Analisi econometrica del Prezzo di borsa dell Energia Elettrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi econometrica del Prezzo di borsa dell Energia Elettrica"

Transcript

1 Analisi economerica del Prezzo di borsa dell Energia Elerica A cura di: Caleno Ria, Cenurelli Raffaella, Tomasi Marco

2 1. La Borsa Elerica Ialiana La nascia della Borsa elerica ialiana: Moivazioni e Limii I soggei isiuzionali idenificai dal Decreo Bersani Caraerisiche e vincoli del sisema elerico Il Dispacciaore La deerminazione del Prezzo La Sruura del Mercao Elerico Ialiano Descrizione dei Mercai Suddivisione in zone e puni di offera Le Borse Eleriche Europee Panoramica europea sui Mercai Nazionali Inerconnessioni e Differenziali di prezzo ra gli Sai Concenrazione, Liquidià e Presenze Incrociae L effeiva reazione dei consumaori I Modelli Economerici Modello Prezzi Medi Giornalieri Il Modello Prezzi Orari I 24 Modelli orari...51 Pagina 2/52 2

3 1. LA BORSA ELETTRICA ITALIANA 1.1 LA NASCITA DELLA BORSA ELETTRICA ITALIANA: MOTIVAZIONI E LIMITI Il mercao elerico in Ialia nasce per effeo del decreo legislaivo n. 79/99, noo come decreo Bersani, approvao in daa 16/03/99 ed enrao in vigore il 1/04/99; queso si pone come piera miliare nel processo di recepimeno della direiva comuniaria sulla creazione di un mercao unico dell energia elerica (96/92/CE). L anno 2004, con l avvio del dispacciameno delle unià di produzione secondo crieri di merio economico (marginal coss meri order) e del sisema organizzao delle offere di acquiso e di vendia di energia elerica (la cosiddea Borsa Elerica, sruuraa secondo il modello Power Exchange), ha rappresenao un momeno di svola sosanziale nel processo di liberalizzazione del seore. Per la prima vola i dirii di immissione e di prelievo di energia elerica nel e dal sisema elerico nazionale sono sai assegnai secondo principi di mercao ed i prezzi dell energia elerica all ingrosso sono sai deerminai dalle dinamiche della domanda e dell offera di energia. Superando il prooipo del monopolio naurale che fino ai primi anni 90 aveva dominao il seore elerico, la riorganizzazione dei sisemi elerici nazionali mira alla creazione di un mercao corrispondene a due esigenze ben precise: promuovere la compeizione nelle aivià poenzialmene compeiive di produzione e vendia all ingrosso, araverso la creazione di una piazza del mercao, ovvero la borsa; favorire la massima rasparenza ed efficienza nella gesione delle aivià nauralmene monopolisiche del dispacciameno (rasmissione e disribuzione), araverso la creazione di mercai per l acquiso dei servizi di dispacciameno. L idea soosane ale riorganizzazione è che l energia elerica è una commodiy, ovvero un bene indifferenziao e va fornio in maniera non disgiuna da un servizio, quello di dispacciameno, il quale avendo connoai di monopolio naurale (sia per le economie di scala delle infrasruure sia per la necessià di garanire il bilanciameno fisico dei flussi e gesire le congesioni), va opporunamene regolamenao. Nel processo di liberalizzazione del seore elerico la borsa elerica si propone come srumeno di innovazione rispeo al sisema dei soli conrai bilaerali in cui prezzi e quanià vengono deerminai liberamene dalle pari conraeni, dal momeno che: migliora il processo di formazione dei prezzi, rispecchiando le condizioni di domanda e offera; simola la concorrenza ra operaori e favorisce il soddisfacimeno della domanda ai prezzi più convenieni disponibili sul mercao; opera in rasparenza, rendendo quanià e prezzi cosanemene visibili per ui gli operaori, che possono quindi agire con regole negoziali uguali e in condizioni di simmeria informaiva; presena una maggiore flessibilià, consenendo agli operaori elerici di inegrare le forniure di energia per far frone alle fluuazioni improvvise del loro fabbisogno; conribuisce alla gesione di siuazioni di scarsià di offera, fornendo accurai e punuali segnali di prezzo sia ai produori (per rendere disponibile la capacià di generazione) che ai consumaori (promuovendo l uso efficiene dell energia); favorisce la sabilizzazione del mercao, incenivando la cosruzione di nuove cenrali e di nuove linee eleriche e l ingresso di nuovi operaori; inroduce un elemeno di separazione ra l aivià di produzione e di vendia di energia, due aivià concorrenziali all inerno della filiera elerica; semplifica le procedure commerciali delle aziende e garanisce una maggiore sicurezza di pagameno, dell energia elerica vendua araverso i sisemi di garanzia offeri dal Mercao. Pagina 3/52 3

4 I benefici riguardano ui i consumaori finali, sia quelli abiliai ad acquisare in borsa elerica (grossisi e aziende, a condizione che siano ueni del dispacciameno in prelievo) sia quelli non abiliai, ovvero i "clieni finali idonei" che non hanno concluso un conrao di dispacciameno con il GRTN (e che acquisano ramie i grossisi), e quelli "vincolai" che acquisano indireamene elericià in borsa ramie l'acquirene Unico, soggeo isiuzionale apposiamene creaa dal decreo Bersani per la uela dei clieni domesici (che non saranno più vincolai solo a parire dal 1 Luglio 2007). Tuavia, dall ampio dibaio in merio emergono alcuni limii, o meglio obiezioni mosse al modello di borsa, che riguardano i vari aspei di seguio riporai. Una prima obiezione riguarda la mancaa coperura dei cosi fissi, per cui i produori chiederebbero il riconoscimeno di un capaciy paymen commisurao ai cosi fissi di un impiano urbogas. In realà, nell ambio del nodal spo pricing model la coperura dei cosi fissi è garania dalla valuazione di un prezzo di riserva della domanda (voll, value of los load). Una seconda obiezione, mossa invece dai consumaori, riguarda il caraere non discriminaorio dell asa (mcp, marke clearing price), che paga roppo ai produori che hanno i più bassi cosi marginali ed è manipolabile, consenendo ampi margini di exraprofio ai produori che hanno diversi impiani con diverso livello di merio. A ale riguardo un alernaiva sarebbe rappresenaa da un asa discriminaoria (pab, pay as bid), in cui le singole offere sono remunerae al proprio prezzo di offera. Un ulima obiezione riguarda i rischi del mercao d asa, cioè: - rischio di volailià di prezzo, - rischio di concorrenza, - rischio di congesione. Il primo ineressa enrambi i conraeni, produori e consumaori, esposi alla variabilià del prezzo spo che si forma sul mercao. I successivi riguardano i rischi per i produori di essere esromessi dal mercao, ovvero non chiamai a produrre o in base all ordine di merio o a causa di congesioni di ree, nonosane la compeiivià delle proprie offere. Tali rischi giusificano il grande ineresse, sia dei produori che dei consumaori, per i conrai bilaerali fisici, e conrai bilaerali finanziari (o conrai per le differenze). In paricolare i primi, compleamene eserni al mercao spo, sono resi possibili in sruure di borsa organizzai secondo il modello Power Exchange. 1.2 I SOGGETTI ISTITUZIONALI IDENTIFICATI DAL DECRETO BERSANI Con l avvio, il 1 aprile 2004, del sisema di dispacciameno di merio economico le modalià di coperura del fabbisogno nazionale all ingrosso di energia elerica sono profondamene cambiae. I proagonisi della nascia del mercao elerico isiuii nell ambio del Decreo Bersani sono: Gesore della ree di rasmissione nazionale (GRTN): socieà del Minisero del Tesoro, riceve le direive del MAP. Si occupa del dispacciameno della ree (real ime balancing, congesion managemen), dell acquiso dei servizi necessari, della pianificazione di manuenzione e sviluppo della ree. In paricolare, il compio di garanire la sicurezza del sisema elerico e il servizio di dispacciameno dell energia elerica; è svolo araverso un apposio mercao denominao mercao per il servizio di dispacciameno (MSD). Dal 2006 ha incorporao TERNA S.p.A., propriearia della ree di rasmissione nazionale. Gesore del mercao elerico (GME): Pagina 4/52 4

5 S.p.A. del GRTN con regolameno approvao dal MAP. Ha il compio di gesione delle offere di acquiso e vendia dell energia e di ui i servizi connessi (1/1/2001). Definisce l ordine di enraa in funzione delle unià di produzione e di selezione degli impiani di riserva e servizi ausiliari secondo il dispacciameno di merio economico: la compravendia di energia elerica è realizzaa mediane un mercao del giorno prima (MGP) e un mercao di aggiusameno(ma). Gesisce i conrai bilaerali in deroga auorizzai dall AEEG. Acquiso Unico (AU): S.p.A. del GRTN, cedibile ai disribuori fino al 49% in quoe singolarmene inferiori al 10%, riceve le direive dal MAP (3/5/2001). Compra energia sul mercao del GME o, previa auorizzazione del MAP, ramie conrai bilaerali (conrai di compravendia al di fuori del sisema delle offere per una quanià non superiore al 25% della previsione della domanda complessiva annua del mercao vincolao), finanziari e impiani conraualizzai, con scadenza inferiore al 2004; vende sul mercao le disponibilià in eccesso e subenra all ENEL nei conrai di imporazione precedeni il Auorià per l Energia Elerica e il Gas (AEEG): Naa nel 1995, indipendene dal poere poliico ma con nomina parlamenare ogni 7 anni, ha il compio di definire le linee guida della poliica energeica del Governo (regolazione delle ariffe, qualià, uela del consumaore e dell ambiene). Minisero delle Aivià Produive (MAP): recepisce ed aua le direive indicae dall AEEG. 1.3 CARATTERISTICHE E VINCOLI DEL SISTEMA ELETTRICO Il sisema elerico è un sisema a ree, in cui l energia prelevaa dai consumaori finali è complessivamene prodoa e immessa in ree da numerosi impiani di generazione disseminai sul erriorio: la ree funziona quindi come un sisema inegrao, nel quale ua l energia viene immessa e dal quale ua l energia viene prelevaa, senza che sia possibile sabilire da quale impiano provenga l energia consumaa in ogni nodo. Il funzionameno di queso sisema è soggeo a vincoli ecnici molo sringeni. Anziuo richiede un bilanciameno isananeo e coninuo ra le quanià di energia immessa in ciascun nodo della ree e quella prelevaa nello sesso nodo enuo cono degli scambi nei di energia con alri nodi e delle perdie di rasporo. In secondo luogo la frequenza e la ensione dell energia in ree devono essere manenue all inerno di range risreissimi, per uelare la sicurezza degli impiani di produzione e rasporo nonché la qualià del servizio. Infine è necessario che i flussi di energia su ogni singolo elerodoo non superino i limii massimi di ransio ammissibili sull elerodoo sesso. Deviazioni minime da uno qualsiasi di quesi valori per più di qualche secondo possono condurre rapidamene al black-ou generalizzao. Il rispeo di quesi vincoli, di per sé complesso, è reso uleriormene difficile e cososo dalle caraerisiche delle ecnologie e delle modalià con cui l energia elerica viene prodoa, rasporaa e consumaa. In paricolare le difficolà originano da re faori: Variabilià Inelasicià e non frazionabilià della domanda Assenza di soccaggi Vincoli dinamici all adeguameno in empo reale Pagina 5/52 5

6 Presenza di esernalià sulla ree, secondo i principi descrii nelle due leggi di Kirchkoff L elevao grado di complessià e coordinameno necessari a garanire il funzionameno del sisema impongono l individuazione di un coordinaore cenrale doao di poere gerarchico su ui i produori e di ampia discrezionalià. Tale soggeo, noo come dispacciaore, rappresena il cenro nervoso del sisema elerico e il nocciolo duro del monopolio naurale. 1.4 IL DISPACCIATORE Le funzioni principali svole dal dispacciaore e necessarie al correo funzionameno del mercao elerico sono: Uni commimen e scheduling Definisce e raccoglie in anicipo rispeo al empo reale i programmi di produzione delle diverse unià di generazione connesse in ree al fine di soddisfare il fabbisogno aeso di energia elerica al neo delle perdie di rasporo. Riserve Procuremen Gesisce una quanià di riserva di poenza sufficiene ad inervenire nel empo reale per compensare variazioni inaese nella domanda, nella disponibilià di impiani di produzione o per poer risolvere evenuali congesioni. Balancing Garanisce nel empo reale il bilanciameno del sisema, inervenendo sulla produzione effeiva delle unià di riserva per risabilire l equilibrio domanda-offera ed i livelli di ensione e frequenza correi enro i empi massimi consenii. Quese aivià sono gesie nel sisema elerico ialiano dal GME e GRTN. Il primo gesisce le offere di prezzo e quanià degli operaori nelle re fasi del mercao (MGP, MA, MSD) e il correo funzionameno dell algorimo di soluzione dell equilibrio ai nodi, il secondo comunica al GME i vincoli di ree, necessari per individuare la soluzione correa di equilibrio ai nodi, e il bilanciameno della ree in empo reale. 1.5 LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO La deerminazione del prezzo dell energia si basa sul conceo di nodal spo pricing ricavaa da Bohn Caramanis Schweppe in un conribuo del Essa si basa sulla soluzione di un monopolisa che ha per obieivo la massimizzazione del benessere colleivo. In una versione semplificaa e adaaa al caso di asa non discriminaoria il bandiore dell asa (GME) raccoglie da ogni singola unià di produzione e per ciascuna delle 24 ore successive una curva di offera (P,Q) composa da diverse coppie, ciascuna delle quali segnala il prezzo minimo al quale l operaore è disposo a vendere la quanià incremenale specificaa nella coppia; analogamene fa per le unià di consumo, le cui offere di acquiso specificano il prezzo massimo che quese sono dispose a pagare per l energia specificaa nell offera Le offere vengono acceae risolvendo un problema di oimo che massimizza il valore delle ransazioni, garanendo l uguaglianza complessiva ra domanda e offera, il rispeo dei limii di ransio ra ogni coppia di nodi, secondo la seguene espressione: Pagina 6/52 6

7 MAX q( ), p( ) + j k µ ( ) * η j i k,min p ( ) * q ( ) i * ~ [ q ( ) q~ ( ) ] µ ( ) *[ q ( ) q~ ( ) ] η *[ Z ( ) Z ( ) ] j ~ [ Z ( ) Z ( ) ] k i j j k,min p ( ) * q j i i j ( ) + θ ( ) * i i j q ( ) j k i k,max q/ i + Dove qi ~ ( ) e q ~ j ( ) sono le quanià offere in acquiso e in vendia, q i () e () sono rispeivamene le quanià effeivamene acquisae e vendue, pi e p j sono rispeivamene i prezzi ~ ~ massimi di acquiso e minimi di vendia. Z k ( ) e Z k ( ) sono la capacià minima e massima, min, max di rasporo disponibili per ogni linea di rasmissione k, Z k () è il flusso di rasporo effeivo. I parameri (), () e () rappresenano i prezzi ombra dei re vincoli e rappresenano rispeivamene per ogni isane il coso di incremenare marginalmene l offera in un nodo generico scelo arbirariamene per risolvere il sisema di equazioni, il coso di incremenare marginalmene la capacià produiva e il coso di incremenare marginalmene la capacià di rasporo sulla linea k. Graficamene ciò equivale a ordinare le offere di vendia per prezzo crescene in una curva aggregaa di offera e le offere di acquiso per prezzo decrescene in una curva aggregaa di domanda: l inersezione delle due curve deermina simulaneamene la quanià complessiva acquisaa e vendua, il prezzo di equilibrio, nonché le offere acceae (quelle con prezzo di vendia non superiore al prezzo di equilibrio e quelle con prezzo di acquiso non inferiore al prezzo di equilibrio) ed i programmi orari di immissione e prelievo (pari per ogni ora ed ogni unià alla somma delle quanià acceae per quella ora e quella unià). k k,max + q j In assenza di congesioni ale prezzo è unico sull inera ree e pari al prezzo dell ulima offera acceaa (unconsrained marke clearing price - MCP u ) e l ordine di merio definio sulla base dei soli prezzi di offera deermina l acceazione delle offere. In presenza di congesioni anche su un solo ransio, il prezzo si differenzia da nodo a nodo (mercai zonali) e l ordine di merio si modifica in modo da ridurre la produzione nei nodi saurai in expor ed aumenarla in quelli saurai in impor. In paricolare il prezzo di equilibrio resa uguale o aumena nelle zone saurae in imporazione e resa uguale o si riduce nelle zone saurae in esporazione. Pagina 7/52 7

8 1.6 LA STRUTTURA DEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO La borsa elerica è un markeplace elemaico, dove ue le fasi del mercao viruale si svolgono via Inerne, ma è anche un vero e proprio mercao fisico, dove si definiscono programmi di immissione e di prelievo sulla ree. La borsa elerica, srumeno fondamenale ai fini della creazione di un mercao concorrenziale, nasce con lo scopo di favorire l emergere di prezzi di equilibrio efficieni, che consenano a produori e consumaori di vendere e comprare energia dove c è una maggiore convenienza economica. A parire dal 1 Gennaio 2005 è saa avviaa anche la parecipazione aiva della domanda: ui gli operaori ineressai, possono infai acquisare l energia elerica di cui necessiano direamene in Borsa. Pagina 8/52 8

9 Il GME presiede all inero processo, gesendo, in qualià di conropare cenrale, ue le operazioni di borsa e conrollandone l operaivià dalla sala conraazioni cenrale. Inolre procede alla selezione delle offere, che avviene secondo un crierio di merio economico (ordine non decrescene di prezzo per le offere di vendia e ordine non crescene di prezzo per le offere di acquiso), quindi all acquiso di parie di energia dai produori e alla successiva vendia ai consumaori. I soggei auorizzai a operare sulla borsa elerica sono: i produori, gli imporaori e i grossisi di energia, ma anche i circa 7 milioni di clieni idonei (grandi, medie e piccole aziende ma anche formazioni associaive e liberi professionisi) che dal 1/01/05 possono soddisfare direamene in borsa i loro bisogni di elericià. I clieni vincolai, prevalenemene consumaori domesici, sono invece obbligai per legge ad approvvigionarsi ramie il proprio disribuore locale. In queso caso, l Acquirene Unico provvede ad acquisare energia elerica per loro cono e la rivende ai disribuori locali. Infine esise un mercao non organizzao in cui gli operaori concludono conrai non sandardizzai di compravendia di energia elerica (conrai bilaerali). Dao il differene orizzone emporale, le modalià di deerminazione del prezzo di valorizzazione dell energia elerica sono differeni. In borsa si ha una valorizzazione su base oraria, menre nei conrai bilaerali il prezzo è di norma deerminao al momeno della conclusione del conrao per ua la duraa del medesimo. Poiché il bene scambiao nel mercao organizzao e con conrai bilaerali è omogeneo, i prezzi dei conrai bilaerali e quelli di borsa sono ra loro connessi. Innanziuo, poiché i clieni possono acquisare anche nel mercao organizzao, i prezzi dei conrai bilaerali sono deerminai in funzione della curva dei prezzi aesi di borsa (cosiddea curva forward dei prezzi); inolre, poiché il conrao bilaerale consene al cliene di sabilizzare il prezzo su un orizzone emporale predefinio, la valorizzazione dell energia elerica nei conrai bilaerali include anche la coperura dal rischio connesso con la volailià del prezzo. Va uavia soolineao che anche coloro che acquisano o vendono energia elerica nella borsa elerica possono sabilizzare il prezzo dell energia elerica ricorrendo alla sipula di apposii conrai di coperura, ipicamene conrai alle differenze a due vie. Riporiamo qui di seguio uno schema del mercao elerico ialiano. Pagina 9/52 9

10 1.7 DESCRIZIONE DEI MERCATI La borsa dell energia elerica è organizzaa in re mercai sequenziali, la cui empisica si aricola come segue: Mercao del Giorno Prima (MGP): ospia la maggior pare delle ransazioni di compravendia di energia elerica e si chiude alle 9.00 del giorno prima rispeo a quello cui si riferiscono le offere (quese si possono presenare anche nelle giornae precedeni alla sessione del MGP cui si riferiscono, fino a un massimo di 9 giorni prima); Mercao di Aggiusameno (MA): consene agli operaori di apporare modifiche ai programmi definii nel MGP araverso uleriori offere di acquiso o vendia e si apre alle 10.30, dopo la comunicazione degli esii del MGP e si chiude alle 14.00; Mercao per il Servizio di Dispacciameno (MSD): E lo srumeno con cui il Gesore della Ree di Trasmissione Nazionale (GRTN) si approvvigiona delle risorse necessarie alla gesione e al conrollo del sisema (risoluzione delle congesioni inra-zonali, creazione della riserva di energia, bilanciameno in empo reale). Si apre alle 14.30, dopo la comunicazione degli esii del MA e si chiude alle Nei mercai MGP e MA,definii anche Mercai dell Energia, produori, grossisi e clieni finali idonei, nonché AU e GRTN, vendono e acquisano all ingrosso parie orarie di energia elerica per il giorno successivo. In quesi mercai, in cui il GME agisce quale conropare cenrale, si definiscono i prezzi di equilibrio ai quali viene valorizzaa l energia negoziaa araverso un meccanismo che prevede diverse fasi. Il Mercao del Giorno Prima (MGP) Come fase preliminare il GME rende disponibili agli operaori una serie di informazioni (ricevue dal GRTN) relaive al fabbisogno di energia previso per ogni ora ed ogni zona, ai programmi di Pagina 10/52 10

11 immissione di impiani soo il conrollo del GRTN (CIP 6) e ai limii massimi di ransio ammessi ra zone limirofe. Sulla base di quesi dai gli operaori presenano nel MGP offere di acquiso o di vendia per ogni ora del giorno successivo, specificando una quanià massima offera o richiesa ed un prezzo minimo di vendia o massimo di acquiso. Le offere possono essere offere semplici (una coppia quanià-prezzo uniario), offere muliple (massimo di quaro coppie quanià-prezzo uniario) o offere predefinie (offere semplici o muliple presenae in qualsiasi momeno dagli operaori e che il GME uilizza in ue le sessioni di mercao in cui non sono pervenue offere correni). Il GME si occupa in quesa fase di raccoglie ue le offere, quindi le soopone a verifiche di validià (conrollo formale eseguio dal sisema informaico per verificare che le offere siano sae presenae durane l apposia sedua di mercao e compilae correamene) e di congruià (conrollo sosanziale volo ad accerare che le quanià specificae nelle diverse offere riferie a ciascun puno di offera siano compaibili con le quanià massime acquisabili/ vendibili presso lo sesso puno) Si passa poi alla fase di incrocio della domanda e dell offera, fase in cui il GME seleziona le offere secondo un meccanismo d asa non discriminaoria, cioè seguendo un crierio di merio economico. Le offere di vendia vengono selezionae in ordine crescene di prezzo e quelle di acquiso in ordine decrescene di prezzo. Si garanisce così il soddisfacimeno della domanda espressa dai consumaori al minimo coso oenibile, nel rispeo dei limii massimi di ransio (vincoli fisici) ra zone. Le offere acceae pagano o ricevono un prezzo di equilibrio definio araverso un algorimo implemenao dal GME che, a frone di prezzi di vendia differenziai per zona e enendo cono anche dei risulai dei conrai bilaerali, prevede l applicazione di un prezzo unico di acquiso su base nazionale (PUN), pari alla media dei prezzi di vendia zonali ponderai per i consumi zonali. Al ermine di quesa operazione, e come ulima fase per l MGP, il GME comunica agli operaori l esio delle proprie offere (in ermini di quanià acceae e di prezzo di valorizzazione delle quanià),e al GRTN ed agli ueni di dispacciameno dei diversi puni di offera i programmi cumulai dei rispeivi puni, oenui come somma algebrica di ue le offere acceae riferie a quel puno di offera. Il Mercao di Aggiusameno (MA) La funzione del MA risiede nella necessià dei singoli operaori di riadaare, araverso nuove offere in acquiso o vendia, i programmi di immissione e prelievo enendo cono della compaibilià, con i vincoli fisici degli impiani di produzione. Sul MA possono essere presenae offere secondo re ipologie: offere semplici (coppie quanià/prezzo), offere muliple (quaro coppie quanià/ prezzo) e offere bilanciae (insiemi di offere presenae da uno o più operaori, purchè riferie allo sesso periodo rilevane e a puni di offere appareneni alla sessa zona geografica o viruale, ali che le rispeive quanià si equilibrino e siano idenificae come reciprocamene bilanciae). Anche in queso caso il GME provvede a verificare validià e congruià delle offere, quindi a selezionarle sempre secondo il crierio di merio economico arrivando così alla definizione di un prezzo di equilibrio che, nel MA, è unico in ua Ialia per ue le offere solamene in assenza di congesioni sulla ree, menre, in presenza di congesioni, risula differenziao geograficamene zona per zona. Infine il GME provvede nuovamene a comunicare a ciascun operaore l esio delle proprie offere e al GRTN i nuovi risulai. Il Mercao per il Servizio di Dispacciameno (MSD) Anche l ulimo dei re mercai, il MSD, si chiude nel giorno precedene al giorno di consegna ma presena delle sosanziali differenze: su queso mercao infai il GME raccoglie le offere e rende noi gli esii, ma l acceazione delle offere è di compeenza del GRTN, che svolge il ruolo di conropare cenrale. Nel MSD il GRTN sosanzialmene seleziona gli impiani per cosiuire la riserva di energia necessaria a far frone a evenuali richiese fuori programma e inolre ha la facolà di incremenare o ridurre la produzione dei diversi impiani al fine di enere cono dei vincoli sulla ree, ovvero della presenza di evenuali congesioni. Su MSD, le offere sono selezionae dal GRTN Pagina 11/52 11

12 in ordine di merio, enendo cono anche dei vincoli fisici degli impiani di generazione e della ree elerica. Il GRTN garanisce così, araverso la selezione di offere di variazione dei programmi presenae dagli operaori sul MSD, la disponibilià di un idonea quanià di riserva, che viene evenualmene uilizzaa in empo reale, in funzione del bilanciameno. Per quano riguarda gli operaori, la parecipazione è obbligaoria ed esclusiva per gli ueni del dispacciameno, che sono enui ad offrire sul MSD ua la poenza disponibile delle loro unià abiliae dal GRTN alla forniura di servizi di dispacciameno. Sul MSD le offere di vendia e di acquiso possono essere specificae unicamene come offere semplici, ovvero per ogni puno di offera deve essere specificaa sia un offera di vendia che un offera di acquiso. Nel MSD, il processo di acceazione delle offere si svolge in due fasi: 1. immediaamene dopo la chiusura della sedua, cioè a programma, quando le offere sono acceae per modificare i programmi di immissione e prelievo deerminai in esio al MGP ed al MA, in modo da risolvere evenuali congesioni residue non risole su ali mercai e cosiuire i margini di riserva necessari alla sicurezza del sisema; 2. coninuamene durane il giorno di consegna (cioè nel empo reale), quando le offere sono acceae per bilanciare il sisema in empo reale. A seguio della deerminazione degli esii del mercao, il GME provvede nuovamene a comunicare (agli operaori) ali esii. Inolre pubblica sul proprio sio gli esii generali del mercao in ermini di quanià complessivamene acquisae e vendue in ogni zona ed in ogni ora ed il relaivo prezzo di valorizzazione Inolre, dal 31 dicembre 2004, è operaiva la PAB - Piaaforma di Aggiusameno Bilaerale per la Domanda - una piaaforma informaica che consene la regisrazione di scambi orari bilanciai di energia elerica ra gli operaori che gesiscono i puni di offera in prelievo appareneni alla sessa zona geografica. In esrema sinesi, quesa piaaforma consene a ui i consumaori, inscrii e non al mercao elerico, di scambiare energia e aggiusare gli impegni derivani da conrai bilaerali o da acquisi sul mercao elerico. In praica il consumaore cosiddeo lungo, ovvero con un eccesso di energia rispeo ai consumi effeivi, può cedere la quanià in surplus all operaore coro, ovvero in defici di energia rispeo alla quanià negoziaa in borsa o araverso i conrai bilaerali, purché ciò avvenga all inerno delle singole zone. Al GME spea il compio di verificare il rispeo del Regolameno e delle Disposizioni Tecniche di Funzionameno e quindi assicurare il regolare funzionameno della PAB secondo i crieri di neuralià, rasparenza, obieivià e concorrenza ra gli operaori. La sedua della PAB si apre alle ore 8.00 del renesimo giorno precedene il giorno di consegna e si chiude alle ore del giorno precedene il giorno di consegna. Gli scambi comunicai al GME ramie ale piaaforma, insieme agli impegni derivani da conrai bilaerali o da acquisi sul mercao elerico, deerminano il programma vincolane di ciascun puno di offera e di prelievo. 1.8 SUDDIVISIONE IN ZONE E PUNTI DI OFFERTA Mercao Zonale La suddivisione in zone geografiche emerge quando il necessario equilibrio isananeo ra domanda e offera, dominao dalle due leggi di kirchkoff, viene impedio dalla saurazione dei vincoli fisici della ree. Queso significa che l equilibrio e il bilanciameno eorico raggiuno in assenza di vincoli fisici può porare a delle soluzioni non raggiungibili nella realà per la presenza di vincoli di rasmissione. Quando queso accade si parla di congesioni di ree. La presenza di vincoli alla rasmissione dell energia elerica sulla ree deermina la possibile separazione del mercao in cui i produori compeono in zone di dimensione inferiore (Mercai zonali). In presenza di congesioni, e dunque di separazione zonale, la differenza ra il valore (moneario) dell energia Pagina 12/52 12

13 elerica che ransia ra le medesime zone per chi compra e per chi vende è misuraa dal differenziale di prezzo ra i due mercai zonali. In assenza di congesioni l equilibrio del mercao si sposerebbe, consenendo la realizzazione di ue le ransazioni fino al puno in cui il prezzo che il consumaore è disposo a pagare uguaglia il prezzo che il produore chiede per una deerminaa quanià. Conseguenemene il prezzo di prelievo (pagao dalla domanda) e il prezzo di immissione (ricevuo dall offera) coinciderebbero, in ui i puni della ree. Il differenziale di prezzo ra due zone sulla ree di rasmissione rappresena anche una misura del beneficio associao ad un incremeno della capacià di rasporo ra zone medesime. Dal puno di visa della eseguibilià dei conrai di compravendia di energia elerica va inolre osservao che i vincoli di rasporo possono rendere l esecuzione fisica di ali conrai incompaibile con la garanzia di sicurezza del sisema. Al fine di garanire un uso efficiene delle risorse, è quindi necessario che la selezione dei programmi di immissione e di prelievo di energia elerica acceai dal sisema in esecuzione dei conrai di compravendia avvenga araverso un meccanismo cenralizzao, che enga cono quanomeno dei vincoli di rasporo sruurali e, perano, prevedibili. Nel sisema ialiano ale cenralizzazione compora che il Grn ha il compio di individuare i vincoli di rasporo sruurali della ree di rasmissione nazionale che il complesso dei programmi di prelievo e di immissione presenai dagli operaori devono rispeare. A al fine, il Grn ha idenificao delle zone che rappresenano delle porzioni di ree di rasmissione per le quali: a) la capacià di rasporo ra le zone risula inadeguaa all esecuzione dei programmi di immissione e di prelievo di energia corrispondeni alle siuazioni di funzionameno rienue più frequeni; b) l esecuzione dei programmi di immissione e di prelievo non dà luogo a congesioni all inerno di ciascuna zona nelle prevedibili siuazioni di funzionameno; c) la dislocazione delle immissioni e dei prelievi, anche poenziali, all inerno di ciascuna zona non hanno significaiva influenza sulla capacià di rasporo ra le zone. Rappresenazione zonale della ree di rasmissione e limii di scambio Pagina 13/52 13

14 Per consenire la verifica di compaibilià dei programmi di immissione e di prelievo con i vincoli di rasporo sruurali, le offere di acquiso e di vendia presenae nel MGP e nel MA, così come i programmi di immissione e di prelievo in esecuzione di conrai bilaerali, devono indicare la zona in cui è localizzao il puno di prelievo e quello di immissione sulla ree. La soluzione del mercao dell energia viene deerminaa enendo cono dei vincoli di rasporo sruurali che caraerizzano le inerconnessioni ra quese zone. Qualora i vincoli di rasporo ra zone non consenano di effeuare ue le ransazioni economicamene efficieni (cioè uilizzando gli impiani di generazione a minor coso) che si porebbero realizzare in assenza dei suddei vincoli, il mercao si separa in soo mercai (zone di mercao), e si oengono prezzi di equilibrio diversi, che variano in funzione dell impao economico dei vincoli di rasporo sulla zona ineressaa. Dal puno di visa economico, l equilibrio ra domanda ed offera di energia in ogni singola zona vede, impliciamene, la domanda della zona esporarice aumenaa per un ammonare non superiore ai flussi massimi consenii dalla capacià di rasporo; corrispondenemene la domanda zonale espressa nella zona imporarice viene ridoa per un uguale ammonare. La scarsià della risorsa capacià di rasporo impedisce uavia che lo sposameno della domanda ra le zone sia ale da porare ad un idenico prezzo di equilibrio nelle zone ineressae. I programmi di immissione e di prelievo di energia elerica definii in esecuzione di conrai di compravendia conclusi al di fuori del MGP, ossia i conrai bilaerali, sono assimilai, rispeivamene, a offere di vendia sul MGP a prezzo zero o offere di acquiso sul MGP formulae senza indicazione di prezzo. Ciò assicura, dal puno di visa fisico, la compaibilià dell insieme degli impegni di immissione e prelievo rispeo ai vincoli di rasporo sruurali ra le zone. Le offere di acquiso acceae invece sono valorizzae indipendenemene dalla zona ove i prelievi avvengono, ad un prezzo unico nazionale, PUN, deerminao come media dei prezzi zonali, ponderaa sulla base dei consumi. Un disegno di mercao zonale permee di ridurre i cosi sosenui dal Grn nel MSD per approvvigionare le risorse necessarie a garanire la compaibilià dei flussi di energia programmai e dei dirii negoziai con gli effeivi vincoli di sisema. Si raa di un elemeno rilevane, in paricolare alla luce delle assai criiche condizioni concorrenziali prevaleni sul MSD. In primo luogo, un disegno di mercao non zonale, a prezzo unico, produrrebbe una soluzione del MGP (e del MA) che non iene cono delle congesioni di ree; sulla base dei programmi definii dal MGP e dal MA, gli operaori di mercao immeerebbero o preleverebbero quanià di energia non compaibili con i vincoli di ree (dunque non eseguibili fisicamene). La riconciliazione dei flussi di energia con i vincoli di ree rilevani si svolgerebbe ineramene sul MSD. L aggravio dei cosi per la gesione di ale mercao sarebbe non irrilevane per il Grn (cosi che verrebbero scaricao sui cd oneri di riserva e di bilanciameno e dunque sul prezzo finale dell energia elerica a carico dei consumaori). In secondo luogo, un disegno di mercao zonale, ancorché miso come nel caso ialiano esclusivamene dal lao del prezzo di offera, pora ad una maggiore corrispondenza ra prezzo riconosciuo nel MGP ai produori e valore dell energia elerica da quesi prodoa. Ciò permee di inviare ai produori correi segnali di prezzo incenivando, nel lungo periodo, la localizzazione efficiene delle unià di produzione. In erzo luogo, un disegno di mercao zonale rende esplicio il valore economico della capacià di rasmissione (scarsa) ra le zone, pari alla differenza ra i prezzi zonali di equilibrio delle zone considerae. Si raa di un elemeno molo imporane ai fini di una valuazione quaniaiva dei benefici economici di lungo periodo legai allo sviluppo della ree di rasmissione nazionale. Infine, in assenza di un disegno di mercao zonale, sarebbe fore il rischio di allineameno del prezzo uniforme nazionale verso i valori di prezzo aesi nella zona con prezzi più ali, con conseguene effeo negaivo sui prezzi pagai dai consumaori finali. Infai, i generaori localizzai nelle zone imporarici di energia (cioè quelle che avrebbero prezzi zonali più ali in caso di meccanismo zonale) sarebbero consapevoli che il Grn, per garanire la sabilià del sisema, dovrebbe acquisare energia nel MSD per aumenare il livello di produzione nea nella loro zona fino ad un livello equivalene a quello che risulerebbe nel MGP dalla applicazione di un disegno di Pagina 14/52 14

15 mercao zonale; perano, quesi generaori presenerebbero offere nel MGP enendo cono delle aese di valorizzazione della loro energia sul MSD; ali aese rifleerebbero il prezzo zonale che si avrebbe nel MGP nella zona imporarice in caso di disegno di mercao zonale. Tuo ciò porerebbe ad un aumeno del coso dell energia complessivamene pagao dai consumaori. In sinesi, la separazione del mercao dell energia in zone consene di risolvere i rischi di congesione sruurali già in base ai flussi programmai nel mercao cenralizzao, e quindi di focalizzare l aivià del Grn nel mercao del dispacciameno alla acquisizione delle risorse necessarie a garanire la sicurezza e l equilibrio del sisema, piuoso che a rendere i programmi di immissione e prelievo compaibili con i vincoli di rasporo aesi. Puni di offera Ogni zona geografica o viruale è un insieme di puni di offera. I puni di offera sono le unià minime rispeo alle quali devono essere definii i programmi orari di immissione e di prelievo, siano essi definii in esecuzione di conrai bilaerali o a seguio dell acceazione di offere di vendia o acquiso sul Mercao Elerico. Nel caso dei programmi di immissione, i puni di offera in immissione coincidono di norma con i singoli puni di immissione, cioè con le singole unià di produzione. Ciò dipende dal fao che le unià di produzione, essendo in grado di conrollare le proprie immissioni isane per isane, vengono dispacciae dal GRTN direamene ed individualmene per garanire il bilanciameno del sisema; e poiché le diverse unià presenano proprieà fisiche e dinamiche differeni, i programmi di immissione devono essere definii per singole unià, in modo da consenire al GRTN di selezionare le unià da cui approvvigionare le risorse per i servizi di dispacciameno. Nel caso dei programmi di prelievo, invece, i puni di offera in prelievo possono corrispondere sia a singoli puni di prelievo, cioè a singole unià di consumo, sia ad aggregai di puni di prelievo. L aggregazione dei puni di prelievo affereni a un puno di offera è funzionale all applicazione della disciplina degli sbilanciameni e per queso deve soddisfare condizioni ben precise. Possono infai essere aggregai in un unico puno di offera in prelievo ui i puni di prelievo nella disponibilià di un operaore purché: a) siano sii in una sessa zona geografica, per consenire il conrollo dei ransii ra una zona e l alra b) siano caraerizzai dallo sesso regime IVA (aliquoa 20%, 10%, eseni), per una correa faurazione delle parie economiche. Pagina 15/52 15

16 2. LE BORSE ELETTRICHE EUROPEE Sono ormai passai due anni dalla daa nella quale gli Sai Membri avrebbero dovuo recepire la nuova D.E. 2003/54/CE, e manca ancora un anno al momeno in cui i mercai saranno compleamene aperi alla concorrenza (Luglio 2007). Vogliamo qui sineicamene analizzare la siuazione auale di avanzameno nella creazione di un mercao unico europeo compeiivo per l elericià, obieivo ulimo della suddea Direiva. Come principali indicaori dello sao di compeiivià, sviluppo e inerconnessione ra i mercai nazionali uilizzeremo indicaori e abelle di seguio riporae Panoramica europea sui Mercai Nazionali - sao di aperura dei mercai nazionali - sao dell unbundling - organizzazione dei mercai del dispacciameno 2.2. Inerconnessioni e Differenziali di Prezzo ra gli Sai - livello delle inerconnessioni inernazionali - differenziali di prezzi ra Sai 2.3. Concenrazione, Liquidià e Presenze Incrociae - grado di concenrazione e liquidià dei mercai nazionali - presenze incrociae dei grandi produori nazionali su mercai eseri 2.4. L effeiva reazione dei consumaori - quoa di consumaori che hanno cambiao forniore. Pagina 16/52 16

17 2.1 PANORAMICA EUROPEA SUI MERCATI NAZIONALI Riporiamo un quadro indicaivo della siuazione auale degli Sai membri in maeria di recepimeno della D.E.. Aperura mercao Recepimeno Direiva Europea Daa aperura oale Dimensione mercao(twh) Soglia di ammissione Unbundling TSO Unbundling DSO Ausria 100% Legale Legale Belgio 90% Legale Legale Danimarca 100% Legale Legale Finlandia 100% Propriearia Conabile Francia 70% Non Legale Gesionale Vincolai Germania 100% Legale Conabile Grecia 62% - 29 Non Legale Nessuna Vincolai Irlanda 56% GWh Legale Gesionale Ialia 79% Non Propriearia Legale Vincolai Lussemburgo 57% GWh Gesionale Gesionale Norvegia 100% Propriearia Legale Olanda 100% Propriearia Legale Porogallo 100% Propriearia Conabile Regno Unio 100% Propriearia Legale Spagna 100% Propriearia Legale Svezia 100% Propriearia Legale Come si vede dai dai in abella, la siuazione dei mercai nazionali è ancora molo differenziaa. A frone di mercai che hanno già raggiuno un aperura pressoché oale (ad es. UK, Nord Pool e Germania), vi sono ancora mercai di dimensione noevole che rimangono più chiusi (ad esempio la Francia). Anche per quano riguarda la ipologia di unbundling imposo al TSO e al DSO dai Decrei Nazionali c è disparià ra i Paesi: la D.E. 2003/54/CE impone l unbundling legale, ma auspica quello (più sringene) proprieario. Aualmene le norme più rigorose in maeria di unbundling conenue nelle nuove direive non sono ancora pienamene applicae nella praica. In moli casi il processo di unbundling non è ancora sao finalizzao dagli operaori di ree, in pare a moivo del riardo con il quale moli Sai membri hanno recepio le direive sesse. D alra pare, per quano riguarda gli operaori dei sisemi di rasmissione un numero crescene di Sai membri si è spino al di là del disposo delle direive ed è passao all unbundling proprieario (è il caso di UK, dei paesi del Nord Pool e dell Ialia). La soglia di ammissione, laddove presene, pone poi un vincolo all accesso al mercao, ed i Paesi che non prevedono ale vincolo hanno un enraa al mercao più efficiene. Per valuare alcune delle differenze esiseni ra i mercai europei analizziamo le caraerisiche dei diversi mercai per il servizio del dispacciameno. La gesione efficiene degli squilibri momenanei, e sempre possibili, ra domanda e offera, rappresena infai il vero banco di prova per il libero mercao rispeo al monopolio. Rispeo ad una realà monopolisica, in cui la mansione del dispacciameno è auomaicamene gesia in modo efficiene dal monopolisa sesso, in presenza Pagina 17/52 17

18 di concorrenza sarà necessario un coordinaore unico e capace di risolvere gli squilibri in empo reale, ma che coninui a garanire l ordine di merio come crierio nella scela dei produori. Modello di bilanciameno Mercao del Dispacciameno Periodo di bilanciameno (minui) Single Price o Dual Price Mercao: Zonale(Z) Nazionale(N) Sovranazionale(S) Chiusura mercao Ausria Ne Pool 15 Z giorno prima Belgio Ne Pool 15 D N ex pos Danimarca Ne Pool 60 D S ½ ora Finlandia Ne Pool 60 D S ½ ora Francia Ne Pool 30 D N 6 al giorno Germania Ne Pool 15 S Z 3 al giorno Grecia Ne Pool 60 S N giorno prima Irlanda Ne Pool 30 D N giorno prima Ialia Ne Pool 60 D Z giorno prima Lussemburgo Norvegia Ne Pool 60 S S 1 ora Olanda Ne Pool 15 D N 1 ora Porogallo Ne Pool 60 D N 2 al giorno Regno Unio Ne Pool 30 D N ½ ora Spagna Mandaory 60 S N 2¼-3 ¼ Pool Svezia Ne Pool 60 D S 1 ora del Il Servizio del Bilanciameno è fornio dal TSO, che isananeamene provvede a reperire il quaniaivo di energia in difeo o in eccesso sulla ree comprandola da alri operaori sul mercao, e assicurando quindi l equilibrio sulla ree. I due modelli possibili per il Bilanciameno, e che porano quindi a sabilire il prezzo di queso servizio, sono il Ne Pool ed il Mandaory Pool. La maggior pare degli Sai ha adoao un modello Ne Pool, in cui un produore sbilanciao, che non sia cioè in grado di immeere nella ree un quaniaivo di energia pari a quella a lui richiesa (dai clieni con un conrao bilaerale o dal GME a chiusura del MGP), deve pagare un prezzo perché il TSO assolva a quesa sua mancanza reperendo per lui l energia necessaria. Il TSO, a sua vola, reperirà l energia necessaria conraandola nel mercao araverso un processo deo appuno ne pool. Il prezzo pagao dal produore sbilanciao è deerminao sulla base del prezzo al quale il TSO compra l energia di bilanciameno sul mercao. Un uleriore differenza è poi la presenza di un sisema di Single Price o Dual Price. Nei Paesi che hanno adoao un sisema Dual Price il prezzo pagao dai produori cori di energia è diverso e superiore a quello ricevuo dai produori lunghi, con un meccanismo che assicura un riorno per il TSO (e che quindi prevede un ruolo deerminane di queso operaore cenralizzao) e soprauo che risula incenivare aivamene ui i produori a manenere il bilanciameno. L alro modello per il Bilanciameno, uilizzao principalmene dalla Spagna, prevede che ue le quanià di energia vengano scambiae nel mercao Mandaory Pool, anche quelle necessarie a riequilibrare sbilanciameni nella forniura, con prezzi che inernalizzino queso exra-servizio. Queso approccio può ridurre il rischio di enraa di nuovi produori che operino prevalenemene nel più reddiizio mercao del bilanciameno, ma anche produrre dei cosi oali maggiori rispeo al ne pool, perché non inceniva a minimizzare gli sbilanciameni della ree. Pagina 18/52 18

19 Eserciazione di Risk Managemen Gruppo 3 Domande individuali 2.2 INTERCONNESSIONI E DIFFERENZIALI DI PREZZO TRA GLI STATI Passiamo ora ad analizzare la siuazione delle inerconnessioni delle rei eleriche ra i diversi Sai europei, un cui organico sviluppo rappresena un requisio fisico necessario alla creazione di un mercao unico europeo, in cui le quanià scambiae siano principalmene funzione dei differenziali di prezzo ra i Mercai nazionali e non eccessivamene limiae dai vincoli ecnici di rasmissione ra le rei dei Paesi. Riporiamo quindi la mappa europea che mosra sineicamene la correlazione ra le significaive differenze di prezzo esiseni ra i mercai inerni e il basso livello degli scambi ransfronalieri; di seguio poi una abella-quadro sui Paesi con minor livelli di inerconnessioni. Grafico d inerazione ra scarsià di collegameni inerfronalieri ed esisenza di differenziali di prezzo. Pagina 19/52 19

20 Eserciazione di Risk Managemen Gruppo 3 Domande individuali Capacià di generazione insallaa (GW) Paesi con bassi livelli di inerconnessione Capacià di imporazione (GW) % di imporazione su capacià insallaa Progei di poenziameno inerconnessione (sao correne) Ialia % San Fiorano-Robbia (compleo) Porogallo % Balboa-Sines (compleo) Duroro Inernacional (in progress) Minho (proposo) Spagna % Balboa-Sines (compleo) UK % UK-NL DC link (proposo) Irlanda % second ROI-NI (acceao) GB-ROI DC link (proposo) Sai Balici 0 0% Es link (in progress) Poland-Liuania (no progress) Quando gli scambi sono facili in un mercao inegrao, la concorrenza a livello comuniario che ne risula maniene i prezzi a livelli simili in ua l'ue, o per lo meno fra Sai membri o regioni adiaceni. Queso fenomeno non è ancora una realà come mosrano le differenze nei prezzi dell elericià nei Paesi dell UE. I prezzi all ingrosso hanno però iniziao a mosrare una convergenza in alcuni paesi limirofi. Si raa di primi passi promeeni, ma lo sviluppo dei mercai regionali, in quano appa inermedia prima dell inegrazione definiiva a livello UE, è ancora agli inizi, con l'eccezione cosiuia dal mercao all ingrosso dell elericià dei Paesi Nordici che risula relaivamene più sviluppao. Disribuzione di prezzi a piccoli e grandi ueni nei Paesi Europei Pagina 20/52 20

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR CI SERIES

CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR CI SERIES CI series CI SERIES: HYDRAULIC SHEAR 16 SERIE CI : CESOIA IDRAULICA Le cesoie VTN rovano impiego ano nella demolizione aerea (demolizione di inere sruure in ferro), quano nella demolizione a erra (in fonderia,

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0

RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 RefWorks Guida rapida VERSIONE 6.0 ISTRUZIONI DI ACCESSO Accedere a www.refworks.com/refworks e imme ere il proprio nome (Login Name) e la password. (Gli uten che accedono al sistema per la prima volta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli