REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale BOLLENTI SPIRITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale BOLLENTI SPIRITI"

Transcript

1 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale BOLLENTI SPIRITI Programma regionale per le Politiche Giovanili Scheda informativa Vers COS'E' BOLLENTI SPIRITI BS è il programma per le politiche giovanili della Regione Puglia. Il programma Bollenti Spiriti è nato nel 2005 intorno ad un idea guida: puntare sull energia, l inventiva e il talento dei giovani pugliesi come risorsa per la rinascita sociale, economica e culturale della regione. Nel periodo Bollenti Spiriti ha messo in campo una serie di iniziative ad alto impatto per promuovere la partecipazione dei giovani pugliesi in tutti gli ambiti della vita regionale: dalle borse di alta formazione in Italia e all estero finalizzate al rientro ( Contratto etico poi diventato un programma a parte con il nome "Ritorno al Futuro"), alla ristrutturazione di 151 immobili in disuso da trasformare in spazi per la creatività giovanile ( Laboratori Urbani ), al finanziamento delle idee proposte da gruppi informali di giovani pugliesi ( Principi Attivi ), agli eventi-senza-programma per l incontro e la messa in rete tra giovani creativi ( Bollenti Spiriti Camp ), all'iniziativa regionale per il recupero, la riconversione ed il riuso dei beni confiscati in Puglia alla criminalità organizzata, per scopi sociali, economici e di tutela ambiental ("Libera il Bene"). Come meglio descritto di seguito, tutte le azioni del programma sono state realizzate attraverso una strategia delle connessioni ovvero un uso sistematico del web come strumento di informazione sulle iniziative del programma ma soprattutto di relazione e messa in rete delle realtà territoriali direttamente e indirettamente coinvolte in Bollenti Spiriti: singoli e gruppi di giovani, associazioni, imprese e cooperative giovanili, enti locali, scuole, università etc. Questo metodo costituisce uno degli elementi caratterizzanti del programma nonché il principale elemento di innovazione rispetto all'approccio tradizionale agli interventi pubblici per i giovani, basati sull'erogazione di servizi verso il "target giovanile".

2 2. LA VISIONE: COSA POSSONO FARE I GIOVANI PER NOI? Come detto, Bollenti Spiriti nasce dall idea di considerare i giovani come una risorsa da valorizzare e non come un problema da risolvere. Tre considerazioni di ordine generale: a) Si tratta di un approccio in linea con gli orientamenti del libro bianco della Commissione sulle politiche giovanili ( Un nuovo impulso per la gioventù europea ) e costituisce il fondamento di tutte le politiche per i giovani da 10 anni a questa parte. All'atto pratico il concetto è stato spesso declamato ma raramente messo in atto, basti pensare alle poche risorse messe a bilancio a livello nazionale e comunitario o al fatto che prima del 2005, l'investimento della Regione Puglia sul tema era di 0 Euro. b) In una regione del Mezzogiorno segnata da elevati tassi di disoccupazione giovanile, dispersione scolastica e fuga dei cervelli (e con un quadro economico complessivo pesantemente segnato dalla crisi economica globale), puntare sui giovani come risorsa significa andare oltre la vecchia concezione di "tutela" che vede le giovani generazioni solo come "cittadini di domani" e valorizzare il ruolo dei giovani come portatori di competenze, valori, energie, talento indispensabili per garantire uno sviluppo al passo con i cambiamenti in atto nella società globalizzata. In uno slogan: non sistemare i giovani ma incoraggiarli. Non chiedersi cosa fare per i giovani e ma domandarsi piuttosto cosa possono fare per noi. c) Questo approccio comporta anche un deciso cambio di passo rispetto alle logiche dell'inclusione sociale - che, per definizione, sono mosse dal soggetto che include - per orientarsi verso un'ottica di partecipazione che richiede la concreta disponibilità dei giovani stessi ad attivarsi e a "prendere parte". In sintesi: se le politiche giovanili 2.0 non possono fare a meno dei giovani stessi, diviene necessario comprendere quali siano le condizioni per l'attivazione e la partecipazione giovanile. 3. LO SCENARIO: COSA BOLLE IN PENTOLA? Per rispondere a questi interrogativi, la Regione Puglia, nel periodo 2006 / 2007 ha promosso una ricerca qualitativa sulle risorse e i bisogni dell'attivazione giovanile in Puglia. La ricerca "Cosa Bolle in Pentola" è stata realizzata dal Dipartimento di Studi Storici e Sociali dell'università degli Studi di Bari ed è stata condotta attraverso casi di studio, interviste in profondità e focus group con l'obiettivo di partire dall'analisi delle esperienze di attivazione già esistenti per individuare le linee di una politica possibile a supporto dell'attivazione e della partecipazione giovanile. Ecco i punti salienti emersi che rappresentavano lo scenario di partenza per l azione di Bollenti Spiriti: a) la presenza di numerose esperienze di attivazione giovanile in campi molto diversi (impresa, associazionismo, ricerca, volontariato, politica attiva, sport etc.), anche di assoluta eccellenza, ma scarsamente visibili, poco collegate tra loro e al territorio, connesse invece a realtà nazionali e internazionali (reti lunghe); b) la centralità delle risorse immateriali, considerate dagli stessi attuatori come fattori chiave per l'avvio BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 2

3 e lo sviluppo delle esperienze di attivazione: competenze apprese in contesti informali e non formali (viaggi, volontariato, associazionismo, mobilità nazionale e internazionale) o in famiglia o attraverso incontri occasionali con personaggi chiave (singoli insegnanti, amici, parenti, mentori etc.) mentre il ruolo delle agenzie formative ed educative nel complesso è spesso giudicato marginale; c) una nuova etica del lavoro fondata sulla passione per il proprio ambito di attività, con una sostanziale sovrapposizione tra lavoro, gioco, studio e tempo libero (lontana quindi dalla tradizionale cultura del lavoro come male necessario); d) una forte sfiducia nella PA che quasi mai offre strumenti giudicati utili (troppo complessi, poco trasparenti, scarsamente accessibili); e) un "ecosistema" sullo sfondo che disincentiva l'attivazione - contrapposto all'amore dei protagonisti delle esperienze verso il proprio territorio e alla scelta consapevole di rimanere in Puglia - perché intriso di una diffusa e trasversale cultura "al ribasso" (intervista tratta dalla ricerca Cosa Bolle in Pentola "quando faccio una cosa buona, metaforicamente un gol, gli altri invece di farne un altro corrono dall'arbitro per farlo annullare, perché tutto deve rimanere zero a zero"). Lo scenario emerso dalla ricerca CBP si presenta quasi come una "rampa di lancio" per la fuga dei cervelli. E il problema economico in senso stretto non sembra il maggiore ostacolo allo sviluppo di esperienze di attivazione. In particolare, la ricerca sottlinea come l'accento vada posto non solo sulle risorse materiali (risorse economiche, asset fisici etc.) ma anche, o soprattutto, sulle risorse immateriali e sulle condizioni di contesto (competenze apprese in contesti formali e informali, fiducia, capitale sociale etc.). La stessa ricerca, nella parte dedicata all'analisi delle politiche pubbliche per i giovani realizzate in Puglia, offre indicazioni su una nuova possibile direzione da intraprendere: La politica che abbiamo incontrato considera i giovani soggetti passivi che hanno bisogno di tutele piuttosto che attori che possono agire responsabilmente. Quando questo viene riconosciuto si innescano processi virtuosi in cui vi è una moltiplicazione delle energie ed una moltiplicazione delle opportunità per fasce crescenti di popolazione giovanile. Ciò che alla politica viene chiesto non è semplicemente la distribuzione di risorse economiche, ma la creazione delle condizioni perchè si attivino processi di valorizzazione individuale e collettiva. 4. UN METODO IN COMUNE Considerato lo scenario delineato da Cosa Bolle in Pentola, e per conseguire gli obiettivi generali richiamati sopra, la Regione Puglia ha elaborato un metodo originale ispirato alla c.d cultura della Rete, ovvero alle pratiche e alle sperimentazioni legate all uso di Internet in diversi contesti quali: La rivoluzione del marketing management (cfr. ClueTrain Manifesto, 1999) che, dai primi anni 2000 ha portato le imprese innovative a rottamare le strategie tradizionali di comunicazione verso sistemi centrati sull'informalità e la conversazione; I nuovi modelli organizzativi basati sulla motivazione e l'intenzione, radicalmente antiburocratici e orizzontali; Le potenzialità dei sistemi aperti - es. open source - per l'elaborazione di soluzioni innovative e gli esempi di produzione di valore materiale e immateriale (crowdsourcing, crowdfunding etc.) che nascono dalla collaborazione di massa e dal coinvolgimento attivo degli utenti finali considerati come risorsa (cfr. Wikinomics Tapscott 2008); BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 3

4 la crescente attenzione verso le forme di apprendimento tra pari e by doing, basate sulla domanda di conoscenza, l'adesione volontaria e la condivisione delle conoscenze come le comunità di pratiche, i BarCamp, gli OST; il tutto sostenuto da una diversa etica del lavoro basata sulla passione, sul riconoscimento del merito tra pari, sulla fiducia e sulla collaborazione (cfr. Etica hacker e lo spirito della società dell'informazione - Himanen 2008); In sintesi, se il problema della partecipazione dei giovani è un problema "di mentalità" (che riguarda i giovani stessi e il contesto in cui vivono), la rete rappresenta non solo uno spazio di informazione, relazione, condivisione e creazione di valore, ma uno straordinario strumento di trasformazione culturale e produzione collettiva di senso. Su queste premesse, Bollenti Spiriti si presenta come un dispositivo attraverso il quale la Regione Puglia chiede ai giovani pugliesi di partecipare allo sviluppo del territorio, condividendo la proprie risorse di esperienza, competenze e passione. E, per far ciò e risultare credibile deve:! iniziare per prima a condividere le proprie risorse (risorse economiche, informazioni, relazioni etc.);! avviare una fase di ricostruzione delle conversazioni con i giovani, aprendo canali per rendersi facilmente raggiungibile ma anche per diventare uno snodo (hub) per lo sviluppo di nuove relazioni tra giovani;! ricostruire una fiducia gravemente compromessa attraverso comportamenti coerenti, trasparenti e reiterati nel tempo (promettere e mantenere, rispondere a tutti nel più breve tempo possibile);! fornire risorse materiali e immateriali per l'apprendimento in situazione e l'attivazione (risorse economiche, relazionali, asset fisici etc.) ma anche esempi tangibili a cui ispirarsi. 5. LE AZIONI DEL PROGRAMMA BOLLENTI SPIRITI Di seguito vengono presentate nel dettaglio le diverse azioni in cui è articolato il programma Bollenti Spiriti: A. PRINCIPI ATTIVI, B. LABORATORI URBANI, C. CANTIERE DELLA LEGALITA', D. BARCAMP E COMUNITA' ON LINE, E. STUDI E RICERCHE A) PRINCIPI ATTIVI Principi attivi è l iniziativa di Bollenti Spiriti per favorire la partecipazione dei giovani pugliesi alla vita attiva attraverso il finanziamento di progetti ideati e realizzati dai giovani stessi nel campo della tutela e valorizzazione del territorio, dell economia della conoscenza e innovazione, dell inclusione sociale e cittadinanza attiva. Alle due edizioni del bando (2008 e 2010), hanno partecipato complessivamente giovani pugliesi tra i 18 ed i 32 anni, che hanno presentato oltre candidature, per un totale di 611 progetti finanziati. Grazie al primo bando Principi Attivi (2008), 421 gruppi informali di giovani pugliesi hanno dato vita a 114 BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 4

5 imprese, 20 cooperative e 287 associazioni giovanili che hanno realizzato progetti nel campo della tutela del territorio, del turismo, dell innovazione tecnologia, dei nuovi media, dell inclusione sociale e della cittadinanza attiva. Tutti i progetti Principi Attivi hanno attivato uno spazio sul sito Bollenti Spiriti 2.0 utilizzato per presentare i contenuti e le finalità del progetto, condividere informazioni, documenti e materiali multimediali e raccontare l evoluzione delle loro attività. In risposta al secondo bando sono state presentate candidature (con un incremento del 36,5% rispetto all annualità precedente). Tra queste sono stati selezionati i 190 progetti che hanno preso il via nel 2011 e che al momento hanno terminato (o stanno terminando) le attività finanziate. A settembre 2011 è stata presentata la prima indagine periodica sull'evoluzione dei progetti finanziati con il bando Principi attivi 2008 (in allegato), da cui è emerso che:! il 73% delle organizzazioni nate con Principi Attivi 2008 erano pienamente attive;! il 7% proseguivano le attività con una diversa forma giuridica o hanno dato vita ad esperienze individuali in continuita con il progetto;! l'1% erano formalmente sciolte ma stavano definendo quale forma giuridica assumere;! il 13% delle organizzazioni erano formalmente esistenti ma inattive;! solo il 6% delle organizzazioni erano sciolte per vari motivi dopo la fine del progetto finanziato. In un periodo pesantemente segnato dalla crisi economica globale e dalla difficoltà di accesso al credito, i risultati evidenziano un'ottima capacità di sopravvivenza e adattamento delle esperienze imprenditoriali e preimprenditoriali nate grazie a Principi Attivi. Nello stesso report, l'esperienza di Principi Attivi è stata giudicata utile o molto utile dalla quasi totalità dei partecipanti sia in termini di crescita personale e professionale e sia per realizzare il proprio progetto contribuendo allo sviluppo della regione. Al momento è in corso l indagine periodica sui progetti Principi Attivi avviati nel corso del Nel frattempo, tra i progetti nati grazie al primo o al secondo bando, si sono messe in evidenza diverse esperienze di eccellenza a livello nazionale e internazionale nel campo dell innovazione tecnologica, del web, dell editoria, dell agricoltura, della creatività e del design. Sempre nell ambito delle iniziative di valutazione in itinere dell iniziativa, e in linea con gli obiettivi di educazione non formale sui temi dell'imprenditorialità e di trasformazione culturale dei contesti, la Regione Puglia nel periodo settembre 2009 giugno 2010 ha commissionato una ricerca sull'efficacia di Principi Attivi in termini di promozione della partecipazione dei giovani alla vita attiva. La ricerca, condotta dal Dipartimento di Psicologia dell'università di Bari attraerso questionari, focus, interviste in profondita su un campione di 400 giovani, ha messo in evidenza: l'effiacia di Principi Attivi come strumento di ricostruzione della fiducia in se stessi e nelle istituzioni, fattore indispensabile per intraprendere un percorso imprenditoriale; l'importanza delle risorse relazionali, e quindi della comunità di pari che si sviluppa intorno a Principi Attivi; il valore insostituibile dell esperienza sul campo per acquisire competenze che non si possono apprendere in contesti formali; il giudizio positivo (buono o molto buono) che la maggioranza esprime sull'iniziativa in termini di BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 5

6 innovatività, trasparenza, chiarezza degli obiettivi, adeguatezza dei tempi, indipendentemente dal fatto di essere un vincitore o un non vincitore del bando. La stessa ricerca ha rilevato i fattori di successo dell iniziativa: - Principi Attivi non sostiene le debolezze e difficoltà ma piuttosto attiva le competenze e le capacità di cui i Giovani sono portatori sani; - attraverso la partecipazione al bando (anche non andata a buon fine), molti giovani pugliesi hanno visto nel bando un interessante banco di prova per sviluppare sul campo competenze e relazioni indispensabili per l ingresso nel mondo del lavoro e/o lo sviluppo di un attività imprenditoriale; - attraverso l uso di forme innovative di relazione e comunicazione (in particolare la community on line e i BarCamp, richiamati di seguito) si è attivato un effetto virale che ha portato una grande quantità di giovani pugliesi ad esplorare le proprie risorse e a moltiplicare le relazioni sociali. Principi Attivi si presenta, quindi, come una sperimentazione di successo nel campo dell educazione non formale che, oltre ad aver trasformato in progetti le risorse inespresse di idee, competenze e passioni latenti nel mondo giovanile pugliese, ha avuto effetti importanti di apprendimento e di stimolo alla partecipazione giovanile non limitati ai soli beneficiari del finanziamento. Nello stesso tempo, lo studio richiamato sopra ha messo in evidenza: - l esigenza di dare continuità e stabilità ad una azione percepita come una eccezione ; - il rischio che l effetto partecipativo possa essere condizionato da differenze di status culturale ed economico; - l esigenza di potenziare la comunicazione dell iniziativa per moltiplicare le possibilità di accesso al bando; - una diffusa domanda di apprendimento per consentire ai giovani coinvolti di trarre il massimo dall esperienza e utilizzare al meglio il finanziamento in vista di un possibile follow up; - l esigenza di dare continuità agli interventi e rafforzare il legame tra le giovani idee, gli enti locali, il mondo delle imprese e gli attori sociali attivi sul territorio. A novembre 2012, l iniziativa Principi Attivi è stata selezionata come National Winner nell'ambito dei Premi Europei per la promozione d'impresa categoria Promozione dello Spirito Imprenditoriale. Insieme agli altri vincitori delle competizioni nazionali (l'altro vincitore per l'italia era la Città di Torino), la Regione Puglia - Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale è stata invitata dalla Commissione europea a partecipare alla 1a assemblea Europea delle PMI (Cipro, 15 e 16 novembre 2012). All edizione 2012 del Premio hanno partecipato 402 progetti provenienti da 30 paesi. B. LABORATORI URBANI Lo scopo dell iniziativa Laboratori Urbani è riqualificare edifici dismessi per trasformarli in nuovi spazi pubblici per la creatività giovanile. Attraverso un bando pubblico (marzo 2006) destinato ai comuni pugliesi, la Regione Puglia sta finanziando il recupero, la rifunzionalizzazione e la gestione di ex mattatoi, antichi monasteri, capannoni industriali in abbandono, scuole in disuso e altri immobili di proprietà pubblica. BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 6

7 I comuni beneficiari di finanziamenti affidano in gestione i Laboratori Urbani ad organizzazioni del territorio, attraverso procedure di evidenza pubblica. Ogni Laboratorio Urbano ha contenuti e caratteristiche proprie: luoghi per l arte, lo spettacolo e il recupero delle tradizioni e degli antichi mestieri; luoghi di uso sociale e sperimentazione delle nuove tecnologie; servizi per il lavoro, la formazione e l imprenditorialità giovanile; spazi espositivi, di socializzazione e di ospitalità. Gli immobili oggetto di intervento sono complessivamente 151, distribuiti su tutto il territorio pugliese. L azione Laboratori Urbani rappresenta la più importante operazione di infrastrutturazione materiale a servizio della creatività e dell attivazione giovanile mai realizzata da una regione italiana, e nel 2009 è stata selezionata come buona prassi dalla Commissione Europea nell ambito dell Anno Europeo per la Creatività e l Innovazione. Alcuni esempi di Laboratori Urbani attivi:! ExFadda: spazio pubblico per l'aggregazione, la creatività e l'innovazione sociale che nasce dalla riqualificazione dell ex stabilimento enologico Dentice di Frasso a San Vito dei Normanni (Br)! Laboratorio Urbano Culturale Peppino Impastato : centro culturale polifunzionale nel vecchio Mercato Ittico a Manfredonia (Fg);! La Casa della Musica: laboratorio di ricerca musicale nell ex Mercato dei Fiori a Trepuzzi (Le);! Telesuono: laboratorio di produzione audio-visiva ed editoria multimediale nell ex Pretura a Rutigliano (Ba) ;! The Factory Urban Lab: spazio di aggregazione sociale e culturale in una ex scuola comunale di Palagiano (TA). L intero processo si è contraddistinto per alcuni elementi di innovatività, in una duplice direzione. Dall alto: la Regione Puglia sta monitorando e raccontando il lungo processo di trasformazione degli spazi dalla progettazione degli interventi con il coinvolgimento delle comunità locali, all apertura dei cantieri, alle gare per l affidamento della gestione, fino all apertura al pubblico e alla pubblicizzazione delle attività che si svolgono promuovendo conversazioni aperte e continue tra tutti i soggetti coinvolti, in modo da garantire la circolazione delle informazioni, la trasparenza dei procedimenti e il coinvolgimento delle comunità locali. Dal basso: intorno all iniziativa Laboratori Urbani si sono moltiplicate esperienze locali di progettazione partecipata (forum civici, incontri con la cittadinanza, Open Space Technology, passeggiate di cantiere ecc.) che hanno dato impulso al processo generando atteggiamenti collaborativi tra amministrazioni comunali, tecnici, realtà associative, stakeholder e giovani cittadini. Ad oggi, giugno 2013, sono state stipulate 71 convenzioni tra la Regione Puglia e gli enti locali beneficiari dei finanziamenti; 149 cantieri per il recupero degli immobili sono stati attivati (pari al 99% degli interventi) e 138 hanno terminato i lavori. Circa 100 laboratori sono pienamente attivi o in via di attivazione e i rimanenti 50 dovranno essere attivati dalle amministrazioni comunali entro l anno. Uno studio indipendente sulle dinamiche di partecipazione giovanile innescate dall azione Laboratori Urbani per un verso ha sottolineato l efficacia della strategia di coinvolgimento delle comunità locali e degli operatori di settore messe in atto dagli uffici regionali; per altro verso ha rilevato: - la difficoltà a tenere viva l attenzione sui Laboratori Urbani e ad alimentare in modo continuativo i processi di mobilitazione e partecipazione in un periodo di tempo ampio e a fronte di procedure complesse; - la percezione di dinamiche escludenti di fronte al carattere selettivo della gara per l affidamento della gestione; - l esigenza di potenziare le sinergie e le relazioni di rete tra Laboratori Urbani e tra essi e le imprese e associazioni giovanili attive sui territori. BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 7

8 C. CANTIERE DELLA LEGALITÀ Il Cantiere aperto della Legalità è l insieme delle azioni e degli interventi che Bollenti Spiriti promuove per la diffusione della cultura della legalità fra i giovani e per il riuso sociale dei beni sottratti alla criminalità organizzata. Gli obiettivi del Cantiere della Legalità: creare un movimento giovanile nazionale ed internazionale per la promozione della legalità che abbia come fine la prevenzione del crimine organizzato; accrescere la conoscenza dei differenti aspetti legati al fenomeno del crimine organizzato ed incrementare le capacità dei giovani e delle associazioni giovanili per diffondere la cultura della legalità e dell impegno; attivare spazi creativi, eventi di formazione e discussione sul tema dell azione civile e non violenta a contrasto alla criminalità organizzata; consolidare sperimentazioni regionali sul riuso sociale di beni sottratti alla criminalità organizzata e sulla promozione delle tematiche della legalità e della memoria. La principale iniziativa del Cantiere della Legalità è Libera il Bene. Libera il Bene promuove il recupero, la riconversione ed il riuso dei beni confiscati in Puglia alla criminalità organizzata, per scopi sociali, economici e di tutela ambientale. Nel 2010 sono stati finanziati 10 progetti di recupero e riuso sociale presentati dai Comuni di Andria, Cassano delle Murge, Cerignola, Lecce, Mesagne, Putignano, Sannicandro di Bari, Taurisano, Trani e Ugento in collaborazione con enti e associazioni del territorio selezionati tramite una procedura di evidenza pubblica. A marzo 2013 sono stati reperiti i fondi necessari al finanziamento dei progetti dei comuni di Altamura, Casarano e Latiano. L obiettivo è trasformare i beni sequestrati di queste comunità non solo in un simbolo concreto di lotta alle mafie, ma anche in una occasione di sviluppo sociale, economico e occupazionale dei territori. Libera il Bene è un iniziativa promossa dalla Regione Puglia nell ambito del PO FESR (Asse III, Linea di Intervento 3.4, Azione ) e del Programma Bollenti Spiriti, realizzata in collaborazione con l Associazione Libera. D. SITO WEB, CAMP E COMUNITA ON LINE BOLLENTI SPIRITI 2.0 L azione di Bollenti Spiriti sul web non è limitata al solo tema dell informazione / comunicazione verso i giovani ma costituisce un esempio di utilizzo della Rete come strumento al servizio delle politiche pubbliche secondo le pratiche e la filosofia del c.d. web 2.0 (centralità dell utente come fruitore/produttore di contenuti, elevata interattività, gestione molti-a-molti delle relazioni etc.). BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 8

9 Con una media di pagine lette al giorno, circa iscritti alla comunità virtuale, più di interventi postati dagli utenti sul blog collettivo, 600 video, migliaia di fotogallery pubblicate dalla comunità e iscritti alla pagina Facebook, il sito Bollenti Spiriti è, ad oggi, una delle esperienze più note e partecipate in Italia di uso del web 2.0 da parte di una istituzione. La piattaforma viene interamente sviluppata in house dallo staff del Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale con l impiego di software open source. La stessa strategia di intervento, basata sullo sviluppo di relazioni e la costruzione di comunità come strumenti di sviluppo del capitale umano, ha portato la Regione Puglia a sperimentare già dal prima istituzione in Italia - i metodi aperti delle un-conference o BarCamp per realizzare incontri ed eventi pubblici dedicati alla creatività e all attivazione giovanile: - CreativeCamp, Complesso Santa Scolastica, Bari (2007, nell ambito della Notte dei ricercatori); - B_CreativeCamp Fiera del Levante, Bari (2008, Biennale dei Giovani Artisti); - Principi Attivi Camp Fiera del Levante, Bari (2009); - Bollenti Spiriti Camp Fiera del Levante, Bari (febbraio 2010); - Bollenti Spiriti Camp Manifatture Knos, Lecce (giugno 2012) E. STUDI E RICERCHE Tutte le azioni di Bollenti Spiriti sono state accompagnate da attività di studio e ricerca sul campo per migliorare la conoscenza dello scenario e valutare gli effetti dell iniziative realizzate. Oltre alla già richiamata ricerca Cosa Bolle in Pentola - presentata nel 2007 e che ha costituito la base conoscitiva per progettare e realizzare le succesive iniziative a supporto dell attivazione giovanile - nel periodo settembre 2009 giugno 2010 è stata realizzata la ricerca Meccanismi e outcomes delle politiche giovanili in puglia realizzata dal Dipartimento di Psicologia, Sezione di Sociologia, dell Università degli Studi A. Moro di Bari. La ricerca è stata commissionata dall Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva con l obiettivo di misurare l impatto di Bollenti Spiriti, e in particolare delle iniziative Principi Attivi e Laboratori Urbani, in termini di partecipazione. La ricerca ha coinvolto un campione di 400 giovani coinvolti nelle attività di Bollenti Spiriti, ed è stata condotta attraverso questionari, interviste, focus group e studi di caso. Una sezione specifica della ricerca è stata condotta finalizzata a ricostruire le modalità di funzionamento della comunità on-line attraverso strumenti di Social Network Analysis. Il rapporto di ricerca è stato presentato a giugno 2010 ed è stato successivamente pubblicato con il titolo Giovani che partecipano una ricerca sulla politiche giovanili della Regione Puglia (Aracne, 2011). Più in generale l esperienza di Bollenti Spiriti pur non accompagnata da uno specifico investimento in comunicazione gode oggi di grande notorietà grazie al passaparola e all interessamento di studiosi, esperti, media e opinion leader in ambiti molto diversi: dall innovazione sociale, all e-democracy e all egov 2.0, alle politiche per la creatività, alla democrazia partecipata, alla comunicazione pubblica, allo sviluppo locale sostenibile. Negli ultimi due anni l esperienza di Bollenti Spiriti è stata presentata in numerosi convegni e incontri di studio di livello nazionale e internazionale, tra cui: - European Open Days 2009 (Unione europea e Regione Basilicata); - Filigrane giovani connessioni di comunità (Regione Toscana Ministero della Gioventù); - Demotopie, cittadinanza Digitale e Post Democrazia (Regione Veneto); BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 9

10 - New Directions for Active Citizen Involvement in the Network Society (Politecnico di Milano): - XXIV Convegno Società Italiana Scienza della Politica - Politiche urbane in Italia e governo della città; - Festival della Creatività 2010 (Comune di Firenze, Regione Toscana); - Festival dell Architettura Think Town Terni 2010 (Giovani Architetti Terni, Regione Umbria); - Social Media Week 2010 Milano; - L'innovazione sostenibile - Forlì (2011, Camera di Commercio Forlì Cesena, Comune di Forlì) - Generazione nomade, Le politiche giovanili si muovono in autonomia (2012, Regione Toscana); - Festival dell'economia anteprima (2012, Bari); - [re]vive Riattivazione Salone (Milano Design Week 2013); - Festival dell'economia di Trento (Trento, 2013). Le politiche giovanili della Regione Puglia sono state scelte come caso di studio in numerose pubblicazioni, ricerche e rapporti sull innovazione nelle politiche pubbliche, tra cui: - L'Italia che c'è - Rapporto 2010 Italia Decide - Italia Decide - Associazione per la qualità delle politiche pubbliche; - Innovazione e Pubblica Amministrazione, Attori e istituzioni nei processi di policy-making a cura di Francesco Paolo Cerase - Bruno Mondadori 2010; - Investire nelle nuove generazioni: modelli di politiche giovanili in Italia e in Europa - IPRASE Trentino 2010; - Genius Loci Archivio della generatività italiana - Istituto Luigi Sturzo; - "Territori creativi: l'organizzazione delle politiche a supporto della creatività" a cura di Fabrizio Montanari - Egea Bocconi, Milano 2011; - "I Casi di studio ISFOL: Bollenti Spiriti Principi Attivi" a cura di Marta Consolini - ISFOL Ministero del Lavoro, Roma LE NUOVE ATTIVITA IN CORSO In ragione dei risultati raggiunti, la Regione Puglia ha elaborato una strategia sviluppo del programma basata sulla valorizzazione delle capacità creative, innovative e di trasformazione che le giovani generazioni sono capaci di esprimere. > IL NUOVO BANDO PRINCIPI ATTIVI 2012 A giugno 2012 è stato pubblicato il nuovo bando Principi Attivi Giunto alla sua terza edizione, Il meccanismo di funzionamento resta sostanzialmente uguale alle precedenti due edizioni: una buona idea, minimo due persone, un contributo fino a Euro e un anno di tempo per realizzare le attività proposte. Solo due sostanziali novità: - una rimodulazione dei criteri di valutazione che assegna un peso maggiore al follow up, ovvero alle prospettive di prosecuzione delle attività dopo la conclusione del progetto (40 punti su 200); - la modalità di presentazione delle domande, che è stata interamente informatizzata. BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 10

11 A marzo 2013 è stata pubblicata la graduatoria che individua i 173 progetti vincitori che partiranno tra luglio e settembre > LABORATORI DAL BASSO Laboratori dal Basso è un'azione sperimentale di apprendimento collaborativo e tra pari per rafforzare le competenze dei giovani che stanno realizzando o intendono realizzare un'esperienza imprenditoriale. L'obiettivo dei Laboratori dal Basso è consentire ad un grande numero di giovani pugliesi di imparare insieme a fare impresa secondo principi di sostenibilità economica, ambientale e sociale partendo dalla loro domanda di conoscenza e non, come accade di solito, da un'offerta didattica. LdB è declinato attraverso tre diversi strumenti operativi. 1) LABORATORI DAL BASSO Le "giovani idee" che vogliono imparare a fare impresa sostenibile sono invitate a mettersi insieme per decidere cosa, da chi e in che modo imparare; 2) LABORATORI DAL BASSO TESTIMONIANZE Le organizzazioni e i gruppi di giovani in cerca di ispirazione possono invitare in Puglia persone che hanno realizzato percorsi eccellenti di innovazione e imprenditorialità; 3) LABORATORI DAL BASSO - MENTORING Gli imprenditori senior con esperienze e competenze sono incoraggiati a proporsi come mentori di giovani realtà in start up. Laboratori dal Basso è una iniziativa sperimentale realizzata dall'arti e da Bollenti Spiriti per aumentare la capacità istituzionale dell amministrazione regionale nell ambito dell intervento Innovazione per l Occupabilità del Piano Straordinario per il Lavoro 2011 della Regione Puglia, cofinanziato dall UE attraverso il PO FSE , ASSE VII Capacità Istituzionale. > UN CENTRO RISORSE PER I LABORATORI URBANI Nel 2012 la Regione Puglia ha attivato un Centro Risorse a servizio dei Laboratori Urbani in grado di :! potenziare le competenze generali e specialistiche degli operatori dei Laboratori Urbani;! realizzare attività di formazione, consulenza e tutoring;! creare occasioni di confronto e co-progettazione tra Laboratori Urbani e tra Laboratori Urbani e altre realtà culturali e sociali dalla caratteristiche simili;! realizzare visite ad esperienze nazionali ed estere;! realizzare una comunità di pratiche dei Laboratori Urbani. Il Centro Risorse Laboratori Urbani è gestito da una RTI composta da: Fondazione Fitzcarraldo (Capofila), Struttura s.r.l., Soc. Coop. Ricerca e Sviluppo e Noos s.r.l. > UN BANDO PER GLI SPAZI PUBBLICI PER LA CREATIVITA' GIOVANILE Si tratta di un nuovo dispositivo destinato alle organizzazioni che gestiscono spazi pubblici per la creatività giovanile (Laboratori Urbani e non). Questi gli obiettivi della nuova iniziativa:! supportare l interazione fra spazi creativi, reti locali e territorio, moltiplicando le occasioni di collaborazione con i giovani, le imprese culturali e l associazionismo di base;! rafforzare e diversificare le attività e i servizi realizzati all'interno degli spazi;! migliorare la qualità degli spazi attraverso una nuova dotazione di attrezzature;! favorire il coinvolgimento dei giovani nella programmazione e nella realizzazione delle attività. Attraverso il primo bando (2011) sono stati finanziati 37 progetti riguardanti diversi ambiti di intervento: dalle arti e spettacolo alle tradizioni locali, dal turismo al web, dalla musica al cinema e alla grafica. La seconda edizione del band verrà emanata nel corso del BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 11

12 7. IL FUTURO DI BOLLENTI SPIRITI Al momento sono in corso di elaborazione le nuove attività del programma Bollenti Spiriti. L approccio è sempre basato su partecipazione diretta e attivazione,ma la scommessa è coinvolgere segmenti sempre più ampi di popolazione giovanile. L obiettivo è reinventare Bollenti Spiriti per fare in modo che tutti i giovani pugliesi, ma veramente tutti, possano sentirsi a pieno titolo una risorsa per la rinascita della nostra regione. INFO E CONTATTI REGIONE PUGLIA Assessorato alle Politiche Giovanili Servizio Politiche giovanili e cittadinanza sociale Lungomare N. Sauro, BARI Tel / Fax Web: bollentispiriti.regione.puglia.it BOLLENTI SPIRITI Scheda informativa vers. 1.5 del Pag. 12

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015

Bando chefare. 1. Cos è. 2. Contesto. Milano, 18/04/2015 Milano, 18/04/2015 Bando chefare 1. Cos è L Associazione Culturale chefare pubblica il presente bando con la finalità di: 1. assegnare un contributo a favore di un progetto di innovazione culturale caratterizzato

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli