STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS"

Transcript

1

2

3 STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS a cura di Enrico Carità e Samantha Paiella Sommario Premessa, p. 1 Introduzione, p Opportunità e criticità, p La strumentazione informatica, p Proposte, p Budget, p Posizione degli interlocutori, p Conclusioni della Federazione dei Banchi Solidali, p. 28 Allegati, p. 30

4 Questo paper è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Non opere derivate 2.5. La licenza è reperibile in testo integrale sul sito internet all indirizzo Coordinamento editoriale: Osservatorio sull economia civile, Camera di commercio di Torino Coordinamento grafico: Settore comunicazione esterna, Camera di commercio di Torino Confezionamento e Stampa: interno Finito di stampare: aprile 2010 Collana Strumenti Osservatorio sull economia civile Camera di commercio di Torino via Carlo Alberto, Torino Tel Fax

5 Premessa Secondo dati ISTAT in Italia individui (975 mila famiglie) si trovano in condizioni di povertà assoluta, pari al 4,1% dell intera popolazione. Il fenomeno è maggiormente diffuso nel Sud e nelle Isole, dove l incidenza di povertà assoluta (5,8%) è circa due volte superiore a quella osservata nel resto del Paese. Nel 2007, fra le famiglie residenti nel Nord la percentuale di famiglie povere si attesta infatti al 3,5% e al 2,9% tra le famiglie del Centro 1. La stima dell incidenza della povertà assoluta è stata calcolata sulla base di una soglia di povertà che corrisponde alla spesa mensile minima necessaria per acquisire un determinato paniere di beni e servizi. Tra le molte analisi, lo studio ISTAT mette in evidenza come la povertà sia spesso associata a livelli bassi di istruzione e l esclusione dal mercato del lavoro risulti essere determinante per entrare nella condizione di povertà. Negli ultimi due anni in Italia il fenomeno sempre più crescente dell impoverimento della popolazione, causato dalla perdita di lavoro e dall aumento della precarietà (per es. cassa integrazione, lavori saltuari, aumento del costo della vita), ha generato la figura dei nuovi poveri, persone che hanno ridotto drasticamente il proprio potere d acquisto e hanno difficoltà nell arrivare a fine mese. Nell ultimo biennio , con l insorgere della crisi economica e finanziaria su scala globale e il conseguente rincaro di beni di prima necessità (in Italia soprattutto su alimentari quali pasta, latte, pane, cereali, ecc.), il fenomeno povertà si è aggravato, dando luogo ad un aumento di fasce marginali di popolazione che vedono i propri bisogni insoddisfatti da risposte e risorse pubbliche sempre più limitate. Studi più recenti sulla povertà in Italia relativi all anno 2008 sono stati presentati dalla Caritas e dalla fondazione Zancan in «Ripartire dai poveri. Rapporto 2008 su povertà ed esclusione sociale in Italia» 2. Da decenni il fenomeno povertà è in stallo: povero è, ancora oggi, il 13% della popolazione italiana, costretto a sopravvivere con meno di metà del reddito medio italiano, ossia con meno di 500,00-600,00 euro al mese. Accanto ai poveri, poi, ci sono i "quasi poveri", ossia persone che sono al di sopra della soglia di povertà per una 1 ISTAT, Rapporto sulla povertà assoluta in Italia riferito al 2007 (studio presentato il 22 aprile 2009). 2 Caritas, Ripartire dai poveri. Rapporto 2008 su povertà ed esclusione sociale in Italia, Bologna, Il Mulino,

6 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS somma esigua ( ) Con riferimento all'europa dei 15, l'italia presenta una delle più alte percentuali di popolazione a rischio povertà 3. Di fronte a questa situazione, l Osservatorio sull economia civile della Camera di commercio di Torino, nell ambito del suo impegno a promuovere nuove sinergie tra pubblico e privato, profit e nonprofit per meglio affrontare i problemi socio-economici del nostro tempo, ha colto con interesse la proposta avanzata dalla Federazione dei Banchi Solidali di studiare la possibilità di dar vita a una Borsa Merci Solidale come strumento telematico capace di far incontrare la domanda e l offerta di beni di prima necessità (prodotti alimentari, sanitari, indumenti) a beneficio di persone in difficoltà che non hanno disponibilità economica sufficiente per procurarsi gli stessi beni accedendo al mercato tradizionale. Il nome e l idea della BMS (Borsa Merci Solidale) si ispirano al modello della già esistente Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI), piattaforma telematica delle Camere di commercio italiane per la contrattazione di prodotti agricoli, agroalimentari ed ittici. La BMTI, infatti, è un utile strumento per far incontrare la domanda e l offerta di prodotti tramite un meccanismo ad asta continua che consente la determinazione dei prezzi in tempo reale con costi di transazione contenuti. Lo scopo della BMS è quello di consentire alle organizzazioni senza fine di lucro e ai servizi assistenziali pubblici di migliorare i propri servizi a beneficio di persone in condizioni di bisogno, consentendo allo stesso tempo alle imprese di rientrare, almeno parzialmente, dei costi sostenuti per produrre beni che rischiano altrimenti di andare sprecati o di rappresentare fondi di magazzino onerosi e difficilmente collocabili sul mercato. In accordo con la Federazione dei Banchi Solidali, l Osservatorio ha affidato alla dott.ssa Samantha Paiella l incarico di condurre una ricerca per verificare l interesse a dar vita alla BMS da parte dei soggetti che ne potrebbero essere i potenziali utilizzatori e stakeholder sia dal lato dell offerta sia da quello della domanda. L Osservatorio si è impegnato a promuovere e a sostenere questa ricerca sulla base di due ordini di considerazioni: 3 ibidem 2

7 Premessa - la grande rilevanza dei bisogni a cui la proposta della BMS si propone di dare risposta - la consapevolezza degli elementi di criticità e delle non poche difficoltà che la realizzazione del progetto richiede di superare e la conseguente necessità di definire un primo quadro di insieme riguardante le condizioni di sostenibilità economica e l interesse manifestato da alcuni testimoni privilegiati appartenenti ai principali potenziali stakeholder del progetto. La ricerca ha avuto inizio nel maggio 2009 e si è conclusa nel febbraio Ha permesso di raccogliere utili informazioni, di tipo sia qualitativo sia quantitativo, in particolare grazie a 37 interviste 4 rivolte a responsabili di organizzazioni nonprofit (15), profit (18), istituzioni e enti pubblici (4). Sulla base dei dati raccolti è stato possibile formulare una prima valutazione economica, riportata nel capitolo 4, riguardante le transazioni che la BMS potrebbe gestire nei primi tre anni ed i relativi costi e ricavi. Su questa base si può ipotizzare che, con un investimento iniziale di ,00 dal quarto anno di attività si potrebbe raggiungere il pareggio tra costi e ricavi e conseguire forse anche un piccolo margine di utile da reinvestire nell attività. Con la presente pubblicazione intendiamo mettere a disposizione di quanti sono interessati alla materia il lavoro di ricerca svolto, sollecitare ulteriori contributi e proporlo all attenzione di quelle organizzazioni che vorranno utilizzarlo per valutare la possibilità di impegnarsi a dar vita alla BMS. Aldo Romagnolli presidente Osservatorio sull economia civile 4 Di cui 31 con trascrizione, 2 contatti telefonici e 4 colloqui informali. 3

8 Introduzione Questo documento presenta un quadro di insieme delle informazioni, considerazioni e proposte raccolte per verificare l interesse e la sostenibilità del progetto di dar vita a una Borsa Merci Solidale (BMS). Con l espressione Borsa Merci Solidale si intende uno strumento telematico capace di far incontrare la domanda e l offerta di beni di prima necessità (prodotti alimentari, sanitari e indumenti) a beneficio di persone in condizioni marginali e normalmente assistite dai servizi sociali di enti pubblici e/o da organizzazioni nonprofit (ONP). La BMS come strumento di negoziazione telematica vuole, quindi, consentire l incontro fra l offerta e la domanda di beni da destinare in modo esclusivo a persone in difficoltà che non possono in alcun modo accedere al mercato tradizionale per procurarsi gli stessi beni. Lo strumento BMS si rivolge da una parte ai servizi assistenziali pubblici e alle organizzazioni nonprofit visti come possibili acquirenti di beni di prima necessità, dall altra a tutte quelle imprese (fornitori) in grado di offrire i prodotti compresi nella gamma prevista. Due sono le tipologie di prodotti offerti dalla BMS: 1. prodotti residuali o di eccedenze che rappresentino beni di prima necessità rispondenti a caratteristiche definite e a prezzi minimi, tali da soddisfare la richiesta delle organizzazioni nonprofit (ONP) 2. prodotti ad hoc, offerti a condizioni economiche vantaggiose, destinati esclusivamente alla BMS, quindi fuori commercio. In entrambi i casi è importante mettere in risalto che la BMS si propone con caratteristiche tali da non interferire in alcun modo con le contrattazioni e gli scambi che avvengono nei mercati tradizionali. La BMS, proponendosi come uno strumento per il contenimento dei prezzi di beni di prima necessità - alimentari, sanitari, indumenti - rivolti ad un mercato specifico, differente, non sovrapposto e tale da non interferire con le dinamiche del mercato tradizionale, dovrebbe consentire: a) alle organizzazioni senza fine di lucro di migliorare le proprie iniziative a beneficio di persone in condizioni di bisogno b) alle imprese di rientrare, almeno parzialmente, dei costi sostenuti per produrre beni che rischiano di andare sprecati o di rappresentare fondi di magazzino onerosi e difficilmente collocabili sul mercato 4

9 Introduzione c) alle imprese di valorizzare le iniziative di marketing sociale anche attraverso linee di prodotti creati ad hoc per la BMS. In totale sono state realizzate 37 interviste condotte attraverso l uso di un questionario 5 con prevalenza di domande aperte. Il questionario è stato differenziato per le ONP (organizzazioni nonprofit), le OP (organizzazioni profit), gli enti pubblici e le AdC (associazioni di categoria). Gli interlocutori intervistati sono stati: - organizzazioni nonprofit (15) - enti pubblici e sistema camerale (4) - associazioni di commercianti, industriali e produttori agricoli (18). 5 Si vedano gli allegati. 5

10 1. Opportunità e criticità 1.1 Opportunità Il rapporto con gli intervistati è stato dedicato a prospettare loro le opportunità sia di tipo diretto sia indiretto che la realizzazione della BMS potrebbe aprire e a raccogliere le loro considerazioni e valutazioni. La principale opportunità diretta prospettata agli intervistati è l apertura di nuovi canali di approvvigionamento a prezzi solidali per i beni di prima necessità (alimentari, sanitari, indumenti, in seguito: A/S/I) senza l insorgere di interferenze con il libero mercato o con gli spazi della gratuità. In numerose interviste con gli operatori dei diversi settori di OP e ONP è stata messa in evidenza l esistenza di possibili ampi spazi di miglioramento e di razionalizzazione dei processi con cui le ONP svolgono oggi i loro acquisti attraverso nuove forme di condivisione, di microcredito e di programmazione. Anche la BMS potrebbe, quindi, essere utilizzata per razionalizzare gli acquisti, anche se occorre meglio approfondire se e a quali condizioni questo potrebbe avvenire. Non sono, invece, state rilevate obiezioni al fatto che la realizzazione della BMS potrebbe consentire di dare una risposta più completa ai bisogni primari di persone in difficoltà, sia in termini di completezza alimentare sia di prevenzione sanitaria. In via cautelativa la Federazione dei Banchi Solidali del Piemonte stima che, a partire dalle disponibilità accertate del 2009, la BMS potrebbe consentire incrementi di disponibilità per le ONP: del 30-40% per gli alimentari (frutta, verdure e ortaggi, olio di oliva/semi, passata di pomodoro) del 50% per i sanitari (farmaci da banco OTC, articoli per la prima infanzia, per l igiene personale, disinfettanti e prodotti di medicazione, detersivi) del 20% per gli indumenti (articoli invernali, coperte, biancheria essenziale). Gli intervistati, pur con diverse sottolineature ed evidenziando alcune criticità, hanno concordato nel riconoscere che la BMS potrebbe positivamente operare per: 6

11 Opportunità e criticità promuovere la creazione di prodotti ad hoc che aprono nuovi spazi di produzione e marketing solidale alle imprese che ne siano interessate consentire una maggior trasparenza e visibilità sui prodotti (A/S/I) disponibili, sia a livello locale sia nazionale (e, in prospettiva, internazionale) essere uno strumento utilizzato dalle amministrazioni locali per esercitare politiche di indirizzo e stimolo del mercato solidale su OP e ONP, incluse le iniziative a favore del consumo responsabile essere di aiuto anche per i bilanci delle OP, sia della produzione sia del commercio, in quanto consente ricavi marginali, al momento stimabili nell ordine di qualche punto percentuale consentire l utilizzo del know-how della BMTI e lo sfruttamento delle risorse tecnologiche di Infocamere per finalità etiche. Quanto precede può essere riassunto nel seguente schema: Prodotti BMS, ad hoc, con maggior aderenza alle necessità ONP Trasparenza Migliore assistenza a persone bisognose Minori costi Più elevato rapporto qualità/prezzo 7

12 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS Le principali opportunità prospettate agli intervistati che la BMS potrebbe aprire in modo indiretto sono state: - contribuire indirettamente sulla salute pubblica, mediante l offerta di una vasta e articolata gamma di prodotti alimentari (compresi prodotti ortofrutticoli, caseari e zootecnici), quindi proponendo una dieta nutrizionalmente completa, una maggiore disponibilità di prodotti igienico-sanitari e di indumenti idonei - rendere possibile, con una maggiore offerta di prodotti (ad hoc e residuali) destinati esclusivamente alla BMS, una continuità di approvvigionamento a favore delle ONP così da ovviare alla casualità e discontinuità proprie di altri canali di rifornimento - contribuire per le sue intrinseche caratteristiche allo sviluppo della cultura della solidarietà fra le OP, fra le ONP e fra OP e ONP. In considerazione dei suoi contenuti innovativi, delle finalità sociali e della sua replicabilità in altri contesti (regionali o nazionali), la proposta della BMS si potrebbe inserire nell ambito dei progetti europei di riqualificazione/sviluppo sociale/imprenditoriale che vedono la presenza della Regione Piemonte o del Comune di Torino. È da considerare anche la possibilità di inserire il progetto della BMS nelle iniziative di Expo 2015 e di partecipare alle previste piattaforme internazionali agroalimentari. Infine, la BMS potrebbe diventare un veicolo per rapportarsi, in maniera positiva e propositiva, con il mondo dell economia civile, delle pubbliche amministrazioni, delle associazioni imprenditoriali, sindacali e finanziarie. 1.2 Criticità Un primo elemento di criticità rilevato riguarda lo scarso interesse manifestato dai responsabili di un certo numero di organizzazioni pubbliche e private alla proposta della BMS. Questa criticità è risultata evidente nelle difficoltà riscontrate nel fissare gli incontri per le interviste, che in alcuni casi non è stato possibile superare, come ad esempio con la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), con qualche esponente di Enti Pubblici (Assessorato alla Sanità e alle Politiche sociali della Regione Piemonte) e anche con alcune ONP. A fronte delle difficoltà incontrate nel fissare gli incontri occorre rilevare che nella grande maggioranza delle interviste che è stato possibile effettuare le 8

13 Opportunità e criticità diffidenze iniziali sono state presto superate lasciando ampio spazio a confronti utili e costruttivi. I rappresentanti delle associazioni di categoria intervistati hanno in maggioranza risposto positivamente e in alcuni casi anche con entusiasmo alla proposta della BMS, dando la loro disponibilità a collaborare, anche se è stato più difficile poter approfondire la valutazione con i loro associati (produttori, grossisti, imprenditori). La categoria dei coltivatori diretti e in genere quella dei produttori del settore agroalimentare sta vivendo un momento di particolare crisi e sofferenza: la concorrenza dei mercati globalizzati, le regole del mercato sempre più serrate, la difficile relazione con la rete della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) e la paura di non riuscire a coprire i costi di produzione aumenta la sensazione di incertezza e sfiducia verso il futuro 6 7. Questi timori si sono riflessi sicuramente nella timida risposta dei produttori alla proposta di mercato solidale, da interpretare come una necessità da parte della categoria di assicurarsi innanzitutto uno spazio di mercato tradizionale prima di inserirsi in quello solidale. Lo stesso discorso è valido per la categoria dei produttori e grossisti del settore tessile e dell abbigliamento, che vive un momento di crisi causato anche dalla crescente presenza di concorrenze non sempre leali provenienti dall estero e dal lavoro nero. Il rappresentante Ascom per la categoria tessile/abbigliamento ha dato la sua disponibilità nell intermediare con gli imprenditori del settore ma gli incontri sono stati posticipati e il presente studio non ne può, quindi, dare conto. Infine, negli incontri con i rappresentanti delle diverse OP o delle loro organizzazioni di rappresentanza, non è stato sempre possibile definire stime e dati quantitativi sulla disponibilità dei prodotti invenduti da poter veicolare sulla BMS. Per approfondire questo aspetto sono necessarie ricerche e sperimentazioni mirate. Per quanto riguarda le ONP solamente in 3 casi si è riscontrata una certa titubanza nell accogliere la proposta BMS, perplessità forse legate ad una diversa strutturazione dei canali di approvvigionamenti (spesso gratuiti) di queste organizzazioni che, pertanto, non sentono l esigenza di vie alternative. 6 Strategie di innovazione e trend dei consumi in Italia il caso dell agroalimentare (2008) 7 Dai campi alla tavola prezzi quintuplicati - Coldiretti accusa il monopolio della grande distribuzione. Articolo su La Stampa, 24 settembre

14 2. La strumentazione informatica Lo studio di fattibilità ha analizzato opportunità e criticità riferite agli aspetti informatici-tecnologici riguardanti la strumentazione necessaria per il funzionamento della BMS. Il primo passo è stato quello di considerare la possibilità di utilizzare la strumentazione informatica di cui dispone la BMTI (Borsa Merci Telematica Italiana), piattaforma di negoziazioni telematiche gestita da una società promossa dalle Camere di commercio italiane, la BMTI s.c.p.a. (www.bmti.com). L incontro svolto con i funzionari della BMTI ha confermato l esistenza di buone premesse a favore di una intesa per la sperimentazione della BMS tramite un adattamento della piattaforma software di cui la BMTI dispone. La BMTI ha, infatti, espresso interesse e disponibilità a collaborare al progetto della BMS. Prime ipotesi di collaborazione sono anche state formalizzate in uno scambio di documenti e valutazioni. Viste le limitate informazioni sulle reali esigenze della BMS disponibili in questa fase preliminare dello studio non è stato possibile giungere a un preventivo dei costi per l adattamento della piattaforma BMTI e il suo utilizzo. Un primo confronto ha consentito di stimare in modo molto approssimativo costi informatici in un ordine di grandezza di , ,00 euro. La proposta BMTI dovrà essere valutata comparativamente ad altre indicazioni e offerte in relazione soprattutto alle effettive funzionalità che saranno riscontrate necessarie per la BMS. Dopo aver appurato le esigenze dei potenziali fornitori e acquirenti e l esistenza delle condizioni di mercato necessarie per avviare la fase sperimentale, si potranno meglio definire le caratteristiche della piattaforma software da utilizzare e mettere a confronto più proposte in materia. Nel progettare la BMS occorre, però, tenere in considerazione le difficoltà che la BMTI sta incontrando nell ampliare il numero di transazioni telematiche. Si tratta di difficoltà probabilmente dovute al fatto che molti operatori preferiscono canali diretti di negoziazione, ossia un contatto immediato e non mediato con la controparte. Attraverso la BMTI l intermediazione operata dal SAI (Soggetto Abilitato all Intermediazione) è obbligatoria perché garantisce trasparenza, velocità ed efficienza delle transazioni, così i contatti tra offerente e venditore sono 10

15 La strumentazione informatica realizzati esclusivamente tramite il SAI e la controparte si conosce solo ad accordo concluso. Per favorire le contrattazioni telematiche, la società BMTI ha anche introdotto una black list che consente di selezionare gli operatori con i quali non si desidera effettuare le negoziazioni ed eliminarli dall elenco degli operatori autorizzati. I rappresentanti ed operatori del settore agricolo, agroalimentare e della Grande Distribuzione Organizzata da noi contattati non sempre erano a conoscenza dello strumento BMTI. Hanno dato l impressione di considerarlo un sistema sofisticato verso il quale hanno dimostrato un ridotto interesse: ne è la prova il basso numero degli operatori registrati al sistema della BMTI in provincia di Torino. Di questa diffidenza nei confronti della BMTI occorrerà tenere conto nella fase di progettazione del sistema informatico dedicato alle transazioni di interesse della BMS. Infine, per quanto riguarda la sperimentazione BMS nel settore agroalimentare se ne dovranno considerare le caratteristiche nel contesto locale, così come le sue capacità innovative, che secondo lo studio condotto dall Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici (Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dell Economia e Finanze) in Italia presenta contraddizioni e disparità regionali. 8 Questi elementi sono da considerare anche per le altre due categorie proposte per la BMS (settore abbigliamento e sanitario), così da riuscire a creare e proporre uno strumento BMS che sia facilmente fruibile, di semplice applicazione e coerente con i principi di mercato solidale. 8 R. Esposti, S. Lucatelli, E.A. Peta. Strategie di innovazione e trend dei consumi in Italia il caso dell agroalimentare, Materiali UVAL, Numero 15- Anno

16 3. Proposte Un contributo alla riduzione della complessità di gestione della BMS può venire dalla segmentazione della fase sperimentale fra i diversi settori merceologici. La segmentazione proposta è di tipo temporale: inizialmente si pensa di avviare la sperimentazione con la contrattazione relativa ai prodotti sanitari e parafarmaceutici. Questi sono, infatti, i prodotti di più facile gestione e con premesse di sostegno organizzativo e logistico da parte del Banco di Solidarietà Sanitaria (BSS) e della Federfarma. Una volta avviata la categoria dei sanitari, si potrà passare gradualmente alla categoria degli alimentari e infine a quella degli indumenti. Per le tre categorie i passi da seguire potrebbero essere: selezionare una rosa di produttori, grossisti e ONP da coinvolgere alla BMS stipulare un protocollo d intesa con i produttori, grossisti e commercianti con il quale questi s impegnano a garantire la qualità dei prodotti e un prezzo solidale, pena la rottura dell accordo e l esclusione dalla piattaforma BMS stabilire un numero di incontri mirati alla formazione degli acquirenti e dei fornitori, affinché diventino utenti della piattaforma BMS dare apertura alle transazioni intermediate da un soggetto accreditato BMS. Nell arco di uno/due anni la fase sperimentale potrebbe portare, così, all implementazione e utilizzo di uno strumento che permetta negoziazioni telematiche di beni di prima necessità a beneficio di ONP. Per agevolare l accesso alla BMS da parte delle ONP e di altri soggetti con limitate disponibilità e bassa propensione all innovazione, è importante, e forse necessario, poter contare su incentivi messi a disposizione dagli enti pubblici locali per i soggetti che decideranno di fare i propri acquisti tramite la BMS. Per farlo gli enti pubblici potrebbero utilizzare formule diverse con eventuali tetti massimi per beneficiario e/o per tipologia di prodotti. A favore delle organizzazioni che potrebbero essere interessate a offrire i loro prodotti utilizzando la BMS è da considerare la possibilità di accesso agevolato ad operazioni di factoring. Un altra significativa forma di agevolazione potrebbe essere data, a beneficio sia delle ONP sia delle OP, dalla costituzione di uno o più Fondi rotativi, gestiti con il concorso di diverse Istituzioni finanziarie, che consentano l acquisto dei 12

17 Proposte prodotti con il pagamento immediato del fornitore ed il rimborso differito a tasso agevolato per l acquirente. È di fondamentale importanza, inoltre, definire la natura e le caratteristiche del soggetto gestore della BMS, che farà da garante e intermediario fra la domanda non soddisfatta di beni di prima necessità delle ONP e le offerte a prezzi solidali delle OP. Questo problema potrebbe essere risolto dando vita a una «Fondazione con finalità sociali», oppure a una Onlus, creando una forma societaria che reinvesta gli utili in finalità sociali, con ottimizzazione del profitto sociale. È auspicabile, inoltre, che la BMS sia non solo uno strumento utile ad innescare meccanismi solidali o cicli virtuosi di recupero di beni di prima necessità a favore di soggetti svantaggiati ma che si proponga anche come modello economicamente sostenibile a favore di sistemi pro-ambiente, attraverso la riduzione degli sprechi (quindi dei rifiuti), favorendo la produzione locale e riducendo la distanza tra i produttori e gli acquirenti. Per dare una maggiore consistenza alla BMS è necessario allargare la platea delle ONP a una pluralità di soggetti privati (ad es. cooperative sociali) e pubblici (ad es. consorzi socio-assistenziali, Enti locali, Enti sanitari, ecc.), così come a nuovi soggetti quali, per esempio, i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS). Sul fenomeno in espansione dei GAS, GAC (Gruppi di Acquisto Collettivo) e GAP (Gruppi di Acquisto Popolare) di particolare interesse è la ricerca svolta dall IRES (Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte) «Consumo critico e politiche regionali: le esperienze di aggregazione dei consumatori in Piemonte». Dallo studio emerge la necessità da parte di queste forme di aggregazione di consumatori di cercare soluzioni di gestione e organizzazione strutturate anche mediante la creazione di cooperative sociali e/o consorzi di agricoltori. Tale aspetto potrebbe rappresentare uno spazio di incontro tra i gruppi di acquisto solidale/collettivo e la BMS. La considerazione alla base di un possibile incontro tra le diverse realtà di acquisto solidale e la BMS è quella di creare sinergie e ottimizzare i meccanismi di acquisto collettivo così da conciliare le diverse esigenze di acquisto e al contempo favorire la produzione locale destinando una parte di essa a soggetti in condizioni di bisogno. 13

18 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS Per quanto riguarda la tipologia dello strumento informatico che meglio possa rispondere alle caratteristiche della BMS, si ritiene che occorra prendere in considerazione strumenti meno sofisticati di quelli sperimentati dalla BMTI, e quindi di utilizzo più facile e immediato, in modo da lasciare spazio anche al contatto diretto fra gli interlocutori (ad es. tel. e fax, oltre alle ). Questo ovviamente ridurrebbe le garanzie sia per chi offre prodotti sia per chi li acquista, ma potrebbe agevolare l utilizzo della BMS rendendo il modello di negoziazione meno rigido e meno competitivo di quello tipico dell asta al ribasso. In un periodo come quello attuale di forte cambiamento sociale, contraddistinto anche da fenomeni immigratori, nella caratterizzazione dei prodotti A/S/I andrebbe considerata anche la presenza crescente di fasce marginali di popolazione straniera. L appartenenza alle più varie culture si traduce in costumi ed abitudini espressi in diversi modi di vestire e di alimentarsi. Inoltre, per ciascuna categoria di prodotti proposti per la BMS andranno: rispettati i criteri di controllo e sicurezza, consolidati i rapporti di collaborazione con le associazioni di categoria coinvolte, e infine ricercate le sinergie con iniziative solidali già in essere (es. BSS, Last minute market, AgriSocialCoop, GAS, ecc.). In particolare bisognerà tenere in considerazione alcune specificità riferite alle diverse categorie: categoria agroalimentare: vista la difficoltà di gestione dei prodotti alimentari ad alta deperibilità si dovrà essere molto attenti nell assicurare condizioni di sicurezza alimentare (in termini igienico-sanitari) e il coinvolgimento di fornitori (sia a livello della produzione, che dell ingrosso/commercio) affidabili, con esperienza nel settore alimentare e sensibilità verso tematiche solidali. In riferimento al Centro Agro Alimentare di Torino (CAAT) c è da ricordare la richiesta dei grossisti incontrati di avere un operatore BMS all interno del Centro che concordi le transazioni BMS in tempo reale. Se la gamma di prodotti agro-alimentari offerti dalla BMS si estenderà al CAAT si dovrà, dunque, disporre di risorse umane capaci di operare in loco le transazioni BMS categoria dei sanitari e parafarmaceutici: per i prodotti sanitari (allargati ai parafarmaceutici e farmaci da banco), sarà possibile avvalersi dell esperienza del Banco di Solidarietà Sanitaria di Torino e della consolidata collaborazione 14

19 Proposte con la Federfarma Piemonte. È importante tener presente che l esperienza del BSS si sta allargando nel Lazio e nel Mezzogiorno categoria degli indumenti: nella fase di studio è stato possibile esplorare solo in parte il settore dell abbigliamento e del tessile. Sarà necessario approfondire con grossisti e produttori le modalità necessarie da perseguire per rendere disponibili anche articoli del tessile e dell abbigliamento sulla BMS. 15

20 4. Budget Una struttura come la BMS, operando in un mercato per lo più telematico, non necessita di grossi investimenti per svolgere la sua attività. Le potenzialità della moderna tecnologia informatica permettono, con attività di hosting e housing, di contenere molto la necessità di infrastrutture interne di hardware e di software, concentrando la finalizzazione dei costi su attività ad alto valore aggiunto. I ricavi dell attività, che dovranno sostenere i costi di funzionamento, sono rappresentati da una percentuale sul fatturato sviluppato da ciascun operatore sia esso acquirente sia esso venditore. Certamente, perché sia interessante per gli operatori ai quali si indirizza l attività della BMS operare in questo mercato, la quota di spettanza della BMS dovrà essere sufficientemente contenuta. Risulta, quindi, evidente che una iniziativa come quella in questione negli anni di start up non potrà richiedere agli operatori che si avvicineranno alla BMS di coprire tutti i costi che questa andrà a sostenere in quanto, in questa eventualità, non sarebbe più conveniente per questi operatori sviluppare fatturato in acquisto o in vendita attraverso la BMS. Pertanto, il capitale di dotazione della BMS, qualsiasi sarà la forma societaria individuata per questa organizzazione, dovrà essere definito nell ottica di coprire tutti i costi relativi alla fase di costituzione e le perdite che per tutta la durata della fase di avviamento la BMS andrà a generare. Al termine di tale fase iniziale la BMS dovrà essere in grado di generare in autonomia sia i mezzi economici sia quelli finanziari necessari per il suo sostentamento. La dotazione iniziale è stimata dell ordine di ,00. Il fatturato prossimo alla copertura dei costi si prevede venga raggiunto nel 3 anno di operatività (si veda la tabella1), mentre a partire dal 4 anno l autofinanziamento potrà essere reinvestito per migliorare i servizi resi. L ipotesi operativa è quella di limitare il più possibile gli investimenti iniziali operando soprattutto contratti di noleggio o affitto, riconducendo gli oneri pluriennali esclusivamente alle spese di costituzione della società che, a seconda della forma scelta, potranno essere più o meno contenute. La BMS per tutto il periodo di start up avrà praticamente solo costi correnti composti principalmente 16

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli