- 2 - ISO 9001: 2000, CH ERSE S.p.A. Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 2 - ISO 9001: 2000, CH-32919. ERSE S.p.A. Via R. Rubattino 54 20134 Milano - Italia Telefono +39 023992.1 Fax +39 0239925370"

Transcript

1 0

2

3 !"$ % - 1 -

4 Questo lavoro è stato finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell ambito dell Accordo di Programma tra CESI RICERCA ed il Ministero dello Sviluppo Economico - D.G.E.R.M. stipulato in data 21 giugno 2007 in ottemperanza del DL n.73, 18 giugno ERSE S.p.A. (già CESI RICERCA S.p.A.) Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax Capitale sociale Euro interamente versato Registro Imprese di Milano, C.F. e P.IVA N. R.E.A ISO 9001: 2000, CH-32919

5 ... 6 & '()*+'... 7, -* ' +'* ! " $ % " $ & ' " $ $ / ''()-* ' +'... 15! ( )... 15! *... 16! +,... 19! *... 20!! &... 23!% *... 27!'... 29!' !-,... 32! ! !-! "... 34!-%... 34!/ *... 35!/ $... 35!/ "... 35! ! ! '(( % 1$ $ 2 $ % 30$ ') +'' *' * ' +'22'( )*+' ) ' ' $ ' & ' ' '! *& '! '! '% $

6 '% '% '%! ') +' (( +') '()* ' +'(' ! $ % ' * '(5'() '*('+' / * / ) ) /! /% /' $ /' $ /- * & /- & (* '(2' ' *" ! "$ ( & '2'( 2 (5''(5'(* '( * ! * & % &8 ()'(5'( : : * : & $ : && '*' &, 2 '( &/ ( &0 ') 9 '()* '(' % % $ %! )&" %% %' $& %' %',$

7 %'! & ) %- $ % % %-! "$& %-% %-' * %-- 1$ &1 ').:2 '(' (5 ') +' ' * ' '!

8 & $ & $ ) 1 ) )$ ) ; & $ $ & 2 2& $$ 1 $ &2 2 8 ; 2 2 < 2 2 &2 12 $ 2 & 2 $$ 22& 1 & 2 = 2 &2 1 $ & ); $ &$ & & ><, 3 $ 2 & & = 6

9 & '()*+' ) = 2 = ) 2 2 &? $ ";2 ; 2 ; = ) ) $ 2 2& $ ; & ; 2 2< 2 2 &2 2 $$2 2&? & 2 ; BC ) ; $ $ ) 2 & $& 7 $$ $ & = ) & $ ; $& & $$ $$2 $ =B $ 8 2$$ $$ $$ C2 D " + B 8 1 )$$ C::'2 )E + 2 ) )$$ $ 2 ; 2 ; 2 = & )+ 2 & :F ) & $$ & 2= ) ;::2 B ) )$$ C 2& & $ ; 8 $$2 & /

10 ) $$ & ) = &? ; = BC G ) %F ) E+ 29F 5$+ 6" H! )E+ 5 9/:62 & ) 2; 2 5 F2 -.&H 62 ) 2, ; $$ I "2 & $ $$ $$ 2 2 ) 2 & I G2G2? 2? 2 G 2 2& 2 ) 2;8 & $ +) 2 ; & & $ & <$ 2&; & 2 &9 9. &7&& ';<= $ > 0

11 , -* ' +' *..,& 2 " = & $ 3 - $ $ & *0/-: %:::& JJ $ 2& $ - $$ &$ $ $ ) -? 2 ) & $JJJ$ J ; & = &? $ -? = $ 2 2 ) = && I 2 & 8 $ BC2 ); 2 K ) ) ) < $ 2 ) <2 $ ; )$$ ) &&3= ; 2 * &=$ ) ) $BC 7 $ 2 H ); " 2 G $ 2$ & ) 2& & 2 2 ;,, 1 Combattere l inquinamento luminoso significa ridurre la luce di disturbo rivolta verso il cielo ed indirizzare la luce solo dove effettivamente serve. 9

12 ) 1 < &$$ &.. ( &9 $$>.4 " **" L47 + "..+*."M+ +*+7 L+ * $$. $$5 N < &2 26 $$ <1 <& <,$$ < < & < 2 <*$ < <* <+ $$ <+ $$ <* <4 <"$ <4$ <+ $$ < & 7 & 2&2 & 2 $ 7 ( & 2 )= 2 * (2 & "5 62 &&2 ; ) & &,/ $$> $ $ ; 3 -! " $ %% &''()"*) +,- -. / 00 % % % ''" $%%&'') 1 *) ++,, $ - /3)$/8 - / 2' 31+! ' % 4 % " $ %% '' ) $ 5) 5,- - / 2' 3 / ' 1+ 6! ' % 4 % 7" $%% ''1+- - / 2' 3 1(! ' % 4 % % " $ %%&''( )$ ++1 :

13 $K,0'57 " * 6 J J$ K 2 2" * 2 $ 2 &2 &$ A ) * '2 $ & 2 $ & 2; 3 $ $ O $ B 2 ;;; O $ 2 ; ; ; 2;) & $ ;,0 $$> C$ 7 E 7 +7!:<::%2& +7!:< & 3$ ;5::!2!::!62 $2 ; $2 ) ) $$ C $ & 3 $$ 9 >> 5 63,$ $$ 9 >> 5 H63,$ $$9 > >> $,$ $ $$9 3,$ 2 2 &2P $$ 9 3,$ $ $$:,$ $$5: $ $>,$ 2 2 2

14 1 5. 2!2%'6 7 E 7 +7!:< 3::! 5B 3 ; C6 3+2"+2* +12 $ 2 (,9 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% A 5 6 $ $ $ *!% 56 *&!% 56 5 >6 $!% : :2% :2/ : :2' + 2' :2% :2/ : :2' +! 2: :2% :2/ ' :2' +! 2: :2% :2- ' :2' +! 2: :2% :2' ' :2' +% :2/' :2% :2- ' :2' +% :2/' :2% :2' ' :2' +' :2' :2!' :2% ' :2' +- :2! :2!' :2% ' < QE RE $ < H $ QQE RE $ < H QQQI G ; $$; ( /9 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% $$ * 56 "+: ': :2% : "+!: :2% : "+ : :2% : "+! ' :2% : "+% : :2% ' "+' /2' :2% ' ( 09 $$! ' *''&/,8&9,?,880% >6 * ' ' ' * :! ' *! /2' 2' ' *% ' :

15 *'! :2- : *- :2- : */ 7 7 < ( 195 $$! ' *' ' &/,8&9,?,880% $$ ! +1% +1' 5 6 ':!: : /2' ' :2',1 $$> $ > $ $ $$ $ E 7 %03::/ ) ::/2 && E 7 :%!9<:: & 2; 2 2$ $ 2 E 7 +7!:<2 ). &$2 $ 2. - ( 39 $$> $ >! ' *'&&,06?,884% ( $ &,. )$$ > * * " D= ECF!:<':!: /:<9: ': > + +! * > : +! * > /:<9: +% * > 5"" 6 /:<9: +! * > ': +% * > ) * /:<9: /: ': +! +! 2 Secondo il Decreto Ministeriale 5 novembre 2001 n 6792 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti!

16 ( $ 2 )$$ * ; * ; " D= ECF ': ': > +! * > 5 6 /:<9: +! * > ':!: +% * 5 6 ': +% * * 3 * 3 * *! 7& * %!:!:!: ' ' ':!: *! "+% "+'H*! "+'H*! *! 3 Secondo il Decreto Ministeriale 30 novembre 1999 n 557 del Ministero dei Lavori Pubblici 4 Secondo l art. 3.5 del Decreto Ministeriale 5 novembre 2001 n 6792 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti %

17 / ' '()-* ' +' & $ 2 ) & 8 ) $ 2 ; & ; ; G & $$ ) &3 -. O -. &2 O -. 2 O -. *& ) 2 2 & $$ 2 & $ $$ $$ 2; /&.$ $-$ $ ) &$$ 3 O O 2& & ) $ O $ 5 3:::2-:::2:::26O & $$5':2/:2::2'2':2':26 )$$ ) $ 2& ) 2 $$ ' H 6 $ 5:::6 7 )':$$ $ 2& 5 -:H 6 $ 5 %:::6O2 = 3,$$ & ) & & $ 5& -::6 7 ) & ; $ :F 7 )-: 28 ;$2& &? 2 '

18 & $ 5 0::: 6 7 )/: $$ 5 :H 62 &? 2 ;2= O 2 $ 5 :::6$$ ::H 42 ; 2) 2 & 2 ; & $2 2 $ -::::5; % 6 /, $ &2; 3 - $$ O - $$ O - $ O ) & & 3-5 6O - 7) $ 2G $$ &2 2 $ 2=; & ) "$ & & G ; >> $ )$$ = 8 ; 2& G ) 2 ) 5 ) = %!:: ) 2 2 &2 ) 2 0/-: & ; = ; ) 2 = )::: $ > & ::::2 ) $$ $ S ; ) 2&, 2 $$ -

19 ) ) 4G &=$$ $ $ 2 2 & 2 = ) D B C& * 3 &;& ; & 2 ) 2; ) =8$$ (>$5 6 2& : ) I $ )$ )$$ 2 ) 3 0: ::H2 & 9' $ = 2 ) 2 & 2 & $ & )F + G & $$ & & $ 2)$ ) I$ ) ; 'T"3 $$ $$ 2 G) $$5!6* 2 ;& $$ "$2 &; $ $ )$$ = 5-: H6 ) 5!!<':6 & = & 5 6 $ $$ $$5 %6" 2 & $2 & $ ; ) )$$ = 2 $ 0: H2 5$ 62 ) ) 5 6$ ) $ $$5 '6* & $$5!:H65 &::::62 G 'F 2) : -: & 0'2G)$$ $ ':<-:H $ ) $$ &9:2)$$ 0:<9:H /

20 8 5-:::< 0::: 6 $$ ; ) = 5 /6 ) & $; = 2 &-::::2 )$$ =-:</:H & =$ ; * 2 ) )! 0%*&; ) $ = 2 ) $2 )$$ ) %:<': H2 & ::H & = $ :::::2& $ $2 2; & ; +, $! 2,9 >$! $(9)C$% 2 /9! G C$% 2 09 $! HC$% 2 1? $! ' (' G C$% 0

21 2 39! $G (C$% 2 49! $ I C$% 2 69 ) ) ; 2 2 & < 2 &2 +); 2& 8 ) 3 - $$ O - O - O -!""$ % %&' ; +, +, $ ) 2 ) ) 2 $ ) $$ & ) +, && )$$ :: H2 & $$!:H ) +,) = & ; 2 +, &) & $$+, 2 ) 9

22 $$ +, & 5) '/::U6 & ) 2 2; )& & < 2 2 ) 5 $$ 6 *$ &) ) 5 6 +) ; & & +,2 && 2= & ) ::::<':::: * ;;!"" ( = $ & 2 ) $ 2 ) 2 ; )$$ 2 $ 2= $ $ 3 2$$ $ 3 = 2 )& $&2 ) ) =56 3= &2 2 $ ) & $ )$ * 8$& & 5 & 6*$= & 2; 7 & ) 2! >> $ 5$ 63=$ $ ) =V 5H6+) 8 2; 2 & ;8$$2) $ $ 2 E1 * & )$$ & )& 2 & )$ $$ &) 5W 6)& W R''' $ % $ 5 63; $ $ 2 ; $ $ $ ) 22$, ; 2 $ $ & :

23 ) = :: $ ; = $$ $ ' ( 3= & 5"".6=$ B 5 X 6& CI $ ) $ B 8 ; C. U5 U6-5 3$ B$ ; ':F 2$ 2C & $ & & 5&61$ &$ $ $ 2 2 $; 2 2 & / $ G ) ) 2; ) 2; ; ) 2 & ) ) 2 $ 3-2; 2 ) 5;$ $ 6O - O - 5 ; )$ $ 6 $ $$ ; $ 8 2 = & 22;&$ 2 3

24 ( 49 > "& )$$ = $ ) 2 & 3 $$ ;62 2 ; & $, ; 2; 2$ 2 $$ O = 2 & 2G2& 3& 2 2$ && 2 = $ 2 $ ; $$ 2 M'5 &= $ 6& 2 G2 8 2 $ $ ; $ 7 2 $ &$2) & ; 2 $$ & 2 2 2& ) $$ 5 $ ; 6 ; & 2&$ & ) ) G 2 ; $$ =

25 2 79 $$!>C$% 2 &89!>C$% 2 2& ; )$$ & ) $ // C *J J2 & * $$ $ $ 7 ; 8 J J 5 2!62 ) &$ $ 2 &&9 C 2 &,9 C 2 &/9 C &J&J5 %2 ' ;2 ) ; 2 &09 C C$!)$ % 2 &19 CC$!)$ % 2 &39 CC$ $!)$ %!

26 & ; 3 - $ $ & ) O - ) & $& $ $ O - ) & 2$$ 5 $$6O - $ & O - $ 2 $ & +) ; $ )$$ $ ) ( 69$> C $ ( +' & ( ( & 5 6 & 5 6 " & * $$ $$ 5 H < 6 $$ H 5 2 &2 26 $$ & ) 5 /62 ) & $& 4G & ) ) &2&=) 2 $$ & $&. =$ 8CC $ 2$ & $2&G $$ 1 & $$ & & ; $ %

27 2 &4? > 2 &6?$ $$ +,2 & ) 2 & ; 2& $ "G G & +, *$ & & 9 :2 & 28 2 &79 CC$ 2,89 CC$ & 2 & $ 2 ;& // '

28 :::B ); C! ::/2, * E 09': 7 ) B*C;) D) $$ 2 &? $ 2,&9> 2,,9 C$ C & $ 8 ) 2 ; ; 2 & $ ; B ) C2 ) S ; & ; ) 2) & ; 8 ) "G; 3 ) 5. ' 6; ) G /:</'T G $ & 2 && 2 3$ 2 $ ) ) & & %:F $ & 2 $ ) & 2 = ; 2 $& 3 ; D $2 & $$ I G 2& = $$ 2 $$2 4& & ; G $ 2 & )$$ 3 ; (5) TI: in inglese Threshold Increment, (Indice di abbagliamento debilitante) definito come l incremento percentuale della luminanza che occorre attribuire alla carreggiata per rendere visibile un ostacolo in condizioni di soglia di visibilità, quando nel campo visivo siano presenti sorgenti di luce. Il valore massimo del parametro TI è prescritto dalle norme: ad esempio, per l illuminazione stradale la norma UNI limita il TI al 10% o al 15% a seconda del tipo di strada. -

29 /0 8 & G $$ ) & O) 83 -? &> < 2& O - $$ E $? ; 2 $ O$;2= & $2; O - $$$! & $ %?$; 2 $ ) & ) 2 2$ $$ ) O - $>? 2 5 :!: 6 G & ) >2 2 2 & $ & $ ) & & $ 3 ' 20Y :Y!: $ ) 7 2 & $O & $ 2 $$& ; $ $ $;J J & ) 2$$$ 3 &2; 2 $ 2 $$ ; & &8& & 7 &! %<9 & & 2,/?C C$ /

30 2 2 2,0?,3? $ $ $ 2 2 $,6?,1?,4? 2 0 $,7?

31 /1 *' ' 08$& &$ $ 8 & 8 3$2 K I : 0O & < & $ 2 $ $ & 2 G& K 2 & 2 ; 3 - E 7 +7 %:<3, - E 7 +7 %:<'3 * K $3 2 2 K K 2 ; 2 & H & $ - & - - 2$ 3 < O < $ & & $ G 2; K $ 2 & K 2 K ' 23 6 R:' 6 > ; R% 7 &22$!< E 7 +7 %:$ & $ $$ $ K & 7 K K 2 &? 2$$ K 2& $& K& + $ 9

32 $ E <<% ; $ $ & $$ $ 2 & 2 &$& 2 $!!' C $J) &0,886 Z=!: 2 /8?+!")"$ & ) & & 5 62; 5 (6 5 "62 $ ( 79$ (G ' ( +' * $ $. $.+ 4 [ [ [ [ [ [ < [ < 1 [ < < < [ < " [ [ < [ [ [ " < [ < I < [ <!:

33 (G ' ( +' * $ $. $ [ [ [ 7.E 7 **47 +.+LL+E 4.+ L [ < [ L N1 [ [ < [ [ [ * < [ < 1 2 E7+7%:, -,! ,. ) [ [ [ ** 4 +""M4 * [ [ 7 2 $ 2 2 G = ; 2 &)2 ; & $ ; &2 $ E7+7%: & 5 :2!$ %2'6 &8) &) = 8 &2 ) &= & & 2 & ) ) &=8 2= 2 ; 8 2G =) O & $ & 2 & O ) & $ & 5= = 6 = 2; = $ 2 & $ 2& O ; 8 2 ; ) $&, $$ 2 ; $ 2 ; 2 ) - 7.E 3 = 2 &5= ) 6!

34 - 7** $ 2 $5 6; $ = < /3 )$$$ $ & H & 52261$ 2 ; $ ) 8!"*"$ +, &! "3 2 /&?($$ - ) *'2 < 6!R\. = 8 2; G ]&5R & &R $$ 5 & 6< 6R\ O - I*'' 6R\ 2 $ O -.2 6R\ ) 2 $$& $$; G < 6O - (' $6R\) &)!

35 $ $I $2=; ) 2 ) B <$C!"*" =8& &) & ) )2D $ $ ) & $ ) ; & 2 )2 & ) ) 2G ) )" G & $$2 &;!::!$ * & $!::= H$ ) * =!::= 2 $ " 2'::2= BC & 2 /,? (. 2= 5 6 $$$ K 7.$ 2 $ 2= $ 2 //? H [ K2. =; &?& 2 /0? < ^ +) $!!

36 2 /1? 7 3 <*) & _ `!= <*K & _\!2=!"*"! 7 56 ; 2$!H%) 7 $ 2 & I ; 8 &=$ ) *5 6 K K2 & H! 2 /3?)$$$ $ 5 `0:T6 5R 6 2 /4?)$$$ $ 5R 6!"*"-., && K K $ 7 K ) $ =$$2 &; = +) $ 7 2 2GK ; & 2 $2 G +) $ & K 5; 6 2 /6? $$$$ $$!%

37 2 /7? $$$$ /4 $, K 2D 7 K &K K = K K O = $ 7 = 3 - K2 & O - " & O - * O - + K8 O - + K 2; =2 & O - &O - + $ $ &!"/"$. J&J K ; 5!<'6 = 2; $= 2 & $$ $ 2 2 & ; 2 K 2 K 7 2 $ = $ &!"/" 7 2 2K $= ; $&?G ; 7 $ $2 *G & 23 -,K 2 &O!'

38 - K ;K $ 2 & E 2 K 2= ; 2 ; = 8$K /6 7 K 2 *K & ; & 2 $ & K " 2* ;= 2 = $ & 2 2 $2 &; 2 2=$ I $ K K &2 2 & 2 2= *2; ; & 2 2 $ K &$ & 2 8 & $; 2 GK 2; & < 2 & & 7 $!"0"$ B> I = 8 7 2!$ 8 $ 5;$6K K & &= ;$5 %:6!-

39 2 089 B> 7 2 ; & K+2K $ " 2 2 O & ; 2 ;$ K " 2; G ; K "=; ; 2 K C $$ $ +) $$ 2 ; 2 $&$,!$ 8 K K & K $ 5 %6 &; K & = I K K " 2; G K =; 2 0&9 C!/

40 > $ $ &; = 8 $ 2!$ 82$ & K $ $ K K & ; 2 7K ; K " &$ = 7 "+2 K ; 7 "+ I 2 $ 7"+2 & /H::: $$ ); 2 0, $ K 2 K 2 K K & * & = $ ; G $$ K+ 7 K K K " K ; K+ 2$ 2 ; ; K!0

41 2 0/9 $$ $ /H:: K & ;!"0" 7 2 & &&$$ 2 = & 2K ; * & & & 2 5" <" 6 2 * $ K $ I C $$ $ ; 2 $&$ " 2 2! $ 8 2 K K & K $ 5 %6 I K K " 2; G K =; $ $$$ &; = 8&2; K K & 2 5 %%6 7 K ; K "!9

42 &$ = 7 "+2 7 "+ K ; $ $$$ $$ $ K K & 5 %' $$ $ 7 K K K " 22 K ; K+ 2$ 2 ; ; K $ 4 & & "2 = * %:

43 0 '(( 1 $ & " $$ $ 3 a$ - a >> a5 $ " a- 0& 5> > $ > $ $ & $ $ 2 &2 -: E = 3 ) & G 2 -?$ a %:F ':F5 %-6 a 5 & 6 >? B >>L a :F!'F" 2 5 %/6 a & $ ) 5. :62 & & $$$$ C? $ > /8M a & $5 %06 $ $& & 5 %96 a ) a / 3? $ a & $ ; = & 6 Sono ovviamente fatti salvi i miglioramenti tecnologici, che possono motivare per obsolescenza il rifacimento di un impianto ancora funzionante. 7 Vetri bianco latte che coprono le lampade inibendo eccessivamente la luce. %

44 $?> a +) 8 2 $ 5. 6E ::/* 8':F I = )?$$ CN a, )3) & $$ $ 5 ': & 2 039$ - $! E % %

45 2 049>>$$ $ ( &89) " $ ) NNNN 2 NN 2 $5 6 NNN 2 NNN b N b 2 069> $ %!

46 2 189* $$ 0, $?6> 7. 0 $ & $ 2 $ ( &&9> $ $$" $$ C > a = c a* 3 c as 3 ) K 6 a $ a $ O 5; 6 a a 8$$ a %%

47 $ ) a $$ a) a 1 ) 5$ 2 3 :::: 30X&H 8:::: 3X&H 8!:::: 30X&H a " $ ) $ a$ 2= %92 $ 2 $ ) & $ & 7 ' ) *G &G 'F $ ''F 2 1&9 %'

48 ) 8 ) ) $ ) ; 7 '= 2; $$ ; 7 '!= 2 1, 9 $ $ 2 1/ 9* $ $ %-

49 1 ') +'' *' * ' +'22'( )*+') ' $ & 2& * &$ O - $O - $O - O - $ O - $ 3 - ) $$ 5 = & G & 6 $$ 5 & $$ & $> a) "& $ $ 2 $ ) 2 $$ 2) 2$ b) $ 2&? c) ; )? $ ) ) ) ; ; = 1, $C )""$ + a) * 8$$ 2 & * ) G ) &?$ $$ b) " ) $ 8 ; & 5 '%6 c) S 2 2)$ $ )"" 1 a) ) )) b) &) ) 2 $$ ) %/

50 2 10?$ $C $ 0 0 )""! ( 4 ) & & ) & & 2 )5 ''6 2 11?$ C $C 1/ $$ )"!"$ % a) $ 2= & $$$$ b) = 3 - & 2 2 % 5 H 62 & ) ) - ) & 5 6 c) G ) $ ) d) ) $ 58$$ 6 $ G $ %:: %0

51 10 > )"-"$ 2 3 $ $ " 2 " 28 & )"-". "H5 6 &$ 3 a) $ 2 O b) G ; O c) & ) $ < $; ) ) 2 )2= & )) +) & ) 2 & $) 2 & * 2 ; 2 2 & ) 2 ; & 2 2 $ ) & $ $ 3 - "$O - "$O - 4 & O - E $$ O - HO - O - " )"-"! 4, $ ) &? & $ 2 ; & $ & %9

52 3 ') +' (( +') '()* ' +'(' 2 &; 2 = 2$ =$$ 3& $$ $ & $ ) $ 2 & $ $ = &) 2 & O $2O - $ ) ) ; O - O - 3; &2 &2&O - $ 3 $ $ $ 5 2$262 ; $ $O - 3 & ) $ 2 $ 2 ) 2 2 ) O - 2 $ = $2 3 - $ O - $2 $$ O - ) 2 & $ ) ; = &; =O - ) 2 &2 O - ) $ ) O - ) O - $ O - ) & $2 &3 - O - & O - O - ) O - 7 '- ':

53 2 13?B$ 3, $ $ $ $ E $<$$5$"+6& K O K K 2$K K 5; 6 & 2 O! &$ E % 7 4 $$ $ K 8 &K 2&& $ & K 2; 8 ; $ $$ K ' 7 2 &2= 2 $ E K ) $ $ 5 '/6 2 14? '

54 - 7 K 2 JJ&2 & &2 * && &K J J2 5 <= 6 "G2 K; 2 8 K *2 2& 2;& J$$$JO / 7 > = ) =; &?$ $ = 2= 7 2$& 2 K 0 I =& = 2= $ ; & 9 KK K $$ : 7 ; ; $$ I= K K + $ K =& 5 65 ' ? 3/ > 7 K = 2; 2 $ '

55 30 K I ; $$ $ &! 7K $ %.$$$ ; 7 ; +K K K K ; $ E K K 2&? 5d 26 ; 2! ) $ 2 2 & 2 2 &; 7 '9= & 2 17? $ $ 31 7 K $2 = ) $ & K 7 G$ '!

56 4 '(5'() '*('+' 4& $$ $ $$ ; $$ 2= 2 8 $$ * G $ '<!:F ) 2 2$ ; & & $ %:F2 $ 7 82 )= $$ 2 8 $$ $$!9:2 :: 2 /0: "; 2 )+ 0 ) : ) 4, - - ::H9'H"+2,'H::'2 2 T ::-) & && $ 5((6 $ 5(,+6 ;, $= ; ' 4/ $$ O $ 1 & O& & ;) 3 $? $? C $? $ $ & 5 67 = $) > $ $ C? 2 22 $ '%

57 40 $$ $ I 2 $2&& & 2& $ 2=& & ;$ $ 2 ) ) ) 41 >$$ $ E $ 2; E 7 %0) ; 2$ 2 $ $ $$ ; $ ) & & 2 $ $ ) 5 2 $ 2 P6 $ 5$ 6 ) ; & & 2 & 2 $ 2 $!:F) 2& 2)= & > 2 $$2 $ & /")"$ ) $ $ $ 2; 5$ $$ 62 2$ ) 2G!:F $ ) = $ & )& 2 2 ; $ 2 2 $ ''

58 43 $ C & & $2$$ $ P 6 * $2 & $ 2 &2 & ) $ P 6 & & ; = &2 $ 2 $ 2 )=2 ); 8 &= & $ $ ) & $ $2 5 ) 2) 2) 2 $ 26 E ) &= & 2 $ E $ &) & *$& $ O; = ) & /"*"$ & $$ 2 $$ 22 I ) & $ + & 2 E 1O O $ $ =&O &O ); O O $ ;) "+2" )+ 2 $ & ) 3 - &<$$2$ & - &<<$$O - && '-

59 6 (* '(2' '+. $ )$$ 2 = ; K 6 $$ +*"42+e* "4 e..= 9!H/-H"++2 ::-H!H"++ ) )$$ + + E $ = ;, HH::- *+; $ &$ 5 6 6& +*"422 )$$ )$$ 2 $ &2; - H2 - ; $ 2 & B C & $ 2 $$ $. $ 2=+*"45" *+6. &$$ K 2&? & $ "G$ K ; 5'<:6 + +*"4& 2 & 2$ ) " $ ) 2 2 $ 50<:<' 6 " G$ ) ; +*" ) 5VVV 62 O$ 2 &4 ) E$ " )$$ $$2 2)$$ 2) * &2 2 *( " 2 2& 2 '/

60 $ 2 ) G 5 6 & & 6, /%/0::0, * *,* E *2& 3 - J K$$ JO - ** * +*::/<:! $ $ H H 2" K /H::: I $ $ & K$$ K = K K $ K K; $$ 6/ >. C B.$$ + C2B"$ ( &C2=, :/::% 0 O)2 2 ) $$ 2 ) ; "$ ( & $ $$. G B $$ C ) ) 5$[9]6 "$ 2; 2 & ) 3 *& /3 2% ' % *& 03) % 0 2 %, )! ::02;& /X2; )0F) 2 /: fh "$ ( & 9) $ ; $ 2&G &$ & 8B C 2$ 2 ; $ $$ 2, 2 2+*"42 & 2 3 $$ 2 $ 2 8 Pubblicati sulla G.U. n. 205 del ; si veda anche il Decreto revisione e aggiornamento del 21 dicembre 2007, G.U. n. 300 del '0

61 $ && $ $$ '9

62 7 ' 2'( 2 (5' '(5'(* '( ; =;$$$ 2 $$2& 3 - O - O - & O - >) 7 2 D ; ; $ H$ 7& $ $ ) =, ; 2 & 3 <; & 2 )0<:F$ 3) =$ $ $ 8(9O < $ $ ':F2 3 2 &$$$ 2 $$&? $$ 5; & 2 &2 G$ $$&? $ 2 2 ) 2 ; E $ G$ $ & ; ; $$ & 2 $$ $ 2 $$ ; & $ &? & * $ 2 $ 2 & ; ) 2 ; & E $ 2 2G 2 $ G2 & 2; ) (9 2; & 22 ) & $$ &22 ) * ) 2 ; 2 & 2 $ $$ 2; -:

63 7, $ ) ; $ 2 ) ; 8$ )$$ 5; = & $ 62 = 8 &$$ $ 8 =2$ 2; 8$ 8 & $$ $ ; 2 E $ 2 5; 62=; ) & ) $ 2 & $ )$$ ) *2$ 2&) $ & ; E7%0 ; H 2 G& 2 ) $2 G $& ;. 8 $$2 $2& ) ; $ ) ( &,?$$$$ O>>9 >$$ $, +"E 4 *4,4,EL L 5F6 1 L47+ E**4E 7 4*4 F 0: ':!:5<!/2'F6 N:F 0: /: :5<2'F6 N-'F ' /: ''5<%%F6 <F ' :: '5<:F6 N-:F ': :: ':5<-:F6 <%F ': ': ::5<%:F6 N!F, +"E 4 4,E "4*44*,EL L 1 L47+ E**4E 7 4*4 F 0: %'!'5<%%F6 NF ' -: -'5<'F6 N!F ': %: :5<%%F6 N-F -

64 *G & 'G /:2 %%F$)F2 ::2 :F $ -:F 7 2 -:2 $'F $!F 2 = 3= $ 2 & ) & ); = ; $ = 8(9 )2 $ ) 2.2 "+ 5" ) R,N" & NN" H5(QM6R 2 2fH&23 AO A " & R+QHM 1 M 1 R $$ " R" & N" &g " & R5" *4*. " &g R" *4*. HM " *4*. R R:2>5,N" & 7 &8(9* = 3 3 * 6>MA R MR A 7/ $ C " 2 $ 2 & )$$ ) G $$ & 2,82 $ &G ; 3 D =$$ ; 5 9 Non si tratta certamente di una scelta ottimale per la massimizzazione dell efficienza, ma può essere presa in considerazione quando l impianto preesistente non soddisfa i requisiti di illuminamento prescritti. -

65 $62 & $ ; >< ) +);$ $; & & & $$ ; 2 $2 & 2 ; $ 8 & G $ $$ 2 8 ) & 8 )2 &? 5 H H & 6 $ 2G $$ $ ;&O;&. 2 $ 2;=$$ ) && ;)7 G2 &? 2= $ ) && 7 ) & 2 2 && O$ )= 2 ; ) &, ) $ & ) & 5 62 $$ & & 8 70 S & $ 2 5 & 2 2 H 62 2$ $$ $$* & $ 2 ) 2 G $ ) & &) G 8 $$ ; 2 5 & ) & ; 6 $ 8 2 " " 2 G & & ) ; = ) 2 $& 5 "4 62& -!

66 &8 ()'(5'( &8& $ $$ 2 : 2 2 & & ) & H $ 1?&2 2=$$ B$ C 2 ; )BC = $$ $ ); ; $5"$"$ ( ' %:: H 2 -%/X&H 2 $$ :2'-fHX& =::29fH -:::2 % 5-:::H%::R!20 6= <!/2!f5/f 6 $ 2 &) & 23 /:2-92'fH 3 $ $ )F %%F2!-X&H '-2'fH O ::20:20fH 3 $ -:F :F2='/ X&H 0:2/fH O -:2':2fH 3$!F 'F2!:'X&H %/2- fh 10 La sostituzione delle lampade è solo in apparenza un intervento semplice, in quanto anche un azione di tale genere richiede comunque la conformità dell impianto rispetto a quanto previsto dalla normativa UNI Si aggiunga anche il fatto che la sostituzione molto probabilmente avviene su un apparecchio obsoleto, di cui non si conosce il comportamento fotometrico per poter fare delle verifiche illuminotecniche relative alla sostituzione e dotato di un efficienza sicuramente deprezzata al causa dell usura del riflettore in ambiente inquinato come quello urbano. Inoltre, sono quasi sempre necessari importanti interventi anche a livello di ausiliari elettrici (accenditore e reattore). Anche se la nuova attrezzatura non presenta un costo importante, richiede una consistente spesa a livello di istallazione: si opera infatti ad altezze di vari metri da terra (mediamente tra i 7 e i 10 m) e, oltre al costo della manodopera, si deve includere quello dell attrezzatura per effettuare l intervento. Nel caso in cui la lampada si trovi all interno di un corpo illuminante ormai obsoleto, l intervento viene a costare più dell apparecchio stesso, senza considerare che si rischia di agire, e di investire, su un apparecchiatura il cui rendimento è ormai minimo, sia a causa del deterioramento dei materiali che la costituiscono, sia perché realizzata decine di anni fa e quindi con prestazioni ormai ben superate dalle potenzialità offerte dalla attuale tecnologia. 11 Il dato comprende oltre ai consumi veri e propri della lampada anche una stima dell assorbimento degli ausiliari e delle perdite nei circuiti di alimentazione. 12 Dati medi del primo trimestre 2009 pubblicati dall Acquirente Unico, comprensivi di imposta erariale (0,31 cent/kwh) e di I.V.A (20%). -%

67 2) ; 2 &; 5 6.! 2 2 ( &/?$$ A A M'!/2! -%/ ::29 * /: -92'!- '-2' * :: 0:20 '/ 0:2/ -: ':2!:' %/2-56 ;. %2 $$$ ( &0?$> $$ A * /:!2 <0%2- %%2% :2/ * :: %!2- <92% :2 2 -: 29 <!%29 '!2! %2: " G 2 ) /:2 2 ) 2 ) " 2 G $ 5<F62; & $$ ; = ; G 5::62 ; ) 2 ) 2; G & % 2 = 8% +) D &; ; 2 & $ ) = & ; ) 2 & ) $ )$$ -'

68 $5"$" 1 & 8 2 $ &/'= -' ':3 * ':! H ; ) 5$6%:F % $$5'::H %::H 6O * & 2 :: ' 2 2 ; ) & 2 O " 2 & $ ; $ 2 $ $ ':O. ' ) 3 ( " A M': %9/2' 0%:0%2:!/2 * ': '0020!!!9!2% ':92% &* :: :9:2%!!-!!2- '%-20 &* :: 009:2% -2!%/29 * $ $ $ ( &3?$> A * ': /92! <':-9:2- /9:/2/ 2- * :: & //929 <':%':2% /0/:2! 2! 13 Riduzione della potenza assorbita di circa il 40% e aumento del flusso luminoso del 23%. 14 Trattandosi di un impianto esistente, con linee che potrebbero avere problemi di caduta di tensione, onde evitare spegnimenti e malfunzionamenti si preferisce non sfruttare le piene potenzialità del regolatore, il quale consente riduzioni di potenza fino al 50%. 15 Riduzione del flusso luminoso del 24%. --

69 * ::2 & -!929 < %%2 2/ * & & 3 8 = 2 2 & $ ) $ & 1 & $$2 & 8 +)$ $ ) & 2; & ): &8, I $ 2 5 &2 2 H 62 $ $$ $$ * & 2 $ 2 ) 2G $ ) & &) G 8$$ ; <25 & ) & ; 6 $ 2 2 ; = 2 & $ & * $ >< ) 2 ; 3 ::2 & 2 $ O " 2 & $O -: 2 ) O " 2 & <. / < 3 -/

70 ( &4?$$ " 7 * :: %0/92-!:%-2% %0%!2 2-% '/!92- :'%920!:'20 2! 7 -: -9!2 9%0%2%!:!92-29! < /'!/-2% '!20!/-2 29:, $$ &. /. '2 ) $2= $ <2$ 9F $ $2& 7 ). / &3 $ ) ; & = ) * :: $2; G D & 2 < 2 2 & $ 2 2 &; 2 &$ ) O & $ &4 ) 16 Comprensivi di tutti gli oneri di impianto ed esercizio riferiti al tempo di funzionamento, in prima approssimazione si sono trascurati per semplicità i costi di capitale. 17 Derivanti ad esempio dall ammissibilità al meccanismo dei Certificati Bianchi. -0

71 && '*', $ & ) 2 2 & $$ 2& 2 & $. "&2 2& & 2 &?$ $ " < & H 2 &? $ ; & ) ) 3 2 ) = $$ O ) 2 = & ; E 7 %03::/2 2 $ & & 4 $ $$2$ &2 $ & K 2 &2 K 7 $ 2& & ; 3 2 2< & &. 2 2 ) ) 2 & $ $$ $$2 &? $ & BC ) ; = " 2 ; 2 $ 2 ; 28 ) & $$ 2 & 2 $; 2&) 8 & 7 $ & 2 $ ) 2 & 7 $ = $ 2 &2 & -9

72 7 $ 2 )2 $ " ) ) 2= B e X C 5 )6 8 & $ $$ &2 2 ; * &; 2$ ) $ ) 2$ ) 2 $ $ 3 ; 2 2) 2 2 $ +) 2$2& $ 2 2& ) & 8 ) $ 2 ; & /:

73 &, 2 B * 2. 2 B ) C E C<+*+ "+*"+" $ :''%: % + ; ( $ $ h,* 7 4 < < H $ 4 : % ' % := 6. 2 %<* $$ O & " 5(*630 ) B0> ''%) %1C &/ (. 2 [9] V V V <,< ) [10] V V V < **< 7 [11] V V V < 9 $K [12] VVV < " i+ H " [13] V V V <4* M [14] V V V &&& [15] V V V <,* 7 4 [16] V V V 12+ [17] V V V <* $ [18] V V V < [19] V V V 2 $ [20] V V V <*+ [21] V V V HH<+*2+ [22] V V V $ < 7 *+ [23] V V V H4 *E H+ [24] V V V < )+ [25] V V V <&H<.M++E M.4 + e&+ " [26] V V V $< <+< K K+ /

74 [27] V V V H< ) /

75 &0 ') 9 '()* ' (' &0&, $ $ $ = 2 $ &) &!0: 5062 /0: 596 2&) ; =I &&2; 2) 2= 3 >B 7= ) C K 8 +) - H & 3 & =2; $ = 2 ) 3 ) = ; ) & ) & * 3 k &3 &&O k$&3 "+5" K+ 6& 2 & & $& I 3 ( &6? C " $ " C "> C $l V 56 + V H >5H 6 V H >5H 6Q m V H 56 V H H 56=) ) 18 Il nanometro (simbolo nm) è un'unità di misura di lunghezza, corrispondente a 10-9 metri (cioè un milionesimo di millimetro, equivalente ad un miliardesimo di metro) 19 Per esprimere le lunghezze d onda della luce visibile dall occhio umano in particolare sono indistintamente utilizzate tre unità di misura: i micron, i nano millimetri e gli Armgstron. 1 Micron = 1000 Nano Millimetri = Armgstron /!

76 &0, > $ )& = ) $ 2 && $ 5&=)$ 6 )&= & ) '''5 < 62 5!0:</0:6 & ) $ 2; G 22 2 = )$ 5 &) 67 -:= $ ; ) 5 6O ; )& & < ; $ )& = 2 BC2 2 B C2 ) &) 2 38? $"-C &0/ -C )& & ) 79! " K 5"+<" i+ 6& $ & B&C $ &?$"KC C K!% /%

77 7 $ - = & ) 5W6O $$15W6 :< I $& & ) ''' $ 5" 6':/; 5" (6 &00 5$" 15W6 ; $ ; = &) )& & ) 2 & E ; & ) & 2 1R15W [ 6I & & ) WR ''' *$>>$"3 &01 > C $ ) $ &; $ $& ; ; )&"+, 2 5$2 2 " 6 ; & ) 5 6 $ $ &2 & $ ) & $) ; X"G & $$ $-")"$ A 2$$ $5l6= &$ ; ) 2 ) 2 & ) = 562 & = $ $ ) 56 $ $ 56 &?$$ ; ) 5 H6 /'

78 2 3,?2$$ $ $$ $> ); $= ; ; X )5 65 -!6 2 3/?- >$$ $ $= )& +G & 2= & ) ) l?<5b60 I$ 2; ) &$ 2 & 2 & *C5B6= $ & ) 2$ & ) = 3 " $ $ $ 8 2 & ; 5 7 /H:::2-2 7 /H--2 '<"6 /-

79 D''% E ) $ = $$ I $ 2; $ V O 2 V 562 ; )>> $ 5η6= $5Φ $ = H ηpφh ; $ = & G $ ) 7. 9 $&)$$ ( &7?$ >$$>> () ) ('+ 2* 22'+ E;!:: '::: / $ ' -!:: ': +,5::06 -': '% $ % 0:: /' $ 5 6!-!!': 9! ::: 0:::: 9: 5 6 %:: %0::: : 9:!':: ': )$$ ;; O=)$$ = $, )$$ & 3 < = <H5 6 < %:-:H < -:<::H < /:<':H < ::<0:H " 2 8$$; 2 ; 2; ; $ ; & )$$ & +,2& $ 2 $$ 3 //

80 < +,5 ::06':/:H < +,5 6 :<%:H ) ) ) 2 & =; $ $$ 2=& $ 2E + ; &= 5$6 5 m6 *$ 56 5, 4 2 $ ) $n& 4 2) ) ) = ?$" $ ) = & $ ) = ; 8 $ ) = ; ) ; X2 5 -'6 2 31?- K$" $ $-")" ' = G8 2$ $$2 $ ; 3 O /0

81 . 2 ) 5 : 2 6; $ $ ; $ $ $ ) 2 2 $, ; 2 $ $ & ) =::$ ; =$$ $ (,8?5 $ $ :<' %'.$JV V&J ''</!.$JV&J -'<0- +,5::-6 0: 0'<9! :: :: U5U6 56 2= 22 $ 56,& &!:::U2$ &2 ; 2 * & = ; & K $ K & 2 3,!:::!'::U3, %::: ':::U3, '':: /:::X3 $ $ ) 2; 2 20 Al posto di Ra molte volte è utilizzata la sigla CRI (Colour Rendering Index) per esprimere in che modo una sorgente è in grado di riprodurre il colore di un oggetto. 21 La temperatura assoluta è basata sul Kelvin. La temperatura del ghiaccio (valore di 273,2 K) corrisponde a 0 gradi centigradi (0 C). /9

82 7 (,&? " 56 [.$J e&j +, & $ $ $ K 6.$JV&J D FG G 4F ::.$JV V&J :: %: $ $ $-")"! ( DQRF <:::: -':: -%:: -!:: '9:: '-:: '%:: ':: '::: %!:: %:::!'::!%::!':!::: 9': 0/: ':: :: ::: 0':<9:: /:: 2 ) ; & $ +) $ $) $ ) ) =A& H; >= B C ) 3= & $); = ; ) ; & $ ) 0:

83 2 33?- K, $ & 3 - $ $ ; $ $ $;H%O - ) $ = ; ) 3 R>$S,3 - +R) $2 - +R 2 - ar ) $ 7 > (,,? 2" " " * + E$$ %% DAF ::::: :::: %<: '<!: :2< ::<:: ::<!:::!::<::: +) 5 6 ) *$ 56 ) 5 m 6 $D ) 0

84 P T H5 >$T6,3 <=) 2 < =) 2 < m = ) ) $ 2 34? H ); = ; ) ; & $ ) 2 36?K 7 H; (,/?5 DE, F * ->: 9 * ->: - " 0::: " :::. 0::!2>: % " '::: 7"-:& '>: - 0 %::: d/: 2'>: / 0

85 7-9= ) 5 6 ; $ 2 &? $ & ) $ 2 37? $! % $!$> % &03 > $-"*"$, % = $ $ Φ ) "G 2 $ 2G2 2.(! E B%O =$ $ ) 5;6 $ $-"*", % *$542&4 6 $5Φ 6 K &$ 5Φ 6 Φ LOR = em Φ tot + = ; & ) & I G & $-"*"! * $ $ m 5 lhn6; ) 0!

86 * $ $ > maa; )$ $= $-"*"- "B1 C$B$ ; ':F 2 $ 2C & $ & & 5&61 $ &$ $ $ 2 2 $; 2 2 & $-"*") ( * $ o p ; &2 $$ $ 2 2 $ 2 2 $ ; $-"*"* 5$ &$ H O I 3 $$ ; O $ $ ; &O! $> ; 5$> &3 1!H $ & 2 ; $ = 5$ $ " $ & & :2:H!H 5$$ &3 1 $ :2: H 2 ; $& = OK = 0%

87 &1 ').:2 '(' (5 ') +' &1& ( H F!. )F 5E @-A 0 > 1H F> % %!.)F 1H F %. )F (( / 00F %% % & ''F*) ++$ & 1 ), 1 + FI %.D J % = J%'4% 4 F / 00! ' % 4 %" &1, > < > + +! % ><JI>+! % " > 3 > % +! % := > 3 > > ' % >0>% %% := >0 > % / '% % * % % J= >>+/ %! + / %:= > $ > % E +(+%+ % : > ; > (( 2= % % E ' % % 4" 0'

88 @-A >%>F! %% J= (/ > / 4 > / := >. > F! J= % J JE' >D> %! %J= >& > '! % := >&>>+ > %> H!%":= "( 0 > I %% > / I>K5 / J= >) ::'2 %2 B! = %% %J= % > 0 > L! / J= > >/ +!! >A <%$ D$ $ D>D$ 25! ID1+! / J= % >) > + % '% >) % $ > (+ + E 4 : % % := *>+,A% D D 0 3 %. 0 ' $ :% ( 2%% % % := 0 I > = " 0-

89 @!A 0 I ;% 0 : %%'" &1/ I2 2 >%: % I2 2 $ 0>. : % 0 % HH >' 4 ' ' %1(H $ : % "* %.2D %HHF$ 44' %H 34' &! 2H >= >.D!3>(H 2 %*>4,)% 5 >/ ID! (H 2 %(>= 5 >/ ID! (H 2 5 >/ I D! (H 2 % / % % '4"* 4.2D 0 % H >' 4 5 >/ I&! 2H+F2 %()% 4F* %&! 2.D! &! 2 H 2 % >= % :' &! 2H 2 &! 2D! HF2 &! 2D! 1(HF2 %022H0%I4 : %4: % % F 0/

90 @'A!.D21+HF2 % 1 H <)% + FI % ( 2 % F2.D2 1H2 %DF3! D/ + 00

91 09

92 9:

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014 La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia novembre 2014 Milano e Brescia a LED Illuminazione Pubblica 181,76 km 2 area Milano 90,34 km 2 area Brescia 1.316.000 abitanti Milano 195.500 abitanti

Dettagli

Certificati bianchi nella Illuminazione Pubblica. nuova procedura per il calcolo dei risparmi energetici

Certificati bianchi nella Illuminazione Pubblica. nuova procedura per il calcolo dei risparmi energetici RSE - SSE Milano, 21-22 Marzo 2012 Certificati bianchi nella Illuminazione Pubblica nuova procedura per il calcolo dei risparmi energetici Walter Grattieri, Simone Maggiore 1 SOMMARIO I certificati bianchi

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO INDICE F - LINEE GUIDA MANUTENZIONE IMPIANTI... 2 F.1 - PIANO DI MANUTENZIONE E ATTIVITÀ MANUTENTIVE... 2 F.1.1 - MANUALE D USO E CONDUZIONE... 3 F.1.2 - MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 F.1.3 - PROGRAMMA

Dettagli

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014 Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ 29 settembre 2014 Milano a LED Illuminazione Pubblica a Milano 181,76 km 2 area Milano 1.316.000 abitanti 141.963 lampade per l illuminazione pubblica

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED CALCINATE: ROTATORIA Ex S.S. S n. 573 S.P. n. 122 S.P. n. 89 ROTATORIA DI CALCINATE : S.A.P. o TECNOLOGIA

Dettagli

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009 Pag. 1 di 16 totali INDICE STIMA ECONOMICA DEI COSTI DI ADEGUAMENTO... 2 1. PREMESSA... 2 2. COSTI ADEGUAMENTI CORPI ILLUMINANTI... 3 2.1. SOSTITUZIONE CORPI ILLUMINANTI CON NUOVA SORGENTE AL SODIO (SOLUZIONE

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Regolamento per la riduzione dell inquinamento luminoso, per il risparmio energetico e per la corretta illuminazione delle aree scoperte nel Comune di BEDIZZOLE

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE

IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI ILLUMINAZIONE: LA LUCE COME DRIVER DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI VITA 19 Novembre 2010 Ing. Fabio Pedrazzi BEGHELLI

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA ALLEGATO A Traccia delle operazioni richieste di manutenzione ordinaria Programmata preventiva e straordinaria AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INERENTE LA

Dettagli

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Tecno Community Day Bolzano, 26 Febbraio 2009 Soluzioni per la continuità: l UPS Sistemi di sicurezza, antincendio, illuminazione, emergenza Retail Industria

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

[Lighting Mode] Scheda Tecnica Lampione stradale Lighting Mode. Modello Beta3L

[Lighting Mode] Scheda Tecnica Lampione stradale Lighting Mode. Modello Beta3L Scheda Tecnica Lampione stradale Lighting Mode Modello Beta3L Modello Figura: Beta 6L Beta3L Numero moduli utilizzati 3 Lumen tipici (*) 4040 Potenza tipica per i soli led 33,5 Potenza complessiva lampada

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI Dimensionamento di un impianto di illuminazione per interni Esempio n.1 Si vuole progettare l'impianto di illuminazione per un locale di fonderia

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21 Mercoledì 30 Novembre 2005 Sala Mosaico Bergamo Convegno ENERGIA 21 MIGLIOR SERVIZIO E RISPARMIO: DUE ESIGENZE CONCILIABILI? EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA PROVINCIALE OTTOBRE

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE Progetto Esecutivo RELAZIONE DI CALCOLO DELL' IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PREMESSA I comuni di Carovigno, Ceglie Messapica, San Michele,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 48/ 31 del 29.11.2007 PROGRAMMA PERIL COFINANZIAMENTO DI INIZIATIVE NEL CAMPO DEL RISPARMIO ENERGETICO E DEL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO ART. 19, COMMA 4, L.R. 29.5.2007,

Dettagli

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche STRUTTURA della LAMPADA LG Possiamo individuare 3 componenti principali che formano la lampada compatta a led (1) Led e diffusore

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm Master Comunicazione Roma Master Media Roma Master Economia e Gestione della Comunicazio... Pagina 1 di 61 Username Password accedi '.!""! " # "!$"!!!! % % " "&& % '%!! ( # "'% ' " #" )))( (" ( " * + #

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2009, N. 17 (BUR N. 65/2009) NUOVE NORME PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO, IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE Futuro sostenibile COMUNE DI VEGGIANO PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 Elab. G ETRA S.p.A. Area Ricerca, Innovazione e Sviluppo, Laboratorio, Compliance

Dettagli

SCHEDA TECNICA APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE A LED Rev.1 - luglio 2014

SCHEDA TECNICA APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE A LED Rev.1 - luglio 2014 1) Dati tecnici essenziali Sicurezza (EN60598-1) 1.1 Marca 1.2 Modello 1.3 Tensione nominale (o range) di alimentazione 1.4 Temperatura ambiente (ta) 1.5 Classe di isolamento 1.6 Idoneità al montaggio

Dettagli

Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna

Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna ILLUMINAZIONE PUBBLICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE 28 ottobre 2015 Salone di Villa Gallia Como NECESSITA DI

Dettagli

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale INDICE ALLEGATO A: Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale A. - RELAZIONE GENERALE 2 A.1 - PREMESSA 2 A.2 - INTENTI DEL PICIL 3 A.3 CONTENUTI DEL PICIL 5 A.4 - INQUADRAMENTO

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Illuminazione Pubblica a LED

Illuminazione Pubblica a LED Illuminazione Pubblica a LED Esperienze sul Campo: Milano, Brescia, Paolo Meneghini Resp. Business Development Italia A2A A2A azienda leader per l efficientamento dell IP Casi di successo: Milano e Brescia

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

Lampade alogene a. MASTER Line ES. Con riflettore dicroico a bassissima tensione. 6 maggio 2003 1. Lampade:

Lampade alogene a. MASTER Line ES. Con riflettore dicroico a bassissima tensione. 6 maggio 2003 1. Lampade: Dimensioni (mm) C1 D max. max. 50.5 51 Lampade: a bassissima tensione con riflettore dicroico 50mm, bruciatore con tecnologia ad infrarossi, filamento assiale a doppio attacco e vetro frontale di protezione.

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE PER 14 ALLOGGI VIA MONTE SABOTINO - LECCO (LC)

IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE PER 14 ALLOGGI VIA MONTE SABOTINO - LECCO (LC) Via Capolino, 29-23900 LECCO (LC) TEL. 0341/255032 FAX 0341/255591 Reg.Impr. LC-1997-12062 - P.IVA 02296990134 Lecco, 18 aprile 2012 ALER Azienda Lombarda Per L Edilizia Residenziale Via Caduti Lecchesi

Dettagli

INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SUPER RAPIDA MORSETTIERA AD INNESTO RAPIDO SU SLITTA ESTRAIBILE PER UN CABLAGGIO SENZA VITI, SEMPLICE ED IMMEDIATO

INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SUPER RAPIDA MORSETTIERA AD INNESTO RAPIDO SU SLITTA ESTRAIBILE PER UN CABLAGGIO SENZA VITI, SEMPLICE ED IMMEDIATO Le lampade di illuminazione ad elevatissimo risparmio energetico LED T5 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SUPER RAPIDA MORSETTIERA AD INNESTO RAPIDO SU SLITTA ESTRAIILE PER UN CALAGGIO SENZA VITI, SEMPLICE

Dettagli

LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO.

LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO. LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO. Spesso ricerchiamo una soluzione illuminotecnica a basso costo, il più delle volte spinti da fretta, da scarsità di informazioni, da sottovalutazione

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L PUBBLICA Relatore: Ing. Paolo Di Lecce Reverberi Enetec srl PROVINCIA DI BERGAMO SPAZIO VITERBI 1 DICEMBRE 2010 Con il patrocinio: REVERBERI ENETEC Il risparmio

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE E GESTIONE ENERGETICA CEV nell ambito del Patto dei Sindaci promuove la pianificazione energetica attraverso i PAES

Dettagli

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led!

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led! Presentazionedelprogettodiefficientamentoenergeticocon utilizzodiapparatiilluminantiprofessionalicontecnologialed Descrizione progetto di Locazione Operativa con riscatto Riduzione spesa energetica ed

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale Comune di Sovico (MB) CAPITOLATO SPECIALE ALLEGATO 4 PROVE TECNICHE E ILLUMINOTECNICHE rif. art. 25 L elenco seguente comprende le attività minime di esecuzione delle prove tecniche ed illuminotecniche

Dettagli

Capitolo 2 Impianto di illuminazione.

Capitolo 2 Impianto di illuminazione. Capitolo 2 Impianto di illuminazione. I principali documenti normativi a cui far riferimento per il progetto dell impianto di illuminazione sono le norme UNI 10380: Illuminazione d interni con luce artificiale

Dettagli

WS Series. Plafoniera stagna a LED

WS Series. Plafoniera stagna a LED WS Series Plafoniera stagna a LED Prestazioni straordinarie in ogni condizione ambientale. TECNOLOGIA Evoluta CONSUMI Ridotti RESISTENZA Ottimale VERSATILITÀ Massima La distribuzione uniforme del flusso

Dettagli

dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale

dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale dal 1954 elettronica applicata al traffico treelight luce naturale La fine delle lampade a incandescenza La legislazione Comunitaria prevede la graduale dismissione delle lampade a incandescenza, da attuarsi

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1991 REVISIONE DAL 1992 COMUNE DI ATENA LUCANA Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED RISPARMIO Garantito DESIGN Ottimizzato DURATA Impareggiabile ALTERNATIVA Reale XSP IP66 Series. Un nuovo record di prestazioni, un nuovo standard

Dettagli

L ILLUMINAZIONE A LED NELLA RISTORAZIONE E NELL OSPITALITÀ

L ILLUMINAZIONE A LED NELLA RISTORAZIONE E NELL OSPITALITÀ L ILLUMINAZIONE A LED NELLA RISTORAZIONE E NELL OSPITALITÀ Qualità dell ambiente luminoso e risparmio energetico negli spazi per l hospitality Chiara Aghemo Presidente AIDI Piemonte e Valle d Aosta Dipartimento

Dettagli

LED Lighting Design 1. prof. arch. Gianni Forcolini Facoltà del Design Politecnico di Milano

LED Lighting Design 1. prof. arch. Gianni Forcolini Facoltà del Design Politecnico di Milano LED Lighting Design 1 prof. arch. Gianni Forcolini Facoltà del Design Politecnico di Milano 00_Forcolini_romane_I_XIV_Gianni Forcolini - Illuminazione LED 11/03/11 10.32 Pagina V Sommario Introduzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO L impianto d illuminazione del Porto Industriale di Oristano risulta composto da 22 torrifaro nel molo sottoflutto e nel piazzale, da 2 torri faro nel piazzale del molo sopraflutto

Dettagli

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero:

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: 1 Sommario La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: o Sintesi dei dati di consistenza degli impianti siti sul territorio, di

Dettagli

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting CAT/BRCH-COOP/IT L impianto di illuminazione esterna della Coop di Castelvetro è stato realizzato in partnership con INRES Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione,

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/37

Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna. Report RSE/2009/37 Integrazione luce naturale/luce artificiale in ambito industriale Parte 3: Simulazioni numeriche delle possibili soluzioni per il capannone AleniaAermacchi Franco Gugliermetti, Fabio Bisegna Report RSE/2009/37

Dettagli

illuminazione Questa non è una 3F Linda Apri e scopri di che cosa si tratta

illuminazione Questa non è una 3F Linda Apri e scopri di che cosa si tratta illuminazione Questa non è una 3F Linda Apri e scopri di che cosa si tratta 3F Linda Led Luce senza fi ne 3F Linda Led è equipaggiata con la nuova tecnologia 3F LED che, grazie alle sorgenti sviluppate

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana GEWISS S.p.A. Direttore Commerciale & Marketing LIGHT Aldo Bigatti SMART 4 Un progetto innovativo tutto italiano ma di vasta esperienza

Dettagli

AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO. VERSATILità

AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO. VERSATILità AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO design di qualità EFFICIENza VERSATILità Sostenibilità AMPERA la scelta PIU ovvia per L illuminazione stradale e urbana a led Valutare con precisione

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

L EFFICIENZA ATTRAVERSO IL RISPETTO DELLE NORMATIVE. Relatore: Sergio Vellante Azienda: Lenze Italia Srl

L EFFICIENZA ATTRAVERSO IL RISPETTO DELLE NORMATIVE. Relatore: Sergio Vellante Azienda: Lenze Italia Srl L EFFICIENZA ATTRAVERSO IL RISPETTO DELLE NORMATIVE Relatore: Sergio Vellante Azienda: Lenze Italia Srl Lenze a colpo d occhio Lenze Dal 1947 Family-owned management esterno > 3,000 dipendenti Siamo vicini

Dettagli

COMUNE DI SEGNI ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. Arch.

COMUNE DI SEGNI ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. Arch. COMUNE DI SEGNI PROVINCIA DI ROMA ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA U.T.C. COMUNE DI SEGNI Arch. Esteban Dukic 1. PREMESSA Negli ultimi anni, visto

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

Una nuova luce per Brescia

Una nuova luce per Brescia Una nuova luce per Brescia Innovazione dell illuminazione pubblica Brescia, 9 Maggio 2014 L illuminazione pubblica di Brescia Nel 1909 il servizio di illuminazione pubblica fu affidato dal Comune di Brescia

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE Curve Fotometriche Imparare a leggerle e comprenderle La curva fotometria rappresenta graficamente come una sorgente luminosa emette luce nello spazio.

Dettagli

Milano a LED. Milano. PROGETTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO NELLA P.A. Palermo, 21 luglio 2015 - Messina, 22 luglio 2015

Milano a LED. Milano. PROGETTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO NELLA P.A. Palermo, 21 luglio 2015 - Messina, 22 luglio 2015 PROGETTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO NELLA P.A. Milano Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ Alcuni semplici domande: Milano Per acquisire meglio (= miglior prodotto / servizio acquisito

Dettagli

Lampada a 16 LED 150lm/W con sistema fotovoltaico Standard. Ottiche OB. Lampada verniciata e porta pannello zincato.

Lampada a 16 LED 150lm/W con sistema fotovoltaico Standard. Ottiche OB. Lampada verniciata e porta pannello zincato. Tear Light 16 PH Lampada a 16 LED 150lm/W con sistema fotovoltaico Standard. Ottiche OB. Lampada verniciata e porta pannello zincato. Apparecchio di illuminazione a luce diretta a LED costituito da un

Dettagli

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI PREMESSA Con riferimento a quanto concordato nel corso del consiglio Comunale del 29/9/12 ho eseguito una prima analisi di massima sulle utenze elettriche

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica Inquadramento della giornata con riferimento alla legge provinciale n. 16/2007 "Risparmio energetico e inquinamento

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Quanta energia viene sprecata per illuminare?

Quanta energia viene sprecata per illuminare? Quanta energia viene sprecata per illuminare? Il relighting consente un risparmio immediato. Senza che gli ambienti diventino meno luminosi o privi di fascino. Con una vita infinitamente maggiore. MODALITA

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI

ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI ANALISI DEL CONSUMO ELETTRICO NELLE ATTIVITA ALIMENTARI ( Produzione e Commercio ) Il servizio è rivolto alle attività commerciali e produttive del settore alimentare con lo scopo di realizzare un check

Dettagli

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell inquinamento luminoso Rispettare

Dettagli

COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale

COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale RELAZIONE PROGETTO PRELIMINARE E ANALISI ECONOMICA PER LA GESTIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEMAFORICI

Dettagli

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA DA FINE APRILE 2014 Tutto il nostro Comune sarà interessato dalla sostituzione dei corpi illuminanti di tutta la pubblica illuminazione con tecnologia a LED. Lampioni

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE

Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE MANUALE DI INSTALLAZIONE SONDA LUMINANZA DEBILITANTE Sonda di LUMINANZA DEBILITANTE RMTC04I8 rev. 8 1013 1. INSTALLAZIONE Attenzione: ogni operazione di installazione, gestione e manutenzione DEVE ESSERE

Dettagli

Illuminazione pubblica sotto controllo

Illuminazione pubblica sotto controllo realizzazioni 1 Un importante investimento in tecnologia Illuminazione pubblica sotto controllo L impianto di pubblica illuminazione del Comune di Casciago è stato oggetto di un importante opera di rinnovamento

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013

incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013 GENERALITA Il sottoscritto Ing. Saverio Viola con studio tecnico a San Demetrio C. via Termopoli 11 incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013 per la progettazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI. RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI. RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico Medicina, Sala del Consiglio 16/11/2013 Che significa riqualificazione? 1. Rigenerazione

Dettagli

per.ind. Corà Michele - Studio Progettazioni Elettrotecniche CEDRO srl. SS. 11 36077 Altavilla (VI) Illuminazione Parcheggi Interni RELAZIONE TECNICA

per.ind. Corà Michele - Studio Progettazioni Elettrotecniche CEDRO srl. SS. 11 36077 Altavilla (VI) Illuminazione Parcheggi Interni RELAZIONE TECNICA Numero Pratica: 73/2008 - Revisione: 02 del 14/04/2010 Percorso: I:\LAV\CORA\Deposito Crespellano\Crespellano 2\Progetto Preliminare\Testi\Relazione Illuminazione Parcheggi R02-140807.odt CEDRO srl. SS.

Dettagli

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG)

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE ATTRAVERSO INTERVENTI TESI ALL AMMODERNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI.

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI. COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI. SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA, DI SEGNALAZIONE ELETTRICA

Dettagli