L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI"

Transcript

1 L I AVVOCATO e LA PUBBLICITAI Prernessa La pubblicità, intesa corne propaganda di un prodotto o di un servizio, interessa ovviamente lravvocato come rnodaf ità di acquisizione del1a clientela, che si è sempre generalmente, sulf iscriz ione all'a1bo professionale, sull'inserimento in elenco telefonici o siti lelematìci e sulla esposìzione di targhe allre-r,.rnu dei 1oca1i. La pubblicità, cosi cc,me intesa nell'amb j-to commerciale, è vietata all'avvocato quando sj. estrinseca in attività contrarie al1.a digni.tà ed al decoro professionale, secondo i1 prì ncipio stabj lito dail'art. J8 de11a legge n.1578 de sullrordinamento de1la professione di avvc.rcato e ri chi-amato da11 'art. 5 de1 vigente Codice deontologico forense. Peraltro, 1o stesso Codice deontologico degli avvocatid.lla Cr'munita Fur,;pea. lrpprovalo dal C.N.F. nrevcd.'. alltart.2/o. il divierei per 1'arvoca(c, di îarsi pul--,bl icilà personale, 1à dove questa è vì-etata; ìn c,gni altro caso lravvocato può fare pubblicità personale se non ne11a nisura consent j-ta dal-1e norme dell'ordj namento professionale cui appartiene. Tafe princì.pio, della c. d. doppia cleontologia _, introdotto ne1 nostro Codice deontologico sin dall'ottobre 1999 e riportato nel vigente codi.ce all'art. rf (Attività allrest.ero ed attività in Italia de11c.r str"ani.ero), è stato affermat<-r su11a base delle numerose dir.ettive europee sulla libera prestazir-rne dei servizi ( a iniziare da quella del 22/ 3/ 1977 n.249 della CEE). T valori che si j ntendono tutelare, della dignità, decoro e della riservatezza (così cone previsti clagli artt,5 e 9 del Co<1j.ce deoril-ologico ) possono e ssere compromessi cìa

2 forme di pubblic ità che tendono a I I r a c c a p a I r a m e n t o di cf i.entela o alla sollecitazj<;ne di incarichi (vìetatr: in ogni sua f orrna dall'art, 19 de1 vigente C-odice ) : tali f orrne É. _pult lf cfgq_ccrgg_dg_r it ene r s i senza dubbio vietate, I concett,i di cui sopra sono stati ampiamente dibat.utti daflravvocatura italiana. nelle. varie sedi designate, sia nellrambito istituzionale "nà i., quello assoc iat ivo, Nella prima stesura del nostro approvato con delibera j.i I7 /4/1997, L.le spre s s o_4:ffee "_4f_pUUqEg!!è. Codice deontologic _, era sancito allrart. 17 In Francia (art.1ó1 de1ta legge 27 /11/tg9l) La pubblicità è permessa all'avvocato nella misur"a in cui concreta una necessaria inf<.rrmazione per il pubblico, nei finiti del divieto di ogni forma di accaparramento. Analoga dispos.i zione v jge per glj avvocrl i nellr Repubblica federafe tedesca ed in attrr paesi deì1 runione ( Spagna e Inghi.lterra ). I1 Presidente del Conslglio de1l'ordine Avvocati di Torino, Avv.Gian Vittorio Gabri, j.n una slra lettera ai coìleghi de1 1989, aveva chiaramente riaffermato la recisa opposiz ione ad ogni forma di pubblic i tà da parte delf ravvocato, elencando cornportamenti integranti ipotesi di pubb1ì.cità, A seguj to dellrinserinrento dellravvocato italiano nellrambito professionale nei paesi CEÉ ed allo scopo di adeguare 1e nostre nornte a que11e vi.genti in altnì- paesi della Comunità europea ) sempre ne1 ri.spetto clelìe nostre norme deontologiche, si è extrapolato da1 concetto di_ pubblj cì tà que1lo della informazione, r,itenuta lecita, se non addj rittur,a dowerosa, al fine di f ornir.e a1 pubbliccr notizie esiìtte e veritiere sullrat;t,ività deìlravvocato, sui suoi titoli professionali ed accadenì ci., su1 ranìo di :ìttivi,tà prevalente, sempre che tali notizie non rjvestano

3 un aspetto ccimmerciale, I1 Consiglio dell'ordine Avvocati di Torino. con delibera J Aprile ha accoìto i.l princi.pì.o cle11a liceità di informazione, da considerarsi doverr:sa per llavvocato, senza violare i princìpi 11i clecoro. dignità e riservatezza. La deliberazione del nostro Cunsiglio prencleva lo spunto dalf inserimento deglì avvucat i itatianr ne11'anbito professionale dei paesi clella CEE (nei quall il problerna de11a pubblicità può avere ambito e soluzionl diverse ), per cui, attraverso il riconoscimento de11a c. d, Ìibertà di stabilimento e 1a senti.ta necessità di un.r dignitosa informazione, sr amponeva come doverosa lrelaborazione di partjcolari norme di condotta, nel solccr de11a nostra tradizione e delle previ sioni de11a nostra nornativa professionale. I1 C.N.F.,, per conto suo, è giunto, con 1e modifiche a1 Codice deontologico approvate ln data 16 Ottobre 1999., a rnnovare i1 testo del1'art. I7 del Cod j-ce medesimo, cambiandone la rr:brica (non più,'divieto di pubblicità", ma "informazioni sul1'esercizio professionale,r) e definendcr norme e rnodalità di esercizio de11a informazi-one consentita, I1 C,N.F., infine. con la nuova ed ultima stesura de Codice, approvata in data 14 Dicembre 2006, ha acleguato le norme su11a 'rpubblicità inf ormativa,' a quanto previsto al\t ar.'t,2/b del c,d. decreto Bersanj. clel 4 Luglio 2006 n.223, convertito ne11a legge 4/B/06, gíungen<1o alla formulazione attuale de11rart.1/ (Infornazioni sullrattività prof essionale ), de11rart.1/ bis (Modalirà def l-l i-nf ormaz j-r,ne), nonchè degli artt.18 (rapporti con la stanpa) e 19 (dlvieto di accaparramento di clientela). Occorre osservare che Lt ar1;.z/b de1 decreto Bersanj non liberalizza sernplicemente e totafmente la pubblicità del lravrocat o. ma sancj sce t'abrogazionr. delle d isdos iz i onj lgglelg!f"g_e_r ego l ament a r i che preveclono per le attività

4 rlbgrg--prgfess i ona 1i, fuc l_gft ro : *_,, 1r div iet o, anc he PgrZle19-qa-svolgere-pgqhllglgg_lnformatrva 1e spccial jttaz.ioni circa i titoli e pr(rfcssi ona lj le e J.r.jl ( or Lsr ir-he ds_ servizio offerto, nonchè i costi ed ii prezzo complessivo del1e prestazì.onì., secondo criteri di trasparerìza e verldicit à del mess:rggio. dallrordine,, ll cui rìsper r o_è Igrlltll!,, Dopo 1a premes'sa di cui sopra ui jle e dovenosa, es,.rminiamo ora le, che abblamo ritenuco prevrsioni dei citatr artt.tf, 1/bis, 18 e 19 de1 Coctice deontologicr-) vigenre, estrapolandone i concetti e fissand<r le conseguenti norme cìi c.jmp o rt ame nt o per 1' ;rvvocatc_r, 1 " ) - =-lnf0bl14z!qnq_qq!!14!iiyii4,_professtonale ( art. 1 a)- s9t1".ta professionale, informazi.oni su1l a con c ontenut o e forma coerent i con la finalità della tut e 1a dell'affidamento della collettività, e rrsporìdenti a criteri di trasparenza e veridicì-tà, if rispetto_dei S.ug!1---e- veia!1e e 9 e *4gf SSnpet e nt e csile.gtf e dellr0rdine. b)- l,informazione deve essere verit,ier.a non può riguardare notizie riservate seéîr et o professionale. e o concaeta. e coperte daì c)- I ravvocato non può indicare i1 norne de i propra c I ierrt j, anche_se_guesti_vj._consentano. d)-!-:!!gf1gz:one_deve_r i spe tt e r e_ r f_dec o r o e la d ign it à cìe 11a_profess i one_e_non_può,, _ in_ogn j _c a so. _as sume re*i c o nn ot at i_dg]!g_pg!!]f c j.t à_i nga n n e vo l e, _e 1 og r e!1ya_e conpa rat iva, c onungue tenden t, e*_a lì r ac capa r r ament o qglb-9]lglgglg ( c.me p'ò e,ssere, ad e"senrp ro. ra i.ndicaz j.one di gratuità clelìa pr.ìma consultazione ecl -

5 in genere,.di compensi nanifestamente sproporzionati. al l'at L iv it-à professionale oflferua l. e)- è consentita all'avvocato. a fini norr llnr-orni ttatinne e la qnnnsnri tznt i,'ne di scminarl clt studio, corsi di formazione e dl,convegni i tl discipline cttinenti la professione. f)- è consentita f indicaz j-one del norne di un avvocat, defunto, che abbia fatto parte dello studio, purch espressamente prevista da1 defunto o consentita dagl e i eredi. 2")- = MODALITA' d e I I ' i n f o r m a z i o n e ( artt, 17 bis, 1E e 19) OBBLIGHI da Darte dellravvocato che intende dare lnformazioni di indicare: a)- la denominazione dello studio, dei professionisti che Io compongono, per il caso di esercizio in forma associativa o societaria. it Consigli-o dellr0rdine di iscrizione dei componenti lo studio. 1a sede principale di esercizìo. le sed j. secondarie. con specificazione degl i indirizzi. nume r I telefonici, fax, e sito web, se attivato. rll- titolo nrof r-ls,s i.ona1e deflravvocato straniero che consenta allravvocato straniero I'esercizio in Italia od al.f ravvocato itaìj ano I'esercizio allrestero; secondo 1e previsioni delle direttive comunitarie. FACOLTA I dellravvocato ne L dare informazioni di. indicare ( art. 17 bis ) : b)- c)- a)- b), i titoli accadernici. i dip1oni di specializzaz i nn', r-nn<eorrii i nréqcò ol i isl iluli un-lvcrs-it ar i.: al di f ur,r i di guesr_.1

6 c)- Epee r 1gg_apotesi_non_e_,r9nsen! r9a_a_lcuna_incrlc az i o.e e:_spggfglf z z a z i. one. I'abilitazione ad esercitare avanti le giurisdizioni supcc ror.i. d)-,_:"!r, r j _d i_e se rc 13fe_ge I I _e!!_lr jl A_plgl:, e:fgle ne11'ambito plevaìenli. li ". di questi., eventuaìi matelie.ai attivlt; A tall proposito occorre evidenziare che ne11e ultine versioni del Codice deontoìogico è st.ato elimjnato i1 limite massimo di tre ne11a indicazione delle rnaterie di attività Eirevalente (limlte posto a tutela de11a corretta e verídica informazione), ritenendo che tal-e I : - r! r',rrlc non rrspondesse alla ratio sopra rndicata per g1i studi associati conposti da più colleghi. \-(Jrlturìgueè_é_pur_sempre_da_cons Comunque, è ide r a re_n on_c onforrne_a I decoro, ULL u r.u2_o d ien rgn ità rt à_e_co r reltezz a r_e_sg rggf_ge_v iet a r e,!-."gfggz:"ne_ d i un nume ro eccessrvo e non r i spon de nt!-g-!g!g.!!r-err! err! e cn ic o - sc r e nr a!1g.a_: di-rnlterie c.d, nnewà tè-+ i ::_Ig!-fg_c. d, _prevalent i._spec ie_in_re l az aene_gf n ume r o-de i-c ompo n e nt 1_1g_egggl9_gq_gffc_st rur t u r a 9gf1g-glg4:o_nedesimo: si tratterebbe, net caso, di una evidente violazione delle finalità de11a disposizione, volta a tutelare i1 corretto rapporto con la clientela eventuale e 1a affidabilità ne11a idonea preparazione tecnica dell,avvocato. e ) * le lingue conosciute, if logo dello sbudio e estreml delfa poltzza assicurativa per ì - responsabilità f)- l" certificazione giustificativo professionale. di qualità dello studio, secondo i1 e le norme di riconoscrmento da parte de1ìo Stato J da depositare presso i1 Consiglì-o de 1l,Ordine. 3' ) - lqq$lql{q:_i\qetsl]_l_ql4ut4l]_e_pqqulf9.a 1e3, _v qtr e.

7 Nel caso di diffusione attraverso organi di stanrpa, o televisívi, di comunicati di informazione sullrattività professionale, o attraverso la diffusione dì lr:candine,, inserti ci stampati vari, occonre valutare le seguenli cir<:ostanze, assai ricorrenti, che_possono_cc,nfliggere con i doveri di decoro, dignità, traspafenza e con il 4. ffg!" 41 ac c apa rr ament o di cìientela. (così cone prîy r.=t e_nel 'arr, I.., de I Cod i ce I : - 1e locandine, g11 inserti, 91i stampati devono avere una veste tipografica corretta e sobria: non sono consentite 1e pubblicazioni a piri colori. con riquadrature ripetute e caratterizzazj.onl grafiche e cromatiche finalizzate ad attirare I'attenzione de1 pubblico, che esulano da1 carattere de11a normaìe j nformazione, con forme proprie della pubbl icità commerciale. - 1e locandine., inserti e stampati debbono essere localizzati nella pubblicazione a1 di fuori di ogni contesto e di stretta vicinanza di altri avvisi di pubblicità commerciale, e lravvocato deve vigilare aff j-nchè tale ipotesi non si verifichi. - nelle pubblicazioni suddette possono essere indicati a settori di attività prevalente, nei limiti sopra prevì.sti a1 punto 3o. ut tlt-zzc.t u Ì.t irn i a)- Le rnodalità de1la pubblicazione debbono essefe sobr"1e ed essenziali, evitando i I r.icorso acl immagì n I figrrrative e caratt,er izzaztont crornatiche propri e della pubb1i-cità commerciale. 4")- b)- LravvocaLo può rrr ilrizzare esr-lusiramfnt p s it i rve b con domin i fgpfàl*e_q a rett anre nt e ri conduc ib i1i atla sua*pers('na o all,, stud j.o associato o a1la società di

8 avvocat j. d.i cui f a parte. cr Lravvocato deve preventivamente Consiglio ds Il rord ine di apparlencnz.r la forma od t1 conrunicare a1 contenutò del slto, E--g'rse!! g-g!9-1f-g9n s rgr a o-ge 1f _q. q r.g_può _e _cre v e v a 1ut a re_1 a_r i spon den zg_g9l_991!9!g!9_gg1_e1!e_g1r " p. e v r s i on i *ar_g"r_ggt i_a rtt _lz_ulg_._ll_9_19_qi_! g."g.cr_gg."ntologlco ( inf ornazioni e.loro modalità _ rapporti con la stampa e divieto ctj. accaparramento della cìientela ). e)- d)- L ' a vvoc at o_è_!e spolegqlfg_gg]_c ont e nut o_de 1_.s it o, _ne 1 qua le_devono_essere_ing.c"9._r_gg! 1_g1_egr_a1_pr conma_de tf ' ert:!z_bre_f.prerese"lr_pg!gt_?:]_9_3:l-. Tl*s i t o_n on_può_c ont ene r e_r i fe r iment i_c onrmefels l r_ele imcr pubq!. c1lelli mediante 1 r i n d i c a z r r_., n e diretta, o tramite banner o pop_up di alcun tipo, s' ) - ruiqqb4{t!_lperessclf_e_get_leeefl_gelle*elsgte). I1 problenra della liceità della pubbticazione fotografì a defl r avvocato, e/o dei loca1i de1 suo della studio, ha dato luogo dj recente a soluzioni contrastantl'. Il ConsigÌio dell'ordine di Bologna, con <ielibera 29/9/1997, non aveva ritenuto censurabi.le la pubblicazione de.lfa fotografia in occasj one clel rilascio di- una inter.vrsra. rì ll $'t'r'..o,t il parere 16/7/r99g, aveva rnvece ritenpto che 1a pubblicazione de11 'avvocato della f ot.ograf ì a e cle.i local i cìello studio dovesse ritenersi incompatibile con le prevision_r dell I art-.17 dell iallora vigente codice. l1 Consiglio rlellrordine cli Torino) nel rrspetto di un rigido divieto cti pubblicità per Ì,avvocato (pur dopo

9 1 rabolizj.one di tale divieto operata con t a modifj-cazione del detto arl. LJ ) elencando ne11a sua delibera 22/3/ZOOO le modalità.. cli.ini-ormazione consentrte r aveva ritenuto non opportuna,ralcuna rappresentazione fotografica delfo stuifio e <ìegli assoc iat i'ì. L I avv. Remo Danovi, ne1 suo Comnentario sulli, ordin.?mento professionale, riteneva',accettabile,, la pubblicazlone del1e foto dei componenti lo studio. I1 C. N. F, j n data 30 Maggio 2000, comnentando Ìe rntervenute modif ictre deì Codice sufle nodalità di informazione, aveva predisposto una bozz,a di regolamento ne1 quale erano indicate come consenttte anche le fotografie. l1 vigente Codlce deontologico. approvato in data 14/12/2006 in adeguamento a1le previsioni di cui all'art.2b del Decreto tegge 4/7/A6 n.zzl (c,d. Decrero Bersani) non ha espressamente escluso nelle rnodalità di informazioni 1a pubblicazione di fotografie ) pur riconfermando che I'informazione deve rispettare la dignità ed i1 decoro, mai as.sumendo i connotata deìla pubblicit-à ingannevole, elogiativa e comparativa. In conclusione, si ritiene possa essere lecitamente pubblicata. in sede di informativa, Ia foto de1l'avvocato e/o dei Locali delfo studio) purchè vengane_g:at e_f orme_gr4f íche sobrie ed essenziali ev it a n d o pr o spett ive e d. lsca gr arne nt j. pa rt i c o I a r i. n onc h è i n se r irnent i r1pe9.gf qe lla*_rappre se nt an z i one de 11a _pe r son a_e d_ev j.tallqg_q._gy=qen q_!g_!!fg!gure_d eg1 i_uf f ic i, *c pubbì ic jt à commerc ia l e. z i a r e_le_4fryrl::"r. on_mogql a! e_pr eprle_qe!!g o " ) - 8Al9qtsIl_sel_Ie_EIAU 4_!3r!.!gl

10 10 Il citato art ' 18 premette che nei rapporti con 1a stanrpa e con atrl mezzi dt- informazione I'avvocato deve ispirarsi a cr j-teri di equilibrio e fiisura, rispettando i d<rveri- di discrezi-one e riserva1-ezza' In ogni caso, oltre quanto- già espresso'al riguardo ne1 precedente punto 3", è fatto divieto afl'avvocato dí errîalízzare la propri.a capacjtà professionale e cli spenclere il nome dei propri clienti (art'18-ii)' consentibo all'avvocato) previo: parere f avor-evole del Consiglio dell'ordine, cti "tenere o crr'rare rubriche fisse su organi di stampa con Irindicazione del proprro nome e di partecipare a rubriche fisse televisive o radiof on iche 'ì. Quanto sopra) è evid.ente' nel rispetto <1ei valori di dignità, decoro e riservatezza ) Particolarmgl!9-99! divieto di acc apar ramentg--d] clientela di cui all' art. 19 7' )- S!yl9!9-Ér [q\!q-g!-qlL9\!9l4-!er9:!9] Non è consentita a11 'avvocato ogni condott'a diretta allracquisizione del rapporto di clienlela'!rer vi.etato allravvocato offrire, sia <1ì rettamente cne per ir1- e rpò st a Persona, 1e proprie PrestazLonlprofessionali al <lonicilio degli utenti, nei luoghi di lavoro, di riposo o di svago e) in generale, in luoghi pubbtici o aperti al pubblico" ( art ' 19-1II ) ' altnesì vietato allravvocato offrire ' senza esserne richiesto, una prestazione personalizzata e " cioè, rivolta a una persona determinata per uno specifico affare " (art.19-iv) ' Le prevrsl onr de11 ' art. 19 del codice ) sopra testualmente riportate ' sono assai chj are e Prec ise: ertan!o lrinformazione consent i ta sulla attività

11 11 profe ss ionale deve rigorosanente r pre v L s f onr_1n_oggert, o. i spet t a r e* 1e Abbiamo cercato di = =OoO== esporre in modo chiaro ecl evidente qual i sono.le modalità di informazione consentite e quelle non c on sent i.tre. R i cord i-lrno. infjne, che 1a corretta inf ormazi.one dellravvocato su l1a sua attività professj-onale è di importanza rilevante per rappresentare allresterno la propria conpetenza spec j-f ica e I'idoneità di struttura def suo studio,' nellrambito de1la trasparenza e dell'affidabilità che deve lravvocato ed il suo cliente. informare il rapport<r fra entano, fndi C E Premessa - pagg.1-4 1o)-- Informazrctne (art.17) - paeg o ). Modalj tà informazj one ( a(lt.!j, pags.5-6 3" )- Locandine, inserti, stampati vari. 1/bìs, 18 19) - pag. 7 4" )- Siti Web (artt,. 17bis - ultirno comma) pagg. / - E 5" )- I'ot,,c.rarie - pagg.8 u ó' ) - Rapport i con la Star,rpa ( art, 18 ) - ;o )- Accaparr'ílmcntrJ c I icnlel n - DivieLo pag.10 ( art. 19 ) pagg 10-11

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA UTILIZZARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI DI PATROCINIO E DIFESA DEL COMUNE DI BACOLI IL RESPONSABILE Vista la deliberazione

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola)

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola) Allegato 'l (denominazione sede d6lla scuola) 1ll veabale deve essere redatlo in UNICO originale, che dovra ess rc depos ato paesso la segreteria dell'istituzbne scolastica. Una copia detto stesso, tramite

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA MI IV I S'TtA D E ()) ND NI 11 i. fin /~ j>j ee I?~ it S'lo;J[.~i/f r tis«,t..;ii'\.'j1lefjr:ll~ S'IAT~ ptw)t 60 (?P~GL.2, /7- J2bJ( MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Medical devices -------

Medical devices ------- Master in discipline regolatorie Medical devices ------- 1 a edizione Presentazione Il mercato dei dispositivi medici risulta sempre piu complesso e richiede alle aziende che operano nel settore di possedere

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

t/f DIPARTIMENTO DI SCIEAIZE CHIMICHE

t/f DIPARTIMENTO DI SCIEAIZE CHIMICHE Università degli Studi di Messina UNMECLE - Dipartimento Ci Scienze ChÍmiche Pr't" n"...r..!...p-.j...f,n,u,n",.r.. -.:,,.),1{i_ liei.-l:..*../...y...!...'/.*x.*.:ì Università degli Studi di Messinai 'iir,,dr..nli.j2-r,,frro

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli