PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1"

Transcript

1 PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1 di Adele L Imperio, Paolo Serreri 1. Premesse teoriche L obiettivo di queste pagine è duplice: in primo luogo ribadiremo alcuni dei principi di fondo alla base dell utilizzo di strumenti standardizzati nella pratica del Bilanciò di competenze; in secondo luogo proporremo alcune riflessioni sugli esiti della sperimentazione del PerformanSe (Echo e Oriente) all interno dei percorsi di Bilancio realizzati dal CReS BdC 2. La diffusione della metodologia del Bilancio di Competenze (d ora innanzi BdC o Bilancio) non ci esonera dalla necessità di ribadire alcune delle peculiarità che la distinguono da altre pratiche di analisi e valutazione delle competenze. Se assumiamo che il Bilancio non si configura come prestazione di eterovalutazione ma come prestazione di aiuto all autovalutazione in cui il beneficiario deve essere accompagnato e sostenuto nell identificazione attiva delle proprie conoscenze e competenze e che la valutazione può intervenire in un momento dato del percorso ma non deve, comunque, costituirne la premessa, ne consegue che l uso degli strumenti standardizzati nel BdC ha un senso solo se vengono soddisfatti alcuni presupposti: da un lato la necessità innanzitutto che il beneficiario riesca a percepire l importanza che ricoprono il suo supporto e la sua collaborazione (soggetto attivo), dall altro che il consulente permetta al soggetto di comprendere l utilità dell uso degli strumenti ai fini del conseguimento degli obiettivi formulati e perseguibili con l azione di Bilancio, lo aiuti a precisare il motivo per cui le informazioni raccolte sono utili e sia capace di restituire una sintesi chiara di quanto emerso. Il rispetto di tali premesse contribuisce a smontare le attese di tipo magico che spesso emergono nei confronti di procedure standardizzate (effetto Barnum). Quanto detto assume maggiore pregnanza se consideriamo che il modello di Bilancio adottato dal CReS è un modello che, a partire dalle classificazioni esistenti dei diversi approcci teorici e operativi 3, è misto, risultante dall integrazione degli approcci relazionale e immagine di sé. Un modello, quindi, che, considerando i contributi centrali e le potenzialità di ciascun approccio, i fattori comuni e specifici che legano tra loro questi modelli parziali, i loro benefici e le varie controindicazioni, privilegia - per favorire l espressione del vissuto soggettivo, per dar vita alla dinamica progettuale e arrivare a definire il progetto professionale - la valorizzazione della dimensione autobiografica e di quella narrativa 4, dell effetto specchio del consulente di Bilancio nei confronti dell utente, dello sviluppo dell immagine di sé senza per questo escludere aprioristicamente la possibilità di fare ricorso, laddove opportuno, ad altri approcci 1 Rielaborazione della relazione presentata al Convegno Lo strumento PerformanSe e la valutazione delle competenze trasversali nella Formazione Continua e nell orientamento degli adulti, Roma 7 e 8 ottobre 2010, promosso dall Università degli Studi Roma Tre, Dipartimento di Studi dei processi formativi, culturali e interculturali nella società contemporanea. 2 Il Centro Servizi e Ricerca per il Bilancio di Competenze dal 2001 Laboratorio di Metodologie qualitative nella Formazione degli adulti del Dipartimento di Scienze dell Educazione, dal 2009 CReS BdC del Dipartimento di Studi dei Processi Formativi, Culturali e Interculturali della Società Contemporanea - si occupa di ricerca, ricerca/azione, consulenza e valutazione, servizi di Bilancio di competenze all interno dell Università, servizi orientativi e di empowerment a studenti con percorsi di studio irregolari, a studenti-lavoratori; all esterno dell Università offre servizi di Bilancio per l orientamento e per il rafforzamento dell occupabilità dei lavoratori in generale e, prioritariamente, di lavoratori flessibili e di alte professionalità coinvolte in processi di mobilità. Il CReS è certificato a livello europeo (Démarche Qualité Europe Bilan de Compétences) come Centre De Bilan de Compétences Quality Assured Service - e aderisce alla Federazione Europea dei Centri per il Bilancio delle Competenze e l'orientamento di cui è stato socio fondatore. 3 C. Lemoine (2002) sostiene che Come pratica il bilancio di competenze si trova al punto di congiunzione di diverse correnti teoriche, da cui prende spunto. Si possono distinguere: la corrente dell orientamento scolastico; l approccio clinico; il passaggio dall expertise all aiuto strutturante; l approccio interattivo; il riferimento al modello di emprise analitica. Secondo la classificazione operata dalla Levy-Leboyer (1993) gli approcci sarebbero quattro: approccio relazionale, l approccio differenziale, l approccio ergonomico o esperto, l approccio basato sull immagine di sé. 4 Per un approfondimento del tema si veda A. Alberici, P. Serreri, 2009.

2 operativi che prevedono l impiego di strumenti che utilizzano una descrizione oggettiva dei comportamenti (questionari di valutazione delle competenze comportamentali, motivazionali, ecc.). Se la ricostruzione della biografia del soggetto e il recupero della sua storia mediante la narrazione - su di sé e di sé - che esso stesso produce con la mediazione del consulente diventano cruciali per l analisi e lo sviluppo delle competenze individuali, in tal modo si afferma anche «una determinata concezione della competenza intesa non semplicemente come descrizione statica e puntuale di una sommatoria di oggetti (conoscenze, capacitàabilità, risorse di vario genere) rispecchiati dalle attività svolte, ma piuttosto come ricostruzione dinamica e ricorsiva, riflessiva, di una qualità che non è tanto data quanto emergente, che viene scoperta, che viene pensata come trasversale e per questa via resa potenzialmente trasferibile» (Bresciani, 2004, p. 123). Allo stesso modo l approccio basato sull immagine di sé risponde in modo particolare alla filosofia del Bilancio che, agendo sulla possibilità di sviluppare la capacità di autovalutazione della persona, facilita l integrazione di nuove informazioni che possono risultare utili a ricomporre e valorizzare l immagine di sé precedentemente costruita attraverso una pluralità di esperienze, di confronti sociali e ad accrescere l autonomia nel gestire e realizzare un progetto professionale. Considerato che il modello adottato poggia su alcuni principi cardine - centralità del beneficiario, approccio non valutativo del consulente, necessità di riconoscere una competenza per poterla utilizzare e trasferire gli strumenti di conseguenza non possono che mirare a favorire l attivazione, l autovalutazione e la riflessione del soggetto all interno di un percorso di graduale presa di coscienza delle proprie competenze e di definizione dei propri obiettivi e progetti. Anche se può apparire del tutto ovvio, è necessario ribadire due aspetti: il primo riguarda il fatto che l utilizzo congiunto di diversi approcci presuppone che il consulente di Bilancio padroneggi le tecniche ad essi correlati onde evitare di definire come approccio integrato ciò che si configura semplicemente come eclettismo metodologico (mancanza di consapevolezza delle implicazioni tra teoria e tecnica); il secondo attiene alla qualità del Bilancio che non è legata alla quantità degli strumenti utilizzati: l uso di qualsiasi strumento ha senso, infatti, solo rispetto al quadro in cui si inserisce, vale a dire, l analisi dei fattori che possono contribuire all elaborazione di un progetto professionale. È solo rimanendo in quest ottica che si può giustificare l uso di procedure di indagine diversificate senza correre il rischio di un impiego meccanico degli strumenti e di un affidamento totale ai risultati ottenuti (Aubret, 1991). D altra parte sappiamo che ciò che assicura la coerenza, guida la scelta e l uso integrato degli strumenti è il colloquio individuale quale medium privilegiato che riesce a favorire l instaurarsi di una relazione di confidenza, la creazione di un clima di fiducia e di rispetto reciproco, permettendo in tal modo al soggetto di avanzare nel percorso con autenticità e di raggiungere livelli di informazione più personali e meno stereotipati. Se assumiamo che lo strumento in quanto tale non può essere separato dall attività cui è destinato e che rappresenta occasione per far sì che l individuo possa esprimersi liberamente secondo il proprio vocabolario, le proprie categorie mentali e di organizzazione della realtà interna ed esterna, ne consegue che nella scelta e nel utilizzo efficaci dei diversi strumenti non possiamo sottrarci ad alcuni interrogativi: Lo strumento per fare che cosa? Per quale scopo, su che cosa si vuole agire? Con quale obiettivo? In quale misura lo strumento è pertinente in rapporto al lavoro a cui è destinato? Qual è il livello di padronanza dello strumento di colui che lo utilizza? È accettabile per il soggetto a cui è indirizzato? Un ulteriore riflessione rispetto all utilizzo di strumenti standardizzati nella pratica del Bilancio di competenze riguarda la modalità di restituzione dei risultati che rappresenta un momento di un insieme relazionale più ampio, un ulteriore occasione per permettere ai beneficiari di acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie capacità e possibilità. Se il consulente ha facilitato la partecipazione attiva del soggetto durante il Bilancio, la restituzione dei risultati si caratterizza come una parte importante del percorso e gli obiettivi legati alla

3 restituzione risultano di tipo affettivo e cognitivo: sul piano affettivo di tratta di sostenere il progetto del beneficiario facendo emergere i suoi punti di forza, le sue competenze e il sentimento di efficacia; sul piano cognitivo i dati raccolti permettono di realizzare un attenta analisi degli stessi, di riflettere, a partire da questi, sulla scelta da effettuare, di confrontare concordanze o discordanze rispetto a quanto emerso attraverso l uso degli altri strumenti (Blanchard, Sontag, Leskow, 2001). Per evitare che i risultati vengano vissuti come una mannaia (profezia che si autodetermina), è necessario presentarli in maniera facilmente comprensibile, senza fare ricorso ad un linguaggio tecnico, e in termini positivi, il che non significa scotomizzare gli aspetti negativi, bensì leggere i risultati non in senso assoluto, contestualizzandoli, specificando il ruolo che svolgono in situazioni specifiche. L ultima considerazione riguarda il ruolo che assume all interno del percorso di Bilancio 5 la sessione di lavoro di gruppo che, per alcune sue caratteristiche, può essere considerata come un momento di eterovalutazione. Tale sessione, realizzata in genere dopo il terzo colloquio e condotta da un consulente esperto di dinamiche di gruppo, è finalizzata ad offrire ai beneficiari l opportunità di arricchire, attraverso una diversa prospettiva, il processo di conoscenza di sé e di autovalutazione. Il coinvolgimento attivo in situazioni semistrutturate fa sì che i partecipanti siano sollecitati a risolvere problemi, a prendere decisioni, ad interagire tra loro per raggiungere obiettivi comuni e consente di compiere con ciascun beneficiario un confronto tra diversi punti di vista: quello del soggetto agente, quello dei suoi interlocutori nel gruppo e quello dell osservatore esterno. Il focus di questo confronto sono i comportamenti agiti dal singolo nelle circostanze specifiche - nel qui ed ora - e nelle relazioni concrete del lavoro di gruppo. Tale lavoro risponde alla convinzione che, partendo dai comportamenti osservabili all interno di situazioni strutturate, sia possibile introdurre nel percorso di autoconoscenza e di autosviluppo di ciascun partecipante elementi di riflessione e confronto sul sé in situazione ed in particolare sul sé in relazione. Al termine della simulazione, il consulente/osservatore da avvio al commento, alla discussione e all analisi di ciò che è avvenuto anche attraverso un momento strutturato di autovalutazione e di restituzione di feedback fra i diversi partecipanti; quest ultima attività assume particolare rilevanza in quanto contribuisce a rendere la persona sempre più consapevole delle proprie capacità, abilità attraverso il confronto fra la percezione di sé e quella elaborata dagli altri membri del gruppo. Alla fine della sessione il consulente redige un Profilo individuale descrittivo delle varie aree di competenza oggetto di analisi che costituisce il punto di partenza per la realizzazione di un confronto attivo, aperto e partecipato all interno del colloquio di restituzione degli esiti del lavoro di gruppo. Il Profilo, discusso, condiviso e fatto proprio nei suoi contenuti dal soggetto, diventa così un elemento di conferma e rinforzo delle acquisizioni già realizzate negli incontri precedenti, uno stimolo ad approfondire le eventuali aree di sviluppo. Le caratteristiche della sessione di gruppo appena esplicitate ci hanno indotto a sperimentare l utilizzo di un questionario di autovalutazione come il PerformanSe che permette di comprendere il comportamento lavorativo nei diversi contesti, gli ambienti di lavoro favorevoli, le modalità di adattamento e di apprendimento, il margine di cambiamento e le motivazioni dei soggetti. Un questionario che per le sue caratteristiche risponde alle logiche dianzi esplicitate: implica che il soggetto sia attivo favorendo una valutazione aperta e partecipata che facilita il processo di approfondimento e di appropriazione e mettendo la persona al primo posto come protagonista del proprio sviluppo. 2. La sperimentazione e i risultati 5 Se il ricorso ai colloqui individuali rappresenta una prassi tradizionale del Bilancio, un elemento di novità - anche rispetto alla pratica francese - introdotto nell ambito di Bilanci erogati dal CReS (soprattutto con target quali lavoratori over 40, dirigenti e quadri) è costituito dalla tipologia della sessione di lavoro di gruppo (i gruppi sono costituiti da un minimo di sei ad un massimo di dieci partecipanti; la durata della sessione è di quattro ore circa).

4 Il questionario PerformanSe è stato somministrato sperimentalmente a 50soggetti 6 appartenenti ad un pubblico composito comprendente alte professionalità over 40; giovani lavoratori con contratti atipici; lavoratori-studenti adulti che si sono iscritti all università in un età superiore ai 25 anni; studenti universitari in età canonica (ovvero in una età compresa tra i 19 ed i 24 anni). In alcuni casi è stato somministrato soltanto Echo, in altri, invece, sono stati somministrati entrambi, sia Echo che Oriente. Nella sperimentazione di cui stiamo dando conto, i principali contesti d uso di PerformanSe sono circoscrivibili ai seguenti tre: il Bilancio di competenze, l orientamento universitario, la formazione continua. In questa sede, però, si da conto della sola sperimentazione condotta all interno del Bilancio relativa a 22 casi 7, in quanto si tratta del contesto d uso dove la pratica si è maggiormente consolidata fornendo alcune prime indicazioni significative che sembrano confermare le ragioni, ovvero le ipotesi iniziali, in base alle quali abbiamo scelto di utilizzare sia Echo che Oriente Perché abbiamo utilizzato PerformanSe nel Bilancio di competenze In primo luogo PerformanSe facilita nell individuo una riflessione, seppure breve e concentrata, sui propri comportamenti e sulle proprie scelte a fronte di alternative possibili prefissate e preindicate dal questionario. In questo modo consolida e rafforza il movimento complessivo di autoanalisi delle competenze, degli interessi e delle attitudini che si svolge - per definizione, potremmo dire - all interno del Bilancio. E lo fa con particolare riferimento a quell area delle competenze meno visibile e meno misurabile come può essere, appunto, l area delle competenze personali e sociali. In secondo luogo lo strumento PerformanSe introduce un punto di vista esterno, ovvero terzo, all interno di un processo di autoanalisi come quello che si istruisce con un Bilancio. Vale a dire, all interno di un processo in cui le conoscenze, le competenze e gli interessi analizzati appartengono allo stesso soggetto che li analizza - sia pure al interno di un dispositivo di facilitazione e con l ausilio di una figura esperta di accompagnamento -. Ciò conferisce un ulteriore valore aggiunto alla valenza narrativa e strutturante del Bilancio; valenza che fa si che il soggetto si faccia terzo a se stesso, narrandosi, autoanalizzandosi, rileggendosi, riflettendo e osservando la propria vita e la proprio biografia (formativa, lavorativa e personale) alla stessa guisa di un film dove l attore è al tempo stesso regista e critico cinematografico della propria opera. Il risultato è che il beneficiario ne ricava un indubbio vantaggio in termini di empowerment e accresciuta consapevolezza di sé e delle proprie risorse. In terzo luogo PerformanSe, e specificamente Oriente (meglio, se somministrati insieme allo stesso soggetto), mediante la mappatura ragionata dei punti di forza e dei punti di vigilanza - distinti, a loro volta, per campi di attività o per aree professionali - favorisce e rafforza la valenza orientativa del Bilancio che si esprime attraverso il progetto conclusivo. Progettare, infatti, comporta costruire priorità e scegliere obiettivi in base alle stesse. Ma a monte della selezione degli obiettivi progettuali si colloca una attenta pesatura del proprio patrimonio di risorse da investire nel progetto stesso. Quindi, una consapevolezza, la più chiara possibile, dei propri punti di forza e dei propri punti di vigilanza, interpretati in modo dinamico, olistico ed evolutivo, piuttosto che statico. Il Report di Oriente rinforzato da Echo assolve bene a questa funzione che è, al tempo stesso una funzione del Bilancio. Infine, in quarto luogo - ma non per importanza, che invece è d ordine primario - c è una sintonia metodologica tra PerformanSe e Bilancio per la parte che attiene alla comunicazione 6 I dati a cui facciamo riferimento in questo articolo si fermano alla data di settembre Vedi nota n. 6.

5 e alla restituzione dei risultati. Com è noto, i risultati del primo vanno restituiti attraverso un colloquio di condivisione dell esperto con il beneficiario, qualunque sia il contesto d uso (selezione del personale, orientamento, gestione delle carriere, ecc). Non molto diversamente dal secondo dove il documento di sintesi di fine Bilancio deve essere condiviso, a sua volta, con il soggetto partecipante; e dove, più in generale, ogni passaggio del percorso di autoanalisi assistita dei saperi, delle competenze, delle attitudini e degli interessi del beneficiario avviene in virtù di una serie di feedback, attraverso un processo circolare di stimoli e di micro restituzioni. Nella sperimentazione in oggetto, la somministrazione e la restituzione di PerformanSe - in quanto collocate tra il terzo ed il quarto colloquio di Bilancio - rientrano all interno di questo che abbiamo appena definito, appunto, nei termini di un processo circolare. E, potremmo aggiungere, nei termini di una circolarità virtuosa. In entrambi i casi, cioè nel PerformanSe e nel Bilancio, viene sollecitata l attivazione del soggetto beneficiario. Ciò che di norma non avviene nelle prove oggettive. In altri termini, la scelta di adottare i due strumenti è riconducibile alla valutazione dell opportunità e dell utilità di guardare lo stesso oggetto - ossia gli aspetti comportamentali e motivazionali di una stessa persona che vive un momento di transizione professionale e/o personale - attraverso due diversi angoli visuali: quello della narrazione di sé e degli strumenti di analisi semistrutturati (il Bilancio) e quello di una prova strutturata di misurazione (PerformanSe). Rovesciando il ragionamento potremmo parlare anche di due procedure per uno stesso approccio nel senso che con l utilizzo di entrambi gli strumenti viene condotta prima un operazione di scomposizione e di analisi distintiva delle capacità, degli interessi e delle attitudini del beneficiario e poi un operazione di ricomposizione di questi stessi elementi attraverso una lettura/interpretazione dinamica e olistica. Dove il risultato non è mai pari alla somma dei fattori o ad un aggregato di risorse, bensì è un valore superiore corrispondente ad una competenza (saper dirigere, saper amministrare, saper fare ricerca, saper parlare in pubblico, saper affrontare l imprevisto, ecc.). Questo doppio sguardo e questa doppia strumentazione producono un effetto strutturante sul soggetto, nel senso che favoriscono la formazione in lui di un autoimmagine più nitida, di una maggiore consapevolezza del patrimonio di capacità possedute, di una maggiore fiducia in sé e un accresciuta capacità progettuale. Ma soprattutto aiutano l individuo a riconoscere le proprie competenze affinché siano riconosciute: riconoscersi come precondizione per essere riconosciuti Qualche indicazione Sotto questo profilo possiamo dire che l adozione di PerformanSe all interno del Bilancio in adulti lavoratori iscritti all Università ha manifestato un grado elevato di attendibilità e di congruenza con i progetti messi a punto a conclusione del percorso del Bilancio stesso, come viene illustrato dal caso di Lucrezia 8. 8 Ovviamente si tratta di un nome di fantasia, mentre l istogramma appartiene effettivamente ad una persona a cui sono stati somministrati Echo e Oriente all interno di un Bilancio di competenze realizzato con un obiettivo di sviluppo di carriera.

6 Soggetto in età tra i 55 e i 65 anni Ha iniziato a lavorare in una P.A. con il più basso livello di inquadramento contrattuale Ha scalato tutti i gradi della carriera professionale fino alla qualifica di funzionario Occupa la Posizione Organizzativa di dirigente Ha una famiglia con figli ormai adulti e indipendenti Ha conseguito da adulto una laurea magistrale Dall autoanalisi e dagli approfondimenti condotti durante il percorso di Bilancio compiuto fino a quel momento erano emerse le medesime caratteristiche rilevate e misurate da PerformanSe (v. istogramma precedente). In particolare era emerso che Lucrezia era una persona, con un forte senso di indipendenza, scrupolosa, portata ad attenersi nel lavoro e nella vita a regole chiare e stabili nel tempo; spontaneamente portata a svolgere attività di tipo amministrativo con norme precise e con procedure stabilite; spinta da una forte motivazione a migliorarsi ed a migliorare la propria posizione lavorativa; disposta a compiere qualsiasi sacrificio pur di raggiungere i propri obiettivi. Lucrezia si è riconosciuta pienamente nei risultati del PerformanSe. Ciò le ha dato conferme importanti, una maggiore sicurezza e un nuovo impulso ad andare avanti ed a migliorarsi. Dopo il Bilancio di competenze e dopo la laurea Magistrale conseguita a 62 anni si è candidata ad un concorso interno per l area dirigenziale dell Organizzazione di appartenenza; ha frequentato un Master di 2 livello e si sta costruendo un alternativa lavorativa per quando andrà in pensione al compimento dei 65 anni. Il caso di Lucrezia sotto il profilo dei risultati è sostanzialmente assimilabile a quelli degli altri 21 soggetti ai quali è stato somministrato il PerformanSe all interno del Bilancio. In seguito a questa prima sperimentazione proponiamo le seguenti ipotesi : (a) i due strumenti ECHO e ORIENTE, proposti insieme in un Bilancio delle Competenze, rinforzano la finalità di questo percorso. In questo senso, essi producono una sinergia positiva che a sua volta genera un valore aggiunto dal punto di vista del rinforzo dell immagine che il soggetto ha di sè e, di riflesso, dal punto di vista dell efficacia del percorso di orientamento così integrato. (b) L utilizzo degli strumenti PerformanSe si pone come valida alternativa alla sessione di animazione di gruppo. Questa attività è normalmente guidata da un esperto esperto di dinamiche di gruppo e ha come obiettivo quello di identificare le competenze trasversali e comportamentali, i punti di forza e le aree di sviluppo sulle quali il soggetto dovrà progredire per realizzare il suo progetto professionale e per inserirsi efficacemente nel mondo del lavoro. (c) I due strumenti interagiscono positivamente con l approccio autobiografico narrativo utilizzato dal CreS BdC per la realizzazione dei Bilanci. Attualmente il CreS BdC sta svolgendo una ricerca su un gruppo di 80 giovani neo laureati al fine di validare queste ipotesi di lavoro. Con il supporto di PerformanSe, questa ulteriore sperimentazione sarà oggetto di una pubblicazione su una rivista francese specializzata in Scienze dell Educazione.

7 Bibliografia Alberici A., Serreri P., Competenze e formazione in età adulta. Il Bilancio di competenze: dalla teoria alla pratica, Roma, Monolite Editrice, Aubret J., Expertise des outils et techniques de bilan, Actualité de la formation permanente, n. 112, Blanchard S., Sontag J.C., Leskow S., L'utilizzo delle prove conative nel quadro del bilancio delle competenze, GIPO (Giornale Italiano di Psicologia dell'orientamento), Vol 1, Firenze, Organizzazioni Speciali, Bresciani P.G., Approccio autobiografico-narrativo, competenza e metacognizione in Di Francesco G. (a cura di), Ricostruire l esperienza. Competenze, bilancio, formazione, Milano, Franco Angeli, Di Fabio A., Bilancio di competenze e orientamento formativo, Firenze, Giunti, Di Fabio A., Majer V. (a cura di), Il Bilancio di competenze. Prospettive di approfondimento, Milano, Franco Angeli, Gallo R., Boerchi D., Bilancio di competenze e Assessment Centre. Potenzialità e limiti dell auto e dell etero-valutazione delle risorse umane, Milano, Franco Angeli, Guichard J. Huteau M., Psicologia dell orientamento professionale. Teorie e pratiche per orientare la scelta negli studi e nelle professioni, Milano, Raffaello Cortina Editore, L Imperio A., Empowerment e autodeterminazione nel Bilancio di competenze, in P. Serreri (a cura di), PERSeO. Personalizzare e Orientare. Il bilancio di competenze per l occupabilità nel Lazio, Milano, Franco Angeli, L Imperio A., Serreri P., Bilancio di competenze e alte professionalità. Tra valorizzazione e investimento, in P. Serreri (a cura di), PERSeO. Personalizzare e Orientare. Il bilancio di competenze per l occupabilità nel Lazio, Milano, Franco Angeli, L Imperio A., Il Bilancio di competenze nella Regione Lazio. Il Progetto PERSeO, in A. Alberici, P. Serreri, Competenze e formazione in età adulta. Il Bilancio di competenze: dalla teoria alla pratica, Roma, Monolite Editrice, L Imperio A., Tra crescita personale e professionale: gli adulti nell università che cambia. I motivi di una scelta, in A. Alberici, C. Catarsi, V. Colapietro, I. Loiodice, Adulti e università. Sfide e innovazioni nella formazione universitaria e continua, Milano, Franco Angeli, L Imperio A., L accoglienza nel Bilancio di competenze, in D. Pietripaoli (a cura di), Accoglienza e individualizzazione. Strumenti e metodi per la formazione e l orientamento, Roma, Anicia, Lemoine C., Risorse per il Bilancio di competenze. Percorsi metodologici e operativi, Milano, Franco Angeli, Levy-Leboyer C., Le bilan de compétences, Paris, Les Editions d Organisation, Serreri P. (a cura di), PERSeO. Personalizzare e Orientare. Il bilancio di competenze per l occupabilità nel Lazio, Milano, Franco Angeli, Serreri P., El Balance de Competencias y la orientación profesional: Teoria y práctica in P. Figura Gazo y M.L. Rodriguez Moreno (a cura di), Reflexiones en torno al balance de competencias, Barcelona, Universitat de Barcelona, Serreri P., Riflessività, empowerment e proattività nei bilanci di competenza a lavoratori-studenti iscritti all università in A. Alberici, C. Catarsi, V. Colapietro, I. Loiodice, Adulti e università. Sfide e innovazioni nella formazione universitaria e continua, Milano, FrancoAngeli, Serreri P., L Imperio A. Il Bilancio di competenze degli adulti dell Ateneo Roma TRE in A. Alberici (a cura di), Adulti e Università. Accogliere e orientare nei nuovo corsi di laurea, Roma, Anicia, Yatchinovsky A., Michard P., Le bilan personnel et professionnel. Instrument de management, Paris, ESF, 1991.

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Quattro passi tra Partita Doppia e Bilancio di Roberta Di Pinto Non si può insegnare niente ad un uomo. Si può solo aiutarlo a scoprire ciò che ha già dentro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Premessa Nell ambito della gestione delle Risorse Umane, EBC Consulting si affianca alle Aziende nel mettere a punto strumenti e processi coerenti

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

PORTFOLIO, DOSSIER PROFESSIONALE, LIBRETTO FORMATIVO di Carla Ruffini e Giuseppe Porzio

PORTFOLIO, DOSSIER PROFESSIONALE, LIBRETTO FORMATIVO di Carla Ruffini e Giuseppe Porzio Tratto da P.G. Bresciani, D. Callini (a cura di), Personalizzare e individualizzare. Strumenti di lavoro per la formazione, Franco Angeli, Milano, 2004 PORTFOLIO, DOSSIER PROFESSIONALE, LIBRETTO FORMATIVO

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5 Co-funded by the European Union DIVERSE Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy Policy Brief WP5 1. L opportunità del progetto DIVERSE per la Società San Vincenzo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 LEZIONE MEDIAZIONE CULTURALE ED EDUCAZIONE SOCIALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 2 di 8 1 Profilo professionale

Dettagli

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti Comuni e Istituti scolastici di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti 23 Febbraio

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE NON PROVE STANDARDIZZATE

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI

O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI CHE COS È UNA COMPETENZA PROFESSIONALE? Set di slide per il 1 laboratorio di gruppo da UTILIZZARE O SELEZIONARE IN BASE AL CONTESTO E ALLE CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI 01. ETIMOLOGIA Competenza deriva

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Valutazione della qualità. Quattro tesi per una valutazione della qualità nei servizi educativi 0-3 anni

Valutazione della qualità. Quattro tesi per una valutazione della qualità nei servizi educativi 0-3 anni Valutazione della qualità Quattro tesi per una valutazione della qualità nei servizi educativi 0-3 anni Valutazione della qualità Premessa La valutazione è un atto non solo pedagogico ma anche politico

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 1.PREMESSA 1.1 L ambiente di formazione per i docenti a sostegno degli apprendimenti di base

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione Seminari metodologici propedeutici al tirocinio A.A. 2009/2010 II seminario: Come si articola

Dettagli

LARA UNIVERSITÀ: Laboratorio sulle relazioni

LARA UNIVERSITÀ: Laboratorio sulle relazioni in collaborazione con le di in collaborazione con le di Bologna - Facoltà di Scienze della Formazione Bolzano - Facoltà di Scienze della Formazione Firenze - Facoltà di Psicologia Pavia Facoltà di Medicina

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA DEL CORSO SERALE

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA DEL CORSO SERALE ITI CANNIZZARO CATANIA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA DEL CORSO SERALE APPROVATA NEL COLLEGIO DOCENTI DEL SERALE DEL 5-5-2011 1 / 8 L ITI Cannizzaro è una delle realtà più vaste dell Italia meridionale poiché

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Il contributo della scuola nel processo di orientamento

Il contributo della scuola nel processo di orientamento Il contributo della scuola nel processo di orientamento Un analisi comparativa realizzata nei diversi Paesi dell Unione Europea ha dimostrato che il livello medio del tasso di drop out è pari al 22.5%

Dettagli

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Docente di diritto amministrativo e Legislazione sanitaria Monica De Angelis Presidente Membro del

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze Il tirocinio all Università Milano Bicocca La formazione attraverso la consapevolezza della complessità

Dettagli

L EMPOWERMENT DEL POTENZIALE: lo sguardo che fa crescere persona e azienda

L EMPOWERMENT DEL POTENZIALE: lo sguardo che fa crescere persona e azienda Manifesto per una formazione umanistica Una nuova iniziativa della Casa della Cultura: un manifesto, sottoscritto da 12 autorevoli studiosi, relativo alla formazione degli adulti. CONTRIBUTO DI ZUCCHI

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli