Net generation e formazione dei docenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Net generation e formazione dei docenti"

Transcript

1 Peer Reviewed Papers Net generation e formazione dei docenti Pierfranco Ravotto 1, Giovanni Fulantelli 2 1 AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico - 2 ITD-CNR Palermo - Keywords: elearning, Digital natives, teacher education, Web 2.0, Open Educational Resources Dalla nascita di Internet a oggi, abbiamo assistito ad un crescendo di innovazioni che hanno investito la società, e che stanno rapidamente trasformando il modo in cui le persone lavorano, studiano, comunicano. Web 2.0, Social network, social web sono tutti termini utilizzati per indicare, più che un evoluzione tecnologica, un cambiamento nel ruolo delle reti all interno della società. dopo la comparsa dell articolo di Marc Prensky: Digital Natives, Digital Immigrants (Prensky, 2001), in cui Prensky teorizza che gli studenti di oggi pensano e processano le informazioni in maniera profondamente diversa rispetto alle generazioni precedenti di studenti; tale differenza è, secondo Prensky, conseguenza diretta dell esser nati nell era digitale, ed esser stati abituati da sempre a usare le tecnologie che ci circondano, come computer, videogame, lettori digitali di musica, telefoni cellulari, ecc. for citations: Ravotto P., Fulantelli G. (2011), Net generation e formazione dei docenti, Journal of e-learning and Knowledge Society, v.7, n.2, ISSN: , e-issn: Journal of e-learning and Knowledge Society Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 (pp ) ISSN: eissn:

2 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio Introduzione Digital native (Prensky, 2001), Net Generation (Oblinger, 2003), Digital Generation, Technological Generation (Monereo, 2004), Millenials (Howe & Strauss, 2000), generazione Y (McCrindle, 2006): numerose sono le espressioni usate per indicare gli studenti di oggi. Su di essi e sul loro stile di apprendimento sono stati svolti numerosi studi, che hanno spesso portato ad una rischiosa divisione dicotomica tra nativi e immigrati digitali, che tende a semplificare la complessità del fenomeno (Owen, 2004; Krause, 2007; Bayne & Ross, 2007). E, comunque, un dato di fatto che gli studenti sono, chi più chi meno, fortemente e costantemente abituati ad usare gli strumenti digitali di comunicazione, di interazione e di condivisione. E la scuola e gli insegnanti non possono ignorarlo (Oblinger, 2003; Kvavik, 2005; Barnes et al., 2007; Thompson, 2007). Sarebbe come se, dopo l invenzione della scrittura, la scuola avesse continuato a basarsi solo sul parlato, o se, dopo l invenzione della stampa, la scuola non avesse fatto ricorso ai libri. Non avrebbe potuto essere così e, sul medio periodo, è scontato che la scuola non potrà ignorare la comunicazione digitale. La questione è che i tempi di questa rivoluzione nella comunicazione, i tempi della sua diffusione, sono stati brevissimi. Non è capitato, all epoca dell invenzione della scrittura, che insegnanti che non sapevano scrivere si siano trovati in classe studenti abituati a farlo, né, dopo l introduzione della stampa, che insegnanti non abituati ai libri si trovassero di fronte studenti in confidenza con essi fin da piccoli. Oggi invece succede che studenti abituati a cercare su Internet, a comunicare con Skype, a chattare in Messenger, a condividere su YouTube, abbiano insegnanti che ignorano questi ambienti. Obiettivo di questo articolo è quindi approfondire gli aspetti legati alla formazione dei docenti, e proporre alcuni possibili percorsi per gli insegnanti. Esso si basa all esperienza degli autori nell ambito di alcuni progetti europei. 2 Sloop, Tenegen, Sloop2desc: 3 progetti europei per la formazione dei docenti Dal 2005 ad oggi, abbiamo partecipato alla realizzazione di tre progetti co-finanziati dalla Comunità Europea, nell ambito dei programmi Leonardo da Vinci e Lifelong Learning, finalizzati a promuovere l uso delle Nuove Tecnologie nella scuola. Il progetto SLOOP - Sharing Learning Object in an Open Perspective ( ) si proponeva di far nascere una comunità di docenti interessati a produrre e condividere Learning Objects aperti (Ravotto & Fulantelli, 2007). Profondamente influenzato dalla filosofia dei movimenti sull Open/Free software, 88

3 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti Sloop introduce l idea che anche i contenuti didattici, così come già accade per i pacchetti software, possono essere prodotti da una comunità di utenti che condividono interessi e obiettivi; nel caso specifico, si tratta appunto di una comunità di docenti. Il concetto di rete è quindi essenziale all interno del progetto, e i docenti vengono incoraggiati a utilizzare ambienti online per comunicare in maniera analoga a come fanno i propri studenti. Inoltre, il modello di condivisione di risorse attraverso la rete, e i processi logici e tecnici affinché il modello si realizzi, riflettono analoghi modelli e processi tipici della net generation (basti pensare ad ambienti per la condivisione di video come YouTube, molto diffuso tra i giovani utenti della rete). Sebbene in Sloop non vi sia un chiaro riferimento alle problematiche legate al gap tra migranti digitali (i docenti) e nativi digitali (gli studenti), è comunque evidente un obiettivo di agire sui migranti per avvicinarli al mondo dei nativi. Tale obiettivo viene invece esplicitato nel progetto Tenegen - Connect the Teachers to reach and teach the Net Generation ( ): mettere in rete gli insegnanti per raggiungere la Net generation ed insegnare ad essa. I metodi di insegnamento sostiene il manifesto del progetto, promosso da Prompt, un organizzazione ungherese - devono continuamente cambiare per adattarsi ai bisogni ed incontrare le aspettative della società dell informazione. Che ci piaccia o no questa rivoluzione è in atto. Fra di noi vive una nuova generazione di studenti, quelli nati dopo il 1980, la Net Generation, che apprende e comunica in modo differente dalle generazioni precedenti. Sono abituati, nella loro vita quotidiana, impensabile senza computer, a cercare e trovare velocemente le informazioni su Internet. Sono nativi digitali, sempre connessi. Si è cercato di andare incontro alle aspettative di questi giovani producendo corsi in rete con learning object multimediali, animazioni e ogni artefatto digitale che ne potesse stimolare l interesse e la curiosità, ma senza incontrare un particolare successo. Molte ricerche sull e-learning e le ICT nella scuola mostrano che la net-gen richiede ed apprezza buoni insegnanti così come le generazioni precedenti. Non amano apprendere da soli, hanno bisogno degli insegnanti per raggiungere la conoscenza che serve loro. Tuttavia, gli insegnanti non traggono alcun vantaggio dalla connettività: essi tendono a rimanere nelle proprie classi in presenza, tenendo lezioni tradizionali ed usando tradizionali metodologie didattiche. Ecco perché il progetto connect the teacher si propone di mettere in rete gli insegnanti. Perché essere connessi è più importante che non predisporre materiali di apprendimento in rete da far fruire agli studenti lasciandoli però da soli. Gli insegnanti devono imparare a frequentare l ambiente in rete proposto agli studenti, devono ritrovarsi in rete con i loro studenti (Tenegen, 2008). 89

4 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 Infine, il progetto Sloop2desc - Sharing Learning Object in an Open Perspective to develop European skills and competences ( ) coniuga il modello SLOOP con il tema delle competenze. Attraverso l esperienza maturata nel progetto Tenegen, l obiettivo di avvicinare i docenti al mondo digitale frequentato dai propri studenti è sicuramente più esplicito rispetto a quanto non lo fosse nel progetto originale Sloop. Sia Tenegen che Sloop2desc sono progetti TOI (Transfer Of Innovation): progetti di trasferimento dell innovazione di precedenti progetti: SLOOP e, nel caso di Tenegen, Netis. 3 Condividere Open Educational Resources Un elemento comune ai tre progetti è la condivisione di risorse digitali per la didattica prodotti da una comunità di docenti. Tale approccio si basa sulla ricca letteratura che ha evidenziato l importanza dei modelli di produzione e condivisione di risorse educative aperte (Open Educational Resource -OER) nei contesti educativi (Atkins et al., 2007; OECD, 2007; OLCOS, 2007). La letteratura tende a sottolineare i vantaggi pedagogici, organizzativi e politici delle Open Educational Resources, laddove un docente ha la possibilità di accedere a contenuti gratuiti creati da altri docenti in contesti educativi reali. Se a ciò si aggiunge la possibilità di rendere tali risorse modificabili, così come realizzato nell ambito del progetto Sloop attraverso il modello di OpenLO, ecco che si da la possibilità ai docenti di accedere a risorse educative contestualizzabili, rendendo le stesse effettivamente riusabili in termini pedagogici. Nell ambito dei progetti Sloop, Tenegen e Sloop2desc, e in particolare in riferimento all esigenza di avvicinare gli insegnanti al mondo digitale frequentato dai propri studenti, l approccio alla produzione e condivisione collaborativa di contenuti digitali si arricchisce di un ulteriore significato: gli insegnanti sono incoraggiati a sperimentare, spesso in maniera inconsapevole, una serie di comportamenti tipici delle net generation (Fulantelli et al., 2009). Infatti, la condivisione di contenuti sulla rete è tipico dei giovani studenti: basti pensare a ciò che accade su YouTube. E così come su YouTube gli utenti possono commentare e taggare un filmato inserito da un qualunque utente, o rimandare a filmati simili, analogamente gli insegnanti sono inviati a commentare e arricchire i materiali prodotti da altri utenti della rete, anche attraverso i riferimenti ad altri contenuti educativi. Inoltre, attraverso la condivisione delle risorse educative, si rafforzano i legami sociali esistenti tra i docenti che partecipano alla comunità online, promuovendo dinamiche simili a quelle che si realizzano negli ambienti di condivisone di risorse digitali usate frequentemente dagli studenti. Ecco quindi che attraverso la condivisione di risorse digitali, e dei mecca- 90

5 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti nismi a supporto a tali processi di condivisione, gli insegnanti attuano comportamenti online analoghi a quelli dei propri studenti. 4 Tre modelli di formazione in rete per insegnanti Corsi di formazione per gli insegnanti sono elemento chiave sia di SLOOP ( ) che di Tenegen ( ) e di Sloop2desc ( ). Si tratta di corsi che condividono alcuni importanti elementi: l obiettivo di stimolare gli insegnanti a integrare formazione in presenza e formazione in rete facendo sperimentare loro, in prima persona, la formazione in rete, un modello di formazione in rete che prevede una forte interazione fra le persone e non solo un auto-apprendimento basato sui materiali didattici, l utilizzo della piattaforma Moodle per realizzare l ambiente di apprendimento, l accento sulla produzione e condivisione di OER, Open Educational Resource, o open LO nella terminologia SLOOP. Ma, accanto ad elementi comuni, ci sono anche alcune rilevanti differenze su cui ci sembra interessante concentrare l analisi visto che il tema formare gli insegnanti ad integrare e-learning e web 2.0 con la formazione in presenza è, ed è destinato a rimanere, rilevante. 4.1 I corsi SLOOP I corsi, erogati in più edizioni e in 5 lingue, hanno coinvolto 209 insegnanti a livello europeo (86 nel corso in italiano, 60 in quello in inglese, 28 in quello spagnolo, 20 in sloveno e 15 in rumeno). Questa la struttura del corso, della durata di 9 settimane: 1ª settimana: LO e aspetti pedagogici, 2ª settimana: SCORM e metadati, 3ª settimana: produzione di un LO, 4ª e 5ª settimana: rendere SCORM un LO, 6ª e 7ª settimana: inserire il LO SCORM in Moodle, 8ª settimana: la filosofia della condivisione, 9ª settimana: il freeloms. Dando per scontato l interesse dei corsisti ad integrare formazione in presenza e formazione in rete, l obiettivo del corso era quello di motivarli alla produzione e alla condivisione di LO aperti, sia da un punto di vista tecnico 91

6 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 che dal punto di vista della licenza d uso (Fulantelli et al., 2007). 4.2 I corsi Tenegen I corsi Tenegen sono finalizzati, in primo luogo, ad abituare gli insegnanti a connettersi, a mettersi in rete: nel duplice senso di essere connessi in Internet e di muoversi nei diversi ambienti web 2.0 e di far rete fra di loro, scambiando opinioni e risorse didattiche. I corsi Tenegen sono costituiti da moduli indipendenti e fruibili anche singolarmente: Modulo 1: E-learning concepts (5 settimane), Modulo 2: Networked learning (3 settimane), Modulo 3: Educational ICT tools (4 settimane), Modulo 4: E-learning event in Moodle (1 settimana), Modulo 5: Sharing Learning Objects (5 settimane). L edizione ungherese del corso ha coinvolto 200 insegnanti - per il 70% della formazione professionale, per il 20% della scuola superiore e per il 10% della scuola primaria. Inoltre, sono stati avviati un corso pilota in lingua inglese, con 60 iscritti di vari paesi, e un corso per 30 insegnanti turchi. 4.3 I corsi Sloop2desc I corsi Sloop2desc intendono: fornire ai docenti competenze relative alla formazione in rete, all uso didattico del web 2.0 e alla progettazione e condivisione di OER, aiutarli a passare da una didattica centrata sul programma, quale lista di contenuti, ad una didattica delle competenze. I corsisti sono chiamati a produrre OER per i propri studenti basate su un sistema per la certificazione delle competenze. In Italia e in Slovenia è stato assunto come campo di interesse quello delle competenze informatiche e come riferimento il framework EUCIP. In Romania, è stato adottato il settore della navigazione marittima, con sistemi per le certificazioni delle competenze indicati dall International Maritime Organization (IMO). La struttura del corso è la seguente: Modulo 1: Usare Moodle come corsisti e come docenti (2 settimane), Modulo2: Essere tutor in rete e usare gli strumenti del web 2.0 (3 settimane), Modulo 3: Usare e produrre risorse didattiche digitali aperte per la for- 92

7 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti mazione in rete (3 settimane), Modulo 4: European Qualification Framework (EQF), e-competence Framework (e-cf) e standard EUCIP (2 settimane), Modulo 5: Produzione collaborativa di risorse didattiche aperte basate sullo standard EUCIP/IMO (6 settimane). Da febbraio a giugno 2010, sono stati formati circa 60 docenti Italiani, in due corsi pilota. Da novembre 2010 ad aprile 2011 si sono svolti un corso per circa 40 insegnanti sloveni, un altro per altrettanti insegnanti rumeni, e diversi corsi a cascata per 500 insegnanti in Italia. 5 Target e metodologie Una significativa differenza fra i corsi riguarda il target. I corsi Sloop e Sloop2desc si rivolgono a insegnanti già abituati all uso della rete, anche se generalmente per uso personale e non per attività con i propri studenti. Ed è infatti in rete che è avvenuto, in gran misura, il loro reclutamento. Invece i corsi Tenegen intendono rivolgersi a insegnanti standard in gran parte non abituati a connettersi. Inoltre, i corsi Tenegen, quantomeno per gli insegnanti ungheresi e per alcuni dei moduli, forniscono crediti spendibili per la carriera. La differenza di target ha, ovviamente, conseguenze metodologiche. 5.1 La metodologia dei corsi SLOOP e Sloop2desc I corsi SLOOP e Sloop2desc pongono entrambi l accento su: proposte di lavoro che i singoli corsisti possono sviluppare a proprio piacimento e sulla base dei propri interessi; un percorso d apprendimento basato sul learning by doing in cui i materiali proposti sono soltanto un punto di partenza, su cui innestare un lavoro di approfondimento e di confronto nel gruppo; interazione non solo con il docente/tutor, ma all interno del gruppo dei pari in una logica di apprendimento collaborativo. Nel passaggio dai corsi SLOOP a quelli Sloop2desc c è stata un evoluzione, in parte dovuta a quanto è successo nel breve tempo trascorso fra l inizio del primo progetto e l avvio del secondo: l esplosione del web 2.0. Le differenze principali hanno riguardato sia le risorse, che la metodologia, che l ambiente di interazione: Per quanto riguarda le risorse proposte ai corsisti, in SLOOP esse erano essenzialmente Learning Object SCORM, composti da numerosi SCO, 93

8 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 appositamente progettati e realizzati. Sloop2desc ha privilegiato invece la scelta ecologica del riuso (Ravotto et al., 2009) di risorse esistenti: oltre ai prodotti sviluppati in SLOOP, si è fatto ricorso a video e filmati reperiti su Vimeo, YouTube, SlideShare. Sul piano metodologico il corso SLOOP vedeva una costante presenza dei docenti/tutor nel ruolo di propositori e moderatori. Mentre in due dei moduli Sloop2desc - fra cui il quinto di produzione di materiali didattici e corsi per gli studenti - si è fortemente promossa la dimensione collaborativa: i corsisti sono invitati ad auto-organizzarsi definendo autonomamente, senza l intervento del tutor, modalità di lavoro, tipologia dei prodotti, tempi, Infine, mentre in SLOOP tutto il lavoro avveniva nell ambiente Moodle, in Sloop2desc, soprattutto nella fase collaborativa, i corsisti vengono stimolati a fuoriuscirne utilizzando Skype per comunicare, GoogleDoc per sviluppare collaborativamente le risorse, MindMap per progettare, La metodologia dei corsi Tenegen Come abbiamo già detto i corsi Tenegen hanno come riferimento l insegnante tipo, non quello già connesso. Mettere in rete questi insegnanti è l ambizioso obiettivo. Rivolgendosi ad un target più tradizionale, nei corsi Tenegen: le indicazioni di lavoro sono generalmente più dettagliate e prescrittive e c è un maggior controllo sul lavoro svolto; l interazione è più fra corsista e docente che non di gruppo; i materiali didattici hanno un aspetto più tradizionale. E stata scelta la risorsa libro di Moodle che offre anche la possibilità di produrre un file pdf stampabile e dunque studiabile in modalità offline. Uno solo dei cinque moduli del corso Tenegen non ha queste caratteristiche, quello sul Networking learning che propone, coerentemente con il progetto NETIS, modalità di lavoro più tipiche del connettivismo (Bessenyei & Tóth, 2007). Ed è quello che ha avuto meno successo, sia perché non forniva crediti, sia proprio per una sua apertura probabilmente eccessiva dato il contesto, più adatta al target Sloop che non a insegnanti tradizionali. In ogni caso, per quanto sia venuto incontro alle caratteristiche del target, il corso Tenegen ha abituato gli insegnanti a connettersi e a stare connessi; ognuno di essi ha, per esempio, dovuto aprire un blog in cui ha commentato le varie tematiche del corso. 94

9 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti Conclusioni Sono passati 10 anni da quando Prensky ha evidenziato come i modelli di pensiero, thinking pattern, dei nativi digitali siano cambiati perché le esperienze che hanno avuto, fin da piccoli, hanno portato ad una diversa strutturazione dei loro cervelli (Prensky, 2001). La dicotomia tra nativi digitali e immigrati digitali a cui hanno portato le idee di Prensky è stata negli anni molto dibattuta sul piano scientifico, pur riconoscendo che esistono differenze significative nel modo in cui gli studenti apprendono oggi, rispetto a come accadeva in passato. Se da un lato non è stato ancora dimostrato che i nativi digitali hanno specifici thinking pattern, importanti studi come quelli di Howard Gardner affermano che le menti si differenziano l una dall altra in modo significativo a seconda che si siano sviluppate in una cultura pre-alfabetizzata, in una cultura classica o moderna in cui il testo è fondamentale, o in una cultura post-moderna dove l alfabetizzazione riguarda una varietà di segni che operano congiuntamente, talora in sinergia, talaltra in caotica mescolanza (Gardner, 2003). Di fronte a tali cambiamenti, anche se l attribuzione di caratteristiche per sola virtù generazionale fosse una scorciatoia rispetto a profonde difficoltà educative (Rapetti & Cantoni, 2010), la scuola non può non tener conto del fatto che i media e le ICT sono la cultura in cui i nostri studenti sono abituati a vivere, costruire e scambiare significati (Ardizzone & Rivoltella, 2008). La scuola non può quindi procedere secondo canali e metodi tradizionali. Gli insegnanti devono imparare a dialogare, comunicare, scambiare significati con i loro studenti nell ambiente in cui essi vivono, nella tecnologia digitale. E dunque è indispensabile che gli insegnanti si abituino a vivere anche loro in quell ambiente, ad essere connessi, a fare rete, a costruire e scambiarsi opinioni, ipotesi di lavoro, materiali didattici ed esperienze. I tre progetti presentati, seppure ognuno contraddistinto da specifici obiettivi e approcci metodologici, mirano a innovare la didattica nella direzione sopra indicata. L analisi condotta da Zsolt Tóth sui risultati del progetto Tenegen, utilizzando metodi della Social Network Analysis e incentrata su caratteristiche qualitative e quantitative del processo di costruzione collaborativa della conoscenza, evidenzia come il processo di apprendimento sia stato fortemente collaborativo; la comunicazione online tra i docenti/corsisti, ed in particolare attraverso i forum della piattaforma Moodle utilizzata nel progetto, è stata centrale al processo di apprendimento. I commenti dei partecipanti confermano il successo del progetto, dal momento che la maggior parte di essi lo hanno valutato attivo, memorabile e utile per i processi di apprendimento (Tóth, 2011) Sebbene non siano ancora disponibili risultati sulle indagini quantitative 95

10 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 relative ai corsi attivati nel progetto Sloop2desc, il successo del progetto è stato evidenziato dai commenti estremamente positivi di alcuni docenti partecipanti ai corsi, dall intensa attività di comunicazione online che si è sviluppata durante i mesi del corso, e soprattutto dal fatto che alcuni docenti hanno attivato ancora prima della chiusura dei corsi - degli ambienti online per l elearning da utilizzare con i propri discenti, trasferendo così il modello Sloop in contesti applicativi, e superando così la fase sperimentale che contraddistingue i progetti europei. Nonostante ciò, i cambiamenti che le nuove tecnologie impongono alla scuola appaiono ancora troppo lenti, nonostante i docenti italiani dimostrino di essere pronti a tali cambiamenti: il corso attivato nell ambito del progetto Sloop2desc ha avuto oltre adesioni a fronte di 400 posti disponibili. L impegno dei docenti dovrebbe quindi essere maggiormente supportato dall istituzione scolastica, che ad oggi sembra far poco per avviare un vero rinnovamento attraverso le tecnologie, rinnovamento indispensabile per riavvicinare studenti che, generazione dopo generazione, si allontanano sempre più dai modelli e linguaggi educativi in uso nella scuola. BIBLIOGRAFIA Ardizzone P., Rivoltella P. C. (2008), Media e tecnologie per la didattica, Vita e pensiero. Atkins D. E., Brown J. S. & Hammond A. L. (2007), A Review of the Open Educational Resources (OER) Movement: Achievements, Challenges, and New Opportunities. (Data di accesso: 2 giugno 2010) Barnes K., Marateo R., Pixy Ferris S. (2007), Teaching and learning with the net generation, Innovate: Journal of Online Education, vol 3, issue 4, April/May the_net_generation.pdf. (Data di accesso: 10 marzo 2010) Bayne S., Ross J. (2007), The digital native and digital immigrant : a dangerous opposition. Proc. Of Annual Conference of the Society for Research into Higher Education (SRHE) December final.pdf (Data di accesso: 28 gennaio 2011) Bessenyei I., Tóth Z. (2007), E-learning experiences in the NETIS project, NETIS 2007, (Data di accesso: 27 giugno 2010) Fulantelli G., Gentile M., Taibi D., Allegra M. (2009), Open learning resources as an opportunity for the teachers of the Net Generation, in Proceedings of the ICVL the 4rd International Conference on Virtual Learning, October 30-November 96

11 Pierfranco Ravotto, Giovanni Fulantelli - Net generation e formazione dei docenti 1, 2009 Jassy (Romania) Fulantelli G., Gentile M., Taibi D., Allegra M. (2007) The Open Learning Object model for the effective reuse of digital educational resources in Proceedings of the Openlearn 2007: Researching open content in education, Milton Keynes, UK. Gardner H. (2003), Cambiare idee. L arte e la scienza della persuasione, Universale Economica Feltrinelli, 2003 Howe N, Strauss W. (2000), Millennials Rising: The Next Great Generation. New York: Vintage Books. JISC (2007), Student expectations study, July documents/publications/studentexpectations.pdf. (Data di accesso: 11 novembre 2010) Krause K. (2007), Who is the e-generation and how are they faring in higher education? in Joe Lockard and Mark Pegrum (eds) Brave New Classrooms: democratic education and the internet. New York: Peter Lang. pp Kvavik R.B. (2005), Convenience, Communications, and Control: How Students Use Technology. In Oblinger D.G. and Oblinger J.L. (Eds.) Educating the net generation. (Data di accesso: 23 gennaio 2011) McCrindle M. (2006), New Generations at Work: Attracting, Recruiting, Retraining & TrainingGeneration Y: McCrindle Research Monereo C. (2004), The virtual construction of the mind: the role of educational psychology. Interactive Educational Multimedia, vol. 9. Oblinger D. (2003), Boomers, gen-xers and millennials: understanding the new students. Educause Review, July/August pdf/erm0342.pdf. (Data di accesso: 23 gennaio 2011) OECD - Organisation for Economic Co-operation and Development, Centre for Educational Research and Innovation (2007), Giving Knowledge for Free: The Emergence of Open Educational Resources, SourceOECD Education & Skills, Vol. 2007, No. 3, May 2007 OLCOS (2007), Open Educational Practices and Resources: OLCOS Roadmap OERderves. (Data di accesso: 18 giugno 2010) Owen, M. (2004), The myth of the digital native. Futurelab, June futurelab.org.uk/resources/publications-reports-articles/web-articles/web- Article561 (Data di accesso: 23 gennaio 2011) Prensky M. (2001), Digital natives, digital immigrants, 2001, com/writing/prensky%20-%20digital%20natives,%20digital%20immigrants%20 -%20Part1.pdf (Data di accesso: 27 giugno 2010) Rapetti E., Cantoni L. (2010), Nativi digitali e apprendimento con le ICT. La ricerca work in Ticino, Svizzera, in Je-LKS n 1, 2010, pag. 52 Ravotto P., Fulantelli G. (2007), L idea base di SLOOP: condividere free/open LO. in Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP (o com/doc/ /lidea-base-di-sloop-condividere-freeopen-lo-2007, Data di 97

12 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 2, Maggio 2011 accesso: 27 giugno 2010) Ravotto P., Masseroni M., Farinati L., Vimercati M. (2009), Principi ecologici per l elearning in Atti del Congresso AICA 2009 (o Principi-ecologici-per-l-eLearning-2009) Tenegen, Impressum, (Data di accesso: 27 giugno 2010) Tóth Z. (2011), Collaborative and cooperative knowledge co-construction in the TeNeGEN project, data di accesso: 30 marzo 2011 Thompson J. (2007), Is education 1.0 ready for web 2.0 students? Innovate: Journal of Online Education, vol 3, issue 4, April/May SITOGRAFIA SLOOP: Sloop2desc: TENEGEN: 98

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

A scuola con le LIM. Linee guida e consigli pratici per un uso consapevole e produttivo della LIM in classe.

A scuola con le LIM. Linee guida e consigli pratici per un uso consapevole e produttivo della LIM in classe. A scuola con le LIM Linee guida e consigli pratici per un uso consapevole e produttivo della LIM in classe. Realizzazione di Ubaldo Pernigo, Donato De Silvestri, Andrea Pescarin, Marco Tarocco, Claudio

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private Febbraio 2010 e-learning Academy, ovvero... la Formazione a Distanza a portata di Internet

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore 1 Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore European Association for Quality Assurance in Higher Education La stampa della presente Guida è

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli