Vediamo adesso quali sono stati gli aspetti e le questioni più significative emerse dalla discussione e il confronto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vediamo adesso quali sono stati gli aspetti e le questioni più significative emerse dalla discussione e il confronto."

Transcript

1 Relazione sul seminario online CKBG 1 METODI QUALITATIVI E QUANTITATIVI NELL ANALISI DELLE INTERAZIONI DI RETE Il seminario online Metodi qualitativi e quantitativi si è svolto nel periodo 31 gennaio 14 febbraio 2007 ed è stato condotto da Stefania Manca, ITD-CNR di Genova, ed Elvis Mazzoni, Università di Bologna. Inizialmente rivolto ad un numero massimo di 10 partecipanti, ha visto la partecipazione di una quindicina di soci. Tematiche del seminario sono state quelle relative ad alcuni degli approcci metodologici più interessanti per l analisi delle interazioni testuali che caratterizzano la forma principale di comunicazione nella formazione in rete. Nell ambito dei metodi di analisi qualitativa si è scelto di trattare l analisi del contenuto (content analysis), applicabile ai testi delle conversazioni che i membri di un gruppo virtuale si scambiano all interno di un web forum. Per quanto riguarda il settore dei metodi inerenti l analisi quantitativa delle interazioni di rete, il seminario ha affrontato le tematiche relative al web tracking (e log tracking) e alla Social Networks Analysis (SNA). Obiettivo del seminario era quello di approfondire la conoscenza teorica e operativa legata ai metodi di analisi proposti, sia con letture che sono state suggerite prima dell inizio del seminario, sia attraverso l analisi di dati che sono stati forniti dagli stessi partecipanti o suggeriti dai conduttori del seminario. Le due settimane di interazione in rete avevano l obiettivo di promuovere il confronto sui diversi temi anche alla luce di esperienze personali di ricerca. Una componente del lavoro online avrebbe dovuto, infatti, prendere in esame alcuni corpus di dati messi a disposizione anche dagli stessi partecipanti con l obiettivo di testare alcune delle tecniche proposte. Le modalità di partecipazione prevedevano che i partecipanti effettuassero alcune letture di approfondimento dei temi trattati prima dell inizio del seminario (le letture sono state inserite in Knowledge Forum una settimana prima dell avvio del seminario) (vedi bibliografia di base) e durante il seminario stesso (vedi bibliografia di approfondimento). Il seminario si è svolto interamente online all interno di un apposito spazio predisposto nell ambiente Knowledge Forum (KF) del CKBG (http://kforum.univda.it/). Ciascuna delle tre tematiche è stata affrontata all'interno di una specifica view di KF. Inizialmente pensato e rivolto a chi avesse già una conoscenza avanzata dei temi trattati, il seminario è stato in realtà seguito da partecipanti con competenze e conoscenze molto diversificate, anche relativamente ai tre temi proposti. Questo aspetto è stato esplicitamente evidenziato sin dall avvio: ai corsisti è stato infatti richiesto di inviare all interno del forum una sorta di auto-presentazione concernente gli interessi di ricerca, le personali conoscenze/competenze relativamente alle tematiche trattate nonché gli obiettivi connessi alla partecipazione al seminario online. Vediamo adesso quali sono stati gli aspetti e le questioni più significative emerse dalla discussione e il confronto. Relativamente alla tematica del web tracking, quale metodo di raccolta dati per l interazione fra l individuo e l ambiente di rete o altri individui, uno degli aspetti più sentiti è stato il modo in cui è possibile rilevare la direzionalità della comunicazione in un web forum che, per sua natura, indirizza la comunicazione al gruppo intero piuttosto che 1 Collaborative Knowledge Building Group.

2 ai singoli partecipanti. La complessità delle operazioni relative all individuazione degli scambi è accentuata nei forum sequenziali, che non consentono di discernere tra le risposte che vengono prodotte ai messaggi inviati in precedenza. Innanzitutto, in questi forum la visualizzazione dei messaggi fa sì che effettivamente chi scrive, dopo aver letto i messaggi già postati, risponda a varie sollecitazioni anziché ad uno specifico messaggio. Inoltre, l utente è spesso spinto ad utilizzare il tasto rispondi in corrispondenza dell ultimo messaggio postato, sebbene effettivamente la sua risposta non si colleghi direttamente a quest ultimo. In entrambi i casi, dal punto di vista del tracciamento dei dati, vi sono importanti incongruenze fra le intenzioni dell utente e ciò che viene registrato dal sistema. Tra le soluzioni ipotizzate è emersa quella di dotare i web forum di strumenti di labelling che potrebbero indirizzare gli utenti nella necessaria specificazione dei destinatari dei messaggi. Tra le problematiche analizzate nella view di discussione sulla Social Network Analysis, particolare interesse hanno rivestito i seguenti aspetti: disponibilità di software gratuiti per effettuare l analisi; interpretazione dei principali indici strutturali della SNA (centralità, ecc.). Anche nella view sulla SNA particolare interesse ha rivestito il confronto sulla codifica dei messaggi e la relativa costruzione della matrice di adiacenza in forum sequenziali e indicizzati. La natura pubblica dei forum rende, infatti, spesso molto difficile determinare a chi siano effettivamente rivolti i flussi comunicativi se ospitati nella forma del messaggio inviato a tutti. Le soluzioni metodologiche su cui si è riflettuto per affrontare questo problema contemplano l integrazione del rilevamento automatico degli scambi comunicativi effettuato dai file di log del sistema che costruiscono in maniera automatica le matrici di adiacenza, con un analisi qualitativa dei messaggi che rispecchi maggiormente i reali intenti comunicativi dei mittenti dei messaggi. Infine, per quanto riguarda la tematica dell analisi del contenuto, numerose sono, come è noto, le problematiche che emergono nell ambito di un approccio di questo tipo: dall individuazione dell unità di analisi alla procedura di codifica, alla misurazione dei test di affidabilità, ai diversi livelli di analisi interpretativa. Durante il seminario particolare interesse ha rivestito il tema dell affidabilità degli schemi di codifica e dei test più adatti a misurarla. Anche l ampia disponibilità di schemi di verifica attualmente esistenti è stata oggetto di confronto e riflessione approfonditi. Il tema del campionamento dei messaggi da sottoporre ad analisi è stato discusso alla luce di diversi casi di ricerca concreti in cui i singoli partecipanti sono stati coinvolti in precedenza. Si è anche brevemente discusso su software attualmente esistenti (T-Lab, NVivo, Nud*ist, Atlas.ti, ecc.) che possono costituire un utile supporto nell onerosa procedura di analisi del corpus di messaggi individuato come pertinente o rappresentativo ai fini dello studio che si vuole effettuare. In generale, gli aspetti pratico-applicativi del seminario più importanti hanno riguardato: 1. la formulazione di ipotesi relative all analisi delle dinamiche comunicative all interno di alcuni forum segnalati da un partecipante. I forum in questione fanno parte delle classi virtuali che sono state attivate da una decina di docenti di scuola superiore nell'ambito del progetto IMPARONLINE dell'irre Lombardia, un progetto che si propone di sperimentare e valutare l'integrazione tra classe reale e classe virtuale (http://www.old.irrelombardia.it/imparonline). 2. l applicazione della SNA al forum del seminario. A partire dalla seconda settimana si è infatti proceduto ad analizzare gli scambi comunicativi realizzati fino ad allora. A partire dalla costruzione della matrice di adiacenza (costruita sulla base del duplice criterio "struttura dei thread" / "analisi del contenuto"), si è poi proceduto all applicazione di alcuni indici strutturali quali l analisi del vicinato, della centralità (di grado, betweenness, flow between ed eigenvector), della coesione. Tra i risultati più interessanti ottenuti dal seminario, occorre citare l apertura ad una 2

3 collaborazione di ricerca fra alcuni partecipanti con l intento di proseguire l indagine sulle ipotesti emerse durante il seminario in relazione all analisi dei forum del progetto IMPARAONLINE. Si è quindi deciso di aprire una nuova view di KF da dedicare a questa attività. Bibliografia di base (suggerita prima dell inizio del seminario) De Wever B., Schellens T., Valcke M., Van Keer H. (2006), Content analysis schemes to analyze transcripts of online asynchronous discussion groups: A review, Computers & Education, 46 (1), pp Gerbic P., Stacey E. (2005), A purposive approach to content analysis: Designing analytical frameworks, The Internet and Higher Education, 8 (1), pp Mazzoni E. (2004), Strumenti per un approccio quantitativo allo studio delle interazioni. Il software Net Miner e i Log File, 27, maggio 2004 (http://formare.erickson.it/archivio/maggio_04/5mazzoni.html) Mazzoni E. (2005), La Social Network Analysis a supporto delle interazioni nelle comunità virtuali per la costruzione di conoscenza, TD Tecnologie Didattiche, 35 (2), pp (http://www.itd.cnr.it/tdmagazine/pdf35/mazzoni.pdf) Mazzoni E. (2006), Du simple tracement des interactions à l évaluation des rôles et des fonctions des membres d une communauté en réseau: une proposition dérivée de l analyse des réseaux sociaux, ISDM Information Sciences for Decision Making, 25 (http://isdm.univ-tln.fr/pdf/isdm25/mazzoni_tice2006.pdf) Rourke L., Anderson T., Garrison D. R., Archer W. (2001), Methodological Issues in the Content Analysis of Computer Conference Transcripts, International Journal of Artificial Intelligence in Education, 12, pp Ulteriori riferimenti bibliografici (suggeriti durante il seminario) Aviv R., Erlich Z., Ravid G., Geva A. (2003), Network Analysis of Knowledge Construction in Asynchronous Learning Networks, Journal of Asynchronous Learning Networks, 7 (3), pp (http://www.sloan-c.org/publications/jaln/v7n3/pdf/v7n3_aviv.pdf) De Laat M., Lally V. (2005), Investigating Group Structure in CSCL: Some New Approaches, Information Systems Frontiers, 7 (1), pp Delfino M., Manca S. (2005), Tra balere e barchette di carta: linguaggio figurato e dimensione socio-identitaria, TD Tecnologie Didattiche, 35, pp Garrison D. R., Cleveland-Innes M., Koole M., Kappelman J. (2006). Revisiting methodological issues in transcript analysis: Negotiated coding and reliability, The Internet and Higher Education, 9, 1-8 Hanneman R. A., Riddle M. (2005), Introduction to social network methods, Riverside, CA, University of California, Riverside (published in digital form at Heckman R., Annabi H. (2002), A Content Analytic Comparison of FTF and ALN Case- Study Discussions, Proceedings of the 36th Hawai International Conference on System Sciences (HICSS 03) 3

4 Krippendorff K. (2004), Reliability in content analysis. Some common misconceptions and recommendations, Human Communication Research, 30 (3), pp Lombard M., Snyder-Duch J., Campanella Bracken C. (2002), Content Analysis in Mass Communication. Assessment and reporting of intercoder reliability, Human Communication Research, 28 (4), pp Madill A., Jordan A., Shirley C. (2000), Objectivity and reliability in qualitative analysis: Realist, contextualist and radical constructionist epistemologies, British Journal of Psychology, 91, pp Mazzoni E. (2006), Dallo sviluppo degli artefatti web all evolversi delle attività umane. I processi del cambiamento, Morlacchi. Meyer K. (2004), Evaluating Online Discussions: Four Difference Frames of Analysis, Journal of Asynchronous Learning Networks, 8 (2), pp (http://www.sloanc.org/publications/jaln/v8n2/pdf/v8n2_meyer.pdf) Murphy E., Ciszewska-Carr J. (2005), Sources of Difference in Reliability: Identifying Sources of Difference in Reliability in Content Analysis of Online Asynchronous Discussions, International Review of Research in Open and Distance Learning (July ) Oriogun P. K., Cook J. (2003), Transcript reliability cleaning percentage: An alternative interrater reliability measure of message transcripts in online learning, The American Journal of Distance Education, 17 (4), pp Pawan F., Paulus T., Yalcin, S. Chang, C. (2003), Online Learning: Patterns of Engagement and Interaction among in-service Teachers, Language Learning & Technology, 7 (3), pp Rattleff P. (in press). The reliability of content analysis of computer conference communication. Computers & Education Salvini A. (2005), L analisi delle reti sociali. Risorse e meccanismi, Plus-Pisa Uuniversity Press Scott J. (1997), L analisi delle reti sociali, NIS La Nuova Italia Scientifica Strijbos J., Martens R. L., Prins F. J., Jochems W. M. G. (2006), Content analysis: What are they talking about?, Computers & Education, 46, pp Wasserman S., Faust, K. (1994), Social Network Analysis. Methods and Applications. Cambridge University Press Weinberger A., Fischer F. (2006), A framework to analyze argumentative knowledge construction in computer-supported collaborative learning, Computers & Education, 46, pp Link di approfondimento L analisi delle reti sociali Computer Programs for Social Network Analysis 4

5 Practical Resources for Assessing and Reporting Intercoder Reliability in Content Analysis Research Projects The R Project for Statistical Computing 5

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15 http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Laurea Magistrale L obiettivo della laurea magistrale in Ingegneria informatica (Master of Science

Dettagli

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana SEZIONE 6: FISICA GENERALE, DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA TAVOLA ROTONDA: La ricerca didattica italiana nei Progetti Europei L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana Claudio

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali Comunicazione mediata dal computer Isabella Chiari Università La Sapienza di Roma Management Culturale (a.a. 2008/2009) 1 Indice degli argomenti Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

Costruire conoscenza in un corso universitario on line è davvero possibile?

Costruire conoscenza in un corso universitario on line è davvero possibile? Costruire conoscenza in un corso universitario on line è davvero possibile? Un caso di formazione universitaria on line orientata al modello della Knowledge Building Community Stefano Cacciamani, Tiziana

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno Seminario Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio Torino, venerdì 17 giugno LORENZO CASSI Università Bocconi, Milano Tema di ricerca Network sociali

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Un analisi della VQR04-10 A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Agenda Il passato: come è stata impostata la VQR2004-2010 Il presente: analisi e conseguenze dei

Dettagli

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

Sommario. Istruzioni per l utilizzo del sistema Didattica OnLine Area Docente

Sommario. Istruzioni per l utilizzo del sistema Didattica OnLine Area Docente Sommario 1. Login... 2 2. Area riservata docente... 5 3. Bacheca... 8 4. Materiali didattici... 16 5. Aula Virtuale: aprire un thread... 25 6. Aula Virtuale: rispondere a un messaggio... 30 Page 1 of 34

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

Linkografia ragionata sulla LIM

Linkografia ragionata sulla LIM Linkografia ragionata sulla LIM Pagine web attive nel giugno 2010 Ricerche internazionali - Becta,What Research says about interactive whiteboard, Becta Research Reviews, 2003, Becta http://www.virtuallearning.org.uk/2003research/becta_research_paper.pdf

Dettagli

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Struttura ed esiti del progetto Ambienti di apprendimento inclusivi e tecnologie digitali

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARMANDO STERNIERI Nazionalità Italiana Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA Principali mansioni e responsabilità Principali

Dettagli

Scuola Digitale Linee Strategiche Europee

Scuola Digitale Linee Strategiche Europee Scuola Digitale Linee Strategiche Europee Nadia Mana e Ornella Mich i3 - Intelligent Interfaces & Interaction Fondazione Bruno Kessler European research on technology-enhanced learning la ricerca europea

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI Il Master di Secondo Livello in QR-M&S RICERCA QUALITATIVA PER IL MARKETING E IL SOCIALE Quarta Edizione - A.A. 2012-2013 propone un CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CIRIACO CIRO PASQUALE. Luglio 2009

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CIRIACO CIRO PASQUALE. Luglio 2009 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI CIRIACO CIRO PASQUALE Luglio 2009 INDICE 1. DATI ANAGRAFICI, FORMAZIONE E STATO DI SERVIZIO 2. ATTIVITÀ DI RICERCA 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE 4. PUBBLICAZIONI 5. ATTIVITÀ ORGANIZZATIVE

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE:

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico del TABLET Livello Base (100 ore), Livello Intermedio (150 ore), Livello Avanzato

Dettagli

INDICATORI DI QUALITÀ

INDICATORI DI QUALITÀ 90 Pezzotti A., Gambini A. (2012). Indicatori di qualità per l analisi della comunicazione di un corso online. TD Tecnologie Didattiche, 20 (2), pp. 90-98 INDICATORI DI QUALITÀ PER L ANALISI DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi

Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi Ivano Luberti 1 e Fabrizio Sebastiani 2 1 Archimede Informatica SCaRL 56126 Pisa, Italy luberti@archicoop.it

Dettagli

Descrizione dell Offerta Formativa

Descrizione dell Offerta Formativa Descrizione dell Offerta Formativa Titolo dell Offerta Formativa TECNICHE AVANZATE DI PROGRAMMAZIONE Articolazione e Contenuti dell Offerta Formativa Il percorso è articolato in due moduli didattici, della

Dettagli

Progettare l ambiente di comunicazione e condivisione A.Calvani, Università di Firenze

Progettare l ambiente di comunicazione e condivisione A.Calvani, Università di Firenze Progettare l ambiente di comunicazione e condivisione A.Calvani, Università di Firenze PREMESSA Si ringrazia M. Ranieri per la collaborazione alla revisione In questo laboratorio intendiamo sviluppare

Dettagli

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti.

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti. Assessorat de l Education et de la Culture Assessorato Istruzione e Cultura TRASMISSIONE*VIA*PEC* Réf. n - Prot. n. 46145/SS Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Regione

Dettagli

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI Anno Accademico: 2012-2013 Professore: Vincenzo Loia Introduzione alle Social Network. Indice Presentazione del Progetto di Sistemi ad Agenti. 1 Social Network Una rete sociale

Dettagli

EOGHAN CASEY DARIO FORTE

EOGHAN CASEY DARIO FORTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY DARIO FORTE NETWORK INVESTIGATIONS ROMA 18-20 DICEMBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

OPEN SOURCE E DIDATTICA: UN SOFTWARE, UN MODELLO PER L APPRENDIMENTO

OPEN SOURCE E DIDATTICA: UN SOFTWARE, UN MODELLO PER L APPRENDIMENTO Software libero: un alternativa possibile, Pescara 12 aprile 2003 OPEN SOURCE E DIDATTICA: UN SOFTWARE, UN MODELLO PER L APPRENDIMENTO Sommario Francesco Mulas IPRASE del Trentino, via Gilli 3, Trento

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA. Formazione ForTIC 2006/2007. L'offerta formativa

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA. Formazione ForTIC 2006/2007. L'offerta formativa SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO NICOLO DE CONTI CHIOGGIA Formazione ForTIC 2006/2007 L'offerta formativa Benvenuti nel percorso di formazione ForTIC2. L attività di formazione che prende avvio vuole essere

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

Domenico Soldo Ingegnere

Domenico Soldo Ingegnere Curriculum VITÆ Novembre 2010 Domenico Soldo Dati personali Nome Cognome Data di nascita Indirizzo abitazione E-mail P. IVA Domenico Soldo 21/03/1983 Viale Liguria, 60, 74121, Taranto, Italy d.soldo@aeflab.net

Dettagli

COMPLEX LEARNING COMMUNITY

COMPLEX LEARNING COMMUNITY COMPLEX LEARNING COMMUNITY Cos è, Perché attuarla Come attuarla COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA È? COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA NON È PERCHÉ E QUANDO UTILIZZARE UNA COMPLEX LEARNING COMMUNITY ESPERIENZE DI

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE 2015 ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE Federazione Logopedisti Italiani Il presente documento è stato approvato dalla Direzione Nazionale della Federazione Logopedisti Italiani il 30 Novembre 2014. Tali

Dettagli

Knowledge Manager: moltiplicatore interno all università e coordinatore delle attività bibliotecarie

Knowledge Manager: moltiplicatore interno all università e coordinatore delle attività bibliotecarie Knowledge Manager: moltiplicatore interno all università e coordinatore delle attività bibliotecarie Giuseppe Vitiello, Head, LKC g.vitiello@ndc.nato.int Madeline Hosanna, Library Assistant, LKC (Roma,

Dettagli

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Open SoundS WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Informazioni sul progetto Titolo del progetto: Peer education on the internet for social sounds Area di riferimento: Educazione musicale attraverso

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARMANDO STERNIERI VIA SIROTTI, 19 42121 REGGIO EMILIA- ITALIA Telefono 0522/455141 Fax 0522/451382

Dettagli

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Terza sessione Il sociologo, le sirene e gli avatar. Ricerca qualitativa

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Pedagogia sperimentale Peer assessment

Pedagogia sperimentale Peer assessment Pedagogia sperimentale Peer assessment Prof. Pierpaolo Limone Università degli Studi di Foggia Un esperienza Una sperimentazione sullʼuso della Valutazione Collaborativa " e dellʼautovalutazione in una

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A.

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Seconda edizione Prof.ssa Mirella Schaerf - Dott.ssa Veronica Mobilio Gli argomenti Lo scenario L impatto organizzativo

Dettagli

QUANTE E QUALI TIPOLOGIE DI E-LEARNING?

QUANTE E QUALI TIPOLOGIE DI E-LEARNING? FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 401 QUANTE E QUALI TIPOLOGIE DI E-LEARNING? ANTONIO CALVANI Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza.

Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza. versione non definitiva Scenari e strumenti di valutazione nella formazione a distanza. Morena Terraschi, Stefano Penge, Maurizio Mazzoneschi morena@altrascuola.it Sommario Il contributo vuole, attraverso

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Modello formativo DIDATEC avanzato

Modello formativo DIDATEC avanzato Pagina1 Modello formativo DIDATEC avanzato La formazione DIDATEC livello avanzato consiste in 90 ore di formazione, articolate in 20 ore da svolgersi in aula presso le scuole presidio e 70 ore da svolgersi

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Una piattaforma per le risorse educative in rete

Una piattaforma per le risorse educative in rete Osservatorio Astrofisico di torino Una piattaforma per le risorse educative in rete Alberto Cora INAF Osservatorio Astrofisico di Torino Congresso SAIt- Bologna 9 Maggio 2013 INTRODUZIONE + SOMMARIO CONTENITORE

Dettagli

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015.

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015. Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE 60 CFU 1500 ore PRESENTAZIONE La scuola non può più essere vista come un luogo dominato da un modello

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it Punto della Situazione Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di e-mail: cazzola@dico.unimi.it Slide 1 of 8 EOS-DUE: Informazioni Generali. L (responsabile), Lorenzo Capra e

Dettagli

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3 Legislazione CYBER SECURITY: il nuovo ordine esecutivo del Presidente americano Obama e la recente proposta di direttiva UE Network and Information Security (NIS) Marcoccio Gloria Diritto.it La sicurezza

Dettagli

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967 Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V.

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967 Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V. MICROSOFT Catalogo corsi 2014-2015 Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967 Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V. 20126 Milano www.eduteam.it REA

Dettagli

Laurea Magistrale in. Stochastics and Data Science

Laurea Magistrale in. Stochastics and Data Science Laurea Magistrale in Stochastics and Data Science Dati e decisioni: la sfida della società moderna For Today s Graduate, Just One Word: Statistics E. Brynjolfsson, MIT Center for Digital Business Director,

Dettagli

Titolo del corso in Catalogo del corso (in ore)

Titolo del corso in Catalogo del corso (in ore) Tematica formativa del Catalogo * Titolo del corso in Catalogo Durata del corso (in ore) Livello del corso ** Modalità di verifica finale *** Abilità personali Intelligenza relazionale: processo di comunicazione

Dettagli

Metodologia blended learning applicata a percorsi basici in ambito aeronautico

Metodologia blended learning applicata a percorsi basici in ambito aeronautico Metodologia blended learning applicata a percorsi basici in ambito aeronautico Roberta Memeo 1, Antonio Ulloa Severino 1, Elena Rossi 2, Roberto Sanguini 2 1 Grifo multimedia srl, Tecnopolis, S. P. Casamassima

Dettagli

MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA?

MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA? MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA? Lopez Ximena, Maragliano Roberto, Margapoti Ilaria, Pireddu Mario, Sapuppo Filippo Laboratorio di Tecnologie Audiovisive Università Roma Tre Roma / Italia ilaria.margapoti@uniroma3.it

Dettagli

Le competenze digitali

Le competenze digitali Le competenze digitali Alessandro D Atri Roma, 14 Luglio 2008 1 Indice Le competenze digitali Competenze ICT dei business manager Il concetto di competenza Un modello per le competenze ICT Impatto delle

Dettagli

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida Documento tecnico 1 allegato alla nota, prot. n. 7953/P del 17.04.04, della Direzione Generale U.S.R. Campania Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida 1 Il presente documento è una rielaborazione

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM CORSO PER PROFESSIONISTI DELL'ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE PROGETTO "COACH

Dettagli

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Dott.ssa Claudia Arcolin ANTONIO CALVANI (a cura di), Innovazione Tecnologica e cambiamento dell Università: verso

Dettagli

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Family Conference Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Maya Monteverde e Christa Hutz-Pedrazzoli, infermiere, IOSI, EOC, Ospedale S. Giovanni, Bellinzona DEFINIZIONE La Family Conference (FC)

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale MIUR-Direzione Gen. per gli Ordinamenti scol. e per l Autonomia scolastica, Fondazione Rosselli, AEEE-Italia Roma, marzo aprile 2012 2 Investire

Dettagli

Progettare l apprendimento con le tecnologie didattiche attraverso le reti sociali 1

Progettare l apprendimento con le tecnologie didattiche attraverso le reti sociali 1 articolo Progettare l apprendimento con le tecnologie didattiche attraverso le reti sociali 1 Caroline Haythornthwaite a, Maarten de Laat b a University of British Columbia, Vancouver, BC, c.haythorn@ubc.ca

Dettagli

Riconoscimento di cifre manoscritte tramite una rete neurale

Riconoscimento di cifre manoscritte tramite una rete neurale Riconoscimento di cifre manoscritte tramite una rete neurale 3 luglio 2008 Argomenti discussi 1 Il problema 2 Il training set Codifica dei file 3 Soluzione implementata Soluzione ideale Soluzione implementata

Dettagli

Un #SocialHR per la #socialorg

Un #SocialHR per la #socialorg Un #SocialHR per la #socialorg 2 3 4 5 6 7 8 CHE COS E LA SOCIAL ORGANIZATION? GUARDIAMOLA CON GLI OCCHI DEL (social)hr CHE COS E LA SOCIAL Un nuovo modo di fare impresa che consente a un vasto numero

Dettagli

Portale AOT Lab Guida all utilizzo

Portale AOT Lab Guida all utilizzo 2007 Progetto realizzato presso l Università degli Studi di Parma per i corsi di Sistemi Distribuiti e ad Agenti ( prof. A. Poggi ) e Sistemi Orientati ad Internet ( prof.ssa P. Turci ). longari@ce.unipr.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella formazione PON DIDATEC

Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella formazione PON DIDATEC V CONGRESSO CKBG & KNOWLEDGE BUILDING SUMMER INSTITUTE Innovazione e Tecnologie digitali: tra continuità e cambiamento. Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella

Dettagli

9 - Il valore aggiunto dell'e-learning

9 - Il valore aggiunto dell'e-learning 9 - Il valore aggiunto dell'e-learning Vindice Deplano 1 -Premessa Tra gli obiettivi del progetto RFQ, la definizione delle Linee guida per la formazione nelle Pubbliche Amministrazioni è accompagnata

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

GLI INTERVENTI DEL TUTOR IN FORUM DI DISCUSSIONE ONLINE. DA UN MODELLO TEORICO AGLI ASPETTI APPLICATIVI. Luca Vanin Stefano Castelli

GLI INTERVENTI DEL TUTOR IN FORUM DI DISCUSSIONE ONLINE. DA UN MODELLO TEORICO AGLI ASPETTI APPLICATIVI. Luca Vanin Stefano Castelli Versione definitiva dell articolo: Vanin, L. e Castelli, S. (2009). Gli interventi del tutor in forum di discussione online. Da un modello teorico agli aspetti applicativi. Qwerty, 4(2). GLI INTERVENTI

Dettagli

Andrea Spinosa. Rubano (PD) 35030. Italiana

Andrea Spinosa. Rubano (PD) 35030. Italiana Curriculum vitae Informazioni personali Nome Andrea Spinosa Indirizzo Via Fratelli Bandiera 19 Rubano (PD) 35030 Italia Telefono 0039049635148 Numero di cellulare: 00393471657958 E-mail Sito web andrespi@fastwebnet.it

Dettagli

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance «L e-learning è l istruzione di domani, il nuovo modo di studiare reso possibile

Dettagli

Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento. Indice

Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE IV STRUTTURA DI UN CORSO FAD PROF. GIUSEPPE DE SIMONE Indice 1 CONTENUTO E STRUTTURA. --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Percorso di formazione linguistica modulare rivolto agli allievi CUOA

Percorso di formazione linguistica modulare rivolto agli allievi CUOA EXECUTIVE ENGLISH Percorso di formazione linguistica modulare rivolto agli allievi CUOA Formazione linguistica customizzata con contenuti di Business English tarati sui temi di management, trattati nei

Dettagli

Gli aspetti tecnologici

Gli aspetti tecnologici Il supporto informativo e gestionale Il seguente modello di database e sue funzioni è in corso di progettazione. Per informazioni scrivere a scuolainospedale@istruzione.it Scuola di provenienza Modalità

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione del corso Questo corso insegna a sviluppare e utilizzare applicazioni realizzate con Oracle9i Forms su Internet. Lavorando in un ambiente di sviluppo facilitato, i partecipanti impareranno

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli