ANALISI QUALITATIVA DEI MODELLI DI DISABILITÀ: LA PROSPETTIVA DI GENITORI, INSEGNANTI E EDUCATORI PROFESSIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI QUALITATIVA DEI MODELLI DI DISABILITÀ: LA PROSPETTIVA DI GENITORI, INSEGNANTI E EDUCATORI PROFESSIONALI"

Transcript

1 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Vol. 9, N. 2, 2006, pp ANALISI QUALITATIVA DEI MODELLI DI DISABILITÀ: LA PROSPETTIVA DI GENITORI, INSEGNANTI E EDUCATORI PROFESSIONALI STEFANO FEDERICI1, FABIO MELONI', ALBA BROGIONI3, ALESSANDRA LO PRESTI' QUALITATIVE ANALYSIS OF DISABILITY MODELS: THE PERSPECTIVES OF PARENTS, TEACHERS AND PROFESSIONAL EDUCATORS Abstract Identifying proper disability models that inform social and educational relationships ofpupils with disabilities is an important step forward in the analysis ofthose "communicative stimuli" that affect the development ofyoung people with disabilities (Federici. 2003), even beyond parental relationships. Moreove/; a survey aimed to know the points of view ofparents, teachers and educators might offer precious and rare information on the dissemination of principles stated in the International Classificalion offunctioning, Disability and Health (ICF; WHO, 2002) as well as on the biopsychosocialmodel for different categories ofpeople living in the same educational environment, but coming from different cultural and social backgrounds. Objectives. To explore any possible representation ofdisability which would orient opinions, attitudes, and behaviours in 83 individuals (teachers in regular schools and special teachers, parents of children with or without disabilities, social and medicai stajj, professional educators) in order to investigate tile relationship between disability, adaptation, socialization and development as well as to contribute to the dissemination ofthe biopsychosocialmodel introduced by the ICF. Metilod. The experimental objective has been checked through qualitative analyses, by means ofthe Atlas.ti software, for text coding and interpreting on 16 I Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Perugia e Centro Interdisciplinare di Ricerca Integrata per le Disabilità e le Tecnologie Assistive - ClRIO dell'università di Roma "La Sapienza". Piazza G. Ennini, J Perugia Telefax +39 (075) CelI , 2 Cattedra di Psicotecnologie dell'apprendimento per l'adattamento e l'integrazione dell'università degli Studi di Roma "La Sapienza"., Centro Interuniversitario di Ricerca sull'elaborazione Cognitiva nei Sistemi Naturali e Artificiali (ECONA) dell'università degli Studi di Roma "La Sapienza".

2 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disabi/ity focus group, a tool purposefully chosen to detect ali those aspects connected with the primary objective, which, by means ofquantitative analyses, uses the chi-square distributions. Results. The socialmodel ofdisability is a very well known model to ali professional groups, except for specialized teachers. Nevertheless, only parents ofchildren with disabilities and regular-c1ass teachers seem to strongly be willing to adhere to such a model. Whereas specialized teachers, social and medicai staff and professional educators c1aimfor a "transitiol1model" which oscillates between the social and the biopsychosocial models, parents ofchildren with no disabilities startfrom a different perspective oscillating between medicai and social models. Conclusions. Results from the qualitative analysis, using both manual and computerized (Atlas.ti software) procedures, show varying perspectives on disabilities, other than medicai, social and biopsychosocial models. The poor dissemination of the biopsychosocial model among parents highlights the lack of a vision which is "open" to personal development, social growth, improvement of the standards in the quality of life. This suggests a priority: the need for extending training and educational occasions also to parents, in order to promote a more effective management ofpersonal and environmental resources to face disabilities of their children, in the aim ofdeveloping and actually promoting a new "culture ofdiversities". 1. Introduzione 1.1 Dei modelli di disabilità Quando Peggy Quinn nel suo libro Understanding disability: A lifespan approach (1998) richiamava l'importanza di offrire precocemente ai genitori di bambini con disabilità informazioni sullo sviluppo dei loro figli - facendo loro comprendere come il bambino sarebbe cresciuto fisicamente, socialmente e cognitivamente e come aiutarlo e incoraggiarlo per ottenerne il massimo progresso - ancora una volta richiamava l'attenzione su come lo stimolo comunicativo influisce anche nella fase di quel diacronico processo comunicativo - che sempre ci costituisce nel nostro essere, vuoi di genitori o figli, vuoi di medici o pazienti, di normali o disabili - che orienta, certamente, e motiva, a volte, quel dover-essere come unfatto (espresso in quelle concrete situazioni che non sempre sono formulate dai genitori come possibili) in cui trovare il senso della relazione con quel figlio la cui diversità coglie inattesi. E se questo senso sorge dalla comunicazione di una disabilità valutata secondo un modello tipico di sviluppo, quale può essere quello di Erikson o Piaget, esso sarà inevitabilmente centrato sul deficit e sugli aspetti per cui bambini disabili non saranno in grado di adeguarsi alle norme di sviluppo attese (Rubenfeld e Schwartz, 1996). I modelli di disabilità sono, quindi, rappresentazioni categoriali entro cui

3 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità i rapporti sociali sono compresi, costruiti, dati; dove non solo ciascuno ritrova la propria identità, ma ne genera altre in quel sistema complesso di attributi che ci definisce: «È la società a stabilire quali strumenti debbano essere usati per dividere le persone in categorie e quale complesso di attributi debbano essere considerati ordinari e naturali nel definire l'appartenenza a una di quelle categorie» (Goffman, 1983, p. 2). Modelli che costituiscono quell'orizzonte comunicativo in cui un bimbo è generato e riconosciuto nella relazione intersoggettiva ed interlocutiva madre-figlio (Olivetti Belardinelli e Federici, 2004); che ne influenzano lo sviluppo (Bancroft e Carr, 1995), l'adattamento, la socializzazione e l'identità sessuale (Federici, 2002; 2003; Olivetti Belardinelli, Lo Priore, Brunetti e Federici, 2002; Olivetti Belardinelli, Brunetti, e Federici, 2002); che orientano le politiche dell'integrazione scolastica e della partecipazione sociale (Federici, Olivetti Belardinelli, e Micangeli, 2003; Asprey e Nash, 2006); che, quando si fondano su visioni etiche e teologiche patriarcali, favoriscono l'esclusione (Clapton, 1997), supportando politiche oppressive (Rose, 1997); che, sorti alla luce delle filosofie Zoroastriana, Giansenista e Taoista, ci conducono oltre una visione eurocentrica (Miles, 2000), aprendoci ad un impegnativo confronto multiculturale (Gilson e BePoy, 2000). Modelli, allora, che costituiscono quell'orizzonte categoriale entro cui i rapporti sociali si illuminano e appaiono in un complesso di rapporti comunicativi. Modelli, ancora, che nel loro succedersi storico tracciano il continuo evolversi della comprensione della disabilità, incoraggiando, nel loro differenziarsi e contrapporsi, nuovi interessi, nuove politiche, nuovi diritti e diversi accessi alla partecipazione sociale. Modelli che, se da una parte possono essere da alcuni considerati utili per valutare la complessa interazione dei molteplici agenti causativi della disabilità, la quale oltrepassa di molto la capacità di controllo di ogni singola persona, anche qualora fosse direttamente coinvolta negli effetti che il fenomeno "disabilità" racchiude, da altri sono visti con sospetto o ridimensionati. Così, tra i fautori dell'importanza dei modelli come criteri interpretativi del fenomeno disabilità, incontriamo studiosi comejohnston (1996) che propose, a suo tempo, una revisione del modello dell'lnternational Classification of Impairments, Oisabilities and Handicaps (WHO, 1980, [ICI OH]), o Ong Oean (2005) che più recentemente ha sfidato quella visione negativa e monolitica del "modello medico" per riconsiderarla non più antagonista di quella "sociale", o Brett (2002) che ne ha proposto uno "alternativo" capace di spiegare quella condizione estrema di disabilità che coinvolge i genitori di bambini con gravi disabilità. Altrettanto, però, troviamo studiosi come Oliver (1996) che, sebbene fautore del modello sociale, metteva in guardia dall'uso dei modelli di disabilità, perché li riteneva incapaci di comprendere

4 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability compongono l'assemblea Generale. La traduzione italiana dell'icf si rese disponibile dalla primavera del 2002 e presentata ufficialmente nell'aprile dello stesso anno a Trieste nella Conferenza Mondiale di presentazione dell'icf alla presenza di oltre 200 rappresentanti di 75 Governi. Da allora una serie di iniziative mirate alla disseminazione dei concetti della classificazione ha coinvolto in particolare l'ambito accademico, statale amministrativo e associativo, ma non sembra aver raggiunto "la base". In realtà, proprio il fatto che l'italia possegga già un eccellente corpo legislativo sull'integrazione scolastica, inserimento sociale, pari opportunità e accessibilità agli strumenti informatici, facendo propri ormai da tempo alcuni dei concetti fondamentali dell'i CF, come quello dell'integrazione dei fattori ambientali tra le dimensioni che confluiscono nel costrutto della disabilità, probabilmente rende meno evidente le novità dell'lcf e paradossalmente più difficile un popolare suo recepimento. D'altra parte, il sistema delle valutazioni medico legali, basate sui punteggi di invalidità, su cui è fondato il nostro sistema di previdenza sociale, pur essendo così lontano dalla prospettiva del modello biopsicosociale, resta un forte impedimento all'innovazione promossa dall'icf, sia per l'evidente enorme cambiamento socio-strutturale del sistema pensionistico e assicurativo che richiederebbe l'introduzione di una visione di disabilità e invalidità non riducibile all'applicazione di un nomenclatore delle menomazioni corporee, sia perché andrebbe a toccare privilegi e interessi corporativistici, così resistenti ai mutamenti politici: chi non sarebbe spaventato dall'idea che l'introduzione di nuovi criteri di valutazione di invalidità sociale possa modificare privilegi assistenziali acquisiti? 1.4 La produzione scientifico letteraria italiana ed internazionale sulla visione di disabilità di insegnanti e genitori Da un'indagine condotta sulle principali banche dati della produzione scientifica internazionale indicizzata (Cambridge Scientific Abstracts: social sciences area) non risultano studi italiani specifici sulle prospettive di insegnanti o genitori o educatori professionali riguardo alla disabilità. Tuttavia, sul web è possibile reperire uno studio promosso dal Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza di Firenze circa la percezione dei disturbi e delle difficoltà di apprendimento nella scuola primaria e secondaria sia da parte degli insegnanti (Lucangeli, 2006) che da parte delle famiglie (Genovese, 2006). dell'lcf cfr. Bruyère, Van Looy e Peterson (2005). Per un'attenta disamina del percorso di revisione che dall'icidh del 1980 a condotto all'attuale ICF si può consultare l'ottimo lavoro di Bickenbach, Chatterji, Badley e UstUn (1999). Infine, per un lavoro critico sul modello biopsicosociale dell'icf e sui modelli di prevenzione alla salute vedi Federici e Olivetti BeJardinelli (2006).

5 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità È interessante notare che dalle ricerche di Lucangeli e di Genovese, seppure affrontino solo molto marginalmente le tematiche sviluppate dal nostro lavoro, è emerso che un gran numero di insegnanti, anche specializzati, non hanno ben chiara la distinzione tra le "difficoltà di apprendimento" e i "disturbi specifici nell'apprendimento" di cui possono essere portatori gli alunni e le alunne, rendendo quindi difficile anche le modalità di intervento per assicurare la loro integrazione in classe. Dall'indagine è emerso che il 7n del totale degli insegnanti intervistati ha risposto in modo inadeguato alla domanda "Che differenza c'è tra difficoltà di apprendimento e disturbi specifici?" (Lucangeli, 2006, p. 29). Nonostante queste carenze degli insegnanti, il 67 0 dei genitori con figli disabili intervistati valuta positivamente il supporto ricevuto dalla scuola (Genovese, 2006, p. 66). Anche a livello internazionale la produzione letteraria in materia è assai scarsa; soltanto 4 riviste internazionali danno spazio a questo argomento per un totale di 6 articoli: 2 articoli su Disability and Saciety (Adams, Swain, e CIar1<, 2000; Brett, 2002), 2 sul Jaurnal aj Cantemparary Ethnagraphy Uenks, 2005; Kelly, 2005), uno sul Jaurnal aj Medicai Humanities (Ong-Dean, 2005) e uno sul British Jaurnal aj Special Educatian (Asprey e Nash, 2006). Cinque di questi sei lavori si occupano prevalentemente delle prospettive dei genitori (Brett, 2002; Jenks, 2005; Kelly, 2005; Ong-Dean, 2005; Asprey e Nash, 2006) e soltanto il lavoro di Adams, Swain e Clark (2000) si dedica al punto di vista degli insegnanti circa il significato di "specialness" (specialità riferito alle scuole "speciali" inglesi) nella teoria e nella pratica. Le prospettive dei genitori - raccolte da Brett e da Asprey e Nash tramite interviste, dajenks e Kelly dalle narrazioni delle esperienze vissute dai genitori e da Ong-Dean dalla letteratura specifica per genitori di disabili - nei cinque studi che se ne occupano, sono confrontate con due principali modelli di disabilità: quello medico/individuale e quello sociale. Tutti sono concordi nel ritenere che le prospettive dei genitori non rispecchiano del tutto i modelli di disabilità teorizzati in letteratura (medico/individuale e sociale). Jenks ritiene che il modello di disabilità dei genitori di figli con disabilità visiva, rispetto ai modelli medico e sociale, stia nel mezzo, ossia non riproduce specularmene del tutto né il modello medico, né il modello sociale. Brett va oltre, proponendo un modello alternativo che emergerebbe dalle esperienze dei genitori, "an alliance model of disability", dove alleanza è intesa come cooperazione e reciprocità. Questo modello, tuttavia, non descrive la condizione dei figli con profonde menomazioni, ma le qualità che dovrebbero caratterizzare il rapporto con i professionisti con i quali i genitori devono relazionarsi in funzione delle cure dei loro figli, qualità di apertura al dialogo, di comprensione e parità. Questo modello dunque va oltre la disabilità del disabile, rappresentando la disabilità di quanti (genitori o caregiver) si fanno carico dei bisogni delle persone di cui si prendono cura.

6 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Kelly sostiene che dalle narrazioni dei genitori emergerebbe una visione di menomazione intersoggettiva e "inter-coporea" (intercorporeal) che rigetta ogni forma di dualistica separazione tra oggettivo/soggettivo e sociale/ naturale che caratterizzerebbe, secondo l'autrice, l'attuale approccio teorico sulla disabilità. Sulla stessa linea del superamento di falsi dualismi, anche Ong-Dean è determinato a superare la classica contrapposizione tra il modello sociale e il modello medico. LAutore trova, infatti, che anche quando i genitori sostengono una ragione biologica per giustificare il differente comportamento dei loro figli rispetto ad altri bambini, allo stesso tempo riconoscono che le condizioni sociali sono, in parte, responsabili nel rendere quella differenza "debilitante". Aspreye Nash discutono invece di come il modello medico e il modello sociale influenzerebbero la conoscenza delle condizioni mediche e dei bisogni individuali di studenti disabili inseriti nelle scuole e nei college (tradizionali, non speciali). Secondo le Autrici la diffusa mancanza di conoscenza delle condizioni mediche degli studenti nel sistema educativo inglese sarebbe causata dal rifiuto del modello medico di disabilità e dalla predominanza di quello sociale. Pertanto, Asprey e Nash sostengono la necessità dell'adozione di entrambi i modelli affinché sia garantita un'adeguata inclusione di studenti disabili. Il lavoro di Adams, Swain e C1ari< è l'unico a raccogliere le prospettive degli insegnanti. Lindagine intende esplorare il significato di "specialità" tra gli insegnanti delle scuole speciali inglesi. Gli Autori ritengono che, nel contesto di "separazione" delle scuole speciali, il modello sociale di disabilità riesce a giocare un ruolo molto limitato nel delineare ciò che è ritenuto "speciale" dei bisogni degli studenti disabili sia da parte degli insegnanti che delle politiche educative statali. Da questa rassegna emerge chiaramente che tutti gli Autori, fatta eccezione della Lucangeli e della Genovese per le ragioni su esposte circa la differente natura della loro indagine, hanno adottato il modello medico e il modello sociale come criteri per la valutazione ed interpretazione qualitativa dei dati raccolti. Inoltre, nessuno di loro, senza eccezioni, fa mai riferimento al modello biopsicosociale. Anche quando gli Studiosi cercano modelli alternativi a quelli medico e sociale - il modello di mezzo di Jenks, di alleanza di Brett, intersoggettivo e inter-corporeo di Ke Il y, la posizione sociale del modello medico rivisitato da Ong-Dean - o rawedono la necessità di progetti educativi che non patteggino per uno a svantaggio dell'altro, ma favoriscano l'integrazione dei valori di entrambi, come sostengono sia Asprey e Nash che Adams, Swain e C1ari<, mai è fatto cenno al modello biopsicosociale o all'ice Infine, nessuno degli Autori si è awalso di software per l'analisi dei dati qualitativi secondo la tecnica-metodologia del Computer Assisted Qualitative

7 S. Federici et al. - Allalisi qualitativa dei modelli di disabilità Data Analysis Software [CAQDAS] (Lee e Fielding, 1991; Coffey, Holbrook, e Atkinson, 1996; Fielding e Lee, 1998) sempre più diffusamente utilizzati per l'analisi testuale, in quanto automatizzano alcune fasi delle analisi, rendendo poi più facilmente confrontabile il lavoro interpretativo svolto dai diversi analisti sullo stesso materiale e velocizzando la creazione di output grafici, tabelle, reti di relazioni per la sintesi dei risultati. Nella nostra ricerca ci siamo serviti, come spiegheremo più avanti, del software Atlas.ti. Nei paragrafi seguenti saranno presentati e discussi i dati raccolti e analizzati sia tramite una procedura qualitativa di codificazione e interpretazione testuale che da quantitativa assistite dal software Atlas.ti di un'indagine sulla visione di disabilità di genitori, insegnanti, operatori socio-sanitari ed educatori professionali di 4 regioni italiane: Lazio, Molise, Umbria e Puglia. 2. Metodologia 2. I Obiettivi dell'indagine e ipotesi sperimentali Esplorare quali rappresentazioni della disabilità orientino le opinioni, gli atteggiamenti e il comportamento delle persone che, quotidianamente, per ragioni affettive o professionali, trascorrono gran parte del loro tempo con un ragazzo disabile, costituisce l'obiettivo generale di questo studio. II perseguimento di tale finalità di ricerca è fondato sull'assunto che dalle rappresentazioni sia possibile inferire, induttivamente, i modelli di disabilità che informano le relazioni affettive, sociali ed educative di un alunno disabile. II reclutamento dei soggetti - insegnanti curricolari e specializzati, genitori di ragazzi disabili e non, operatori socio-sanitari e educatori professionali è stato condotto esclusivamente nell'ambito di istituzioni scolastiche o agenzie formative territoriali o, ancora, associazioni e/o cooperative locali dedite alla cura, all'assistenza e all'istruzione di persone disabili. Per ciascun gruppo di partecipanti, accomunati dall'ambito scolastico ma provenienti da condizioni, esperienze e formazione differenti riguardo alla disabilità, è stata rilevata la prospettiva generale sulla disabilità, per verificare quanto fossero diffusi tra di loro i concetti della nuova classificazione dell'icf e il modello biopsicosociale, che con tale classificazione è concettualmente compatibile. I partecipanti dei gruppi sono stati invitati in qualità di un solo loro specifico ruolo educativo, anche qualora ne ricoprissero pili di uno. Quindi, ciascuno dei partecipanti sapeva di prendere parte ad uno solo dei seguenti gruppi omogenei per ruolo: genitori di disabili, genitori di non disabili, insegnanti curricolari, insegnanti specializzati, educatori professionali e operatori socio-sanitari. La scelta di tale procedura, coerentemente con la letteratura sopra discussa (Adams, Swain, e Clark, 2000; Brett, 2002; Jenks, 2005; Kelly, 2005; Ong-Dean, 2005; Asprey e Nash, 2006), intendeva perseguire

8 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability l'obiettivo di indagare la prospettiva sulla disabilità rispetto al ruolo svolto in un preciso contesto educativo. La verifica dell'obiettivo sperimentale è stata realizzata sia mediante analisi qualitative di codificazione e interpretazione testuale che mediante analisi quantitative assistite da software. Queste ultime sono state condotte, con finalità esplorativa, su due sole ipotesi statistiche: 1. Il modello di disabilità attribuito a ciascun gruppo omogeneo per ruolo dall'analisi qualitativa dipende dal maggiore numero di espressioni codificate come coerenti con quel modello; 2. il modello di disabilità significativamente prevalente in ciascun gruppo omogeneo per ruolo correla con modalità di espressione del vissuto personale dei partecipanti. 2.2 Soggetti I partecipanti complessivamente coinvolti nello studio (Tabella l) sono stati 83 (52 F; 19 M; età media 47 anni), così suddivisi per ruoli: 26 (19 F, 7 M) genitori di alunni disabili, 7 (6 F, 1 M) genitori di alunni non disabili, 22 (18 F,4 M) insegnanti curricolari, 13 (lo F, 3 M) insegnanti di sostegno, 11 (6 F, 5 M) educatori professionali, 4 (2 F, 2 M) operatori socio-sanitari. Il reclutamento dei soggetti è awenuto presso alcuni Istituti di formazione statali - Istituto Comprensivo Sant'Elia a Pianisi (CB); Scuola Statale Elementare Stella Polare (RM); Liceo Socio-Psico-Pedagogico, Cisternino (BR) e presso diverse Associazioni di rilievo regionale e nazionale di assistenza e cura (Unione Italiana Ciechi, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Associazione Perla, Fondazione Italiana Verso il futuro, Parent Project Onlus, Centro Arcobaleno) dislocati in quattro regioni italiane: Umbria, Lazio, Molise e Puglia. 2.3 Strumenti d'indagine Il focus group, per il fatto di essere, nel contempo, una tecnica di osservazione ed una forma di intervista, è stato lo strumento scelto per effettuare le rilevazioni connesse all'obiettivo dell'indagine. Il focus group è genericamente definito come un'intervista e/o discussione di gruppo condotta, in modo più o meno direttivo, da un moderatore e/o intervistatore, affiancato da due o più osservatori (Zammuner, 2003). Pur non essendo la letteratura univoca sulla definizione di focus group e, conseguentemente, sulle modalità e sulle tecniche di svolgimento, vi è in generale un buon grado di accordo circa il numero dei partecipanti compreso tra 4 e 12 (Walker, 1985; Morgan 1988) e sull'uso di dispositivi di registrazione che possono essere di tipo audio o audiovideo. Diversi autori (Morgan 1988; Wilkinson, 1998; Linhorst, 2002; Chiu, 2003; Zammuner, 2003; Warr, 2005;) sottolineano l'idoneità del focus group quale strumento di indagine quando

9 s. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità Tab. 1 - Numero di Focus group e di partecipanti per regione e per ruolo Regioni Totali per Ruoli Lazio Puglia Molise Umbria Ruoli FG NP FG NP FG NP FG NP FG NP Genitori di disabili Genitori di non disabili 7 7 Insegnanti curricolari Insegnanti di specializzato Educatori professionali Il Operatori socio-sanitari 4 4 Totali per Regioni FG: Numero dì Focus group; NP: Numero di partecipanti la finalità che orienta il ricercatore sia quella di esplorare costrutti particolarmente complessi e connessi alle dinamiche della personalità come opinioni, credenze, emozioni e motivazioni. In linea con le indicazioni di Krueger (1988) la conduzione deifocus group, nell'ambito della presente ricerca, è stata predefinita attraverso la costruzione, in fase pre-sperimentale, di una griglia di conduzione, composta da una ropic guide realizzata in una Questioning route (vedi tabella 2). La topic guide individua le unità tematiche da esplorare nel corso delfocus group, riproducendone la successione, gerarchicamente organizzata secondo la polarità superficiale/profondo ed è, inoltre, funzionale alla scansione temporale della discussione in quattro sequenze primarie: introduzione, facilitazione interpersonale, indagine in profondità, conclusione. La questioning route corrisponde all'articolazione della topic guide in un insieme accuratamente predeterminato di domande, per lo più aperte, che includono, eventualmente, esercizi di graduazione; questi ultimi si rivelano particolarmente preziosi per favorire l'emergere dei modelli culturali che, implicitamente. guidano le persone nella loro vita quotidiana. 2.4 Fasi della ricerca La ricerca si è sviluppata in due fasi successive: 1. Fase pre-sperimenta/e per la messa a punto della griglia di conduzione attraverso la combinazione dei metodi della topic guide e della questioning mute (Krlleger, 1998; Zammllner, 2003); l'addestramento dei moderatori e supervisori; la verifica della griglia di conduzione in unfoclis group pre-sperimentale; il reclutamento dei partecipanti.

10 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Tab. 2 - La Griglia di Conduzione TOPIC GUIDE QUESTIONING ROUTE Opinioni personali sul concetto di disabilità Modello universale Adesione al modello medico. sociale o biopsicosociale Abilità e disabilità Funzionamento Che cos'è la disabilità? Lei ha mai sperimentato condizioni di disabilità? Esercizio di graduazione Lei ha sperimentato la disabilità come: - una condizione della sua persona - una condizione creata dall'ambiente fìsico e/o sociale - una condizione creata dalle caratteristiche della sua persona e dalle caratteristiche dell'ambiente Quando ha percepito la sua disabilità. che rapporto aveva con le sue abilità? Erano tutte eliminate? Presentazione della storia di Rosanna Benzi e racconto della comunità di non udenti dell' Isola di Vineyard È possibile autopercepirsi funzionanti bene pur avendo disabilità? Tipologie di intervento Come si dovrebbe intervenire per migliorare le condizioni di disabilità? In base a ciò. sarebbe disposto a cambiare i punteggi di invalidità? 2. Fase sperimentale caratterizzata dalla realizzazione. analisi e interpretazione di 16 focus group nelle regioni di Lazio. Molise. Puglia e Umbria. Fase pre-sperimentale Nella fase pre-sperimentale di questo studio. oltre alla definizione degli obiettivi e degli strumenti di rilevazione e di analisi, sono state disposte le modalità di reclutamento dei partecipanti, awenute principalmente tramite contatti informali con i dirigenti scolastici e i membri di associazioni che si fossero resi disponibili sia a mediare tra l'équipe di ricerca e i soggetti che avrebbero successivamente preso parte ai focus group, sia ad ospitare il setting dei gruppi. AI fine di inquadrare con precisione ilmodello di disabilità prevalente in ciascun gruppo di soggetti, sono stati previsti 16 focus group (vedi tabella l l, omogenei relativamente al ruolo sociale e al luogo di residenza dei partecipanti. In questa fase, inoltre, sono state individuate e specificate sia le unità tematiche da affrontare (topir guide) sia l'articolazione e la successione delle domande da rivolgere ai partecipanti (questioning rdllte). I punti di riferimento per l'identificazione delle topiche e per la redazione delle domande sono stati l'icf e il modello biopsicosociale. In particolare, la definizione della questioning route, una volta precisate le unità tematiche nella topic

11 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità guide, è stata orientata dall'opportunità di rilevare, piuttosto che le opinioni "sulla disabilità", le esperienze "di disabilità" vissute, in prima persona, dai partecipanti. Si è ritenuto, ad esempio, che la diffusione del modello universale di disabilità - che ha caratterizzato il processo di revisione che dall'icidh ha condotto all'lcf (Bickenbach, Chatterji, Badley, e Usti.in, 1999) - fosse più efficacemente osservabile rivolgendo la domanda: "Lei ha mai sperimentato condizioni di disabilità?", piuttosto che: "Lei pensa che tutti abbiano sperimentato una condizione di disabilità almeno una volta nella vita?" Inoltre, si è ipotizzato che tale modalità di formulazione delle domande sollecitasse nel partecipante una valutazione concomitante delle proprie esperienze, del proprio vissuto e delle opinioni personali, poiché suggeriva, in modo implicito, l'assunzione di un punto di vista esplicitamente centrato su di sé per descrivere un'esperienza che, di solito, si percepisce o si giudica come "altro da sé". Nella fase di stesura delle domande si è anche stabilito di comprendere i concetti di menomazione, limitazione, svantaggio, handicap, e tutti gli altri comunemente utilizzati con significato analogo, sotto l'unico termine ombrello di "disabilità" (WHO, 2001, p. 11) per un duplice motivo: contenere possibili ragioni di confusione terminologica; dare al conduttore un unico termine generico per non influenzare i partecipanti sul loro personale uso di termini per riferirsi alla disabilità. Èda sottolineare che l'indagine sul tema del funzionamento, quale concetto chiave del modello biopsicosociale secondo l'icf, presentata con la domanda: "È possibile autopercepirsi ben funzionanti pur avendo disabilità?", è stata introdotta da due narrazioni che descrivevano, a giudizio degli autori, situazioni esemplari di buon funzionamento in presenza di condizioni oggettive/ osservabili di menomazione fisica: la testimonianza che Rosanna Benzi (1985), la donna vissuta per decenni in un polmone d'acciaio, ha fatto della sua prima esperienza sessuale e la storia, ben nota in letteratura, della comunità di non udenti dell'isola di Vineyard (Groce, 1985). Tale accorgimento aveva una duplice finalità: da un lato, suggerire al gruppo la possibilità di un buon funzionamento nonostante la presenza di menomazioni corporee, dall'altro, di stimolare nei partecipanti la narrazione di episodi che riguardassero un coinvolgimento personale e diretto in un'esperienza di disabilità percepita. La scelta degli strumenti di analisi è stata in larga parte determir,dta dall'obiettivo stesso dello studio, oltre che dal tipo di dati raccolti: la ricostruzione, infatti, a partire dalla codifica delle principali rappresentazioni emergenti nei focus grolip dei modelli di disabilità sottostanti, è un'operazione concettualmente coerente con l'approccio al quale le elaborazioni della Grounded Theory (Strauss e Corbin, 1990) hanno dato un fondamento scientifico. Nell'ambito del CAQDAS Networking Projeet (Lee e Fielding, 1991; Coffey, Holbrook, e Atkinson, 1996; Fielding e Lee, 1998) è stato progettato,

12 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability all'inizio degli anni novanta, Atlas.ti, un software per l'analisi qualitativa dei dati, di tipo interpretativo, compatibile con l'impianto concettuale della Grounded Theory (Muhr, 1991). Atlas.ti risponde ai criteri generali dei CAQDAS facilitando il lavoro del ricercatore in vario modo: automatizzando alcune fasi delle analisi; rendendo confrontabile il lavoro interpretativo svolto da analisti diversi sullo stesso materiale; tenendo memoria di tutte le fasi di analisi anche attraverso la creazione di "memo", file di testo in cui il ricercatore può "annotare" definizioni, idee, esplicazioni, note etnografiche, prassi da condividere con altri membri dell'equipe; velocizzando la creazione di output grafici, tabelle, reti di relazioni per la sintesi dei risultati. Il processo circolare, che permette di riflettere su ogni singolo momento dell'analisi alla luce di quelle precedenti. la possibilità di cambiare e aprire "in itinere" nuove possibilità di esplorazione e la multifunzionalità di Atlas.ti hanno permesso una lettura dei dati sia in ampiezza che in profondità, lasciando uno spazio di intervento intuitivo e creativo pur restando aderenti ai dati stessi. Fase sperimentale Nella fase sperimentale sono stati condotti 16focus group nelle regioni di Lazio, Molise, Puglia e Umbria con un totale di 83 partecipanti (vedi sopra tabella 1). Tutte le conversazioni sono state audioregistrate durante i focus group per un totale di 16 ore circa. Si è proceduto quindi alla trascrizione, analisi e interpretazione delle conversazioni secondo procedure e metodi che verranno descritti nel paragrafo successivo. 3. Procedure di analisi qualitativa dei dati e risultati 3.1 Procedure di analisi manuale del testo L:obiettivo dell'analisi manuale del testo era di verificare la prospettiva sulla disabilità delle categorie individuate dal ruolo educativo esercitato: genitori di disabili, genitori di non disabili, insegnanti curricolari, insegnanti specializzati, educatori professionali e operatori socio-sanitari. L:approccio scelto per l'analisi del corpus è qualitativo (Mayring, 2000); ciò ha permesso di non standardizzare in fasi e di non ridurre l'analisi a sola frequenza lessicale: viceversa il procedimento qualitativo ha consentito non solo di "misurare", ma di cogliere, nella sua interezza e complessità, il fenomeno da analizzare (De Gregorio e Mosiello, 2004). In un primo momento sono state trascritte integralmente tutte le 16 ore circa di conversazioni audioregistrate durante i focus group. Successivamente si è proceduto ad un'attenta lettura e indicizzazione dei testi; sono state, cioè, rintracciate le espressioni verbali più significative e a queste sono stati

13 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità assegnati dei codici/indici riconducibili ai tre principali modelli di disabilità: modello medico, modello sociale e modello biopsicosociale. Complessivamente sono emersi 37 codici, di cui 17 riconducibili al modello sociale, 8 al modello medico, 12 al modello biopsicosociale. Ad esempio: - il codice/indice "disabilità come condizione di diversità creata dalla società", che abbiamo ricondotto al modello sociale, è stato attribuito a espressioni verbali come: Il io credo che il paradosso delle persone che hanno un handicap più o meno grave non stia in loro, ma sia in noi che gli stiamo intorno, cioè non riescono loro a sapere cosa noi chiediamo, il problema siamo noi, non sono loro...!i. - " codice/indice "disabilità e abilità lungo un continuum", che invece abbiamo riferito al modello biopsicosociale, è stato assegnato a espressioni del tipo: Il.. ma non c'è nessuna persona totalmente abile o totalmente disabile...!i. - Il codice/indice "disabilità come condizione fisica", riconducibile al modello medico, è stato attribuito ad affermazioni come: Il.. una disabilità fisica c'è, è una realtà...i!. Dopo la fase di codifica manuale, sono stati calcolati gli indici maggiormente ricorrenti in ogni focus group e attribuito a ciascun ruolo educativo il modello di disabilità prevalente. 3.2 Risultati dell'analisi manuale del testo L:analisi testuale svolta tramite procedimento manuale ha evidenziato prospettive diverse sulla disabilità in funzione del ruolo educativo svolto da ciascun gruppo di partecipanti. Nella tabella 3 è riportata la valutazione dei modelli di disabilità prevalenti in ciascun gruppo omogeneo per ruolo. Tab. 3 - Valutazione dei modelli di disabilità prevale11ti nei gruppi Genitori di disabili Genitori di non disabili Insegnanti curricolari Insegnanti specializzati Educatori professionali Operatori socio-sanitari modello medico PRESENTE modello sociale PREVALENTE PREVALENTE PREVALENTE PREVALENTE PREVALENTE modello biopsicosociale PRESENTE PREVALENTE PRESENTE PREVALENTE = modello descrittivo delle opinioni della maggioranza del gruppo; PRESENTE = modello diffuso nel gruppo anche se non descrittivo delle opinioni della maggioranza.

14 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability In tutti i gruppi omogenei per ruolo, ad eccezione di quello degli educatori professionali, è stato indicato come prevalente il modello sociale. Tuttavia, come evidenziato nella tabella 3, in più di un gruppo la valutazione non è stata così univoca. Tra i genitori di disabili e gli insegnanti curricolari è stato valutato come prevalente il modello sociale di disabilità, data la maggiore ricorrenza in quasi tutti i focus group di codici/indici relativi a tale modello; a un solo gruppo di insegnanti curricolari della Regione Molise è stato attribuito il modello medico. Tra gli educatori professionali, invece, è stato indicato come prevalente il modello biopsicosociale. Agli altri gruppi non è stato possibile attribuire un solo modello. Infatti, tra i genitori di non disabili, nonostante sia sembrato prevalente il modello sociale, è stata segnalata anche la presenza non trascurabile del modello medico, soprattutto per l'aspetto "tragico" della disabilità indicato dall'utilizzo di termini negativi associati alla condizione del disabile, come "croce", "problema"; mentre tra gli insegnanti specializzati e tra gli operatori socio-sanitari è emersa un'oscillazione tra il modello sociale e il modello biopsicosociale. Ciò confermerebbe quanto riportato in letteratura riguardo all'affermarsi di un cosiddetto modello di traf1sizione che conterrebbe aspetti di entrambi i modelli (Brett, 2002; Jenks, 2005). 3.3 Procedura di analisi assistita dal software Atlas.ti Lanalisi testuale è stata svolta, oltre che manualmente, anche tramite procedimento informatizzato con l'ausilio del software per l'analisi qualitativa Atlas.ti: software di supporto all'analisi del contenuto di tipo interpretativo che risponde ai criteri generali dei CAQDAS. Atlas.ti è stato pensato coerentemente con un approccio Grounded tl1eory: tale approccio si basa su un processo inverso rispetto a quello che nella ricerca quantitativa è noto come "paradigma di Lazarsfeld" (Lazarsfeld, 1958), che consente di scomporre un concetto teorico (ad elevato livello di astrazione) in dimensioni (ed eventualmente anche in sotto-dimensioni) e queste a loro volta in indicatori empirici che consentono (in virtù del loro basso livello di astrazione) di passare alla definizione operativa del concetto di partenza (De Gregorio e Mosiello, 2004). Per questa ragione molte delle operazioni implementabili sono caratterizzate dall'iteratività, dalla ricorsività, dal progressivo awicinamento alla definizione (o meglio, al perfezionamento) di un modello teorico emergente dai dati. La prima fase operativa del lavoro in Atlas.ti è stata la creazione dell'unità ermeneutica (Hermeneutic Uniti, che comprende diversi elementi da analizzare (testi, audio e video) - nel nostro caso solo testi - che, una volta inseriti, costituiscono i cosiddetti "documenti primari" (primary OOCllments, o Primary Oocs). Dopo aver inserito i documenti primari nella hermeneutic

15 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità unit si è passati alla codifica dei dati mediante il processo di categorizzazione della Grounded theory (Strauss, 1987), il quale prevede le seguenti fasi di codifica: l - codifica aperta (open coding), 2 -codifica selettiva (selective coding), 3 - confronto e categorizzazione (comparison and categorization), 4 - rilettura e modifiche (re-reading and modifying). Nella fase di codifica aperta, sono state individuate le porzioni di testo ritenute significative (quotations) ed è stato attribuito loro un codice descrittivo. Ad esempio, la seguente definizione di disabilità espressa da un genitore in un focus group: «...tutto ciò che differenzia una persona o una cosa dal...dal sa perlo fare o non sa perlo fare... o avere difficoltà a farlo insomma...» è stata codificata come "disabilità come limitazione delle abilità". Nello stesso focus group, un altro genitore sostiene: «...e comunque, secondo me, la stessa difficoltà anche di approccio nel fare una cosa in alcune situazioni può essere dichiarata disabilità e in altre no... quindi dipende anche dall'ambiente in cui si vive, dalla maturità delle persone con cui sono in contatto i bambini in caso di minori insomma...», affermazione a cui è stato assegnato il codice "ambiente socio-educativo disabilitante". Tale codifica ha permesso, quindi, di ricondurre i contenuti dei testi a nuclei concettuali che ne riassumessero l'informazione. A differenza della procedura manuale, in cui parti significative di testo erano state codificate con indici immediatamente riconducibili ai tre modelli di disabilità (procedura top-down), nella codifica tramite Atlas.ti i codici sono stati assegnati lasciandosi "guidare esclusivamente dai dati", cosicché si è potuta verificare la corrispondenza di questi ai costrutti teorici di ciascun modello. Da questa analisi sono emersi 28 codici, tra cui: ambiente sociale abilitante, ambiente sociale disabilitante, ambiente socio-educativo disabilitante, barriere ambientali, diversità del disabile, disabilità come condizione soggettiva, disabilità non come assenza di abilità, ecc. In una fase successiva i 28 codici rilevati sono stati aggregati in "famiglie", che rappresentano delle dimensioni teoriche racchiudenti le informazioni di indicatori empirici (i codici per l'appunto). L.:aggregazione in famiglie è awenuta a diversi livelli: 1. dei 28 codici iniziali alcuni che condividevano nuclei concettuali simili sono stati accorpati in 3 sopracategorie, o "code family": ambiente, disabilità come condizione della persona, continuum tra abilità e disabilità. 2. tutti i 28 codici sono stati aggregati, all'interno di ciascun foclis group, facendo riferimento a dimensioni teoriche consolidate relative a 3 modelli di disabilità: modello medico, modello sociale e modello biopsicosociale; 3. tutti i 28 codici sono stati categorizzati, per ognifocu5 group, in 5 dimensioni del vissuto: opinioni, atteggiamenti, comportamenti, miti/stereotipi ed emozioni (rabbia, angoscia, tristezza, disgusto, gioia).

16 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Procedendo poi ad un ulteriore livello di codifica, cosiddetta selettiva. sono state identificate le dimensioni più dense di implicazioni e di significati. Già nella codifica aperta era stato possibile organizzare in gerarchie i diversi codici, costituendo una struttura reticolare implicita che, durante l'operazione di networking, è stata visualizzata in un modello grafico, il network view. La costruzione di networks ha permesso di verificare la corrispondenza tra i modelli teorici e le reti concettuali emerse dai dati e la relazione tra i modelli di disabilità e le dimensioni del vissuto attraverso cui le persone si esprimono, in un processo iterativo di confronto e categorizzazione. Alla fine della fase di codifica sono stati riletti i codici con attenzione per evitare eventuali ridondanze. Questa operazione è stata svolta sia manualmente che automaticamente mediante l'assistenza di Atlas.ti, utilizzando l'opzione di "coding analyzer" (De Gregorio e Mosiello, 2004). 3.4 Risultati dell'analisi qualitativa assistita da Atlas.ti Lanalisi dei testi svolta tramite procedimento informatizzato ha in parte confermato i risultati emersi dall'indicizzazione manuale, mostrando alcune sfumature in più all'interno e tra i gruppi. Il modello sociale è diffuso in tutti i gruppi omogenei per ruolo, ad eccezione del gruppo di insegnanti specializzati. Tuttavia, solo i genitori di disabili e gli insegnanti curricolari sembrano affermare con convinzione la loro adesione al modello sociale, data la minor occorrenza di codici riferibili agli altri modelli. Infatti, i genitori di non disabili oscillano tra il modello sociale e il modello medico, dato che conferma quanto emerso dall'analisi manuale. Un risultato che, invece, contrasta con la valutazione fatta tramite il procedimento manuale è quello riguardante gli educatori professionali che sembrano oscillare tra il modello sociale e il modello biopsicosociale, non avendo più la prevalenza in quest'ultimo. Infine, i gruppi degli insegnanti specializzati e degli operatori socio-sanitari sono di più difficile interpretazione. Tra gli operatori socio-sanitari prevale il modello sociale, nonostante la presenza di diversi assunti relativi al modello biopsicosociale. Tra gli insegnanti specializzati emerge un'oscillazione tra tutti e tre i modelli di disabilità. Il modello medico, che nella precedente analisi testuale tramite procedimento manuale sembrava essere sostenuto da un solo gruppo di insegnanti curricolari della Regione Molise e, in parte, dai genitori di non disabili, è risultato diffuso anche tra gli insegnanti specializzati e tra gli operatori socio-sanitari. Il modello biopsicosociale non prevale in nessun gruppo, ma è presente maggiormente tra gli operatori socio-sanitari e gli educatori professionali, ove coesiste con il modello sociale e, in alcuni casi, anche con il modello medico. Lanalisi qualitativa assistita da Atlas.ti, dunque, sembra confermare l'emergere di un modello di transizione caratterizzato, in larga misura, da elementi

17 S. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità provenienti dal modello sociale e dal modello biopsicosociale e, in minima parte, da elementi provenienti dal modello medico. Inoltre, il modello di transizione risulta diffuso solo tra gli educatori professionali e gli operatori sociosanitari. Infatti, quest'ultimi sembrano avere una percezione della disabilità più vicina al modello biopsicosociale, rispetto agli insegnanti curricolari che sottolineano la necessità di intervenire sul contesto. Gli operatori riescono a non idealizzare la disabilità, riversando la colpa esclusivamente sull'ambiente, ma al contrario hanno ben in mente che le cause sono da rintracciarsi nell'interazione tra condizioni personali e ambientali. Gli insegnanti curricolari, invece, sul piano concettuale, ritengono la disabilità una condizione della persona causata da deficit, da menomazioni di vario genere e credono che la definizione di patologia dipenda dai parametri esterni scelti secondo modelli che possono differire in base all'ambiente sociale e culturale. Sul piano operativo awertono che la vera disabilità che i "loro ragazzi" incontrano, nasca dal confronto con gli altri e con un ambiente non strutturato per essere a misura di tutti. I genitori di disabili sono coloro che mostrano un'adesione maggiore al modello sociale. Nei focus group svolti ricorre l'enfasi posta sul ruolo chiave esercitato dall'ambiente sociale nell'emarginare e discriminare i disabili, ma anche la polemica verso un ambiente socio-politico disabilitante. Probabilmente la reazione dei genitori di fronte alla disabilità dei figli è influenzata da fattori emotivi, cognitivi, relazionali, come testimoniato dalla maggior partecipazione emotiva presente nei loro focus group. Essi vivono quotidianamente la discriminazione dei loro figli e si rendono conto che, mentre loro li considerano come altre persone, all'interno della società essi sono considerati diversi. Lanalisi parallela svolta a livello delle "dimensioni del vissuto" ha consentito di scoprire l'esistenza di una relazione tra i modelli di disabilità e le modalità di espressione dei partecipanti. I genitori, ad esempio, sembrano sostenere alcuni assunti del modello biopsicosociale solo a livello di "opinioni", ma quando si riferiscono a "comportamenti" tali assunti scompaiono e il modello sociale riappare. In quasi tutti i gruppi, il modello medico viene espresso spesso sottoforma di "comportamenti" e accompagnato da emozioni di "angoscia" e "tristezza". Infine, il modello sociale è espresso attraverso "opinioni", "comportamenti" ed emozioni di "rabbia" e "disgusto". 4. Procedure di analisi quantitativa dei dati e risultati 4.1 Ipotesi dell'a/1alisi qua/1titativa Cipotesi da cui si è partiti è la seguente: se!'interpretazione qualitativa volta ad attribuire ai partecipanti di ciascun focus group quel modello di disabilità (o medico, o sociale, o biopsicosociale) che meglio descrive la

18 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability maggioranza delle opinioni dei componenti il gruppo è vera, allora si deve riscontrare una maggiore numerosità di quei codici (attribuiti ai testi di ciascun focus group) aggregati alla "famiglia" del modello che in ciascun focus group occorre. 4.2 Analisi quantitativa tramite clji-quadrato LUSO di un software per l'analisi qualitativa dei dati, quale Atlas.ti, offre la possibilità di combinare un approccio qualitativo ad uno quantitativo, pervenendo a quello che diversi autori hanno definito "metodo misto" (Lindsaye Dockrell, 2004). In questo studio, l'analisi quantitativa è stata condotta scegliendo ilfocus group maggiormente rappresentativo per ciascuno dei 6 ruoli degli 83 partecipanti. Di questi 6focusgroup selezionati, le frequenze dei 28 codici, delle 3 sopracategorie "code families", dei 3 modelli di disabilità e delle 5 dimensioni del vissuto, ottenute con Atlas.ti, sono state sottoposte ad analisi statistica tramite l'utilizzo di SPSS versione 14, utilizzando la distribuzione del chi-quadrato (X 2 ) che misura la relazione fra variabili dicotomiche di tipo nominale. Nel caso dei codici e delle "code families", è stato assunto che ifocus group fossero i reattivi e i codici e le "code families" i criteri ed è stato calcolato il chi-quadrato per p <.05 e con k -I gradi di libertà (dove k è il numero dei gruppi omogenei per ruolo). allo scopo di individuare le differenze significative tra i gruppi. Per quanto riguarda i modelli di disabilità e le dimensioni del vissuto, all'interno di ciascun gruppo sono state sommate le occorrenze dei codici relativi allo stesso modello di disabilità e le occorrenze dei codici relativi alla stessa dimensione del vissuto. Poi è stata verificata la significatività delle differenze entro i gruppi, sempre tramite il X 2 per p <.05 e con k -I gradi di libertà, assumendo ifocus group come reattivi e i modelli e le dimensioni del vissuto come criteri. 4.3 Risultati del/'analisi quantitava secondo la distribuzione del chi-quadrato Dall'analisi statistica è risultata significativa la distribuzione di 5 dei 28 codici tra i gruppi: ambiente sociale abilitante, barriere ambientali, disabilità come difficoltà di movimento, disabilità come limitazione delle abilità, funzionare bene nonostante la disabilità. Tre di questi codici, ambiente sociale abilitante, barriere ambientali e disabilità come difficoltà di movimento, sono presenti solo in alcuni foclis group e assenti negli altri, mentre due codici, disabilità come limitazione delle abilità e funzionare bene nonostante la disabilità, pur essendo presenti in tutti i focus group, hanno una frequenza signifir 1 t-ivamente diversa (vedi tabella 4). Riguardo alle 3 sopracategorie "code families", ne sono risultate significative due: disabilità come condizione della persona e continuum tra abilitàdisabilità, che comprendono, tra gli altri, solo tre dei cinque codici menzio-

19 s. Federici et al. - Analisi qualitativa dei modelli di disabilità Tab. 4 - Distribuzione delle frequeflzr dei 5 codici significativi tra i gruppi con relativi cl1i 2. Focus Amb. SoC. Barriere Dis. Dilf. di Dis. Limitaz. Funz. Bene group Abi\. Amb. Mov. delle Abilità Nonost. Dis. FG 1 O FG 2 4 O FG 3 O O O FG 4 O O O 6 FG 5 4 O O 7 8 FG 6 O 4 O O chi' FG 1 = genitori di disabili; FG 2 = genitori di non disabili; FG 3 = insegnanti curricolari; FG 4 = inst>gnanti specializzati; FG 5 = operatori socio-sanitari; FG 6 = educatori professionali. Amb. Soe. Ahi!. = ambiente sociale abilitante: Barriere Amb. = barriere ambientali; Dis. Di /f. di MDV. = disabilità come diftìcoltà di movimento; Dis. Limitaz. delle Abilità = disabilità come limitazione delle abilità; Funz. Belle Nonost. Dis. = fullzionare bene nollostante la disabilità. 'significjtività per p <.05 nati precedentemente. In particolare, l'idea di disabilità come condizione della persona (afferente al modello medico) è maggiormente diffusa tra i genitori di non disabili e tra gli operatori socio-sanitari, mentre il concetto di continuum tra abilità-disabilità (afferente al modello biopsicosociale) è presente soprattutto tra gli operatori socio-sanitari e meno negli altri gruppi. Questi dati non confermano del tutto quelli emersi dall'analisi qualitativa (vedi tabella 3). Gli altri codici e famiglie di codici sembrano, invece, distribuirsi in modo relativamente omogeneo tra i gruppi. Ad esempio, il "code family" ambiente ha un'elevata occorrenza in tutti i gruppi. Nella tabella 5 sono riportate solo le due famiglie di codici risultate significative. Lanalisi statistica ha anche evidenziato differenze significative nella distribuzione dei 3 modelli di disabilità all'interno dei gruppi: genitori di disabili, insegnanti curricolari ed educatori professionali, per una presenza significativa del modello sociale. Le differenze tra i gruppi, invece, sono significative per tutti e tre i modelli, come indicato nella tabella 6. La distribuzione delle 5 dimensioni del vissuto è risultata significativamente differente all'interno di tutti i gruppi, anche quando il X 2 è stato calcolato senza considerare la dimensione del vissuto "opinioni" che per la natura stessa dej focus gl'dup risulta il codice maggiormente utilizzato per codificare i testi (vedi tabella 7). Tale dato sembra confermare quanto emerso dall'analisi qualitativa assistita da Atlas.ti attraverso i networks. Genitori, insegnanti e

20 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Tab. 5 - Distribuzione delle frequenze delle 2 famiglie di codici significative tra i gruppi con relativi chi>. Focus Group Disabilità come condizione della persona Continuum tra abilità-disabilità FG FG FG FG FG FG chi' FG l = genitori di disabili; FG 2 = genitori di non disabili; FG 3 = insegnanti curricolari; FG 4 = insegnanti specializzati; FG 5 = operatori socio-sanitari; FG 6 = educatori professionali. signifìcatività per p <.05 Tab. 6 - Distribuzione delle frequenze dei 3 modelli di disabilità nei gruppi con relativi chilo Focus group Modello sociale Modello medico Modello biosicosociale chi' FG l " FG FG FG FG FG " chi'.023".04y.041' FG 1 = genitori di disabili; FG 2 = genitori di non disabili; FG 3 = insegnanti curricolari; FG 4 = insegnanti specializzati; FG 5 = operatori socio-sanitari; FG 6 = educatori professionali. " significatività per p <.05 operatori si esprimono prevalentemente manifestando delle opinioni o comportamenti, mentre le emozioni di rabbia, angoscia, tristezza, disgusto e gioia sono manifestate solo dai genitori e dagli insegnanti curricolari. Come è indicato nella tabella 7, nei gruppi in cui le opinioni e i comportamenti hanno manifestato la prevalenza del modello sociale, queste dimensioni sono state caricate emozionalmente; nei gruppi dove è prevalso il modello biopsicosociale i partecipanti si sono espressi soprattutto tramite opinioni, mentre nei gruppi dove è stato il modello medico a prevalere, i partecipanti si sono espressi manifestando sia comportamenti che opinioni. Infi-

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES

Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES Indagine sull insegnamento delle scienze in Italia nell ambito del progetto TRACES TRACES è un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Commissione Europea che studia il rapporto tra ricerca

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI

CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA PROGRAMMI DEI SEMINARI Il Master di Secondo Livello in QR-M&S RICERCA QUALITATIVA PER IL MARKETING E IL SOCIALE Quarta Edizione - A.A. 2012-2013 propone un CICLO DI SEMINARI AVANZATI SUI METODI E LE TECNICHE DELLA RICERCA QUALITATIVA

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

L esperienza dei C.T.S.:

L esperienza dei C.T.S.: IX mostra - convegno nazionale DISABILITA E TECNOLOGIE ICT L esperienza dei C.T.S.: la sfida dell inclusione per gli studenti disabili rinnova la ricerca pedagogico/didattica per la scuola di tutti Ins.

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011 Il gruppo nella ricerca-azione azione Cantù, 24 maggio 2011 Life Skills di comunità PAR (Participatory Action Research): Analisi degli Stakeholders Valorizzazione del lavoro in gruppo Focus groups Conference(Tavoli)

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Modello di accompagnamento al cambiamento professionale e Quadro di riferimento delle competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e relativa verifica F. S. AREA 2 : DOCENTE VANNELLI TERESA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Orientare significa

Dettagli

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita Maura Gelati Università di Lecce 1. Integrazione Oggi la legislazione italiana garantisce a tutti i soggetti in situazione di disabilità di assolvere

Dettagli

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA Il punto di partenza Studio della documentazione (Scheda di segnalazione; Diagnosi Funzionale; Profilo Dinamico Funzionale;

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

Comparazione dei Risultati dell Indagine

Comparazione dei Risultati dell Indagine Comparazione dei Risultati dell Indagine DOCTAE (Agr. nr. 2007-1983 001/001) Questo progetto è stato finanziato con il supporto della Commissione Europea. Questo documento riflette unicamente il punto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ DOCUMENTO IN SINTESI a cura del Gruppo H di Istituto Anno scolastico 2012-2013 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL RAPPORTO TRA PERSONE NON VEDENTI E IPOVEDENTI, LETTURA E USO DELLE TECNOLOGIE

INDAGINE CONOSCITIVA SUL RAPPORTO TRA PERSONE NON VEDENTI E IPOVEDENTI, LETTURA E USO DELLE TECNOLOGIE INDAGINE CONOSCITIVA SUL RAPPORTO TRA PERSONE NON VEDENTI E IPOVEDENTI, LETTURA E USO DELLE TECNOLOGIE L obiettivo principale della ricerca è stato approfondire il tipo di rapporto che intercorre tra persone

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ICF per gli adulti e ICF CY per minori

ICF per gli adulti e ICF CY per minori ICF per gli adulti e ICF CY per minori La Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF, dall'inglese International Classification of Functioning, Disability and

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO ISTITUTO COMPRENSIVO OSSI-FLORINAS CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando tre gradi di scuola caratterizzati ciascuno da una specifica

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation Sonia Cristofaro, Università di Pavia Semantic maps and mental representation 1. Premessa Il presente articolo mira ad esaminare le implicazioni di modelli di multifunzionalità cross-linguistica, così

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Superamento del modello delle scuole speciali (classi differenziali) e istruzione dell obbligo nella scuola ordinaria

Superamento del modello delle scuole speciali (classi differenziali) e istruzione dell obbligo nella scuola ordinaria 4.2 Gli alunni disabili Premessa A partire dal dettato costituzionale (artt. 3, 34 e 38) la legislazione italiana ha progressivamente affermato con forza l esigenza di garantire effettivamente una scuola

Dettagli

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. Supporto psicologico a favore degli operatori e dei familiari coinvolti nel lavoro di assistenza

Dettagli