Corso di Studi in Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Studi in Informatica"

Transcript

1 RISERVATO Corso di Studi in Informatica Offerta formativa Anno 2010/2011 Per aderire e prenotare occorre mandare una mail o un fax o telefonare a uno dei seguenti riferimenti: Simona Castello Rosa Meo fax:

2 Corso n. 1 Prof.ssa Ronchi Problemi facili, difficili, impossibili ovvero Che cosa si può fare (o non si può fare) con un calcolatore / La presentazione mira a far comprendere agli studenti noj solo che esistono problemi non risolubili in assoluto, ma anche che esistono differenze di complessità intrinseche nella ricerca di soluzione ad alcuni problemi reali. Alcuni di essi non sono affrontabili da un calcolatore, se non in maniera approssimata o in seguito all introduzione di vincoli, poichè la discriminante non è la potenza di calcolo ma il tipo di problema. Studenti del quarto e quinto anno di scuole superiori. Dato il carattere volutamente divulgativo sono richieste solo conoscenze di base di informatica. Durata: 1 ora. Struttura: Problemi risolubili e non risolubili Problemi trattabili e intrattabili La complessità dei problemi Alcuni problemi: la primalità, l ordinamento, il commesso viaggiatore, la piastrellatura, la fermata di un programma. Misure della complessità Classi di complessità Un esempio relativo alla codifica dei messaggi con applicazione alle comunicazioni presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 1

3 Corso n. 2 Internet: cenni storici e sviluppi futuri, dal carattere tecnico/divulgativo Proff. Sereno/Sirovich / La presentazione parte da una breve descrizione di Internet e dei servizi che attualmente offre e prova a ripercorrere alcune delle tappe salienti dello sviluppo delle reti di comunicazioni ed ad evidenziare le possibili linee guida dello sviluppo futuro della rete. Studenti del quinto anno di scuole superiori. Dato il carattere volutamente divulgativo sono richieste solo conoscenze di base di informatica e di uso della rete Internet Durata: 2 ore. Struttura: Internet e il web: breve panoramica della rete e dei servizi principali che essa offre Cenni storici sullo sviluppo della rete e dei servizi che offre Uno sguardo sul futuro (sviluppi futuri/futuribili della rete Internet e dei servizi che essa offre) Presso le scuole 2

4 Corso n. 3 Prof. Sereno Reti Complesse è un'introduzione all analisi dei fenomeni che emergono dalle diverse tipologie di reti (sociali, tecnologiche e biologiche) Illustrare ai partecipanti le basi algoritmiche e analitiche dei principali problemi e campi di applicazione legati alla network analysis Il programma è così organizzato: Introduzione alle reti e ai grafi; Definizione dei parametri principali da osservare durante un analisi di rete Reti piccolo mondo e ad invarianza di scala; Casi di studio reali: Reti tecnologiche: Internet, sistemi P2P Reti sociali: amicizia, collaborazione scientifca, terrorismo internazionale Reti biologiche: diffusione delle epidemie - Parallelismi e convergenze tra le diverse tipologie di reti Studenti e insegnanti di scuole superiori; non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: 2 ore Struttura: si intende partire da casi reali (es. Collaborazione scientifica, rete degli attori cinematografici, sistemi di condivisione file P2P, reti sociali alla Facebook) per presentare i principi scientifici e analitici che servono ad osservare (e a capire) l emergenza di fenomeni spontanei in sistemi (apparentemente) caotici e complessi. Verranno presentate le relazioni con il lavoro dell informatico, sotto un punto di vista scientifico e tecnologico. o presso le scuole (possibile anche senza l uso di PC) o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 3

5 Corso n. 4 Digital Storytelling nell'era dei Social Network Dott.ssa Picardi Illustrare ai partecipanti le opportunità offerte dai social network per valorizzare ed insegnare la cultura di un territorio e le problematiche inerenti alla comunicazione su una rete sociale e l estrazione di informazioni Il programma è così organizzato: Introduzione allo scenario e alle applicazioni Introduzione di una rete sociale I sistemi di raccomandazione Estensione dei sistemi di social networking per permettere agli utenti di raccontare. Studenti e insegnanti di scuole superiori; non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: 2 ore Struttura: si intende partire dall illustrazione di alcuni casi reali e dall esperienza del progetto Piemonte. o presso le scuole o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 4

6 Corso n. 5 Dott. Giacobini Comunicazione nelle reti: dalla diffusione di una moda alla trasmissione di virus illustra ai partecipanti come avviene il meccanismo della trasmissione di informazione sulle reti Introdurre i partecipanti ai concetti base con cui possono venire rappresentati molti sistemi reali, dalle reti sociali a quelle tecnologiche. Tale studio permette di studiare le dinamiche di diffusione di informazioni, siano queste opinioni in una rete sociale, messaggi su Internet o virus pandemici veicolati dal flusso aereo. Il programma è organizzato in modo da facilitare la presentazione tramite esempi pratici e di quotidiana utilita` (es. studio di trasmissione di malattie, di reti informatiche e sociali, ecc.) Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori. Durata: 1 ora Struttura: Introduzione alle reti e ai grafi Esempi di reti sociali, biologiche e tecnologiche Illustrazione di quali parametri vengono studiati per prevedere il comportamento della rete e la diffusione delle informazioni Esempi pratici: diffusione e controllo delle pandemie Presso le scuole medie superiori o la sede del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 5 5

7 Corso n. 6 Dott. Remondino Simulazione Basata su Agenti illustra ai partecipanti come sistemi sociali complessi possono essere modellati e studiati grazie a questi paradigmi Introdurre i partecipanti ai concetti base della simulazione al calcolatore, agente software, sistema multi agente, sistema sociale complesso e mostrare loro alcune significative applicazioni pratiche tratte da ricerche universitarie Il programma è organizzato alternando la presentazione teorica dei contenuti a quella di casi pratici, per facilitare l apprendimento dei concetti illustrati. Gli esempi vertono su settori che spaziano dall economia all informatica (es. studio di mercati, di reti informatiche, ecc.) Studenti del quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica. Nel caso di istituti tecnici, può essere utile un minimo background in materie economiche e finanziarie. Durata: 4 ore suddivise tra introduzione teorica ed illustrazione dei casi pratici. Struttura: Simulazione: dai videogames in tempo reale ai modelli di sistemi complessi Introduzione ai Sistemi Sociali Complessi, ed al paradigma dei sistemi multi-agente Riprodurre la realtà sul PC: analisi di scenario ed analisi what-if, validazione empirica Illustrazione di casi pratici: simulazione ad agenti di una rete peer to peer, per ridurre la produzione di falsi. Modello per l analisi dei distretti industriali e dinamiche che portano alla loro formazione. Simulazione d impresa come strumento per la trasmissione di conoscenza. Locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 6 6

8 Corso n. 7 Dott. Livio Robaldo Applicazioni Web avvicina i partecipanti alla progettazione e sviluppo di applicazioni software basate sul Web e su pagine dinamiche Introdurre i partecipanti alla progettazione e allo sviluppo di applicazioni Web basate su pagine dinamiche (Java Server Pages) utilizzando un ambiente di sviluppo software normalmente usato a livello professionale per applicazioni industriali Il programma è organizzato alternando la presentazione di contenuti con la sperimentazione in laboratorio per facilitare l apprendimento dei concetti teorici e fornire un esperienza professionalizzante Studenti del quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica Durata: 4 ore di cui 2 di teoria e 2 di esercitazione in laboratorio. Per le attivita di laboratorio i partecipanti utilizzeranno l ambiente di sviluppo software NetBeans IDE Struttura: Presentazione delle applicazioni Web basate su pagine e introduzione alle JSP Progettazione delle pagine dell applicazione, dal punto di vista funzionale e della presentazione dei contenuti all utente (interfaccia utente) Sviluppo di tabelle in database, per mantenere dati permanenti da interrogare e manipolare nelle applicazioni Web Sviluppo di pagine Web statiche (HTML) e dinamiche (Java Server Pages) che formano la logica applicativa dell applicazione Web. Le pagine accedono al database per recuperare i dati da utilizzare Locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 7

9 Corso n. 8 Dott. Aldinucci Progettare il motore della Ferrari, capire il DNA, usare Google e Facebook, giocare a Halo, ovvero, sfidare la velocità della luce con il calcolo parallelo La potenza del calcolo è strettamente legata alla quantità e la qualità della informazione che è possibile trattare in tempo utile. Maggiore potenza di calcolo significa migliori previsioni del tempo, migliori simulazioni, migliore qualità dei risultati di un motore di ricerca, più fluidità di un videogioco, ma anche risparmiare energia. Il calcolo parallelo è la tecnica principe per incrementare la potenza del calcolo: dal supercalcolatore della NASA alla scheda grafica di ogni PC. Calcolare in parallelo significa superare la velocità della luce, forse ;-) Il corso prende spunto dai problemi applicativi che necessitano di grosse potenze di calcolo (grandi sfide) per motivare storicamente il calcolo parallelo ad alte prestazioni fino ad arrivare ai calcolatori paralleli in tutte le case: la playstation3, i comuni processori per i portatili e le schede grafiche. Il corso tende a far intuire che programmare queste macchine significa domare la bestia: anche in questo caso, la potenza è nulla senza il controllo. Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori con un minimo background scientifico. Durata: 2 ore Struttura: Introduzione e motivazioni: dalle grandi sfide ai videogiochi. Velocità e colore della luce, ovvero perché i calcolatori saranno sempre più paralleli. La progettazione e la programmazione dei calcolatori paralleli, ovvero perché non basta saper guidare ma occorre essere piloti prima di mettersi alla guida di una formula uno. Dimostrazione di uso di programmi paralleli ed effetti speciali. Presso le scuole e/o i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 8

10 Corso n. 9 Dott. Lucenteforte Dal Reale al Virtuale introduce i partecipanti ai concetti che stanno alla base del processo della visione in ambienti reali e di sintesi Fornire ai partecipanti alcuni concetti fondamentali riguardanti le tecnologie e le metodologie che permettono: a) l acquisizione, l organizzazione e l elaborazione di informazione multimodale, nella evoluzione spazio-temporale b) la costruzione e la navigazione di ambienti di sintesi (realtà virtuale). Il programma è organizzato nella forma di seminario, alternando la presentazione di contenuti e di applicazioni reali, al fine di facilitare la comprensione dei concetti teorici. Studenti del quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica. Durata: circa 2 ore, eventualmente estendibili. Locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 9

11 Corso n. 10 Prof. Balossino Scena del crimine: il computer indaga L obiettivo è quello di illustrare, attraverso l analisi di casi di studio, le potenzialità di soluzioni informatiche avanzate nell analisi delle immagini a supporto della magistratura. Si tratta di soluzioni anche ispirate a principi semplici, seppur capaci di rispondere alle esigenze del confronto delle informazioni a disposizione. Il corso è organizzato nella forma di lezione/seminario Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori. Anche se non necessario, è preferibile rivolgersi a studenti con un minimo background di informatica. Durata: 1 ora Struttura (di massima): di alcuni casi reali e illustrazione delle soluzioni informatiche adottate per l indagine Esempi di analisi delle immagini per la verifica dell attendibilità delle prove Ricostruzione della scena del crimine /Lingua Preferibilmente, presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. 10

12 Corso n. 11 Prof.ssa Sapino Come funziona un motore di ricerca? Come identifica e come ordina i documenti in risposta alle nostre interrogazioni? L obiettivo è quello di illustrare i principi di base dell analisi dei documenti e descrivere gli algoritmi su cui si basano i motori di ricerca per individuare e ordinare i risultati da presentare agli utenti, Il corso è organizzato nella forma di seminario Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori. Anche se non necessario, è preferibile rivolgersi a studenti con un minimo background di informatica. Durata: 1 ora Struttura (di massima): presentazione di tecniche, strumenti ed algoritmi applicati ad esempi /Lingua Preferibilmente, presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. 11

13 Corso n. 12 Dott. Aringhieri 118: è possibile gestire il caos? introduce il tema dell impiego di soluzioni informatiche avanzate per la gestione efficace ed efficiente di una realtà complessa L obiettivo è quello di introdurre, attraverso l analisi di un singolare caso di studio, la necessità di soluzioni informatiche avanzate ed originali per una gestione di un sistema di pronto intervento. Il corso è organizzato nella forma di lezione/seminario cercando di stabilire un buon livello di interazione con gli studenti attraverso l ausilio di varie applicazioni ad hoc. Verranno introdotti diversi concetti tra i quali, ad esempio, quello di modello, di complessità. Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori. Anche se non necessario, è preferibile rivolgersi a studenti con un minimo background di informatica. Durata: 2 ore (estendibile a 3 su richiesta della scuola) Struttura (di massima): descrizione del sistema 118 (esempi Torino e Milano) la complessità del sistema attraverso un gioco modelli di simulazione ad agenti per il movimento delle ambulanze gestione dei dati, del flusso delle informazioni, rappresentazione della conoscenza applicazioni didattiche via web /Lingua Preferibilmente, presso le scuole (se si ha a disposizione almeno un buon proiettore ed un sistema di diffusione audio, connessione internet). Presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. 12

14 Corso n. 13 Prof. Torasso Agenti intelligenti per sistemi autonomi L obiettivo è quello di introdurre la nozione di agente intelligente in grado di ragionare, percepire ed agire. Viene inoltre mostrato il ruolo essenziale di un agente intelligente nel rendere un sistema autonomo. Il corso è organizzato nella forma di lezione/seminario cercando di stabilire un buon livello di interazione con gli studenti attraverso l ausilio di vari dimostratori prototipali. Gli esempi riguarderanno sistemi robotici di servizio in ambito domestico e rover per l esplorazione spaziale. Studenti del quarto/quinto anno di scuole superiori. Anche se non necessario, è preferibile rivolgersi a studenti con un minimo background di informatica. Durata: 1 ora Struttura (di massima): delle problematiche per un sistema autonomo Introduzione ad un sistema ad agenti Agenti che ragionano, percepiscono ed agiscono Esempio di agente per il controllo di un robot di servizio in ambito domestico Esempio di agente per la pianificazione e gestione di missione di un rover per esplorazione spaziale /Lingua Preferibilmente, i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. 13

15 Corso n. 14 Dott.ssa Pisano Problem Solving & Decision Making supporta i junior ad alto potenziale a diventare dei buoni analisti Favorire l apprendimento di un metodo di lavoro strutturato Fornire ai partecipanti gli strumenti per: Saper risolvere problemi in autonomia Imparare a lavorare in team Apprendere le tecniche di problem solving Corso altamente interattivo e basato sull experience learning: Team work Role plays Case studies Junior ad alto potenziale Studenti del quinto anno di scuole superiori Studenti della laurea di primo livello Con esperienza di lavoro limitata Durata 4 ore /Lingua Presso le scuole medie superiori Presso la sede del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino Italiano /inglese 14

16 Corso n. 15 Prof.ssa Meo Introduzione alla Business Intelligence: ovvero come si aumenta la propria conoscenza a partire dalle informazioni a disposizione Introdurre i partecipanti ad alcuni concetti di base dell apprendimento automatico, che e` una branca della disciplina dell Intelligenza Artificiale Il programma è organizzato alternando la presentazione di contenuti con la sperimentazione in laboratorio per facilitare l apprendimento dei concetti teorici e fornire un esperienza professionalizzante Studenti del quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica Durata: 4 ore di cui 2 di teoria e 2 di esercitazione in laboratorio. Per le attivita di laboratorio i partecipanti utilizzeranno l ambiente Weka (gratuito, scaricabile all indirizzo: Struttura: Presentazione delle motivazioni e di alcune applicazioni come l analisi degli acquisti dei clienti al supermercato, l analisi delle visite sul Web, i sistemi di raccomandazione (come Amazon), l analisi del genoma in bioinformatica Presentazione di alcuni concetti di base (come i pattern frequenti applicati a fini descrittivi e i classificatori applicati a fini predittivi) Sperimentazione nell ambiente di laboratorio Weka Il seminario potrebbe essere modulato a scelta della scuola, da 2 o da 4 ore Presso le scuole medie superiori (se si hanno a disposizione alcuni PC nel rapporto di 1 PC ogni 2 studenti) Presso la sede del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 15

17 Corso n. 16 Dott.ssa Bosco Trattamento Automatico del Linguaggio introduce i partecipanti ai concetti base dei sistemi di Intelligenza Artificiale Introdurre i partecipanti ad alcuni concetti di base del trattamento automatico del linguaggio, la branca dell Intelligenza Artificiale che si occupa di rendere il computer in grado di interagire con l uomo direttamente in linguaggi come l italiano e l inglese. Il programma è organizzato alternando la presentazione di contenuti e la dimostrazione con applicativi e demo per facilitare l apprendimento dei concetti teorici. E prevista anche una esercitazione pratica basata sull uso di script in linguaggio Perl. Studenti del quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica. Durata: 4 ore di cui 2 di teoria e 2 di esercitazione pratica. Struttura: Presentazione delle motivazioni e di alcune applicazioni come i sistemi che forniscono risposte in linguaggio naturale Presentazione di alcuni concetti di base della Computational Linguistics e del Natural Language Processing Sperimentazione in Perl Il seminario potrebbe essere modulato a scelta della scuola, da 2 o da 4 ore. /Lingua Presso le scuole (se si hanno a disposizione alcuni PC nel rapporto di 1 PC ogni 2 studenti) Presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. Italiano/Inglese 16

18 Corso n. 17 Dott. Mazzei Macchine segnanti introduce i partecipanti a un sistema di apprendimento del linguaggio e di traduzione Introdurre i partecipanti ad alcuni concetti di base dell'intelligenza artificiale e del trattamento automatico del linguaggio Il programma è organizzato alternando la presentazione di contenuti e la dimostrazione con applicativi e demo per facilitare l apprendimento dei concetti teorici. Studenti del quarto o quinto anno di scuole superiori che offrono un minimo background di informatica. Durata: 1 ora. Struttura: Presentazione di alcuni concetti di base dell'intelligenza artificiale Presentazione di alcuni concetti di base della linguistica computazionale, ossia riguardo allo sviluppo di formalismi descrittivi del funzionamento del linguaggio naturale, tali che si possono trasformare in programmi eseguibili dai computer e dell elaborazione del linguaggio naturale Presentazione di una demo riguardante un progetto di ricerca sulla traduzione /Lingua Presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. Italiano/Inglese 17

19 Corso n. 18 Dott. Manini Algoritmi: Programmazione Dinamica illustra ai partecipanti la formulazione di soluzioni algoritmiche Illustrare ai partecipanti un esempio di formulazione di soluzioni algoritmiche a problemi concreti. In particolare viene presentato il problema della più lunga sottosequenza comune come applicazione del problema tipico della biologia dell allineamento di sequenze di DNA Il programma è così organizzato: presentazione del problema concreto e formalizzazione del problema ricerca della soluzione formale interagendo con i partecipanti esercitazione finale scritta basata sull applicazione dell algoritmo su un semplice caso di allineamento di sequenze Studenti del quinto anno di scuole superiori, non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: 4 ore di cui 3 di teoria e 1 di esercitazione Struttura: Introduzione alla necessità della formulazione di soluzioni algoritmiche Breve presentazione del problema dell allineamento di sequenze di DNA Formalizzazione del problema della più lunga sottosequenza comune Formulazione della soluzione insieme ai partecipanti analizzando un caso reale Esercitazione: Applicazione della soluzione ad un caso semplice o presso le scuole (non è necessario l uso di PC) o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 18

20 Corso n. 19 Dott. Torta Ricerca su grafi: da GoogleMaps alle missioni spaziali Illustrare ai partecipanti come un algoritmo classico di ricerca di soluzione ottima su un grafo sia alla base di molte soluzioni applicative nell ambito dell Intelligenza artificiale e in particolare nelle applicazioni di pianificazione e controllo robotico per veicoli spaziali autonomi Il corso è organizzato nella forma di lezione/seminario cercando di stabilire un buon livello di interazione con gli studenti attraverso l ausilio di alcuni esempi e dimostrazioni al calcolatore. Studenti del triennio delle scuole superiori con particolare riferimento alle classi quinte, aventi un background di tipo informatico. Durata: 2 ore Struttura: Introduzione al concetto di grafo Problema dei cammini minimi su un grafo (algoritmo di Dijkstra) Da Dijkstra all algoritmo A* Applicazione di A* all autonomia di bordo delle sonde nelle missioni spaziali della NASA o presso le scuole (non è necessario l uso di PC) o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 19

21 Corso n. 20 Prof. Giovannetti Algoritmica e Fondamenti è un'introduzione, parzialmente interattiva, all'algoritmica e ai fondamenti dell'informatica Illustrare ai partecipanti le basi dell'algoritmica e alcuni problemi fondamentali dell'informatica, per mezzo di esempi concreti. Il programma è così organizzato: presentazione di alcuni problemi algoritmici concreti; ricerca delle soluzioni in interazione con i partecipanti e scrittura dei programmi; sperimentazione dei programmi e valutazione dei tempi di calcolo; presentazione di problemi difficili e problemi insolubili. Studenti e insegnanti di scuole superiori; non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: 4 ore di cui 3 di teoria e 1 di esercitazione Struttura: Il problema del massimo. Il problema della ricerca binaria. Il problema dell'ordinamento. Esercitazione: scrittura dei programmi e valutazione dei tempi di calcolo. Problemi difficili e fondamenti: un problema da un milione di dollari. o presso le scuole (possibile anche senza l uso di PC) o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 20

22 Corso n. 21 Prof. Ugo de Liguoro Linguaggi Formali introduce alle grammatiche, concetto basilare necessario per interpretare i linguaggi di programmazione (e i linguaggi in generale) A partire dalla nozione matematica di linguaggio formale si mira a fornire un immagine dell informatica e dei suoi strumenti con rigore matematico. Corsi collegati Linguaggi di programmazione, Fondamenti dell informatica, Basi di dati e sperimentazioni, Ingegneria del software e sperimentazioni, Logica matematica, Semantica. 2 ore Struttura: Le grammatiche di Chomsky e la teoria degli automi sono la base sia dei linguaggi di programmazione e della teoria della calcolabilità, che di strumenti per la descrizione e strutturazione dei dati. UML costituisce un esempio che combina entrambi gli aspetti. Il problema del significato, originariamente studiato in ambito logico-matematico, ha implicazioni nella modellazione dei dati e dei processi, ed oggi nella costruzione del web semantico. Studenti del 4 e 5 anno della scuola superiore; non sono richieste competenze informatiche Presso le scuole (basta un videoproiettore) Presso la sede del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 21

23 Corso n. 22 Prof. Giovannetti Capire ciò che viene detto a lezione, capire ciò che è scritto sui libri è una introduzione al linguaggio della scienza e in particolare dell'informatica Illustrare ai partecipanti, in modo parzialmente interattivo, il modo in cui affrontare lo studio in un Corso di Studi scientifico, e in particolare Informatica, con riferimento alle peculiarità dei linguaggi usati a lezione e sui libri di testo, ed alla necessità di una comprensione critica e non superficiale da parte degli studenti. Il programma è così organizzato: il linguaggio della scienza fra italiano, inglese, e matematica; esempi tratti dai programmi della scuola secondaria; le lingue e i linguaggi dell'informatica; esempi tratti dal Corso di Studi in Informatica (Programmazione e Algoritmi); esercizi di comprensione orale e scritta. Studenti di scuole superiori, non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: circa 2 ore, inclusa l'interazione con gli studenti. o presso le scuole (non è previsto l uso di PC da parte degli studenti); o presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino 22

24 Corso n. 23 Prof. Giovannetti Il valore culturale e formativo dell'informatica: sguardi informatici su altre discipline, orientato a studenti e insegnanti, intende dare un'idea della rilevanza di alcuni concetti di base della scienza informatica per la comprensione di altre discipline Illustrare ai partecipanti, in modo parzialmente interattivo, alcuni concetti fondamentali dell'informatica mostrandone la rilevanza per la comprensione di altre discipline. Il programma è così organizzato: linguaggi, lingue, grammatiche, espressioni matematiche: alberi ovunque; informatica, matematica, astrazione: numeri naturali e numeri razionali come enti astratti: sistemi di numerazione; i numeri reali "esistono realmente"? numeri reali calcolabili, confronto discreto-continuo; informatica, logica, filosofia,...: funzioni: senso estensionale vs. senso intensionale; funzioni calcolabili; informatica e intuizionismo: esiste uno studente che, se passa lui la maturità, la passano tutti; l'universo è un computer? informatica e biologia: cenni. Studenti e insegnanti di scuole superiori, non è richiesto un background di tipo informatico. Durata: circa 2 ore, eventualmente estendibili. presso le scuole (non è previsto l uso di PC da parte degli studenti); 23

25 Corso n. 24 Prof. Baldoni Perchè ho scelto di fare informatica? spiega perchè l'autore ha scelto di iscriversi a informatica e diventare un informatico Perchè ho scelto di fare informatica?, Pensare da informatico cosa significa?. L'autore, attraverso la propria esperienza personale, tenta di rispondere a queste domande. Il corso presenterà un breve scorcio della storia dell'informatica degli ultimi 25 anni raccontando le esperienze di studio e di insegnamento dell'informatica dell'autore. Durante il corso verrà presentato lo sviluppo passo passo di un semplice programma di disegno di curve che simula il gioco Spirograph [http://it.wikipedia.org/wiki/spirograph]. Studenti delle scuole superiori indecisi se iscriversi o no al Corso di Studi in Informatica offerto dall'università degli Studi di Torino. Durata: 2 ore. Struttura: Breve storia dell'informatica Sviluppo del simulatore del gioco Spirograph /Lingua Presso le scuole Presso i locali del Corso di Studi in Informatica dell Universita di Torino: via Pessinetto 12, Torino. Italiano 24

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica (classe 23/S: Informatica) Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche (classe 23/S: Informatica)

Dettagli

All attenzione del DIRIGENTE. Con preghiera di diffusione agli Istituti di Istruzione Superiore di II grado

All attenzione del DIRIGENTE. Con preghiera di diffusione agli Istituti di Istruzione Superiore di II grado MIUR UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CALABRIA DIREZIONE GENERALE - UFFICIO III CATANZARO LIDO (CZ) All attenzione del DIRIGENTE Angela Riggio Rende 24/2/2015 Con preghiera di diffusione agli Istituti

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Università degli studi di Udine La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Consiglio del Corso di Studi (CCS) in Materie Informatiche Aprile 2014 E-mail: tutoratoinformatica@uniud.it Il piano di studi

Dettagli

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION remond@di.unito.it Department of Computer Science University

Dettagli

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva)

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Prof. Alfonso Gerevini Dipartimento di Elettronica per l Automazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia 1 Che cosa è l Intelligenza

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome Indirizzo BRIANTE CLAUDIO 51/A, via Drizza 20020 Solaro (Mi) Telefono 02 61 29 13 32 Cellulare 347 33 42

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE Ambiente collaborativo per il design e l innovazione Il lavoro si concentrerà sullo sviluppo di specifici componenti di un ambiente collaborativo

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Syllabus di Elementi di Informatica la scuola dell obbligo anno 2010

Syllabus di Elementi di Informatica la scuola dell obbligo anno 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Syllabus

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di INFORMATICA per COMPETENZE (Estratto verb. 2 dell 11 settembre 2014)

PROGRAMMAZIONE di INFORMATICA per COMPETENZE (Estratto verb. 2 dell 11 settembre 2014) PROGRAMMAZIONE di INFORMATICA per COMPETENZE (Estratto verb. 2 dell 11 settembre 2014) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA CC1 imparare ad imparare; CC2 progettare; CC3 comunicare; CC4 collaborare e partecipare;

Dettagli

Liceo Scientifico "C. CATTANEO" PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 1 a L.S.A. SEZ. C

Liceo Scientifico C. CATTANEO PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 1 a L.S.A. SEZ. C Liceo Scientifico "C. CATTANEO" PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 1 a L.S.A. SEZ. C Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 1 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA... 3 minimi...

Dettagli

INFORMATICA FINALITA COMPETENZE

INFORMATICA FINALITA COMPETENZE INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: I G A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel primo biennio si propone di: sostenere efavorire il processo di astrazione stimolando la capacità

Dettagli

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1 Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio PROGRAMMAZIONE INIZIALE DI MATEMATICA Classe 1 sez. F - anno scolastico 2013-2014

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010 Corso di formazione Imparare ad imparare Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia 2010 L AUSL di Cesena, in collaborazione con Giunti O.S., organizza un corso di formazione dedicato

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni a.s.2014/2015 INFORMATICA E LABORATORIO TECNOLOGIE INFORMATICHE LAB. TECNICHE PROFESSIONALI A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni L AMBITO DISCIPLINARE DI INFORMATICA E LABORATORIO,

Dettagli

Dipartimento Disciplinare di Informatica (Classi di concorso A042 e C351) Curricolo delle Discipline Informatiche

Dipartimento Disciplinare di Informatica (Classi di concorso A042 e C351) Curricolo delle Discipline Informatiche Dipartimento Disciplinare di Informatica (Classi di concorso A042 e C351) Curricolo delle Discipline Informatiche TECNOLOGIE INFORMATICHE (1 anno) INFORMATICA (3-4 -5 anno) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Corsi formazione Digital Dictionary 2015

Corsi formazione Digital Dictionary 2015 Corsi formazione Digital Dictionary 2015 La nostra offerta formativa La nostra offerta formativa Formazione ad hoc Digital Refresh Corsi introduttivi Corsi metodologici Corsi operativi Aggiornamento professionale

Dettagli

Il volume è articolato in dieci capitoli che consentono un percorso all interno delle innovazioni metodologiche e tecnologiche della formazione

Il volume è articolato in dieci capitoli che consentono un percorso all interno delle innovazioni metodologiche e tecnologiche della formazione Introduzione Cristina Delogu La rete Internet, nata come sistema di scambio di informazioni tra enti militari e universitari oggi è diventata uno strumento essenziale di confronto e dialogo tra persone,

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1)

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1) Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 0/03 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP ) Obiettivo didattico Descrivere gli elementi caratteristici delle tecnologie informatiche Numero item definire i

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

ICT4LAW. ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers

ICT4LAW. ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers ICT4LAW ICT Converging on Law: Next Generation Services for Citizens, Enterprises, Public Administration and Policymakers ICT for Law 1 Agenda ICT4LAW Il progetto I Partner Università CNR Imprese Tecnologie

Dettagli

Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della

Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della verifica di sistemi (safety-critical, commercially critical,

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica I corrispettivi odierni dello zappator e dell artigiano, che nell idillio leopardiano si affrettavano a terminare il loro lavoro settimanale, hanno a disposizione televisione, cinema, videocassette, CD

Dettagli

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi?

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi? ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it DESIGN PATTERN A quali pattern

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE

LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE San Benedetto PIANO DI LAVORO Docente Stefano Maggi Disciplina INFORMATICA Libro di testo INFORMATICA 2 di Gallo Sirsi ed. Minerva Scuola Classe/Sezione Terza Anno scolastico

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT)

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Presentazione del corso: CCNA Discovery 1: Networking for Home and Small Businesses Opportunità Internet sta cambiando la vita come noi

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Marketing e Comunicazione: Promo-Pub-DM

Dettagli

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA sede di Brindisi

Dettagli

Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA SECONDO BIENNIO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA SECONDO BIENNIO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE TUROLDO ZOGNO Procedura Pianificazione, erogazione e controllo attività didattiche e formative Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft

Screenshot dimostrativi degli strumenti presentati alle Roundtables Microsoft Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di MESA s.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo QALL-ME EXECUTIVE SUMMARY Autore: Bernardo Magnini Presso: ITC-irst, Trento, Italia Introduzione Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge

Dettagli

REINGEGNERIZZARE UN SISTEMA INFORMATIVO LEGACY

REINGEGNERIZZARE UN SISTEMA INFORMATIVO LEGACY Personal Computer Minisistemi, Networking Servizi Internet-Intranet Consulenze, Progettazione Sviluppo Sistemi Informativi e-mail info@mistercomputer.it www.mistercomputer.it

Dettagli

Sistemi Informativi I

Sistemi Informativi I Sistemi Informativi I Modalità di Esame L esame consta in una prova orale, durante la quale viene discusso un progetto approntato individualmente dallo studente. Il progetto consiste nella elaborazione

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Minicorso tematico: Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Dott. Francesco Ricca Dipartimento Di Matematica Università della Calabria ricca@mat.unical.it Presentiamoci

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 competenze

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Analisi dei Requisiti e Specifica

Analisi dei Requisiti e Specifica Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V2.1 Analisi dei Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

CORSO SUL LINGUAGGIO MQL

CORSO SUL LINGUAGGIO MQL 1) COS È IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE MQL MQL4 è in toto basato sul linguaggio di programmazione C. Anche i meno esperti sanno che il linguaggio C è uno dei linguaggi universali dell informatica. Chi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE Procedura SUPERIORE Pianificazione, erogazione e controllo TUROLDO ZOGNO attività didattiche e formative

ISTITUTO ISTRUZIONE Procedura SUPERIORE Pianificazione, erogazione e controllo TUROLDO ZOGNO attività didattiche e formative ISTITUTO ISTRUZIONE Procedura SUPERIORE Pianificazione, erogazione e controllo TUROLDO ZOGNO attività didattiche e formative Programmazione per la disciplina Informatica PROGRAMMAZIONE DI MATERIA: INFORMATICA

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 2

Laboratorio di Programmazione 2 Laboratorio di Programmazione 2 Docente: Luca Forlizzi Orario: lun. 15:00-17:00, mar. 17:00-19:00, gio. 17:00-19:00 Ricevimento: lun. 17:00-18:00, mar. 16:00-17:00 Contatti: ricevimento (Coppito 2, stanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica, orientamento Robotica ed Automazione Tesi di Laurea Interazione Visuo-Aptica con Oggetti Deformabili

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

MaSeM MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN SVILUPPO APPLICAZIONI WEB, MOBILE E SOCIAL MEDIA. 1ª edizione a.a. 2012/2013

MaSeM MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN SVILUPPO APPLICAZIONI WEB, MOBILE E SOCIAL MEDIA. 1ª edizione a.a. 2012/2013 MaSeM MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN SVILUPPO APPLICAZIONI WEB, MOBILE E SOCIAL MEDIA 1ª edizione a.a. 2012/2013 Obiettivi Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera rivoluzione tecnologica,

Dettagli

Information Technology: the Breaking Wave Dennis P. Curtin, Kim Foley, Kunal Sen, Cathleen Morin

Information Technology: the Breaking Wave Dennis P. Curtin, Kim Foley, Kunal Sen, Cathleen Morin Informatica di base Titolo Titolo originale Autori originale Casa editrice Informatica di base Information Technology: the Breaking Wave Dennis P. Curtin, Kim Foley, Kunal Sen, Cathleen Morin Italiano

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Indice - Di cosa si occupa l informatica? - Cosa sono gli algoritmi?

Dettagli

Metodi e Modelli per le Decisioni

Metodi e Modelli per le Decisioni Metodi e Modelli per le Decisioni Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Giovedì 13.30-15.30 Venerdì 15.30-17.30 Ricevimento:

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

I sistemi di reporting e i rapporti direzionali

I sistemi di reporting e i rapporti direzionali I sistemi di reporting e i rapporti direzionali Reporting - Sintesi dei fenomeni aziendali secondo modelli preconfezionati e con frequenza e aggiornamento prestabiliti - contabile (dati economici) - extracontabile

Dettagli

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Info www.ascuoladiopencoesione.it ascuoladiopencoesione@dps.gov.it Pag. 1 1. Cos è A Scuola di OpenCoesione A Scuola di OpenCoesione [ASOC] è il

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: info@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Sistemi

Dettagli

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

Video-giocare in classe con la LIM

Video-giocare in classe con la LIM Video-giocare in classe con la LIM Questo documento rappresenta un abstract della Tesi di Laurea discussa dallo scrivente in data 13 aprile 2010 presso l Università degli Studi di Bergamo Corso di laurea

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching.

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome COSMO LUCA Indirizzo 6, VIA ACHILLE GRANDI, 31038 PAESE, TREVISO, ITALIA Telefono +39 349 1580861 E-mail lcosmo@dsi.unive.it Nazionalità

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli