PIANO DIRETTIVO DI CLUB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DIRETTIVO DI CLUB"

Transcript

1 ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2090 Abruzzo Marche Molise - Umbria Sergio Basti DG PIANO DIRETTIVO DI CLUB Anno Rotariano Rotary Club Loreto Casella Postale Loreto (AN) Rotary Club Loreto A

2

3 SOMMARIO K.R. Ravindran Presidente Internazionale 2015/ pag. 1 Sergio Basti DG 2015/ pag. 2 Saluto Presidente...pag. 3 Premessa: le cinque vie d azione...pag. 4 Premessa: i 4 piani del Rotary...pag. 5 Il Rotary Club di Loreto... pag. 7 Consiglio Direttivo 2015/ pag. 10 Commissioni di Club 2015/ pag Piano d azione del Club...pag Obiettivi lungo termine...pag Piano Annuale - Anno Rotariano 2015/ pag Altri indirizzi programmatici....pag. 23 Calendario di massima incontri 2015/ pag. 24 Ipotesi relatori conviviali e caminetti...pag. 26 Riepilogo progetti 2015/ pag. 27 Bilancio Preventivo anno 2015/ pag. 28 Allegati da scaricare, geolocalizzazioni ed ...pag. 29 Annotazioni...pag. 30 Rotary Club Loreto i

4

5 K.R. Ravi Ravindran Presidente Rotary International, 2015/2016 Laureato in Economia e Commercio ed è fondatore e CEO di Printcare PLC, una società quotata in borsa e leader mondiale nel settore del confezionamento del tè. Fa anche parte del consiglio direttivo di altre società e fondazioni di beneficenza. È presidente fondatore della Sri Lanka Anti Narcotics Association, la più grande organizzazione antinarcotici in Sri Lanka. Ravindran è Rotariano dal 1974 ed ha occupato le cariche di consigliere e tesoriere del Rotary ed è stato amministratore della Fondazione Rotary. È stato inoltre istruttore RI, membro, vice-presidente e presidente di commissione, rappresentante del Consiglio di Legislazione e governatore. In qualità di presidente della commissione PolioPlus del suo Paese, Ravindran era a capo di una task force di cui facevano parte membri del governo, dell UNICEF e del Rotary e ha lavorato a stretto contatto con l UNICEF per negoziare un cessate il fuoco con i militanti del nord durante le Giornate d immunizzazione nazionale. Ha presieduto la commissione per il progetto Risveglio delle Scuole, promosso dai club e distretti Rotary dello Sri Lanka, grazie al quale sono state ricostruite 25 scuole devastate dallo tsunami, a beneficio di bambini. TEMA PRESIDENZIALE 2015/2016 Il nostro tempo su questa terra è limitato, ed è sempre più breve di quanto pensiamo. Come vogliamo trascorrerlo? Offrendo il nostro aiuto agli altri in modo da migliorare il mondo con la nostra presenza? Oppure, come ha scritto il famoso poeta indiano Rabindranath Tagore, passeremo i nostri giorni cambiando e ricambiando le corde dei nostri strumenti senza cantare la canzone? Il Rotary è lo strumento che ci permette di cantare quella canzone. Ci fa da guida verso una vita più ricca e piena di significato, incoraggiandoci a fare attenzione alle cose che hanno più valore. Inoltre, permette ad ognuno di noi di donare qualcosa al mondo. Se ci chiedono quali sono le caratteristiche che apprezziamo maggiormente nei nostri amici, la maggior parte di noi probabilmente risponderà: integrità, affidabilità, affetto, compatibilità. I nostri amici non sono necessariamente le persone più simili a noi, ma individui che ci completano, che ci permettono di dare il meglio di noi stessi. Per me, è proprio questo ciò che possiamo trovare nel Rotary. Il Rotary ci consente di far emergere la parte migliore di noi stessi e rappresenta una guida per la nostra vita. Troppo spesso, passiamo le nostre giornate cercando di raggiungere degli obiettivi che dovrebbero avere minore importanza. Siamo concentrati sui nostri obiettivi personali e pensiamo al nostro tornaconto; ci dedichiamo instancabilmente ad accumulare cose materiali. Eppure, alla fine della nostra vita, nessuno si ricorderà di noi per le automobili che abbiamo guidato, per i vestiti indossati, o titoli sfoggiati, e le poltrone su cui ci siamo seduti. Non saremo ammirati per gli sforzi fatti per l arricchimento personale o per raggiungere un rango più elevato. Alla fine, il nostro valore non sarà misurato dalla quantità di cose che avremo ottenuto, ma da quanto avremo dato. Distoglieremo i nostri occhi dalla sofferenza, o ci daremo da fare per alleviarla? Ci limiteremo a parlare di compassione, o passeremo all azione? Ci accontenteremo solo di prendere, o daremo qualcosa al mondo? Per l anno rotariano 2015/2016, il nostro tema sarà: Siate dono nel mondo. Ognuno di noi ha qualcosa da dare, chiunque sia, qualunque sia il nostro posto nella vita. Possiamo donare i nostri talenti, le nostre conoscenze, le nostre capacità e i nostri sforzi; possiamo offrire la nostra dedizione e la nostra passione. Attraverso il Rotary, con questi doni possiamo fare una vera differenza nella vita degli altri e nel nostro mondo. Si dice che nasciamo con i pugni chiusi, ma che moriamo con le nostre mani aperte e che i nostri talenti ci sono stati donati da Dio. Mettere a buon uso i nostri talenti è il modo per ricambiare i doni ricevuti dal nostro Creatore. Allo stesso modo, non abbiamo nulla quando veniamo al mondo e cerchiamo di afferrare tutto quello che possiamo, ma poi alla nostra dipartita non ci portiamo nulla dietro. Attraverso il Rotary, siamo in grado di lasciare alle nostre spalle qualcosa di reale e duraturo. Questo è il nostro momento che non ritorna più. Siate dono nel mondo. K.R. Ravi Ravindran Rotary Club Loreto 1

6 2 Sergio BASTI Governatore Distretto /2016 Sergio BASTI, Commendatore al merito della Repubblica, nato a Ortona e residente a L Aquila è Dirigente Generale in quiescenza del Ministero Dell Interno, Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Coniugato con la Prof. Annunziata Albuccetti (P.H.F.) è padre di Andrea, ingegnere libero professionista e Claudia, medico specializzando in pediatria, interactiana e ora rotaractiana. Negli anni post laurea ha effettuato esperienze di lavoro nel campo della progettazione civile e industriale e nell insegnamento presso vari istituti tecnici. Nel 1976 è entrato alle dipendenze del Ministero dell Interno, Direzione Generale della Protezione Civile e Servizi Antincendi presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Venezia. Promosso Dirigente, è stato Comandante di Siena, Teramo, l Aquila e Napoli. Nel 2006 il Consiglio dei Ministri lo ha nominato Dirigente Generale assegnandogli prima l incarico di Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco del Molise e successivamente della Puglia. Nel settembre del 2008 ha ricoperto l incarico di Direttore Centrale della Formazione e il 1 aprile 2009 è diventato Direttore Centrale per le Emergenze. Dal 6 aprile dello stesso anno ha diretto le operazioni di soccorso in occasione del terremoto, che ha colpito L Aquila, ricoprendo anche l incarico di Vice Commissario del Commissario Delegato Guido Bertolaso per la messa in sicurezza degli edifici colpiti dal sisma. Dal 7 giugno 2010 ha svolto le funzioni di Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco dell Abruzzo. Nell arco della sua attività si è occupato prevalentemente di sicurezza, di gestione delle emergenze provinciali e nazionali, di pianificazione delle aree industriali sottoposte alla disciplina dei Rischi Rilevanti, di pianificazioni di sicurezza portuali conseguenti la presenza di natanti a propulsione nucleare nel contesto NATO (Napoli). Ha progettato esercitazioni interprovinciali e nazionali per rischi convenzionali e rischi derivanti da attacchi terroristici di tipo nucleare biologico chimico e radiologico. È stato membro del Comitato Centrale Tecnico Scientifico della Prevenzione Incendi. Come docente ha tenuto e tiene corsi sulla sicurezza presso la LUISS Managment, l Università degli Studi di L Aquila e la Scuola Superiore di Amministrazione Pubblica e degli Enti locali, e seminari, corsi per specializzazioni post universitarie nel campo della sicurezza (legge 818/84; D.Lgs 81/08) presso gli Ordini Professionali, Università e Istituti scientifici di ricerca. Nel ruolo di Direttore Centrale per le emergenze si è occupato di tematiche di carattere tecnico e scientifico a livello nazionale e internazionale in diversi ambiti: Capitanerie di Porto, Dogane, Autorità Portuali, Enac, Enav, Progetto bilaterale Italia Stati Uniti per la sicurezza dei porti MEGAPORT, esercitazione internazionale per la proibizione delle armi chimiche ASSITEX e sulla sicurezza dei trasporti ordinari e su rotaia (sicurezza delle gallerie, TAV, metropolitane). Ha coordinato varie emergenze nazionali e eventi internazionali per la parte di propria competenza (terremoto di L Aquila, G.8 di L Aquila, l incidente ferroviario di Viareggio, il dissesto idrogeologico di Messina, il dissesto idrogeologico di Ischia, il terremoto di Haiti, lo sversamento di idrocarburi nel fiume Lambro - Po). Oggi gestisce, insieme con il figlio Andrea, uno studio di progettazione di opere di ingegneria: progettazione architettonica e strutturale di edifici civili e industriali, ricostruzione post sismica, sicurezza, prevenzione incendi, fire engineering, impiantistica, certificazione energetica. Nel 1996 è diventato socio del Rotary Club dell Aquila, ha partecipato alle attività del Club collaborando con i presidenti delle commissioni e i consiglieri e ha organizzato eventi per la raccolta fondi in favore del progetto Polio- Plus. Nell anno sociale ha ricoperto il ruolo di Presidente del Rotary Club L Aquila e ha istituito il premio Rotary Perdonanza. Ha fondato, in collaborazione con il Rotary Club L Aquila Gran Sasso d Italia, il Club Interact dell Aquila; ha partecipato attivamente nei preparativi per l organizzazione del centenario del R.I. Negli anni successivi ha ricoperto la carica di consigliere e delegato del Rotary per il Rotaract e Interact. Durante l anno di presidenza ha ricevuto il P.H.F. A seguito del sisma del 6 aprile, il Governatore in carica del Distretto 2090, Giorgio Splendiani, gli ha affidato il coordinamento degli aspetti operativi di tutte le attività rotariane rivolte al territorio e in occasione del congresso distrettuale del 2009 ha ricevuto dal Governatore il secondo P.H.F. Nell a.r ha continuato l attività dell anno precedente diffondendo il messaggio rotariano attraverso conferenze in vari Club ed ha ricevuto dal Rotary Club di Ortona il terzo P.H.F. in occasione del premio I Rami. Nell anno sociale : viene nominato referente del governatore Mario Struzzi per i lavori di ricostruzione del blocco A della facoltà di Ingegneria. Nell anno sociale viene nominato assistente del Governatore Francesco Ottaviano ricevendo il quarto P.H.F..Nello stesso anno ha tenuto i contatti con le autorità per i lavori di ricostruzione del blocco A della facoltà di Ingegneria di L Aquila e è stato responsabile della organizzazione della visita a L Aquila del Presidente Internazionale del Rotary Kalyan Banerjee al quale l Ateneo ha conferito la Laurea Honoris Causa (12 ottobre 2011). Per tale evento ha realizzato il video Con gli Occhi del Rotary proiettato durante la cerimonia e ha contribuito alla realizzazione dell omonimo libro presentato ad Ascoli Piceno in occasione della Transappenninica rotariana Orbetello Ascoli Piceno nel Nel 2013 è stato designato Governatore per l anno sociale e il suo Club ha voluto riconoscere il suo impegno rotariano conferendogli un altro P.H.F. Piano Direttivo di Club

7 SALUTO DEL PRESIDENTE Carissimi amici, è con grande fiducia ed entusiasmo che mi accingo ad affrontare il nuovo anno alla guida del nostro Club. Un doveroso ringraziamento a tutti gli amici per la fiducia che mi è stata accordata, spero di essere all altezza del compito assegnatomi. Sarà senz altro un anno molto impegnativo ma sicuramente pieno di soddisfazioni per tutti noi, sottolineo volutamente noi ; vorrei infatti che fosse chiaro che il presidente ed il direttivo non sono il club ma tutti noi siamo il club. Il nostro lavoro deve coinvolgere tutti i soci ed i loro familiari perché è con l impegno, la responsabilità e l aiuto collettivo che porteremo a termine i progetti in programma. Perciò auspico e chiedo il vostro aiuto, la vostra partecipazione e collaborazione. Per l anno rotariano 2015/2016 il tema sarà: Siate dono nel mondo. Il nostro Presidente Internazionale K.R. Ravindran, nell introduzione a pagina 2 ci invita a riflettere su noi stessi e sui nostri comportamenti. Il Rotary può e deve far emergere la parte migliore di noi stessi e rappresentare una guida per la nostra vita. Attraverso il Rotary siamo in grado di lasciare alle nostre spalle qualcosa di reale e di duraturo. Concludo ringraziando innanzitutto mia moglie Fulvia per l appoggio, la pazienza e la collaborazione che mi darà e tutti i componenti della squadra che con tanto entusiasmo hanno accettato di aiutarmi. Un grazie particolare a Fulvio, Francesco e Aldo, i loro preziosi consigli saranno un grande punto di riferimento. Un saluto speciale a Sandrina, Presidente uscente ed a Marco, Presidente Incoming. Buon Rotary a tutti. Andrea Rotary Club Loreto 3

8 Premessa LE CINQUE VIE D AZIONE Le priorità del Piano Strategico Distrettuale, come indicato dal Presidente Internazionale K.R. RAVI RAVINDRAN, e delineato nel programma Presidenziale quali: lo sviluppo e la conservazione dell effettivo, l incremento dell azione umanitaria, il miglioramento dell immagine pubblica del Rotary, l accrescimento del senso di appartenenza, il sostegno alla Fondazione e alle nuove generazioni, saranno la base sulla quale l Anno Rotariano 2015/2016 fonderà la propria strategia. Il Piano Direttivo è stato redatto nel rispetto del motto SIATE DONO NEL MONDO tenendo presente, aggiornando e modificando le strategie programmatiche e gli obiettivi già individuati negli scorsi anni Queste saranno perseguite in sintonia e condivisione congiuntamente al Presidente uscente, al Direttivo e al Presidente Incoming. Le fondamenta del Piano Direttivo sono le cinque vie d azione: azione interna, professionale, di interesse pubblico, internazionale e nuove generazioni. AZIONE INTERNA si concentra sull affiatamento dei soci e sull adeguato funzionamento del Club. AZIONE PROFESSIONALE incoraggia i Rotariani a porre le proprie competenze professionali al servizio del prossimo e a osservare i più alti principi morali. AZIONE DI INTERESSE PUBBLICO riguarda i progetti e le iniziative che il Club intraprende per migliorare le condizioni all interno della comunità. AZIONE INTERNAZIONALE riguarda i progetti umanitari condotti nel mondo intero e le iniziative per promuovere la comprensione e la pace tra i popoli. AZIONE NUOVE GENERAZIONI riconosce il cambiamento positivo attuato dai ragazzi e dai giovani attraverso le attività di sviluppo delle doti di leadership, progetti d azione e programmi di scambio. Per definire queste vie sono state costituite le cinque commissioni che hanno il compito di pianificare e realizzare gli obiettivi prefissati. 4 Piano Direttivo di Club

9 I 4 PIANI DEL ROTARY PIANO DIRETTIVO DISTRETTUALE Mira a dare maggiore efficienza all azione del Distretto. PIANO DIRETTIVO DI CLUB Mira a dare maggiore efficienza all azione del Club. PIANO DI VISIONE FUTURA DELLA R.F. Rappresenta il nuovo modello di sovvenzioni della Fondazione Rotary mirante a finanziare i progetti umanitari ed educativi di club e distretti. Esso è ormai definitivo per tutti i distretti dall'anno rotariano e le sue aree di intervento sono: Pace e risoluzione dei conflitti Prevenzione e cura delle malattie Acque e servizi sanitari Salute delle madri e dei bambini Educazione di base e alfabetizzazione Sviluppo economico e comunitario PIANO STRATEGICO Ricorda e ridefinisce i valori fondamentali del Rotary stabilendo le priorità e gli obiettivi che dovranno guidare le azioni dei rotariani. Il Piano Strategico comprende le seguenti tre priorità, ciascuna sostenuta da un insieme di obiettivi: Priorità 1: sostenere e rafforzare i Club attraverso i seguenti obiettivi: Promuovere innovazione e flessibilità nei Club Incoraggiare i Club a partecipare a varie attività di servizio Promuovere la diversità dell'effettivo Migliorare il reclutamento e la conservazione dell'effettivo Sviluppare leader Avviare nuovi Club Incoraggiare la pianificazione strategica a livello di club e di Distretto Priorità 2: focus ed incremento dell'azione umanitaria attraverso i seguenti obiettivi: Eradicazione della polio Incrementare collaborazioni e contatti con altre organizzazioni Creare progetti significativi a livello locale e internazionale Aumento di servizi sostenibili incentrati sia su programmi per nuove generazioni (Scambio giovani, Ryla, Rotaract, Interact) sia sulle aree di intervento del Rotary (Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti - Acqua e strutture igienico sanitarie - Sviluppo economico e comunitario - Prevenzione e cura delle malattie - Salute materna e infantile - Alfabetizzazione ed educazione di base) Priorità 3: migliorare l'immagine pubblica e la consapevolezza mediante i seguenti obiettivi: Pubblicizzare l'azione di servizio; Unificare l'immagine e la consapevolezza del marchio; Promuovere i valori fondamentali; Enfatizzare l'azione professionale; Incoraggiare i Club a promuovere le opportunità di networking e le attività più riconosciute. Rotary Club Loreto 5

10 6 Piano Direttivo di Club

11 IL ROTARY CLUB LORETO La storia Il Club di Loreto nasce nel 2002 dall incontro e dall amicizia di due medici Fulvio Borromei e Giorgio Fanesi. Giorgio, rotariano di lunga data appartenente al Club di Osimo, nel 2001 convince Fulvio sulla necessità di far sorgere anche a Loreto un Rotary Club per far crescere e sviluppare anche nella Città Mariana i semi della cultura rotariana. Fulvio raccoglie attorno a sè il primo nucleo di rotariani di Loreto, di cui fanno parte una nutrita schiera di donne, per iniziare questa nuova avventura e, sotto l attenta e amorevole guida di Giorgio, dopo più di un anno di training il 1 dicembre 2002 viene consegnata nelle mani del primo Presidente Fulvio Borromei, dal Governatore del Distretto 2090 Umberto Lenzi, la Charta Rotariana con la quale si sanciva la fondazione del Rotary Club Loreto. La Sede 1 dicembre La consegna della Charta nella foto Fulvio Borromei, Umberto Lenzi e Giorgio Fanesi Il Club tiene gli incontri non conviviali presso la sede di Via Porta Romana in Loreto Le conviviali si svolgono presso la bellissima struttura dell Istituto d Istruzione Superiore Einstein-Nebbia di Loreto Le Riunioni del Club si tengono solitamente: - conviviali il 1 giovedì di ogni mese - non conviviali il 3 giovedì di ogni mese Rotary Club Loreto 7

12 ELENCO SOCI ANCONETANI Marco PHF Cl.: Istruzione e Ricerca, Insegnamento, Scienze Naturali ANCONETANI Stefano Cl.: Attività libere e professioni, Architettura, Design ANGELICO Gesualdo Socio Fondatore - PHF+4 Cl.: Amministrazione Pubblica, Edilizia, Urbanistica BALDONI Fabio Cl.: Forze Armate, Guardia di Finanza, Polizia Tributaria BELLINI Domenico Socio Fondatore - PHF+1 Cl.: Attività libere e professioni, Ingegneria, Meccanica BIONDI Massimo Socio Fondatore Cl.: Attività libere e professioni, Avvocati, Diritto Civile BOLOGNINI Sandrina Socio Fondatore Cl.: Istruzione e Ricerca, Insegnamento, Lingue e Letterature Straniere BOLOGNINI Sandro PHF Cl.: Assicurazione e Previdenza, Periti, Industriali BONARELLI Daniela Socio Fondatore - PHF Cl.: Amministrazione Pubblica, Min. Finanze BONARELLI Roberto Socio Fondatore Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Med. e Chir. Ginecologia Chir. Plast. BORROMEI Fulvio Socio Fondatore - PHF Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Med. e Chir. CARLOROSI Carlo Cl.: Istruzione e Ricerca, Impiantistica, Infortunistica COCOZZA Ciro Socio Onorario - PHF Cl.: Forze Armate, Min. Difesa, Gen. Grand Uff. DE VECCHIS Raffaella Cl.: Attività libere e professioni, Notaio DONATO Giuseppe Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Sociologhi ELISEI Dino Cl.: Attività libere e professioni, Informatica GIOMBETTI Andrea Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Odontoiatri GIOMBETTI Annalisa Cl.: Amministrazione Pubblica, Lavori pubblici, Gestione Patrimonio GUERRIERI Emidio Cl.: Credito e Finanza, Banche GUIDANTONI Marco Cl.: Credito e Finanza, Banche, Intermediazione LATINI Anna Maria Socio Fondatore - PHF+1 Cl.: Attività libere e professioni, Amministrazione LATTANZI Francesco PHF Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Ortopedia Pediatrica MANCINI Alfio Cl.: Attività libere e professioni, Ingegneri, Impianti MARANGIO Francesca Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Farmacia, Farmacista MASOTTI Maria Luisa Socio Fondatore Cl.: Amministrazione Pubblica, Insegnamento 8 Piano Direttivo di Club

13 MENGARELLI Andrea Socio Fondatore - PHF Cl.: Industria, Amministrazione, Finanza MORGANTINI Antonello Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medicina, Riabilitazione PERNA Graziano Cl.: Artigianato, pastificio PETRINI Tiziana Cl.: Attività libere e professioni, Giornalismo PICCHIO Mauro Cl.: Attività libere e professioni, Ragionieri RINALDI FANESI Nicoletta Cl.: Attività libere e professioni, Consulenza, Comunicazione e immagine SECONDINI Aline Cl.: Commercio SORRENTINO Fernando Socio Fondatore Cl.: Credito e Finanza, Banche TOMBOLINI Cecilia Socio Fondatore Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Oculistica VITA Maria Giuseppina Cl.: Attività libere e professioni, Avvocati, Diritto di Famiglia ZICHICHI Antonino Socio Onorario - PHF+1 Cl.: Università e Ricerca, Fisica HANNO PRESIEDUTO IL CLUB Fulvio Borromei Fulvio Borromei Massimo Biondi Domenico Bellini Gesualdo Angelico Anna Cocozza Claudio Grendene Francesco Lattanzi Sandro Bolognini Anna Maria Latini Fernando Sorrentino Marco Anconetani Sandrina Bolognini HANNO RICEVUTO IL PHF Marco Anconetani (2010) Gesualdo Angelico +4 (2008) Domenico Bellini +1 (2010) Fulvio Borromei (2004) Daniela Bonarelli (2008) Sandro Bolognini (2011) Anna Cocozza (2009) Anna Maria Latini +1 (2010) Francesco Lattanzi (2012) Andrea Mengarelli (2010) Rotary Club Loreto 9

14 DIRETTIVO Presidente Vice Presidente Segretario Co-Segretario Tesoriere Co-Tesoriere Prefetto Co-Prefetto Comunicatore Co-Comunicatore Consigliere Consigliere Presidente Incoming Past President MENGARELLI Andrea LATTANZI Francesco ANCONETANI Marco BALDONI Fabio GUIDANTONI Marco GIOMBETTI Andrea LATINI Anna Maria SECONDINI Aline DE VECCHIS Raffaella ANGELICO Gesualdo BORROMEI Fulvio MANCINI Alfio GUIDANTONI Marco BOLOGNINI Sandrina 10 Piano Direttivo di Club

15 ROTARACT LORETO SUPPORTO ROTARACT Delegato Rotaract Presidente Rotaract BOLOGNINI Sandrina SABBATINI Marco ELENCO SOCI FONDATORI ROTARACT LORETO (n. 5 Uomini n. 10 Donne) 1 BOCCANERA EMANUELA 2 COPPARI ALESSANDRO 3 COPPETTA VALERIA 4 DOMIZIOLI SOFIA 5 GIOACCHINI HELENA 6 MALIZIA FILIPPO 7 MARASCA ELISA 8 MERCURI BEATRICE 9 PAPA GIULIA 10 PELONI LAURA 11 SABBATINI MARCO 12 SBACCO LUCIA 13 SPINACI FEDERICO 14 TARSETTI MELISSA 15 VERDENELLI NICOLA Rotary Club Loreto 11

16 COMMISSIONI DI CLUB Amministrazione Rotary Foundation Effettivo Pubbliche Relazioni Progetti Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Guidantoni Marco Anconetani Marco Angelico Gesualdo Latini Anna Maria Elisei Dino Vita Maria Giuseppina Bellini Domenico Sorrentino Fernando Bonarelli Daniela Guerrieri Emidio Lattanzi Francesco Rinaldi Nicoletta Borromei Fulvio Bonarelli Roberto Bolognini Sandrina Giombetti Andrea Giombetti Annalisa Picchio Mauro Perna Graziano De Vecchis Raffaella Baldoni Fabio Biondi Massimo Donato Giuseppe Petrini Tiziana Morgantini Antonello Secondini Aline Mancini Alfio Masotti Maria Luisa Anconetani Stefano Bolognini Sandro Carlorosi Carlo Tombolini Cecilia Marangio Francesca 12 Piano Direttivo di Club

17 COMMISSIONE EFFETTIVO Presidente : Fulvio Borromei il reclutamento di nuovi soci con dettagliate indagini sulle proposte di candidatura e dell effettiva annoverabilità del nuovo socio fra gli iscritti; - la conservazione dell effettivo; - l orientamento e la formazione; - predisporre classifiche e, in concerto con il Consiglio, proporre premiazioni, seppur simboliche, per i soci meritevoli in termini di operato nell ambito sociale e/o lavorativo secondo i criteri rotariani. - Predisporre premiazioni per i soci maggiormente presenti agli incontri; - Orientamento e formazione mediante apposite riunioni da tenersi anche a fine conviviale. - Contattare i Soci normalmente assenti per cercarne la causa e per riprendere la loro partecipazione nella normalità. Se ciò non sarà possibile, in accordo con il Consiglio, si adotteranno i provvedimenti previsti dal regolamento del Rotary. COMMISSIONE PUBBLICHE RELAZIONI Presidente: Raffaella De Vecchis Tale Commissione deve sviluppare ed implementare un piano dettagliato per: - relazione con i media; - pubblicizzazione e divulgazione dell operato del Club; - eventi speciali; - relazioni esterne. COMMISSIONE AMMINISTRAZIONE DI CLUB Presidente: Marco Guidantoni Tale Commissione deve sviluppare ed implementare un piano dettagliato per: - programma settimanale; - sito web; - bollettino del club; - partecipazione; - affiatamento COMMISSIONE PROGETTI DI SERVIZIO Presidente: Alfio Mancini Tale Commissione deve sviluppare ed implementare progetti per soddisfare le necessità della comunità locale e internazionale, quali: - progetti educativi; - progetti umanitari; - progetti professionali; - raccolta fondi; COMMISSIONE FONDAZIONE ROTARY Presidente: Domenico Bellini Tale Commissione deve sviluppare ed implementare piani a favore della Fondazione Rotary, offrendo sia sostegno finanziario che di partecipazione ai programmi da parte dei Rotariani. L attività della Commissione dovrà esplicitarsi in simbiosi con la Commissione Amministrazione del Club: - versamenti annuali; - GSE; - Polio Plus; - Borse di studio; - Sovvenzioni. Rotary Club Loreto 13

18 1. Il Piano d Azione del Club 1.1 Dove siamo È la prima domanda che ci dobbiamo rivolgere, per focalizzare i punti di forza e di debolezza del nostro club, le opportunità ed i rischi. Valutiamoli in relazione ai quattro gruppi di elementi su cui vogliamo misurare l efficienza del club: 1.2 Effettivo L effettivo del Club, che nasce il 1 dicembre 2002 con 20 soci fondatori è attualmente costituito da 36 soci (34 soci attivi e 2 soci onorari) ed è così suddiviso: Soci di sesso maschile 22 65% Soci di sesso femminile 12 35% L età media dei soci è di circa 55 anni. L elenco delle classifiche aggiornato al contiene le seguenti categorie: Amministrazione pubblica 3 Assicurazione e previdenza 1 Attività e libere professioni 12 Commercio 1 Credito e finanza 3 Forze armate 1 Industria 1 Istruzione e ricerca 3 Servizi sanitari e sociali 8 Artigianato 1 Le seguenti classifiche sono vacanti: Agricoltura, Associazioni ed Enti, Giustizia, Istituzioni estere, Insegnamento universitario, Religioni e Servizi. Restano sette categorie che dovranno nel tempo essere coperte con un Piano di espansione dell effettivo coerente con le direttive indicate nel Piano Strategico Distrettuale. L assiduità di partecipazione dei soci attivi si è attestata al 54%. 1.3 Progetti di servizio Durante questi anni sono state intraprese numerose e valide iniziative quali: Alfabetizzazione: Corso per assistenti domiciliari. Azione nuove generazioni: Service presso l Istituto Alberghiero Einstein-Nebbia di Loreto quale sede delle nostre conviviali. Educazione all uso responsabile della risorsa acqua e sul riciclaggio dei rifiuti. Realizzazione dello spettacolo Il Rotary e l arte per valorizzare i giovani talenti. 14 Piano Direttivo di Club

19 Corso nelle scuole sulla sicurezza stradale. Screening sulla scoliosi presso le classi delle scuole medie inferiori di Loreto. Concorso tra gli studenti di Istituti Artistici con selezione (calendario) e premiazione degli elaborati sull interpretazione grafica degli articoli della Costituzione. Corso nelle scuole sulla legalità fiscale. Screening sulla Tiroide (T-Rotary). Screening oculistico presso le classi delle scuole medie inferiori di Loreto. Borsa di studio Anna Cocozza per gli studenti delle scuole di primo e secondo grado di Loreto. Inaugurato il 23 gennaio 2015 il Club Rotaract con n. 15 soci. Partecipazione al programma distrettuale sulla leadership RYLA. Azione di interesse pubblico: Partecipazione attiva e numerosa nell animazione e intrattenimento nelle strutture per anziani. Partecipazione attiva e numerosa al Rotary Campus. Partecipazione attiva all organizzazione del Corso di informatica per ipo e non vedenti. Azione internazionale: Adozione a distanza per scolarizzazione. Matching Grants in Africa (risorse idriche), Albania (risorse idriche e micro credito) e in Afghanistan (prevenzione e cura malattie). Progetto Diamo a tutti i bambini gli stessi diritti da destinare all Asilo Nossa Senhora Aparecida in Brasile. 1.4 Sostegno alla Rotary Foundation Il Club ha versato alla Rotary Foundation come contributo a: Ogni Rotariano, Ogni Anno 105 US$ a socio. Sono stati inoltre organizzati altri eventi per la raccolta fondi per l eradicazione della polio, US$. 1.5 Formazione Negli anni scorsi l attività di formazione si è basata sulla partecipazione dei soci al SIPE, all Assemblea e ai diversi seminari distrettuali, sono stati inoltre organizzati incontri specifici di formazione all interno del Club tenuti da componenti di varie commissioni distrettuali. 1.6 Lo scopo e la meta del club: SERVICE ABOVE SELF SERVIRE AL DI SOPRA DI OGNI INTERESSE PERSONALE Scopo del Rotary è incoraggiare e sviluppare l ideale del servire inteso come motore e propulsore di ogni attività. In particolare esso si propone di: promuovere e sviluppare relazioni amichevoli tra i propri soci, per renderli meglio atti a servire l interesse generale; formare ai principi della più alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni; riconoscere la dignità di ogni occupazione utile a far sì che essa venga esercitata nella maniera più degna quale mezzo per servire la società; orientare l attività privata, professionale e pubblica dei singoli al concetto del servizio; propagare la comprensione, la buona volontà e la pace fra nazione e nazione mediante il diffondersi nel mondo di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di servire. Rotary Club Loreto 15

20 È doveroso applicare questi principi generali del Rotary alla realtà del nostro Club: i soci in quanto leader nelle loro attività, devono mettere in atto l ideale del servire alla vita personale, professionale e sociale. Un codice etico da seguire si può riassumere nella prova delle QUATTRO DOMANDE : Herbert J. Taylor nel 1932 sostenne che un buon Rotariano dovrebbe sempre porsi quattro domande prima di porre in atto delle azioni. In particolare Ciò che io PENSO, DICO o FACCIO : 1. Risponde a VERITÀ? 2. È GIUSTO per tutti gli interessati? 3. Darà vita a BUONA VOLONTÀ e a MIGLIORI RAPPORTI d AMICIZIA? 4. Sarà VANTAGGIOSO per tutti gli interessati? Seguendo questi principi il club può superare lo stereotipo dell esclusività e trasmettere alla comunità locale l immagine di un associazione affidabile che opera per rispondere ad esigenze concrete. In sintesi questo concetto si può tradurre nel motto: fare, fare bene e far sapere. 1.7 Raggiungere la meta Per raggiungere lo scopo del Rotary occorre impostare un piano d azione pluriennale che contenga la definizione degli obiettivi relativamente all effettivo, ai progetti di servizio, alla Fondazione Rotary, alle pubbliche relazione, all amministrazione del Club. 16 Piano Direttivo di Club

Rotary International Distretto 2090

Rotary International Distretto 2090 Rotary International Distretto 2090 Marche - Abruzzo - Molise - Umbria Albania CLUB DI LORETO PIANO DIRETTIVO DI CLUB Anno rotariano 2011-12 ROTARY CLUB LORETO 60025 LORETO (AN) 1 ROTARY INTERNATIONAL

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. ROTARY CLUB PISA GALILEI PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE

Impossibile visualizzare l'immagine. ROTARY CLUB PISA GALILEI PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE INDIRIZZI DEL GOVERNATORE LUIGI PAGLIARANI CHE CI VISITERA GIOVEDI 19 GENNAIO 2012: 1) Sostenere e rafforzare il Club 2) Incremento dell azione umanitaria 3) Migliorare

Dettagli

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 IL MODO IN CUI UNA SQUADRA GIOCA NEL SUO COMPLESSO, DETERMINA IL SUO SUCCESSO: POTREBBE ESSERE LA PIU GRANDE

Dettagli

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 (reso noto dal DG Lo Cicero nella seduta amministrativa della XXXV Assemblea Distrettuale, tenutasi a Favignana il 25 maggio 2012) Il Distretto è un territorio

Dettagli

Guida per consiglieri didattici di club Interact

Guida per consiglieri didattici di club Interact Guida per consiglieri didattici di club Interact I consiglieri rotariani e quelli didattici svolgono un ruolo fondamentale di sostegno al programma Interact. Nel caso di un club a base scolastica, il consigliere

Dettagli

Calendario delle principali manifestazioni rotariane

Calendario delle principali manifestazioni rotariane Calendario delle principali manifestazioni rotariane SEMINARIO VISIONE FUTURA 17 novembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN) PRE SIPE 15 dicembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN)

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI La Guida alla pianificazione di club efficienti è uno strumento per aiutare i club a valutare la propria attuale situazione e determinare gli obiettivi per

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

ROTARY URBINO DISTRETTO 2090

ROTARY URBINO DISTRETTO 2090 ROTARY URBINO DISTRETTO 2090 PIANO DIRETTIVO 2015-2016 Via Giuseppe Verdi, 45 61028 Sassocorvaro (PU) Premessa Elaborare il Piano Direttivo di Club non può prescindere dal Piano Strategico Distrettuale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org OTTIENI DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. CONNETTITI PER FARE DEL BENE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org La tua affiliazione al Rotary comincia nel tuo club. Il coinvolgimento migliorerà le

Dettagli

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso DISTRETTO ROTARACT 2041 - DISTRETTO ROTARACT 2042 - DISTRETTO ROTARACT 2050 PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso INTRODUZIONE Il Rotaract è un Programma formativo del Rotary International.

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità 12 PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16 Scuola Progetti in continuità MST:educazione sanitaria rivolta a studenti della scuola secondaria di secondo grado sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201 DISTRETTO 2071 2014/201 COMMISSIONE DISTRETTUALE PER LA PROMOZIONE DELLA 106 ROTARY CONVENTION DI SAN PAOLO 2015 CONGRESSO 2015 SAN PAOLO, BRASILE SAB. 6 GIUGNO - MAR. 9 GIUGNO Carissimi Amici, il Governatore

Dettagli

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente

Dettagli

RELAZIONE MORALE ANNO 2010

RELAZIONE MORALE ANNO 2010 RELAZIONE MORALE ANNO 2010 Nel corso del 2010, il Gruppo Dirigente ha proseguito la propria attività nel solco degli scopi fissati dallo statuto associativo, impegnandosi in primo luogo nella promozione,

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10 NOTIZIARIO Pagina 1 di 10 Gennaio :: Mese della Sensibilizzazione al Rotary Servire al di sopra degli interessi personali LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Il Rotary è la porta della amicizia. Lasciamola

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

ROTARY CLUB Milano Cordusio

ROTARY CLUB Milano Cordusio ROTARY CLUB Milano Cordusio Visita del Governatore Andrea Oddi Milano, 23 Gennaio 2008 WELCOME Visita del Governatore Oddi al Milano Cordusio CENNI SUL CLUB Milano Cordusio Fondato nel 1998 44 Soci (3

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale L affiliazione al Rotary si basa sulle capacità professionali dei suoi soci, ed ogni club si sforza di creare un microcosmo del

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte PROTOCOLLO DI INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Associazione Italiana Fisioterapisti Piemonte Valle d

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei questo è il rotary servire Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei propri settori di attività economica

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016 Seminario Istruzione Segretari Eletti 20-2016 Massimiliano Tacchi Segretario Alessandro Stefanelli Co-Segretario Montecatini Terme, 28 marzo 20 Compiti della Segreteria Distrettuale Compiti della Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Immagine pubblica e rivitalizzazione del brand Rotary

Immagine pubblica e rivitalizzazione del brand Rotary IDIR 2013 Immagine pubblica e rivitalizzazione del brand Rotary > Il Brand del Rotary e la sua rivitalizzazione > Il corretto utilizzo dell identità visiva del Rotary di Gianmarco Longano BE A ROTARY CHAMPION!

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Regolamento del Rotary Club di Chivasso

Regolamento del Rotary Club di Chivasso Regolamento del Rotary Club di Chivasso Art. 1 Consiglio direttivo L organo amministrativo di questo club è il Consiglio Direttivo, composto da soci del club, e cioè consiglieri eletti ai sensi dell art.

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

Rotary Club Dalmine Centenario

Rotary Club Dalmine Centenario Distretto 2042 Rotary Club Dalmine Centenario 100 Percent Paul Harris Fellow Club Periodico d informazione del Club ANNO 2013/2014 N.16 IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010. 5 edizione

Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010. 5 edizione Luglio 2010 Bando di finanziamento AIAT per la Cooperazione Internazionale Amica dell Ambiente 2010 5 edizione AIAT indice per l anno 2010 un concorso pubblico per l assegnazione del Fondo speciale AIAT

Dettagli

Il Bollettino del Rotary Club Gavi Libarna

Il Bollettino del Rotary Club Gavi Libarna Il Bollettino del Rotary Club Gavi Libarna NUOVO SITO WEB - www.rotarygavilibarna.org Esce il lunedì - 13 ottobre 2014 MESE ROTARIANODELL AZIONE PROFESSIONALE Prossimi appuntamenti Giovedì 16 ottobre Ore

Dettagli

Si conclude il mio mandato di coordinatore di UNIGASTRO. Ecco cosa abbiamo fatto in

Si conclude il mio mandato di coordinatore di UNIGASTRO. Ecco cosa abbiamo fatto in Si conclude il mio mandato di coordinatore di UNIGASTRO. Ecco cosa abbiamo fatto in questo triennio. Di Franco Bazzoli Al termine di questi tre anni di mandato come Coordinatore di Unigastro, desidero

Dettagli

Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15

Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15 Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15 Sapere, fare, far sapere Riccardo Gionata Gheri p.p. Rotary Club Firenze Est Commissione Distrettuale della

Dettagli

Rotaract Club Bologna

Rotaract Club Bologna B O L L E T T I N O Rotaract Club Bologna distretto 2072 Emilia Romagna Repubblica di S. Marino N O V E M B R E ' 1 4 AI SOCI E AMICI DEL ROTARACT CLUB BOLOGNA E PER CONOSCENZA al Presidente del Rotary

Dettagli

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO The Rotary Foundation s Future Vision Plan UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO Pre Vision SEGS 27 Novembre 2010 Arrigo Rispoli Presidente Commissione Distrettuale La Visione Futura è Un piano strategico per la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba. FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.org skype: ufficiostampafiaba www.fiaba.org CHI SIAMO FIABA é un organizzazione

Dettagli

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org Presidente Jonni Sangiorgi Segreteria Simone Facchini (facchini.sim@gmail.com) Via Medici 10, Lugo (Ra) Sara Savioli (sarinasavio89@yahoo.it) Viale Oriani 30, Lugo (Ra) Email Club: rotaractclublugo@libero.it

Dettagli

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO PREMESSA Lo Statuto dell Associazione Consultorio Familiare La Casa Onlus prevede la possibilità di redigere un Regolamento del Consultorio,

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini. Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente

COMUNICATO STAMPA. Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini. Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente COMUNICATO STAMPA Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente Bologna Football Club 1909 e il Policlinico S.Orsola Malpighi,

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo PREMESSA L Associazione culturale Achille e la Tartaruga e il Liceo Classico Torquato Tasso di Salerno, in collaborazione con il Palinuro Teatro Festival

Dettagli

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Forum internazionale della Salute XI Edizione Alimentare la Salute 14 17 dicembre 2014 Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Mostra di prodotti e servizi per la salute Lezioni di cucina salutare

Dettagli

Campus scientifico e didattico del biomedicale

Campus scientifico e didattico del biomedicale Campus scientifico e didattico del biomedicale Premessa Il progetto di campus scientifico è finalizzato ad apprendere competenze metodologiche e tecniche in ambito scientifico, economico ed organizzativo

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Enti e Territorio Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Progetto di alternanza scuola lavoro realizzato dagli alunni di una classe terza del Liceo economico sociale

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691 Alla Commissione Nazionale Attività di Base FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ai Coordinatori Federali Regionali per l Attività Giovanile

Dettagli

BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana. Art. 1 (Denominazione e sede)

BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana. Art. 1 (Denominazione e sede) BOZZA STATUTO dell associazione di cultura politica Network Sinistra Riformista Italiana Art. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita in Roma, ove ha la sua sede in Via Sistina 57, l associazione senza

Dettagli

e p.c.: Circolare n. 8 2015 27 Gennaio 2015 Ai Signori Soci del Rotary Club Palermo Nord

e p.c.: Circolare n. 8 2015 27 Gennaio 2015 Ai Signori Soci del Rotary Club Palermo Nord Circolare n. 8 2015 27 Gennaio 2015 e p.c.: Ai Signori Soci del Rotary Club Palermo Nord Al Sig. Governatore del Distretto 2110 Al Sig. Governatore Incoming del Distretto 2110 Al Sig. Governatore Eletto

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo).

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo). Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio 6 Prot.n.2854-15/04/2010

Dettagli

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C.

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. The Rotary Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. TORINO SUPERGA Rotary The Rotary Foundation 2031DRFC District Rotary Foundation

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Scopo del Rotary Lo scopo del Rotary è diffondere il valore del servire, motore e propulsore ideale di ogni attività. In particolare, esso si propone di: 1. Promuovere

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali ALL. A) STATUTO Articolo 1. Rete Comuni Solidali E istituita a tempo indeterminato l associazione denominata Rete Comuni Solidali: Comuni della terra per il mondo (da ora in poi chiamata per abbreviazione

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

ARMANDO BUSINCO JERZU (OG) www.scuolesuperiorijerzu.it. Liceo Scientifico Liceo Linguistico ITC Amministrazione Finanza e Marketing

ARMANDO BUSINCO JERZU (OG) www.scuolesuperiorijerzu.it. Liceo Scientifico Liceo Linguistico ITC Amministrazione Finanza e Marketing ARMANDO BUSINCO JERZU (OG) www.scuolesuperiorijerzu.it Liceo Scientifico Liceo Linguistico ITC Amministrazione Finanza e Marketing Liceo Linguistico I II III IV V Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA IL PROGRAMMA ECOSCHOOLS Il programma Eco-Schools, promosso dalla FEE, Foundation for Environmental Education, si applica all'ambiente di vita della comunità della scuola

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli