L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI"

Transcript

1 L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI Prernessa La pubblicità, intesa corne propaganda di un prodotto o di un servizio, interessa ovviamente lravvocato come rnodaf ità di acquisizione del1a clientela, che si è sempre generalmente, sulf iscriz ione all'a1bo professionale, sull'inserimento in elenco telefonici o siti lelematìci e sulla esposìzione di targhe allre-r,.rnu dei 1oca1i. La pubblicità, cosi cc,me intesa nell'amb j-to commerciale, è vietata all'avvocato quando sj. estrinseca in attività contrarie al1.a digni.tà ed al decoro professionale, secondo i1 prì ncipio stabj lito dail'art. J8 de11a legge n.1578 de sullrordinamento de1la professione di avvc.rcato e ri chi-amato da11 'art. 5 de1 vigente Codice deontologico forense. Peraltro, 1o stesso Codice deontologico degli avvocatid.lla Cr'munita Fur,;pea. lrpprovalo dal C.N.F. nrevcd.'. alltart.2/o. il divierei per 1'arvoca(c, di îarsi pul--,bl icilà personale, 1à dove questa è vì-etata; ìn c,gni altro caso lravvocato può fare pubblicità personale se non ne11a nisura consent j-ta dal-1e norme dell'ordj namento professionale cui appartiene. Tafe princì.pio, della c. d. doppia cleontologia _, introdotto ne1 nostro Codice deontologico sin dall'ottobre 1999 e riportato nel vigente codi.ce all'art. rf (Attività allrest.ero ed attività in Italia de11c.r str"ani.ero), è stato affermat<-r su11a base delle numerose dir.ettive europee sulla libera prestazir-rne dei servizi ( a iniziare da quella del 22/ 3/ 1977 n.249 della CEE). T valori che si j ntendono tutelare, della dignità, decoro e della riservatezza (così cone previsti clagli artt,5 e 9 del Co<1j.ce deoril-ologico ) possono e ssere compromessi cìa

2 forme di pubblic ità che tendono a I I r a c c a p a I r a m e n t o di cf i.entela o alla sollecitazj<;ne di incarichi (vìetatr: in ogni sua f orrna dall'art, 19 de1 vigente C-odice ) : tali f orrne É. _pult lf cfgq_ccrgg_dg_r it ene r s i senza dubbio vietate, I concett,i di cui sopra sono stati ampiamente dibat.utti daflravvocatura italiana. nelle. varie sedi designate, sia nellrambito istituzionale "nà i., quello assoc iat ivo, Nella prima stesura del nostro approvato con delibera j.i I7 /4/1997, L.le spre s s o_4:ffee "_4f_pUUqEg!!è. Codice deontologic _, era sancito allrart. 17 In Francia (art.1ó1 de1ta legge 27 /11/tg9l) La pubblicità è permessa all'avvocato nella misur"a in cui concreta una necessaria inf<.rrmazione per il pubblico, nei finiti del divieto di ogni forma di accaparramento. Analoga dispos.i zione v jge per glj avvocrl i nellr Repubblica federafe tedesca ed in attrr paesi deì1 runione ( Spagna e Inghi.lterra ). I1 Presidente del Conslglio de1l'ordine Avvocati di Torino, Avv.Gian Vittorio Gabri, j.n una slra lettera ai coìleghi de1 1989, aveva chiaramente riaffermato la recisa opposiz ione ad ogni forma di pubblic i tà da parte delf ravvocato, elencando cornportamenti integranti ipotesi di pubb1ì.cità, A seguj to dellrinserinrento dellravvocato italiano nellrambito professionale nei paesi CEÉ ed allo scopo di adeguare 1e nostre nornte a que11e vi.genti in altnì- paesi della Comunità europea ) sempre ne1 ri.spetto clelìe nostre norme deontologiche, si è extrapolato da1 concetto di_ pubblj cì tà que1lo della informazione, r,itenuta lecita, se non addj rittur,a dowerosa, al fine di f ornir.e a1 pubbliccr notizie esiìtte e veritiere sullrat;t,ività deìlravvocato, sui suoi titoli professionali ed accadenì ci., su1 ranìo di :ìttivi,tà prevalente, sempre che tali notizie non rjvestano

3 un aspetto ccimmerciale, I1 Consiglio dell'ordine Avvocati di Torino. con delibera J Aprile ha accoìto i.l princi.pì.o cle11a liceità di informazione, da considerarsi doverr:sa per llavvocato, senza violare i princìpi 11i clecoro. dignità e riservatezza. La deliberazione del nostro Cunsiglio prencleva lo spunto dalf inserimento deglì avvucat i itatianr ne11'anbito professionale dei paesi clella CEE (nei quall il problerna de11a pubblicità può avere ambito e soluzionl diverse ), per cui, attraverso il riconoscimento de11a c. d, Ìibertà di stabilimento e 1a senti.ta necessità di un.r dignitosa informazione, sr amponeva come doverosa lrelaborazione di partjcolari norme di condotta, nel solccr de11a nostra tradizione e delle previ sioni de11a nostra nornativa professionale. I1 C.N.F.,, per conto suo, è giunto, con 1e modifiche a1 Codice deontologico approvate ln data 16 Ottobre 1999., a rnnovare i1 testo del1'art. I7 del Cod j-ce medesimo, cambiandone la rr:brica (non più,'divieto di pubblicità", ma "informazioni sul1'esercizio professionale,r) e definendcr norme e rnodalità di esercizio de11a informazi-one consentita, I1 C,N.F., infine. con la nuova ed ultima stesura de Codice, approvata in data 14 Dicembre 2006, ha acleguato le norme su11a 'rpubblicità inf ormativa,' a quanto previsto al\t ar.'t,2/b del c,d. decreto Bersanj. clel 4 Luglio 2006 n.223, convertito ne11a legge 4/B/06, gíungen<1o alla formulazione attuale de11rart.1/ (Infornazioni sullrattività prof essionale ), de11rart.1/ bis (Modalirà def l-l i-nf ormaz j-r,ne), nonchè degli artt.18 (rapporti con la stanpa) e 19 (dlvieto di accaparramento di clientela). Occorre osservare che Lt ar1;.z/b de1 decreto Bersanj non liberalizza sernplicemente e totafmente la pubblicità del lravrocat o. ma sancj sce t'abrogazionr. delle d isdos iz i onj lgglelg!f"g_e_r ego l ament a r i che preveclono per le attività

4 rlbgrg--prgfess i ona 1i, fuc l_gft ro : *_,, 1r div iet o, anc he PgrZle19-qa-svolgere-pgqhllglgg_lnformatrva 1e spccial jttaz.ioni circa i titoli e pr(rfcssi ona lj le e J.r.jl ( or Lsr ir-he ds_ servizio offerto, nonchè i costi ed ii prezzo complessivo del1e prestazì.onì., secondo criteri di trasparerìza e verldicit à del mess:rggio. dallrordine,, ll cui rìsper r o_è Igrlltll!,, Dopo 1a premes'sa di cui sopra ui jle e dovenosa, es,.rminiamo ora le, che abblamo ritenuco prevrsioni dei citatr artt.tf, 1/bis, 18 e 19 de1 Coctice deontologicr-) vigenre, estrapolandone i concetti e fissand<r le conseguenti norme cìi c.jmp o rt ame nt o per 1' ;rvvocatc_r, 1 " ) - =-lnf0bl14z!qnq_qq!!14!iiyii4,_professtonale ( art. 1 a)- s9t1".ta professionale, informazi.oni su1l a con c ontenut o e forma coerent i con la finalità della tut e 1a dell'affidamento della collettività, e rrsporìdenti a criteri di trasparenza e veridicì-tà, if rispetto_dei S.ug!1---e- veia!1e e 9 e *4gf SSnpet e nt e csile.gtf e dellr0rdine. b)- l,informazione deve essere verit,ier.a non può riguardare notizie riservate seéîr et o professionale. e o concaeta. e coperte daì c)- I ravvocato non può indicare i1 norne de i propra c I ierrt j, anche_se_guesti_vj._consentano. d)-!-:!!gf1gz:one_deve_r i spe tt e r e_ r f_dec o r o e la d ign it à cìe 11a_profess i one_e_non_può,, _ in_ogn j _c a so. _as sume re*i c o nn ot at i_dg]!g_pg!!]f c j.t à_i nga n n e vo l e, _e 1 og r e!1ya_e conpa rat iva, c onungue tenden t, e*_a lì r ac capa r r ament o qglb-9]lglgglg ( c.me p'ò e,ssere, ad e"senrp ro. ra i.ndicaz j.one di gratuità clelìa pr.ìma consultazione ecl -

5 in genere,.di compensi nanifestamente sproporzionati. al l'at L iv it-à professionale oflferua l. e)- è consentita all'avvocato. a fini norr llnr-orni ttatinne e la qnnnsnri tznt i,'ne di scminarl clt studio, corsi di formazione e dl,convegni i tl discipline cttinenti la professione. f)- è consentita f indicaz j-one del norne di un avvocat, defunto, che abbia fatto parte dello studio, purch espressamente prevista da1 defunto o consentita dagl e i eredi. 2")- = MODALITA' d e I I ' i n f o r m a z i o n e ( artt, 17 bis, 1E e 19) OBBLIGHI da Darte dellravvocato che intende dare lnformazioni di indicare: a)- la denominazione dello studio, dei professionisti che Io compongono, per il caso di esercizio in forma associativa o societaria. it Consigli-o dellr0rdine di iscrizione dei componenti lo studio. 1a sede principale di esercizìo. le sed j. secondarie. con specificazione degl i indirizzi. nume r I telefonici, fax, e sito web, se attivato. rll- titolo nrof r-ls,s i.ona1e deflravvocato straniero che consenta allravvocato straniero I'esercizio in Italia od al.f ravvocato itaìj ano I'esercizio allrestero; secondo 1e previsioni delle direttive comunitarie. FACOLTA I dellravvocato ne L dare informazioni di. indicare ( art. 17 bis ) : b)- c)- a)- b), i titoli accadernici. i dip1oni di specializzaz i nn', r-nn<eorrii i nréqcò ol i isl iluli un-lvcrs-it ar i.: al di f ur,r i di guesr_.1

6 c)- Epee r 1gg_apotesi_non_e_,r9nsen! r9a_a_lcuna_incrlc az i o.e e:_spggfglf z z a z i. one. I'abilitazione ad esercitare avanti le giurisdizioni supcc ror.i. d)-,_:"!r, r j _d i_e se rc 13fe_ge I I _e!!_lr jl A_plgl:, e:fgle ne11'ambito plevaìenli. li ". di questi., eventuaìi matelie.ai attivlt; A tall proposito occorre evidenziare che ne11e ultine versioni del Codice deontoìogico è st.ato elimjnato i1 limite massimo di tre ne11a indicazione delle rnaterie di attività Eirevalente (limlte posto a tutela de11a corretta e verídica informazione), ritenendo che tal-e I : - r! r',rrlc non rrspondesse alla ratio sopra rndicata per g1i studi associati conposti da più colleghi. \-(Jrlturìgueè_é_pur_sempre_da_cons Comunque, è ide r a re_n on_c onforrne_a I decoro, ULL u r.u2_o d ien rgn ità rt à_e_co r reltezz a r_e_sg rggf_ge_v iet a r e,!-."gfggz:"ne_ d i un nume ro eccessrvo e non r i spon de nt!-g-!g!g.!!r-err! err! e cn ic o - sc r e nr a!1g.a_: di-rnlterie c.d, nnewà tè-+ i ::_Ig!-fg_c. d, _prevalent i._spec ie_in_re l az aene_gf n ume r o-de i-c ompo n e nt 1_1g_egggl9_gq_gffc_st rur t u r a 9gf1g-glg4:o_nedesimo: si tratterebbe, net caso, di una evidente violazione delle finalità de11a disposizione, volta a tutelare i1 corretto rapporto con la clientela eventuale e 1a affidabilità ne11a idonea preparazione tecnica dell,avvocato. e ) * le lingue conosciute, if logo dello sbudio e estreml delfa poltzza assicurativa per ì - responsabilità f)- l" certificazione giustificativo professionale. di qualità dello studio, secondo i1 e le norme di riconoscrmento da parte de1ìo Stato J da depositare presso i1 Consiglì-o de 1l,Ordine. 3' ) - lqq$lql{q:_i\qetsl]_l_ql4ut4l]_e_pqqulf9.a 1e3, _v qtr e.

7 Nel caso di diffusione attraverso organi di stanrpa, o televisívi, di comunicati di informazione sullrattività professionale, o attraverso la diffusione dì lr:candine,, inserti ci stampati vari, occonre valutare le seguenli cir<:ostanze, assai ricorrenti, che_possono_cc,nfliggere con i doveri di decoro, dignità, traspafenza e con il 4. ffg!" 41 ac c apa rr ament o di cìientela. (così cone prîy r.=t e_nel 'arr, I.., de I Cod i ce I : - 1e locandine, g11 inserti, 91i stampati devono avere una veste tipografica corretta e sobria: non sono consentite 1e pubblicazioni a piri colori. con riquadrature ripetute e caratterizzazj.onl grafiche e cromatiche finalizzate ad attirare I'attenzione de1 pubblico, che esulano da1 carattere de11a normaìe j nformazione, con forme proprie della pubbl icità commerciale. - 1e locandine., inserti e stampati debbono essere localizzati nella pubblicazione a1 di fuori di ogni contesto e di stretta vicinanza di altri avvisi di pubblicità commerciale, e lravvocato deve vigilare aff j-nchè tale ipotesi non si verifichi. - nelle pubblicazioni suddette possono essere indicati a settori di attività prevalente, nei limiti sopra prevì.sti a1 punto 3o. ut tlt-zzc.t u Ì.t irn i a)- Le rnodalità de1la pubblicazione debbono essefe sobr"1e ed essenziali, evitando i I r.icorso acl immagì n I figrrrative e caratt,er izzaztont crornatiche propri e della pubb1i-cità commerciale. 4")- b)- LravvocaLo può rrr ilrizzare esr-lusiramfnt p s it i rve b con domin i fgpfàl*e_q a rett anre nt e ri conduc ib i1i atla sua*pers('na o all,, stud j.o associato o a1la società di

8 avvocat j. d.i cui f a parte. cr Lravvocato deve preventivamente Consiglio ds Il rord ine di apparlencnz.r la forma od t1 conrunicare a1 contenutò del slto, E--g'rse!! g-g!9-1f-g9n s rgr a o-ge 1f _q. q r.g_può _e _cre v e v a 1ut a re_1 a_r i spon den zg_g9l_991!9!g!9_gg1_e1!e_g1r " p. e v r s i on i *ar_g"r_ggt i_a rtt _lz_ulg_._ll_9_19_qi_! g."g.cr_gg."ntologlco ( inf ornazioni e.loro modalità _ rapporti con la stampa e divieto ctj. accaparramento della cìientela ). e)- d)- L ' a vvoc at o_è_!e spolegqlfg_gg]_c ont e nut o_de 1_.s it o, _ne 1 qua le_devono_essere_ing.c"9._r_gg! 1_g1_egr_a1_pr conma_de tf ' ert:!z_bre_f.prerese"lr_pg!gt_?:]_9_3:l-. Tl*s i t o_n on_può_c ont ene r e_r i fe r iment i_c onrmefels l r_ele imcr pubq!. c1lelli mediante 1 r i n d i c a z r r_., n e diretta, o tramite banner o pop_up di alcun tipo, s' ) - ruiqqb4{t!_lperessclf_e_get_leeefl_gelle*elsgte). I1 problenra della liceità della pubbticazione fotografì a defl r avvocato, e/o dei loca1i de1 suo della studio, ha dato luogo dj recente a soluzioni contrastantl'. Il ConsigÌio dell'ordine di Bologna, con <ielibera 29/9/1997, non aveva ritenuto censurabi.le la pubblicazione de.lfa fotografia in occasj one clel rilascio di- una inter.vrsra. rì ll $'t'r'..o,t il parere 16/7/r99g, aveva rnvece ritenpto che 1a pubblicazione de11 'avvocato della f ot.ograf ì a e cle.i local i cìello studio dovesse ritenersi incompatibile con le prevision_r dell I art-.17 dell iallora vigente codice. l1 Consiglio rlellrordine cli Torino) nel rrspetto di un rigido divieto cti pubblicità per Ì,avvocato (pur dopo

9 1 rabolizj.one di tale divieto operata con t a modifj-cazione del detto arl. LJ ) elencando ne11a sua delibera 22/3/ZOOO le modalità.. cli.ini-ormazione consentrte r aveva ritenuto non opportuna,ralcuna rappresentazione fotografica delfo stuifio e <ìegli assoc iat i'ì. L I avv. Remo Danovi, ne1 suo Comnentario sulli, ordin.?mento professionale, riteneva',accettabile,, la pubblicazlone del1e foto dei componenti lo studio. I1 C. N. F, j n data 30 Maggio 2000, comnentando Ìe rntervenute modif ictre deì Codice sufle nodalità di informazione, aveva predisposto una bozz,a di regolamento ne1 quale erano indicate come consenttte anche le fotografie. l1 vigente Codlce deontologico. approvato in data 14/12/2006 in adeguamento a1le previsioni di cui all'art.2b del Decreto tegge 4/7/A6 n.zzl (c,d. Decrero Bersani) non ha espressamente escluso nelle rnodalità di informazioni 1a pubblicazione di fotografie ) pur riconfermando che I'informazione deve rispettare la dignità ed i1 decoro, mai as.sumendo i connotata deìla pubblicit-à ingannevole, elogiativa e comparativa. In conclusione, si ritiene possa essere lecitamente pubblicata. in sede di informativa, Ia foto de1l'avvocato e/o dei Locali delfo studio) purchè vengane_g:at e_f orme_gr4f íche sobrie ed essenziali ev it a n d o pr o spett ive e d. lsca gr arne nt j. pa rt i c o I a r i. n onc h è i n se r irnent i r1pe9.gf qe lla*_rappre se nt an z i one de 11a _pe r son a_e d_ev j.tallqg_q._gy=qen q_!g_!!fg!gure_d eg1 i_uf f ic i, *c pubbì ic jt à commerc ia l e. z i a r e_le_4fryrl::"r. on_mogql a! e_pr eprle_qe!!g o " ) - 8Al9qtsIl_sel_Ie_EIAU 4_!3r!.!gl

10 10 Il citato art ' 18 premette che nei rapporti con 1a stanrpa e con atrl mezzi dt- informazione I'avvocato deve ispirarsi a cr j-teri di equilibrio e fiisura, rispettando i d<rveri- di discrezi-one e riserva1-ezza' In ogni caso, oltre quanto- già espresso'al riguardo ne1 precedente punto 3", è fatto divieto afl'avvocato dí errîalízzare la propri.a capacjtà professionale e cli spenclere il nome dei propri clienti (art'18-ii)' consentibo all'avvocato) previo: parere f avor-evole del Consiglio dell'ordine, cti "tenere o crr'rare rubriche fisse su organi di stampa con Irindicazione del proprro nome e di partecipare a rubriche fisse televisive o radiof on iche 'ì. Quanto sopra) è evid.ente' nel rispetto <1ei valori di dignità, decoro e riservatezza ) Particolarmgl!9-99! divieto di acc apar ramentg--d] clientela di cui all' art. 19 7' )- S!yl9!9-Ér [q\!q-g!-qlL9\!9l4-!er9:!9] Non è consentita a11 'avvocato ogni condott'a diretta allracquisizione del rapporto di clienlela'!rer vi.etato allravvocato offrire, sia <1ì rettamente cne per ir1- e rpò st a Persona, 1e proprie PrestazLonlprofessionali al <lonicilio degli utenti, nei luoghi di lavoro, di riposo o di svago e) in generale, in luoghi pubbtici o aperti al pubblico" ( art ' 19-1II ) ' altnesì vietato allravvocato offrire ' senza esserne richiesto, una prestazione personalizzata e " cioè, rivolta a una persona determinata per uno specifico affare " (art.19-iv) ' Le prevrsl onr de11 ' art. 19 del codice ) sopra testualmente riportate ' sono assai chj are e Prec ise: ertan!o lrinformazione consent i ta sulla attività

11 11 profe ss ionale deve rigorosanente r pre v L s f onr_1n_oggert, o. i spet t a r e* 1e Abbiamo cercato di = =OoO== esporre in modo chiaro ecl evidente qual i sono.le modalità di informazione consentite e quelle non c on sent i.tre. R i cord i-lrno. infjne, che 1a corretta inf ormazi.one dellravvocato su l1a sua attività professj-onale è di importanza rilevante per rappresentare allresterno la propria conpetenza spec j-f ica e I'idoneità di struttura def suo studio,' nellrambito de1la trasparenza e dell'affidabilità che deve lravvocato ed il suo cliente. informare il rapport<r fra entano, fndi C E Premessa - pagg.1-4 1o)-- Informazrctne (art.17) - paeg o ). Modalj tà informazj one ( a(lt.!j, pags.5-6 3" )- Locandine, inserti, stampati vari. 1/bìs, 18 19) - pag. 7 4" )- Siti Web (artt,. 17bis - ultirno comma) pagg. / - E 5" )- I'ot,,c.rarie - pagg.8 u ó' ) - Rapport i con la Star,rpa ( art, 18 ) - ;o )- Accaparr'ílmcntrJ c I icnlel n - DivieLo pag.10 ( art. 19 ) pagg 10-11

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006 MODIFICHE AL CODICE DEONTOLOGICO in attuazione della legge 4 AGOSTO 2006 N. 248 APPROVATE DAL C.N.F. NELLA SEDUTA DEL 14 DICEMBRE 2006 con le indicazioni emerse nel corso dell incontro con i Presidenti

Dettagli

.- / -./-/01 //-++/ 1 + ) / 2 +) 3 2 ( 4 2 ( 01 //- ++/ 5 / /. +.22 0.))/6 0/ +72 ( 2 - +- ))( 78.2 +///-22 +

.- / -./-/01 //-++/ 1 + ) / 2 +) 3 2 ( 4 2 ( 01 //- ++/ 5 / /. +.22 0.))/6 0/ +72 ( 2 - +- ))( 78.2 +///-22 + !"##$%&## ' ( )* *+,$-.- / -./-/01 //-++/!"#$.-./-2 /2)/01 /++/ %!"#$ 1 + ) / 2 +) 3 2 ( 4 )(/2.+ 0( / (/ 2 ( 01 //- ++/ 5 / /. +.22 0.))/6 0/ +72 ( 2-+-.)/.) +2-5-- 2 - +- ))( 78.2 +///-22 + /-)% 4(//-

Dettagli

Deontologia, informazione professionale e rete internet. Vincenzo Caprioli Avvocato Lecce, 11 luglio 2011

Deontologia, informazione professionale e rete internet. Vincenzo Caprioli Avvocato Lecce, 11 luglio 2011 Deontologia, informazione professionale e rete internet Avvocato Lecce, 11 luglio 2011 I principi di dignità e decoro. Le informazioni sulla attività professionale. Il quadro legislativo e la normativa

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELL'ADUNANZA DEL 9 GENNAIO 2014 (omissis) LINEE GUIDA SULLA PUBBLICITA' DEGLI AVVOCATI. Art. 1 Principi generali

ESTRATTO DAL VERBALE DELL'ADUNANZA DEL 9 GENNAIO 2014 (omissis) LINEE GUIDA SULLA PUBBLICITA' DEGLI AVVOCATI. Art. 1 Principi generali ESTRATTO DAL VERBALE DELL'ADUNANZA DEL 9 GENNAIO 2014 (omissis) LINEE GUIDA SULLA PUBBLICITA' DEGLI AVVOCATI Art. 1 Principi generali La pubblicità, ancorché consentita, deve essere realizzata osservando

Dettagli

ScirettiAvvocati. www.perlex.it

ScirettiAvvocati. www.perlex.it Lo Studio Lo Studio è stato fondato dall Avv. Perla Sciretti nel 1995 a Milano nella originaria sede di Via Podgora 13 e dal luglio 2010 ha sviluppato la propria attività nella attuale sede di Via della

Dettagli

Avvocati: sì alla pubblicità "commerciale", cade il vincolo del "decoro" (Guida al Diritto)

Avvocati: sì alla pubblicità commerciale, cade il vincolo del decoro (Guida al Diritto) Avvocati: sì alla pubblicità "commerciale", cade il vincolo del "decoro" (Guida al Diritto) Eugenio Sacchettini La quinta puntata dell'analisi della riforma forense (testo approvato alla Camera il 31 ottobre

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 58 del 21/04/2016 Proposta N. 561/2016 OGGETTO: RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL'EDIFICIO DENOMINATO EX CASA DEL POPOLO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO PRINCIPI GENERALI

CODICE DEONTOLOGICO PRINCIPI GENERALI CODICE DEONTOLOGICO L Associato ANAP esercita la propria attività in piena libertà, autonomia ed indipendenza, per tutelare i diritti e gli interessi del cliente, assicurando la conoscenza delle norme

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E MARKETING DELLO STUDIO LEGALE

ORGANIZZAZIONE E MARKETING DELLO STUDIO LEGALE Consulenza in comunicazione e marke?ng per gli studi legali ORGANIZZAZIONE E MARKETING DELLO STUDIO LEGALE FONDAZIONE FORENSE BOLZANO - 1 LUGLIO 2011 AVV. PAOLA PARIGI - posta@paolaparigi.it www.paolaparigi.it

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

Strumenti informativi per lo studio legale, in particolare il sito web

Strumenti informativi per lo studio legale, in particolare il sito web CAMERA CIVILE VENEZIANA Seminario d'aggiornamento TECNOLOGIE INFORMATICHE E PROFESSIONE FORENSE L'avvocato e l'i.t. Mestre, 18 dicembre 2009 Strumenti informativi per lo studio legale, in particolare il

Dettagli

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TAGLIO DI PO Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado Via A. Manzoni, 1-45019 - Taglio di Po - tel.: 0426 660880 fax 0426 346103 Sito Internet:

Dettagli

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del 23.06.2014

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del 23.06.2014 Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con D.R. n. 416 del 23.06.2014 Premessa Il Codice di comportamento dell Ateneo di Parma (di seguito denominato Codice ) è stato

Dettagli

Atto di Indirizzo sulla Pubblicità Informativa delle attività professionali

Atto di Indirizzo sulla Pubblicità Informativa delle attività professionali Atto di Indirizzo sulla Pubblicità Informativa delle attività professionali Approvato nella seduta del 13 giugno 2007 Art.1 - Premessa La pubblicità delle attività oggetto del presente atto di indirizzo

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO Confronto tra i Principi di fondo irrinunciabili per l Avvocatura italiana individuati il 17 ottobre 2009 e il testo approvato dal Senato nel novembre 2010: 1) La specialità dell ordinamento professionale

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di

Dettagli

Professioni regolamentate e pubblicità informativa

Professioni regolamentate e pubblicità informativa CIRCOLARE A.F. N.128 del 18 settembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Professioni regolamentate e pubblicità informativa Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Dpr n. 137 del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 112 del 04/09/2014 - Determinazione nr. 2321 del 04/09/2014 OGGETTO: Mostra NEL SELVAGGIO

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.)

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) COMMISSIONE ALBO, ORDINAMENTO E TUTELA SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) (Decr. Min. Giust. n. 34 dell 8/2/2013) 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L. 1815 del 23 novembre 1939 (Legge disciplinante l esercizio

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 27 del 08/04/2014 - Determinazione nr. 901 del 08/04/2014 OGGETTO: Centro Servizi Provinciale

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) 954.1 del 24 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA SETTORE AFFARI GENERALI

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA SETTORE AFFARI GENERALI COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE PROT. 2543 DEL 2/2/2015 l conferimento Il Comune di Bastia Umbra intende procedere per il conferimento degli

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Città di Nichelino Provincia di Torino Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino il 29.4.2014

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, DELIBERA 12 GIUGNO 2008, N. 15

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, DELIBERA 12 GIUGNO 2008, N. 15 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, DELIBERA 12 GIUGNO 2008, N. 15 Nella seduta del 12 giugno 2008 il CNF ha modificato alcuni articoli del codice deontologico, a seguito dei rilievi formulati dalla Autorità

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L'ESERCIZIO DEL PATROCINIO APPROVATO DAL CONSIGLIO DELL ORDINE NELLA SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Iscrizione Art. 1

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*)

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*) Riferimento SIMEST.. (a cura del destinatario) SIMEST SPA DIPARTIMENTO AGEVOLAZIONI CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.323 00186 R O M A DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Affari Generali. Nr. Progr. Data: Proposta. Copertura Finanziaria

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Affari Generali. Nr. Progr. Data: Proposta. Copertura Finanziaria COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Affari Generali CONFERIMENTO INCARICO LEGALE ALL'AVVOCATO ANDREA MALTONI PER LA PROMOZIONE DI RICORSO AL T.A.R.

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

Provincia di Torino ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DI INTERESSE PROVINCIALE DEL LAGO DI CANDIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Provincia di Torino ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DI INTERESSE PROVINCIALE DEL LAGO DI CANDIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Provincia di Torino ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DI INTERESSE PROVINCIALE DEL LAGO DI CANDIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE n. 76 del 27 dicembre 2011 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse PROFESSIONE INTELLETTUALE ART. 2229 COD.CIV. La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse generale della

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

M O D E L L O C R O C E LAB G REEN 90 S T M O D E L L O C R O C E LAB G REEN 1 20 HD MO D ELLO C RO C E LAB G REEN 160HD CATALOGO

M O D E L L O C R O C E LAB G REEN 90 S T M O D E L L O C R O C E LAB G REEN 1 20 HD MO D ELLO C RO C E LAB G REEN 160HD CATALOGO C ROCI GRAFICH E M O N O CO LO R E MODELLO C RO C E LAB G REEN 60ST 4096 S fu m a tu r e d i V e r d e P asso m i l l i m e tr i 1 2 Nume r o L E D 2 5 6 0 Lumi n o s i tà s u p e r i o r e a 9 0 0 0 CD

Dettagli

STUDIO AVVOCATO GIAMPIERO PINO ASSOCIAZIONE INTERPROFESSIONALE Via Guido Monaco, 16-52100 Arezzo Italia C.F. e P.IVA 01426600514

STUDIO AVVOCATO GIAMPIERO PINO ASSOCIAZIONE INTERPROFESSIONALE Via Guido Monaco, 16-52100 Arezzo Italia C.F. e P.IVA 01426600514 Via Guido Monaco, 16-52100 Arezzo Italia C.F. e P.IVA 01426600514 AVV. GIAMPIERO PINO Revisore Contabile e-mail: giampiero.pino@studiolegalepino.it AVV. PAOLO ROMAGNOLI e-mail: paolo.romagnoli@studiolegalepino.it

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

AREA RISORSE - SETTORE FINANZA E BILANCIO

AREA RISORSE - SETTORE FINANZA E BILANCIO AREA RISORSE - SETTORE FINANZA E BILANCIO Determinazione n. DD-2011-1678 esecutiva dal 29/11/2011 Protocollo Generale n. PG-2011-99795 del 29/11/2011 Proposta n.:p01.2.0.0-2011-8 Il Dirigente del Servizio

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1. PREMESSA 1. Le presenti linee-guida, in attuazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1, sono riferite

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 72 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.G.P. in data 17.10.2005 n. 610 reg. SOMMARIO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale Parere sulla Proposta di Legge Regionale n. 673 relativa al trasporto pubblico non di linea (servizio di taxi e di autonoleggio con conducente) approvata dal Consiglio regionale del Lazio il 24 novembre

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Prescrizioni per il trattamento di dati personali per finalità di marketing, mediante l'impiego del telefono con operatore, a seguito dell'istituzione del registro pubblico delle opposizioni - 19 gennaio

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

La Formazione professionale continua

La Formazione professionale continua La Formazione professionale continua E scattato per gli avvocati l obbligo della formazione professionale continua, con la partecipazione (obbligatoria) ad eventi formativi per conseguire in un triennio

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 4- G. (Provincia di Napoli) L'anno DUEMILATREDICI, il giomo Zz. del mese di ~M ),, nella Sede

COMUNE DI PORTICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 4- G. (Provincia di Napoli) L'anno DUEMILATREDICI, il giomo Zz. del mese di ~M ),, nella Sede COMUNE DI PORTICI (Provincia di Napoli) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 4- G Registrata it 0{ -0 L. ~:, OGGETTO: A FF \\:)0 ~crrv I?R DI ~~ IS T c-ij M ~\ F-IU'fl t QAttJtAMIJE l:: Itt{FoNJA L'anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva 1 29/04/1997 V.G. 53,70 Idoneo ammesso/a * 2 27/12/1997 B.A. 53,69 Idoneo ammesso/a * 3 18/07/1997 P.S. 51,70 Idoneo ammesso/a * 4 12/05/1989 C.F. 51,69 Idoneo ammesso/a * 5 27/01/1997 P.S. 51,36 Idoneo

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Comunicazione n. DME/11065125 del 21-7-2011

Comunicazione n. DME/11065125 del 21-7-2011 Comunicazione n. DME/11065125 del 21-7-2011 Oggetto: Criteri generali per l'esercizio dei poteri previsti dall'art. 112 del d.lgs. n. 58/1998, in materia di modifica della percentuale di flottante rilevante

Dettagli

Deliberazione n. 6/2009/PAR

Deliberazione n. 6/2009/PAR Deliberazione n. 6/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno dr. Carlo Coscioni dr.ssa Rosa Fruguglietti

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Garante per la protezione dei dati personali AUTORIZZAZIONE 13 dicembre 2012 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti. (Autorizzazione n. 4/2012). (GU n.3 del

Dettagli

COMUNE DI SORBOLO (Provincia di Parma)

COMUNE DI SORBOLO (Provincia di Parma) COMUNE DI SORBOLO (Provincia di Parma) Piazza Libertà, 1-43058 Sorbolo (PR) Tel. 0521/669611 Fax 0521/669669 E-mail: info@comune.sorbolo.pr.it Web: http://www.comune.sorbolo.pr.it Partita IVA 00455610345

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE CULTURA Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 37 del 08/05/2014 - Determinazione nr. 1133 del 08/05/2014 OGGETTO: "VIBRACTION 2014--LA

Dettagli

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA ' DIRITTO SOCIETARIO varie SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PERDITA DELLA MUTUALITA PREVA LENTE BILANCIO STRAORDINARIO RIACQUI SIZIONE DELLE CONDIZIO NI DI PREVALE NZA PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. 8943 PALERMO 21 gennaio 2008. Oggetto: Scaffale Giuridico Comunicazione atti di rilevanza e di interesse generale.

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. 8943 PALERMO 21 gennaio 2008. Oggetto: Scaffale Giuridico Comunicazione atti di rilevanza e di interesse generale. REPUBBLICA ITALIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE FORMAZIONE E QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Art. 2 Sezione professionisti legali per attività di domiciliazione e sostituzione in udienza

Art. 2 Sezione professionisti legali per attività di domiciliazione e sostituzione in udienza REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO incarichi di domiciliazione e di sostituzione in udienza per le controversie in cui sia parte l Azienda USL 1 Massa Carrara dinanzi alla Corte di Cassazione e alle altre giurisdizioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO La SFIRS - Società Finanziaria Regione Sardegna S.p.a., con sede in Cagliari,

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

I719 - ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA Provvedimento n. 19966

I719 - ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA Provvedimento n. 19966 I719 - ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA Provvedimento n. 19966 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 18 giugno 2009; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Azienda Pubblica di servizi alla persona Montedomini Sant Ambrogio Fuligno Bigallo A.S.P. Firenze Montedomini Via de Malcontenti, 6 50122 FIRENZE DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Oggetto: INCARICO

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE n 1054 / 2015

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE n 1054 / 2015 ORIGINALE COPIA Provincia di Arezzo Unità Speciale Autonoma cultura e Turismo Settore / USA: Ufficio Urp, Cerimoniale, Sport, Trasparenza Dirigente: Dr. Zucchini Pietro PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE n 1054

Dettagli

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO N. 265/11 R.G. n. RD 50/12 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio Nazionale Forense, riunito in seduta pubblica, nella sua sede presso il Ministero della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI ABILITATI

ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI ABILITATI ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI ABILITATI L'abilitazione al patrocinio si chiede allo scadere del primo SEMESTRE di iscrizione nel registro dei praticanti senza abilitazione, 1)- DOMANDA DA REDIGERE IN

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITÀ E TESORERIA DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITÀ E TESORERIA DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITÀ E TESORERIA DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI Il Consiglio dell'ordine di Padova visto l'art. 24 comma 3 della Legge 247/2013che prevede che gli Ordini Circondariali

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

Prot. N. 4581 C/02 Vairano P., 26.04.2014

Prot. N. 4581 C/02 Vairano P., 26.04.2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. MARCONI" IPSIA I.T.E. - I.T.T. - I.P.S.E.O.A.

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009

SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009 SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009 Oggetto: Proroga incarico di controllo e vigilanza sotto il profilo geologico delle cave/cave di prestito o profili idrogeologici

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli