TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza."

Transcript

1 Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica a picco ed eventi geopolitici inattesi, solo per citare alcuni degli aspetti che maggiormente hanno inciso sui mercati e sul mood di tutti noi. In Europa, ma in particolare in Italia, è continuato il pessimismo e il senso di essere sempre più vicini ad una sorta di declino ineluttabile. L aspetto per noi più rilevante è tuttavia stato il rallentamento della crescita dell economia mondiale, più vivace nei primi mesi poi sempre più blanda, deludente, smentendo quasi tutte le precedenti previsioni di banche, economisti ed istituti di ricerca. TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. I mercati finanziari europei hanno chiuso l anno sostanzialmente piatti, quelli asiatici sono finalmente andati molto bene e quelli americani hanno avuto un ulteriore anno positivo. Altri, tra cui vari Brics, hanno fortemente deluso. Londra ha chiuso con un meno 3%. In questo contesto il titolo TIP ha avuto un ulteriore anno molto positivo, terminando con un più 16% rispetto a fine , dopo aver distribuito un altro buon dividendo. Ciò che più conta, data la filosofia di fondo di TIP, è però stata la conferma delle performance di medio termine e ci pare un buon risultato aver dato agli azionisti un total return 1 di oltre il 126% nei cinque anni, cioè un 25,3% medio annuo dal al Dati al Total return T.I.P. negli ultimi 5 anni Total return T.I.P. medio annuo negli ultimi 5 anni % +25.3% 1 Somma dei rendimenti da assegnazione di azioni proprie e warrant, dividend yield e performance del titolo. non costituisce in alcun modo né sollecitazione del pubblico risparmio, né indicazione per p eventuali acquisti. 1/11

2 Tali dati confermano TIP nelle posizioni di vertice tra le performance delle holding europee e rispetto a molti indici ed a quasi tutti i prodotti finanziari assimilabili. Nel 2014 la performance media dei fondi Azionari Italia è stata del 3,6%, con punte all 8,5% e quella dei fondi italiani Azionari Europa del 6,5%, con punte al 10,5%. Come da tradizione vi sottoponiamo il grafico del titolo TIP rispetto ad alcuni significativi indici italiani ed internazionali dal per abbracciare una parte importante del periodo della recente crisi. Titolo TIP dal al Outperformance e stabilità di medio periodo +103,4% IT Star +65,9% MSCI Small Cap +60,9% Stoxx Eur +53,5% MSCI Eur +33,4% 1 FTSE MIB -18,2% FTSE Small Cap -32,3% 0.5 Nel quinquennio il titolo TIP ha sovraperformato gli indici presi a riferimento, con una volatilità media al di sotto dei riferimenti e pertanto la combinazione tra rischiosità implicita e performance realizzata va oggettivamente considerata in modo positivo. Non è un caso che, oltre ai family office tradizionalmente presenti nel capitale, molti fondi e strumenti di investimento, anche internazionali, abbiano scelto TIP come società di media dimensione attraente proprio per il mix tra l'alta qualità delle partecipazioni in portafoglio, il 2/11

3 basso rischio connesso con la diversificazione degli investimenti, la dose di liquidità detenuta, la volatilità estremamente contenuta, la quantità di azioni trattate quotidianamente, la propensione a distribuire dividendi ed il buon andamento del titolo nel tempo. Nel corso del 2014 il numero di famiglie e di investitori professionali soci di TIP è ulteriormente aumentato, altri nomi prestigiosi si sono aggiunti al già ampio e consolidato azionariato e ciò riteniamo sia l'effetto della scelta di molti di avere, all'interno della propria asset allocation, una quota in un gruppo che opera con prudenza, pondera le proprie scelte di investimento, segue accuratamente le partecipate ed, in generale, sta sempre più consolidando il proprio ruolo di supporto per uno sviluppo equilibrato, ma coraggioso e spesso caratterizzato da operazioni di finanza straordinaria, di molte imprese. Come noto, specie negli ultimi mesi, i volumi quotidianamente trattati sui mercati borsistici europei, in particolar modo per le società di media e piccola capitalizzazione, si sono sensibilmente assottigliati, ma il titolo TIP resta tra i più scambiati, in Italia, a dimostrazione dell'apprezzamento per il modello di business e per i risultati conseguiti. Il "valore" di TIP Da mesi la capitalizzazione di TIP oscilla tra i 350 ed i 400 milioni di euro. Quale che sia l effetto del valore attuale dei debiti, dei prestiti obbligazionari e delle liquidità esistenti, le nostre stime interne di valore intrinseco di medio termine degli attivi in portafoglio, da tempo al di sopra dei 600 milioni di euro, continuano ad evidenziare una sensibile distanza rispetto ai livelli di capitalizzazione menzionati. 3/11

4 I target price sul titolo TIP sono da mesi attorno ai 3 euro, ma a nostro avviso tali valutazioni continuano a non tenere conto né delle reali potenzialità di valorizzazione a termine di molte partecipate, né della capacità di TIP di continuare a produrre conti economici positivi; ieri Equita SIM ha alzato il target price a 3,15 euro. I grafici che seguono riportano il consueto confronto tra valori di consensus del mercato e le stime interne - per settore - di valore intrinseco di medio termine degli asset detenuti da TIP al Valore di consensus degli assets 2 valore intrinseco di medio termine degli assets mln Oltre 600 mln In questo contesto TIP continua ad effettuare acquisti di azioni proprie ed al possedeva il 5,443% del proprio capitale; nel 2014 il top management ha acquistato ulteriori 1,5 milioni di azioni, nei giorni scorsi altre azioni. L utile netto dei primi nove mesi 2014 è stato di circa 24 milioni di euro; pur essendo oggi difficile estrapolare con precisione il risultato al 31.12, riteniamo che, pur in assenza di una componente rilevante come la forte plusvalenza dello scorso anno per la cessione di Printemps, l utile del 2014 potrebbe essere non molto inferiore al dato Valutazione analitica delle partecipazioni dal consensus di mercato (Bloomberg) 3 Valutazione analitica degli attivi (al lordo dei debiti T.I.P. S.p.A.) elaborata basandosi sulle nostre stime delle prospettive a medio termine delle società partecipate. 4/11

5 I principali investimenti La fine del 2013 coincideva con il grande successo della quotazione di MONCLER; il 2014 è stato principalmente caratterizzato dall acquisizione di una quota di rilievo in EATALY, dall emissione di un prestito obbligazionario da 100 milioni a sei anni, dall incremento della partecipazione in ROCHE BOBOIS, dalla nascita di TIPO e dalla sottoscrizione da parte di TIPO stessa del contratto preliminare per l entrata nel gruppo iguzzini Illuminazione. Anche altre operazioni hanno caratterizzato l esercizio: l uscita da Datalogic dopo oltre dieci anni dall acquisto delle prime azioni, l entrata di TIPO nel capitale di AAA - Advanced Accelerator Applications, la sottoscrizione del contratto per il disinvestimento da INTERCOS, l aumento delle quote in INTERPUMP e MONCLER, la posizione in FIAT-FCA ed un ottimo anno per l area advisory. Nel corso dell anno il capitale sociale è aumentato di 13,9 milioni di euro a seguito dell esercizio di altre tranche di warrant TIP 2015; dalla loro assegnazione - gratuita a tutti gli azionisti, nel i warrant TIP hanno reso oltre il 1.200%. Con l inserimento della quota che TIPO acquisirà nel gruppo iguzzini Illuminazione salgono a nove le società direttamente o indirettamente partecipate che possono essere considerate dei leader a livello internazionale nei rispettivi settori e ciò da una parte conferma la vocazione di TIP di essere un partner per lo sviluppo delle società italiane che brillano per eccellenza industriale e, dall altra, l assoluta unicità, nel nostro paese, del modello rappresentato. L operazione più importante del 2014, cioè l entrata nel capitale del gruppo EATALY tramite un club deal con diciannove partecipanti, dimostra come le stesse società potenziali target decidano di scegliere un partner come TIP per la qualità della sua composizione azionaria, per cosa comunica il team e per il suo modello operativo. Il 5/11

6 programma di aperture di EATALY per il prossimo triennio è molto ambizioso e la quotazione in borsa è confermata entro il L ammontare oggi globalmente investito dal gruppo TIP, tra operazioni dirette e club deal, è quantificabile in circa 1,2 miliardi di euro. Principali operazioni in essere esclusa FCA valori di consensus 4 Post cessione Printemps (fine 2013) e Datalogic (2014) INTERPUMP, la partecipazione detenuta da più tempo, in portafoglio dal 2002, sta ulteriormente confermando la consistenza dei propri trend di crescita ma anche la capacità e la determinazione nel voler 4 Includono le valutazioni del consensus di mercato al 27 gennaio 2015 (Bloomberg) 6/11

7 proseguire con un programma di ulteriori acquisizioni, sempre con un forte connotato strategico e sinergico. PRYSMIAN, la società di dimensioni maggiori in cui TIP ha investito e di cui Clubtre è il singolo maggior azionista, nel 2014 ha avuto una criticità su una commessa ma rimane l'indiscusso leader mondiale nel settore e ciò non solo per dimensione, ma per redditività e per capacità tecnologica ed infatti sta ulteriormente dimostrando la propria posizione con un portafoglio ordini a livelli molto alti. MONCLER nel 2014 ha confermato la propria capacità di continuare a crescere, a livello di fatturato e di margini, per svilupparsi in modo costante e progressivo, con l apertura di molti nuovi negozi diretti, con l aumento delle superfici di alcuni punti vendita e con un ottima tenuta del wholesale. Il titolo ha risentito del generale ridimensionamento delle quotazioni delle azioni del settore lussomoda, ma ha tenuto ottimamente sia in termini assoluti che relativi. AMPLIFON nel corso del 2014 ha ripreso un livello di marginalità adeguato alla propria leadership ma ha anche continuato il percorso di crescita per acquisizioni che la caratterizza da sempre. Per ROCHE BOBOIS il 2014 ha rappresentato un anno di svolta in termini di crescita dei margini, a seguito delle nuove aperture di negozi ora 330 in 50 paesi ma anche di razionalizzazioni di aree non sufficientemente profittevoli. In corso d anno il club deal promosso da TIP è divenuto il singolo maggior azionista della società, con una quota di poco inferiore al 40% del capitale. BE nel 2014 ha continuato a crescere, ha di recente indicato le proprie potenzialità in un piano triennale molto promettente ed ha ulteriormente stabilizzato il proprio assetto azionario che vede nella famiglia Achermann il socio chiave, anche per il futuro. INTERCOS ha avuto un 2014 molto positivo, ha consolidato le proprie quote di mercato e creato le premesse per un ulteriore percorso di 7/11

8 crescita; proprio oggi TIP ha completato il disinvestimento, con una ulteriore plusvalenza, di importo superiore a 10 milioni di euro. BOLZONI, NOEMALIFE e SERVIZI ITALIA stanno continuando ad avere un buon andamento ed il 2015 si annuncia promettente per tutte. Il peso dei vari macro settori sul totale riteniamo sia piuttosto equilibrato: circa il 30% è su aziende caratterizzate da tecnologie avanzate, poco meno tra lusso, fashion, design e un 20% circa è tra alimentare, sanità e terza età, con un mix a nostro avviso corretto sia in termini di allocazione di risorse che di rischi connessi. Anche il rapporto tra partecipazioni in società quotate in borsa e non quotate è mutato rispetto ad un anno fa, con l acquisizione di EATALY, l'incremento in ROCHE BOBOIS e con l'avvio di TIPO. L area advisory come accennato ha avuto un ottimo andamento e ciò sia per i club deal organizzati, sia per le operazioni di M&A finalizzate per clienti non riferibili a società partecipate. Anche l attività di P&T, la partecipata con sede ad Hong Kong specializzata nell'assistenza ad operatori interessati ad operazioni in Asia - in particolare nell'area cinese - si sta sviluppando molto bene. FCA - Fiat Chrysler Automobiles Nell anno, tenuto conto delle liquidità in portafoglio, abbiamo effettuato alcuni investimenti in FIAT-FCA, costituiti da obbligazioni, azioni e sottoscrivendo - in emissione - il prestito convertendo. Le ragioni principali della costituzione di tale posizione - ora complessivamente di circa 100 milioni di euro - sono state: il gruppo FIAT-FCA ha di recente dato vita ad una delle più rilevanti vicende imprenditoriali dell intera storia industriale del paese; considerate le condizioni del gruppo FIAT fino a 8/11

9 qualche anno fa, data la situazione forse anche peggiore di Chrysler e cosa la realtà congiunta rappresenta oggi - settimo e più dinamico produttore di auto al mondo - quanto realizzato meritava una particolare attenzione; prima della quotazione a Wall Street le obbligazioni e le azioni FIAT erano trattate a prezzi che - a nostro avviso - contenevano un errato sconto del quale poter beneficiare; quando, nel corso dell estate, sono circolate notizie in merito all eccessiva onerosità dell esercizio del diritto di recesso a favore dei soci per la fusione tra FIAT e Chrysler ed anche all eventualità che la fusione stessa potesse essere a rischio, i titoli hanno avuto ulteriori cali, non giustificabili. Una simile posizione potrebbe apparire incoerente con la normale attività di TIP, ma la nostra attenzione ad operazioni di potenziale incremento di valore tramite transazioni di carattere straordinario non poteva non cogliere dei deal, ora culminati con la quotazione a Wall Street, con l'emissione del prestito convertendo e con il prossimo spin-off del gruppo FERRARI, che apparivano condotti con abilità e nell'ambito di un disegno strategico di forte valorizzazione. Il 2015 L anno si presenta complicato sia a livello economico che politico, l Europa arranca ancora e le previsioni non sono buone; anche le recenti decisioni della BCE faticheranno molto ad avere effetti positivi e rilevanti sull economia reale. L andamento di TIP è però stato sempre caratterizzato da una forte decorrelazione da tali contesti ed i risultati degli ultimi anni lo dimostrano. L auspicio è di riuscire a continuare in tale direzione. Le liquidità detenute e la volontà di sempre più soci a partecipare ad operazioni di club deal, anche di grande rilievo, restano lo stimolo più forte a continuare gli investimenti, ad individuare nuove opportunità ed a procedere nel percorso di espansione dell attività. 9/11

10 In tal senso si stanno intensificando i contatti con imprenditori ed aziende interessati a TIPO, mentre per TIP si stanno guardando altri investimenti all estero, operazioni di aggregazione in ottica strategica ed acquisizioni di quote di società già leader, ma desiderose di accelerare i rispettivi processi di sviluppo. Ciò sia tra le società già partecipate che in nuovi progetti, sempre che si riescano ad individuare altre eccellenze sul piano imprenditoriale e che resti valida l'assunzione sulla base della quale, investendo in società con determinati plus, si possa riuscire ad avere una sorta di vaccinazione dagli effetti peggiori delle crisi. In tale contesto alcune delle incertezze riscontrate negli ultimi mesi sui mercati sono, per noi, da interpretarsi più come opportunità che come elementi di preoccupazione o freno. TIP ha chiuso il 2014 con la pubblicazione di un libro, ASSET ITALIA - Proprietà, valori e prezzi (pagati e non) per le aziende italiane - che ha l ambizione di rappresentare un innovativo punto di vista sulla situazione delle imprese del paese e sui loro rapporti con la finanza. È un analisi dettagliata dei problemi e delle possibili soluzioni in merito alla strutturale sottocapitalizzazione di troppe società, delle operazioni di private equity, delle transazioni di mergers and acquisitions, delle quotazioni in borsa e delle IPO; il tutto ben contestualizzato in un sistema notoriamente troppo vecchio, con un tema irrisolto di passaggi generazionali e di nanismo imprenditoriale. TIP ritiene di aver dimostrato di saper contribuire ad unire finanza sana e progetti ambiziosi, ma si tratta sempre di poche operazioni rispetto al panorama generale dell'industria e pertanto, anche con ASSET ITALIA, si è voluto cercare di diffondere il succo delle esperienze vissute, corredato da dati, grafici, quantificazioni. Il libro vuole essere di stimolo, specie per gli imprenditori più aperti ed illuminati, per convincerli a ringiovanire le rispettive imprese, a patrimonializzarle adeguatamente per fronteggiare le evoluzioni del contesto competitivo, a valutare concretamente se - e semmai come, 10/11

11 senza blocchi mentali su prezzi/valori e governance - far ricorso al mercato dei capitali ed a vedere sia la Borsa che le partnership con operatori finanziari di lungo termine come le più efficienti modalità di affiancamento per la crescita che siano state finora ideate. L auspicio è che tali suggerimenti vengano colti da almeno parte di quelle centinaia di imprenditori che, anche secondo la Banca d'italia, sarebbero pronti per la quotazione in borsa, in modo tale che il 2015 possa essere un anno di svolta anche da questo punto di vista. TIP costituisce un insieme di oltre cento famiglie imprenditoriali e di numerose istituzioni che negli anni ha catalizzato circa 1,3 miliardi di euro di investimenti in eccellenze industriali, arrivando a mettere assieme un aggregato di oltre persone, circa 11 miliardi di euro di fatturato, stabilimenti in quasi 100 paesi, con buona profittabilità ma soprattutto con un ottimo posizionamento sui mercati e che, dall ingresso di TIP nel loro capitale, ha finalizzato oltre 50 acquisizioni, dimostrando un fantastico dinamismo. Il 2015 può essere un anno di ulteriore espansione, anche significativa; la pipeline di operazioni allo studio è incoraggiante e la percezione dell unicità e dell'apprezzamento per TIP e TIPO ci pare si stiano ulteriormente consolidando. Molto grazie a voi. Giovanni Tamburi Alessandra Gritti Claudio Berretti Milano, 28 gennaio /11

INVESTOR MEETING. 29 gennaio 2014 1. 29 gennaio 2014

INVESTOR MEETING. 29 gennaio 2014 1. 29 gennaio 2014 INVESTOR MEETING 1 Azioni T.I.P. 2,7 Performance di T.I.P.* dal 1.1.2010 al 31.12.2013 2,4 T.I.P. +85,1% 2,1 MSCI SM +57,3% 1,8 1,5 1,2 0,9 0,6 IT STAR +51,4% STOXX EURO SM +49,3% MSCI EUR +26,6% FTSE

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. Cesenatico

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. Cesenatico LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY Cesenatico Investimenti effettuati, inclusi club deals, ~1,4 miliardi di euro Partecipazioni in 9 società leader globali Fatturato aggregato delle partecipate di circa 13

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014 LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY 1 Investireste in un Gruppo che: Ha quote attive in 9 leader mondiali* dei rispettivi settori? Negli ultimi 10 anni ha avuto plusvalenze nell 80% circa delle cessioni? Capitalizza

Dettagli

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY VI Edizione Hotel Splendide Royal 25 settembre 2015 «Con la reputazione che la finanza si è guadagnata negli ultimi anni dovremmo solo vergognarci, tutti. Ma se riesci

Dettagli

4-nov-11. 4-mag-11. 4-dic-11. 4-ago-11. 4-ott-11. 4-feb-12. 4-lug-11. 4-gen-12. 4-giu-11. 4-set-11

4-nov-11. 4-mag-11. 4-dic-11. 4-ago-11. 4-ott-11. 4-feb-12. 4-lug-11. 4-gen-12. 4-giu-11. 4-set-11 Carissimi azionisti, l anno 2012 si è chiuso, per i mercati finanziari, con una diffusa sensazione di positività che dodici mesi fa non aveva quasi nessuno. I problemi strutturali delle maggiori economie

Dettagli

Marzo 2013 4 marzo 2013

Marzo 2013 4 marzo 2013 Marzo 2013 2010 2011: Il contesto di riferimento 1 2010 2011: Il contesto di riferimento 2 T.I.P. in Dieci Anni Dal 2010 ad oggi T.I.P. ha investito direttamente e tramite club deals complessivamente circa

Dettagli

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY IV Edizione Hotel Splendide Royal Perché? Chi di voi, un anno fa, presente in questa sala, avesse deciso di comprare azioni T.I.P.: Avrebbe guadagnato il 26% Avrebbe

Dettagli

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 Patrimonio netto oltre 458 milioni di euro (354 milioni al 31 dicembre 2014) Utile consolidato ante imposte trimestrale di

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Utile consolidato ante imposte di 20,3 milioni di euro Patrimonio netto consolidato a 476,6 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Utile netto consolidato 22,7 milioni di euro Patrimonio netto consolidato 347 milioni di euro Liquidita' disponibile oltre 136 milioni di euro Il Consiglio

Dettagli

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro RESOCONTO AL 30 SETTEMBRE 2015 utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

Il mercato italiano e le opportunità di crescita per le aziende: il modello Tipo S.p.A. 23 ottobre 2014

Il mercato italiano e le opportunità di crescita per le aziende: il modello Tipo S.p.A. 23 ottobre 2014 Il mercato italiano e le opportunità di crescita per le aziende: il modello Tipo S.p.A. Investimenti effettuati: 1,3 miliardi di euro Partecipazioni in: 8 società leader mondiali, più altre Fatturato aggregato

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. LE IMPRESE ITALIANE HANNO BISOGNO DI EQUITY Struttura di finanziamento delle imprese in Italia, Francia, Germania e UK. STRUTTURA FINANZIARIA DELLE IMPRESE 4% 10% 4% 12% 1) ABBIAMO UN SISTEMA 18% 11% 17%

Dettagli

Spero di farle cosa gradita nell inviarle in anteprima una versione ridotta di questo articolo.

Spero di farle cosa gradita nell inviarle in anteprima una versione ridotta di questo articolo. 26/09/2013 In questo Diario di Bordo parliamo di Private equity Gentile Cliente, nella mia professione di consulente finanziario indipendente mi viene richiesto anche di scrivere per alcuni giornali di

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015 FIRST CAPITAL: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 E AVVIA L EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO FINO A EURO 10 MILIONI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA,

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE ANDREA ROTTI ERSEL S.I.M. 22/11/2013 Milano Scenario 2014: premessa Il decennio 2002-2012 è stato decisamente

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti:

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti: COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi Investment Partners S.p.A. ( TIP-mi ), riunitosi in data odierna, in considerazione dell ormai avvenuto completamento della fase di turnaround

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS

GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2015 Indice Organi sociali 3 Relazione sull andamento della gestione 4 Prospetti contabili Conto economico consolidato 8 Conto economico complessivo

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

23 gennaio 2015 Roberto Russo. www.assitecasim.it

23 gennaio 2015 Roberto Russo. www.assitecasim.it 2015: l anno della svolta 23 gennaio 2015 Roberto Russo www.assitecasim.it La borsa italiana, dopo avere perso i due terzi del suo valore dal 2007 al 2011, ha chiuso gli ultimi tre anni con una performance

Dettagli

TERNA: UTILI PER IL PAESE

TERNA: UTILI PER IL PAESE TERNA: UTILI PER IL PAESE Audizione presso la Commissione Industria Senato Atto n. 282 Affare assegnato risultati società partecipate dallo Stato ROMA, 19 marzo 2014 1 Il Gruppo Terna Il Gruppo si compone

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Luca Felli

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 PRINCIPALI CONTENUTI 1. Quadro della situazione attuale in Italia 2. Accordo ABI-BIT Punti principali

Dettagli

Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale

Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale Le opportunità di finanziamento delle PMI nel contesto attuale Carlo Arlotta Presidente Commissione Finanza e Controllo di Gestione dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati.

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati. FEBBRAIO 2016 Vediamo di riassumere sinteticamente in questa mail le cause che hanno portato allo storno delle borse e grazie all ausilio delle informazioni ricevute da alcuni dei principali gestori mondiali,

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Hedge Invest SGR: 15 anni alternativi, dalla bolla internet alla crisi dell euro

Hedge Invest SGR: 15 anni alternativi, dalla bolla internet alla crisi dell euro Comunicato Stampa Hedge Invest SGR: 15 anni alternativi, dalla bolla internet alla crisi dell euro Milano, 23 novembre 2015 I ripetuti shock che hanno segnato l andamento dei mercati finanziari dalla fine

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate:

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate: COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS RIORGANIZZA L INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, AGGIORNA IL PIANO STRATEGICO 2009-2011 E LANCIA UN NUOVO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Conversione al modello del franchising

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 22 aprile Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 2007: l Anno del Cambiamento L introduzione di nuove norme ha comportato nuove sfide: Attuazione della riforma della previdenza integrativa Restrizione

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

5. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO *

5. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * 80 5. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEL RISPARMIO * Nella prima parte dell anno sul mercato degli strumenti finanziari si è manifestata una sensibile riduzione della raccolta di capitale canalizzata

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS

GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2014 INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della gestione 4 Prospetti contabili Conto economico consolidato 9 Conto economico complessivo

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli