quella solare fotovoltaica. Pertanto sia nel quinto che nel sesto capitolo si analizzeranno gli effetti delle politiche di incentivazione finanziaria sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, rispettivamente i Certificati Verdi per l eolico e il nuovo incentivo previsto dal DM 28/07/2005 per l energia solare fotovoltaica. Il settimo capitolo sarà il risultato dei capitoli precedenti in quanto si cercherà di mettere in evidenza i vantaggi competitivi delle due fonti rinnovabili analizzate nella prospettiva di effettuare una scelta d investimento. Per poter effettuare una scelta d investimento tra due progetti che riguardano l uno l installazione di un impianto eolico, l altro l installazione di un impianto fotovoltaico, si utlizzeranno alcuni metodi finanziari di valutazione economica, in particolare il metodo del Pay-back Period, il metodo del Valore Attuale Netto e quello del Tasso Interno di Rendimento. 6

7 CAPITOLO 1 Evoluzione nella gestione del sistema elettrico italiano SOMMARIO: 1.1 Transizione verso il libero mercato; 1.2 Garanti del nuovo mercato; AAEG e AGCM.; 1.3 Il Gestore della RTN; La società responsabile della rete; 1.3.1a) Le attività di TERNA; 1.4 Il Gestore del Mercato Elettrico; 1.5 L Acquirente Unico; 1.1 Transizione verso il libero mercato Il settore elettrico italiano è da alcuni anni oggetto di una profonda riorganizzazione a seguito del recepimento, all interno dell ordinamento nazionale, della Direttiva CE 96/92 del 19 dicembre 1996 per la creazione di un mercato unico dell energia elettrica che impone obiettivi minimi di liberalizzazione e di apertura dei mercati nazionali alla concorrenza, al fine di conseguire una armonizzazione 7

8 tra le normative dei Paesi Membri strumentale alla creazione di un mercato energetico integrato a livello europeo. A seguito di tale orientamento della Comunità Europea, il governo italiano, con l obiettivo di creare un contesto concorrenziale, emana il decreto legislativo 16 marzo 1999 n.79 (c.d. Decreto Bersani ), definendo libere le attività di: produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica (pur nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico). Tali attività, risultano di competenza di privati e non più diritto esclusivo di un unica società verticalmente integrata operante in un regime di monopolio di mercato. L ENEL viene pertanto strutturata in una holding di società, e posta in condizioni di concorrenza con altri competitori. Tuttavia rimangono regolate e sottratte alla concorrenza, in virtù delle caratteristiche di monopolio naturale, le attività di trasmissione dispacciamento e distribuzione. La trasmissione è l attività di trasporto e trasformazione dell energia elettrica sulla rete interconnessa ad alta (tensione nominale di valore superiore a 35 kv ed inferiore a 220 kv) ed altissima tensione (tensione nominale di valore superiore a 220 kv) ai fini della consegna dell energia. 8

9 Il dispacciamento è l attività diretta ad impartire disposizioni per l utilizzazione e l esercizio coordinato degli impianti di produzione, della rete di trasmissione e dei servizi ausiliari, indispensabili per il corretto funzionamento della rete. La distribuzione riguarda il trasporto e la trasformazione di energia elettrica su reti di distribuzione a media (tensione nominale di valore superiore a 1 kv e inferiore o uguale a 35 kv) e bassa tensione (tensione nominale non superiore a 1 kv). La trasmissione ed il dispacciamento sono di competenza dello Stato e attribuite in concessione al Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN), società per azioni a capitale pubblico. La distribuzione è esercitata in regime di concessione da più soggetti. Inoltre, il decreto Bersani, per favorire la crescita di un regime di concorrenza in conformità con la Direttiva 96/92/CE, prevedeva che dal 1 gennaio 2003 nessun soggetto avrebbe prodotto o importao più del 50% dell energia elettrica totale prodotta o importata in Italia. Pertanto l ENEL entro tale data ha ceduto MW della propria capacità produttiva ( MW totali) mediante la vendita di alcuni suoi impianti. 9

10 Il piano di cessione, quindi è stato attuato grazie alla creazione di tre società per la generazione (GENCO): Eurogen S.p.A, Elettrogen S.p.A, Interpower S.p.A. conferendo loro gli impianti secondo i canoni previsti dal decreto. Di queste tre, Eurogen s.p.a. è stata acquistata il 18/03/2002 dal gruppo Edipower, un consorzio che fa capo alla società Edison, che cosi diventa il secondo produttore di energia elettrica in Italia dopo ENEL. 1.2 Garanti del nuovo mercato La sostituzione del modello verticalmente integrato procede dunque con la separazione delle funzioni principali di controllo del nuovo assetto organizzativo, definendo le istituzioni che dovranno assicurare lo svolgimento di tutte le attività nel rispetto degli obiettivi di trasparenza e libera concorrenza proposti. Vengono cosi illustrate le competenze dei diversi operatori di mercato, le interazioni che intercorrono tra essi, necessarie al funzionamento della borsa. 10

11 1.2.1 L autorità per l Energia Elettrica e il Gas, e l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato A garantire il funzionamento del sistema elettrico, reso complesso da un intreccio di competenze politiche, amministrative e tecniche affidate ad una pluralità di soggetti, vi sono: 1) l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) istituita con la legge 14 novembre 1995, n. 481 è un organo indipendente, cioè un amministrazione pubblica dotata di un elevato grado di autonomia nei propri giudizi rispetto all esecutivo, con funzioni di regolazione e di controllo dei settori dell energia elettrica e del gas. Più specificatamente, le sue competenze riguardano la determinazione delle tariffe, dei livelli di qualità dei servizi e delle condizioni tecnico economiche di accesso e interconnessione alle reti. Senza dubbio il mercato non sarebbe in grado di garantire l interesse di utenti e consumatori a causa di vincoli tecnici e legali che limitano il normale funzionamento dei meccanismi concorrenziali; 2) l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM, nota anche come Autorità Antitrust) è, come la prima, un ente indipendente per la necessità di tutelare la sua autonomia di 11

12 azione. Essa ha il compito di vigilare sugli abusi di posizione dominante e sulle operazioni che sono tali da eliminare o ridurre in misura sostanziale e duratura la concorrenza; Questi due organi risultano in stretta relazione tra loro, infatti l AEEG è tenuta a segnalare all AGCM ogni eventuale sussistenza di ipotesi di violazione in materia di concorrenza all interno del settore di riferimento. 1.3 Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale Uno dei principali soggetti creato con decreto 16/03/99 n 79 appositamente per il mercato dell energia elettrica dal Ministero dell industria del commercio e dell artigianato, oggi Ministero delle attività produttive, è stato il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN) con il compito di gestire la RTN e provvedere alle operazioni di trasmissione e dispacciamento rispettando i criteri di sicurezza stabiliti dall Autorità per L energia. Si trattava essenzialmente di una società per azioni le cui funzioni possono essere così riassunte (come disposto dal D. lgs n. 79/99) : - connettere alla Rete di Trasmissione Nazionale chiunque ne faccia richiesta, senza discriminazioni e senza compromettere la continuità 12

13 del servizio, nel rispetto delle regole tecniche, delle condizioni tecnico-economiche di accesso e di interconnessione fissate dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. - gestire i flussi di energia, e i dispositivi necessari al suo effettivo trasporto - garantire la sicurezza, l affidabilità, l efficienza e il minor costo del servizio e degli approvvigionamenti di energia - gestire la RTN, senza discriminazioni fra gli utenti - pianificare e deliberare gli interventi di manutenzione e sviluppo della RTN. In seguito all entrata in vigore del DPCM dell 11/05/2004, il 1 novembre 2005 è avvenuto il trasferimento del ramo d azienda relativo al dispacciamento, trasmissione e sviluppo della rete a Terna S.p.A; La società responsabile della rete. TERNA - Rete Elettrica Nazionale S.p.A. è la società responsabile in Italia della trasmissione e del dispacciamento dell energia elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione su tutto il territorio nazionale. L assetto attuale è il risultato dell acquisizione nel mese di novembre 13

14 2005 del ramo di azienda del GRTN come definito dal DPCM 11 maggio Terna è una società per azioni quotata in Borsa. Il collocamento delle azioni è avvenuto nel giugno Attualmente l azionista di maggioranza relativa è la Cassa Depositi e Prestiti, che detiene il 29.99% del pacchetto azionario a) Le attività di TERNA Il sistema elettrico italiano è articolato in quattro segmenti che ne compongono la filiera: produzione, trasmissione, distribuzione e vendita. Le attività di Terna riguardano la fase della trasmissione dell energia elettrica sulla rete ad alta ed altissima tensione. Nel dettaglio: Gestione del sistema elettrico: Terna garantisce l equilibrio tra l energia richiesta e quella prodotta. La gestione in sicurezza del sistema elettrico nazionale viene effettuata dal Centro Nazionale di Controllo e dai Centri Territoriali. Terna cura la massima efficienza delle infrastrutture e l eccellenza della manutenzione. Attraverso i centri di teleconduzione Terna manovra i propri impianti e ne monitora il funzionamento; 14

15 Ingegneria e gestione impianti: Terna cura la massima efficienza delle infrastrutture e l eccellenza della manutenzione attraverso una forte vocazione all innovazione tecnologica e una struttura operativa presente su tutto il territorio; Sviluppo della rete: Terna delibera ed esegue gli interventi di sviluppo approvati dal MAP, secondo il Piano che dal 2005 fino al 2014 prevede la realizzazione di 160 interventi di cui 16 prioritari per un investimento stimato complessivo di circa 2.1 miliardi di euro (3.120 km di nuovi elettrodotti e 57 nuove stazioni). Terna promuove lo sviluppo delle infrastrutture in armonia con le esigenze dell ambiente. Terna è proprietaria di oltre il 90% della Rete di Trasmissione Nazionale cioè della rete ad alta e altissima tensione. Gli elementi costitutivi della rete sono: i trasformatori di AAT (altissima tensione) che prelevano l energia dalle centrali elettriche nazionali (o dai punti di confine per l energia importata); le linee di AAT e di AT (alta tensione) che trasportano l energia; e, infine, le stazioni di trasformazione che cedono l energia alle società di distribuzione che, a loro volta (tramite società di vendita), portano l elettricità nelle case e nelle fabbriche. Per le sue attività Terna riceve 15

16 una remunerazione in base ad un sistema tariffario stabilito dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Terna viene remunerata per l uso della porzione di RTN sulla base di un corrispettivo tariffario riconosciutole dall AEEG (aggiornato ogni quattro anni) per le attività di gestione del sistema elettrico, sulla base di voci tariffarie che seguono l evoluzione delle regole sul mercato elettrico. Dal 31 dicembre 2003 Terna controlla anche due società brasiliane, Novatrans Energia S.A. e TSN - Transmissora Sudeste - Nordeste S.A., che operano nel settore della trasmissione di energia in Brasile. Ciascuna società è titolare di una concessione trentennale in virtù della quale è autorizzata a svolgere le stesse attività che Terna esercita in Italia, e sulla base della quale viene remunerata. 1.4 Il Gestore del Mercato Elettrico In ottemperanza al decreto Bersani, il GRTN costituisce due distinte società controllate, soggetti dell assetto del nuovo mercato : _ Gestore del Mercato Elettrico (GME) _ Acquirente Unico (AU) 16

17 Il Gestore del Mercato Elettrico è una società per azioni, costituita nell anno 2000, interamente controllata dal Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN). il GME è responsabile dell organizzazione e della gestione della borsa elettrica italiana, ovvero del mercato in cui vengono effettuate transazioni aventi per oggetto l energia elettrica. La borsa elettrica, entrata in operatività il 31/03/2004, è un market place telematico (tutte le fasi del mercato si svolgono via internet), in cui il prezzo di equilibrio di mercato si ottiene dall'incontro tra le quantità di energia domandate e offerte dagli operatori che vi partecipano. Il mercato elettrico è anche un vero e proprio mercato fisico, dove si definiscono programmi di immissione e di prelievo sulla rete secondo il criterio di merito economico. Come in altre esperienze internazionali, la creazione di un mercato corrisponde a due esigenze ben precise: promuovere, secondo criteri di neutralità, trasparenza ed obiettività, la competizione nelle attività di produzione e di compravendita di energia elettrica attraverso la creazione di una piazza del mercato ; assicurare la gestione economica di una adeguata disponibilità dei servizi di dispacciamento. 17

18 La borsa elettrica costituisce uno strumento fondamentale ai fini della creazione di un mercato concorrenziale dell energia elettrica in Italia e nasce con lo scopo di favorire l emergenza dei prezzi di equilibrio efficienti che consentano a produttori e consumatori di vendere e acquistare energia dove c è una maggiore convenienza economica. Dal 31 dicembre 2004 anche la domanda è stata ammessa al mercato come stabilito dalla Direttiva Ministeriale del 24 dicembre 2004 (la cosiddetta domanda attiva ), permettendo così a tutti gli operatori interessati di approvvigionarsi direttamente in borsa. Prima di tale data i produttori e i traders di energia offrivano la loro elettricità che veniva comprata tutta dall Acquirente Unico, la società incaricata di raccogliere l energia destinata alle famiglie, ma che temporaneamente riforniva anche le imprese Dal 01/01/2005 chi compra e chi vende si incontra direttamente in borsa. Per i clienti domestici l Acquirente Unico continuerà ad assicurare la copertura del loro fabbisogno, minimizzando i costi ed i rischi di approvvigionamento anche tramite acquisti diretti sulla borsa dell energia. La novità più importante dovuta alla partecipazione attiva della domanda in borsa riguarda, dunque, la possibilità per i grossisti ed i 18

19 grandi consumatori di acquistare direttamente in borsa l energia loro necessaria e l obbligo di programmare, su base oraria il proprio profilo di prelievo. Nel processo di liberalizzazione del settore elettrico la borsa elettrica si propone come strumento di innovazione dal momento che: migliora il processo di formazione dei prezzi, rispecchiando le condizioni di domanda e offerta; stimola la concorrenza tra operatori e favorisce il soddisfacimento della domanda ai prezzi più convenienti disponibili sul mercato; opera in trasparenza rendendo quantità e prezzi costantemente disponibili agli operatori. Presenta una maggiore flessibilità, consentendo agli operatori di integrare le forniture di energia per far fronte alle fluttuazioni improvvise del loro fabbisogno. favorisce la stabilizzazione del mercato, incentivando la costruzione di nuove centrali e di nuove linee elettriche e l ingresso di nuovi operatori; introduce un elemento di separazione tra l attività di produzione e di vendita di energia, due attività concorrenziali all interno della filiera elettrica; 19

20 contribuisce a far fronte alle situazioni di scarsità di offerta, fornendo accurati e puntuali segnali di prezzo sia ai produttori per rendere disponibile la capacità di generazione,sia ai consumatori, promuovendo l uso efficiente dell energia. 1.5 L Acquirente unico Acquirente Unico è la società per azioni, costituita il 1 gennaio 2004 dal GRTN, in base al decreto di liberalizzazione del settore elettrico, cui è affidato il compito di assicurare la fornitura di energia elettrica, a prezzi competitivi e in condizioni di continuità, sicurezza ed efficienza del servizio, ai clienti vincolati, in modo da consentire anche a tali consumatori di beneficiare dei vantaggi del processo di liberalizzazione del settore. Il compito di Acquirente Unico, pertanto, è quello di acquistare energia elettrica alle condizioni più favorevoli sul mercato e di cederla alle imprese distributrici per la fornitura ai clienti vincolati. Con decreto del Ministro delle attività produttive del 19 dicembre 2003, Acquirente Unico ha assunto, a partire dal primo gennaio 2004, la titolarità del ruolo di garante della fornitura di energia elettrica al mercato vincolato, subentrando ad Enel S.p.a. nella suddetta funzione. Il mercato vincolato è costituito da 35 milioni di 20

21 utenti, di cui circa 28 milioni sono famiglie e il resto artigiani, commercianti, piccoli imprenditori. Già dal 1 luglio 2004 piccoli imprenditori, artigiani e tutti coloro che hanno la partita Iva - circa 8 milioni di clienti - avrebbero potuto ricorrere al mercato libero, ma finora solo poco più di lo hanno fatto. La scelta di rimanere con il vecchio distributore e continuare ad essere approvvigionati dall'au è in parte spiegabile con la garanzia di una maggiore stabilità dei prezzi. La sua missione di soggetto indipendente dagli interessi sia dei produttori sia dei distributori, si esplica a tutela dei clienti che non possono ancora accedere al mercato libero o che preferiscono una fornitura a prezzi amministrati. Acquistando grossi quantitativi di energia e operando su orizzonti di medio e lungo termine, Acquirente Unico consente anche a loro di poter usufruire dei vantaggi della liberalizzazione del mercato. L utilizzo di vari strumenti operativi a disposizione, quali la stipula di contratti direttamente con produttori nazionali ed esteri e la stipula di speciali polizze di assicurazione contro i rischi di prezzi eccessivamente alti per gli acquisti in borsa, ha permesso per es. tra gennaio 2004 e gennaio 2005 di limitare l aumento delle tariffe elettriche ad appena l 1,2%, a fronte di una forte ascesa dei prezzi petroliferi del 33% rilevata nello stesso periodo. 21

22 CAPITOLO 2 Il mercato e la Borsa elettrica Sommario: 2.1 La Borsa elettrica; 2.2 Caratteristiche della B.E.; 2.3 Divisione della Borsa elettrica; Il Mercato del Giorno Prima; Il Mercato di Aggiustamento; Il Mercato dei Servizi di Dispacciamento; 2.4 Contratti Finanziari alle Scadenze 2.1 La Borsa elettrica La Borsa elettrica ed il dispacciamento delle unità di produzione secondo criteri di merito economico, hanno preso avvio solo nell aprile del 2004, con notevole ritardo rispetto alla tempistica prevista nel decreto Bersani. Tale avvio ha rappresentato un momento di svolta nel processo di liberalizzazione del settore elettrico in quanto per la prima volta i diritti di immissione e di prelievo di energia elettrica nel sistema elettrico nazionale sono stati assegnati secondo principi di mercato ed i prezzi dell energia elettrica all ingrosso sono stati determinati dalle 22

23 dinamiche della domanda e dell offerta di energia elettrica. Sino all avvio del dispacciamento di merito economico dell energia, il prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata al mercato vincolato era stabilito dall autorità di regolazione e rappresentava un riferimento anche per le cessioni di energia elettrica nel mercato libero. Dal 1 aprile 2004 i prezzi amministrati sono stati sostituiti da prezzi di mercato ed il prezzo di riferimento per la valorizzazione dell energia elettrica all ingrosso è il prezzo registrato nella borsa elettrica. 2.2 Caratteristiche del Mercato Elettrico Il Mercato elettrico quale risultante dal nuovo assetto del settore presenta gli elementi caratteristici di seguito indicati: 1) MERCATI DELL ENERGIA. La programmazione delle unità di produzione per il giorno successivo continua a svolgersi ma è affidata al GME, che a tal fine raccoglie dai produttori offerte di vendita sui mercati dell energia per ogni punto di offerta e per ogni ora. Il fabbisogno atteso di energia per ogni ora del giorno successivo non è stimato, 23

24 quindi, dal GRTN, ma è espresso direttamente dai consumatori (o dai loro fornitori) attraverso offerte orarie di acquisto sul Mercato Elettrico.1 In tale contesto i programmi orari di produzione e consumo sono determinati selezionando le offerte in ordine di merito economico (cioè in ordine di prezzo di vendita crescente e in ordine di prezzo di acquisto decrescente), in maniera da garantire sia il soddisfacimento al minimo costo della domanda espressa dai consumatori, sia il rispetto dei vincoli di trasporto sulla rete stabiliti dal GRTN. A differenza di altri mercati europei dell energia come Powernext in Francia o EEX in Germania - il mercato del GME non è quindi un mercato puramente finanziario finalizzato solo alla determinazione di prezzi e quantità, ma è un vero e proprio mercato fisico, dove si definiscono programmi fisici di immissione e prelievo. 2) CONTRATTI BILATERALI. Produttori e clienti idonei possono vendere ed acquistare energia elettrica non solo attraverso il mercato organizzato dal GME, ma anche stipulando contratti di compravendita conclusi al di fuori del sistema delle offerte (c.d. contratti bilaterali). In questo ultimo caso le forniture ovvero i programmi di immissione e prelievo - nonché il prezzo di valorizzazione dell energia sono liberamente determinati dalle parti. 24

25 La legge distingue tra clienti che hanno facoltà di scegliere liberamente il proprio fornitore (c.d. clienti idonei) e clienti tenuti ad approvvigionarsi tramite il proprio distributore locale (c.d. clienti vincolati). In particolare, i primi sono liberi di scegliere se acquistare sul Mercato Elettrico direttamente o tramite i propri fornitori; i secondi acquistano necessariamente sul Mercato Elettrico attraverso la mediazione dell AU. Tuttavia, anche i contratti bilaterali sono soggetti alla verifica di compatibilità con i vincoli di trasporto. A tal fine il GRTN comunica al GME i programmi di immissione ed i programmi di prelievo relativi ai contratti bilaterali sotto forma di offerte di vendita e di acquisto aventi massima priorità di prezzo, cioè rispettivamente aventi prezzo zero e senza indicazione di prezzo. 3) MERCATO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO. La disponibilità di un idonea quantità di riserva è garantita dal GRTN attraverso la selezione di offerte di variazione dei programmi presentate dagli operatori sul mercato del servizio di dispacciamento, organizzato dal GME, che svolge le attività di raccolta delle offerte e la comunicazione degli esiti e gestito dal GRTN per quanto concerne 25

26 l accettazione delle offerte. Tale riserva è eventualmente utilizzata dal GRTN in tempo reale in funzione di bilanciamento. Tab 1 Operatori del Mercato Elettrico Fonte: Gestore del Mercato Elettrico 26

27 2.3 Divisione della Borsa Elettrica La borsa dell energia elettrica si articola in tre mercati: Mercato del giorno prima - MGP (mercato dell'energia); Mercato di aggiustamento - MA (mercato dell energia); Mercato del servizio di dispacciamento - MSD. I 3 mercati si articolano ognuno a valle dell altro Il Mercato del Giorno Prima Il Mercato del Giorno Prima (MGP) è un mercato per lo scambio di energia all ingrosso tra operatori, nel quale si definiscono non solo i prezzi e le quantità scambiate ma anche programmi di immissione e prelievo per il giorno dopo, che il GME comunica al GRTN per la verifica di sostenibilità sulla rete e per la determinazione dell ammontare del fabbisogno necessario. Al MGP possono partecipare tutti gli operatori che abbiano acquisito la qualifica di operatore del mercato elettrico. Gli operatori partecipano presentando offerte nelle quali indicano la quantità ed il prezzo massimo/minimo al quale sono disposti ad acquistare/vendere. 27

28 La seduta del MGP chiude tutti i giorni alle ore 9.00 e si apre 9 giorni prima del giorno precedente a quello cui si riferiscono le offerte. Le offerte sono accettate dopo la chiusura della seduta di mercato, sulla base del merito economico e nel rispetto dei limiti di transito tra le zone. Il GME è quindi un mercato d asta e non un mercato a contrattazione continua. Le offerte di vendita accettate sono valorizzate al prezzo di equilibrio della zona a cui appartengono. Tale prezzo è determinato, per ogni ora, dall intersezione della curva di domanda e di offerta e si differenzia da zona a zona in presenza di limiti di transito saturati. Le offerte di acquisto accettate sono valorizzate al prezzo unico nazionale (PUN), pari alla media dei prezzi zonali ponderata per i consumi zonali. Il GME agisce come controparte centrale Il Mercato di Aggiustamento Nel Mercato di Aggiustamento (MA) La seduta del MA si svolge dopo la chiusura del MGP e la comunicazione degli esiti del mercato, si apre alle e si chiude alle

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale;

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale; D.Lgs. Governo n 387 del 29/12/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli