Titolo del Progetto Risorse Smart srls - Network per la valorizzazione dei sottoprodotti organici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo del Progetto Risorse Smart srls - Network per la valorizzazione dei sottoprodotti organici"

Transcript

1 EXECUTIVE SUMMARY INFORMAZIONI GENERALI: Titolo del Progetto Risorse Smart srls - Network per la valorizzazione dei sottoprodotti organici Dati del Capo Progetto Maria Grazia Signorello nata a Catania il 22 luglio Da sempre sensibile ed attratta da temi di natura economica-agraria ed ambientale rivolti soprattutto alla salvaguardia del territorio e delle risorse naturali. Nell AA laurea in Scienze Agrarie con il massimo dei voti e abilita all esercizio della professione di Agronomo. Consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Economia e Politica Agraria. L ormai ultra ventennale collaborazione con enti di ricerca pubblici e privati ha permesso di acquisire competenza e professionalità nella progettazione e gestione di strumenti di programmazione e finanziamento inerenti la ricerca e l innovazione in ambito agricolo ed agroalimentare. Contatti: Cell.: Impresa già esistente DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE Elementi distintivi dell idea Risorse Smart s.r.l.s. network per la valorizzazione dei sottoprodotti organici, è una start up innovativa costituita da quattro donne residenti nel territorio siciliano. L oggetto sociale della start-up è lo sviluppo e la produzione di un servizio innovativo ad alto valore tecnologico in ambito agroalimentare con particolare attenzione alla salvaguardia dell ambiente. Risorse Smart s.r.l.s. intende ASSOCIAZIONE MAKE A CHANGE Piazza Diaz 6, Milano Tel , Fax ,

2 creare una piattaforma ICT che sia punto di incontro tra operatori di domanda e di offerta dei residui colturali agricoli e agro-zootecnici (paglia di cereali, scarti di potatura legnosi e verdi, deieizioni di bovini e suini, pollina) e degli scarti e sottoprodotti organici derivanti dai processi di lavorazione, trasformazione e commercializzazione delle principali filiere agroalimentari (pastazzo residuo dalla spremitura degli agrumi, sansa residua dalla molitura delle olive, siero residuo della caseificazione, pasta e pane non idonei alla commercializzazione, ed altri).l obiettivo è quello di colmare un vuoto di processo tra domanda e offerta al fine di valorizzare gli scarti e i sottoprodotti a fini energetici (biomasse, biocarburanti, bioplastiche) ma anche come ammendanti e biofertilizzanti. Spessissimo i sottoprodotti e gli scarti vengono gestiti come se fossero rifiuti aumentando le emissioni nell ambiente e contribuendo a distruggere il patrimonio naturale. Tale gap costituisce da un lato un forte spreco di prodotti ancora con un importante potenziale, e dall altro una elevata fonte di inquinamento per l ambiente in cui vengono rilasciati senza alcun controllo. La creazione della piattaforma virtuale, determinerà un radicale cambiamento dell attuale gestione dello scambio di biomasse fra i fornitori, che necessitano di eliminare dall azienda i loro prodotti di scarto, e i fruitori (biodigestori, zootecnia, agricoltura) che hanno bisogno di tali sostanze per utilizzarli nei processi aziendali. Quali bisogni si vogliono soddisfare Il territorio siciliano, se pur con grande ritardo rispetto al resto del Paese, ha recentemente visto nascere impianti di valorizzazione degli scarti e dei sottoprodotti per la produzione di energia rinnovabile (impianti di combustione e impianti di digestione anaerobica) e i recenti eventi e l evoluzione normativa in corso fanno auspicare un notevole incremento del numero di tali impianti nel brevissimo tempo. Il recentissimo accordo siglato fra la Regione Siciliana e la multinazionale Mossi & Ghisolfi per la conversione del polo petrolchimico di Gela (CL) (da anni fonte di inquinamento del territorio circostante) in bio-raffineria per la produzione di bioetanolo di seconda generazione mostra l inversione di tendenza verso politiche di green economy. Il nuovo impianto verrà alimentato da Arundo donax L. (canna comune) e scarti della coltivazione dei cereali (paglia). Considerando le notevoli dimensioni degli impianti in progetto, saranno necessarie ingenti quantità di biomassa e il network Risorse Smart s.r.l.s può organizzare l offerta, al momento frammentata delle moltissime micro-aziende agricole che caratterizzano la realtà siciliana. Risorse Smart s.r.l.s. intende diventare punto di riferimento per chiunque, in una fase iniziale sul territorio regionale, voglia sviluppare processi che prevedano l impiego di scarti e sottoprodotti agricoli e agroalimentari. Tale metodologia, dopo un iniziale avvio, si riprodurrà su scala sia nazionale che europea. La società svolgerà la propria attività prevalentemente in Sicilia, realtà ben nota a tutte le socie e congiuntamente riconosciuta quale prioritaria di interventi decisi che invertano presto la rotta intrapresa. Certamente, trattandosi di una piattaforma digitale accessibile dal web, la società si aspetta di ricevere richieste di autenticazione al portale anche da soggetti che operano al di fuori del contesto regionale. Tali richieste verranno gestite con l impegno da parte della compagine societaria a sviluppare reti di imprese sui territori che manifestano questa esigenza.

3 Per divulgare e diffondere le iniziative proposte dalla società verranno organizzati incontri e seminari con il supporto scientifico dei soggetti pubblici e privati che hanno manifestato interesse nella realizzazione di questa società start-up innovativa. Essi saranno realizzati prioritariamente sul territorio regionale, ma in un secondo momento si organizzeranno incontri anche nelle altre regioni del nostro Paese. La società, sfruttando le esperienze pregresse realizzerà studi di fattibilità su commissione di imprenditori che intendono avviare la progettazione e realizzazione di nuovi impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre, la società condurrà analisi di sostenibilità economica, ambientale e sociale su commissione di soggetti pubblici e privati che intendono condurre studi e approfondimenti sui temi legati alla sfera delle agroenergie, della bioeconomia e della sostenibilità economica, ambientale e sociale dei processi produttivi. A tal proposito, è previsto nel piano degli investimenti iniziale l acquisto di un software per l elaborazione dell analisi LCA (Life Cycle Analysis) che verrà utilizzato per adempiere agli incarichi commissionati alla società. Infine, Risorse Smart s.r.l.s. si pone l obiettivo di mettere a punto un sistema di tracciabilità delle biomasse in ingresso negli impianti di valorizzazione energetica, al fine di render noto l intero percorso del bene dal produttore (sia esso agricoltore o impresa agroalimentare) al fruitore. Tramite le collaborazioni con enti di ricerca, si metterà a punto un sistema in grado di garantire l effettiva avvenuta consegna delle biomasse, abbattendo così eventuali probabili gap opachi del sistema attuale. Dalle attività messe in atto da Risorse Smart s.r.l.s si auspica incremento delle opportunità di lavoro sul territorio regionale e non solo, di tecnici, esperti di settore, operatori in logistica contribuendo a migliorare la capacità occupazionale e sociale. IMPATTO SOCIALE ATTESO Descrivere come l idea migliorerà la vita della comunità beneficiaria e/o la qualità dell ambiente Le analisi condotte dalle socie di Risorse Smart s.r.l.s. in seno al Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell Università degli Studi di Catania hanno evidenziato una mancanza di comunicazione tra produttore e utilizzatore, che non consente un ottimale utilizzo delle risorse disponibili. E' dimostrato che in Sicilia ciascun comparto della filiera (produzione biomassa riutilizzo) non è ottimizzato, e il costo finale dell'energia prodotta dagli impianti può risultare non competitivo in confronto al combustibile tradizionale. Per raggiungere una competitività della biomassa nel settore energetico, è indispensabile l utilizzo di strumenti innovativi e tecnologici su piattaforma informatizzata sia per la stima dei costi di localizzazione, sia per facilitare la comunicazione tra la produzione e approvvigionamento di biomassa, e la consegna della stessa all'impianto. L approccio innovativo proposto da Risorse Smart s.r.l.s. consente di ottimizzare la collocazione geografica di ogni segmento della filiera, e la scelta della tipologia di biomassa idonea, valutando e possibilmente minimizzando l'effetto di ciascun fattore sul costo finale dell'energia prodotta. Dalla rilevazione delle produzioni di biomassa effettuata in Sicilia emerge che attualmente l utilizzazione di tali biomasse è molto diversificata e che cambia a seconda dei luoghi ed in relazione a diversi fattori.

4 Risorse Smart s.r.l.s. intende colmare il gap intrinseco al sistema e creare opportunità di incontro tra domanda e offerta, in modo da soddisfare i bisogni del mercato. Oggi, la destinazione prevalente delle biomasse sul mercato non soddisfa i produttori, per i quali addirittura spesso la gestione rappresenta un costo. A titolo esemplificativo si cita la paglia di cereali che viene destinata ad usi zootecnici o non viene raccolta dai campi e il pastazzo di agrumi che viene smaltito e allontanato dagli impianti come fosse un rifiuto, mentre è una preziosa risorsa valorizzabile. I servizi offerti da Risorse Smart s.r.l.s. mirano a far chiarezza sulla netta distinzione tra i concetti di rifiuto e sottoprodotto (chiaramente distinti dalla normativa di riferimento si veda punto C.13 del presente piano di impresa), rassicurando gli imprenditori che impiegano le biomasse nei loro processi produttivi. Risorse Smart s.r.l.s. punta ad azzerare i costi per lo smaltimento delle matrici che ingiustamente vengono gestite come rifiuti e a incrementare i ricavi di coloro che già destinano i propri scarti a mercati che non li valorizzano adeguatamente. Alla luce dei recenti eventi socio-politici regionali e nazionali (vedi decreto biocombustibili e accordo Eni-M&G) Risorse Smart s.r.l.s. sarà in grado di supportare, studi e ricerche su analisi di sostenibilità economica, ambientale e sociale tutti gli enti di ricerca pubblici interessati sui temi delle agroenergie, della bioeconomia e della sostenibilità dei processi produttivi. MERCATO DI RIFERIMENTO Clienti Risorse Smart s.r.l.s. fornirà servizi agli utenti che richiederanno l autenticazione per l accesso alla piattaforma virtuale. Determinare quanti soggetti ruscirà a intercettare il network non è stato semplice e per farlo si è partiti da alcuni dati quantitativi noti, ed elaborati personalmente dalle socie della compagine proponente nell ambito delle collaborazioni con il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell Università degli Studi di Catania. Le biomasse considerate, in termini di disponibiltà totale regionale quantificata dall indagine del Di3A sulla base dell elaborazione di dati pubblicati da ISTAT, FAO, CLAM, Sistema Informativo Veterinario e acquisiti tramite indagini dirette, sono: Paglia di cereali: t t.q. Pastazzo: t t.q. Siero: t t.q. Sansa: t t.q. Deieizioni bovini e suini: t t.q. Scarti organici del MAAS (Mercati Agro-Alimentare Sicilia): 850 t t.q. Oltre i sopracitati prodotti sono stati considerati anche gli scarti di potatura legnosi dei boschi e delle aziende agricole, rispettivamente pari a t t.q. e t t.q., stimati dall ENEA nel report Censimento potenziale energetico biomasse, metodo indagine, atlante Biomasse su WEB-GIS. In realtà l offerta regionale di biomassse potenzialmente coinvolgibili nell iniziativa è molto più ampia (es. scarti organici dei punti vendita al dettaglio e all ingrosso, pollina, prodotti alimentari scaduti, coltivazioni a scopo food/feed che in fase di raccolta non sono idonei a tali scopi e potrebbero essere impiegati per la

5 produzione di energy, e molti altri) ma non esistono fonti di riferimento per la determinazione delle quantità prodotte. Quindi, si è valutato di coinvolgere per il primo anno dell iniziativa solo le biomasse di cui si dispone di dati certi (considerando di poter intercettare nel network solo una piccolissima parte di esse: circa il 3% del totale) ipotizzando il numero di fornitori delle stesse. Per il secondo anno si immagina di poter utilizzare delle biomasse di aziende che hanno già manifestato interesse diretto per implementare un sistema che migliori la gestione dei loro sottoprodotti. Le quantità considerate a tal proposito sono state fornite dagli imprenditori nel corso di indagini face to face non certificabili. Nel corso del terzo anno di attività, la società, dopo avere attivato collaborazioni con tecnici e operatori per stimare il potenziale energetico regionale, sfrutterà circa il 10% delle biomasse prodotte nel complesso. Gli imprenditori che verranno coinvolti sin dall avvio dell iniziativa, tra gli operatori di domanda nella piattaforma, sono 4 imprese che già esercitano la loro attività nel territorio siciliano: 2 impianti di digestione anaerobica per la produzione di biogas e quindi di energia elettrica, con potenza totale installata pari a 1,6 MWe; 1 impianto di produzione di argilla che ha scelto di impiegare un combustibile rinnovabile per alimentare gli alti forni necessari nel processo di cottura dell'argilla: la paglia di grano duro siciliano; 1 impianto che impiega cippato di legna per produrre energia termica ed elettrica. Mercato primario di riferimento e futuri Mercati A seguito delle attività che intende realizzare Risorse Smart s.r.l.s., è stato previsto un aumento delle adesioni sia da parte di imprese che hanno bisogno di biomasse sia da parte di coloro che le metteranno a disposizione del sistema. Nel secondo anno l obiettivo prefisssato è quello di riuscire a far associare anche 1 impianto di compostaggio; nel corso del terzo anno la società, auspicando la nascita di nuovi impianti a biometano, prevede la partecipazione al network di ulteriori 2 impianti di digestione anaerobica. Quali sono eventuali concorrenti Risorse Smart s.r.l.s. nella gestione del servizio che propone attualmente non ha competitori diretti poichè non esiste a livello regionale ne nazionale una società che propone gli stessi servizi. Non è possibile dunque individuare e descrivere concorrenti che forniscono lo stesso prodotto ma è possibile solo effettuare una comparazione con il mercato diretto di compravendita di tali prodotti di scarto. Infatti, al momento i fornitori di biomasse, non avendo un servizio che gli permetta la veloce e sicura collocazione del loro prodotto, ricercano nel territorio circostante e limitrofo alla propria azienda la più rapida collocazione che spesso non coincide con la più redditizia o, peggio ancora, con la più corretta da un punto di vista di sostenibilità ambientale, economia e sociale. Strategie di vendita In Sicilia, dopo l accordo siglato tra gli amministratori regionali e la multinazione Mossi & Ghisolfi per la realizzazione di due bioraffinerie sull isola per la produzione di Bioetanolo di seconda generazione, si avrà sicuramente un deciso sviluppo del comparto agroenergetico.

6 L ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l Ambiente) nel report Censimento potenziale energetico biomasse, metodo indagine, atlante Biomasse su WEB-GIS ha tentato di stimare il potenziale agro-energetico del territorio nazionale, e ha chiarito che la criticità della filiera agroenergetica è rappresentata dalle attuali forme di conferimento. Risorse Smart s.r.l.s. intende divenire un facilitatore di processo, proponendo servizi ad alto grado di innovazione. La nascita della piattaforma web comporterebbe un determinante incremento di occasioni per la vendita e l acquisto di scarti agricoli e agro-zootecnici e sottoprodotti agro-alimentari. Il nostro supporto permetterebbe di colmare il gap tipico dell economia siciliana, e non solo: aziende agricole di piccole dimensioni che hanno scarse quantità di prodotto e non riescono ad aggregarsi per fornire le quantità richieste dalle imprese che hanno un taglio industriale. Il canale di diffusione privilegiato da Risorse Smart s.r.l.s., è internet. Attraverso il sito web, saranno offerti i servizi e saranno promosse le strategie per far incontrare domanda e offerta. Il progetto proposto in realtà non è assimilabile a una operazione di compravendita ma ad un operazione di intermediazione. Il sito web promuoverà i servizi offerti da Risorse Smart s.r.l.s. tramite strumenti di marketing in rete. COMPONENTI DEL TEAM MARIAGRAZIA SIGNORELLO - AMMINISTRATORE Nasce a Catania il 22 luglio Da sempre sensibile ed attratta da temi di natura economica-agraria ed ambientale rivolti soprattutto alla salvaguardia del territorio e delle risorse naturali. Nell AA si laurea in Scienze Agrarie con il massimo dei voti e si abilita all esercizio della professione di Agronomo. Consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Economia e Politica Agraria. L ormai ultra ventennale collaborazione con enti di ricerca pubblici e privati le ha permesso di acquisire competenza e professionalità nella progettazione e gestione di strumenti di programmazione e finanziamento inerenti la ricerca e l innovazione in ambito agricolo ed agroalimentare. MARILU' FEDERICO - NETWORKING PROCESS MANAGER Nasce a Messina il 15 Dicembre Architetto iscritta all'albo professionale con esperienza nel settore della gestione e valorizzazione delle risorse ambientali e sviluppo strategico, approfondita e professionalizzata anche con il Master in "Gestione e Valutazione dei Beni Culturali e Ambientali" e successiva specializzzazione biennale. Arricchisce le sue competenze con il Dottorato di Ricerca in Economia Agroalimentare. Da oltre 15 anni svolge attività di ricerca e di consulenza nel settore dello sviluppo sostenibile per enti pubblici e privati. ROBERTA SELVAGGI - ENERGY & AGRONOMY MANAGER Nasce a Catania il 20 Febbraio Sensibile a temi quali la sostenibilità ambientale e l innovazione tecnologica, nel 2012 consegue, a pieni voti, la laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie discutendo una tesi sulle fonti energetiche rinnovabili e la bioeconomia. Sulla base dell esperienza pregressa, costruita affiancando esperti del settore e partecipando numerosi progetti di ricerca innovativi coordinati da enti pubblici e

7 privati, nel team di Risorse Smart coordina le attività tecnico-scientifiche per la gestione delle biomasse e gestisce i rapporti diretti con le aziende, e fornisce consulenze sui temi della sostenibilità economica, ambientale ed energetica. GRAZIA SICALI - WEB CONTENT MANAGER Nasce a Catania il 4 aprile Da giovanissima inizia la carriera giornalistica come telereporter, che svolge per oltre un ventennio. Giornalista professionista dal 2000 con esperienza nella comunicazione di enti pubblici e privati, consegue la Laurea in Scienze della Comunicazione Multimediale e un Master universitario in Giornalismo online. Negli ultimi anni, seguendo l'evoluzione della comunicazione, si è dedicata in particolar modo ai Social network e al Web Marketing. Co-Founder Risorse Smart srls con il ruolo di Pr e Web content manager. (Figure chiave del progetto di impresa e competenze: Nome Posizione/Ruolo ricoperto Esperienze pregresse). PRINCIPALI INFORMAZIONI ECONOMICO/FINANZIARIE Ricavi I ricavi della società saranno rappresentati dagli abbonamenti pagati dagli utenti che richiederanno l autenticazione e dalle quote variabili derivanti dalle transazioni. Il fattore di successo sarà rappresentato dai canali commerciali attivati. Le socie della compagine proponente saranno costantemente impegnate sul territorio per contattare personalmente le aziende e divulgare i servizi offerti dalla start-up. Partecipaeranno a tutte le manifestazioni, workshop e seminari del settore, per contattare nuovi possibili fruitori del servizio reso. Risorse smart s.r.l.s. lancerà #hastag nuovi, aprirà pagine fan su Facebook e su Twitter,e ottimizzerà i motori di ricerca. Costi I costi sono divisi in costi di gestione dell attività determinati considerando le risorse umane necessarie per la realizzazione e la gestione dell attività proposta. Per le 4 socie impegnate sarà riconosciuto l ammontare complessivo del Contratto Nazionale Commercio/Servizi con inquadramento di I livello per lavoro part-time. Inoltre si è prevista la collaborazione di professionisti (con partita iva) esperti di settore da contrattualizzare secondo le esigenze che emergeranno in corso d opera. E costi necessari allo svolgimento dell attività. Per quanto attiene i servizi, oltre alla manutenzione e al canone annuale del portale web e del server dedicato, si sono previsti costi per il consulente del lavoro e fiscale, oltre che per quello legale, costi per la locazione dell ufficio arredato ove avrà sede la società e i compensi per l amministratore. Si precisa che il costo di locazione dell ufficio non è

8 stato riportato nella sezione canoni di locazione, bensì in quella servizi, perché le socie ipotizzano di realizzare la sede societaria presso l immobile che è già locato da un altra società che cederà parte di esso per spazi dedicati a Risorse Smart s.r.l.s. Nella voce altri costi sono stati calcolati quelli da destinare a finanziamenti di progetti di Ricerca e sviluppo per aumentare sempre più la quantità di prodotto da commutare da scarto a risorsa. Sono stati previsti incontri seminariali e workshop a scopo informativo e divulgativo. Infine, oltre alle spese necessarie per le missioni del personale e per l acquisto di materiali di cancelleria vari, si sono calcolati i costi relativi alla stipula della fidejussione necessaria per ricevere l anticipazione, e dell aperura e tenuta conto di un conto corrente bancario dedicato. Costi A Costi B Altri costi Eventi divulgativi , ,00 Materiale di consumo /anno , ,00 Totale ( ) 6.841,00 Costi A+B richiesti a finanziamento ,00 Investimenti ricercati Oltre al finanziamento UBI banca, abbiamo attivato la ricerca di finanziamenti integrativi di sostegno della nostra idea imprenditoriale rispondendo al bando Inviatalia 2015 per circa ,00, che ci consentirebbero di attuare tutte le fasi progettuali. In caso di disponibilità dei finanziamenti previsti saremmo in grado di restituire il prestito entro i primi tre anni di attività. PERCHÈ SUPPORTARE LA NOSTRA IDEA IMPRENDITORIALE?

9 (riassumere le 4 motivazioni fondamentali, di cui almeno una riferita all ambito sociale) Perché siamo una sturt up innovativa composta da 4 donne residenti in territorio siciliano con tantissima voglia di vedere crescere la nostra impresa. Perché attraverso Risorse Smart s.r.l.s. possiamo maturare professionalmente ed economicamente conciliando le necessità familiari e l attività lavorativa. Perché il progetto intende colmare il gap tra domanda e offerta di sottoprodotti e scarti agroalimentari che costituiscono un grande valore economico e sociale per il territorio e l ambiente. Perché il progetto intende coinvolgere le comunità locali, gli imprenditori e gli enti pubblici incentivando la produzione di bioenergia in territorio siciliano e nazionale.

ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI. Recupero energetico. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti»

ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI. Recupero energetico. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Recupero energetico ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI GREEN JOBS Formazione e Orientamento ESPERTO DI BIO-DIGESTORI

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» GESTORE DI IMPIANTO AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» GESTORE DI IMPIANTO AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» GESTORE DI IMPIANTO AGRO-ENERGETICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il gestore di impianti agroenergetici è una figura professionale con diverse caratteristiche

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» IMPRENDITORE AGRO-ENERGETICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento La figura chiave di questo settore è naturalmente quella dell imprenditore agro-energetico.

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

Energia e Bioprodotti da biomassa

Energia e Bioprodotti da biomassa Tavola Rotonda BioEnergy Academy Energia e Bioprodotti da biomassa Silvana Castelli Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

I GREEN JOBS NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I GREEN JOBS NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IRES Istituto per le ricerche economiche e sociali Osservatorio Energia e Innovazione Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica I GREEN JOBS NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Presentazione

Dettagli

CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI

CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI Dott. For. Nicola Pavone Dott.ssa Anna Del Riccio Servizio di Programmazione

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI Prodest Progetto di Espressione e Sviluppo Territoriale soc. coop. a r.l. Via Milano, 14 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331-324948 Fax 0331-625798

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

BIOMASSA: Lo stato dell arte della bioenergia in Italia. Vito Pignatelli. Presidente Itabia OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?

BIOMASSA: Lo stato dell arte della bioenergia in Italia. Vito Pignatelli. Presidente Itabia OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Lo stato dell arte della bioenergia in Italia Vito Pignatelli Presidente Itabia Presentazione

Dettagli

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS Nelle seguenti tabelle sono illustrati i dettagli relativi al costo del personale per le attività progettuali condotte dall FCS con l indicazione delle sottofasi.

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile

il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile il biogas : non solo energia elettrica Dr. Agr. Stefano Bozzetto Rappresentante del C.I.B. nell European Biogas Association rinnovabile Tre tesi per il biogas fatto bene 1. Il biogas aiuta le imprese agricole

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2012, n. 2275

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2012, n. 2275 38200 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 novembre 2012, n. 2275 D.G.R. 1370/07 Programma regionale PROBIO. Approvazione della Banca dati regionale del potenziale di biomasse agricole. L Assessore

Dettagli

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary - Tutti i campi sotto riportati sono obbligatori - INFORMAZIONI GENERALI: (Titolo del Progetto, dati del Capo Progetto; segnalare se impresa già esistente oppure ancora

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» CONSULENTE SVILUPPO IMPIANTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» CONSULENTE SVILUPPO IMPIANTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» CONSULENTE SVILUPPO IMPIANTI GREEN JOBS Formazione e Orientamento Lo sviluppo di nuovi impianti è un area di attività che presenta diverse sfaccettature

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A.

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Parma, 8 maggio 2012 Giovanni Sorlini Responsabile Qualità, Ambiente e Sviluppo Sostenibile sorlini@inalca.it GRUPPO CREMONINI : ORGANIGRAMMA FAMIGLIA CREMONINI

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI IN AGRICOLTURA I BANDI DI FINANZIAMENTO DEL GAL

LE ENERGIE RINNOVABILI IN AGRICOLTURA I BANDI DI FINANZIAMENTO DEL GAL LE ENERGIE RINNOVABILI IN AGRICOLTURA I BANDI DI FINANZIAMENTO DEL GAL ASSE III Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell economia rurale MISURA 311 - Diversificazione in attività non

Dettagli

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE*

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* AGRICOLTURA 36 come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* Mentre gli Usa annunciano una nuova politica della green economy coinvolgendo soprattutto l agricoltura, l UE rilancia sulle politiche di lotta

Dettagli

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012

Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie. Cagliari, 10 Ottobre 2012 Il supporto della consulenza Agriventure sulle Agroenergie Cagliari, 10 Ottobre 2012 1 Perchè Agriventure?... perché lo sviluppo di un impresa passa anche attraverso precise strategie. Agriventure si propone

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015

L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 L agroalimentare di qualità ecologica nelle cinture verdi urbane: verso Expo 2015 5 Novembre 2015 Prof. Ing. Franco Cotana Direttore del CIRIAF Centro Interuniversitario di Ricerca sull Inquinamento e

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo? Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?' o biogas' o biomassa'solida' Comparazione'Arundo'Vs.'altre'colture''

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

Sviluppo tecnologico e scientifico per la. Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria

Sviluppo tecnologico e scientifico per la. Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria Sviluppo tecnologico e scientifico per la produzione di CSS Combustibile Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria SALUTI AUTORITÀ E APERTURA DEI LAVORI Camillo Piazza Presidente

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

La formazione. Master Gem edizione 2014

La formazione. Master Gem edizione 2014 La formazione per la Green economy Master Gem edizione 2014 Cosa è Master Gem Corso di alta formazione ad indirizzo specialistico in materia di green economy (energie rinnovabili, efficientamento e risparmio

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e l Innovazione in Agricoltura Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia 1 Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1, C3 PROGETTI

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A.

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello. in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. 2011/2012 QCM Direttore Scientifico del Master Prof. Gaetano Ragno Dipartimento

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA POLO SCIENTIFICO, TECNOLOGICO E PRODUTTIVO DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA ANALISI PROPOSTE PERVENUTE AL 20 GENNAIO

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

Bando PoI Energie Rinnovabili Ministero Sviluppo Economico

Bando PoI Energie Rinnovabili Ministero Sviluppo Economico Bando PoI Energie Rinnovabili Ministero Sviluppo Economico Note preliminari 30 Gennaio 2012 Considerazioni preliminari Esigenza: realizzare un impianto di produzione di energia da fonti rinnovabili che

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo Il Distretto come capofila di una svolta energetica Scopo del Consorzio di Distretto Agroenergetico Lombardo Coordinare, promuovere e perseguire la politica

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

10 marzo 2009. Lo sviluppo locale durevole nell era era delle risorse scarse

10 marzo 2009. Lo sviluppo locale durevole nell era era delle risorse scarse Biogas Regions 10 marzo 2009 Lo sviluppo locale durevole nell era era delle risorse scarse Gianni Caramanico Regione Abruzzo Il percorso di analisi e azione Analisi strategica 1. Situazione risorse Mercati,

Dettagli

XII Rapporto Agricoltura LA SFIDA DELLE BIOENERGIE

XII Rapporto Agricoltura LA SFIDA DELLE BIOENERGIE con il contributo di XII Rapporto Agricoltura LA SFIDA DELLE BIOENERGIE Tendenze e scenari per le energie rinnovabili in agricoltura EXECUTIVE SUMMARY Roma, 14 dicembre 2011 La diffusione delle bioenergie

Dettagli

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano CIBO ED ENERGIA L USO SOSTENIBILE DI SOTTOPRODOTTI E COLTURE DEDICATE Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano Sofia Mannelli Presidente Chimica Verde Bionet 1

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONE MARCHE, P.F. Innovazione, Ricerca e competitività dei settori produttivi POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 1 AZIONE

Dettagli

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON L UTILIZZO DI BIOMASSE Tema di ricerca 5.2.5.11 - Sviluppo di tecnologie innovative per le applicazioni stazionarie cogenerative delle celle a combustibile anche

Dettagli

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 IL GRUPPO MACCAFERRI OPERA IN VARI SETTORI INDUSTRIALI : SECI HOLDING GRUPPO INGEGNERIA AMBIENTALE INGEGNERIA MECCANICA COSTRUZIONI & INGEGNERIA CIVILE REAL ESTATE

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia. Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo

Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia. Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo Greenergy Expo 2010 - Milano, 17 novembre 2010 Agenda Il Gruppo

Dettagli

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014 Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso 7 febbraio 2014 Indice Principali aspetti del decreto biometano Le potenzialità della filiera della provincia di Treviso

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche.

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche. BANDO REGIONE MARCHE. INCENTIVI ECONOMICI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY. IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole

Dettagli

Il nuovo corso del biogas

Il nuovo corso del biogas Il nuovo corso del biogas Tipologie impiantistiche Impianto alimentato con prodotti di origine biologica e liquami bovini Impianto semplificato, alimentato con solo effluente zootecnico Impianti di tipo

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Allegato A UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Disposizioni generali per l attivazione del bando condizionato Aiuti all avviamento

Dettagli

Conoscenze tecnico-scientifiche che il personale addetto alla gestione degli impianti di biogas deve possedere

Conoscenze tecnico-scientifiche che il personale addetto alla gestione degli impianti di biogas deve possedere Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria Conoscenze tecnico-scientifiche che il personale addetto alla gestione degli impianti di biogas deve possedere Silvana Castelli

Dettagli

PREMIO. AGRIstart up. I edizione 2011. Regolamento

PREMIO. AGRIstart up. I edizione 2011. Regolamento PREMIO AGRIstart up I edizione 2011 Regolamento ART. 1 - DEFINIZIONE E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA Il Premio AgriStart Up (di seguito il Premio ), promosso e organizzato da Agriventure S.p.A, è una competizione

Dettagli

Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino

Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino 1 Sintesi osservazioni VIA del Polo Energie Rinnovabili di Castiglion Fiorentino Dr Federico Valerio Ricercatore Istituto Nazionale Ricerca sul Cancro di Genova Direttore Servizio Chimica Ambientale Consulente

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

trasporti chimica altro

trasporti chimica altro Proesa 3 La green revolution è realtà Senza il petrolio la nostra civiltà non esisterebbe. Oltre a fornire energia, il petrolio è la materia prima dalla quale si ricavano infiniti prodotti: dall abbigliamento

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013 ITINERA 2013 Energyland La filiera delle energie rinnovabili Programma Presentazione del progetto Itinera, Savoia Enrica Lo scenario energetico e il mercato,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN MANENERGY: MANAGEMENT E PROGETTAZIONE DELLE FILIERE BIOENERGETICHE

MASTER DI II LIVELLO IN MANENERGY: MANAGEMENT E PROGETTAZIONE DELLE FILIERE BIOENERGETICHE MASTER DI II LIVELLO IN MANENERGY: MANAGEMENT E PROGETTAZIONE DELLE FILIERE BIOENERGETICHE Proponente Università degli Studi della Basilicata Coordinatore Scientifico del Master Prof. Severino Romano Consiglio

Dettagli

Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata. Clara Uggè ETA-Florence

Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata. Clara Uggè ETA-Florence Biogenerazione distribuita l importanza della produzione energetica integrata Clara Uggè ETA-Florence Pisa, 18 marzo 2015 Obiettivi Valutazione degli aspetti tecnico economici relativi all impiego di impianti

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012

PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012 PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012 Missione Produzione di energia attraverso il recupero di scarti vegetali ed altre fonti rinnovabili derivanti da processi industriali ed agricoli eco-sostenibili.

Dettagli

Master di II livello in Management Agro-Alimentare

Master di II livello in Management Agro-Alimentare Master di II livello in Management Agro-Alimentare Dal 1984 valorizziamo talenti per l industria e la distribuzione alimentare XXXI Edizione 2014 2015 Con il patrocinio di Federalimentare (Federazione

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Le agroenergie nei provvedimenti regionali e nei decreti

Le agroenergie nei provvedimenti regionali e nei decreti Nuovo slancio a una terra unica Le agroenergie nei provvedimenti regionali e nei decreti Servizio Ricerca, Innovazione e Sviluppo del sistema agroalimentare DG Agricoltura, Economia Ittica e Attività Faunistico

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

Che cos è SPINN Agri. Perché SPINN Agri. Leve strategiche di sviluppo. Leve strategiche di sviluppo. Club di prodotto

Che cos è SPINN Agri. Perché SPINN Agri. Leve strategiche di sviluppo. Leve strategiche di sviluppo. Club di prodotto Progetto Integrato di Comparto agricoltura e vivaismo SPINN Agri Sistema Partecipato per l Innovazione in Agricoltura e Vivaismo Focus group 22 luglio 2010 Agriturismi Ce.Spe.Vi - Pistoia Che cos è SPINN

Dettagli

Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL

Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL Presentazione attività ECOVAL & CO. SRL Vr. 15/10 10/2013 Presentazione ECOVAL EcoVal & Co. Srl, fondata nel 2005 come nuova divisione operativa nel mondo energetico rinnovabile, è composta da figure professionali

Dettagli

The h Wa W y to t o be easy 1

The h Wa W y to t o be easy 1 The Way to be easy 1 Soluzioni e applicazioni a misura d uomo, anzi d impresa Semplicità, sintesi, efficacia, costi ridotti, contratti lineari, tutto per incrementare le performance dell azienda, creando

Dettagli

Dalle fonti rinnovabili alla Bioraffineria, attraverso il Bioetanolo di II generazione

Dalle fonti rinnovabili alla Bioraffineria, attraverso il Bioetanolo di II generazione Dalle fonti rinnovabili alla Bioraffineria, attraverso il Bioetanolo di II generazione Sandro Cobror Gruppo M&G 1a Conferenza Nazionale su Chimica ed Energia - 18-19.10.2010 - M&G. Alcuni numeri Presenza

Dettagli