PIANO DIRETTIVO DI CLUB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DIRETTIVO DI CLUB"

Transcript

1 ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2090 Abruzzo Marche Molise - Umbria Sergio Basti DG PIANO DIRETTIVO DI CLUB Anno Rotariano Rotary Club Loreto Casella Postale Loreto (AN) Rotary Club Loreto A

2

3 SOMMARIO K.R. Ravindran Presidente Internazionale 2015/ pag. 1 Sergio Basti DG 2015/ pag. 2 Saluto Presidente...pag. 3 Premessa: le cinque vie d azione...pag. 4 Premessa: i 4 piani del Rotary...pag. 5 Il Rotary Club di Loreto... pag. 7 Consiglio Direttivo 2015/ pag. 10 Commissioni di Club 2015/ pag Piano d azione del Club...pag Obiettivi lungo termine...pag Piano Annuale - Anno Rotariano 2015/ pag Altri indirizzi programmatici....pag. 23 Calendario di massima incontri 2015/ pag. 24 Ipotesi relatori conviviali e caminetti...pag. 26 Riepilogo progetti 2015/ pag. 27 Bilancio Preventivo anno 2015/ pag. 28 Allegati da scaricare, geolocalizzazioni ed ...pag. 29 Annotazioni...pag. 30 Rotary Club Loreto i

4

5 K.R. Ravi Ravindran Presidente Rotary International, 2015/2016 Laureato in Economia e Commercio ed è fondatore e CEO di Printcare PLC, una società quotata in borsa e leader mondiale nel settore del confezionamento del tè. Fa anche parte del consiglio direttivo di altre società e fondazioni di beneficenza. È presidente fondatore della Sri Lanka Anti Narcotics Association, la più grande organizzazione antinarcotici in Sri Lanka. Ravindran è Rotariano dal 1974 ed ha occupato le cariche di consigliere e tesoriere del Rotary ed è stato amministratore della Fondazione Rotary. È stato inoltre istruttore RI, membro, vice-presidente e presidente di commissione, rappresentante del Consiglio di Legislazione e governatore. In qualità di presidente della commissione PolioPlus del suo Paese, Ravindran era a capo di una task force di cui facevano parte membri del governo, dell UNICEF e del Rotary e ha lavorato a stretto contatto con l UNICEF per negoziare un cessate il fuoco con i militanti del nord durante le Giornate d immunizzazione nazionale. Ha presieduto la commissione per il progetto Risveglio delle Scuole, promosso dai club e distretti Rotary dello Sri Lanka, grazie al quale sono state ricostruite 25 scuole devastate dallo tsunami, a beneficio di bambini. TEMA PRESIDENZIALE 2015/2016 Il nostro tempo su questa terra è limitato, ed è sempre più breve di quanto pensiamo. Come vogliamo trascorrerlo? Offrendo il nostro aiuto agli altri in modo da migliorare il mondo con la nostra presenza? Oppure, come ha scritto il famoso poeta indiano Rabindranath Tagore, passeremo i nostri giorni cambiando e ricambiando le corde dei nostri strumenti senza cantare la canzone? Il Rotary è lo strumento che ci permette di cantare quella canzone. Ci fa da guida verso una vita più ricca e piena di significato, incoraggiandoci a fare attenzione alle cose che hanno più valore. Inoltre, permette ad ognuno di noi di donare qualcosa al mondo. Se ci chiedono quali sono le caratteristiche che apprezziamo maggiormente nei nostri amici, la maggior parte di noi probabilmente risponderà: integrità, affidabilità, affetto, compatibilità. I nostri amici non sono necessariamente le persone più simili a noi, ma individui che ci completano, che ci permettono di dare il meglio di noi stessi. Per me, è proprio questo ciò che possiamo trovare nel Rotary. Il Rotary ci consente di far emergere la parte migliore di noi stessi e rappresenta una guida per la nostra vita. Troppo spesso, passiamo le nostre giornate cercando di raggiungere degli obiettivi che dovrebbero avere minore importanza. Siamo concentrati sui nostri obiettivi personali e pensiamo al nostro tornaconto; ci dedichiamo instancabilmente ad accumulare cose materiali. Eppure, alla fine della nostra vita, nessuno si ricorderà di noi per le automobili che abbiamo guidato, per i vestiti indossati, o titoli sfoggiati, e le poltrone su cui ci siamo seduti. Non saremo ammirati per gli sforzi fatti per l arricchimento personale o per raggiungere un rango più elevato. Alla fine, il nostro valore non sarà misurato dalla quantità di cose che avremo ottenuto, ma da quanto avremo dato. Distoglieremo i nostri occhi dalla sofferenza, o ci daremo da fare per alleviarla? Ci limiteremo a parlare di compassione, o passeremo all azione? Ci accontenteremo solo di prendere, o daremo qualcosa al mondo? Per l anno rotariano 2015/2016, il nostro tema sarà: Siate dono nel mondo. Ognuno di noi ha qualcosa da dare, chiunque sia, qualunque sia il nostro posto nella vita. Possiamo donare i nostri talenti, le nostre conoscenze, le nostre capacità e i nostri sforzi; possiamo offrire la nostra dedizione e la nostra passione. Attraverso il Rotary, con questi doni possiamo fare una vera differenza nella vita degli altri e nel nostro mondo. Si dice che nasciamo con i pugni chiusi, ma che moriamo con le nostre mani aperte e che i nostri talenti ci sono stati donati da Dio. Mettere a buon uso i nostri talenti è il modo per ricambiare i doni ricevuti dal nostro Creatore. Allo stesso modo, non abbiamo nulla quando veniamo al mondo e cerchiamo di afferrare tutto quello che possiamo, ma poi alla nostra dipartita non ci portiamo nulla dietro. Attraverso il Rotary, siamo in grado di lasciare alle nostre spalle qualcosa di reale e duraturo. Questo è il nostro momento che non ritorna più. Siate dono nel mondo. K.R. Ravi Ravindran Rotary Club Loreto 1

6 2 Sergio BASTI Governatore Distretto /2016 Sergio BASTI, Commendatore al merito della Repubblica, nato a Ortona e residente a L Aquila è Dirigente Generale in quiescenza del Ministero Dell Interno, Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Coniugato con la Prof. Annunziata Albuccetti (P.H.F.) è padre di Andrea, ingegnere libero professionista e Claudia, medico specializzando in pediatria, interactiana e ora rotaractiana. Negli anni post laurea ha effettuato esperienze di lavoro nel campo della progettazione civile e industriale e nell insegnamento presso vari istituti tecnici. Nel 1976 è entrato alle dipendenze del Ministero dell Interno, Direzione Generale della Protezione Civile e Servizi Antincendi presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Venezia. Promosso Dirigente, è stato Comandante di Siena, Teramo, l Aquila e Napoli. Nel 2006 il Consiglio dei Ministri lo ha nominato Dirigente Generale assegnandogli prima l incarico di Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco del Molise e successivamente della Puglia. Nel settembre del 2008 ha ricoperto l incarico di Direttore Centrale della Formazione e il 1 aprile 2009 è diventato Direttore Centrale per le Emergenze. Dal 6 aprile dello stesso anno ha diretto le operazioni di soccorso in occasione del terremoto, che ha colpito L Aquila, ricoprendo anche l incarico di Vice Commissario del Commissario Delegato Guido Bertolaso per la messa in sicurezza degli edifici colpiti dal sisma. Dal 7 giugno 2010 ha svolto le funzioni di Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco dell Abruzzo. Nell arco della sua attività si è occupato prevalentemente di sicurezza, di gestione delle emergenze provinciali e nazionali, di pianificazione delle aree industriali sottoposte alla disciplina dei Rischi Rilevanti, di pianificazioni di sicurezza portuali conseguenti la presenza di natanti a propulsione nucleare nel contesto NATO (Napoli). Ha progettato esercitazioni interprovinciali e nazionali per rischi convenzionali e rischi derivanti da attacchi terroristici di tipo nucleare biologico chimico e radiologico. È stato membro del Comitato Centrale Tecnico Scientifico della Prevenzione Incendi. Come docente ha tenuto e tiene corsi sulla sicurezza presso la LUISS Managment, l Università degli Studi di L Aquila e la Scuola Superiore di Amministrazione Pubblica e degli Enti locali, e seminari, corsi per specializzazioni post universitarie nel campo della sicurezza (legge 818/84; D.Lgs 81/08) presso gli Ordini Professionali, Università e Istituti scientifici di ricerca. Nel ruolo di Direttore Centrale per le emergenze si è occupato di tematiche di carattere tecnico e scientifico a livello nazionale e internazionale in diversi ambiti: Capitanerie di Porto, Dogane, Autorità Portuali, Enac, Enav, Progetto bilaterale Italia Stati Uniti per la sicurezza dei porti MEGAPORT, esercitazione internazionale per la proibizione delle armi chimiche ASSITEX e sulla sicurezza dei trasporti ordinari e su rotaia (sicurezza delle gallerie, TAV, metropolitane). Ha coordinato varie emergenze nazionali e eventi internazionali per la parte di propria competenza (terremoto di L Aquila, G.8 di L Aquila, l incidente ferroviario di Viareggio, il dissesto idrogeologico di Messina, il dissesto idrogeologico di Ischia, il terremoto di Haiti, lo sversamento di idrocarburi nel fiume Lambro - Po). Oggi gestisce, insieme con il figlio Andrea, uno studio di progettazione di opere di ingegneria: progettazione architettonica e strutturale di edifici civili e industriali, ricostruzione post sismica, sicurezza, prevenzione incendi, fire engineering, impiantistica, certificazione energetica. Nel 1996 è diventato socio del Rotary Club dell Aquila, ha partecipato alle attività del Club collaborando con i presidenti delle commissioni e i consiglieri e ha organizzato eventi per la raccolta fondi in favore del progetto Polio- Plus. Nell anno sociale ha ricoperto il ruolo di Presidente del Rotary Club L Aquila e ha istituito il premio Rotary Perdonanza. Ha fondato, in collaborazione con il Rotary Club L Aquila Gran Sasso d Italia, il Club Interact dell Aquila; ha partecipato attivamente nei preparativi per l organizzazione del centenario del R.I. Negli anni successivi ha ricoperto la carica di consigliere e delegato del Rotary per il Rotaract e Interact. Durante l anno di presidenza ha ricevuto il P.H.F. A seguito del sisma del 6 aprile, il Governatore in carica del Distretto 2090, Giorgio Splendiani, gli ha affidato il coordinamento degli aspetti operativi di tutte le attività rotariane rivolte al territorio e in occasione del congresso distrettuale del 2009 ha ricevuto dal Governatore il secondo P.H.F. Nell a.r ha continuato l attività dell anno precedente diffondendo il messaggio rotariano attraverso conferenze in vari Club ed ha ricevuto dal Rotary Club di Ortona il terzo P.H.F. in occasione del premio I Rami. Nell anno sociale : viene nominato referente del governatore Mario Struzzi per i lavori di ricostruzione del blocco A della facoltà di Ingegneria. Nell anno sociale viene nominato assistente del Governatore Francesco Ottaviano ricevendo il quarto P.H.F..Nello stesso anno ha tenuto i contatti con le autorità per i lavori di ricostruzione del blocco A della facoltà di Ingegneria di L Aquila e è stato responsabile della organizzazione della visita a L Aquila del Presidente Internazionale del Rotary Kalyan Banerjee al quale l Ateneo ha conferito la Laurea Honoris Causa (12 ottobre 2011). Per tale evento ha realizzato il video Con gli Occhi del Rotary proiettato durante la cerimonia e ha contribuito alla realizzazione dell omonimo libro presentato ad Ascoli Piceno in occasione della Transappenninica rotariana Orbetello Ascoli Piceno nel Nel 2013 è stato designato Governatore per l anno sociale e il suo Club ha voluto riconoscere il suo impegno rotariano conferendogli un altro P.H.F. Piano Direttivo di Club

7 SALUTO DEL PRESIDENTE Carissimi amici, è con grande fiducia ed entusiasmo che mi accingo ad affrontare il nuovo anno alla guida del nostro Club. Un doveroso ringraziamento a tutti gli amici per la fiducia che mi è stata accordata, spero di essere all altezza del compito assegnatomi. Sarà senz altro un anno molto impegnativo ma sicuramente pieno di soddisfazioni per tutti noi, sottolineo volutamente noi ; vorrei infatti che fosse chiaro che il presidente ed il direttivo non sono il club ma tutti noi siamo il club. Il nostro lavoro deve coinvolgere tutti i soci ed i loro familiari perché è con l impegno, la responsabilità e l aiuto collettivo che porteremo a termine i progetti in programma. Perciò auspico e chiedo il vostro aiuto, la vostra partecipazione e collaborazione. Per l anno rotariano 2015/2016 il tema sarà: Siate dono nel mondo. Il nostro Presidente Internazionale K.R. Ravindran, nell introduzione a pagina 2 ci invita a riflettere su noi stessi e sui nostri comportamenti. Il Rotary può e deve far emergere la parte migliore di noi stessi e rappresentare una guida per la nostra vita. Attraverso il Rotary siamo in grado di lasciare alle nostre spalle qualcosa di reale e di duraturo. Concludo ringraziando innanzitutto mia moglie Fulvia per l appoggio, la pazienza e la collaborazione che mi darà e tutti i componenti della squadra che con tanto entusiasmo hanno accettato di aiutarmi. Un grazie particolare a Fulvio, Francesco e Aldo, i loro preziosi consigli saranno un grande punto di riferimento. Un saluto speciale a Sandrina, Presidente uscente ed a Marco, Presidente Incoming. Buon Rotary a tutti. Andrea Rotary Club Loreto 3

8 Premessa LE CINQUE VIE D AZIONE Le priorità del Piano Strategico Distrettuale, come indicato dal Presidente Internazionale K.R. RAVI RAVINDRAN, e delineato nel programma Presidenziale quali: lo sviluppo e la conservazione dell effettivo, l incremento dell azione umanitaria, il miglioramento dell immagine pubblica del Rotary, l accrescimento del senso di appartenenza, il sostegno alla Fondazione e alle nuove generazioni, saranno la base sulla quale l Anno Rotariano 2015/2016 fonderà la propria strategia. Il Piano Direttivo è stato redatto nel rispetto del motto SIATE DONO NEL MONDO tenendo presente, aggiornando e modificando le strategie programmatiche e gli obiettivi già individuati negli scorsi anni Queste saranno perseguite in sintonia e condivisione congiuntamente al Presidente uscente, al Direttivo e al Presidente Incoming. Le fondamenta del Piano Direttivo sono le cinque vie d azione: azione interna, professionale, di interesse pubblico, internazionale e nuove generazioni. AZIONE INTERNA si concentra sull affiatamento dei soci e sull adeguato funzionamento del Club. AZIONE PROFESSIONALE incoraggia i Rotariani a porre le proprie competenze professionali al servizio del prossimo e a osservare i più alti principi morali. AZIONE DI INTERESSE PUBBLICO riguarda i progetti e le iniziative che il Club intraprende per migliorare le condizioni all interno della comunità. AZIONE INTERNAZIONALE riguarda i progetti umanitari condotti nel mondo intero e le iniziative per promuovere la comprensione e la pace tra i popoli. AZIONE NUOVE GENERAZIONI riconosce il cambiamento positivo attuato dai ragazzi e dai giovani attraverso le attività di sviluppo delle doti di leadership, progetti d azione e programmi di scambio. Per definire queste vie sono state costituite le cinque commissioni che hanno il compito di pianificare e realizzare gli obiettivi prefissati. 4 Piano Direttivo di Club

9 I 4 PIANI DEL ROTARY PIANO DIRETTIVO DISTRETTUALE Mira a dare maggiore efficienza all azione del Distretto. PIANO DIRETTIVO DI CLUB Mira a dare maggiore efficienza all azione del Club. PIANO DI VISIONE FUTURA DELLA R.F. Rappresenta il nuovo modello di sovvenzioni della Fondazione Rotary mirante a finanziare i progetti umanitari ed educativi di club e distretti. Esso è ormai definitivo per tutti i distretti dall'anno rotariano e le sue aree di intervento sono: Pace e risoluzione dei conflitti Prevenzione e cura delle malattie Acque e servizi sanitari Salute delle madri e dei bambini Educazione di base e alfabetizzazione Sviluppo economico e comunitario PIANO STRATEGICO Ricorda e ridefinisce i valori fondamentali del Rotary stabilendo le priorità e gli obiettivi che dovranno guidare le azioni dei rotariani. Il Piano Strategico comprende le seguenti tre priorità, ciascuna sostenuta da un insieme di obiettivi: Priorità 1: sostenere e rafforzare i Club attraverso i seguenti obiettivi: Promuovere innovazione e flessibilità nei Club Incoraggiare i Club a partecipare a varie attività di servizio Promuovere la diversità dell'effettivo Migliorare il reclutamento e la conservazione dell'effettivo Sviluppare leader Avviare nuovi Club Incoraggiare la pianificazione strategica a livello di club e di Distretto Priorità 2: focus ed incremento dell'azione umanitaria attraverso i seguenti obiettivi: Eradicazione della polio Incrementare collaborazioni e contatti con altre organizzazioni Creare progetti significativi a livello locale e internazionale Aumento di servizi sostenibili incentrati sia su programmi per nuove generazioni (Scambio giovani, Ryla, Rotaract, Interact) sia sulle aree di intervento del Rotary (Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti - Acqua e strutture igienico sanitarie - Sviluppo economico e comunitario - Prevenzione e cura delle malattie - Salute materna e infantile - Alfabetizzazione ed educazione di base) Priorità 3: migliorare l'immagine pubblica e la consapevolezza mediante i seguenti obiettivi: Pubblicizzare l'azione di servizio; Unificare l'immagine e la consapevolezza del marchio; Promuovere i valori fondamentali; Enfatizzare l'azione professionale; Incoraggiare i Club a promuovere le opportunità di networking e le attività più riconosciute. Rotary Club Loreto 5

10 6 Piano Direttivo di Club

11 IL ROTARY CLUB LORETO La storia Il Club di Loreto nasce nel 2002 dall incontro e dall amicizia di due medici Fulvio Borromei e Giorgio Fanesi. Giorgio, rotariano di lunga data appartenente al Club di Osimo, nel 2001 convince Fulvio sulla necessità di far sorgere anche a Loreto un Rotary Club per far crescere e sviluppare anche nella Città Mariana i semi della cultura rotariana. Fulvio raccoglie attorno a sè il primo nucleo di rotariani di Loreto, di cui fanno parte una nutrita schiera di donne, per iniziare questa nuova avventura e, sotto l attenta e amorevole guida di Giorgio, dopo più di un anno di training il 1 dicembre 2002 viene consegnata nelle mani del primo Presidente Fulvio Borromei, dal Governatore del Distretto 2090 Umberto Lenzi, la Charta Rotariana con la quale si sanciva la fondazione del Rotary Club Loreto. La Sede 1 dicembre La consegna della Charta nella foto Fulvio Borromei, Umberto Lenzi e Giorgio Fanesi Il Club tiene gli incontri non conviviali presso la sede di Via Porta Romana in Loreto Le conviviali si svolgono presso la bellissima struttura dell Istituto d Istruzione Superiore Einstein-Nebbia di Loreto Le Riunioni del Club si tengono solitamente: - conviviali il 1 giovedì di ogni mese - non conviviali il 3 giovedì di ogni mese Rotary Club Loreto 7

12 ELENCO SOCI ANCONETANI Marco PHF Cl.: Istruzione e Ricerca, Insegnamento, Scienze Naturali ANCONETANI Stefano Cl.: Attività libere e professioni, Architettura, Design ANGELICO Gesualdo Socio Fondatore - PHF+4 Cl.: Amministrazione Pubblica, Edilizia, Urbanistica BALDONI Fabio Cl.: Forze Armate, Guardia di Finanza, Polizia Tributaria BELLINI Domenico Socio Fondatore - PHF+1 Cl.: Attività libere e professioni, Ingegneria, Meccanica BIONDI Massimo Socio Fondatore Cl.: Attività libere e professioni, Avvocati, Diritto Civile BOLOGNINI Sandrina Socio Fondatore Cl.: Istruzione e Ricerca, Insegnamento, Lingue e Letterature Straniere BOLOGNINI Sandro PHF Cl.: Assicurazione e Previdenza, Periti, Industriali BONARELLI Daniela Socio Fondatore - PHF Cl.: Amministrazione Pubblica, Min. Finanze BONARELLI Roberto Socio Fondatore Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Med. e Chir. Ginecologia Chir. Plast. BORROMEI Fulvio Socio Fondatore - PHF Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Med. e Chir. CARLOROSI Carlo Cl.: Istruzione e Ricerca, Impiantistica, Infortunistica COCOZZA Ciro Socio Onorario - PHF Cl.: Forze Armate, Min. Difesa, Gen. Grand Uff. DE VECCHIS Raffaella Cl.: Attività libere e professioni, Notaio DONATO Giuseppe Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Sociologhi ELISEI Dino Cl.: Attività libere e professioni, Informatica GIOMBETTI Andrea Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Odontoiatri GIOMBETTI Annalisa Cl.: Amministrazione Pubblica, Lavori pubblici, Gestione Patrimonio GUERRIERI Emidio Cl.: Credito e Finanza, Banche GUIDANTONI Marco Cl.: Credito e Finanza, Banche, Intermediazione LATINI Anna Maria Socio Fondatore - PHF+1 Cl.: Attività libere e professioni, Amministrazione LATTANZI Francesco PHF Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Ortopedia Pediatrica MANCINI Alfio Cl.: Attività libere e professioni, Ingegneri, Impianti MARANGIO Francesca Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Farmacia, Farmacista MASOTTI Maria Luisa Socio Fondatore Cl.: Amministrazione Pubblica, Insegnamento 8 Piano Direttivo di Club

13 MENGARELLI Andrea Socio Fondatore - PHF Cl.: Industria, Amministrazione, Finanza MORGANTINI Antonello Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medicina, Riabilitazione PERNA Graziano Cl.: Artigianato, pastificio PETRINI Tiziana Cl.: Attività libere e professioni, Giornalismo PICCHIO Mauro Cl.: Attività libere e professioni, Ragionieri RINALDI FANESI Nicoletta Cl.: Attività libere e professioni, Consulenza, Comunicazione e immagine SECONDINI Aline Cl.: Commercio SORRENTINO Fernando Socio Fondatore Cl.: Credito e Finanza, Banche TOMBOLINI Cecilia Socio Fondatore Cl.: Servizi Sanitari e Sociali, Medici, Oculistica VITA Maria Giuseppina Cl.: Attività libere e professioni, Avvocati, Diritto di Famiglia ZICHICHI Antonino Socio Onorario - PHF+1 Cl.: Università e Ricerca, Fisica HANNO PRESIEDUTO IL CLUB Fulvio Borromei Fulvio Borromei Massimo Biondi Domenico Bellini Gesualdo Angelico Anna Cocozza Claudio Grendene Francesco Lattanzi Sandro Bolognini Anna Maria Latini Fernando Sorrentino Marco Anconetani Sandrina Bolognini HANNO RICEVUTO IL PHF Marco Anconetani (2010) Gesualdo Angelico +4 (2008) Domenico Bellini +1 (2010) Fulvio Borromei (2004) Daniela Bonarelli (2008) Sandro Bolognini (2011) Anna Cocozza (2009) Anna Maria Latini +1 (2010) Francesco Lattanzi (2012) Andrea Mengarelli (2010) Rotary Club Loreto 9

14 DIRETTIVO Presidente Vice Presidente Segretario Co-Segretario Tesoriere Co-Tesoriere Prefetto Co-Prefetto Comunicatore Co-Comunicatore Consigliere Consigliere Presidente Incoming Past President MENGARELLI Andrea LATTANZI Francesco ANCONETANI Marco BALDONI Fabio GUIDANTONI Marco GIOMBETTI Andrea LATINI Anna Maria SECONDINI Aline DE VECCHIS Raffaella ANGELICO Gesualdo BORROMEI Fulvio MANCINI Alfio GUIDANTONI Marco BOLOGNINI Sandrina 10 Piano Direttivo di Club

15 ROTARACT LORETO SUPPORTO ROTARACT Delegato Rotaract Presidente Rotaract BOLOGNINI Sandrina SABBATINI Marco ELENCO SOCI FONDATORI ROTARACT LORETO (n. 5 Uomini n. 10 Donne) 1 BOCCANERA EMANUELA 2 COPPARI ALESSANDRO 3 COPPETTA VALERIA 4 DOMIZIOLI SOFIA 5 GIOACCHINI HELENA 6 MALIZIA FILIPPO 7 MARASCA ELISA 8 MERCURI BEATRICE 9 PAPA GIULIA 10 PELONI LAURA 11 SABBATINI MARCO 12 SBACCO LUCIA 13 SPINACI FEDERICO 14 TARSETTI MELISSA 15 VERDENELLI NICOLA Rotary Club Loreto 11

16 COMMISSIONI DI CLUB Amministrazione Rotary Foundation Effettivo Pubbliche Relazioni Progetti Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Presidente Membri Guidantoni Marco Anconetani Marco Angelico Gesualdo Latini Anna Maria Elisei Dino Vita Maria Giuseppina Bellini Domenico Sorrentino Fernando Bonarelli Daniela Guerrieri Emidio Lattanzi Francesco Rinaldi Nicoletta Borromei Fulvio Bonarelli Roberto Bolognini Sandrina Giombetti Andrea Giombetti Annalisa Picchio Mauro Perna Graziano De Vecchis Raffaella Baldoni Fabio Biondi Massimo Donato Giuseppe Petrini Tiziana Morgantini Antonello Secondini Aline Mancini Alfio Masotti Maria Luisa Anconetani Stefano Bolognini Sandro Carlorosi Carlo Tombolini Cecilia Marangio Francesca 12 Piano Direttivo di Club

17 COMMISSIONE EFFETTIVO Presidente : Fulvio Borromei il reclutamento di nuovi soci con dettagliate indagini sulle proposte di candidatura e dell effettiva annoverabilità del nuovo socio fra gli iscritti; - la conservazione dell effettivo; - l orientamento e la formazione; - predisporre classifiche e, in concerto con il Consiglio, proporre premiazioni, seppur simboliche, per i soci meritevoli in termini di operato nell ambito sociale e/o lavorativo secondo i criteri rotariani. - Predisporre premiazioni per i soci maggiormente presenti agli incontri; - Orientamento e formazione mediante apposite riunioni da tenersi anche a fine conviviale. - Contattare i Soci normalmente assenti per cercarne la causa e per riprendere la loro partecipazione nella normalità. Se ciò non sarà possibile, in accordo con il Consiglio, si adotteranno i provvedimenti previsti dal regolamento del Rotary. COMMISSIONE PUBBLICHE RELAZIONI Presidente: Raffaella De Vecchis Tale Commissione deve sviluppare ed implementare un piano dettagliato per: - relazione con i media; - pubblicizzazione e divulgazione dell operato del Club; - eventi speciali; - relazioni esterne. COMMISSIONE AMMINISTRAZIONE DI CLUB Presidente: Marco Guidantoni Tale Commissione deve sviluppare ed implementare un piano dettagliato per: - programma settimanale; - sito web; - bollettino del club; - partecipazione; - affiatamento COMMISSIONE PROGETTI DI SERVIZIO Presidente: Alfio Mancini Tale Commissione deve sviluppare ed implementare progetti per soddisfare le necessità della comunità locale e internazionale, quali: - progetti educativi; - progetti umanitari; - progetti professionali; - raccolta fondi; COMMISSIONE FONDAZIONE ROTARY Presidente: Domenico Bellini Tale Commissione deve sviluppare ed implementare piani a favore della Fondazione Rotary, offrendo sia sostegno finanziario che di partecipazione ai programmi da parte dei Rotariani. L attività della Commissione dovrà esplicitarsi in simbiosi con la Commissione Amministrazione del Club: - versamenti annuali; - GSE; - Polio Plus; - Borse di studio; - Sovvenzioni. Rotary Club Loreto 13

18 1. Il Piano d Azione del Club 1.1 Dove siamo È la prima domanda che ci dobbiamo rivolgere, per focalizzare i punti di forza e di debolezza del nostro club, le opportunità ed i rischi. Valutiamoli in relazione ai quattro gruppi di elementi su cui vogliamo misurare l efficienza del club: 1.2 Effettivo L effettivo del Club, che nasce il 1 dicembre 2002 con 20 soci fondatori è attualmente costituito da 36 soci (34 soci attivi e 2 soci onorari) ed è così suddiviso: Soci di sesso maschile 22 65% Soci di sesso femminile 12 35% L età media dei soci è di circa 55 anni. L elenco delle classifiche aggiornato al contiene le seguenti categorie: Amministrazione pubblica 3 Assicurazione e previdenza 1 Attività e libere professioni 12 Commercio 1 Credito e finanza 3 Forze armate 1 Industria 1 Istruzione e ricerca 3 Servizi sanitari e sociali 8 Artigianato 1 Le seguenti classifiche sono vacanti: Agricoltura, Associazioni ed Enti, Giustizia, Istituzioni estere, Insegnamento universitario, Religioni e Servizi. Restano sette categorie che dovranno nel tempo essere coperte con un Piano di espansione dell effettivo coerente con le direttive indicate nel Piano Strategico Distrettuale. L assiduità di partecipazione dei soci attivi si è attestata al 54%. 1.3 Progetti di servizio Durante questi anni sono state intraprese numerose e valide iniziative quali: Alfabetizzazione: Corso per assistenti domiciliari. Azione nuove generazioni: Service presso l Istituto Alberghiero Einstein-Nebbia di Loreto quale sede delle nostre conviviali. Educazione all uso responsabile della risorsa acqua e sul riciclaggio dei rifiuti. Realizzazione dello spettacolo Il Rotary e l arte per valorizzare i giovani talenti. 14 Piano Direttivo di Club

19 Corso nelle scuole sulla sicurezza stradale. Screening sulla scoliosi presso le classi delle scuole medie inferiori di Loreto. Concorso tra gli studenti di Istituti Artistici con selezione (calendario) e premiazione degli elaborati sull interpretazione grafica degli articoli della Costituzione. Corso nelle scuole sulla legalità fiscale. Screening sulla Tiroide (T-Rotary). Screening oculistico presso le classi delle scuole medie inferiori di Loreto. Borsa di studio Anna Cocozza per gli studenti delle scuole di primo e secondo grado di Loreto. Inaugurato il 23 gennaio 2015 il Club Rotaract con n. 15 soci. Partecipazione al programma distrettuale sulla leadership RYLA. Azione di interesse pubblico: Partecipazione attiva e numerosa nell animazione e intrattenimento nelle strutture per anziani. Partecipazione attiva e numerosa al Rotary Campus. Partecipazione attiva all organizzazione del Corso di informatica per ipo e non vedenti. Azione internazionale: Adozione a distanza per scolarizzazione. Matching Grants in Africa (risorse idriche), Albania (risorse idriche e micro credito) e in Afghanistan (prevenzione e cura malattie). Progetto Diamo a tutti i bambini gli stessi diritti da destinare all Asilo Nossa Senhora Aparecida in Brasile. 1.4 Sostegno alla Rotary Foundation Il Club ha versato alla Rotary Foundation come contributo a: Ogni Rotariano, Ogni Anno 105 US$ a socio. Sono stati inoltre organizzati altri eventi per la raccolta fondi per l eradicazione della polio, US$. 1.5 Formazione Negli anni scorsi l attività di formazione si è basata sulla partecipazione dei soci al SIPE, all Assemblea e ai diversi seminari distrettuali, sono stati inoltre organizzati incontri specifici di formazione all interno del Club tenuti da componenti di varie commissioni distrettuali. 1.6 Lo scopo e la meta del club: SERVICE ABOVE SELF SERVIRE AL DI SOPRA DI OGNI INTERESSE PERSONALE Scopo del Rotary è incoraggiare e sviluppare l ideale del servire inteso come motore e propulsore di ogni attività. In particolare esso si propone di: promuovere e sviluppare relazioni amichevoli tra i propri soci, per renderli meglio atti a servire l interesse generale; formare ai principi della più alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni; riconoscere la dignità di ogni occupazione utile a far sì che essa venga esercitata nella maniera più degna quale mezzo per servire la società; orientare l attività privata, professionale e pubblica dei singoli al concetto del servizio; propagare la comprensione, la buona volontà e la pace fra nazione e nazione mediante il diffondersi nel mondo di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di servire. Rotary Club Loreto 15

20 È doveroso applicare questi principi generali del Rotary alla realtà del nostro Club: i soci in quanto leader nelle loro attività, devono mettere in atto l ideale del servire alla vita personale, professionale e sociale. Un codice etico da seguire si può riassumere nella prova delle QUATTRO DOMANDE : Herbert J. Taylor nel 1932 sostenne che un buon Rotariano dovrebbe sempre porsi quattro domande prima di porre in atto delle azioni. In particolare Ciò che io PENSO, DICO o FACCIO : 1. Risponde a VERITÀ? 2. È GIUSTO per tutti gli interessati? 3. Darà vita a BUONA VOLONTÀ e a MIGLIORI RAPPORTI d AMICIZIA? 4. Sarà VANTAGGIOSO per tutti gli interessati? Seguendo questi principi il club può superare lo stereotipo dell esclusività e trasmettere alla comunità locale l immagine di un associazione affidabile che opera per rispondere ad esigenze concrete. In sintesi questo concetto si può tradurre nel motto: fare, fare bene e far sapere. 1.7 Raggiungere la meta Per raggiungere lo scopo del Rotary occorre impostare un piano d azione pluriennale che contenga la definizione degli obiettivi relativamente all effettivo, ai progetti di servizio, alla Fondazione Rotary, alle pubbliche relazione, all amministrazione del Club. 16 Piano Direttivo di Club

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli