Poste Italiane S.p.A - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (con. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB Como.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poste Italiane S.p.A - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (con. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB Como."

Transcript

1 Semestrale n Giugno 2010 News Periodico di solidarietà mondiale che racconta e rendiconta le attività in corso in Italia e nel Sud del mondo de Il Sole associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza ONLUS. Poste Italiane S.p.A - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (con. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB Como. ll Sole Onlus è su Facebook aggiungici tra gli amici!

2 Sommario EDITORIALE 3 Lettera aperta NOTIZIE DAI PAESI 5 India 6 Cambogia 7 Etiopia FOCUS SUI PAESI 8 Da un usanza solidale al traffico dei bambini 9 Il turismo sessuale a danno di minorenni (Ecpat Italia Onlus) 11 Legislazione UN ANGOLO PER APPROFONDIRE 12 Da: Le parole non dette di Alberto Pellai 15 Le conseguenze della violenza GLI IMPEGNI DE IL SOLE ONLUS 20 Vite da riprendersi 22 Sogni da riaccendere 25 ADOTTA UN BAMBINO A DISTANZA DIARI DI MISSIONE 27 Perché qui, gli occhi non bastano 29 Club sandwich 31 BILANCIO E RELAZIONE ANNUALE CALENDARIO EVENTI - CAMPAGNE IN ATTO 41 La biblioteca de Il Sole Onlus 41 Cuscini dal Benin 42 COSA STIAMO FACENDO 44 LETTURE CONSIGLIATE 47 Da: Addis Abeba - Nuovo Fiore, mostra fotografica di Gin Angri CONTATTI: Il Sole Onlus via L. Leoni, Como tel Fax Il Sole News - 2

3 Lettera aperta Cari Sostenitori, da diverso tempo Il Sole Onlus è in fase di cambiamento. Giorno dopo giorno muta fisionomia e non solo per volere del tempo che passa. Anche, e soprattutto, per volontà di chi l Associazione la vive quotidianamente e la ritiene una fonte inesauribile di vita. Su queste pagine il cambiamento è molto evidente. Francesca e Greta, interpretando la nuova fisionomia si sono prodotte in uno sforzo non indifferente per dare un immagine più consona all Associazione e al suo cambiamento. Cambiamento che è il prodotto costante di chi, nell ombra lavora per voi e per i vostri/nostri bambini. Nello specifico, Luciana da un paio d anni a questa parte sta modificando il modo di comunicare con i sostenitori i bisogni e i risultati dei nostri bambini; Silvia sta approfondendo la capacità di dare risposte efficaci ed efficienti alle necessità dei nostri bimbi; Alessia, di rientro dalla maternità, ci mette anima e cuore per rispondere ad ogni vostra richiesta nel miglior modo possibile; Fabio da un anno a questo parte sta verificando e controllando costantemente i conti dei progetti e delle adozioni a distanza, al fine di limitare gli errori e di garantire il corretto uso dei vostri fondi; Vincenzo, new entry, sta mettendo la sua decennale esperienza al servizio dell amministrazione, al fine di rispettare quei parametri di efficacia ed efficienza finanziaria che distinguono le buone associazioni da quelle meno buone. Tutto ciò è possibile grazie anche al lavoro dei nostri instancabili volontari: Fiorella la storica, Silvia la laboriosa, Valentina la tecnologica, Enza la meticolosa, Elda l energica, Sandro il tuttofare, Eva la fotografa. E poi Daniela, Roberta, Donatella, Fiorella. Il sostegno a distanza ravvicinata è una filosofia di pensiero che si traduce in operatività pura; è uno slogan che facilmente si traduce in fare ; è un concetto che interpreta bene il nostro modo di vivere la solidarietà internazionale Tutti noi, staff e volontari, ci stiamo lanciando in uno sforzo non indifferente per rendere le attività de Il Sole Onlus le più trasparenti, efficaci ed efficienti possibili. Ma questo lo fanno tutte le associazioni che vogliono rientrare nella categoria delle buone associazioni. Noi vogliamo fare di più: vogliamo che le nostre attività siano realmente a portata di mano di chiunque ne fosse interessato. Per questo dall inizio dell anno stiamo lavorando alacremente per dare un identità forte, chiara e precisa a quello che è e sarà il nostro modus operandi: il sostegno a distanza ravvicinata. Il sostegno a distanza ravvicinata è una filosofia di pensiero che si traduce in operatività pura; è uno slogan che facilmente si traduce in fare ; è un concetto che interpreta bene il nostro modo di vivere la solidarietà internazionale. Il sostegno a distanza ravvicinata permette a Il Sole Onlus di essere un mero strumento, un intermediario che si pone a metà strada tra voi sostenitori e i nostri bambini; di promuovere, sostenere e tutelare al meglio i diritti e i bisogni dei bambini; di conoscere meglio voi sostenitori. Da vicino. Permette ai nostri bambini di avere una vita più dignitosa, di avere delle opportunità altrimenti sconosciute, di sognare un futuro più radioso, di entrare in contatto con realtà sconosciute. Da vicino. Permette a voi sostenitori di seguire il vostro/ nostro bambino, di seguire le nostre attività, di promuoverle, giudicarle, criticarle, apprezzarle. Da vicino. Il sostegno a distanza ravvicinata non è, però, una semplice raccolta di diritti (il diritto alla vita per i nostri bambini, il diritto alla trasparenza per voi nei nostri confronti, il diritto Il Sole News - 3

4 alla conoscenza vostra e dei nostri bambini per Il Sole Onlus) è anche un importante leva sul senso del dovere di ognuno di noi. Affinché il sostegno a distanza ravvicinata funzioni, sia efficace ed efficiente, ognuna delle parti in causa deve farsi carico delle proprie responsabilità: Vi annunciamo con piacere che è finalmente online il nuovo sito dell Associazione: Il Sole Onlus deve garantire risposte ai bisogni dei bambini attraverso le adozioni a distanza e i progetti di aiuto all auto-sviluppo; deve rendere partecipi i sostenitori delle attività che svolge attraverso rapporti periodici, tramite l organizzazione di seminari, di giornate tematiche, di feste, di incontri, di occasioni per raccontare il nostro operato, attraverso l utilizzo della tecnologia (sito, Facebook, youtube, anobii, Flickr, Ammado). I bambini, beneficiari dei nostri progetti, non hanno solo il diritto di ricevere il nostro aiuto, ma hanno il dovere di meritarlo. Devono sapere che la loro scelta comporta necessariamente l esclusione di qualcun altro, per cui devono garantire un buon esito scolastico, al fine di ottenere, a fine percorso, un accesso professionale qualificante (sempre nel massimo rispetto di tradizioni, luoghi comuni, abitudini costumi del loro ambiente sociale naturale). I sostenitori hanno il compito di rispettare l impegno preso nei confronti del bambino (eh, ahimè, permettermi una nota dolente: quest anno il numero di ritardi nei pagamenti delle adozioni a distanza è aumentato a dismisura, complicando in maniera non indifferente il nostro ruolo di intermediario); di seguirci e controllarci per evitare di commettere banali errori che possono mettere in cattiva luce l associazione. In chiusura, il sostegno a distanza ravvicinata è un impegno non indifferente che ci accomuna tutti, che ci avvicina, che ci coinvolge che ci rende partecipi e che crea condivisione. Con un fine ultimo inderogabile: il supremo interesse del bambino. In sintesi il sostegno a distanza ravvicinata non è un atto di solidarietà fine a se stesso. È di più. È un modus operandi che si traduce in modus vivendi. Vittorio Villa Direttore Il Sole Onlus Abbiamo cambiato grafica e contenuti, troverete eventi e news per tenervi sempre aggiornati e approfondimenti su notizie provenienti dai Paesi del Sud del Mondo oltre alle notizie sui progetti in corso. Un altro modo, il nuovo sito, per seguire Il Sole Onlus e i suoi tanti impegni. Il Sole News - 4

5 Notizie dal Mondo INDIA Povertà 13/05/2010 Nuove regole per il censimento indiano: il ritorno al sistema delle caste La camera bassa del parlamento indiano, il Lok Sabha, ha votato l introduzione del sistema delle caste induiste nel censimento decennale della popolazione, in corso dall inizio di aprile. Il censimento si propone di rilevare informazioni demografiche su circa un miliardo e duecento milioni di persone. Fino al marzo 2011, due milioni e mezzo di ufficiali governativi, saranno impiegati in visite porta a porta nei trentacinque Stati della repubblica federale indiana. Distribuiranno un questionario, redatto nelle diciotto lingue, parlate nel Paese. Ufficialmente, le caste sono state abolite dalla Costituzione del 1950, ma la popolazione indiana è ancora divisa tra le quattro principali caste del sistema induista - kshatriya (il re e i guerrieri), brahmani (i sacerdoti), vaishya (gli agricoltori e i mercanti) e shudra (i servi). In aggiunta, vi sono oltre duemila sotto-caste e i dalit o intoccabili (anche definiti fuori casta ) che sono circa 16 milioni di persone, secondo l ultimo censimento del Con la riforma votata dal parlamento, verrà fatto un riferimento alle caste già note, ma anche a quelle non classificate, in inglese other backward castes. La grande speranza politica, legata alla riforma del censimento, è che avere una schematizzazione chiara delle caste porti a una riduzione dell endemica violenza tra comunità e permetta agli analisti di individuare i gruppi di popolazione, bisognosi di aiuto economico. Fonte: INDIA Educazione 02/04/2010 Garantita l istruzione di base Il premier indiano Manmohan Singh ha firmato la legge che prevede il recupero di migliaia di bimbi di strada, grazie ad un sistema educativo gratuito dai 6 ai 14 anni. L istruzione di base come diritto fondamentale e gratuito è stato inserito anche nella Costituzione indiana. Il costo dell operazione secondo le previsioni si aggirerebbe intorno ai 28 miliardi di euro nel prossimo quinquennio. Con questa legge l India entra nei 130 Paesi che, secondo un recente rapporto dell Unesco, garantiscono legalmente un istruzione di base ai bambini. Fonte: INDIA Lotta alla povertà 19/03/2010 Disegno di legge contro la povertà: 25 kg di riso al mese a 125 centesimi per gli indigenti Sono 300 milioni le persone che beneficeranno di questo provvedimento se e quando verrà approvato. Venticinque chili di riso al mese al costo di 3 rupie al chilo, l equivalente di 5 centesimi, per le famiglie al di sotto della soglia di povertà stabilita dal governo indiano. Attualmente, 60 milioni di famiglie, per un totale di 300 milioni di persone. È questo il cuore del disegno di legge contro la povertà varato da un comitato ministeriale e che dovrà passare al vaglio del consiglio dei ministri per poi essere approvato dal parlamento. Fonte: Il Sole News - 5

6 Notizie dal Mondo CAMBOGIA Violenza sessuale 11/05/2010 La crisi finanziaria globale colpisce duro nei paesi poveri: in Cambogia a pagare sono soprattutto le donne giovani e le bambine La crisi ha ridotto il tasso di crescita economica di circa due terzi, dal 6,7 per cento raggiunto nel 2008 al 2,1 per cento nel 2009, ponendo una serie di problemi per lo sviluppo del Paese e il benessere dei suoi abitanti. In particolare, la crisi finanziaria globale ha portato a un incremento nel numero di donne finite a cercare una qualsiasi forma di sussistenza nel mercato del sesso. Un recente rapporto dell agenzia delle Nazioni unite sul traffico umano (Uniap) ha messo in luce come ci sia stato un considerevole aumento di giovani donne impiegate in bordelli, karaoke bar e centri massaggi dall inizio della crisi finanziaria. La stragrande maggioranza delle donne costrette a questo tipo di lavori sono giovanissime, in molti casi addirittura minorenni, che si trasferiscono dalle campagne alle città o raggiungono la capitale dalle aree più povere della sua periferia. I rischi più seri per le ragazze e giovani donne che finiscono nel mercato della prostituzione sono senza dubbio legati al ripetuto rischio di contrarre Hiv, oltre che di essere trafficate e scomparire all estero. Fondamentale è il ruolo di molte Ong cambogiane che stanno lavorando per promuovere campagne di sensibilizzazione, e aiutando numerosissime donne a reinserirsi nel mercato del lavoro, per esempio attraverso sistemi quali accesso al microcredito o a trainings specializzati. Gli operatori umanitari locali esprimono profonde preoccupazioni per il futuro del loro Paese. Le conseguenze più allarmanti sono pagate dalle giovani donne, ma anche dalle bambine cambogiane, quindi è in pericolo il futuro di intere generazioni. Fonte: Il Sole News - 6

7 Notizie dal Mondo ETIOPIA Politica 26/05/2010 Elezioni, l opposizione contesta i risultati elettorali La coalizione di opposizione in Etiopia, il Medrek, ha contestato i risultati delle elezioni che hanno visto trionfare il partito del premier Meles Zenawi, ed ha chiesto nuove consultazioni. Non accettiamo i risultati e chiediamo nuove elezioni, ha detto uno dei dirigenti del Medrek, Merera Gudina, che ha anche denunciato l uccisione di due esponenti del Congresso del popolo Oromo, uno degli otto partiti che formano la coalizione d opposizione uscita sconfitta dal voto. I leader del Medrek (Forum per la democrazia e il dialogo) si sono riuniti oggi ad Addis Abeba per definire una strategia comune dopo la vittoria del partito di Meles Zenawi, il Fronte Rivoluzionario e Democratico del popolo etiope (Eprdf). Quelle del 23 maggio non sono state vere ele zioni, ma una commedia, una commedia orchestrata dall Eprdf, ha accusato un altro dirigente del Medrek, Beyene Petros. L Eprdf vuole controllare il panorama politico dell Etiopia e imporsi come partito unico di stato, ma noi lo impediremo. La lotta per la democrazia continua, ha aggiunto Petros, che ha tenuto una conferenza stampa al termine della riunione. Il presidente della Commissione elettorale, Merga Bekana, ha dichiarato lunedì sera, quando lo spoglio era al 75%, che il partito di governo ha senza dubbio vinto le elezioni. I risultati ufficiali sono tuttavia attesi per il 21 giugno. La missione di osservatori Ue aveva pubblicato ieri delle relazioni in cui denunciava violenze e intimidazioni che avrebbero causato un andamento irregolare delle votazioni, quando il Fronte Democratico Rivoluzionario Popolare dell Etiopia e i suoi alleati, già al governo, hanno vinto con ampio margine in nove delle undici regioni del paese. ETIOPIA Violenza 17/03/2010 Le donne si ribellano alla tradizione che le fa schiave In Etiopia esiste una pratica culturale molto diffusa: il matrimonio forzato. Fino al 2003 il 69 % dei matrimoni era frutto di un sequestro. L uomo sceglieva la donna, la rapiva e la violentava. La mattina dopo lei diventava ufficialmente sua moglie. Non poteva né scappare né tornare dalla sua famiglia, perché una donna che ha perso la verginità non ha altra scelta se non restare con l uomo che l ha stuprata. Nel 2005 il matrimonio forzato è stato dichiarato ufficialmente illegale e chi rapisce una donna dovrebbe finire in prigione. La legge però non tutela le zone più povere del paese. Lo dimostra il caso di una tredicenne che si è rivolta al tribunale del suo villaggio per sottrarsi al matrimonio illegale. Il giudice ha respinto l accusa dicendo che l uomo aveva rapito legalmente la giovane perché l amava. Ma qualcosa sta cambiando. Ci sono donne che riescono a trovare la forza per ribellarsi, come Boge Gebre, prima ragazza del suo villaggio ad avere un titolo di studio. Da giovane è riuscita a scappare e ora ha fondato un associazione a Kembatta. Alle assemblee della Kmg (Le donne di Kembatta insieme) partecipano sia uomini che donne, che possono parlare liberamente di tutto quello che hanno sofferto. Fonte: Fonte: Il Sole News - 7

8 Da un usanza solidale al traffico dei bambini Tra le bellezze del Benin, della sua gente e della natura, selvaggia ed ospitale al tempo stesso, si sta sviluppando da anni un grave fenomeno sociale: il traffico di bambini. Com è possibile in un popolo che da almeno due secoli non conosce guerra, in cui la situazione politica è stabile e dove la povertà della gente è tendenzialmente omogenea, al punto da non suscitare invidie e gelosie? La spiegazione la si può trovare in un usanza che risale alla notte dei tempi: affidare i propri bambini a parenti o comunque a famiglie più abbienti per permettere ai piccoli di vivere un infanzia meno difficile, con più prospettive per il futuro e, perché no, che li renda capaci in seguito di occuparsi meglio dei genitori e fratelli rimasti a vivere al villaggio. Anche al giorno d oggi non è difficile incontrare giovani mamme nei villaggi che spontaneamente offrono il loro bambino Ma ad ogni storia con happy end oggi se ne affiancano centinaia con risvolti tristi per non dire vergognosi, storie di soprusi, di sfruttamento, di violenza. chiedendoti di tenerlo; inizialmente credi che si tratti di uno scherzo, ma alla reazione un po divertita di chi non crede alle proprie orecchie loro rispondono con una domanda seria che toglie ogni voglia di scherzare: cosa posso offrirgli qui? Non pensi che mio figlio potrebbe stare meglio da te? Così nasce il fenomeno dei cosiddetti vidomegon, che in lingua fon significa bambini piazzati. Di per sé non ci sarebbe nulla di recriminabile se la storia finisse qui. Anzi, esistono tutt ora persone che raccontano di esser cresciute a casa di zii o amici di famiglia diventati perno fondamentale della loro vita, perché li hanno fatti studiare o perché sono stati occasione di un viaggio rivelatosi fondamentale per l ottenimento di un buon posto di lavoro, ecc. Ma ad ogni storia con happy end oggi se ne affiancano centinaia con risvolti tristi per non dire vergognosi, storie Il Sole News - 8

9 di soprusi, di sfruttamento, di violenza. Che meccanismo scatta? Probabilmente il contenitore sociale non è più forte abbastanza ed i tradizionali valori legati alla solidarietà tra famiglie si stanno perdendo. Lentamente, ma inesorabilmente anche il Benin, soprattutto nelle sue città e in particolar modo a Cotonou (l unica grande metropoli), sta assumendo tratti sempre più occidentali legati all individualismo, all interesse personale, al profitto economico. La gente di città è ormai sradicata dal contesto protettivo e dall occhio vigile del villaggio per cui, nel bene e nel male, è svincolata da regole e controlli e non deve rendere conto a nessuno. Per cui chi può impedirle di offrire questo bambino ad un altro? E quest altro perché dovrebbe preoccuparsi del bene del piccolo, dato che ha braccia gratis per lavorare e guadagnare? Così i bambini smettono di frequentare la scuola e diventano gli schiavetti di casa, spesso maltrattati se non addirittura venduti a trafficanti che mirano a portarli in Nigeria per farne perdere le tracce e utilizzarli così per lavori pesanti sottopagati, prostituzione e, in alcuni casi, traffico d organi. Tutto questo si è sviluppato anche perché molti bambini non hanno l atto di nascita quindi, risultando inesistenti per lo stato beninese, le indagini della polizia diventano quasi impossibili. Tale stato di degrado raggiunge la sua massima espressione al grande mercato di Dantokpa a Cotonou. La tratta internazionale, che fa del Benin uno dei principali centri di snodo del commercio di minori dell Africa occidentale, ha come sbocco paesi quali Nigeria, Togo, Costa d Avorio, Gabon e Congo. Le vittime sono bambini (e soprattutto bambine) tra 6 e 17 anni, di solito privi di istruzione o già coinvolti nel lavoro minorile, appartenenti a famiglie nume rose e molto povere. Secondo uno studio Unicef del 2007, i bambini vittime del traffico in Benin sono oltre Fortunatamente c è chi ha iniziato a denunciare tale situazione di violenza e sfruttamento offrendo a molte delle piccole vittime la possibilità di rientrare in famiglia: Radio Tokpa, la Brigade des Mineurs, le suore salesiane e alcune associazioni straniere come il Gruppo Aleimar e Il Sole Onlus. Certo è ancora una goccia nel mare, ma bisogna cominciare. BIOGRAFIA: Francesca Moratti è laureata in filosofia, scien ze dell educazione e teologia. Ha conseguito il master di Cooperazione Internazionale e Mediazione dei conflitti nel marzo 2010 presso l Università Alma Mater di Bologna in collaborazione con la Provincia Autonoma di Bolzano. Dopo aver insegnato per alcuni anni, si è specializzata nella formazione e gestione di progetti educativi nell ambito della cooperazione internazionale. Dal 2002 lavora presso il Gruppo Aleimar Onlus in qualità di responsabile della formazione dei collaboratori in Italia e all estero, oltre che responsabile dei progetti educativi in Benin (Africa Occidentale). Ha pubblicato articoli su riviste specializzate quali Mondo e Missione e Note di Pastorale Giovanile. Francesca Moratti Il turismo sessuale a danno di minorenni Studio realizzato da ECPAT Italia Onlus Fenomeno Oggi il turismo sessuale con bambini è un problema globale. Il crescere del turismo di massa e dei voli a basso costo, rendono alla portata di tutti un viaggio verso mete esotiche e lontane dal proprio Paese. Internet facilita la conoscenza delle nuove mete e la condivisione di materiale pedopornografico. La situazione economica del cliente e quella del minore posto in vendita aumenta la disparità tra il cosiddetto nord da tutti i Sud del mondo. Si aggiunga, a tutto Il Sole News - 9 ciò, una specifica sui nostri connazionali, turisti del sesso con bambini. Negli ultimi anni hanno scalato pesantemente i primi posti di questa terribile classifica. Se prima in alcuni Paesi eravamo fra le prime 4-5 nazionalità, oggi siamo i più presenti in luoghi come il Kenya. Ma chi sono i turisti sessuali? I turisti sessuali (1) a danno di minori possono essere sposati o single, maschi o femmine (anche se la maggioranza sono maschi) stranieri o locali, ricchi o turisti con budget limitato. Possono avere un alto livello socio-economico o provenire da un ambiente svantaggiato. Anche se non ci sono

10 particolari distinzioni nei modelli di comportamenti sociali o specifici manierismi, è possibile separare i turisti sessuali in tre distinte categorie: turisti sessuali occasionali (spesso in quel Paese per lavoro), la maggioranza; turisti abitudinari (acquistano residenze che abitano in alcuni periodi dell anno); pedofili. L età del turista sessuale si è abbassata (tra i 20 e i 40 anni (2) ) e non corrisponde più esclusivamente al vecchio cliché del pedofilo classico. I motivi che inducono un turista sessuale ad andare alla ricerca di sesso da bambini e adolescenti sono: l anonimato e l impunità; la ricerca di nuove esperienze, classico di un consumismo sessuale ; la discriminazione che sconfina nel razzismo; la difficoltà nello stabilire rapporti paritari con le donne; la falsa credenza che fare sesso con bambini sia a minor rischio AIDS. Stime Non è possibile quantificare esattamente quanti siano gli italiani turisti del sesso con bambini e adolescenti. In Kenya, un rapporto UNICEF, rileva che il 38% dei clienti dei minori fatti prostituire sono locali, seguiti dagli occidentali: italiani 18%; tedeschi 14%; 12% svizzeri; 8% francesi. Il 60% dei turisti sessuali con bambini sono occasionali, così li definisce ECPAT, il 35% abituali e solo il 5% pedofilo (3). In Kenya, un rapporto UNICEF, rileva che il 38% dei clienti dei minori fatti prostituire sono locali, seguiti dagli occidentali: italiani 18%; tedeschi 14%; 12% svizzeri; 8% francesi. In Repubblica dominicana la gran parte dei clienti sono locali. La percentuale di turisti e stranieri si aggira attorno al 15%. I paesi di origine più presenti sono Canada, Stati Uniti, Italia, Germania e Francia ed alcuni Paesi dell Est Europa come Russia ed Ucraina. (fonte ECPAT-Rep.Dominicana) In Brasile gli italiani sono tra i primi tre come clienti, insieme a portoghesi e tedeschi. Dall Europa: Germania, Olanda, Regno Unito, Francia, Belgio, Spagna, Italia. Dalla regione America: Stati Uniti, Canada, Brasile. Asia: Giappone, Taiwan. Africa: Repubblica Sudafricana: Oceania: Australia. Destinazioni prevalenti. Asia: Thailandia, Vietnam, Laos, Cambogia, Filippine, Nepal, Pakistan, Russia, Taiwan, Cina, Sri Lanka, India, Indonesia. America Latina: Brasile, Repubblica Dominicana, Colombia, Messico, Venezuela, Cuba. Africa: Kenia. Note: 1 Fonte: Combatting child sexual tourism ECPAT International, Fonte: Ricerca condotta dall Università di Parma in collaborazione con quella di Modena e Reggio Emilia, Lugano, finanziata dalla Fondazione Manodori e coordinata da Ecpat Italia, Viene convenzionalmente definito turista occasionale chi, contando sulla mancanza di controllo sociale, prova esperienze che non sperimenterebbe nel proprio luogo di residenza. Non parte programmando ciò che farà una volta arrivato a destinazione. Viene convenzionalmente definito turista abituale chi ha già sperimentato l esperienza ed intende ripeterla. Parte con programmi ben chiari, spesso con nominativi ed indirizzi certi. La pedofilia è un disturbo comportamentale che comporta attrazione fisica nei confronti di bambini o bambine in età pre-puberale. Importante distinguere: il pedofilo cerca soggetti non ancora sviluppati; non è possibile identificare una fascia d età prestabilita, ma è importante che l aspetto fisico della vittima denoti caratteristiche tipicamente infantili. Il pedofilo non è attratto da soggetti di 12/13 anni ed oltre. Il Sole News - 10

11 Legislazione La legge n. 269/98 Norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali nuove forme di riduzione in schiavitù. L art. 600 quinquies c.p. (Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile) incrimina l organizzazione o la propaganda di viaggi finalizzati alla fruizione della prostituzione minorile, al fine di contrastare l offerta di simili prestazioni, in una prospettiva di tutela ad ampio raggio dell integrità fisio-psichica del minore e del suo diritto a uno sviluppo della personalità libero da forme di coercizione e sfruttamento. Introduzione del principio di extraterritorialità. Art (Fatto commesso all estero) - Le disposizioni di questa sezione, nonché quelle previste dagli articoli 609-bis, 609-ter, 609 quater e 609-quinquies, si applicano altresì quando il fatto e commesso all estero da cittadino italiano, ovvero in danno di cittadino italiano, ovvero da cittadino straniero in concorso con cittadino italiano. In quest ultima ipotesi il cittadino straniero e punibile quando si tratta di delitto per il quale e prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni e quando vi e stata richiesta del Ministro di grazia e giustizia. La legge n.38/2006 Disposizioni in materia di lotta contro lo sfruttamento sessuale dei bambini e la pedopornografia anche a mezzo Internet, elimina la limitazione temporale di tre anni dall entrata in vigore della legge n.269/98, ha previsto che gli operatori turistici che organizzano viaggi collettivi o individuali in Paesi esteri hanno l obbligo di inserire sempre in maniera evidente nei materiali propagandistici, nei programmi, nei documenti di viaggio consegnati agli utenti, nonché nei propri cataloghi generali o relativi a singole destinazioni, l avvertenza che la legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all estero. Il Sole News - 11

12 Un angolo per approfondire Nelle pagine di cronaca si sente parlare di abusi e turismo sessuali, violenza e pedofilia, in Italia come nei Paesi in Via di Sviluppo. Vogliamo, in questo apposito spazio approfondire insieme tali tematiche. Da: Le parole non dette di Alberto Pellai Franco Angeli Editore Il dott. Alberto Pellai è un prolifico ricercatore italiano. Medico, specialista in Igiene e Medicina Preventiva, Dottore di Ricerca in Sanità Pubblica, lavora come ricercatore confermato presso l Istituto di Igiene e Medicina Preventiva dell Università degli Studi di Milano. L ABUSO SESSUALE ALL INFANZIA Definizione ed epidemiologia Per abuso sessuale a un minore si intende qualsiasi interazione con connotazione sessuale tra un adulto e un minore, finalizzata alla gratificazione sessuale del primo. Tale definizione è, perciò, molto ampia, e include anche situazioni in cui non necessariamente si agisce qualcosa sul bambino, come accade, per esempio, nei casi di esibizionismo o di esposizione del minore a materiali, scene o Una supervisione educativa insufficiente, una sensazione di abbandono, rifiuto e trascuratezza emotiva rendono il bambino più vulnerabile. La distanza affettiva ed emotiva da parte dei genitori rischia di esporlo a recidive. situazioni sessualmente espliciti. Solitamente un minore vittima di abuso sessuale si trova all interno di una relazione caratterizzata dalla sua soggezione psicologica nei confronti dell adulto, spesso determinata anche dalla differenza d età tra le parti in causa. Solitamente l interazione tra un adulto e un bambino, connotabile come abuso sessuale, prevede l agire comportamenti in cui sia evidente la mancanza di consenso, di uguaglianza tra le due parti in causa (intesa come uguale capacità di autodeterminazione) e di costrizione. A tali caratteristiche vanno aggiunte quelle dell ambivalenza e della segretezza che contribuiscono non poco a complicare la situazione e a rendere molto difficile qualsiasi possibilità di intervento in aiuto e supporto al bambino vittima. L ambivalenza è spesso presente in molti bambini vittima di abuso sessuale. L adulto abusante può infatti rivolgere al bambino vittima attenzioni particolari e farlo oggetto di specifici privilegi o regali. La segretezza è un altro fattore costitutivo dell abuso sessuale. Nessun abuso potrebbe infatti avvenire e perpetrarsi se gli adulti che hanno a cuore il bambino ne fossero a conoscenza. Per questo motivo, chi compie abusi sessuali è spesso capace di qualsiasi cosa pur di indurre il bambino a mantenere il segreto rispetto a ciò in cui lo stesso è coinvolto. Ciò è particolarmente evidente negli abusi che avvengono tra un bambino e un adulto da lui ben conosciuto, perché quest ultimo conosce i punti deboli della sua vittima e può far leva su di questi attraverso minacce o ricatti. I casi conclamati di abuso sessuale, opportunamente analizzati per l identificazione di fattori di rischio a essi associati, hanno rivelato che i bambini che sono vittima di abuso sessuale più frequentemente presentano questi fattori di rischio: Non convivenza con uno dei propri genitori biologici; Il Sole News - 12

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010 La violenza alle donne Pesaro, 27 novembre 2010 Dati* e miti La violenza alle donne è limitata a pochi casi La violenza è perpetrata da sconosciuti Sono più a rischio le donne che non hanno legami stabili

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [lista permutata] Abbandono degli studi Aborto Aborto bianco Aborto spontaneo Aborto terapeutico Aborto volontario Abuso di potere Abuso sessuale Abuso sessuale intrafamiliare Accessibilità

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

la violenza sessuale sui minori

la violenza sessuale sui minori gli abusi sui minori Si definisce abuso ogni atto omissivo o autoritario che metta in pericolo o danneggi la salute o lo sviluppo emotivo di un bambino, compresa la violenza fisica e le punizioni corporali

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.

I Meeting nazionale. Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329. I Meeting nazionale Aspetti socio-psicologici della violenza in famiglia. dott.ssa Sara Pezzuolo sarapezzuolo@libero.it 329.9191710 La Famiglia gruppo di persone affiliate da legami consanguinei o legali,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica

Attività di prevenzione 2002. Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico. Tematica 1 Attività di prevenzione 2002 Titolo: STIGMA E PREGIUDIZIO nei confronti del disturbo psichico Tematica Introduzione: L Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) stima che 400 milioni di persone siano

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree]

INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] INVIOLABILITÀ DEL CORPO [presentazione sistematica per aree] 1. corpo-riproduzione 2. corpo-soggettività 3. corpo-soggetti 4. relazioni 5. qualità della vita 6. corpo violato 7. politica 8. strutture di

Dettagli

DIFESA PERSONALE FEMMINILE

DIFESA PERSONALE FEMMINILE DIFESA PERSONALE FEMMINILE A cura di : Adolfo Bei Direttore Tecnico Nazionale Settore Difesa Personale Responsabile Centro Italia I Dati e le tabelle riportati sono stati presi dal sito dell Istituto Nazionale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini La violenza e i maltrattamenti contro le donne I maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Direttore Centrale ISTAT Perché un indagine sulla violenza sulle donne? Le denunce sono solo la

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA ASPETTI TEORICI DEL TRAUMA NEI CASI DI ABUSO E MALTRATTAMENTO SUI BAMBINI, INDICATORI E LINEE GUIDA NELLA SEGNALAZIONE.. DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA COSA SI INTENDE

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

Definizione e Forme Di Violenza

Definizione e Forme Di Violenza Definizione e Forme Di Violenza La violenza di genere è la violenza perpetrata contro donne e minori, basata sul genere, ed è ritenuta una violazione dei diritti umani, La violenza contro la donna (dentro

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

PROGETTO OLTRE IL MURO

PROGETTO OLTRE IL MURO PROGETTO OLTRE IL MURO PROGETTO INTEGRATO PER il SOSTEGNO E IL REINSERIMENTO PSICO- SOCIALE DEI MINORI IN CARCERE O DEI FIGLI CON MAMME IN CARCERE Benin Aggiornato al: 18/11/2013 SOMMARIO 1) IL PROGETTO

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione R (2001)16 sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento sessuale (Adottata dal Comitato dei Ministri il 31 Ottobre 2001 alla 771 a riunione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Sogni da riaccendere Benin

Sogni da riaccendere Benin Sogni da riaccendere Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci. Dott.ssa Beatrice Roncato

Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci. Dott.ssa Beatrice Roncato Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci Dott.ssa Beatrice Roncato VIOLENZA (OMS, 2002) Oms definisce l'abuso o il maltrattamento all'infanzia come tutte le forme di

Dettagli

Un invito a chi ha avuto in passato l esperienza dell interruzione di gravidanza

Un invito a chi ha avuto in passato l esperienza dell interruzione di gravidanza Un invito a chi ha avuto in passato l esperienza dell interruzione di gravidanza IVG. Interruzione volontaria di gravidanza. Un tema che probabilmente non aspettavate di toccare in questo momento in cui

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015 LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA Aosta, 28 gennaio 2015 Dott.ssa Elvira Venturella Dott.ssa Meri Madeo NUCLEO PSICOLOGICO EMERGENZA Il NPE, servizio di Guardia Attiva

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Siete un datore di lavoro o un responsabile della sicurezza in azienda e vi siete già chiesti quali conseguenze psicologiche può

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Le buone idee per i tuoi giorni di festa

Le buone idee per i tuoi giorni di festa Le buone idee per i tuoi giorni di festa Una bomboniera non C è sempre una buona occasione per scegliere le Scegli le bomboniere solidali Intervita, rendi indimenticabili i tuoi giorni di festa. Matrimonio,

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla La Paura questa ben nota sconosciuta ovvero l attacco di panico. Un segnale spaventoso e terrificante Ma, a ben vedere, altrettanto vitale e tonificante!! Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento.

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento. L adozione a scuola Come sostenere i bambini con difficoltà di attaccamento. 2 Bisogni..Competenze Bambini e bambine adottati sono, prima di tutto, bambini e bambine, con gli stessi bisogni degli altri

Dettagli

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa La violenza assistita: il minore come spettatore Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa Violenza sui minori Trascuratezza Maltrattamenti fisici Abusi sessuali Maltrattamenti psicologici Violenza domestica

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA Gay Help Line Estratto del rapporto del servizio Dal 18 Marzo 2006 al 30 settembre 2007 Roma, 8 Novembre 2007 1/10 Gay Help Line : Principali Caratteristiche del

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli