L INFORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI AVVOCATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INFORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI AVVOCATI"

Transcript

1 L INFORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI AVVOCATI alla luce della disciplina del Codice Deontologico Forense e delle Linee Guida dell Unione Triveneta dei Consigli degli Ordini degli Avvocati in materia di pubblicità informativa di DANIELA BENEDETTI Avvocato nel Foro di Pordenone e di FRANCESCO CASAROTTO Praticante Avvocato nel Foro di Pordenone Relazione tenuta al convegno dell AIGA sezione di Pordenone l sul tema «Determinare il compenso, maneggiare il denaro del cliente, relazionarsi con gli operatori, farsi pubblicità: quali limiti?».

2 1. INTRODUZIONE Le ultime modifiche al Codice Deontologico Forense sono state apportate il 14 dicembre 2006, in attuazione della legge 4 agosto 2006, n Tali modifiche hanno inciso in particolar modo sulla disciplina delle informazioni sull attività professionale: in passato, infatti, il codice deontologico vietava le informative pubblicitarie per gli avvocati. Può essere significativo a questo proposito anche solo un veloce raffronto tra la prima frase dell art. 17 della versione originaria del codice deontologico (quella approvata nel 1997 recitava: E vietata qualsiasi forma di pubblicità dell attività professionale ) e nella versione risultante in seguito alle ultime modifiche ( L avvocato può dare informazioni sulla propria attività professionale ). Questo è il risultato di una continua evoluzione della professione nel senso di una sempre maggiore concorrenzialità. Le ultime modifiche, in particolare, sono volte a porre una serie di parametri cui devono commisurarsi le informazioni sull attività professionale. Va sottolineato come tali parametri non siano altro che un esplicazione ragionata dei principi vigenti nell intero ordinamento deontologico. Da questo punto di vista, si nota a volte uno scollamento tra l idea della professione che traspare dalla struttura stessa del codice deontologico e dall ordinamento forense e l impianto di determinate realtà professionali. Pare opportuno allora ripercorrere il testo degli art. 17 e 17-bis c.d.f., che regolano la materia: Art. 17 Informazioni sull attività professionale. L avvocato può dare informazioni sulla propria attività professionale. Il contenuto e la forma dell informazione devono essere coerenti con la finalità della tutela dell affidamento della collettività e rispondere a criteri di trasparenza e veridicità, il rispetto dei quali è verificato dal competente Consiglio dell Ordine. Quanto al contenuto, l informazione deve essere conforme a verità e correttezza e non può avere ad oggetto notizie riservate o coperte dal segreto professionale. L avvocato non può rivelare al pubblico il nome dei propri clienti, ancorché questi vi consentano. Quanto alla forma e alle modalità, l informazione deve rispettare la dignità e il decoro della professione. In ogni caso, l informazione non deve assumere i connotati della pubblicità ingannevole, elogiativa, comparativa. I. Sono consentite, a fini non lucrativi, l organizzazione e la sponsorizzazione di seminari di studio, di corsi di formazione professionale e di convegni in discipline attinenti alla professione forense da parte di avvocati o di società o di associazioni di avvocati. II. È consentita l indicazione del nome di un avvocato defunto, che abbia fato parte dello studio, purché il professionista a suo tempo lo abbia espressamente previsto o abbia disposto per testamento in tal senso, ovvero vi sia il consenso unanime dei suoi eredi. Art. 17bis Modalità dell informazione. L avvocato che intende dare informazioni sulla propria attività professionale deve indicare: la denominazione dello studio, con la indicazione dei nominativi dei professionisti che lo compongono qualora l esercizio della professione sia svolto in forma associata o societaria; il Consiglio dell Ordine presso il quale è iscritto ciascuno dei componenti lo studio; la sede principale di esercizio, le eventuali sedi secondarie ed i recapiti, con l indicazione di indirizzo, numeri telefonici, fax, e del sito web, se attivato. il titolo professionale che consente all avvocato straniero l esercizio in Italia, o che consenta all avvocato italiano l esercizio all estero, della professione di avvocato in conformità delle direttive comunitarie. Può indicare: i titoli accademici; i diplomi di specializzazione conseguiti presso gli istituti universitari; l abilitazione a esercitare avanti alle giurisdizioni superiori; i settori di esercizio dell attività professionale e, nell ambito di questi, eventuali materie di attività prevalente; le lingue conosciute; 1

3 il logo dello studio; gli estremi della polizza assicurativa per la responsabilità professionale; l eventuale certificazione di qualità dello studio; l avvocato che intenda fare menzione di una certificazione di qualità deve depositare presso il Consiglio dell Ordine il giustificativo della certificazione in corso di validità e l indicazione completa del certificatore e del campo di applicazione della certificazione ufficialmente riconosciuta dallo Stato; L avvocato può utilizzare esclusivamente i siti web con domini propri e direttamente riconducibili a sé, allo studio legale associato o alla società di avvocati alla quale partecipa, previa comunicazione al Consiglio dell Ordine di appartenenza della forma e del contenuto in cui è espresso. Il professionista è responsabile del contenuto del sito e in esso deve indicare i dati previsti dal primo comma. Il sito non può contenere riferimenti commerciali e/o pubblicitari mediante l indicazione diretta o tramite banner o pop-up di alcun tipo. Si può notare come tali articoli si riportino chiaramente ai principi generali contenuti nel Codice Deontologico Forense. È anche per questo motivo che pare opportuno ripercorrere i principi posti alla base della libertà di informazione sull attività professionale. L art. 17 c.d.f., infatti, si riporta innanzitutto ai generali principi di verità e trasparenza (art. 14 c.d.f.), dignità e decoro (art. 5 c.d.f.), segretezza (art. 9 c.d.f.). Venendo alla disciplina specifica, inoltre, l art. 17bis fissa alcune informazioni obbligatorie, che devono essere indicate in ogni informativa professionale: la denominazione dello studio e l indicazione dei nominativi dei professionisti che lo compongono, il Consiglio dell Ordine di appartenenza di ciascun componente, la sede o le sedi dello studio, con i vari recapiti, nonché il titolo professionale che consente all avvocato straniero di esercitare in Italia (o viceversa). Altre informazioni sono invece solo eventuali, e possono riguardare titoli accademici, specializzazioni, abilitazioni, settori di esercizio dell attività, lingue conosciute, logo dello studio, estremi della polizza assicurativa per la responsabilità professionale, l eventuale certificazione di qualità dello studio. È previsto dunque un modello standard dell informativa, con un contenuto minimo ed uno più ampio. È lecito chiedersi se l esplicita previsione delle informazioni sull attività professionale abbia effettivamente liberalizzato la pubblicità professionale, costituendo una netta modifica nella considerazione della professione, ovvero se non abbia costituito soltanto una modifica di dettaglio del tutto coerente con l impianto tradizionale del codice deontologico. È significativo a questo proposito notare che, mentre l originaria versione del codice vietava la pubblicità, ciò che viene disciplinato ora sono le informazioni sull attività professionale. Ed in effetti è lo scopo puramente informativo, non quello pubblicitario, ad essere sempre sotteso alla disciplina vigente. Lo si può evincere non soltanto dalla rubrica dei due articoli in commento, ma, più in generale, dai principi cui le informazioni devono adeguarsi e dal contenuto previsto per esse: a percorrere l indicazione degli elementi minimi e di quelli eventuali dell informazione, infatti, non pare restare spazio per caratteri propriamente pubblicitari. Ed è questo, probabilmente, il punto focale per una corretta interpretazione dell attuale disciplina, che si ricollega, necessariamente, alle motivazioni che hanno portato all apertura allo strumento dell informazione sull attività professionale, in origine del tutto escluso. Se la finalità è quella di fornire al cliente la possibilità di orientarsi in modo più consapevole e garantito tra le offerte di prestazioni professionali, la cosiddetta pubblicità per l avvocato deve essere solo di carattere informativo e mantenersi nei limiti di strette correttezza, trasparenza e veridicità, senza mai tradursi in uno strumento di manipolazione e scorretta captazione di clientela. 2

4 A tal proposito, non è un caso, quindi, che sia espressamente disposto che l informazione non debba mai assumere i connotati della pubblicità ingannevole, elogiativa, comparativa (ed è questa l unica frase nella quale viene usato il termine pubblicità), nonostante una fonte normativa (l art. 4, d. lgs. 2 agosto 2007, n. 145, in attuazione della direttiva europea /Ce) ritenga espressamente lecito anche tale tipo di pubblicità. Che poi, effettivamente, questo tipo di informazione pubblicitaria si possa tradurre in un concreto vantaggio per la clientela, in particolare per una clientela comune, che si rivolge all avvocato per la soluzione di problemi quotidiani, spesso in una situazione d urgenza, è un altro delicato discorso, che non può essere approfondito in questa sede. 2. OSSERVAZIONI GENERALI SULLE PUBBLICAZIONI ESAMINATE Nelle pubblicazioni esaminate è stato possibile rinvenire alcuni schemi tipici di annunci pubblicitari, che si ripetono nel tempo ed ai quali è possibile ricondurre la maggior parte degli annunci stessi: si va da annunci estremamente scarni ed essenziali (nome dell avvocato e recapiti dello studio) ad altri via via più dettagliati, fino ad arrivare ad annunci più estesi e complessi. Colpisce subito che, in base ad una rigorosa applicazione dell art. 17bis c.d.f., pochissimi sono gli annunci che possono essere considerati pienamente in regola. Ancora prima, infatti, di valutare il merito degli annunci, esaminandone il contenuto alla luce dei doveri di correttezza, decoro, trasparenza e veridicità, si rileva come manchino sovente alcune indicazioni di carattere formale che, come già ricordato, la norma prevede l avvocato debba obbligatoriamente fornire laddove intenda dare informazione sulla propria attività professionale. Ci si riferisce, in particolare, alle previsioni dell art. 17bis del novellato codice deontologico che impone la necessità di indicare, con la denominazione dello studio, i nominativi di tutti i professionisti che lo compongono qualora la professione venga esercitata in forma associata o societaria e, in ogni caso, il Consiglio dell Ordine presso il quale è iscritto ciascuno dei componenti dello studio. Di rado si riscontrano dette informazioni, anche negli annunci che più si caratterizzano per una finalità solo informativa e che, quindi, risultano nella sostanza più aderenti allo spirito della disciplina. Pare evidente, che, di fronte a tali violazioni, fondamentale diventa il rilievo che si intende dare alle indicate previsioni: laddove si ritenga che, in quest ambito, anche la forma sia in qualche modo sostanza e che il rispetto di detti vincoli sia garanzia di informazione trasparente e veritiera, anche il venir meno di indicazioni di carattere formale assume rilevanza sotto il profilo deontologico e disciplinare, mentre ove si ritenga che contino maggiormente lo spirito complessivo con il quale viene fornita la comunicazione ed un contenuto nella sostanza corretto, le indicate violazioni formali possono apparire di ben poco conto. Deve anche, comunque, essere osservato che molte delle violazioni di questo genere paiono dovute più a disattenzione o ad una scarsa conoscenza dettagliata delle norme che ad una volontà di trasgredirle: d altro canto, in particolare per quanto concerne le ricordate mancanze di carattere formale, non si vede proprio perché un avvocato consapevole dell obbligatorietà di determinate indicazioni dovrebbe volontariamente ometterle. Altre volte, ci si è chiesti se i difetti di alcune tipologie di annunci siano da ricondurre alla predisposizione di schemi standard da parte delle riviste o dei siti internet che offrono spazi pubblicitari: la ricorrenza, infatti, di alcuni elementi pare deporre in tal senso. Il frequente ricorso ad alcune formule (si pensi 3

5 alla sovrabbondanza di specializzato ), pertanto, sarebbe in tali casi da attribuire alla poco ponderata adesione a modelli preconfezionati piuttosto che ad autonoma consapevole scelta del professionista. In generale, la sensazione che si ha dalla ricerca svolta è quella che, il più delle volte, vi sia stata una certa leggerezza nell approccio allo strumento informativo, più che una volontà di manipolarlo per trarne dei vantaggi non leciti: ciò spiegherebbe, tra l altro, anche l altissimo numero di annunci che si pongono sulla linea di confine tra la correttezza e la scorrettezza deontologica. Resta, certamente, la considerazione che dev essere onere di chi decide di servirsi di uno strumento quello di informarsi sulle corrette modalità del suo utilizzo: pare, però, molto opportuna un opera di informazione e sensibilizzazione in merito a questo delicato tema. 3. IL PROBLEMA PIÙ FREQUENTE: SPECIALIZZAZIONE E SETTORI DI ATTIVITÀ Il problema che si riscontra più frequentemente nelle informazioni professionali esaminate è una certa confusione tra i concetti di specializzazione e di settore di attività prevalente, che ai sensi dell art. 17bis c.d.f. sono nettamente distinti. La disciplina deontologica prevede, tra le informazioni che l avvocato può dare, quelle concernenti sia i diplomi di specializzazione conseguiti presso gli istituti universitari, sia i settori i esercizio dell attività e, nell ambito di questi, eventuali materie di attività prevalente. Capita spesso di trovarsi di fronte ad avvocati asseritamente specializzati in diritto civile e/o penale : dal tenore di simili annunci pare evidente che con tale espressione essi intendano semplicemente dichiarare il proprio settore di attività. Da un punto di vista interpretativo, ai fini dell analisi della correttezza o meno di simili informative, è quindi necessario stabilire se sia accettabile tale utilizzo del termine specializzazione, ovvero se con esso si debba indicare necessariamente il possesso di un apposito diploma, come pare più verosimile viste le espressioni usate dal Codice. Quanto all indicazione dell attività prevalente, la previsione del c.d.f. andrà presto integrata con le nuove disposizioni sulla formazione continua degli avvocati (vedi Consiglio Nazionale Forense, Regolamento formazione continua 16 luglio 2007 n. 25-C/2007, e Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati, Regolamento Uniforme per la formazione continua, approvato dall Assemblea dei Presidenti a Trieste il 20 ottobre 2007). Secondo il regolamento del Consiglio Nazionale Forense, infatti, con decorrenza dal 1 settembre 2008 l indicazione degli ambiti di esercizio dell attività prevalente potrà correttamente essere spesa in qualsiasi comunicazione ai terzi o al pubblico solo dall avvocato che sia in regola con l adempimento del dovere formativo, che, ai sensi dell art. 2, comma 5, Reg. Form. Cont., dovrà consistere nel conseguimento di almeno 30 crediti formativi nell ambito di tale settore. A partire da tale data, dunque, qualunque menzione di un ambito di attività prevalente sarà condizionata dal rispetto di questo prerequisito. È, poi, prevista una norma transitoria (art. 11, comma 5, Reg. Form. Cont.) in base alla quale, per il primo triennio di valutazione, per la corretta spendita delle informazioni relative all attività professionale prevalente sarà sufficiente aver conseguito nei 12 mesi precedenti 10 crediti formativi nell ambito di esercizio dell attività professionale che si intende indicare. Dette disposizioni, che fanno riferimento agli ambiti in cui si comunica di esercitare l attività professionale prevalente (art.1, comma 3, Reg. Form. Cont.) potrebbero creare qualche difficoltà di 4

6 coordinamento con quanto previsto dal codice deontologico che, all art. 17bis, distingue i settori di esercizio dell attività professionale e, nell ambito di questi, le eventuali materie di attività prevalente. Per la corretta applicazione della norma deontologica, sarà pertanto necessario definire, in via interpretativa, se il termine ambiti sia sovrapponibile a quello, più ampio, di settori o a quello, più ristretto, di materie, con la conseguenza che nella prima ipotesi i crediti da conseguire saranno relativi a tutto il settore di esercizio dell attività, ma in assenza dei prescritti requisiti non sarà possibile nemmeno dare generiche indicazioni sul settore stesso, mentre nella seconda dovranno essere riferiti alla specifica materia di attività prevalente, che, in difetto, non potrà essere espressamente indicata, restando però salva la possibilità di dare indicazioni sul settore di esercizio dell attività professionale. Anche per questo motivo, l Unione Triveneta degli Ordini degli Avvocati, nel parallelo regolamento approvato il 20 ottobre 2007, ha apportato alcune rilevanti modifiche alla disciplina sopra descritta, indicando espressamente sia le aree base (civile, penale, amministrativo, metodologia giuridica e vita e attività forense), sia alcune aree più circoscritte, prescrivendo che chi voglia indicarle, ai sensi dell art. 17-bis c.d.f., debba aver conseguito nel triennio precedente almeno 27 crediti in ciascuna di esse. Si riporta di seguito il testo della seconda parte dell art. 2 di tale regolamento: Ogni iscritto sceglie liberamente gli eventi e le attività formative da svolgere, in relazione alle proprie esigenze professionali; tuttavia ai fini e per gli effetti di cui all art. 17bis del codice deontologico, sono individuate alcune aree base in conformità alla ripartizione tradizionale dell attività professionale forense: a) civile, b) penale e c) amministrativa, nonché d) metodologia giuridica ed e) vita ed attività forense. L iscritto che svolge la sua attività in una o più delle aree base (civile, penale ed amministrativa) dovrà conseguire nel triennio non meno di 30 crediti per ognuna delle aree nelle quali egli ritenga od intenda sia ricompressa la sua attività professionale. All interno di ciascuna area base sono altresì individuate aree più circoscritte, quali (a mero titolo esemplificativo): nell area civile: civile-commerciale-fallimentare; civile famiglia-minori; civile locazioni-condominio; civile lavoro; civile assicurazioni e responsabilità civile nell area penale: penale criminale; penale dell economia (false comunicazioni sociali, bancarotta fallimentare, diritto ambientale); nell area amministrativa: tributario. L iscritto che, avvalendosi della facoltà prevista dall art. 17bis del Codice Deontologico, intenda indicare l attività prevalente, avrà l onere di maturare almeno 27 crediti formativi nel triennio in tale specifica area. Se l iscritto ritiene ed intende che la sua attività professionale sia ricompressa, oltre che, naturalmente, nell area base anche in una o più aree circoscritte, dovrà maturare 27 crediti per l area base e 27 crediti per ognuna delle predette aree circoscritte. Indipendentemente dalle scelte che precedono, con riferimento alle singole aree base od a quelle circoscritte, ogni iscritto dovrà maturare non meno di 9 crediti formativi aventi ad oggetto l ordinamento professionale e la deontologia, la metodologia giuridica e la vita ed attività forense. L adempimento dell obbligo formativo costituisce presupposto indefettibile per la indicazione del settore di attività prevalente ai sensi dell art. 17bis del codice deontologico. 4. GLI ARTICOLI PUBBLIREDAZIONALI Un discorso a parte meritano i cosiddetti articoli pubbliredazionali : veri e propri annunci a pagamento che vengono pubblicati con la forma di articolo giornalistico o intervista. 5

7 È evidente che essi, essendo comunque messaggi pubblicitari, sono sottoposti integralmente alla disciplina degli artt. 17 e 17bis: non si può infatti pensare di ricorrere a tale forma di pubblicità per svincolarsi dal necessario rispetto della disciplina in materia di informazioni professionali. Essi possono rivelarsi problematici sotto due distinti profili. Da un alto, infatti, sovente nella prassi essi vengono pubblicati senza alcuna indicazione della loro natura pubblicitaria: tali modalità, essendo radicalmente difformi da quelle previste dal codice deontologico, devono considerarsi del tutto vietate. Simili strumenti, infatti, finiscono per ricadere nell ambito della pubblicità ingannevole, proprio perché non consentono ai destinatari di riconoscerli immediatamente come messaggi pubblicitari. Oltre a ciò, va rilevato che tali articoli presentano spesso anche altri profili di illegittimità deontologica, per quel che concerne specificamente il loro contenuto: è infatti particolarmente elevato il rischio di presentare espressioni puramente elogiative, di riportare menzione dei clienti dello studio o di specializzazioni, etc.. A parte i casi più eclatanti (chiarissimi esempi ne sono gli articoli apparsi su Dossier Friuli Venezia- Giulia, allegato al quotidiano Il Giornale, che qui non si riportano per brevità), vi sono molti articoli che destano sospetti in questo senso: solo un accurata verifica può in tali casi consentire ai Consigli dell Ordine di accertarne la reale natura. 5. I SINGOLI ANNUNCI Sono state esaminate le seguenti pubblicazioni: - Top Legal mesi di febbraio, maggio, giugno, settembre, ottobre e novembre 2007; - Guida Avvocati Business Edition; - Dossier Friuli Venezia Giulia, allegato al quotidiano Il Giornale e dei seguenti siti internet: alla luce degli artt. 17 e 17bis del codice deontologico forense, come modificato il 14 dicembre 2006 in attuazione della legge n. 248/2006, e delle linee guida dell Unione Triveneta dei Consigli degli Ordini degli Avvocati in materia di pubblicità informativa. Tutti gli esempi di seguito riportati sono tratti dalle fonti qui indicate. Tali annunci (o meglio, annunci-tipo ) sono stati suddivisi in tre categorie: 1. corretti (nei quali non si riscontrano possibili violazioni o si riscontrano lievi irregolarità formali); 2. non corretti (nei quali le violazioni sono evidenti); 3. incerti (nei quali sussistono alcuni profili problematici, pur in un impianto generalmente adeguato). A - Annunci corretti Sono annunci nei quali è evidente la finalità esclusivamente informativa: forniscono dati sul professionista, sullo studio, sulle attività prevalentemente svolte. 6

8 In considerazione di questa evidente finalità, sono stati considerati corretti anche annunci che presentavano alcune irregolarità di carattere formale, alle quali è già stato fatto riferimento: d altra parte, se si fosse scelto di considerare scorretti anche questi ultimi, soltanto un numero veramente esiguo di annunci avrebbe potuto essere ritenuto deontologicamente ineccepibile. Gli annunci qui presi in considerazione ricalcano alcune tipologie standard. I - annunci del professionista singolo o associato -, che si limita a fornire i propri recapiti. In tutti questi esempi l essenzialità delle informazioni date si riflette anche nel basso profilo dell impatto grafico: la struttura molto semplice fa emergere con ogni evidenza il loro scopo meramente informativo. II - annunci con informazioni più dettagliate: ambiti prevalenti di attività, zona geografica di operatività ed eventuale disponibilità agli spostamenti, disponibilità per domiciliazioni, conoscenza di lingue straniere, anno di inizio dell attività, l eventuale abilitazione al patrocinio presso le giurisdizioni superiori. In casi molto rari, indicazione di specializzazioni universitarie (con indicazione specifica del titolo di conseguimento) e di certificazioni di qualità (è ovvio che in situazioni simili l attenzione dovrà spostarsi sulla verifica della veridicità di quanto affermato dal professionista, veridicità che può essere accertata solo dall Ordine degli Avvocati). Si noti che in questi annunci si dà conto, pur in modo sobrio, oltre che delle informazioni base, anche di ulteriori informazioni facoltative, quali i titoli universitari del titolare, l affiliazione ad enti o associazioni che viene ricordata, si noti, accanto all obbligatoria indicazione dell Ordine di appartenenza -, nonché dei settori di esercizio dell attività professionale e, in tale ambito, delle materie di attività prevalente. 7

9 Anche qui spicca l apparente mancanza di qualsivoglia tentativo di captazione della clientela: gli avvocati si sono infatti limitati a compilare uno schema predisposto per l inserimento dell informativa nel database del sito, senza aggiungere nulla che non fosse indispensabile. Si noti, in questo caso, anche la stretta osservanza delle disposizioni relative al contenuto obbligatorio degli annunci: sono presenti infatti, oltre ai recapiti dello studio, sia l indicazione del foro (che può considerarsi equivalente a quella dell Ordine di appartenenza), sia quella dei componenti dello studio. Quanto alle materie, tale indicazione pare in linea con quanto previsto ad oggi dal c.d.f., sia perché non si presta all equivoco specializzazione/attività prevalente, sia, soprattutto, perché le materie indicate paiono essere complessivamente (dato anche il numero di professionisti che compongono lo studio) abbastanza circoscritte da dare a tale indicazione una qualche effettiva rilevanza. III - annunci più strutturati: pur avendo carattere complesso, non si discostano dalla finalità informativa. Sono in genere riferiti a realtà più grandi, di tipo aziendale, spesso inseriti in circuiti internazionali. Questo annuncio, pur di contenuto ed aspetto grafico più propriamente pubblicitario rispetto ai precedenti, si presenta in modo complessivamente corretto, senza derogare dunque alla necessaria finalità informativa. 8

10 Questa pagina si presenta come più complessa e strutturata rispetto alle precedenti. Pur presentando alcune già sottolineate frequenti violazioni formali (manca l indicazione dell Ordine di appartenenza, nonché dei nominativi di tutti i professionisti associati), mantiene un impianto essenzialmente informativo, con la comunicazione abbastanza circostanziata dei settori e delle materie di attività prevalente. Anche il ricorso ad espressioni vagamente elogiative ( rappresenta un importante realtà ; vanta una significativa esperienza ) non pare superare un accettabile presentazione in termini positivi dell attività svolta, anche perché tali espressioni si riferiscono a dati ed esperienze oggettivi che, pur correttamente non esplicitati nell annuncio, possono essere verificati dal competente Consiglio dell Ordine, onde escludere il carattere di ingannevolezza di quanto indicato. In questo caso abbiamo uno dei pochissimi esempi di corretta spendita del termine specializzazione : per entrambi i professionisti, infatti, vi è l indicazione specifica delle scuole di specializzazione frequentate e dei diplomi conseguiti. 9

11 Si noti come questo annuncio si presenti corretto pur nella sua complessità: oltre alle informazioni obbligatorie ne fornisce in modo sobrio di ulteriori, tutte oggettivamente verificabili, che possono effettivamente orientare la clientela nella scelta di un legale, senza trascendere in scorretti tentativi di captazione della clientela stessa. Va sottolineato come annunci di questo tipo si prestino in particolare a studi che si occupano di diritto societario e commerciale, spesso in via stragiudiziale. B Annunci non corretti Sono annunci nei quali manca del tutto l intento puramente informativo previsto dallo spirito della disciplina deontologica, pur senza arrivare al caso estremo e difficilmente qualificabile del cartello visibile nelle strade di una città, appeso ad un palo, e recante la scritta, a mano, Avvocato divorzista seguita dal numero di telefono dello stesso. In particolare si riscontrano, per esempio: - annunci del tutto carenti degli elementi che l art. 17 c.d.f. considera indefettibili; - descrizioni meramente elogiative; - annunci che recano l indicazione, non suffragata da alcun altro elemento, di varie e vaghe specializzazioni. Bisogna ricordare comunque che, come già notato, moltissimi annunci presentano questa caratteristica, anche se paiono denotare una sorta di incomprensione del concetto stesso di specializzazione più che una vera e propria volontà di ingannare (si usa il termine specializzazione come sinonimo di ambito di attività prevalente ); - annunci, più rari, che recano l indicazione dei clienti dello studio. Si è deciso di analizzare gli esempi uno per uno, con un breve commento, perché molti di essi presentano più profili di problematicità. 10

12 Ecco il tipico esempio di pubblicità elogiativa: viola infatti la propria finalità informativa omettendo pressoché qualunque dato oggettivo e soffermandosi soltanto su una aggettivazione autocelebrativa ( garanzia di eccellenza ). Anche questo è un classico: non si vede infatti quale rilievo potrebbe avere l assistenza specialistica. Delle due l una: o si tratta di effettiva specializzazione nelle materie indicate (ed allora l indicazione è comunque carente delle specifiche informazioni richieste dal c.d.f.) oppure si riduce ad un mero commento elogiativo e superfluo. Si notino, anche in questi casi, oltre all assenza di informazioni essenziali (ad esempio, nel primo caso, qualsivoglia indicazione relativamente ai ben 25 avvocati di cui lo studio si compone), le espressioni puramente elogiative e prive di carattere informativo ( garantisce una specializzazione di eccellenza ; assistenza di prim ordine e specializzazione trasversale nei più svariati campi del diritto ; risultato una formula vincente e guardato con grande interesse ). 11

13 Entrambe queste schede sono tratte da uno dei siti internet consultati. Tutti e due i casi recano l indicazione di presunte specializzazioni senza dar conto dei parametri oggettivi richiesti dal codice deontologico. Pare plausibile che, in questo come in altri casi, vi sia una certa confusione su cosa si debba intendere per specializzazione. Va sottolineato che, in calce agli annunci, il sito ha provveduto ad inserire la frase: In ottemperanza a quanto previsto dal codice deontologico, sono state rimosse tutte le informazioni relative alle materie di specializzazione. Non è ben chiaro, dunque, se l indicata rimozione non è di fatto avvenuta, ovvero se essa è stata aggirata dagli inserzionisti: in ogni caso, pare evidente che, se i gestori del sito si sono dimostrati consapevoli della problematicità insista nel termine specializzazione, non può dirsi altrettanto dei professionisti che del servizio si sono avvalsi. 12

14 Questo annuncio rende vieppiù evidente la confusione terminologica già segnalata tra specializzazione ed aree di attività prevalente: a fronte dell indicazione di specializzazione dello studio, infatti, si precisa poi che il singolo professionista si occupa prevalentemente di. Si noti che tali materie sostanzialmente corrispondono. In entrambi questi annunci, oltre al classico problema della specializzazione, si assiste ad un singolare profluvio di espressioni pleonastiche ed elogiative, prive di qualsivoglia effettivo riscontro informativo. 13

15 In questa inserzione, oltre al frequentissimo e già ampiamente sottolineato richiamo alle aree di specializzazione, spicca l indicazione di uno dei clienti dello studio ( L avvocato Lange è da tempo consulente giuridico dell Associazione Italiana Professionisti Spettacolo e Cultura ): indicazione, questa, espressamente vietata dall art. 17 c.d.f., anche con il consenso dei clienti stessi. Tutti questi annunci colpiscono per il numero di materie cui lo studio prevalentemente si dedica, anche a prescindere dal richiamo ad una presunta specializzazione: ciò, soprattutto in assenza di qualsivoglia indicazione relativa al numero di professionisti che compongono i vari studi, può far sorgere il dubbio su quanto una simile dizione possa, da un lato, corrispondere alla realtà, e, dall altro, avere una effettiva valenza informativa. 14

16 Qui, insieme ad espressioni quali ( ) si afferma negli anni per la determinazione e la competenza ( ), ( ) importanti risultati conseguiti ( ), ( ) ampia elasticità nel problem solving ( ) (tutte molto dubbie sotto il profilo dell elogiatività), viene detto chiaramente che Tra gli ultimi importanti risultati, lo Studio Legale C & Associati può vantare la vincente difesa di L Orèal in un recente caso di violazione brevettale, contestata dall avversario ma accertata come inconsistente dalla consulenza tecnica disposta dall autorità giudiziaria. All interno di un servizio di approfondimento sugli studi legali di alcune città italiane, la rivista ha pubblicato varie tabelle di questo tipo. Non è possibile determinare dalla mera lettura quali siano la natura dell informativa e la fonte dei dati ivi menzionati. È appena il caso di sottolineare, tuttavia, come in particolare l indicazione dei clienti dello studio, qualora provenisse dagli avvocati stessi, si porrebbe gravemente in contrasto con i dettami del codice deontologico. 15

17 Questa intervista rappresenta una chiara esemplificazione di quanto detto a proposito degli articoli pubbliredazionali, sempre che, cosa che non ci è dato verificare, si tratti di un articolo a pagamento. Resta in ogni caso valido quanto detto a proposito del merito: neppure in un effettiva intervista, infatti, sarebbe consentito ad un avvocato menzionare, a scopo evidentemente pubblicitario, i nomi dei propri clienti (e non ci si riferisce solo al notissimo nome di Beppe Grillo, ma anche a quelli di clienti meno noti), né lasciarsi andare a toni eccessivamente compiaciuti. C Annunci incerti In questi annunci, nell ambito di una sostanziale correttezza informativa, si riscontrano alcuni profili problematici. In particolare: - espressioni generiche, che fanno riferimento a posizioni di leadership o prestazioni d eccellenza o simili; - vaghi accenni alla concorrenzialità dei prezzi offerti senza le precise indicazioni richieste dal codice deontologico; - espressioni pleonastiche, ai limiti con l elogiativo, che non hanno alcun concreto rilievo informativo (ad esempio frequenti riferimenti alla filosofia dello studio). E chiaro che ritenere questo genere di annunci corretti ovvero scorretti dal punto di vista deontologico dipende dal rigore con cui si intende interpretare ed applicare la vigente disciplina: in questa sede li si è voluti considerare comunque sul crinale perché in genere gli aspetti più spiccatamente negativi si inseriscono in un contesto sostanzialmente corretto e, nel complesso, non ne inficiano del tutto la finalità informativa. 16

18 Pur nell ambito di un annuncio complessivamente corretto, anche se afflitto dalle note mancanze formali comuni alla maggior parte delle informative, qui si pongono ai limiti della correttezza alcune evidenti espressioni elogiative, che appaiono svincolate da dati oggettivi e verificabili ( una delle più affermate realtà professionali ; Fra le molte cause concluse positivamente, alcune hanno costituito veri e propri leader-cases ). Entrambi questi casi, pur in generale corretti (in particolare quello a destra, che reca l indicazione di tutti i soci dello studio ed anche della certificazione di qualità dello stesso), presentano un profilo problematico quanto ad una vaga allusione ad una presunta concorrenzialità dei prezzi offerti. 17

19 Questo annuncio, pur complessivamente corretto, suscita qualche dubbio quanto all indicazione del profilo qualitativo di eccellenza. Come nel caso precedente, il dubbio nasce dal ricorso ad espressioni ( l eccellenza del servizio è uno dei pilastri su cui poggia lo Studio. Esso non conosce confini geografici, economici e temporali e costituisce un attributo fondamentale sul quale si basano i rapporti instaurati con la clientela ) che nulla aggiungono dal punto di vista informativo, ma sfiorano il mero autoelogio, all interno tuttavia di un contesto di per sé abbastanza equilibrato (anche se va notato il ricorso al termine specializzato ). 18

20 Anche qui il profilo problematico è analogo a quelli riscontrati negli annunci appena segnalati: in un contesto tutto sommato informativo, spiccano alcune espressioni ( profondo conoscitore, sfera vocazionale ) che paiono tradirlo. Va segnalato in particolar modo questo annuncio: esso, infatti, se è uno dei più corretti dal punto di vista formale ed è caratterizzato da una spiccata valenza informativa, presenta tuttavia il comunissimo profilo problematico del generico riferimento alla specializzazione. 19

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli