Net generation e formazione dei docenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Net generation e formazione dei docenti"

Transcript

1 Peer Reviewed Papers Net generation e formazione dei docenti Pierfranco Ravotto 1, Giovanni Fulantelli 2 1 AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico - 2 ITD-CNR Palermo - Keywords: elearning, Digital natives, teacher education, Web 2.0, Open Educational Resources Dalla nascita di Internet a oggi, abbiamo assistito ad un crescendo di innovazioni che hanno investito la società, e che stanno rapidamente trasformando il modo in cui le persone lavorano, studiano, comunicano. Web 2.0, Social network, social web sono tutti termini utilizzati per indicare, più che un evoluzione tecnologica, un cambiamento nel ruolo delle reti all interno della società. dopo la comparsa dell articolo di Marc Prensky: Digital Natives, Digital Immigrants (Prensky, 2001), in cui Prensky teorizza che gli studenti di oggi pensano e processano le informazioni in maniera profondamente diversa rispetto alle generazioni precedenti di studenti; tale differenza è, secondo Prensky, conseguenza diretta dell esser nati nell era digitale, ed esser stati abituati da sempre a usare le tecnologie che ci circondano, come computer, videogame, lettori digitali di musica, telefoni cellulari, ecc. for citations: Ravotto P., Fulantelli G. (2011), Net generation e formazione dei docenti, Journal of e-learning and Knowledge Society, v.7, n.2, ISSN: , e-issn: Journal of e-learning and Knowledge Society Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 (pp ) ISSN: eissn:

2 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio Introduzione Digital native (Prensky, 2001), Net Generation (Oblinger, 2003), Digital Generation, Technological Generation (Monereo, 2004), Millenials (Howe & Strauss, 2000), generazione Y (McCrindle, 2006): numerose sono le espressioni usate per indicare gli studenti di oggi. Su di essi e sul loro stile di apprendimento sono stati svolti numerosi studi, che hanno spesso portato ad una rischiosa divisione dicotomica tra nativi e immigrati digitali, che tende a semplificare la complessità del fenomeno (Owen, 2004; Krause, 2007; Bayne & Ross, 2007). E, comunque, un dato di fatto che gli studenti sono, chi più chi meno, fortemente e costantemente abituati ad usare gli strumenti digitali di comunicazione, di interazione e di condivisione. E la scuola e gli insegnanti non possono ignorarlo (Oblinger, 2003; Kvavik, 2005; Barnes et al., 2007; Thompson, 2007). Sarebbe come se, dopo l invenzione della scrittura, la scuola avesse continuato a basarsi solo sul parlato, o se, dopo l invenzione della stampa, la scuola non avesse fatto ricorso ai libri. Non avrebbe potuto essere così e, sul medio periodo, è scontato che la scuola non potrà ignorare la comunicazione digitale. La questione è che i tempi di questa rivoluzione nella comunicazione, i tempi della sua diffusione, sono stati brevissimi. Non è capitato, all epoca dell invenzione della scrittura, che insegnanti che non sapevano scrivere si siano trovati in classe studenti abituati a farlo, né, dopo l introduzione della stampa, che insegnanti non abituati ai libri si trovassero di fronte studenti in confidenza con essi fin da piccoli. Oggi invece succede che studenti abituati a cercare su Internet, a comunicare con Skype, a chattare in Messenger, a condividere su YouTube, abbiano insegnanti che ignorano questi ambienti. Obiettivo di questo articolo è quindi approfondire gli aspetti legati alla formazione dei docenti, e proporre alcuni possibili percorsi per gli insegnanti. Esso si basa all esperienza degli autori nell ambito di alcuni progetti europei. 2 Sloop, Tenegen, Sloop2desc: 3 progetti europei per la formazione dei docenti Dal 2005 ad oggi, abbiamo partecipato alla realizzazione di tre progetti co-finanziati dalla Comunità Europea, nell ambito dei programmi Leonardo da Vinci e Lifelong Learning, finalizzati a promuovere l uso delle Nuove Tecnologie nella scuola. Il progetto SLOOP - Sharing Learning Object in an Open Perspective ( ) si proponeva di far nascere una comunità di docenti interessati a produrre e condividere Learning Objects aperti (Ravotto & Fulantelli, 2007). Profondamente influenzato dalla filosofia dei movimenti sull Open/Free software, 88

3 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti Sloop introduce l idea che anche i contenuti didattici, così come già accade per i pacchetti software, possono essere prodotti da una comunità di utenti che condividono interessi e obiettivi; nel caso specifico, si tratta appunto di una comunità di docenti. Il concetto di rete è quindi essenziale all interno del progetto, e i docenti vengono incoraggiati a utilizzare ambienti online per comunicare in maniera analoga a come fanno i propri studenti. Inoltre, il modello di condivisione di risorse attraverso la rete, e i processi logici e tecnici affinché il modello si realizzi, riflettono analoghi modelli e processi tipici della net generation (basti pensare ad ambienti per la condivisione di video come YouTube, molto diffuso tra i giovani utenti della rete). Sebbene in Sloop non vi sia un chiaro riferimento alle problematiche legate al gap tra migranti digitali (i docenti) e nativi digitali (gli studenti), è comunque evidente un obiettivo di agire sui migranti per avvicinarli al mondo dei nativi. Tale obiettivo viene invece esplicitato nel progetto Tenegen - Connect the Teachers to reach and teach the Net Generation ( ): mettere in rete gli insegnanti per raggiungere la Net generation ed insegnare ad essa. I metodi di insegnamento sostiene il manifesto del progetto, promosso da Prompt, un organizzazione ungherese - devono continuamente cambiare per adattarsi ai bisogni ed incontrare le aspettative della società dell informazione. Che ci piaccia o no questa rivoluzione è in atto. Fra di noi vive una nuova generazione di studenti, quelli nati dopo il 1980, la Net Generation, che apprende e comunica in modo differente dalle generazioni precedenti. Sono abituati, nella loro vita quotidiana, impensabile senza computer, a cercare e trovare velocemente le informazioni su Internet. Sono nativi digitali, sempre connessi. Si è cercato di andare incontro alle aspettative di questi giovani producendo corsi in rete con learning object multimediali, animazioni e ogni artefatto digitale che ne potesse stimolare l interesse e la curiosità, ma senza incontrare un particolare successo. Molte ricerche sull e-learning e le ICT nella scuola mostrano che la net-gen richiede ed apprezza buoni insegnanti così come le generazioni precedenti. Non amano apprendere da soli, hanno bisogno degli insegnanti per raggiungere la conoscenza che serve loro. Tuttavia, gli insegnanti non traggono alcun vantaggio dalla connettività: essi tendono a rimanere nelle proprie classi in presenza, tenendo lezioni tradizionali ed usando tradizionali metodologie didattiche. Ecco perché il progetto connect the teacher si propone di mettere in rete gli insegnanti. Perché essere connessi è più importante che non predisporre materiali di apprendimento in rete da far fruire agli studenti lasciandoli però da soli. Gli insegnanti devono imparare a frequentare l ambiente in rete proposto agli studenti, devono ritrovarsi in rete con i loro studenti (Tenegen, 2008). 89

4 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 Infine, il progetto Sloop2desc - Sharing Learning Object in an Open Perspective to develop European skills and competences ( ) coniuga il modello SLOOP con il tema delle competenze. Attraverso l esperienza maturata nel progetto Tenegen, l obiettivo di avvicinare i docenti al mondo digitale frequentato dai propri studenti è sicuramente più esplicito rispetto a quanto non lo fosse nel progetto originale Sloop. Sia Tenegen che Sloop2desc sono progetti TOI (Transfer Of Innovation): progetti di trasferimento dell innovazione di precedenti progetti: SLOOP e, nel caso di Tenegen, Netis. 3 Condividere Open Educational Resources Un elemento comune ai tre progetti è la condivisione di risorse digitali per la didattica prodotti da una comunità di docenti. Tale approccio si basa sulla ricca letteratura che ha evidenziato l importanza dei modelli di produzione e condivisione di risorse educative aperte (Open Educational Resource -OER) nei contesti educativi (Atkins et al., 2007; OECD, 2007; OLCOS, 2007). La letteratura tende a sottolineare i vantaggi pedagogici, organizzativi e politici delle Open Educational Resources, laddove un docente ha la possibilità di accedere a contenuti gratuiti creati da altri docenti in contesti educativi reali. Se a ciò si aggiunge la possibilità di rendere tali risorse modificabili, così come realizzato nell ambito del progetto Sloop attraverso il modello di OpenLO, ecco che si da la possibilità ai docenti di accedere a risorse educative contestualizzabili, rendendo le stesse effettivamente riusabili in termini pedagogici. Nell ambito dei progetti Sloop, Tenegen e Sloop2desc, e in particolare in riferimento all esigenza di avvicinare gli insegnanti al mondo digitale frequentato dai propri studenti, l approccio alla produzione e condivisione collaborativa di contenuti digitali si arricchisce di un ulteriore significato: gli insegnanti sono incoraggiati a sperimentare, spesso in maniera inconsapevole, una serie di comportamenti tipici delle net generation (Fulantelli et al., 2009). Infatti, la condivisione di contenuti sulla rete è tipico dei giovani studenti: basti pensare a ciò che accade su YouTube. E così come su YouTube gli utenti possono commentare e taggare un filmato inserito da un qualunque utente, o rimandare a filmati simili, analogamente gli insegnanti sono inviati a commentare e arricchire i materiali prodotti da altri utenti della rete, anche attraverso i riferimenti ad altri contenuti educativi. Inoltre, attraverso la condivisione delle risorse educative, si rafforzano i legami sociali esistenti tra i docenti che partecipano alla comunità online, promuovendo dinamiche simili a quelle che si realizzano negli ambienti di condivisone di risorse digitali usate frequentemente dagli studenti. Ecco quindi che attraverso la condivisione di risorse digitali, e dei mecca- 90

5 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti nismi a supporto a tali processi di condivisione, gli insegnanti attuano comportamenti online analoghi a quelli dei propri studenti. 4 Tre modelli di formazione in rete per insegnanti Corsi di formazione per gli insegnanti sono elemento chiave sia di SLOOP ( ) che di Tenegen ( ) e di Sloop2desc ( ). Si tratta di corsi che condividono alcuni importanti elementi: l obiettivo di stimolare gli insegnanti a integrare formazione in presenza e formazione in rete facendo sperimentare loro, in prima persona, la formazione in rete, un modello di formazione in rete che prevede una forte interazione fra le persone e non solo un auto-apprendimento basato sui materiali didattici, l utilizzo della piattaforma Moodle per realizzare l ambiente di apprendimento, l accento sulla produzione e condivisione di OER, Open Educational Resource, o open LO nella terminologia SLOOP. Ma, accanto ad elementi comuni, ci sono anche alcune rilevanti differenze su cui ci sembra interessante concentrare l analisi visto che il tema formare gli insegnanti ad integrare e-learning e web 2.0 con la formazione in presenza è, ed è destinato a rimanere, rilevante. 4.1 I corsi SLOOP I corsi, erogati in più edizioni e in 5 lingue, hanno coinvolto 209 insegnanti a livello europeo (86 nel corso in italiano, 60 in quello in inglese, 28 in quello spagnolo, 20 in sloveno e 15 in rumeno). Questa la struttura del corso, della durata di 9 settimane: 1ª settimana: LO e aspetti pedagogici, 2ª settimana: SCORM e metadati, 3ª settimana: produzione di un LO, 4ª e 5ª settimana: rendere SCORM un LO, 6ª e 7ª settimana: inserire il LO SCORM in Moodle, 8ª settimana: la filosofia della condivisione, 9ª settimana: il freeloms. Dando per scontato l interesse dei corsisti ad integrare formazione in presenza e formazione in rete, l obiettivo del corso era quello di motivarli alla produzione e alla condivisione di LO aperti, sia da un punto di vista tecnico 91

6 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 che dal punto di vista della licenza d uso (Fulantelli et al., 2007). 4.2 I corsi Tenegen I corsi Tenegen sono finalizzati, in primo luogo, ad abituare gli insegnanti a connettersi, a mettersi in rete: nel duplice senso di essere connessi in Internet e di muoversi nei diversi ambienti web 2.0 e di far rete fra di loro, scambiando opinioni e risorse didattiche. I corsi Tenegen sono costituiti da moduli indipendenti e fruibili anche singolarmente: Modulo 1: E-learning concepts (5 settimane), Modulo 2: Networked learning (3 settimane), Modulo 3: Educational ICT tools (4 settimane), Modulo 4: E-learning event in Moodle (1 settimana), Modulo 5: Sharing Learning Objects (5 settimane). L edizione ungherese del corso ha coinvolto 200 insegnanti - per il 70% della formazione professionale, per il 20% della scuola superiore e per il 10% della scuola primaria. Inoltre, sono stati avviati un corso pilota in lingua inglese, con 60 iscritti di vari paesi, e un corso per 30 insegnanti turchi. 4.3 I corsi Sloop2desc I corsi Sloop2desc intendono: fornire ai docenti competenze relative alla formazione in rete, all uso didattico del web 2.0 e alla progettazione e condivisione di OER, aiutarli a passare da una didattica centrata sul programma, quale lista di contenuti, ad una didattica delle competenze. I corsisti sono chiamati a produrre OER per i propri studenti basate su un sistema per la certificazione delle competenze. In Italia e in Slovenia è stato assunto come campo di interesse quello delle competenze informatiche e come riferimento il framework EUCIP. In Romania, è stato adottato il settore della navigazione marittima, con sistemi per le certificazioni delle competenze indicati dall International Maritime Organization (IMO). La struttura del corso è la seguente: Modulo 1: Usare Moodle come corsisti e come docenti (2 settimane), Modulo2: Essere tutor in rete e usare gli strumenti del web 2.0 (3 settimane), Modulo 3: Usare e produrre risorse didattiche digitali aperte per la for- 92

7 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti mazione in rete (3 settimane), Modulo 4: European Qualification Framework (EQF), e-competence Framework (e-cf) e standard EUCIP (2 settimane), Modulo 5: Produzione collaborativa di risorse didattiche aperte basate sullo standard EUCIP/IMO (6 settimane). Da febbraio a giugno 2010, sono stati formati circa 60 docenti Italiani, in due corsi pilota. Da novembre 2010 ad aprile 2011 si sono svolti un corso per circa 40 insegnanti sloveni, un altro per altrettanti insegnanti rumeni, e diversi corsi a cascata per 500 insegnanti in Italia. 5 Target e metodologie Una significativa differenza fra i corsi riguarda il target. I corsi Sloop e Sloop2desc si rivolgono a insegnanti già abituati all uso della rete, anche se generalmente per uso personale e non per attività con i propri studenti. Ed è infatti in rete che è avvenuto, in gran misura, il loro reclutamento. Invece i corsi Tenegen intendono rivolgersi a insegnanti standard in gran parte non abituati a connettersi. Inoltre, i corsi Tenegen, quantomeno per gli insegnanti ungheresi e per alcuni dei moduli, forniscono crediti spendibili per la carriera. La differenza di target ha, ovviamente, conseguenze metodologiche. 5.1 La metodologia dei corsi SLOOP e Sloop2desc I corsi SLOOP e Sloop2desc pongono entrambi l accento su: proposte di lavoro che i singoli corsisti possono sviluppare a proprio piacimento e sulla base dei propri interessi; un percorso d apprendimento basato sul learning by doing in cui i materiali proposti sono soltanto un punto di partenza, su cui innestare un lavoro di approfondimento e di confronto nel gruppo; interazione non solo con il docente/tutor, ma all interno del gruppo dei pari in una logica di apprendimento collaborativo. Nel passaggio dai corsi SLOOP a quelli Sloop2desc c è stata un evoluzione, in parte dovuta a quanto è successo nel breve tempo trascorso fra l inizio del primo progetto e l avvio del secondo: l esplosione del web 2.0. Le differenze principali hanno riguardato sia le risorse, che la metodologia, che l ambiente di interazione: Per quanto riguarda le risorse proposte ai corsisti, in SLOOP esse erano essenzialmente Learning Object SCORM, composti da numerosi SCO, 93

8 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 appositamente progettati e realizzati. Sloop2desc ha privilegiato invece la scelta ecologica del riuso (Ravotto et al., 2009) di risorse esistenti: oltre ai prodotti sviluppati in SLOOP, si è fatto ricorso a video e filmati reperiti su Vimeo, YouTube, SlideShare. Sul piano metodologico il corso SLOOP vedeva una costante presenza dei docenti/tutor nel ruolo di propositori e moderatori. Mentre in due dei moduli Sloop2desc - fra cui il quinto di produzione di materiali didattici e corsi per gli studenti - si è fortemente promossa la dimensione collaborativa: i corsisti sono invitati ad auto-organizzarsi definendo autonomamente, senza l intervento del tutor, modalità di lavoro, tipologia dei prodotti, tempi, Infine, mentre in SLOOP tutto il lavoro avveniva nell ambiente Moodle, in Sloop2desc, soprattutto nella fase collaborativa, i corsisti vengono stimolati a fuoriuscirne utilizzando Skype per comunicare, GoogleDoc per sviluppare collaborativamente le risorse, MindMap per progettare, La metodologia dei corsi Tenegen Come abbiamo già detto i corsi Tenegen hanno come riferimento l insegnante tipo, non quello già connesso. Mettere in rete questi insegnanti è l ambizioso obiettivo. Rivolgendosi ad un target più tradizionale, nei corsi Tenegen: le indicazioni di lavoro sono generalmente più dettagliate e prescrittive e c è un maggior controllo sul lavoro svolto; l interazione è più fra corsista e docente che non di gruppo; i materiali didattici hanno un aspetto più tradizionale. E stata scelta la risorsa libro di Moodle che offre anche la possibilità di produrre un file pdf stampabile e dunque studiabile in modalità offline. Uno solo dei cinque moduli del corso Tenegen non ha queste caratteristiche, quello sul Networking learning che propone, coerentemente con il progetto NETIS, modalità di lavoro più tipiche del connettivismo (Bessenyei & Tóth, 2007). Ed è quello che ha avuto meno successo, sia perché non forniva crediti, sia proprio per una sua apertura probabilmente eccessiva dato il contesto, più adatta al target Sloop che non a insegnanti tradizionali. In ogni caso, per quanto sia venuto incontro alle caratteristiche del target, il corso Tenegen ha abituato gli insegnanti a connettersi e a stare connessi; ognuno di essi ha, per esempio, dovuto aprire un blog in cui ha commentato le varie tematiche del corso. 94

9 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti Conclusioni Sono passati 10 anni da quando Prensky ha evidenziato come i modelli di pensiero, thinking pattern, dei nativi digitali siano cambiati perché le esperienze che hanno avuto, fin da piccoli, hanno portato ad una diversa strutturazione dei loro cervelli (Prensky, 2001). La dicotomia tra nativi digitali e immigrati digitali a cui hanno portato le idee di Prensky è stata negli anni molto dibattuta sul piano scientifico, pur riconoscendo che esistono differenze significative nel modo in cui gli studenti apprendono oggi, rispetto a come accadeva in passato. Se da un lato non è stato ancora dimostrato che i nativi digitali hanno specifici thinking pattern, importanti studi come quelli di Howard Gardner affermano che le menti si differenziano l una dall altra in modo significativo a seconda che si siano sviluppate in una cultura pre-alfabetizzata, in una cultura classica o moderna in cui il testo è fondamentale, o in una cultura post-moderna dove l alfabetizzazione riguarda una varietà di segni che operano congiuntamente, talora in sinergia, talaltra in caotica mescolanza (Gardner, 2003). Di fronte a tali cambiamenti, anche se l attribuzione di caratteristiche per sola virtù generazionale fosse una scorciatoia rispetto a profonde difficoltà educative (Rapetti & Cantoni, 2010), la scuola non può non tener conto del fatto che i media e le ICT sono la cultura in cui i nostri studenti sono abituati a vivere, costruire e scambiare significati (Ardizzone & Rivoltella, 2008). La scuola non può quindi procedere secondo canali e metodi tradizionali. Gli insegnanti devono imparare a dialogare, comunicare, scambiare significati con i loro studenti nell ambiente in cui essi vivono, nella tecnologia digitale. E dunque è indispensabile che gli insegnanti si abituino a vivere anche loro in quell ambiente, ad essere connessi, a fare rete, a costruire e scambiarsi opinioni, ipotesi di lavoro, materiali didattici ed esperienze. I tre progetti presentati, seppure ognuno contraddistinto da specifici obiettivi e approcci metodologici, mirano a innovare la didattica nella direzione sopra indicata. L analisi condotta da Zsolt Tóth sui risultati del progetto Tenegen, utilizzando metodi della Social Network Analysis e incentrata su caratteristiche qualitative e quantitative del processo di costruzione collaborativa della conoscenza, evidenzia come il processo di apprendimento sia stato fortemente collaborativo; la comunicazione online tra i docenti/corsisti, ed in particolare attraverso i forum della piattaforma Moodle utilizzata nel progetto, è stata centrale al processo di apprendimento. I commenti dei partecipanti confermano il successo del progetto, dal momento che la maggior parte di essi lo hanno valutato attivo, memorabile e utile per i processi di apprendimento (Tóth, 2011) Sebbene non siano ancora disponibili risultati sulle indagini quantitative 95

10 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 relative ai corsi attivati nel progetto Sloop2desc, il successo del progetto è stato evidenziato dai commenti estremamente positivi di alcuni docenti partecipanti ai corsi, dall intensa attività di comunicazione online che si è sviluppata durante i mesi del corso, e soprattutto dal fatto che alcuni docenti hanno attivato ancora prima della chiusura dei corsi - degli ambienti online per l elearning da utilizzare con i propri discenti, trasferendo così il modello Sloop in contesti applicativi, e superando così la fase sperimentale che contraddistingue i progetti europei. Nonostante ciò, i cambiamenti che le nuove tecnologie impongono alla scuola appaiono ancora troppo lenti, nonostante i docenti italiani dimostrino di essere pronti a tali cambiamenti: il corso attivato nell ambito del progetto Sloop2desc ha avuto oltre adesioni a fronte di 400 posti disponibili. L impegno dei docenti dovrebbe quindi essere maggiormente supportato dall istituzione scolastica, che ad oggi sembra far poco per avviare un vero rinnovamento attraverso le tecnologie, rinnovamento indispensabile per riavvicinare studenti che, generazione dopo generazione, si allontanano sempre più dai modelli e linguaggi educativi in uso nella scuola. BIBLIOGRAFIA Ardizzone P., Rivoltella P. C. (2008), Media e tecnologie per la didattica, Vita e pensiero. Atkins D. E., Brown J. S. & Hammond A. L. (2007), A Review of the Open Educational Resources (OER) Movement: Achievements, Challenges, and New Opportunities. (Data di accesso: 2 giugno 2010) Barnes K., Marateo R., Pixy Ferris S. (2007), Teaching and learning with the net generation, Innovate: Journal of Online Education, vol 3, issue 4, April/May the_net_generation.pdf. (Data di accesso: 10 marzo 2010) Bayne S., Ross J. (2007), The digital native and digital immigrant : a dangerous opposition. Proc. Of Annual Conference of the Society for Research into Higher Education (SRHE) December final.pdf (Data di accesso: 28 gennaio 2011) Bessenyei I., Tóth Z. (2007), E-learning experiences in the NETIS project, NETIS 2007, (Data di accesso: 27 giugno 2010) Fulantelli G., Gentile M., Taibi D., Allegra M. (2009), Open learning resources as an opportunity for the teachers of the Net Generation, in Proceedings of the ICVL the 4rd International Conference on Virtual Learning, October 30-November 96

11 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti 1, 2009 Jassy (Romania) Fulantelli G., Gentile M., Taibi D., Allegra M. (2007) The Open Learning Object model for the effective reuse of digital educational resources in Proceedings of the Openlearn 2007: Researching open content in education, Milton Keynes, UK. Gardner H. (2003), Cambiare idee. L arte e la scienza della persuasione, Universale Economica Feltrinelli, 2003 Howe N, Strauss W. (2000), Millennials Rising: The Next Great Generation. New York: Vintage Books. JISC (2007), Student expectations study, July documents/publications/studentexpectations.pdf. (Data di accesso: 11 novembre 2010) Krause K. (2007), Who is the e-generation and how are they faring in higher education? in Joe Lockard and Mark Pegrum (eds) Brave New Classrooms: democratic education and the internet. New York: Peter Lang. pp Kvavik R.B. (2005), Convenience, Communications, and Control: How Students Use Technology. In Oblinger D.G. and Oblinger J.L. (Eds.) Educating the net generation. (Data di accesso: 23 gennaio 2011) McCrindle M. (2006), New Generations at Work: Attracting, Recruiting, Retraining & TrainingGeneration Y: McCrindle Research Monereo C. (2004), The virtual construction of the mind: the role of educational psychology. Interactive Educational Multimedia, vol. 9. Oblinger D. (2003), Boomers, gen-xers and millennials: understanding the new students. Educause Review, July/August pdf/erm0342.pdf. (Data di accesso: 23 gennaio 2011) OECD - Organisation for Economic Co-operation and Development, Centre for Educational Research and Innovation (2007), Giving Knowledge for Free: The Emergence of Open Educational Resources, SourceOECD Education & Skills, Vol. 2007, No. 3, May 2007 OLCOS (2007), Open Educational Practices and Resources: OLCOS Roadmap OERderves. (Data di accesso: 18 giugno 2010) Owen, M. (2004), The myth of the digital native. Futurelab, June futurelab.org.uk/resources/publications-reports-articles/web-articles/web- Article561 (Data di accesso: 23 gennaio 2011) Prensky M. (2001), Digital natives, digital immigrants, 2001, com/writing/prensky%20-%20digital%20natives,%20digital%20immigrants%20 -%20Part1.pdf (Data di accesso: 27 giugno 2010) Rapetti E., Cantoni L. (2010), Nativi digitali e apprendimento con le ICT. La ricerca work in Ticino, Svizzera, in Je-LKS n 1, 2010, pag. 52 Ravotto P., Fulantelli G. (2007), L idea base di SLOOP: condividere free/open LO. in Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP (o com/doc/ /lidea-base-di-sloop-condividere-freeopen-lo-2007, Data di 97

12 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 accesso: 27 giugno 2010) Ravotto P., Masseroni M., Farinati L., Vimercati M. (2009), Principi ecologici per l elearning in Atti del Congresso AICA 2009 (o Principi-ecologici-per-l-eLearning-2009) Tenegen, Impressum, (Data di accesso: 27 giugno 2010) Tóth Z. (2011), Collaborative and cooperative knowledge co-construction in the TeNeGEN project, data di accesso: 30 marzo 2011 Thompson J. (2007), Is education 1.0 ready for web 2.0 students? Innovate: Journal of Online Education, vol 3, issue 4, April/May SITOGRAFIA SLOOP: Sloop2desc: TENEGEN: 98

L evoluzione collaborativa dei Learning Object

L evoluzione collaborativa dei Learning Object L evoluzione collaborativa dei Learning Object L evoluzione collaborativa dei Learning Object La piattaforma FreeLOms per la realizzazione di un modello aperto di Learning Object nell ambito del progetto

Dettagli

THE CENTRAL ROLE OF TEACHERS FOR THE EFFECTIVENESS OF OPEN EDUCATIONAL RESOURCES

THE CENTRAL ROLE OF TEACHERS FOR THE EFFECTIVENESS OF OPEN EDUCATIONAL RESOURCES 80 Fulantelli G., Gentile M., Taibi D., Allegra M. (2011). La centralità dei docenti per il successo delle risorse educative aperte. TD Tecnologie Didattiche, 19 (2), pp. 80-87 LA CENTRALITÀ DEI DOCENTI

Dettagli

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Antonella Zane Centro di Ateneo per le Biblioteche (CAB) Università degli studi

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

Competenze informatiche degli studenti e competenze e-learning dei docenti: il progetto SLOOP2desc

Competenze informatiche degli studenti e competenze e-learning dei docenti: il progetto SLOOP2desc Competenze informatiche degli studenti e competenze e-learning dei docenti: il progetto SLOOP2desc Pierfranco Ravotto 1, Roberto Bellini 2 AICA Piazzale Morandi 2, 20121 Milano 1 p.ravotto@aicanet.it 2

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche

Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche Riflessioni Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche Bambini e adolescenti, si sa, hanno grande familiarità con gli strumenti del Web o il telefono cellulare, ma questo non basta.

Dettagli

Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella formazione PON DIDATEC

Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella formazione PON DIDATEC V CONGRESSO CKBG & KNOWLEDGE BUILDING SUMMER INSTITUTE Innovazione e Tecnologie digitali: tra continuità e cambiamento. Parigi L., Della Gala V., La soluzione è il problema: tecnologie e didattica nella

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises

CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Following the teacher. L insegnante come nuovo mediatore culturale

Following the teacher. L insegnante come nuovo mediatore culturale Following the teacher. L insegnante come nuovo mediatore culturale Gabriella Taddeo, Simona Tirocchi Congresso SIREM Milano, 5 giugno 2012 Un nuovo significato di mediatore culturale Mediatore della cultura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU)

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) 16 Novembre 2013 Firenze Giuliano Vivanet Università di Cagliari giuliano.vivanet@unica.it Argomenti Indagine OECD: Review of the

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM CORSO PER PROFESSIONISTI DELL'ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE PROGETTO "COACH

Dettagli

Competenze e professionalità per l innovazione digitale. Rubrica a cura di Roberto Bellini, Federico Butera, Alfonso Fuggetta

Competenze e professionalità per l innovazione digitale. Rubrica a cura di Roberto Bellini, Federico Butera, Alfonso Fuggetta PROFESSIONE ICT Competenze e professionalità per l innovazione digitale Rubrica a cura di Roberto Bellini, Federico Butera, Alfonso Fuggetta Il tema dell innovazione e della competitività del sistema Italia

Dettagli

E-teaching. Scenari didattici e competenze dei docenti nell evoluzione del web. Parte I. Maria Cinque Fondazione Rui / Università degli Studi di Udine

E-teaching. Scenari didattici e competenze dei docenti nell evoluzione del web. Parte I. Maria Cinque Fondazione Rui / Università degli Studi di Udine E-teaching Scenari didattici e competenze dei docenti nell evoluzione del web Parte I Maria Cinque Fondazione Rui / Università degli Studi di Udine Palermo, 24.11.2011 Agenda PARTE I E-teaching/ E-learning

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy PROGRAMMAZIONE ANNO 2014 2016 ANNO 2014: Costituzione del Centro di Ricerca Nazionale TalentGate a Vicenza. Le attività che il Centro TalentGate avvierà per l anno

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti Master: L e-tutor negli ambienti di apprendimento on line Coordinatore del Master: prof. Luca Toschi Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti 1 E- tutor e ambienti di apprendimento on line In questo

Dettagli

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL.

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL. Didattica assistita da Tecnologie I settimana La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate

Dettagli

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg.

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg. 1 ISSN: 2038-3282 Pubblicato il: 09 Aprile 2014 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida

Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida Documento tecnico 1 allegato alla nota, prot. n. 7953/P del 17.04.04, della Direzione Generale U.S.R. Campania Corsi di formazione in e-learning integrato : linee guida 1 Il presente documento è una rielaborazione

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Formazione e-learning: uno stato dell Arte

Formazione e-learning: uno stato dell Arte Highlight Formazione e-learning: uno stato dell arte 189 Formazione e-learning: uno stato dell Arte Laura Nespeca L odierna evoluzione dei processi formativi indica una tendenza all individuazione e al

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO

MASTER DI PRIMO LIVELLO MASTER DI PRIMO LIVELLO TRASFORMARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO. RUOLO, STRATEGIE E COMPETENZE DEL TUTOR PER LA FORMAZIONE IN SERVIZIO DEGLI INSEGNANTI III edizione a.a. 2011-2012 (Direttore Prof. Luca

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA . Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Con la Legge n. 5/0, l Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) entra a far parte del sistema educativo con pari dignità

Dettagli

Il progetto. www.mathonline.it Per informazioni: mathonline@polimi.it

Il progetto. www.mathonline.it Per informazioni: mathonline@polimi.it Ministero dell Istruzione, dell università e della Ricerca Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione tecnologica Direzione Generale per i Sistemi Informativi Il progetto www.mathonline.it

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Open SoundS WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Informazioni sul progetto Titolo del progetto: Peer education on the internet for social sounds Area di riferimento: Educazione musicale attraverso

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA

RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA 26 giugno 2013 Di cosa parleremo - Il Progetto ETICA pubblica nel sud e il Social learning - RiusaLO: obiettivi, contenuti e funzionalità della libreria

Dettagli

Costruire corsi online con Moodle

Costruire corsi online con Moodle Agenzia per la valorizzazione dell individuo nelle organizzazioni di servizio Corso di formazione Costruire corsi online con Moodle Sito internet: www.avios.it E-mail: avios@avios.it Destinatari Obiettivi

Dettagli

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011 Prot. n.... Bologna, 9 novembre 2011 PROTOCOLLO D INTESA TRA Ufficio Scolastico Regionale, Direzione Generale per l Emilia-Romagna E Telecom Italia SpA

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CONTRAENTE: UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI

PRESENTAZIONE DEL CONTRAENTE: UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI PRESENTAZIONE DEL CONTRAENTE: UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI Università Pubblica Non Statale istituita e attivata con decreto del MIUR del 1 marzo 2004 (G.U. 18 marzo 2004, n.65) Sede Legale:

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015.

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015. Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE 60 CFU 1500 ore PRESENTAZIONE La scuola non può più essere vista come un luogo dominato da un modello

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

G I F T. Vademecum. Leonardo VETPRO 2011-2013. Growing Innovation For Teaching

G I F T. Vademecum. Leonardo VETPRO 2011-2013. Growing Innovation For Teaching Leonardo VETPRO 2011-2013 G I F T Versione italiana Realizzato dal gruppo di lavoro del partner di progetto A.N.F.I.S. Vademecum Growing Innovation For Teaching Enhancing action competences for the professional

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

Storytelling in modalità Flipped Classroom

Storytelling in modalità Flipped Classroom Storytelling in modalità Flipped Classroom Mara Masseroni ITSOS Marie Curie di Cernusco sul Naviglio masseroni.mara@gmail.com L attività didattica che descriverò si colloca nell ambito dell insegnamento

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida

Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida Pierfranco Ravotto ITSOS Marie Curie, via Masaccio 4, 20063 Cernusco sul Naviglio pfr@tes.mi.it www.tes.mi.it/pfr Sommario La formazione in rete sviluppata

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

RECUPERO E POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE NELLA SCUOLA CONTEMPORANEA

RECUPERO E POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE NELLA SCUOLA CONTEMPORANEA MASTER DI PRIMO LIVELLO RECUPERO E POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE NELLA SCUOLA CONTEMPORANEA a.a. 2012-2013 Direttore del master: Prof. Alessandro Mariani Il Master si rivolge ai docenti in servizio, docenti

Dettagli

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Dott.ssa Claudia Arcolin ANTONIO CALVANI (a cura di), Innovazione Tecnologica e cambiamento dell Università: verso

Dettagli

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning: Metodi e Strumenti Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning Definisce metodi/strumenti di apprendimento con cui si trasferiscono le conoscenze a distanza: spaziale e/o temporale

Dettagli

Una piattaforma per le risorse educative in rete

Una piattaforma per le risorse educative in rete Osservatorio Astrofisico di torino Una piattaforma per le risorse educative in rete Alberto Cora INAF Osservatorio Astrofisico di Torino Congresso SAIt- Bologna 9 Maggio 2013 INTRODUZIONE + SOMMARIO CONTENITORE

Dettagli

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici Graziella Di Blasi, Agostino Lorenzi ITC B.Belotti, Via Azzano 5, 24126 Bergamo

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

TEACHMOOD Laboratorio ICT Regione Piemonte l'ufficio Scolastico Regionale open source 30 corsi on-line la piattaforma moodle Teachmood,

TEACHMOOD Laboratorio ICT Regione Piemonte l'ufficio Scolastico Regionale open source 30 corsi on-line la piattaforma moodle Teachmood, TEACHMOOD è un iniziativa formativa che il Laboratorio ICT della Regione Piemonte, in collaborazione con l'ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, propone a tutti gli insegnanti delle scuole piemontesi.

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 Indice Presentazione di F. Falcinelli 7 Introduzione 11 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 2. Tipologie di e-learning e modelli

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Formazione linguistica

Formazione linguistica Formazione linguistica Prosecuzione del Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico - didattiche in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica

Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica Seminario Internazionale Pratiche Innovative dell insegnamento dell urbanistica e della progettazione urbanistica e ambientale Milano 22.11.2005 Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica Alberto

Dettagli

Lepida Scuola. Lo studente al centro, didattica per problemi e progetti. HANDImatica 2012. Tante tecnologie quale didattica?

Lepida Scuola. Lo studente al centro, didattica per problemi e progetti. HANDImatica 2012. Tante tecnologie quale didattica? Lo studente al centro, didattica per problemi e progetti Lepida Scuola Tante tecnologie quale didattica? HANDImatica 2012 Bologna 23 Novembre 2012 Enzo Zecchi Cos è? Movimento di pensiero Nasce per rete

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

Guida alla preparazione dei materiali didattici

Guida alla preparazione dei materiali didattici Guida alla preparazione dei materiali didattici 2 Indice 1. PEGASO 3.0 I-UNIVERSITY ---------------------------------------------------------------------------------------------- 4 2. LINEE GUIDA PER LA

Dettagli

Un #SocialHR per la #socialorg

Un #SocialHR per la #socialorg Un #SocialHR per la #socialorg 2 3 4 5 6 7 8 CHE COS E LA SOCIAL ORGANIZATION? GUARDIAMOLA CON GLI OCCHI DEL (social)hr CHE COS E LA SOCIAL Un nuovo modo di fare impresa che consente a un vasto numero

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti. Accoglienza, presentazione del corso e delle metodologie on line adottate. 6

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti. Accoglienza, presentazione del corso e delle metodologie on line adottate. 6 Master Utilizzare e gestire ambienti di apprendimento on line Coordinatore del Master: Dott. Giovanni Biondi (pro tempore) Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti 1 - L insegnante, la multimedialità

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone 23/09/2009 Guida all uso di piattaforme e-learning 1 Schema Obiettivi della UD1 E learning Piattaforme LMS Esercitazione Standard di riferimento

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 1 - La Formazione a distanza La formazione a distanza Premessa Obiettivo Il senso

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli