STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS"

Transcript

1

2

3 STUDIO DI FATTIBILITÀ per l istituzione di una Borsa Merci Solidale BMS a cura di Enrico Carità e Samantha Paiella Sommario Premessa, p. 1 Introduzione, p Opportunità e criticità, p La strumentazione informatica, p Proposte, p Budget, p Posizione degli interlocutori, p Conclusioni della Federazione dei Banchi Solidali, p. 28 Allegati, p. 30

4 Questo paper è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Non opere derivate 2.5. La licenza è reperibile in testo integrale sul sito internet all indirizzo Coordinamento editoriale: Osservatorio sull economia civile, Camera di commercio di Torino Coordinamento grafico: Settore comunicazione esterna, Camera di commercio di Torino Confezionamento e Stampa: interno Finito di stampare: aprile 2010 Collana Strumenti Osservatorio sull economia civile Camera di commercio di Torino via Carlo Alberto, Torino Tel Fax

5 Premessa Secondo dati ISTAT in Italia individui (975 mila famiglie) si trovano in condizioni di povertà assoluta, pari al 4,1% dell intera popolazione. Il fenomeno è maggiormente diffuso nel Sud e nelle Isole, dove l incidenza di povertà assoluta (5,8%) è circa due volte superiore a quella osservata nel resto del Paese. Nel 2007, fra le famiglie residenti nel Nord la percentuale di famiglie povere si attesta infatti al 3,5% e al 2,9% tra le famiglie del Centro 1. La stima dell incidenza della povertà assoluta è stata calcolata sulla base di una soglia di povertà che corrisponde alla spesa mensile minima necessaria per acquisire un determinato paniere di beni e servizi. Tra le molte analisi, lo studio ISTAT mette in evidenza come la povertà sia spesso associata a livelli bassi di istruzione e l esclusione dal mercato del lavoro risulti essere determinante per entrare nella condizione di povertà. Negli ultimi due anni in Italia il fenomeno sempre più crescente dell impoverimento della popolazione, causato dalla perdita di lavoro e dall aumento della precarietà (per es. cassa integrazione, lavori saltuari, aumento del costo della vita), ha generato la figura dei nuovi poveri, persone che hanno ridotto drasticamente il proprio potere d acquisto e hanno difficoltà nell arrivare a fine mese. Nell ultimo biennio , con l insorgere della crisi economica e finanziaria su scala globale e il conseguente rincaro di beni di prima necessità (in Italia soprattutto su alimentari quali pasta, latte, pane, cereali, ecc.), il fenomeno povertà si è aggravato, dando luogo ad un aumento di fasce marginali di popolazione che vedono i propri bisogni insoddisfatti da risposte e risorse pubbliche sempre più limitate. Studi più recenti sulla povertà in Italia relativi all anno 2008 sono stati presentati dalla Caritas e dalla fondazione Zancan in «Ripartire dai poveri. Rapporto 2008 su povertà ed esclusione sociale in Italia» 2. Da decenni il fenomeno povertà è in stallo: povero è, ancora oggi, il 13% della popolazione italiana, costretto a sopravvivere con meno di metà del reddito medio italiano, ossia con meno di 500,00-600,00 euro al mese. Accanto ai poveri, poi, ci sono i "quasi poveri", ossia persone che sono al di sopra della soglia di povertà per una 1 ISTAT, Rapporto sulla povertà assoluta in Italia riferito al 2007 (studio presentato il 22 aprile 2009). 2 Caritas, Ripartire dai poveri. Rapporto 2008 su povertà ed esclusione sociale in Italia, Bologna, Il Mulino,

6 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS somma esigua ( ) Con riferimento all'europa dei 15, l'italia presenta una delle più alte percentuali di popolazione a rischio povertà 3. Di fronte a questa situazione, l Osservatorio sull economia civile della Camera di commercio di Torino, nell ambito del suo impegno a promuovere nuove sinergie tra pubblico e privato, profit e nonprofit per meglio affrontare i problemi socio-economici del nostro tempo, ha colto con interesse la proposta avanzata dalla Federazione dei Banchi Solidali di studiare la possibilità di dar vita a una Borsa Merci Solidale come strumento telematico capace di far incontrare la domanda e l offerta di beni di prima necessità (prodotti alimentari, sanitari, indumenti) a beneficio di persone in difficoltà che non hanno disponibilità economica sufficiente per procurarsi gli stessi beni accedendo al mercato tradizionale. Il nome e l idea della BMS (Borsa Merci Solidale) si ispirano al modello della già esistente Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI), piattaforma telematica delle Camere di commercio italiane per la contrattazione di prodotti agricoli, agroalimentari ed ittici. La BMTI, infatti, è un utile strumento per far incontrare la domanda e l offerta di prodotti tramite un meccanismo ad asta continua che consente la determinazione dei prezzi in tempo reale con costi di transazione contenuti. Lo scopo della BMS è quello di consentire alle organizzazioni senza fine di lucro e ai servizi assistenziali pubblici di migliorare i propri servizi a beneficio di persone in condizioni di bisogno, consentendo allo stesso tempo alle imprese di rientrare, almeno parzialmente, dei costi sostenuti per produrre beni che rischiano altrimenti di andare sprecati o di rappresentare fondi di magazzino onerosi e difficilmente collocabili sul mercato. In accordo con la Federazione dei Banchi Solidali, l Osservatorio ha affidato alla dott.ssa Samantha Paiella l incarico di condurre una ricerca per verificare l interesse a dar vita alla BMS da parte dei soggetti che ne potrebbero essere i potenziali utilizzatori e stakeholder sia dal lato dell offerta sia da quello della domanda. L Osservatorio si è impegnato a promuovere e a sostenere questa ricerca sulla base di due ordini di considerazioni: 3 ibidem 2

7 Premessa - la grande rilevanza dei bisogni a cui la proposta della BMS si propone di dare risposta - la consapevolezza degli elementi di criticità e delle non poche difficoltà che la realizzazione del progetto richiede di superare e la conseguente necessità di definire un primo quadro di insieme riguardante le condizioni di sostenibilità economica e l interesse manifestato da alcuni testimoni privilegiati appartenenti ai principali potenziali stakeholder del progetto. La ricerca ha avuto inizio nel maggio 2009 e si è conclusa nel febbraio Ha permesso di raccogliere utili informazioni, di tipo sia qualitativo sia quantitativo, in particolare grazie a 37 interviste 4 rivolte a responsabili di organizzazioni nonprofit (15), profit (18), istituzioni e enti pubblici (4). Sulla base dei dati raccolti è stato possibile formulare una prima valutazione economica, riportata nel capitolo 4, riguardante le transazioni che la BMS potrebbe gestire nei primi tre anni ed i relativi costi e ricavi. Su questa base si può ipotizzare che, con un investimento iniziale di ,00 dal quarto anno di attività si potrebbe raggiungere il pareggio tra costi e ricavi e conseguire forse anche un piccolo margine di utile da reinvestire nell attività. Con la presente pubblicazione intendiamo mettere a disposizione di quanti sono interessati alla materia il lavoro di ricerca svolto, sollecitare ulteriori contributi e proporlo all attenzione di quelle organizzazioni che vorranno utilizzarlo per valutare la possibilità di impegnarsi a dar vita alla BMS. Aldo Romagnolli presidente Osservatorio sull economia civile 4 Di cui 31 con trascrizione, 2 contatti telefonici e 4 colloqui informali. 3

8 Introduzione Questo documento presenta un quadro di insieme delle informazioni, considerazioni e proposte raccolte per verificare l interesse e la sostenibilità del progetto di dar vita a una Borsa Merci Solidale (BMS). Con l espressione Borsa Merci Solidale si intende uno strumento telematico capace di far incontrare la domanda e l offerta di beni di prima necessità (prodotti alimentari, sanitari e indumenti) a beneficio di persone in condizioni marginali e normalmente assistite dai servizi sociali di enti pubblici e/o da organizzazioni nonprofit (ONP). La BMS come strumento di negoziazione telematica vuole, quindi, consentire l incontro fra l offerta e la domanda di beni da destinare in modo esclusivo a persone in difficoltà che non possono in alcun modo accedere al mercato tradizionale per procurarsi gli stessi beni. Lo strumento BMS si rivolge da una parte ai servizi assistenziali pubblici e alle organizzazioni nonprofit visti come possibili acquirenti di beni di prima necessità, dall altra a tutte quelle imprese (fornitori) in grado di offrire i prodotti compresi nella gamma prevista. Due sono le tipologie di prodotti offerti dalla BMS: 1. prodotti residuali o di eccedenze che rappresentino beni di prima necessità rispondenti a caratteristiche definite e a prezzi minimi, tali da soddisfare la richiesta delle organizzazioni nonprofit (ONP) 2. prodotti ad hoc, offerti a condizioni economiche vantaggiose, destinati esclusivamente alla BMS, quindi fuori commercio. In entrambi i casi è importante mettere in risalto che la BMS si propone con caratteristiche tali da non interferire in alcun modo con le contrattazioni e gli scambi che avvengono nei mercati tradizionali. La BMS, proponendosi come uno strumento per il contenimento dei prezzi di beni di prima necessità - alimentari, sanitari, indumenti - rivolti ad un mercato specifico, differente, non sovrapposto e tale da non interferire con le dinamiche del mercato tradizionale, dovrebbe consentire: a) alle organizzazioni senza fine di lucro di migliorare le proprie iniziative a beneficio di persone in condizioni di bisogno b) alle imprese di rientrare, almeno parzialmente, dei costi sostenuti per produrre beni che rischiano di andare sprecati o di rappresentare fondi di magazzino onerosi e difficilmente collocabili sul mercato 4

9 Introduzione c) alle imprese di valorizzare le iniziative di marketing sociale anche attraverso linee di prodotti creati ad hoc per la BMS. In totale sono state realizzate 37 interviste condotte attraverso l uso di un questionario 5 con prevalenza di domande aperte. Il questionario è stato differenziato per le ONP (organizzazioni nonprofit), le OP (organizzazioni profit), gli enti pubblici e le AdC (associazioni di categoria). Gli interlocutori intervistati sono stati: - organizzazioni nonprofit (15) - enti pubblici e sistema camerale (4) - associazioni di commercianti, industriali e produttori agricoli (18). 5 Si vedano gli allegati. 5

10 1. Opportunità e criticità 1.1 Opportunità Il rapporto con gli intervistati è stato dedicato a prospettare loro le opportunità sia di tipo diretto sia indiretto che la realizzazione della BMS potrebbe aprire e a raccogliere le loro considerazioni e valutazioni. La principale opportunità diretta prospettata agli intervistati è l apertura di nuovi canali di approvvigionamento a prezzi solidali per i beni di prima necessità (alimentari, sanitari, indumenti, in seguito: A/S/I) senza l insorgere di interferenze con il libero mercato o con gli spazi della gratuità. In numerose interviste con gli operatori dei diversi settori di OP e ONP è stata messa in evidenza l esistenza di possibili ampi spazi di miglioramento e di razionalizzazione dei processi con cui le ONP svolgono oggi i loro acquisti attraverso nuove forme di condivisione, di microcredito e di programmazione. Anche la BMS potrebbe, quindi, essere utilizzata per razionalizzare gli acquisti, anche se occorre meglio approfondire se e a quali condizioni questo potrebbe avvenire. Non sono, invece, state rilevate obiezioni al fatto che la realizzazione della BMS potrebbe consentire di dare una risposta più completa ai bisogni primari di persone in difficoltà, sia in termini di completezza alimentare sia di prevenzione sanitaria. In via cautelativa la Federazione dei Banchi Solidali del Piemonte stima che, a partire dalle disponibilità accertate del 2009, la BMS potrebbe consentire incrementi di disponibilità per le ONP: del 30-40% per gli alimentari (frutta, verdure e ortaggi, olio di oliva/semi, passata di pomodoro) del 50% per i sanitari (farmaci da banco OTC, articoli per la prima infanzia, per l igiene personale, disinfettanti e prodotti di medicazione, detersivi) del 20% per gli indumenti (articoli invernali, coperte, biancheria essenziale). Gli intervistati, pur con diverse sottolineature ed evidenziando alcune criticità, hanno concordato nel riconoscere che la BMS potrebbe positivamente operare per: 6

11 Opportunità e criticità promuovere la creazione di prodotti ad hoc che aprono nuovi spazi di produzione e marketing solidale alle imprese che ne siano interessate consentire una maggior trasparenza e visibilità sui prodotti (A/S/I) disponibili, sia a livello locale sia nazionale (e, in prospettiva, internazionale) essere uno strumento utilizzato dalle amministrazioni locali per esercitare politiche di indirizzo e stimolo del mercato solidale su OP e ONP, incluse le iniziative a favore del consumo responsabile essere di aiuto anche per i bilanci delle OP, sia della produzione sia del commercio, in quanto consente ricavi marginali, al momento stimabili nell ordine di qualche punto percentuale consentire l utilizzo del know-how della BMTI e lo sfruttamento delle risorse tecnologiche di Infocamere per finalità etiche. Quanto precede può essere riassunto nel seguente schema: Prodotti BMS, ad hoc, con maggior aderenza alle necessità ONP Trasparenza Migliore assistenza a persone bisognose Minori costi Più elevato rapporto qualità/prezzo 7

12 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS Le principali opportunità prospettate agli intervistati che la BMS potrebbe aprire in modo indiretto sono state: - contribuire indirettamente sulla salute pubblica, mediante l offerta di una vasta e articolata gamma di prodotti alimentari (compresi prodotti ortofrutticoli, caseari e zootecnici), quindi proponendo una dieta nutrizionalmente completa, una maggiore disponibilità di prodotti igienico-sanitari e di indumenti idonei - rendere possibile, con una maggiore offerta di prodotti (ad hoc e residuali) destinati esclusivamente alla BMS, una continuità di approvvigionamento a favore delle ONP così da ovviare alla casualità e discontinuità proprie di altri canali di rifornimento - contribuire per le sue intrinseche caratteristiche allo sviluppo della cultura della solidarietà fra le OP, fra le ONP e fra OP e ONP. In considerazione dei suoi contenuti innovativi, delle finalità sociali e della sua replicabilità in altri contesti (regionali o nazionali), la proposta della BMS si potrebbe inserire nell ambito dei progetti europei di riqualificazione/sviluppo sociale/imprenditoriale che vedono la presenza della Regione Piemonte o del Comune di Torino. È da considerare anche la possibilità di inserire il progetto della BMS nelle iniziative di Expo 2015 e di partecipare alle previste piattaforme internazionali agroalimentari. Infine, la BMS potrebbe diventare un veicolo per rapportarsi, in maniera positiva e propositiva, con il mondo dell economia civile, delle pubbliche amministrazioni, delle associazioni imprenditoriali, sindacali e finanziarie. 1.2 Criticità Un primo elemento di criticità rilevato riguarda lo scarso interesse manifestato dai responsabili di un certo numero di organizzazioni pubbliche e private alla proposta della BMS. Questa criticità è risultata evidente nelle difficoltà riscontrate nel fissare gli incontri per le interviste, che in alcuni casi non è stato possibile superare, come ad esempio con la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), con qualche esponente di Enti Pubblici (Assessorato alla Sanità e alle Politiche sociali della Regione Piemonte) e anche con alcune ONP. A fronte delle difficoltà incontrate nel fissare gli incontri occorre rilevare che nella grande maggioranza delle interviste che è stato possibile effettuare le 8

13 Opportunità e criticità diffidenze iniziali sono state presto superate lasciando ampio spazio a confronti utili e costruttivi. I rappresentanti delle associazioni di categoria intervistati hanno in maggioranza risposto positivamente e in alcuni casi anche con entusiasmo alla proposta della BMS, dando la loro disponibilità a collaborare, anche se è stato più difficile poter approfondire la valutazione con i loro associati (produttori, grossisti, imprenditori). La categoria dei coltivatori diretti e in genere quella dei produttori del settore agroalimentare sta vivendo un momento di particolare crisi e sofferenza: la concorrenza dei mercati globalizzati, le regole del mercato sempre più serrate, la difficile relazione con la rete della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) e la paura di non riuscire a coprire i costi di produzione aumenta la sensazione di incertezza e sfiducia verso il futuro 6 7. Questi timori si sono riflessi sicuramente nella timida risposta dei produttori alla proposta di mercato solidale, da interpretare come una necessità da parte della categoria di assicurarsi innanzitutto uno spazio di mercato tradizionale prima di inserirsi in quello solidale. Lo stesso discorso è valido per la categoria dei produttori e grossisti del settore tessile e dell abbigliamento, che vive un momento di crisi causato anche dalla crescente presenza di concorrenze non sempre leali provenienti dall estero e dal lavoro nero. Il rappresentante Ascom per la categoria tessile/abbigliamento ha dato la sua disponibilità nell intermediare con gli imprenditori del settore ma gli incontri sono stati posticipati e il presente studio non ne può, quindi, dare conto. Infine, negli incontri con i rappresentanti delle diverse OP o delle loro organizzazioni di rappresentanza, non è stato sempre possibile definire stime e dati quantitativi sulla disponibilità dei prodotti invenduti da poter veicolare sulla BMS. Per approfondire questo aspetto sono necessarie ricerche e sperimentazioni mirate. Per quanto riguarda le ONP solamente in 3 casi si è riscontrata una certa titubanza nell accogliere la proposta BMS, perplessità forse legate ad una diversa strutturazione dei canali di approvvigionamenti (spesso gratuiti) di queste organizzazioni che, pertanto, non sentono l esigenza di vie alternative. 6 Strategie di innovazione e trend dei consumi in Italia il caso dell agroalimentare (2008) 7 Dai campi alla tavola prezzi quintuplicati - Coldiretti accusa il monopolio della grande distribuzione. Articolo su La Stampa, 24 settembre

14 2. La strumentazione informatica Lo studio di fattibilità ha analizzato opportunità e criticità riferite agli aspetti informatici-tecnologici riguardanti la strumentazione necessaria per il funzionamento della BMS. Il primo passo è stato quello di considerare la possibilità di utilizzare la strumentazione informatica di cui dispone la BMTI (Borsa Merci Telematica Italiana), piattaforma di negoziazioni telematiche gestita da una società promossa dalle Camere di commercio italiane, la BMTI s.c.p.a. (www.bmti.com). L incontro svolto con i funzionari della BMTI ha confermato l esistenza di buone premesse a favore di una intesa per la sperimentazione della BMS tramite un adattamento della piattaforma software di cui la BMTI dispone. La BMTI ha, infatti, espresso interesse e disponibilità a collaborare al progetto della BMS. Prime ipotesi di collaborazione sono anche state formalizzate in uno scambio di documenti e valutazioni. Viste le limitate informazioni sulle reali esigenze della BMS disponibili in questa fase preliminare dello studio non è stato possibile giungere a un preventivo dei costi per l adattamento della piattaforma BMTI e il suo utilizzo. Un primo confronto ha consentito di stimare in modo molto approssimativo costi informatici in un ordine di grandezza di , ,00 euro. La proposta BMTI dovrà essere valutata comparativamente ad altre indicazioni e offerte in relazione soprattutto alle effettive funzionalità che saranno riscontrate necessarie per la BMS. Dopo aver appurato le esigenze dei potenziali fornitori e acquirenti e l esistenza delle condizioni di mercato necessarie per avviare la fase sperimentale, si potranno meglio definire le caratteristiche della piattaforma software da utilizzare e mettere a confronto più proposte in materia. Nel progettare la BMS occorre, però, tenere in considerazione le difficoltà che la BMTI sta incontrando nell ampliare il numero di transazioni telematiche. Si tratta di difficoltà probabilmente dovute al fatto che molti operatori preferiscono canali diretti di negoziazione, ossia un contatto immediato e non mediato con la controparte. Attraverso la BMTI l intermediazione operata dal SAI (Soggetto Abilitato all Intermediazione) è obbligatoria perché garantisce trasparenza, velocità ed efficienza delle transazioni, così i contatti tra offerente e venditore sono 10

15 La strumentazione informatica realizzati esclusivamente tramite il SAI e la controparte si conosce solo ad accordo concluso. Per favorire le contrattazioni telematiche, la società BMTI ha anche introdotto una black list che consente di selezionare gli operatori con i quali non si desidera effettuare le negoziazioni ed eliminarli dall elenco degli operatori autorizzati. I rappresentanti ed operatori del settore agricolo, agroalimentare e della Grande Distribuzione Organizzata da noi contattati non sempre erano a conoscenza dello strumento BMTI. Hanno dato l impressione di considerarlo un sistema sofisticato verso il quale hanno dimostrato un ridotto interesse: ne è la prova il basso numero degli operatori registrati al sistema della BMTI in provincia di Torino. Di questa diffidenza nei confronti della BMTI occorrerà tenere conto nella fase di progettazione del sistema informatico dedicato alle transazioni di interesse della BMS. Infine, per quanto riguarda la sperimentazione BMS nel settore agroalimentare se ne dovranno considerare le caratteristiche nel contesto locale, così come le sue capacità innovative, che secondo lo studio condotto dall Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici (Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dell Economia e Finanze) in Italia presenta contraddizioni e disparità regionali. 8 Questi elementi sono da considerare anche per le altre due categorie proposte per la BMS (settore abbigliamento e sanitario), così da riuscire a creare e proporre uno strumento BMS che sia facilmente fruibile, di semplice applicazione e coerente con i principi di mercato solidale. 8 R. Esposti, S. Lucatelli, E.A. Peta. Strategie di innovazione e trend dei consumi in Italia il caso dell agroalimentare, Materiali UVAL, Numero 15- Anno

16 3. Proposte Un contributo alla riduzione della complessità di gestione della BMS può venire dalla segmentazione della fase sperimentale fra i diversi settori merceologici. La segmentazione proposta è di tipo temporale: inizialmente si pensa di avviare la sperimentazione con la contrattazione relativa ai prodotti sanitari e parafarmaceutici. Questi sono, infatti, i prodotti di più facile gestione e con premesse di sostegno organizzativo e logistico da parte del Banco di Solidarietà Sanitaria (BSS) e della Federfarma. Una volta avviata la categoria dei sanitari, si potrà passare gradualmente alla categoria degli alimentari e infine a quella degli indumenti. Per le tre categorie i passi da seguire potrebbero essere: selezionare una rosa di produttori, grossisti e ONP da coinvolgere alla BMS stipulare un protocollo d intesa con i produttori, grossisti e commercianti con il quale questi s impegnano a garantire la qualità dei prodotti e un prezzo solidale, pena la rottura dell accordo e l esclusione dalla piattaforma BMS stabilire un numero di incontri mirati alla formazione degli acquirenti e dei fornitori, affinché diventino utenti della piattaforma BMS dare apertura alle transazioni intermediate da un soggetto accreditato BMS. Nell arco di uno/due anni la fase sperimentale potrebbe portare, così, all implementazione e utilizzo di uno strumento che permetta negoziazioni telematiche di beni di prima necessità a beneficio di ONP. Per agevolare l accesso alla BMS da parte delle ONP e di altri soggetti con limitate disponibilità e bassa propensione all innovazione, è importante, e forse necessario, poter contare su incentivi messi a disposizione dagli enti pubblici locali per i soggetti che decideranno di fare i propri acquisti tramite la BMS. Per farlo gli enti pubblici potrebbero utilizzare formule diverse con eventuali tetti massimi per beneficiario e/o per tipologia di prodotti. A favore delle organizzazioni che potrebbero essere interessate a offrire i loro prodotti utilizzando la BMS è da considerare la possibilità di accesso agevolato ad operazioni di factoring. Un altra significativa forma di agevolazione potrebbe essere data, a beneficio sia delle ONP sia delle OP, dalla costituzione di uno o più Fondi rotativi, gestiti con il concorso di diverse Istituzioni finanziarie, che consentano l acquisto dei 12

17 Proposte prodotti con il pagamento immediato del fornitore ed il rimborso differito a tasso agevolato per l acquirente. È di fondamentale importanza, inoltre, definire la natura e le caratteristiche del soggetto gestore della BMS, che farà da garante e intermediario fra la domanda non soddisfatta di beni di prima necessità delle ONP e le offerte a prezzi solidali delle OP. Questo problema potrebbe essere risolto dando vita a una «Fondazione con finalità sociali», oppure a una Onlus, creando una forma societaria che reinvesta gli utili in finalità sociali, con ottimizzazione del profitto sociale. È auspicabile, inoltre, che la BMS sia non solo uno strumento utile ad innescare meccanismi solidali o cicli virtuosi di recupero di beni di prima necessità a favore di soggetti svantaggiati ma che si proponga anche come modello economicamente sostenibile a favore di sistemi pro-ambiente, attraverso la riduzione degli sprechi (quindi dei rifiuti), favorendo la produzione locale e riducendo la distanza tra i produttori e gli acquirenti. Per dare una maggiore consistenza alla BMS è necessario allargare la platea delle ONP a una pluralità di soggetti privati (ad es. cooperative sociali) e pubblici (ad es. consorzi socio-assistenziali, Enti locali, Enti sanitari, ecc.), così come a nuovi soggetti quali, per esempio, i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS). Sul fenomeno in espansione dei GAS, GAC (Gruppi di Acquisto Collettivo) e GAP (Gruppi di Acquisto Popolare) di particolare interesse è la ricerca svolta dall IRES (Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte) «Consumo critico e politiche regionali: le esperienze di aggregazione dei consumatori in Piemonte». Dallo studio emerge la necessità da parte di queste forme di aggregazione di consumatori di cercare soluzioni di gestione e organizzazione strutturate anche mediante la creazione di cooperative sociali e/o consorzi di agricoltori. Tale aspetto potrebbe rappresentare uno spazio di incontro tra i gruppi di acquisto solidale/collettivo e la BMS. La considerazione alla base di un possibile incontro tra le diverse realtà di acquisto solidale e la BMS è quella di creare sinergie e ottimizzare i meccanismi di acquisto collettivo così da conciliare le diverse esigenze di acquisto e al contempo favorire la produzione locale destinando una parte di essa a soggetti in condizioni di bisogno. 13

18 Studio di fattibilità per l istituzione di una Borsa Merci Solidale - BMS Per quanto riguarda la tipologia dello strumento informatico che meglio possa rispondere alle caratteristiche della BMS, si ritiene che occorra prendere in considerazione strumenti meno sofisticati di quelli sperimentati dalla BMTI, e quindi di utilizzo più facile e immediato, in modo da lasciare spazio anche al contatto diretto fra gli interlocutori (ad es. tel. e fax, oltre alle ). Questo ovviamente ridurrebbe le garanzie sia per chi offre prodotti sia per chi li acquista, ma potrebbe agevolare l utilizzo della BMS rendendo il modello di negoziazione meno rigido e meno competitivo di quello tipico dell asta al ribasso. In un periodo come quello attuale di forte cambiamento sociale, contraddistinto anche da fenomeni immigratori, nella caratterizzazione dei prodotti A/S/I andrebbe considerata anche la presenza crescente di fasce marginali di popolazione straniera. L appartenenza alle più varie culture si traduce in costumi ed abitudini espressi in diversi modi di vestire e di alimentarsi. Inoltre, per ciascuna categoria di prodotti proposti per la BMS andranno: rispettati i criteri di controllo e sicurezza, consolidati i rapporti di collaborazione con le associazioni di categoria coinvolte, e infine ricercate le sinergie con iniziative solidali già in essere (es. BSS, Last minute market, AgriSocialCoop, GAS, ecc.). In particolare bisognerà tenere in considerazione alcune specificità riferite alle diverse categorie: categoria agroalimentare: vista la difficoltà di gestione dei prodotti alimentari ad alta deperibilità si dovrà essere molto attenti nell assicurare condizioni di sicurezza alimentare (in termini igienico-sanitari) e il coinvolgimento di fornitori (sia a livello della produzione, che dell ingrosso/commercio) affidabili, con esperienza nel settore alimentare e sensibilità verso tematiche solidali. In riferimento al Centro Agro Alimentare di Torino (CAAT) c è da ricordare la richiesta dei grossisti incontrati di avere un operatore BMS all interno del Centro che concordi le transazioni BMS in tempo reale. Se la gamma di prodotti agro-alimentari offerti dalla BMS si estenderà al CAAT si dovrà, dunque, disporre di risorse umane capaci di operare in loco le transazioni BMS categoria dei sanitari e parafarmaceutici: per i prodotti sanitari (allargati ai parafarmaceutici e farmaci da banco), sarà possibile avvalersi dell esperienza del Banco di Solidarietà Sanitaria di Torino e della consolidata collaborazione 14

19 Proposte con la Federfarma Piemonte. È importante tener presente che l esperienza del BSS si sta allargando nel Lazio e nel Mezzogiorno categoria degli indumenti: nella fase di studio è stato possibile esplorare solo in parte il settore dell abbigliamento e del tessile. Sarà necessario approfondire con grossisti e produttori le modalità necessarie da perseguire per rendere disponibili anche articoli del tessile e dell abbigliamento sulla BMS. 15

20 4. Budget Una struttura come la BMS, operando in un mercato per lo più telematico, non necessita di grossi investimenti per svolgere la sua attività. Le potenzialità della moderna tecnologia informatica permettono, con attività di hosting e housing, di contenere molto la necessità di infrastrutture interne di hardware e di software, concentrando la finalizzazione dei costi su attività ad alto valore aggiunto. I ricavi dell attività, che dovranno sostenere i costi di funzionamento, sono rappresentati da una percentuale sul fatturato sviluppato da ciascun operatore sia esso acquirente sia esso venditore. Certamente, perché sia interessante per gli operatori ai quali si indirizza l attività della BMS operare in questo mercato, la quota di spettanza della BMS dovrà essere sufficientemente contenuta. Risulta, quindi, evidente che una iniziativa come quella in questione negli anni di start up non potrà richiedere agli operatori che si avvicineranno alla BMS di coprire tutti i costi che questa andrà a sostenere in quanto, in questa eventualità, non sarebbe più conveniente per questi operatori sviluppare fatturato in acquisto o in vendita attraverso la BMS. Pertanto, il capitale di dotazione della BMS, qualsiasi sarà la forma societaria individuata per questa organizzazione, dovrà essere definito nell ottica di coprire tutti i costi relativi alla fase di costituzione e le perdite che per tutta la durata della fase di avviamento la BMS andrà a generare. Al termine di tale fase iniziale la BMS dovrà essere in grado di generare in autonomia sia i mezzi economici sia quelli finanziari necessari per il suo sostentamento. La dotazione iniziale è stimata dell ordine di ,00. Il fatturato prossimo alla copertura dei costi si prevede venga raggiunto nel 3 anno di operatività (si veda la tabella1), mentre a partire dal 4 anno l autofinanziamento potrà essere reinvestito per migliorare i servizi resi. L ipotesi operativa è quella di limitare il più possibile gli investimenti iniziali operando soprattutto contratti di noleggio o affitto, riconducendo gli oneri pluriennali esclusivamente alle spese di costituzione della società che, a seconda della forma scelta, potranno essere più o meno contenute. La BMS per tutto il periodo di start up avrà praticamente solo costi correnti composti principalmente 16

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA Fondazione DARE Un progetto proposto da: AGRISOCIALCOOP S.C.E. Pag. 1 di 5 PREMESSA Progetto di recupero e valorizzazione dei beni invenduti per la creazione di un CENTRO DI REDISTRIBUZIONE SOCIALE - CIRCOSCRIZIONE

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Il tema dell occupazione del personale

Il tema dell occupazione del personale Anche volontariato e non profit possono facilitare gli scambi fra i Paesi europei. Italia e Polonia, per esempio, hanno promosso un progetto comune per risolvere una reciproca emergenza: quello della carenza

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Banco Alimentare Campania ONLUS

Banco Alimentare Campania ONLUS La Rete Banco Alimentare opera da 21 anni sul territorio nazionale e provvede, in particolare, alla raccolta delle eccedenze di produzione agricole, dell industria, specialmente alimentare, della Grande

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Obiettivi. Destinatari e Azioni

Obiettivi. Destinatari e Azioni PROGETTO NOVA SOLIDALE Insieme si può Obiettivi Il contesto socio economico evidenzia un impoverimento progressivo delle famiglie, in ragione della perdita della loro capacità di spesa per motivi differenti

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI Valdelsa con Te Emporio della Solidarietà VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI VALDELSA CON TE La crisi che sta colpendo le nostre famiglie è tale da richiedere uno sforzo congiunto

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare BUON FINE Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare Valter Molinaro Responsabile Innovazione e gestione servizi ECCEDENZE/SPRECO DI CIBO Ogni anno la quantità

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie

Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie Studio di nuove modalità di commercializzazione del Parmigiano-Reggiano Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie Valeria Musi, Luciano Rinaldi, Franco Torelli CRPA S.p.A.

Dettagli

LAST MINUTE MARKET. guida. n 1

LAST MINUTE MARKET. guida. n 1 LAST MINUTE MARKET guida n 1 indice Che cos è Last Minute Market Un modello che funziona Il progetto Last Minute Market Emilia-Romagna Waste Watcher, l osservatorio nazionale contro gli sprechi Ancora

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE Latina marzo 2003 IL TERZO SETTORE A LATINA 1. INTRODUZIONE L Osservatorio economico statistico congiunturale Osserfare si è dotato di una metodologia di analisi alternativa

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A.

REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA - SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI in forma abbreviata BMTI S.c.p.A. Premesso - che la Borsa Merci Telematica Italiana Società Consortile per azioni (in appresso

Dettagli

Portafoglio. prodotti

Portafoglio. prodotti Portafoglio prodotti 2015 Introduzione La crisi ha profondamente modificato la società: oggi non siamo più in un paese di benessere in cui il volontariato si occupava di alcune nicchie di svantaggio e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Roma, 18 dicembre 2009 Prot. A00DPPR n 1656/U All att.ne dei Dirigenti Scolastici degli istituti secondari di II grado statali e p.c. al al al ai Capo Del Dipartimento per l Istruzione Direttore Generale

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

6 Bando 2015 (finestra I )

6 Bando 2015 (finestra I ) 6 Bando 2015 (finestra I ) Socio-assistenziale Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che

Dettagli

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Nel

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo Legge Regionale 6 novembre 2015, n. 34 Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo (BURL n. 46, suppl. del 10 Novembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-11-06;34 Art. 1 (Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO Art.1 Finalità e oggetto La presente regolamentazione definisce, in attuazione di quanto previsto all

Dettagli

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO E MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BANCO ALIMENTARE DELLA CALABRIA ONLUS L Associazione

Dettagli

PIANO D IMPRESA 2013-2015

PIANO D IMPRESA 2013-2015 PIANO D IMPRESA 2013-2015 Poca favilla, gran fiamma seconda Dante, Paradiso I, 37 Le cooperative ricordano alla comunità internazionale che è possibile conciliare la produttività economica con la responsabilità

Dettagli

Progetto Sociale 2016 SERVIZI

Progetto Sociale 2016 SERVIZI Regolamento di Partecipazione - Termine ultimo di presentazione delle domande: 09/09/2016 - PREMESSA L attività erogativa della Fondazione è disciplinata dal Regolamento dell Attività Istituzionale. La

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare ZANARDI BIO raggruppa 4 progetti e una vasta rete di attori del territorio attivi nell inclusione sociale, nella promozione di uno stile di

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 2.4.1-2.4.9 Titolo

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre 2007. Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società

Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre 2007. Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre 2007 Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società Premessa Oggi il nonprofit italiano, per numero di imprese, persone

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A.

Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A. Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A. L innovazione tecnologica ed organizzativa delle amministrazioni: le nuove modalità di acquisto Potenza, 28 novembre 2003 Il

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA TITOLO IDEA : SOCIAL MARKET LA CAMBUSA Breve sintesi idea : La Cambusa consiste nella realizzazione di un MARKET SOCIALE: un punto di recupero e distribuzione di alimenti, prodotti per l igiene, utensili

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

ACLI PROVINCIALI di VERONA UFFICIO. ACLI PROVINCIALI di VERONA. Recupero. Utilizzabili. Eccedenze. Solidalmente. Beni

ACLI PROVINCIALI di VERONA UFFICIO. ACLI PROVINCIALI di VERONA. Recupero. Utilizzabili. Eccedenze. Solidalmente. Beni Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente breve STORIA - Nasce nel 2002 da un idea del prof. Segrè, dello staff dell Università di Bologna e della coopoerativa Carpe cibum con la denominazione

Dettagli

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO NoProfit_001_128.qxd 23-04-2008 16:41 Pagina 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO PREMESSA Le edizioni IALweb hanno dato vita a questo

Dettagli

Gli elementi della crisi

Gli elementi della crisi Sussidiarietà e servizi alla persona Piacenza 17 aprile 2010 Luca Pesenti Università Cattolica Fondazione ESAE 1 Gli elementi della crisi Crisi fiscale Contrazione di risorse Crisi di consenso Nuove domande

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO

COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO COMUNE DI SANT ANTIOCO BANDO Criteri per l erogazione di contributi ordinari e straordinari e per la stipulazione di convenzioni con Associazioni di volontariato, Onlus, Associazioni di promozione sociale,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, Disposizioni per la promozione del commercio equo e solidale Relazione Onorevoli Senatori. Il commercio equo e

Dettagli

Assessorato al Welfare Municipale Settore Servizi Sociali

Assessorato al Welfare Municipale Settore Servizi Sociali Criteri per l erogazione di contributi ordinari e straordinari e per la stipulazione di convenzioni con Associazioni di volontariato, Onlus, Associazioni di promozione sociale, Associazioni di solidarietà

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD 9 RAPPORTO SOCIALE DI CENTRO NORD Il Rapporto Sociale è la sintesi del Bilancio Sociale di Conad Centro Nord Società cooperativa. Sono entrambi strumenti che vogliono documentare la Responsabilità Sociale

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2009-2010

BILANCIO SOCIALE 2009-2010 BILANCIO SOCIALE 20092010 83 Sobrietà come modo di vivere il rapporto con gli altri e con le cose, rifiutando nell acquistare, nel mangiare e bere, nel consumare quel possesso e quell arbitrio chiusi in

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Progetto Venezia per l altraeconomia

Progetto Venezia per l altraeconomia Progetto Venezia per l altraeconomia Obiettivo del progetto è la costruzione e promozione di una Rete di Economia Solidale (RES) veneziana, che raduni intorno ad un Tavolo permanente per l altraeconomia,

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

L attività del Banco è assicurata da soli 9 dipendenti remunerati e da circa 280 volontari a cui non viene risposto alcun rimborso o compenso.

L attività del Banco è assicurata da soli 9 dipendenti remunerati e da circa 280 volontari a cui non viene risposto alcun rimborso o compenso. REGIONE PIEMONTE BU38 22/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 5 settembre 2011, n. 3-2545 Convenzione triennale tra Regione Piemonte e Associazione Banco Alimentare Piemonte per il supporto finanziario

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di

Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di Premessa Oggi il nonprofit italiano, per numero di imprese, persone e volumi di attività, è primo in Europa insieme a quello inglese. Una parte sempre più importante

Dettagli

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010 IL Mercato Elettronico della PA Cagliari, 10 giugno 2010 MEPA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., gestito da Consip per conto del MEF, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

La Storia Nazionale. Ambito Territoriale Sesto Calende. www.ambitosocialesestocalende.it

La Storia Nazionale. Ambito Territoriale Sesto Calende. www.ambitosocialesestocalende.it La Storia Nazionale Il progetto Last Minute Market, è stato ideato dal Prof. Andrea Segrè Preside della Facoltà d Agraria di Bologna. LMM si basa sul convincimento che quanto viene smaltito nel normale

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

1 Bando 2015 (finestra I )

1 Bando 2015 (finestra I ) 1 Bando 2015 (finestra I ) Tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere

Dettagli

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE.

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. BOLLO BOLLO Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. SOMMARIO 1 OGGETTO...4 2 DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

BUONE PRASSI DI FILIERA PER IL SETTORE AGROALIMENTARE - MODALITA' DI UTILIZZO DEL LOGO ISTITUZIONALE

BUONE PRASSI DI FILIERA PER IL SETTORE AGROALIMENTARE - MODALITA' DI UTILIZZO DEL LOGO ISTITUZIONALE Progr.Num. 443/2011 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 04 del mese di Aprile dell' anno 2011 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano LA TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI: UN ANALISI DELLE IMPLICAZIONI ECONOMICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E PER I CONSUMATORI Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere Dipartimento di Economia

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

La povertà in Italia

La povertà in Italia La povertà in Italia Nell Italia di oggi non mancano i motivi per occuparsi della povertà. L 8% delle persone residenti nel nostro paese, infatti, vive in povertà assoluta (dato 2012) mentre nel 2005 erano

Dettagli