ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese ATTI DEL CONVEGNO 30 MAGGIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese ATTI DEL CONVEGNO 30 MAGGIO 2011"

Transcript

1 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese ATTI DEL CONVEGNO 30 MAGGIO 2011

2 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese Progetto di ricerca promosso da E.B.I.T. Milano, Ente Bilaterale Industria Turistica e realizzato da Risposte Turismo srl Responsabile Scientifico Francesco di Cesare Coordinamento Operativo Anthony A. La Salandra

3 STORIA L Ente Bilaterale dell Industria Turistica di Milano nasce nel novembre nel 2006 su iniziativa di Assolombarda e dei sindacati dei lavoratori delle imprese turistiche Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil. COS E Ebit Milano è l Ente Bilaterale dell Industria Turistica di Milano ed intende rappresentare lo strumento per promuovere e realizzare, attraverso un sistema condiviso tra le parti sociali, iniziative ed interventi a favore delle aziende e dei lavoratori del comparto. LA STRUTTURA Le modalità per il governo ed il controllo dei finanziamenti, volte a garantire certezza, parità, trasparenza ed assenza di discriminazioni, sono adottate dalla Assemblea su proposta del Comitato direttivo. EBIT Milano è finanziato da imprese e dipendenti nelle misure stabilite dal CCNL dell'industria Turistica.

4 OBIETTIVI Ebit Milano si propone di attuare interventi a favore delle imprese e dei loro dipendenti. In particolare: a) programma e realizza approfondimenti e relazioni sul quadro economico del settore e dei comparti e sulle relative prospettive di sviluppo, sullo stato e sulle previsioni occupazionali, anche coordinando indagini/rilevazioni ed elaborando stime e proiezioni; b) provvede al monitoraggio ed alla rilevazione dei fabbisogni professionali e formativi del settore, elabora e può realizzare proposte in materia di formazione, di orientamento e qualificazione professionale, anche in relazione a disposizioni legislative regionali, nazionali e comunitarie ed all uopo collaborando con i soggetti competenti, finalizzate a creare le condizioni più opportune per la loro pratica realizzazione a livello territoriale; c) predispone e/o coordina schemi formativi per specifiche figure professionali, al fine del migliore utilizzo della formazione;

5 d) elabora ed invia, a fini statistici, all E.B.I.T. Nazionale i dati sulla realizzazione degli accordi in materia di formazione, inserimento, apprendistato, etc. e) cura la raccolta e l invio degli accordi territoriali ed aziendali allo E.B.I.T. Nazionale; f) organizza ed attua convenzioni economiche a favore dei propri iscritti; svolge i compiti demandati dalla contrattazione collettiva in materia di sostegno al reddito. FORMAZIONE I progetti formativi saranno concepiti tenendo conto delle specifiche esigenze del settore, del territorio e delle molteplici e differenti figure professionali operanti nel comparto. elabora e può realizzare proposte in materia di formazione, di orientamento e qualificazione professionale, anche in relazione a disposizioni legislative regionali, nazionali e comunitarie ed all uopo collaborando con i soggetti competenti, finalizzate a creare le condizioni più opportune per la loro pratica realizzazione a livello territoriale;

6 CONVENZIONI L Ente Bilaterale dell impresa turistica di Milano si pone anche l obiettivo di individuare ed offrire alle imprese e ai propri dipendenti condizioni vantaggiose nell acquisto di beni e servizi, attraverso la stipula di apposite convenzioni. SOSTEGNO AL REDDITO Ebit Milano sta valutando ipotesi d intervento, ad integrazione di quanto previsto in materia dall Ebit Nazionale, con misure di sostegno al reddito a favore dei dipendenti delle aziende aderenti, al fine di consentire ai dipendenti l accesso a misure sociali integrative (come ad es. assegni di studio, indennità, buoni sociali, altre misure di welfare )

7 ATTI DEL CONVEGNO IL TURISMO E LE NUOVE GENERAZIONI PRESENTAZIONE Emilio Fargnoli - Presidente EBIT Nazionale.. pag. 11 Giorgio de Pascale - Presidente EBIT Milano.. pag. 12 Francesco di Cesare - Presidente Risposte Turismo, docente Università Cà Foscari Venezia. pag. 13 RICERCA: IL TURISMO E LE NUOVE GENERAZIONI, UN INDAGINE SUL COMPARTO ALBERGHIERO MILANESE Premesse di metodo. pag. 24 Le aziende alberghiere.. pag. 28 Gli studenti. pag. 39 I giovani lavoratori. pag. 55 Mondi a confronto. pag. 71 ATTI DEL CONVEGNO IL TURISMO E LE NUOVE GENERAZIONI Laura Mengoni - Dirigente Area Formazione, Scuola, Università e Ricerca di Assolombarda. pag. 77 Marella Caramazza - Direttore Generale ISTUD... pag. 79 Maria Rosaria Capuano - Ufficio IV - Rete scolastica e politiche per gli studenti, Ufficio Regionale Scolastico per la Lombardia.. pag. 82 Piergiorgio Mangialardi - Esperto Formazione Uiltucs Lombardia, Direttore Master 5 Stars Hotel Management... pag. 84 Antonio Calabrò - Direttore Fondazione Pirelli, Consigliere incaricato di Assolombarda per Responsabilità sociale d impresa e cultura pag. 87

8 ATTI DEL CONVEGNO IL TURISMO E LE NUOVE GENERAZIONI TAVOLA ROTONDA Luigi Lima Direttore operativo dei marchi Ibis e Mercure.. pag. 91 Carlo Ottaviano Direttore editoriale Gambero Rosso Holding SpA. pag. 92 Francesco Brunetti Area Manager Milano Starwood e Presidente Gruppo Terziario Turistico Assolombarda pag. 94 Simone Di Vincenzo Head of Operations Adecco Tourism & Fashion.. pag. 96 Graziella Carneri Segretario Generale Filcams Cgil Milano pag. 97 Luigino Pezzuolo Segretario Generale Fisascat Cisl Milano pag. 99 Giorgio De Pascale Presidente EBIT Milano.. pag. 102 INTERVISTE: IL TURISMO E LE NUOVE GENERAZIONI, UN INDAGINE SUL COMPARTO ALBERGHIERO MILANESE Filippo Squarcia HR Manager Starwood Hotels & Resorts. pag. 104 Laura Mengoni Area Formazione Scuola, Università e Ricerca.. pag. 107 Massimiliano Sarti Capo redattore Job Tourism pag. 108 Renato G. (26 anni) Receptionist, Hotel di catena Milano pag. 110 Simona G. (25 anni) Back Office, Hotel di Catena Milano pag. 111

9 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese Oggi ci troviamo qui perchè nel corso del 2010 l'ente Bilaterale dell'industria Turistica Nazionale ha realizzato un indagine per approfondire le relazioni tra le nuove generazioni e il comparto dell'industria turistica, specificatamente per il settore alberghiero. Una ricerca analoga è stata realizzata, dall EBIT Nazionale insieme all'ente Bilaterale del Veneto, a cui dobbiamo rivolgere un ringraziamento nella persona della sua presidente Dott.ssa Fogarin che è qui presente, perché quando terminò l incontro di presentazione della loro ricerca noi ci lasciammo con l'impegno di promuovere ricerche simili nei territori ovvero fossero presente altri ente bilaterali. Sulla base di questo presupposto si è proceduto con l indagine che oggi presentiamo relativa al turismo e le nuove generazioni nella città di Milano. Ringraziamo il Presidente del EBIT Nazionale, Emilio Fargnoli per la sua presenza e gli cediamo la parola. Emilio Fargnoli Presidente EBIT Nazionale EBIT deve costruire un sistema che incroci domanda e offerta di lavoro che non si può lasciare alla singola persona. Ad esempio: se si lavora sei mesi in Sicilia per fare la stagione estiva e poi per assicurarsi il reddito annuo si fanno gli altri mesi in montagna, è necessario che si abbiano le conoscenze giuste. A mio avviso deve essere l'ente bilaterale che dà questo tipo di servizio. Il nostro dovere, in questi mesi, è quello di costruire un incrocio tra domanda e offerta di lavoro perchè dobbiamo agevolare la mobilità se vogliamo garantire la stabilità del reddito e questo è uno dei compiti dell'ente bilaterale. Lo faremo a livello nazionale perchè è giusto coprire tutto il territorio. Termino dicendo che stiamo per firmare, come EBIT Nazionale, la convenzione con l'inps. Come voi sapete questo è un settore figlio di un dio minore, è un settore che non ha strumenti di ammortizzatori sociali e come EBIT, solo grazie all'intuizione che nel 2008 le parti sociali hanno avuto ed all accordo che abbiamo sottoscritto, che è il contratto nazionale di lavoro, oggi abbiamo il sostegno al reddito. Ci legheremo alla legge 2 e grazie a questa legge arriveremo alla firma entro settembre/ottobre con l'inps in modo che, in caso di ristrutturazione, crisi, ecc, ci sarà il 20 per cento del reddito per 3 mesi assicurato dall' EBIT Nazionale e il 60 per cento erogato dal pubblico. Quindi, per la prima volta in Italia, l'industria turistica avrà una vera 11

10 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese cassa integrazione. Io mi auguro, come sindacalista, che nessuno ne faccia richiesta, che nessuno attinga a questo tipo di sostegno perché vorrebbe dire che le imprese non sono in uno stato di crisi e quindi il settore può riprendersi.e uno dei servizi che stiamo per concretizzare! Chiudo dicendo bilateralità perchè EBIT Milano, che è nato qualche anno fa, sta facendo delle cose egregie e stiamo arricchendo mano a mano la nostra rete sul territorio. Io penso che l'ente bilaterale debba avere tre funzioni principali: la prima è quella del sostegno al reddito, perchè come ho detto prima è un settore privo di ammortizzatori sociali, e ci stiamo lavorando; la seconda è quello di un accordo forte per la formazione continua perchè soprattutto questo settore ha bisogno di formazione e la terza è l incrocio tra domanda e offerta. Queste sono le tre mission principali che deve avere l'ente. I primi due punti li abbiamo concretizzati, il terzo dobbiamo ancora iniziare a trattarlo. Questa è la scelta del direttivo nazionale, così potremo iniziare ad impostare il lavoro per i prossimi quattro anni realizzando l'incrocio tra domanda e offerta di lavoro che è uno degli elementi cardini di quello che l'ente bilaterale dovrà fare. Io penso che dobbiamo massimizzare queste due esperienze di ricerche, sia quella dell'anno scorso a Venezia sia quella di quest'anno a Milano; perché dobbiamo passare all'azione, bisogna essere propositivi e le analisi, naturalmente occorrono come spunto alle parte sociali, ai soci dell' EBIT, alle istituzioni, per riflettere. Dobbiamo passare, quindi, alla parte propositiva per dire, che cosa vogliamo fare per far sì che le cose cambino. Giorgio De Pascale Presidente EBIT Milano Ringraziamo Emilio Fargnoli per il suo intervento sullo sviluppo della bilateralità e per aver individuato quelle che sono le stelle polari a cui ispirarsi e da seguire nel nostro cammino a cui aggiungerei l esistenza di una frontiera nuova, con cui la bilateralità si deve confrontare, che è quella del welfare. E un problema che investe le aziende, specialmente in momenti di crisi, gli enti bilaterali possono e devono, dal nostro punto di vista, poter svolgere un ruolo nel settore del welfare per i dipendenti delle aziende associate. Noi ci siamo già incamminati su questa strada e continueremo a farlo. Grazie alla presentazione del Prof. di Cesare esaminiamo la ricerca oggetto dell incontro. Il Prof. di Cesare è docente di marketing del turismo presso l'università Cà Foscari di Venezia e presidente della società di ricerca e consulenza, Risposte Turismo, al servizio della macro industria turistica, attiva da oltre 10 anni, il Prof. di Cesare ha annoverato nel proprio portafogli numerosi clienti quali, oltre agli 12

11 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese EBIT, il Ministero dello Sviluppo, molte regioni tra cui Veneto, Abruzzo, Piemonte, Campania, molte province, aziende importanti come MSC Crociere, le Assicurazioni Generali e Confindustria Venezia. Egli è autore di ricerche, di articoli e testi sul marketing del turismo e sulla destination management, sul turismo congressuale e sulla produzione crocieristica. Si è confrontato con il problema, che noi gli abbiamo sottoposto, sviluppando in modo egregio l indagine sul turismo e le nuove generazioni a Milano. Prof. di Cesare Docente di marketing del turismo presso l' Università Cà Foscari di Venezia e Presidente della società di ricerca e consulenza Risposte Turismo Vi mostrerò alcune delle affermazioni raccolte dai soggetti ascoltati durante questa indagine che ringrazio per il tempo che ci hanno dedicato, che è sempre molto prezioso e sono grato e orgoglioso di aver ricevuto questa attenzione come ricerca perché dà il senso di alcune delle cose che sono emerse. In un indagine qualitativa condotta con una metodologia che prevede soprattutto l'uso del questionario nell'elaborazione, molte cose vengono nascoste perchè dietro a quella risposta c'è un pensiero, una riflessione, un commento che può arricchire, la presentazione stessa. A proposito dell'indagine torno a dire come tutto sia partito da un'iniziativa, da uno spunto congiunto dell'ente Bilaterale Nazionale, così come quello Veneto. Questo lavoro, legato all'area milanese, va visto come un focus, come un approfondimento di quel lavoro fatto nel 2010 nazionale e l auspicio mio e del gruppo di ricerca di Risposte Turismo è che si possa continuare ad andare in questa direzione e quindi continuare a lavorare su questi temi aggiornando i risultati, magari ampliando anche l'orizzonte dell'indagine stessa, fino a farla diventare un appuntamento fisso, annuale, intanto nazionale e poi, magari, con dei focus zonali, con dei focus territoriali perchè sono convinto che questo sia un tema straordinariamente importante. Mi capita spesso, come è stato ricordato dal Dott. De Pascale, di fare molti lavori in generale sulla macro industria turistica, molti sono lavori quantitativi, lavori collegati all'esame dei flussi turistici, gli arrivi, le presenze, gli impatti, la ricchezza, eppure questo aspetto viene spesso ignorato e invece è la chiave di lettura di tutto il successo possibile dell'industria turistica nazionale. Spesso è evidente che ci sono mille aspetti di cui tenere conto, e sarebbe impossibile ricordarli tutti oggi, ma l importanza di lavorare sulle giovani generazioni, di insistere nell'analisi delle potenzialità insite in chi lavorerà domani in questo settore sono straordinariamente importanti. Il lavoro ha inteso, sulla scia dell'indagine nazionale, mettere sotto osservazione tre target, tre segmenti: le aziende, il personale under 30 che opera in queste aziende ed i giovani studenti che sono agli ultimi anni delle scuole tecniche per il turismo, istituti alberghieri e similari. In questo caso il focus è su Milano, quindi sulle aziende dell'area milanese. Sono state ascoltate: una quarantina di unità operative associate ad EBIT Milano; un qualificato numero di lavoratori under 30; in queste stesse unità una serie di studenti, intorno ai 250/270, di scuole superiori, 4 e 5 anno. I n quest ultimo caso non solo di Milano ma della Lombardia in 13

12 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese generale, attraverso dei questionari, seguiti talvolta da confronti telefonici. Abbiamo cercato di chiedere pareri, opinioni, giudizi su una serie di argomenti e temi che vi mostrerò e abbiamo, qualche volta, operato anche dei confronti tra segmento 1, segmento 2, segmento 3 dell'analisi, giungendo ad alcune conclusioni, considerazioni. Nella presentazione abbiamo preferito non commentare, ma lasciare le conclusioni ai lettori, a chi analizza con me quanto vado a presentare in quanto, giustamente, ci possono essere dei margini di interpretazione che è giusto lasciare soggettivi. Nel primo segmento, quello delle aziende, alberghi, metteremo spesso a confronto i dati di Milano con i dati Italia proprio perchè questo lavoro va visto, non come un nuovo lavoro ma come un focus, un approfondimento che si appoggia all indagine nazionale presentata nel novembre del E possibile notare la distinzione dei ruoli di chi ha risposto al nostro questionario e anche la distinzione tra catene alberghiere e albergo single unit, albergo indipendente che è consistente, ma c'era da aspettarselo vista la struttura dell'offerta, più spinta sul fronte delle catene alberghiere nel caso di Milano rispetto al campione nazionale. Alcuni primi dati interessanti, (vedi pagina 31) evidentemente frutto delle risposte che sono arrivate da chi ha partecipato alle indagini, sono la composizione del personale per fasce d'età fino a 23 anni, dai 23 ai 30 anni, e 30 anni, 3% 15 % e 81%. E interessante notare come, rispetto alla media nazionale, la media sembra essere un po più elevata di età nel caso dell'area milanese. Interessante anche quelli che sono stati i commenti, i giudizi, le stime su quanto è avvenuto e su quanto potrebbe avvenire sia sul personale totale sia sul personale under 30. Abbiamo chiesto agli intervistati di indicarci i valori negli ultimi 5 anni a seconda che, a giudizio di chi rispondeva, il personale fosse aumentato, fosse stabile o fosse diminuito nei precedenti 5 anni. E possibile notare che nei precedenti 5 anni vi è stato un aumento pari allo 0%, uno stabile 69%, 31% diminuito nel caso di Milano mentre nel caso della media nazionale era un 13% in aumento negli ultimi 5 anni, 59% stabile e 28% diminuito. Per quanto riguarda le previsioni per i prossimi 5 anni chi ha dato valori in aumento di fatto non rappresenta una percentuale quasi dominante, la percentuale indicata di stabilità che è simile al dato nazionale, anche se nel dato nazionale c'era un 9% di possibile aumento. Quando il focus si concentra sul personale under 30, l'aumento non è più pari allo 0%. E stato stimato un precedente aumento del 6%, una stabilità importante dell 89% e soprattutto, per il prossimo anno, l'indicazione che arriva dall'area milanese si riallinea abbastanza con quella nazionale con indicazioni di aumento pari al 21% e indicazioni di diminuzione pari solo al 7%. Se da questo punto di vista potrebbe sembrare un dato più sfavorevole quello indicato dall'area milanese, (vedi pagina 32) quando invece si è portato il ragionamento sulla tipologia contrattuale ecco che emerge, per l'area milanese, una maggiore stabilità grazie alla tipologia di contratto, perché la percentuale di dipendenti a tempo determinato, secondo i calcoli e le stime dei referenti aziendali, è pari circa a un 64% contro un 60% di media Italia e vedete che successivamente questi 4 punti vengono recuperati e quindi i dipendenti a tempo determinato stagionale, il 16% più o meno nella media milanese, il 20% della media nazionale. 14

13 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese Ciò che più ci interessava comprendere, anche se spesso si ragiona con luoghi comuni su questo tipo di affermazioni, era se davvero l'esperienza pesasse molto di più del titolo di studi nella fase di recruiting e poi di valutazione del personale, o se viceversa anche al titolo di studi venisse concessa una grande attenzione, secondo le aziende, e nello specifico quelle milanesi (vedi pagina 33 Le opzioni delle Aziende ). Una persona su due dice: sì è cosi, non c'è niente da fare, l'esperienza è più importante del titolo di studi, 1 su 3 ci dice: spesso è così, 1 su 5 dice: talvolta. Il quadro italiano è un po diverso perché era molto più rappresentata la quota di chi ha risposto Spesso è così mentre il Sempre è così da un 47% scende della metà e passa al 23%. E interessante confrontare il parere dei giovani su quest aspetto, quindi a loro è stato chiesto se dalle esperienze di colloquio, di selezione e poi di inserimento in aziende, nel settore venisse data più importanza all'esperienza che al titolo di studi e qui si evidenzia una percentuale un po diversa. Certamente se sommiamo le risposte spesso e sempre (vedi pagina 66) non c'è molta differenza, se invece vogliamo cogliere il dettaglio, sia nel caso di Milano che dell'italia, la quota di chi ha risposto spesso è superiore a chi ha risposto sempre. Non c'è dubbio che per tutti, ragazzi, imprenditori, selezionatori, l'esperienza conta più del titolo di studi con delle differenze leggere e sottili a seconda che a parlare e ad esprimersi sia il referente aziendale o il giovane. La stessa domanda è stata posta cercando di capire quanta corrispondenza vi fosse nell inserimento in aziende tra titolo di studio e ruolo. Quanto, quindi, il lavoro fatto, il sacrificio, il tempo investito nella formazione, poi trovasse un riscontro premiante in azienda e in questo caso le risposte dell'area Milano sono abbastanza allineate a quelle italiane. Un po più della metà, 47% + 7% dà un 54% dice sì, molto spesso è così, sempre, forse è difficile assicurarlo però molto spesso è così. Va comunque considerato anche l altro 50% che senza arrivare al no però dice talvolta e quindi apre a possibili e numerosi casi in cui questo non accade. Quando la stessa domanda viene posta ai giovani si avverte più pessimismo (vedi pagina 66). Nel caso dell'indagine condotta sull'area milanese, 1 giovane su 3, ci riferiamo a giovani già inseriti nel mondo del lavoro, che già operano e non degli studenti, nella terminologia dell'indagine abbiamo distinto per brevità tra giovani e studenti, in questo caso c'è un 31% che sostiene come non ci sia coerenza tra titolo di studio e ruolo ricoperto e c'è un 38% di talvolta. Se questi ultimi dati si sommano, si raggiunge il 69%, quindi 2 su 3 tendono ad avere un'opinione negativa. Il caso italiano più o meno è simile perchè c'è meno no e più talvolta. Abbiamo chiesto ai responsabili aziendali quali fossero i più frequenti vincoli all'inserimento dei giovani (vedi pagina 34 I Vincoli all inserimento dei giovani ), cioè se questo tentare un ideale equilibrio e un'ideale intersezione tra il mondo dei giovani che si inseriscono e il mondo delle aziende che ne favoriscono l'inserimento, ci fossero degli ostacoli e quali. L 85% afferma scarsa o inadatta formazione posseduta ; l 80% difficoltà di reperire figure adatte, il 67% addebita questa difficoltà anche ad un'elevata difficoltà dei giovani che si traduce anche in un'attitudine a cambiare lavoro. Interessante vedere quali sono i canali di recruiting del personale considerati i più frequenti (vedi pagina 35), perché questo dà anche sponda al ragionamento 15

14 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese che faceva il presidente Fargnoli rispetto all'impegno che certe organizzazioni dovrebbero profondere per cercare di mettere su un canale più professionale, più corretto per il recruiting. Nella parte bassa del grafico ad istogrammi vi sono le 4 soluzioni e si vede una prevalenza di colore rosso seguita da una prevalenza di colore giallo, sono cioè strumenti che si usano molto poco: gli annunci cartacei, le informazioni, agenzie del lavoro, le banche dati dei diplomati ai corsi e poi altre modalità. Emerge un dato interessante perchè c'è un 50% di frequenza di ricorso al web recruitment, quindi ad una modalità a frutto dell elevata presenza di catene alberghiere e quindi di collegati sistemi di management nel campione analizzato. E una modalità innovativa perché fa perno su uno strumento che qualche anno fa non esisteva; quindi web recruiting, passaparola e consigli personali continuano ad essere la risorsa principale. Da un lato lo si può comprendere, dall altro potrebbe rappresentare una delle anomalie e dei guasti del sistema, e questo non solo evidentemente nel turismo, che in generale dovrebbero essere risolti. Una delle caratteristiche dell indagine, quella nazionale e questo focus per l area Milano era quella di far esprimere l interlocutore rispetto a una serie di affermazioni, di considerazioni secondo noi piuttosto importanti, individuando un giudizio su una scala, un gradiente di livello e di consenso rispetto alle affermazioni da 0 a 4. Alcuni risultati, per esempio (vedi pagina 36 Il mercato del lavoro e i giovani ): abbiamo difficoltà a reperire nei giovani professionalità di cui ha bisogno la nostra azienda, una delle risposte, assieme alle due seguenti, che hanno registrato il più alto livello di consensi da parte degli interlocutori. Si ritiene il proprio settore, - questo è il punto di vista delle aziende, - un settore capace di esprimere buone opportunità lavorative per i più giovani che però spesso arrivano senza le idee chiare. Un 2,47% delle aziende sostiene come chi si propone, spesso ha un curriculum superiore alle mansioni che poi si richiedono di svolgere e questo evidentemente può essere un problema per un ideale inserimento, così come a detta dei responsabili aziendali, un 2,80% di consenso, quindi come vedete siamo sopra al 2 che è il livello a metà, ritiene che ci siano aspettative salariali troppo elevate. I valori della media nazionale vedono quasi tutti i valori milanesi più alti di quelli italiani con l'eccezione dell'affermazione C. Altro gruppo di affermazioni rispetto alle quali abbiamo chiesto il livello di consenso (vedi pagina 37), anche qui c'è stato quasi un plebiscito: i responsabili aziendali ritengono, come conditio sine qua non, la maggiore flessibilità da parte dei giovani per adeguarsi ad entrare nel modo corretto nell'organigramma delle organizzazioni per poi seguire, a seconda dei meriti e delle procedure un percorso più o meno ideale. Abbiamo proseguito affrontando il tema del turn over, comunque sentito e sensibile, che potrebbe portare i giovani stessi a spaziare in altri ambiti, quindi uscire dal turismo per entrare in altri settori. Non vi è stato un particolare consenso rispetto all'inserimento irregolare, all'impiego irregolare di una quota elevata di giovani, così come anche, nell'ultima riga, non elevato consenso rispetto al fatto che ci fosse la tendenza a preferire giovani di altre nazionalità con minori richieste salariali e magari qualche volta invece le cose possono andare di pari passo con una migliore competenza soprattutto linguistica, e l'affermazione L riguardo alle prospettive di un giovane, che si affaccia 16

15 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese al settore turistico, migliori rispetto a quelle offerte da altri settori, anche qui non proprio quello che si dice un plebiscito, un livello di consenso comunque inferiore al 2 che è un po lo spartiacque. Confrontando il livello italiano, anche in questo caso, alcuni valori sono inferiori: l'affermazione L e anche quella sugli irregolari negli altri casi o sono allineati o superiori a quelli nazionali. Passando alla seconda area di indagine (vedi pagina 43), il campione di riferimento è quello degli studenti, 4 e 5 anno, una percentuale rispetto al da ta base di cui eravamo in possesso a livello nazionale la tipologia di scuola e anche gli anni 4 e 5 rappresent ati più o meno equamente. Abbiamo chiesto se tornando indietro, cambierebbero scelta. La risposta tutto sommato è più negativa che positiva, c'è un 45% che dice no, io non cambierei ma c'è anche un 34% che dice sì, io potendo tornare indietro cambierei, un 34%, più alto del 20% italiano, e corrispondentemente un 45% del no più basso del 62% italiano. Abbiamo chiesto ai ragazzi quali sono le loro aspettative (vedi pagina 45), cercando di capire un po come disegnano il loro futuro, quale sarà la prossima mossa, se evidentemente sarà loro possibile farlo. Si veda come il valore principale per la Lombardia, che peraltro era anche il valore principale nel caso italiano, è quello di andare a vivere all'estero per qualche mese. Quindi c'è questa idea di andare ad esperire un anno, qualche mese all estero con dei presumibili vantaggi dal punto di vista personale e professionale. Altri valori importanti. Le barre blu/celesti, sono i valori intorno ai 25/23%, quindi lavorare nel settore alberghiero che a livello italiano era il valore più elevato;altri comparti dell'industria turistica escludendo quella alberghiera, poi c'è chi dice mi piacerebbe lavorare nel turismo evidentemente facendone anche una considerazione pragmatica. Se non dovessi trovare lavoro, mi sposterei perchè quello che conta evidentemente è potermi inserire. Abbiamo chiesto loro quali fossero i canali utilizzati per acquisire informazioni sul settore per capirne un po di più e per vedere poi se e come inserirsi all'interno dell industria stessa (vedi pagina 49) ed è possibile notare come la stessa cosa succedeva in Italia. Il principale strumento di conoscenza è l'esperienza di lavoro, quindi chi ha avuto la possibilità di fare degli stage o la cosiddetta stagione estiva durante il periodo delle festività natalizie, ci dice che è il modo attraverso cui hanno raggiunto questo tipo di informazione, di conoscenza. Ci sono poi i racconti di amici e conoscenti, il famoso passaparola, incontri di presentazione delle professioni, c'è un interessante 24% sull'area lombarda, decisamente più alto rispetto al 14% di media nazionale. Abbiamo provato ad elencare una serie di aree di impiego (vedi pagina 50 Conoscenza di Mansioni e Ruoli ), di lavoro nell'industria turistica, dalle strutture ricettive, ristorazione e catering, poi la parte pubblica, enti pubblici, APT, consorzi, intermediazioni, tour operating, la meeting industries, gli accompagnatori, organizzazione d'eventi, compagnie di trasporto aereo, ecc e abbiamo chiesto ai ragazzi: voi conoscete questi comparti?. Quando si dice turismo, spesso ci si riferisce ad un albergo, qualche volta è agenzia di viaggi, ma i giovani conoscono tutte le realtà che assieme sono capaci di esprimere la macro industria dei viaggi e del turismo? Vi è un preventivabile valore molto alto di conoscenza sulle strutture ricettive 97% contro un 3% di no, era così anche a livello nazionale ma nel caso dell'area milanese lo è ancora di più, c'è un buon livello di informazione su ristorazione e catering 75,25%. C'è anche un buon livello di informazione sulle agenzie di 17

16 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese viaggio, sul tour operating però devo dire che sono sembrati interessanti questi dati piuttosto elevati 71%; 71% anche su enti pubblici; APT e consorzi tutti dati intorno al 50% di scarsa conoscenza di quello che quelle realtà, private o pubbliche, sono, cosa fanno, come ci si potrebbe inserire, perchè potrebbe avere un senso tentare un avvio di percorso di carriera non pensando unicamente all'albergo o alle agenzie di viaggio ma anche a tutte queste altre realtà collegate alla macro industria turistica, realtà che, nell'auspicio anche di EBIT, vorremmo nel futuro cercare di indagare per non limitare l'indagine al solo comparto ricettivo, che resterà sempre il più espressivo del turismo in generale, ma sappiamo bene non essere l'unico. Abbiamo chiesto se vi fossero delle precedenti esperienze. E naturale che se il giovane non conosce una determinata area perché non ha fatto un'esperienza in altri campi, invece, quando la conoscenza c'è, ci può essere stata l'esperienza oppure no. Vedete (vedi pagina 51 Precedenti Esperienze ) il 13% ha detto di aver effettuato un'esperienza di lavoro nelle strutture ricettive, un 43% di stage, un 44% ha detto di no, ristorazione catering un 19% di lavoro, un 19% di stage, un 62% ha detto di no e da evidenziare come salgono i valori del no per tutte le altre realtà. Scarsissima possibilità, quindi, di fare uno stage tranne nelle agenzie di viaggio con un 33% decisamente superiore nell'area milanese rispetto al totale nazionale, per il resto i numeri sono bassissimi sia per esperienze di lavoro eseguite che per esperienze di stage compiute. Conosci l industria turistica? Hai fatto un'esperienza? Hai interesse per il tuo futuro a provare ad entrare a questo tipo di realtà? (vedi pagina 52 Interesse Futuro ). Abbiamo inserito la possibile colonna "dipende dalle condizioni" perchè è evidente che molto sarà legato al tipo di proposta che magari i ragazzi si vedono presentare, però in questo caso i valori un po si ridistribuiscono. Abbiamo segnato il 60% di no rispetto alla meeting industries al congressuale, che di fatto è un comparto che ci aspettavamo potesse suscitare un po più di interesse, ma forse è collegato al tema della scarsa conoscenza di questi comparti per chi ha magari 17, 18 anni, studia negli istituti turistici però probabilmente in quegli istituti stessi ci si concentra un po di più, sia come stage sia anche come formazione, come racconto su altre proxi del turismo, su altre aziende del turismo. L organizzazione di eventi un 55%, un 64% restituisce uno scarso appiling delle APT, dei consorzi e degli enti pubblici ma questo tutto sommato si poteva anche prevedere. Riteniamo che queste tre slide siano abbastanza emblematiche di quello che sta accadendo e di quello che passa per la testa dei più giovani e di come un po di riequilibrio nella rappresentatività dell'industria del turismo, a livello formativo, potrebbe essere tema di riflessione. Abbiamo chiesto che cosa significasse per loro lavorare nel turismo, si intende un lavorare prospettico anche se qualcuno ha già fatto esperienze di stage o appunto di stagione, emergono queste prime tre risposte. Questo accadeva anche a livello nazionale tanto è che abbiamo scritto "valori studenti della Lombardia in linea con la media nazionale" e non abbiamo proposto nemmeno il confronto. Poter lavorare in un ambiente divertente e stimolante ; poter stare a contatto con la gente ; avere l'opportunità di viaggiare e conoscere il mondo c'è anche consapevolezza che bisogna: (vedi pagina 53 Lavorare nel turismo significa ) essere disposti a lavorare secondo orari atipici. Poi ci sono altre risposte che hanno avuto magari minore consenso, ci sono molti che dicono poter fare il lavoro dei miei sogni. Nei ragazzi di 17, 18 anni, degli ultimi anni delle scuole non 18

17 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese c'è l'idea che il comparto possa offrire opportunità inferiori o paghe ridotte rispetto ad altri settori. Poi c'è il terzo campione, il terzo segmento, che è quello dei giovani lavoratori, i lavoratori under 30, anche in questo caso abbiamo ascoltato i rappresentanti di questa categoria nell'area milanese e abbiamo confrontato alcuni valori con le medie italiane. Anche qui la maggior parte di chi ha risposto opera di più nelle catene alberghiere che in alberghi indipendenti, a vantaggio delle catene alberghiere a livello nazionale ma, in questo caso, la forbice si amplia. Interessante questo dato di media permanenza, come anni di lavoro in quanto sono persone che non hanno più di 30 anni, sia all'interno della stessa azienda che nel settore turistico in generale. Nell'azienda la media italiana era 2,9%, a Milano sarà 3,5%, nel settore turistico in Italia era 5,4%, a Milano sarà 7,1% (vedi pagina 56), quindi una migliore performance del settore o dell'azienda stessa di catturare, di tenere i giovani lavoratori all'interno di loro stesse, delle aziende o del settore e poi, solo per quanto riguarda Milano, una permanenza media di 3,3% per chi lavora in catene alberghiere contro un 5,1% per chi lavora in alberghi indipendenti e quindi un più alto turn-over nelle catene. Ciò si riflette un po anche nella complessiva esperienza del settore turistico e quindi non solo in quella azienda specifica. Un 6,9% per chi oggi opera in catene alberghiere e 9,2% per chi oggi opera in alberghi indipendenti. Abbiamo diviso il campione secondo il titolo di studio ed è possibile notare gli istogrammi in blu relativi a Milano e quelli in verde relativi all' Italia (vedi pagina 57). I valori più alti in Italia sono riferiti alla maturità nel turismo e si conferma questo dato anche a Milano ma saliamo al 39%; la laurea nel turismo 19% in Italia, 24% la media nell' area milanese mentre è inverso per chi lavora nel turismo però ha conseguito altre lauree. Quando sono stati presentati i dati riferiti alle aziende (vedi pagina 59) c'era una differenza tra la media Italia e la media Milano riferiti ai contratti a tempo indeterminato e a tempo determinato dove c'era questa inversione a vantaggio dell'indeterminato per Milano rispetto al determinato dell' Italia, anche qui nel nostro campione vediamo una percentuale più ampia degli under 30 intercettati e intervistati, indagati a Milano di chi è a tempo indeterminato che corrisponde poi a una riduzione sia sul dipendente a tempo determinato stagionale, sia rispetto al lavoratore interinale, probabilmente anche frutto di un andamento stagionale che evidentemente è più accentuato in altre località del territorio nazionale che per loro vocazione, per loro morfologia, per loro clima presentano una struttura dell'offerta più soggetta ad aperture e chiusure stagionali. L'area d'impiego vede una stragrande maggioranza di personale under 30 inserito nel food and beverage o nel ricevimento e concierge (vedi pagina 60). Abbiamo chiesto se avessero, in qualche modo, registrato un miglioramento nella situazione lavorativa da quando, qualche anno prima, erano entrati in azienda ad oggi, e vedete che le percentuali erano già piuttosto positive nel caso italiano come media e diventano ancora più accentuate nel caso milanese (vedi pagina 61). Sono stati raccolti poi alcuni commenti legati ai trattamenti di natura economica, alle considerazioni all'interno dell'azienda e così via. Pochi hanno citato miglioramenti di retribuzione ma il livello generale di soddisfazione o di riconoscimento di un percorso di crescita è davvero confortante. Abbiamo chiesto agli under 30 un commento (vedi pagina 62 Le convenzioni dei giovani lavoratori ), sulla base di un sì o di un no, legato al percorso formativo 19

18 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese seguito: "cambieresti il percorso formativo effettuato alla luce della mansione svolta?" anche in questo caso le risposte sono più confortanti che all'opposto, con un 74% o 80% a seconda di Milano o di Italia di risposte negative, e l'intenzione comunque di restare che non corrisponde alla possibilità di farlo, e non corrisponde per forza alla possibilità di continuare a migliorarsi, comunque la propensione a restare è sicuramente alta sia in Italia che a Milano. Abbiamo domandato quanti, negli ultimi 3 anni, avessero cercato lavoro (vedi pagina 64 Il turnover ), quindi esprimendo anche un po la volontà di cambiare azienda, magari per migliorarsi e non per forza perchè nell'azienda dove erano e dove sono non si trovassero bene. In questo caso, non c'è una forbice così netta ma prevalgono le risposte negative e quindi la maggior parte non ha provato a cercare altro lavoro perché non ne vede la necessità. Uno degli aspetti che abbiamo cercato di iniziare ad indagare nell'indagine e che restituiamo con un istogramma (vedi pagina 65 Le relazione tra generazioni ), era ed è la questione intergenerazionale. Un aspetto che era venuto fuori con forza nell'indagine nazionale, questa difficoltà, palesata da molti ragazzi under 30, a poter crescere nell'azienda, nelle mansioni, una difficoltà posta dall'atteggiamento di chi lavora in azienda da più tempo, quindi un atteggiamento un po difensivo, di mantenimento delle posizioni, di poca apertura, di sostenere, aiutare a far crescere i nuovi arrivati. In questo caso un 18% che ha risposto sì, noi riscontriamo una costante apertura da parte del personale più anziano come età o come età lavorativa nei nostri confronti, un 42% dice sì spesso è così e solo un 3% dice no. Volendo interpretare questo istogramma la situazione nell'area milanese emerge meno problematica rispetto a livello nazionale. Abbiamo provato a chiedere di esprimere il consenso rispetto ad una serie di affermazioni (vedi pagina 67 Lavorare nel turismo significa ), alcune sono simili a quelle che abbiamo chiesto di esprimere o agli studenti o ai rappresentanti aziendali tanto è che vedrete adesso qualche confronto e con questi confronti poi vado a chiudere la mia esposizione. Poter lavorare in un ambiente divertente e stimolante ; Poter stare a contatto con la gente, così come per i ragazzi, anche per gli studenti, sono delle risposte che ottengono un elevato indice di consenso, così come Opportunità di viaggiare e poter conoscere il mondo ma anche essere disposti a lavorare secondo orari atipici. Notiamo un 2,78% dei lavoratori under 30 che ritengono, sulla base di informazioni e di confronti con i loro coetanei, che le paghe siano molto ridotte rispetto a quelle di altri settori. Pochi hanno detto che lavorare nel turismo sia "L'unica alternativa in questo momento, molti continuano a dire che è Fare il lavoro dei propri sogni. Non c'è molto consenso rispetto all'idea che possa esserci Poca sicurezza e stabilità di lavoro e questo potrebbe essere un buon segnale al netto di altre critiche che vengono comunque poste.per pochi lavorare nel turismo è solo una modalità per Poter proseguire gli studi. Qui vedete il confronto tra i valori che abbiamo appena esposto e le risposte fornite dagli studenti, risposte che erano decisamente più rilevanti come consenso sull'opportunità di viaggiare e conoscere il mondo e fare la stagione estiva o invernale ma, nel caso degli studenti è comprensibile, mentre c'era una discrepanza rispetto alle paghe. Gli studenti, prospetticamente, non pensano che sia un problema, secondo gli under 30 potrebbe esserlo. 20

19 ll turismo e le nuove generazioni, un indagine sul comparto alberghiero milanese Gli intervistati affermano inoltre di avere difficoltà a trovare i contatti con cui proporsi alle aziende turistiche e non sembra essere vissuto come un aspetto molto problematico (vedi pagina 68 I giovani ed il mercato del lavoro ). C'è una buona convinzione anche a Milano, mentre le media italiana è superiore, che il mercato del lavoro turistico possa offrire ancora buone opportunità lavorative. Non fanno autocritica gli under 30 dicendo che non è vero che si cominci a lavorare non avendo le idee chiare su che cosa si andrà a fare, così come non si raggiunge neanche il 2%, il valore mediano, il numero di chi dice che ci si è proposti per ricoprire mansioni pur avendo un curriculum superiore. Non sembra essere un tema complicato se si guarda con gli occhi degli under 30. Ritorna l osservazione sulle prospettive salariali, troppo ridotte, sempre secondo i lavoratori naturalmente. Dopo di che un 2,36% di impiego irregolare (vedi pagina 69). Qui la percezione è un po differente rispetto alle aziende. Altri pareri: Mi piacerebbe poter cambiare azienda nel corso della mia esperienza professionale raggiunge un 2,38%. Non erano tanti quelli che avevano provato a cercare lavoro negli ultimi tre anni, ma qui non si dice che vorrebbero cambiarlo nell immediato ma si dice Penso di percorrere una carriera caratterizzata anche da cambi positivi. Vorrei uscire da questo settore lavorativo la percentuale di consenso è molto bassa. Un valore medio per chi dice che sono migliori Le prospettive per chi lavora nel turismo rispetto agli altri settori. Nel settore alberghiero ci sono dei blocchi nei percorsi di carriera dovuti alla difesa delle posizioni da parte di chi è da anni all'interno troviamo un 2,30% di consenso. Non è possibile fare un confronto con il dato italiano, per quest ultimo aspetto, perchè nell'indagine nazionale non era stato considerato. Le stesse domande sono state poste alle aziende e sono state confrontate con le risposte fornite dagli under 30. Il tema della difficoltà a trovare i contatti sembra essere vissuto più come problematico dalle aziende che dai ragazzi (vedi pagina 75 I giovani ed il mercato del lavoro ), il Dare buone opportunità lavorative, cioè più ottimismo o magari una motivata convinzione, da parte dei rappresentanti aziendali rispetto ai lavoratori che hanno un 2,70% di consenso. Rispetto al Non avere le idee chiare, l opinione delle aziende e quella dei giovani lavoratori differiscono in modo significativo; c è anche una discreta discrepanza tra l opinione dei referenti aziendali e quella dei giovani lavoratori sulla differenza e la distanza tra il curriculum posseduto e le mansioni che poi si vanno a ricoprire, viceversa, qui va letto al contrario naturalmente, perché Il 2,80% e il 2,89% delle aziende e dei giovani lavoratori va visto all opposto, quindi sembrano essere allineati come risposte, viceversa non è così. Sull impiego irregolare avevamo rilevato un livello di consenso piuttosto basso sui rappresentanti aziendali e più alto in quello dei lavoratori (vedi pagina 76). L idea di cambiare azienda c è nei giovani under 30 ma è comunque pensata e rilevata come più frequente da parte dei referenti aziendali e da ultimo che le prospettive siano migliori nel settore turistico rispetto agli altri settori, qui è curioso perché la prospettiva e l idea dei lavoratori under 30 è più ottimistica e più confortante rispetto a quella dei rappresentanti aziendali. 21

20 23

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione La lettera di presentazione Aggiornato a novembre 2008 La lettera di presentazione è necessaria nel caso di autocandidatura e facoltativa (quando non richiesta esplicitamente dall'azienda) negli altri

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli