XXVIII CONVEGNO SISP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXVIII CONVEGNO SISP"

Transcript

1 XXVIII CONVEGNO SISP Università degli studi di Perugia - Università per Stranieri di Perugia settembre 2014 SEZIONE 5 COMUNICAZIONE POLITICA PANEL 5.6: LO STUDIO DEL LINGUAGGIO POLITICO IN ITALIA: NUOVI MEDIA, NUOVI METODI? (Chair Giorgia Bulli, Flavio Chiapponi) Metodologie di analisi del discorso politico: l indice di keyness. Un confronto fra il lessico usato su Twitter e in televisione Stefania Spina 1 1. Introduzione Twitter - il social network che consente agli utenti di pubblicare post con un limite di lunghezza di 140 caratteri - ha superato da alcuni mesi in Italia il numero di 4 milioni di utenti attivi settimanalmente 2. In rapporto a Facebook, ambiente social di massa per eccellenza, Twitter si caratterizza come il network dotato di maggiore influenza tra quelli considerati di nicchia (Tallei, Grandi 2014). Il primo tweet di un membro del parlamento italiano risale al marzo Da allora, la presenza dei politici italiani sul social network ha subito un forte incremento: una percentuale rilevante dei parlamentari ha un account su Twitter e lo usa regolarmente per comunicare con i propri follower. Man mano che le interazioni dei politici su Twitter aumentano e diventano abituali, si trasforma la funzione stessa del social network, che da strumento di diffusione del discorso politico diventa luogo stesso in cui si svolge l azione politica. 1 Università per Stranieri di Perugia, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. 2 Fonte: MEC:consulting (http://youmark.it/wp-content/uploads/2013/01/ricerca-twitter-mec.pdf).

2 Questa presentazione è suddivisa in due parti: nella prima, cercherò brevemente di mostrare, sulla base di considerazioni di tipo linguistico- discorsivo, perché Twitter può costituire un'opportunità di cambiamento per il discorso politico. Nella seconda, presenterò un'analisi linguistico- statistica del lessico usato su Twitter da un campione di politici italiani, mirata a verificare se e in che misura tali opportunità di cambiamento sono colte dai politici nella reale interazione quotidiana sul social network. Dal punto di vista metodologico, l obiettivo è quello di descrivere una specifica procedura di acquisizione, organizzazione ed analisi di dati linguistici; se infatti lo studio delle interazioni sui social network consente di disporre abbastanza facilmente di grandi quantità di testi, basandosi dunque sull analisi di dati quantitamente rilevanti e non solo su valutazioni intuitive, esso impone al tempo stesso l adozione di scelte metodologiche mirate. Tali scelte devono consentire di analizzare i dati su basi quantitativo- statistiche rigorose, e di coniugare tale impostazione iniziale con una successiva elaborazione di tipo qualitativo. Un approccio empirico di questo tipo ha come livello di analisi privilegiato, da un punto di vista linguistico, quello lessicale, che meglio di altri si presta ad un trattamento automatico dei dati. La seconda parte della presentazione verterà dunque sulla descrizione e sui risultati dell analisi della keyness in un corpus di interazioni di politici italiani su Twitter, e sul confronto con una parallela analisi della keyness in un corpus di discorso politico tratto da talk show televisivi. 2. Twitter come opportunità di cambiamento per il discorso politico Per investigare i nuovi atteggiamenti linguistico- discorsivi introdotti nella comunicazione politica dall'uso sistematico dei social network, e di Twitter in particolare, è necessario rifarsi a due differenti prospettive teoriche: 1. la prospettiva connessa all'analisi del Discorso Politico. Secondo Chilton (2004), il discorso politico svolge la doppia funzione di: rappresentare un individuo come politico, e di conseguenza come una persona dotata di credibilità, per creare o rafforzare il suo consenso e fare in modo che venga accettato nell'arena politica; interagire, in contesti e situazioni diverse e con interlocutori diversificati. In questa prospettiva, Twitter è il luogo in cui gli attori politici hanno la possibilità di diffondere un'immagine positiva di sé, nell'atto in cui interagiscono con i loro interlocutori;

3 2. la prospettiva connessa al Computer- Mediated Discourse (Herring 2008). Dopo il paradigma della trasmissione (broadcasting), in cui la comunicazione è solo verticale, unidirezionale e uno- a- molti, Internet, e in modo particolare i social media, hanno provocato un cambiamento radicale ed hanno introdotto il paradigma dell'interazione, in cui le persone condividono in modo orizzontale flussi dinamici di conversazioni, che creano nuove forme di relazioni interpersonali. Tali flussi di conversazioni sono basati su una nozione dinamica di contesto: la contestualizzazione, cioè la pratica di rendere il contesto disponibile (Auer, Di Luzio 1992), si realizza su Twitter attraverso l'uso di quattro diversi operatori, che corrispondono a quattro diverse funzioni: = indirizzare ad utenti specifici 2. http = indirizzare ad altri testi 3. RT = redistribuire (con una valutazione implicita; Spina in stampa) 4. # = classificare ed aggregare Attraverso l'uso sistematico e combinato di questi operatori, e la conseguente realizzazione di queste funzioni, gli utenti di Twitter ancorano le loro interazioni ad uno specifico contesto, consentendo ai loro interlocutori di farlo proprio e condividerlo. Il risultato è un sistema discorsivo multireferenziale, in cui diverse azioni comunicative sono svolte dagli utenti su dimensioni multiple, basate sulla multireferenzialità, sull'intertestualità e sulla interdiscorsività (Spina, Cancila 2013). Attraverso l'integrazione di queste due prospettive, l'ipotesi che si vuole investigare è che Twitter rappresenti un opportunità di rinnovamento per il discorso politico, specie in un periodo di profonda disaffezione da parte dei cittadini nei confronti della politica, e che tale opportunità sia legata ad alcune caratteristiche generali di Twitter come mezzo di interazione tra le persone (Spina 2012): 1. brevità forzata: i limiti nella lunghezza dei tweet favoriscono l'immediatezza della comunicazione e producono forme deittiche di interazione, che hanno un forte legame con gli eventi mentre essi stanno avvenendo; 2. aggregazione: attraverso l'uso sistematico dell'hashtag (#), le interazioni in Twitter rivelano lo sforzo di aggregare comunità di persone attorno a temi e valori chiave (Zappavigna 2012). Gli hashtag, infatti, svolgono in Twitter una duplice funzione: essi sono in primo luogo dei metadati attraverso cui gli utenti rendono esplicito l argomento di un tweet. Al tempo stesso, tuttavia, sono anche un invito, rivolto da un utente a tutti i propri follower, a collegarsi con quello specifico argomento e col pubblico che ne parla. In questo senso, l hashtag è anche un potente strumento

4 utilizzato per creare aggregazione, volto a realizzare o rafforzare dei legami sociali e a creare dei significati interpersonali. Questa ricerca di aggregazione appare del tutto funzionale ad utenti- politici; l aggregazione di comunità di persone può infatti diventare strumento della positiva rappresentazione di sé e della ricerca di consenso, ed anzi favorire la creazione e il consolidamento di tale consenso, attraverso meccanismi di affiliazione intorno a nuclei di valori condivisi; 3. ricercabilità (Zappavigna 2012). Pur essendo molto simili a conversazioni parlate, le interazioni in Twitter sono di fatto testi scritti, e, di conseguenza, restano archiviate in modo permanente ed accessibili attraverso i motori di ricerca. Questa commistione tra la volatilità del parlato e la permanenza della lingua scritta genera una maggiore attenzione alla scelta delle parole, perché ciascun tweet può essere ricercato e diffuso anche molto tempo dopo essere stato prodotto; 4. atteggiamento valutativo. Nel momento in cui interagiscono in Twitter, gli utenti raramente comunicano in modo distaccato e impersonale: molto più spesso tendono a prendere posizione e ad esprimere apertamente il proprio atteggiamento riguardo a un tema, una persona o un evento (Zappavigna 2012). Secondo Bamman et al. (2012), "ogni tweet veicola un atteggiamento, che riflette l'autore, l'argomento, e il pubblico. Tale caratteristica è in netto contrasto con le strategie di evitamento di cui spesso i politici si servono nei loro interventi in altri media, come la televisione: Spina (2012) ha dimostrato che su Twitter hanno una frequenza significativamente maggiore elementi lessicali di tipo affettivo (verbi, sostantivi, aggettivi come vergognarsi, adorare, orrore, terribile, entusiasmante) rispetto a quanto avviene nella comunicazione politica televisiva. Per contro, sono usate significativamente di meno strategie linguistiche indirette o di evitamento, come i passivi, la nominalizzazione, i condizionali e l'attenuazione; 5. conversazionalità. Le interazioni in Twitter possono essere descritte come flussi di brevi conversazioni pubbliche, caratterizzate da un doppio tipo di audience: quella generale dei follower e quella specifica di eventuali, singoli destinatari, selezionati attraverso l'uso della menzione (il nome di un utente preceduto dal carattere Il carattere dialogico è dunque parte della natura stessa di Twitter (Honeycutt, Herring 2009); l'adozione di un atteggiamento concretamente dialogico, nel caso della comunicazione politica, equivale alla scelta di comunicare con l obiettivo consapevole di stabilire delle relazioni con gli altri. Tale scelta è coerente con le diffuse aspettative dei cittadini, che, in un'ottica di interazione, ritengono ormai imprescindibile un

5 radicale abbandono della prospettiva verticale e monodirezionale a favore di modalità comunicative orizzontali, dialogiche e partecipative. Date queste premesse, le domande a cui si è cercato di rispondere attraverso un analisi linguistico- statistica del lessico sono: A livello del lessico utilizzato, ci sono delle specificità che caratterizzano le interazioni dei politici su Twitter? Ci sono differenze con il lessico usato dai politici in altri mezzi di comunicazione? In che modo la costruzione di significato risulta modificata dall'uso di lessico specifico all interno di un sistema discorsivo multireferenziale, caratterizzato dal proliferare degli interlocutori, come quello di Twitter? 3. Analisi dei dati: il lessico usato dai politici italiani su Twitter Per cercare di rispondere a queste domande, ho usato una metodologia quantitativa, caratteristica dell'approccio della Linguistica dei corpora (Spina 2001); ho dunque costituito un corpus di dati da cui estrarre fenomeni e pattern linguistici quantitativamente significativi. I dati selezionati sono costituiti dall insieme dei tweet inviati da un campione di 40 politici italiani nell arco di 4 mesi, corrispondenti al periodo novembre febbraio Il totale dei tweet inseriti nel corpus è di ; sono stati estratti per ciascuno dei 40 politici che formano il campione sia i tweet (post originali), sia i retweet (le citazioni di tweet scritti da altri); questo comporta che vi siano dei messaggi che si ripetono più volte, nel caso in cui abbiano subito più di un retweet (per una descrizione più dettagliata del corpus, cfr. Spina 2012). I messaggi inviati via Twitter sono stati estratti automaticamente usando twitter, un pacchetto integrato nel software di analisi statistica R 3 ; successivamente, sono stati organizzati in modo da permetterne l analisi linguistica. Il risultato è un corpus (che da qui in avanti indicherò con TW) composto da parole, interrogabile attraverso software specificamente costruiti per analisi di tipo linguistico, alla ricerca di pattern legati a particolari funzioni, che possano fornire indizi sul modo in cui attraverso di esse i politici in Twitter creano relazioni e costruiscono significati. 3 R è un software per l elaborazione statistica dei dati: project.org. twitter è un pacchetto finalizzato all estrazione e all analisi di dati di Twitter: project.org/web/packages/twitter/index.html

6 3.1. Alcuni dati sul campione La scelta dei 40 esponenti politici come campione per la costituzione del corpus è stata effettuata nell ottobre del 2011, per poi iniziare l estrazione sistematica dei dati il primo di novembre. Erano le settimane in cui Twitter incominciava ad essere scoperto come veicolo efficace della comunicazione politica, ma la presenza di politici sul social network non era diffusa come oggi. Non è stato dunque agevole trovare 40 politici italiani attivi su Twitter, che rispondessero ad alcuni criteri di base: essere attivi sul network in modo continuo (non meno di un tweet a settimana); produrre messaggi scritti in modo specifico per Twitter (sono stati esclusi coloro che inoltrano abitualmente messaggi su Twitter attraverso altri network, come Facebook). Questa scelta è legata alla volontà di rappresentare nel corpus le specificità linguistiche, sociali, tecnologiche e semiotiche di Twitter; Nell arco dei 4 mesi presi in esame, la media di tweet al giorno inviati dai politici analizzati è di 6,5 (vedi tab. 1). Il campione selezionato rivela in realtà una grande differenziazione interna: i 6.5 tweet al giorno sono il risultato di medie personali molto eterogenee, che vanno da meno di 1 tweet quotidiano a quasi 50. C è dunque chi dedica alla produzione di tweet i pochi minuti al giorno richiesti dalla scrittura di un messaggio, e chi invece vi trascorre una quantità di tempo molto più consistente, necessaria ad inviare decine di messaggi. La fig. 1 mostra il picco di tweet inviati nel mese di novembre, in coincidenza con la caduta del governo Berlusconi novembre 2011 dicembre 2011 gennaio 2012 febbraio 2012 Fig. 1 - I tweet inviati dai politici da novembre 2011 a febbraio 2012

7 Nome nov. 11 dic. 11 gen. 12 feb. 12 totali media giornaliera Alfano ,93 Ancarani ,11 Belisario ,25 Bergamini ,77 Bindi ,56 Bocchino ,83 Brambilla ,27 Caldoro ,07 Capezzone ,61 Carfagna ,64 Casini ,16 Cavallaro ,01 Civati ,72 Cota ,77 De Girolamo ,11 De Magistris ,83 De Poli ,22 Di Pietro ,35 Donadi ,27 Fini ,73 Franceschini ,31 Frattini ,10 Lupi ,49 Melandri ,93 Meloni ,97 Moroni ,81 Mosca ,74 Palma ,44 Palmieri ,60 Pinotti ,45 Pisapia ,05 Rao ,50 Renzi ,67 Rutelli ,16 Sarubbi ,38 Scalfarotto ,50 Serracchiani ,88 Valducci ,74 Vicari ,63 Vincenzi ,45 TOTALE ,52 Tabella 1 I dati riassuntivi dei 40 politici del campione: n. di tweet per mese, numero totale, media giornaliera dei tweet inviati nei quattro mesi considerati La metodologia di analisi: l indice di keyness: Il lessico usato dai politici nelle loro interazioni in Twitter è stato quindi sottoposto a un analisi linguistico- quantitativa, utilizzando in particolare una misura statistica piuttosto comune nel campo della Linguistica dei corpora. L'indice in questione è quello che individua la keyness (Baker, 2006:121; Scott, 1996), cioè la specificità delle parole usate in un insieme di testi; il valore di keyness è ottenuto

8 confrontando la frequenza delle parole con quella delle parole usate in un corpus di riferimento 4 : A word is said to be "key" if [...] its frequency in the text when compared with its frequency in a reference corpus is such that the statistical probability as computed by an appropriate procedure is smaller than or equal to a p- value specified by the user (Scott, 2011). La procedura per calcolare l indice di keyness è, molto sinteticamente, la seguente: si ottiene la lista di frequenza del corpus oggetto di studio (CS) e di un corpus di riferimento (CR), che possiamo considerare un insieme di dati in cui le parole hanno una frequenza media; si sceglie un test statistico di significatività, tipicamente la log- likelihood (Rayson, Garside 2000) o il chi- square (Gries 2013); si confrontano le due liste di frequenza (CS) e (CR), e si calcolano le parole key, quelle cioè che secondo il test selezionato hanno un p- value con un valore significativo rispetto alla soglia (p- value = <0.01). Tale procedura può essere eseguita manualmente, oppure utilizzando un software mirato all analisi linguistica 5. Il calcolo dell'indice di keyness produce una lista di parole key che possono tipicamente essere suddivise in tre grandi classi (in questa sede ci occuperemo della 2 e della 3): 1. i nomi propri, che ovviamente differiscono al variare dei testi; 2. il lessico specifico propriamente detto, legato strettamente all'argomento dei testi e costituito spesso da tecnicismi (la cosiddetta aboutness, che individua le parole che mettono in grado il destinatario di identificare il dominio di un testo anche senza conoscerlo); 3. una parte del lessico comune, che, per motivi spesso stilistici, presenta in particolari generi testuali frequenze anomale rispetto a quelle che ha nel corpus di riferimento. L'analisi della keyness è stata effettuata sul corpus TW e su un corpus di trascrizioni di 37 talk show televisivi a cui partecipavano politici (il corpus TV 6 ); il confronto tra i valori di keyness di TW e TV ha evidenziato fenomeni interessanti e rivelatori dei criteri che guidano, nell'uno e nell'altro medium, la scelta delle parole. Partendo dalla seconda classe di parole individuate dall indice di keyness, cioè il lessico specifico vero e proprio, la tab. 2 mostra alcuni esempi di parole key in TW e TV (ho 4 Per corpus di riferimento si intende un insieme di testi, spesso di dimensioni molto estese e costruito bilanciando generi testuali diversi, che siano rappresentativi di una determinata lingua (Spina 2001). Per questo studio è stato utilizzato il Perugia Corpus, un corpus di riferimento dell'italiano contemporaneo scritto e parlato, realizzato all'università per Stranieri di Perugia (http://perugiacorpus.unistrapg.it/); in particolare, i valori di keyness sono stati calcolati usando un suo sottoinsieme bilanciato formato da cinque milioni di parole. 5 In particolare, eseguono il calcolo della keyness AntConc (http://www.antlab.sci.waseda.ac.jp/antconc_index.html) e Wordsmith Tools (http://www.lexically.net/wordsmith/). 6 Si tratta di talk show andati in onda tra la fine del 1998 e il 2012, per totale di circa 50 ore di trasmissione e di un corpus che misura oltre parole (cfr. Spina 2012).

9 selezionato in particolare, tra le 200 con valori più elevati, alcune di quelle esclusive, che sono cioè specifiche di un corpus e non lo sono dell'altro). Come si può notare, il lessico specifico dei dibattiti politici televisivi è in realtà assai poco specifico e molto generico: faremmo probabilmente fatica a definire tecnicismi parole come disoccupazione o fisco, e diverse altre, come lavoro o crisi sono per lo più dei termini- contenitore, dai confini semantici assai poco delineati. Questo estratto da un talk show televisivo è un esempio efficace della genericità e dell'indeterminatezza prodotta dall'uso sistematico di tali termini: Io sostengo che noi abbiamo in Italia un problema sociale acuto che ha in testa la parola lavoro, che se non affrontato può portarci, diciamo, a un rimpicciolimento di questo Paese dal punto di vista della produzione, della ricchezza, di possibilità di tener su lo Stato Sociale, di dare una prospettiva di lavoro ai giovani. TV centrodestra centrosinistra crisi disoccupazione elezioni finanziaria fisco giustizia governare lavoro sanità TW assemblea audizione aula commissione consultazioni emendamento IMU mozione odg Porcellum primarie stato referendum Tab. 2 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole specifiche e tecniche) Se passiamo ad analizzare alcuni dei termini key usati in Twitter, notiamo subito alcune differenze: alcuni di essi sono senz'altro tecnicismi (referendum, primarie, emendamento, ad esempio). Oltre a questo, il lessico specifico di TW sembra spesso riferirsi ad eventi o situazioni concrete che riguardano l'attività politica (assemblea, mozione, aula, odg). Le parole più tipiche di Twitter hanno dunque una reale specificità legata al dominio della politica, e si riferiscono inoltre molto più direttamente alla concretezza del contesto reale in

10 cui l'attività politica si svolge; se in TV dominano genericità e indeterminatezza, in Twitter prevalgono specificità e concretezza. Alcuni esempi tratti da TW illustrano questa IdV ha presentato circa 150 emendamenti. PD - PDL - Terzo Polo ne hanno presentato quasi Perché se sostengono il Governo? Vannino Chiti propone una mozione d' indirizzo per la legge elettorale. Esiste già, l'hanno fatta i cittadini firmando per il referendum. Ho completato la preparazione del mio intervento di domani in commissione cultura per l'audizione del ministro Profumo. Digitale e non solo ma non aveva detto che sarebbe stato lui l'incaricato del Terzo Polo per le #consultazioni? Anche nella terza classe di parole identificata dall indice di keyness, quella del lessico comune con frequenza anomala rispetto al corpus di riferimento, Twitter e i dibattiti televisivi presentano differenze di rilievo (vedi tab. 3). TV TW fare oggi cosa domani credo ora problema stasera noi auguri situazione grazie tema cari milioni buon miliardi voi (auguri, complimenti, grazie a voi) Tab. 3 - Alcuni termini con indice di keyness elevato in TW e TV (parole di uso comune) In TV, anche in questo caso, dominano termini fortemente generici come cosa, fare, problema, situazione, tema. Se è vero dunque che per questa classe di parole comuni la frequenza anomala rispetto ad un corpus di riferimento indica per lo più scelte stilistiche, nelle trasmissioni televisive di politica tali scelte stilistiche corrispondono all adozione di un lessico vago e generico. E inoltre da notare l uso frequente in televisione di numeri e cifre (miliardo, milione), che, dietro l apparenza di oggettività ed esattezza, hanno spesso una funzione distraente sullo spettatore (Spina 2012).

11 Un altra parola comune che in televisione è usata più spesso di quanto avviene nella media in italiano è credo: oltre alla sua funzione di introdurre l opinione di chi sta parlando, credo funge anche da attenuativo, per mitigare l intensità o la portata di un affermazione, come nell esempio seguente, tratto da TV, in cui, nella parte finale, credo e secondo me svolgono entrambi tale funzione: Io credo che poco a poco si chiarisca la situazione. Noi abbiamo cercato di mettere a confronto due ipotesi che non erano due uomini, erano due ipotesi. Le abbiamo messe a confronto davanti ai cittadini e agli elettori. Io credo che questo metodo, secondo me, è un metodo che sarebbe consigliabile. Alcune considerazioni interessanti riguardano inoltre l uso dei pronomi personali, altre parole comuni che spesso hanno frequenze anomale. I pronomi personali sono importanti perché definiscono e individuano i partecipanti a un'interazione, e l'uso di uno o dell'altro può rivelare differenze nel loro rapporto con chi parla. In TV i due pronomi con valori di keyness elevati sono io e noi. Il noi inclusivo, in particolare (Biber 1988), rivela la costante ricerca di coinvolgimento del pubblico televisivo, nel tentativo di fare appello alla sua emotività, al fatto di avere in comune il politico e gli spettatori obiettivi condivisi, e per questo di identificarsi in valori comuni, in contrapposizione con qualcun altro. Noi stiam discutendo appunto il processo breve e via andando. Allora, io non son catastrofista neanch'io, sono un ottimista. Però, dati alla mano, non mi vengano a dire noi stiamo meglio di altri, il problema ce l'abbiamo alle spalle. Perché se fosse vero questo, avrebbe ragione Tremonti, andiamo avanti così. Per tornare al 2007, in termini di ricchezza, noi siamo lontani 4,8 punti, tanto così, gli altri son lontani tanto così. Siam più lontani noi, quindi dovrai correre più forte. E adesso Tremonti dice l'1%, l'anno prossimo l'uno. Ma la Francia sarà al due, la Germania sarà all'1,8. L'anno scorso noi ci siamo fatti bel bello 700 mila posti di lavoro in meno, okay? Adesso, quest'anno, noi abbiamo un milione di cassintegrati. Le scelte lessicali dei politici in televisione sono dunque improntate, dal punto di vista stilistico, alla ricerca di espressioni vaghe, generiche o attenuative, che siano in grado di mitigare la portata di un affermazione e che puntino al coinvolgimento emotivo degli spettatori e alla loro identificazione con valori comuni. La situazione in Twitter appare molto diversa: ai ranghi più alti tra le parole comuni con indici di keyness elevati troviamo una serie di avverbi di tempo, tutti riferiti al presente o al futuro: oggi, domani, ora, stasera. Il discorso di Twitter è fortemente ancorato al contesto presente, e fa uso frequente di deittici, che realizzano linguisticamente questo legame (Zappavigna,

12 2012). Una delle tracce stilistiche di Twitter, dunque, è l uso frequente di marche temporali che rendano esplicito questo forte radicamento nel presente, come negli esempi seguenti: Buongiorno! Fino ad ora al lavoro in via dell'umiltà. Adesso vado alla riunione di tutti i senatori del PDL. A dopo... Oggi ascolteremo #Monti per ora sono state fatte solo chiacchiere. Appoggeremo misure che davvero promuovano lo sviluppo. Inauguro stasera una serie di post su questa #manovrainvotabile http Un altro indizio di un forte legame col contesto è l uso della preposizione su, che ha in Twitter un valore di keyness molto elevato, nonostante si tratti di una parola grammaticale che potrebbe dunque rientrare nel numero di quelle soppresse per rientrare nei limiti di spazio imposti dal network. Un analisi delle parole con cui su co- occorre, riassunta nella tab. 4, rivela che il suo sovrauso è motivato dalla necessità di dare una localizzazione precisa a eventi, risorse o testi che vengono richiamati nei tweet. Su è quindi molto spesso seguito dal nome di un sito Internet o dalle denominazioni di altri media (giornali, reti e programmi televisivi), e serve a specificare la localizzazione a cui rimanda il contenuto di un tweet. Come nel caso precedente, l'anomalia della frequenza di su trova la sua spiegazione nella necessità di esplicitare il contesto in questo caso quello spaziale o testuale a cui chi scrive fa riferimento. su su [link] su Facebook su la7 su Rai3 su #opencamera su Repubblica su Tgcom24 su Internet Tab. 4 - Le parole che co- occorrono con su in TW Per completare l'analisi comparativa del lessico comune con un valore elevato di keyness in Twitter e in televisione, ho preso in esame anche in TW i pronomi personali; a differenza con quanto avviene in TV, l'unico che presenta una frequenza anomala in Twitter è voi, che viene spesso usato in espressioni ricorrenti come grazie a voi, auguri a voi, complimenti a voi. La frequenza di queste espressioni è indice di una tendenza ad un'interazione di tipo dialogico:

13 chi scrive, uno dei 40 politici esaminati, è alla costante ricerca di connessione con altri utenti, identificati dal voi, a cui si rivolge per stabilire o consolidare un'interazione (Zappavigna 2012). Non c'è più, come nel caso di noi in televisione, la ricerca di un coinvolgimento, basato sulla contrapposizione noi/loro, ma c'è la persistente ricerca di una connessione o di un dialogo tra chi scrive e voi, i followers, o una parte di essi (quelli, ad esempio, individuati da una menzione). Attraverso un analisi della keyness emergono dunque alcuni aspetti del discorso politico su Twitter che lo caratterizzano rispetto a quello televisivo: la selezione lessicale, ad esempio, risponde maggiormente a criteri di concretezza e di specificità rispetto al dominio della politica; prevalgono le parole che realizzano legami col contesto spazio- temporale e testuale, con un radicamento particolare nel momento presente. L'uso dei pronomi personali rivela inoltre una tendenza alla dialogicità e una ricerca costante di connessione e di interazione. Questa tendenza all'interazione e alla dialogicità è legata al sorgere di nuove pratiche di tipo sociale, favorite da innovazioni tecnologiche. Le scelte lessicali operate dai politici in Twitter sono dunque il risultato di vincoli e opportunità offerti dalla tecnologia e, al tempo stesso, da nuove abitudini sociali che il nuovo mezzo di comunicazione introduce e rende comuni nelle interazioni di rete. Riferimenti bibliografici Auer, P., Di Luzio, A. (1992). The Contextualization of Language. Amsterdam: Benjamins. Baker, P. (2006). Using Corpora in Discourse Analysis. London: Continuum. Bamman, D., J. Eisenstein, T. Schnoebelen, (2012). "Gender in Twitter: Styles, stances, and social networks". Biber, D. (1988). Variation Across Speech and Writing. Cambridge: Cambridge University Press. Chilton, P. (2004). Analysing political discourse: theory and practice. London: Routledge. Gries, S. Th. (2013). Statistics for linguistics with R. Berlin - New York, De Gruyter Mouton. Herring, S. C. (2008). Computer- Mediated Discourse. In D. Schiffrin, D. Tannen and H. E. Hamilton (eds.) The Handbook of Discourse Analysis. Malden: Blackwell, Honeycutt C., Herring S. C., (2009). Beyond microblogging: Conversation and collaboration via Twitter. Proceedings of the Forty- Second Hawai'i International Conference on System Sciences (HICSS- 42), Los Alamitos: IEEE Press.

Stevie Jordan. Informazioni sul copyright

Stevie Jordan. Informazioni sul copyright Informazioni sul copyright 2013. Tutti i diritti riservati. Questo ebook, il suo titolo, e l'e-book design e il layout, sono di esclusiva proprietà dello stesso Autore. Tutte le altre illustrazioni e le

Dettagli

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale Adelphi Consult GmbH Managing Director Walter Kahlenborn 1 Per parlare di EMAS bisogna soffermarsi sui problemi che esistono e definiscono gli obiettivi

Dettagli

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO 1 INTRODUZIONE I social media sono diventati uno strumento essenziale di comunicazione e marketing e vengono utilizzati da utenti di ogni fascia di età: dai teenager agli

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Comunicazione e Pubblico

Comunicazione e Pubblico Welcome to Il nome "Twitter" deriva dal verbo inglese to tweet che significa "cinguettare". Tweet è anche il termine tecnico degli aggiornamenti del servizio. I tweet che contengono esattamente 140 caratteri.

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testuali Il text mining: una definizione Data mining per dati destrutturati ovvero documenti codificati in linguaggio

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE CURRICOLO DI LINGUA INGLESE 1^ e 2^ anno RICEZIONE ORALE Comprendere espressioni di uso quotidiano finalizzate alla soddisfazione di bisogni elementari Gestire semplici scambi comunicativi Comprendere

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter?

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Una buona comunicazione Scuola di formazione politica Perugia, 18-19 ottobre 2013 per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Tutti pazzi per Twitter?... LA POLITICA

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia

Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi dell evoluzione dell informazione online in Italia Milano, Maggio 2011 1 ANALISI DELL INFORMAZIONE ONLINE INDICE Oggi parleremo di: La domanda di informazione online Il

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE. L'alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza ASCOLTO Grado scolastico: Scuola Secondaria di 1 grado Comprende brevi dialoghi con un lessico limitato,

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^ TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE NUCLEO FONDANTE: Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza una parte consistente del curricolo disciplinare e si sviluppa

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità

Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità Il metodo del Rispondente Cancellato (ERM) per i controlli su strada della guida sotto l influenza di alcol o sostanze (e non solo): un paradigma illustrativo. Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi Dipartimento

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA 2 Livello UD 30.2 Anno primo Alfabetizzazione italiana II 1 Competenze usare forme linguistiche di base per gestire dialoghi semplici e interagire in situazioni interpersonali

Dettagli

Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line

Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line per studiare la lingua tedesca con efficienza: vedere, ascoltare e parlare con l insegnante comodità: imparare senza spostarsi da casa o ufficio convenienza:

Dettagli

STAKEHOLDER ENGAGEMENT

STAKEHOLDER ENGAGEMENT STAKEHOLDER ENGAGEMENT IN BREVE E-quality Italia S.r.l. Via Mosca 52-00142 Roma T 0692963493, info@equality-italia.it, http://www.equality-italia.it Indice 1. Il problema 3 2. Stakeholder Engagement in

Dettagli

LA RICERCA DI MERCATO NEL TERRITORIO RISTRETTO

LA RICERCA DI MERCATO NEL TERRITORIO RISTRETTO PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE APPLICATE LA RICERCA DI MERCATO NEL TERRITORIO RISTRETTO StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Il villaggio globale e il social media marketing La ricerca di marketing nel territorio

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO classe prima LE ESSENZIALI DI TEDESCO comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF Didattica 1 anno, corso annuale P1 ; (monte ore 96).

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet extrapola ed presentano Blogmetrics Politica Online, un nuovo servizio di monitoraggio di online news da blog, forum e siti internet. OBIETTIVO

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE Nuclei fondanti Competenze Contenuti Abilità Metodologia e strumenti Ascolto Parlato Lettura Utilizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA SPAGNOLA AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL QUADRO COMUNE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A

ISTITUTO COMPRENSIVO. S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A ISTITUTO COMPRENSIVO S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A INS. REDDITI CATIA CURRICOLO DI ITALIANO NELL ANNO SCOLASTICO 2011-2012 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO HA ATTIVATO

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA

FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTA FUNZIONE STRUMENTALE ASSISTENZA CONSULENZA E COORDINAMENTO UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE NEGLI AMBITI INFORMATICO E TELEMATICO RELAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO 2013/ Prof. Rosario Berardi

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

Lezione 10 Business Process Modeling

Lezione 10 Business Process Modeling Lezione 10 Business Process Modeling Ingegneria dei Processi Aziendali Modulo 1 - Servizi Web Unità didattica 1 Protocolli Web Ernesto Damiani Università di Milano Step dell evoluzione del business process

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nuclei tematici Listening Traguardi per lo sviluppo della competenza Raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento. L alunno

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

www.besport.org/places

www.besport.org/places GUIDA E FAQ BE SPORT PLACES 1. COSA E BE SPORT PLACES 2. COME ACCEDERE AL PROPRIO BE SPORT PLACES 3. SCHERMATA PRINCIPALE 4. GALLERY 5. AGGIUNGERE E MODIFICARE UN EVENTO 6. INVIARE O RICEVERE MESSAGGI

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

La luna e i falò ai tempi della twitteratura #LunaFalò

La luna e i falò ai tempi della twitteratura #LunaFalò La luna e i falò ai tempi della twitteratura #LunaFalò L idea L idea, sviluppata dalla in collaborazione con il blog Torino Anni 10 di Hassan Bogdan Pautàs e l Atl Alba Bra Langhe e Roero, ha come partner

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE ASCOLTO Comprendere espressioni di uso quotidiano per soddisfare bisogni concreti Identificare e conoscere parole relative a situazioni concrete e reali Comprendere le prime strutture di un dialogo Comprendere

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Nella lezione precedente: In realtà non tutto il data mining è dettato dagli interessi economici (commercial) data mining Abbiamo visto risvolti commerciali

Dettagli

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per:

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per: Esami British Institutes Gli esami British Institutes si rivolgono a tutti coloro desiderino certificare le proprie competenze linguistiche: studenti della scuola pubblica e privata di ogni genere e grado,

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione

OSSERVATORIO NORD EST. Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione OSSERVATORIO NORD EST Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione Il Gazzettino, 17.02.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

GUIDE Twitter per Hootsuite. La guida dei Social Media Coach

GUIDE Twitter per Hootsuite. La guida dei Social Media Coach GUIDE Twitter per Hootsuite La guida dei Social Media Coach Twitter per Hootsuite La guida dei Social Media Coach Come iniziare con Twitter e la dashboard di Hootsuite Twitter è diventato il mezzo più

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 1) Conoscenze e abilità da conseguire L obiettivo di questo corso è di portare gli studenti al livello A2 o soglia, così definito dal Quadro comune Europeo

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli