XXVIII CONVEGNO SISP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVIII CONVEGNO SISP"

Transcript

1 XXVIII CONVEGNO SISP Università degli studi di Perugia - Università per Stranieri di Perugia settembre 2014 SEZIONE 5 COMUNICAZIONE POLITICA PANEL 5.6: LO STUDIO DEL LINGUAGGIO POLITICO IN ITALIA: NUOVI MEDIA, NUOVI METODI? (Chair Giorgia Bulli, Flavio Chiapponi) Metodologie di analisi del discorso politico: l indice di keyness. Un confronto fra il lessico usato su Twitter e in televisione Stefania Spina 1 1. Introduzione Twitter - il social network che consente agli utenti di pubblicare post con un limite di lunghezza di 140 caratteri - ha superato da alcuni mesi in Italia il numero di 4 milioni di utenti attivi settimanalmente 2. In rapporto a Facebook, ambiente social di massa per eccellenza, Twitter si caratterizza come il network dotato di maggiore influenza tra quelli considerati di nicchia (Tallei, Grandi 2014). Il primo tweet di un membro del parlamento italiano risale al marzo Da allora, la presenza dei politici italiani sul social network ha subito un forte incremento: una percentuale rilevante dei parlamentari ha un account su Twitter e lo usa regolarmente per comunicare con i propri follower. Man mano che le interazioni dei politici su Twitter aumentano e diventano abituali, si trasforma la funzione stessa del social network, che da strumento di diffusione del discorso politico diventa luogo stesso in cui si svolge l azione politica. 1 Università per Stranieri di Perugia, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. 2 Fonte: MEC:consulting (http://youmark.it/wp-content/uploads/2013/01/ricerca-twitter-mec.pdf).

2 Questa presentazione è suddivisa in due parti: nella prima, cercherò brevemente di mostrare, sulla base di considerazioni di tipo linguistico- discorsivo, perché Twitter può costituire un'opportunità di cambiamento per il discorso politico. Nella seconda, presenterò un'analisi linguistico- statistica del lessico usato su Twitter da un campione di politici italiani, mirata a verificare se e in che misura tali opportunità di cambiamento sono colte dai politici nella reale interazione quotidiana sul social network. Dal punto di vista metodologico, l obiettivo è quello di descrivere una specifica procedura di acquisizione, organizzazione ed analisi di dati linguistici; se infatti lo studio delle interazioni sui social network consente di disporre abbastanza facilmente di grandi quantità di testi, basandosi dunque sull analisi di dati quantitamente rilevanti e non solo su valutazioni intuitive, esso impone al tempo stesso l adozione di scelte metodologiche mirate. Tali scelte devono consentire di analizzare i dati su basi quantitativo- statistiche rigorose, e di coniugare tale impostazione iniziale con una successiva elaborazione di tipo qualitativo. Un approccio empirico di questo tipo ha come livello di analisi privilegiato, da un punto di vista linguistico, quello lessicale, che meglio di altri si presta ad un trattamento automatico dei dati. La seconda parte della presentazione verterà dunque sulla descrizione e sui risultati dell analisi della keyness in un corpus di interazioni di politici italiani su Twitter, e sul confronto con una parallela analisi della keyness in un corpus di discorso politico tratto da talk show televisivi. 2. Twitter come opportunità di cambiamento per il discorso politico Per investigare i nuovi atteggiamenti linguistico- discorsivi introdotti nella comunicazione politica dall'uso sistematico dei social network, e di Twitter in particolare, è necessario rifarsi a due differenti prospettive teoriche: 1. la prospettiva connessa all'analisi del Discorso Politico. Secondo Chilton (2004), il discorso politico svolge la doppia funzione di: rappresentare un individuo come politico, e di conseguenza come una persona dotata di credibilità, per creare o rafforzare il suo consenso e fare in modo che venga accettato nell'arena politica; interagire, in contesti e situazioni diverse e con interlocutori diversificati. In questa prospettiva, Twitter è il luogo in cui gli attori politici hanno la possibilità di diffondere un'immagine positiva di sé, nell'atto in cui interagiscono con i loro interlocutori;

3 2. la prospettiva connessa al Computer- Mediated Discourse (Herring 2008). Dopo il paradigma della trasmissione (broadcasting), in cui la comunicazione è solo verticale, unidirezionale e uno- a- molti, Internet, e in modo particolare i social media, hanno provocato un cambiamento radicale ed hanno introdotto il paradigma dell'interazione, in cui le persone condividono in modo orizzontale flussi dinamici di conversazioni, che creano nuove forme di relazioni interpersonali. Tali flussi di conversazioni sono basati su una nozione dinamica di contesto: la contestualizzazione, cioè la pratica di rendere il contesto disponibile (Auer, Di Luzio 1992), si realizza su Twitter attraverso l'uso di quattro diversi operatori, che corrispondono a quattro diverse funzioni: = indirizzare ad utenti specifici 2. http = indirizzare ad altri testi 3. RT = redistribuire (con una valutazione implicita; Spina in stampa) 4. # = classificare ed aggregare Attraverso l'uso sistematico e combinato di questi operatori, e la conseguente realizzazione di queste funzioni, gli utenti di Twitter ancorano le loro interazioni ad uno specifico contesto, consentendo ai loro interlocutori di farlo proprio e condividerlo. Il risultato è un sistema discorsivo multireferenziale, in cui diverse azioni comunicative sono svolte dagli utenti su dimensioni multiple, basate sulla multireferenzialità, sull'intertestualità e sulla interdiscorsività (Spina, Cancila 2013). Attraverso l'integrazione di queste due prospettive, l'ipotesi che si vuole investigare è che Twitter rappresenti un opportunità di rinnovamento per il discorso politico, specie in un periodo di profonda disaffezione da parte dei cittadini nei confronti della politica, e che tale opportunità sia legata ad alcune caratteristiche generali di Twitter come mezzo di interazione tra le persone (Spina 2012): 1. brevità forzata: i limiti nella lunghezza dei tweet favoriscono l'immediatezza della comunicazione e producono forme deittiche di interazione, che hanno un forte legame con gli eventi mentre essi stanno avvenendo; 2. aggregazione: attraverso l'uso sistematico dell'hashtag (#), le interazioni in Twitter rivelano lo sforzo di aggregare comunità di persone attorno a temi e valori chiave (Zappavigna 2012). Gli hashtag, infatti, svolgono in Twitter una duplice funzione: essi sono in primo luogo dei metadati attraverso cui gli utenti rendono esplicito l argomento di un tweet. Al tempo stesso, tuttavia, sono anche un invito, rivolto da un utente a tutti i propri follower, a collegarsi con quello specifico argomento e col pubblico che ne parla. In questo senso, l hashtag è anche un potente strumento

4 utilizzato per creare aggregazione, volto a realizzare o rafforzare dei legami sociali e a creare dei significati interpersonali. Questa ricerca di aggregazione appare del tutto funzionale ad utenti- politici; l aggregazione di comunità di persone può infatti diventare strumento della positiva rappresentazione di sé e della ricerca di consenso, ed anzi favorire la creazione e il consolidamento di tale consenso, attraverso meccanismi di affiliazione intorno a nuclei di valori condivisi; 3. ricercabilità (Zappavigna 2012). Pur essendo molto simili a conversazioni parlate, le interazioni in Twitter sono di fatto testi scritti, e, di conseguenza, restano archiviate in modo permanente ed accessibili attraverso i motori di ricerca. Questa commistione tra la volatilità del parlato e la permanenza della lingua scritta genera una maggiore attenzione alla scelta delle parole, perché ciascun tweet può essere ricercato e diffuso anche molto tempo dopo essere stato prodotto; 4. atteggiamento valutativo. Nel momento in cui interagiscono in Twitter, gli utenti raramente comunicano in modo distaccato e impersonale: molto più spesso tendono a prendere posizione e ad esprimere apertamente il proprio atteggiamento riguardo a un tema, una persona o un evento (Zappavigna 2012). Secondo Bamman et al. (2012), "ogni tweet veicola un atteggiamento, che riflette l'autore, l'argomento, e il pubblico. Tale caratteristica è in netto contrasto con le strategie di evitamento di cui spesso i politici si servono nei loro interventi in altri media, come la televisione: Spina (2012) ha dimostrato che su Twitter hanno una frequenza significativamente maggiore elementi lessicali di tipo affettivo (verbi, sostantivi, aggettivi come vergognarsi, adorare, orrore, terribile, entusiasmante) rispetto a quanto avviene nella comunicazione politica televisiva. Per contro, sono usate significativamente di meno strategie linguistiche indirette o di evitamento, come i passivi, la nominalizzazione, i condizionali e l'attenuazione; 5. conversazionalità. Le interazioni in Twitter possono essere descritte come flussi di brevi conversazioni pubbliche, caratterizzate da un doppio tipo di audience: quella generale dei follower e quella specifica di eventuali, singoli destinatari, selezionati attraverso l'uso della menzione (il nome di un utente preceduto dal carattere Il carattere dialogico è dunque parte della natura stessa di Twitter (Honeycutt, Herring 2009); l'adozione di un atteggiamento concretamente dialogico, nel caso della comunicazione politica, equivale alla scelta di comunicare con l obiettivo consapevole di stabilire delle relazioni con gli altri. Tale scelta è coerente con le diffuse aspettative dei cittadini, che, in un'ottica di interazione, ritengono ormai imprescindibile un

5 radicale abbandono della prospettiva verticale e monodirezionale a favore di modalità comunicative orizzontali, dialogiche e partecipative. Date queste premesse, le domande a cui si è cercato di rispondere attraverso un analisi linguistico- statistica del lessico sono: A livello del lessico utilizzato, ci sono delle specificità che caratterizzano le interazioni dei politici su Twitter? Ci sono differenze con il lessico usato dai politici in altri mezzi di comunicazione? In che modo la costruzione di significato risulta modificata dall'uso di lessico specifico all interno di un sistema discorsivo multireferenziale, caratterizzato dal proliferare degli interlocutori, come quello di Twitter? 3. Analisi dei dati: il lessico usato dai politici italiani su Twitter Per cercare di rispondere a queste domande, ho usato una metodologia quantitativa, caratteristica dell'approccio della Linguistica dei corpora (Spina 2001); ho dunque costituito un corpus di dati da cui estrarre fenomeni e pattern linguistici quantitativamente significativi. I dati selezionati sono costituiti dall insieme dei tweet inviati da un campione di 40 politici italiani nell arco di 4 mesi, corrispondenti al periodo novembre febbraio Il totale dei tweet inseriti nel corpus è di ; sono stati estratti per ciascuno dei 40 politici che formano il campione sia i tweet (post originali), sia i retweet (le citazioni di tweet scritti da altri); questo comporta che vi siano dei messaggi che si ripetono più volte, nel caso in cui abbiano subito più di un retweet (per una descrizione più dettagliata del corpus, cfr. Spina 2012). I messaggi inviati via Twitter sono stati estratti automaticamente usando twitter, un pacchetto integrato nel software di analisi statistica R 3 ; successivamente, sono stati organizzati in modo da permetterne l analisi linguistica. Il risultato è un corpus (che da qui in avanti indicherò con TW) composto da parole, interrogabile attraverso software specificamente costruiti per analisi di tipo linguistico, alla ricerca di pattern legati a particolari funzioni, che possano fornire indizi sul modo in cui attraverso di esse i politici in Twitter creano relazioni e costruiscono significati. 3 R è un software per l elaborazione statistica dei dati: project.org. twitter è un pacchetto finalizzato all estrazione e all analisi di dati di Twitter: project.org/web/packages/twitter/index.html

6 3.1. Alcuni dati sul campione La scelta dei 40 esponenti politici come campione per la costituzione del corpus è stata effettuata nell ottobre del 2011, per poi iniziare l estrazione sistematica dei dati il primo di novembre. Erano le settimane in cui Twitter incominciava ad essere scoperto come veicolo efficace della comunicazione politica, ma la presenza di politici sul social network non era diffusa come oggi. Non è stato dunque agevole trovare 40 politici italiani attivi su Twitter, che rispondessero ad alcuni criteri di base: essere attivi sul network in modo continuo (non meno di un tweet a settimana); produrre messaggi scritti in modo specifico per Twitter (sono stati esclusi coloro che inoltrano abitualmente messaggi su Twitter attraverso altri network, come Facebook). Questa scelta è legata alla volontà di rappresentare nel corpus le specificità linguistiche, sociali, tecnologiche e semiotiche di Twitter; Nell arco dei 4 mesi presi in esame, la media di tweet al giorno inviati dai politici analizzati è di 6,5 (vedi tab. 1). Il campione selezionato rivela in realtà una grande differenziazione interna: i 6.5 tweet al giorno sono il risultato di medie personali molto eterogenee, che vanno da meno di 1 tweet quotidiano a quasi 50. C è dunque chi dedica alla produzione di tweet i pochi minuti al giorno richiesti dalla scrittura di un messaggio, e chi invece vi trascorre una quantità di tempo molto più consistente, necessaria ad inviare decine di messaggi. La fig. 1 mostra il picco di tweet inviati nel mese di novembre, in coincidenza con la caduta del governo Berlusconi novembre 2011 dicembre 2011 gennaio 2012 febbraio 2012 Fig. 1 - I tweet inviati dai politici da novembre 2011 a febbraio 2012

7 Nome nov. 11 dic. 11 gen. 12 feb. 12 totali media giornaliera Alfano ,93 Ancarani ,11 Belisario ,25 Bergamini ,77 Bindi ,56 Bocchino ,83 Brambilla ,27 Caldoro ,07 Capezzone ,61 Carfagna ,64 Casini ,16 Cavallaro ,01 Civati ,72 Cota ,77 De Girolamo ,11 De Magistris ,83 De Poli ,22 Di Pietro ,35 Donadi ,27 Fini ,73 Franceschini ,31 Frattini ,10 Lupi ,49 Melandri ,93 Meloni ,97 Moroni ,81 Mosca ,74 Palma ,44 Palmieri ,60 Pinotti ,45 Pisapia ,05 Rao ,50 Renzi ,67 Rutelli ,16 Sarubbi ,38 Scalfarotto ,50 Serracchiani ,88 Valducci ,74 Vicari ,63 Vincenzi ,45 TOTALE ,52 Tabella 1 I dati riassuntivi dei 40 politici del campione: n. di tweet per mese, numero totale, media giornaliera dei tweet inviati nei quattro mesi considerati La metodologia di analisi: l indice di keyness: Il lessico usato dai politici nelle loro interazioni in Twitter è stato quindi sottoposto a un analisi linguistico- quantitativa, utilizzando in particolare una misura statistica piuttosto comune nel campo della Linguistica dei corpora. L'indice in questione è quello che individua la keyness (Baker, 2006:121; Scott, 1996), cioè la specificità delle parole usate in un insieme di testi; il valore di keyness è ottenuto

8 confrontando la frequenza delle parole con quella delle parole usate in un corpus di riferimento 4 : A word is said to be "key" if [...] its frequency in the text when compared with its frequency in a reference corpus is such that the statistical probability as computed by an appropriate procedure is smaller than or equal to a p- value specified by the user (Scott, 2011). La procedura per calcolare l indice di keyness è, molto sinteticamente, la seguente: si ottiene la lista di frequenza del corpus oggetto di studio (CS) e di un corpus di riferimento (CR), che possiamo considerare un insieme di dati in cui le parole hanno una frequenza media; si sceglie un test statistico di significatività, tipicamente la log- likelihood (Rayson, Garside 2000) o il chi- square (Gries 2013); si confrontano le due liste di frequenza (CS) e (CR), e si calcolano le parole key, quelle cioè che secondo il test selezionato hanno un p- value con un valore significativo rispetto alla soglia (p- value = <0.01). Tale procedura può essere eseguita manualmente, oppure utilizzando un software mirato all analisi linguistica 5. Il calcolo dell'indice di keyness produce una lista di parole key che possono tipicamente essere suddivise in tre grandi classi (in questa sede ci occuperemo della 2 e della 3): 1. i nomi propri, che ovviamente differiscono al variare dei testi; 2. il lessico specifico propriamente detto, legato strettamente all'argomento dei testi e costituito spesso da tecnicismi (la cosiddetta aboutness, che individua le parole che mettono in grado il destinatario di identificare il dominio di un testo anche senza conoscerlo); 3. una parte del lessico comune, che, per motivi spesso stilistici, presenta in particolari generi testuali frequenze anomale rispetto a quelle che ha nel corpus di riferimento. L'analisi della keyness è stata effettuata sul corpus TW e su un corpus di trascrizioni di 37 talk show televisivi a cui partecipavano politici (il corpus TV 6 ); il confronto tra i valori di keyness di TW e TV ha evidenziato fenomeni interessanti e rivelatori dei criteri che guidano, nell'uno e nell'altro medium, la scelta delle parole. Partendo dalla seconda classe di parole individuate dall indice di keyness, cioè il lessico specifico vero e proprio, la tab. 2 mostra alcuni esempi di parole key in TW e TV (ho 4 Per corpus di riferimento si intende un insieme di testi, spesso di dimensioni molto estese e costruito bilanciando generi testuali diversi, che siano rappresentativi di una determinata lingua (Spina 2001). Per questo studio è stato utilizzato il Perugia Corpus, un corpus di riferimento dell'italiano contemporaneo scritto e parlato, realizzato all'università per Stranieri di Perugia (http://perugiacorpus.unistrapg.it/); in particolare, i valori di keyness sono stati calcolati usando un suo sottoinsieme bilanciato formato da cinque milioni di parole. 5 In particolare, eseguono il calcolo della keyness AntConc (http://www.antlab.sci.waseda.ac.jp/antconc_index.html) e Wordsmith Tools (http://www.lexically.net/wordsmith/). 6 Si tratta di talk show andati in onda tra la fine del 1998 e il 2012, per totale di circa 50 ore di trasmissione e di un corpus che misura oltre parole (cfr. Spina 2012).

9 selezionato in particolare, tra le 200 con valori più elevati, alcune di quelle esclusive, che sono cioè specifiche di un corpus e non lo sono dell'altro). Come si può notare, il lessico specifico dei dibattiti politici televisivi è in realtà assai poco specifico e molto generico: faremmo probabilmente fatica a definire tecnicismi parole come disoccupazione o fisco, e diverse altre, come lavoro o crisi sono per lo più dei termini- contenitore, dai confini semantici assai poco delineati. Questo estratto da un talk show televisivo è un esempio efficace della genericità e dell'indeterminatezza prodotta dall'uso sistematico di tali termini: Io sostengo che noi abbiamo in Italia un problema sociale acuto che ha in testa la parola lavoro, che se non affrontato può portarci, diciamo, a un rimpicciolimento di questo Paese dal punto di vista della produzione, della ricchezza, di possibilità di tener su lo Stato Sociale, di dare una prospettiva di lavoro ai giovani. TV centrodestra centrosinistra crisi disoccupazione elezioni finanziaria fisco giustizia governare lavoro sanità TW assemblea audizione aula commissione consultazioni emendamento IMU mozione odg Porcellum primarie stato referendum Tab. 2 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole specifiche e tecniche) Se passiamo ad analizzare alcuni dei termini key usati in Twitter, notiamo subito alcune differenze: alcuni di essi sono senz'altro tecnicismi (referendum, primarie, emendamento, ad esempio). Oltre a questo, il lessico specifico di TW sembra spesso riferirsi ad eventi o situazioni concrete che riguardano l'attività politica (assemblea, mozione, aula, odg). Le parole più tipiche di Twitter hanno dunque una reale specificità legata al dominio della politica, e si riferiscono inoltre molto più direttamente alla concretezza del contesto reale in

10 cui l'attività politica si svolge; se in TV dominano genericità e indeterminatezza, in Twitter prevalgono specificità e concretezza. Alcuni esempi tratti da TW illustrano questa IdV ha presentato circa 150 emendamenti. PD - PDL - Terzo Polo ne hanno presentato quasi Perché se sostengono il Governo? Vannino Chiti propone una mozione d' indirizzo per la legge elettorale. Esiste già, l'hanno fatta i cittadini firmando per il referendum. Ho completato la preparazione del mio intervento di domani in commissione cultura per l'audizione del ministro Profumo. Digitale e non solo ma non aveva detto che sarebbe stato lui l'incaricato del Terzo Polo per le #consultazioni? Anche nella terza classe di parole identificata dall indice di keyness, quella del lessico comune con frequenza anomala rispetto al corpus di riferimento, Twitter e i dibattiti televisivi presentano differenze di rilievo (vedi tab. 3). TV TW fare oggi cosa domani credo ora problema stasera noi auguri situazione grazie tema cari milioni buon miliardi voi (auguri, complimenti, grazie a voi) Tab. 3 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole di uso comune) In TV, anche in questo caso, dominano termini fortemente generici come cosa, fare, problema, situazione, tema. Se è vero dunque che per questa classe di parole comuni la frequenza anomala rispetto ad un corpus di riferimento indica per lo più scelte stilistiche, nelle trasmissioni televisive di politica tali scelte stilistiche corrispondono all adozione di un lessico vago e generico. E inoltre da notare l uso frequente in televisione di numeri e cifre (miliardo, milione), che, dietro l apparenza di oggettività ed esattezza, hanno spesso una funzione distraente sullo spettatore (Spina 2012).

11 Un altra parola comune che in televisione è usata più spesso di quanto avviene nella media in italiano è credo: oltre alla sua funzione di introdurre l opinione di chi sta parlando, credo funge anche da attenuativo, per mitigare l intensità o la portata di un affermazione, come nell esempio seguente, tratto da TV, in cui, nella parte finale, credo e secondo me svolgono entrambi tale funzione: Io credo che poco a poco si chiarisca la situazione. Noi abbiamo cercato di mettere a confronto due ipotesi che non erano due uomini, erano due ipotesi. Le abbiamo messe a confronto davanti ai cittadini e agli elettori. Io credo che questo metodo, secondo me, è un metodo che sarebbe consigliabile. Alcune considerazioni interessanti riguardano inoltre l uso dei pronomi personali, altre parole comuni che spesso hanno frequenze anomale. I pronomi personali sono importanti perché definiscono e individuano i partecipanti a un'interazione, e l'uso di uno o dell'altro può rivelare differenze nel loro rapporto con chi parla. In TV i due pronomi con valori di keyness elevati sono io e noi. Il noi inclusivo, in particolare (Biber 1988), rivela la costante ricerca di coinvolgimento del pubblico televisivo, nel tentativo di fare appello alla sua emotività, al fatto di avere in comune il politico e gli spettatori obiettivi condivisi, e per questo di identificarsi in valori comuni, in contrapposizione con qualcun altro. Noi stiam discutendo appunto il processo breve e via andando. Allora, io non son catastrofista neanch'io, sono un ottimista. Però, dati alla mano, non mi vengano a dire noi stiamo meglio di altri, il problema ce l'abbiamo alle spalle. Perché se fosse vero questo, avrebbe ragione Tremonti, andiamo avanti così. Per tornare al 2007, in termini di ricchezza, noi siamo lontani 4,8 punti, tanto così, gli altri son lontani tanto così. Siam più lontani noi, quindi dovrai correre più forte. E adesso Tremonti dice l'1%, l'anno prossimo l'uno. Ma la Francia sarà al due, la Germania sarà all'1,8. L'anno scorso noi ci siamo fatti bel bello 700 mila posti di lavoro in meno, okay? Adesso, quest'anno, noi abbiamo un milione di cassintegrati. Le scelte lessicali dei politici in televisione sono dunque improntate, dal punto di vista stilistico, alla ricerca di espressioni vaghe, generiche o attenuative, che siano in grado di mitigare la portata di un affermazione e che puntino al coinvolgimento emotivo degli spettatori e alla loro identificazione con valori comuni. La situazione in Twitter appare molto diversa: ai ranghi più alti tra le parole comuni con indici di keyness elevati troviamo una serie di avverbi di tempo, tutti riferiti al presente o al futuro: oggi, domani, ora, stasera. Il discorso di Twitter è fortemente ancorato al contesto presente, e fa uso frequente di deittici, che realizzano linguisticamente questo legame (Zappavigna,

12 2012). Una delle tracce stilistiche di Twitter, dunque, è l uso frequente di marche temporali che rendano esplicito questo forte radicamento nel presente, come negli esempi seguenti: Buongiorno! Fino ad ora al lavoro in via dell'umiltà. Adesso vado alla riunione di tutti i senatori del PDL. A dopo... Oggi ascolteremo #Monti per ora sono state fatte solo chiacchiere. Appoggeremo misure che davvero promuovano lo sviluppo. Inauguro stasera una serie di post su questa #manovrainvotabile http Un altro indizio di un forte legame col contesto è l uso della preposizione su, che ha in Twitter un valore di keyness molto elevato, nonostante si tratti di una parola grammaticale che potrebbe dunque rientrare nel numero di quelle soppresse per rientrare nei limiti di spazio imposti dal network. Un analisi delle parole con cui su co- occorre, riassunta nella tab. 4, rivela che il suo sovrauso è motivato dalla necessità di dare una localizzazione precisa a eventi, risorse o testi che vengono richiamati nei tweet. Su è quindi molto spesso seguito dal nome di un sito Internet o dalle denominazioni di altri media (giornali, reti e programmi televisivi), e serve a specificare la localizzazione a cui rimanda il contenuto di un tweet. Come nel caso precedente, l'anomalia della frequenza di su trova la sua spiegazione nella necessità di esplicitare il contesto in questo caso quello spaziale o testuale a cui chi scrive fa riferimento. su su [link] su Facebook su la7 su Rai3 su #opencamera su Repubblica su Tgcom24 su Internet Tab. 4 - Le parole che co- occorrono con su in TW Per completare l'analisi comparativa del lessico comune con un valore elevato di keyness in Twitter e in televisione, ho preso in esame anche in TW i pronomi personali; a differenza con quanto avviene in TV, l'unico che presenta una frequenza anomala in Twitter è voi, che viene spesso usato in espressioni ricorrenti come grazie a voi, auguri a voi, complimenti a voi. La frequenza di queste espressioni è indice di una tendenza ad un'interazione di tipo dialogico:

13 chi scrive, uno dei 40 politici esaminati, è alla costante ricerca di connessione con altri utenti, identificati dal voi, a cui si rivolge per stabilire o consolidare un'interazione (Zappavigna 2012). Non c'è più, come nel caso di noi in televisione, la ricerca di un coinvolgimento, basato sulla contrapposizione noi/loro, ma c'è la persistente ricerca di una connessione o di un dialogo tra chi scrive e voi, i followers, o una parte di essi (quelli, ad esempio, individuati da una menzione). Attraverso un analisi della keyness emergono dunque alcuni aspetti del discorso politico su Twitter che lo caratterizzano rispetto a quello televisivo: la selezione lessicale, ad esempio, risponde maggiormente a criteri di concretezza e di specificità rispetto al dominio della politica; prevalgono le parole che realizzano legami col contesto spazio- temporale e testuale, con un radicamento particolare nel momento presente. L'uso dei pronomi personali rivela inoltre una tendenza alla dialogicità e una ricerca costante di connessione e di interazione. Questa tendenza all'interazione e alla dialogicità è legata al sorgere di nuove pratiche di tipo sociale, favorite da innovazioni tecnologiche. Le scelte lessicali operate dai politici in Twitter sono dunque il risultato di vincoli e opportunità offerti dalla tecnologia e, al tempo stesso, da nuove abitudini sociali che il nuovo mezzo di comunicazione introduce e rende comuni nelle interazioni di rete. Riferimenti bibliografici Auer, P., Di Luzio, A. (1992). The Contextualization of Language. Amsterdam: Benjamins. Baker, P. (2006). Using Corpora in Discourse Analysis. London: Continuum. Bamman, D., J. Eisenstein, T. Schnoebelen, (2012). "Gender in Twitter: Styles, stances, and social networks". Biber, D. (1988). Variation Across Speech and Writing. Cambridge: Cambridge University Press. Chilton, P. (2004). Analysing political discourse: theory and practice. London: Routledge. Gries, S. Th. (2013). Statistics for linguistics with R. Berlin - New York, De Gruyter Mouton. Herring, S. C. (2008). Computer- Mediated Discourse. In D. Schiffrin, D. Tannen and H. E. Hamilton (eds.) The Handbook of Discourse Analysis. Malden: Blackwell, Honeycutt C., Herring S. C., (2009). Beyond microblogging: Conversation and collaboration via Twitter. Proceedings of the Forty- Second Hawai'i International Conference on System Sciences (HICSS- 42), Los Alamitos: IEEE Press.

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio Francesca Bonin Felice Dell Orletta* Simonetta Montemagni* Giulia Venturi* (*Istituto di Linguistica Computazionale Antonio Zampolli - ILC- CNR, Dipartimento di Informatica, Università di Pisa) Lessico

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

I fashion blogger più influenti sui social

I fashion blogger più influenti sui social I fashion blogger più influenti sui social Mercato: Italia 1 luglio 14 settembre 2014 @blogmeter Di cosa parla la nostra ricerca Blogmeter 2014 www.blogmeter.it 2 Di cosa parleremo FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli