- 2 - ISO 9001: 2000, CH ERSE S.p.A. Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 2 - ISO 9001: 2000, CH-32919. ERSE S.p.A. Via R. Rubattino 54 20134 Milano - Italia Telefono +39 023992.1 Fax +39 0239925370"

Transcript

1 0

2

3 !"$ % - 1 -

4 Questo lavoro è stato finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell ambito dell Accordo di Programma tra CESI RICERCA ed il Ministero dello Sviluppo Economico - D.G.E.R.M. stipulato in data 21 giugno 2007 in ottemperanza del DL n.73, 18 giugno ERSE S.p.A. (già CESI RICERCA S.p.A.) Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax Capitale sociale Euro interamente versato Registro Imprese di Milano, C.F. e P.IVA N. R.E.A ISO 9001: 2000, CH-32919

5 ... 6 & '()*+'... 7, -* ' +'* ! " $ % " $ & ' " $ $ / ''()-* ' +'... 15! ( )... 15! *... 16! +,... 19! *... 20!! &... 23!% *... 27!'... 29!' !-,... 32! ! !-! "... 34!-%... 34!/ *... 35!/ $... 35!/ "... 35! ! ! '(( % 1$ $ 2 $ % 30$ ') +'' *' * ' +'22'( )*+' ) ' ' $ ' & ' ' '! *& '! '! '% $

6 '% '% '%! ') +' (( +') '()* ' +'(' ! $ % ' * '(5'() '*('+' / * / ) ) /! /% /' $ /' $ /- * & /- & (* '(2' ' *" ! "$ ( & '2'( 2 (5''(5'(* '( * ! * & % &8 ()'(5'( : : * : & $ : && '*' &, 2 '( &/ ( &0 ') 9 '()* '(' % % $ %! )&" %% %' $& %' %',$

7 %'! & ) %- $ % % %-! "$& %-% %-' * %-- 1$ &1 ').:2 '(' (5 ') +' ' * ' '!

8 & $ & $ ) 1 ) )$ ) ; & $ $ & 2 2& $$ 1 $ &2 2 8 ; 2 2 < 2 2 &2 12 $ 2 & 2 $$ 22& 1 & 2 = 2 &2 1 $ & ); $ &$ & & ><, 3 $ 2 & & = 6

9 & '()*+' ) = 2 = ) 2 2 &? $ ";2 ; 2 ; = ) ) $ 2 2& $ ; & ; 2 2< 2 2 &2 2 $$2 2&? & 2 ; BC ) ; $ $ ) 2 & $& 7 $$ $ & = ) & $ ; $& & $$ $$2 $ =B $ 8 2$$ $$ $$ C2 D " + B 8 1 )$$ C::'2 )E + 2 ) )$$ $ 2 ; 2 ; 2 = & )+ 2 & :F ) & $$ & 2= ) ;::2 B ) )$$ C 2& & $ ; 8 $$2 & /

10 ) $$ & ) = &? ; = BC G ) %F ) E+ 29F 5$+ 6" H! )E+ 5 9/:62 & ) 2; 2 5 F2 -.&H 62 ) 2, ; $$ I "2 & $ $$ $$ 2 2 ) 2 & I G2G2? 2? 2 G 2 2& 2 ) 2;8 & $ +) 2 ; & & $ & <$ 2&; & 2 &9 9. &7&& ';<= $ > 0

11 , -* ' +' *..,& 2 " = & $ 3 - $ $ & *0/-: %:::& JJ $ 2& $ - $$ &$ $ $ ) -? 2 ) & $JJJ$ J ; & = &? $ -? = $ 2 2 ) = && I 2 & 8 $ BC2 ); 2 K ) ) ) < $ 2 ) <2 $ ; )$$ ) &&3= ; 2 * &=$ ) ) $BC 7 $ 2 H ); " 2 G $ 2$ & ) 2& & 2 2 ;,, 1 Combattere l inquinamento luminoso significa ridurre la luce di disturbo rivolta verso il cielo ed indirizzare la luce solo dove effettivamente serve. 9

12 ) 1 < &$$ &.. ( &9 $$>.4 " **" L47 + "..+*."M+ +*+7 L+ * $$. $$5 N < &2 26 $$ <1 <& <,$$ < < & < 2 <*$ < <* <+ $$ <+ $$ <* <4 <"$ <4$ <+ $$ < & 7 & 2&2 & 2 $ 7 ( & 2 )= 2 * (2 & "5 62 &&2 ; ) & &,/ $$> $ $ ; 3 -! " $ %% &''()"*) +,- -. / 00 % % % ''" $%%&'') 1 *) ++,, $ - /3)$/8 - / 2' 31+! ' % 4 % " $ %% '' ) $ 5) 5,- - / 2' 3 / ' 1+ 6! ' % 4 % 7" $%% ''1+- - / 2' 3 1(! ' % 4 % % " $ %%&''( )$ ++1 :

13 $K,0'57 " * 6 J J$ K 2 2" * 2 $ 2 &2 &$ A ) * '2 $ & 2 $ & 2; 3 $ $ O $ B 2 ;;; O $ 2 ; ; ; 2;) & $ ;,0 $$> C$ 7 E 7 +7!:<::%2& +7!:< & 3$ ;5::!2!::!62 $2 ; $2 ) ) $$ C $ & 3 $$ 9 >> 5 63,$ $$ 9 >> 5 H63,$ $$9 > >> $,$ $ $$9 3,$ 2 2 &2P $$ 9 3,$ $ $$:,$ $$5: $ $>,$ 2 2 2

14 1 5. 2!2%'6 7 E 7 +7!:< 3::! 5B 3 ; C6 3+2"+2* +12 $ 2 (,9 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% A 5 6 $ $ $ *!% 56 *&!% 56 5 >6 $!% : :2% :2/ : :2' + 2' :2% :2/ : :2' +! 2: :2% :2/ ' :2' +! 2: :2% :2- ' :2' +! 2: :2% :2' ' :2' +% :2/' :2% :2- ' :2' +% :2/' :2% :2' ' :2' +' :2' :2!' :2% ' :2' +- :2! :2!' :2% ' < QE RE $ < H $ QQE RE $ < H QQQI G ; $$; ( /9 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% $$ * 56 "+: ': :2% : "+!: :2% : "+ : :2% : "+! ' :2% : "+% : :2% ' "+' /2' :2% ' ( 09 $$! ' *''&/,8&9,?,880% >6 * ' ' ' * :! ' *! /2' 2' ' *% ' :

15 *'! :2- : *- :2- : */ 7 7 < ( 195 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% $$ ! +1% +1' 5 6 ':!: : /2' ' :2',1 $$> $ > $ $ $$ $ E 7 %03::/ ) ::/2 && E 7 :%!9<:: & 2; 2 2$ $ 2 E 7 +7!:<2 ). &$2 $ 2. - ( 39 $$> $ >! ' *'&&,06?,884% ( $ &,. )$$ > * * " D= ECF!:<':!: /:<9: ': > + +! * > : +! * > /:<9: +% * > 5"" 6 /:<9: +! * > ': +% * > ) * /:<9: /: ': +! +! 2 Secondo il Decreto Ministeriale 5 novembre 2001 n 6792 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti!

16 ( $ 2 )$$ * ; * ; " D= ECF ': ': > +! * > 5 6 /:<9: +! * > ':!: +% * 5 6 ': +% * * 3 * 3 * *! 7& * %!:!:!: ' ' ':!: *! "+% "+'H*! "+'H*! *! 3 Secondo il Decreto Ministeriale 30 novembre 1999 n 557 del Ministero dei Lavori Pubblici 4 Secondo l art. 3.5 del Decreto Ministeriale 5 novembre 2001 n 6792 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti %

17 / ' '()-* ' +' & $ 2 ) & 8 ) $ 2 ; & ; ; G & $$ ) &3 -. O -. &2 O -. 2 O -. *& ) 2 2 & $$ 2 & $ $$ $$ 2; /&.$ $-$ $ ) &$$ 3 O O 2& & ) $ O $ 5 3:::2-:::2:::26O & $$5':2/:2::2'2':2':26 )$$ ) $ 2& ) 2 $$ ' H 6 $ 5:::6 7 )':$$ $ 2& 5 -:H 6 $ 5 %:::6O2 = 3,$$ & ) & & $ 5& -::6 7 ) & ; $ :F 7 )-: 28 ;$2& &? 2 '

18 & $ 5 0::: 6 7 )/: $$ 5 :H 62 &? 2 ;2= O 2 $ 5 :::6$$ ::H 42 ; 2) 2 & 2 ; & $2 2 $ -::::5; % 6 /, $ &2; 3 - $$ O - $$ O - $ O ) & & 3-5 6O - 7) $ 2G $$ &2 2 $ 2=; & ) "$ & & G ; >> $ )$$ = 8 ; 2& G ) 2 ) 5 ) = %!:: ) 2 2 &2 ) 2 0/-: & ; = ; ) 2 = )::: $ > & ::::2 ) $$ $ S ; ) 2&, 2 $$ -

19 ) ) 4G &=$$ $ $ 2 2 & 2 = ) D B C& * 3 &;& ; & 2 ) 2; ) =8$$ (>$5 6 2& : ) I $ )$ )$$ 2 ) 3 0: ::H2 & 9' $ = 2 ) 2 & 2 & $ & )F + G & $$ & & $ 2)$ ) I$ ) ; 'T"3 $$ $$ 2 G) $$5!6* 2 ;& $$ "$2 &; $ $ )$$ = 5-: H6 ) 5!!<':6 & = & 5 6 $ $$ $$5 %6" 2 & $2 & $ ; ) )$$ = 2 $ 0: H2 5$ 62 ) ) 5 6$ ) $ $$5 '6* & $$5!:H65 &::::62 G 'F 2) : -: & 0'2G)$$ $ ':<-:H $ ) $$ &9:2)$$ 0:<9:H /

20 8 5-:::< 0::: 6 $$ ; ) = 5 /6 ) & $; = 2 &-::::2 )$$ =-:</:H & =$ ; * 2 ) )! 0%*&; ) $ = 2 ) $2 )$$ ) %:<': H2 & ::H & = $ :::::2& $ $2 2; & ; +, $! 2,9 >$! $(9)C$% 2 /9! G C$% 2 09 $! HC$% 2 1? $! ' (' G C$% 0

21 2 39! $G (C$% 2 49! $ I C$% 2 69 ) ) ; 2 2 & < 2 &2 +); 2& 8 ) 3 - $$ O - O - O -!""$ % %&' ; +, +, $ ) 2 ) ) 2 $ ) $$ & ) +, && )$$ :: H2 & $$!:H ) +,) = & ; 2 +, &) & $$+, 2 ) 9

22 $$ +, & 5) '/::U6 & ) 2 2; )& & < 2 2 ) 5 $$ 6 *$ &) ) 5 6 +) ; & & +,2 && 2= & ) ::::<':::: * ;;!"" ( = $ & 2 ) $ 2 ) 2 ; )$$ 2 $ 2= $ $ 3 2$$ $ 3 = 2 )& $&2 ) ) =56 3= &2 2 $ ) & $ )$ * 8$& & 5 & 6*$= & 2; 7 & ) 2! >> $ 5$ 63=$ $ ) =V 5H6+) 8 2; 2 & ;8$$2) $ $ 2 E1 * & )$$ & )& 2 & )$ $$ &) 5W 6)& W R''' $ % $ 5 63; $ $ 2 ; $ $ $ ) 22$, ; 2 $ $ & :

23 ) = :: $ ; = $$ $ ' ( 3= & 5"".6=$ B 5 X 6& CI $ ) $ B 8 ; C. U5 U6-5 3$ B$ ; ':F 2$ 2C & $ & & 5&61$ &$ $ $ 2 2 $; 2 2 & / $ G ) ) 2; ) 2; ; ) 2 & ) ) 2 $ 3-2; 2 ) 5;$ $ 6O - O - 5 ; )$ $ 6 $ $$ ; $ 8 2 = & 22;&$ 2 3

24 ( 49 > "& )$$ = $ ) 2 & 3 $$ ;62 2 ; & $, ; 2; 2$ 2 $$ O = 2 & 2G2& 3& 2 2$ && 2 = $ 2 $ ; $$ 2 M'5 &= $ 6& 2 G2 8 2 $ $ ; $ 7 2 $ &$2) & ; 2 $$ & 2 2 2& ) $$ 5 $ ; 6 ; & 2&$ & ) ) G 2 ; $$ =

25 2 79 $$!>C$% 2 &89!>C$% 2 2& ; )$$ & ) $ // C *J J2 & * $$ $ $ 7 ; 8 J J 5 2!62 ) &$ $ 2 &&9 C 2 &,9 C 2 &/9 C &J&J5 %2 ' ;2 ) ; 2 &09 C C$!)$ % 2 &19 CC$!)$ % 2 &39 CC$ $!)$ %!

26 & ; 3 - $ $ & ) O - ) & $& $ $ O - ) & 2$$ 5 $$6O - $ & O - $ 2 $ & +) ; $ )$$ $ ) ( 69$> C $ ( +' & ( ( & 5 6 & 5 6 " & * $$ $$ 5 H < 6 $$ H 5 2 &2 26 $$ & ) 5 /62 ) & $& 4G & ) ) &2&=) 2 $$ & $&. =$ 8CC $ 2$ & $2&G $$ 1 & $$ & & ; $ %

27 2 &4? > 2 &6?$ $$ +,2 & ) 2 & ; 2& $ "G G & +, *$ & & 9 :2 & 28 2 &79 CC$ 2,89 CC$ & 2 & $ 2 ;& // '

28 :::B ); C! ::/2, * E 09': 7 ) B*C;) D) $$ 2 &? $ 2,&9> 2,,9 C$ C & $ 8 ) 2 ; ; 2 & $ ; B ) C2 ) S ; & ; ) 2) & ; 8 ) "G; 3 ) 5. ' 6; ) G /:</'T G $ & 2 && 2 3$ 2 $ ) ) & & %:F $ & 2 $ ) & 2 = ; 2 $& 3 ; D $2 & $$ I G 2& = $$ 2 $$2 4& & ; G $ 2 & )$$ 3 ; (5) TI: in inglese Threshold Increment, (Indice di abbagliamento debilitante) definito come l incremento percentuale della luminanza che occorre attribuire alla carreggiata per rendere visibile un ostacolo in condizioni di soglia di visibilità, quando nel campo visivo siano presenti sorgenti di luce. Il valore massimo del parametro TI è prescritto dalle norme: ad esempio, per l illuminazione stradale la norma UNI limita il TI al 10% o al 15% a seconda del tipo di strada. -

29 /0 8 & G $$ ) & O) 83 -? &> < 2& O - $$ E $? ; 2 $ O$;2= & $2; O - $$$! & $ %?$; 2 $ ) & ) 2 2$ $$ ) O - $>? 2 5 :!: 6 G & ) >2 2 2 & $ & $ ) & & $ 3 ' 20Y :Y!: $ ) 7 2 & $O & $ 2 $$& ; $ $ $;J J & ) 2$$$ 3 &2; 2 $ 2 $$ ; & &8& & 7 &! %<9 & & 2,/?C C$ /

30 2 2 2,0?,3? $ $ $ 2 2 $,6?,1?,4? 2 0 $,7?

31 /1 *' ' 08$& &$ $ 8 & 8 3$2 K I : 0O & < & $ 2 $ $ & 2 G& K 2 & 2 ; 3 - E 7 +7 %:<3, - E 7 +7 %:<'3 * K $3 2 2 K K 2 ; 2 & H & $ - & - - 2$ 3 < O < $ & & $ G 2; K $ 2 & K 2 K ' 23 6 R:' 6 > ; R% 7 &22$!< E 7 +7 %:$ & $ $$ $ K & 7 K K 2 &? 2$$ K 2& $& K& + $ 9

32 $ E <<% ; $ $ & $$ $ 2 & 2 &$& 2 $!!' C $J) &0,886 Z=!: 2 /8?+!")"$ & ) & & 5 62; 5 (6 5 "62 $ ( 79$ (G ' ( +' * $ $. $.+ 4 [ [ [ [ [ [ < [ < 1 [ < < < [ < " [ [ < [ [ [ " < [ < I < [ <!:

33 (G ' ( +' * $ $. $ [ [ [ 7.E 7 **47 +.+LL+E 4.+ L [ < [ L N1 [ [ < [ [ [ * < [ < 1 2 E7+7%:, -,! ,. ) [ [ [ ** 4 +""M4 * [ [ 7 2 $ 2 2 G = ; 2 &)2 ; & $ ; &2 $ E7+7%: & 5 :2!$ %2'6 &8) &) = 8 &2 ) &= & & 2 & ) ) &=8 2= 2 ; 8 2G =) O & $ & 2 & O ) & $ & 5= = 6 = 2; = $ 2 & $ 2& O ; 8 2 ; ) $&, $$ 2 ; $ 2 ; 2 ) - 7.E 3 = 2 &5= ) 6!

34 - 7** $ 2 $5 6; $ = < /3 )$$$ $ & H & 52261$ 2 ; $ ) 8!"*"$ +, &! "3 2 /&?($$ - ) *'2 < 6!R\. = 8 2; G ]&5R & &R $$ 5 & 6< 6R\ O - I*'' 6R\ 2 $ O -.2 6R\ ) 2 $$& $$; G < 6O - (' $6R\) &)!

35 $ $I $2=; ) 2 ) B <$C!"*" =8& &) & ) )2D $ $ ) & $ ) ; & 2 )2 & ) ) 2G ) )" G & $$2 &;!::!$ * & $!::= H$ ) * =!::= 2 $ " 2'::2= BC & 2 /,? (. 2= 5 6 $$$ K 7.$ 2 $ 2= $ 2 //? H [ K2. =; &?& 2 /0? < ^ +) $!!

36 2 /1? 7 3 <*) & _ `!= <*K & _\!2=!"*"! 7 56 ; 2$!H%) 7 $ 2 & I ; 8 &=$ ) *5 6 K K2 & H! 2 /3?)$$$ $ 5 `0:T6 5R 6 2 /4?)$$$ $ 5R 6!"*"-., && K K $ 7 K ) $ =$$2 &; = +) $ 7 2 2GK ; & 2 $2 G +) $ & K 5; 6 2 /6? $$$$ $$!%

37 2 /7? $$$$ /4 $, K 2D 7 K &K K = K K O = $ 7 = 3 - K2 & O - " & O - * O - + K8 O - + K 2; =2 & O - &O - + $ $ &!"/"$. J&J K ; 5!<'6 = 2; $= 2 & $$ $ 2 2 & ; 2 K 2 K 7 2 $ = $ &!"/" 7 2 2K $= ; $&?G ; 7 $ $2 *G & 23 -,K 2 &O!'

38 - K ;K $ 2 & E 2 K 2= ; 2 ; = 8$K /6 7 K 2 *K & ; & 2 $ & K " 2* ;= 2 = $ & 2 2 $2 &; 2 2=$ I $ K K &2 2 & 2 2= *2; ; & 2 2 $ K &$ & 2 8 & $; 2 GK 2; & < 2 & & 7 $!"0"$ B> I = 8 7 2!$ 8 $ 5;$6K K & &= ;$5 %:6!-

39 2 089 B> 7 2 ; & K+2K $ " 2 2 O & ; 2 ;$ K " 2; G ; K "=; ; 2 K C $$ $ +) $$ 2 ; 2 $&$,!$ 8 K K & K $ 5 %6 &; K & = I K K " 2; G K =; 2 0&9 C!/

40 > $ $ &; = 8 $ 2!$ 82$ & K $ $ K K & ; 2 7K ; K " &$ = 7 "+2 K ; 7 "+ I 2 $ 7"+2 & /H::: $$ ); 2 0, $ K 2 K 2 K K & * & = $ ; G $$ K+ 7 K K K " K ; K+ 2$ 2 ; ; K!0

41 2 0/9 $$ $ /H:: K & ;!"0" 7 2 & &&$$ 2 = & 2K ; * & & & 2 5" <" 6 2 * $ K $ I C $$ $ ; 2 $&$ " 2 2! $ 8 2 K K & K $ 5 %6 I K K " 2; G K =; $ $$$ &; = 8&2; K K & 2 5 %%6 7 K ; K "!9

42 &$ = 7 "+2 7 "+ K ; $ $$$ $$ $ K K & 5 %' $$ $ 7 K K K " 22 K ; K+ 2$ 2 ; ; K $ 4 & & "2 = * %:

43 0 '(( 1 $ & " $$ $ 3 a$ - a >> a5 $ " a- 0& 5> > $ > $ $ & $ $ 2 &2 -: E = 3 ) & G 2 -?$ a %:F ':F5 %-6 a 5 & 6 >? B >>L a :F!'F" 2 5 %/6 a & $ ) 5. :62 & & $$$$ C? $ > /8M a & $5 %06 $ $& & 5 %96 a ) a / 3? $ a & $ ; = & 6 Sono ovviamente fatti salvi i miglioramenti tecnologici, che possono motivare per obsolescenza il rifacimento di un impianto ancora funzionante. 7 Vetri bianco latte che coprono le lampade inibendo eccessivamente la luce. %

44 $?> a +) 8 2 $ 5. 6E ::/* 8':F I = )?$$ CN a, )3) & $$ $ 5 ': & 2 039$ - $! E % %

45 2 049>>$$ $ ( &89) " $ ) NNNN 2 NN 2 $5 6 NNN 2 NNN b N b 2 069> $ %!

46 2 189* $$ 0, $?6> 7. 0 $ & $ 2 $ ( &&9> $ $$" $$ C > a = c a* 3 c as 3 ) K 6 a $ a $ O 5; 6 a a 8$$ a %%

47 $ ) a $$ a) a 1 ) 5$ 2 3 :::: 30X&H 8:::: 3X&H 8!:::: 30X&H a " $ ) $ a$ 2= %92 $ 2 $ ) & $ & 7 ' ) *G &G 'F $ ''F 2 1&9 %'

48 ) 8 ) ) $ ) ; 7 '= 2; $$ ; 7 '!= 2 1, 9 $ $ 2 1/ 9* $ $ %-

49 1 ') +'' *' * ' +'22'( )*+') ' $ & 2& * &$ O - $O - $O - O - $ O - $ 3 - ) $$ 5 = & G & 6 $$ 5 & $$ & $> a) "& $ $ 2 $ ) 2 $$ 2) 2$ b) $ 2&? c) ; )? $ ) ) ) ; ; = 1, $C )""$ + a) * 8$$ 2 & * ) G ) &?$ $$ b) " ) $ 8 ; & 5 '%6 c) S 2 2)$ $ )"" 1 a) ) )) b) &) ) 2 $$ ) %/

50 2 10?$ $C $ 0 0 )""! ( 4 ) & & ) & & 2 )5 ''6 2 11?$ C $C 1/ $$ )"!"$ % a) $ 2= & $$$$ b) = 3 - & 2 2 % 5 H 62 & ) ) - ) & 5 6 c) G ) $ ) d) ) $ 58$$ 6 $ G $ %:: %0

51 10 > )"-"$ 2 3 $ $ " 2 " 28 & )"-". "H5 6 &$ 3 a) $ 2 O b) G ; O c) & ) $ < $; ) ) 2 )2= & )) +) & ) 2 & $) 2 & * 2 ; 2 2 & ) 2 ; & 2 2 $ ) & $ $ 3 - "$O - "$O - 4 & O - E $$ O - HO - O - " )"-"! 4, $ ) &? & $ 2 ; & $ & %9

52 3 ') +' (( +') '()* ' +'(' 2 &; 2 = 2$ =$$ 3& $$ $ & $ ) $ 2 & $ $ = &) 2 & O $2O - $ ) ) ; O - O - 3; &2 &2&O - $ 3 $ $ $ 5 2$262 ; $ $O - 3 & ) $ 2 $ 2 ) 2 2 ) O - 2 $ = $2 3 - $ O - $2 $$ O - ) 2 & $ ) ; = &; =O - ) 2 &2 O - ) $ ) O - ) O - $ O - ) & $2 &3 - O - & O - O - ) O - 7 '- ':

53 2 13?B$ 3, $ $ $ $ E $<$$5$"+6& K O K K 2$K K 5; 6 & 2 O! &$ E % 7 4 $$ $ K 8 &K 2&& $ & K 2; 8 ; $ $$ K ' 7 2 &2= 2 $ E K ) $ $ 5 '/6 2 14? '

54 - 7 K 2 JJ&2 & &2 * && &K J J2 5 <= 6 "G2 K; 2 8 K *2 2& 2;& J$$$JO / 7 > = ) =; &?$ $ = 2= 7 2$& 2 K 0 I =& = 2= $ ; & 9 KK K $$ : 7 ; ; $$ I= K K + $ K =& 5 65 ' ? 3/ > 7 K = 2; 2 $ '

55 30 K I ; $$ $ &! 7K $ %.$$$ ; 7 ; +K K K K ; $ E K K 2&? 5d 26 ; 2! ) $ 2 2 & 2 2 &; 7 '9= & 2 17? $ $ 31 7 K $2 = ) $ & K 7 G$ '!

56 4 '(5'() '*('+' 4& $$ $ $$ ; $$ 2= 2 8 $$ * G $ '<!:F ) 2 2$ ; & & $ %:F2 $ 7 82 )= $$ 2 8 $$ $$!9:2 :: 2 /0: "; 2 )+ 0 ) : ) 4, - - ::H9'H"+2,'H::'2 2 T ::-) & && $ 5((6 $ 5(,+6 ;, $= ; ' 4/ $$ O $ 1 & O& & ;) 3 $? $? C $? $ $ & 5 67 = $) > $ $ C? 2 22 $ '%

57 40 $$ $ I 2 $2&& & 2& $ 2=& & ;$ $ 2 ) ) ) 41 >$$ $ E $ 2; E 7 %0) ; 2$ 2 $ $ $$ ; $ ) & & 2 $ $ ) 5 2 $ 2 P6 $ 5$ 6 ) ; & & 2 & 2 $ 2 $!:F) 2& 2)= & > 2 $$2 $ & /")"$ ) $ $ $ 2; 5$ $$ 62 2$ ) 2G!:F $ ) = $ & )& 2 2 ; $ 2 2 $ ''

58 43 $ C & & $2$$ $ P 6 * $2 & $ 2 &2 & ) $ P 6 & & ; = &2 $ 2 $ 2 )=2 ); 8 &= & $ $ ) & $ $2 5 ) 2) 2) 2 $ 26 E ) &= & 2 $ E $ &) & *$& $ O; = ) & /"*"$ & $$ 2 $$ 22 I ) & $ + & 2 E 1O O $ $ =&O &O ); O O $ ;) "+2" )+ 2 $ & ) 3 - &<$$2$ & - &<<$$O - && '-

59 6 (* '(2' '+. $ )$$ 2 = ; K 6 $$ +*"42+e* "4 e..= 9!H/-H"++2 ::-H!H"++ ) )$$ + + E $ = ;, HH::- *+; $ &$ 5 6 6& +*"422 )$$ )$$ 2 $ &2; - H2 - ; $ 2 & B C & $ 2 $$ $. $ 2=+*"45" *+6. &$$ K 2&? & $ "G$ K ; 5'<:6 + +*"4& 2 & 2$ ) " $ ) 2 2 $ 50<:<' 6 " G$ ) ; +*" ) 5VVV 62 O$ 2 &4 ) E$ " )$$ $$2 2)$$ 2) * &2 2 *( " 2 2& 2 '/

60 $ 2 ) G 5 6 & & 6, /%/0::0, * *,* E *2& 3 - J K$$ JO - ** * +*::/<:! $ $ H H 2" K /H::: I $ $ & K$$ K = K K $ K K; $$ 6/ >. C B.$$ + C2B"$ ( &C2=, :/::% 0 O)2 2 ) $$ 2 ) ; "$ ( & $ $$. G B $$ C ) ) 5$[9]6 "$ 2; 2 & ) 3 *& /3 2% ' % *& 03) % 0 2 %, )! ::02;& /X2; )0F) 2 /: fh "$ ( & 9) $ ; $ 2&G &$ & 8B C 2$ 2 ; $ $$ 2, 2 2+*"42 & 2 3 $$ 2 $ 2 8 Pubblicati sulla G.U. n. 205 del ; si veda anche il Decreto revisione e aggiornamento del 21 dicembre 2007, G.U. n. 300 del '0

61 $ && $ $$ '9

62 7 ' 2'( 2 (5' '(5'(* '( ; =;$$$ 2 $$2& 3 - O - O - & O - >) 7 2 D ; ; $ H$ 7& $ $ ) =, ; 2 & 3 <; & 2 )0<:F$ 3) =$ $ $ 8(9O < $ $ ':F2 3 2 &$$$ 2 $$&? $$ 5; & 2 &2 G$ $$&? $ 2 2 ) 2 ; E $ G$ $ & ; ; $$ & 2 $$ $ 2 $$ ; & $ &? & * $ 2 $ 2 & ; ) 2 ; & E $ 2 2G 2 $ G2 & 2; ) (9 2; & 22 ) & $$ &22 ) * ) 2 ; 2 & 2 $ $$ 2; -:

63 7, $ ) ; $ 2 ) ; 8$ )$$ 5; = & $ 62 = 8 &$$ $ 8 =2$ 2; 8$ 8 & $$ $ ; 2 E $ 2 5; 62=; ) & ) $ 2 & $ )$$ ) *2$ 2&) $ & ; E7%0 ; H 2 G& 2 ) $2 G $& ;. 8 $$2 $2& ) ; $ ) ( &,?$$$$ O>>9 >$$ $, +"E 4 *4,4,EL L 5F6 1 L47+ E**4E 7 4*4 F 0: ':!:5<!/2'F6 N:F 0: /: :5<2'F6 N-'F ' /: ''5<%%F6 <F ' :: '5<:F6 N-:F ': :: ':5<-:F6 <%F ': ': ::5<%:F6 N!F, +"E 4 4,E "4*44*,EL L 1 L47+ E**4E 7 4*4 F 0: %'!'5<%%F6 NF ' -: -'5<'F6 N!F ': %: :5<%%F6 N-F -

64 *G & 'G /:2 %%F$)F2 ::2 :F $ -:F 7 2 -:2 $'F $!F 2 = 3= $ 2 & ) & ); = ; $ = 8(9 )2 $ ) 2.2 "+ 5" ) R,N" & NN" H5(QM6R 2 2fH&23 AO A " & R+QHM 1 M 1 R $$ " R" & N" &g " & R5" *4*. " &g R" *4*. HM " *4*. R R:2>5,N" & 7 &8(9* = 3 3 * 6>MA R MR A 7/ $ C " 2 $ 2 & )$$ ) G $$ & 2,82 $ &G ; 3 D =$$ ; 5 9 Non si tratta certamente di una scelta ottimale per la massimizzazione dell efficienza, ma può essere presa in considerazione quando l impianto preesistente non soddisfa i requisiti di illuminamento prescritti. -

65 $62 & $ ; >< ) +);$ $; & & & $$ ; 2 $2 & 2 ; $ 8 & G $ $$ 2 8 ) & 8 )2 &? 5 H H & 6 $ 2G $$ $ ;&O;&. 2 $ 2;=$$ ) && ;)7 G2 &? 2= $ ) && 7 ) & 2 2 && O$ )= 2 ; ) &, ) $ & ) & 5 62 $$ & & 8 70 S & $ 2 5 & 2 2 H 62 2$ $$ $$* & $ 2 ) 2 G $ ) & &) G 8 $$ ; 2 5 & ) & ; 6 $ 8 2 " " 2 G & & ) ; = ) 2 $& 5 "4 62& -!

66 &8 ()'(5'( &8& $ $$ 2 : 2 2 & & ) & H $ 1?&2 2=$$ B$ C 2 ; )BC = $$ $ ); ; $5"$"$ ( ' %:: H 2 -%/X&H 2 $$ :2'-fHX& =::29fH -:::2 % 5-:::H%::R!20 6= <!/2!f5/f 6 $ 2 &) & 23 /:2-92'fH 3 $ $ )F %%F2!-X&H '-2'fH O ::20:20fH 3 $ -:F :F2='/ X&H 0:2/fH O -:2':2fH 3$!F 'F2!:'X&H %/2- fh 10 La sostituzione delle lampade è solo in apparenza un intervento semplice, in quanto anche un azione di tale genere richiede comunque la conformità dell impianto rispetto a quanto previsto dalla normativa UNI Si aggiunga anche il fatto che la sostituzione molto probabilmente avviene su un apparecchio obsoleto, di cui non si conosce il comportamento fotometrico per poter fare delle verifiche illuminotecniche relative alla sostituzione e dotato di un efficienza sicuramente deprezzata al causa dell usura del riflettore in ambiente inquinato come quello urbano. Inoltre, sono quasi sempre necessari importanti interventi anche a livello di ausiliari elettrici (accenditore e reattore). Anche se la nuova attrezzatura non presenta un costo importante, richiede una consistente spesa a livello di istallazione: si opera infatti ad altezze di vari metri da terra (mediamente tra i 7 e i 10 m) e, oltre al costo della manodopera, si deve includere quello dell attrezzatura per effettuare l intervento. Nel caso in cui la lampada si trovi all interno di un corpo illuminante ormai obsoleto, l intervento viene a costare più dell apparecchio stesso, senza considerare che si rischia di agire, e di investire, su un apparecchiatura il cui rendimento è ormai minimo, sia a causa del deterioramento dei materiali che la costituiscono, sia perché realizzata decine di anni fa e quindi con prestazioni ormai ben superate dalle potenzialità offerte dalla attuale tecnologia. 11 Il dato comprende oltre ai consumi veri e propri della lampada anche una stima dell assorbimento degli ausiliari e delle perdite nei circuiti di alimentazione. 12 Dati medi del primo trimestre 2009 pubblicati dall Acquirente Unico, comprensivi di imposta erariale (0,31 cent/kwh) e di I.V.A (20%). -%

67 2) ; 2 &; 5 6.! 2 2 ( &/?$$ A A M'!/2! -%/ ::29 * /: -92'!- '-2' * :: 0:20 '/ 0:2/ -: ':2!:' %/2-56 ;. %2 $$$ ( &0?$> $$ A * /:!2 <0%2- %%2% :2/ * :: %!2- <92% :2 2 -: 29 <!%29 '!2! %2: " G 2 ) /:2 2 ) 2 ) " 2 G $ 5<F62; & $$ ; = ; G 5::62 ; ) 2 ) 2; G & % 2 = 8% +) D &; ; 2 & $ ) = & ; ) 2 & ) $ )$$ -'

68 $5"$" 1 & 8 2 $ &/'= -' ':3 * ':! H ; ) 5$6%:F % $$5'::H %::H 6O * & 2 :: ' 2 2 ; ) & 2 O " 2 & $ ; $ 2 $ $ ':O. ' ) 3 ( " A M': %9/2' 0%:0%2:!/2 * ': '0020!!!9!2% ':92% &* :: :9:2%!!-!!2- '%-20 &* :: 009:2% -2!%/29 * $ $ $ ( &3?$> A * ': /92! <':-9:2- /9:/2/ 2- * :: & //929 <':%':2% /0/:2! 2! 13 Riduzione della potenza assorbita di circa il 40% e aumento del flusso luminoso del 23%. 14 Trattandosi di un impianto esistente, con linee che potrebbero avere problemi di caduta di tensione, onde evitare spegnimenti e malfunzionamenti si preferisce non sfruttare le piene potenzialità del regolatore, il quale consente riduzioni di potenza fino al 50%. 15 Riduzione del flusso luminoso del 24%. --

69 * ::2 & -!929 < %%2 2/ * & & 3 8 = 2 2 & $ ) $ & 1 & $$2 & 8 +)$ $ ) & 2; & ): &8, I $ 2 5 &2 2 H 62 $ $$ $$ * & 2 $ 2 ) 2G $ ) & &) G 8$$ ; <25 & ) & ; 6 $ 2 2 ; = 2 & $ & * $ >< ) 2 ; 3 ::2 & 2 $ O " 2 & $O -: 2 ) O " 2 & <. / < 3 -/

70 ( &4?$$ " 7 * :: %0/92-!:%-2% %0%!2 2-% '/!92- :'%920!:'20 2! 7 -: -9!2 9%0%2%!:!92-29! < /'!/-2% '!20!/-2 29:, $$ &. /. '2 ) $2= $ <2$ 9F $ $2& 7 ). / &3 $ ) ; & = ) * :: $2; G D & 2 < 2 2 & $ 2 2 &; 2 &$ ) O & $ &4 ) 16 Comprensivi di tutti gli oneri di impianto ed esercizio riferiti al tempo di funzionamento, in prima approssimazione si sono trascurati per semplicità i costi di capitale. 17 Derivanti ad esempio dall ammissibilità al meccanismo dei Certificati Bianchi. -0

71 && '*', $ & ) 2 2 & $$ 2& 2 & $. "&2 2& & 2 &?$ $ " < & H 2 &? $ ; & ) ) 3 2 ) = $$ O ) 2 = & ; E 7 %03::/2 2 $ & & 4 $ $$2$ &2 $ & K 2 &2 K 7 $ 2& & ; 3 2 2< & &. 2 2 ) ) 2 & $ $$ $$2 &? $ & BC ) ; = " 2 ; 2 $ 2 ; 28 ) & $$ 2 & 2 $; 2&) 8 & 7 $ & 2 $ ) 2 & 7 $ = $ 2 &2 & -9

72 7 $ 2 )2 $ " ) ) 2= B e X C 5 )6 8 & $ $$ &2 2 ; * &; 2$ ) $ ) 2$ ) 2 $ $ 3 ; 2 2) 2 2 $ +) 2$2& $ 2 2& ) & 8 ) $ 2 ; & /:

73 &, 2 B * 2. 2 B ) C E C<+*+ "+*"+" $ :''%: % + ; ( $ $ h,* 7 4 < < H $ 4 : % ' % := 6. 2 %<* $$ O & " 5(*630 ) B0> ''%) %1C &/ (. 2 [9] V V V <,< ) [10] V V V < **< 7 [11] V V V < 9 $K [12] VVV < " i+ H " [13] V V V <4* M [14] V V V &&& [15] V V V <,* 7 4 [16] V V V 12+ [17] V V V <* $ [18] V V V < [19] V V V 2 $ [20] V V V <*+ [21] V V V HH<+*2+ [22] V V V $ < 7 *+ [23] V V V H4 *E H+ [24] V V V < )+ [25] V V V <&H<.M++E M.4 + e&+ " [26] V V V $< <+< K K+ /

74 [27] V V V H< ) /

75 &0 ') 9 '()* ' (' &0&, $ $ $ = 2 $ &) &!0: 5062 /0: 596 2&) ; =I &&2; 2) 2= 3 >B 7= ) C K 8 +) - H & 3 & =2; $ = 2 ) 3 ) = ; ) & ) & * 3 k &3 &&O k$&3 "+5" K+ 6& 2 & & $& I 3 ( &6? C " $ " C "> C $l V 56 + V H >5H 6 V H >5H 6Q m V H 56 V H H 56=) ) 18 Il nanometro (simbolo nm) è un'unità di misura di lunghezza, corrispondente a 10-9 metri (cioè un milionesimo di millimetro, equivalente ad un miliardesimo di metro) 19 Per esprimere le lunghezze d onda della luce visibile dall occhio umano in particolare sono indistintamente utilizzate tre unità di misura: i micron, i nano millimetri e gli Armgstron. 1 Micron = 1000 Nano Millimetri = Armgstron /!

76 &0, > $ )& = ) $ 2 && $ 5&=)$ 6 )&= & ) '''5 < 62 5!0:</0:6 & ) $ 2; G 22 2 = )$ 5 &) 67 -:= $ ; ) 5 6O ; )& & < ; $ )& = 2 BC2 2 B C2 ) &) 2 38? $"-C &0/ -C )& & ) 79! " K 5"+<" i+ 6& $ & B&C $ &?$"KC C K!% /%

77 7 $ - = & ) 5W6O $$15W6 :< I $& & ) ''' $ 5" 6':/; 5" (6 &00 5$" 15W6 ; $ ; = &) )& & ) 2 & E ; & ) & 2 1R15W [ 6I & & ) WR ''' *$>>$"3 &01 > C $ ) $ &; $ $& ; ; )&"+, 2 5$2 2 " 6 ; & ) 5 6 $ $ &2 & $ ) & $) ; X"G & $$ $-")"$ A 2$$ $5l6= &$ ; ) 2 ) 2 & ) = 562 & = $ $ ) 56 $ $ 56 &?$$ ; ) 5 H6 /'

78 2 3,?2$$ $ $$ $> ); $= ; ; X )5 65 -!6 2 3/?- >$$ $ $= )& +G & 2= & ) ) l?<5b60 I$ 2; ) &$ 2 & 2 & *C5B6= $ & ) 2$ & ) = 3 " $ $ $ 8 2 & ; 5 7 /H:::2-2 7 /H--2 '<"6 /-

79 D''% E ) $ = $$ I $ 2; $ V O 2 V 562 ; )>> $ 5η6= $5Φ $ = H ηpφh ; $ = & G $ ) 7. 9 $&)$$ ( &7?$ >$$>> () ) ('+ 2* 22'+ E;!:: '::: / $ ' -!:: ': +,5::06 -': '% $ % 0:: /' $ 5 6!-!!': 9! ::: 0:::: 9: 5 6 %:: %0::: : 9:!':: ': )$$ ;; O=)$$ = $, )$$ & 3 < = <H5 6 < %:-:H < -:<::H < /:<':H < ::<0:H " 2 8$$; 2 ; 2; ; $ ; & )$$ & +,2& $ 2 $$ 3 //

80 < +,5 ::06':/:H < +,5 6 :<%:H ) ) ) 2 & =; $ $$ 2=& $ 2E + ; &= 5$6 5 m6 *$ 56 5, 4 2 $ ) $n& 4 2) ) ) = ?$" $ ) = & $ ) = ; 8 $ ) = ; ) ; X2 5 -'6 2 31?- K$" $ $-")" ' = G8 2$ $$2 $ ; 3 O /0

81 . 2 ) 5 : 2 6; $ $ ; $ $ $ ) 2 2 $, ; 2 $ $ & ) =::$ ; =$$ $ (,8?5 $ $ :<' %'.$JV V&J ''</!.$JV&J -'<0- +,5::-6 0: 0'<9! :: :: U5U6 56 2= 22 $ 56,& &!:::U2$ &2 ; 2 * & = ; & K $ K & 2 3,!:::!'::U3, %::: ':::U3, '':: /:::X3 $ $ ) 2; 2 20 Al posto di Ra molte volte è utilizzata la sigla CRI (Colour Rendering Index) per esprimere in che modo una sorgente è in grado di riprodurre il colore di un oggetto. 21 La temperatura assoluta è basata sul Kelvin. La temperatura del ghiaccio (valore di 273,2 K) corrisponde a 0 gradi centigradi (0 C). /9

82 7 (,&? " 56 [.$J e&j +, & $ $ $ K 6.$JV&J D FG G 4F ::.$JV V&J :: %: $ $ $-")"! ( DQRF <:::: -':: -%:: -!:: '9:: '-:: '%:: ':: '::: %!:: %:::!'::!%::!':!::: 9': 0/: ':: :: ::: 0':<9:: /:: 2 ) ; & $ +) $ $) $ ) ) =A& H; >= B C ) 3= & $); = ; ) ; & $ ) 0:

83 2 33?- K, $ & 3 - $ $ ; $ $ $;H%O - ) $ = ; ) 3 R>$S,3 - +R) $2 - +R 2 - ar ) $ 7 > (,,? 2" " " * + E$$ %% DAF ::::: :::: %<: '<!: :2< ::<:: ::<!:::!::<::: +) 5 6 ) *$ 56 ) 5 m 6 $D ) 0

84 P T H5 >$T6,3 <=) 2 < =) 2 < m = ) ) $ 2 34? H ); = ; ) ; & $ ) 2 36?K 7 H; (,/?5 DE, F * ->: 9 * ->: - " 0::: " :::. 0::!2>: % " '::: 7"-:& '>: - 0 %::: d/: 2'>: / 0

85 7-9= ) 5 6 ; $ 2 &? $ & ) $ 2 37? $! % $!$> % &03 > $-"*"$, % = $ $ Φ ) "G 2 $ 2G2 2.(! E B%O =$ $ ) 5;6 $ $-"*", % *$542&4 6 $5Φ 6 K &$ 5Φ 6 Φ LOR = em Φ tot + = ; & ) & I G & $-"*"! * $ $ m 5 lhn6; ) 0!

86 * $ $ > maa; )$ $= $-"*"- "B1 C$B$ ; ':F 2 $ 2C & $ & & 5&61 $ &$ $ $ 2 2 $; 2 2 & $-"*") ( * $ o p ; &2 $$ $ 2 2 $ 2 2 $ ; $-"*"* 5$ &$ H O I 3 $$ ; O $ $ ; &O! $> ; 5$> &3 1!H $ & 2 ; $ = 5$ $ " $ & & :2:H!H 5$$ &3 1 $ :2: H 2 ; $& = OK = 0%

87 &1 ').:2 '(' (5 ') +' &1& ( H F!. )F 5E @-A 0 > 1H F> % %!.)F 1H F %. )F (( / 00F %% % & ''F*) ++$ & 1 ), 1 + FI %.D J % = J%'4% 4 F / 00! ' % 4 %" &1, > < > + +! % ><JI>+! % " > 3 > % +! % := > 3 > > ' % >0>% %% := >0 > % / '% % * % % J= >>+/ %! + / %:= > $ > % E +(+%+ % : > ; > (( 2= % % E ' % % 4" 0'

88 @-A >%>F! %% J= (/ > / 4 > / := >. > F! J= % J JE' >D> %! %J= >& > '! % := >&>>+ > %> H!%":= "( 0 > I %% > / I>K5 / J= >) ::'2 %2 B! = %% %J= % > 0 > L! / J= > >/ +!! >A <%$ D$ $ D>D$ 25! ID1+! / J= % >) > + % '% >) % $ > (+ + E 4 : % % := *>+,A% D D 0 3 %. 0 ' $ :% ( 2%% % % := 0 I > = " 0-

89 @!A 0 I ;% 0 : %%'" &1/ I2 2 >%: % I2 2 $ 0>. : % 0 % HH >' 4 ' ' %1(H $ : % "* %.2D %HHF$ 44' %H 34' &! 2H >= >.D!3>(H 2 %*>4,)% 5 >/ ID! (H 2 %(>= 5 >/ ID! (H 2 5 >/ I D! (H 2 % / % % '4"* 4.2D 0 % H >' 4 5 >/ I&! 2H+F2 %()% 4F* %&! 2.D! &! 2 H 2 % >= % :' &! 2H 2 &! 2D! HF2 &! 2D! 1(HF2 %022H0%I4 : %4: % % F 0/

90 @'A!.D21+HF2 % 1 H <)% + FI % ( 2 % F2.D2 1H2 %DF3! D/ + 00

91 09

92 9:

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm Master Comunicazione Roma Master Media Roma Master Economia e Gestione della Comunicazio... Pagina 1 di 61 Username Password accedi '.!""! " # "!$"!!!! % % " "&& % '%!! ( # "'% ' " #" )))( (" ( " * + #

Dettagli

! " 7$,( $)--"#, "( (77( (1(3 (( (8 6 ( $9-9(31'( "(2 $" ()!9!$9( "(, 12$))!" '(' ( 9! 9(31'( "(2 " ' 1 (1 ('7' ( '7'

!  7$,( $)--#, ( (77( (1(3 (( (8 6 ( $9-9(31'( (2 $ ()!9!$9( (, 12$))! '(' ( 9! 9(31'( (2  ' 1 (1 ('7' ( '7' ! "!"#$%&'#(#)!#*++#"$,"#--.# /01112# 303*44 5!"-5$$5( '6 $%(12,"# -"(("(1 7( 1121 '((6 7$,( $)--"#, "( (77( (1(3 (( (8 6 ( $1$))-"#$$"+1(+'1 11 (("'(($%1 $))5"#%)6 ( $9,9(31'( "(5' $" '(++((111 '712"-%959(

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Tecno Community Day Bolzano, 26 Febbraio 2009 Soluzioni per la continuità: l UPS Sistemi di sicurezza, antincendio, illuminazione, emergenza Retail Industria

Dettagli

Lampade alogene a. MASTER Line ES. Con riflettore dicroico a bassissima tensione. 6 maggio 2003 1. Lampade:

Lampade alogene a. MASTER Line ES. Con riflettore dicroico a bassissima tensione. 6 maggio 2003 1. Lampade: Dimensioni (mm) C1 D max. max. 50.5 51 Lampade: a bassissima tensione con riflettore dicroico 50mm, bruciatore con tecnologia ad infrarossi, filamento assiale a doppio attacco e vetro frontale di protezione.

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

+, -. 2 3// +. 4-4+. / 7 8 /4, 3,9 24 /4 / : ;8$.. 7 3 $ + :.$ 7 <=/> 77 7. $1 9

+, -. 2 3// +. 4-4+. / 7 8 /4, 3,9 24 /4 / : ;8$.. 7 3 $ + :.$ 7 <=/> 77 7. $1 9 !"#$%&'("!)&*!"# +, -. /01 2 3// +. /1 44/ 4-4+. 42356 / 7 8 /4, 3,9 24 /4 / 5444 7 : ;8$.. 7 3 $ + :.$ 7 77 7. $1 9 /'""!""") 97 8 www.sulpalco.it redazione@sulpalco.it 2 1+ 87 : 4+. 8;:1:3., +.9

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

MANUALE D USO ZED PROG

MANUALE D USO ZED PROG MANUALED USOZEDPROG ULTIMOAGGIORNAMENTOAPRILE2010 SOMMARIO 1.CaratteristicheedHardware Pagina2 2.Utilizzo Pagina4 3.AggiornamentoZedProg Pagina6 4.LetturaesalvataggiofilesEEPROMsulPCutilizzandoZedProgePCSoftware

Dettagli

AL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE PIAZZA LEONARDO DA VINCI-MILANO

AL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE PIAZZA LEONARDO DA VINCI-MILANO !"# $%&$''( )*+*,&-$.+///$&- 0$ "! #$%!&' ( ) * +, '(&'-' (.' / -0 '/ '12 +' 3 / 014 -' / ( 0 5 5 6 "! #$879 (& ( (&3 * / &/ ( (/ '1: ( 3 / ( ';2-0(,/ ( < 6 "! #$%=> '? / ( @ =?A A( B% C D0&-'E (F/F '

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293!

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293! !"# $!%&'()*+,&&-&.$$/!. ))0)&.#/ 0) (./2.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 5&)0)%&46 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! %():00,&(&)&&)&.! ;;#/! #9 293!! "#$%&"#'$ ( )*+!, ----. )/0))0+. 2##'34"35)/))0))0+!

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ LE MISURE DEFINIZIONI: Grandezza fisica: è una proprietà che può essere misurata (l altezza di una persona, la temperatura in una stanza, la massa di un oggetto ) Misurare: effettuare un confronto tra

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

! "!! #$%&' (! %')$%#$

! !! #$%&' (! %')$%#$ ! "!!#$%&'(!%')$%#$ !"#$"%!&! " #!!!!! $%&%!"!"#$ $# $$ "!$! " #$%&' ( ) * + ( *,* -%.'/.# %..&01 2%%..&-%'#4 * %$$%$" 6 11+ * 1 6 1 '# + + + (" * + )%$ 7 "%%##, + +, %##, 7 $), * $ #$ + + 8!& 6 +*,-./()0"%"$/"1$/+,.2*,*

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014 Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ 29 settembre 2014 Milano a LED Illuminazione Pubblica a Milano 181,76 km 2 area Milano 1.316.000 abitanti 141.963 lampade per l illuminazione pubblica

Dettagli

L'energia incontra l'efficienza

L'energia incontra l'efficienza 203, Aprile 0 L'energia incontra l'efficienza MASTER LEDlamps DimTone MASTER LEDspotMV DimTone garantisce il fascio caldo e definito e il passaggio ad un colore più caldo durante la regolazione del flusso

Dettagli

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7.1 Quota annuale di incremento Dai dati ricavati dallo stato di fatto si può desumere che la potenza installata delle lampade esistenti è pari a Kw 123,34 Per

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led!

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led! Presentazionedelprogettodiefficientamentoenergeticocon utilizzodiapparatiilluminantiprofessionalicontecnologialed Descrizione progetto di Locazione Operativa con riscatto Riduzione spesa energetica ed

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE

PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: ELETTROTECNICA - SIRIO Disciplina: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI Classe: 4^ Sezione: AES PROGRAMMAZIONE MODULARE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DOCENTI: G. GANGALE

Dettagli

Italdata S.p.A. Gruppo Siemens Business Services www.italdata.it www.sbsitalia.it

Italdata S.p.A. Gruppo Siemens Business Services www.italdata.it www.sbsitalia.it !"!!" "##!!$"%$& &'' "'' ' #('!!" "##!!$"%%"#)"* &'' "'' +!!" "##!!$"%%", %' ' #-' "''./(/!!" "##!!$"%%"."#)#" &'' "'' # $! "# $ % & % "# % & -'01!20'''34!/!/'25-' 603' 3' 444 ''7 8/' 34 / /'7-'' */9#73/7"!%7''

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

furyo DESCRIZIONE CARATTERISTICHE VANTAGGI OTTICO/AUSILIARI FURYO 1

furyo DESCRIZIONE CARATTERISTICHE VANTAGGI OTTICO/AUSILIARI FURYO 1 furyo +flo furyo Design: Michel Tortel DESCRIZIONE Furyo, apparecchio d illuminazione pubblica Sealsafe IP 66, è disponibile in due taglie e può essere equipaggiato con numerosi tipi di lampade: Cosmopolis,

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21 Mercoledì 30 Novembre 2005 Sala Mosaico Bergamo Convegno ENERGIA 21 MIGLIOR SERVIZIO E RISPARMIO: DUE ESIGENZE CONCILIABILI? EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA PROVINCIALE OTTOBRE

Dettagli

WS Series. Plafoniera stagna a LED

WS Series. Plafoniera stagna a LED WS Series Plafoniera stagna a LED Prestazioni straordinarie in ogni condizione ambientale. TECNOLOGIA Evoluta CONSUMI Ridotti RESISTENZA Ottimale VERSATILITÀ Massima La distribuzione uniforme del flusso

Dettagli

CAD Tutor LT Claudio Gasparini ( ) # * * " + ), &-.. "... /0*&# 1 2/34/ 4056/73#" 8 2& 2 "* 9 : / );))) ; "<4 -"= " 3 -&-..,,," ".

CAD Tutor LT Claudio Gasparini ( ) # * *  + ), &-.. ... /0*&# 1 2/34/ 4056/73# 8 2& 2 * 9 : / );))) ; <4 -=  3 -&-..,,, . www.corsiinrete.it CAD Tutor LT Claudio Gasparini! ## ##$%& # '! ( ) # * * + ), &..... /0*&# 1 2/34/ 4056/73# 8 2& 2 * 9 : / );))) ; 4) )) $ & ) & 9 ) $ ) 4 )4 )) $ & ) & )

Dettagli

Qualità dell illuminazione

Qualità dell illuminazione Qualità dell illuminazione ed efficienza energetica ed efficienza energetica Marco Frascarolo Presidente AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) Sez. Lazio Molise www.aidiluce.it Membro Collegio

Dettagli

! '"##)+*%#,%% '"##,%,**&-

! '##)+*%#,%% '##,%,**&- ! "##$%&""%#% '"##(($!()*! '"##)+*%#,%% %**, '"##,%,**&- &&*(%&.//01.//2 0 3 **(4%%*,,*),4%* *%*#!,,**(4%%!*5&!#!##%& 6 #-%,!77*,,**(4%% *'!4%%*,,**(4%% #7*##%*%&#&%(**&(7*#%**,,**(4%% #&%,%444%**,,**(4%%

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume)

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) DISPENSE DI FISICA LA MISURA GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) Misurare significa: confrontare l'unità di misura scelta con la grandezza da misurare e contare quante volte è contenuta nella grandezza.

Dettagli

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008 omune di Scandicci Viabilità area DR Data: 4-09-008 Descrizione: Larghezza carreggiata mt. 8,0 Arretramento punto luce mt. 1,5 Altezza punto luce mt. 10,0 Interasse mt. 4,0 - disposizione unilaterale Apparecchio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

Illuminazione Pubblica a LED

Illuminazione Pubblica a LED Illuminazione Pubblica a LED Esperienze sul Campo: Milano, Brescia, Paolo Meneghini Resp. Business Development Italia A2A A2A azienda leader per l efficientamento dell IP Casi di successo: Milano e Brescia

Dettagli

Manuale d uso Luxmetro digitale mod. LX350 MANUALE D'USO LUXMETRO DIGITALE

Manuale d uso Luxmetro digitale mod. LX350 MANUALE D'USO LUXMETRO DIGITALE MANUALE D'USO LX350 LUXMETRO DIGITALE 1 - 2 - ATTENZIONE! Questo manuale deve essere letto attentamente e per intero prima di compiere una qualsiasi misurazione con lo strumento LX350. La mancata osservanza

Dettagli

0.01. Rilievo architettonico laser scanner della Fornace dell'acqua. Planimetria generale con individuazione dell'edificio su base rilievo topografico

0.01. Rilievo architettonico laser scanner della Fornace dell'acqua. Planimetria generale con individuazione dell'edificio su base rilievo topografico PERIMETRO AREA DI PERTINENZA PLESSO SCOLASTICO EDIFICIO DELLA FORNACE DELL'ACQUA EDIFICI ACCESSORI DI CUI E' PREVISTA LA DEMOLIZIONE tel. Planimetria generale con individuazione dell'edificio su base rilievo

Dettagli

Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009

Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009 Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009 Stila Energy S.p.A. Via Ippodromo, 61 20151 Milano ITALY Tel. +39 02 40918310 Fax +39 02 40917052 e-mail top@stilaenergy.com 9001:2000

Dettagli

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO Marca Articolo Note AEC Illuminazione S.p.A. Lampione Triloga1 Scheda prodotto AEC Illuminazione S.p.A. Palo EC5 Estratto catalogo

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

AEC Tunnel Lighting AEC TUNNEL LIGHTING. NERO e GRIGIO per marchi piccoli. (ha il filo ingrossato)

AEC Tunnel Lighting AEC TUNNEL LIGHTING. NERO e GRIGIO per marchi piccoli. (ha il filo ingrossato) NERO e GRIGIO per marchi piccoli AEC Tunnel Lighting AEC TUNNEL LIGHTING AEC Tunnel Lighting AEC KNOW-HOW DIM I prodotti della gamma Tunnel Lighting sono il risultato del connubio di anni di esperienza

Dettagli

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA ALLEGATO A Traccia delle operazioni richieste di manutenzione ordinaria Programmata preventiva e straordinaria AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INERENTE LA

Dettagli

PRICE LIST FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008

PRICE LIST FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008 LISTINO PRICE LIST PREZZI FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008 ESEDRA S.p.A Via Faentina,171 - Caldine - 50010 Fiesole (FI) - Tel. +39 055 5416001 - Fax +39 055 5040492 e-mail: esedra@esedralight.it - Capitale

Dettagli

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna Laboratorio di Progettazione 3M B Fisica Tecnica Calcolo del Fattore medio di luce diurna Università degli Studi di Roma Tre Facoltà d Architettura A.A. 2011-2012 Il fattore di luce diurna Il Fattore di

Dettagli

(! )##%% *'!!+%(*!,, '- -..,,.,.. o - / 01- '-- 4'5 *%*'!! '6 *%! '-,3. '-,3 ' 7%8. o '3 o 6. '- 3-9--, 3-3

(! )##%% *'!!+%(*!,, '- -..,,.,.. o - / 01- '-- 4'5 *%*'!! '6 *%! '-,3. '-,3 ' 7%8. o '3 o 6. '- 3-9--, 3-3 !"#$ %&"%' (! )##%% *'!!+%(*!, o,, o, '..,,.,.. o / 01 ' o / 01 2 o # 3. 3 3 3 4'5 *%*'!! '6 *%! ' ' ',3. ',3 ' 7%8 '6 3 ''36. o '3 o 6. ' 39, ''. o.. ' o.. 3 3 ' 3 ' : o 3 o (3(3, ' $ o ', ',; ' + '6!'%!

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE MANUALE DI INSTALLAZIONE SONDA LUMINANZA DEBILITANTE Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE RMTC04I8 rev. 8 1013 1. INSTALLAZIONE Attenzione: ogni operazione di installazione, gestione e manutenzione DEVE ESSERE

Dettagli

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale INDICE ALLEGATO A: Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale A. - RELAZIONE GENERALE 2 A.1 - PREMESSA 2 A.2 - INTENTI DEL PICIL 3 A.3 CONTENUTI DEL PICIL 5 A.4 - INQUADRAMENTO

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI Il consumo di energia elettrica per illuminazione di ambienti esterni, negli ultimi anni è cresciuto vertiginosamente,

Dettagli

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA DA FINE APRILE 2014 Tutto il nostro Comune sarà interessato dalla sostituzione dei corpi illuminanti di tutta la pubblica illuminazione con tecnologia a LED. Lampioni

Dettagli

+, $ -. +/ 0 3/4 5 - '""7"%&##"&7&)#&.&% 2 $6 22 2 0-6 05

+, $ -. +/ 0 3/4 5 - '7%&##&7&)#&.&% 2 $6 22 2 0-6 05 !"#$%&'("!)&*!"# +, $ -. +/ 0 /12 3/4 5 - +3 2 /+.+6 '""7"%&##"&7&)#&.&% 2 $6 22 2 0-6 05 www.sulpalco.it redazione@sulpalco.it 2 ++) 3,*1! " # $% & ' ( ) ) *" * + *+ ', $ -! -. -/) 0,/' & 2( 3-! /)4 56

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE

PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE PARTE VIII PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE OBIETTIVI 1- Introdurre una scaletta logica degli interventi di adeguamento del territorio 2- Definizione di una traccia di piano di manutenzione per il

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

SUD OVEST ENGINEERING S.r.l. - Viale Marconi 87, 09131 Cagliari 1

SUD OVEST ENGINEERING S.r.l. - Viale Marconi 87, 09131 Cagliari 1 INDICE PREMESSA... 1 STATO DI FATTO DEI LUOGHI E DELLE OPERE... 1 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA STATO DI FATTO... 2 RISPONDENZA DEL PROGETTO ESECUTIVO RISPETTO AI PRECEDENTI LIVELLI DI PROGETTAZIONE... 4

Dettagli

Installazione Collecting Unit

Installazione Collecting Unit Installazione Collecting Unit La Collecting Unit può essere installata all interno del quadro esistente oppure su cassetto aggiuntivo. Non serve alcun filtro né sul quadro né sulla linea. Installazione

Dettagli

dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale

dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale La fine delle lampade a incandescenza La legislazione Comunitaria prevede la graduale dismissione delle lampade a incandescenza, da attuarsi

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Oracle. Illuminazione per strade urbane ed extraurbane ad alte prestazioni

Oracle. Illuminazione per strade urbane ed extraurbane ad alte prestazioni Oracle Illuminazione per strade urbane ed extraurbane ad alte prestazioni 2 Più che una visione La sua ottica di precisione offre la migliore soluzione a progettisti, automobilisti e residenti. Sia che

Dettagli

Linee Guida Operative per la realizzazione di impianti di Pubblica illuminazione

Linee Guida Operative per la realizzazione di impianti di Pubblica illuminazione PUBBLICATO 12004565 (PAD - 877706) RSE implementa attività congiunte con il sistema della pubblica amministrazione centrale e locale, con il sistema produttivo, nella sua più ampia articolazione, con le

Dettagli

Dalla stima alla misura &!!% ""! " # $ & " ' etroina 2

Dalla stima alla misura &!!% !  # $ &  ' etroina 2 !!""!"!$!%!""!% &!!% ""!! " $ $$% & " '! etroina ( ) & & " ' - + -, -+ - $ + - ' ""' P. Amati e R. Spigarolo, L ora di scienze, Giunti 1997 [ ] Ma che cos è un ordine di grandezza? E quella valutazione

Dettagli

valentino led LA LUCE VERDE

valentino led LA LUCE VERDE valentino led LA LUCE VERDE valentino led 3.5-5m LA TECNOLOGIA LED IN UNA LANTERNA IN STILE La lanterna Valentino equipaggiata con LED è proposta in abbinamento al palo classico Gardone, in fusione d acciaio,

Dettagli

UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE FONDAMENTALI, GRANDEZZE DERIVATE

UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE FONDAMENTALI, GRANDEZZE DERIVATE UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE FONDAMENTALI, GRANDEZZE DERIVATE Una grandezza fisica è detta fondamentale se la sua unità di misura è definita direttamente, specificando le condizioni in cui il risultato della

Dettagli

QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO

QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO Convegno EPH+ La progettazione integrata a servizio dell efficienza energetica e del comfort ILLUMINOTECNICA QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO ENERGY PERFONRMANCE HOME PLUS 1 Gestione digitale

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

La mappa della qualità effettiva dei servizi del Comune di Tempio Pausania " # $ Tempio Pausania - Piazza Gallura n.3 2

La mappa della qualità effettiva dei servizi del Comune di Tempio Pausania  # $ Tempio Pausania - Piazza Gallura n.3 2 Allegato C " # % Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 2 & " % 3 Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 " # % " #%&%'()* & ' & ' Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 4 ( ' ) ' ' * + ' ' ( '. "# "//0 1/ 2) 3 4 56

Dettagli

Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica.

Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica. Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica. Offrire sicurezza, risparmiare energia, tutelare l ambiente in cui viviamo. Creare e valorizzare sentieri e luoghi di incontro, attraverso l applicazione

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2.

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2. Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali sensibili alla luce

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO.

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. Domenico DELLAROLE Responsabile Vendite Italia WIT Italia srl Forum Telecontrollo Reti

Dettagli

ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione tecnica degli attuali sistemi ed ambienti e dei relativi prodotti software

ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione tecnica degli attuali sistemi ed ambienti e dei relativi prodotti software ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione tecnica degli attuali sistemi ed ambienti e dei relativi prodotti software ! 1 PREMESSA... 3 2 SCENARIO TECNOLOGICO DI RIFERIMENTO... 3 2.1 ARCHITETTURA DEL

Dettagli

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA CITTA di SAVIGLIANO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA Andrea PARLANTI ESIGENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE NEL 2012 RIDURRE COSTI GESTIONE IMPIANTI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNALE RIDURRE

Dettagli

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 5. LE NORME CHE REGOLANO LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 5.1. Normativa europea Comunicazione della Commissione delle Comunità europee COM(2003)/302 del 18 giugno 2003 Politica

Dettagli

Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione

Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione Guida semplificata 0 Determinare il grado di protezione La norma IEC 60364-5-51 ha raccolto e codificato un gran numero di influenze esterne alle quali può essere sottoposto un impianto elettrico: presenza

Dettagli

)*+#$,$$,- . $/0 /1. Uso ristretto 06003499 Specifica Tecnica ESE Economia dei Sistemi Elettrici Bozza Pag. 1/3

)*+#$,$$,- . $/0 /1. Uso ristretto 06003499 Specifica Tecnica ESE Economia dei Sistemi Elettrici Bozza Pag. 1/3 Uso ristretto 06003499 Specifica Tecnica ESE Economia dei Sistemi Elettrici Bozza Pag. 1/3! "#$%$& '!'! ( )*+#$,$$,-. $/0 /1.2..1 CESI RICERCA S.p.A. Via R. Rubattino 54 20134 Milano - Italia Telefono

Dettagli

Direttore Prof. Alessandro Cicognani

Direttore Prof. Alessandro Cicognani Pag. /47 L Organizzazione... 3 Il personale... 5 Di cosa ci occupiamo... 6 Il reparto di degenza di endocrinologia pediatrica... 9 Il reparto di degenza di pediatria generale... 12 Il day hospital di Endocrinologia

Dettagli

percepto THE GREEN LIGHT

percepto THE GREEN LIGHT THE GREEN LIGHT CARATTERISTICHE APPARECCHIO Ermeticità blocco ottico: IP 66 (*) Ermeticità vano ausiliari: IP 66 (*) Resistenza agli urti: senza rilevatore di movimento IK 08 (**) con rilevatore di movimento

Dettagli

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Decreto Legislativo 9 aprile 2008, nr. 81 Art. 161 Campo di applicazione 1. Il presente titolo stabilisce le prescrizioni per la segnaletica di sicurezza e

Dettagli

! " # $ % % & % & ' (

!  # $ % % & % & ' ( ! "#$ & &' ! "#!"$ "!& #"!&$"'!& #"'!&$ & +,! -.! " ' /. 0 &.! " #!"$. # "!&$!& # "'!&$. /! # "!&$ +" '-'/!/1/.-2"!2.3 / 3 24! 5.&.3 /"0 ' 6'1'22'7//289 6.:'7//289; 6/-:!/.-"!./'"93 ;6'/2'":

Dettagli

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Luce intelligente ed Più luce senza apparecchi extra Le lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL sono famose per il ridotto

Dettagli

ALLEGATO 5. Ai fini di una migliore lettura del presente Capitolato Speciale POI, si rinvia, tra l altro, al predetto Avviso.

ALLEGATO 5. Ai fini di una migliore lettura del presente Capitolato Speciale POI, si rinvia, tra l altro, al predetto Avviso. ALLEGATO 5 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: BENI PER L EFFICIENZA ENERGETICA PRODOTTO: POI ENERGIA - INTERVENTI DI RELAMPING PREMESSA Per quanto non espressamente quivi previsto, in relazione al prodotto

Dettagli

INDOOR. Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE. TS DI46 SOSPENSIONE INDOOR Rev. 0 1/04/11

INDOOR. Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE. TS DI46 SOSPENSIONE INDOOR Rev. 0 1/04/11 INDOOR Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE Dogma è un sistema di illuminazione rivoluzionario, composto dall elemento illuminante e da hardware e software che ne permettono il controllo e la gestione

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Allegato 1 alle Modalità presentazione domanda partecipazione Gara procedura ristretta n. 1/2010 (servizio disaster recovery) Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Il presente allegato elenca

Dettagli

!"#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')"',#+#&-# &-'"/'( #( 0',-#&'!)1 /!"%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0!

!#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')',#+#&-# &-'/'( #( 0',-#&'!)1 /!%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! !"! $%& ' !"$!%&'(')* )!&++&,)(!-.'(')"',+&- &-'"/'( ( 0',-&' /!"%!,'02 -(' )!)+!%&'(' ) ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! & ' ) ) ) ) 12 12 * 3 )+ %!)!4 5!/) 6!' 0 %! ( 3) )! / (7) 4' 6 7') ' ') /8

Dettagli

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Belluno, 21 giugno 2012 RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Aspetti fisici: caratteristiche generali delle radiazioni ottiche artificiali e tipiche sorgenti occupazionali Definizione

Dettagli

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria N.33 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Approvazione della proposta di noleggio di lampade a basso consumo - tecnologia a LED - comprensiva

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia - Tempio

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia - Tempio COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia - Tempio INTERVENTI DI SISTEMAZIONE STRADE NELLA LOCALITA DI ENAS E LOIRI ANNO 2010 Progetto Esecutivo RELAZIONE DI CALCOLO DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E L occasione per città e comuni: risparmio di energia e di costi fissi grazie a investimenti affidabili. I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E Occasioni e possibilità per città e

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI NICHELINO (Provincia di Torino) Area Tecnica INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Norme generali sull intercambiabilità o complementarità delle segnaletiche di sicurezza MODI DI SEGNALAZIONE

Dettagli

'! " " # $ % & ' ( ) % * + # % * "

'!   # $ % & ' ( ) % * + # % * ! ##$%##& '! #$ % & ' ( ) * $ ) +, '! # $ % & '( ) %* +#%* ' ' $ ( )*+! ** --./ 0-- -1. 0-1 -2./ 0-3 )+', *- 1-. 0-4 11. 0-5 11-.& 016 11--.! 01-11-1.) 01-111.& 01-111-.7 8 011 1111.7 011 6 12. 8 012 12-.

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

AK INVERTER STAND ALONE

AK INVERTER STAND ALONE AK INVERTER STAND ALONE Inverter L'inverter è un dispositivo elettronico che trasforma corrente continua (DC) a bassa tensione proveniente da una batteria o da un'altra sorgente di alimentazione in corrente

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli