CENTRO DI STUDI E DI CULTURA POLITICA ALCIDE DE GASPERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO DI STUDI E DI CULTURA POLITICA ALCIDE DE GASPERI"

Transcript

1 CENTRO DI STUDI E DI CULTURA POLITICA ALCIDE DE GASPERI DOCUMENTO DI STUDIO SUGLI INCARICHI CONFERITI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A SOGGETTI ESTERNI ALLA LORO ORGANIZZAZIONE, SUI PRESUPPOSTI PER IL LORO CONFERIMENTO, SULLE RELATIVE PROCEDURE E SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITA'. Sommario. 1.Introduzione. 2.Definizione degli incarichi esterni conferiti dalle pubbliche amministrazioni. 3.Fonte normativa generale degli incarichi esterni conferiti dalle amministrazioni pubbliche. 4. La programmazione degli incarichi esterni negli enti locali. Da obbligo a facoltà. 4.1.Natura, contenuti e funzioni del programma facoltativo degli incarichi di collaborazione autonoma negli enti locali L'importanza del regolamento degli uffici e servizi degli enti locali ai fini del conferimento da parte degli stessi di incarichi di collaborazione esterna. 4.3.Elenco aggiornato per gli enti locali dei presupposti di legittimità per l'affidamento degli incarichi di collaborazione esterna. 5.Gli incarichi esterni di progettazione di opere pubbliche. Disciplina normativa speciale. 6.Gli incarichi di patrocinio legale attribuiti da enti pubblici a professionisti esterni. 7.Gli incarichi di diretta collaborazione degli organi politici- 8. Il problema se siano ammissibili gli incarichi esterni 1

2 a titolo gratuito. 9.Incarichi esterni delle pubbliche amministrazioni ed ambito applicativo del controllo preventivo di legittimità della Corte dei Conti sugli stessi come previsto dall'art. 3, comma 1, legge 20/ Gli obblighi di pubblicità delle pubbliche amministrazioni in relazione agli incarichi esterni. 1. Introduzione. Il presente studio è stato ispirato dalla questione recentemente dibattuta nella vita politica della città di Sciacca se sia legittimo l'affidamento da parte di un ente locale di incarichi a titolo gratuito a soggetti esterni alla propria organizzazione. La questione non poteva essere affrontata al di fuori di una disamina più ampia del tema degli incarichi esterni conferiti dalle Pubbliche amministrazioni; ne è nato uno studio complessivo che compie una ricognizione delle regole generali che disciplinano il conferimento di tali incarichi da parte delle pubbliche amministrazioni ed in particolare da parte degli enti locali, che esamina particolari tipologie di incarichi esterni, e che, su queste basi, dà una risposta alla questione iniziale. Sono infine esaminati l'ambito applicativo del controllo preventivo di legittimità della Corte dei Conti sugli incarichi esterni conferiti dalle Pubbliche amministrazioni e gli obblighi di pubblicità che queste ultime sono tenute ad osservare in materia. 2. Definizione degli incarichi esterni conferiti dalle Pubbliche amministrazioni. La nozione di incarichi esterni delle pubbliche amministrazioni è un concetto di sintesi che racchiude in sé incarichi di diverso tipo, oggetto e durata. Il minimo comune denominatore di tali incarichi è rappresentato dal profilo soggettivo; sono tutti svolti da soggetti esterni all'organizzazione delle pubbliche amministrazioni che li conferiscono, al fine di colmare la temporanea mancanza all'interno di una Pubblica amministrazione di una specifica professionalità. Fra tali incarichi, intesi nella più ampia accezione, si annoverano incarichi di studio, di ricerca, di consulenza, incarichi di collaborazione occasionale, incarichi a termine di collaborazione coordinata e continuativa, incarichi di diretta collaborazione con gli 2

3 organi politici, etc. La Corte dei conti, in sede di controllo, con deliberazione delle Sezioni riunite n. 6 del 15 febbraio 2005, ha fornito un' importante definizione delle più comuni tipologie di incarichi esterni, in particolare degli incarichi di studio, di ricerca, di consulenza, di quelli di collaborazione coordinata e continuativa. Secondo la citata deliberazione della Corte dei conti, gli incarichi di studio consistono nello svolgimento di un'attività di studio nell'interesse dell'amministrazione in relazione a problemi che essa deve affrontare. Gli incaricati devono consegnare una relazione scritta finale sui risultati dello studio e sulle soluzioni proposte. Gli incarichi di ricerca, invece, presuppongono la preventiva definizione del programma da parte dell'amministrazione, che deve dunque orientare il lavoro di ricerca dell'incaricato. Le consulenze, infine, riguardano le richieste di pareri, ossia richieste ad esperti di valutazioni e giudizi su specifiche questioni. Il contenuto di tali incarichi (di ricerca, studio, consulenza) coincide, secondo quanto chiarito dalla Corte dei conti, con il contratto di prestazione d'opera intellettuale, regolato dagli artt del codice civile. Gli incarichi di collaborazione coordinata e continuativa rappresentano una posizione intermedia fra il lavoro autonomo, proprio dell'incarico professionale, e il lavoro subordinato, in quanto in essi è minore l'autonomia degli incaricati, poiché gli stessi hanno il dovere coordinare il proprio lavoro con l'organizzazione interna della Pubblica amministrazione che ha conferito l'incarico. Si evidenzia che gli incarichi di collaborazione, tanto di collaborazione occasionale, quanto quelli di collaborazione coordinata e continuativa consistono in attività di supporto all'organizzazione amministrativa interna, che è puramente occasionale nei primi, ed è di tipo coordinato e continuativo nei secondi; in questi ultimi il supporto dato all'organizzazione interna dell'amministrazione ha una maggiore intensità, ma lo è pur sempre per un lasso di tempo determinato, e non può consistere nello svolgimento da parte degli incaricati di funzioni ordinarie dell'amministrazione. 3

4 Per valutare se un incarico rientra in una delle categorie indicate occorre considerare il contenuto dell'atto di conferimento, piuttosto che la qualificazione formale adoperata nel medesimo. Chiarite le distinzioni concettuali fra le varie fattispecie di incarichi esterni, così come definite dalla Corte dei Conti, è opportuno indicare la fonte normativa generale che consente l'affidamento da parte delle pubbliche amministrazioni di incarichi esterni, precisandosi che discipline autonome sono previste per gli incarichi di diretta collaborazione di organi politici e che una speciale disciplina è prevista per gli incarichi di progettazione esterna di opere pubbliche. 3. Fonte normativa generale degli incarichi esterni conferiti dalle amministrazioni pubbliche. La norma generale che consente alle pubbliche amministrazioni (ivi compresi gli enti locali) l'affidamento di incarichi a soggetti esterni è costituita dall'articolo 7, comma 6, del decreto legislativo del 30 marzo 2001 n Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche- 1, che dopo essere stato modificato dall'articolo 32 del decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, convertito con modificazioni in legge 248 del 4 agosto 2006, e poi dall'articolo 3, comma 76, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, è stato di recente sostituito come segue dall'art. 46 del del D.L. 25 giugno 2008, n.112, convertito dalla l. 6 agosto 2008 n.133. Il comma 6 dell'articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 dispone: Per esigenze cui non possono far fronte con personale in servizio, le amministrazioni pubbliche possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, ad esperti di 1 L'art. 7, comma 6 del decreto legislativo n. 165/2001 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, costituisce la fonte normativa generale di disciplina degli incarichi esterni conferiti dalle pubbliche amministrazioni, ivi compresi gli enti locali, perchè il comma 2 art. 1 dello stesso d-lgvo 165/2001 definisce l'ambito di applicazione el decreto legislativo in un amplissimo elenco di pubbliche amministrazioni (ivi compresi gli enti locali) che peraltro è solo esemplificativo della totalità delle pubbliche amministrazioni. 4

5 particolare e comprovata specializzazione anche universitaria, in presenza dei seguenti presupposti di legittimità: a) l'oggetto della prestazione deve corrispondere alle competenze attribuite dall'ordinamento all'amministrazione conferente, ad obiettivi e progetti specifici e determinati e deve risultare coerente con le esigenze di funzionalità dell'amministrazione conferente; b) l'amministrazione deve avere preliminarmente accertato l'impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno; c) la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata; d) devono essere preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione 2. Si prescinde dal requisito della comprovata specializzazione universitaria in caso di stipulazione di contratti d'opera per attività che debbano essere svolte da professionisti iscritti in ordini o albi o con soggetti che operino nel campo dell'arte, dello spettacolo o dei mestieri artigianali, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore. Il ricorso a contratti di collaborazione coordinata e continuativa per lo svolgimento di funzioni ordinarie o l'utilizzo dei collaboratori come lavoratori subordinati è causa di responsabilità amministrativa per il dirigente che ha stipulato i contratti. Il secondo periodo dell'articolo 1, comma 9, del decretolegge 12 luglio 2004, n. 168, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2004, n. 191, e' soppresso.». Si applicano le disposizioni previste dall'articolo 36, comma 3, del presente decreto 3. Secondo giurisprudenza consolidata i contratti di studio, ricerca, di consulenza, di 2 Tutti i presupposti di legittimità dettagliatamente previsti dalla lettera a) alla lettera d) del comma 6 dell'articolo 7 del d.lvo 165/2001 rappresentano la positivizzazione dei criteri di legittimità già elaborati in precedenza dalla attività della Corte dei conti, sia in sede di controllo che in sede giuridizionale. Si evidenzia che, secondo la giurisprudenza della Corte dei Conti il requisito dell'impossibilità oggettiva di utilizzare risorse umane interne deve essere verificato sulla base di un'effettiva e documentata ricognizione, mentre, per quanto riguarda il compenso, la Corte dei conti ha affermato il principio di proporzione fra compenso da erogare e l'utilità che l'amministrazione consegue dallo svolgimento dell'incarico. 3 Comma così modificato dall art. 17, comma 26, lett. a), del D.L. 1 luglio 2009, n. 78 5

6 collaborazione, in cui sia parte contraente una pubblica amministrazione, devono essere stipulati in forma scritta ad substantiam, e quindi a pena di nullità. Al comma 6 fanno seguito nell'articolo 7 del d.lgvo 165/2001 i commi 6 bis e 6 ter introdotti dall'art. 32 del decreto legge n. 223/2006 convertito con modificazioni nella legge 248/2006 che stabiliscono: 6-bis. Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione. 6-ter. I regolamenti di cui all'articolo 110, comma 6, del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si adeguano ai principi di cui al comma La programmazione degli incarichi esterni negli enti locali. Da Obbligo a facoltà. La legge 244/2007 (legge finanziaria per il 2008), al fine di conformare l'affidamento di incarichi esterni da parte degli enti locali al metodo amministrativo della programmazione, come pure a fini di contenimento della spesa pubblica, aveva stabilito all'art. 3 comma 55: L'affidamento da parte degli enti locali di incarichi di studio o di ricerca, ovvero di consulenze a soggetti estranei all'amministrazione può avvenire solo nell'ambito di un programma approvato dal Consiglio ai sensi dell'articolo 42, comma 2, lettera b), del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000 n Tale norma è stata sostituita dall'art. 46, comma 2, del D.L. 25 giugno 2008, n.112, convertito dalla l. 6 agosto 2008 n.133, con la seguente: Gli enti locali possono stipulare contratti di collaborazione autonoma, indipendentemente dall'oggetto della prestazione, solo con riferimento alle attività istituzionali stabilite dalla legge o previste nel programma approvato dal Consiglio ai sensi dell'articolo 42, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n La forrmulazione letterale di tale nuova norma, che consente agli enti locali di 6

7 stipulare contratti di collaborazione autonoma solo con riferimento alle attività istituzionali stabilite dalla legge o previste nel programma approvato dal Consiglio dell'ente, fa intendere che il programma dei contratti di collaborazione autonoma, la cui approvazione spetta al Consiglio dell'ente, è oggi una facoltà degli enti locali, non più un obbligo; non si spiegherebbe altrimenti l'uso nella norma della congiunzione o il cui significato è che l'approvazione di un programma degli incarichi esterni è oggi per gli enti locali una facoltà. In poche parole, in base a tale nuova disciplina, oggi un ente locale può legittimamente conferire incarichi esterni di collaborazione autonoma, indipendentemente dall'oggetto della prestazione, anche in assenza di programma consiliare, con riferimento ad attività istituzionali di competenza dell'ente stabilite dalla legge. Premesso che non appare condivisibile il mutamento normativo che ha trasformato per gli enti locali il programma degli incarichi esterni da obbligo a semplice facoltà degli stessi, si ritiene che sarebbe conforme ad un principio di buona amministrazione la scelta discrezionale da parte di un ente locale di approvare il programma di tali incarichi; esso costituirebbe il segno della volontà dell'ente, precisamente del suo organo di governo (Giunta comunale o provinciale), di improntare tutta la sua politica alla programmazione ed al più ampio controllo politico dell'organo consiliare (comunale o provinciale) Natura, contenuti e funzioni del Programma facoltativo degli incarichi di collaborazione autonoma negli enti locali. Il programma degli incarichi esterni di collaborazione autonoma che oggi è per gli enti locali facoltativo, ha natura di atto generale di programmazione; pertanto esso non dovrebbe indicare i soggetti destinatari degli incarichi ma dovrebbe indicare le aree di servizio dell'ente locale rispetto alle quali, in base ad una ricognizione documentata, sono state riscontrate lacune di specifiche professionalità e per le quali, ad avviso della Giunta proponente, si rende necessario il ricorso a collaboratori 7

8 esterni all'organizzazione dell'ente. Il programma, se approvato, limita la discrezionalità dell'ente locale in sede di conferimento degli incarichi di collaborazione esterna. Più precisamente, se un ente locale ha approvato un programma degli incarichi esterni, esso è tenuto a rispettarlo; ne consegue che, se un ente locale attribuisse un incarico di collaborazione esterna al di fuori del programma approvato, pur nell'ambito delle competenze istituzionali dell'ente previste dalla legge, si porrebbe il problema della legittimità di tale incarico fuori programma. La soluzione di tale eventuale problema potrebbe darsi in questi termini: un incarico conferito al di fuori del programma approvato potrebbe essere legittimo solo se il provvedimento di affidamento contenesse un'adeguata motivazione in relazione alla sua mancata inclusione nel programma, per essere esso la conseguenza della necessità per l'ente, imprevista ed imprevedibile al momento della approvazione del programma, di svolgere un compito per cui non vi è all'interno dell'ente una professionalità idonea e sempre che esso abbia come oggetto una attività rientrante nelle competenze dell'ente previste dalla legge. In assenza della suddetta motivazione l'incarico attribuito al di fuori del programma sarebbe illegittimo, perchè il programma, una volta approvato, diventa presupposto di legittimità dell'affidamento degli incarichi di collaborazione esterna, nel senso che si richiede che gli incarichi da affidare siano stati previsti nel programma; tale presupposto di legittimità sarebbe derogabile solo in presenza di situazioni impreviste ed imprevedibili al momento della sua approvazione L'importanza del regolamento degli uffici e servizi degli enti locali ai fini del conferimento da parte degli stessi di incarichi di collaborazione esterna. Il decreto legislativo 18 agosto 2000 n.267- Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali- prevede all'articolo 110, comma 6 che: Per obiettivi determinati e con convenzioni a termine, il regolamento (è sottinteso degli uffici e servizi dell'ente locale ) può prevedere collaborazioni esterne ad alto 8

9 contenuto di professionalità. Tale norma, inserita nel corpo del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, chiarisce che l'affidamento da parte di un ente locale di incarichi di collaborazione esterna deve avere un fondamento non solo nella legge ma anche nel regolamento degli uffici e servizi che, si ripete, può prevedere per obiettivi determinati e con convenzioni a termine collaborazioni esterne ad alto contenuto di professionalità. La legge 244/2007 ( finanziaria per il 2008) ha ampliato l'importanza del regolamento degli uffici e servizi, come fonte legittimante l'affidamento da parte degli enti locali degli incarichi di collaborazione esterna. In particolare il comma 56 dell'art. 3 della legge 244/2007 ha previsto: Con il regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi emanato ai sensi dell articolo 89 del citato decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, sono fissati, in conformità a quanto stabilito dalle disposizioni vigenti, i limiti, i criteri e le modalità per l affidamento di incarichi di collaborazione, di studio o di ricerca, ovvero di consulenze, a soggetti estranei all amministrazione. Con il medesimo regolamento è fissato il limite massimo della spesa annua per gli incarichi e consulenze. L affidamento di incarichi o consulenze effettuato in violazione delle disposizioni regolamentari emanate ai sensi del presente comma costituisce illecito disciplinare e determina responsabilità erariale. Recentemente l'art. 46, comma 3 del D.L. 25 giugno 2008, n.112, convertito dalla l. 6 agosto 2008 n.133 ha sostituito il citato comma 56 dell'art. 3 legge 244/2007 stabilendo che: L'articolo 3, comma 56, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e' così sostituito: «Con il regolamento di cui all'articolo 89 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267,(n.d.r. e cioè con il regolamento degli uffici e servizi) sono fissati, in conformità a quanto stabilito dalle disposizioni vigenti, i limiti, i criteri e le modalità per l'affidamento di incarichi di collaborazione autonoma, che si applicano a tutte le tipologie di prestazioni. La violazione delle disposizioni regolamentari richiamate 9

10 costituisce illecito disciplinare e determina responsabilità erariale. Il limite massimo della spesa annua per incarichi di collaborazione è fissato nel bilancio preventivo degli enti territoriali. Per quanto sopra, il regolamento degli uffici e servizi di ogni ente locale deve fissare le regole generali, le modalità di selezione, i limiti per l'affidamento di tutte le tipologie degli incarichi di collaborazione esterna. Con tale disposizione il legislatore ha attribuito alla potestà regolamentare degli enti locali, e quindi alla discrezionalità degli stessi, la disciplina degli incarichi di collaborazione esterna; non vi sono dubbi però che tale discrezionalità sia vincolata, per quanto riguarda la determinazione dei criteri e modalità per l'affidamento, alla previsione di procedure comparative per la scelta dei collaboratori esterni. In poche parole, l'ente locale, in sede di disciplina regolamentare dei limiti, criteri e modalità per l'affidamento di incarichi di collaborazione esterna, non può non prevedere la regola della procedura comparativa per la scelta dei soggetti destinatari degli incarichi di collaborazione esterna. A tale conclusione si perviene sulla base del disposto del comma 6 bis dell'art. 7 del d.l.vo 165/2001 che, introdotto dall'articolo 32 del decreto legge n. 223/2006 convertito con modificazioni nella legge 248/2006, stabilisce: Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione. Tale norma ha valenza generale per tutte le pubbliche amministrazioni, ivi compresi gli enti locali; pertanto, in sede di esercizio della loro potestà regolamentare sugli incarichi di collaborazione esterna di loro competenza, gli enti locali devono attenersi al principio vincolante della previsione di procedure comparative per l'affidamento degli incarichi di collaborazione 4. 4 Si evidenzia che non pochi enti locali hanno previsto nei loro regolamenti degli uffici e dei servizi una procedura comparativa con sequenza di questo tipo: avviso pubblico, con termine per presentare la dichiarazione di candidatura all'incarico; fa seguito la procedura di scelta fra i vari concorrenti, sulla base della valutazione comparativa dei curricula in modo da garantire l'apporto più rispondente alle esigenze ed agli obiettivi dell'amministrazione committente. 10

11 4.3. Elenco aggiornato per gli enti locali dei presupposti di legittimità per l'affidamento degli incarichi di collaborazione esterna. Riepilogando quanto fin qui detto, i criteri di legittimità che gli enti locali debbono obbligatoriamente osservare nel conferimento di incarichi di collaborazione esterna sono i seguenti: 1) Previa indicazione nel regolamento degli uffici e dei servizi, che è di competenza della Giunta (provinciale o comunale) dei limiti, regole e modalità per l'affidamento degli incarichi nel rispetto del principio vincolante della previsione di procedure comparative di selezione 5 ; 2) rispondenza dell'incarico a specifici obiettivi e/o progetti dell'amministrazione in relazione ad attività istituzionali stabilite dalla legge o 6 ad attività previste nel programma approvato dal Consiglio; 3) inesistenza, all'interno della propria organizzazione, della figura professionale idonea allo svolgimento dell'incarico, da accertare per mezzo di una reale e documentata ricognizione; 4) affidamento dell'incarico a soggetto di provata competenza secondo le modalità comparative di scelta stabilite nel regolamento e con indicazione specifica di luogo, oggetto, durata e compenso dell'incarico; 5) proporzione fra il compenso corrisposto all'incaricato e l'utilità conseguita dall'ente locale; 6) motivazione nel provvedimento di incarico sulla sussistenza di tutte le condizioni indicate. 5 Si osserva che molti enti locali sulla base dei loro Statuti, anziché nel regolamento generale degli uffici e dei servizi, hanno disciplinato limiti, criteri e modalità di conferimento degli incarichi di collaborazione esterna in appositi specifici regolamenti di Disciplina dell'affidamento di incarichi a soggetti esterni all'amministrazione. In ogni caso le disposizioni regolamentari relative all'affidamento da parte degli enti locali degli incarichi di collaborazione devono essere trasmesse alla Corte dei Conti. 6 Il criterio della previa previsione dell'oggetto e contenuti di massima dell' incarico nel programma degli incarichi di collaborazione esterna approvato dal Consiglio è un criterio di legittimità eventuale, che entra in gioco solo qualora l'ente abbia deciso di approvare un programma degli incarichi di collaborazione esterna; se è fatta questa scelta, il programma approvato diventa un criterio di legittimità, derogabile solo in presenza di situazioni di carattere eccezionale, impreviste ed imprevedibili al momento dell'approvazione del detto programma. 11

12 5. Gli incarichi di progettazione di opere pubbliche. Disciplina normativa speciale. Una particolare categoria di incarichi esterni conferiti dalle pubbliche amministrazioni, quali stazioni appaltanti, è costituita dagli incarichi di progettazione esterna di opere pubbliche. L'affidamento degli incarichi di progettazione trova una sua autonoma e compiuta disciplina nell'art. 90 e seguenti del decreto legislativo 163/2006, cosiddetto codice dei contratti pubblici. Innanzitutto l'art. 90 individua i soggetti che possono essere affidatari degli incarichi di progettazione in materia di lavori pubblici. Si riporta in forma semplificata l'art. 90 d.lgs. 163/2006 rubricato progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici : 1. Le prestazioni relative alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva di lavori, nonché alla direzione dei lavori sono espletate: a) dagli uffici tecnici delle stazioni appaltanti; b) dagli uffici consortili di progettazione e di direzione dei lavori degli Enti locali; c) dagli organismi di altre pubbliche amministrazioni di cui le singole stazioni appaltanti possono avvalersi per legge; d) da liberi professionisti singoli od associati; e) dalle società di professionisti; f) dalle società di ingegneria; g) da raggruppamenti temporanei costituiti dai soggetti di cui alle lettere d), e) ed f) ai quali si applicano le disposizioni di cui all'articolo 37 in quanto compatibili; h) da consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria, anche in forma mista. La norma più rilevante ai fini che ci occupano, e cioè la norma che giustifica l'affidamento di incarichi di progettazione esterna in materia di lavori pubblici, è prevista al comma 6 dell'art. 90 del citato decreto legislativo n. 163/2006 che di seguito si riporta: 12

13 Le amministrazioni aggiudicatrici possono affidare la redazione del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, nonché lo svolgimento di attività tecnicoamministrative connesse alla progettazione, ai soggetti di cui al comma 1, lettere d), e), f), g) e h), (n.d.r. cioè ai soggetti esterni rispetto alla stazione pubblica appaltante) in caso di carenza in organico di personale tecnico, ovvero di difficoltà di rispettare i tempi della programmazione dei lavori o di svolgere le funzioni di istituto, ovvero in caso di lavori di speciale complessità o di rilevanza architettonica o ambientale o in caso di necessità di predisporre progetti integrali, così come definiti dal regolamento, che richiedono l'apporto di una pluralità di competenze, casi che devono essere accertati e certificati dal responsabile del procedimento. Per quanto riguarda le modalità di affidamento degli incarichi di progettazione esterna l'art.91 stabilisce sostanzialmente che: (1 comma) Per l'affidamento di incarichi di progettazione di cui all'articolo 90 di importo pari o superiore a euro si applicano le disposizioni di cui alla parte II, titolo I e Titolo II del codice, ovvero, per i soggetti operanti nei settori di cui alla parte III, le disposizioni ivi previste (le disposizioni richiamate fanno riferimento a procedure di scelta ad evidenza pubblica particolarmente rigorose). (2 comma). Gli incarichi di progettazione di importo inferiore alla soglia di cui al comma 1 ( e cioè ai euro) possono essere affidati dalle stazioni appaltanti, a cura del responsabile del procedimento, ai soggetti di cui al comma 1, lettere d), e), f), g) e h) dell'articolo 90 (cioè a soggetti esterni all'amministrazione), nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità e trasparenza, e secondo la procedura prevista dall'articolo 57, comma 6 (secondo la procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara); l'invito è rivolto ad almeno cinque soggetti, se sussistono in tale numero aspiranti idonei. Per completezza è opportuno esaminare la rilevante questione dell'applicabilità agli incarichi di progettazione dell'art 125 del d.lgs. 163/2006 recante la disciplina di lavori, servizi e forniture «in economia», e in particolare della parte finale del comma 11, che, per servizi (e forniture) di importo inferiore a ventimila euro, consente, 13

14 l'affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento. In merito a tale problematica l'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture con determinazione 29 marzo 2007 n. 4 7 ha osservato che: difficilmente i servizi tecnici in materia di lavori pubblici possono essere ricompresi tout court tra i servizi in economia, sia perché l'affidamento dei servizi tecnici è sottoposto a specifica ed autonoma disciplina, dove le regole si diversificano a seconda che l'importo stimato del compenso superi o meno la soglia di euro, sia perché l'acquisizione in economia deve essere preceduta dall'assunzione di specifico provvedimento interno da parte di ciascuna stazione appaltante con cui essa individui i singoli servizi da acquisire con lo speciale metodo dell'economia, con riguardo alle proprie specifiche esigenze e in relazione all'oggetto ovvero in riferimento coerente alle categorie indicate dal comma 10, del detto art Fermi restando tali limiti, dal combinato disposto degli articoli 91, comma 2, e 125, comma 11, del Codice, non si può tuttavia escludere che una stazione appaltante, in relazione alle proprie specifiche esigenze ed attività, possa ricomprendere nel regolamento interno per la disciplina della propria attività contrattuale, anche l'affidamento in economia dei servizi tecnici e, pertanto, per le prestazioni di importo inferiore a euro, in base all'articolo 125, comma 11, del Codice, procedere alla scelta del tecnico mediante affidamento diretto. Per quanto sopra può affermarsi, sulla scorta del citato provvedimento dell'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici che, per i servizi tecnici di importo inferiore a euro, le stazioni appaltanti possano procedere mediante affidamento diretto, ai sensi del combinato disposto degli articoli 91, comma 2 e 125, comma 11, del d.lvo 163/2006, previa indicazione dei servizi tecnici nel regolamento interno per la disciplina dell'attività contrattuale in economia. Sono rilevanti, ai fini che ci occupano, anche il quarto e l'ottavo commi dell'articolo 91 d.lvo in esame. 7 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture- determinazione 29 marzo 2007 n. 4 su Guida agli Enti Locali n. 23 del 9 giugno

15 Il 4 comma stabilisce che: le progettazioni definitiva ed esecutiva sono di norma affidate al medesimo soggetto, pubblico o privato, salvo che in senso contrario sussistano particolari ragioni, accertate dal responsabile del procedimento. In tal caso occorre l'accettazione, da parte del nuovo progettista, dell'attività progettuale precedentemente svolta. L'affidamento può ricomprendere entrambi i livelli di progettazione, fermo restando che l'avvio di quello esecutivo resta sospensivamente condizionato alla determinazione delle stazioni appaltanti sulla progettazione definitiva. Il comma 8 stabilisce che: E' vietato l'affidamento di attività di progettazione, direzione lavori, collaudo, indagine e attività di supporto a mezzo di contratti a tempo determinato o altre procedure diverse da quelle previste dal presente codice. 6. Gli incarichi di patrocinio legale attribuiti da enti pubblici a professionisti esterni. L'affidamento da parte di enti pubblici di incarichi di patrocinio legale ad avvocati del libero foro può riguardare le pubbliche amministrazioni non obbligate ad avvalersi in via obbligatoria ed esclusiva del patrocinio dell'avvocatura dello Stato. Ai fini del conferimento da parte di enti pubblici di incarichi di patrocinio legale ad avvocati del libero foro si rileva innanzitutto che valgono i presupposti di legittimità previsti in via generale dall'art. 7, comma 6, del d.lvo 165/2001, mentre, come si vedrà, è discusso se la procedura relativa al loro affidamento debba essere quella degli appalti pubblici di servizi, o sia invece quella comparativa prevista, secondo il proprio ordinamento, da ciascun ente pubblico affidante. In applicazione specifica a tale tipo di incarichi esterni dell'articolo 7, comma 6, d.lvo 165/2001, si può ritenere che gli enti possano affidare incarichi di rappresentanza in giudizio e di patrocinio a legali esterni quando sussistono i seguenti presupposti di legittimità: a) l'incarico legale riguarda un'azione giudiziaria finalizzata a far valere un interesse 15

16 pubblico rientrante nella sfera di competenza istituzionale dell'ente ovvero la difesa dell'ente da un'azione giudiziaria promossa contro lo stesso; b) vi è l'oggettiva impossibilità di avvalersi di un avvocato dipendente dell'ente nell'ambito della struttura organizzativa dell'ufficio legale interno, o per assenza a monte dell'ufficio legale, o per la documentata impossibilità degli avvocati dell'ufficio legale interno di poter assolvere all'incarico di difesa o rappresentanza in giudizio dell'ente per il notevole carico di lavoro di cui essi siano già oberati; c) la prestazione deve essere temporanea, in quanto legata allo svolgimento del giudizio per il quale è conferito l'incarico, ed altamente qualificata; d ) devono essere predeterminati luogo, oggetto, durata, e compenso 8 dell'incarico di difesa e rappresentanza in giudizio. In relazione al compenso la legge 4 agosto n. 248 del 2006, che ha convertito con modificazioni il decreto legge 4 luglio 2006 n. 223 (noto come Decreto Bersani) ha previsto alla lettera a) comma 1 dell'art. 2 rubricato Disposizioni urgenti per la tutela della concorrenza nel settore dei servizi professionali l'abrogazione (non solo) delle disposizioni legislative e regolamentari che prevedevano, con riferimento alle attività libero professionali e intellettuali, l'obbligatorietà di tariffe fisse o minime, ma anche di quelle che vietavano di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti 9. Al riguardo si osserva che gli enti pubblici, che affidano incarichi di rappresentanza e difesa in giudizio ad avvocati del libero foro, ben potrebbero attuare tale norma, prevista in generale per tutte le prestazioni libero professionali ed intellettuali, e quindi esercitare la facoltà di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti, con la conseguenza, in sede di previa determinazione del 8 La predeterminazione dei compensi degli avvocati del libero foro, incaricati della difesa e rappresentanza in giudizio di enti pubblici, è un requisito importante che vale ad evitare la presentazione a carico degli enti di parcelle elevate al termine degli incarichi. Anche se all'inizio dell'incarico non è precisamente quantificabile da parte dell'avvocato la quantità del lavoro, il numero di atti, di udienze etc., in base al disposto normativo il compenso deve essere predeterminato, e quindi fissato all'atto del conferimento. 9 Il testo di riforma della professione forense approvato in data 23 novembre 2010 dal Senato della Repubblica, ora all'esame della Camera, reintroduce le tariffe minime inderogabili (comma 6 dell'articolo 12 del testo) con ciò abrogando, per la categoria degli avvocati, le disposizioni della legge n. 223/2006 che hanno eliminato l'inderogabilità dei minimi tariffari per le attività libero professionali, mentre tale testo di riforma ha confermato, con riferimento al rapporto clienti-avvocati, la possibilità di prevedere compensi parametrati al risultato finale. 16

17 compenso, di poter prevedere una parte del compenso di tipo premiale, condizionata al conseguimento di un obiettivo positivo per l'ente, quale la vittoria in un procedimento legale. L'aspetto tuttora più discusso in dottrina ed in giurisprudenza è dato dalla natura degli incarichi di patrocinio legale affidati ad avvocati esterni all'organizzazione degli enti affidanti, se essi siano da qualificarsi, ai fini della procedura da seguire per il loro affidamento, come appalti di servizio, in quanto rientranti nella nozione di servizi legali specificamente indicati nell'allegato II B del d.lvo 163/2006, oppure come contratti di lavoro autonomo secondo la nozione dell'art. 7, comma 6, d.lgvo 165/2001. Il dibattito sulla qualificazione giuridica di tali incarichi ha però perso parte della sua utilità sul piano concreto, perchè l'adesione all'una o all'altra tesi, se dava luogo a notevoli differenze di disciplina, oggi dà luogo a differenze disciplinari di minore rilevanza. La loro qualificazione come contratti di lavoro autonomo di cui all'articolo 7, comma 6, d.lvo 165/2001, induceva, specialmente la giurisprudenza amministrativa, a ritenere che tali incarichi, in quanto riconducibili alle prestazioni d'opera intellettuale di cui alle norme del codice civile, potessero essere affidati direttamente, senza alcuna procedura selettiva, in ragione del carattere fiduciario degli stessi, con scelta del professionista intuitu personae (in tal senso per es. Consiglio di Giustizia amministrativa n.128 del 7 aprile 1999). La loro qualificazione invece come contratti di appalto di servizi, in quanto rientranti fra i servizi legali di cui all'allegato II B del d.lvo 163/2006, cosiddetto codice dei contratti pubblici, determinava l'applicazione delle procedure concorsuali previste per la scelta del contraente negli appalti di servizi nei settori cosiddetti esclusi, e precisamente delle norme richiamate dall'articolo 20 del decreto legislativo 163/2006, nonché dei principi di trasparenza, economicità, efficacia, imparzialità, proporzionalità e non discriminazione sanciti dall'art. 27 del medesimo d.lvo 163/2006 (in tal senso la giurisprudenza contabile Corte dei conti Sez. contr. 17

18 Lombardia parere n. 29 del 12 maggio 2008 e Corte dei conti Sez. Contr. Veneto- parere n. 7 del 21 gennaio 2009). Il dibattito, come si è anticipato, ha perso buona parte della sua rilevanza concreta con l'introduzione nell'art. 7 del Dl.vo 165/2001, ad opera della legge 248 del 4 agosto 2006 di conversione con modificazioni del D.L. 223/2006 (cosiddetto decreto Bersani), del comma 6 bis che stabilisce: Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione. Sulla scorta di tale innovazione normativa, la giurisprudenza amministrativa più recente, pur continuando a ricondurre gli incarichi professionali a legali esterni ai contratti di lavoro autonomo e quindi sottratti alla disciplina sugli appalti pubblici di servizi, ha sostenuto l'obbligo di ricorrere, in sede di affidamento di tali incarichi, a procedure selettive concorsuali, atteso che i principi di derivazione comunitaria di non discriminazione, parità di trattamento, pubblicità e proporzionalità, risultano recepiti dall'art. 7, comma 6 bis, del d.lvo 165/2001, come recentemente novellato (in questi termini Tar Campania- Napoli-Sezione II n del 21 maggio ). Più recentemente è stata prospettata una terza tesi sulla natura degli incarichi di patrocinio legale affidati ad avvocati esterni all'organizzazione dell'ente. Secondo la Corte dei conti-sez.reg. di controllo per la Basilicata -parere n. 8 del 3 aprile tali incarichi, se limitati alla rappresentanza e difesa in giudizio dell'ente affidante, non sarebbero riconducibili né agli appalti di servizi nè agli incarichi di collaborazione esterna di cui all'art. 7, comma 6, del d.lvo 165/2001, ma piuttosto alle norme del codice civile sulle prestazioni d'opera intellettuale per le quali, tuttavia, la Corte dei conti lucana afferma che gli enti pubblici affidanti devono procedere ad una procedura comparativa in sede di scelta del contraente, in forza dell'art. 27 del decreto legislativo n. 163/2006 che stabilisce: L'affidamento dei contratti pubblici aventi ad oggetto lavori, servizi, forniture, 10 Si veda commento a tale sentenza in Diritto e pratica amministrativa- Sole 24 ore- n. 7/8 Luglio-agosto 2008 a cura di Stefania Petrucci pagine

19 esclusi, in tutto o in parte dall'applicazione del presente codice, avviene nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità. L'affidamento deve essere preceduto da invito ad almeno 5 concorrenti, se compatibile con l'oggetto del contratto. La Corte dei conti lucana ha altresì sostenuto nel medesimo parere n. 8 del 3 aprile 2009 che, qualora l'incarico ad un legale esterno non si limiti alla sola difesa e rappresentanza in giudizio dell'ente ma si estenda all'organizzazione del servizio legale dell'ente, tale incarico può farsi rientrare fra gli appalti di servizi di cui all'allegato II B del codice sui contratti pubblici, con la conseguente applicazione delle procedure concorsuali di scelta del contraente per gli appalti di servizi nei settori c.d. esclusi, e quindi secondo le norme richiamate dall'articolo 20 d.lgs n. 163/2006, alle quali si aggiungono quelle residuali dell'articolo 27 citato del medesimo d.lvo 163/2006. In conclusione sull'argomento può dirsi che oggi un punto di approdo certo è che l'affidamento da parte di enti pubblici di incarichi di difesa e rappresentanza in giudizio ad avvocati del libero foro deve essere preceduto, a prescindere dalla qualificazione giuridica dei contratti scaturenti da tali incarichi, da una previa procedura selettiva. E' invece tuttora discusso se tali incarichi siano da ricondursi sotto il profilo contrattuale e del tipo di procedura selettiva da applicarsi, ai contratti di lavoro autonomo di cui al comma 6 dell'art. 7 del d.lvo 165/2001 oppure ai servizi legali di cui all'allegato II B del decreto legislativo n. 163/2006. L'adesione all'una o all'altra qualificazione ha per conseguenza che, se si accede alla tesi che tali incarichi diano luogo ad appalti di servizi, il loro affidamento dovrà avvenire con l'osservanza delle specifiche norme di procedura concorsuale previste, per gli appalti di servizi nei settori c.d. esclusi, dall'art. 20 del Codice dei contratti pubblici, ed in via residuale, dall'art. 27 del medesimo codice dei contratti pubblici. L'adesione invece alla tesi della loro qualificazione giuridica come contratti di lavoro autonomo di cui al comma 6, art. 7 d.lgvo 165/2001 avrà per conseguenza che il loro 19

20 affidamento dovrà seguire le regole di procedura selettiva che la singola pubblica amministrazione affidante l'incarico deve stabilire nel proprio ordinamento per l'affidamento di tutti gli incarichi di collaborazione esterna, poichè il comma 6 bis del novellato testo dell'art. 7 d.lvo 165/2001 oggi stabilisce che: Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione. Secondo una condivisibile opinione 11 che aderisce all'orientamento in materia della giurisprudenza contabile, gli incarichi in questione sono da considerarsi appalti di servizi, in quanto servizi legali di cui all'allegato II B del decreto legislativo 163/2006, cosiddetto codice dei contratti pubblici, non solo in forza di tale specifica disposizione normativa nazionale, ma ancor più per il principio di supremazia del diritto comunitario rispetto alle disposizioni di diritto interno incompatibili. La nozione comunitaria di appalto di servizi è ampia, ed essa ricomprende certamente gli incarichi di difesa e rappresentanza in giudizio, tanto che il Regolamento 28 novembre 2007 n. 213/2008 emanato dalla Commissione Europea, che reca un nuovo Vocabolario comune per gli Appalti pubblici di cui alla direttiva 2004/18 CE, indica fra le voci relative ai servizi legali, sia i servizi di consulenza giuridica, sia i servizi di rappresentanza legale, che i servizi di rappresentanza delle parti interessate Gli incarichi di diretta collaborazione degli organi politici. Fra gli incarichi di collaborazione esterna delle pubbliche amministrazioni possono annoverarsi anche gli incarichi di diretta collaborazione con gli organi di vertice di pubbliche amministrazioni espressione di rappresentanza politica, qualora tali incarichi siano affidati a soggetti esterni alla pubblica amministrazione. 11 Pierpaolo Grasso, in Patrocinio legale: affidamento all'esterno solo tramite procedura selettiva in Diritto e pratica amministrativa n. 9 del mese di settembre 2009, pagine 34-38, dopo aver tracciato un quadro delle varie tesi in giursiprudenza sulla natura degli incarichi a legali esterni conferiti da enti pubblici, conclude nel senso che è da preferirsi l'indirizzo di quella giurisprudenza contabile che riconduce tali incarichi agli appalti di servizio, in forza della nozione comunitaria di appalto di servizi e del primato del diritto comunitario sulle disposizioni di diritto interno eventualmente incompatibili. 12 In questi termini Pierpaolo Grasso in articolo già citato in Diritto e pratica amministrativa n. 9 del settembre

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche.

Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. TESTO AGGIORNATO CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Legge 23 agosto 1988, n.400 Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 settembre, n. 214 S.O.) [come modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO 1 1 Approvato con deliberazione G.C. n 70 del 12.07.2005 modificato con deliberazione G.C. n 98 del 18.11.2006 a seguito della deliberazione G.C. n 113 del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA UTILIZZARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI DI PATROCINIO E DIFESA DEL COMUNE DI BACOLI IL RESPONSABILE Vista la deliberazione

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17/CE e 2004/18/CE RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 100 del 2 maggio 2006) Autorità per la vigilanza

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli