ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI E UTENTI STATUTO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI E UTENTI STATUTO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI E UTENTI STATUTO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Costituzione, denominazione, sede E costituita l'associazione, libera, autonoma e politicamente neutrale, denominata "ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA", organizzazione volontaria e non lucrativa, associazione di consumatori e utenti, la quale assume anche la denominazione abbreviata di AVVOCATO IN FAMIGLIA. L'associazione, come sopra determinata, adotterà il logo e gli altri segni distintivi relativi al marchio AVVOCATO IN FAMIGLIA depositato presso UIBM DI VARESE, di proprietà di ANDREA FISCO Il quale ne autorizza l uso esclusivo per la sola attività associativa, alla Associazione riferita al presente Statuto. Gli accordi specifici per l utilizzo del logo richiamato sono indicati in un atto di accordo separato. La sede legale è in VARESE VIA CAVOUR 33 CAP Art. 2 Durata e ambito operativo L'Associazione ha durata illimitata. La Associazione opera su tutto il territorio. Oltre alla sede essa può istituire delegazioni, uffici o recapiti distaccati nell'ambito del territorio provinciale ed al di fuori dello stesso. Su delibera del Consiglio Direttivo essa può aderire ad organizzazioni ed enti nazionali ed internazionali che abbiano finalità compatibili con il proprio scopo sociale. Art. 3 Norme regolamentari La disciplina dell'associazione è contenuta nel presente Statuto. Il Codice Etico e la Carta dei Valori associativi confederali integrano lo Statuto. Art. 4 Scopo associativo L Associazione è un associazione di consumatori e utenti, liberamente costituita, autonoma, senza fini di lucro ed a base democratica e partecipativa. Ha per oggetto esclusivo quello di operare, in particolare sul territorio della Comunità Europea, nazionale, regionale e locale per informare, promuovere, assistere, tutelare, rappresentare e difendere i diritti e gli interessi individuali e collettivi dei consumatori di beni e degli utenti di servizi e comunque gli interessi diffusi dei consumatori e degli utenti in genere, anche promuovendo azioni collettive risarcitorie e/o restitutorie, azioni inibitorie giudiziali o stragiudiziali. L'Associazione opera nel rispetto dei dettami del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del Consumo) e sue successive modifiche e integrazioni. L Associazione, in particolare, promuove e assicura la tutela, sul piano informativo preventivo, contrattuale e giudiziale risarcitorio, dei fondamentali diritti, patrimoniali e non patrimoniali: pag.1 di 12

2 di natura economico patrimoniale, quali il diritto alla correttezza, alla trasparenza ed equità nella costituzione e nello svolgimento dei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi privati e pubblici; di natura informativo divulgativa, quali il diritto ad una adeguata informazione e ad una corretta pubblicità, nonché il diritto alla promozione e allo sviluppo dell associazionismo libero, volontario e democratico tra i consumatori e tra gli utenti; Promuove ed assicura sul piano informativo, la tutela dei diritti fondamentali dell utente e dei consumatori di natura sociale generale, quali il diritto alla tutela della salute, alla sicurezza e alla qualità dei prodotti, alla erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza, con particolare riguardo al servizio sanitario, al servizio postale, ai trasporti, alla funzione pubblica di vigilanza e controllo del credito, delle assicurazioni, del mercato mobiliare, del servizio farmaceutico, nonché in materia urbanistica ed edilizia, e in tutti gli altri servizi utili al cittadino-consumatore; di natura economico-sociale, quale la tutela di uno stabile, efficiente e trasparente mercato finanziario, azionario ed obbligazionario, alcuno strumento innovativo e futuro escluso, per la tutela dei diritti, individuali e collettivi, e degli interessi diffusi degli investitori. L Associazione persegue, anche mediante il più ampio utilizzo dei media secondo l evoluzione della tecnica, il proprio scopo esclusivo ed oggetto attraverso: l'obiettivo dell'eccellenza dei propri collaboratori, per garantire al meglio una efficace tutela dei consumatori ed utenti; la promozione di studi ed iniziative giuridiche compresi stages, seminari, scuole di formazione in collaborazione con enti locali, istituzioni universitarie e non, sia pubbliche che private - di orientamento della pubblica opinione, tese all attuazione ed alla difesa dei diritti e degli interessi individuali e collettivi dei consumatori e degli utenti e comunque gli interessi diffusi dei consumatori ed utenti in genere; la diffusione, tra i consumatori e gli utenti, della conoscenza delle condizioni e dei criteri di accesso ai servizi in oggetto indicati; l organizzazione di convegni, seminari, incontri di studio, conferenze e dibattiti sulle tematiche inerenti l oggetto sociale, onde stimolare l esigenza di trasparenza, anche per il tramite della utilizzazione sinergica dei mezzi di comunicazione di massa, e soprattutto attraverso lo sviluppo di forme di editoria; lo svolgimento, nell ambito della legislazione vigente, inerente l oggetto e l attività sociale, di tutte le operazioni utili al raggiungimento dell oggetto; la tutela dei diritti civili e dei diritti e degli interessi economici e giuridici, patrimoniali e non patrimoniali, dei consumatori ed utenti in Italia e nell'unione Europea, ricorrendo agli strumenti della costituzione di parte civile nel processo penale ex artt. 75 e ss c.p.p. nei confronti degli imputati e responsabili civili nonché esercitando i diritti della persona offesa dal reato di cui al titolo VI del codice di procedura penale e dell intervento e della costituzione nel processo civile e amministrativo, della trattativa, nonché alle azioni e ai ricorsi in sede amministrativa e giurisdizionale, anche innanzi le giurisdizioni internazionali e comunitarie, volti alla tutela dei diritti umani e per la corretta applicazione della normativa dell'unione e l interpretazione dei trattati istitutivi e modifiche successive nonché innanzi le autorità garanti nei vari settori, al fine di ottenere un uso corretto dei mezzi pubblicitari, di eliminare forme di pubblicità ingannevole, di garantire la sicurezza e la qualità dei prodotti e dei beni di consumo e la tutela della salute e dell ambiente, di evitare l inserimento e di accertare l inefficacia delle clausole vessatorie nei contratti dei consumatori, di eliminare ogni pratica contrattuale, commerciale ed economica scorretta ed abusiva, di far cessare gli abusi, le speculazioni e le frodi, di ottenere forme riparatorie idonee a correggere ed eliminare gli effetti dannosi derivanti dagli atti e comportamenti lesivi degli interessi dei consumatori e degli utenti; la collaborazione con altre associazioni, organizzazioni e comitati di consumatori operanti sul territorio nazionale e con le altre organizzazioni europee e internazionali di consumatori per sviluppare un adeguato movimento dei consumatori; la promozione di azioni contro ogni forma di inquinamento e per il controllo della qualità dei prodotti e dei beni di consumo, a tutela della salute e della sicurezza; l assistenza diretta dei consumatori e degli utenti, come singoli e come portatori di interessi diffusi e collettivi, nelle controversie con soggetti produttori e/o erogatori di beni o servizi, pubblici e privati, anche in forza della richiesta di legittimazione ad agire di cui al Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del Consumo) e sue successive modifiche e integrazioni e di cui alla Legge 8 luglio 1986, n. 349, e sue successive eventuali modifiche o integrazioni, onde assicurare ad essi l effettiva possibilità di difendere giudizialmente, sia come singoli che come gruppi, i rispettivi diritti ed interessi, individuali e collettivi, e di ottenere inibitorie e declaratorie di responsabilità dei soggetti produttori e/o erogatori di beni e servizi, in relazione alle modalità ed alle condizioni della produzione ed erogazione stessa; pag.2 di 12

3 la promozione di iniziative per l indizione di referendum abrogativi o consultivi, nonché per la promozione di normative, progetti e disegni di legge o modifiche alle leggi esistenti, su base nazionale e locale, aventi ad oggetto l attuazione delle finalità statutarie, e la cooperazione con altre associazioni e soggetti per la promozione di analoghe iniziative; la promozione di ogni azione utile ad impedire l utilizzazione di risorse energetiche con modalità tali da ledere la natura, l ambiente e la salute collettiva; la promozione di uguali condizioni per l accesso dei cittadini anche non abbienti al diritto ed alla giustizia, anche collaborando e promuovendo iniziative con gli ordini professionali; la promozione di iniziative sociali, politiche, legislative e giudiziarie utili al raggiungimento dell oggetto; la costituzione di comitati e/o associazioni, per specifiche finalità, finalizzate alla tutela dei consumatori ed utenti come singoli e come portatori di interessi collettivi e diffusi; la costituzione e istituzione di gruppi di acquisto solidale ai sensi dell'art. 1, commi 266, 267 e 268, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008) e successive modifiche ed integrazioni; la promozione e la stipulazione di contratti, accordi e protocolli di intesa nonché la partecipazione ad enti e/o organizzazioni che prevedano tentativi obbligatori di conciliazione, ADR, conciliazioni paritetiche, arbitrati e comunque, nell accezione più estesa, forme deflattive del contenzioso; l istituzione di call center di consulenza ed assistenza ai consumatori, di sportelli informativi territoriali, di servizi online di confronto delle condizioni offerte, per la scelta dei servizi di conto corrente e credito nonché finanziari in genere, per la scelta dei contratti e dei servizi telefonici dei gestori della telefonia e dell energia; la realizzazione di guide, pieghevoli, audiovisivi, stand in piazza, spot radio e tv, internet e web tv, nonché eventuali strumenti di diffusione secondo l evoluzione della tecnica; la raccolta e diffusione di segnalazioni e denunce di comportamenti e pratiche scorrette nel rispetto della privacy; la realizzazione di eventi sul territorio di informazione e formazione dei consumatori e/o consulenti e legali, di convegni, giornate a tema, di giornate di studio, in luoghi pubblici e privati. In ogni caso l associazione non svolgerà attività diverse rispetto all oggetto sociale. TITOLO II I SOCI Art. 5 Possono associarsi all'associazione tutte le persone fisiche senza alcuna distinzione di sesso, cittadinanza, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali, le quali dichiarino di voler operare in modo personale e spontaneo, esclusivamente per il perseguimento delle finalità dell Associazione. Possono essere associati anche associazioni, enti, circoli ricreativi o culturali, centri di studio o di ricerca disponibili ad impegnarsi con l'associazione ed a condividerne i fini. Categorie di soci I soci si distinguono in: a) soci fondatori b) soci ordinari c) soci onorari pag.3 di 12

4 a - Sono soci fondatori coloro che hanno dato impulso alla costituzione della ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA e sono intervenuti all'atto costitutivo sottoscrivendolo; i loro nomi e le loro generalità anagrafiche sono contenuti in tale atto. La qualità di socio fondatore e i diritti ad essa attinenti non sono in alcun modo ed in alcuna forma trasmissibili a terzi. I diritti di socio fondatore si perdono per rinuncia, anche tacita, o per decesso dell'associato. E' rinuncia tacita la fuoriuscita del socio dall'associazione, per ritiro dalla stessa o per abbandono. b - Possono aderire all ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA come soci ordinari tutte le persone fisiche senza alcuna distinzione di sesso, cittadinanza, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali, le quali dichiarino di voler operare in modo personale e spontaneo, esclusivamente per il perseguimento delle finalità dell Associazione. Possono essere associati anche associazioni, enti, circoli ricreativi o culturali, centri di studio o di ricerca disponibili ad impegnarsi con l'associazione ed a condividerne i fini. c - Sono soci onorari coloro ai quali, a titolo personale e per particolari meriti, è attribuita tale qualifica per delibera unanime del Consiglio Direttivo. La qualità di socio onorario e i diritti attinenti a tale qualità non sono in alcun modo ed in alcuna forma trasmissibili a terzi. Possono essere individuati quali soci onorari anche altre associazioni, persone giuridiche oltreché fisiche. Il socio onorario non ha diritto di voto e non può ricoprire cariche elettive. La qualità di socio onorario si perde per rinuncia, anche tacita, o per decesso dell'associato. E' rinuncia tacita la fuoriuscita del socio dall'associazione, per ritiro dalla stessa o per abbandono. Il Consiglio Direttivo ha facoltà di creare eventuali sotto-distinzioni di categorie di soci senza limitazioni dei diritti o di fruizione di servizi e rappresentanza. Tutti i soci, a qualunque categoria appartengano, hanno pari diritti e pari doveri, salvo quanto specificamente previsto per i soci fondatori. Ciascun socio ha un solo voto, che esprime in proprio o a mezzo del proprio rappresentante. Art. 6 Domanda di adesione e Quota associativa. L'adesione all'associazione è a titolo oneroso. L iscrizione avviene presso la sede nazionale o le Sezioni territoriali dell Associazione AUTORIZZATE e comporta l adesione ai principi costitutivi e alle finalità dell Associazione, e l impegno da parte del richiedente di osservare il presente Statuto, i regolamenti interni e le decisioni assunte dagli organi statutari nazionali e territoriali. La domanda di adesione all ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA, sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante, deve essere compilata sull'apposito modulo e indirizzata alla Segreteria dell'associazione. L'ammissione è deliberata a maggioranza dal Consiglio Direttivo, entro trenta giorni dal ricevimento della domanda e, comunque, appena possibile. In assenza di delibera la domanda s intende respinta. La domanda di adesione, se accolta, vincola l'associato al rispetto dello Statuto, del Codice Etico e della Carta dei Valori ad esso allegati, nonchè al pagamento del contributo associativo. La delibera che rigetta la domanda non deve essere necessariamente motivata. Nel caso di rigetto della domanda il richiedente può, entro trenta giorni dalla comunicazione dello stesso, chiedere un riesame al Consiglio Direttivo, che decide in modo inappellabile nel caso in cui la domanda sia accolta. In caso di ulteriore rigetto, è possibile ricorrere ai Probiviri, che decideranno con pronuncia definitiva entro trenta giorni dal ricevimento del ricorso. L'importo della quota di adesione all'associazione è determinato periodicamente, nella sua misura minima e massima, dal Comitato Direttivo dell'associazione. La quota associativa annua è di spettanza della Sezione AUTORIZZATA presso la quale viene formalizzata l'adesione all'associazione nazionale. Il Comitato Direttivo stabilisce una percentuale fissa o variabile di spettanza dell'associazione Nazionale. La quota associativa non è rivalutabile e non è trasmissibile. In caso di prolungata morosità il Comitato Direttivo può deliberare l'esclusione dell'associato dall'associazione. Le quote versate non sono in ogni caso rimborsabili o ripetibili. Non sono ammessi associati temporanei. pag.4 di 12

5 Art. 7 Durata dell'iscrizione L'adesione o iscrizione all'associazione ha validità e durata per l'anno solare in corso alla data di presentazione della domanda di adesione e si rinnova tacitamente di anno in anno, salvo recesso da comunicare per iscritto entro il 31 ottobre dell'anno antecedente a quello in cui s intende cessare l'adesione. Con la cessazione del rapporto associativo la persona fisica che rappresenta l'associato decade automaticamente, con decorrenza immediata, da ogni carica sociale eventualmente ricoperta ed è obbligato a dimettersi da ogni carica ovvero a rimettere spontaneamente il mandato da ogni incarico ricevuti dall'associazione anche esternamente ad essa. Il Consiglio Direttivo, di volta in volta, potrà valutare l'opportunità e la convenienza per l'associazione di mantenere l'associato receduto nelle cariche ricoperte ovvero di protrarre gli incarichi conferitigli sino al termine degli stessi. Il mancato pagamento della quota associativa entro il termine del 30 giugno di ogni anno, può comportare la perdita della qualità di associato, salvo il diritto di credito a favore dell'associazione. Art. 8 Cessazione del rapporto associativo Il rapporto associativo cessa: La qualità di associato o socio si perde per decadenza o mancanza dei requisiti previsti dal presente Statuto nonchè: - per recesso o dimissioni, salvi gli impegni assunti nei modi e nei termini di cui ai precedenti artt. 6 e 7; - per espulsione deliberata dal Consiglio Direttivo; - per mancanza o perdita dei requisiti previsti dal presente Statuto; - per mancato versamento della quota associativa; - per cessazione o scioglimento dell'associazione. Art. 10 Esercizio dei diritti sociali L'associato ha diritto e facoltà di recedere dall'associazione in qualsiasi momento, con effetto dal momento della ricezione della comunicazione scritta di recesso da parte della Sezione territoriale o della Sede nazionale presso la quale ha formalizzato la propria adesione. L iscrizione dà diritto a partecipare alla vita democratica dell'associazione e ad essere informati sull attività e le iniziative dell Associazione. Ogni associato in regola con il pagamento della quota associativa ha diritto, secondo le modalità di seguito stabilite, all elettorato attivo e passivo ed è portatore di un solo voto. Le sanzioni per comportamenti contrari alle regole dell Associazione vengono deliberate dal Comitato Direttivo. L associato può essere escluso quando: non osserva le disposizioni dello Statuto o dei Regolamenti, o le deliberazioni prese dagli organi dell'associazione; in qualunque modo danneggi o tenti di danneggiare gli interessi dell'associazione; eserciti, anche per interposta persona o entrando a far parte di altre organizzazioni, attività in contrasto o in concorrenza con quelle dell'associazione, salvo specifica e motivata autorizzazione deliberata dal Comitato Direttivo. Art. 11 Obblighi degli associati Gli associati sono tenuti al rigoroso rispetto dello Statuto, del Codice Etico, della Carta dei Valori e delle deliberazioni degli organi sociali. L'associato in mora nel versamento del contributo associativo è tenuto a rispettare gli obblighi associativi. L'Associazione potrà agire giudizialmente per la riscossione coatta del credito riservandosi il diritto di chiedere la corresponsione degli interessi legali di mora. Gli associati devono comportarsi in modo compatibile alla loro appartenenza all'associazione, ossia devono: partecipare attivamente alla vita associativa; applicare convenzioni, contratti collettivi di lavoro ed ogni altro accordo stipulato dall'associazione o dalla confederazione cui l'associazione aderisce; pag.5 di 12

6 fornire all'associazione, nei modi e nei tempi richiesti, i documenti, le notizie e i dati da questa richiesti necessari per l'iscrizione; versare il contributo associativo nei tempi e modi indicati dall'associazione. Art. 12 Sanzioni I soci inottemperanti agli obblighi nascenti da questo Statuto sono passibili delle seguenti sanzioni: 1. sospensione dal diritto a partecipare all'assemblea degli associati; 2. censura da parte del Presidente dell'associazione; 3. sospensione da ogni carica, servizio e attività sociale; 4. decadenza da cariche interne o esterne all'associazione; 5. sospensione dall'elettorato attivo e/o passivo; 6. espulsione. Le sanzioni sono deliberate dal Consiglio Direttivo e sono comunicate a mezzo di lettera raccomandata o posta elettronica certificata all'interessato il quale, entro trenta giorni dal ricevimento può proporre impugnazione con ricorso al Collegio dei Probiviri. Il ricorso non sospende l'esecutività della deliberazione impugnata. Art. 13 Organi dell'associazione Sono organi dell Associazione: 1. l'assemblea; 2. il Consiglio Direttivo; 3. il Presidente; 4. in caso di nomina, il Segretario Generale e i Vicepresidenti; 5. il Revisore 6. Il Collegio dei Probiviri TITOLO III ORGANIZZAZIONE E CARICHE SOCIALI Art. 14 Elettorato attivo, durata, decadenza Possono ricoprire cariche sociali - eccezione fatta per il primo mandato - soltanto le persone fisiche designate e atte a rappresentare società, enti, organizzazioni, studi od aziende di professionisti regolarmente iscritti. Tutti gli eletti sono rieleggibili. I soci onorari non sono eleggibili ma possono essere cooptati. Il Consiglio Direttivo potrà dichiarare decaduto dalla carica colui che, senza giustificato motivo, sia risultato assente per tre sedute in corso d'anno alle riunioni dell'organo di appartenenza. In tale caso subentrerà di diritto il primo dei non eletti nella stessa carica ed in caso di impossibilità la nomina avverrà per cooptazione da parte del Consiglio Direttivo. Il membro così eletto durerà in carica per lo stesso periodo di quello sostituito. I soci che ricoprono cariche sociali debbono dimostrare, se richiesti, il possesso dei requisiti di onorabilità e professionalità stabiliti con propria delibera dal Consiglio Direttivo e/o, comunque, quelli stabiliti dagli artt del D.Lgvo n. 58 del (se deliberati con apposito regolamento del Consiglio Direttivo nazionale) L'ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI Art. 15 L'Assemblea degli Associati L'Assemblea è il massimo organo deliberante dell'associazione. Possono partecipare all'assemblea tutti gli associati in regola con il pagamento della quota associativa. Ogni associato, di qualsiasi eventuale tipo, ha diritto ad un voto in assemblea. pag.6 di 12

7 L'Assemblea viene convocata dal Presidente o dal Consiglio Direttivo con il rispetto delle seguenti modalità: l'avviso di convocazione, con indicazione dell'ordine del giorno e della data e ora di prima e seconda convocazione, viene pubblicato mediante affissione presso la sede dell'associazione per tutti i trenta giorni antecedenti la data di prima convocazione. Sono ammessi alla partecipazione e al voto in assemblea soltanto gli associati che facciano pervenire alla sede nazionale la loro richiesta scritta di partecipazione almeno otto giorni prima della data di prima convocazione. L'Assemblea delibera in prima convocazione con il voto favorevole della maggioranza dei suoi componenti. In seconda convocazione le deliberazioni sono validamente assunte con la maggioranza dei voti degli associati presenti. Lo statuto e i regolamenti possono essere modificati in prima convocazione con il voto favorevole dei tre quinti dei componenti dell'assemblea ed in seconda convocazione con il voto dei tre quinti dei presenti. L'Assemblea: elegge ogni 10 anni i membri del Consiglio Direttivo; elegge ogni 10 anni i Revisori; fissa gli indirizzi programmatici dell attività dell'associazione; approva, preferibilmente entro il mese di aprile ed in ogni caso entro il mese di giugno di ogni anno, il rendiconto consuntivo ovvero i bilanci preventivo e consuntivo dell'associazione; delibera lo scioglimento e la liquidazione della Associazione e la devoluzione del suo patrimonio; delibera su ogni materia sottoposta alla sua approvazione dal Consiglio Direttivo. Le delibere dell'assemblea ed i rendiconti approvati sono pubblicati sul sito dell'associazione. L'Assemblea degli associati è composta da tutti i soci iscritti in regola con il versamento del contributo associativo. a) Convocazione (norme specifiche di funzionamento) L'Assemblea è convocata una volta l'anno per l'approvazione del bilancio, entro sei mesi dalla fine dell esercizio sociale, per iniziativa del Presidente o, in sua vece, del Vice-Presidente. E' altresì convocata su richiesta della metà degli associati regolarmente iscritti o della maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo (o Consiglieri). Il Presidente provvede alla convocazione entro quindici giorni dalla ricezione della richiesta. In caso d'impossibilità o d'inerzia, l'assemblea è convocata dal Vice-Presidente o, in sua vece, dal Segretario Generale. La convocazione è fatta mediante pubblicazione nei locali di segreteria o, a discrezione del Consiglio Direttivo, sul sito internet dell'associazione almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza; fa fede la data di affissione dell'avviso nei locali della segreteria o di sua pubblicazione sul sito internet. L'avviso di convocazione deve contenere l'indicazione del luogo, del giorno e dell'ora della riunione nonchè riportare gli argomenti (ordine del giorno) da discutere e su cui deliberare. b) Maggioranze (norme specifiche di funzionamento) Le deliberazioni dell'assemblea sono sempre prese a maggioranza di voti e con la presenza di almeno la metà degli associati. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità gli amministratori non hanno voto. Non è ammessa la delega a terzi non soci. È ammessa la delega ad altro socio. Ogni socio può ricevere più deleghe. Ad ogni associato, in regola con i versamenti contributivi, spetta sia nell Assemblea ordinaria, sia in quella straordinaria un solo voto qualunque sia l'ammontare della quota da esso versata. Art. 16 Attribuzioni dell'assemblea (norme specifiche di funzionamento) Spetta all'assemblea: 1. determinare le scelte e le direttive generali dell'associazione; 2. eleggere con votazione a scrutinio segreto i componenti del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri stabilendone il numero nei limiti stabiliti dal presente Statuto; 3. approvare il bilancio consuntivo e preventivo dell'associazione per ciascun esercizio sociale; 4. stabilire eventuali criteri generali di determinazione dei contributi associativi ordinari, quale possibile funzione di indirizzo; 5. deliberare eventuali modifiche dello Statuto, del Codice Etico e della Carta dei Valori; 6. deliberare su ogni argomento sottoposto al suo esame dal Consiglio Direttivo e/o dal Comitato Esecutivo; 7. delibera lo scioglimento dell'associazione e la nomina dei liquidatori. pag.7 di 12

8 IL CONSIGLIO DIRETTIVO Art. 17 Composizione e nomine Il Consiglio Direttivo si compone da 5 a 21 membri eletti dall'assemblea degli Associati. Essi durano in carica dieci anni e sono rieleggibili. I membri del primo Consiglio, designati nell'atto costitutivo, durano in carica dieci anni e sono rieleggibili. Possono candidarsi alla nomina di consigliere gli associati che alla data di presentazione della candidatura siano regolarmente iscritti all'associazione, non abbiano riportato condanne penali definitive (con pene interdittive), possano esercitare i loro diritti di associato. La candidatura deve essere sostenuta da almeno 250 associati che abbiano manifestato il loro sostegno al candidato mediante la sottoscrizione del programma elettorale. Le firme devono essere apposte alla presenza del Probiviro a ciò specificamente deputato dal Collegio di appartenenza; il Probiviro certifica l'autenticità delle firme previa identificazione, mediante idoneo documento anagrafico, del soggetto che sottoscrive. Sono valide le firme degli associati che, all'atto della sottoscrizione, risultano regolarmente iscritti e non sospesi dall'esercizio dei loro diritti associativi. I soci fondatori partecipano all'elezione direttamente senza necessità che il loro programma elettorale sia sostenuto o sottoscritto da associati. I programmi elettorali con le relative firme di sostegno devono essere depositati presso la Segreteria dell'associazione dal 15/10 al 30/10 dell'anno immediatamente precedente l'elezione. La regolarità delle candidature è verificata dai Probiviri collegialmente, per l'aspetto formale e per quello sostanziale. In mancanza di candidature o di valide candidature, i Consiglieri scaduti sono rinnovati automaticamente per un eguale periodo. Nelle more delle elezioni, e sino all'esito delle stesse, i consiglieri uscenti mantengono "ad interim" i loro poteri. I consiglieri nominano al loro interno, a maggioranza, il Presidente del Consiglio Direttivo che è anche il Presidente dell'associazione, il Vice- Presidente e il Segretario Generale. Il Consiglio può anche nominare per cooptazione, in numero non superiore a sei, i membri che sono venuti a mancare, i quali dureranno in carica per lo stesso tempo dei membri sostituiti. Il Consiglio è convocato dal Presidente dell'associazione, di sua iniziativa o su richiesta motivata di almeno un terzo dei suoi membri. Il Consiglio Direttivo si riunisce e vota con le stesse modalità dell'assemblea degli Associati. Per la valida convocazione non è necessaria l'affissione dell'avviso in segreteria o, in alternativa la sua pubblicazione sul sito internet. Art. 18 Attribuzioni del Consiglio Direttivo Il Consiglio ha il compito di: - eleggere, al proprio interno, il Presidente, i Vici Presidenti e il Segretario Generale dell'associazione; - eseguire i deliberati dell'assemblea degli Associati; - proporre all'assemblea degli Associati le linee guida dell'associazione; - deliberare le direttive generali per il Consiglio Direttivo per ogni atto patrimoniale e finanziario che ecceda l'ordinaria amministrazione e che non sia riservato dalla legge o dallo Statuto all'assemblea; - approva l entità e modalità delle contribuzioni dovute dalle sezioni territoriali dell Associazione agli organi centrali; - indicare le questioni da sottoporre all'assemblea degli Associati; - approvare i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre all'assemblea degli Associati - dichiarare la decadenza dei Consiglieri per i motivi previsti dal presente Statuto; - predisporre le modifiche Statutarie che s'intendono sottoporre all'assemblea degli Associati; - stabilire il contributo associativo; - richiedere al Presidente la convocazione dell'assemblea degli Associati; - deliberare la costituzione di Gruppi di associati secondo le categorie di appartenenza o gli interessi di cui sono portatori; - deliberare la costituzione di sedi, uffici o dipendenze distaccate sul territorio provinciale; - sviluppare ed organizzare i servizi, l'assistenza e la consulenza per gli associati; - intrattenere rapporti con le Pubbliche amministrazioni; - promuovere ed attuare quant'altro sia ritenuto utile per il raggiungimento dello scopo sociale e per favorire la partecipazione alla vita associativa; - deliberare sulle domande di adesione all'associazione; - deliberare l'espulsione dall Associazione in base all art. 9 dello Statuto. pag.8 di 12

9 IL PRESIDENTE Art. 19 Nomina e attribuzioni Il Consiglio Direttivo elegge, in seno ai consiglieri e a maggioranza semplice dei voti, il proprio Presidente che è altresì il Presidente dell'associazione e legale rappresentante. Egli dura in carica due anni ed è rieleggibile. Scaduto il mandato, sino alla proclamazione del nuovo eletto, il Presidente conserva "ad interim" tutti i diritti e tutti i doveri inerenti la carica, anche quelli rappresentativi. Il Presidente convoca l'assemblea degli Associati una volta l'anno per l'approvazione del bilancio ovvero ogni volta che gli sia richiesto da almeno la metà degli associati regolarmente iscritti o dalla maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo. In tale veste egli svolge le funzioni di rappresentante onorario e di guida morale dell'associazione. I VICE-PRESIDENTI Art. 20 Nomina e attribuzioni I due Vice-Presidenti sono eletti a maggioranza semplice dal Consiglio Direttivo, in seno ai propri membri. Durano in carica due anni e sono rieleggibili. In caso di vacanza del posto di Presidente, o del suo impedimento od inerzia, ne assumo le veci in via interinale e devono convocare il Consiglio Direttivo per la nomina del nuovo Presidente. Svolgono tutte le funzioni espressamente delegate dal Presidente o da altri organi. IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI Art. 21 Nomina e attribuzioni Il Collegio dei Probiviri è costituito da tre membri effettivi. Essi sono eletti dall'assemblea degli Associati fra gli stessi associati che siano regolarmente iscritti all'associazione al tempo delle elezioni. Ogni membro dura in carica cinque anni ed è rieleggibile. Il Collegio può nominare per cooptazione i membri che sono venuti a mancare in corso di mandato. Il membro cooptato dura in carica per lo stesso tempo di quello sostituito. Il primo Collegio dei Probiviri è costituito dai soci fondatori scelti nell'atto costitutivo, che possono essere in numero superiore a quello sopra indicato ma non più di dieci. Essi durano in carica a vita. Il socio fondatore venuto a mancare è sostituito da un membro eletto dall'assemblea, se ciò è necessario per ricostituire il numero minimo del Collegio. La candidatura all'elezione di probiviro è soggetta alla medesima disciplina prevista dall'art. 18 per l'elezione a membro del Consiglio Direttivo cui, per brevità, si rinvia. Il Collegio dei Probiviri provvede a: decidere, in ultima istanza, il riesame della domanda di adesione respinta dal Consiglio Direttivo; valutare la regolarità, formale e sostanziale, delle candidature al Consiglio Direttivo e dello svolgimento delle elezioni assumendo ogni conseguente decisione; individuare fra i propri membri quello deputato all'autenticazione delle firme raccolte per le candidature all'elezione del Consiglio Direttivo; decidere la risoluzione delle controversie di qualunque natura insorte fra le componenti del sistema che non si siano potute definire bonariamente. Per la decisione delle controversie si costituisce un Collegio Arbitrale formato da un probiviro scelto da ogni parte e da un Presidente del Collegio Arbitrale scelto dai probiviri nominati dalle parti fra i restanti probiviri. In caso di disaccordo, la nomina del Presidente sarà chiesta dai probiviri nominati dalle parti al Presidente del Tribunale di Bergamo, che lo sceglierà fra gli altri probiviri estranei alla lite. Le decisioni del Collegio dei Probiviri sono inappellabili. pag.9 di 12

10 IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 22 Nomina e attribuzioni Il Collegio dei Revisori dei Conti è costituito da tre componenti effettivi eletti anche fra non associati. In alternativa può essere costituito da un solo membro effettivo. I membri del Collegio dei Revisori dei Conti sono eletti dall Assemblea degli Associati e durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Il Collegio di prima formazione è designato nell'atto costitutivo ovvero nominato dal Consiglio Direttivo. Il Collegio, alla sua prima riunione, elegge fra i propri membri il Presidente. Il Collegio dei Revisori contabili vigila sull'andamento della gestione economica e finanziaria e ne riferisce all'assemblea mediante relazione sul bilancio. I membri del Collegio dei Revisori non devono avere requisiti particolari. In caso di dimissione o morte di uno dei tre revisori resteranno in carica gli altri due revisori sino al termine del triennio. Il Collegio dei Revisori dei Conti può essere sostituito da un unico Revisore. Art. 23 Disposizioni generali sulle cariche Tutte le cariche sociali sono gratuite e devono essere ricoperte dagli associati o loro rappresentanti, salvo le deroghe specificamente previste. Il consiglio direttivo può stabilire, in riferimento ai rimborsi spese legati alle attività prestate per conto della associazione, il rimborso anticipato di tali spese. Per rappresentanti degli associati s'intendono il titolare, il legale rappresentante, un suo delegato formalmente designato e scelto tra i procuratori generali o ad negozia che siano componenti del Consiglio di amministrazione o direttori generali. Sono altresì considerati rappresentanti dell'associato, su delega formalmente espressa, gli amministratori, gli institori, i dirigenti dell'impresa e tutti coloro che hanno il potere rappresentativo attribuito dalla legge, dall'autorità giudiziaria o dalla volontà delle parti. L'accesso alle cariche di Presidente e di membro del Consiglio Direttivo dell Associazione è condizionato alla regolarità dell'inquadramento dell'impresa rappresentata ed al rispetto di quanto specificatamente statuito dalle delibere confederali in tema di incompatibilità tra cariche politiche e cariche associative. Gli eletti alle cariche sociali in sostituzione di persone che abbiano cessato l'incarico prima della scadenza rimangono in carica fino a quando vi sarebbero stati coloro che essi hanno sostituito. La sopravvenuta mancanza dei requisiti richiesti dal codice etico confederale comporta la decadenza dalla carica, previo accertamento dei Probiviri. Art. 24 Il fondo comune dell'associazione Il fondo comune dell'associazione è costituito: dalle quote riscosse a titolo di contributo associativo; dalle eventuali eccedenze attive delle gestioni annuali; dagli investimenti mobiliari e immobiliari; dagli interessi attivi e dalle altre rendite patrimoniali; dalle somme e dai beni da chiunque e comunque devoluti all'associazione. L'amministrazione del fondo comune spetta al Consiglio Direttivo. Il fondo comune rimane indivisibile per tutta la durata dell'associazione; i soci che cessino di fare parte dell'associazione prima del suo scioglimento, non possono chiedere l'assegnazione o la liquidazione della propria quota del fondo. Durante la vita dell'associazione non possono essere distribuiti ai soci, neppure indirettamente, utili, guadagni o avanzi di gestione, fondi, riserve o capitale. Gli eventuali avanzi di gestione dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse e accessorie. pag.10 di 12

11 Art. 25 Esercizio sociale e bilanci L'esercizio sociale si apre l'1 gennaio e si chiude il 31 dicembre di ogni anno. Il bilancio consuntivo deve essere approvato entro il termine di sei mesi dalla chiusura dell'esercizio sociale, ovvero entro il diverso termine eventualmente previsto dalla legge. Contestualmente all'approvazione del bilancio consuntivo è altresì approvato il bilancio preventivo. I bilanci devono essere presentati al Collegio dei Revisori contabili almeno venti giorni prima della data fissata per l'assemblea di approvazione. Art. 26 Le modificazioni al presente Statuto possono essere proposte dagli Organi Sociali o da almeno la metà degli associati. Devono essere formulate per iscritto e approvate dall Assemblea con il voto favorevole di almeno i due terzi dei votanti che rappresentino almeno i due quinti dei voti spettanti a tutti i soci. Le modificazioni non possono, in alcun modo, alterare gli scopi fondamentali dell Associazione. Contro le deliberazioni che modificano lo statuto è possibile proporre impugnazione avanti l'autorità Giudiziaria nei termini di cui all'art c.c. Art. 27 Contro tutti i provvedimenti disciplinari è ammesso ricorso al Collegio dei Probiviri. Art.28 Sedi territoriali L'Associazione è strutturata a livello territoriale regionale, provinciale e comunale attraverso Sezioni territoriali approvate dal Consiglio Direttivo e soggette al presente Statuto. Le Sezioni territoriali sono regolate da apposito regolamento o statuto approvato dal Comitato Direttivo. Tutte le Sezioni territoriali: a) debbono essere regolate nel rispetto di principi democratici e in conformità ed armonia con il presente statuto, nel rispetto delle prescrizioni di cui al Codice del Consumo e sue successive modificazioni e integrazioni, anche di natura secondaria e amministrativa; b) attribuiscono agli aderenti la qualità di associati all'associazione nazionale, con accettazione da parte degli stessi del presente statuto; c) debbono tenere un elenco degli associati aggiornato, conservandone le adesioni e curando il pagamento ed il rinnovo delle quote associative, con carico ai rispettivi rappresentanti di certificare mensilmente al Presidente, con ogni connesso effetto di legge, il numero degli associati, trasmettendo l'elenco aggiornato ai fini delle dichiarazioni annuali del Presidente; d) si conformano alle direttive impartite e alle decisioni assunte dagli organi dell'associazione Nazionale; e) operano sul territorio quali Sezioni dell'associazione promuovendo, da sole o in collaborazione con l'associazione Nazionale o altri soggetti pubblici e/o privati, attività in favore dei consumatori, degli utenti e dei cittadini, anche attraverso attività formative, di assistenza, di ricerca, di studio o di rilevazione dati; f) possono fregiarsi della denominazione ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA accompagnata all'indicazione geografica ( es. Sezione Liguria) o ASSOCIAZIONE AVVOCATO IN FAMIGLIA Sezione Ragusa ); g) possono utilizzare sul territorio il simbolo dell'associazione. Tutte le Sezioni territoriali sono autonome dal punto di vista giuridico ed amministrativo e rispondono direttamente, tramite il proprio rappresentante, di tutti i comportamenti posti in essere e di ogni obbligazione assunta. Conseguentemente l'associazione Nazionale non risponde a qualsiasi titolo, ragione o causa, in specie per il fatto dell'iniziale istituzione o riconoscimento della Sezione, delle obbligazioni assunte direttamente o indirettamente dalle Sezioni o dalle persone che le rappresentano, nonché delle eventuali iniziative od attività poste da queste in essere, lesive del nome, dell immagine dell Associazione, ovvero difformi dalle finalità di cui al presente Le Sezioni sono tenute ad uniformarsi nello svolgimento della propria attività alle norme previste dallo Statuto e dai regolamenti nazionali nonché alle direttive del Comitato Direttivo, che ne esercita il controllo. pag.11 di 12

12 L'Associazione nazionale ha competenza su tutto quanto non rimesso alla competenza delle Sezioni, ferma restando la facoltà di intervento sulle materie di competenza delle Sezioni in sostegno delle stesse o in loro sostituzione, in caso di inattività e/o di inadempienze statutarie e regolamentari, secondo il principio di sussidiarietà. Sono comunque di competenza esclusiva dell'associazione nazionale i rapporti e le relazioni internazionali, la tutela del nome, dell onore, del simbolo e dell immagine dell'associazione. Le Sezioni hanno l obbligo di coordinarsi con l'associazione nazionale, ogni qual volta il loro intervento implichi assunzione di iniziative, anche non pubbliche, riferibili direttamente o indirettamente ad istituzioni, enti, organizzazioni e, comunque, a soggetti pubblici o privati, individuali o collettivi, non regionali e/o, comunque, produca effetti al di fuori del territorio regionale, provinciale e comunale di competenza. In base ai medesimi principi, le Sezioni provinciali e comunali debbono coordinare la loro attività con quella delle corrispondenti Sezioni regionali. Il Consiglio Direttivo, qualora riscontri che la Sezione territoriale ha posto in essere azioni, attività o comportamenti lesivi dell immagine nazionale ed internazionale dell Associazione o in caso di gravi inadempienze o violazioni di delibere, decisioni o disposizioni nazionali o locali o del presente statuto, invita gli organi della Sezione a porre in essere tutti i comportamenti necessari e utili al rimedio della situazione. Ove ciò non sia possibile, ovvero laddove l'invito del Consiglio non venga accolto, il Consiglio Direttivo delibera la nomina di un Commissario straordinario che assume la temporanea rappresentanza della Sezione, compie tutte le attività utili e necessarie al rispetto del presente Statuto e convoca gli associati di Sezione per la nomina dei nuovi organi. Le Sezioni territoriali che fossero attualmente regolamentate da disposizioni in contrasto o comunque non in armonia con il presente Statuto sono tenute a procedere all'adeguamento ed armonizzazione. Art. 29 Scioglimento dell'associazione Lo scioglimento dell Associazione è deciso dall'assemblea con il voto favorevole espresso dai tre quarti degli associati presenti alla riunione che rappresentino almeno la metà degli associati regolarmente iscritti. Qualora tale numero di voti non sia rappresentato in prima convocazione, sarà convocata una seconda Assemblea non prima di 24 ore dal termine della precedente, la quale potrà deliberare lo scioglimento e la conseguente messa in liquidazione con la maggioranza dei 2/3 dei voti presenti, qualunque ne sia il loro numero. L'Assemblea che delibera la messa in liquidazione deve provvedere, a maggioranza assoluta dei voti, alla nomina di uno o più liquidatori, determinandone i poteri e il compenso, stabilendo altresì la destinazione delle attività patrimoniali che dovranno essere devolute solo ad altre organizzazioni con finalità analoghe o con fini di pubblica utilità. Art. 30 Rinvio normativo Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle norme del codice civile e alle leggi speciali in materia. BURAN FEDERICA CENTINEO GRAZIELLA MOSCA EMANUELE VARESE VALENTINA FISCO ANDREA pag.12 di 12

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

CAPO I Disposizioni generali

CAPO I Disposizioni generali D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139: Costituzione dell'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, a norma dell'articolo 2 della legge 24 febbraio 2005, n. 34. (Pubblicato nel Suppl. Ord. alla

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli