Metodologie di valutazione di impatto degli interventi culturali. II fase

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodologie di valutazione di impatto degli interventi culturali. II fase"

Transcript

1 Metodologie di valutazione di impatto degli interventi culturali. II fase Codice IReR: 2006B001 Project leader: Elvina Degiarde Rapporto finale Milano, dicembre 2006

2 La ricerca è stata affidata ad IReR dalla Direzione Generale Culture Identità e Autonomie della Lombardia nell ambito del Piano delle Ricerche Responsabile di progetto: Elvina Degiarde Gruppo di lavoro tecnico: Pietro Petraroia, responsabile regionale della ricerca, Direttore Generale Culture, Identità e Autonomie della Lombardia; Giuliana Marangon, Claudio Rosini, Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie della Lombardia Gruppo di ricerca: Guido Guerzoni, docente di Economia e management delle istituzioni culturali, Università Bocconi; Jessica F. Silvani, Master universitario in Economia del turismo, Università Bocconi; Emanuela Bonicalzi, laureata in Relazioni pubbliche

3 Indice Premessa 7 Parte prima L analisi dell'impatto economico locale delle attività culturali: definizione teorica Introduzione 11 Capitolo 1 La teoria Che cosa è e che cosa non è un analisi di impatto economico I possibili modelli di riferimento I pregi e i difetti delle analisi di impatto Perché realizzare un analisi di impatto Valutazione Marketing Controllo Gli strumenti di misurazione dell impatto economico Gli effetti diretti, indiretti e indotti La spesa diretta La determinazione della quantità di visitatori, la loro segmentazione e la stima delle spese pro-capite Stima della domanda finale, tassi di capture rate e moltiplicatori Dalla spesa totale alla stima della domanda finale I moltiplicatori I moltiplicatori delle vendite I moltiplicatori reddituali I moltiplicatori occupazionali I moltiplicatori del valore aggiunto Il modello di partenza del software Il computo della spesa media Dai visitatori al numero delle visite La spesa totale La spesa sostenuta dai produttori degli eventi I moltiplicatori dell impatto economico e occupazionale 55 Capitolo 2 Lo stato dell arte sull utilizzo del metodo in Italia e all estero L utilizzo del metodo in Italia L utilizzo del metodo all estero 60

4 Parte seconda L analisi dell impatto economico delle attività culturali: il metodo Capitolo 3 La metodologia di analisi I passaggi fondamentali per condurre un analisi di impatto La definizione del problema e l identificazione degli usi e dei destinatari dei risultati Il Festivaletteratura di Mantova La mostra Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo. 68 Brescia, Museo di Santa Giulia, 22 ottobre marzo Definire l area di studio Festivaletteratura Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo Raccogliere i dati sulle istituzioni oggetto di studio I dati del Festivaletteratura I dati di Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo La costituzione delle data room degli eventi Definire le informazioni necessarie e le relative fonti rilevanti Identificare un set di segmenti di visitatori Festivaletteratura Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo Stimare il profilo di spesa di ciascun segmento di visitatori Adattamento di profili di spesa individuati in precedenti studi 92 Capitolo 4 I profili dei visitatori: dalle proxy all indagine sul campo Premessa Il turismo culturale. Gli escursionisti e il turismo a corto-medio raggio Il caso di Venezia Verona Le abitudini di viaggio degli italiani Il destination management delle città d arte Turismo a Torino La costruzione dei profili dei visitatori I profili demografici e le abitudini di viaggio I musei Le mostre I festival La determinazione delle preferenze di consumo Il turismo culturale Le mostre I festival Le proxy I dati sui festival I dati sulle mostre e i musei 170 4

5 Parte terza I casi di studio Capitolo 5 Mantova: Festivaletteratura I dati delle fonti ufficiali I dati delle statistiche ufficiali del Il genere Le età Le professioni Le provenienze Il questionario somministrato in occasione del Festivaletteratura L analisi dei dati Il genere Le età Le provenienze La distribuzione della spesa media pro-capite giornaliera La segmentazione dei visitatori I profili di spesa dei diversi segmenti Dalla spesa della domanda finale passando per le giornate totali La spesa totale L applicazione dei moltiplicatori e il valore degli impatti Conclusioni sul caso Festivaletteratura 203 Capitolo 6 Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo. Brescia, Museo di Santa Giulia, 22 ottobre marzo Le categorie: le strutture ricettive Le categorie: le preferenze del consumatore I dati socio-demografici Il genere Le provenienze Le categorie: la segmentazione dei visitatori i dati di sintesi Le categorie dei visitatori La spesa pro capite giornaliera Dalle visite alle giornate/visitatore La spesa totale L impatto economico e occupazionale Conclusioni sul caso Gauguin Van Gogh. L avventura del colore nuovo 224 Parte quarta Bibliografia Capitolo 7 Le fonti Le fonti statistiche Reports e audience survey Fonti bibliografiche 234 5

6

7 Premessa Da diversi anni in Italia e in Europa, il settore culturale ha assunto nuove valenze: non solo un fondamentale servizio sociale ed educativo ai cittadini per la crescita del benessere e la qualità della vita, la conoscenza di culture e identità diverse, la coesione sociale di una comunità, ma anche importante settore per lo sviluppo economico-produttivo dei territori. In Regione Lombardia il riconoscimento della cultura quale fattore di sviluppo economico e sociale, oltre che morale e civile dei territori regionali, costituisce un obiettivo strategico già dalla precedente legislatura. Le molteplici relazioni che legano i beni culturali alle attività e ai servizi culturali, ai beni ambientali e paesaggistici (come ampiamente riconosciuto a livello normativo ai sensi del Codice dei Beni Culturali e Paesisitici, 2004), alle attività economiche e sociali, hanno condotto all avvio di progetti di valorizzazione di beni e di promozione culturale finalizzati alla valorizzazione dei territori. Tutto ciò ha posto però in evidenza la carenza, sia interna all Ente sia tra i soggetti pubblici e privati che investono in cultura, di una cultura della misurazione dell impatto, in particolare dell impatto economico degli interventi culturali, che consenta di dare valore economico ai valori pubblici, quantificando i benefici economici degli investimenti culturali e individuandone i soggetti che ne traggono benefici. La presente ricerca promossa dalla Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie, il cui referente per conto della Direzione è l Osservatorio Culturale, aveva l obiettivo concreto di fornire un modello di misurazione dell impatto economico degli interventi culturali, sperimentandone e testandone l applicazione su due realtà, il Festival della Letteratura di Mantova, le Grandi Mostre di Brescia. In particolare la ricerca ha inteso rilasciare a Regione e al sistema degli attori che investono in cultura nella nostra regione, una strumentazione (accompagnata da una procedura applicativa di indicatori di misurazione di impatto economico) focalizzata in questa fase sulla spesa diretta sostenuta dagli organizzatori/ finanziatori e dai visitatori e sulla spesa indiretta, che permetta di misurare l impatto locale sull area di riferimento dal processo innescato da tale spesa, che sia riproponibile e applicabile in diversi contesti. L obiettivo, coerente col ruolo regionale di governo e di indirizzo, è quello di sviluppare e diffondere una cultura della misurazione in campo culturale che consenta, in considerazione della progressiva riduzione delle risorse pubbliche a disposizione, la confrontabilità delle decisioni e il monitoraggio degli obiettivi, la possibilità di verificare in fase di pianificazione dove allocare più efficacemente le risorse e di valutare a posteriori gli effetti sul territorio dell investimento in cultura.

8 In merito agli esiti della ricerca riferiti ai due casi considerati ai fini della sperimentazione del modello di analisi, il Festival Letteratura di Mantova e le Grandi Mostre di Brescia, questo studio individua gli ulteriori passaggi di ricerca necessari per fornire il dato maggiormente certificabile sul valore dell impatto economico dei due eventi rispetto all area territoriale di riferimento. Una sollecitazione importante è fornita dalla presente ricerca: la necessità di diffondere in campo culturale la cultura della raccolta dei dati, secondo standard condivisi e confrontabili per uscire dalla indeterminatezza e genericità delle affermazioni in merito a successo e criticità dei progetti di valorizzazione e promozione culturale. 8

9 Parte prima L analisi dell'impatto economico locale delle attività culturali: definizione teorica

10

11 Introduzione Le istituzioni e le manifestazioni culturali forniscono un contributo importante allo sviluppo economico dei territori su cui insistono: basti pensare alla rilevanza di siti come Pompei ( visitatori nel 2005) o di eventi come le Biennali di Venezia, capaci di convogliare centinaia di migliaia di visitatori, deviare i flussi turistici e influenzare il comportamento (non solo economico) dei residenti in zona. Tuttavia, per comprendere se tali effetti sono benefici e quantificarne l entità, è necessario seguire un iter metodologico preciso, che nelle sue prime fasi passa attraverso un meticoloso processo di raccolta di informazioni di carattere qualitativo e quantitativo, dacché le istituzioni e le attività culturali generano impatti assai diversi: culturali, sociali, economici, fiscali, occupazionali, ambientali, immobiliari (Ap e Crompton 1998). Per ciascuna di queste categorie di impatto esiste una ricca e qualificata letteratura accademica, che ha da tempo sottolineato sia gli aspetti positivi, sia quelli negativi; così, considerando gli impatti sociali, a fronte della crescita della qualità della vita, della disponibilità di maggiori occasioni di svago, della conoscenza di culture e comunità differenti, della difesa delle identità locali, dell'incremento della domanda di fruizione culturale, gli studiosi hanno riscontrato che in molti casi l'incremento delle presenza turistiche fa registrare preoccupanti tassi di crescita della prostituzione, dell'alcolismo, della microcriminalità, della tensione tra residenti e visitatori, della perdita di autenticità del tessuto locale, del caos e della congestione, degli atti di vandalismo, etc. (Wood 2005). Rispetto a tale varietà, si è deciso di concentrare questo studio su una sola categoria di impatto, quella economico-occupazionale, per ragioni facilmente comprensibili: l esistenza delle istituzioni e delle iniziative culturali, notoriamente caratterizzate da una scarsa redditività, è spesso garantita dall intervento di un ente pubblico o di un soggetto terzo interessato a sapere come e con quali effetti sono state utilizzate le risorse erogate (ad esempio le fondazioni ex bancarie). L esigenza di allocare in modo efficiente e ottimale tali fondi, insieme ai doveri di trasparenza cui sono soggette le pubbliche amministrazioni, le imprese sponsor e partner e molte fondazioni, impone di misurare con attenzione l impatto economico di un progetto culturale; a priori per determinare in modo oculato gli ambiti in cui investire risorse scarse e, a posteriori, per verificare che gli effetti sortiti siano stati quelli attesi. Poiché è piuttosto raro che i beni e le attività culturali determino un ritorno economico direttamente misurabile, si ricorre spesso alle analisi costi-benefici, alla teorie sui beni meritori, alle esternalità positive, oppure a modelli di

12 valutazione economica in cui il valore economico totale risulta dalla somma dei valori: - d uso diretti (goduti in esclusiva dai consumatori e derivanti dalla somma di quelli attuali (admission price/certo) e di quelli futuri (attualizzabili in diversi modi); - d uso indiretti (pubblici, diversi e goduti dall'intera comunità, come accade con i valori di opzione relativi alla domanda potenziale e con quelli di lascito intergenerazionale); - di non uso (culturali tout court: esistenza, pedagogici-educativi, identitari etc.). Questi valori sono stimabili con varie tecniche di misurazione (Sirchia 2000; Navrud and Ready 2002; Mazzanti 2003; Baia Curioni e Nepoti 2004), al fine di giustificare le spese sostenute dagli enti pubblici e terzi senza finalità di lucro, sia che si tratti di progetti concernenti strutture permanenti, quali musei, centri espositivi, teatri, biblioteche e archivi, sia che riguardino iniziative effimere, quali mostre temporanee, concerti, festivals, etc. Pur riconoscendo che i criteri economici non devono predominare nella definizione delle politiche di intervento in campo culturale, si deve ammettere che la loro assenza rende in qualche modo inconfrontabili le decisioni assunte, autorizzando sprechi di risorse e impedendo la fissazione di obiettivi certi e monitorabili nel tempo, quali ad esempio l aumento dei posti di lavoro, il contenimento della migrazione intellettuale, la costituzione di imprese private operanti su base locale, etc. Utilizzando l analisi di impatto economico è invece possibile calcolare gli effetti determinati dalla presenza di un evento o di un istituzione culturale sull economia del territorio circostante, con un buon livello di approssimazione, livello che aumenta al decrescere della durata del progetto monitorato, delle dimensioni dell area geografica su cui insiste e del livello di competizione sussistente con altre istituzioni e manifestazioni. La serietà del ricercatore e la correttezza dell'impiego potranno individuare anche impatti negativi: non si tratta di un'ipotesi peregrina, ma semmai di un'ulteriore conferma circa il rigore del metodo. Esistono infatti impatti economici positivi e negativi, il cui computo e saldo finale può assistere i decisori nell'assunzione delle scelte più delicate, come si può evincere dalle due seguenti tabelle: 12

13 Tabella 1 Impatti economici positivi IMPATTI ECONOMICI POSITIVI Crescita dei redditi e degli standard di vita Miglioramento delle condizioni dell economia locale Crescita quantitativa e miglioramento delle prospettive occupazionali Crescita degli investimenti, sviluppo territoriale, rinnovamento urbano e potenziamento infrastrutturale Crescita dei gettiti fiscali Miglioramento delle infrastrutture Crescita delle opportunità di acquisto nelle reti al dettaglio Pizam 1978; Belisle and Hoy 1980; Lui and Var 1989; Milman and Pizam 1988 Tyrrell and Spaulding 1984; Perdue, Long and Allen 1990; Milman and Pizam 1988; Ross 1992 Rothman 1978; Belisle and Hoy 1980; Tyrrell and Spaulding 1984; Sheldon and Var 1984; Liu and Var 1986; Milman and Pizam 1988; Ross 1992; Brown, Turgut and Lee 2002 Belisle and Hoy 1980; Sheldon and Var 1984; Milman and Pizam 1988; Getz 1991; Goldblatt 1997; Brown, Turgut and Lee 2002; Herrero, Sanz, Devesa, Bedate and Del Barrio 2006 Rothman 1978; Brougham and Butler 1981; Tyrrell and Spaulding 1984; Milman and Pizam 1988 Rothman 1978; Belisle and Hoy 1980; Sethna and Richmond 1978 Liu and Var 1986; Brown, Turgut and Lee 2002 Crescita dell'attrattività turistica della zona negli anni successivi Danson and Senior 1998; Jones 2001; Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a Fonte: elaborazioni sulla base di Ap e Crompton 1998, p Non meno importanti sono gli impatti economici negativi: Tabella 2 Impatti economici negativi Crescita dei prezzi, scarsità dei beni e dei servizi, interruzione delle normali attività economiche Crescita del valore delle proprietà immobiliari e dei canoni di locazione, con espulsione dei residenti Crollo dei valori immobiliari, danni alle proprietà, crescita della microcriminalità, aumento dei costi della sicurezza, fuga dei residenti Crescita del costo della vita e delle tasse di proprietà Crescita dei costi per la manutenzione delle nuove infrastrutture, per la sovraproduzione di rifiuti e i consumi di risorse scarse, con indebitamenti nel lungo periodo IMPATTI ECONOMICI NEGATIVI Pizam 1978; Belisle and Hoy 1980; Brougham and Butler 1981; Liu, Sheldon and Var 1987; Husbands 1989; Ross 1992; Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a; Wood 2005 Pizam 1978; Var, Kendall and Tarakcioglu 1985; Perdue, Long and Allen 1990; Bystrzanowski 1989; Ross 1992 Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a; Brown, Turgut and Lee 2002; Auld e McArthur 2003; Matheson 2006 Liu and Var 1986; Perdue, Long and Allen 1990 Kreag 2000; Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a; Brown, Turgut and Lee 2002; Wood 2005; Crompton 2006 Fonte: elaborazioni sulla base di Ap e Crompton 1998, p Per le ragioni sopra accennate, le analisi di impatto vantano quasi mezzo secolo di 13

14 vita e sono state largamente applicate negli studi sull'economia regionale, ambientale e del turismo (Matheson and Wall 1982; Fleming and Toepper 1990; Fletcher 1994; Frechtling 1994a, 1994b e 1999; Bull 1995; Zhou, Yanagida, Chakravorty and Leung 1996; Freeman and Sultan 1997; Wagner 1997; Dwyer and Forsyth 2000; Dwyer, Forsyth and Spurr 2004; Tribe 2005; Vanhove 2005; Tyrrell and Johnston 2006). Il proposito era quello di fornire uno strumento di analisi efficace, in grado di supportare le decisioni dei policy maker e degli investitori pubblici e privati: la relativa talvolta illusoria facilità di impiego delle tecniche analitiche, la semplicità dei processi logici soggiacenti, la determinazione di misure chiare e comprensibili anche ai non addetti ai lavori ne hanno determinato il duraturo successo, sebbene non siano mancate e non manchino, come avremo presto modo di vedere, critiche piuttosto fondate. In ogni caso le progressive specializzazioni delle discipline di riferimento (economia del turismo, ambientale e del tempo libero) hanno figliato ulteriori campi di applicazione. In particolare debbo segnalare in tema di: - event tourism and management gli studi di Weaver and Robinson 1989; Getz 1991, 1994 e 1997; Backman, Backman, Uysal and Sunshine 1995; Goldblatt 1997; McDonnell, Allen and O Toole 1999; Mossberg 2000; Dwyer, Forsyth and Spurr 2005 e 2006; - manifestazioni MICE (Meetings, Incentives, Conventions and Exhibitions) quelli di Braun and Rungeling 1992; Dwyer and Forsyth 1997; Grado and Lord 1998; Mistilis and Dwyer 1999; Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a e 2000b; - mega events o hallmark events (sportivi, politici o culturali) le ricerche di Ritchie 1984; Hall 1989; Robens and McLeod 1989; Syme, Shaw, Fenton and Mueller 1989; Hiller 1998; Jones 2001; Kelman 2003; Baade e Matheson 2004; Lee and Taylor 2005; Owen 2005; - eventi sportivi i saggi di Burgan and Mules 1992; Crompton 1995, 1999 e 2004; Baade 1996; Walo, Bull and Breen 1996; Gibson 1998; Daniels and Norman 2003; Gelan 2003; Baade and Matheson 2004; Daniels, Norman and Henry 2004; Haug, Krabbenhoft and Tippins 2004; - settore artistico latamente inteso le pubblicazioni del Metropolitan Council and Regional Arts Council 1985; Penne and Shananan 1987; Johnson 1996; Beyers and GMA Research Corporation 1999; Garcia 2004; Jalfon 2005; Re 2006; - festival artistici ed eventi culturali i contributi di Vaughan 1980; Gratton and Taylor 1986; O Hagan, Barret and Purdy 1989; Scotinform 1991; Scottish Tourist Board 1992; Mitchell 1993; Uysal and Gitelson 1994; Barr and Dave 1996; Stebbins 1996; Antrobus, Williams, Fryer, Khumalo, Streak and Webb 1997; Antrobus, Webb and Mather 1997; Allen, O Toole, McDonnell and Harris 1999; McHone and Rungeling 1999 e 2000; Brown, Var and Lee 2002; McKercher and Du Cros 2002; Thrane 2002; Auld e McArthur 2003; Felsenstein and Fleischer 2003; Maggi and Zeolla 2004; Robertson and Wardrop 2004; Saayman and Saayman 2004; Tohmo 2005; Herrero, Sanz, Devesa, Bedate and Del Barrio 2006; Litvin and Fetter 2006; 14

15 - concerti di musica pop e rock gli articoli di Gazel and Schwer 1997; Danson and Senior 1998; - mostre, monumenti e musei le indagini di Vaughan 1984; Jafari 1992; Johnson and Sullivan 1993; Rogers 1995 e 1997; Teo and Yeoh 1996; KPMG 1998; Plaza 1999 e 2000; Bijou and Lester 2000; Stanley, Rogers, Smeltzer and Perron 2000; Strauss and Lord 2001; McKinsey and Company (2002); Stynes, Vander Stoep and Sun 2003; Travers and Glaister 2004; Stynes and Sun 2005b; Tate Modern 2005; Hassett and Swagel 2006; Audience Research and Analysis 2006; Oxford Economic Forecasting (2006). Con tutte le cautele del caso, attraverso questo strumento è possibile, a supporto delle pur necessarie analisi di carattere qualitativo, prevedere qual è il valore economico generato dall apertura, dalla ristrutturazione o dall ampliamento di un museo o dall organizzazione di una mostra, un concerto o un festival. Tale valore non va inteso in senso esclusivamente reddituale: sono fonti di valore economico l aumento nel numero di posti di lavoro, la crescita dei valori immobiliari, l ascesa dei gettiti delle imposte locali o l incremento dei redditi e delle vendite nell area presa in esame. L ipotesi di fondo è che sia possibile partire dalla spesa diretta delle istituzioni/soggetti organizzatori (la costruzione di un nuovo museo o l organizzazione di un grande evento comportano spese le cui ricadute devono essere considerate) e dei visitatori attratti (si tratta principalmente di biglietti d ingresso, altri consumi culturali, trasporti e parcheggi, spese per pernottamenti, ristorazione, acquisti di oggettistica e souvenir, shopping, acquisti di altri servizi culturali). A partire da questa iniezione di risorse economiche fresche, attraverso opportuni calcoli, è possibile calcolare anche gli effetti indiretti: ad esempio si può computare la quantità di denaro spesa dagli operatori economici locali per acquistare, sovente da grossisti, una maggiore quantità di beni e servizi al fine di soddisfare la maggior domanda delle istituzioni/soggetti organizzatori e dei visitatori. Ma le analisi di impatto calcolano anche un terzo round di effetti: l attivazione di un nuovo progetto culturale, permanente o temporaneo e l'incremento delle attività economiche correlate consente ai residenti e a quanti in qualche modo ne sono direttamente o indirettamente coinvolti di introitare redditi aggiuntivi, che essi spendono come preferiscono, spesso in misura consistente, nell area in cui risiedono. È questo reddito differenziale e la conseguente spesa in beni di consumo e di servizi, a costituire il terzo livello indotto, che va a sommarsi con i due precedenti, per determinare il valore finale dell impatto economico provocato dall esistenza di un'istituzione o di una manifestazione. Né le analisi di impatto si fermano a questo punto, essendo capaci di stimare l'aumento delle vendite, del valore aggiunto, dei redditi o dell'occupazione, consentendo di capire quante nuove imprese sono state costituite, in quale misura si è contrastata la migrazione intellettuale (trattenendo sul territorio profili di competenze assenti o altrimenti destinati a emigrare in altre aree), qual'è l effetto sulle attività delle imprese e sui loro dipendenti, in che misura i grossisti 15

16 introitano risorse aggiuntive, che potranno spendere reimmettendo in moto il meccanismo moltiplicativo. La somma dei tre impatti (diretti, indiretti e indotti) rappresenta l incremento di vendite, redditi, valore aggiunto e posti di lavoro di cui l area ha beneficiato grazie all istituzione o alla manifestazione e può servire a capire quali siano i vantaggi per l economia locale, a fronte dell investimento sostenuto da un soggetto pubblico, privato o misto per la realizzazione del progetto o dell'evento. In sintesi, secondo la schematizzazione di Farina (2003, p. 72), gli effetti possono così essere rappresentati: Figura 1 Effetti degli investimenti in interventi culturali 16

17 La ricerca 1 si pone pertanto un duplice obiettivo: il primo consiste nella progettazione, realizzazione e test di un un cruscotto di indicatori di valutazione d impatto che consenta in grado di assistere in futuro gli operatori della Regione Lombardia in operazioni analoghe. Tali strumenti consentono di ottenere dati previsionali e consuntivi, concreti e confrontabili, più accattivanti di quelli forniti dalla reportistica tradizionale (che, quando esiste, si limita a ricostruire le serie storiche degli incassi e del numero di visitatori), utili per impostare i rapporti con eventuali sponsor ed investitori. Il secondo obiettivo è quello di scrivere una procedura in grado di facilitare l impiego dei risultati per diversi scopi, quali: - le valutazioni ex ante ed ex post delle politiche di investimento in campo culturale; - la misurazione del loro impatto economico, reddituale, occupazionale e fiscale; - la stima della capacità di tali politiche di creare nuove imprese, dunque soggetti meno dipendenti dai finanziamenti pubblici, un eventualità che nel prosieguo del tempo consente agli investitori iniziali di allocare diversamente le risorse al fine di favorire dinamiche consimili; - l attivazione di politiche di marketing interno, volte al convincimento di altri soggetti decisionali pubblici a livello regionale, che, di fronte a numeri, cifre e ritorni attesi degli investimenti, posseggono più elementi per giudicare l entità delle risorse impiegate e, soprattutto, comprendere meglio le ragioni e gli effetti dei progetti finanziati in campo culturale; - l attivazione di politiche di marketing esterno, volte cioè al coinvolgimento di altri soggetti decisionali, pubblici e privati (enti locali, associazioni di categoria, sindacati, imprese, etc.) al fine di garantire un maggior impegno istituzionale e finanziario, attribuendo un diverso ruolo 1 Un ringraziamento va a: Guido Alfani, Stefano Baia Curioni, Silvia Bagdadli, Lorenzo Bizzi, Armando Cirrincione, Nicola Cois, Paola Dubini, Anna Merlo, Cinzia Parolini e Alessandro Rubini per gli utili consigli; Il personale dei comuni, delle province, delle unioni industriali e dei piccoli industriali, delle Camere di Commercio di Mantova e Brescia, il dr. Mantovani della Fondazione CAB di Brescia e il dr. Grazioli, direttore di Brescia Mostre spa, per i dati così gentilmente forniti; la dr.ssa Tonelli e la d.ssa Polettini dell'associazione Festivaletteratura per le informazioni e gli aiuti; il personale della Fondazioni CRT e il dr. Gualtieri della Fondazione Monte dei Paschi di Siena per la tempestiva assistenza; Michele Trimarchi, il personale del FUS e della Regione Emilia Romagna e Daniele Jallà per i materiali concessi; il dr. Rossetti di Civita Servizi; Giulia Cogoli e Raffaele Cardone per aver concesso di accedere alle ricerche sul Festival della Mente di Sarzan; la d.ssa Borsari per le informazioni trasmesse sul Festival della Filosofia di Modena; il personale del Festival di Locarno; il dr. Pietrabissa e l'ing. Botti di Arcus Spa per la costante assistenza,; Umberto Allemandi e la sua casa editrice per i dati forniti; gli staff di Villa I Tatti, del Florenz Kunsthistorisches Institut e del Nederlands Interuniversitair Kunst Historisch Institut di Firenze per le assidue attenzioni; Alessandro Mininno e Giacomo Moleri per l assistenza informatica. 17

18 alle logiche di intervento della Regione, più orientate alla creazione di virtuosi start-up che al passivo sostegno di iniziative di terzi; - l attivazione di strumenti di controllo sull impiego delle risorse e sul raggiungimento degli obiettivi prefissati in sede di approvazione del progetto e di stipula di relativi accordi (ex accordi di programma e convenzioni con la Regione). 18

19 Capitolo 1 La teoria 1.1. Che cosa è e che cosa non è un analisi di impatto economico Un analisi di impatto economico produce un istantanea dell economia dell area in esame, rivelandone le correlazioni interne e fornendo una stima dei risultati dei cambiamenti già realizzatisi o attesi nell economia dell area, a seguito di una qualche scelta. Nel caso del turismo culturale le analisi di impatto economico stimano i cambiamenti occorsi o suscitabili in termini di vendite, valore aggiunto, redditi, gettiti fiscali ed incrementi occupazionali generati da cambiamenti dell'offerta turistica e/o culturale dell area. Bisogna premettere che nella conduzione delle analisi di impatto economico non viene al solito posta soverchia attenzione ad alcune dimensioni comunque rilevanti, a cominciare dall efficienza dell iniziativa o dell evento oggetto della valutazione. Anche i costi fiscali, come pure i maggiori costi sostenuti dalle amministrazioni pubbliche (polizia, infrastrutture, pulizia, ecc.) per fronteggiare il maggior afflusso di visitatori, non vengono generalmente inclusi nei procedimenti di stima. In tal senso, per fornire una risposta piena e inequivoca a questi problemi, è opportuno che l analisi di impatto economico divenga una sezione di un'indagine più ampia: gli impatti ambientali, sociali e fiscali sono, infatti, altrettanto importanti, a livello di bilancio e risultato finale, pur non venendo generalmente affrontati. Si tratta, pertanto, di un approccio di cui sono da tempo noti i punti di forza e di debolezza, i pregi e i difetti, sovente correlati a un uso eccessivamente disinvolto dello strumento I possibili modelli di riferimento Sono assai numerosi i modelli utilizzabili per calcolare gli impatti economici: quelli più vetusti e applicati sono i cosiddetti Imput-Output (I-O), in grado di fornire utili indicazioni sull'andamento di più variabili: vendite, produzione, valore aggiunto, redditi, occupazione, gettiti fiscali. Su di essi esiste una letteratura a dir poco sterminata (Archer 1982, 1984 e 1996; Miller and Blair

20 1985; Seaman 1987; Fletcher 1989; Blaine 1993; Frechtling 1994a, 1994b e 1994c; Wanhill 1994; Henry and Jonhson 1995; Zhou, Yanagida, Chakravorty and Pingsun 1996; Fleischer and Freeman 1997; Miller 1998; Dwyer, Mellor, Mistilis and Mules 2000a e 2000b; Vogelsong, Graefe and Estes 2001; Jackson, Houghton, Russell and Traindos 2005, che hanno predisposto a Do.It-Yourself Kit; Thomo 2005; Wood 2005; Re 2006; Tyrrel and Johnson 2006). Il modelli input-output si basano sul modello delle interdipendenze settoriali proposto originariamente da Wassily Leontief. Le tabelle input-output che ne derivano costituiscono, da un lato, una descrizione (o, meglio, un interpretazione) del funzionamento del sistema economico in un dato momento; dall altro possono essere impiegate quale strumento previsionale per stimare gli effetti che la crescita della domanda in un settore genera sul sistema economico nel suo complesso. L'assunto di partenza è assai semplice: ogni sistema economico è composto da settori differenti, tra di loro interdipendenti, poiché la produzione di ciascuno di essi viene in parte acquistata da utilizzatori finali e in parte da operatori attivi in altri settori, che a loro volta la impiegano nella propria produzione. Qualsiasi impresa, all'interno del suo settore di attività, genera degli output acquistando e combinando input provenienti dalle famiglie o da altri settori produttivi; le transazioni tra imprese operanti in diversi settori sono descritte nelle cosiddette matrici delle transazioni, altrimenti dette tavole delle interdipendenze settoriali o matrici input-output, che riportano i valori dei flussi intersettoriali (in realtà le tavole imput-output constano di almeno tre sezioni maggiori o matrici: A) matrice della domanda intermedia (scambi intersettoriali); B) matrice dei fattori di produzione primari (che dipende dai salari e dai saggi di profitto); matrice della domanda finale (che riflette i destini finali delle risorse prodotte, ossia delle risorse non consumate dai diversi settori). Secondo questo schema, date le condizioni di interdipendenza tra i settori e le caratteristiche dei cicli produttivi settoriali, un incremento di domanda in un settore può tradursi in un aumento di attività del sistema economico (espressa in valore del prodotto finale) maggiore, anche di molto, rispetto all'iniezione iniziale. In termini formali, analizzando la tavola delle transazioni, si osserva che il sistema, essendo il numero di incognite superiore al numero di equazioni, è indeterminato. X1 = X11 + X X1i + + X1n + Y1 X2 = X21 + X X2i + + X2n + Y2 Xi = Xi1 + Xi2 + + Xii + + Xin + Yi Xn = Xn1 + Xn2 + + Xni + + Xnn + Yn Secondo l ipotesi sviluppata negli anni '30 da Wassily Leontief (Leontief 1968), Xij rappresenta la quantità di output del settore i assorbita dal settore j per ogni unità del suo output totale ed è detta coefficiente di input del prodotto del settore i nel settore j. Il set completo dei coefficienti di input che rappresentano tutti i settori di una certa economia (ad esempio in Chhabra, Sills and Cubbage 2003 essi sono 325 e il loro numero dipende dal grado di dettaglio dei sistemi di rilevamento statistici nazionali - quello dell'istat ne copre 60), raffigura la matrice strutturale di quell'economia, che può essere riscritta come: 20

strumenti Responsabile editoriale Giulia Cogoli 2008 Fondazione Eventi Fondazione Carispe Grafica Bruno Bardi

strumenti Responsabile editoriale Giulia Cogoli 2008 Fondazione Eventi Fondazione Carispe Grafica Bruno Bardi strumenti strumenti Responsabile editoriale Giulia Cogoli 2008 Fondazione Eventi Fondazione Carispe Grafica Bruno Bardi Questo volume è stato stampato nel mese di maggio 2008 presso Galli Thierry stampa

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI ECONOMIA IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA RAPPORTO FINALE Gennaio 2007 INDICE PREMESSA... 1 PARTE

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli