XXVIII CONVEGNO SISP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVIII CONVEGNO SISP"

Transcript

1 XXVIII CONVEGNO SISP Università degli studi di Perugia - Università per Stranieri di Perugia settembre 2014 SEZIONE 5 COMUNICAZIONE POLITICA PANEL 5.6: LO STUDIO DEL LINGUAGGIO POLITICO IN ITALIA: NUOVI MEDIA, NUOVI METODI? (Chair Giorgia Bulli, Flavio Chiapponi) Metodologie di analisi del discorso politico: l indice di keyness. Un confronto fra il lessico usato su Twitter e in televisione Stefania Spina 1 1. Introduzione Twitter - il social network che consente agli utenti di pubblicare post con un limite di lunghezza di 140 caratteri - ha superato da alcuni mesi in Italia il numero di 4 milioni di utenti attivi settimanalmente 2. In rapporto a Facebook, ambiente social di massa per eccellenza, Twitter si caratterizza come il network dotato di maggiore influenza tra quelli considerati di nicchia (Tallei, Grandi 2014). Il primo tweet di un membro del parlamento italiano risale al marzo Da allora, la presenza dei politici italiani sul social network ha subito un forte incremento: una percentuale rilevante dei parlamentari ha un account su Twitter e lo usa regolarmente per comunicare con i propri follower. Man mano che le interazioni dei politici su Twitter aumentano e diventano abituali, si trasforma la funzione stessa del social network, che da strumento di diffusione del discorso politico diventa luogo stesso in cui si svolge l azione politica. 1 Università per Stranieri di Perugia, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. 2 Fonte: MEC:consulting (http://youmark.it/wp-content/uploads/2013/01/ricerca-twitter-mec.pdf).

2 Questa presentazione è suddivisa in due parti: nella prima, cercherò brevemente di mostrare, sulla base di considerazioni di tipo linguistico- discorsivo, perché Twitter può costituire un'opportunità di cambiamento per il discorso politico. Nella seconda, presenterò un'analisi linguistico- statistica del lessico usato su Twitter da un campione di politici italiani, mirata a verificare se e in che misura tali opportunità di cambiamento sono colte dai politici nella reale interazione quotidiana sul social network. Dal punto di vista metodologico, l obiettivo è quello di descrivere una specifica procedura di acquisizione, organizzazione ed analisi di dati linguistici; se infatti lo studio delle interazioni sui social network consente di disporre abbastanza facilmente di grandi quantità di testi, basandosi dunque sull analisi di dati quantitamente rilevanti e non solo su valutazioni intuitive, esso impone al tempo stesso l adozione di scelte metodologiche mirate. Tali scelte devono consentire di analizzare i dati su basi quantitativo- statistiche rigorose, e di coniugare tale impostazione iniziale con una successiva elaborazione di tipo qualitativo. Un approccio empirico di questo tipo ha come livello di analisi privilegiato, da un punto di vista linguistico, quello lessicale, che meglio di altri si presta ad un trattamento automatico dei dati. La seconda parte della presentazione verterà dunque sulla descrizione e sui risultati dell analisi della keyness in un corpus di interazioni di politici italiani su Twitter, e sul confronto con una parallela analisi della keyness in un corpus di discorso politico tratto da talk show televisivi. 2. Twitter come opportunità di cambiamento per il discorso politico Per investigare i nuovi atteggiamenti linguistico- discorsivi introdotti nella comunicazione politica dall'uso sistematico dei social network, e di Twitter in particolare, è necessario rifarsi a due differenti prospettive teoriche: 1. la prospettiva connessa all'analisi del Discorso Politico. Secondo Chilton (2004), il discorso politico svolge la doppia funzione di: rappresentare un individuo come politico, e di conseguenza come una persona dotata di credibilità, per creare o rafforzare il suo consenso e fare in modo che venga accettato nell'arena politica; interagire, in contesti e situazioni diverse e con interlocutori diversificati. In questa prospettiva, Twitter è il luogo in cui gli attori politici hanno la possibilità di diffondere un'immagine positiva di sé, nell'atto in cui interagiscono con i loro interlocutori;

3 2. la prospettiva connessa al Computer- Mediated Discourse (Herring 2008). Dopo il paradigma della trasmissione (broadcasting), in cui la comunicazione è solo verticale, unidirezionale e uno- a- molti, Internet, e in modo particolare i social media, hanno provocato un cambiamento radicale ed hanno introdotto il paradigma dell'interazione, in cui le persone condividono in modo orizzontale flussi dinamici di conversazioni, che creano nuove forme di relazioni interpersonali. Tali flussi di conversazioni sono basati su una nozione dinamica di contesto: la contestualizzazione, cioè la pratica di rendere il contesto disponibile (Auer, Di Luzio 1992), si realizza su Twitter attraverso l'uso di quattro diversi operatori, che corrispondono a quattro diverse funzioni: = indirizzare ad utenti specifici 2. http = indirizzare ad altri testi 3. RT = redistribuire (con una valutazione implicita; Spina in stampa) 4. # = classificare ed aggregare Attraverso l'uso sistematico e combinato di questi operatori, e la conseguente realizzazione di queste funzioni, gli utenti di Twitter ancorano le loro interazioni ad uno specifico contesto, consentendo ai loro interlocutori di farlo proprio e condividerlo. Il risultato è un sistema discorsivo multireferenziale, in cui diverse azioni comunicative sono svolte dagli utenti su dimensioni multiple, basate sulla multireferenzialità, sull'intertestualità e sulla interdiscorsività (Spina, Cancila 2013). Attraverso l'integrazione di queste due prospettive, l'ipotesi che si vuole investigare è che Twitter rappresenti un opportunità di rinnovamento per il discorso politico, specie in un periodo di profonda disaffezione da parte dei cittadini nei confronti della politica, e che tale opportunità sia legata ad alcune caratteristiche generali di Twitter come mezzo di interazione tra le persone (Spina 2012): 1. brevità forzata: i limiti nella lunghezza dei tweet favoriscono l'immediatezza della comunicazione e producono forme deittiche di interazione, che hanno un forte legame con gli eventi mentre essi stanno avvenendo; 2. aggregazione: attraverso l'uso sistematico dell'hashtag (#), le interazioni in Twitter rivelano lo sforzo di aggregare comunità di persone attorno a temi e valori chiave (Zappavigna 2012). Gli hashtag, infatti, svolgono in Twitter una duplice funzione: essi sono in primo luogo dei metadati attraverso cui gli utenti rendono esplicito l argomento di un tweet. Al tempo stesso, tuttavia, sono anche un invito, rivolto da un utente a tutti i propri follower, a collegarsi con quello specifico argomento e col pubblico che ne parla. In questo senso, l hashtag è anche un potente strumento

4 utilizzato per creare aggregazione, volto a realizzare o rafforzare dei legami sociali e a creare dei significati interpersonali. Questa ricerca di aggregazione appare del tutto funzionale ad utenti- politici; l aggregazione di comunità di persone può infatti diventare strumento della positiva rappresentazione di sé e della ricerca di consenso, ed anzi favorire la creazione e il consolidamento di tale consenso, attraverso meccanismi di affiliazione intorno a nuclei di valori condivisi; 3. ricercabilità (Zappavigna 2012). Pur essendo molto simili a conversazioni parlate, le interazioni in Twitter sono di fatto testi scritti, e, di conseguenza, restano archiviate in modo permanente ed accessibili attraverso i motori di ricerca. Questa commistione tra la volatilità del parlato e la permanenza della lingua scritta genera una maggiore attenzione alla scelta delle parole, perché ciascun tweet può essere ricercato e diffuso anche molto tempo dopo essere stato prodotto; 4. atteggiamento valutativo. Nel momento in cui interagiscono in Twitter, gli utenti raramente comunicano in modo distaccato e impersonale: molto più spesso tendono a prendere posizione e ad esprimere apertamente il proprio atteggiamento riguardo a un tema, una persona o un evento (Zappavigna 2012). Secondo Bamman et al. (2012), "ogni tweet veicola un atteggiamento, che riflette l'autore, l'argomento, e il pubblico. Tale caratteristica è in netto contrasto con le strategie di evitamento di cui spesso i politici si servono nei loro interventi in altri media, come la televisione: Spina (2012) ha dimostrato che su Twitter hanno una frequenza significativamente maggiore elementi lessicali di tipo affettivo (verbi, sostantivi, aggettivi come vergognarsi, adorare, orrore, terribile, entusiasmante) rispetto a quanto avviene nella comunicazione politica televisiva. Per contro, sono usate significativamente di meno strategie linguistiche indirette o di evitamento, come i passivi, la nominalizzazione, i condizionali e l'attenuazione; 5. conversazionalità. Le interazioni in Twitter possono essere descritte come flussi di brevi conversazioni pubbliche, caratterizzate da un doppio tipo di audience: quella generale dei follower e quella specifica di eventuali, singoli destinatari, selezionati attraverso l'uso della menzione (il nome di un utente preceduto dal carattere Il carattere dialogico è dunque parte della natura stessa di Twitter (Honeycutt, Herring 2009); l'adozione di un atteggiamento concretamente dialogico, nel caso della comunicazione politica, equivale alla scelta di comunicare con l obiettivo consapevole di stabilire delle relazioni con gli altri. Tale scelta è coerente con le diffuse aspettative dei cittadini, che, in un'ottica di interazione, ritengono ormai imprescindibile un

5 radicale abbandono della prospettiva verticale e monodirezionale a favore di modalità comunicative orizzontali, dialogiche e partecipative. Date queste premesse, le domande a cui si è cercato di rispondere attraverso un analisi linguistico- statistica del lessico sono: A livello del lessico utilizzato, ci sono delle specificità che caratterizzano le interazioni dei politici su Twitter? Ci sono differenze con il lessico usato dai politici in altri mezzi di comunicazione? In che modo la costruzione di significato risulta modificata dall'uso di lessico specifico all interno di un sistema discorsivo multireferenziale, caratterizzato dal proliferare degli interlocutori, come quello di Twitter? 3. Analisi dei dati: il lessico usato dai politici italiani su Twitter Per cercare di rispondere a queste domande, ho usato una metodologia quantitativa, caratteristica dell'approccio della Linguistica dei corpora (Spina 2001); ho dunque costituito un corpus di dati da cui estrarre fenomeni e pattern linguistici quantitativamente significativi. I dati selezionati sono costituiti dall insieme dei tweet inviati da un campione di 40 politici italiani nell arco di 4 mesi, corrispondenti al periodo novembre febbraio Il totale dei tweet inseriti nel corpus è di ; sono stati estratti per ciascuno dei 40 politici che formano il campione sia i tweet (post originali), sia i retweet (le citazioni di tweet scritti da altri); questo comporta che vi siano dei messaggi che si ripetono più volte, nel caso in cui abbiano subito più di un retweet (per una descrizione più dettagliata del corpus, cfr. Spina 2012). I messaggi inviati via Twitter sono stati estratti automaticamente usando twitter, un pacchetto integrato nel software di analisi statistica R 3 ; successivamente, sono stati organizzati in modo da permetterne l analisi linguistica. Il risultato è un corpus (che da qui in avanti indicherò con TW) composto da parole, interrogabile attraverso software specificamente costruiti per analisi di tipo linguistico, alla ricerca di pattern legati a particolari funzioni, che possano fornire indizi sul modo in cui attraverso di esse i politici in Twitter creano relazioni e costruiscono significati. 3 R è un software per l elaborazione statistica dei dati: project.org. twitter è un pacchetto finalizzato all estrazione e all analisi di dati di Twitter: project.org/web/packages/twitter/index.html

6 3.1. Alcuni dati sul campione La scelta dei 40 esponenti politici come campione per la costituzione del corpus è stata effettuata nell ottobre del 2011, per poi iniziare l estrazione sistematica dei dati il primo di novembre. Erano le settimane in cui Twitter incominciava ad essere scoperto come veicolo efficace della comunicazione politica, ma la presenza di politici sul social network non era diffusa come oggi. Non è stato dunque agevole trovare 40 politici italiani attivi su Twitter, che rispondessero ad alcuni criteri di base: essere attivi sul network in modo continuo (non meno di un tweet a settimana); produrre messaggi scritti in modo specifico per Twitter (sono stati esclusi coloro che inoltrano abitualmente messaggi su Twitter attraverso altri network, come Facebook). Questa scelta è legata alla volontà di rappresentare nel corpus le specificità linguistiche, sociali, tecnologiche e semiotiche di Twitter; Nell arco dei 4 mesi presi in esame, la media di tweet al giorno inviati dai politici analizzati è di 6,5 (vedi tab. 1). Il campione selezionato rivela in realtà una grande differenziazione interna: i 6.5 tweet al giorno sono il risultato di medie personali molto eterogenee, che vanno da meno di 1 tweet quotidiano a quasi 50. C è dunque chi dedica alla produzione di tweet i pochi minuti al giorno richiesti dalla scrittura di un messaggio, e chi invece vi trascorre una quantità di tempo molto più consistente, necessaria ad inviare decine di messaggi. La fig. 1 mostra il picco di tweet inviati nel mese di novembre, in coincidenza con la caduta del governo Berlusconi novembre 2011 dicembre 2011 gennaio 2012 febbraio 2012 Fig. 1 - I tweet inviati dai politici da novembre 2011 a febbraio 2012

7 Nome nov. 11 dic. 11 gen. 12 feb. 12 totali media giornaliera Alfano ,93 Ancarani ,11 Belisario ,25 Bergamini ,77 Bindi ,56 Bocchino ,83 Brambilla ,27 Caldoro ,07 Capezzone ,61 Carfagna ,64 Casini ,16 Cavallaro ,01 Civati ,72 Cota ,77 De Girolamo ,11 De Magistris ,83 De Poli ,22 Di Pietro ,35 Donadi ,27 Fini ,73 Franceschini ,31 Frattini ,10 Lupi ,49 Melandri ,93 Meloni ,97 Moroni ,81 Mosca ,74 Palma ,44 Palmieri ,60 Pinotti ,45 Pisapia ,05 Rao ,50 Renzi ,67 Rutelli ,16 Sarubbi ,38 Scalfarotto ,50 Serracchiani ,88 Valducci ,74 Vicari ,63 Vincenzi ,45 TOTALE ,52 Tabella 1 I dati riassuntivi dei 40 politici del campione: n. di tweet per mese, numero totale, media giornaliera dei tweet inviati nei quattro mesi considerati La metodologia di analisi: l indice di keyness: Il lessico usato dai politici nelle loro interazioni in Twitter è stato quindi sottoposto a un analisi linguistico- quantitativa, utilizzando in particolare una misura statistica piuttosto comune nel campo della Linguistica dei corpora. L'indice in questione è quello che individua la keyness (Baker, 2006:121; Scott, 1996), cioè la specificità delle parole usate in un insieme di testi; il valore di keyness è ottenuto

8 confrontando la frequenza delle parole con quella delle parole usate in un corpus di riferimento 4 : A word is said to be "key" if [...] its frequency in the text when compared with its frequency in a reference corpus is such that the statistical probability as computed by an appropriate procedure is smaller than or equal to a p- value specified by the user (Scott, 2011). La procedura per calcolare l indice di keyness è, molto sinteticamente, la seguente: si ottiene la lista di frequenza del corpus oggetto di studio (CS) e di un corpus di riferimento (CR), che possiamo considerare un insieme di dati in cui le parole hanno una frequenza media; si sceglie un test statistico di significatività, tipicamente la log- likelihood (Rayson, Garside 2000) o il chi- square (Gries 2013); si confrontano le due liste di frequenza (CS) e (CR), e si calcolano le parole key, quelle cioè che secondo il test selezionato hanno un p- value con un valore significativo rispetto alla soglia (p- value = <0.01). Tale procedura può essere eseguita manualmente, oppure utilizzando un software mirato all analisi linguistica 5. Il calcolo dell'indice di keyness produce una lista di parole key che possono tipicamente essere suddivise in tre grandi classi (in questa sede ci occuperemo della 2 e della 3): 1. i nomi propri, che ovviamente differiscono al variare dei testi; 2. il lessico specifico propriamente detto, legato strettamente all'argomento dei testi e costituito spesso da tecnicismi (la cosiddetta aboutness, che individua le parole che mettono in grado il destinatario di identificare il dominio di un testo anche senza conoscerlo); 3. una parte del lessico comune, che, per motivi spesso stilistici, presenta in particolari generi testuali frequenze anomale rispetto a quelle che ha nel corpus di riferimento. L'analisi della keyness è stata effettuata sul corpus TW e su un corpus di trascrizioni di 37 talk show televisivi a cui partecipavano politici (il corpus TV 6 ); il confronto tra i valori di keyness di TW e TV ha evidenziato fenomeni interessanti e rivelatori dei criteri che guidano, nell'uno e nell'altro medium, la scelta delle parole. Partendo dalla seconda classe di parole individuate dall indice di keyness, cioè il lessico specifico vero e proprio, la tab. 2 mostra alcuni esempi di parole key in TW e TV (ho 4 Per corpus di riferimento si intende un insieme di testi, spesso di dimensioni molto estese e costruito bilanciando generi testuali diversi, che siano rappresentativi di una determinata lingua (Spina 2001). Per questo studio è stato utilizzato il Perugia Corpus, un corpus di riferimento dell'italiano contemporaneo scritto e parlato, realizzato all'università per Stranieri di Perugia (http://perugiacorpus.unistrapg.it/); in particolare, i valori di keyness sono stati calcolati usando un suo sottoinsieme bilanciato formato da cinque milioni di parole. 5 In particolare, eseguono il calcolo della keyness AntConc (http://www.antlab.sci.waseda.ac.jp/antconc_index.html) e Wordsmith Tools (http://www.lexically.net/wordsmith/). 6 Si tratta di talk show andati in onda tra la fine del 1998 e il 2012, per totale di circa 50 ore di trasmissione e di un corpus che misura oltre parole (cfr. Spina 2012).

9 selezionato in particolare, tra le 200 con valori più elevati, alcune di quelle esclusive, che sono cioè specifiche di un corpus e non lo sono dell'altro). Come si può notare, il lessico specifico dei dibattiti politici televisivi è in realtà assai poco specifico e molto generico: faremmo probabilmente fatica a definire tecnicismi parole come disoccupazione o fisco, e diverse altre, come lavoro o crisi sono per lo più dei termini- contenitore, dai confini semantici assai poco delineati. Questo estratto da un talk show televisivo è un esempio efficace della genericità e dell'indeterminatezza prodotta dall'uso sistematico di tali termini: Io sostengo che noi abbiamo in Italia un problema sociale acuto che ha in testa la parola lavoro, che se non affrontato può portarci, diciamo, a un rimpicciolimento di questo Paese dal punto di vista della produzione, della ricchezza, di possibilità di tener su lo Stato Sociale, di dare una prospettiva di lavoro ai giovani. TV centrodestra centrosinistra crisi disoccupazione elezioni finanziaria fisco giustizia governare lavoro sanità TW assemblea audizione aula commissione consultazioni emendamento IMU mozione odg Porcellum primarie stato referendum Tab. 2 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole specifiche e tecniche) Se passiamo ad analizzare alcuni dei termini key usati in Twitter, notiamo subito alcune differenze: alcuni di essi sono senz'altro tecnicismi (referendum, primarie, emendamento, ad esempio). Oltre a questo, il lessico specifico di TW sembra spesso riferirsi ad eventi o situazioni concrete che riguardano l'attività politica (assemblea, mozione, aula, odg). Le parole più tipiche di Twitter hanno dunque una reale specificità legata al dominio della politica, e si riferiscono inoltre molto più direttamente alla concretezza del contesto reale in

10 cui l'attività politica si svolge; se in TV dominano genericità e indeterminatezza, in Twitter prevalgono specificità e concretezza. Alcuni esempi tratti da TW illustrano questa IdV ha presentato circa 150 emendamenti. PD - PDL - Terzo Polo ne hanno presentato quasi Perché se sostengono il Governo? Vannino Chiti propone una mozione d' indirizzo per la legge elettorale. Esiste già, l'hanno fatta i cittadini firmando per il referendum. Ho completato la preparazione del mio intervento di domani in commissione cultura per l'audizione del ministro Profumo. Digitale e non solo ma non aveva detto che sarebbe stato lui l'incaricato del Terzo Polo per le #consultazioni? Anche nella terza classe di parole identificata dall indice di keyness, quella del lessico comune con frequenza anomala rispetto al corpus di riferimento, Twitter e i dibattiti televisivi presentano differenze di rilievo (vedi tab. 3). TV TW fare oggi cosa domani credo ora problema stasera noi auguri situazione grazie tema cari milioni buon miliardi voi (auguri, complimenti, grazie a voi) Tab. 3 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole di uso comune) In TV, anche in questo caso, dominano termini fortemente generici come cosa, fare, problema, situazione, tema. Se è vero dunque che per questa classe di parole comuni la frequenza anomala rispetto ad un corpus di riferimento indica per lo più scelte stilistiche, nelle trasmissioni televisive di politica tali scelte stilistiche corrispondono all adozione di un lessico vago e generico. E inoltre da notare l uso frequente in televisione di numeri e cifre (miliardo, milione), che, dietro l apparenza di oggettività ed esattezza, hanno spesso una funzione distraente sullo spettatore (Spina 2012).

11 Un altra parola comune che in televisione è usata più spesso di quanto avviene nella media in italiano è credo: oltre alla sua funzione di introdurre l opinione di chi sta parlando, credo funge anche da attenuativo, per mitigare l intensità o la portata di un affermazione, come nell esempio seguente, tratto da TV, in cui, nella parte finale, credo e secondo me svolgono entrambi tale funzione: Io credo che poco a poco si chiarisca la situazione. Noi abbiamo cercato di mettere a confronto due ipotesi che non erano due uomini, erano due ipotesi. Le abbiamo messe a confronto davanti ai cittadini e agli elettori. Io credo che questo metodo, secondo me, è un metodo che sarebbe consigliabile. Alcune considerazioni interessanti riguardano inoltre l uso dei pronomi personali, altre parole comuni che spesso hanno frequenze anomale. I pronomi personali sono importanti perché definiscono e individuano i partecipanti a un'interazione, e l'uso di uno o dell'altro può rivelare differenze nel loro rapporto con chi parla. In TV i due pronomi con valori di keyness elevati sono io e noi. Il noi inclusivo, in particolare (Biber 1988), rivela la costante ricerca di coinvolgimento del pubblico televisivo, nel tentativo di fare appello alla sua emotività, al fatto di avere in comune il politico e gli spettatori obiettivi condivisi, e per questo di identificarsi in valori comuni, in contrapposizione con qualcun altro. Noi stiam discutendo appunto il processo breve e via andando. Allora, io non son catastrofista neanch'io, sono un ottimista. Però, dati alla mano, non mi vengano a dire noi stiamo meglio di altri, il problema ce l'abbiamo alle spalle. Perché se fosse vero questo, avrebbe ragione Tremonti, andiamo avanti così. Per tornare al 2007, in termini di ricchezza, noi siamo lontani 4,8 punti, tanto così, gli altri son lontani tanto così. Siam più lontani noi, quindi dovrai correre più forte. E adesso Tremonti dice l'1%, l'anno prossimo l'uno. Ma la Francia sarà al due, la Germania sarà all'1,8. L'anno scorso noi ci siamo fatti bel bello 700 mila posti di lavoro in meno, okay? Adesso, quest'anno, noi abbiamo un milione di cassintegrati. Le scelte lessicali dei politici in televisione sono dunque improntate, dal punto di vista stilistico, alla ricerca di espressioni vaghe, generiche o attenuative, che siano in grado di mitigare la portata di un affermazione e che puntino al coinvolgimento emotivo degli spettatori e alla loro identificazione con valori comuni. La situazione in Twitter appare molto diversa: ai ranghi più alti tra le parole comuni con indici di keyness elevati troviamo una serie di avverbi di tempo, tutti riferiti al presente o al futuro: oggi, domani, ora, stasera. Il discorso di Twitter è fortemente ancorato al contesto presente, e fa uso frequente di deittici, che realizzano linguisticamente questo legame (Zappavigna,

12 2012). Una delle tracce stilistiche di Twitter, dunque, è l uso frequente di marche temporali che rendano esplicito questo forte radicamento nel presente, come negli esempi seguenti: Buongiorno! Fino ad ora al lavoro in via dell'umiltà. Adesso vado alla riunione di tutti i senatori del PDL. A dopo... Oggi ascolteremo #Monti per ora sono state fatte solo chiacchiere. Appoggeremo misure che davvero promuovano lo sviluppo. Inauguro stasera una serie di post su questa #manovrainvotabile http Un altro indizio di un forte legame col contesto è l uso della preposizione su, che ha in Twitter un valore di keyness molto elevato, nonostante si tratti di una parola grammaticale che potrebbe dunque rientrare nel numero di quelle soppresse per rientrare nei limiti di spazio imposti dal network. Un analisi delle parole con cui su co- occorre, riassunta nella tab. 4, rivela che il suo sovrauso è motivato dalla necessità di dare una localizzazione precisa a eventi, risorse o testi che vengono richiamati nei tweet. Su è quindi molto spesso seguito dal nome di un sito Internet o dalle denominazioni di altri media (giornali, reti e programmi televisivi), e serve a specificare la localizzazione a cui rimanda il contenuto di un tweet. Come nel caso precedente, l'anomalia della frequenza di su trova la sua spiegazione nella necessità di esplicitare il contesto in questo caso quello spaziale o testuale a cui chi scrive fa riferimento. su su [link] su Facebook su la7 su Rai3 su #opencamera su Repubblica su Tgcom24 su Internet Tab. 4 - Le parole che co- occorrono con su in TW Per completare l'analisi comparativa del lessico comune con un valore elevato di keyness in Twitter e in televisione, ho preso in esame anche in TW i pronomi personali; a differenza con quanto avviene in TV, l'unico che presenta una frequenza anomala in Twitter è voi, che viene spesso usato in espressioni ricorrenti come grazie a voi, auguri a voi, complimenti a voi. La frequenza di queste espressioni è indice di una tendenza ad un'interazione di tipo dialogico:

13 chi scrive, uno dei 40 politici esaminati, è alla costante ricerca di connessione con altri utenti, identificati dal voi, a cui si rivolge per stabilire o consolidare un'interazione (Zappavigna 2012). Non c'è più, come nel caso di noi in televisione, la ricerca di un coinvolgimento, basato sulla contrapposizione noi/loro, ma c'è la persistente ricerca di una connessione o di un dialogo tra chi scrive e voi, i followers, o una parte di essi (quelli, ad esempio, individuati da una menzione). Attraverso un analisi della keyness emergono dunque alcuni aspetti del discorso politico su Twitter che lo caratterizzano rispetto a quello televisivo: la selezione lessicale, ad esempio, risponde maggiormente a criteri di concretezza e di specificità rispetto al dominio della politica; prevalgono le parole che realizzano legami col contesto spazio- temporale e testuale, con un radicamento particolare nel momento presente. L'uso dei pronomi personali rivela inoltre una tendenza alla dialogicità e una ricerca costante di connessione e di interazione. Questa tendenza all'interazione e alla dialogicità è legata al sorgere di nuove pratiche di tipo sociale, favorite da innovazioni tecnologiche. Le scelte lessicali operate dai politici in Twitter sono dunque il risultato di vincoli e opportunità offerti dalla tecnologia e, al tempo stesso, da nuove abitudini sociali che il nuovo mezzo di comunicazione introduce e rende comuni nelle interazioni di rete. Riferimenti bibliografici Auer, P., Di Luzio, A. (1992). The Contextualization of Language. Amsterdam: Benjamins. Baker, P. (2006). Using Corpora in Discourse Analysis. London: Continuum. Bamman, D., J. Eisenstein, T. Schnoebelen, (2012). "Gender in Twitter: Styles, stances, and social networks". Biber, D. (1988). Variation Across Speech and Writing. Cambridge: Cambridge University Press. Chilton, P. (2004). Analysing political discourse: theory and practice. London: Routledge. Gries, S. Th. (2013). Statistics for linguistics with R. Berlin - New York, De Gruyter Mouton. Herring, S. C. (2008). Computer- Mediated Discourse. In D. Schiffrin, D. Tannen and H. E. Hamilton (eds.) The Handbook of Discourse Analysis. Malden: Blackwell, Honeycutt C., Herring S. C., (2009). Beyond microblogging: Conversation and collaboration via Twitter. Proceedings of the Forty- Second Hawai'i International Conference on System Sciences (HICSS- 42), Los Alamitos: IEEE Press.

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: Inglese, Spagnolo, Francese. Traguardi di sviluppo delle competenze prima e seconda lingua straniera L alunno: organizza il proprio apprendimento; utilizza lessico,

Dettagli

Lingua Italiana (seconda lingua)

Lingua Italiana (seconda lingua) Programma d aula e d esame Lingua Italiana (seconda lingua) Codice 3033, Percorso Coordinatore: Prof. Elisa TURRA Introduzione pag. Programma del corso pag. Testi adottati e consigliati pag. 3 Descrizione

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA COMPRENSIONE ORALE PRODUZIONE ORALE COMPRENSIONE SCRITTA PRODUZIONE SCRITTA CONOSCENZA DELLE STRUTTURE

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF Didattica 1 anno, corso annuale P1 ; (monte ore 96).

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE. L'alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA GINNASIO Obiettivi specifici di apprendimento Obiettivi e contenuti saranno coincidenti per le

Dettagli

SOCIAL MEDIA POLICY. TWITTER Alcune indicazioni di base

SOCIAL MEDIA POLICY. TWITTER Alcune indicazioni di base SOCIAL MEDIA POLICY Per ampliare la platea a cui ci si rivolge e per rendere più efficace la comunicazione attraverso l uso dei social network è consigliabile rispettare alcune regole fondamentali. Per

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter?

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Una buona comunicazione Scuola di formazione politica Perugia, 18-19 ottobre 2013 per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Tutti pazzi per Twitter?... LA POLITICA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE INFANZIA Il bambino scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

Comunicazione e Pubblico

Comunicazione e Pubblico Welcome to Il nome "Twitter" deriva dal verbo inglese to tweet che significa "cinguettare". Tweet è anche il termine tecnico degli aggiornamenti del servizio. I tweet che contengono esattamente 140 caratteri.

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

CURRICOLO LINGUA INGLESE

CURRICOLO LINGUA INGLESE CURRICOLO LINGUA INGLESE COMPETENZE 1) Ascoltare e comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia,

Dettagli

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Anna Maria Tononi Forum PA 2012 WEB 2.0: USER GENERATED CONTENT Chiunque può creare e distribuire contenuti o "viralizzare quelli di altri Cambia il paradigma

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE CURRICOLO DI LINGUA INGLESE 1^ e 2^ anno RICEZIONE ORALE Comprendere espressioni di uso quotidiano finalizzate alla soddisfazione di bisogni elementari Gestire semplici scambi comunicativi Comprendere

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA STRANIERA INGLESE Classe prima

UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA STRANIERA INGLESE Classe prima UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA STRANIERA INGLESE Classe prima Testo in adozione: SMART ENGLISH VOL. 1 Rob Nolasco - Oxford PROGETTAZIONE CORSO DI STUDI CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO PER IL RACCORDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

AREA DEI LINGUAGGI LINGUA ITALIANA LINGUA COMUNITARIA ESPRESSIONE ARTISTICA

AREA DEI LINGUAGGI LINGUA ITALIANA LINGUA COMUNITARIA ESPRESSIONE ARTISTICA AREA DEI LINGUAGGI LINGUA ITALIANA LINGUA COMUNITARIA ESPRESSIONE ARTISTICA Allegato 1 Comunicare in lingua italiana in contesti personali, professionali, civili Produrre testi di uso professionale secondo

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi

Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi Lingua straniera Inglese- Curricolo-Piano di studi Finalità dell'insegnamento della lingua straniera: 1.l'acquisizione di una competenza comunicativa che permetta di servirsi della lingua in modo adeguato

Dettagli

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza ASCOLTO Grado scolastico: Scuola Secondaria di 1 grado Comprende brevi dialoghi con un lessico limitato,

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

LICEO TITO LUCREZIO CARO CITTADELLA Liceo Scienze Umane PIANO DI LAVORO ANNUALE

LICEO TITO LUCREZIO CARO CITTADELLA Liceo Scienze Umane PIANO DI LAVORO ANNUALE LICEO TITO LUCREZIO CARO CITTADELLA Liceo Scienze Umane PIANO DI LAVORO ANNUALE Docente : Nicoletta Marcon Materia : Inglese Classe : I BSU Anno scol.: 2010-2011 SITUAZIONE DI PARTENZA: La classe 1 BSU,

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità Il metodo del Rispondente Cancellato (ERM) per i controlli su strada della guida sotto l influenza di alcol o sostanze (e non solo): un paradigma illustrativo. Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE

Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE Corsi di Formazione Linguistica In aula o in webinar audio video conferenza SUMMER SCHOOL - SHORT COURSE LIN 01 LIN 02 LIN 03 LIN 04 General Skills Elementary English Course General Skills Pre Intermediate

Dettagli

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. 1.FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE 1) Comprendere l importanza della lingua straniera come strumento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE ASCOLTO Comprendere espressioni di uso quotidiano per soddisfare bisogni concreti Identificare e conoscere parole relative a situazioni concrete e reali Comprendere le prime strutture di un dialogo Comprendere

Dettagli

Programmazione curricolare d istituto

Programmazione curricolare d istituto Programmazione curricolare d istituto DISCIPLINA: Lingua inglese SCUOLA SEC. 1 GRADO CLASSI: Prime COMPETENZE 1. Ascoltare e comprendere in modo globale la lingua orale e scritta 2. Esprimersi in modo

Dettagli

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CURRICOLO della LINGUA INGLESE Asse dei linguaggi: utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA -Comunicazione nelle lingue europee: comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis Situazione della classe dal punto di vista dello sviluppo delle competenze Prerequisiti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Madrelingua Lingua straniera 2 Classe

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO classe prima LE ESSENZIALI DI TEDESCO comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF (didattica in inglese) Didattica 2 anno, corso annuale

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testuali Il text mining: una definizione Data mining per dati destrutturati ovvero documenti codificati in linguaggio

Dettagli

INGLESE CLASSE PRIMA

INGLESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende oralmente i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che affronta normalmente a scuola. ASCOLTO (Comprensione orale) Capire i punti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA Presentazione della classe PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSE SECONDA All inizio dell anno scolastico vengono effettuate prove d ingresso e osservazioni sistematiche che

Dettagli

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Dopo il messaggio del Capo dello stato Giorgio Napolitano alle Camere si è acceso il dibattito sull amnistia e sui provvedimenti di clemenza. Gli istituti di ricerca

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA INGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 I

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nuclei tematici Listening Traguardi per lo sviluppo della competenza Raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento. L alunno

Dettagli

NUCLEO classe OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI, ATTIVITA, INIZIATIVE

NUCLEO classe OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI, ATTIVITA, INIZIATIVE Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo Scuola Secondaria di I grado TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (I traguardi sono riconducibili

Dettagli

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet extrapola ed presentano Blogmetrics Politica Online, un nuovo servizio di monitoraggio di online news da blog, forum e siti internet. OBIETTIVO

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA LINGUA INGLESE CLASSI PRIME COMPETENZE E CONOSCENZE Comprendere il senso globale di un semplice messaggio. Riconoscere i dati espliciti di un messaggio (personaggi,tempi,luoghi,azioni)

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE LICEO SCIENTIFICO. PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LA PROGETTAZIONE PER COMPETENZE E PER TRAGUARDI FORMATIVI DAL PRIMO BIENNIO ALL ULTIMO ANNO Rete delle scuole secondarie di II grado della provincia di Udine (Istituto capofila: Liceo G. Marinelli Udine)

Dettagli

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Ordine di scuola Campo di esperienza-disciplina Scuola Primaria Lingua inglese Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1 CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1 Competenza conoscitiva: - Conoscere e utilizzare lessico e strutture grammaticali per esprimersi nei

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Programmazione Collegiale Attività Didattiche Anno scolastico 2010-2011

Programmazione Collegiale Attività Didattiche Anno scolastico 2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Informatica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ex -Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro

Dettagli

ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale

ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale Unità 2 Unità 1 CLASSE Seconda DISCIPLINA Inglese ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Scritta e orale MODULO U.D Conoscenze Abilità e competenze Strutture grammaticali e lessico di base

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content. Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida

Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content. Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida Il nuovo sistema dell informazione online: editori tradizionali, Blog e social content Giacomo Fusina, Human Highway Andrea Santagata, Liquida Analisi dell informazione online Il contesto analizzato 1.

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza di profilo: Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE LINGUA STRANIERA - INGLESE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE LINGUA STRANIERA - INGLESE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO PIUMATI - CRAVERI - DALLA CHIESA 12042 BRA (CN) Via Barbacana, 41 0172/412040 0172/413685 C.F. 91020940044 C.M. CNMM15000T E-mail: CNMM15000T@istruzione.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli