CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DEL TRIBUNALE DI PESCARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DEL TRIBUNALE DI PESCARA"

Transcript

1 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DEL TRIBUNALE DI PESCARA Composto da: - Avv. Lucio Stenio de Benedictis Presidente - Avv. Fabrizio Di Carlo Cons. Segretario - Avv. Federico Squartecchia Cons. Tesoriere - Avv. Guido Cappuccilli Consigliere - Avv. Roberta Colitti Consigliere - Avv. Fabio Corradini Consigliere - Avv. Elena Di Bartolomeo Consigliere - Avv. Donato Di Campli Consigliere - Avv. Massimo Di Michele Consigliere - Avv. Ugo Di Silvestre Consigliere - Avv. Alba Febbo Consigliere - Avv. Filomena Mancinelli Consigliere - Avv. Giovanni Manieri Consigliere - Avv. Alessandro Migliorati Consigliere - Avv. Giovanni Stramenga Consigliere L anno 2010, il giorno 29 del mese di luglio, alle ore 15.30, si è riunito il Consiglio dell Ordine degli Avvocati del Tribunale di Pescara per discutere e re sul seguente ordine del giorno. Ha giustificato la propria assenza il Cons. avv. Manieri. 1) LETTURA E APPROVAZIONE VERBALE PRECEDENTE 2) COMUNICAZIONE AVV. DI CARLO 3) ISCRIZIONI CANCELLAZIONI E DECADENZA PATROCINIO 4) COMUNICAZIONE PRESIDENTE 5) ISTANZE AMMISSIONE PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 6) FORMAZIONE CONTINUA: ESONERI-RICHIESTE ACCREDITAMENTO- RICONOSCIMENTO CREDITI ORE ) CONVOCAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. DI SILVESTRE) ORE ) CONVOCAZIONE AVV. * 9) RICHIESTA PARERE AVV.TI ** (RELATORE AVV. DI CAMPLI) 10) RICHIESTA PARERE AVV. * (RELATORE AVV. DI CAMPLI 11) RICHIESTA PARERE DOTT. * (RELATORE AVV. DI CAMPLI 12) RICHIESTA SIG.RA * (RELATORE AVV. DI CAMPLI 13) RICHIESTE PARERI TRIBUNALE PESCARA 14) INCONTRO COMUNE DI PESCARA (RELATORE AVV. COLITTI) 15) RICHIESTA C.P.O. DELL UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE (RELATORE AVV. COLITTI)

2 16) BANCA DATI GIURISPRUDENZA ABRUZZESE (RELATORE AVV. COLITTI) 17) COMUNICAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. SQUARTECCHIA) 18) COMUNICAZIONE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (RELATORE AVV. CAPPUCCILLI) 19) COMUNICAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. CAPPUCCILLI) 20) QUESTIONI PRATICA (RELATORE AVV. DI CAMPLI) 21) CONTESTAZIONE AVV. * 22) NUOVO REGOLAMENTO FORMAZIONE (RELATORE AVV. STRAMENGA) 23) REGOLAMENTO PRATICA C/O TRIBUNALE (RELATORE AVV. COLITTI) 24) RICHIESTA SCUOLA SUPERIORE AVVOCATURA :DESIGNAZIONE REFERENTI 25) OPINAMENTI 26) VARIE ED EVENTUALI 27) DESIGNAZIONE COMPONENTI COMMISSIONE ESAMI AVVOCATO ) XXX CONGRESSO NAZIONALE FORENSE: ADEMPIMENTI Il Consigliere Segretario f.f., Avv. Alessandro Migliorati, deposita originale della lettera di convocazione del Consiglio, e relativa integrazione, per la seduta odierna, trasmessa via fax a tutti i Consiglieri. Verificata la regolarità della convocazione e della seduta, si passa alla trattazione degli argomenti all ordine del giorno. 1) LETTURA E APPROVAZIONE DEL VERBALE DELLA SEDUTA PRECEDENTE Letto il verbale della seduta precedente ( ), il Consiglio l approva. 2) COMUNICAZIONE AVV. DI CARLO prende atto che con nota del l'avv. Fabrizio Di Carlo ha comunicato le proprie dimissioni da Consigliere per gravi ed imprevedibili ragioni personali. La gravità dei motivi sottesi a dette dimissioni impone il massimo rispetto per la decisione, ma non può esimersi il Consiglio dall'esprimere il proprio rammarico perchè il lavoro comune rimarrà privo dell'apporto di un Collega le cui doti intellettuali, organizzative ed umane hanno costituito un elemento importante per l'attività consiliare. Unanime è l'augurio dei Consiglieri di una pronta e positiva soluzione delle problematiche che hanno indotto l'avv. Di Carlo a decidere delle sue dimissioni. Il Consiglio si riserva di adottare i provvedimenti consequenziali alle dimissioni dell avv. Di Carlo. 3) ISCRIZIONI CANCELLAZIONI E DECADENZA PATROCINIO esaminate le domande e verificatane la documentazione a corredo, di: a) iscrivere nel Registro dei Praticanti Avvocati i dott.ri Castrì Maria Claudia e Intranuovo Francesca;

3 b) ammettere al patrocinio dinanzi i Tribunali del Distretto della Corte di Appello de L Aquila i dott.ri Di Pino Salvatore e Gallo Stefano con decorrenza dalla data della presente e fino alla scadenza del settimo anno successivo alla data di iscrizione nel Registro dei Praticanti; come da separati e distinti provvedimenti che, siglati dal Presidente e dal Segretario f.f., sono da considerare parte integrante del presente verbale; c) rilasciare il certificato di compiuta pratica ai dott.ri Bonafortuna Mimmo Moreno, D Alonzo Ilaria, Schioppa Edoardo e Buccieri Alessandro; d) cancellare dall Albo degli Avvocati * su domanda dello stesso del ; e) cancellare dall elenco dei praticanti abilitati al patrocinio dinanzi i Tribunali del Distretto della Corte di Appello de L Aquila la dott. * su domanda della stessa del , ferma restando l iscrizione nel Registro dei Praticanti. 4) COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE a)- Il Presidente rende noto che con lettera trasmessa a mezzo fax in data il C.N.F. ha comunicato di aver prorogato al il termine per l invio, da parte dei Consigli dell Ordine territoriali, delle osservazioni sulla bozza di Regolamento sulle specializzazioni forensi. Il Consiglio di rinviare alla prima seduta successiva alla sospensione feriale la trattazione dell argomento. b)- Il Presidente rende noto che è pervenuta via mail, in data , comunicazione dell Avv. Emanuela Malatesta circa il differimento a settembre dell Assemblea Generale dell Osservatorio, già fissata al Il Consiglio ne prende atto, confermando la delega a parteciparvi ai Cons. Avv.ti Colitti e Di Campli. c)- Il Presidente rende noto che, con lettera , l avv. * ha segnalato la necessità di affrontare in sede istituzionale la problematica relativa alle tariffe applicate dall Istituto Vendite Giudiziarie nelle procedure esecutive mobiliari e che alla stessa ha dato riscontro, con propria nota , preannunciando la richiesta di un incontro all uopo con i Giudici dell Esecuzione. Il Consiglio prende atto, anche di quanto riferito dal Cons. Avv. Colitti circa l impegno del dott. Zaccagnini, appositamente interessato, a convocare una riunione con i rappresentanti del COA per discutere delle questioni relative alle esecuzioni mobiliari e, in particolare alle tariffe applicate dall I.V.G... d)- Il Presidente rende noto che è pervenuta copia della con la quale il Direttivo dell Unione degli Ordini Forensi della Sicilia ha invitato tutti gli Ordini Forensi della Sicilia, in segno di protesta per il disinteresse del Governo per i problemi dell Avvocatura, ad astenersi dal re la designazione dei commissari d esame di abilitazione alla professione di avvocato, limitandosi a trasmettere al Ministro della Giustizia gli elenchi degli iscritti aventi titolo ad assumere tali funzioni.

4 Il Presidente riferisce, inoltre, che anche il Presidente dell OUA ha proposto ai Fori italiani di aderire a quanto deciso dal Direttivo dell U.O.F. della Sicilia. ritenuto di dover condividere la protesta nei termini indicati dall U.O.F. della Sicilia e dal Presidente dell O.U.A.,, allo stato, di astenersi dalla designazione dei commissari per l esame di abilitazione e di invitare il COFA ad assumere identiche determinazioni. e)- Il Presidente rende noto che con lettera pervenuta in data , l Avv. * ha preannunciato la propria iscrizione al corso di conciliatore organizzato da codesto On.le Ordine Il Consiglio - considerato che il corso al quale si riferisce l avv. * è stato organizzato dal Sindacato Avvocati Pescara che ha stabilito autonomamente le modalità di iscrizione; - rilevato che non ha competenza a decidere sull istanza dell Avv. *; - di trasmettere alla Fondazione Forum Aterni copia della lettera dell avv. *; - di comunicare agli iscritti, mediante lettera informativa, che il Sindacato Avvocati Pescara, quale organizzatore del corso, ha stabilito autonomamente le modalità e i costi di iscrizione e che saranno organizzati ulteriori corsi per soddisfare le esigenze di tutti gli interessati. g- Riferisce il Presidente che la Commissione di Manutenzione del Palazzo di Giustizia, nella seduta del alla quale ha partecipato il Cons. Avv. Di Michele, ha assegnato all Ordine degli Avvocati di Pescara ulteriori due locali. Il Consiglio - letto il verbale della riunione della Commissione di Manutenzione del Palazzo di Giustizia dal quale risulta che sono state temporaneamente assegnate al Consiglio dell'ordine degli Avvocati e all esclusivo fine di custodirvi i fascicoli di parte da restituire agli Avvocati le stanze indicate con le lettere A e B nella planimetria allegata allo stesso; - considerato che i Cons. Avv.ti Di Bartolomeo e Colitti hanno concordato con il Cancelliere Dott.ssa Di Baldassarre che la restituzione dei fascicoli ai Colleghi verrà effettuata da un incaricato dell'ordine nei locali della Cancelleria civile dove rimarranno custoditi; - rilevato che la stanza individuata con la lettera B nella suddetta planimetria, assegnata sin ab initio al Consiglio dell'ordine degli Avvocati, è stata poi accorpata con successivo atto informale e senza l'assenso del Consiglio dell'ordine all'immobile destinato al custode; - rilevato che, a seguito di invito del Consiglio a mettere a propria disposizione la suddetta stanza, la Commissione Manutenzione nella seduta del ha richiesto all Amministrazione Comunale lo

5 scorporo del locale aggregato a uno degli alloggi del custode per la restituzione dell uso al Consiglio dell'ordine degli Avvocati ; - ritenuto, pertanto, che appare imprecisa la della Commissione di Manutenzione laddove accomuna, nella disposizione di assegnazione e nel vincolo di destinazione, le stanze A e B giacchè la decisione, se pure correttamente adottata con riferimento al locale A, non lo è per il locale B, che, assegnato ab initio al Consiglio, deve intendersi allo stesso restituito con la sola necessità di effettuare i relativi lavori di adeguamento; di chiedere al Presidente del Tribunale e alla Commissione Manutenzione: a) che, dando atto dell'intervenuta restituzione della stanza sub B al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Pescara, il Comune di Pescara sia invitato a eseguire i lavori per accorpare il locale B a quelli dell Ordine Forense, come nella previsione progettuale; b) che venga rimosso il vincolo di destinazione (custodia dei fascicoli di parte) cui è stata subordinata l'assegnazione al Consiglio dell'ordine del locale A, atteso che, in virtù dei citati accordi presi con il cancelliere Dott.ssa Di Baldassarre, esso appare inattuale e limitativo rispetto a ulteriori e diversi utilizzi che potrebbero rivelarsi di maggiore utilità per le attività istituzionali consiliari. 5) ISTANZE AMMISSIONE PATROCINIO A SPESE DELLO STATO riesaminate l istanza dei sigg.ri * (nato a * il *) e * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo in data , udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di accogliere la domanda di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, in via anticipata e provvisoria, relativamente al giudizio civile, ai sensi e per gli effetti dell art. 844 c.c. da proporre nei confronti di ** dinanzi al Giudice di Pace di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. riesaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data , nonché la documentazione fornita a corredo in data , udita la relazione del Cons. Di Bartolomeo, vista la propria del con la quale era stato invitato il predetto ad integrare l istanza con lo stato di famiglia e il certificato di residenza; considerato che a tanto non risulta aver provveduto, dichiara inammissibile la domanda proposta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, ai sensi dell art. 79 comma 3 del DPR n esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data , nonché la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, di respingere la domanda per superamento del reddito ai sensi dell art. 76 comma 1 e art. 126 comma 1 DPR n. 115, T.U. IL PRESIDENTE.

6 -Esce il Presidente Avv. de Benedictis ed assume le funzioni di Presidente f.f. il Cons. Avv. Di Michele- esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento di sfratto promosso dai sigg.ri *** dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. IL PRESIDENTE F.F. -Rientra l avv. de Benedictis e riassume le funzioni di Presidente- esaminate l istanza dei sigg.ri * (nata a * il *) e * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di accogliere la domanda di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, in via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per cessazione degli effetti civili del matrimonio da proporre dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al ricorso per separazione giudiziale dal coniuge * da proporre dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente alla procedura esecutiva per mancato pagamento assegno familiare da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al ricorso per separazione giudiziale promosso da * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al ricorso per separazione giudiziale da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U..

7 esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al ricorso per separazione giudiziale promosso da * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per l annullamento del licenziamento da proporre nei confronti delle * dinanzi al Giudice del Lavoro del Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, di concedere un termine di sessanta giorni per il deposito del piano di ammortamento del mutuo, ai sensi dell art. 79 comma 3 DPR n. 115 T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, di concedere un termine di sessanta giorni per il deposito del piano di ammortamento del mutuo, ai sensi dell art. 79 comma 3 DPR n. 115 T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Di Bartolomeo, di concedere un termine di sessanta giorni per il deposito del certificato di residenza del coniuge * ai fini della competenza, ai sensi dell art. 79 comma 3 DPR n. 115 T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Di Bartolomeo, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per modifica delle condizioni di separazione promosso da * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data , nonché la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Di Bartolomeo, di respingere la domanda per superamento del limite reddituale. ai sensi dell art. 76 comma 1 e art. 126 comma 1 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per separazione consensuale dal coniuge * da proporre dinanzi al Tribunale di Pescara, ai

8 sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U..Con precisazione che l avv. * non risulta inserita nell elenco dei difensori abilitati al patrocinio a spese dello stato per i giudizi di volontaria giurisdizione. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per pagamento assegni di mantenimento da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Migliorati, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento di separazione giudiziale da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. -Esce il Cons. Avv. Colitti - esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al procedimento per * da proporre nei confronti del * dinanzi al Giudice di Pace di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. -Rientra il Cons. Avv. Colitti - esaminate l istanza del sig. * (nato a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente al ricorso ex art. 615 bis c.p.c. da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dell art. 126 DPR n. 115, T.U.. esaminate l istanza della sig.ra * (nata a * il *) depositata in data e la documentazione fornita a corredo, udita la relazione del Cons. Cappuccilli, ritenuta la sussistenza dei requisiti di legge, di via anticipata e provvisoria, relativamente alla procedura esecutiva per recupero assegno di mantenimento da proporre nei confronti di * dinanzi al Tribunale di Pescara, ai sensi dellart. 126 DPR n. 115, T.U.. 6) FORMAZIONE CONTINUA: ESONERI RICONOSCIMENTO CREDITI RICHIESTE DI ACCREDITAMENTO A) ESONERI esaminate le rispettive domande, di dispensare dall obbligo di conseguimento dei crediti formativi, ai sensi e per gli effetti dell art. 20 del Regolamento integrativo per la formazione permanente adottato da questo Consiglio in data :

9 - l Avv. *, totalmente sino al compimento dell anno di vita della figlia, ossia dalla data del e sino al e parzialmente, nella misura del 50%, dal al , data di compimento del terzo anno di età della/o bimba/o, onerando l Avv. * a depositare il certificato di nascita del figlio/a; - l Avv. *, totalmente sino al compimento dell anno di vita della figlia, ossia alla data del e parzialmente, nella misura del 50%, sino al compimento del terzo anno di vita del figlio, ossia al ; - l Avv *, totalmente sino al compimento dell anno di vita della seconda figlia, ossia alla data del e parzialmente, nella misura del 50%, sino al compimento del terzo anno di vita del primo figlio, ossia al , onerando la stessa di depositare i certificati di nascita dei predetti figli. B) RICONOSCIMENTO CREDITI esaminata l istanza dell Avv. * di attribuzione di nove crediti formativi non conteggiati nel proprio curriculum, seppur acquisiti in occasione dei seguenti eventi: - L Avvocato, le notifiche e il Polisweb del (4 crediti *); - Deontologia e diritto di famiglia del (3 crediti *); - Posta elettronica, adempimenti dell avvocato e problematiche di digital evidence del (2 crediti *) di accoglierla, mandando alla Fondazione perché provveda a caricare i nove crediti formativi da attribuire all avv. * nel sistema Riconosco. C) RICHIESTE DI ACCREDITAMENTO a)- - preso atto che con nota trasmessa a mezzo fax DIRITTOITALIA.IT ha comunicato che la Scuola di Formazione Giuridica Dirittoitalia.it ha organizzato per i giorni 22.09, 1.10 e , presso il Sea Lion Hotel di Montesilvano, un Master denominato Disciplina dei principali istituti del codice dei contratti pubblici alla luce delle integrazioni recate dal nuovo regolamento di cui all art. 5 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 ; - considerato che il master di cui sopra è stato accreditato dal CNF come evento seriale; - ritenuto che tale evento formativo non è organizzato né dal COA né dalla Fondazione Forum Aterni e che non è prevista la collaborazione degli stessi; di non dare seguito alla richiesta di pubblicità dell evento sul sito dell Ordine e manda alla Segreteria perché ne dia comunicazione a Dirittoitalia.it. IL PRESIDENTE -Escono il Presidente Avv. de Benedictis e il Cons. Avv. Di Bartolomeo. Assume le funzioni di Presidente f.f. il Cons. Avv. Di Micheleb)-

10 - preso atto che con lettera , depositata il , la MCM ADR Conciliare S.r.l. ha chiesto l accreditamento del corso avente ad oggetto la Conciliazione Specializzata, da tenersi nell aula riunioni del Tribunale di Pescara dal al per complessive 40 ore; - preso atto che con lettera , depositata il , la MCM ADR Conciliare S.r.l. ha chiesto l accreditamento del corso avente ad oggetto la Conciliazione Specializzata, da tenersi nell aula riunioni del Tribunale di Pescara dal al per complessive 40 ore; di attribuire a ciascun corso 24 crediti formativi. A questo punto il Cons. Avv. Mancinelli, trattandosi di corsi in materia di conciliazione, propone che degli stessi venga data adeguata pubblicità agli iscritti mediante lettera informativa da inviarsi tempestivamente. Il Consiglio ritiene di non doversi discostare dal principio adottato in merito alla pubblicità di corsi a pagamento organizzati da soggetti privati senza la collaborazione del COA e, quindi, di non dare direttamente pubblicità degli stessi agli iscritti, pur inserendoli nell elenco degli eventi accreditati pubblicato sul sito. IL PRESIDENTE F.F. -Rientrano l avv. de Benedictis, che riassume le funzioni di Presidente, e il Cons. avv. Di Bartolomeod) Il Presidente riferisce che - con nota il Sindacato Avvocati di Pescara ha chiesto l accreditamento del corso di formazione base e di specializzazione per mediatori in ambito civile e commerciale da tenersi nei giorni 16, 19, 20, 22, 27 e 29 novembre 2010, dallo stesso organizzato con la collaborazione della Fondazione Forum Aterni; - che il Sindacato Avvocati di Pescara ha chiesto la partecipazione del COA all organizzazione dell evento formativo; di attribuire all evento formativo n. 24 crediti formativi e di partecipare all organizzazione dello stesso tramite la Fondazione Forum Aterni. Manda alla Segreteria per la comunicazione della presente al Sindacato Avvocati di Pescara ed alla Fondazione Forum Aterni. 7) CONVOCAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. DI SILVESTRE) - udita la relazione del Cons. Avv. Di Silvestre; - letta la mail con la quale l avv. * ha comunicato la propria indisponibilità a comparire alla seduta odierna; - ritenuto di poter aderire alla richiesta di differimento; di rinviare al , ore 19,00 la comparizione dell Avv. *. Manda alla Segreteria perché dia comunicazione del rinvio all iscritta. 8) CONVOCAZIONE AVV. * - udita la relazione del Cons. Avv. Di Silvestre;

11 - preso atto che in data odierna l Avv. * ha trasmesso comunicazione sostitutiva di certificazione relativo al reddito professionale ai fini IRPEF e al volume d affari ai fini IVA prodotti nell anno * (anno dichiarazione *); - rilevato, altresì, che l Avv. * ha trasmesso ricevuta della raccomandata con la quale ha inviato tale dichiarazione alla Cassa Nazionale di Previdenza Forense; - preso atto che in data ha disposto il non luogo a provvedere sull erroneo presupposto che la contestazione riguardasse l omesso invio del mod. 5/*; revoca la richiamata e rinvia alla seduta del per verificare la regolarità della comunicazione alla Cassa. 9) RICHIESTA PARERE AVV.TI * (RELATORE AVV. DI CAMPLI) - udita la relazione del Cons. Avv. Di Campli; - rilevato che la copia dello statuto esibita non evidenzia a sufficienza lo scopo sociale, delega il Cons. Avv. Di Campli a richiedere alle istanti gli opportuni chiarimenti e le necessarie integrazioni della documentazione. 10) RICHIESTA PARERE AVV. * (RELATORE AVV. DI CAMPLI esaminata l istanza dell Avv. * trasmessa il a mezzo fax, ritiene di non poter rendere il chiesto parere in quanto il Consiglio può esprimerli solo su questioni generali ed astratte e non su un caso specifico. comunque, ritiene che la targa, finalizzata alla indicazione dell ubicazione dello studio non possa avere le caratteristiche di un insegna commerciale o di un cartellone pubblicitario, evidenziando che la pubblicità è consentita solo qualora sia conforme ai principi di correttezza e decoro previsti dagli artt. 17 e 19 del codice deontologico forense e che non può essere un mezzo per accaparrarsi la clientela. 11) RICHIESTA PARERE DOTT. * (RELATORE AVV. DI CAMPLI - esaminata l istanza del dott. *, depositata in Segreteria il con i relativi allegati; - considerato che i corsi post-universitari con i quali l istante chiede di sostituire la frequenza dello studio non sono quelli riconosciuti con decreto del Ministro di Giustizia, previsti dall art. 18 del R.D.L. 1578/33; esprime parere contrario alla sostituzione della frequenza studio con i corsi postuniversitari indicati nell istanza. 12) RICHIESTA SIG.RA * (RELATORE AVV. DI CAMPLI

12 - esaminata l istanza depositata il con la quale la sig.ra * ha chiesto di essere ascoltata in merito ai fatti di cui all esposto del e al successivo tentativo di conciliazione del ; - considerato che per i fatti relativi all esposto la stessa verrà eventualmente ascoltata nell ambito del procedimento disciplinare nei modi e termini di legge; - ritenuto che per ciò che concerne la parcella dell Avv. * l istante sarà ascoltata se e in quanto vi sarà una domanda di opinamento da parte dell iscritto, valendo la richiesta in questione quale istanza in prevenzione; - per tali motivi ritiene che allo stato non vi sia motivo di convocare la sig.ra *. Manda alla Segreteria perché ne dia comunicazione all interessata. 13) RICHIESTE PARERI TRIBUNALE PESCARA lette le note (pervenuta il ), (pervenuta il ) e (pervenuta il ) con le quali il Presidente del Tribunale ha chiesto al COA di esprimere il proprio parere in merito alla proroga, per ulteriori quattro anni degli Avv.ti Anna Maria Bertucci Bellafante, Emilia Maria Della Fazia, Ermerinda Borzillo, Carla Ciccocioppo, Ettore Del Rosario, Antonella Schiazza, Assunta Barone e Ersilia Lidia Caporale nelle funzioni di Giudice di Pace di Pescara, di invitare gli iscritti, a mezzo lettera informativa, a segnalare entro il eventuali motivi ostativi alla conferma nelle funzioni, riservandosi all esito ogni decisione al riguardo. 14) INCONTRO COMUNE DI PESCARA (RELATORE AVV. COLITTI) udito il Cons. Avv. Colitti, prende atto della seguente relazione sull incontro del : Il giorno 16 luglio u.s. si è tenuta presso il Comune di Pescara una riunione tecnica presieduta dall'assessore alle politiche Sociali dott. Guido Cerolini Forlini, presenti l'avv. Salvatore Di Pino (Presidente della Commissione politiche sociali ed educative del Comune di Pescara), l'ing.marco Polce, l'ing.di Donato, la dott. Enrica Di Paolo (Responsabile del servizo educativo integrato del Comune di Pescara), l'addetto stampa, sign.ra Patricia Fogaraccio, l'avv. Roberta Colitti, designata dal COA, e l'avv. Sandra Pantaleone, Presidente del CPO di Pescara, al fine di ricercare idonee soluzioni alle problematiche connesse all'istituendo servizio per l'infanzia "Centro Giochi" presso il Tribunale di Pescara. Dopo avere individuato tutte le carenze dello stabile del Tribunale, con particolare riferimento alla mancanza del collaudo finale dell'immobile causa il distacco del rivestimento esterno,che indurrebbero ad abbandonare il progetto,gli avv. Colitti e Pantaleone hanno proposto di rimuovere il rivestimento esterno dell'area di accesso ai locali destinati al "Centro Giochi",in modo da eliminare i pericoli e procedere oltre nella realizzazione del medesimo. La proposta è stata apprezzata e l'assessore ha conferito incarico all'ing. Polce di elaborare entro il 15 settembre p.v. un progetto per la messa in sicurezza e per la destinazione al servizio indicato sia della

13 parte esterna che dei locali, indicando pure i costi da affrontare per la realizzazione. I presenti alla riunione hanno concordato pure che il progetto suindicato sarà portato all'attenzione del COA, del Presidente del Tribunale e del Procuratore della Repubblica e successivamente della Commissione Manutenzione del Tribunale per la necessaria approvazione. 15) RICHIESTA C.P.O. DELL UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE (RELATORE AVV. COLITTI) -letta la nota , pervenuta a mezzo fax in data , con la quale la Commissione Pari Opportunità dell Unione delle Camere Penali Italiane ha comunicato di aver elaborato una proposta di modifica dell art. 420 ter c.p.p. che prevede una specifica ipotesi di legittimo impedimento a comparire del difensore nel periodo di astensione obbligatoria, come previsto dall art. 16 D.Lgs. 151/01 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità); -udita la relazione del Cons. avv. Colitti; esprime condivisione e apprezzamento per l iniziativa dell Unione delle Camere Penali Italiane e manda alla Segreteria perché dia comunicazione della presente al Comitato pari opportunità del COA di Pescara. 16) BANCA DATI GIURISPRUDENZA ABRUZZESE (RELATORE AVV. COLITTI) letta la comunicazione del Presidente della Corte d Appello de L Aquila, Dott. Canzio, in ordine al progetto per la realizzazione di una banca dati della giurisprudenza abruzzese, con l ausilio dell Ufficio dei Referenti per la Formazione decentrata e dell Agenzia Giuffrè di Teramo, ne prende atto, esprimendo apprezzamento e condivisione per l iniziativa. 17) COMUNICAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. SQUARTECCHIA) udita la relazione del Cons. Avv. Squartecchia; di acquisire la comunicazione dell avv. * agli atti dei fascicoli relativi agli esposti riuniti n. * e n. * e di trasmettere copia della citata nota dell Avv. * al Consiglio dell Ordine di * per la valutazione di eventuali profili di rilevanza disciplinare a carico dell Avv. *. 18) COMUNICAZIONE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (RELATORE AVV. CAPPUCCILLI letta la nota pervenuta a mezzo fax in data con la quale il Ministero della Giustizia rappresenta la necessità, ai fini dell avvio del processo telematico, che il COA si doti di un Punto di Accesso e udita la relazione del Cons. Avv. Cappuccilli, ne prende atto. 19) COMUNICAZIONE AVV. * (RELATORE AVV. CAPPUCCILLI) udita la relazione del Cons. Avv. Cappuccilli, prende atto della nota , pervenuta via mail in pari data, con la quale l avv. * ha comunicato l attivazione del proprio sito web.

14 - Si assenta dalla seduta il Cons. Avv. Squartecchia- 20) QUESTIONI PRATICA (RELATORE AVV. DI CAMPLI) a) -preso atto di quanto comunicato dall avv. * in data in ordine alla cessazione della frequenza dello Studio da parte del dott. *; -udita la relazione del Cons. avv. Di Campli; -rilevato che la mancata frequenza dello studio da parte del dott. * si protrae dal mese di ottobre 2009; di convocare il dott. * per la seduta del , ore 18,30 ai fini del procedimento di cancellazione dal registro dei praticanti per sospensione ultrasemestrale della pratica, con termine sino a dieci giorni prima per il deposito di eventuali deduzioni scritte. - Rientra e torna a partecipare alla seduta il Cons. Avv. Squartecchiab)- preso atto che, nonostante la richiesta da parte della Segreteria dell Ordine, il dott. * non ha provveduto a depositare le copie conformi dei verbali attestanti la partecipazione alle udienze dinanzi al Giudice di Pace ed al Tribunale di *; di convocare il dott. * per la seduta del , ore 18,00. c) -letta l istanza del dott. *, depositata in Segreteria il ; -considerato che il numero minimo di udienze per semestre è inderogabilmente previsto dall art. 6, lett. A) del DPR 10 aprile 1990 n. 101; -ritenuto che la frequenza della scuola per il 75% delle lezioni e delle prove scritte del semestre è condizione essenziale per essere ammessi al colloquio di verifica ai sensi dell art. 4, comma 11, del regolamento della pratica; - considerato, altresì, che il semestre di pratica del dott. * dal *al * non è stato proficuamente compiuto; -ritenuto, infine, che la frequenza della scuola forense non è sufficiente neppure per il periodo successivo relativo al secondo semestre, attualmente in corso; - rilevato che la pratica non è stata compiuta regolarmente per un periodo superiore a sei mesi e che, quindi, si è verificata una vera e propria interruzione della stessa (v. art. 4, terzo comma R.D. 37/34); di non accogliere l istanza del dott. *, depositata in Segreteria il , e di convocarlo per il procedimento di cancellazione dal registro speciale dei praticanti per la seduta del , ore 17,30, con termine sino a dieci giorni prima per il deposito di eventuali deduzioni scritte.

15 21) CONTESTAZIONE AVV. * - preso atto che con lettera l Avv. *, in relazione alla richiesta con la quale il dott. * è stato invitato a produrre copie autentiche di verbali di udienze alle quali lo stesso ha partecipato ai fini della pratica forense, si è così espresso nei confronti del Consiglio: omissis ; - ritenuto che la richiesta di copie autentiche è stata formulata dal personale della Segreteria dell Ordine su indicazione della Commissione pratica, come da prassi quando la presenza del praticante sul verbale risulta annotata con grafia diversa rispetto a quella del provvedimento del Giudice e/o nello spazio residuo fra la conclusione del provvedimento e la sottoscrizione del Giudice; - preso atto che l art. 4, n. 2 del Regolamento per la pratica forense prevede espressamente che La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del Giudice che chiude il verbale ; - considerato che è stata in tal modo contestata la condotta del COA sotto il profilo deontologico; rimette gli atti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di L Aquila in quanto competente ai sensi dell art. 1 D.Lgs. CPS n Il Consiglio - considerato altresì che la richiamata lettera dell Avv. *, oltre a contenere le espressioni sopra richiamate, così si conclude: omissis ; - ritenuto che, in ogni caso, la lettera dell Avv. * contiene espressioni offensive nei confronti del Consiglio; - preso atto che i singoli componenti si astengono, per ragioni di opportunità ai sensi dell art. 51 ult. co. c.p.c. e 55 R.D. 37/1934, in ordine alla valutazione della sussistenza di elementi di rilevanza disciplinare a carico dell Avv. *, e rendono la seguente dichiarazione: Dichiaro di astenermi in ordine alla valutazione di elementi di rilevanza disciplinare a carico dell Avv. * di cui alla lettera inviata al COA di Pescara prot. * -Avv. Lucio Stenio de Benedictis - Avv. Federico Squartecchia - Avv. Guido Cappuccilli

16 - Avv. Roberta Colitti - Avv. Fabio Corradini - Avv. Elena Di Bartolomeo - Avv. Donato Di Campli - Avv. Massimo Di Michele - Avv. Ugo Di Silvestre - Avv. Alba Febbo - Avv. Filomena Mancinelli - Avv. Alessandro Migliorati - Avv. Giovanni Stramenga di rimettere gli atti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di L Aquila ai fini della valutazione della sussistenza di elementi di rilievo disciplinare a carico dell Avv. *. 22) NUOVO REGOLAMENTO FORMAZIONE (RELATORE AVV. STRAMENGA) Il Presidente riferisce che nel corso della riunione del il COFA ha valutato positivamente il testo del nuovo regolamento sulla formazione proposto dal COA di Pescara, rinviando alla seduta successiva, per esigenze organizzative, il solo esame degli articoli 18 e 19 nel prendere atto di quanto riferito dal Presidente, riserva di adottare il regolamento dopo la prossima seduta del COFA, senza ulteriori differimenti; di notiziare gli iscritti, mediante lettera informativa, dell'avvenuta approvazione da parte del C.O.A di Pescara, nella seduta del , del nuovo Regolamento integrativo per la formazione permanente, dando anche comunicazione delle novità in esso contenute già valutate positivamente dal C.O.F.A., con la precisazione che, sulle altre, detto organismo si è riservato di pronunciarsi nella prossima seduta e che, all'esito della stessa, il regolamento sarà adottato dal COA di Pescara. -Alle ore 20,00 si allontana dalla seduta il Cons. Avv. Cappuccilli-

17 23) REGOLAMENTO PRATICA C/O TRIBUNALE (RELATORE AVV. COLITTI) Il Consiglio di rinviare la trattazione dell argomento ad altra seduta. 24) RICHIESTA SCUOLA SUPERIORE AVVOCATURA: DESIGNAZIONE REFERENTI -letta la lettera , con cui la Scuola Superiore dell Avvocatura presso la Fondazione del CNF comunica di essere impegnata nell organizzazione di un seminario centrale da tenersi a Roma, in data da stabilirsi, avente ad oggetto l attività di formazione del mediatore; -considerato che la partecipazione a tale seminario sarà riservata ad uno o due avvocati per ciascun Ordine o Scuola Forense, designati per assumere la responsabilità organizzativa e didattica dei corsi per mediatori; di delegare a partecipare al riferito seminario i Cons. Avv.ti Colitti e Di Bartolomeo, designate per assumere la responsabilità organizzativa e didattica dei corsi per mediatori. Manda alla Segreteria perché ne dia comunicazione, con ogni sollecitudine, alla Scuola Superiore dell Avvocatura presso la Fondazione del CNF. 25) OPINAMENTI viste le richieste degli Avvocati di seguito indicati, esaminati i documenti prodotti a corredo, esprime i seguenti pareri: Avv. * per * proc. n.* 1.969,00 Avv. * per * proc. n.* 932,50 Avv. * per * proc. n.* 1.924,50 Avv. * per * proc. n.* 244,50 Avv. * per * proc. n.* 989,50 Avv. * per * proc. n.* 1.077,00 Avv. * per * proc. n.* 591,50 Avv. * per * proc. n.* 751,00 Avv. * per * proc. n.* 265,00 Avv. * per * proc. n.* 542,50 Avv. * per * proc. n.* 698,50 Avv. * per * proc. n.* 921,50 Avv. * per * proc. n.* 847,25 Avv. * per * proc. n.* 781,00 Avv. * per * proc. n.* 1.646,25 ritenuto di poter liquidare, per il giudizio n. * R.G., gli onorari medi ridotti conformemente all'art. 4 della tariffa professionale, tenuto conto, altresì, che le udienze di effettiva trattazione sono 4; ritenuto di poter liquidare, per il giudizio n. * R.G., gli onorari nella misura media in considerazione della riduzione ex art. 4 t.p. delle voci di onorario maturate quando l'avv. * era praticante avvocato abilitato al patrocinio; Avv. * per * proc. n.* 1.739,50 Avv. * per *** proc. n.* 660,80 considerato l'aumento ex art. 3, comma 1, t.p. Avv. * per * proc. n.* 581,00 Avv. * per * proc. n.* 498,00

18 Avv. * per * proc. penale n.* 4.270,00 ritenuto di poter liquidare il massimo degli onorari in considerazione del particolare impegno, della complessità dei fatti e delle questioni giuridiche trattate Avv. * per * proc. penale n.* ,00 ritenuto di poter liquidare il massimo degli onorari in considerazione del particolare impegno, della complessità dei fatti e delle questioni giuridiche trattate -Escono i Cons. Avv. Di Silvestre e Febbo - Avv. * per * proc. n. * 8.307,00 ritenuto di poter liquidare il massimo degli onorari in considerazione del particolare impegno, della complessità dei fatti e delle questioni giuridiche trattate -Rientrano i Cons. Avv. Di Silvestre e Febbo- Avv. * per * proc. Penale * 1.523,50 ritenuto di opinare l onorario nella misura media in considerazione dell impegno e delle questioni giuridiche trattate; il tutto come da separati e distinti provvedimenti che, siglati dal Presidente e dal Segretario f.f., sono da considerarsi parte integrante del presente verbale; 26) VARIE ED EVENTUALI a)- esaminati gli atti allegati al relativo fascicolo, prende atto dell esito positivo del tentativo di conciliazione esperito in data dal Cons. Delegato Avv. Manieri tra l avv. * e la sig.ra *. b)- esaminati gli atti allegati al relativo fascicolo, prende atto dell esito positivo del tentativo di conciliazione esperito dal Cons. delegato avv. Manieri tra * e l avv. * c)- - esaminati gli atti allegati al relativo fascicolo, prende atto che in data l avv. * ha depositato tutta la documentazione rinvenuta presso il proprio Studio relativa alla pratica *; - considerato che il Cons. Manieri, al quale è stata conferita delega per riferire su eventuali aspetti di rilevanza disciplinare, è oggi assente, rinvia la trattazione della questione ad altra seduta.. d) preso atto che con nota la Scuola Superiore dell Avvocatura ha comunicato di aver organizzato Visite alle istituzioni europee di Strasburgo, di darne informazione agli iscritti. e) stante l assenza del Cons. relatore Avv. Cappuccilli, di rinviare ad altra seduta l esame del preventivo della ditta *. f) - letta la richiesta di parere formulata dall Avv. * in data ; - udita la relazione del Cons. Squartecchia; - richiamati i precedenti pareri su fattispecie analoghe emessi in data e ; ritiene che l iscritto non possa astenersi dal deporre, non trattandosi di fatti appresi per la migliore difesa tecnica dell assistito né su circostanze obiettivamente segrete, la cui rivelazione possa nuocere al proprio mandante. Dispone che all Avv. * vengano trasmessi i pareri citati in premessa, opportunamente epurati di riferimenti personali. IL SEGRETARIO FF

19 -Alle ore si allontana l avv. Migliorati ed assume le funzioni di Segretario l avv. Colittig) -letta l istanza con la quale l avv. *, precisando di essere stata iscritta all Albo degli Avvocati di Pescara dal * al * e dal * all attualità, ha chiesto un parere circa la validità, ai fini dell iscrizione all Elenco dei Conciliatori Professionisti, anche del periodo di iscrizione all Albo anteriore alla cancellazione avvenuta in data *; - preso atto che lo Statuto della Camera di Conciliazione Forense Organismo non autonomo del COA di Pescara prevede fra i requisiti (v. art. 10) che il Mediatore deve essere un avvocato iscritto all Albo degli Avvocati di Pescara con almeno dodici anni di anzianità di iscrizione e di effettivo esercizio della professione - rilevato che l avv. * è stata iscritta all Albo degli Avvocati di Pescara, esercitando effettivamente la professione, per un periodo complessivamente superiore a 18 anni e con una interruzione dal * al *; rende il seguente parere Per l iscrizione all elenco dei Mediatori di cui all art. 9 dello Statuto della Camera di Conciliazione Forense Organismo non autonomo del COA di Pescara può considerarsi valido l intero periodo di iscrizione e di effettivo esercizio della professione (compreso quello anteriore alla cancellazione del *) dell avv. * all Albo degli Avvocati. Manda alla segreteria per la comunicazione all avv. *. h) letta la richiesta dell avv. *, delega il Cons. Avv. * alla disamina, invitandola a riferirne alla prossima seduta. 27)DESIGNAZIONE COMPONENTI COMMISSIONE ESAMI AVVOCATO 2010 preso atto di quanto precedentemente to all argomento sub 4) lett. d),, allo stato, di non procedere alla designazione dei commissari per l esame di abilitazione all esercizio della professione forense. 28) XXX CONGRESSO NAZIONALE FORENSE: ADEMPIMENTI - udita la relazione del Presidente il quale evidenzia l opportunità che le spese per la partecipazione al prossimo Congresso Nazionale Forense, che si terrà a Genova nei giorni e , rimangano, almeno in parte, a carico dei singoli Delegati; - ritenuto che è necessario, nel corso dell anno, il contenimento delle spese per evitare l aumento dei contributi a carico degli iscritti di tenere a proprio carico la sola quota di iscrizione dei Delegati al Congresso, oltre quella dovuta dall Ordine, dandone informazione agli iscritti. Alle ore 20.30, esaurita la trattazione degli argomenti all ordine del giorno, la seduta viene sciolta. IL CONS. SEGRETARIO F.F. IL PRESIDENTE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli